E.learning e formazione docenti.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E.learning e formazione docenti."

Transcript

1 E.learning e formazione docenti. di Italo Tanoni Bellaria

2 Il menu : Storia cambiamenti e modelli della formazione a distanza. Fattori costitutivi di un modello FaD blended Reti e comunità di apprendimento e di pratica Ruolo e modelli di tutor on line

3 e-learning l uso delle nuove tecnologie multimediali e di internet per migliorare la qualità dell apprendimento facilitando: l accesso alle risorse e ai servizi scambi e collaborazioni fra persone distanti Elearningeurope.info

4 Storia della Formazione a Distanza(FaD) Modello FAD Mezzo di trasporto TRADIZIONALE Posta Radio TV I e II^generazione PC. CBT ON LINE III ^generazione INTERNET RETI TELEM. Metodo Didattico Tipo di comunicaz. Medium/ interattività Dip.spazio Dip.tempo Autoapprendim. Uno-Uno Testo/debole NO NO Autoapprendim. Uno-Molti Audio/debole NO SI Autoapprendim. Uno-Molti Video/debole NO SI Autoapprendim. Uno-Uno Software/ NO NO Media Autoapprendim. Uno-Uno Esperto-tutor/ NO NO Uno-Molti Media Apprendim. Molti-Molti Tutor+Gruppo NO NO collaborativo Uno-Molti Forte Uno- Uno

5 COMPORTAMENTISMO COGNITIVISMO COSTRUTTIVISMO Ipertesti Multimedialità Ipermedia e WBT ad alta interazione comunitaria + Formazione d aula Costruzionismo sociale CBT Istruzionismo Cognitivismo Distance Learning anni settanta-ottanta UNIDIREZIONALITA E-R Cfr.L.Galliani. Costruzionismo interattivo e-learning anni ottanta-novanta UNO-MOLTI. Feed-back Complex learning fine anni novanta-duemila e oltre MOLTI-MOLTI interattività di rete

6 Complex e-learning: e alcuni esempi di cambiamento del paradigma: dall informazionale al relazionale 1_ Dal Web archivio al Web semantico 2_ Dalle piattaforme agli ambienti 3_ Dai materiali didattici alle risorse per l apprendimento attraverso la didattica integrata (Modello INDIRE) 4-Dalla valutazione di processo alla valutazione di sistema

7 Dal Web archivio al Web semantico are is are are Subclass of

8 Dalle piattaforme agli ambienti Piattaforma: Sistema di funzionalità Modello impostato sulla logica di programmazione Struttura gerarchica Centralità dei materiali Modello didattico: neutrale, agnostico Ambiente: Sistema di interazioni Modello impostato sulle attività dell utente Struttura relazionale Centralità dei processi Modello didattico: rilevante, specifico specie se collegato a uno specifico contesto d azione

9 Piattaforma Open Source per l'elearning!"# $% & '%$ ( $$ '& '$ '$($ )

10 #*+ % $&, $ &$ $-$($. & ($

11 Una definizione: ' L ambiente è definito come un luogo in cui coloro che apprendono possono lavorare aiutandosi reciprocamente, avvalendosi di una varietà di risorse e strumenti informativi, di attività di apprendimento guidato o di problem solving. Individuale(autoapprenditivo) Aula-laboratorio Rete scolastica Spazi virtuali (groupware) A. Calvani

12 Ambiente di apprendimento Cambia l ambiente in cui progettare, organizzare e sviluppare conoscenze e competenze (dalla conoscenza oggettivata-cristallizzata al sapere diffuso e in continua trasformazione). Le reti (scuole, community) attraverso la telematica facilitano la costruzione di conoscenze e competenze in comune attorno a progetti negoziati e condivisi(prodotto dell esternalizzazione).

13 La valutazione del corsista: tracciamento.

14 Valutazione dei bisogni formativi Valutazione del corso da parte dei corsisiti Valutazione del mailing Valutazione delle interazioni Valutazione dei forum Valutazione degli apprendimenti Valutazione dei corsisiti da parte dei docenti Valutazione dei corsisiti da parte dei tutor Monitoraggio del sistema (on line) Disegni correzionali Comparazione valutazione tutor - docenti Comparazione valutazione di corsi diversi Dispersione (ritiri, assenze) Valutazione degli accessi al sito

