SOFTWARE LIBERO ALLA SCOPERTA. pollicino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOFTWARE LIBERO ALLA SCOPERTA. pollicino"

Transcript

1 pollicino pace solidarietà ambiente convivenza è una rivista associata all Uspi ALLA SCOPERTA DEL SOFTWARE LIBERO Direttore responsabile: Daniele Barbieri In Redazione: Annalisa Govi, Leonardo Zen, Lollo Beltrami, Lorenzo Bassi, Marco Iori, Maria Monteleone, Mariangela Belloni, Matthias Durchfeld, Nicola Bertani, Renato Moschetti, Roberta Tondelli, Roberto Galantini, Silvia Iori, Tarsicio Matheus Rocha, Veronica Casilli Proprietario: Associazione Mag 6 Abbonamento annuale 25 da versare sul ccp intestato a: Associazione Mag 6 - Pollicino Gnus, via Vittorangeli 7/d, Reggio Emilia Redazione: via Vittorangeli 7/d, Reggio Emilia, tel./fax: Avvicinandoci al fatidico traguardo dei 200 numeri di Pollicino Gnus abbiamo voluto trattare un argomento mai toccato in tutti questi anni, ma ormai sotto gli occhi (e le mani) di tutti: l informatica. L informatica è un mondo vastissimo; fonte di enormi soddisfazioni, tanto quanto di enormi frustrazioni, si ritrova ormai ovunque: dal nostro computer alla macchinetta del caffè, dall acquisto del biglietto del treno al nostro cellulare. Siamo circondati da un universo, a noi più o meno (s)conosciuto, che quotidianamente si introduce nella nostra vita e a cui sono affidati milioni di dati. Alla costante ricerca di pace, ambiente, solidarietà e convivenza e cercando di metterci al riparo dalle lobby internazionali di turno andiamo allora alla scoperta di una fetta consistente dell informatica moderna attuale: il Software Libero, esperienza concreta di partecipazione e di trasparenza contro un oligopolio che domina il mercato e limita l effettivo esercizio della libertà di scelta, strumento fondamentale contro la sempre più incalzante tecnocrazia. Lollo, Nicola, Tarcisio (Redazione di Pollicino Gnus)

2 PRIMI PASSI Di Linux User Group Scandiano. In questo numero di Pollicino Gnus ti accompagneremo nel mondo del Software Libero: un mondo nel quale copiare un programma non è pirateria, ma un atto pienamente legale, di condivisione e di aiuto reciproco. Scoprirai che esiste una realtà nella quale non sei tu che ti adatti ai software che utilizzi, ma sono i software che si adattano ai tuoi scopi. Ti accorgerai che non sei costretto a cambiare il PC ogni 2 o 3 anni ma che il tuo vecchio computer può ancora essere utile. Ti indicheremo la strada per liberarti del legame che ti costringe ad utilizzare un programma specifico perché i tuoi documenti sono salvati nel formato di quel programma e scoprirai come assicurare la vita dei tuoi documenti nel tempo e come proteggere la tua libertà e la tua privacy quando utilizzi il computer. La libertà che ti stiamo presentando ha come unico costo quello di abbandonare quelle che fino ad oggi potrebbero essere state per te delle certezze. Se vorrai percorrere la strada che ti stiamo proponendo, dovrai avere il coraggio di assumere un atteggiamento critico nei confronti dei software che utilizzi. STORIA DEL SOFTWARE LIBERO Negli anni Settanta il software era prodotto, per la maggior parte, da universitari e da ricercatori aziendali che lavoravano in gruppo. I sistemi operativi, come le primissime versioni di UNIX, erano interamente distribuiti e mantenuti dalla comunità. Il codice sorgente era distribuito insieme al software stesso, poiché gli utenti modificavano spesso i programmi per risolvere bug o aggiungere nuove funzioni. Non esisteva il concetto di Software Libero poiché scambiarsi il software era naturale come scambiarsi una ricetta di cucina. Alla fine degli anni Settanta e nei primi anni Ottanta, le aziende iniziarono a imporre restrizioni ai loro programmatori attraverso il copyright. A volte ciò accadeva in quanto le aziende iniziavano a trarre profitto dal software proprietario. Bill Gates segnò il cambio di scena, nel 1976, quando scrisse la sua famosa lettera aperta agli hobbisti (mytech. it/flash/2001/08/07/la-lettera-inviata-dabill-gates-agli-hobbisti-il-), in cui si trovava un messaggio velato, secondo il quale ciò che gli hacker chiamano condivisione è in realtà furto. Nel 1983, il programmatore e attivista statunitense Richard Stallman (a sinistra nella foto) lanciò il progetto GNU, al fine di scrivere un sistema operativo (vedi glossario) L utilizzo Software Libero invece di software proprietario è possibile, e non è il punto di arrivo, ma l inizio di nuove esperienze. Nel corso di questo cammino scoprirai le origini del Software Libero, le possibili vie per la sua adozione, i gruppi di attivisti sul territorio e i progetti che stanno portando avanti per sostenerlo e difenderlo. Non ti parleremo di tecnicismi (per i termini più tecnici potrai comunque far riferimento al glossario in coda) ma di condivisione, di conoscenza, di collaborazione e, soprattutto, di libertà. Se deciderai di affrontare questa avventura non sarai solo, ma potrai essere parte di una comunità sempre disposta a fornirti gli aiuti di cui avrai eventualmente necessità. Ti auguriamo una buona lettura! 2011 Questo testo deriva parzialmente dal Vademecum per il Software Libero pubblicato su con licenza Creative Commons Attribuzione Condividi allo steso modo. Il testo modificato dal Linux User Group Scandiano è ripubblicato con la medesima licenza. 2

3 Bit generation completo, libero dalle restrizioni sull uso del suo codice sorgente. Un occasione particolare spinse Stallman a iniziare il progetto: una stampante non funzionava e gli utenti non potevano risolvere il problema poiché il codice sorgente non era aperto. Nello stesso anno, Stallman coniò il termine Software Libero, per proteggerlo e promuoverne il concetto fondò la Free Software Foundation. Nel 1986 venne pubblicata la definizione di Software Libero e nel 1989 venne pubblicata la prima versione della GNU General Public License. Molti componenti del progetto GNU, in seguito chiamato GNU Hurd, furono rilasciati nel 1991, ma il sistema operativo completamente libero mancava ancora della sua parte centrale: il kernel. Il kernel, che fu in seguito chiamato Linux, vide la luce nello stesso anno grazie al giovane studente finlandese Linus Torvalds (a destra nella foto). Appassionato di programmazione, Torvalds era insoddisfatto del sistema operativo Minix poiché supportava male la nuova architettura i386 a 32 bit, all epoca, e fino ai giorni nostri, tanto economica e popolare. Decise così di creare un kernel unix con lo scopo di divertirsi e studiare il funzionamento del suo nuovo computer. Nel 1992 il kernel Linux fu rilasciato come Software Libero e l unione dei due progetti GNU e Linux diede vita nello stesso anno a GNU/Linux, un intero sistema operativo completamente libero Questo testo è derivato da alcune voci enciclopediche di Wikipedia.org pubblicate con Licenza Creative Commons Attribuzione Condividi allo stesso modo. Il testo modificato dal Linux User Group Scandiano è ripubblicato con la medesima licenza. TEORIA & PRATICA Di Linux User Group Scandiano. Non tutti gli autori di software condividono il loro lavoro, alcuni preferiscono non farlo conoscere ad altri, non desiderano che venga copiato, che altri possano ottenere benefici dal loro lavoro, hanno paura che le loro conoscenze vengano apprese da terzi, preferiscono mantenere un atteggiamento elitario, egocentrico, individualista. Al contrario altri programmatori sono lieti di condividere il loro lavoro, sono contenti che il loro codice venga copiato, studiato, capito e migliorato. Da: L Accademia e il Monastero (ovvero l etica hacker), di Giulio Mazzolini scuola.linux.it/docs/filosofia/cultura/accademia_02.html Il termine software è usato per riferirsi ai programmi utilizzati per svolgere delle attività al computer. Al momento dell installazione di un programma sul computer, l utente deve accettare una licenza d uso, che stabilisce quello che è consentito e quello che non è consentito fare con il programma. È un vero e proprio contratto tra l utente e il fornitore, e a seconda del contenuto di questa licenza un programma può definirsi libero o no. Il Software Libero si distingue da quello proprietario perché la licenza che lo accompagna prevede che, chi lo usa, è appunto libero di usarlo per qualunque scopo: copiarlo, modificarlo e redistribuirlo come vuole, anche a pagamento. L utilizzo del Software Libero ha anche ricadute di tipo pratico come la legalità, la sicurezza, la gratuità delle licenze d uso, lo sviluppo collaborativo e di conseguenza l ampia possibilità di scelta. Un software può dirsi libero se rispetta quattro semplici regole; chiamate in genere le quattro libertà. 3

4 Non c è alcun bisogno di essere degli informatici per capirle: sono chiare e di immediata comprensione perché parlano della tua libertà. LIBERTÀ 0 il Software Libero deve poter essere utilizzato per qualunque scopo. Se alcuni utilizzi vengono vietati, allora non si tratta di Software Libero. Se, ad esempio, si vieta l utilizzo per fini commerciali o si consente l utilizzo solo per fini didattici, allora il software non è libero. LIBERTÀ 1 il Software Libero deve poter essere studiato e modificato. Al contrario, il contenuto dei programmi proprietari è, di solito, volutamente nascosto e non vi si può apportare alcuna modifica. Questa regola può essere paragonata alla libertà di poter leggere e modificare gli ingredienti della ricetta di una torta, prima di mangiarla: chi mangia le torte proprietarie non sa cosa sta mangiando e non può nemmeno spalmarci sopra della cioccolata. Questo è esattamente il contrario della libertà. Oggi sembra normale non poter modificare i programmi secondo le proprie esigenze, ma usando il Software Libero si possono riscoprire i diritti naturali, come, ad esempio, il diritto allo studio. Il software proprietario vieta questa possibilità rendendo, di fatto, chiunque tenti di studiare un programma un criminale... Esattamente la negazione dell istruzione! Ritornando alla metafora, è necessario comprendere che questa regola privilegia sia chi mangia torte, sia chi le fa. Chi mangia torte ha diritto alla trasparenza per capire se ci sono veleni, o ingredienti che possono causare allergia, da cosa può essere determinato uno specifico sapore, o anche perché vuole far realizzare una torta simile ma con altri ingredienti di suo gusto. Se per chi mangia torte non godere di questa libertà è una violazione al diritto ad assaporare ciò che vuole, per chi le fa è una negazione del diritto al progresso. LIBERTÀ 2 il Software Libero deve poter essere copiato. I programmi proprietari che negano la libertà di copia non consentono la condivisione del software fra gli altri utenti. Infatti presentano solo due scelte: non copiare il software impedendone la condivisione, oppure copiare il software infrangendo la licenza d uso, diventando cosiddetti pirati informatici. LIBERTÀ 3 il Software Libero deve poter essere ridistribuito insieme alle modifiche apportate. Questo permette all intera comunità di beneficiare dei cambiamenti apportati da ognuno. Collegando questa regola alle precedenti si può dire che non solo il Software Libero incentiva la copia, ma invita tutti a donare alla comunità il proprio contributo. A creare cultura, a progredire. Insieme. Forse ti è capitato di sentire anche il termine Open Source. I termini Software Libero e Open Source vengono usati per indicare quella che è sostanzialmente la stessa cosa, ma da punti di vista molto diversi. Come hai potuto osservare, le quattro libertà che definiscono il Software Libero non parlano di aspetti tecnici o di costo del programma, parlano della libertà di chi utilizza il software. Al contrario, la definizione di Open Source riportata nella Open Source definition 1 si focalizza sugli aspetti dell accessibilità del codice sorgente. La prima è focalizzata sui diritti della persona, la seconda sugli aspetti tecnico-legali del software. Per chiarezza, per semplicità, ma anche perché crediamo sia una definizione migliore 2, in questo monografico utilizzeremo esclusivamente il termine Software Libero

5 Bit generation Il Software Libero in pratica Nella ricerca e nell adozione di Software Libero si riscontrano vari tipi di approccio: Il cauto Se questo argomento ti interessa ma preferisci procedere per gradi, puoi avvicinarti al Software Libero in un modo molto semplice. Qualunque sia il sistema operativo installato sul tuo computer, troverai facilmente in rete molti programmi liberi da scaricare, installare e confrontare con quelli che usi ora. Rimarrai sbalordito perché i programmi liberi hanno funzionalità generalmente pari e talvolta persino superiori rispetto alle alternative proprietarie. L avventuriero Se invece desideri provare un nuovo sistema operativo, testandone tutte le funzionalità in modo non invasivo e senza installare nulla sul tuo PC, c è la soluzione Live: tutto viene caricato in tempo reale, direttamente da CD o DVD. Puoi scegliere una di queste semplici strade: contattare il gruppo di Software Libero (LUG o FSUG) più vicino a te, che sarà ben contento di fornirti un CD o un DVD con la distribuzione Live adatta alle tue esigenze e potrà fornirti qualche suggerimento per partire; scaricare e masterizzare un CD o un DVD con la distribuzione Live che preferisci (dai un occhiata all articolo GNU/Linux un sistema operativo libero su questo numero di Pollicino Gnus); andare in edicola e comprare una rivista con allegato un CD o un DVD contenente una distribuzione Live tra le varie solitamente disponibili. Una volta ottenuto il CD o il DVD, sarà sufficiente inserirlo nel lettore e riavviare il tuo computer. In questo modo potrai verificare la compatibilità con il tuo computer, provare il software incluso e soprattutto sperimentare il primo impatto con GNU/Linux, senza andare a intaccare in alcun modo il sistema già esistente sul tuo PC. L impavido Se vuoi passare definitivamente al Software Libero, puoi procedere con l installazione completa di GNU/Linux sul tuo computer. Prima di formattare il PC e cancellare così il sistema operativo precedentemenre installato, fai una copia di sicurezza dei tuoi dati. Se non sei sicuro contatta uno dei gruppi di attivisti vicino alla tua zona (LUG, FSUG): saranno felici di aiutarti. 5

6 È possibile far convivere più sistemi operativi sul tuo PC: GNU/Linux ti mette a disposizione a ogni avvio del sistema un menù che consente di scegliere quale sistema avviare. Inoltre utilizzando GNU/Linux sarai subito in grado di accedere alle partizioni ed a tutti i file dei sistemi preesistenti sulla macchina (ma non sempre potrai fare il contrario). In ogni caso questo è il passo che ti spalancherà le porte verso un nuovo modo di intendere l informatica. Avrai subito a disposizione un ambiente completo; non dovrai più cercare affannosamente, acquistare a caro prezzo o copiare illegalmente i programmi che ti mancano, perché potrai installarli nel tuo PC in qualsiasi momento direttamente da Internet scegliendoli con un click da un lunghissimo elenco; potrai condividere tutti i programmi che troverai con i tuoi amici, senza essere un pirata; se lo vorrai, potrai dotare il tuo sistema di effetti grafici da urlo, con estrema facilità; non dovrai scaricare ed installare pesanti driver per le periferiche: il sistema ne riconosce automaticamente un infinità; infine avrai subito a disposizione un gran numero di giochi!...e potrai essere impavido su tutti i PC che vorrai, non su uno soltanto! Alcuni miti da sfatare: non è vero che... Il Software Libero è gratuito: la libertà del software non ha nulla a che vedere con il suo prezzo. Anche se la maggior parte del Software Libero è distribuito gratuitamente, alcuni programmatori vivono del software che sviluppano fornendo servizio di assistenza agli utenti. Il Software gratuito è libero: se un software è distribuito gratuitamente, ma non è possibile studiare e modificare il suo codice e distribuirne copie, il software non è libero. Il Software Libero è senza copyright: la licenza che tutela il Software Libero, generalmente la General Public License (GPL), è una licenza d uso a tutti gli effetti anche se spesso per distinguere le licenze libere da quelle più restrittive si parla spesso di copyleft. Altre fonti it.wikipedia.org/wiki/differenza_tra_software_libero_e_open_source Questo testo è stato derivato dalla Sezione 1 del Dossier Scuola pubblicata su con Licenza Creative Commons Attribution Share Alike. Il testo modificato dal Linux User Group Scandiano è ripubblicato con la medesima licenza. La comunità Emilia Romagna Linux User Group La comunità (vedi community nel glossario) svolge un ruolo fondamentale nel supporto ai neofiti all uso di GNU/Linux e costituisce un importante luogo di aggregazione e apprendimento anche per chi è già esperto. In rete esistono una moltitudine di siti contenenti documentazione, mailing list e forum, sia generici che specializzati su specifici programmi o distribuzioni. In questi luoghi è possibile fare domande, cercare risposte ed ottenere così una rapida ed efficace soluzione ai problemi che si possono incontrare durante la configurazione e l utilizzo del sistema. Numerose associazioni, di carattere nazionale o locale (come ad esempio i LUG: Linux User Group ed i FSUG: Free Software User Group), raggruppano un vasto numero di esperti ed appassionati, contribuendo alla diffusione della cultura del Software Libero. Le attività di cui si occupano i vari gruppi sono molto varie, riflettendo le motivazioni per cui le singole associazioni sono nate: si va dai piccoli gruppi nati e cresciuti in ambito universitario, a quelli radicati in uno specifico territorio e che spesso si propongono come centri culturali ed educativi (con corsi e partecipazioni a manifestazioni). Allo stesso tempo alcune realtà di respiro nazionale puntano più ad un ruolo di coordinamento e di pressione nei confronti della politica e delle istituzioni, sia a livello nazionale che europeo. 6

7 Bit generation UN SISTEMA OPERATIVO LIBERO GNU/LINUX Di Linux User Group Scandiano. GNU/Linux è un sistema operativo completo di applicazioni, rilasciato con una licenza libera. Esistono diverse versioni di GNU/Linux, chiamate distribuzioni (o anche distro), solitamente create da comunità di sviluppatori o società che scelgono e preparano i programmi da includere. Tutte le distribuzioni condividono il kernel Linux (sia pur in versioni diverse e spesso personalizzate), mentre si differenziano tra loro per il cosiddetto parco software, cioè i programmi preparati e selezionati dagli sviluppatori per la distribuzione stessa, i quali possono essere liberi, freeware (cioè gratuiti ma non liberi, come ad esempio Skype o Flash Player) o commerciali. Queste distribuzioni includono anche strumenti software che guidano l utente nel processo d installazione del sistema e alcune forniscono la possibilità di avere assistenza a pagamento per le aziende. Società come Red Hat, Novell (per SUSE), Mandriva e Canonical Ltd (per Ubuntu), e progetti di comunità come Debian, Slackware e Gentoo, assemblano e testano le varie componenti software rilasciando distribuzioni personalizzate e variegate adatte agli usi più diversi. In questo momento se ne contano circa 300, ma quelle che sono state create a partire dalla fusione del progetto GNU e del kernel Linux sono molte di più. Sul sito futurist.se/gldt puoi trovare una ricostruzione temporale delle più importanti versioni di GNU/Linux sviluppate in questi anni. Basta una rapida occhiata per capire quanto il mondo GNU/Linux sia ampio e dinamico! Esistono distribuzioni specializzate per l uso scientifico, per indagini forensi, per montaggio audio-video, per le scuole, per l hardware vecchio, per i server, per i cattolici, per i satanisti, per i principianti, per gli smartphone, per giocare, per la manutenzione del PC, per la privacy, per i netbook, eccetera. Siccome stiamo parlando di Software Libero, chiunque può creare una versione di GNU/Linux secondo le proprie esigenze; al contrario il codice sorgente di Microsoft Windows o dei componenti principali di Mac OS X di Apple è ermeticamente chiuso ed è tenuto segreto dalle stesse aziende che lo hanno prodotto. Quindi nessuno può studiarlo, modificarlo e migliorarlo. Ecco perché esistono tante distribuzioni GNU/Linux e, al contrario, esistono pochissime versioni di Windows o Mac OS X. In un primo momento è possibile che il desiderio di provare GNU/Linux sia frenato dal gran numero di distribuzioni disponibili. Nessun timore! Come puoi intuire, non esiste una distribuzione migliore, semmai conviene scegliere quella che, per caratteristiche, calza meglio alle tue esigenze. 7

8 Alcune distribuzioni Se sei un neofita potresti orientarti sulle distribuzioni GNU/Linux un po più semplici da utilizzare, che magari includono già i driver per la maggior parte dell hardware, anche quando si tratta di software freeware (cioè gratuito ma non libero). Le più utilizzate sono certamente Ubuntu, Mint e Fedora. Se al contrario vuoi essere completamente libero o avere il controllo su tutto il software presente sul tuo PC potresti orientarti su distribuzioni un po più rigorose dal punto di vista della libertà come Debian o gnewsense. Di seguito ti riportiamo una breve descrizione di queste distribuzioni. Ubuntu è una distribuzione Linux finanziata da Canonical e basata sull ambiente desktop GNOME. È progettata per fornire un interfaccia semplice, intuitiva e allo stesso tempo completa e potente. I punti di forza di questa distribuzione sono l estrema semplicità di utilizzo, l ottimo riconoscimento e supporto dell hardware (reso possibile dall inclusione nel kernel di driver non liberi anche se gratuiti). La comunità di Ubuntu è vastissima essendo la distribuzione GNU/Linux più utilizzata e, anche per questo motivo, è sicuramente una distro adatta a chi muove i primi passi su GNU/Linux. [www.ubuntu.com] Linux Mint è una distribuzione basata su Ubuntu, con la quale ha molto in comune. Linux Mint concentra la sua attenzione sull eleganza, e include un numero di applicazioni che non è presente in Ubuntu. La versione principale di Linux Mint è stata spesso nominata come la miglior distribuzione Linux per principianti, grazie alla sua natura pronta all uso dovuta alle applicazioni già installate di default e alla presenza di codec proprietari, quindi non liberi, come il supporto agli MP3 e Flash. Fedora è una distribuzione Linux curata dal Progetto Fedora, un progetto Open Source sponsorizzato (ma non direttamente supportato) da Red Hat e supportato dalla community. L obiettivo è quello di lavorare con la community di GNU/Linux per creare un sistema operativo completo, utilizzando esclusivamente software liberi e forum pubblici con processi aperti. Debian il Sistema Operativo universale: così recita il suo slogan. È una delle distribuzioni più anziane oggi in uso, il suo sviluppo e portato avanti attraverso la collaborazione di volontari in tutto il mondo. È molto rigorosa dal punto di vista delle licenze e la sua installazione predefinita prevede esclusivamente l installazione di Software Libero, anche se, tramite l aggiunta di appositi repository, è possibile installare anche software proprietario o Software Libero basato su software non libero. gnewsense è una distribuzione GNU/Linux che include al proprio interno solamente Software Libero. gnewsense è la distribuzione ufficialmente supportata dalla Free Software Foundation. È fra i Progetti ad alta priorità, ovvero i progetti più importanti che la FSF chiede di supportare. L obiettivo di gnewsense è fornire agli utenti i pacchetti di programmi che offrono la stabilità di Ubuntu con l aggiunta della libertà completa del Software Libero al 100%. Nessun codice proprietario è o sarà mai inserito volontariamente in gnewsense; qualora fosse trovato un software proprietario, sarebbe considerato un bug da risolvere al più presto Questo testo è derivato da alcune voci enciclopediche di Wikipedia.org pubblicate con Licenza Creative Commons Attribuzione Condividi allo stesso modo. Il testo modificato dal Linux User Group Scandiano è ripubblicato con la medesima licenza. 8

9 Bit generation LA FREGATURA DEL SISTEMA OPERATIVO PRE INSTALLATO Quando acquisti un PC sei quasi sempre obbligato ad acquistare una licenza di Microsoft Windows. Non solo, ma spesso non vi è alcuna trasparenza su quanto stai pagando per la licenza e quanto per l hardware. Prova a controllare le offerte che periodicamente ti arrivano nella cassetta della posta: sulla maggior parte dei PC desktop o portatili trovi Microsoft Windows preinstallato e non hai alcuna informazione su quanto costa la licenza software. Se sei deciso a difendere la tua libertà e orientato verso un sistema operativo GNU/Linux è inutile che acquisti una licenza di Microsoft Windows visto che non la utilizzerai. Al momento dell acquisto di un nuovo PC fai una ricerca sulla rete e, se possibile, orientati sui PC che vengono venduti con GNU/Linux o senza sistema operativo. Su linuxsi.com puoi trovare un elenco di rivenditori che si sono impegnati a fornire ai propri clienti PC con GNU/Linux pre-installato, ma non fermarti a quella lista perché ne esistono altri. Se non riesci a trovare un modello di computer privo di licenza Windows che si adatta alle tue esigenze, dovresti sapere che è un tuo diritto chiedere il rimborso della licenza del sistema operativo se non lo utilizzi. Spesso questa strada è lunga, richiede impegno, occorre insistere, scrivere lettere e non sempre porta buoni frutti. Almeno per il momento. Il 24 gennaio 2011 infatti, ADUC (Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori) ha depositato un atto di citazione contro Microsoft richiedendo alla compagnia di rimborsare i consumatori che restituiscono le licenze per il sistema operativo Microsoft Windows preinstallato sui computer appena acquistati e non utilizzate. Nonostante quasi tutti i nuovi computer portatili e desktop siano venduti con un sistema Windows preinstallato, Microsoft si è ripetutamente rifiutata di rimborsare il costo delle licenze software a quei consumatori che non volessero utilizzare il sistema. Carlo Piana, consulente legale della Free Software Foundation Europe e parte del gruppo di avvocati rappresentanti le parti di ADUC nella class action, dice: È ora che i consumatori abbiano una scelta reale. Un meccanismo di rimborso funzionante di per sé non è sufficiente per una libera competizione nel mercato dei sistemi operativi, ma è un primo passo necessario che va preso il prima possibile. Quindi le cose potrebbero cambiare se il Tribunale di Milano giudicherà ammissibile la citazione e la class action di ADUC. Anche quando acquisti nuovo hardware o delle periferiche per il tuo computer cerca di orientarti verso produttori che sono più attenti al mondo di GNU/Linux e rilasciano i driver anche per questo sistema. Questo testo redatto dal Linux User Group Scandiano è pubblicato con Licenza Creative Commons Attribuzione Condividi allo stesso modo. 9

10 IL TUO PC È ANCORA UTILE NON BUTTARLO! Di Linux User Group Scandiano. Il tuo PC con Microsoft Windows è diventato lentissimo? Per accedere al tuo desktop devi aspettare ore? Il tuo vecchio Mac sta tirando gli ultimi sospiri? Anche se il tuo computer mette a dura prova la tua pazienza, non è da buttare! I computer di qualche anno fa possono riacquistare vitalità ed essere utilizzati ancora per parecchio tempo: installare un sistema operativo Libero come GNU/Linux, può essere il modo per rianimare un PC che veniva dato per spacciato. GNU/Linux è, per sua natura, molto meno avido di risorse rispetto a Microsoft Windows. Esistono distribuzioni complete di tutte le caratteristiche e funzionalità di un sistema operativo moderno ma con una interfaccia grafica alleggerita, così da poter funzionare agevolmente anche su un computer datato. In questo modo, grazie al Software Libero, il tuo vecchio computer può ancora essere utile! A questo scopo il Linux User Group Scandiano ha creato il Progetto e-waste (lug it/index.php/progetto_e-waste), con il quale si propone di ritirare vecchi PC, ma anche diversi componenti hardware (hard disk, moduli di RAM, stampanti) da aziende e privati cittadini con lo scopo di recuperarli installando GNU/Linux, per poi donarli a scuole o associazioni no-profit locali. Questo progetto offre diversi vantaggi e ricadute positive. Vantaggio etico Utilizzare Software Libero nelle scuole (principali beneficiarie del progetto e-waste) significa proteggere la libertà e il diritto alla conoscenza. L attività didattica dovrebbe essere per sua natura libera da condizionamenti commerciali o di altro tipo, quindi l attuale abitudine di affidare ogni aspetto dell informatizzazione della scuola ad una sola multinazionale, è piuttosto sconcertante e comunque non in linea con il principio di pluralismo che dovrebbe contraddistinguere gli ambienti scolastici. Gli studenti dovrebbero avere coscienza che esistono diverse alternative e che hanno la possibilità di scegliere. Vantaggio ecologico I rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, talvolta citati anche semplicemente con l acronimo RAEE, in lingua inglese Waste of electric and electronic equipment (WEEE) o e-waste (alla lettera e-spazzatura), sono rifiuti di tipo speciale: oltre a non essere biodegradabili contengono molto spesso sostanze considerate tossiche per l ambiente. Il rapido progresso tecnologico avvenuto in questi ultimi anni ha inevitabilmente prodotto un quantitativo enorme di e-waste, per lo più 10

11 Bit generation a postazione per poter utilizzare gli stessi programmi. Utilizzando Software Libero è possibile svolgere le medesime attività senza spendere nulla. Diverse realtà hanno aderito al Progetto e-waste: Centri Giovani, associazioni di volontariato e diverse scuole elementari della provincia di Reggio Emilia. Anche l Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia si è dimostrata sensibile a questo progetto ed è riuscita a recuperare diversi PC destinati allo smaltimento creando numerose postazioni internet e un intera aula informatica presso la Facoltà di Scienze Infermieristiche. Per l Università è stata preparata una versione GNU/Linux personalizzata con i requisiti di sicurezza necessari per le postazioni universitarie. Il Progetto e-waste ha anche varcato i confini nazionali per approdare prima in una scuola elementare albanese poi in Sahrawi dove, con il supporto dell associazione Jaima Sahrawi, sono stati donati 4 PC. destinato a discariche e inceneritori con conseguente inquinamento del suolo, dell aria, dell acqua e con ripercussioni sulla salute umana. Riutilizzare l hardware vecchio con GNU/Linux permette di allungare la vita dei PC ritardandone la consegna nelle isole ecologiche. Vantaggio economico Il software proprietario normalmente ha un costo. Le principali aziende produttrici di software (Microsoft, Adobe, Apple) offrono licenze a prezzo ridotto per scuole e studenti. Una postazione con Microsoft Windows, un programma per l ufficio come Microsoft Office e un programma di grafica come Adobe Photoshop, può costare (ad una scuola) circa 290 esclusivamente per le licenze software. Se gli studenti che utilizzeranno quella postazione si convinceranno che per scrivere testi occorre necessariamente Microsoft Word e per elaborare immagini occorre Adobe Photoshop, in ambito professionale dovranno pagare oltre Dal punto di vista tecnico, per poter realizzare il Progetto e-waste, il LUG Scandiano ha modificato un sistema GNU/Linux chiamato Debian creando una distribuzione completa di programmi per la navigazione e per l ufficio, ma con un sistema grafico leggero e quindi adatta per poter essere utilizzata anche su vecchi computer. In questo modo, grazie alla flessibilità che offre il Software Libero, si ottiene una postazione di tutto rispetto che non penalizza la reattività del computer. Oltre a preparare i computer per il Progetto e-waste, il LUG Scandiano mette a disposizione liberamente la documentazione e la distribuzione personalizzata per procedere autonomamente all installazione. Gli attivisti del LUG Scandiano sono sempre disponibili a fornire suggerimenti o assistenza nel caso l utente desideroso di imparare incontrasse perplessità, problemi o semplici curiosità. Quindi se il vostro computer è diventato lento, non avventuratevi nei centri commerciali in cerca di un occasione, forse basta rinnovare il sistema operativo. Prima di spendere soldi pensate a questa soluzione!...e magari contattate il LUG per avere informazioni in merito. Questo testo, redatto dal Linux User Group Scandiano, è pubblicato con Licenza Creative Commons Attribuzione Condividi allo stesso modo. 11

12 12 LUG lug it Scandiano LUG è l acronimo di Linux User Group. Il LUG Scandiano è un Associazione di Promozione Sociale formata da un gruppo di persone che condividono la stessa passione verso il Software Libero ed in particolare per il sistema operativo GNU/Linux. L obiettivo principale del LUG Scandiano è quello di espandere le conoscenze dei propri membri e condividerle con altri utenti per una crescita comune, nel tentativo di diffondere la cultura del Software Libero e del sistema operativo GNU/Linux. Il LUG Scandiano è un gruppo non-profit formato da persone che svolgono la loro attività prevalentemente in rete e attraverso prestazioni volontarie. Il LUG Scandiano si riunisce ogni primo e terzo lunedì del mese presso il Centro Giovani (via Diaz, Scandiano). Gli incontri sono dedicati a confronti e scambi di esperienze nel corso dei quali viene offerto un servizio di supporto all installazione e all utilizzo di GNU/Linux. Questi appuntamenti serali sono rivolti in particolare a persone curiose di scoprire GNU/Linux e la cultura del Software Libero. Il LUG Scandiano gestisce il sito lug it nel quale viene raccolto materiale informativo per promuovere la diffusione del Software Libero e svariate guide fruibili da chiunque. Per il Progetto e-waste il LUG raccoglie materiale informatico donato da ditte e privati e una volta l anno organizza il Linux Day a Scandiano, evento volto a far conoscere GNU/Linux e il Software Libero a chi lo desidera. Oltre a questo organizza anche eventi come i Game Party, cioè sessioni di gioco per far conoscere il mondo del Software Libero ai più giovani e per sfatare il mito che GNU/Linux non è fatto per giocare. Molto importanti anche tutti i corsi, più o meno formali, che il LUG organizza all interno del Centro Giovani: si va dai corsi per neofiti, a corsi più tecnici, a lezioni su specifici programmi liberi, ai progetti interni, tutti riportati sul sito dell Associazione. Il LUG Scandiano è in contatto e collabora anche con il ReLug (Linux User Group di Reggio Emilia) e con ConoscereLinux (Linux User Group di Modena) con i quali partecipa ad altri eventi come le Fiere dell Elettronica. Emilia Romagna LUG erlug.linux.it L Emilia Romagna Linux User Group (ERLUG) viene fondato nel settembre 1999, costituendosi come associazione culturale regolarmente registrata; ERLUG nasce con l intento di creare un LUG regionale che possa diffondere la conoscenza di Linux e la cultura del Software Libero tramite l organizzazione di eventi rivolti al pubblico, la creazione di contenuti ed aiutando chi si avvicina a questi temi. ERLUG inoltre collabora, anche fornendo supporto, con altre organizzazioni nazionali e locali. Negli anni ERLUG ha organizzato numerose manifestazioni sia di respiro locale che più ampio. Dal 2001 contribuisce al Linux Day, manifestazione nazionale promossa da ILS (Italian Linux Society) che si tiene annualmente in contemporanea in molte città italiane. Negli ultimi anni sono da segnalare conferenze rivolte ad un pubblico tecnico, come un convegno sui sistemi embedded e l italian code jam (esempio, quest ultimo, di proficua collaborazione con altre associazioni). Significativo, inoltre, l impegno nella campagna contro l introduzione dei brevetti sul software in Europa, conclusasi positivamente. Oltre ai professionisti del settore informatico, tradizionalmente, ERLUG annovera tra i propri membri anche persone di formazione più classica e questo si è spesso riflesso nelle attività dell associazione, con iniziative in ambiti quali l educazione ed i rapporti tra le istituzioni e la comunità del Software Libero. Attraverso il sito erlug.linux.it è possibile accedere alle ultime notizie sulle nostre attività, oltre che ad alcune mailing list e forum di supporto.

13 Bit generation SOFTWARE LIBERO a SCUOLA Di Emilia Romagna Linux User Group. In un momento di crisi del sistema educativo italiano e in una fase economica in cui i giovani faticano sempre più ad inserirsi nel mercato del lavoro, si può essere tentati di snobbare l insegnamento dell informatica libera nelle scuole, percependole come un argomento di nicchia e privilegiando l addestramento (e non l insegnamento) all uso delle solite suite da ufficio (principalmente Word ed Excel), pensando che questo possa essere di maggiore utilità pratica. Al contrario, l utilizzo di Software Libero comporta spesso l acquisizione di elementi di conoscenza particolarmente elevata (sia del software stesso che dei concetti generali ad esso associati); la disponibilità del codice sorgente consente poi di approfondire il software al livello desiderato: dal semplice utilizzo all analisi dell architettura complessiva del sistema, compresa l implementazione stessa. Si passa così dall addestrare ad usare uno specifico programma, all insegnarne i reali meccanismi di funzionamento ed i concetti logicoinformatici alla loro base. La libertà di modificare e ridistribuire il software, tanto per l insegnante quanto per gli allievi, stimola ad approfondire le proprie conoscenze; i formati aperti consentono inoltre il pieno controllo sul contenuto dei propri dati e documenti. Non dimentichiamo infine che, in un periodo in cui infuriano campagne contro la cosiddetta pirateria digitale, il Software Libero educa l utente al rispetto delle leggi, mostrando al tempo stesso che un modo diverso di fruire l informatica ed i contenuti digitali è possibile. Non ultimo, le licenze libere possono contribuire ad abbattere i costi di installazione di un laboratorio e di una rete scolastica: infatti, oltre all alto valore didattico, non va dimenticato l importante contributo economico e tecnico che il Software Libero può dare ad un istituto scolastico. Nato e cresciuto attraverso Internet, il Software Libero costituisce la base ideale sulla quale costruire la propria rete scolastica; troverete programmi per qualsiasi compito: web, file sharing, gestione utenti, posta elettronica, sicurezza, condivisione di connettività e molto altro ancora. Altro punto a favore sono le limitate richieste di sistema: oltre a poter funzionare in maniera adeguata su computer normalmente ritenuti vecchi, con gli opportuni accorgimenti è possibile riutilizzare macchine del tutto obsolete, usandole come terminali di un server centrale. 13

14 STANDARD APERTI Di Linux User Group Scandiano. La libertà informatica degli utenti non passa soltanto attraverso il Software Libero ma anche attraverso l uso di formati di documento aperti: gli Standard Aperti. I file che produciamo con il nostro computer potrebbero infatti non essere liberi, potrebbero non essere aperti. Cerchiamo di capire cosa si intende con questi termini con un esempio pratico. L azienda americana Microsoft sviluppa e vende il famoso applicativo per ufficio Microsoft Office. Si tratta ovviamente di un software proprietario che non fornisce nessuna delle quattro libertà che contraddistinguono il Software Libero. Microsoft Word, il programma di video-scrittura compreso nella suite Office, almeno fino alla versione 2003 memorizza i documenti utilizzando il formato.doc. Questo formato è molto comune, ed è probabile che ti sia già capitato di utilizzarlo. È importante sapere che le specifiche tecniche dei file.doc sono di proprietà di Microsoft e sono da questa tenute segrete. Ciò implica che solo Microsoft sa come scrivere e interpretare in modo corretto questo tipo di file. Una chiusura questa che certamente non stimola la libera concorrenza nel mercato del software e che crea, vista la preoccupante diffusione del formato.doc, una dipendenza degli utenti verso il software dell azienda e il suo formato proprietario. Gli sviluppatori di OpenOffice.org (ora LibreOffice), l alternativa libera a Microsoft Office, nel corso degli anni hanno scoperto per tentativi come interpretare buona parte del formato.doc, tuttavia alcuni aspetti del formato risultano ancora oscuri, senza contare che Microsoft può cambiare le specifiche del suo documento in qualunque momento. Tutto ciò ha validità generale: la maggior parte dei software proprietari salvano i documenti utilizzando formati proprietari. Una soluzione per essere indipendenti e poter essere liberi di scegliere è utilizzare sempre Standard Aperti per i propri documenti. Per Standard Aperto si intende un formato di documento o un protocollo, come ad esempio un codice di comunicazione fra due PC, che sia pubblicamente leggibile, pubblicamente documentato e liberamente utilizzabile. 14

15 Bit generation In pratica significa che qualunque sviluppatore, se vuole, ha la possibilità di creare un programma che parli il linguaggio definito da uno Standard Aperto, proprio perché le sue regole sono pubbliche e perché non deve corrispondere a nessuna azienda un compenso per il suo utilizzo. È facile intuire che gli Standard Aperti incentivano il libero mercato, lasciano liberi gli utenti di poter scegliere le applicazioni che preferiscono per poter leggere o scrivere i propri file e promuovono uno sviluppo collaborativo dei formati. La più grande innovazione tecnologica degli ultimi tempi è basata proprio sull uso di Standard Aperti: stiamo parlando ovviamente di Internet, i cui linguaggi e specifiche dei protocolli sono spesso aperti. Fortunatamente la Comunità Europea, grazie anche ai numerosi solleciti della Free Software Foundation Europe, sembra per il momento intenzionata a portare avanti una politica a favore dell implementazione degli Standard Aperti. L EIF - European Interoperability Framework - rappresenta il punto di riferimento in tema di interoperabilità a livello europeo ed enfatizza il ruolo svolto da Standard Aperti per l implementazione di un sistema di interoperabilità tra sistemi e per promuovere il libero mercato. In questi mesi sono state redatte diverse versioni dello EIF e la FSFE ha cercato di spiegare i vantaggi che possono derivare dall adozione di Standard Aperti. Commissione Europea affinché gli stessi Standard Aperti non siano utilizzati poiché, sostiene la BSA, costituisco un freno all innovazione. La BSA vorrebbe anche poter aggiungere, all interno degli standard, tecnologie brevettate per l utilizzo delle quali è previsto un pagamento di royalty. Se così fosse sarebbe un grande controsenso poiché un programmatore per poter utilizzare uno standard sarebbe obbligato a pagare un diritto d autore ad un azienda. Le diverse argomentazioni della BSA sono state inoltrate alla Commissione Europea attraverso una lettera alla quale è seguita una contro risposta della FSFE: [fsfe.org/projects/os/bsa-letter-analysis.en.html]. In conclusione, anche se spesso risulta difficile rendersene conto, nel mondo del software da molti anni è in corso una vera e propria guerra dei formati. Quando si parla di alimenti siamo spesso critici e attenti a ciò che consumiamo, tuttavia quando utilizziamo tecnologie informatiche non prestiamo quasi mai la medesima attenzione e molte volte consumiamo prodotti tossici. Quello che possiamo fare nel nostro piccolo per difenderci da questa guerra dei formati è come sempre informarci, nonché ovviamente sostenere ed utilizzare Software Libero. Questo testo, redatto dal Linux User Group Scandiano, è pubblicato con Licenza Creative Commons Attribuzione Condividi allo stesso modo. Dall altro lato abbiamo la Business Software Alliance (BSA), un alleanza lobbistica creata per difendere gli interessi dei principali produttori di software proprietario, che sta facendo pressione con la stessa 15

16 ipad UN PASSO INDIETRO NELLA LIBERTÀ INFORMATICA Di Linux User Group Scandiano. Caro signor Jobs, i DRM daranno alla Apple e ai sui partner aziendali il potere di disattivare funzionalità, bloccare i prodotti concorrenti (in particolare il Software Libero) censurare le notizie, e anche eliminare i libri, i video o le notizie dai computer degli utenti senza preavviso - utilizzando il dispositivo sempre connesso alla rete. L anno scorso abbiamo visto come i diritti umani e la democrazia possono avere la tecnologia rivolta contro di loro. Creando un computer in cui ogni applicazione è sotto il totale controllo centralizzato, Apple sta mettendo in pericolo la libertà per aumentare i propri profitti. Apple può dire che non abuserà di questo potere, ma la registrazione delle applicazioni respinte ed eliminate dell App Store non ci dà motivo di fidarci dell azienda. L utilizzo senza precedenti dei DRM nell ipad per controllare tutte le funzionalità di un computer di uso generale è un pericoloso passo indietro per l informatica e per la distribuzione dei media. Chiediamo alla Apple di rimuovere tutti i DRM dai suoi dispositivi 1 Così recita l annuncio della campagna Defective by Design condotta dalla Free Software Foundation (FSF) e dal suo fondatore Richard Stallman (che dichiara: ipad is ibad for freedom 2 ). In particolare la FSF è fermamente contraria all uso dei DRM. Questo acronimo significa Digital Rights Management (Gestione dei Diritti Digitali); tuttavia, come vedremo, sarebbe più corretto parlare di Digital Restrictions Management visto l uso che ne viene fatto. Sui dispositivi mobile di Apple, che condividono il sistema operativo ios, i DRM vengono utilizzati per controllare l installazione del software e dei contenuti in genere. Chi crea ad esempio un applicazione per ipad, anche per un uso personale, non potrà installarla sul proprio dispositivo finché non sarà approvata dall App Store ufficiale di Apple, che diventa di fatto l unica autorità in grado decidere quali programmi possono essere installati sul proprio dispositivo. Questo è un grande passo indietro nella storia dell informatica, se i primi computer avessero richiesto permessi dei costruttori per ogni nuovo programma o nuova caratteristica, la storia dell informatica sarebbe tristemente totalitaria spiega Holmes Wilson della FSF. 16

17 Bit generation Dal controllo sul software, che detiene senza compromessi la Apple, alla censura vera e propria il passo è molto breve, tanto che non sono mancate polemiche a seguito di applicazioni non approvate da Apple. Secondo iphoner.it sarebbero circa le applicazioni censurate: si va dai fumetti gay 3, ad applicazioni sul Dalai Lama 4. Rimuovere queste restrizioni è molto semplice, tanto che esistono numerosi siti web che permettono di fare quello che in gergo viene definito jailbreak del sistema. Tuttavia Apple ritiene che eludere queste restrizioni sia un offesa criminale, anche per scopi che sono permessi dalla legge sul copyright. Fortunatamente non la pensa così il governo degli Stati Uniti che ha dichiarato questa pratica legale, almeno negli USA 5, anche se per Apple ciò invaliderebbe la garanzia del dispositivo. Tutto tace sul territorio italiano, ma indipendentemente dal fatto che il jailbreak sia legale o meno, certamente si dovrebbe poter avere sempre il completo controllo dei dispositivi che si acquistano e del software che si utilizza. Per questo vi proponiamo una serie di prodotti alternativi ad ipad, molto più rispettosi della libertà dell utente e prodotti nel nostro paese. Garlach44 Si tratta di una ditta pugliese che propone un tablet da 10 pollici con installato il sistema operativo Android. Android è un sistema operativo open source per dispositivi mobili, basato sul kernel Linux il cui sviluppo è condotto da Google. Abaco Computers È una ditta di Milano che da diversi anni produce computer con sistemi operativi liberi. L azienda, che segue una propria filosofia personale ( Abacosofia ), produce dei netbook con tastiera e schermo touch a prezzi contenuti. Esistono anche tantissimi tablet commerciali che usano il sistema operativo Android, basato sul kernel Linux, ma che può contenere alcuni applicativi non liberi. Certamente la condivisione delle applicazioni ha molti meno limiti di ipad e comunque la maggior parte del sistema Android è libero. A volte sarebbe meglio esaminare cosa è più importante per noi: se la possibilità di possedere un costoso dispositivo alla moda, che ci nasconde, tra mille applicazioni allettanti, i nostri limiti, o essere i veri padroni dei nostri file, dei nostri contenuti, dei nostri dati personali utilizzando un sistema modellabile alle nostre esigenze, magari proprio creato da qualcuno che la pensa come noi! Questo testo, redatto dal Linux User Group Scandiano, è pubblicato con Licenza Creative Commons Attribuzione Condividi allo stesso modo. 1. Estratto da (La copia letterale e la distribuzione di questo paragrafo nella sua integrità sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta). 2. daily.wired.it/news/tech/stallman-ipad-io-lo-chiamo-ibad.html 3.www.gaywave.it/articolo/apple-store-censura-applicazione-con-bacio-gay-suipad/ www.cellularemagazine.it/new/index.php?page=news.php&ID=11527&Apple_ censura_il_dalai_lama.php

18 BOLOGNA FREE SOFTWARE FORUM 18 Per raccontare la storia di Comodino bisogna cominciare dalla nascita di un associazione, il BFSF (Bologna Free Software Forum). Nel 2001 si incontrarono a Bologna una decina di persone provenienti da esperienze diverse: università, formazione non violenta, movimento altermondialista, ecc. Non c erano social network e l accesso ad internet era una roba da quasi addetti ai lavori, ma il tam tam della rete riuscì a far incontrare lo stesso un gruppo di persone accomunate da almeno due consapevolezze: che le tecnologie digitali potevano diventare uno strumento di emancipazione, di confronto, dialogo ed azione nel praticare nuovi e vecchi diritti e che, però, il meglio di queste promesse si sarebbe potuto realizzare con il libero accesso a queste conoscenze, come chiedeva da una decina d anni almeno il movimento promotore del Software Libero. Da queste convinzioni nacque il BFSF. Un gioco di parole che voleva echeggiare le nuove forme di partecipazione inaugurate con i social forum, ma che al tempo stesso riconosceva in quelle forme i paradigmi che avevano reso il Software Libero un patrimonio dell umanità, come avrebbe sancito l Unesco nel 2003, ovvero la collaborazione tra pari in rete, l accesso senza limiti alla conoscenza, la libertà. Forme e paradigmi che prima di tutto erano sociali, prima che tecnologici, e che per questo erano quindi nelle esperienze di tante associazioni e movimenti che cominciavano a utilizzare questi strumenti per le loro attività. Comodino nacque così. PROGETTO COMODINO Di Paolo Patruno. Progetto Comodino nacque dal bisogno di aiutare i gruppi per la trasformazione sociale ad un utilizzo critico e consapevole degli strumenti informatici e telematici. Molte associazioni avevano bisogno di una mailing list, altre cominciavano ad aprire i primi siti internet. Il progetto Comodino non voleva essere un supporto neutrale, ma un esperienza autogestita per dare servizi - certo - ma soprattutto diffondere una cultura su temi come la privacy, la sicurezza informatica, gli interessi economici, la censura, la condivisione dei saperi ecc., che allora potevano sembrare pionieristici, ma che oggi sono una questione centrale, come ha dimostrato la puntata di Report dedicata ai social network. Grazie soprattutto all impegno di una radio bolognese (Radio Città 103, poi diventata Radio Città Fujiko) fu possibile comprare una prima macchina sulla quale fu montata una distribuzione di Debian e che venne messa in rete poco prima dell European Social Forum di Firenze, con l obiettivo di dare informazioni in tempo reale e caricare delle brevi clip audio. Nel corso degli anni su quel server furono aperte le liste ed il sito del Social Forum di Bologna, quelle della Mag 6, dei Berretti Bianchi e di Bisogno di Pace, del movimento della Decrescita e delle due botteghe del commercio equo e solidale ExAequo ed Equinozio. E ancora: diversi gruppi di acquisto solidale, il sito di Facciamo Breccia e quello della Rete 28 Aprile, le Pagine Arcobaleno di Bologna e Reggio Emilia. E da poco anche il sito Piazza Carlo Giuliani. Oltre al sito di Radio Città Fujiko (che trasmette anche online) c è il progetto Radio Nebbia, una web radio dedicata ai giovani della bassa bolognese, tutto sempre con Software Libero. Comodino, ancora oggi, dà il suo benvenuto con una pagina dove si racconta la sua storia ed i suoi principi, dove si può accedere ad un elenco trasparente dei costi sostenuti (solo quelli vivi, siamo tutti volontari) e dei modi con i quali si può fare una donazione, nonché l elenco dei servizi messi a disposizione: hosting di siti internet, wiki, mailing list, condivisione file, forum. C è anche un modulo per farne richiesta. Spartano forse, ma l intenzione non è offrire qualcosa a buon mercato, per questo ci sono altri soggetti in rete. L obiettivo è entrare in relazione con chi li vuole usare, aiutare ed aiutarci a migliorare e far crescere la cultura per una società più giusta e libera (che ha bisogno di strumenti anch essi più giusti e liberi). Uno dei principi base è il metodo con cui si finanzia: ogni realtà contribuisce non a prezzo di listino, ma con una quota commisurata alle proprie possibilità economiche; e Comodino fornisce i servizi che le risorse economiche e il volontariato permettono. Noi ci stiamo provando così.

19 LIBERTÀ INFORMATICA E TUTELA DELLA PRIVACY IN PILLOLE Bit generation Di Linux User Group Scandiano. Quali formati dovrei utilizzare per inviare i documenti che allego alle mie ? Quando mandi una con un allegato dovresti sempre pensare a quale programma dovrà utilizzare il destinatario per leggere il tuo file. Utilizzare Standard Aperti è sempre un ottima scelta, soprattutto quando non si sa quali software possiede chi riceve la tua . Se invii un allegato in formato Standard Aperto chi lo riceve non sarà costretto ad utilizzare un programma proprietario per aprirlo, ma potrà utilizzare qualunque software che implementa tale standard, spesso facilmente reperibile tramite Internet. I formati da evitare, in quanto proprietari e, su Windows, spesso portatori di virus o altre tipologie di codice cosiddetto maligno (malware), sono: DOC e DOCX (formati di Microsoft Word per i testi); XLS e XLSX (formati di Microsoft Excel per i fogli di calcolo); PPT e PPTX (formati di Microsoft Power Point per le presentazioni); RAR (formato per l archiviazione e compressione dei file); MP3 (formato per i file musicali); 19

20 I formati consigliati invece sono: ODT (formato aperto per i testi); ODS (formato aperto per i fogli di calcolo); ODP (formato aperto per le presentazioni); PDF (formato di utilità generale per distribuire documenti di vario tipo); ZIP, 7z (formati per l archiviazione e la compressione dei file); OGG (contenitore per file musicali o filmati); e molti altri come HTML, TXT, JPG, PNG, SVG ecc. Se hai la possibilità, contatta prima la persona alla quale stai scrivendo per accordarvi su un formato di scambio se possibile aperto. Come posso mantenere la riservatezza delle che invio? Se vuoi mantenere la riservatezza delle tue il modo migliore è scambiare messaggi crittografati con le persone che conosci. I messaggi crittografati possono essere resi leggibili solo dal mittente e dal destinatario che posseggono le chiavi per aprirli. Durante il trasferimento e sul server di posta elettronica i messaggi sono resi illeggibili per chi non è in possesso delle chiavi per leggerli. Per utilizzare questa tecnica e comunicare in modalità sicura, puoi installare (e chiedere ai tuoi amici di fare altrettanto) GnuPG (Gnu Privacy Guard). Se utilizzi Thunderbird potresti provare l estensione Enigmail, che ti fornisce un interfaccia semplice per iniziare a produrre crittografate. Sul sito di Enigmail è disponibile un ottima guida per cominciare ad utilizzare questa tecnologia. È meglio utilizzare un programma per scaricare la posta o collegarsi al provider server e leggerla da lì? Se ti colleghi al server del provider utilizzi un programma per gestire le via web che, in genere, è progettato dallo stesso provider. Questi programmi offrono un interfaccia utente semplice, non richiedono alcuna configurazione e sono accessibili attraverso qualunque PC collegato ad internet. Un programma installato sul tuo PC, come ad esempio Thunderbird, sarà certamente più ricco di funzioni che ti aiuteranno a gestire la tua casella in modo molto più efficiente, ma per poter collegare Thunderbird alla tua casella sarà necessario configurarlo. Molti provider forniscono delle guide specifiche per i più diffusi programmi di posta; in aggiunta Thunderbird ha al suo interno degli strumenti di autoconfigurazione che funzionano per la maggior parte dei provider. Un programma come Thunderbird permette anche di consultare la posta, se adeguatamente configurato, quando non si è connessi (ad esempio in viaggio, in treno, ecc.) e, nel caso di poco spazio sul server, dà la possibilità di creare cartelle locali sul computer dove possiamo conservare i vecchi messaggi di posta. INTERNET È vero che si lasciano tracce nei siti che si visitano? Quando ti colleghi ad un sito web il tuo computer comunica al server il tuo indirizzo IP che verrà utilizzato per inviarti la pagina che hai richiesto. L indirizzo del tuo PC, che normalmente cambia ogni volta che ti connetti con il tuo provider (IP dinamico), viene registrato sul server che hai visitato e su questo rimarrà per alcuni mesi. Alcuni paesi obbligano gli amministratori di rete a tenere traccia di questi accessi e a consegnarli, se necessario, alla polizia competente: se incrociati con i dati dei provider, possono permettere di risalire all utente che ha richiesto la pagina. Normalmente anche nella cronologia del browser che utilizzi su tuo PC, rimane una traccia dei siti che hai visitato. Le ultime versioni di Firefox danno però la possibilità di utilizzare una sessione anonima che non conserva alcuna traccia in locale dei siti visitati, delle password digitate e così via. Molto comodo su un PC utilizzato da più utenti, come ad esempio negli Internet point. Esistono poi varie tecniche per rallentare il riconoscimento del computer in rete, come ad esempio l utilizzo di un proxy. Se configuriamo il nostro 20

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Enrico Albertini 1 Di cosa stiamo parlando? L'hardware è la parte del computer che possiamo toccare, ciò che è composto da atomi. Il software, invece, è una

Dettagli

Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere

Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere Luca Syslac Mezzalira Montebelluna Linux User Group 20/09/2007 Montebelluna Syslac (MontelLUG) Intro Linux/GPL 20/09/2007 Montebelluna 1 / 27 Licenza d utilizzo

Dettagli

Software proprietario

Software proprietario Open Source Software proprietario NO Fino a tutti glianni sessanta, anche se in misura decrescente, la componente principale e costosa di un computer era l hardware. Da ciò la scelta dei produttori di

Dettagli

LINUX E OPEN INNOVATION

LINUX E OPEN INNOVATION BENVENUTI LINUX E OPEN INNOVATION Storia, filosofia e concept a cura di Fabio Lovato (INFO@SCULDASCIALAB.ORG) COSA SAREBBE UN PC SENZA PROGRAMMI? Un computer per funzionare necessita di un sistema operativo.

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina 1 / 34 Obiettivi di questo incontro Fornire delle informazioni di base sul funzionamento

Dettagli

Il software libero nella didattica. Le tre classi di programmi. Caratteristiche del software. Il progetto GNU

Il software libero nella didattica. Le tre classi di programmi. Caratteristiche del software. Il progetto GNU Il software libero nella didattica Marino Miculan -- Linux Day 2002 -- Gorizia, 23 novembre 2002 Le libertà del Software Libero nella didattica Perché adottare S.L. nella scuola

Dettagli

Linux e Open Source: Libero! Non "gratis"...

Linux e Open Source: Libero! Non gratis... Linux e Open Source: Libero! Non "gratis"... Di Colucci Martino. 1 Cos'è Linux Linux è un sistema operativo alternativo al più blasonato Windows OS (o al cugino Macintosh) È parente stretto della famiglia

Dettagli

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro "libertà fondamentali":

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro libertà fondamentali: OPEN SOFTWARE Tecnicamente, Open Source significa a codice sorgente aperto. La maggior parte dei programmi sono infatti scritti in linguaggi (più o meno) leggibili dagli umani, quali il C, C++, C#, ecc.;

Dettagli

POLINUX. Linux for Polimi people

POLINUX. Linux for Polimi people POLINUX Linux for Polimi people POLINUX Come potremmo definirlo? Polinux è una distribuzione GNU/Linux, derivata da Ubuntu, contenente solamente software libero. Menu del giorno Cos'è il Software Libero

Dettagli

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 1

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 1 Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 1 Presentazione generale del concetto di open source Il sistema operativo LINUX e le varie distribuzioni Uso di una versione Knoppix live Presentazione di OpenOffice.org I contenuti

Dettagli

Introduzione. Che cos è Linux

Introduzione. Che cos è Linux Introduzione Una delle maggiori soddisfazioni per chi insegna a utilizzare Linux consiste nell osservare i volti degli allievi e nel vedere che, su quei volti, a poco a poco si fa strada la comprensione.

Dettagli

OPEN SOURCE CLOSED SOURCE

OPEN SOURCE CLOSED SOURCE OPEN SOURCE CLOSED SOURCE VS Con questi due termini si intendono due strategie di distribuzione software. Questi due modelli si differenziano per le modalità di: REALIZZAZIONE DISTRIBUZIONE MANUTENZIONE

Dettagli

Software Libero. Nicola Asuni

Software Libero. Nicola Asuni Software Libero Nicola Asuni Software "programmi e procedure utilizzati per far eseguire determinati compiti agli elaboratori elettronici (computer) o qualsiasi altro apparato con capacità di elaborazione

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava

Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava Panoramica su Linux Cosè Linux Perchè Linux è libero Cosè Linux? Linux è un Sistema Operativo Agisce da interfaccia tra l' uomo e la macchina fornendo

Dettagli

Introduzione al Software Libero

Introduzione al Software Libero Introduzione al Software Libero Linux Day 6 23 novembre 2002 Il software Programma (codice) scritto in un particolare linguaggio di programmazione esistono molti linguaggi di programmazione (Di solito)

Dettagli

Introduzione al Software libero

Introduzione al Software libero Prato Officina Giovani - 27 ottobre Introduzione al Software libero Alessandro De Maria adblues@prato.linux.it Ugo Mattia umattia@prato.linux.it www.grafica-web.it 1 Linux Day 2007 Prato Officina Giovani

Dettagli

Il Software Libero. Lo Gnu, il simbolo universalmente riconosciuto del Software libero, ma anche acronimo di Gnu is not Unix

Il Software Libero. Lo Gnu, il simbolo universalmente riconosciuto del Software libero, ma anche acronimo di Gnu is not Unix Il Software Libero Un software libero è un software rilasciato con una licenza che permette a chiunque di utilizzarlo, studiarlo, modificarlo e redistribuirlo. Il fenomeno nato negli anni 80 come reazione

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

Scopri il nuovo Office

Scopri il nuovo Office Scopri il nuovo Office Sommario Scopri il nuovo Office... 4 Scegli la versione di Office più adatta a te...9 Confronta le versioni...14 Domande frequenti...16 Applicazioni di Office: Novità...19 3 Scopri

Dettagli

L'associazione Solira

L'associazione Solira L'associazione Solira SoLiRa = Software Libero Ragusa opera sul territorio dal 2003 attività: seminari, conferenze (Linux Day, Giornata del Software Libero) sito internet: http://www.solira.org Riscaldiamo

Dettagli

Il sistema operativo Linux installato sul vostro computer non è un unico, grande

Il sistema operativo Linux installato sul vostro computer non è un unico, grande CAPITOLO 2 Scegliere una distribuzione di Linux Il sistema operativo Linux installato sul vostro computer non è un unico, grande programma, ma un insieme di molti programmi. Potete ottenere autonomamente

Dettagli

Software Libero e GNU/Linux

Software Libero e GNU/Linux Corso introduttivo a GNU/Linux Padova Software Libero e GNU/Linux Gianluca Moro Faber Libertatis Associazione di Promozione Sociale Faber Libertatis - http://faberlibertatis.org/ Linux che cos'è? Linux

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI D USO

TERMINI E CONDIZIONI D USO TERMINI E CONDIZIONI D USO Il Sito Web NUOVACIAM comprende numerose pagine Web gestite da NUOVACIAM - Caltanissetta. Il Sito Web NUOVACIAM viene offerto all utente a condizione che l utente accetti senza

Dettagli

Uomo Libero software Libero

Uomo Libero software Libero Uomo Libero software Libero Marco Menardi marco.menardi@gmail.com marco.menardi@gmail.com (fellow Free Software Foundation Europe) presentazione realizzata con OpenOffice.org / LibreOffice Impress 23/10/2010,

Dettagli

Manuale di Desktop Sharing. Brad Hards Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Desktop Sharing. Brad Hards Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Brad Hards Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Desktop Sharing 7 3.1 Gestione degli inviti di Desktop Sharing.........................

Dettagli

La Filosofia ''Open Source'' ed il Sistema Operativo ''Linux''. Gabriele Turco e Tudor Trani.

