RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito:"

Transcript

1 RICERCA OPERATIVA Prerequisiti Rappresentazione retta Rappresentazione parabola Equazioni e disequazioni Ricerca Operativa Studio dei metodi e delle strategie al fine di operare scelte e prendere decisioni sia in situazioni di certezza che di incertezza. Studia, analizza e propone metodi per prendere delle decisioni in modo coerente ed appropriato. E applicabile in qualsiasi campo, ma prevalentemente ed efficacemente in ambito economico. Problema Codifica del problema Analisi e soluzione Decodifica del risultato Costo, Ricavo e Profitto. COSTO Ogni bene che viene prodotto ha un costo che deriva dalla combinazione di molti fattori: mano d opera, materie prime, gestione di magazzino, macchinari. Per poter attivare strategie ottimali di produzione è necessario saper fare un appropriata analisi dei costi, perché da essa si possono ricavare molte informazioni e prendere decisioni. Un dato molto importante da prendere in considerazione per la valutazione dei costi è la capacità produttiva di un azienda. Con tale termine si intende la massima quantità producibile nell unità di tempo (giornalmente, settimanalmente, mensilmente, annualmente, in relazione al testo del problema). I costi si suddividono in due categorie: Costi fissi Cf: non dipendono dalla quantità (q) della produzione (affitto locali, stipendio dipendenti, ammortamento degli impianti, assicurazioni.) Costi variabili Cv: dipendenti dalla quantità prodotta(q) (spese acquisto materie prime, consumo energetico, manutenzione impianti, retribuzione straordinaria.) Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito: Il Costo Totale Ct: dipende da entrambi ed è funzione della quantità prodotta. Ct = Cv + Cf In economia, le funzioni più usate per rappresentare i costi sono: La retta C = aq + b con a>0 e b>0 La parabola c= aq 2 + bq + c con b>=0 e c>0

2 Il Costo Medio è il costo di una unità di bene prodotto. Anch esso viene calcolato in relazione alla quantità prodotta secondo la formula: Cm= Ct q RICAVO La finalità di ogni azienda è quella di ottenere un ricavo dalla vendita dei propri beni prodotti. E abbastanza intuibile che il ricavo dipende dalla quantità di merce venduta e dal prezzo applicato. A tal proposito va precisato che il prezzo di vendita viene definito in base alle leggi di mercato. Mercato di concorrenza perfetta: Il prezzo è fissato ed uguale per tutti i produttori. Tale prezzo risulta perciò indipendente dalla quantità di merce venduta. Mercato di monopolio: il singolo produttore può influenzare il prezzo di vendita che diventa quindi dipendente dalla quantità di merce venduta (legge domanda/offerta). In entrambi i casi il ricavo viene calcolato come prodotto tra il prezzo unitario e la quantità di merce venduta. R = p * q PROFITTO Per profitto si intende l utile realizzato dall azienda, combinando in modo ottimale la quantità di produzione, i costi, il prezzo ed i ricavi. P = R C E possibile rappresentare graficamente l andamento del profitto in funzione della quantità di produzione, ma ancora più interessante è la rappresentazione in uno stesso piano cartesiano dell andamento dei costi e dei ricavi. Tale diagramma prende il nome di Diagramma di Redditività, e, su di esso, è possibile individuare alcuni elementi essenziali per l analisi della produzione: Zona di perdita: i ricavi sono minori dei costi. Zona di utile: i costi sono minori dei ricavi Break-Point: valore della quantità prodotta in relazione al quale costi e ricavi si equivalgono. LA SCELTA FRA PIU ALTERNATIVE In molte occasioni un problema di scelta comporta la scelta tra due o più alternative possibili. Per operare una scelta consapevole dobbiamo anche in questo caso stabilire quale sia il dato che si vuole ottimizzare (funzione obiettivo) ed analizzare, al variare delle variabili in gioco, quale sia la scelta più conveniente. In tali problemi, infatti la scelta non è mai unica, ma dipende dal valore assunto dalle variabili. Punti di indifferenza: si trovano in corrispondenza di un valore della variabile per cui la scelta può cadere indifferentemente su una o su un altra possibilità.

