Impara l inglese in un mese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impara l inglese in un mese"

Transcript

1

2

3

4 Testi: Matteo Salvo - Illustrazioni: Barnaba Orrù (disegnatore), Gaetano Sabella (coloratore disegni), Mauro Gerbaudo e Cecilia Vizzini (disegnatori mappe) Revisione testi: LiberLab - Servizi editoriali Savigliano (CN) Realizzazione: gi.mac Savigliano (CN) Edizioni Gribaudo Regione Domini, S.S. 30 km Terzo (AL) tel fax Coordinamento editoriale: Franco Busti, Paola Morelli Segreteria di redazione: Anna Gribaudo Stampa: Arti Grafiche Dial - Mondovì (CN) Prima edizione: 2007 [XI (E)] Tutti i diritti sono riservati, in Italia e all Estero, per tutti i Paesi. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa con qualsiasi mezzo e in qualsiasi forma (fotomeccanica, fotocopia, elettronica, chimica, su disco o altro, compresi cinema, radio, televisione) senza autorizzazione scritta da parte dell Editore. In ogni caso di riproduzione abusiva si procederà d ufficio a norma di legge. Ogni riferimento a persone, cose o aziende ha l unica finalità di aiutare il lettore nella memorizzazione e non di ledere l immagine della persona, cosa o azienda in questione.

5

6 Introduzione Immagina di fare un brindisi dove spaccando il tuo bicchiere sul MENTO di una persona esclami CIN cin, di colpirlo in un OCCHIO e sentirlo urlare AHI! e poi di tagliargli un BRACCIO e sostituirglielo con un ARMA. Se ci sei riuscito allora abbi la consapevolezza che quello che hai in mano non è un libro giallo ma un libro che ti insegnerà, con la stessa facilità con la quale hai imparato che in inglese MEN- TO si dice CHIN, OCCHIO EYE e BRACCIO ARM, tutto quello che ti serve per parlarlo fluentemente. Molte volte quello che resta dall inglese che si è studiato per anni a scuola o durante lunghi corsi serali è the cat is on the table ma se il gatto decidesse di scendere molti inizierebbero ad avere problemi! Scrivo questo libro con un unica motivazione: sento dentro un qualcosa più forte di me, qualcosa di magico e profondo che mi ha detto di farlo. Questa sensazione mi ha portato a creare ciò che stai leggendo. Penso che molte persone abbiano il desiderio di imparare l inglese, ma il metodo accademico al quale siamo abituati rende l apprendimento della lingua un percorso lungo e inefficace. Tante volte poi il metodo è ripetitivo e schematico e questo anziché rendere lo studio piacevole e avvicente lo rende noioso e poco dinamico. Eppure conoscere l inglese, a livello di curriculum, in molti settori è molto più importante che sapere bene la preistoria o come funzionano le scale logaritmiche o gli integrali. Il libro ti accompagnerà per mano e velocemente verso il tuo obiettivo. Si parte da una conoscenza dell inglese praticamente nulla e si arriva al punto in cui sarai in grado di comunicare tranquillamente in qualsiasi situazione. Una volta raggiunto quel livello avrai la possibilità di affinare sempre di più la lingua semplicemente interagendo meglio con persone di madrelingua o ascoltando e capendo testi di canzoni o film in inglese. Per raggiungerlo faremo diversi esercizi che sono utilissimi e che danno risultati sorprendenti anche se all inizio si può provare la falsa sensazione che non stiamo apprendendo nulla. Per trasferire questo concetto con un esempio sportivo è come immaginare di imparare a correre bene e a fare tanto stretching per poi fare il salto con l asta. All inizio se uno pensasse di affrontare subito il gesto finale che si effettua con l asta risulterebbe tutto più impegnativo in quanto non si avrebbe la scioltezza e l elasticità nel movimento oltre alla velocità giusta per poter effettuare il salto. I capitoli del libro non sono strutturati in ordine di difficoltà bensì in ordine di funzionalità e ciascuno presenta in fondo degli esercizi che desidererai fare proprio perché ti daranno la consape- 9

7 Introduzione volezza di quanto stai imparando. Alcune frasi all interno di questi, come ad esempio l asino è felice ed è sull aereo, sembreranno non avere alcun senso logico ma in realtà sono fatte apposta per due motivi: il primo è quello di consolidare tutti i verbi, gli aggettivi, i sostantivi e le nozioni apprese fino a quel punto, il secondo è quello di usare la parte destra del cervello attraverso l uso di immagini creative. Sappi che è proprio la pratica a darti il miglior risultato. In inglese questo sistema di apprendimento viene chiamato learning by doing ovvero imparare attraverso il fare. L ultimo esercizio di ogni tappa ti dirà quali contenuti ripassare e con quali intervalli di tempo per memorizzare le informazioni sul lungo termine. Inoltre troverai una parte Fai in modo che il mondo ti parli in inglese che ti darà una serie di suggerimenti utili per fare in modo che la mente si sintonizzi sempre meglio sulla lingua. Sii però consapevole del fatto che aver comprato questo libro non ti garantisce di imparare l inglese. Molte volte le persone si iscrivono a un corso e il fatto di pagarlo li tranquillizza come se quella fosse la condizione necessaria e sufficiente per ottenere il risultato. Non è così. Quello che è necessario è il desiderio di imparare l inglese. Non c è modo migliore per imparare qualcosa che avere una forte motivazione, uno scopo superiore e fare qualcosa che diverta. Ad esempio, alcuni appassionati di musica imparano di più leggendo e scoprendo i testi delle canzoni che piacciono loro piuttosto che grazie a noiose ore di lezione a scuola. Il modo migliore è tuffarsi nella mentalità e nella lingua. Molti studenti ogni anno trascorrono il solito periodo di vacanze studio che molte volte si riducono a vacanze in quanto si dorme 3 ore a notte, a lezione si recupera il sonno perso e finito l orario di lezione ci si va a divertire con gli amici connazionali in giro per la città. Gli unici che imparano veramente qualcosa sono quelli più intraprendenti che si lanciano verso nuove conquiste sentimentali e che hanno una motivazione esagerata nell imparare la lingua per poter parlare ore con la loro nuova fiamma. Quando c è il divertimento e la motivazione tutto diventa un gioco entusiasmante e le cose avvengono facilmente. Ovviamente le emozioni che proviamo sono il propulsore che sta alla base di ogni nostra azione. Più l emozione che proviamo è forte e nobile più tutto diventa facile. È diverso voler imparare l inglese per conversare con le persone con le quali stiamo bene rispetto a doverlo imparare perché il titolare dell azienda presso la quale lavoriamo ci ha imposto di impararlo. Per questo è molto importante inserire l apprendimento della lingua all interno di ciò che più ti appassiona. Se ti piace la musica di un certo genere allora potrai iniziare ad ascoltarla in inglese traducendo i testi delle canzoni e soprattutto CANTANDOLI! Ti ricordi l espressione learning by doing? Se è doing e non listening non è per caso. Se ti piace il cinema puoi iniziare a guardare dei film del tuo genere preferito con l audio e i sottotitoli in inglese. Meglio ancora se li hai già visti in italiano in modo da conoscerne bene la trama, i dialoghi e i contenuti. Tutto questo ti permetterà di entrare mentalmente nella lingua, assimilare le pronunce delle parole ed iniziare a comprendere gli accenti e la musicalità. Se ti piace leggere, leggi in inglese i libri che hai già letto in italiano. Se ti piace lo sport leggi riviste del tuo sport preferito in inglese. Ti renderai conto di come sia facile imparare. Grazie alla tua passione, alla tua competenza in quel campo specifico e alle immagini ti renderai conto di capire a grandi linee il contenuto e imparerai parole nuove del settore e inconsciamente imparerai anche come si costruiscono le frasi, dove vanno posizionati gli aggettivi, i verbi e ogni elemento che vi compare. Alla fine, quando saprai parlare in modo corretto, se ti dovessero chiedere: ma perché hai messo la preposizione proprio lì? non saprai dare la risposta logica spiegando che c è una regola ma semplicemente dirai che ti è venuto spontaneo posizionarla lì. Infatti questo libro non vuole sostituire una grammatica ma vuole essere un aiuto per imparare a parlare l inglese. Anzi mi sento di dirti che affiancarlo a un buon testo di grammatica e a un buon dizionario (possibilmente con un CD- ROM con tutti i vocaboli e la possibilità di ascoltarne la pronuncia) può darti grandi vantaggi in questo percorso. In un certo istante ti renderai conto che tutto quello che hai fatto ti darà risultato all improvviso e molto velocemente. È un po come succede in natura. Il contadino ad esempio sa bene che lavorerà diversi mesi per preparare il terreno, concimare e seminare ma poi la cosa magica è che il raccolto avviene tutto in poco tempo. Andiamo a scoprire come accadrà tutto questo. All inizio partiremo con le basi, e poi via via andremo ad aggiungere sempre più nozioni contestualizzandole in modo specifico. Memorizzerai tutto ciò che ti potrà essere d aiuto in diverse circostanze come in viaggio, al ristorante, negli uffici pubblici e così via. L obiettivo è quello di essere efficaci quindi andremo dritti al risultato. Prima però voglio farti una domanda. Ti piace viaggiare? E giocare? Se la risposta è sì sappi che è quello che stai per fare. Infatti il libro non sarà nient altro che un viaggio di un avventuriero/cavaliere/esploratore di cui adesso non sappiamo ancora nulla se non che sarà nostro compagno e ci aiuterà in tutto il percorso. Durante il viaggio riceverai degli indizi che ti potranno aiutare a scoprire chi si cela dietro la sua corazza, se è un uomo o una donna, quanti anni ha e come si chiama. Nel frattempo puoi decidere di dargli il nome che più ti piace in attesa di scoprire la sua vera identità. Il suo obiettivo è quello di aiutarti a conquistare l inglese che è rappresentato dalla Gran Bretagna. Si prenderà il tempo che gli serve per percorrere ogni tappa sapendo che la cosa meravigliosa non è solo raggiungere l obiettivo ma anche godersi il viaggio. Gli piace visitare i posti nuovi e prendersi il meritato riposo. Sa che ha bisogno di costanza, entusiasmo e determinazione per raggiungere il suo obiettivo e che percorrendo una tappa al giorno può conquistare tutti i territori nell arco di un mese riposandosi anche un giorno a settimana per ricaricare al meglio le batterie e facendo le cose che più gli piace fare per festeggiare i risultati straordinari che sta ottenendo. Alla fine di ogni tappa per poter considerare il territorio conquistato dovrà rispondere alle parole d ordine che gli verranno fatte alla frontiera. Detto questo non mi resta che augurarti una splendida avventura o meglio ENJOY YOUR JOURNEY! 10 11