La Filosofia ''Open Source'' ed il Sistema Operativo ''Linux''. Gabriele Turco e Tudor Trani. La Filosofia ''Open Source'' ed il Sistema Operativo ''Linux''. Gabriele Turco e Tudor Trani. Trieste, 2 Maggio 2016 1) OPEN SOURCE COSA SIGNIFICA OPEN SOURCE? E' un aggettivo che si una per intendere

Dettagli

S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra

S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra C o s a è i l S o f t w a r e L i b e r o? Tecnicamente ed eticamente parlando il Software Libero è quello che, a prescindere dal

Dettagli

Definizione di Open Source

Definizione di Open Source L Open Source Definizione di Open Source In informatica, open source (termine inglese che significa sorgente aperta) indica un software i cui autori (più precisamente i detentori dei diritti) ne permettono,

Dettagli

Comunicazione & collaborazione online Software completa e multi-piattaforma

Comunicazione & collaborazione online Software completa e multi-piattaforma Supporto Remoto Accesso Remoto Live Chat Conferenza Web Comunicazione & collaborazione online Software completa e multi-piattaforma Scarica PDF Supporto Remoto Supporto desktop remoto a richiesta Con il

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

LINUX: la forza di un pinguino (e di uno GNU)

LINUX: la forza di un pinguino (e di uno GNU) LINUX: la forza di un pinguino (e di uno GNU) Prima è nato lo GNU Nel 1984 Richard Stallman avvia lo GNU project basato sul principio del free software (reazione a S.O. proprietari) Nel 1985 nasce la Free

Dettagli

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni.

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Book 1 Conoscere i computer Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi, Sara

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Linux Day 2013. Perche' siamo qui???

Linux Day 2013. Perche' siamo qui??? Perche' siamo qui??? tredicesima giornata nazionale per GNU/Linux ed il software libero Quindi noi siamo qui per sostenere e diffondere il GNU/Linux e il Software Libero!!! Quindi noi siamo qui per sostenere

Dettagli

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE Scopri come Creare e Vendere viaggi online! Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE La 5 cose che devi fare per avere successo in questa attività! Sai cosa fa la differenza tra una formula di successo e

Dettagli

LE PORTE DELL ACCESSO. iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli

LE PORTE DELL ACCESSO. iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli LE PORTE DELL ACCESSO iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli Le porte dell accesso incontri seminariali per costruire strumenti di inclusione informatica e di contrasto

Dettagli

Utilizzo di MioNet. 2008 Western Digital Technologies Inc. Manuale utente MioNet Versione 1.08

Utilizzo di MioNet. 2008 Western Digital Technologies Inc. Manuale utente MioNet Versione 1.08 Utilizzo di MioNet 1 Avviso di Copyright Non è consentito riprodurre, trasmettere, trascrivere, archiviare in un sistema di recupero, o tradurre in qualunque linguaggio, umano o informatico, in qualunque

Dettagli

Open. Source. Il software AUTORE: ELENA COCCO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA

Open. Source. Il software AUTORE: ELENA COCCO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA Il software Open Source UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA A.A. 2006/2007 DOCENTI:PROF.BRUNO TROISI DOTT.MASSIMO FARINA La società dell informazione

Dettagli

Coelda.NET. Gestione Documentale.NET

Coelda.NET. Gestione Documentale.NET Coelda.NET Gestione Documentale.NET Cos è Gestione Documentale.NET? Gestione Documentale.NETè un programma che permette la creazione, l archiviazione e la gestione rapida e completa di un qualunque tipo

Dettagli

**************************************************************************/

**************************************************************************/ /************************************************************************** * * Guida introduttiva al mondo GNU/Linux. * * Autore: Salvatore "sneo" Giugliano * Email: sneo@tiscali.it * ICQ: 116699222 *

Dettagli

www.avg.it Come navigare senza rischi

www.avg.it Come navigare senza rischi Come navigare senza rischi 01 02 03 04 05 06.Introduzione 01.Naviga in Sicurezza 02.Social Network 08.Cosa fare in caso di...? 22.Supporto AVG 25.Link e riferimenti 26 [02] 1.introduzione l obiettivo di

Dettagli

Software Libero. Terra Futura - Firenze

Software Libero. Terra Futura - Firenze Cosa è il Software Libero Terra Futura - Firenze Simone Piccardi: piccardi@softwarelibero.it April 10, 2005 1 L Associazione Software Libero L Associazione Software Libero, è una associazione culturale

Dettagli

Francesco Panìco BLOG PRO. Il corso di www.blogfacile.net TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI

Francesco Panìco BLOG PRO. Il corso di www.blogfacile.net TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI Francesco Panìco BLOG PRO Il corso di www.blogfacile.net TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI Nessuna parte di questa guida può essere riprodotta con alcun mezzo senza l autorizzazione scritta dell autore. E

Dettagli

Corso Software Open Source 2009 I.P.S.I.A A.M. Barlacchi Crotone

Corso Software Open Source 2009 I.P.S.I.A A.M. Barlacchi Crotone Corso Software Open Source 2009 I.P.S.I.A A.M. Barlacchi Crotone Linux is a free Unix-type operating system originally created by Linus Torvalds with the assistance of developers around the world. 1 Free

Dettagli

Università di Padova - Corso di Laurea in Governo delle Amministrazioni - Informatica per ufficio

Università di Padova - Corso di Laurea in Governo delle Amministrazioni - Informatica per ufficio Il lavoro d ufficio La posta elettronica Intranet e Internet Browser OpenSource Mail server Utente 1 Utente 2 Apparato Rete Mail Server Server di posta POP3: (Post Office Protocol) protocollo per gestire

Dettagli

Scopri il nuovo Windows. Bello, fluido, veloce

Scopri il nuovo Windows. Bello, fluido, veloce Scopri il nuovo Windows Bello, fluido, veloce Schermata Start La schermata Start e i riquadri animati offrono una nuova esperienza utente, ottimizzata per gli schermi touch e l'utilizzo di mouse e tastiera.

Dettagli

I cambiamenti e le novità della terza edizione

I cambiamenti e le novità della terza edizione Introduzione È passato molto tempo da quando Linus Torvalds annunciò su comp.os.minix che stava scrivendo un sistema operativo e che era curioso di ricevere qualche commento da parte di chiunque utilizzasse

Dettagli

Tutorial Creative Commons

Tutorial Creative Commons Tutorial Creative Commons Fare musica è molto divertente, ma lo è ancora di più se potete farlo con altre persone - ed è qui che interviene il progetto OpenSounds. OpenSounds vi consente di produrre musica

Dettagli

Una guida per i genitori su. 2015 ConnectSafely.org

Una guida per i genitori su. 2015 ConnectSafely.org Una guida per i genitori su 2015 ConnectSafely.org Le 5 PRINCIPALI domande che i genitori hanno su Instagram 1. Perché i ragazzi adorano Instagram? Perché adorano i contenuti multimediali e amano condividerli

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 5. 2 Preimpostazioni 6. 3 Configurazione dell interfaccia utente 7. 4 Configurazione 9

Indice. 1 Introduzione 5. 2 Preimpostazioni 6. 3 Configurazione dell interfaccia utente 7. 4 Configurazione 9 Questo documento è stato convertito dalla pagina di K3b su KDE UserBase, aggiornata al 20 gennaio 2011. Aggiornamento alla versione 2.0 da parte del Documentation Team di KDE Traduzione dell interfaccia

Dettagli

GNU/Linux e il software libero a scuola (e non solo) A cura del Prof. Fulvio Ferroni

GNU/Linux e il software libero a scuola (e non solo) A cura del Prof. Fulvio Ferroni GNU/Linux e il software libero a scuola (e non solo) A cura del Prof. Fulvio Ferroni Hardware e software HARDWARE (HW) = Parte fisica del sistema di elaborazione. SOFTWARE (SW) = L'insieme dei programmi.

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE

LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE Il software è tutelato dalle leggi sul diritto d'autore, in maniera simile a quanto avviene per le opere letterarie. Il contratto che regola l'uso del software è la

Dettagli

LAVORARE IN MODO SICURO ED EFFICIENTE Protection Service for Business

LAVORARE IN MODO SICURO ED EFFICIENTE Protection Service for Business LAVORARE IN MODO SICURO ED EFFICIENTE Protection Service for Business IL MONDO SI TRASFORMA Viviamo in un mondo digitale sempre più complesso e incentrato sulla collaborazione. L attività aziendale si

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 2 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web LE BASI INDEX 3 7 13 16 Come creare e gestire con semplicità un sito web Le fasi da seguire per costruire

Dettagli

Ebook 2. Il Web in mano. Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO WWW.LINKEB.IT

Ebook 2. Il Web in mano. Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO WWW.LINKEB.IT Ebook 2 Il Web in mano Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO Cosa trovi in questo ebook? 1. Il web in mano 2. Come si vede il tuo sito sul telefono 3. Breve storia del mobile web

Dettagli

Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trento. Open Source e Free Software. Open Source e Free Software

Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trento. Open Source e Free Software. Open Source e Free Software Paolo Zatelli Università di Trento 1/11 Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 2/11 Free Software Il termine free si deve tradurre

Dettagli

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire:

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire: di Pier Francesco Piccolomini 1 Dopo aver spiegato come si accende il computer e come si usano mouse e tastiera, con questa terza puntata della nostra guida entriamo trionfalmente all interno del PC, dove

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

1. Arduino va di moda.

1. Arduino va di moda. 1. Arduino va di moda. Arduino è una piattaforma hardware open source programmabile, interamente realizzata in Italia, che permette la prototipazione rapida e l'apprendimento veloce dei principi fondamentali

Dettagli

Istituto Tecnico Statale Argentia. Linux Day 2010. Scuola Pubblica e Software Libero. Sabato 23 ottobre 2010. Prima Edizione

Istituto Tecnico Statale Argentia. Linux Day 2010. Scuola Pubblica e Software Libero. Sabato 23 ottobre 2010. Prima Edizione Linux Day 2010 Scuola Pubblica e Software Libero Sabato 23 ottobre 2010 Prima Edizione 1 Software libero: programmi applicativi e didattica A cura della Prof.ssa Lina Marino Licenze d'uso e tipologie di

Dettagli

BENVENUTI. LINUX AT WORK Come funziona, come ottenerlo e come usarlo. Fabio Lovato (INFO@SCULDASCIALAB.ORG) a cura di

BENVENUTI. LINUX AT WORK Come funziona, come ottenerlo e come usarlo. Fabio Lovato (INFO@SCULDASCIALAB.ORG) a cura di BENVENUTI LINUX AT WORK Come funziona, come ottenerlo e come usarlo a cura di Fabio Lovato (INFO@SCULDASCIALAB.ORG) FUNZIONA COME MOLTI ALTRI S.O. SISTEMA LINUX Kernel SOFTWARE GNU Programmi Ambiente Desktop

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Internet: Software Open Source e Sistemi operativi. conoscerlo al meglio per usarlo meglio. 2011 Gabriele Riva - Arci Barzanò

Internet: Software Open Source e Sistemi operativi. conoscerlo al meglio per usarlo meglio. 2011 Gabriele Riva - Arci Barzanò Internet: conoscerlo al meglio per usarlo meglio Software Open Source e Sistemi operativi Indice Cos'è un Software Open Source Perchè utilizzare Software Open Source Sistemi operativi Licenze software

Dettagli

Linux Day 2010 La cultura del computer usato

Linux Day 2010 La cultura del computer usato Officina S3 per una Società Sostenibile e Solidale Linux Day 2010 La cultura del computer usato L altra faccia del Digital Divide Cultura che unisce o cultura che omologa? Mesh Wi-Fi Rete inter-domestica

Dettagli

Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni

Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni Corsi di Formazione "Open Source & Scuola" Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005 Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni Spremere denaro dagli utenti di un programma

Dettagli

Primi Passi Guadagno

Primi Passi Guadagno Primi Passi Guadagno Online Questo è un report gratuito. E possibile la sua distribuzione, senza alterare i contenuti, gratuitamente. E vietata la vendita INTRODUZIONE Mai come in questo periodo è scoppiato

Dettagli

proposta di legge n. 316

proposta di legge n. 316 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 316 a iniziativa dei Consiglieri ALTOMENI, BRANDONI, AMAGLIANI, BINCI, PETRINI, COMI, MOLLAROLI, ORTENZI, D ISIDORO, CAPPONI presentata in data

Dettagli

Avete detto Open Source?!

Avete detto Open Source?! Come avvicinarsi all'open Source Sergio Margarita LIASES Università di Torino margarita@econ.unito.it Open Source nell'università - Software libero per studiare, insegnare e fare ricerca Università di

Dettagli

GRUPPO SWD. lo sparring partner per la tua azienda

GRUPPO SWD. lo sparring partner per la tua azienda I nostri servizi sono progettati per completarsi a vicenda, o essere altrettanto efficaci singolarmente. Qualunque sia il tuo progetto, desiderio o passione siamo in grado di adeguare la nostra offerta

Dettagli

Il computer. Software libero. Hardware + Software Hardware La «ferraglia», elettronica. Software. Il Sistema Operativo, i Programmi

Il computer. Software libero. Hardware + Software Hardware La «ferraglia», elettronica. Software. Il Sistema Operativo, i Programmi Il computer Hardware + Software Hardware La «ferraglia», elettronica Software Il Sistema Operativo, i Programmi 1 Il computer 2 Cosa compriamo? Quando compriamo un computer, compriamo sia l hardware che

Dettagli

Linee guida per itunes U

Linee guida per itunes U Indice Panoramica 1 Per cominciare 2 Impostazioni del corso 3 Modificare e organizzare i contenuti 5 Aggiungere avvisi, compiti e materiali 6 Gestione e collaborazione 8 Gestire le iscrizioni 9 Best practice

Dettagli

Condividere i documenti

Condividere i documenti Appendice Condividere i documenti Quando si lavora in gruppo su uno stesso documento, spesso succede che ciascun redattore stampi una copia del testo per segnare su di essa, a mano, le proprie annotazioni

Dettagli

Linux Sia: Linux Fu!

Linux Sia: Linux Fu! Linux Sia: Linux Fu! Pasquale Merella p.merella@blueberrypie.it Associazione Studentesca Blueberrypie Università Commericiale "L.Bocconi" http://www.blueberrypie.it 22 Gennaio, 2002 Abstract Cosa è Linux?

Dettagli

Utilizzo di MioNet. 2008 Western Digital Technologies Inc. Manuale utente MioNet Versione 1.08

Utilizzo di MioNet. 2008 Western Digital Technologies Inc. Manuale utente MioNet Versione 1.08 Utilizzo di MioNet 1 Avviso di Copyright Non è consentito riprodurre, trasmettere, trascrivere, archiviare in un sistema di recupero, o tradurre in qualunque linguaggio, umano o informatico, in qualunque

Dettagli

FORSETI BLOG. Readcast. Ottobre 2013 Speciale Linux Day. http://blog.forseti.it/

FORSETI BLOG. Readcast. Ottobre 2013 Speciale Linux Day. http://blog.forseti.it/ FORSETI BLOG Readcast Ottobre 2013 Speciale Linux Day http://blog.forseti.it/ Indice di Denis Turrina 3 Forseti Blog - Ottobre 2013 3 di Denis Turrina Denis Turrina Dottore in Sicurezza dei Sistemi e delle

Dettagli

OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design

OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design Presentazione di Cristina Zocca 736584 Nicole Galeone 735934 OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design di Ippolita AUTORE IPPOLITA

Dettagli

EyeOS - intranet desktop mini howto

EyeOS - intranet desktop mini howto EyeOS - intranet desktop mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 Agosto 2008 PREAMBOLO EyeOS è un Web Operating System (Sistema Operativo Web) e ambiente collaborativo disegnato

Dettagli

NeoNevis Srl FORMAZIONE

NeoNevis Srl FORMAZIONE FORMAZIONE Il nostro metodo di insegnamento si basa sull imparare facendo integrato con la giusta dose di teoria, fornendo così ai corsisti il modo di affrontare la materia in maniera critica, cioè creando

Dettagli

Conferenze Introduttive

Conferenze Introduttive Conferenze Introduttive Scegliere la distribuzione GNU/Linux più adatta alle proprie esigenze Montebelluna 27 settembre 2007 27 set 2007 - Montebelluna 1 Licenza d'utilizzo Copyright 2007, Manuel Dalla

Dettagli

LugSaronno. Linux day a Saronno. 22 ottobre 2011. I.C.S. Aldo Moro - Saronno

LugSaronno. Linux day a Saronno. 22 ottobre 2011. I.C.S. Aldo Moro - Saronno LugSaronno Linux day a Saronno 22 ottobre 2011 I.C.S. Aldo Moro - Saronno Cosa è il software libero Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo ( libertà 0 ) Libertà di studiare il programma e

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

Hardware, software e dati

Hardware, software e dati Hardware, software e dati. Hardware il corpo del computer. Software i programmi del computer. Dati la memoria del computer ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva

Dettagli

MEDIO PADANA SERVICE Rea.297022 Related Services Railway Station

MEDIO PADANA SERVICE Rea.297022 Related Services Railway Station MEDIO PADANA SERVICE Rea.297022 Reggio Emilia 09/01/2015 Register. Prot.0010051.15. Privacy e Cookie La tua privacy è importante per noi. Apprezziamo molto la fiducia che hai in noi e ci impegniamo a proteggere

Dettagli

Stampare e digitalizzare

Stampare e digitalizzare Stampare e digitalizzare In questa sezione: Stampare un file Specificare una stampante predefinita Controllare la stampa Stampare fotografie Stampare pagine Web Creare un documento XPS Acquisire un immagine

Dettagli

L applicazione è gratuita e disponibile per Smartphone e Tablet ed è supportata, per ora, dai dispositivi IOS e Android.

L applicazione è gratuita e disponibile per Smartphone e Tablet ed è supportata, per ora, dai dispositivi IOS e Android. PROGETTO MAXIONDA FAQ 1 Cos è Maxionda Maxionda è l attività lanciata da Maxibon in collaborazione con Aquafan, per coinvolgere i fan della pagina FB. La Maxionda parte dall'aquafan e coinvolge tutte le

Dettagli

Disponibile anche gratis nella versione LITE: provala prima di comprare!

Disponibile anche gratis nella versione LITE: provala prima di comprare! Disponibile anche gratis nella versione LITE: provala prima di comprare! ---------------------------------------------------------------------------------------------------- Quante volte ti sei trovato

Dettagli

Prefazione Il mondo digitale. Facile per tutti Il mondo digitale. Facile per tutti VII

Prefazione Il mondo digitale. Facile per tutti Il mondo digitale. Facile per tutti VII Prefazione Sono anni che porto avanti la mia battaglia per l evangelizzazione digitale degli italiani. Non solo perché sin da molto piccolo sono sempre stato un grande appassionato di elettronica e di

Dettagli

Perché Gnu/Linux. Breve excursus su quali sono i vantaggi dell'uso di un sistema operativo free e opensource come una distribuzione GNU/Linux

Perché Gnu/Linux. Breve excursus su quali sono i vantaggi dell'uso di un sistema operativo free e opensource come una distribuzione GNU/Linux Perché Gnu/Linux Breve excursus su quali sono i vantaggi dell'uso di un sistema operativo free e opensource come una distribuzione GNU/Linux Vantaggi dell'uso dei formati aperti e liberi per salvare i

Dettagli

Dai Mainframe ai Personal Computer

Dai Mainframe ai Personal Computer Outline Synusia HackLab Free Software User Group Padova Laboratori Nazionali di Legnaro - INFN Linux Day 2007 Outline Outline 1 Tra gli anni 40 e 60 La preistoria I grandi dinosauri 2 Il Personal Computing

Dettagli

Manuale di Plasma. Sebastian Kügler Claus Christensen Traduzione in italiano: Vincenzo Reale Traduzione in italiano: Federico Zenith

Manuale di Plasma. Sebastian Kügler Claus Christensen Traduzione in italiano: Vincenzo Reale Traduzione in italiano: Federico Zenith Sebastian Kügler Claus Christensen Traduzione in italiano: Vincenzo Reale Traduzione in italiano: Federico Zenith 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare Plasma 6 2.1 Componenti di Plasma...................................

Dettagli

Impatti strategici dell'uso del FLOSS nella piccola e media impresa

Impatti strategici dell'uso del FLOSS nella piccola e media impresa Impatti strategici dell'uso del FLOSS nella piccola e media impresa Alessandro Ugo augo@polito.it LinuxDay Torino 2011 Rivisto per la lezione del 9 aprile 2013 del Corso GNU/Linux avanzato e tecnologie

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Dodicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

Castelli Flavio - 2009. Panoramica su Linux

Castelli Flavio - 2009. Panoramica su Linux @ Un po' di storia Castelli Flavio - 2009 Linus Torvalds Un po' di storia D: Chi è Richard Stallman? R: Uno degli hacker più talentuosi del MIT D: Qual'era il suo problema? R: la progressiva chiusura del

Dettagli

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione 1 Prerequisiti Uso pratico elementare di un sistema operativo Concetto di macchina virtuale Scaricare e installare software 2 1 Introduzione Sebbene le istruzioni

Dettagli

Il software Open Source

Il software Open Source Il software Open Source Matteo Baroni Open source non significa semplicemente accesso al codice sorgente. Secondo quanto stabilito nelle definizioni date dalla OSI (Open Source Initiative) e riportate

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows?

Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows? Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows? A questo punto siamo in possesso di tutti gli elementi per sfruttare appieno le potenzialità di Linux: sappiamo destreggiarci (mai abbastanza)

Dettagli