3 ESERCIZI 1. Un impresa, per produrre un certo bene in un dato periodo di tempo, sostiene dei costi fissi valutabili in 400 Euro, e dei costi variabili che corrispondono a 0,80 Euro per ogni unità prodotta. Tenendo conto che l impresa può produrre al massimo 1000 unità, determinare: a. La funzione del costo totale e rappresentarla graficamente; b. L ammontare dei costi variabili e del costo totale per una produzione di 500 e di 1000 unità. 2. Un impresa, per produrre un certo bene in un dato periodo di tempo, sostiene dei costi fissi pari a 3000 Euro, e dei costi variabili quantificabili in 9 Euro per ogni due unità prodotte. Sapendo che l impresa può produrre al massimo 3000 unità, determinare: a. La funzione del costo totale e rappresentarla graficamente; b. L ammontare dei costi variabili e del costo totale per una produzione di Una fabbrica di liquori sostiene, per la sua produzione, una spesa fissa settimanale di 2120 Euro ed inoltre ogni litro prodotto costa all azienda 1,60 euro per le materie prime utilizzate. a. Rappresentare graficamente le funzioni del costo totale e del costo medio; b. Determinare il costo totale ed il relativo costo medio per una produzione di 800 litri di liquore. 4. Un industria sostiene, per la fabbricazione di un determinato prodotto in un dato periodo di tempo, costi fissi di 1000 Euro e spese per materie prime per ogni unità prodotta, pari, in Euro, al 2% dei pezzi fabbricati. Determinare: a. Le funzioni del costo totale e del costo medio e rappresentarle graficamente; b. Il costo medio complessivo per una produzione rispettivamente di 500 e 1000 prodotti. 5. Il prezzo di vendita di un certo prodotto è espresso dalla relazione p = 200 0,7q, dove q esprime la quantità prodotta e venduta. a. Scrivere e rappresentare l espressione del ricavo; b. Calcolare il suo valore per una vendita di 200 unità di prodotto; c. Determinare la quantità (q) che dà il massimo ricavo possibile. 6. Una fabbrica di distillati sostiene una spesa fissa settimanale di 2125 Euro ed un costo per materie prime di 0,80 Euro al litro. Gli impianti permettono una produzione massima di 5000 litri settimanali. Sul mercato il distillato viene venduto a 1,65 Euro al litro. a. Determinare le funzioni del costo totale e del ricavo; b. Rappresentarle graficamente; c. Rappresentare il diagramma di redditività; d. Calcolare il punto in cui i costi uguagliano i ricavi (Break Point); e. Calcolare la quantità di litri che consentono alla fabbrica il massimo utile e l ammontare di tale utile. 7. Una segheria può lavorare fino a 500 quintali di truciolato di legname in una settimana, sostenendo spese fisse pari a 750 Euro settimanali e spese quantificabili in 5 Euro per ogni quintale lavorato. Il prezzo di vendita è espresso dalla relazione p = 40 0,1q, dove q esprime la quantità di truciolato prodotta e venduta. a. Determinare le funzioni del costo totale e del ricavo; b. Rappresentarle graficamente; c. Rappresentare il diagramma di redditività; d. Calcolare il punto in cui i costi uguagliano i ricavi (Break Point); e. Calcolare la quantità di truciolato che consente alla fabbrica il massimo utile e l ammontare di tale utile. 8. Il costo totale relativo alla produzione di un certo bene è dato, in Euro, dalla relazione C = 0.5q , il prezzo unitario di vendita dipende dalla quantità prodotta secondo la relazione P = q. a. Determinare la quantità da produrre per avere il massimo ricavo; b. Determinare la quantità da produrre per avere il massimo profitto; c. Supponendo di limitare la capacità produttiva a 500 pezzi, cambierebbero i risultati calcolati ai punti precedenti?

4 Le disequazioni lineari in due variabili Consideriamo la disequazione Y X < 0 PROGRAMMAZIONE LINEARE E di primo grado ma, rispetto alle disequazioni che siamo abituati a risolvere ha due variabili, X e Y. La risoluzione di tali disequazioni avviene per via grafica: Scrivere la disequazione nella forma normale Y X. Considerare l equazione che si ottiene sostituendo il simbolo di < con il simbolo di =. L equazione ottenuta rappresenta una retta, il cui grafico divide il piano cartesiano in due semipiani. Scegliere un punto del piano a piacere (A), sostituire le sue coordinate nella disequazione e valutare l espressione ottenuta: Se la disuguaglianza è VERA allora il semipiano delle soluzioni è quello che contiene A. Se la disuguaglianza è FALSA allora il semipiano delle soluzioni è quello che NON contiene A.

5 I sistemi di disequazioni lineari in due variabili Per risolvere un sistema di disequazioni lineari in due variabili la procedura è analoga: Individuare i semipiani soluzione di ciascuna disequazione. Determinare la regione di intersezione delle soluzioni. Esempio X + Y 0 3X + Y 5 0 Regione Ammissibile: insieme di punti del piano cartesiano le cui coordinate sono soluzione del sistema di disequazioni. Le curve di livello Consideriamo la funzione Z = X + Y e diamo a Z un preciso valore (ad esempio 0). Otteniamo così un equazione di una retta che possiamo rappresentare nel piano ed i cui punti sono tutti e soli quelli che hanno per coordinate due valori tali che la loro somma sia 0. Se modifichiamo il valore scelto per Z (ad esempio 1) otterremo una retta diversa dalla precedente perché i suoi punti sono tutti e soli quelli che hanno per coordinate due valori tali che la loro somma sia 1. Variando ancora il valore scelto per Z otteniamo altre rette tutte diverse tra loro, ma con la particolarità di essere tutte parallele. Si definiscono curve di livello per la funzione Z il fascio di rette parallele ottenuto variando il valore di Z.

6 La freccia indica come avanza il loro grafico al crescere del valore scelto per Z. Massimi e minimi delle funzioni lineari Data una Regione ammissibile ed una funzione lineare in due variabili è possibile stabilire i suoi punti di minimo e di massimo sulla Regione. Punti del piano, quindi, per i quali la funzione assume rispettivamente il valore più piccolo e il valore più grande possibile e che in ogni caso risultano essere interni alla Regione ammissibile data. Il procedimento è grafico e prevede di: Disegnare la Regione ammissibile. Costruire le curve di livello della funzione stabilendo la direzione lungo cui si spostano tali linee. Punto di minimo: valore di Z associato alla prima retta che incontra la Regione ammissibile. Punto di massimo: valore di Z associato all ultima retta che incontra la Regione ammissibile. Esempio Consideriamo la Regione ammissibile rappresentata in figura e la funzione Z = X + Y Come da procedimento descritto e da grafico possiamo osservare che l origine è il punto in cui la funzione assume il valore più piccolo (0), mentre il punto C è il punto in cui la funzione assume il valore più grande (12)

7 Problemi di programmazione lineare La programmazione, che non ha nulla a che vedere con il medesimo termine utilizzato in informatica, è una tecnica matematica che consente di risolvere problemi in cui si devono distribuire risorse limitate, di natura qualsiasi, fra diverse attività concorrenti fra loro in modo che ne risulti il massimo beneficio. Il modello matematico di questi problemi è costituito da una funzione da ottimizzare (funzione obiettivo) e da un insieme di vincoli espressi da equazioni e/o disequazioni tutti indipendenti tra loro. Da considerare che ottimizzare una funzione vuol dire trovarne il suo valore massimo (massimizzazione) oppure il suo valore minimo (minimizzazione) in relazione alla richiesta del problema. Si parla di programmazione lineare quando, indipendentemente dal numero di variabili utilizzate, la funzione obiettivo ed i vincoli sono di tipo lineare (primo grado). In questa sezione studieremo esclusivamente problemi di programmazione lineare in due variabili. Esempio (problema di massimo) Un produttore ha l esigenza di trasportare due tipi di prodotti, A e B, che vengono imballati in scatole da 1 m 3 per il tipo A e da 2 m 3 per il tipo B. La ditta di trasporti mette a disposizione un solo autocarro che ha una portata massima di 100 m 3. Sapendo di poter effettuare un solo viaggio e che, all arrivo, i prodotti saranno venduti ad un prezzo di 2 euro per la scatola di tipo A e di 5 euro per la scatola di tipo B. Quante scatole di tipo A e B conviene caricare per il trasporto allo scopo di ottenere il massimo ricavo dalla vendita? A quanto ammonta tale ricavo massimo? La risoluzione di questo tipo di problemi prevede l impostazione di un modello matematico i cui elementi sono i seguenti: Funzione obiettivo (da massimizzare) Ricavo = 2A + 5B

8 Vincoli tecnici A + 2B 100 Vincoli di segno A 0 e B 0 Variabili di azione: A e B Coefficienti economici: 2 e 5 Coefficienti tecnologici: 1 e 2 Richieste: 100 È opportuno osservare che l'effettiva difficoltà della programmazione lineare sta nel trattare problemi che hanno centinaia o migliaia di variabili e nel trovare algoritmi efficienti e adeguate implementazioni software. Invece, i problemi di programmazione lineare in dimensione bassa sono concettualmente molto semplici e anche risolubili con strumenti elementari di algebra e geometria analitica. Risoluzione di problemi di programmazione lineare La risoluzione di problemi di programmazione lineare prevede l impostazione di un modello matematico. Definizione della Regione Ammissibile I vincoli tecnici, che possono essere anche più di uno, ed i vincoli di segno vanno a formare un sistema di disequazioni che va risolto graficamente al fine di individuare la Regione Ammissibile. Nel nostro esempio le variabili di azione rappresentano la quantità di scatole di tipo A e di tipo B che vengono caricate sull autocarro. Ogni vincolo ha un significato ben preciso: A 0: Non posso caricare un numero negativo di scatole di tipo A B 0: Non posso caricare un numero negativo di scatole di tipo B A + 2B 100:Il volume totale delle scatole che carico non può eccedere la capienza dell autocarro (100) Calcolando e rappresentando graficamente il risultato del sistema dei vincoli ottengo la regione ammissibile i cui punti rappresentano le combinazioni possibili sul quantitativo di scatole da caricare.

9 Definizione delle curve di livello Una volta determinata la regione ammissibile è necessario definire le curve di livello associate alla funzione obiettivo. Nel nostro esempio la funzione obiettivo rappresenta il ricavo ottenuto dalla vendita delle scatole trasportate (2 Euro per ogni scatola di tipo A e 5 euro per ogni scatola di tipo B) Ricavo = 2A + 5B Sarà dunque necessario costruire il fascio di rette parallele e definire la direzione di crescita Dal grafico si può dedurre che Il ricavo massimo si ottiene trasportando 50 scatole di tipo B e 0 scatole di tipo A. Il ricavo massimo ammonta a 250 Euro. ESERCIZI 1. Per la produzione di due tipi di stampi, che indicheremo con A e B, un impresa artigianale può disporre di 1200 Kg di resina e di 900 ore di lavoro. I dati tecnici relativi alla produzione sono i seguenti: Ogni stampo di tipo A richiede 5 Kg di resina e 5 ore di lavorazione; Ogni stampo di tipo B richiede 12 Kg di resina e 2 ore di lavorazione; I prezzi a cui gli stampi vengono rivenduti sono di 800 Euro per il tipo A e di 500 Euro per il tipo B. Determina il numero di stampi dei due tipi che è opportuno produrre per avere il massimo ricavo possibile.

10 2. Un industria produce due tipi di borse: A di lusso e B economico. Dalla loro vendita realizza un guadagno unitario rispettivamente di 30 euro e di 20 Euro. I dati tecnici relativi al processo produttivo giornaliero sono indicati nella seguente tabella: A B Risorse Max Materia prima (Kg) Tempo di lavorazione (h) Borchia dorata (n ) Trovare la quantità di ciascun articolo da produrre giornalmente per realizzare il massimo profitto. 3. Un azienda agrituristica partecipa ad una fiera espositiva a scopo pubblicitario e vuole acquistare dei gadgets da offrire in omaggio ai visitatori. Può scegliere tra due tipi di regali: cappellini o portachiavi. Il costo unitario è rispettivamente 1 Euro per un cappellino e 1,2 Euro per un portachiavi. Calcolare quanti articoli conviene acquistare per rendere minima la spesa nell ipotesi che: a. I visitatori stimati siano almeno 3000; b. Il numero di portachiavi sia almeno doppio del numero di cappellini. 4. Un agricoltore vuole realizzare un concime particolare per i propri terreni miscelandone due già esistenti, che indichiamo con A e B. Ogni Kg di fertilizzante di tipo A contiene il 18% di una particolare sostanza S1 ed il 15% di una seconda sostanza S2; ogni Kg di fertilizzante di tipo B contiene il 20% di S1 ed il 10% di S2. Il concime pensato dall agricoltore deve contenere non meno di 6 Kg di S1 e non meno di 4 Kg di S2. Come devono essere dosati i due fertilizzanti A e B per minimizzare il costo del nuovo concime se il primo costa 1,5 Euro ed il secondo 1,6 Euro al Kg? 5. Per fabbricare due prodotti, A e B, in uno stabilimento, si devono impiegare tre macchine: M 1, M 2, M 3, che possono lavorare indipendentemente una dall altra. Durante il processo di lavorazione, ciascun prodotto deve passare attraverso ciascuna macchina, non importa in quale ordine, rimanendovi un determinato numero di ore. I tempi in ore di lavorazione di ciascun prodotto e la disponibilità massima giornaliera per ciascuna macchina sono dati dalla seguente tabella: Macchine M 1 M 2 M 3 Prodotti A B Ore giornaliere disponibili I prodotti unitari sono pari a 40 Euro per il prodotto A e 60 Euro per il prodotto B. Quante unità dei due prodotti si devono fabbricare giornalmente per avere un profitto massimo? 6. Un tale ha a disposizione 700 Euro e vuole acquistare dei libri e dei contenitori di dischi. Ogni libro costa 15 euro ed ogni contenitore 12 Euro. Il loro spessore è rispettivamente di 7 cm e 5 cm. Vuole sapere se la cifra a disposizione è sufficiente per l acquisto di libri e contenitori quando devono essere soddisfatte le seguenti condizioni: c. Il numero di libri deve essere non inferiore a 15 e non superiore a 30; d. Il numero di contenitori deve essere non inferiore a 10 e non superiore a 30; e. Il numero complessivo di libri e contenitori non deve superare 50; f. Libri e contenitori devono essere allineati su una mensola di lunghezza non superiore a 3m.

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI CERTEZZA dipendenti da una sola variabile di scelta con effetti immediati

PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI CERTEZZA dipendenti da una sola variabile di scelta con effetti immediati prof. Guida PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI CERTEZZA dipendenti da una sola variabile di scelta con effetti immediati sono quei problemi nei quali gli effetti della scelta sono noti e immediati ESERCIZIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

Chi non risolve esercizi non impara la matematica.

Chi non risolve esercizi non impara la matematica. 96 matematica per l economia Esercizio 65. Consideriamo ancora il problema 63 dell azienda vinicola, aggiungendo la condizione che l azienda non può produrre più di 200 bottiglie al mese. Soluzione. La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

LA RICERCA OPERATIVA

LA RICERCA OPERATIVA LA RICERCA OPERATIVA Il termine Ricerca Operativa, dall inglese Operations Research, letteralmente ricerca delle operazioni, fu coniato per esprimere il significato di determinazione delle attività da

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI

RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI DI SCELTA) Il termine RICERCA OPERATIVA sembra sia stato usato per la prima volta nel 1939, ma già precedentemente alcuni scienziati si erano occupati di problemi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE:

PROGRAMMAZIONE LINEARE: PROGRAMMAZIONE LINEARE: Definizione:la programmazione lineare serve per determinare l'allocazione ottimale di risorse disponibili in quantità limitata, per ottimizzare il raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

PROGRAMMA CLASSE V I. T. C.

PROGRAMMA CLASSE V I. T. C. PROGRAMMA CLASSE V I. T. C. A.S 2009/10 Disciplina: Matematica Generale ed Applicata Titolo modulo Contenuti (suddivisi in unità didattiche) 1 Geometria analitica U.D.1 Equazione retta in forma esplicita

Dettagli

Modello matematico PROGRAMMAZIONE LINEARE PROGRAMMAZIONE LINEARE

Modello matematico PROGRAMMAZIONE LINEARE PROGRAMMAZIONE LINEARE PRGRMMZIN LINR Problemi di P.L. in due variabili metodo grafico efinizione: la programmazione lineare serve per determinare l allocazione ottimale di risorse disponibili in quantità limitata, per ottimizzare

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

Programmazione lineare

Programmazione lineare Programmazione lineare Un modello matematico per un problema di programmazione lineare Problema 1. Un reparto di un azienda di elettrodomestici può produrre giornalmente non più di 6 lavatrici, delle quali

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

LA RICERCA OPERATIVA E I PROBLEMI DI SCELTA

LA RICERCA OPERATIVA E I PROBLEMI DI SCELTA LA RICERCA OPERATIVA E I PROBLEMI DI SCELTA La ricerca operativa può essere considerata: L applicazione del metodo scientifico da parte di gruppi interdisciplinari a problemi che implicano il controllo

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Approfondimento 1 Le curve di costo

Approfondimento 1 Le curve di costo Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Approfondimento 1 Le curve di costo Prof. Coll. Renato Da Re Barbara Bolognesi Obiettivo della comunicazione La comunicazione

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 Appunti di estimo Il fine economico dell imprenditore Le motivazioni che spingono un imprenditore ad avviare attività di impresa sono: Produrre beni e servizi,

Dettagli

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA Risolvere le seguenti disequazioni: 0 ) x x ) x x x 0 CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 04/ MATEMATICA x 6 x x x x 4) x x x x x 4 ) 6) x x x ( x) 0 x x x x x x 6 0 7) x x x EQUAZIONI CON I MODULI

Dettagli

mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000

mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000 1.7 Servizi informatici. Un negozio di servizi informatici stima la richiesta di ore di manutenzione/consulenza per i prossimi cinque mesi: mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000 All inizio

Dettagli

Università del Salento

Università del Salento Università del Salento Dipartimento di Matematica DAI SISTEMI DI DISEQUAZIONI LINEARI.. ALLA PROGRAMMAZIONE LINEARE Chefi Triki La Ricerca Operativa Fornisce strumenti matematici di supporto alle attività

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa Prof. Gianmaria Martini Offerta dell impresa La decisione di un impresa a riguardo della quantità

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale

Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale Impiego della programmazione lineare nella progettazione degli impianti Cosa significa progettare

Dettagli

LABORATORIO DI MATEMATICA I PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA CON EXCEL

LABORATORIO DI MATEMATICA I PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA CON EXCEL LABORATORIO DI MATEMATICA I PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA CON EXCEL ESERCITAZIONE GUIDATA I problemi di scelta Problema. Una ditta produttrice di detersivi per lavatrice ha costi al litro

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO Bagaglio a mano Le regole per il bagaglio a mano di diverse compagnie aeree stabiliscono che la valigia (o borsa) deve avere un peso massimo di 5 kg e che la somma dei

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Cosa significa «Investimento»? L investimento è la seconda

Dettagli

15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati. Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano

15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati. Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano 15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano UNO STRUMENTO PER L ANALISI CONGIUNTA DELL ANDAMENTO DEI COSTI, RICAVI, RISULTATI B.E.P.= break even

Dettagli

1) Quali sono le equazioni, implicita ed esplicita, del piano determinato dai punti (-2;0:3) (1,-2,-1) (3,1,0) dello spazio cartesiano?

1) Quali sono le equazioni, implicita ed esplicita, del piano determinato dai punti (-2;0:3) (1,-2,-1) (3,1,0) dello spazio cartesiano? A - ANALISI INFINITESIMALE 1) Quali sono le equazioni, implicita ed esplicita, del piano determinato dai punti (-;0:3) (1,-,-1) (3,1,0) dello spazio cartesiano? ) Qual è l'equazione del piano passante

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

Risparmiare sulla bolletta del telefono

Risparmiare sulla bolletta del telefono Livello scolare: 1 biennio Risparmiare sulla bolletta del telefono Abilità interessate In situazioni problematiche, individuare relazioni significative tra grandezze di varia natura (per esempio variazione

Dettagli

IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO

IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO L analisi del punto di pareggio esprime, sia per via grafica che in termini matematici la relazione COSTI - VOLUME PROFITTO e dà un quadro immediato degli elementi

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Istituzioni di Economia

Istituzioni di Economia Corso di laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia I costi di produzione (Capitolo 13) I costi di produzione La legge dell offerta P Offerta Le imprese sono disposte a produrre e vendere quantità

Dettagli

ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI

ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI PROBLEMA: un azienda deve scegliere fra due possibili investimenti al fine di massimizzare il profitto netto nel rispetto delle condizioni interne e di mercato

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Un percorso dello sguardo. Grazia Cotroni. Le disequazioni e la parabola in seconda liceo

Un percorso dello sguardo. Grazia Cotroni. Le disequazioni e la parabola in seconda liceo Un percorso dello sguardo Grazia Cotroni Le disequazioni e la parabola in seconda liceo 2010/2011 Prerequisiti necessari per l attività didattica: 1. la retta 2. sistemi di primo grado (metodo di sostituzione,

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. CLASSE quinta INDIRIZZO AFM-SIA-RIM-TUR UdA n. 1 Titolo: LE FUNZIONI DI DUE VARIABILI E L ECONOMIA Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust?

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 1-14 giugno 01 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica Concorrenza Due imprese Pap e Rock operano

Dettagli

I COSTI NEL BREVE PERIODO

I COSTI NEL BREVE PERIODO Capitolo 10 Costi COSTI Occorre collegare la produzione dell impresa ai costi sostenuti per realizzarla, sia nel breve, sia nel lungo periodo Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori

Dettagli

Modelli di Programmazione Lineare

Modelli di Programmazione Lineare Capitolo 2 Modelli di Programmazione Lineare 2.1 Modelli di allocazione ottima di risorse Esercizio 2.1.1 Un industria manifatturiera può fabbricare 5 tipi di prodotti che indichiamo genericamente con

Dettagli

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Appello di Ricerca Operativa A.A. 2006-2007 (29/3/2007)

Appello di Ricerca Operativa A.A. 2006-2007 (29/3/2007) Nome... Cognome... 1 Appello di Ricerca Operativa A.A. 2006-2007 (29/3/2007) Si consideri la funzione f(x) = 4x 2 1 + 6x 4 2 2x 2 1x 2. Si applichi per un iterazione il metodo del gradiente a partire dai

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

I ricavi ed i costi di produzione

I ricavi ed i costi di produzione I ricavi ed i costi di produzione Supponiamo che le imprese cerchino di operare secondo comportamenti efficienti, cioè comportamenti che raggiungono i fini desiderati con mezzi minimi (o, che è la stessa

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE

ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE La Penelope SPA è un azienda produttrice di telai. La produzione si articola su due linee: la linea Trama e la linea Ordito. Nel 2007

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS V ERSA RI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo LICEO TECNICO MATERIA M ATEMATICA APPLICATA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROF PIZZILEO

Dettagli

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015 Domande a risposta multipla 1) Il primo teorema dell economia del benessere sostiene che: a) L equilibrio competitivo dipende dal potere contrattuale

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia

Università Ca Foscari Venezia Università Ca Foscari Venezia Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica Giovanni Fasano 2 Problemi di Costo Fisso & Vincoli Disgiuntivi (con esercizi ) November 12, 2015 2 Università

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La ricerca operativa 2 1.1 Introduzione......................................... 2 1.2 Le fasi della ricerca operativa...............................

Dettagli

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi 3.2 margine di contribuzione ( ) Scelta del prodotto di cui incrementare la produzione e la vendita

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

2 y. 12) Studia e rappresenta le linee di livello ottenute intersecando con i piani di equazione z=0, z=2, z=4 la

2 y. 12) Studia e rappresenta le linee di livello ottenute intersecando con i piani di equazione z=0, z=2, z=4 la A - ANALISI INFINITESIMALE 1) Come si rappresentano i punti (-;0:3) (1,-,-1) (3,1,0) nello spazio cartesiano? Quali sono le equazioni, implicita ed esplicita, del piano da essi determinato? Quali sono

Dettagli

La dualità nella Programmazione Lineare

La dualità nella Programmazione Lineare Capitolo 5 La dualità nella Programmazione Lineare In questo capitolo verrà introdotto un concetto di fondamentale importanza sia per l analisi dei problemi di Programmazione Lineare, sia per lo sviluppo

Dettagli

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Università di Bari aa. 014-15 CL Economia e Commercio CL Scienze Statistiche Es. 3.1 Concorrenza perfetta In un mercato in concorrenza perfetta in equilibrio

Dettagli

TITOLO LE ANALISI DI SENSITIVITA (Alberto Falini)

TITOLO LE ANALISI DI SENSITIVITA (Alberto Falini) SESSIONE N 13 TITOLO LE ANALISI DI SENSITIVITA (Alberto Falini) DATA LEZIONE 23 OTTOBRE 2002 1 1) Break - Even analisys L identificazione delle modalità attraverso le quali è possibile agire sulla redditività

Dettagli

ASSE MATEMATICO. Competenze Abilità Conoscenze

ASSE MATEMATICO. Competenze Abilità Conoscenze Competenze di base a conclusione del I Biennio Confrontare ed analizzare figure geometriche del piano e dello spazio individuando invarianti e relazioni. Analizzare, correlare e rappresentare dati. Valutare

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Prima Puntata www.studiobarale.it Parte 1 di 6 Obiettivi spiegare le diverse metodologie di calcolo dei costi di prodotto, mostrandone logiche

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8.

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8. Il Break Even Point Esercizio 1 Un albergo con 40 camere doppie, aperto tutto l anno, vende i pernottamenti a un prezzo medio di.70 per camera con trattamento B&B. Presenta i seguenti costi fissi relativi

Dettagli

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008. 10. Dualità in Programmazione Lineare

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008. 10. Dualità in Programmazione Lineare Ricerca Operativa A.A. 2007/2008 10. Dualità in Programmazione Lineare Luigi De Giovanni - Ricerca Operativa - 10. Dualità in Programmazione Lineare 10.1 Soluzione di un problema di PL: punti di vista

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa Management Sanitario per il corso di Laurea Magistrale SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Modulo di Ricerca Operativa Prof. Laura Palagi http://www.dis.uniroma1.it/ palagi Dipartimento di

Dettagli

MD6 Formazione dei prezzi. Domanda e offerta Concorrenza perfetta Monopolio

MD6 Formazione dei prezzi. Domanda e offerta Concorrenza perfetta Monopolio MD6 Formazione dei prezzi Domanda e offerta Concorrenza perfetta Monopolio Domanda e Offerta In occasione delle festività natalizie, la tratta Milano-Londra è molto richiesta. Diverse compagnie Low Cost

Dettagli

PROGRAMMA di MATEMATICA APPLICATA. Prof. ONORATI Mariano

PROGRAMMA di MATEMATICA APPLICATA. Prof. ONORATI Mariano ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2014/2015 CLASSE V SEZIONE E PROGRAMMA di MATEMATICA APPLICATA Prof. ONORATI Mariano Libro/i di testo in adozione: Matematica.rosso vol.5 Autori: Bergamini Trifone - Barozzi

Dettagli

Dipartimento di Economia e Management - ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI Esercizi sulla BEA- Integrano il E&Cn. 3.10 di Aziende

Dipartimento di Economia e Management - ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI Esercizi sulla BEA- Integrano il E&Cn. 3.10 di Aziende BEA Esercizio n. 1 I costi di caffè, acqua, energia, zucchero e igiene per produrre una tazzina di caffè ammontano a 0,2 ; i costi fissi per affitto, mobilio e altri costi di struttura ammontano a 25.000

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità La La rappresenta il canale principale attraverso il quale i consumatori ottengono informazioni sui prodotti. Nel 2006, le spese pubblicitarie in USA sono state pari al 2,2% 2% del PIL. In Italia, nel

Dettagli

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica CAPITOLO I. - PROGRAMMAZIONE DINAMICA La programmazione dinamica è una parte della programmazione matematica che si occupa della soluzione di problemi di ottimizzazione di tipo particolare, mediante una

Dettagli

Analisi delle configurazioni dei costi

Analisi delle configurazioni dei costi Analisi delle configurazioni dei costi i costi riferiti ad un medesimo oggetto possono assumere varie configurazioni a seconda del tipo di attività e dei fattori produttivi che s intende analizzare in

Dettagli

matematica per le quinte

matematica per le quinte istituto professionale versari-macrelli, cesena lorenzo pantieri matematica per le quinte corso serale Dipartimento di Matematica Anno scolastico 2015-2016 Questo lavoro spiega il programma di matematica

Dettagli

Il comportamento del produttore

Il comportamento del produttore Unità 2 Il comportamento del produttore 1 Indice Ambito I fattori produttivi La funzione di produzione Il mercato concorrenziale 2 Ambito La teoria del produttore si occupa di studiare il comportamento

Dettagli

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA Esercizio 1: variabilità dei costi In base alle seguenti informazioni relative ai costi dell uso aziendale di un autoveicolo: costi fissi: assicurazione 1.200

Dettagli

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011 L analisi dei costi di Francesco Giunta I COSTI Il raggiungimento di condizioni di equilibrio economico impone di tenere sotto costante controllo i costi.

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Domanda e Offerta - Elasticità Dott. ssa Sabrina Pedrini

Domanda e Offerta - Elasticità Dott. ssa Sabrina Pedrini Microeconomia, Esercitazione 1 (19/02/2015) Domanda e Offerta - Elasticità Dott. ssa Sabrina Pedrini Domande a risposta multipla 1) Siamo di fronte a uno shock positivo di offerta se: a) in corrispondenza

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli