tin. it)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(filippo_zeus @ tin. it)"

Transcript

1 Filippo Antonica tin. it) Guida alla Personalizzazione di Mac OS X (per Mac OS X 10.0.x, 10.1.x e 10.2) (Versione 3.0)

2

3 PREFAZIONE Cari lettori, eccoci finalmnte giunti alla terza edizione di questa guida. Dopo un lungo periodo di assenza, dovuto ai crescenti impegni, allo studio della medicina, e al tempo disponibile che sembra essere di giorno in giorno minore, la Guida alla Personalizzazione di Mac OS X torna ad essere aggiornata con nuovi aricoli, la maggior parte dei quali, spero, utili, a tutti gli utenti di Mac OS X Altri invece, riguardano l uso della finestra terminale, e la gestione di Mac OS X all interno di reti informatiche. Questa guida è stata divisa in due sezioni, una che riguarda l uso e la personalizzazione del interfaccia grafica e l altra più direttamente orientata all uso del termianle di Mac OS X. Spesso, la conoscenza e le basi necessarie per un corretto uso della finestra terminale, e quindi di Unix, è stata data per scontata. L utente che fosse interessato ad apprendere o approfondire la conoscenza dei sistemi operativi basi su Unix è invitato alla lettura di: Mac OS X Terminal Basics (di Neal Parikh, oppure UNIX: introduzione elementare (Guida introduttiva al sistema operativo Unix per principianti) (di Marco Liverani) Qualora si ricercasse qualcosa di specifico (oltre a rivolgersi alla manulistica in linea, ottenibile tramite il comando man nome comando ) è possibile visitare il sito un ottimo punto di partenza. La lettura di questo tutorial è libera. La Guida alla Personalizzazione di Mac OS X è distribuita in versione NON ABILITATA ALLA STAMPA. Per ricevere gratuitamente la versione stampabile è sufficiente inviare un di richiesta all autore; indicando in oltre se si desidera essere contattati in caso di eventuali aggiornamenti. Sono graditi, commenti, suggerimenti, e segnalazioni di errori. L autore rimane a completa disposizione per qualsiasi richiesta o chiarimento relativo o meno alla presente guida. Filippo Antonica tin. it) ATTENZIONE L autore non si assumerà in alcun caso la responsabilità per eventuali danni diretti o indiretti riguardanti l utilizzo proprio o improprio del presente, qualora il suo uso violi gli accordi sottoscritti con Apple (o terzi) impliciti o espliciti, o nel caso in cui a causa di inesattezze o errori si provocassero danni, scritto e stampato a soli fini informativi.

4 Linguaggio e uniformità stilistica Quando si scrive un documento a carattere tecnico, come questo, il problema più importante è riuscire a definire uno standard espressivo coerente con il linguaggio usato effettivamente in quel settore. L'informatica, in Italia, è il classico esempio di conoscenza in cui il linguaggio è disperso in una babele di dialetti derivati dalla lingua inglese. Molte volte si sentono usare e si leggono termini che potrebbero essere espressi tranquillamente in italiano, magari con un po di coraggio, ma quando qualcuno ha quel coraggio, rischia di trovarsi solo, o di essere deriso per il termine che usa. In questa situazione, per quanto buone siano le intenzioni di un autore, di essere preciso e coerente nel modo in cui si esprime, non si può garantire che quello scelto sia il modo «giusto» di scrivere. Domani potrebbe consolidarsi un modo diverso. Le lingue sono dinamiche e questo vale tanto più per quella italiana. In questo documento utilizzo delle convenzioni espressive che per molti sono azzardate o inopportune, anche se io sento che sono quelle «giuste». Il lettore inesperto deve sapere che il modo di scrivere usato qui è diverso da quello di altri libri: solo il tempo definirà il modo corretto di esprimersi su questi argomenti. Di fronte a problemi di linguaggio ci si rivolge al parere di persone autorevoli. Io non mi considero tale. Credo che il valore delle mie scelte espressive sia determinabile solo dalla comprensibilità di ciò che scrivo. da Appunti Linux di Daniele Giacomini

