Allo stato attuale dell arte, gli otturatori delle valvole

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allo stato attuale dell arte, gli otturatori delle valvole"

Transcript

1 INGEGNERIA DI MANUTENZIONE Innovazioni sulle valvole dei compressori alternativi Studi ed esperienze per migliorarne la capacità di tenuta e l efficienza fluidodinamica M. Schiavone, A. Bianchi, Dott. Ing. Mario Cozzani srl, Arcola (SP) Allo stato attuale dell arte, gli otturatori delle valvole per compressori alternativi funzionano con movimento alternativo automatico; inoltre, allo scopo di ottenere un controllo della portata, vengono usati dispositivi pneumatici o elettro-idraulici. Dott. Ing. Mario Cozzani srl presenta un nuovo tipo di valvola brevettata; la valvola in questione lavora con un movimento rotatorio degli otturatori ed è comandata da un dispositivo elettromeccanico controllato da un driver elettronico. Questa soluzione permette il completo controllo del ciclo di lavoro della valvola, e, conseguentemente, la regolazione della portata del compressore. Con l introduzione dei materiali termoplastici nella costruzione degli otturatori valvola, sono stati studiati e sviluppati profili piani e curvi: mentre i primi assicurano una buona capacità di tenuta, gli ultimi presentano una migliore efficienza fluidodinamica. Ricerche fluidodinamiche condotte sui profili otturatori, hanno permesso la creazione di un nuovo profilo brevettato. Il nuovo profilo è sostanzialmente differente da quelli esistenti, esso associa contemporaneamente l alta efficienza fluidodinamica alla buona capacità di tenuta. Nel 1996 il Sistema Qualità della Cozzani srl è stato certificato in accordo alla Norma Iso Nei recenti anni, i programmi di ricerca della Cozzani hanno avuto come obiettivo il miglioramento dell efficienza e dell affidabilità delle valvole. Questi studi hanno portato alla nascita di due nuovi prodotti: una valvola rotante comandata da un driver elettronico, e un profilo otturatore a forma concava. 3.00e e e e e e e e e e e+0 Z Y X Path lines Colored by Particle Id Oct 12, 1999 FLUENT 5.2 (3d, segregated, ke) Fig. 1. Studio Cfd del flusso del gas attraverso la valvola rotante. Valvola rotante. Progetto valvola. Le valvole dei compressori alternativi funzionano tramite un movimento alternativo degli otturatori, una tipica valvola con otturatori termoplastici. Il ciclo di funzionamento delle valvole tradizionali è automatico, questo significa che il movimento dell otturatore è dovuto alla differenza di pressione tra l interno e l esterno del cilindro, e alla forza prodotta da alcuni componenti elastici inseriti nella valvola stessa. A ogni ciclo di lavoro del compressore, l otturatore è soggetto minimo a un doppio urto (uno sul lato sede e uno sul lato controsede). Per eliminare questi urti, critici per la durata della valvola, Cozzani ha considerato opportuno cambiare radicalmente il movimento di funzionamento dell otturatore, passando a un movimento di tipo rotatorio. Adesso l otturatore, solidale alla controsede, ruota intorno alla sede, e non risulta più soggetto a urti. Il nuovo tipo di valvola porta a una semplificazione del percorso che il fluido incontra nell attraversamento dei canali valvola. Al fine di ottenere una buona efficienza fluidodinamica differenti configurazioni geometriche sono state testate in sala prova. Studi teorici preliminari, mediante software Cfd, hanno contribuito alla scelta di alcune geometrie in grado di garantire le minori perdite di flusso, caratteristica sicuramente importante nella progettazione delle valvole perché direttamente legata al risparmio energetico dei compressori. In fig. 1 è rappresentato un output relativo agli studi fluidodinamici, si evidenzia come il fluido passa in modo diretto attraverso i canali della valvola. MANUTENZIONE, Tecnica e Management / GIUGNO

2 2,813 2,500 Coppia 2,188 Coppia (nm) 1,875 1,503 1,250 0,938 LIFT 0,625 0,313 80,0 160,0 240,0 320,0 400,0 480,0 560,0 640,0 720,0 Angolo ( ) Fig. 2. Diagramma dei test di coppie. Fig. 5. Passaggio del fluido attraverso una valvola a otturatori piani. to valve motor to valve motor Fig. 3. Schema del controllo elettronico. Time (sec) input data from encoder brushless speed (rpm) from pressure vessel Fig. 4. Curve di riempimento di un serbatoio a pressione di 4 bar. 0 i 30 i -5 i La sola discontinuità presente è dovuta al passaggio attraverso la sede, infatti non esiste più l alzata. Architettura della valvola rotante. Nella nuova valvola il movimento dell otturatore non è più automatico ma viene fornito da un motore elettrico controllato da driver elettronico, come illustrato nel seguente capitolo. Otturatori e canali sono progettati per mantenere inalterate le prestazioni durante la vita della valvola. Componenti elastici sono studiati per recuperare il gioco generato dall attrito tra otturatore e sede. A differenza delle valvole tradizionali, in questa valvola, le molle lavorano in modo statico, e non risultano soggetti ai problemi dinamici. Speciali connessioni sono usati per unire l albero della valvola al motore. Test sui materiali. Ricerche preliminari, atte a valutare le usure della nuova valvola, sono state condotte nei laboratori. Differenti materiali termoplastici a basso attrito sono stati testati mediante l utilizzo di una macchina simulante il movimento delle nuove valvole. Alcuni di questi materiali si sono comportati molto bene nei riguardi dell usura. È stato centrato l obbiettivo di raggiungere le ore di simulazione della vita del compressore, mediante un funzionamento continuo a rpm. In fig. 2 mostra un diagramma relativo ai valori delle coppie di torsione da applicare all albero in funzione delle differenti velocità di rotazione della stessa. Questi ultimi test sono stati condotti per determinare l esatto dimensionamento dei motori necessari alla movimentazione della valvola, allo stesso tempo forniscono indicazioni sulle forze di attrito tra sede e otturatore. Controllo elettronico. Come precedentemente menzionato, per controllare il ciclo di funzionamento della valvola il motore riceve il segnale da un driver elettronico. Ma come viene definito il profilo di velocità della valvola? Il driver elettronico riceve i segnali da apparecchiature e strumentazioni montati sull impianto. Il segnale principale è sicuramente quello ricevuto dall encoder montato solidale all albero di manovella del compressore. Il suddetto segnale permette il completo controllo dell angolo di manovella, e quindi il controllo dell i- 42 MANUTENZIONE, Tecnica e Management / GIUGNO 2002

3 great turbulence zone higher velocity zone Jun 26, 2000 Fig. 6. Distribuzione delle velocità nella valvola a otturatori piani. Fig. 7. Distribuzione delle velocità nella valvola a otturatori convessi. nizio del ciclo di apertura e chiusura della valvola. Naturalmente i valori di apertura e chiusura sono funzione del ciclo di funzionamento del compressore, e determinano la scelta del profilo del motore. Tutti i parametri desiderati sono introdotti, tramite opportuno software, nel driver. Altro segnale importante è quello proveniente dal serbatoio di pressione, che viene utilizzato per il controllo della portata come descritto nel capitolo successivo. Nella seguente fig. 3 è mostrato un semplice schema del controllo elettronico, in cui si evidenziano i due segnali indispensabili per il funzionamento del sistema (segnale encoder e segnale pressione del serbatoti). Sensori di pressione all interno del cilindro o sensore di flusso posizionato sulla tubazione possono essere usati per monitorare il compressore. Naturalmente, a seconda delle condizioni di lavoro del compressore, possono essere usati motori antideflagranti, criogenici o altri speciali motori. Controllo della portata. Siccome il controllo elettronico permette il totale controllo del ciclo di funzionamento della valvola, conseguentemente, esso permette il totale controllo del ciclo di funzionamento del compressore. Cambiando i profili di velocità dei motori è possibile produrre dei ritardi di chiusura determinando pertanto la variazione della portata. La valvola non necessita più di componenti pneumatici o idraulici. In che modo la valvola è in grado di capire quando e come variare la portata? Viene costruita una curva che associa il valore della portata ai differenti profili di velocità del motore. Un segnale elettrico, proveniente da un sensore di pressione montato sul serbatoio o posto lungo la tubazione di mandata, viene inviato al programma di gestione del driver elettronico. Il driver, ricevuto il segnale, adegua i motori ai rispettivi profili preimpostati. In questo modo il sistema elettronico è in grado non solo di ottimizzare il ciclo di lavoro della valvola ma anche di controllare la regolazione della portata. Nella fig. 4 noi possiamo vedere alcune curve sperimentali relative al tempo di riempimento di un serbatoio a pressione di 4 bar. Ogni curva è correlata a differenti valori del parametro di inizio ciclo del profilo valvola. Come si osserva, variando la velocità del motore differenti valori di portata sono ottenuti. B B P P Fig. 8. Schema dell effetto Coanda. A Contours of Static Pressure (pascal) A Fig. 9. Pressione del fluido con otturatore concavo. Pressure bag MANUTENZIONE, Tecnica e Management / GIUGNO

4 higher velocity Fig. 10. Velocità del fluido con otturatore concavo. Fig. 11. Schema del banco prova. Test sul compressore. Il primo test della valvola rotante è stato fatto nella sala prove. La macchina selezionata per il test è un compressore ad aria monocilindrico a singolo effetto, avente una velocità di 765 rpm, una pressione aspirante atmosferica e una di mandata di 4 bar. Il primo prototipo di valvola di aspirazione testato; sul lato di mandata è stata montata una valvola del tipo tradizionale. Il compressore è equipaggiato con un sensore di pressione allo scopo di monitorare la pressione nel cilindro. Il sensore è connesso a un oscilloscopio digitale al fine di analizzare il ciclo PV. Nella seguente fotografia è mostrato il compressore dotato della valvola aspirante di nuova concezione. Nuovo profilo otturatore. Come è generalmente conosciuto, gli otturatori piani non hanno un elevata efficienza fluidodinamica, mentre gli otturatori a profilo convesso, in seguito alle dilatazioni termiche, presentano maggiori problematiche di tenuta. Per queste ragioni Cozzani ha ricercato nuovi profili otturatori in grado di combinare la buona tenuta dei primi all alta efficienza dei secondi. Otturatori piani. Nel caso di valvole con otturatori piani (anelli o dischi) l efficienza fluidodinamica è relativamente bassa in seguito alle discontinuità geometriche che il fluido incontra durante il passaggio attraverso la valvola. Come si può vedere in fig. 5, il flusso, durante il passaggio nei canali valvola, è costretto a deviare in modo brusco il proprio percorso. Il parametro alzata ha grande influenza sulla sezione di passaggio e conseguentemente sulla caduta di pressione. Allo scopo di comprendere meglio i fenomeni che si verificano all interno dei canali, sono stati condotti Cfd. La fig. 6 mostra la distribuzione di velocità in una valvola di mandata. Si osserva, dalla figura, che il massimo valore della velocità non è in corrispondenza della sezione di minimo passaggio ma in un zona localizzata dopo questa, ciò significa una zona di più ampia turbolenza e conseguentemente una maggiore perdita in pressione. Sono stati condotti anche simulazioni di tipo tridimensionali per determinare il valore delle perdite. Tuttavia, sia nei confronti delle dilatazioni termiche, sia nei confronti degli otturatori di grandi dimensioni, il contatto tra due superfici piane e parallele è in grado di garantire, alla valvola, una buona tenuta. Un buon progetto otturatore/sede è in grado di assicurarne buone performance di funzionamento. Otturatori convessi o simili. Le valvole a otturatori convessi presentano alti valori di efficienza fluidodinamica. In queste valvole la massima velocità del flusso è in corrispondenza della sezione di minimo passaggio, come 44 MANUTENZIONE, Tecnica e Management / GIUGNO 2002

5 P m = 0,5 bar 1,5 bar 1 bar 2 bar P m = 0,5 bar 1 bar 1,5 bar 2 bar 120 P (mbar) P (mbar) Portata (dm 3 /s ANR) Portata (dm 3 /s ANR) Fig. 12. Otturatore piano: diagramma portata e caduta pressione. si può vedere nella fig. 7. Nella progettazione delle valvole, un aspetto che non deve essere trascurato, o minimizzato, è quello legato alla diversità dei materiali che la costituiscono. Sappiamo che i materiali termoplastici hanno dilatazioni termiche notevolmente superiori all acciaio. Considerando le condizioni termiche in cui operano le valvole, gli otturatori convessi presentano una maggiore difficoltà di tenuta rispetto a quelli piani. Infine, un altro aspetto per molti ritenuto significativo è quello relativo alla manutenzione; infatti le valvole a otturatori convessi, in seguito alla particolare forma dei seggi della sede, richiedono una più complicata operazione di revisioni. Fluido turbolento. Cosa può essere detto sulla natura del fluido all interno dei canali valvola? L elevato numero di giri del compressore implica elevate velocità del fluido attraverso la valvola. Se si calcola il numero di Reynolds all interno dei canali si ottiene un fluido di natura turbolenta. Pertanto, nello studio dell otturatore, possiamo applicare l effetto Coanda. Effetto Coanda. Nel 1930 Enrico Coanda scopri un fenomeno fluidodinamico riguardante la possibilità di guidare un flusso turbolento attraverso una pressione pilota (vedi fig. 8). Un flusso turbolento (A) può essere guidato tramite una pressione pilota (P', P") nella direzione voluta (B', B"). Questo fenomeno è largamente usato per elementi logici pneumatici, nel settore aeronautico, in quello automobilistico, ecc. Otturatore concavo. Come può l effetto Coanda essere usato nelle valvole dei compressori? Attraverso la creazione di una pressione pilota nella parte centrale dell otturatore. Cozzani ha quindi realizzato e brevettato la sua nuova valvola CC, costituita da un nuovo profilo otturatore a forma concava. Il suddetto profilo crea una sacca di pressione nella zona centrale dell otturatore capace di indirizzare il fluido attraverso i canali della controsede (vedi fig. 9). Come si può vedere nella fig. 10, adesso il valore della massima velocità è in corrispondenza della minima sezione della valvola. Questo è un aspetto molto importante, perché significa basse turbolenze e minore energia cinetica spesa durante il passaggio del fluido. Tutto ciò porta a minori perdite di pressione e quindi Fig. 13. Otturatore concavo: diagramma portata e caduta di pressione. maggiore efficienza della valvola. In questo tipo di valvola la tenuta avviene per contatto di superfici piane, nello stesso modo visto per gli otturatori piani., ne derivano tutti i vantaggi riguardo la tenuta della valvola visti nei paragrafi precedenti. Quindi il nuovo profilo associa l alta efficienza a una buona tenuta. Test sugli otturatori concavi. Questa nuova forma di otturatore è stata inizialmente testata nei laboratori (fig. 11). Il compressore usato è quello descritto precedentemente. Successivamente Cozzani ha testato le proprie valvole CC in una delle più importanti Università italiane. I test sono stati fatti in accordo alla Iso 6953/1. In fig. 12 sono riportati i risultati alla valvola a otturatori piani, mentre in fig. 13 quelli relativi alla valvola CC. Le curve rappresentano le cadute di pressione in funzione della portata. I risultati di questi studi mostrano la buona efficienza degli otturatori concavi rispetto a quelli piani, infatti a parità di portata le valvole CC hanno valori di perdita inferiori rispetto agli otturatori piani. Gli Autori Massimo Schiavone, è il responsabile tecnico della Dott. Ing. M. Cozzani. Ha frequentato l Università di Genova e si è laureato in Ingegneria Meccanica nel È entrato nel settore tecnico della Cozzani nel 1988, dove ha lavorato alla progettazione delle valvole dei compressori alternativi. Ha sviluppato e implementato il software relativo alle simulazioni dinamiche degli otturatori valvola. Dal 1994, fino a oggi, è il responsabile del settore tecnico. Co-inventore dei due brevetti illustrati nell articolo. Andrea Bianchi, è impiegato nella ricerca e sviluppo della Dott. Ing. M. Cozzani. Si è laureato nel 1997 in Ingegneria aeronautica presso l Università di Pisa. Successivamente ha lavorato nel settore dell automazione. Dal 1999 lavora nel settore della ricerca e sviluppo della Cozzani. È un esperto in meccanica della frattura, in analisi Fem e in Cfd. Co-inventore dei due brevetti illustrati nell articolo. MANUTENZIONE, Tecnica e Management / GIUGNO

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010

MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010 MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010 PNEUMATICA L efficienza negli impianti e nei sistemi pneumatici Guido Belforte, Gabriella Eula Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica CONDIZIONI DI RIFERIMENTO

Dettagli

IDRAULICA. H89.8D - Banco Idraulico

IDRAULICA. H89.8D - Banco Idraulico IDRAULICA H89.8D - Banco Idraulico 1. Generalità Il banco H89.8D con i suoi equipaggiamenti ausiliari è stato progettato per permettere un ampia gamma di esperienze nella meccanica dei fluidi. È di costruzione

Dettagli

Comportamento dinamico di valvole

Comportamento dinamico di valvole Comportamento dinamico di valvole Dott. Ing. Mario Cozzani Srl & Università degli Studi di Genova Felice Sfravara, Fabio Manfrone, Luca Montanelli, Massimo Schiavone, Andrea Raggi Obiettivi del progetto

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 2012-2013 INTRODUZIONE Docente Francesco Benzi Università di Pavia e-mail: fbenzi@unipv.it Dispense in collaborazione

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Hermes Giberti Politecnico di Milano u robotica u La progettazione di un sistema automatico richiede una collaborazione sinergica tra le

Dettagli

PROGETTO ORAL MOTO 3 - INFORMATIVA TECNICA DEL 15-09-11

PROGETTO ORAL MOTO 3 - INFORMATIVA TECNICA DEL 15-09-11 Per adeguarsi alle modifiche regolamentari che hanno portato all introduzione della categoria Moto3, l Oral Engineering ha realizzato il nuovo propulsore OR-250M3R progettato esclusivamente per le corse.

Dettagli

Stampi ad alta precisione per LSR Sistemi di iniezione ad alte prestazioni Galliate, 22 Settembre 2015

Stampi ad alta precisione per LSR Sistemi di iniezione ad alte prestazioni Galliate, 22 Settembre 2015 High technicality and ultra-cleanliness in the plastics industry Stampi ad alta precisione per LSR Sistemi di iniezione ad alte prestazioni Galliate, 22 Settembre 2015 1 Haute technicité et ultra-propreté

Dettagli

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

Dettagli

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory La simulazione delle pompe oleodinamiche Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory Politecnico di Torino Dipartimento Energia Macchine a fluido Laboratorio

Dettagli

Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA. Ing. Antonino Bonanno IMAMOTER-C.N.R.

Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA. Ing. Antonino Bonanno IMAMOTER-C.N.R. Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA in collaborazione con ASCOMAC / CANTIERMACCHINE FEDERUNACOMA / COMAMOTER Milano 10 Luglio 2012 Ing.

Dettagli

STUDIO DI MASSIMA DI UN BANCO PROVA PER INIETTORI DIESEL COMMON RAIL

STUDIO DI MASSIMA DI UN BANCO PROVA PER INIETTORI DIESEL COMMON RAIL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale STUDIO DI MASSIMA DI UN BANCO PROVA PER INIETTORI DIESEL COMMON RAIL Tesi di

Dettagli

WIS ARIA PURA 1500-2000-2500-3000 COMPRESSORI D'ARIA

WIS ARIA PURA 1500-2000-2500-3000 COMPRESSORI D'ARIA ARIA PURA COMPRESSORI D'ARIA 1500-2000-2500-3000 WIS WIS : UN ARIA PURA DI QUALITA In alcune applicazioni industriali, l aria compressa deve essere assolutamente priva di olio al fine di rispettare le

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

Progetto SOLAR. Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania

Progetto SOLAR. Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania Progetto SOLAR Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania L Unità Operativa di Catania, afferente al Dipartimento di Ingegneria Industriale, nell ambito del progetto SOLAR prevede lo

Dettagli

Caratteristiche tecniche. Per trasportare aria, gas e vapori poco aggressivi, generare vuoto e comprimere aria, senza contaminazione di olio.

Caratteristiche tecniche. Per trasportare aria, gas e vapori poco aggressivi, generare vuoto e comprimere aria, senza contaminazione di olio. SCHEDA TECNICA I041 N 950.50 KNDCB con motore Brushless Principio di funzionamento Le pompe a membrana KNF si basano su un principio molto semplice - la parte centrale di una membrana elastica flette su

Dettagli

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita.

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. COMANDI PER CICLI Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. Tipologie di comandi per cicli: 1. MANUALI o ARBITRARI : ogni azione della sequenza

Dettagli

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto Generalità e classificazione Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto MACCHINE PNEUMOFORE BASSE P applicano energia cinetica Elicoidali In base al moto dell aria Centrifughi

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO L esigenza di abbassare drasticamente i costi produttivi per rimanere competitivi sul mercato globale e la necessità di ridurre l impatto ambientale

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA A LLEGATO B PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA FUNZIONE 1: MECCANICA NAVALE A LIVELLO DIRETTIVO Gestisce il funzionamento dell

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Gli Inverters TOSHIBA negli impianti di aspirazione

Gli Inverters TOSHIBA negli impianti di aspirazione Gli Inverters TOSHIBA negli impianti di aspirazione Nota Tecnica Applicativa Lo scopo di questa breve nota tecnica è quella di illustrare, nel modo più chiaro e semplice possibile, i diversi vantaggi che

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE c/o Schneider Electric S.p.A. Via Orbetello 140 10148 TORINO Stefano PANI Sommario 1. Consumo d elettricità 2. Il motore

Dettagli

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici TERMODINAMICA T101D - Banco Prova Motori Automobilistici 1. Generalità Il banco prova motori Didacta T101D permette di effettuare un ampio numero di prove su motori automobilistici a benzina o Diesel con

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

STAZIONE ROBOTIZZATA CON SISTEMA DI VISIONE ARTIFICIALE

STAZIONE ROBOTIZZATA CON SISTEMA DI VISIONE ARTIFICIALE STAZIONE ROBOTIZZATA CON SISTEMA DI VISIONE ARTIFICIALE STAZIONE ROBOTIZZATA CON SISTEMA DI VISIONE ARTIFICIALE INTRODUZIONE La robotica industriale rappresenta uno degli ambiti di maggior successo nell

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo

Dettagli

Aspetti tecnologici della sperimentazione

Aspetti tecnologici della sperimentazione Aspetti tecnologici della sperimentazione I test realizzati dal team di ricerca H2Power in sinergia ai ricercatori del dipartimento di Ingegneria Industriale del prof. Carlo Grimaldi dell Università degli

Dettagli

GREEN LINE: ridurre i costi di esercizio delle macchine di pressofusione, implementandone l efficienza. Alessandra Valeri

GREEN LINE: ridurre i costi di esercizio delle macchine di pressofusione, implementandone l efficienza. Alessandra Valeri GREEN LINE: ridurre i costi di esercizio delle macchine di pressofusione, implementandone l efficienza. Alessandra Valeri Breve presentazione aziendale Ricerca e Sviluppo I nostri trend Applicazione di

Dettagli

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo numerico in grado

Dettagli

www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA

www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA L azienda Nata nel 1985 come fornitore internazionale di ricambi aeronautici, sia per il settore militare che per

Dettagli

Revision Date Description Paragraph TickRef 01 11-05-15 New release All #8416

Revision Date Description Paragraph TickRef 01 11-05-15 New release All #8416 Document Title Business Unit Product Line Controllo Multimotore Power Controls IRIS BLUE Revision Date Description Paragraph TickRef 01 11-05-15 New release All #8416 INDICE 1 Introduzione... 2 2 Controllo

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS Queste macchine verticali di tintura ad alta temperatura e pressione sono il risultato di una costante e continua ricerca di miglioramenti, lavorando in stretto

Dettagli

CANDIDATO: William Berardi. RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli

CANDIDATO: William Berardi. RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica A.A. 2010/2011 - Sessione III CANDIDATO: William Berardi RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