8 TAPPA 1 Obiettivo: imparare il metodo quantificare gli interessi 12 13

9 Gatto cat, gatto cat, gatto cat, gatto cat, gatto cat, gatto cat, gatto cat, gatto cat, gatto cat Dimentica questo metodo se è quello che ti è stato detto di usare fino a adesso per memorizzare dei vocaboli, delle espressioni idiomatiche o delle regole. La tua mente ha delle potenzialità straordinarie e rifiuta di imparare attraverso la ripetizione proprio perché si sente sminuita. Ha la capacità di creare immagini, di costruire associazioni e di collegare le informazioni che già conosce con quelle che sta imparando. Ti è mai successo di leggere qualcosa, arrivare in fondo alla pagina e renderti conto che hai letto solo con gli occhi ma che la mente era da tutt altra parte? Questo succede proprio perché la mente si annoia a subire le informazioni in modo passivo. In poche parole vuole sentirsi utile e aiutarti nell apprendimento e se tu non le chiedi il suo aiuto si sentirà sprecata e rifiutata. Come ti sentiresti se ti facessero fare per due ore di fila una cosa banale e scontata come svitare e riavvitare il tappo di una bottiglia vuota? Probabilmente è la stessa sensazione che prova la mente quando le propiniamo qualcosa in modo passivo senza farla partecipare al gioco della scoperta della lingua. Quando studiamo con il metodo leggo e ripeto paradossalmente non stiamo sfruttando le aree cerebrali adibite alla memorizzazione a lungo termine, alla rielaborazione delle informazioni e alla visione d insieme delle nozioni acquisite. Infatti leggendo e ripetendo stiamo facendo un qualcosa di ripetitivo e schematico. La parte del cervello che utilizziamo per fare questo è quella sinistra dove risiede la memoria ripetitiva e a breve termine. Siamo tutti d accordo sul fatto che imparare una lingua e dimenticarla successivamente non serve a nulla. Per questo motivo il metodo che utilizzeremo da adesso in avanti si basa proprio sulle caratteristiche della nostra memoria a lungo termine. Andremo ad utilizzare la creatività, l associazione di idee e creeremo associazioni di immagini talmente paradossali e creative che ricordarle sarà un divertimento. Per molti aspetti torneremo a pensare con uno stile creativo tipico del bambino che è dentro ciascuno di noi. Non è un caso infatti che i bambini siano in assoluto le persone più veloci a imparare. Quando una famiglia fa una viaggio all estero è sorprendente vedere come i figli dopo una settimana giochino tranquillamente con i coetanei mentre i genitori per ordinare qualcosa da mangiare al ristorante abbiano bisogno del dizionario con tutte le frasi preimpostate e la pronuncia figurata. Per memorizzare i vocaboli faremo sempre associazioni di immagini. La cosa importante è che queste non vengano fatte in modo casuale ma osservando una regola che chiamiamo P.A.V. (paradosso azione e vivido). Questa associazione deve essere fatta in modo paradossale, dinamico e vivido. Con PARADOSSALE intendo che esca da tutti gli schemi e da ogni logica. In questo modo sfruttiamo l emozione che suscita l immaginare una cosa del genere. A questo punto se dovessimo immaginare un elefante lo immagineremmo piccolo come un moscerino e se dovessimo pensare a un moscerino lo penseremmo gigantesco. Nell associazione metteremo sempre l AZIO- NE. La nostra mente ricorda molto meglio qualcosa in movimento piuttosto che qualcosa di statico. È il motivo per il quale sempre più pubblicità su internet hanno immagini dinamiche. In modo VIVIDO intendo che immagineremo le associazioni di immagini come se le stessimo vivendo in prima persona. PARA-DOSSO AZIONE VIVIdo Può essere molto utile e importante immaginare l associazione con tutti i nostri 5 sensi in modo da rendere il ricordo ancora più forte. Facciamo un esempio in modo da rendere più comprensibile il tutto. Quando ci chiedono di immaginare qualcosa molte volte ci limitiamo a rappresentarne mentalmente un immagine. Molto diverso è invece il vivere quell immagine con i 5 sensi. Quest ultimo modo di vivere le situazioni si chiama sinestesia ed è uno dei presupposti base per ricordare le informazioni a lungo termine. Pensa per esempio a un limone. VISTA: osservalo bene nel dettaglio, cogline tutti gli aspetti, le dimensioni, il colore, la forma come se dopo dovessi disegnarlo. TATTO: immagina di prenderlo in mano, di sentire la sensazione che ti trasmette, se è maturo e morbido o ancora acerbo e duro, senti la sensazione che ti trasferisce la scorza. UDITO: immagina di farlo cadere, ascolta il suono e poi ascolta il rumore mentre ne tagli uno spicchio. OLFATTO: immagina di portarlo sotto la punta del naso e odorane il profumo. GUSTO: infine immagina di addentarne uno spicchio e assaporarne il gusto. Vivere ogni cosa attraverso i 5 sensi imprime un ricordo molto forte nella nostra memoria proprio perché più la immaginiamo in modo vivido più è come se la stessimo vivendo nella realtà

10 Il fatto che la tua salivazione sia aumentata pensando di addentare il limone è proprio la prova del fatto che la mente ha difficoltà a distinguere un esperienza realmente vissuta da una vividamente immaginata. Non trovi magico ciò che ti è appena successo? Hai semplicemente pensato qualcosa e il tuo corpo si è preparato a riceverla. Pensa al potere che ha la mente. È esattamente quello che succede nei sogni: sogniamo di essere inseguiti da qualcosa che ci spaventa e ci svegliamo con il batticuore. Il nostro corpo si comporta come se stesse affrontando realmente quella situazione. Proprio per questo abbi la consapevolezza che limitarti a leggere il libro non serve a nulla è viverlo con i 5 sensi che ti farà ricordare l inglese sul lungo termine. Alla luce di tutto questo vediamo come possiamo fare per memorizzare delle parole. Innanzitutto dobbiamo sempre sfruttare associazioni di immagini con P.A.V.: per prima cosa, quindi, prendiamo l immagine per il vocabolo in italiano. Se il vocabolo è astratto ne costruiamo una. Successivamente, prendiamo non la grafia, ma la pronuncia del vocabolo in lingua straniera. Costruiamo un immagine per la pronuncia del vocabolo in lingua straniera. Associamo le immagini con P.A.V., avendo sempre l accortezza di partire dall immagine del vocabolo nella nostra lingua madre. Questo perché molti vocaboli, i cosiddetti falsi amici, possono trarre in inganno, in quanto hanno un senso diverso da quello apparente in italiano. Per esempio, in inglese il vocabolo factory significa fabbrica e non fattoria che invece si dice farm; quindi, il rischio che correremmo se non partissimo sempre dall immagine del vocabolo in italiano, è quello di dire che in inglese fattoria si dice fabric. Qui di seguito trovi diversi esempi svolti passaggio per passaggio in modo da rendere il meccanismo più chiaro e comprensibile. libro book BUK un BUKo enorme P.A.V.: il mio LIBRO preferito ha un BUKo enorme nelle pagine e non posso leggerlo famiglia family FÈMILI l esclamazione di una persona con accento meridionale che dice FÈMMI LÌ. P.A.V.: una bella FAMIGLIA di malviventi viene fermata dalla polizia con accento meridionale: FÈMMI LÌ! maestro teacher TICIA(R) un TIr con sopra un CIARlatano P.A.V.: il mio INSEGNANTE preferito entra in classe a bordo di un TIr con sopra un CIARlatano Facile, vero? Una volta capito il meccanismo non c è più bisogno di fare tutti i passaggi ma sarà automatico creare direttamente un associazione tra l immagine del vocabolo in lingua madre e l immagine della pronuncia del vocabolo in lingua straniera così come sarà per tutte le prossime memorizzazioni. All inizio si può avere la sensazione che sia più laborioso e lungo che leggere e ripetere. Ti tranquillizzo subito. Questo è dovuto al fatto che non siamo abituati a ragionare in questo modo ma appena prenderemo un po più di dimestichezza con la creatività e con il metodo, imparare velocemente diventerà spontaneo e naturale. È esattamente come guidare la macchina. All inizio si pensa a tutti i movimenti che dobbiamo fare, poco dopo possiamo parlare tranquillamente, ascoltare la musica o fare altro senza più concentrarci sui movimenti. Pensare che sia un metodo più laborioso e lungo è come se, la prima volta che abbiamo tentato di far partire la macchina per imparare a guidare, avessimo pensato: ma a quest ora a piedi avrei già fatto un chilometro. È vero! Il fatto è che se vuoi fare della strada e viaggiare per il mondo quante possibilità in più hai dopo che hai imparato a guidare? Al fine di apprendere in modo più efficace ci tengo a illustrare un concetto fondamentale per ottenere un ottimo risultato: è il concetto del 20/80. Questa regola dice che in ogni cosa che facciamo sono solo un 20% delle azioni svolte quelle che danno l 80% del risultato. Se ci rifletti infatti è solo il 20% dei vestiti che abbiamo nell armadio quello che indossiamo l 80% delle volte; è il 20% delle persone presenti nella nostra mailing list a ricevere l 80 % delle che scriviamo ed è solo il 20 % dei venditori di un azienda a produrre l 80% del fatturato. E infine, se ci dedicassimo una giornata di divertimento, sarà circa un 20% di quella giornata a darci l 80% della felicità. Alla luce di questo è fondamentale focalizzarsi su quel 20% che è formato dalle priorità senza disperdere tempo ed energia su ciò che non è prioritario. Una cosa che ho imparato in tutti questi anni di formazione è che alla fine quello che fa la differenza sono i risultati. Ci sono persone che trascorrono molto tempo sui libri e poi non riescono a mettere insieme una frase costituita da soggetto verbo e complemento. Sinceramente di queste persone apprezzo l impegno ma senza risultati non si va da nessuna parte. Tante volte si conserva un metodo inefficace e si passano molte ore a studiare perché così si è conformi a quello che ci hanno sempre detto, ovvero che ci vuole tempo. A volte penso che molti continuino in quel modo o perché non si rendono veramente conto del valore del loro tempo o perché preferiscono giocare sul sicuro e non mettersi in discussione. Non fa riflettere il fatto che la maggior parte delle persone trattiene poco o nulla della grammatica e di tutte le nozioni acquisite a scuola mentre un bambino di sei anni, che ha passato i due terzi del suo tempo a dormire e il terzo rimanente a giocare, sappia parlare tranquillamente la lingua senza conoscere una nozione di grammatica, sapere cos è un congiuntivo o un periodo ipotetico di secondo tipo? Proprio da queste considerazioni nasce il mio approccio diretto e orientato al risultato. Più che aggiungere nozioni e regole penso sia molto più importante toglierne. Focalizzarsi effettivamente su quel 20% di vocaboli e regole che ci danno l 80% della conoscenza della lingua. In inglese questo concetto viene espresso con le parole less is more ovvero tradotto concettualmente meno dà più risultato. Possiamo chiamarla terapia d urto nell apprendimento. È logico che per imparare in questo modo è necessario esporsi, correre dei rischi ma se il rischio che si corre è solo quello di fare 16 17

11 una gaffe vale decisamente la pena di correrlo. In questo modo si vince sempre. Immagina: è come un biglietto della lotteria particolare. Se ti dicessero che costa 5 e che, se non vinci ti danno indietro 7 e, se invece vinci, ti tieni la tua vincita, non troveresti assurdo non giocare? Qui succede esattamente la stessa cosa perché comunque vada vinci sempre, ovvero impari. All inizio magari si fanno tanti errori ma sii contento perché ogni errore porta con sé una lezione e più grande è l errore più stiamo imparando. L unico modo per non sbagliare mai è non fare mai nulla, ma, dal momento che ti stai mettendo in gioco leggendo questo libro, questo è un discorso che non ti riguarda. Molti tendono a volere imparare a forza di leggere e ripetere. Alcuni poi che ne hanno la possibilità pagano una professoressa privata che gli spieghi tutta la grammatica alla perfezione, gli spieghi gli esercizi e gli parli in lingua per aiutarli ad assimilare la pronuncia. Ai miei corsi i miei allievi sanno che il mio sistema è l opposto. Vuoi imparare l inglese, se vuoi farti aiutare da una professoressa privata pagala affinché ti faccia parlare, ti ascolti e ti corregga gli errori. In questo modo la nostra mente inizierà a collegare tutte le informazioni che ha a disposizione e soprattutto anziché subirle è lei a cercarle. È diverso sentire la professoressa che ci spiega come si dice una determinata cosa rispetto a dirla noi stessi. Soprattutto quando non conosciamo un termine la nostra mente inizia a cercare tra tutte le risorse che ha per trovare dei sinonimi o un modo per trasferire quel concetto. In quell istante ha desiderio di conoscere quella parola perché le serve e sta facendo un percorso molto impegnativo proprio perché le manca quel termine. Probabilmente se non sappiamo per esempio come si dice la parola coniglio inizieremo a fare un giro di parole e potremmo iniziare a dire: è un animale, ha 4 gambe, è piccolo Nell istante in cui ci facciamo capire e la professoressa ci dice per esempio che coniglio si dice rabbit, in quell istante la nostra mente registrerà quell informazione perché ne aveva bisogno. Non solo, avremo anche utilizzato altre parole e costruito frasi per arrivare a fare capire quello che volevamo dire. Riusci- remo a parlare in modo sempre più fluido, noteremo i progressi e questo ci motiverà ad andare avanti perché ci si rende conto che si è in grado di farsi capire. Questo non succederebbe minimamente se la professoressa ci dicesse: ripeti 10 volte coniglio-rabbit. Dal momento che questo libro è rivolto a coloro che vogliono imparare a PARLARE l inglese metteremo più enfasi sulla pronuncia piuttosto che sulla grafia. Questo perché per poter parlare la prima cosa è capire l interlocutore, comunicare sarà una fase successiva e successiva ancora sarà lo scrivere. Per apprendere più velocemente non compariranno tutti quei simboli particolari che si trovano all inizio di un qualsiasi dizionario inerenti alla fonetica come per esempio quelli riportati nell immagine seguente che riguardano la pronuncia delle vocali. VOCALI i: 1 e æ a: a: Ω u: Solo per imparare quelli ci vuole diverso tempo ma soprattutto è difficile per chi non è del settore attribuire ad un simbolo grafico un suono. Sarebbe come per una persona che non ha mai studiato musica osservare un pentagramma. A lui quelle righe difficilmente evocano qualche suono. Cercherò di trasferirti la pronuncia corretta delle parole grazie alle conoscenze che già hai e ad esempi di parole conosciute. Per renderla più comprensibile la troverai scritta con le lettere tradizionali che più riproducono la pronuncia reale. Alcuni suoni che in italiano non esistono sono rappresentati da lettere particolari in modo da intuire immediatamente il suono più vicino. Per avere un idea la lettera s nella parola rosa ha un suono che è diverso da quello nella parola gusto. Ogni volta che la s è sonora come in rosa la rappresenteremo con S. e :ε v Qui sotto è riportato uno schema di come rappresenteremo in modo immediato i suoni che in italiano non esistono e che useremo per avvicinarci il più possibile al suono corretto. S per rappresentare la S come nella parola rosa ; noi us AS (R) per la R che non si sente quasi; noi siamo we are UI A(R) Ô per rappresentare la O chiusa; vecchio old ÔLD CC in finale di parola per il suono C dolce come nella parola ciao : pesca peach PIICC K per il suono gutturale come in casa papero duck DAK GG in finale di parola per la G dolce come in giù : arancia orange ORANGG GH per la G dura come in ghiro : rana frog F(R)OGH SH per indicare in finale di parola il suono SC come nella parola sci : autolavaggio car wash CA(R) UOSH T per indicare il suono a metà tra una T e il suono CI (quasi il suono iniziale di uno starnuto): due two TU D per indicare il suono a metà tra una D e il suono CI (quasi il suono iniziale di uno starnuto): asciutto/secco dry DRAI Ovviamente ciò che ti permetterà di rendere il Le parole che sono state scelte sono di uso tuo modo di esprimerti fluido e corretto sarà molto comune in modo da familiarizzare sempre di più con la lingua. Nelle comunicazioni ascoltare la lingua e soprattutto parlarla. Per prima cosa dunque vediamo come gli inglesi pronunciano le singole lettere che com- e uniformità si usa l alfabeto internazionale ov- internazionali per ovvi motivi di comprensione pongono le parole. Sapendo questo in molti vero a come alpha, b come bravo, c come casi riusciremo anche a scrivere la parola correttamente proprio grazie alla conoscenza dei fase memorizzare delle parole che potremmo charlie... Penso che non abbia senso in questa suoni delle singole lettere. Questo ci sarà utile utilizzare rarissimamente nel linguaggio comune. Per questo motivo useremo a come ap- anche per poter fare lo spelling ed essere compresi anche nella comunicazione telefonica. ple ( mela ), b come banana

12 Lettera Pronuncia Esempio Pronuncia esempio EI for Apple ÉPPOL a b BI for Banana BNANA c SI for Car CA(R) d DI for Dog DOG e I for Elephant ELEFANT f ÈF for Fox FOX g GI for Giraffe GIRAFF h EICC for Hotel HOTEL i AI for Ink INK puoi notare questa scritta sulle cartucce della stampante for Juliett GIULIETT j GEI k KEI for Kilo KILO l EL for Lion LAION lo snack lion sulla confezione ha proprio un leone m EM for Motorbike MOTO(R)BAIK n EN for Nut NAT hai notato che la NUTella ha la parola NUT nel suo nome? for Orange ORANGG o O p PI for Party PA(R)TI q KIU for Queen QUIIN r A(R) for RoSe RÔUS s ES for Sun SAN t TI for Turtle TA(R) TOL hai mai sentito nominare le Ninja turtles? Sono le tartarughe ninja del film diventate anche giochi per bambini. for Umbrella AMB(R)ELLA u IU il complesso degli U2 letto correttamente si pronuncia IU TU for Violin VAIOLIN v VI w DABLIU for Whiskey UISKI x EKS for X-ray ICS (R)EI y UAI for Yacht IOT z SED for Zebra SEBRA Se la pronuncia può sembrare la cosa più impegnativa, la grammatica costituisce uno degli aspetti più semplici in assoluto. Ce ne renderemo conto già da subito. Adesso che abbiamo accennato al metodo inizieremo proprio dalle basi ma ci tengo a dirti che una buona base già ce l hai. Questo perché molti vocaboli fanno già parte del nostro linguaggio comune come per esempio weekend, airbag e tanti altri riportati di seguito. L unica cosa è che non ce ne rendiamo conto perché le abbiamo imparate così come sono e quasi mai chiedendoci il perché o il significato di quella parola in inglese. Per esempio il sistema di protezione che serve per evitare alle auto di uscire fuori dalla carreggiata sappiamo tutti quanti che si chiama guardrail ma cosa vorrà dire? È una parola unica o è una parola composta? Nell istante in cui scopriamo che è formata dalle parole guard ( guardia ) e rail ( sponda, traversa, barra inferriata ) diventa palese il suo significato e possiamo tradurla come barriera di protezione. A questo punto diventerà interessante porsi domande su altre parole come body-guard ( guardia del corpo ) o rail-way ( ferrovia, way significa via, modo ) in quanto la nostra mente cercherà di creare un collegamento tra ciò che già conosce e ciò che deve ancora scoprire. Infatti ogni cosa se si chiama in un certo modo è per un motivo specifico e quindi anche in questo caso per poter imparare bene è molto importante porsi in modo attivo e andare con curiosità alla ricerca del perché delle cose. È assolutamente da evitare invece il fatto di bombardare la mente di informazioni subendole in modo passivo in quanto questo è il modo migliore per dimenticarle velocemente. Quante parole pensi siano necessarie per farsi capire in qualsiasi situazione? Molte volte ci si scoraggia di fronte a dizionari con vocaboli pensando che prima di poterli imparare occorrano anni. In realtà la stessa cosa dovrebbe succedere di fronte a un dizionario in lingua italiana in quanto sono presenti migliaia di parole ma non è strano sapere che quelle che utilizziamo nel linguaggio quotidiano variano tra 900 e 1200? In questo numero ovviamente non rientrano termini specifici di particolari settori come per esempio la medicina o l ingegneria. In questo caso il numero aumenta in modo considerevole. Sappi che comunque parti già con una buona base infatti la parte che segue serve per darti la consapevolezza di quante parole già sai in inglese. Immagina, è come se decidessi di aprire un nuovo conto in banca e il direttore ti dicesse: ma lei è consapevole del fatto che ha già depositato un importante somma presso di noi e ha anche maturato degli interessi?. Non ti farebbe molto piacere? Ebbene adesso stai per renderti conto degli interessi maturati in tutto il periodo prima della lettura di questo libro. Prima di procedere con la lettura ti chiedo di pensare indicativamente al numero di parole che già pensi di conoscere ovvero gli interessi maturati e di scriverlo nello spazio sottostante. Numero di parole in inglese che penso di conoscere 20 21

13 Questo ti permetterà di fare un confronto e valutare se erano di più o di meno. I termini seguenti sono catalogati in ordine alfabetico ma se da uno se ne può collegare un altro allora comparirà anche questo anche se inizia con una lettera diversa. Questo per favorire i collegamenti tra le idee e stimolare la curiosità e la ricerca delle informazioni. Troverai vocaboli che conosci molto bene e altri che magari hai sentito solo qualche volta. La cosa meravigliosa di questa scoperta è che l essere consapevoli del perché una cosa si chiama in un certo modo ci permette di usare poi quel vocabolo o verbo in tutti gli altri contesti in cui può essere utilizzato. In molti casi compare l associazione e l immagine per memorizzarli nel caso non li conoscessi o per consolidarli ulteriormente nel caso in cui già li sapessi. Per ogni vocabolo mettiamo a fianco la traduzione e le cose che scopriamo. Queste ovviamente possono essere di più o di meno anche in base alla parola che abbiamo di fronte. Alcune parole di uso comune come bar o pub non danno spunti di apprendimento come altre composte e per questo molte non compariranno neanche. Da ogni parola cercheremo di prendere il maggior numero possibile di insegnamenti in modo da trovarci con un bagaglio considerevole di nozioni già acquisite prima di partire. Ogni parola in inglese ha a fianco un quadratino per barrare le parole che già conosci e numerarle in modo progressivo; così arriverai alla fine senza bisogno di contarle per sapere gli interessi effettivi maturati. Alla fine di questa prima parte avrai la consapevolezza di conoscere già molte parole. A after-shave dopo barba Che after significa dopo quindi tutte le parole composte con after significano dopo qualcosa. Altri esempi possono essere il gelato al gusto after eight (tradotto è dopo le 8 in realtà il gusto è menta e cioccolato perché deriva dal nome di un cioccolatino molto famoso fatto con questi due gusti che tradizionalmente veniva mangiato dopo cena) oppure la parola afternoon (dopo mezzogiorno quindi pomeriggio). dopo after AFTE(R) Immaginiamo un giovane che pensa a quando sarà vecchio ovvero DOPO e che si darà l AFTERshave. Per analogia memorizziamo ora come si dice prima. prima before BIFO(R) Un anziano pensa a quando era giovane, ovvero molto tempo PRIMA, che si trovava addosso una lingua BIFORcuta. Shave in realtà non significa barba (che si dice beard ) ma rasatura quindi la traduzione corretta sarebbe doporasatura. Regole grammaticali e nozioni utili Il verbo all infinito in inglese si riconosce perché è preceduto dalla parola to. Per esempio il verbo essere è to be e il verbo avere è to have. radersi to shave SCEIV Immagine per la pronuncia del verbo in inglese: uno SCEmo che mostra a tutti la sua partita IVa P.A.V.: a RADERSI è uno un po SCEmo che mostra la sua partita IVa barba beard BIA(R)D un biliardo romano ovvero un BIARDo. P.A.V.: un signore con la BARBA molto lunga la usa per pulire il panno di un biliardo romano ovvero un BIARDo airbag letteralmente borsa di aria Impariamo che air significa aria e bag borsa. aria air ÈÈ(R) tanta verdissma ÈRba. P.A.V.: l ARIA mangia tanta Èrba (per essere certi di ricordare che è ARIA e non vento mettiamo sullo sfondo un AIRone) borsa bag BÈG una coloratissima BEGonia. P.A.V.: dalla nostra BORSA spunta una coloratissima BEGonia Shave può essere anche un verbo quindi nella forma all infinito diventa to shave ovvero radersi, farsi la barba

14 all right tutto bene, tutto a posto Che all significa tutto. La scritta alla fine dei cartoni animati That s all folks! significa Questo è tutto gente!. Right ha molti significati. Principalmente possiamo tradurlo con giusto, corretto ma anche destra. questo tipo di viaggi non bisogna preoccuparsi di nulla in quanto tutti i servizi sono già compresi. includere to include INCLUUD Regole grammaticali e nozioni utili. Notiamo come il suffisso -ing aggiunto alla fine indichi l azione di fare la cosa che esprime il verbo per esempio jogging, shopping... Tradotto in italiano sarebbe il verbo espresso alla forma di gerundio ma in questi casi lo intendiamo come sostantivo. Quindi non diremo correndo, o facendo compere ma con quel termine indicheremo proprio l azione di correre o di andare per negozi. destra right (R)AIT il canale televisivo RAI Tre. P.A.V.: una persona con idee politiche di DESTRA è un po confusa e gira con un televisore in testa che proietta i programmi di RAITre A questo punto per completezza memorizziamo anche come si dice sinistra. sinistra left LEFT Immagine per la pronuncia del verbo in inglese: un INCUDine. P.A.V.: all agenzia viaggi INCLUDONO nel nostro pacchetto vacanze anche un INCUDine anti-doping esame anti droga Che droga, stupefacente si dice dope (dope è più legato all ambito sportivo mentre droga in genere si dice drug) e che lo stesso dope è un verbo to dope che significa drogarsi, assumere sostanze stupefacenti. drogare to dope DOUP art director direttore artistico (pronuncia ART DAIRECTOR) Usato soprattutto per delineare il direttore artistico solitamente riferito al cinema. Infatti art significa arte e director direttore. assist aiuto Nei giochi di squadra, specialmente nella pallacanestro e nel calcio, si intende un passaggio che permette a un compagno libero di segnare un punto. In un contesto più ampio il termine assist significa appoggio, aiuto e il verbo to assist assistere. assistere to assist ASSIST award riconoscimento, premio (pronuncia AUA(R)D) La notte degli Award è la notte in cui si celebrano personaggi famosi per i successi ottenuti e pensando a questo scopriamo che award significa proprio riconoscimento, premio. B baby È il termine che utilizziamo per definire qualcosa di piccolo e scopriremo che tutte le volte che compare ci si riferisce a qualcosa inerente al mondo dei piccoli o a qualcosa di piccolo. Per esempio sulle piste da sci con baby si intende una pista molto facile dove i principianti possono prendere confidenza con gli sci. Parlando di alcolici è una piccola porzione, un baby pensionato invece è una persona che è andata in pensione molto presto. il LiFTing. P.A.V.: una persona con idee politiche di SINISTRA si fa un LiFTing per sembrare più giovane all inclusive tutto compreso Sappiamo già che all significa tutto e pensando ad un viaggio all inclusive ci rendiamo conto che inclusive significa incluso o meglio comprensivo di tutto infatti in Immagine per la pronuncia del verbo in inglese: una persona che dice DOPO. P.A.V.: durante una gara un atleta si sta DROGANDO e chiede ad un altro anche tu ti DROGHI?. L altro risponde no io DOPo!. Immagine per la pronuncia del verbo in inglese: un ASSIST ovvero un passaggio che permette di segnare un punto. P.A.V.: un professore ASSISTE un altro e a un certo momento smette di ASSISTERE e fa un ASSIST audience pubblico, ascolto (pronuncia ODIENS) È il termine che si usa per indicare il numero di spettatori raggiunto da un programma o da un messaggio pubblicitario televisivo in un determinato periodo di tempo. Con il termine audience si intende anche pubblico. baby-doll piccola bambola Il baby-doll è un indumento femminile da notte, costituito da una camiciola molto corta, spesso con mutandine coordinate e usata per dormire al posto del pigiama. Il nome doll (dall inglese bambola ) in realtà in questo contesto è il vezzeggiativo di Dorothy, interpretata da Carrol Baker, che indossava questo tipo di biancheria intima, nel film del 1956 Baby Doll, pellicola che ha lanciato l uso del baby-doll come arma di seduzione

15 Dal film emergeva come, colei che lo usa come arma di seduzione per il proprio partner, è una piccola bambola, appunto una Baby- Doll. Scopriamo che bambola si dice doll. background retroterra, sfondo (pronuncia BÈKGRAUND) Con background si intende il retroterra. Per esempio a volte si usa l espressione con un background del genere non poteva che avere successo. Si intende il passato e le esperienze personali. Da qui scopriamo che back significa indietro e ground terreno. La parola ground la troviamo anche in underground ovvero metropolitana (letteralmente sotto terra ). Da qui scopriamo che under significa sotto, infatti nel gioco del calcio una squadra under 21 è formata da calciatori di età inferiore ai 21 anni. Per memorizzarlo possiamo immaginare SOTTO un tavolo la squadra UNDER 21 che gioca. Memorizziamo anche l opposto: SOPRA si dice ON. Immaginiamo che SOPRA allo stesso tavolo ci sia un ONda. back-up salvataggio dati (pronuncia BÈKAP) È un termine usato nel settore informatico che indica un operazione di salvataggio di tutti i dati in modo che se per qualche motivo il lavoro dovesse perdersi si ha una copia di sicurezza di tutti i dati o programmi. Il termine deriva da back indietro e up su. In pratica è come se fotografassi una situazione ora e potessi, in un secondo momento, tornare a quell istante. balance equilibrio, bilancia (pronuncia BALANS) Guardando alcune autoradio scoprirai che questa scritta compare sul pulsante per bilanciare il suono tra le casse. band banda, gruppo (pronuncia BÈND) È il termine con il quale si denota un gruppo di persone. Molte volte è utilizzato nel settore musicale. baseball palla base (pronuncia BEIS BÔLL) Nel baseball, con base si intende ciascuno dei vertici del diamante che i giocatori in attacco cercano di occupare in successione per fare punti. Quindi scopriamo che base significa base e ball palla. Notiamo che la parte ball compare anche in altre parole come basketball, football, softball, punchball. Andiamo a capirne i significati. Il basketball è la pallacanestro infatti basket significa canestro, cestino. Possiamo memorizzarlo velocemente immaginando un CESTINO che gioca a BASKET. Il football letteralmente è palla piede infatti foot significa proprio piede. Possiamo memorizzarlo immaginando un PIEDE che fa FOOTing. Il punchball è quel gioco alle giostre dove si tira con forza un pugno a una palla. Infatti punch significa proprio pugno. Il softball invece è il baseball femminile. Letteralmente è palla soffice, soft significa anche soffice. La parola soft la troviamo anche in altri contesti come soft-drink, soft-ware andiamo a scoprire come mai. Con soft-ware si intendono le istruzioni che vengono interpretate da un computer. È la cosiddetta parte non fisica del pc. Infatti il termine soft è in opposizione al termine hard che significa duro. L hardware infatti è la struttura fisica vera e propria. Il termine hard compare anche in hard-disk disco duro (proprio in opposizione al floppy disk disco floscio, molle in quanto è flessibile), hard rock rock duro con il quale si intende un genere di musica rock con particolare intensità dei suoni. Con soft-drink si intende una bibita non alcolica ma gasata. Drink deriva dal verbo to drink che significa bere. Per memorizzarlo immaginiamo uno che beve un telefono che squilla DRIIN con vicino la lettera K. Un long drink (in realtà questo termine non viene usato all estero dove si usa cocktail) è una bibita alcolica con gradazione dal 16 al 40% e molto ghiaccio. Infatti long significa lungo. Puoi notare questa parola anche sul retro dei tir. La scritta che compare è long vehicle ovvero veicolo lungo. lungo long LONG Immagine per la pronuncia dell aggettivo in inglese: un LONGobardo dall aspetto inquietante. P.A.V.: una cosa lunga che fa anche il salto in LUNGO e anziché atterrare sulla sabbia atterra su un LONGobardo Corto invece è short. Infatti un modo per chiamare i pantaloni corti è shorts. corto short SCIORT Immagine per la pronuncia dell aggettivo in inglese: gli SCI nell ORTo. P.A.V.: immaginiamo un qualcosa di molto CORTO sperduto con gli SCI nell ORTo base jumping (pronuncia BEIS GIAMPIN) Sappiamo già che base significa base e jumping saltando (da to jump saltare ), infatti è quello sport dove le persone si lanciano con un paracadute da una base fissa (quindi né aereo né elicottero). Inoltre, se siete amanti degli sport estremi, saprete che in realtà base è anche l acronimo che sta per building costruzione (da to build costruire, per esempio il nome Empire State Building), antenna antenna, span campata (intendendo ponti, archi, duomi) e earth terra (luoghi naturali)

16 Building è una parola che compare anche in body building. Pensando a che cos è ci rendiamo conto che significa letteralmente costruzione del corpo. Body infatti significa corpo. corpo body BODY Deriva dal verbo inglese to call che significa chiamare. chiamare to call CÔLL Beatles The Beatles, ovvero scarafaggi. Anche se bisogna dire che la parola non è proprio corretta infatti scritta in quel modo non esiste ( scarafaggi è beetles). La sua grafia è dovuta al fatto che il gruppo suonava una musica beat e da lì la decisione di cambiare il nome da The Beetles a The Beatles. bed and breakfast letto e colazione Se pensiamo ad una struttura che offre servizio bed & breakfast ci rendiamo conto che deve il suo nome al fatto che nel servizio siano inclusi il posto per dormire (bed letto ) e la colazione (breakfast colazione ). letto bed BED scarafaggio beetle BITÔL l azione di fare BODY building. P.A.V.: il corpo di questa persona è molto sviluppato perché ogni sua parte fa BODY building Lo troviamo anche nell espressione bodyguard ovvero guardia del corpo, infatti guard (pronuncia GA(R)D) significa protezione, guardia. beautycase In italiano con beautycase intendiamo il contenitore con all interno tutti i prodotti per la bellezza personale ovvero spazzolino, dentifricio, schiuma da barba per gli uomini, prodotti cosmetici, trucco e così via per le donne. Da qui scopriamo che beauty significa bellezza e case (pronuncia KEIS) in questo caso è contenitore. Il termine beauty compare anche in beauty center (pronuncia BIUTI SENTA(R)) ovvero centro di bellezza. Da qui scopriamo che center significa centro. Un call center è un posto dove ci sono tutti i dispositivi e i sistemi per effettuare chiamate telefoniche da e verso un azienda e anche per privati. Immagine per la pronuncia del verbo in inglese: un COLLo. P.A.V.: immagniamo una persona che CHIAMA qualcuno usando come amplificatore il COLLo di un altro beach-volley È il gioco della pallavolo su sabbia infatti con volley si intende proprio pallavolo ma la cosa che contraddistingue questo tipo di pallavolo da quello tradizionale è che è giocato su sabbia. Infatti beach significa proprio spiaggia. spiaggia beach BIICC una BICi. P.A.V.: immaginiamo che su questa SPIAGGIA non ci si vada per prendere il sole ma per andare in BICi il gruppo musicale dei Beatles. P.A.V.: immaginiamo dei simpatici SCARAFAGGI che vanno al concerto dei BITOLs un BEDuino. P.A.V.: vorremmo andare nel nostro letto ma purtroppo non possiamo perché è già occupato da un BEDuino AGUZZA LA VISTA L auto della Volkswagen che in Italia chiamiamo maggiolino deve il suo nome al fatto che in America venga chiamato beetle. Fu anche protagonista del film Il maggiolino tutto matto. Abbiamo quindi scoperto che beetle significa scarafaggio. beautiful bellissimo, meraviglioso La celebre soap opera Beautiful ha come nome questo aggettivo che significa meraviglioso, splendido, incantevole, bellissimo. AGUZZA LA VISTA Il celebre film interpretato da Russel Crowe A beautiful mind significa proprio mente meravigliosa

17 colazione breakfast B(R)EIKFAST big bang grande esplosione Scopriamo che è il termine usato per delineare il momento in cui si è formato l universo che è avvenuto con una grossa esplosione; appunto big grande e bang esplosione. grande big BIG un BREAK in un FASTfood. P.A.V.: è tarda mattinata e vogliamo fare COLAZIONE per fare un BREIK e scegliamo come posto un FASTfood best seller letteralmente migliore venditore Best migliore e seller venditore dal verbo to sell vendere. Si può trovare questa scritta sulle fascette di libri che hanno avuto grande successo ovvero quelli che hanno venduto di più. vendere to sell SELL Immagine per la pronuncia dell aggettivo in inglese: dei BIGodini. P.A.V.: qualcosa molto GRANDE non è soddisfatto del suo look e inizia a farsi i BIGodini bitter amaro Scopriamo che lo possiamo trovare scritto sulla carta di alcune confezioni di cibo come la cioccolata o alcune bevande. Immagine per la pronuncia del verbo in inglese: una SELLa. P.A.V.: una persona che VENDE SELLe per cavalcare ma le tiri dietro ai clienti REGOLE GRAMMATICALI E NOZIONI UTILI Notiamo come in inglese molte volte aggiungendo il suffisso -er al verbo si ottenga direttamente il sostantivo. Il suffisso -er per esempio nella parola seller fa sì che il significato letterale sia colui che vende. Alcuni esempi possono essere body builder, speaker. 30

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Chimica Suggerimenti per lo studio

Chimica Suggerimenti per lo studio Chimica Suggerimenti per lo studio Dr. Rebecca R. Conry Traduzione dall inglese di Albert Ruggi Metodo di studio consigliato per la buona riuscita degli studi in Chimica 1 Una delle cose che rende duro

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo:

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo: CHE LAVORO FAI? Rachid: Rachid: Rachid: Rachid: Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Che lavoro fai? Io lavoro in fabbrica. E tu? Io faccio il muratore. Anche lui è muratore. Si chiama Rachid. Lui

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

IL PASSATO PROSSIMO. sono andato. ho mangiato. Formazione del participio passato regolare PARL-ARE PARL-ATO VED- ERE VED-UTO FIN-IRE FIN- ITO

IL PASSATO PROSSIMO. sono andato. ho mangiato. Formazione del participio passato regolare PARL-ARE PARL-ATO VED- ERE VED-UTO FIN-IRE FIN- ITO IL PASSATO PROSSIMO Il passato prossimo in italiano è un tempo composto. Si forma con le forme del presente di ESSERE o AVERE (verbi ausiliari) più il participio passato del verbo principale: sono andato

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli