PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE"

Transcript

1 PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI RECUPERO INERTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA COSTRUZIONI E DEMOLIZIONI IN LOCALITA VAL DI MERSE D C B A EMISSIONE ITALCAVE s.r.l. Va G. Montanell 19, PISA Cava Val d Merse - Comune d Monterggon (SI) ELABORATI STUDIO IMPATTO AMBIENTALE Allegato - VALUTAZIONE DELLE POLVERI DIFFUSE S G G 5 0 A Set. 2015

2 RELAZIONE TECNICA EMISSIONI IN ATMOSFERA INTRODUZIONE La presente relazone tecnca s propone d fornre una valutazone delle emsson dffuse d polver dervant dalle attvtà che s svolgono all nterno del sto Cava Val d Merse n concessone alla dtta, all nterno del quale sono present: 1. Attvtà d coltvazone d una cava d brecca calcarea, autorzzata attualmente a sens della LR 78/98 con Atto Drgenzale del Comune d Monterggon n. 1 del 18/7/2014, che prevede contestualmente l progetto d rprstno; 2. Attvtà d recupero rfut nert e terre da scavo, mpanto autorzzato a sens dell art. 208 del D.Lgs. 152/06 con D.D. della Provnca d Sena n. 691 del 10/03/2014 Attualmente entrambe le attvtà sopra menzonate sono oggetto d procedment d modfca, nello specfco: 1. In relazone all attvtà d cava, è n corso un procedmento d autorzzazone n varante al progetto d rprstno della cava, che prevede: nnalzamento della quota fnale del pazzale elmnando conseguentemente la depressone concdente con l pazzale d cava ed armonzzando la morfologa complessva dell area; rcoprmento de tre gradon morfologcamente nferor ed ove non era prevsta la messa a dmora d essenze vegetal, lmtando percò l altezza del fronte d cava dove le pendenze sono maggor; nsermento d essenze arboree anche nella parte bassa della cava, favorendo l rprstno del bosco su tutta l area, così come la gran parte delle zone lmtrofe ed adacent alla cava stessa; rcondurre l area ad uso boscato escludendo d fatto altre possbl destnazon al termne della coltvazone. In conseguenza de suddett ntervent s ncrementa l fabbsogno d materale necessaro per la realzzazone degl stess. Pag. 1 d 15

3 2. In relazone all mpanto d recupero d rfut costtut da nert da C&D e da terre e rocce da scavo, è n corso una rchesta d varante all autorzzazone che prevede l aumento de quanttatv d trattamento per la tpologa terre e rocce da scavo, lascando nvarato l quanttatvo degl nert. Tale rchesta d varante all autorzzazone art. 208 ha portato all attvazone d una procedura d Verfca d Impatto Ambentale (V.I.A.) n corso. Il presente studo d mpatto emssvo da polver vene redatto secondo le Lnee Guda Arpat per la Valutazone delle Emsson d polver provenent da attvtà d produzone, manpolazone, trasporto, carco o stoccaggo d materal pulverulent, approvate con D.G.P. n , n relazone al procedmento d VIA per l mpanto d recupero rfut. Pag. 2 d 15

4 DESCRIZIONE ATTIVITA E STIMA QUANTITATIVA EMISSIONE DI POLVERI All nterno dell area d cava s svolgono prncpalmente due tp d attvtà, l attvtà estrattva e l attvtà d recupero rfut. Al fne d valutare l contrbuto totale dell emssone polverosa, le attvtà verranno analzzate nel dettaglo separatamente, al fne d ndvduare l contrbuto d cascuna. Attvtà estrattva Cava Val d Merse Come antcpato, tale attvtà consta della coltvazone ed estrazone vera e propra del materale d produzone (brecca calcarea) e della sua lavorazone all nterno dell mpanto a tale scopo asservto. Analzzando l cclo produttvo e le attvtà suscettbl d produrre polver, è possble ndvduare le seguent fas n relazone all attvtà d escavazone del materale d cava: a) Sbancamento materale d produzone (brecca); b) Carco su camon; c) Trasporto del materale cavato su psta non asfaltata fno all mpanto d lavorazone; d) Carco materale n tramogga; e) Frantumazone; f) Vaglatura; g) Trasporto su nastr; h) Formazone e movmentazone de cumul relatv alle dverse pezzature; ) Azone del vento su cumul sotto nastro; j) Carco su camon materale lavorato; k) Trasporto materale per vendta lungo tratto non asfaltato Una descrzone pù dettaglata delle attvtà d conduzone e funzonamento dell mpanto sono rportate nella Relazon tecnche d supporto alle stanze sopra menzonate, alla qual s rmanda per gl aspett non rguardant l oggetto del presente documento. Per quanto rguarda la quantfcazone delle emsson polverulente e la verfca del loro mpatto sull atmosfera s presenta d seguto l anals prevsonale, redatta seguendo le Lnee guda ARPAT per la valutazone delle emsson d polver provenent da attvtà d produzone, manpolazone, trasporto, carco o stoccaggo d materal pulverulent svluppate dal dpartmento AFR Modellstca prevsonale, e fnalzzata all esame da parte delle Autortà competent per l rlasco de parer d competenza. Al fne d stmare le suddette emsson d partcolato occorre: Pag. 3 d 15

5 1. La descrzone delle attvtà present nell mpanto con l ndcazone del tpo d materale trattato, nformazon per le qual s rmanda al paragrafo precedente e per quanto non espressamente ndcato, s facca rfermento alla Relazone Tecnca a corredo dell stanza d varante del progetto d coltvazone e rprstno della cava Val d Merse; 2. La defnzone delle ore/gorno e de gorn/anno presunt d attvtà: Gl orar d apertura prevedono una fnestra temporale d crca 8 ore al gorno dal lunedì al venerdì per un totale d 250 gorn/anno, e dunque un quanttatvo d 2000 ore all anno; 3. L Indvduazone delle sorgent emssve present nel sto legate alle lavorazon effettuate: la descrzone de process che generano le emsson polverose, le lavorazon e le attvtà suscettbl d produrre polver sono state elencate nel paragrafo precedente e verranno d seguto rproposte. 4. La quantfcazone de fluss trattat ne process: per ndvduare fluss n goco (Mg/h) occorre partre dalle quanttà convolte. Per l caso n oggetto, attualmente è n fase d escavazone l secondo lotto autorzzato, de qual rmangono ancora crca m 3 da scavare; la produzone della cava n questo perodo d crs è varable; s può stmare una produzone annua d m 3 all anno, equvalent a Mg/anno: pertanto vste le ore lavorate è possble stmare un flusso oraro d 26 Mg/h. La tabella che segue sntetzza l emssone polverosa orara d PM 10 per cascuna attvtà suscettble d crearne. VALORI EMISSIVI DI PM 10 a Attvtà Rfermento Parametr e mtgazone Fattore d emssone Quanttà Emssone meda orara kg/mg Mg/h g/h Sbancamento materaleproduzone (brecca) SCC materale bagnato 0, ,00 10,14 b Carco su camon brecca SCC materale bagnato 0, ,00 31,20 d Carco materale n tramogga SCC materale bagnato 0, ,00 0,21 e Frantumazone SCC materale bagnato 0, ,00 9,62 f Vaglatura SCC ,03,04,15 materale bagnato 0, ,00 9,62 g Trasporto su 3 nastr SCC materale bagnato 0, ,00 0,60 h Formazone e Movmentazone cumul sotto nastro (durno con M=4,8%) 0, ,00 5,88 Erosone del vento per cumul sotto nastro (materal fn) cumul alt 0, ,26 0,24 j Carco su camon brecca per vendta SCC materale bagnato 0, ,00 31,20 Totale: 98,71 Pag. 4 d 15

6 I fattor d emssone, relatv ad ogn sngola attvtà da cu s orgnano polver, possono essere ottenut n due manere dverse: dal calcolo dretto, utlzzando le formule present nelle lnee guda sopra rchamate, oppure dalle SCC(Source Classfcaton Codes), con o senza fattor d mtgazone prevst. Per entrare nel dettaglo d ogn sngola fase s specfca quanto segue: a. L attvtà d sbancamento o estrazone del materale d produzone non ha uno specfco fattore d emssone;s è scelto d consderare allora l fattore SCC (ved esempo pag 4 - Appendce B dell Allegato alle Lnee Guda), par a 3,9x10-4 kg/mg, consderando che l materale estratto è bagnato (umdtà naturale). b. Per la fase d carco sul camon del materale estratto con destnazone l mpanto d lavorazone, s d è decso d utlzzare l fattore assocato SCC (ved FIRE Constructon sand and 3 gravel Bulk loadng) par a 1,2 10 kg / Mg. In arrvo all mpanto d lavorazone, per la fase d carco del materale n tramogga, s è decso d utlzzare l valore rportato nelle lnee guda relatvo allo scarco camon alla tramogga e nello specfco SCC par kg / Mg 3,7 10 e,f. Per le fas d frantumazone e vaglatura s utlzza, per entrambe, l fattore. 4 kg / Mg assocato rspettvamente al SCC (è stata consderata una frantumazone secondara mm) e al SCC ,03,04,15, n presenza d bagnatura con sstema d abbattmento o d mtgazone. g. Per le fas de nastr trasportator, consderando che l materale è leggermente bagnato, s è scelto l fattore d emssone assocato al SCC , consderando la mtgazone dovuta alla bagnatura del materale che porta a 2, kg / Mg h. Per quanto rguarda l operazone d movmentazone del materale de cumul sotto nastro s 1 E k 0,0058, dove: M rcorre alla formula, durno 1, 4. K coeffcente che dpende dal partcolato;. E,durno fattore d emssone;. M contenuto n percentuale d umdtà. ndvduando così un fattore d emssone d un umdtà naturale del materale par a 4,8%);. 4 2,26 10 kg / Mg per l PM 10 (avendo consderato. Per quanto rguarda l erosone del vento s rcorre alla formula E kg h EF a movh v. partcolato (PTS, PM 10,PM 2,5 ); v. EF (kg/m 3 ) fattore d emssone aerale dell -esmo partcolato; v. a superfce dell area movmentata n m 2 ; v. movh numero d movmentazon/ora. /, dove: S suppone d calcolare l emssone orara dovuta all erosone del vento su cumul present sotto, Pag. 5 d 15