Compressori centrifughi per aria

Compressori centrifughi per aria Compressori centrifughi per aria Informazioni Centac Serie secondarie C in seguito 350-1300 kw (500-1750 hp) Compressori centrifughi per aria 3 Una tradizione di provata affidabilità, efficienza e produttività

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO Programma d'esame CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 32/C - LABORATORIO MECCANICO-TECNOLOGICO

Dettagli

Automazione e controllo

Automazione e controllo Automazione e controllo Argomento MACCHINE Equipaggiamenti elettrici e quadri a bordo macchina: progettazione e realizzazione Esporre le principali direttive e normative del settore. Illustrare una metodologia

Dettagli

L a p i p at a taf a or o ma a p e p r e ga g r a an a t n ire e l ef e fici c en e za za e n e e n r e ge g t e ica Powered By

L a p i p at a taf a or o ma a p e p r e ga g r a an a t n ire e l ef e fici c en e za za e n e e n r e ge g t e ica Powered By La piattaforma per garantire l efficienza energetica Powered By L efficienza energetica come nuovo punto di forza Secondo la norma ISO EN 50001, l efficienza energetica rappresenta il modo per ottimizzare

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Meccanica Gruppo Progettazione Meccanica

Università di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Meccanica Gruppo Progettazione Meccanica OTTIMIZZAZIONE AERODINAMICA DELLA CARENA DI UN KART PER LAND SPEED RECORD Manieri Gianluca Gruppo di Ricerca Tor Vergata Karting Università di Roma Tor Vergata Introduzione Land Speed Record Coast down

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E. CLASSE V. ( Manutentore Meccanico)

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E. CLASSE V. ( Manutentore Meccanico) PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E. (TECNOLOGIE ELETTRICO - ELETTRONICHE ) CLASSE V ( Manutentore Meccanico) 1 Modulo 1 Elementi di elettronica : diodi, transistor, raddrizzatori e alimentatori 1.1 Semiconduttori

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Dimensionamento di massima di un motore diesel bicilindrico 2T senza manutenzione per aviazione ultraleggera

Dimensionamento di massima di un motore diesel bicilindrico 2T senza manutenzione per aviazione ultraleggera UNIVERSITA' DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA INSEGNAMENTO: Disegno Tecnico Industriale Dimensionamento di massima di un motore diesel bicilindrico 2T senza manutenzione

Dettagli

Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE)

Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE) Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE) 1 Componenti oleoidraulici e pneumatici e loro classificazione secondo la Direttiva 1 Macchine 1.1 Macchine 2 1.2 Quasi-macchine (PCM, Partly

Dettagli

Compressore. La soluzione senza compromessi per aria 100% oil-free

Compressore. La soluzione senza compromessi per aria 100% oil-free Compressore OIL-FREE LZ La soluzione senza compromessi per aria 100% oil-free Prestazioni eccezionali I compressori a pistoni hanno sempre presentato un offerta irresistibile: robustezza, manutenzione

Dettagli

Intensificatori ad alta pressione Cilindri idraulici

Intensificatori ad alta pressione Cilindri idraulici Intensificatori ad alta pressione Cilindri idraulici Increase your fluid power INTENSIFICTORI DI PRESSIONE Gli intensificatori di pressione sono stati progettati per raggiungere con affidabilità una pressione

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS La srl progetta, costruisce, collauda ed installa impianti e macchine per la lavorazione dell EPS vantando 20 anni di esperienza nel settore. La continua ricerca

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

Speciale Settore Inchiostri Catalogo Rev. 01

Speciale Settore Inchiostri Catalogo Rev. 01 Speciale Settore Inchiostri Catalogo Rev. 01 Capitanio Airpumps Via Brigata Mazzini, 35/A 36016 Thiene (Vicenza) ITALY Tel. +39 0445 185.65.65 Fax. +39 0445 185.65.00 www.airpumps.it capitanio@airpumps.it

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 I Disciplina: Sistemi automatici Docenti: Linguanti Vincenzo Gasco Giovanni PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE

Dettagli

NEW Regolatori Digitali per controllo assi 2009

NEW Regolatori Digitali per controllo assi 2009 www.atos.com TG005-0/I NEW Regolatori Digitali per controllo assi 2009 Gli sviluppi Atos di elettronica digitale sono rivolti all'integrazione delle funzioni di controllo asse nell'elettroidraulica proporzionale,

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automaticih PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Progetto Filiera idrogeno WP9: Monitoraggio della Normativa e Sicurezza dell Idrogeno

Progetto Filiera idrogeno WP9: Monitoraggio della Normativa e Sicurezza dell Idrogeno Progetto Filiera idrogeno WP9: Monitoraggio della Normativa e Sicurezza dell Idrogeno Responsabile Prof. Marco CARCASSI Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione Università di Pisa

Dettagli

MODUTECH. La prima mossa per essere competitivi. Modutech

MODUTECH. La prima mossa per essere competitivi. Modutech MODUTECH La prima mossa per essere competitivi Le nostre attività R&D sulla base del know-how aziendale Simulazione di processi complessi Progettazione completa con sistemi CAD-CAE Analisi fluidodinamiche,

Dettagli

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Vieni a vederla dal 14 al 17 aprile al Pressa HC con motore a Risparmio Energetico Questa gamma di macchine di pressofusione è stata studiata per ottenere

Dettagli

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel Compressore con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità Portata effettiva Massima pressione operativa

Dettagli

Proponente: GIOSUE FEOLA TEL. 3401014152 E-Mail: giosuefeola@libero.it

Proponente: GIOSUE FEOLA TEL. 3401014152 E-Mail: giosuefeola@libero.it Titolo del progetto: STERILIZZATORE ULTRA-FLASH Proponente: GIOSUE FEOLA TEL. 3401014152 E-Mail: giosuefeola@libero.it GENERALITA L idea è quella di realizzare uno sterilizzatore per latte, di nuova concezione,

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Ingegneria Esame di Stato per l Abilitazione all Esercizio della Professione di

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Ingegneria Esame di Stato per l Abilitazione all Esercizio della Professione di Esame di Stato per l Abilitazione all Esercizio della Professione di Ingegnere Traccia di Meccanica Vecchio Ordinamento Sessione: Novembre 2005, 2 a Sessione Descrivere sinteticamente i manovellismi con

Dettagli

Ottimizzazione delle prestazioni di valvole per applicazioni automotive

Ottimizzazione delle prestazioni di valvole per applicazioni automotive Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale XXIV Ciclo di Dottorato di Ricerca in Meccanica Applicata Relazione Secondo Anno Ottimizzazione

Dettagli

La propulsione navale

La propulsione navale Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Lecce In condizioni di moto uniforme la spinta deve uguagliare la resistenza globale incontrata nell avanzamento della nave (che dipende dalle proprietà

Dettagli

Universita degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Universita degli Studi di Modena e Reggio Emilia Universita degli Studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Civile Laboratorio SIMECH Calcolo agli elementi finiti per la simulazione delle superfici in contatto di ingranaggi

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE DRF 150-180 - 220 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE DRF 150-180 - 220 HP COMPRESSORE ROTATIVO A VITE DRF - - HP IT Il Compressore Rotativo Coassiale DRF Alto Rendimento Elevata affidabilità Ridotta manutenzione è il risultato di una pluri decennale esperienza nella progettazione

Dettagli

A member of the UNITED GRINDING Group. The Art of Grinding. BluePlus. Misure per aumentare l efficienza energetica

A member of the UNITED GRINDING Group. The Art of Grinding. BluePlus. Misure per aumentare l efficienza energetica The Art of Grinding. A member of the UNITED GRINDING Group BluePlus Misure per aumentare l efficienza energetica Il fabbisogno energetico mondiale aumenta a ritmo costante. Per contrastare il sempre maggiore

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO NEWSLETTER N2 - I dispositivi elettronici posti a protezione degli operatori E stato indicato nella precedente newsletter che la sicurezza degli operatori in un contesto industriale è affidata a una catena

Dettagli

un cuore grande così I sistemi di simulazione multifisica consentono di ridurre le dimensioni dei cuori artificiali Mark Goodin, Michael Yaksh

un cuore grande così I sistemi di simulazione multifisica consentono di ridurre le dimensioni dei cuori artificiali Mark Goodin, Michael Yaksh un cuore grande così I sistemi di simulazione multifisica consentono di ridurre le dimensioni dei cuori artificiali Mark Goodin, Michael Yaksh cuore artificiale a flusso continuo (CF- TAH) è di dimensioni

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

Atlas Copco Refrigeratori finali, separatori d acqua e sistemi di scarico INSTALLAZIONE FACILE ED ECONOMICA Una gaa di efficienti refrigeratori finali e separatori di condensa adatti al vostro compressore

Dettagli

Criticità e potenzialità nella creazione di un progetto di efficientamento per i CAS.

Criticità e potenzialità nella creazione di un progetto di efficientamento per i CAS. Criticità e potenzialità nella creazione di un progetto di efficientamento per i CAS. Pavia, 18 dicembre 2014 Tavola rotonda su Efficienza Energetica e certificati bianchi per interventi nell ambito del

Dettagli

Turbina a bordo valvola per la produzione di energia, 14W a 12Vo 24V. L elettricità ricavabile direttamente dalla propria rete idrica.

Turbina a bordo valvola per la produzione di energia, 14W a 12Vo 24V. L elettricità ricavabile direttamente dalla propria rete idrica. IP L elettricità ricavabile direttamente dalla propria rete idrica PERFORMANCE DESCRIZIONE Prodotto brevettato! e-power IP: micro-turbina montata su un circuito in bypass ad una valvola automatica; 16W

Dettagli

NUOVI PRODOTTI LINEA RESIDENZIALE

NUOVI PRODOTTI LINEA RESIDENZIALE CALDAIA MODULARE A CONDENSAZIONE VANTAGGI ALTO CONTENUTO D ACQUA RISPETTO A CALDAIE MURALI E BASAMENTO A BASSO CONTENUTO Bassissimi carichi termici maggiore durata nel tempo Drastica riduzione cicli di

Dettagli

IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA

IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA Entriamo nel dettaglio del funzionamento del carburatore motociclistico ed esaminiamo i legami tra le grandezze che regolano l erogazione del combustibile.

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 1

Indice. 1 Introduzione 1 Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 2 Elementi di modellistica 9 2.1 Introduzione... 9 2.2 Equazioni di conservazione per processi a fluido... 9 2.2.1 Portata massica e volumetrica... 9 2.2.2 Principio

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI

PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI PROVA, SVILUPPO di SOFTWARE INGEGNERISTICO ITERA è una società

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

@TRACTOR: il trattore digitale. risultati del progetto di ricerca Isotractor

@TRACTOR: il trattore digitale. risultati del progetto di ricerca Isotractor @TRACTOR: il trattore digitale risultati del progetto di ricerca Isotractor Sommario Il progetto ISOBUS Obiettivi Partner Risultati: @tractor, il trattore digitale Architettura del sistema Sensori wireless

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA HINOWA SPA Via Fontana, 37054 Nogara VERONA -Italia Tel. +39 0442 539100 Fax +39 0442 539075 hinowa@hinowa.it - www.hinowa.com La ditta Hinowa quest

Dettagli

PNEUMATICA. PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650

PNEUMATICA. PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650 PNEUMATICA PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650 1. Generalità L unità carrellata Didacta PN20DNT consente lo studio dei parametri tipici di ventilatori centrifughi

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA Sede di Forlì IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA ELABORATO

Dettagli

Regolazione delle Pompe Centrifughe. Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali

Regolazione delle Pompe Centrifughe. Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali Regolazione delle Pompe Centrifughe Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali Corso di Laurea in Scienze ed Ingegneria dei Materiali Aggiornamento al 19/09/2006 Ing Amoresano Amedeo

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI SISTEMA DI GESTIONE ARIA COMPRESSA

CATALOGO PRODOTTI SISTEMA DI GESTIONE ARIA COMPRESSA CATALOGO PRODOTTI CONCERTO SISTEMA DI GESTIONE ARIA COMPRESSA 1 Sistema Concerto CONCERTO: controllo completo e flessibilita' assoluta Numerosi avviamenti-arresti con conseguente usura delle parti, sprechi

Dettagli

SICOM FOR NATURAL GAS FILLING STATIONS TECNOLOGIA CNG

SICOM FOR NATURAL GAS FILLING STATIONS TECNOLOGIA CNG TECNOLOGIA CNG COMPRESSORI ALTERNATIVI SERIE W220 Il modello W220, progettato per portate inferiori a 150 Sm 3 /h e per valori di pressione di aspirazione del gas compresi tra 2 e 16 bar, è il più piccolo

Dettagli

Il tempo è un gigante. che, vinto dal torpore, giace addormentato tra svolazzi di farfalle in un campo di fiori gialli e rossi.

Il tempo è un gigante. che, vinto dal torpore, giace addormentato tra svolazzi di farfalle in un campo di fiori gialli e rossi. Il tempo è un gigante che, vinto dal torpore, giace addormentato tra svolazzi di farfalle in un campo di fiori gialli e rossi. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server SYSTEM LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server MONTAIR è il marchio che rappresenta l eccellenza sul mercato per la produzione di prodotti per applicazioni

Dettagli

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE TecnoBody Rehabilitation Systems TM ISOMOVE L Isocinetica elastica In natura sappiamo che il movimento isocinetico non esiste ma è stato costruito in laboratorio per ottimizzare il processo di recupero.

Dettagli

Introduzione ai Motori a Combustione Interna

Introduzione ai Motori a Combustione Interna IPS Mario Carrara Guastalla (RE) Tecnologie e Tecniche di Installazione e Manutenzione Docente: Prof. Matteo Panciroli Introduzione ai Motori a Combustione Interna 1 Classificazione delle macchine MACCHINE

Dettagli

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione CORSO DI SPERIMENTAZIONE E PROVE SULLE MACCHINE Docente Prof. L. Postrioti UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione 1- Generalità La Norma descrive le procedure di prova delle

Dettagli

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2):

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2): www.barigelli.com www.corimacentrifughe.com ESPOSIZIONE ANALITICA DEI VANTAGGI DELLA TRASMISSIONE IDRAULICA NEI DECANTER CORIMA GROUP 1. REGOLAZIONE EFFICIENTE E UTILIZZO DI BASSI REGIMI DIFFERENZIALI

Dettagli

Serie K-MT multitronic

Serie K-MT multitronic E Serie K-MT multitronic Essiccatori ad adsorbimento K-MT multitronic Il piccolo gigante... I nuovi essiccatori ad adsorbimento ZANDER sono caratterizzati da una tecnologia all avanguardia espressa in

Dettagli