«RILEVAZIONE QUALITATIVA DELLE IRREGOLARITA TERMICHE NEGLI INVOLUCRI EDILIZI» TERMOGRAFIA INFRAROSSO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "«RILEVAZIONE QUALITATIVA DELLE IRREGOLARITA TERMICHE NEGLI INVOLUCRI EDILIZI» TERMOGRAFIA INFRAROSSO"

Transcript

1 «RILEVAZIONE QUALITATIVA DELLE IRREGOLARITA TERMICHE NEGLI INVOLUCRI EDILIZI» TERMOGRAFIA INFRAROSSO VERIFICA DELLA CORRETTA POSA IN OPERA DEL SERRAMENTO NELL AMBITO DI UN CONTENZIOSO GIUDIZIARIO RELATORE: Verifica della corretta posa in opera del serramento nell ambito di

2 Natura dell incarico: REPORT TERMOGRAFICO (allegato all Accertamento Tecnico Preventivo R.G. XXX/11) pendente innanzi al Presidente del Tribunale di XXXXXXX Incarico di AUSILIARIO conferitomi dal C.T.U. per la stesura di un report termografico da allegare all A.T.P. Scopo dell indagine: Determinazione qualitativa delle irregolarità termiche degli infissi al fine di verificarne la corretta posa in opera. Edificio analizzato: Edificio di civile abitazione L analisi riguarda n. 4 serramenti esterni, di cui n. 1 esistente e n. 3 nuovi

3 Procedura utilizzata 1. Rilievo termografico dei serramenti dal lato esterno; 2. Rilievo termografico dei serramenti dal lato interno; 3. Rilievo termografico dei contro davanzali dal lato interno 4. Rilievo termografico dei serramenti dal lato interno eseguito nelle reali condizioni di differenza di pressione attraverso l involucro tra il lato sottovento e sopravento; 5. Rilievo termografico dei serramenti dal lato interno eseguito in condizioni di differenza di pressione attraverso l involucro di (- 50 Pa) con l ausilio del Blower Door; 6. Misurazione con termoanemometro delle infiltrazioni d aria dei serramenti eseguita in condizioni di differenza di pressione attraverso l involucro di (- 50 Pa) con l ausilio del Blower Door; 7. Test con generatore di nebbia per evidenziare le infiltrazioni d aria dei serramenti, eseguito in condizioni di differenza di pressione attraverso l involucro di (- 50 Pa) con l ausilio del Blower Door;

4 Schema posizionamento serramenti esistenti Posizionamento a metà muro in battuta su mazzetta Sezione orizzontale Sezione verticale

5 Schema posizionamento serramenti nuovi Posizionamento a filo muro interno Sezione orizzontale Sezione verticale

6 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL ESTERNO Serramento esistente Ore 6:09 1. Ponte termico in corrispondenza del traverso alla base del telaio fisso in appoggio sul davanzale esterno della finestra; 2. Dispersione termica dalla cavità di uscita della tapparella dal cassonetto, visibile anche dalla disomogeneità delle temperature superficiali presenti sulla tapparella; 3. Elevate dispersioni termiche da serramento e vetri; 4. Ampia zona di muro a temperatura più bassa in corrispondenza della veletta di chiusura del cassonetto tapparella sopra la finestra; 5. Dispersioni termiche più evidenti nella parte di muro in corrispondenza della nicchia radiatore (cfr. sp1 e sp2).

7 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL ESTERNO Serramento esistente Ore 6:18 1. Ponte termico in corrispondenza del traverso alla base del telaio fisso in appoggio sul davanzale esterno della finestra; 2. Elevate dispersioni termiche da serramento e vetri; 3. Dispersioni termiche più evidenti nella parte di muro in corrispondenza della nicchia radiatore (cfr. sp1 e sp2).

8 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL ESTERNO Serramento esistente Per l infisso sono quindi emerse le seguenti problematiche: Ponte termico in corrispondenza del traverso alla base del telaio fisso in appoggio sul davanzale esterno della finestra; Dispersione termica dalla cavità di uscita della tapparella dal cassonetto, visibile anche dalla disomogeneità delle temperature superficiali presenti sulla tapparella; Elevate dispersioni termiche da serramento e vetri. Ampia zona di muro a temperatura più bassa in corrispondenza della veletta di chiusura del cassonetto tapparella sopra la finestra; Dispersioni termiche più evidenti nella parte di muro in corrispondenza della nicchia radiatore;

9 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL ESTERNO Serramento nuovo Ore 6:15 1. Il ponte termico in corrispondenza del traverso alla base del telaio fisso in appoggio sul davanzale esterno della finestra (T.max. 12,4 C); 2. Su tutto il perimetro dei montanti (verticali e orizzontali) del telaio fisso, le temperature superficiali risultano essere molto maggiori di quelle rilevate in corrispondenza sia del montante centrale del serramento nonché delle spalle laterali del cassonetto prefabbricato della tapparella (cfr. sp3 e sp4). La causa di queste anomalie è imputabile alla presenza del ponte termico che si è generato tra il telaio fisso e il suo ancoraggio al muro (come evidenziato anche dai termogrammi acquisiti dall interno); 3. Ampia zona di muro a temperatura più bassa in corrispondenza della veletta di chiusura del cassonetto tapparella sopra la finestra. 4. Dispersioni termiche più evidenti nella parte di muro in corrispondenza della nicchia radiatore (cfr. sp1 e sp2);

10 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL ESTERNO Serramento nuovo Ore 6:20

11 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL ESTERNO Serramento nuovo Ore 6:21 1. Dispersione termica dalla cavità di uscita della tapparella dal cassonetto, visibile anche dalle temperature superficiali rilevate in corrispondenza del montante superiore del telaio (sp1); 2. Dispersioni termiche più evidenti nelle zone d angolo ed in corrispondenza delle guide laterali della zanzariera ad incasso(cfr. sp3 e sp4); 3. Area di muro a temperatura più bassa in corrispondenza della veletta di chiusura del cassonetto tapparella sopra la finestra (sp7).

12 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL ESTERNO Serramento nuovo Per l infisso sono quindi emerse le seguenti problematiche: Ponte termico in corrispondenza del traverso alla base del telaio fisso in appoggio sul davanzale esterno della finestra; Dispersione termica dalla cavità di uscita della tapparella dal cassonetto, visibile anche dalle temperature superficiali rilevate in corrispondenza del montante superiore del telaio; Su tutto il perimetro dei montanti (verticali e orizzontali) del telaio fisso, le temperature superficiali risultano essere molto maggiori di quelle rilevate in corrispondenza sia del montante centrale del serramento nonché delle spalle laterali del cassonetto prefabbricato della tapparella. La causa di queste anomalie è imputabile alla presenza del ponte termico che si è generato tra il telaio fisso e il suo ancoraggio al muro (come evidenziato anche dai termogrammi acquisiti dall interno); Dispersioni termiche più evidenti nelle zone d angolo ed in corrispondenza delle guide laterali della zanzariera ad incasso; Ampia zona di muro a temperatura più bassa in corrispondenza della veletta di chiusura del cassonetto tapparella sopra la finestra; Dispersioni termiche più evidenti nella parte di muro in corrispondenza della nicchia radiatore;

13 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Ore 6:54 Serramento esistente 1. Ponti termici e dispersioni su tutto il perimetro del serramento esistente; 2. Superfici vetrate con bassa resistenza termica; 3. Assenza di ponti termici in corrispondenza dello spigolo interno delle spallette della finestra; 4. Poco significativa l influenza della riduzione di spessore della parete sulla temperatura superficiale per effetto della riduzione dello strato isolante e del ponte termico generato tra muro e davanzale (impianto di riscaldamento spento da circa 3 ore); 5. Gli effetti di raffreddamento sulle superfici interne della parete dovuti alla scarsa (o inesistente) coibentazione termica del cassonetto sopra la finestra;

14 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Serramento esistente Ore 8:02 1. L effetto causato dal ponte termico sulle temperature superficiali del contro davanzale (cfr. sp1, sp2, sp3 e sp4);

15 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Serramento esistente Per l infisso sono quindi emerse le seguenti problematiche: Ponti termici e dispersioni su tutto il perimetro del serramento esistente; Telaio infisso e superfici vetrate con scarsa resistenza termica; Assenza di discontinuità termiche in corrispondenza dello spigolo interno delle spallette della finestra; Poco significativa (ma comunque presente) l influenza della riduzione di spessore della parete sulla temperatura superficiale per effetto della riduzione dello strato isolante e del ponte termico generato tra muro e davanzale (impianto di riscaldamento spento da oltre 3 ore); Gli effetti di raffreddamento sulle superfici interne della parete dovuti alla scarsa (o inesistente) coibentazione termica del cassonetto sopra la finestra; Il contro davanzale interno presenta temperature superficiali molto simili a quelle della spalletta della finestra. Questa condizione è riconducibile alla possibile presenza di un taglio termico tra il davanzale esterno e il contro davanzale interno (effetto in parte causato dall irraggiamento del radiatore sulle superfici del contro davanzale);

16 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Ore 8:04 Serramento nuovo 1. Il ponte termico sui montanti laterali del telaio nel punto di aggancio fra telaio e parete interna (cfr. Ar1 e Ar2); 2. Il ponte termico sul montante superiore del telaio nel punto di aggancio fra telaio e celino del cassonetto prefabbricato contenente la tapparella avvolgibile (sp3); 4. Le notevoli discontinuità delle temperature superficiali sulla parete in corrispondenza dell infisso (vedi profilo delle temperature Li1 e Li2)

17 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Serramento nuovo Ore 8:05 1. L esteso ponte termico generato dalla porzione di contro davanzale interno esposta direttamente all esterno (vedi Ar1). Da notare che le superfici potrebbero essere ancora influenzate da un leggero effetto di irraggiamento termico dovuto alla presenza del radiatore (nonostante l impianto di riscaldamento sia spento da circa 3 ore); 2. L effetto del ponte termico prosegue ben oltre la parte del contro davanzale esposta direttamente all esterno, fino ad arrivare in corrispondenza del filo interno del traverso inferiore del telaio; 3. La parte di contro davanzale che appare più calda è quella che sporge sia dal filo del traverso inferiore del serramento che dal muro interno ed è quella che viene mantenuta più calda dal radiatore e dal calore della stanza (sp2).

18 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Serramento nuovo Ore 8:05

19 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Serramento nuovo Per l infisso sono quindi emerse le seguenti problematiche: 1. Il ponte termico sui montanti laterali del telaio nel punto di aggancio fra telaio e parete interna. 2. Il ponte termico ha un andamento irregolare, con tre zone più ampie ed evidenti su ambo i lati, riconducibili ai punti di ancoraggio del cassonetto prefabbricato al muro interno; 3. Il ponte termico sul montante superiore del telaio nel punto di aggancio fra telaio e celino del cassonetto prefabbricato contenente la tapparella avvolgibile; 4. L effetto di dispersione termica generata dal ponte termico dovuto alla porzione di davanzale esposta direttamente all esterno. Da notare che le superfici potrebbero essere ancora influenzate da un leggero effetto di irraggiamento termico dovuto alla presenza del radiatore (nonostante l impianto di riscaldamento sia spento da oltre 3 ore); 5. Le notevoli discontinuità delle temperature superficiali sulla parete in corrispondenza dell infisso; 6. L effetto del ponte termico prosegue ben oltre la parte del contro davanzale esposta direttamente all esterno, fino ad arrivare in corrispondenza del filo interno del traverso inferiore del telaio; 7. La parte di contro davanzale che appare più calda è quella che sporge sia dal filo del traverso inferiore del serramento che dal muro interno ed è quella che viene mantenuta più calda dal radiatore e dal calore della stanza.

20 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Ore 6:54 Ore 9:28 Serramento esistente Rilievo in condizioni di depressurizzazione costante a 50 Pa, con l ausilio del Blower Door 1. Le infiltrazioni d aria (con conseguente abbassamento delle temperature superficiali nei punti di ingresso) su tutto il perimetro della chiusura rimovibile; 2. Le infiltrazioni d aria su tutto il perimetro di chiusura tra il telaio fisso e le ante mobili; 3. Le differenze tra la condizione ante prova Blower Door e durante la prova Blower Door in modalità cruise a 50 Pa di depressione.

21 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Serramento esistente Per l infisso sono quindi emerse le seguenti problematiche: 1. Infiltrazioni d aria (con conseguente abbassamento delle temperature superficiali nei punti di ingresso) su tutto il perimetro della chiusura rimovibile del cassonetto della tapparella avvolgibile; 2. Infiltrazioni d aria su tutto il perimetro di chiusura tra il telaio fisso e le ante mobili; 3. Differenze tra la condizione ante prova Blower Door e durante la prova Blower Door in modalità cruise a 50 Pa di depressione.

22 Rilievo in condizioni di depressurizzazione costante a 50 Pa, con l ausilio del Blower Door ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Serramento esistente Ore 7:00 Ore 8:55 Ore 9:35 1. Infiltrazioni d aria (con conseguente abbassamento delle temperature superficiali nei punti di ingresso) lungo tutto il perimetro del coperchio rimovibile di chiusura del cassonetto prefabbricato contenente la tapparella avvolgibile; 2. Infiltrazioni d aria dai montanti laterali del telaio nel punto di aggancio fra telaio e parete interna; 3. Infiltrazioni d aria dal montante superiore del telaio nel punto di aggancio fra telaio e celino del cassonetto prefabbricato; 4. Le differenze (rappresentate da aree con estesi gradienti di temperatura) tra la condizione ante prova Blower Door e durante la prova Blower Door in modalità cruise a 50 Pa di depressione (cfr. tra fig. 65 e fig. 65A). 5. Gli effetti dell esposizione solare (con inizio a partire dalle ore 8:15) sul lato interno del montante laterale destro del telaio. Confrontare i termogrammi acquisiti dopo circa 40 minuti di esposizione.

23 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Serramento nuovo Ore 8:05 Ore 9:38 1. Il progressivo aumento delle temperature superficiali in prossimità dei montati laterali dovuto all esposizione solare (cfr. Sp2 e Sp3); 2. In condizioni di esposizione solare (iniziata alle ore 8:15 circa) il contro davanzale interno si presenta già in fase di forte riscaldamento (nella parte esposta), con una differenza di temperatura tra la minima e la massima di circa 10 C. Si può notare come questo fenomeno influenzi molto rapidamente anche le temperature delle aree circostanti ed in particolare la parete che delimita la nicchia del radiatore. Rilievo in condizioni di depressurizzazione costante a 50 Pa, con l ausilio del Blower Door

24 ANALISI DEI TERMOGRAMMI ACQUISITI DALL INTERNO Serramento nuovo Per l infisso sono quindi emerse le seguenti problematiche: 1. Infiltrazioni d aria (con conseguente abbassamento delle temperature superficiali nei punti di ingresso) lungo tutto il perimetro del coperchio rimovibile di chiusura del cassonetto prefabbricato contenente la tapparella avvolgibile; 2. Infiltrazioni d aria dai montanti laterali del telaio nel punto di aggancio fra telaio e parete interna; 3. Infiltrazioni d aria dal montante superiore del telaio nel punto di aggancio fra telaio e celino del cassonetto prefabbricato; 4. Infiltrazioni d aria in alcuni punti del serramento ed in particolare dalle cerniere e alle estremità della linea di battuta centrale delle due ante apribili (sopra e sotto); 5. Gli effetti dell esposizione solare diretta (con inizio a partire dalle ore 8:15) sul lato interno del montante laterale destro del telaio; 6. Il progressivo aumento delle temperature superficiali in prossimità dei montati laterali dovuto all esposizione solare; 7. In condizioni di esposizione solare (iniziata alle ore 8:15 circa) il contro davanzale interno si presenta già in fase di forte riscaldamento (nella parte esposta), con una differenza di temperatura tra la minima e la massima di circa 10 C. Si può notare come questo fenomeno influenzi molto rapidamente anche le temperature delle aree circostanti ed in particolare la parete che delimita la nicchia del radiatore.

25 MISURAZIONI CON TERMOANEMOMETRO DELLE INFILTRAZIONI D ARIA Serramento nuovo Perdita: 2,05 m/s Perdita: 4,21 m/s

26 MISURAZIONI CON TERMOANEMOMETRO DELLE INFILTRAZIONI D ARIA Serramento nuovo Perdita: 2,87 m/s Perdita: 3,49 m/s

27 TEST CON GENERATORE DI NEBBIA PER EVIDENZIARE LE INFILTRAZIONI Serramento nuovo

28 CONCLUSIONI Parte termografica 1. La posizione dei nuovi serramenti a filo muro interno, non è assolutamente compatibile con gli attuali criteri di efficienza energetica, in quanto in questa posizione le prestazioni di tenuta termica vengono compromesse, determinando un consistente spreco energetico. fonte: manuale di posa Maico

29 CONCLUSIONI Parte termografica 2. Il montaggio del serramento è stato eseguito su un davanzale passante. Il radiatore è in asse con il serramento ma coperto dal davanzale stesso. In questo caso è molto probabile che si verifichi la formazione di condensa sul vetro, mentre il ponte termico generato dal davanzale passante provoca una consistente dispersione termica. 3. È la posizione del serramento a determinare l andamento delle isoterme (linee che uniscono idealmente punti con la stessa temperatura), per cui collocare il serramento a filo interno significa abbassare la temperatura interna della parete, facilitando così l ingresso del freddo in inverno e del caldo in estate. 4. Nell ipotesi in cui la superficie interna del serramento raggiungesse (nel periodo invernale) una temperatura di circa 13,2 C (temperatura di rugiada rif erita ad ambienti interni a 20 C e con il 65% di U.R.), il vapore in eccesso contenuto nell aria originerà condensa a contatto con le superfici al di sotto della temperatura di rugiada.

30 CONCLUSIONI Parte termografica Simulazione eseguita su serramento nuovo fonte: manuale di posa Maico

31 CONCLUSIONI Parte relativa alle infiltrazioni d aria 1. Per quanto riguarda il monoblocco prefabbricato per l alloggiamento dell avvolgibile si sono evidenziate notevoli infiltrazioni d aria dal coperchio frontale, con spifferi lungo tutto il perimetro di chiusura. 2. Altre infiltrazioni d aria molto evidenti si sono rilevate sui montanti laterali del telaio, nel punto di aggancio fra telaio e parete interna, a dimostrazione del fatto che la posizione di posa adottata per i nuovi serramenti, oltre ad essere da evitare, spesso genera (come in questo caso) fenomeni di consistenti infiltrazioni d aria, dovuti alla mancanza o inadeguata realizzazione di efficaci interventi di sigillatura. 3. Anche il serramento presenta alcuni punti con infiltrazioni d aria ed in particolare dalle cerniere e dalle due estremità poste sulla battuta centrale di chiusura delle ante apribili. 4. Inoltre, nonostante le spalle siano dotate di materiale isolante, i profili in alluminio all interno dei quali la spalla è inserita, sono a diretto contatto con il serramento, veicolando il caldo o il freddo proprio dietro il serramento (sono molto ben visibili i punti dove sono state inserire le zanche di fissaggio), creando una situazione che si dovrebbe assolutamente evitare. Nel caso in esame inoltre il fenomeno è reso ancora più evidente dalla riduzione dello spessore dell isolamento delle spallette nelle sedi di alloggiamento dei profili della zanzariera.

32 OSSERVAZIONI Il C.T.P. presenta alcune osservazioni sostenendo che: «Le infiltrazioni d aria rilevate ed evidenziate nella prova con generatore di nebbia sono causate da una non corretta chiusura degli spazi tra blocco cassonetto e muro»

33 OSSERVAZIONI Il C.T.U. dispone di ripetere la prova: In che modo? Sigillando con del nastro il punto d ingresso Che il C.T.P. aveva indicato come causa del problema

34 TEST CON GENERATORE DI NEBBIA PER EVIDENZIARE LE INFILTRAZIONI Serramento nuovo

35 TEST CON GENERATORE DI NEBBIA PER EVIDENZIARE LE INFILTRAZIONI Serramento nuovo

36 TEST CON GENERATORE DI NEBBIA PER EVIDENZIARE LE INFILTRAZIONI Serramento nuovo

37 CONCLUSIONI Parte relativa alle infiltrazioni d aria Le immagini confermano quanto già ampiamente evidenziato nella precedente prova fumi. Le infiltrazioni d aria avvengono da una mancanza di tenuta all aria del nodo telaio fisso e controtelaio. GRAZIE PER L ATTENZIONE LED ENERGY AL SERVIZIO DEL RISPARMIO ENERGETICO Progettazione edifici a basso consumo - Indagini diagnostiche - Progettazione impianti dott. arch. Paiola Livio Certificato 2 Livello Termografia UNI EN 473 e RINA ISO 9712 Membro e socio fondatore di AITI - Associazione Italiana Termografia Infrarosso

DETERMINARE LA PERMEABILITÀ

DETERMINARE LA PERMEABILITÀ Scopriamo come la termografia sia uno strumento utile per determinare la permeabilità all aria di finestre e componenti. Aggiungiamo anche qualche consiglio tecnico per la corretta posa dei serramenti

Dettagli

Roberto Ricca. L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia

Roberto Ricca. L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia Roberto Ricca L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 Utilizzo della termografia in edilizia Quando può essere effettuato il controllo termografico? Utilizzo della Blower

Dettagli

S t ru m enti diagnostici non d ist ru tt iv i per la verifica della posa in opera dei serramenti

S t ru m enti diagnostici non d ist ru tt iv i per la verifica della posa in opera dei serramenti S t ru m enti diagnostici non d ist ru tt iv i per la verifica della posa in opera dei serramenti Potenzialità e limiti arch. Carlo Di Pillo www.ecospazi.it T e c n i c h e d i d i a g n o s i La termografia

Dettagli

APPUNTAMENTI COSTRUIRE QUALITA IMPIANTI E VERIFICHE NON INVASIVE PROVE DI TENUTA ALL ARIA DELL INVOLUCRO: IL BLOWER DOOR TEST RELATORE: ARGOMENTI TRATTATI GENERALITA SULLE PERDITE PER VENTILAZIONE Che

Dettagli

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR Collaudo di una casa prefabbricata a basso consumo energetico. L immagine termica dimostra l ottimo isolamento delle pareti e dell intero involucro (temp. amb. interna 21 C temp. sup. esterna 0,6 C). Viene

Dettagli

Torino, 19 febbraio 2015. Ing. Marchiò Guglielmo Studio ECO 360 www.eco360.it

Torino, 19 febbraio 2015. Ing. Marchiò Guglielmo Studio ECO 360 www.eco360.it Torino, 19 febbraio 2015 Ing. Marchiò Guglielmo Studio ECO 360 www.eco360.it Progettare la posa in opera dei serramenti negli edi0ici ad alta ef0icienza energetica 1. Aspe5 della posa di qualità 2. Misurazioni

Dettagli

La soluzione. sostenibile universale a scomparsa a preventivo immediato

La soluzione. sostenibile universale a scomparsa a preventivo immediato PosaClima Sistemi moderni di posa integrata del serramento esterno, compatibile con Finestra Qualità CasaClima e Direttiva Tecnica CasaClima Modello Avvolgibile La soluzione sostenibile universale a scomparsa

Dettagli

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE

Dettagli

VERIFICA DIGNOSTICA DI ISOLAMENTO DI FACCIATA: CASI PRATICI DI CORRELAZIONE TRA BLOWER DOOR TEST E COLLAUDO ACUSTICO DI FACCIATA

VERIFICA DIGNOSTICA DI ISOLAMENTO DI FACCIATA: CASI PRATICI DI CORRELAZIONE TRA BLOWER DOOR TEST E COLLAUDO ACUSTICO DI FACCIATA Associazione Italiana di Acustica 38 Convegno Nazionale Rimini, 08-10 giugno 2011 VERIFICA DIGNOSTICA DI ISOLAMENTO DI FACCIATA: CASI PRATICI DI CORRELAZIONE TRA BLOWER DOOR TEST E COLLAUDO ACUSTICO DI

Dettagli

Chi sono? Giovanni Ciampa. Giovanni Ciampa Responsabile dipartimento energia LEGNOLEGNO sc

Chi sono? Giovanni Ciampa. Giovanni Ciampa Responsabile dipartimento energia LEGNOLEGNO sc Chi sono? Responsabile dipartimento energia LEGNOLEGNO sc Laboratorio Notificato alla Commissione Europea dal Ministero Sviluppo Industriale n 1709 Laboratorio Accreditato 1 Laboratorio Italiano Partner

Dettagli

Controlli non distruttivi (CND) in edilizia

Controlli non distruttivi (CND) in edilizia Efficienza Energetica degli Edifici Termografia e altre prove non distruttive PND 27/11/2014 Controlli non distruttivi (CND) in edilizia Diagnostica non distruttiva UNI EN 473 II livello Industriale PT,

Dettagli

L indagine termografica a supporto delle perizie tecniche giudiziarie:

L indagine termografica a supporto delle perizie tecniche giudiziarie: Giovanna Rossi architetto - libero professionista Operatore Termografico Qualificato per prove non distruttive: Certificato 2 Livello ITC - ISO 17024 e RINA - UNI EN 473 e ISO 9712 Segretario e tesoriere

Dettagli

ANALISI TERMOGRAFICHE. in ambito +elettrico +edile + idraulico + riscaldamento

ANALISI TERMOGRAFICHE. in ambito +elettrico +edile + idraulico + riscaldamento + riscaldamento ANALISI ++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++ TERMOGRAFICHE Sono lieto di presentarvi i miei servizi di supporto tecnologico indispensabile per la manutenzione utilizzando un metodo

Dettagli

L EFFICIENZA DEGLI EDIFICI SI MISURA CON LA TERMOGRAFIA

L EFFICIENZA DEGLI EDIFICI SI MISURA CON LA TERMOGRAFIA L EFFICIENZA DEGLI EDIFICI SI MISURA CON LA TERMOGRAFIA Come verificare la corretta esecuzione di un edificio dal punto di vista energetico? Quali strumenti adottare per individuare gli interventi volti

Dettagli

L IMPORTANZA DEL COLLAUDO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Ing. Davide Lanzoni www.saige.it

L IMPORTANZA DEL COLLAUDO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Ing. Davide Lanzoni www.saige.it L IMPORTANZA DEL COLLAUDO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Ing. Davide Lanzoni www.saige.it L emanazione delle recenti normative per il risparmio energetico, che prevedono per gli edifici il possesso di un certificato

Dettagli

TERMOGRAFIA E DIAGNOSTICA A SUPPORTO DELLA QUALITA IN EDILIZIA

TERMOGRAFIA E DIAGNOSTICA A SUPPORTO DELLA QUALITA IN EDILIZIA TERMOGRAFIA E DIAGNOSTICA A SUPPORTO DELLA QUALITA IN EDILIZIA Misura della trasmittanza termica in opera: determinazione mediante il termoflussimetro RELATORE: Dott. Arch. Paiola Livio ARGOMENTI TRATTATI

Dettagli

22/04/2013. La tenuta all aria non significa impermeabilità al vapore!!!

22/04/2013. La tenuta all aria non significa impermeabilità al vapore!!! La tenuta all aria di un edificio si ottiene mediante la messa in pratica di accorgimenti per evitare infiltrazioni d aria e fuoriuscite di calore. Le conseguenze della mancanza di tenuta all'aria sono:

Dettagli

La soluzione. sostenibile universale a scomparsa a preventivo immediato

La soluzione. sostenibile universale a scomparsa a preventivo immediato PosaClima Sistemi moderni di posa integrata del serramento esterno, compatibile con Finestra Qualità CasaClima e Direttiva Tecnica CasaClima Modello Frangisole La soluzione sostenibile universale a scomparsa

Dettagli

Fig. 1. Ventilatore calibrato a controllo elettronico con e senza la presenza dell otturatore per il settaggio della portata

Fig. 1. Ventilatore calibrato a controllo elettronico con e senza la presenza dell otturatore per il settaggio della portata Il blower door test è un sistema per la verifica della permeabilità all aria di edifici residenziali, terziari ed industriali di qualsiasi dimensione. Il blower door è un grande ventilatore calibrato (fig.

Dettagli

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI CON PARAMETRI CASA CLIMA A BASSOCONSUMO E N E R G E T I C O RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI Vantaggi immediati per un futuro migliore Strada Comunale Gelati, 5 29025

Dettagli

TERMO INDAGINI SAGL. Ricerca dispersione termica e perdite energetiche dell edificio

TERMO INDAGINI SAGL. Ricerca dispersione termica e perdite energetiche dell edificio TERMO INDAGINI SAGL La società Termo Indagini Sagl è in grado di acquisire immagini termiche all infrarosso con l ausilio di apposite apparecchiature all avanguardia. Le immagini ottenute forniscono importanti

Dettagli

del davanzale e della terrazza!

del davanzale e della terrazza! MADE IN GERMANY Progettare il raccordo ideale per l isolamento termoacustico del davanzale e della terrazza! PER NUOVE COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI Elementi di raccordo universali e termoisolanti al

Dettagli

IL RUOLO DELLA FINESTRA NELLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI.

IL RUOLO DELLA FINESTRA NELLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. IL RUOLO DELLA FINESTRA NELLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. Bergamo 9 Maggio 2014 12.05.2014 Parametri performance energetiche per un serramento Disposizioni legislative e norme di riferimento

Dettagli

Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva

Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva Dispersione di calore attraverso l involucro Tetto 20% - 35% Finestre 20% + 20 C -5 C Parete 25% - 40% 1. Solaio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS

RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS Committente: Callegaro Group Adria Sede Legale: Tel. 0426/42603 Fax. 0426/21491 Oggetto: RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS Versione: 1.1 Revisione:

Dettagli

TERMOGRAFIA a infrarossi

TERMOGRAFIA a infrarossi TERMOGRAFIA a infrarossi L'energia termica, o infrarossa, consiste in luce la cui lunghezza d'onda risulta troppo grande per essere individuata dall'occhio umano. A differenza della luce visibile, nel

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA

RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA L accumulo di gas serra negli strati medi dell atmosfera, favorendo l intrappolamento delle energia riflessa dalle radiazioni solari, determinano l aumento della temperatura

Dettagli

Chi l avrebbe mai detto?

Chi l avrebbe mai detto? Chi l avrebbe mai detto? Relazione progettista serramentista progettista serramentista Arch. Via Dr. Streiter 39100 Bolzano www.benedikter.biz Chi è il paziente? Dove nascono i malintesi? Chi deve fare

Dettagli

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria effettua diagnosi termografiche, controlli non distruttivi e perizie con l ausilio di termocamere. Con la tecnica diagnostica della termografia si

Dettagli

SISTEMI ISOLANTI Cassonetti Spalle Sottobancali

SISTEMI ISOLANTI Cassonetti Spalle Sottobancali SISTEMI ISOLANTI Cassonetti Spalle Sottobancali Tecnoblocco termoisolante ad alte prestazioni termiche ed acustiche Massimo grado di isolamento Grande stabilità dimensionale Elevata resistenza alla flessione

Dettagli

valorizziamo il serramento ALADIM Sistema per il montaggio di persiane su cappotto termico Un genio per tre desideri

valorizziamo il serramento ALADIM Sistema per il montaggio di persiane su cappotto termico Un genio per tre desideri valorizziamo il serramento ALADIM Sistema per il montaggio di persiane su cappotto termico Un genio per tre desideri valorizziamo il serramento Aladim, il genio della posa C era una volta un serramentista

Dettagli

LA NOSTRA QUALITA PARTE DAL CONTROTELAIO

LA NOSTRA QUALITA PARTE DAL CONTROTELAIO LA NOSTRA QUALITA PARTE DAL CONTROTELAIO CONTROTELAI AD ALTE PRESTAZIONI Nella costruzione di una nuova abitazione è diventata di primaria importanza il risparmio energetico. Il serramento è tra le principali

Dettagli

La termografia. Il Blower Door Test e le tecniche di diagnosi e controllo energetico

La termografia. Il Blower Door Test e le tecniche di diagnosi e controllo energetico La termografia Il Blower Door Test e le tecniche di diagnosi e controllo energetico di Davide Lanzoni - https://it.linkedin.com/pub/davide-lanzoni/20/396/537 Grazie al calo di prezzo delle termocamere,

Dettagli

C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o

C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o Roma 18 giugno 2013 Decreto Conto Termico. Regole applicative e

Dettagli

Tenuta dei serramenti Cantiere XXXXXXX XXXXXX

Tenuta dei serramenti Cantiere XXXXXXX XXXXXX Tenuta dei serramenti Cantiere XXXXXXX XXXXXX Sommario Indice delle Figure... 3 Normativa di Riferimento... 4 Introduzione... 5 Procedura... 5 Impianti modalità Cruise ore 10.30... 7 Serramenti modalità

Dettagli

Fisica delle costruzioni E R M E T I C I T À A L L A R I A 04/2012

Fisica delle costruzioni E R M E T I C I T À A L L A R I A 04/2012 Indice 1. Nozioni fondamentali 2. Importanza dell ermeticità all aria e al vento 3. Vantaggi del CLT in termini di ermeticità all aria 4. Aspetti tecnici dell ermeticità all aria 5. Costruzioni e raccordi

Dettagli

Progettiamo per semplificare e migliorare il lavoro altrui. Sistema Monoblocchi Posa Finestra

Progettiamo per semplificare e migliorare il lavoro altrui. Sistema Monoblocchi Posa Finestra Progettiamo per semplificare e migliorare il lavoro altrui Sistema Monoblocchi Posa Finestra IL PENSIERO La continua ricerca per innalzare l efficienza energetica degli edifici e la maggiore qualità raggiunta

Dettagli

IL REGOLAMENTO EDILIZIO VERSO LA SOSTENIBILITA

IL REGOLAMENTO EDILIZIO VERSO LA SOSTENIBILITA IL REGOLAMENTO EDILIZIO VERSO LA SOSTENIBILITA Vaiano - 06 maggio 2011 L IMPORTANZA DEI PARTICOLARI NEL PROGETTO E NELL ESECUZIONE Ing. Vittorio BARDAZZI Consigliere dell Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

Rapporto di prova per valutazione della permeabilità all aria secondo la norma EN 13829.

Rapporto di prova per valutazione della permeabilità all aria secondo la norma EN 13829. Data: 10/03/2014 Studio Associato di Ingegneria ECO 360 Via Delano 3-14100 Asti Tel. 0141 23 18 43 info@eco360.it - www.eco360.it Spett.le: Magistrelli Osvaldo Via Asti-Nizza 82 14014 Costigliole d Asti

Dettagli

Impianti Elettrici. di Balsamo Salvatore & C. SAS ANALISI TERMOGRAFICHE

Impianti Elettrici. di Balsamo Salvatore & C. SAS ANALISI TERMOGRAFICHE + ANALISI TERMOGRAFICHE Impianti elettrici La nostra società è Lieta di presentare i nostri servizi di supporto tecnologico indispensabile per la manutenzione utilizzando un metodo sicuro ed efficace basato

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 tenuta all aria arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 tenuta all aria arch. m.sc. andrea zanchetta tenuta all aria Principi generali la casa non respira! un edificio efficiente deve essere estremamente ermetico e garantire una perfetta tenuta all aria dell involucro. fabbisogno di calore per riscaldamento

Dettagli

La termografia per individuare il thermal bypass

La termografia per individuare il thermal bypass La termografia per individuare il thermal bypass Il fenomeno del thermal bypass può portare ad un grave decadimento delle prestazioni dell involucro e spesso non è individuabile con il blower door test

Dettagli

La misurazione reale dei benefici e dei vantaggi nella sostituzione di serramenti.

La misurazione reale dei benefici e dei vantaggi nella sostituzione di serramenti. Responsabile Qualità Tecnico Certificato 2 Livello ISO 9712 LegnoLegno info: www.legnolegno.it davide.barbato@legnolegno.it La misurazione reale dei benefici e dei vantaggi nella sostituzione di serramenti.

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Concetti e spunti applicativi 1 Ing. Roberto Callegari Tecniche Strumentali per la Diagnosi Energetica INTRODUZIONE 2 Una adeguata conoscenza

Dettagli

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 «Condominio, nuove sfide per una gestione professionale dell immobile» Il Protocollo CasaClima e CasaClima R Certificazione di Qualità Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 Il

Dettagli

Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica

Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica Agenzia Parma Energia ALPI Fenster s.r.l. Parma, 1/10/2010 AGENDA Storia e visione aziendale Le caratteristiche di una finestra moderna Permeabilità

Dettagli

Perdite d aria - infiltrazioni

Perdite d aria - infiltrazioni Perdite d aria - infiltrazioni Una perdita di aria è un movimento non controllato attraverso le pareti, leporte,lefinestreeiltetto. In funzione delle condizioni di pressione, l aria può penetrare all interno

Dettagli

MONOBLOCCO TERMOISOLATO COMPACT

MONOBLOCCO TERMOISOLATO COMPACT MONOBLOCCO TERMOISOLATO COMPACT Il primo sistema controtelaio monoblocco completo per finestra nel mondo All avanguardia con la tecnologie nella produzione di controtelai per infissi, abbiamo scelto di

Dettagli

Il marchio volontario Finestra Qualità CasaClima

Il marchio volontario Finestra Qualità CasaClima Il marchio volontario Finestra Qualità CasaClima 1 2 Dovremmo costruirla in modo da avere il massimo comfort ma anche il minimio consumo di energia 3 4 L energia infatti si esaurisce ed il suo consumo

Dettagli

Corso di Auditor Termografico degli Edifici

Corso di Auditor Termografico degli Edifici Corso di Auditor Termografico degli Edifici Prossime date 14-18 Settembre 2009 9-13 Novembre 2009 Sede Sede FLIR di Limbiate (MI) Durata 40 ore L indagine termografica in edilizia rappresenta uno strumento

Dettagli

la via più semplice all analisi termica dei serramenti

la via più semplice all analisi termica dei serramenti la via più semplice all analisi termica dei serramenti Cos è Frame Simulator Frame Simulator è un software assolutamente innovativo che consente di calcolare la trasmittanza termica di finestre e porte

Dettagli

Vetro e sicurezza termica. Bollettino tecnico

Vetro e sicurezza termica. Bollettino tecnico Vetro e sicurezza termica Bollettino tecnico Introduzione Questa pubblicazione introduce il concetto di stress termico che può essere indotto nel vetro per effetto dell esposizione alla radiazione solare.

Dettagli

ISPEZIONE TERMOGRAFICA DI UN SOTTOTETTO DI UN EDIFICIO RESIDENZIALE IN LOCALITA SAN MARTINO BUON ALBERGO

ISPEZIONE TERMOGRAFICA DI UN SOTTOTETTO DI UN EDIFICIO RESIDENZIALE IN LOCALITA SAN MARTINO BUON ALBERGO Dott. Urbanista & Arch. j. Eddy Paiola, Arch. Livio Paiola - www.ec2.it/eddypaiola ISPEZIONE TERMOGRAFICA DI UN SOTTOTETTO DI UN EDIFICIO RESIDENZIALE IN LOCALITA SAN MARTINO BUON ALBERGO Il tecnico..

Dettagli

Andiamo in cantiere. 12 LegnoLegnoNews marzo 2012. Stefano Amighetti Dipartimento Acustica LegnoLegno

Andiamo in cantiere. 12 LegnoLegnoNews marzo 2012. Stefano Amighetti Dipartimento Acustica LegnoLegno Prove in cantiere Stefano Amighetti Dipartimento Acustica LegnoLegno Andiamo in cantiere La spinta sempre maggiore verso involucri ad elevate prestazioni termiche (vd. certificazione energetica, CasaClima,

Dettagli

FOCUS: L AQUILA E PESCARA

FOCUS: L AQUILA E PESCARA FOCUS: L AQUILA E PESCARA 200 edifici analizzati attraverso una campagna termografica in 21 città. Edifici nuovi e vecchi, certificati e ristrutturati. La tesi è che oggi non esiste alcuna ragione economica

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

CONCORSO ILETE SUGLI EDIFICI A BASSO CONSUMO ENERGETICO BACIATA DAL SOLE

CONCORSO ILETE SUGLI EDIFICI A BASSO CONSUMO ENERGETICO BACIATA DAL SOLE CONCORSO ILETE SUGLI EDIFICI A BASSO CONSUMO ENERGETICO BACIATA DAL SOLE Ristrutturazione di una casa di montagna monofamiliare Progetto: architetti Giancarlo Ravagni e Sergio Nuvoloni Progetto impianti:

Dettagli

block Sistemi monoblocco a scomparsa su misura di pronta installazione System

block Sistemi monoblocco a scomparsa su misura di pronta installazione System TEM O AT CE RT A SIS block IFIC Sistemi monoblocco a scomparsa su misura di pronta installazione System caratteristiche block caratteristiche BLOCK, è una linea di sistemi monoblocco che riduce i tempi

Dettagli

LIBRA STRUTTURA MODULARE PER LA POSA DI SERRAMENTI E OSCURANTI. La libertà dentro

LIBRA STRUTTURA MODULARE PER LA POSA DI SERRAMENTI E OSCURANTI. La libertà dentro LIBRA STRUTTURA MODULARE PER LA POSA DI SERRAMENTI E OSCURANTI La libertà dentro Valorizziamo il serramento Azienda. Soluzioni per la posa Omeca: per chi vuole prendere il volo Che si tratti di aprire

Dettagli

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte Roberto Ricca e-mail: r.ricca@inprotec.it L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte 1 Utilizzo della termografia in edilizia Quando può essere effettuato il controllo

Dettagli

MARCO MARESCOTTI POSA QUALIFICATA DEL SERRAMENTO. capitolo

MARCO MARESCOTTI POSA QUALIFICATA DEL SERRAMENTO. capitolo capitolo ATLANTE PPC FINESTRA QUALITA' CASACLIMA La filosofia verde non deve essere considerata una tendenza o una moda, ma una necessità comunitaria. Le scelte aziendali devono andare nella direzione

Dettagli

Il controllo della tenuta all aria negli edifici

Il controllo della tenuta all aria negli edifici Il controllo della tenuta all aria negli edifici Un tassello per la verifica dei requisiti di un edificio confortevole: il blower door test (UNI EN 13829) Ing. Marco Boscolo, direzione@casa-srl.it Il Blower

Dettagli

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema:

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema: S I S T E M I A C A P P O T T O D E S C R I Z I O N E L'isolamento a cappotto consiste nell'applicazione, sull'intera superficie esterna verticale di un edificio, di pannelli isolanti che vengono poi coperti

Dettagli

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40 INDICE indice Introduzione 7 1. Nozioni di base 9 1.1 Fisica del ponte termico 14 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23 2. Conseguenze dei ponti termici 31 2.1 Inefficienza energetica 31 2.2 Effetti igienico-sanitari

Dettagli

I Ponti Termici e la Termografia

I Ponti Termici e la Termografia Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria I Ponti Termici e la Termografia Docente Prof. Marco Dell Isola Anno Accademico 2013-2014 } } Ponti Termici } Flusso monodimensionale

Dettagli

Clima 80: un benessere sostenibile e certificato Finestra Qualità CasaClima

Clima 80: un benessere sostenibile e certificato Finestra Qualità CasaClima Clima 80: un benessere sostenibile e certificato Finestra Qualità CasaClima scegliere la giusta finestra Cosa si chiede a una finestra? Che offra sicurezza, durata, ma che soprattutto migliori il comfort

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

KlimA+ di COCIF apre una finestra sul risparmio energetico

KlimA+ di COCIF apre una finestra sul risparmio energetico KlimA+ di COCIF apre una finestra sul risparmio energetico Novità Serramenti COCIF in Classe A+ PERCHÈ SCEGLIERE UNA FINESTRA KLIMA+ DI COCIF KlimA+ di COCIF Una scelta intelligente per una casa confortevole,

Dettagli

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia Approfondimento tecnico La termografia in edilizia 1 LA TERMOGRAFIA La termografia all infrarosso è una tecnica non invasiva e non a contatto, che fornisce la distribuzione della temperatura superficiale

Dettagli

Qualità e sicurezza dal 1966 CASSONETTI. e SPALLE MONOBLOCCO. www.garbintapparelle.it

Qualità e sicurezza dal 1966 CASSONETTI. e SPALLE MONOBLOCCO. www.garbintapparelle.it Qualità e sicurezza dal 1966 CASSONETTI e SPALLE MONOBLOCCO www.garbintapparelle.it L AZIENDA LA NOSTRA STORIA Le certificazioni La ditta Garbin, sorta come piccola falegnameria, si trasforma nel 1966

Dettagli

Five. Telaio con terza battuta esterna in alluminio nero a scomparsa nel controtelaio.

Five. Telaio con terza battuta esterna in alluminio nero a scomparsa nel controtelaio. Five riunisce in un solo manufatto la maggior parte delle caratteristiche richieste da un serramento, resistenza alle intemperie, isolamento termoacustico, resistenza all'effrazione, ma soprattutto DESIGN.

Dettagli

LED ENERGY STUDIO DI ARCHITETTURA Progettazione edifici a basso consumo - Indagini diagnostiche - Progettazione impianti

LED ENERGY STUDIO DI ARCHITETTURA Progettazione edifici a basso consumo - Indagini diagnostiche - Progettazione impianti BLOWER DOOR TEST Prova di tenuta all aria CERTIFICATO 2014-03 Nel test di permeabilità all aria eseguito secondo la norma UNI EN ISO 13829 metodo B, del 10.12.2014, nell appartamento n. 06 appartenente

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

A.I.T.I. Via Maestri del Lavoro, 19 33080 Porcia (PN), Tel. 0434 590729 fax 0434 923833 In collaborazione con

A.I.T.I. Via Maestri del Lavoro, 19 33080 Porcia (PN), Tel. 0434 590729 fax 0434 923833 In collaborazione con Verso il Near Zero Energy Building Diagnosi con termografia Supporto termografico ai collaudi Dott. Ing. Luca Papili STUDIO BOTTA & ASSOCIATI Direttiva 2010/31/UE Ing. Luca Papili STUDIO BOTTA & ASSOCIATI

Dettagli

SISTEMI OSCURANTI. Falegnameria F.lli Picco Catalogo sistemi oscuranti www.fratellipicco.it

SISTEMI OSCURANTI. Falegnameria F.lli Picco Catalogo sistemi oscuranti www.fratellipicco.it SISTEMI OSCURANTI SCURI SU CARDINE Gli scuri su cardine vengono fissati direttamente a muro mediante cardini e bandelle. Vengono prodotti con spessore di 46 mm. Sono adatti per muri con spessore ridotto.

Dettagli

Sistemi di tenuta all aria negli edifici ad efficienza BLOWER DOOR TEST - Prove strumentali sugli edifici

Sistemi di tenuta all aria negli edifici ad efficienza BLOWER DOOR TEST - Prove strumentali sugli edifici Sistemi di tenuta all aria negli edifici ad efficienza BLOWER DOOR TEST - Prove strumentali sugli edifici alessandro pasquinelli archite@o - Studio tecnico di archite@ura, Glauco Pasquinelli - Vetralla

Dettagli

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 Caldaia a condensazione 06/05/2008 2 Lo scambio termico è tale da raffreddare i fumi ben oltre il loro punto di rugiada (t = 55 C in eccesso

Dettagli

La posa in opera del serramento nella ristrutturazione esempi e proposte

La posa in opera del serramento nella ristrutturazione esempi e proposte Dr. Arch. Manuel Benedikter Architetto - progettista CasaClima - certificatore e consulente CasaClima La posa in opera del serramento nella ristrutturazione esempi e proposte Un argomento di stretta attualità

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 24 febbraio 2010 BRESCIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 BORGO DI VILLA ASTORI TORRE

Dettagli

Multilingue Il software lavora con oltre 40 lingue, intercambiabili (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, ecc.).

Multilingue Il software lavora con oltre 40 lingue, intercambiabili (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, ecc.). Heat 2 Ponti termici Software di calcolo e simulazione bidimensionale dei Ponti Termici - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Strumenti per la diagnosi in edilizia. Anche i muri parlano! www.testoitalia.it

Strumenti per la diagnosi in edilizia. Anche i muri parlano! www.testoitalia.it Strumenti per la diagnosi in edilizia Anche i muri parlano! www.testoitalia.it testo Mini Data logger - 174H / testo Data logger - 175H1 Monitoraggio temperatura e umidità Il risparmio energetico è un

Dettagli

Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE

Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE Report fotovoltaico issue 2 Di: VINCENZO CASCIOLI Data: 11 Settembre 2008 Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE Verifica termica del dissipatore 1 INDICE 1. PREMESSA 4 2. MODELLO SOLIDO 5 2.1 Scheda

Dettagli

1) infiltrazioni all interno ed all esterno dell appartamento. 2) perdite dovute alle tubazioni degli impianti ( es. riscaldamento a pavimento)

1) infiltrazioni all interno ed all esterno dell appartamento. 2) perdite dovute alle tubazioni degli impianti ( es. riscaldamento a pavimento) 1) infiltrazioni all interno ed all esterno dell appartamento 2) perdite dovute alle tubazioni degli impianti ( es. riscaldamento a pavimento) IMPIANTO SENZA PERDITE IMPIANTO CON PERDITA 3) RICERCA DI

Dettagli

Per una base della muratura asciutta. Schöck Novomur.

Per una base della muratura asciutta. Schöck Novomur. Per una base della muratura asciutta. Schöck Novomur. Ponti termici al piede della muratura. Elevato rischio di danni strutturali. I ponti termici sono zone localizzate dell involucro edilizio, in corrispondenza

Dettagli

Caso applicativo 1: Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile. edificio di nuova realizzazione

Caso applicativo 1: Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile. edificio di nuova realizzazione Caso applicativo 1: edificio di nuova realizzazione Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile Primo caso applicativo - edificio di nuova realizzazione I sistemi di rivestimento

Dettagli

Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro

Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro Casa Kyoto: zero consumi, zero emissioni 1/20 Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro Casa Kyoto: zero consumi, zero emissioni 2/20 Come isolarsi dal freddo Applicare vetrate

Dettagli

Energy. La soluzione. sostenibile universale a scomparsa a preventivo immediato. Sistemi moderni di posa integrata del serramento esterno

Energy. La soluzione. sostenibile universale a scomparsa a preventivo immediato. Sistemi moderni di posa integrata del serramento esterno Energy Sistemi moderni di posa integrata del serramento esterno La soluzione sostenibile universale a scomparsa a preventivo immediato Il giunto di posa con MonoBlok Il giunto di posa è l insieme di elementi

Dettagli

Impianti tecnici nell edilizia storica

Impianti tecnici nell edilizia storica Impianti tecnici nell edilizia storica Docente: Prof. Francesca Cappelletti Collaboratore: Arch. Chiara Tambani 1 Programma 1) INVOLUCRO EDILIZIO: caratterizzazione termica e verifiche Resistenza termica

Dettagli

UN TERMOMETRO PER LA POSA. Serramenti in PVC. Marco Piana

UN TERMOMETRO PER LA POSA. Serramenti in PVC. Marco Piana UN TERMOMETRO PER LA POSA Serramenti in PVC Marco Piana 1 La posa in opera del componente in edilizia è da sempre argomento ampiamente discusso e controverso. Tutti gli operatori fanno riferimento alla

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

LA FINESTRA DALL IMPRONTA VERDE NOVITÀ

LA FINESTRA DALL IMPRONTA VERDE NOVITÀ LA FINESTRA DALL IMPRONTA VERDE NOVITÀ Uw FINO A 0.85 anta esterna piatta distanziatore termicamente migliorato con gas argon vetro Basso Emissivo taglio di giunzione 45 sezione telaio 86 mm a 6 camere

Dettagli

CASACLIMA FVG RIEPILOGO DIRETTIVA TECNICA E USO DEL SOFTWARE

CASACLIMA FVG RIEPILOGO DIRETTIVA TECNICA E USO DEL SOFTWARE in partnership con CASACLIMA FVG 3 RIEPILOGO DIRETTIVA TECNICA E USO DEL SOFTWARE PREMESSA Il protocollo CasaClima è un sistema di certificazione di qualità degli edifici ad alta prestazione energetica.

Dettagli

Risparmio energetico in edilizia Soluzioni per il risparmio negli edifici esistenti

Risparmio energetico in edilizia Soluzioni per il risparmio negli edifici esistenti Azione 1 RISPARMIARE ENERGIA a) AGIRE SUGLI STILI DI USO AGIRE SUI COMPORTAMENTI PERSONALI E DI GRUPPO b) CONOSCERE LO STATO ENERGETICO DEL PROPRIO EDIFICIO DIAGNOSI ENERGETICA AUDIT Cosa posso fare per

Dettagli

Dall edificio alla certificazione energetica. Rilievi con tecniche termografiche

Dall edificio alla certificazione energetica. Rilievi con tecniche termografiche ing. Bruno De Nisco Studio:Via Umbria,83 65122 Pescara Tel/Fax: 085.385253 Cell: 348.9372528 Dall edificio alla certificazione energetica. Rilievi con tecniche termografiche EDIFICIO ed edificazione Per

Dettagli

Edoardo Zanchini Vicepresidente Legambiente Onlus

Edoardo Zanchini Vicepresidente Legambiente Onlus Edoardo Zanchini Vicepresidente Legambiente Onlus La campagna di monitoraggio "Tutti in classe A - Marche" ha l obiettivo preciso di sensibilizzare le amministrazioni comunali ma anche le famiglie ai temi

Dettagli

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 Indice Efficienza Energetica negli Edifici o Infissi esterni o Progettazione bioclimatica o Consigli per incrementare l efficienza energetica Note sui diritti d autore Il presente

Dettagli