15 Due strategie di formazione a distanza tele-insegnamento Broadcasting (I-II) formazione in rete Narrowcasting

16 Quel che fa la differenza... Tra prima e seconda generazione di FaD il comune denominatore è l approccio centralizzato, individualizzato-assistito (tutor/corsista). = Web based. La terza generazione di FaD è caratterizzata dalla <filosofia> che l apprendimento è un processo sociale di costruzione e legittimazione della conoscenza. =On line education

17 Due modelli a confronto Accesso e distribuzione dell informazione WEB BASED Sito web collegato ad altri. Modello comunicativo basato sullo studio individuale di materiale multimediale: UNO- UNO Target di grandi numeri Gestione interamente Web +riutilizzabilità di materiali Senso di solitudine Amplificatore della comunicazione Approccio on line Comunicazione sincrona e a- sincrona Comunità virtuale e apprendimento cooperativo Rapporto con cluster di soggetti (istituzionali o singoli) Gestione tutoriale: 1:15 -utilizzabilità dei materiali. Forte senso di identità in una comunità di apprendimento.

18 In sintesi : Web based Apprendimento significativo, autoformazione individuale. Performance personali. Autonomia individuale. Investimento in software Autoregolazione dei tempi e ritmi di apprendimento. Materiali + utilizzabili. Basso rapporto tutor/soggetti Testing-autovalutazione Approccio on line Apprendimento collaborativo e cooperativo Metacompetenze e transfer. Interazione di gruppo. Progettazione in team Gestione temporale nella scansione delle attività. Non riproducibilità (R-A) Elevato rapporto tutor/sogg Monitoraggio dei processi

19 Di fronte a due strategie: trasmissiva (frontale) e/o interattiva Opzione per un modello misto(blended) NO ai corsi chiavi in mano =web based NO ai corsi prima alfabetizzazione poi applicazione, ma imparare applicando Vengono conciliate: interattività (uomo-macchina e interazione (tra più soggetti). Nella FaD mista, vengono correlati i quattro fattori costitutivi che compongono un corso FaD blended: PEDAGOGICO (attori) SOCIALE (contesto) GESTIONALE (processo) TECNOLOGICO (prodotto)

20 I fattori costitutivi= GESTIONE PEDAGOGICO (gli attori) Docenti, studenti, esperti, tutor: quali ruoli all interno della comunità di apprendimento (organizz.complessiva)? TUTOR: peer-to-peer o peer tutoring (tutor tra pari)= stile non direttivo FACILITATORE sui punti nodali della discussione ORIENTATORE verso le migliori pratiche FLESSIBILIZZATORE di strategie d azione e percorsi metodologico-didattici MEDIATORE tra i possibili conflitti ECONOMIZZATORE dei risultati (sintesi)

21 SOCIALE (il contesto) Monitoraggio di più fattori (pericolo : decodifica aberrante): a)strutturazione del gruppo ; b) suo mantenimento nel tempo;c) il contesto comunicativo che si stabilisce tra i soggetti (contrazione indici simbolici); d) il contesto esperienziale. Favorire l identità della comunità, promuovere la coesione. Incentivare l atmosfera collaborativa. Smorzare le tensioni. Mantenere alta la motivazione Valorizzare le singole individualità

22 GESTIONALE Pericolo: deriva relazionale Predisposizione del planning delle attività in moduli; Chiarire la strategia (metodo) che si intende mettere in atto (nesso formazione-r-a) Individuazione e negoziazione della netiquette Assegnazione di ruoli e funzioni (esperti, amici critici, referenti, documentaristi) Organizzazione modulare a gruppi Individuazione degli stumenti di valutazione dei processi avviati (interazioni tra ambienti FaD on line, formazione, contesto esperienziale)

23 TECNOLOGICO Un livello di formazione mai sganciato dalla ricerca-azione Individuazione dell ambiente groupware Condivisione e omogeneizzazione delle risorse (la guerra win e mac...ci interessa?) Sostegno e consulenza tecnologica on line Competenza sulla gestione delle risorse nel web (formato file et al), progettazione e costruzione di un sito. Conoscenze telematiche di base (es.codice HTLM, utilizzo Forum, chat et al)

24 ! " (Computer Support for Collaborative Learning) DAL SINGOLO SOGGETTO..ALLA RETE

25 Una definizione di <rete> <un gruppo di due o più computer connessi tra loro attraverso dispositivi hardware (schede di rete, cavi) e software, per condividere file, programmi e dispositivi come stampanti, scanner et al.> M.Gasparetti, Computer e scuola, Apogeo, Milano <un gruppo di persone che si incontrano telematicamente per condividere interessi comuni>, P.Ferri, La rivoluzione digitale, Mimesis, Milano 1999.

26 % Apprendimento in Rete Tasso di memorizzazione delle informazioni in % nelle singole attività in rete Lettura Visione Ascolto Visione + ascolto Collaborazione Applicazione su casi concreti Forrester Research, Cognitive Science (Il Sole 24 ore)

27 Come si opera e cosa si utilizza per facilitare l apprendimento on line? Comunità di apprendimento che opera nell ambito di un azione situata (contestualizzata). Un ambiente e learning La collaborazione / cooperazione Gli strumenti per l interazione: Forum (classe virtuale) Chat line E.board Weblog. Website

28 Gli ambienti di apprendimento devono rispondere al bisogno di costruzione sociale della conoscenza(tra più partner). Il linguaggio crea conoscenza se viene condiviso ( = comunicazione). Contesto Nel contesto scolastico si ha una nuova concezione dell apprendimento, che pone l accento sulle tecnologie come risorsa che risponde ai bisogni attuali di formazione attraverso un sistema integrato di opportunità a cui attingere per attività di insegnamento-apprendimento.

29 La comunità telematica Rete intesa non solo come strumento per la trasmissione di materiali didattici ma soprattutto come luogo dove dar vita a un processo di insegnamento/apprendimento connotato da una elevato livello di interattività fra gli attori coinvolti. luogo Sistema di azione

30 Comunità virtuali soggetti che messi assieme (radice etim)che condividono (attraverso Internet)ideali, interessi, spazi (virtuali) e nutrono tra di loro un forte senso di appartenenza e interdipendenza che si sviluppa all interno di una struttura stabile e duratura: -insieme di più individui; -connessi tramite Internet; -consapevoli di far parte di un gruppo -immersi in una rete di relazioni comunicative/interpersonali

31 Cinque modelli di <comunità virtuali> Comunità hic et nunc di confronto e discussione in real time (chat) Comunità generaliste per interessi (Mailing-list- News Group) COMUNITA DI APPRENDIMENTO hanno una mission tematica specifica Comunità istituzionali : partiti, sindacati, associazioni, gruppi di opinione Comunità commerciali.

32 Comunità di apprendimento A differenza delle comunità virtuali le comunità di apprendimento hanno un plus valore costituito dalla compresenza di tre fattori aggiunti : Coprogettazione (capitale di conoscenze messe in comune da più individui). Contesto condiviso (ambiente culturale e fisico di sfondo) Solida organizzazione operativa

33 DA UNA COMUNITA DI APPRENDIMENTO A UNA COMUNITA DI PRATICHE COMUNITA DI APPRENDIMENTO: Tre C: costruzione, collaborazione, contestualizzazione. COMUNITA DI PRATICA: (non direttività, auto gestione) piccoli gruppi di soggetti che basano la loro crescita professionale non tanto su un percorso formativo tracciato (eterodiretto), quanto piuttosto sulla condivisione delle esperienze, sull individuazione delle migliori pratiche e sull aiuto reciproco nell affrontare i problemi quotidiani della propria professione.(trentin G.)

34 Gruppo telematico

35 Gruppo-di di-gruppi

36 DIDATTICA in rete Collaborazione Ognuno contribuisce alla produzione di ogni singola parte del lavoro complessivo ( shared mind = condivisione del lavoro ) Cooperazione Ognuno sviluppa in maniera autonoma una singola parte per raggiungere un obiettivo comune. ( division of labour = ripartizione del lavoro )

37 &&( Sequenziale Ogni componente del gruppo, a turno, agisce sul semilavorato apportandovi il proprio contributo Parallela Ogni componente del gruppo lavora in autonomia su una parte specifica del prodotto complessivo Reciprocità I componenti del gruppo lavorano in regime di forte interdipendenza su ognuna delle parti del prodotto complessivo (G. Trentin, 1998)

38 Il TUTOR NON E UN DOCENTE ISTRUTTORE NON FA LEZIONE AI COLLEGHI MA - deve supportare la progettazione di percorsi didattici. - si deve porre all interno del processo, interagendo con l ambiente interattivo in modo dinamico. - la sua partecipazione è attiva, interdisciplinare, e consente riflessione, collaborazione, scambio, l approccio è di tipo immersivo, non astratto e distante.si impara facendo attraverso <un azione situata>. Dall informazione (su Internet o sulla TV) traghetta verso la costruzione condivisa della conoscenza (input- processo interattivo output = percorsi didattici).

39 ORGANIZZAZIONE e s p e r ti T u to r c o o r d 1 T u to r p a r te c ip a n ti

40 Il Ruolo del Docente Facilitatore,, Moderatore... ma non solo Creare un clima collaborativo nel quale i colleghi abbiano spazio a livello decisionale Incoraggiare l interazione fra i membri del gruppo Sollecitare gli studenti a prendere l iniziativa Valorizzare i contributi dei singoli partecipanti Stimolare le discussioni riproponendo le domande provenienti dai singoli verso il gruppo Moderare le discussioni aiutando i partecipanti a mantenerne il fuoco Arbitrare eventuali situazioni fortemente divergenti durante le l discussioni o i lavori di gruppo...

41 /'&$ Definibile come: dialogo cooperativo, criticamente condotta a scopo di conoscenza, alternata da interventi nella realtà, che si avvale della rete (Calvani, Td, 15, pp ) È un processo ricorsivo, svolto per mezzo della CMC, di intervento, valutazione dei risultati, valutazione, decisione, nuovo intervento Può essere utilizzato per la soluzione progressiva di problemi (ricerca) o come metodologia didattica decisione decisione decisione intervento valutazione intervento valutazione valutazione intervento Precisa individuazione dei tempi

42 Costituzione di gruppi e TUTORAGGIO on line

43 Modello M. Rotta I ruoli essenziali sono almeno 3. - Il tutor di rete / moderatore è la figura chiave per la gestione efficace delle interazioni tra i componenti della comunità. Può anche evolversi verso figure più specializzate come l'e-coach o l'e-mentor. - Il cosiddetto Information Broker è impegnato nella gestione del sistema informativo su cui la comunità si appoggia e nella mediazione tra le esigenze dei componenti e le risorse materiali utilizzabili. - Il Virtual Community Manager è impegnato nella gestione del processo e nella definizione di compiti, obiettivi e regole, e dovrebbe anche occuparsi della gestione e della configurazione dell'ambiente di interazione

44 DA UNA COMUNITA DI APPRENDIMENTO A UNA COMUNITA DI PRATICA COMUNITA DI APPRENDIMENTO: Tre C: costruzione, collaborazione/cooperazione, contestualizzazione. TUTOR SPECIALIZZATO (scelto all interno della stessa rete, con esperienza sul campo) COMUNITA DI PRATICA: (non direttività, auto gestione) piccoli gruppi di soggetti che basano la loro crescita professionale non tanto su un percorso formativo tracciato (eterodiretto), quanto piuttosto sulla condivisione delle esperienze, sull individuazione delle migliori pratiche e sull aiuto reciproco nell affrontare i problemi quotidiani della propria professione.(trentin G.)

45 Il tutor traghettatore Comunità di apprendimento Gruppo eterodiretto finalizzato al compito, al raggiungimento di comuni obiettivi Comunicazione condivisa finalizzata a trasmettere delle semplici informazioni, scambio di esperienze. Zona di sviluppo prossimale Gruppo organizzato attorno a un progetto, è capace di determinare propri ruoli e funzioni mirati al raggiungimento dell'obiettivo ma non è autosufficiente,. Comunità di pratica Gruppo autodiretto. Team tra colleghi dello stesso livello che si sono associati per risolvere più facilmente i problemi professionali attraverso il reciproco interscambio di conoscenze e la partecipazione a un progetto condiviso.

46 0$$&& Zona di sviluppo prossimale Comunità di apprendimento: Tutor specializzato:

47 Un nuovo identikit Comunità di apprendimento Tutor esterno, facilitatore (specialista) Scaffalatore Ruolo funzionale nella R-A (controllo dei tempi, degli esiti) Comunità di pratica Tutor attore del processo (specializzato) Scaffalatore+traghettatore (zona di sviluppo prossimale) Attività immersiva nella R-A. Monitoraggio (controllo del lavoro in itinere) Coordinamento, conduzione collaborativa e cooperativa, sviluppo dei processi in atto (metacompetenze). Ridotto intervento a livello metodologico-didattico (affidato ad esperti) Incisiva presenza nell evoluzione qualitativa della cooperazione on line (scelta delle strategie).

48 Tutor di rete e gruppo assistito Lavoro di gruppo, (facilitatore nell elaborazione di significati condivisi) = osservatore, animatore, puntualizzatore, rafforzatore, economizzatore. Lavoro di squadra, attuazione del progetto= esperto nella problematizzazione, capace di gestire l incertezza come risorsa. 16/05/2005

49 Cfr.M.Giacomantonio, Modello WBT

50 0#)#/,#/'/)12)301 COORDINATORE AMICO CRITICO ATTORI RICERCATORI COORDINATORE DOCUMENTARIO TUTOR FACILITATORE TECNICO ESPERTI E OSSERVATORI ESTERNI Individuazione dei ruoli

51 Modello Rivoltella: Identikit e competenze del tutor ruolo conoscenza disciplina competenze forte debole sistema relazione identità funzione Cfr.P.Ardizzone, P.C.Rivoltella, Didattiche per l e.learning, Carocci 2003.

52 Funzioni Metodologo ruolo contenuto esercitatore scaffolder istruttore animatore collettore tecnico moderatore course designer osservatore scaffolder relazione Esperto Information sharing Facilitazione tecnologica Mentore Knowledge building Socializzazione Scaffolding Scaffolding funzione Organizzatore

53 Tutoraggio e reti telematiche. 16/05/2005 Focalizzatore. Es. nel dialogo a palla di neve o in forma mista (E.Mail, Forum) Facilitatore e orientatore di percorsi di ricerca-azione nell ambito di una prospettiva ecologica complessiva Garante di un continuo monitoraggio dei percorsi di osservazione e di ricerca-azione on line. Moderatore o animatore di gruppi virtuali Gestore di processi collaborativi

54 A distanza (gli atti comunicativi del tutor) Iniziatore del modulo con istruzioni operative Facilitatore della comunicazione (fare il punto) Supporter alle attività (counseling) Sollecitatore delle attività(aprire all intervento di tutti i partecipanti con messaggi di sollecito) Acceleratore della discussione (in caso di deriva relazionale) commentatore delle attività (riflessioni sui processi) ideatore di proposte di discussione (forum,chat) moderatore (Individuare punti condivisi) Il dilemma: tutor tuttologo (+funzionale) o in team (+produttiva)?

Comunità di apprendimento e. comunità di pratica. emblematico delle reti di scuole. (Communities of Practice CoPs): percorso. L Aquila 22 gennaio 2005

Comunità di apprendimento e. comunità di pratica. emblematico delle reti di scuole. (Communities of Practice CoPs): percorso. L Aquila 22 gennaio 2005 L Aquila 22 gennaio 2005 Comunità di apprendimento e comunità di pratica (Communities of Practice CoPs): percorso emblematico delle reti di scuole Italo Tanoni www.tanoni.net Autonomia e reti di scuole

Dettagli

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Workshop SVEA Torino, 20 Ottobre 2011 Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto Tecnologie Didattiche Genova Workshop SVEA Torino, 20

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

Istituto Tecnologie Didattiche

Istituto Tecnologie Didattiche Didattica a Distanza e/o Apprendimento in Rete trentin @ itd.ge.cnr.it Istituto Tecnologie Didattiche Consiglio Nazionale delle Ricerche, Genova http://www.itd.ge.cnr.it App.to in rete Web - Interattivo

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

Formazione in rete e apprendimento collaborativo

Formazione in rete e apprendimento collaborativo Formazione in rete e apprendimento collaborativo Ballor Fabio Settembre 2003 Cos è l e-learning Il termine e-learning comprende tutte quelle attività formative che si svolgono tramite la rete (Internet

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

Reti e formazione on line: lo stato dell arte

Reti e formazione on line: lo stato dell arte E-LEARNING & NETWORKED COMMUNITY Ancona 9 settembre 26 Reti e formazione on line: lo stato dell arte di Italo Tanoni Direttore IRRE Dirigente Tecnico MPI www.tanoni.net Tematiche Lo stato dell arte Perché

Dettagli

Esperienze, problemi e prospettive: come cambia il ruolo dell e-tutor per la formazione dei docenti

Esperienze, problemi e prospettive: come cambia il ruolo dell e-tutor per la formazione dei docenti Giusy Cannella Esperienze, problemi e prospettive: come cambia il ruolo dell e-tutor per la formazione dei docenti Agenzia Scuola TED - Technology & Edutainment days Fiera di Genova - 30 Ottobre 2007 dalle

Dettagli

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community Associazione per la Professionalità Docente formazione Educommunity Educational Community 2 OFFERTA SCUOLE 3 la nostra offerta Educational Community, grazie all esperienza maturata nel contesto scolastico

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE -prof. Rocco Italiano: collaborazione come progettista, autore dei materiali e delle schede di attivazione, e-tutor. -dir. scol. Blandina Santoianni: direttore

Dettagli

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia La Formazione a distanza di Terza Generazione

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia La Formazione a distanza di Terza Generazione LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia La Formazione a distanza di Terza Generazione Laboratorio 2 Apprendimento collaborativo in rete Laboratorio 2 Apprendimento collaborativo

Dettagli

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni Russi Grazia Classe F1 a.s. 2008/09 Tutor: Silvia Rossi Titolo: Ambiente e territorio Relazione finale Contenuti Il progetto ha lo scopo di sviluppare nei ragazzi il senso di appartenenza nei confronti

Dettagli

Le ICT nella pratica e nello sviluppo professionale dei docenti

Le ICT nella pratica e nello sviluppo professionale dei docenti Le ICT nella pratica e nello sviluppo professionale dei docenti Verso un quadro di riferimento delle degli insegnanti nelle ICT per la loro pratica Vittorio Midoro, CNR, Istituto Tecnologie Didattiche

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

Formazione online o in presenza?

Formazione online o in presenza? Formazione online o in presenza? Settore Tecnologie Educative Paolo_Manfredi@multifad.formazione.unipd.it http://www.formazione.unipd.it PRINCIPALI VARIABILI DI PROCESSO DI APPRENDIMENTO atteggiamenti

Dettagli

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane Il progetto e-learning ICE nasce da un indagine dei fabbisogni formativi delle piccole e medie imprese italiane, interessate a progetti di internazionalizzazione,

Dettagli

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013 formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani Livorno, 23 aprile 2013 2 TRIO è il Sistema di Web Learning della Regione Toscana che mette a disposizione di cittadini, enti pubblici e organizzazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

LEADERSHIP EDUCATIVA

LEADERSHIP EDUCATIVA LEADERSHIP EDUCATIVA Corso per Dirigenti Scolastici Programma realizzato in convenzione con Ufficio scolastico regionale per la Lombardia da dirigenti scolastici in collaborazione con la Fondazione IBM

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Schema di progettazione corso e-learning in modalità blended Titolo Destinatari numero corsisti Lingue coinvolte Tipo di corso

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Gianluca Cicognani La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Il progetto Osservatorio RRHH Spin-Off Formazione a distanza Evoluzione FAD Prima generazione: materiale cartaceo inviato per

Dettagli

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio)

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015 DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) Le linee programmatiche individuate rispondono alla esigenza di: intercettare

Dettagli

1. ORIENTAMENTO ONLINE: 2. L ORIENTATORE ONLINE

1. ORIENTAMENTO ONLINE: 2. L ORIENTATORE ONLINE 1. ORIENTAMENTO ONLINE: 2. L ORIENTATORE ONLINE Molto si è scritto sulla figura dell orientatore (ad esempio Soresi, 2000), alla ricerca di competenze e profili professionali specifici. Sebbene il lavoro

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 INDICE Presentazione della collana... vii INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1 Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 Elena Cozzari 2. L e-learning COME AMBIENTE DI FORMAZIONE... 37 Gioconda

Dettagli

#APP...rendere Digitale

#APP...rendere Digitale #APP...rendere Digitale PROPOSTA Piano di formazione per gli Animatori Digitali della Regione Calabria D.D. 50/2015 #28 PNSD Avviso USR per la Calabria - AOODRCAL/14749 Progetto elaborato dalla Scuola

Dettagli

23 corsi on-line a.a. 2006/07

23 corsi on-line a.a. 2006/07 E-LEARNING Università degli Studi di Teramo Innovare l'e-learning attraverso la condivisione ed il riuso. Dalla condivisione dei contenuti alla condivisione delle conoscenze tra studenti, docenti e non

Dettagli

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA SSIS LAZIO 2007-2007 Indirizzi Tecnologico, Economico-Giuridico CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA Pedagogia e Scienze dell Educazione nella cultura contemporanea Prof.ssa Eleonora Guglielman 1 06. Costruttivismo:

Dettagli

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013 Dagli strumenti alle prassi e dalle prassi ai modelli di mediazione didattica. Esperienze d uso didattico del tablet pc. Introduzione L attuale evoluzione del contesto socio-culturale che caratterizza

Dettagli

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio INTRODUZIONE Nell ambito delle politiche socio-sanitarie,

Dettagli

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia La Formazione a distanza di Terza Generazione Laboratorio 1 - La Formazione a distanza La formazione a distanza Premessa Obiettivo Il senso

Dettagli

MASTER IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE E DIDATTICA (biennale)

MASTER IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE E DIDATTICA (biennale) Pagina 1 di 12 LA FORMAZIONE A DISTANZA ( FAD) COME ALUNNA: MASTER IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE E DIDATTICA (biennale) LA FORMAZIONE ON-LINE COME ALUNNA: Corso on-line Garamond Introdudione al Sistema

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e E-LEARNING E-LEARNING Electronic Learning Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

Linee guida per l anno di formazione

Linee guida per l anno di formazione Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Regionale per la Lombardia UFFICIO VIII FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA Linee guida per l anno di formazione 2009/2010

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

Corso EPICT Valutazione e ICT

Corso EPICT Valutazione e ICT Corso EPICT Valutazione e ICT (Certificazione EPICT Bronze Valutazione e ICT) La valutazione nella Scuola digitale evolve come evoluti rispetto alla scuola tradizionale - sono gli oggetti di valutazione.

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro RISORSE COMUNI Milano, 22 gennaio 2003 LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro Rosanna Lisco Euform.it

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

E-LEARNING NELLA FORMAZIONE DEI PROFESSIONISTI DELLA NUTRIZIONE I CORSI A.I.N.UT. A cura del Gruppo di Formazione A.I.Nut

E-LEARNING NELLA FORMAZIONE DEI PROFESSIONISTI DELLA NUTRIZIONE I CORSI A.I.N.UT. A cura del Gruppo di Formazione A.I.Nut E-LEARNING NELLA FORMAZIONE DEI PROFESSIONISTI DELLA NUTRIZIONE A cura del Gruppo di Formazione A.I.Nut L AMBIENTE DI E-LEARNING DEI CORSI A.I.Nut Multimedialità, interattività, personalizzazione e differenziazione

Dettagli

FORMAZIONE INTEGRATA. E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3

FORMAZIONE INTEGRATA. E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3 FORMAZIONE INTEGRATA E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3 1 TUTOR Bevilacqua Barbara Discenti: Giuseppe Marino Nadia Vincenzo 2 La scheda a fianco proviene dalla Svizzera; descrive le attitudini e le

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori

Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori a cura di Patrizia Vayola Moodlemoot Italia 2006, Alessandria, 6-7 aprile 2006 Alcuni dati Cosa: utilizzo

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

Formazione in didattica L2 a migranti

Formazione in didattica L2 a migranti Formazione in didattica L2 a migranti Piattaforma e-learning nell ambito dell accordo di programma tra la Provincia di Cremona, i Comuni di Cremona, Crema e Casalmaggiore e l Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety p1/21 Introduzione La piattaforma di e-learning è uno strumento didattico, con accesso ed utilizzo interamente web, che permette al docente in totale autonomia di pubblicare e rendere accessibile ai discenti

Dettagli

Ricerca Azione On Line ovvero Ricerca Cooperativa in Rete

Ricerca Azione On Line ovvero Ricerca Cooperativa in Rete Ricerca Azione On Line ovvero Ricerca Cooperativa in Rete Antonio Galvani Dipartimento Scienze dell educazione Università degli Studi di Firenze Destinazione originale di questa serie di lucidi: Conferenza

Dettagli

DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING

DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING CAPITOLO 2 DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING Il fenomeno dell e-learning rappresenta una ennesima tappa dell annoso tentativo di affrancare l apprendimento dalla contestualità spaziale e temporale.

Dettagli

E-learning. Introduzione

E-learning. Introduzione E-learning Introduzione Definizione L'e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet per fornire formazione sincrona e/o asincrona agli utenti, che possono accedere ai contenuti dei corsi

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti

Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti Master: L e-tutor negli ambienti di apprendimento on line Coordinatore del Master: prof. Luca Toschi Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti 1 E- tutor e ambienti di apprendimento on line In questo

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

FORMAZIONE DOCENTI NEOASSUNTI a.s. 2014/15 Il modello organizzativo

FORMAZIONE DOCENTI NEOASSUNTI a.s. 2014/15 Il modello organizzativo FORMAZIONE DOCENTI NEOASSUNTI a.s. 2014/15 Il modello organizzativo Il nuovo modello organizzativo è articolato in quattro fasi di sviluppo Attività formative per un totale di 50 ore - Attività in presenza

Dettagli

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa 8 Congresso Nazionale FADOI Bologna, 14-17 Maggio 2003 E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa Centro di Ricerca e Formazione in Ecografia Internistica ed Interventistica

Dettagli

PROFILI DELLA FORMAZIONE

PROFILI DELLA FORMAZIONE Allegato 1d.2 PROFILI DELLA FORMAZIONE Nota Bene: Fermo restando i profili di formazione già sanciti da specifiche regolamentazioni (ad esempio i profili presenti nell ambito della formazione in medicina

Dettagli

Firenze 10 novembre 2009.

Firenze 10 novembre 2009. Selezione pubblica per l individuazione di TUTOR preposti alla moderazione di forum, blog, eventi sincroni e laboratori per studenti Progetto PON SOS Studenti a.s. 2009-2010 Firenze 10 novembre 2009. Decreto

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

PuntoEdu Indire: Formazione online Neoassunti 2008

PuntoEdu Indire: Formazione online Neoassunti 2008 PuntoEdu Indire: Formazione online Neoassunti 2008 PuntoEdu Formazione NeoAssunti 2008 è l ambiente di apprendimento per i docenti neoassunti nell anno scolastico 2007/08 con contratto a tempo indeterminato.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA

INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA Programma Operativo Nazionale 2007/2013 INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA del corso PON Didatec base D-5-FSE-2010-1 a.s. 2012-2013 Con la presente nota si vogliono fornire al Dirigente

Dettagli

Introduzione 11. 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21

Introduzione 11. 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21 Indice Presentazione di F. Falcinelli 7 Introduzione 11 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21 2. Tipologie di e-learning e modelli

Dettagli

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning ICT Solution ICT Solution WeTech Srl è un'azienda italiana operante nel campo dell'information & Communication Technology che, grazie alla sua offerta di prodotti e servizi ad alto valore aggiunto, è in

Dettagli

Ambienti di apprendimento e TIC

Ambienti di apprendimento e TIC Piano Nazionale di Formazione Degli Insegnanti sulle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Ambienti di apprendimento e TIC OBIETTIVI DEL MODULO Il concetto di ambiente di apprendimento Le

Dettagli

Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici. di Franco Bochicchio

Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici. di Franco Bochicchio Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici di Franco Bochicchio Il Master Promosso dal CO.IN.FO. nell ambito delle attività consortili Formazione

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia ISTITUTO COMPRENSIVO G. CALÒ V.le M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA tel. 099/8290470 Email: TAIC82600L@istruzione.it - www.scuolacalo.gov..it Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa

Dettagli

Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013

Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013 Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013 I.C. 2 di Arzignano (VI) Direttore del Corso: Dirigente Scolastico Frigotto Pier Paolo E-tutor: Dott.ssa Bevilacqua Barbara 1 Modello di formazione:

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 22) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Approvate dal Senato Accademico nella seduta del 23/01/2013 1. Introduzione: modelli ISA e blended learning... 2 2. Linee guida... 3 2.1.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

SCUOLA DI ORGANIZZAZIONE Modello metodologico e metodologie per la formazione Approccio metodologico Il modello formativo messo a punto e utilizzato dalla Scuola di Studi Socio-economici e Organizzativi

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO. Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO. Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva LA REGIONE JONICO-ETNEA IN UN CLICK Presentazione Il progetto si propone

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

Attività 2.1. Gruppo Betulle

Attività 2.1. Gruppo Betulle page1 of 33 Costruire una pianificazione orizzontale del percorso, esplicitando per ogni giornata in presenza e per ogni periodo intermedio in Classe Virtuale, quali obiettivi si intende raggiungere per

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO A scuola tra le nuvole Il progetto intende realizzare il connubio tra la tecnologia, come strumento di mediazione dell apprendimento,

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 Premessa Alla luce dei risultati delle prove Invalsi, tenuto conto dell

Dettagli

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Portale web e Corso FAD Roma 25 ottobre 2006 MATTONI SSN Nolan, Norton Italia Attività Portale web predisposto nell ambito delle Attività di Manutenzione

Dettagli

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Il Sistema Permanente di Formazione on line del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Sistema Permanente di Formazione on line del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Il Sistema Permanente di Formazione on line del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Il progetto SPF on line SPF on line è un progetto nazionale pubblico e gratuito di formazione continua È

Dettagli

LABORIAMO INSIEME 2013-14

LABORIAMO INSIEME 2013-14 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI Progetto di laboratori per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva LABORIAMO INSIEME 203-4 Presentazione Il progetto si propone di realizzare

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI Documento di Programmazione INFEA della Regione Puglia 2003/2004 (ex deliberazione di G.R. 860/02) - Definizione della strategia complessiva

Dettagli