7 nastro, e nello specfco escludendo le frazon grossolane, ma consderando solo su quell che presentano una frazone fne (potzzato 2 cumul con frazone fne). Impostata l altezza massma del cumulo par a 3 mt, potzzata una denstà meda par a 1,3 Mg/m 3, s ottene un cumulo d tpologa alta: nota la sua area laterale e potzzata 1 movmentazone orara, s ottene l valore ndcato n tabella. j. Per la fase d carco sul camon del materale lavorato con destnazone vendta, s è decso d utlzzare l fattore assocato SCC (ved FIRE Constructon sand and gravel Bulk 3 loadng) par a 1,2 10 kg / Mg. Il rateo emssvo dovuto al al PM 10 delle attvtà consderate n tabella è qund crca 98,71 g/h. A questa quota va aggunta quella del transto su tratt non asfaltat: Attvtà Rfermento Parametr e mtgazone Fattore d emssone Quanttà Emssone meda orara kg/km km/h g/h c Trasporto brecca da cava ad mpanto 0, ,34 181,00 k Trasporto brecca per vendta 0, ,12 63,88 Totale transto: 244,88 Per l calcolo dell emssone da traffco vecolare su tratt non asfaltat occorre fare alcune assunzon. Innanztutto va consderata la lunghezza de tratt non asfaltat consderando che la zona d ngresso dell mpanto, fno ad oltre la pesa è asfaltata, mentre le restant pste non lo sono. E stata utlzzata la seguente formula per l calcolo del rateo emssvo: EF ( kg / km) k ( s /12) ( W / 3) a b dove: partcolato (PM 10, PM 2,5 ) s contenuto n lmo del suolo n percentuale n massa (%): potzzato par al 6% W peso medo del vecolo (Mg) che va calcolato sulla base del peso del vecolo vuoto e a peno carco:potzzato par a 20 Mg. k, a e b sono coeffcent che varano a seconda del tpo d artcolato e vengono rportat nella tabella sottostante: k a b PM 10 0,423 0,9 0,45 La formula sopra rportata s applca per vecol d peso medo nferore a 260 Mg e che vaggano ad una Pag. 6 d 15

8 veloctà nferore a 69 km/h. Per l calcolo dell emssone fnale dovrà essere consderata anche la lunghezza del percorso d cascun mezzo rferta all untà d tempo (kmh), sulla base della lunghezza del percorso: E ( kg / h) EF kmh Nel nostro caso è stato preso n consderazone l percorso medo A/R del mezzo nelle due dfferent stuazon, ovvero: c. trasporto del materale cavato all mpanto d lavorazone (è stato consderato un percorso medo per tener conto delle dfferent dstanze d escavazone del materale rspetto all mpanto); k. trasporto del materale pronto vendta lungo l solo tratto da percorrere non asfaltato. Per quanto rguarda propro l contrbuto dovuto al traffco vecolare su strade non asfaltate s può rlevare come questo rsult mportante. Tuttava va tenuto conto dell abbattmento ottenble medante trattament d bagnatura delle pste non asfaltate. Nel sto specfco, come segnalato nell AUA n del rlascata alla dtta per l Autorzzazone alle emsson n atmosfera, sono present sstem d numdmento delle aree d vabltà, sa con autobotte che con rrgator fss; tal sstem hanno una buona effcenza d abbattmento. Confrontando nfatt la tab. 9 delle Lnee Guda Arpat, ovvero per un traffco oraro < 5 transt/h, s ottene un effcenza d abbattmento del 75% con una quanttà meda d trattamento applcato d 0,2 l/m 2 bagnando ogn 5 ore. In questo modo l contrbuto dovuto al transto vecolare su tratt non asfaltat dventa: Attvtà Abbattmento Fattore d emssone Quanttà Emssone meda orara c Trasporto brecca da cava ad mpanto (A/R) 75% 0, ,34 45,25 k Trasporto brecca per vendta 75% 0, ,12 15,97 km/h g/h 61,22 Sommando l contrbuto del traffco al resto del rateo emssvo s ottene l valore totale d crca 160 g/h. Pag. 7 d 15

9 Attvtà Impanto d recupero nert e terre e rocce da scavo L attvtà d recupero rfut che s svolge all nterno dell area d cava consste nel trattamento d due tpologe d rfut: Inert mst da costruzone e demolzone; Terre e rocce da scavo. Le due lnee d lavorazone sono dfferent; rspettvamente: Per gl nert, la flera prevede un processo d frantumazone e successva vaglatura all nterno d un mpanto moble, che consente d ottenere dverse pezzature n uscta: gl aggregat prodott verranno utlzzat parte per l rprstno della cava e parte commercalzzat con certfcazone CE; Per le terre, l trattamento conssterà n una sola vaglatura del materale, necessara a separare eventuale frazone grossolana (Ø>5 mm), la quale verrà remmessa n testa al lnea degl nert; Analzzando l cclo produttvo e le attvtà suscettbl d produrre polver, assocate a due process sono rspettvamente: INERTI MISTI a) Trasporto del materale n arrvo all mpanto su tratto non asfaltato; b) Scarco materale nell area d stoccaggo; c) Carco materale n tramogga; d) Frantumazone; e) Vaglatura; f) Trasporto su nastr; g) Formazone e movmentazone de cumul relatv alle dverse pezzature; h) Azone del vento su cumul sotto nastro; ) Carco su camon materale lavorato; j) Trasporto materale per vendta lungo tratto non asfaltato TERRE E ROCCE DA SCAVO k) Trasporto del materale n arrvo all mpanto su tratto non asfaltato; l) Scarco materale nell area d stoccaggo; m) Carco materale n tramogga; n) Vaglatura; o) Trasporto su nastr; p) Formazone e movmentazone de cumul; q) Azone del vento su cumul sotto nastro; Pag. 8 d 15

10 r) Carco su camon materale lavorato; s) Trasporto materale per vendta lungo tratto non asfaltato Al fne d stmare le suddette emsson d partcolato s rcorre alle potes fatte per la cava n termn d defnzone delle ore/gorno e de gorn/anno presunt d attvtà: gl orar d apertura sono gl stess della cava, per cu d crca 8 ore al gorno dal lunedì al venerdì per un totale d 250 gorn/anno, e dunque un quanttatvo d 2000 ore all anno; Per la quantfcazone de fluss trattat ne process occorre replogare le quanttà convolte. Faccamo le seguent consderazon n relazone a due process. TERRE E ROCCE DA SCAVO: l attuale ter ammnstratvo n corso rguarda un aumento del quanttatvo n ngresso, per un valore rchesto complessvamente d tonn/anno, suddvso n tonn d terre n colonna A e tonn n colonna B: suddvdendo l quanttatvo per l monte ore s ottene un flusso oraro par a 80 Mg/h. Supponendo che medamente questo quanttatvo n ngresso, sottoposto a vaglatura, fornsca un valore d sottovaglo par all 80% del totale e per l restante 20% d sopravaglo, sgnfcherà che l 20% sarà costtuto dalla frazone grossolana che andrà d nuovo a trattamento n testa al processo degl nert, per un quanttatvo d tonn/anno. INERTI MISTI: l quanttatvo non vara, ed è par alle tonn/anno autorzzate al rcevmento; come antcpato andrà a queste aggunta la quota grossolana delle terre stmata n tonn, per un totale annuo complessvo d tonn, le qual fornscono un flusso oraro d 41 Mg/h. Le tabelle che seguono sntetzzano l emssone polverosa orara d PM 10 per cascuna attvtà suscettble d crearne, nel processo relatvo a rfut d nert mst. VALORI EMISSIVI DI PM 10 - INERTI MISTI Attvtà Rfermento Parametr e mtgazone Fattore d emssone Quanttà Emssone meda orara b Scarco camon materale n ngresso SCC materale bagnato 0, ,00 0,33 c Carco Materale n tramogga SCC materale bagnato 0, ,00 0,33 d Frantumazone secondara SCC materale bagnato 0, ,00 15,17 e Vaglatura SCC ,03,04,15 materale bagnato 0, ,00 15,17 f Nastr trasportator SCC materale bagnato 0, ,00 2,83 g Movmentazone MPS sotto nastro (durno con M=4,8%) 0, ,00 9,27 h Erosone cumul MPS sotto nastro cumul alt 0, ,28 0,48 Carco su camon MPS per vendta SCC materale bagnato 0, ,50 34,20 Totale: 77,77 Mg/h g/h Pag. 9 d 15

11 Attvtà Parametr e mtgazone Fattore d emssone Quanttà km/h Emssone meda orara a Trasporto nert n ngresso fno area stoccaggo 0, ,12 63,88 j Trasporto MPS per vendta 0, ,14 76,65 Totale: 140,53 g/h Per entrare nel dettaglo d talune fas s specfca: h. Per quanto rguarda l erosone del vento s rcorre alla formula E kg h EF a movh /, dove: v. partcolato (PTS, PM 10,PM 2,5 ); x. EF (kg/m 3 ) fattore d emssone aerale dell -esmo partcolato; x. a superfce dell area movmentata n m 2 ; x. movh numero d movmentazon/ora. S suppone d calcolare l emssone orara dovuta all erosone del vento su cumul present sotto nastro, e nello specfco escludendo le frazon grossolane, ma consderando solo su quell che presentano una frazone fne (potzzato 2 cumul con frazone fne). Impostata l altezza massma del cumulo par a 3 mt, potzzata una denstà meda par a 1,3 Mg/m 3, s ottene un cumulo d tpologa alta: nota la sua area laterale e potzzata 1,5 movmentazone orara, s ottene l valore ndcato n tabella. Per l calcolo dell emssone da traffco vecolare su tratt non asfaltat s consderano valde le assunzon fatte per la cava: vanno consderate le lunghezze de tratt non asfaltat consderando che la zona d ngresso dell mpanto, fno ad oltre la pesa è asfaltata, mentre le restant pste non lo sono. s contenuto n lmo del suolo n percentuale n massa (%): potzzato par al 6% W peso medo del vecolo (Mg) che va calcolato sulla base del peso del vecolo vuoto e a peno carco:potzzato par a 20 Mg. Nel nostro caso è stato preso n consderazone l percorso medo del mezzo nelle due dfferent stuazon, ovvero: a. trasporto del materale n ngresso all mpanto, che arrva alla zona d stoccaggo per lo scarco, e nell potes d 1,5 transt orar; j. trasporto del materale pronto vendta MPS lungo l solo tratto da percorrere non asfaltato, tra la zona d stoccaggo delle MPS e l uscta, nell potes d 1,2 transt orar (parte delle MPS, n partcolare l fne, verrà prncpalmente rutlzzato per l rprstno, pertanto non uscrà dall mpanto). Pag. 10 d 15

12 Analogamente a quanto prevsto per la cava, essendo comun tratt non asfaltat d vabltà all nterno del sto, anche per l mpanto d recupero rfut s deve teber conto dell abbattmento ottenble medante l utlzzo delle bagnature a mezzo d autobotte ed rrgator fss. Pertanto, con le medesme condzon potzzate per la cava, è possble ottenere anche per l mpanto un abbattmento del 75% della quota dervante dal transto de mezz. La stuazone dventa la seguente: Attvtà Abbattmento Fattore d emssone Quanttà Emssone meda orara a Trasporto nert n ngresso fno area stoccaggo 75% 0, ,12 15,97 j Trasporto MPS per vendta 75% 0, ,14 19,16 km/h g/h 35,13 Sommando l contrbuto del traffco al resto del rateo emssvo s ottene l valore totale d crca 113 g/h. Passamo adesso ad analzzare la stuazone del processo rguardante le terre e rocce da scavo: seguono le tabelle rassuntve delle emsson orare stmate. VALORI EMISSIVI DI PM 10 - TERRE E ROCCE DA SCAVO Attvtà Rfermento Parametr e mtgazone Fattore d emssone Quanttà Emssone meda orara l Scarco camon terre n ngresso SCC materale bagnato 0, ,00 0,64 m Carco terre n tramogga SCC materale bagnato 0, ,00 0,64 n Vaglatura SCC ,03,04,15 materale bagnato 0, ,00 29,60 o Nastr trasportator SCC materale bagnato 0, ,00 3,68 p Movmentazone cumul sotto nastro (durno con M=4,8%) 0, ,00 18,08 q Erosone cumulo fne sotto nastro cumul alt 0, ,93 2,02 r Carco su camon terre n uscta SCC materale bagnato 0, ,00 12,00 Totale: 66,66 Mg/h g/h Attvtà Parametr e mtgazone Fattore d emssone Quanttà Emssone meda orara k Trasportoterre n ngresso fno area stoccaggo 0, ,24 127,76 s Trasporto terre n uscta 0, ,05 25,55 Totale: 153,31 km/h g/h Pag. 11 d 15

13 Per entrare nel dettaglo d talune fas s specfca: h. Per quanto rguarda l erosone del vento s rcorre alla formula E kg h EF a movh /, dove: x. partcolato (PTS, PM 10,PM 2,5 ); x. EF (kg/m 3 ) fattore d emssone aerale dell -esmo partcolato; xv. a superfce dell area movmentata n m 2 ; xv. movh numero d movmentazon/ora. S suppone d calcolare l emssone orara dovuta all erosone del vento su 2 cumul present sotto nastro, che sono entramb d pezzatura fne. Impostata l altezza massma de cumul par a 3 mt, potzzata una denstà meda par a 1,3 Mg/m 3, s ottene un cumulo d tpologa alta: nota la sua area laterale e potzzata 3 movmentazon orare, s ottene l valore ndcato n tabella. Per l calcolo dell emssone da traffco vecolare su tratt non asfaltat s consderano valde le assunzon fatte per la cava: vanno consderate le lunghezze de tratt non asfaltat consderando che la zona d ngresso dell mpanto, fno ad oltre la pesa è asfaltata, mentre le restant pste non lo sono. s contenuto n lmo del suolo n percentuale n massa (%): potzzato par al 6% W peso medo del vecolo (Mg) che va calcolato sulla base del peso del vecolo vuoto e a peno carco:potzzato par a 20 Mg. Nel nostro caso è stato preso n consderazone l percorso medo del mezzo nelle due dfferent stuazon, ovvero: a. trasporto delle terre n ngresso all mpanto, che arrvano alla zona d stoccaggo per lo scarco, e nell potes d 3 transt orar; j. trasporto della terra n uscta dall mpanto (la parte fne delle terre n colonna B, che non sono destnate al rprstno) lungo l solo tratto da percorrere non asfaltato, tra la zona d stoccaggo delle MPS e l uscta, nell potes d 0,4 transt orar. Con l dscorso d abbattmento dovuto alle bagnature s ottene: Attvtà Abbattmento Fattore d emssone Quanttà Emssone meda orara k Trasportoterre n ngresso fno area stoccaggo 75% 0, ,24 31,94 s Trasporto terre n uscta 75% 0, ,05 6,39 km/h g/h 38,33 Sommando l contrbuto del traffco al resto del rateo emssvo s ottene l valore totale d crca 105 g/h. Pag. 12 d 15

14 CONFRONTO CON VALORI SOGLIA Per valutare correttamente l azone emssva dell mpanto è bene consderare l ambto d nsermento e la presenza crcostante d recettor. L ambto nel quale ha sede l attvtà s trova all nterno d un area boschva che costegga la va Cassa; al d fuor del terrtoro urbano. Il recettore pù prossmo al sto è un abtazone d tpo resdenzale poszonata ad ovest del 1 lotto d scavo, n una zona d alto morfologco rspetto all nsedamento n questone. RECETTORE DI TIPO RESIDENZIALE RESIDENZIALE 150 MT Il recettore s trova ad una dstnza superore a 150 mt dalle sorgent emssve (area d scavo II lotto, mpanto lavorazone brecca, mpanto rfut), e n poszone naturalmente rparata, vsta la collocazone d sommtà rspetto alla cava e a pazzal d lavorazone. Pag. 13 d 15

15 Per nquadrare la stma emssva totale, possamo replogare contrbut calcolat per le dverse attvtà. Attvtà Emssone meda orara g/h Cava - estrazone e lavorazone materale cavato 160 Impanto rfut - lavorazone nert 113 Impanto rfut - lavorazone terre e rocce da scavo 105 Totale 378 La precedente tabella mostra la somma del contrbuto emssvo dato dalla somma dell attvtà d cava, ntesa come escavazone e lavorazone della brecca, e dell attvtà dell mpanto d recupero rfuto, con le mplementazon che sono n fase d VIA. A questo punto occorre sceglere la tabella corretta d rfermento per l confronto de valor. La tabella che segue è quella ndcata per un numero d gorn d attvtà compreso tra 250 e 300 g/anno, come nel nostro caso: Tabella 1 Valutazone delle emsson al varare della dstanza tra recettore e sorgente per un numero d gorn d attvtà compreso tra 250 e 300 gorn/anno Intervallo d dstanza (m) del recettore dalla sorgente >150 Sogla d emssone d PM10 (g/h) Rsultato <76 Nessuna azone Montoraggo presso l recettore o valutazone modellstca con dat sto specfc > 152 Non compatble (*) <160 Nessuna azone Montoraggo presso l recettore o valutazone modellstca con dat sto specfc > 321 Non compatble (*) <331 Nessuna azone Montoraggo presso l recettore o valutazone modellstca con dat sto specfc > 663 Non compatble (*) <453 Nessuna azone Montoraggo presso l recettore o valutazone modellstca con dat sto specfc > 908 Non compatble (*) (*) fermo restando che n ogn caso è possble effettuare una valutazone modellstca che produca una quantfcazone dell mpatto da confrontare con valor lmte d legge per la qualtà dell ara, e che qund eventualmente dmostr la compatbltà ambentale dell emssone. Pag. 14 d 15

16 Dal confronto con valor tabellar per l PM 10 ndcat nella D. G. P. n. 213 del 2009, per una dstanza superore a 150 mt come nel caso del nostro recettore, s ottene che per valor nferor a 453 g/h l mpanto rsulta compatble senza alcuna azone agguntva, mentre per valor compres tra 453 e 908 g/h s deve prevedere un montoraggo. Il valore ottenuto qund d agguntva, se non presd ambental gà consderat. 378 g/h per l emssone orara rsulta compatble senza alcuna azone Rmane qund n capo alla dtta l adozone e l mantenmento delle msure d salvaguarda consderate, ovvero gl ntervent d bagnature delle pste non asfaltate e d funzonamento de nebulzzator a corredo delle apparecchature d lavorazone. Frenze, 06/10/2015 In fede l tecnco ncarcato Ing. Rossella Potenza Pag. 15 d 15

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

Soluzione esercizio Mountbatten

Soluzione esercizio Mountbatten Soluzone eserczo Mountbatten I dat fornt nel testo fanno desumere che la Mountbatten utlzz un sstema d Actvty Based Costng. 1. Calcolo del costo peno ndustrale de tre prodott Per calcolare l costo peno

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore Modello per la stma della produzone d una dscarca gestta a boreattore 1 Produzone d Bogas Nella letteratura tecnca sono stat propost dvers modell per stmare la produzone d bogas sulla base della qualtà

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

CONFORMITA DEL PROGETTO

CONFORMITA DEL PROGETTO AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 1 d 6 INDICE 1. PREMESSA...2 2. CALCOLI IDRAULICI...3 3. CONFORMITA DEL PROGETTO...6 R_Idr_Industre_1 Str.doc AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 2 d 6

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE Provncad Ravenna Ptazzade Cadut per lalbertàt,2 / 4 ff del 0310212 n 37 Pror,'rredmento 09-l t-07 2006t4t0 Classfcazone - AUTORIZZAZIONEATTIVITA' Dl GESTIONEDELL'IMPIANTO - LR 512006 Oggetto DLGS 15212006

Dettagli

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI STRATIGRAFI PARTIZIONI VRTICALI 6. L solamento acustco: tecnche, calcol 2 Trasmssone rumor In edlza s possono dstnguere dfferent tp d rumor: rumor aere (vocare de vcn da altre untà abtatve, rumor provenent

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica COMUNE DI CAFASSE Servzo Edlza/Urbanstca PERMESSO DI COSTRUIRE N. DEL INTESTATARIO: METODO OPERATIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE a sens degl artt. 6 e 10 della L.R. 28/01/1977 n. 10;

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE

SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE Statstca Applcata Vol. 17, n. 3, 2005 377 SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE Gan Pero Cervellera Poste Italane, Dvsone Rete Terrtorale, Drezone Operazon, Svluppo Process Ducco

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

Test delle ipotesi Parte 2

Test delle ipotesi Parte 2 Test delle potes arte Test delle potes sulla dstrbuzone: Introduzone Test χ sulla dstrbuzone b Test χ sulla dstrbuzone: Eserczo Test delle potes sulla dstrbuzone Molte concluson tratte nell nferenza parametrca

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

3. Esercitazioni di Teoria delle code

3. Esercitazioni di Teoria delle code 3. Eserctazon d Teora delle code Poltecnco d Torno Pagna d 33 Prevsone degl effett d una decsone S ndvduano due tpologe d problem: statc: l problema non vara nel breve perodo dnamc: l problema vara Come

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

Risoluzione quesiti I esonero 2011

Risoluzione quesiti I esonero 2011 Rsoluzone quest I esonero 011 1) Compto 1 Q3 Un azenda a a dsposzone due progett d nvestmento tra d loro alternatv. Il prmo prevede l pagamento d un mporto par a 100 all epoca 0 e fluss par a 60 all epoca

Dettagli

POLITECNICO DI BARI - DICATECh Corso di Laurea in Ingegneria Ambientale e del Territorio IDRAULICA AMBIENTALE - A.A. 2015/2016 ESONERO 15/01/2016

POLITECNICO DI BARI - DICATECh Corso di Laurea in Ingegneria Ambientale e del Territorio IDRAULICA AMBIENTALE - A.A. 2015/2016 ESONERO 15/01/2016 POLITECNICO DI BARI - DICATECh Corso d Laurea n Ingegnera Ambentale e del Terrtoro IDRAULICA AMBIENTALE - A.A. 015/016 ESONERO 15/01/016 ESERCIZIO 1 S consder la rete aperta n fgura, nella quale le portate

Dettagli

impianti di prima pioggia

impianti di prima pioggia SHUNT ITALIANA TECHNOLOGY S.r.l. dvsone depurazone acque mpant d prma pogga un futuro per l acqua... 0867 CAPONAGO (MB) - Va G. Galle, - Tel. 0.95.96.6 - Fax 0.95.74..54 - dvacque@shunt.t - www.shunt.t

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER ACQUA Premessa II funzonamento degl mpant chmc rchede generalmente gross quanttatv d acqua: questa, oltre ad essere utlzzata drettamente n alcune lavorazon, come lavagg, dssoluzon,

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4

INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4 INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4 TRAFFICO DI PROGETTO 4 LE CONDIZIONI CLIMATICHE 4 IL SOTTOFONDO 4 PREDIMENSIONAMENTO

Dettagli

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l PORTO TURSTCO NELLA FRAZONE SAN GORGO DEL COMUNE D GOOSA MAREA (ME) PROGETTO PRELMNARE PANO ECOVOb'TCO E FNANZAF0 NDCE 1. PREMESSA...,.l 2. COSTO DELL'NTERVENTO...,...,...,..,,.,...,,.,,~...,.,.,.,,...l

Dettagli

L USO DI UN MODELLO DI SIMULAZIONE NELLA GESTIONE DEI CAMPIONAMENTI E DELLE STRATEGIE DI DIFESA DALLA MOSCA DELLE OLIVE

L USO DI UN MODELLO DI SIMULAZIONE NELLA GESTIONE DEI CAMPIONAMENTI E DELLE STRATEGIE DI DIFESA DALLA MOSCA DELLE OLIVE L USO DI UN MODELLO DI SIMULAZIONE NELLA GESTIONE DEI CAMPIONAMENTI E DELLE STRATEGIE DI DIFESA DALLA MOSCA DELLE OLIVE ECONOMIC AND ENVIRONMENTAL IMPLICATIONS IN THE USE OF A SIMULATION MODEL FOR THE

Dettagli

6.1. Moody s KMV Credit Portfolio Manager

6.1. Moody s KMV Credit Portfolio Manager 6.. Moody s MV Credt Portfolo Manager 6... La struttura del modello L mpanto d Moody s MV (MMV) è costtuto dal modello d Merton e da un approcco d tpo fattorale per la stma delle correlazon. Attualmente,

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

Macchine. 5 Esercitazione 5

Macchine. 5 Esercitazione 5 ESERCITAZIONE 5 Lavoro nterno d una turbomacchna. Il lavoro nterno massco d una turbomacchna può essere determnato not trangol d veloctà che s realzzano all'ngresso e all'uscta della macchna stessa. Infatt

Dettagli

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b)

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b) ASAP LIFE06/ENV/IT/000255 ASAP_D4-3_ModelloIdraulcoRappTecnco_IT_0b 1/20 LIFE06/ENV/IT/255 A.S.A.P. Actons for Systemc Aqufer Protecton The ASAP proect s partally funded by the European Unon LIFE Programme

Dettagli

NOTE DALLE LEZIONI DI STATISTICA MEDICA ED ESERCIZI CONFRONTO DI PIU MEDIE IL METODO DI ANALISI DELLA VARIANZA

NOTE DALLE LEZIONI DI STATISTICA MEDICA ED ESERCIZI CONFRONTO DI PIU MEDIE IL METODO DI ANALISI DELLA VARIANZA NOTE DALLE LEZIONI DI STATISTICA MEDICA ED ESERCIZI CONFRONTO DI PIU MEDIE IL METODO DI ANALISI DELLA VARIANZA IL PROBLEMA Supponamo d voler studare l effetto d 4 dverse dete su un campone casuale d 4

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro Introduzone PARENTELA e CONSANGUINEITÀ d Daro Ravarro 1 gennao 2010 Lo studo della genealoga d un ndvduo è necessaro al fne d valutare la consangunetà dell ndvduo stesso e la sua parentela con altr ndvdu

Dettagli

Aritmetica e architetture

Aritmetica e architetture Unverstà degl stud d Parma Dpartmento d Ingegnera dell Informazone Poltecnco d Mlano Artmetca e archtetture Sommator Rpple Carry e CLA Bozza da completare del 7 nov 03 La rappresentazone de numer Rappresentazone

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

GRACCI LABORATORI s.r.l.

GRACCI LABORATORI s.r.l. BARTOLI SRL Impianto ubicato in: Via Petroio n 7/a 50054 FUCECCHIO (FI) DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA presentata ai sensi del Titolo I, Parte V del

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura orma UI CEI EV 3005: Guda all'espressone dell'ncertezza d msura L obettvo d una msurazone è quello d determnare l valore del msurando, n altre parole della grandezza da msurare. In generale, però, l rsultato

Dettagli

ALLEGATO G Guida all autovalutazione in fase di progetto Protocollo ITACA - Marche

ALLEGATO G Guida all autovalutazione in fase di progetto Protocollo ITACA - Marche ALLEGATO G Guda all autovalutazone n fase d progetto Protocollo ITACA - Marche Indce Defnzone delle caratterstche geometrche, archtettonche e d utlzzo d un edfco rappresentatvo della tpologa resdenzale

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

Analisi dei flussi 182

Analisi dei flussi 182 Programmazone e Controllo Anals de fluss Clent SERVIZIO Uscta Quanto al massmo produce l mo sstema produttvo? Quanto al massmo produce la ma macchna? Anals de fluss 82 Programmazone e Controllo Teora delle

Dettagli

La taratura degli strumenti di misura

La taratura degli strumenti di misura La taratura degl strument d msura L mportanza dell operazone d taratura nasce dall esgenza d rendere l rsultato d una msura rferble a campon nazonal od nternazonal del msurando n questone affnché pù msure

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive Prncp d ngegnera elettrca Lezone 6 a Anals delle ret resste Anals delle ret resste L anals d una rete elettrca (rsoluzone della rete) consste nel determnare tutte le corrent ncognte ne ram e tutt potenzal

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA)

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA) XXX.XX Ordnanza sulla contrassegnazone delle automobl nuove con l etchetta ambentale (Ordnanza sull etchetta ambentale, OEA) del xx.xx. 2009 Il Consglo federale svzzero, vst gl artcol 8 capoverso e 6 capoverso

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi Regressone Multpla e Regressone Logstca: concett ntroduttv ed esemp I Edzone ottobre 014 Vncenzo Paolo Senese vncenzopaolo.senese@unna.t Indce Note prelmnar alla I edzone 1 Regressone semplce e multpla

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

LA STATISTICA: OBIETTIVI; RACCOLTA DATI; LE FREQUENZE (EXCEL) ASSOLUTE E RELATIVE

LA STATISTICA: OBIETTIVI; RACCOLTA DATI; LE FREQUENZE (EXCEL) ASSOLUTE E RELATIVE Lezone 6 - La statstca: obettv; raccolta dat; le frequenze (EXCEL) assolute e relatve 1 LA STATISTICA: OBIETTIVI; RACCOLTA DATI; LE FREQUENZE (EXCEL) ASSOLUTE E RELATIVE GRUPPO MAT06 Dp. Matematca, Unverstà

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

Questo è il secondo di una serie di articoli, di

Questo è il secondo di una serie di articoli, di DENTRO LA SCATOLA Rubrca a cura d Fabo A. Schreber Il Consglo Scentfco della rvsta ha pensato d attuare un nzatva culturalmente utle presentando n ogn numero d Mondo Dgtale un argomento fondante per l

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Unverstà degl Stud d Bologna Facoltà d Ingegnera Dpartmento d Ingegnera Energetca, Nucleare e del Controllo Ambentale () RELAZIONE TECNICA Valutazone teorca delle prestazon termogrometrche d pannell prefabbrcat

Dettagli

Potenzialità degli impianti

Potenzialità degli impianti Unverstà degl Stud d Treste a.a. 2009-2010 Impant ndustral Potenzaltà degl mpant Impant ndustral Potenzaltà degl mpant 1 Unverstà degl Stud d Treste a.a. 2009-2010 Impant ndustral Defnzone della potenzaltà

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA:

ISTRUZIONE OPERATIVA: Pagna 1 d 5 legant da Acca da INDICE: 1) Scopo 2) Campo d applcazone 3) Norma d rfermento 4) Defnzon e smbol 5) Responsabltà 6) Apparecchature 7) Modaltà esecutve 8) Esposzone de rsultat calcestruzz aggregat

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

Programmazione e Controllo della Produzione. Analisi dei flussi

Programmazione e Controllo della Produzione. Analisi dei flussi Programmazone e Controllo della Produzone Anals de fluss Clent SERVIZIO Uscta Quanto al massmo produce l mo sstema produttvo? Quanto al massmo produce la ma macchna? Lo rsolvo con la smulazone? Sarebbe

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

Analisi ammortizzata. Illustriamo il metodo con due esempi. operazioni su di una pila Sia P una pila di interi con le solite operazioni:

Analisi ammortizzata. Illustriamo il metodo con due esempi. operazioni su di una pila Sia P una pila di interi con le solite operazioni: Anals ammortzzata Anals ammortzzata S consdera l tempo rchesto per esegure, nel caso pessmo, una ntera sequenza d operazon. Se le operazon costose sono relatvamente meno frequent allora l costo rchesto

Dettagli

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero.

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero. Crolare Dereto Legslatvo 155/97 - Sstema HACCP e onvolgmento de ompart Imballagg Ortofruttol e Sughero. Sheda esplatva D.Lvo 155/97" Sopo del presente doumento è quello d llustrare gl aspett nerent alla

Dettagli

7 Verifiche di stabilità

7 Verifiche di stabilità 7 Verfche d stabltà 7.1 Generaltà Note tutte le azon agent sul manufatto, vanno effettuate le verfche d stabltà dell opera d sostegno. Le azon da consderare sono fornte dalla spnta del terrapeno a monte,

Dettagli

MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA

MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA U.O. Protezone Cvle MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA Centro Funzonale Component del gruppo d lavoro: Nomnatvo Ente Tel. Fax Ing. Maurzo

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Valutazione del rischio radiogeno nel decapaggio di metallo contaminato con materiali radioattivi

Valutazione del rischio radiogeno nel decapaggio di metallo contaminato con materiali radioattivi Valutazone del rscho radogeno nel decapaggo d metallo contamnato con materal radoattv Donzella A. (*), Formsano P. ( ), Grolett E. ( ), Zenon A. (*) (*) INFN e Dp. d Ingegnera Meccanca, Unverstà d Bresca,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE COMUNE DI SEREGNO PROVINCIA DI MONZA BRIANZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE ATTIVITÀ NORMATA (D.M. 18.03.1996

Dettagli