5

6 INDICE Personalizzare Mac OS X attraverso la finestra terminale 1 ) Abilitare l utente Root ) Cambiare il Disco di Swap ) Login Speciali ) Ottimizzare il Sistema ) L avvio di Mac OS X in modalità testuale ) L avvio di Mac OS X in modalità monoutente ) Proteggere Open Firmware ) Sproteggere i file dal termnale ) Creare alias dei comandi da terminale ) Estendere le funzionalità della shell tcsh ) Effettuare una connesssione con Samba ) Abilitare la chat a linea di comando ) Attivare il PHP ) Creare i propri Startup Item ) Personalizzare il prompt della finestra terminale ) Aggiornamento software... uno sguardo più da vicino ) Software update da terminale ) Ottimizzare il flusso dati per conessioni ADSL ) Utilizzare System Profiler da terminale ) Impostare netrc per automatizzare il login FTP ) Masterizzare dal Terminale ) Espellere un disco testardo con hdiutil ) Riavviare alcuni servizi tramite la linea di comando ) Il numero di serie di Mac OS X ) Attivare il servente VNC da remoto ) I primi passi con il Gestore NetInfo ) Gestire gli utenti tramite Terminale ) Installare e configurare il servente DHCP ) Assegnare due indirizzi IP ad una stessa scheda di rete ) Rendere sistema reperibile su internet attaverso l uso di un DNS dinamico ) Restringere l accesso SSH ad una lista di utenti ) Configurare il Firewall di Mac OS X ) Utilizzare Mac OS X come router per una connsessione ADSL ) Salvare le impostazione di Gestione Postazioni ) Eseguire manualmente le attività pianificate Aggior. Aggior. Aggior. Novità Novità Novità Aggior. Novità Novità Novità Novità Novità Novità Novità Novità Novità Novità Novità Novità Novità Novità Novità Aggior. Novità Novità Novità Novità Novità Novità Novità

7 Personalizzare l interfaccia grafica di Mac OS X 1 ) Alcune funzionalità nascoste di Mac OS X (10.1 o superiori) ) Nascondere un applicazione attiva ) Nascondere File o Cartelle ) Visualizzare tutte le risoluzioni supportate dai monitor ) Accesso veloce ai moduli delle Preferenze di Sistema ) Ridimensinare il Dock per passi ) Cambiare in centimetri l unità di misura per le applicazioni Cocoa ) Modificare le scorciatoie da tastiera di Internet Explorer ) Accelerare la risposta del Mouse ) Addomesticare le Icone ribelli ) I moduli di System Preferences Nel Dock ) Il Dock Trasparente ) Condividere la scrivania tra Mac OS 9 e Mac OS X ) Cancellare gruppi di caratteri separati da spazi ) La finestra info del Finder di Mac OS X ) Personalizzare l interfaccia dal terminale ) Effetti di miniaturizzazione ) Un DVD come Sfondo scrivania ) Abilitare il multitasking in imovie ) Lo psigologo con Emacs ) Suggerimenti per gli utenti di Mac OS X (vers x) Aggior. Novità Novità Novità Novità Novità Legenda: Novità Aggior. Nuovo Articolo Articolo Aggirnato

8

9 Personalizzare Mac OS X attraverso la finestra terminale 9

10 Come abilitare l utente Root Con Mac OS X, a grandi linee, abbiamo tre tipi (gruppi) di utenti, gli utenti guest -ovvero ospiti- i quali hanno la possibilità di accedere a determinate applicazioni e servizi ma non di poter configurare o gestire il sistema (intendendo con ciò la possibilità di modificare impostazioni del computer (quali il ad es. il disco di avvio le impostazioni di rete o la configurazione del sistema in generale). Gli ospiti sono gestiti e configurati dagli utenti amministratori i quali hanno accesso alle configurazioni e i servizi principali del computer, questi utenti possono installare applicativi o servizi ed hanno accesso ad alcune (la maggior parte) risorse del sistema, che possono essere modificate o configurate. Gli amministratori, in linea di principio, possono anche aggiungere o rimuovere utenti, e a quest ultimi distribuire servizi e privilegi. L altro utente è l utente root (unico per ogni computer, al contrario dei primi due) il quale è effettivamente il proprietario di tutte le risorse e i servizi disponibili sul computer. Questo tipo di utente ha quindi totale accesso al sistema ed è l unico che in effetti può gestire e distribuire i servizi a tutti gli utenti. E facile capire quale sia l importanza e la pericolosità di lasciare incustodita la password dell utente root. Aldilà di possibili maleintenzionati è facile capire come avendo a disposizione tutto il sistema sia facilmente possibile creare danni (anche di non irrilevante gravità), rendere facilmente instabile il sistema ad ovvio scapito delle prestazioni, o minarne la sicurezza delle informazioni in esso contenute. L installazione di Mac OS X di norma non configura l utente root anche se ne prevede l esistenza preconfigurandone l utente che ovviamente però dovrà essere abilitato. Per abilitare l utente root bisognerà quindi aprire l applicazione NetInfo Manager (la trovrete in /Applications/Utlities), abilitare le modifiche cliccando sul lucchetto in basso alla sinistra della finestra inserendo nome e password di un utente con i privilegi di amministratore. Una volta abilitate le modifiche sarà sufficiente dal menù Dominio scegliere la voce Sicurezza e a sottomenù aperto cliccare sulla voce Modifica Password di Rootl (il quale non essendo ancora configurato avrà solamente bisogno dell inserimento di una password). Fare attenzione a non perdere la password di root poichè senza questa non si riuscirà più ad avere accesso al sistema. Nello sfortunato caso in cui il proprietario dovesse aver perso la password di root o per qualche ragione non potesse più loggarsi (useremo questo termine per indicare la procedura di login all interno di Mac OS X) all interno del sistema come utente Root, Apple ha inserito una comoda (più avanti spiegheremo anche perché molto pericolosa) utility all interno del CD-ROM di installazione di Mac OS X. Per sfruttare le potenzialità di questo programmino sarà necessario riavviare il computer dal CD-ROM di installazione. Inserire il CD-ROM di Mac OS X nel lettore e riavviare il computer con il tasto C della tastiera premuto fino alla comparsa della schermata di avvio, quella contrassegnata dal computer al centro dello schermo che sorride. Una volta finito il bootstrap del sistema nella prima schermata di installazione(seleziona lingua di default) all interno del menù file sarà presente il comando RESET DISK PASSWORD... una volta aperta la finestra selezionare il disco sul quale è residente la versione di Mac OS X incriminato e una vota selezionato l utente root o l eventuale altro utente digitare la password, ridigitarla e chiudere la finestra. 10

11 La chiusura della finestra di installazione farà comparire una finestra di dialogo che vi chiederà di confermare o meno se volete riavviare il sistema. Riavviate... la vostra password è stata sostituita!!! A questo punto è facile capire come anche un utente poco esperto o malintenzionato possa facilmente avere accesso al sistema... Fate quindi attenzione a custodire bene il vostro cd-rom di Mac OS X! E inoltre possibile bloccare la possibilità di avviare un computer Macintosh tramite un disco diverso da quello impostato all interno del modulo Disco di Avvio delle Preferenze di Sistema. Per maggiori informazioni leggere l articolo intitolato Proteggere Open Firmware, nel presente tutorial. N.B. Per motivi di compatibilità con il protocollo di rete AppleTalk, Mac OS X supporta il vecchio standard Unix per cui tutte le password utente saranno gestite dal sistema solo per i primi 8 caratteri! Ciò significa che se l utente Alessandro che ha come password di login la parola sonoalessandro potrà tranquillamente avere accesso ed essere autenticato anche se come password inserirà SOLO la parola sonoales! Cambiare il Disco di Swap Mac OS X rivoluziona la gestione della memoria poichè con l introduzione del file paging dimico il sistema è in grado di aumentare la disponibilità di memoria ala semplice richiesta di un programma al sistema. Ciò avviene tramite l uso della memoria virtuale dinamica, una tecnica che consente di sottrarre ad un disco rigido una parte di memoria che viene utilizzata come se fosse RAM. In questa memoria os x esegue applicazioni che non stanno facendo grossa richiesta di risorse liberando così memoria ram fisica che può essere destinata alle altre applicazioni. Dopo svariate ore di utilizzo intensivo del sistema la memoria virtuale, fisicamente rappresentata da uno o più files, si frammenta (per lo stesso motivo per il quale si frammenta un file di testo dopo diversi salvataggi) e ciò corrisponde ad un sensibile calo di prestazioni dovuto anche alla condivisione dello stesso disco tra sistema operativo e memoria virtuale. Infatti quella che al momento sembra essere una grave limitazione è la non possibilità, tramite l interfaccia grafica, di scegliere dove allocare il file di swap della memoria virtuale, che viene creato per default sul disco di avvio di Mac OS X. Meglio è destinare un disco o una partizione esclusivamente allo swap. Nel caso in cui si disponga di due o più dischi rigidi valutare la possibilità di riservarne uno allo swap, partizionandolo magari, così da poter avere ancora un volume per il back-up dei dati. Chi avesse un unico Disco Rigido (come gli ibook e i PowerBook) potrà inizializzarlo in modo da assegnare allo swap invece che un disco intero, una partizione. È ovvio dire che riservare un disco rigido a tale scopo contribuirà ad aumentare e migliorare le prestazioni, ma, anche una partizione dedicata farà rilevare un più che sufficiente incremento di fluidità del sistema. Le leggi della fisica dicono che la velocità tangenziale di un punto (quindi un qualsiasi settore del nostro disco rigido) che ruota attorno ad un asse è direttamente proporzionale alla distanza di tale punto dall asse di rotazione (detto in formule matematiche Vt = Ω * r dove Ω è la velocità angolare, quindi un valore costante). Da ciò ricaviamo che il punto in cui un disco rigido sarà più veloce è il tratto più esterno, motivo per il quale è giusto allocare la partizione di swap come prima partizione dell hard disk. Nel caso in cui si disponga di un solo disco, (ma anche nel caso in cui ve ne siano due) si dovrà (re)inizializzarlo. Prima di fare questo procedere ad un back-up dei dati. Sotto verrà illustrata la procedura più correttà per la creazione di una partizione di swap sullo stesso disco sul quale risiederà il sistema. Alcuni parametri potranno variare secondo la configurazione hardware. Inserire il CD di installazione di Mac OS 9.1 e avviare il computer dal cd. Una volta aperto Drive Setup selezionare il disco da inizializzare e scegliere l inizializzazione ad Hoc, dividendo il disco in tre partizioni. Una per lo swap, una per Mac OS X una per i dati ed eventualmente per l ambiente Classic. 11

12 Suddividere il disco nella seguente maniera. 1 partizione 500 Mb (al max. 3Gb) Mac OS Esteso 2 partizione 5 Gb (al max 5,5) Mac OS Esteso 3 partizione/i per l eventuale restante spazio. La dimensione della partizione di swap potrà variare a piacimento dell utente anche se difficilmente Mac OS X richiederà più di 2 Gb per lo swap. Drive Setup da la possibilità di rendere un disco invisibile a Mac OS 9 (ma non a Mac OS X!) utilizzando questa funzione si eviterà di avere un disco sulla scrivania di Mac OS 9 che non dovrà comunque essere utilizzato! Per far ciò dal menù Opzioni di Drive Setup scegliere il comando Impostazione Volumi e una volta selezionato il disco swap disabilitare l opzione Abilita automaticamente al riavvio. NOTA: Chi volesse nascondere il disco anche dalla scrivania di Mac OS X non dovrà fare altro che inserire come primo carattere del titolo del disco un punto (.), Per maggiori informazioni leggere il capitolo 2 della Sezione Interfaccia: Nascondere files o cartelle. Il file fstab (se presente) ed il file rc dovranno essere debitamente modificati! Fare in oltre attenzione, perché la partizione di Mac OS X dovrà necessariamente risiedere entro i primi 8 Gb del disco per essere utilizzata con computer della serie OldWorldRom (PowerMacintosh G3 Beige, imac Rev.A, PowerBook G3 WallStreet). Una volta installato Mac OS X con gli eventuali aggiornamenti sarà necessario andare a configurare Mac OS X in manierà perchè utilizzi correttamente la partizione di swap. Aprire il Terminale per visualizzare le informazioni su i dischi locali tramite il comando df Apparirà una schermata simile: Dando uno sguardo alla riga relativa alla partizione di swap; questa, come le altre, sarà caratterizzata da un percorso fisico (/dev/disk0s9) e da un percorso logico contenente il nome del volume (/Volumes/swap) A questo punto vengono proposti due differenti metodi, il primo è quello più breve e più lineare nel caso di un disco di swap HFS+, il secondo che è quello più generale che potra essere utile a chi abbia neccesità particolari (disco di swap in formato UFS o swappare su un unità di rete). 12

13 Procedura n 1 (ottimizzata per partizioni o dischi locali HFS+) Se non ci sono esigenze particolari si consiglia di utilizzare questa procedura con l utilizzo del disco swap in in formato HFS+, poichè da diversi test effettuati la gestione di un volume in formato HFS+ è risultata notevolmente più veloce. Tenendo sempre ben presenti i dati di df procedere a modificare il file /etc/rc: assumendo i privilegi di root tramite il comando su e il succesivo inserimento della password di root; ora, con i diritti necessari per modificare le proprietà del sistema, digitiare: pico /etc/rc si aprirà un editor di testo nel quale dovremo rintracciare questa parte del file NOTA: Con il comando Control+W è possibile effettuare una ricerca, cercare la parola swapdir swapdir=/private/var/vm # Make sure the swapfile exists if [! -d ${swapdir} ]; then ConsoleMessage Creating default swap directory mount -uw / mkdir -p -m 755 ${swapdir} chown root:wheel ${swapdir} else rm -rf ${swapdir}/swap* fi dynamic_pager -H L S F ${swapdir}/swapfile e sostituirla con swapdir=/volumes/swap # Make sure the swapfile exists if [! -d ${swapdir} ]; then ConsoleMessage Creating default swap directory mount -uw / mkdir -p -m 755 ${swapdir} chown root:wheel ${swapdir} else rm -rf ${swapdir}/swap* fi mount_hfs /dev/disk0s9 ${swapdir} dynamic_pager -H L S F ${swapdir}/swapfile Con la combinazione Control+X uscire da Pico salvando le modifiche e riavviare il sistema. 13

14 Procedura n 2 (Schema Generale) Consigliato per chi ha esigenze particolari (creare il disco di swap in formato UFS o swappare su un unità di rete...) Tenendo presenti i dati ricavati dal comando df procedere alla creazione del file /etc/fstab (il file che in Unix definisce i file system da montare, ovvero File System TABle,) ciò poiché il servizio che gestisce i dischi locali (autodiskmount) viene avviato dopo l inizzializzazione dello swap. Dal terminale digitare: su (per assumerei privilegi di root ) pico /etc/fstab aggiungere al file fstab la stringa necessaria alla definizine del disco di swap nel seguente modo Esempio: Percorso_Fisico Percorso_Logico Tipo_File_System Eventuali_Opzioni /dev/disk0s9 /Volumes/swap hfs rw 12 (il riferimento è l immagine sopra riportata per il comando df) Uscire e salvare i cambiamenti NOTA: A seconda della configurazione i dati necessari potranno cambiare. Si consiglia di fare molta attenzione al rispetto della spaziatura e della sintassi. Fatto ciò modificare il file /etc/rc che specifica il precorso del file di swap pico /etc/rc cercare una riga iniziante con swapdir= (è possibile utilizzare il comando CTRL+W per eseguire la ricerca della parola desiderata.) Modificare con swapdir=/private/var/vm swapdir=percorso_logico (Es. swapdir=/volumes/swap/vm) Uscire salvando le modifiche Riavviare il sistema per verificare il risultato. 14

15 Sia che sia stata utilizzata la Procedura n 1 sia che sia stata utilizzata la Procedura n 2, al riavvio la situazione dovrebbe essere simile a quella illusrata in figura. Se così non fosse probabilmente la configurazione o la sintassi del file fstab o rc sarà errata! Il vecchio file di swap anche se non viene più utilizzato è ancora residente all interno del vostro disco nella directory /var/vm sarebbe opportuno cancellarlo con il comando sudo rm -r /var/vm Dopo aver inserito la password dell utente amministratore attivo nel terminale verranno liberati 80 Mb non più utilizzati. LEGGIMI! Dopo la segnalazione da parte di alcuni utenti è stato riscontrato un problema nell uso delle procedure sopra riportate, seppur tecnicamente corrette. Il problema è dovuto all incapacità di Darwin (la parte Unix di Mac OS X) di attivare correttamente un file system non disattivato correttamente o contenente errori nella struttura logica. Tali problemi si possono verificare nel caso di un riavvio forzato del sistema operativo, che come tale impedisce una corretta disattivazione del file system di swap. Swap Relocator è stato appositamente scritto per ovviare a questo problema. Apple infatti sconsiglia l uso di /etc/fstab o del comando mount per attivare file system, delegando tale operazione ad un apposito programma di sistema chiamato autodiskmount. Questo programma viene lanciato ad ogni avvio e si occupa di rilevare qualsiasi dispositivo di massa compatibile e di renderlo disponibile all uso, dopo aver controllato ed eventualmente eliminato gli errori nella struttura logica che potrebbero impedire un corretto funzionamento del file system. Swap Relocator versione 1.0 viene distribuito assieme alla versione stampabile del presente tutorial. Swap Relocator è uno Startup Item che semplifica la procedura di creazione di un unità di swap per la memoria virtuale di Mac OS X (qualsiasi versione). Swap Relocator è sviluppato da Filippo Antonica e il suo uso è libero. L autore consiglia a tutti gli utenti che avessero già creato un unità di swap utilizzando una delle due procedure sopra riportate, di ripristinare le condizioni originali del file /etc/rc e di utilizzare Swap Relocator. 15

16 Login speciali Sembrano esserci quattro login speciali (intendendo con questo termine, login che non danno accesso ad utenti, ma a particolari funzioni del sistema), ma molto probabile è che ve ne siano molti di più! Nella schermata di login grafico digitando: >console Si chiuderà l interfaccia grafica del sistema per dare accesso alla sola interfaccia a carattere (utile agli amministratori di rete e gli esperti del sistema o per configurare computer molto lenti che sembrano risentire a livello di velocità dell interfaccia grafica di Aqua). Per ritornare alla fine stra di login grafica sarà sufficiente una volta effettuato il login da terminale chiudere la shell con il comando logout o riavviare il computer. >exit Utilizzare questo comando per chiudere e riavviare il processo di computer in questione fosse un cliente che richiede l autenticazione dell utente su un servente remoto (NIS) e dopo l avvio del processo di login del cliente, il servente fosse stato aggiornato con nuovi utenti e costroro aves sero difficoltà ad accedere al sistema; o nel caso in cui la lista degli utenti fosse stata modificata via telnet (o simili) quando il processo di login fosse già stato avviato. >restart Riavvia il sistema. >power Chiude il sistema e spegne il computer. Ottimizzare il sistema La struttura dei software per Mac OS X è molto più complessa di quelli per Mac OS 9 e precedenti, ogni eseguibile prima di poter essere lanciato deve rintracciare all interno del disco tutte le librerie di istruzioni necessarie al suo funzionamento e poi caricarle in memoria. Per velocizzare questa operazione è presente all interno del sistema un archivio contenente i nomi e le relative posizioni all interno del disco, di tutte le librerie così che quando sia necessario il caricamento di una di queste, il sistema non le debba ricercare in tutto il volume. Ove il contenuto del database fosse inconsistente o obsoleto, questo dovrà essere aggiornato attraverso la procedura di prebinding, per fare si che Mac OS X si possa avvantaggiare di tale database. Per fare ciò, aperta la finestra terminale, fatto il login come utente root, digitare il comando update_prebinding -root / l operazione richiederà qualche minuto durante il quale il sistema sincronizzerà le informazioni di collegamento tra librerie e programmi così che al lancio di un applicazione, le libreire necessarie possano essere localizzate più velocemente. NOTA: Aggiungendo alla fine del comando l opzione -force l indice di tutte le librerie, anche quelle correttamente indicizzate, verrà ricostruito; l uso di questa opzione rende il processo di aggiornamento più lungo, ma certamente più efficace. Al termine di questa operazione riavviando il sistema si potrà notare il risultato della procedura di prebinding. 16

17 L avvio di Mac OS X in modalità testuale Mac OS X è un sistema operativo basato su una versione di Unix che Apple ha debitamente modificato, chiamandolo Darvin. Darvin è il cuore di Mac OS X e lavora sotto l interfaccia grafica, Aqua. La modifica dei file di avvio del sistema, con l aggiunta o la modifica di nuovi servizi può comportare la nesessità di visualizzare i messaggi di avvio del sistema, durante il boot. Sarà quindi necessario eseguire il boot in modalità verbale. Per abilitare questa modalità è sufficiente avviare il computer tenendo premuti i tasti apple +V, tenendo presente che questa combinazione di tasti farà scomparire la tipica schermata grigia con il Mac sorridente (per tutti i sistemi da 10.0 a ) o il logo Apple (per tutti i sistemi successivi al 10.2), lasciando il posto ai messaggi di boot di Darwin. L uso di questa scorciatoia non modifica alcun parametro, percui al successio riavvio il sistema ritornerà a visualizzare la consueta schermata grigia. Chi preferisce invece l avvio di Mac OS X in modalità testuale ogni qualvolta il sistema fa il boot può utilizzare il comando sudo nvram boot-args= -v (sarà richiesta la password dell amministratore che esegue il comando) L avvio di Mac OS X in modalità Monoutente Nel caso in cui si verifichino problemi con l avvio o doveste riparare un file system danneggiato di Mac OS X è possibile caricare un sistema minimo che consenta, nella maggior parte dei casi di riparare al danno. Per caricare una versione ridotta del sistema, detto in gergo monoutente, sarà sufficiente avviare il computer tenendo premuti i tasti apple + S. È da notare che l uso della modalità monoutente carica il solo file system di avvio. Questo non potrà essere in alcun modo modificato fino all inserimento del comando: mount -uw / NOTA: Avviare Mac OS X in modalità monoutente da accesso al sistema con pieni diritti (utente root), ciò significa che un maleintenzionato potrebbe sfruttare questa funzione per ottenere un accesso non autorizzato al sistema, modificando o alterandone la configurazione, così da creare delle vulnerabilità. Per ovviare a questo problema è sufficiente restringere, proteggendo con password, l accesso ad OpenFirmware. Proteggere Open Firmware Il CD-ROM di installazione di Mac OS X (10.1 o 10.2) contiene nella cartella Applications un utilità chiamata Open Firmware Password. Open Firmware è la componente del firmware di un computer Apple che si occupa di gestire il processo di avvio del sistema operativo durante il bootstrap. Per accedere al software di Open Firmware è sufficiente avviare il Mac tenendo premuti i tasti apple + O + F. Il software Open Firmware Password consente di impostare una password che impedisca la modifica dei parametri di Open Fimware. Così facendo il computer caricherà il boot loader (accessibile con il tasto opzione all avvio) solo previo inserimento della password impostata. Inoltre tutte le scorciatoie necessarie per attivare il boot in modalità testuale o monoutente verranno ignorate. La pressione del tasto C della tastiera per avviare il computer con un CD-ROM non sarà disponibile. 17

18 Sproteggere i file dal terminale Nel caso in cui si amministri in remoto un sistema può essere necessario abilitare o disabilitare la protezione in scrittura di un file. Non potendo però avere le informazioni sul file tramite la finestra del Finder ciò può risultare complicato e difficile. Per far sì che questo script funzioni è necessario avere installato il software presente nel CD ROM Developer Tools fornito con Mac OS X. Aprire il terminale e digitare mkdir bin cat > bin/unlock Fatto ciò copiare e incollare il seguente algoritmo: #!/usr/bin/perl use strict; my $ask = ($ARGV[0] == -i ); shift if $ask; $ = 1; foreach my $file { my $locked = '/Developer/Tools/GetFileInfo -al $file'; chomp $locked; next unless $locked; print Unlock '$file'? if $ask; if (!$ask or (<STDIN> =~ /^y/i)) { print STDERR Unlocking $file\n ; print STDERR '/Developer/Tools/SetFile -a l $file'; } } Premere control D una volta incollato Ora digitare: cd bin chmod +x unlock rehash Lo script è pronto. Per utilizzarlo sarà sufficiente digitare da terminale: oppure unlock nome_del_file unlock nome_del_file1 nome_del_file2 18

19 o ancora unlock * Digitando: unlock -i * sarà richiesta la conferma prima di rimuovare la protezione. Creare alias dei comandi da terminale Spesso la sintassi dei comandi da terminale può essere molto lunga e noisa da scrivere, specialmente se i comandi in questione vengono eseguiti di frequente. Per ovviare al problema è sufficiente creare un alias del comando. Gli utenti di Mac OS X 10.0.x o 10.1.x possono definire gli alias all interno di due file: /usr/share/init/tcsh/aliases (per gli utenti della tcsh shell, quella di default di Mac OS X, nel caso di una shell differente il percorso del file potrebbe essere differente) e ~/aliases.mine (dove con il simbolo ~ si intende il percorso della propria home directory) Gli alias dichiarati all interno del file /usr/share/init/tcsh/aliases saranno disponibili a tutti gli utenti; quelli dichiarati all interno del file ~/aliases.mine saranno disponibili al solo utente proprietario della home directory in questione. Gli utenti di Mac OS X 10.2 a causa di sostanziali differenze tra BSD 4.4 e le precedenti versioni, dovranno dichiarare gli alias all interno di due file differenti rispetto a quelli modificati dagli utenti delle precedenti versioni di Mac OS X. /etc/csh.login (gli alias definiti all interno di tale file saranno disponibili a tutti gli utenti delle shell csh o tcsh) ~/.login (gli alias definiti all interno di tale file saranno disponibili al solo utente proprietario della home directory in questione. Come definire un alias quindi? La sintassi da seguire è semplicissima ed è inoltre uguale sia per il file /usr/share/init/tcsh/aliases (o /etc/csh.login) che per il file ~/aliases.mine (o ~/.login) alias nomealias 'comando completo' considerando il comando: sudo update_prebinding -root / -force -verbose per creare un alias dal nome 'upd' la stringa per definire l'alias sarà la seguente alias upd 'sudo update_prebinding -root / -force -verbose Dopo aver definito l'alias sarà sufficiente decidere a quali utenti renderlo disponibile e quindi in quale file dichiararlo. Per aggiungerlo alla lista degli alias di sistema dovremo quindi modificare il file /usr/share/init/tcsh/aliases (per gli utenti di Mac OS X fino alla versione ), o il file /etc/csh.login (per gli utenti di Mac OS X 10.2 o superiori) tramite il comando 19

20 sudo pico /usr/share/init/tcsh/aliases (per gli utenti di Mac OS X fino alla versione ) sudo pico /etc/csh.login (per gli utenti di Mac OS X 10.2 o superiori) in modo che appaia simile a quello sotto riportato # Aliases file # # Wilfredo Sanchez Jr. # June 10, 1994 # # MIT Project Athena ## alias. 'pwd' alias.. 'cd..' alias cd.. 'cd..' alias cdwd 'cd `pwd`' alias cwd 'echo $cwd' alias files 'find \!:1 -type f -print' # files x => list files in x alias ff 'find. -name \!:1 -print' # ff x => find file named x alias line 'sed -n '\''\!:1 p'\'' \!:2' # line 5 file => show line 5 of file alias l 'ls -lg' alias ll 'ls -lag \!* more' alias term 'set noglob; unsetenv TERMCAP; eval `tset -s -I -Q - \!*`' alias word 'grep \!* /usr/share/dict/web2' # Grep thru dictionary alias wordcount '(cat \!* tr -s '\''.,;:?\!()[] '\'' '\''\012'\'' ' \ 'cat -n tail -1 awk '\''{print $1}'\'')' # Histogram words alias upd 'update_prebinding -root / -force -verbose' ## # Read user's aliases ## if (-r ${tcsh_initdir}/aliases.mine) then source ${tcsh_initdir}/aliases.mine endif NOTA: L'esempio quì riportato è relativo all aggiunta di un alias all interno di Mac OS X o precedenti, gli utenti di Mac OS X 10.2 potranno riscontrare differenze, più o meno sostanziali. È bene chiarire che aldilà delle differenze la procedura necessaria alla definizione di un nuovo alias è identica! Per rendere l alias disponibile solo al proprio utente creare (o modificare, nel caso in cui esista già) il file ~/aliases.mine (per gli utenti di Mac OS X fino alla versione ), o il file ~/.login (per gli utenti di Mac OS X 10.2 o superiori) tramite il comando: echo alias upd 'update_prebinding -root / -force -verbose' >> ~/aliases.mine (per gli utenti di Mac OS X fino alla versione ) oppure: echo alias upd 'update_prebinding -root / -force -verbose' >> ~/.login (per gli utenti di Mac OS X 10.2 o superiori) 20

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI... ambiente Windows INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...8 GESTIONE DELLE COPIE DI SICUREZZA...10 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

ipod shuffle Manuale Utente

ipod shuffle Manuale Utente ipod shuffle Manuale Utente 1 Indice Capitolo 1 3 Informazioni su ipod shuffle Capitolo 2 5 Nozioni di base di ipod shuffle 5 Panoramica su ipod shuffle 6 Utilizzare i controlli di ipod shuffle 7 Collegare

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX 1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX Configurazione di Atlas con client Linux DESCRIZIONE Di seguito sono descritte le operazioni da effettuare per configurare correttamente

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli