Ingranaggio conduttore. per IV velocità Cuscinetto a. a rullini per. ingranaggio. per IV velocità. conduttore per IV velocità Anello.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ingranaggio conduttore. per IV velocità Cuscinetto a. a rullini per. ingranaggio. per IV velocità. conduttore per IV velocità Anello."

Transcript

1 Nelle figure.0,.,.2 e. sono riportate le viste dell esploso degli alberi primario e secondario, la sezione in pianta e la vista prospettica del cambio a cinque marce della prima versione dell autovettura Lancia Thema a trazione anteriore. Fig..0 Cambio dell autovettura Lancia Thema, di produzione FIAT Auto SpA: complessivo albero primario. Sono evidenziati tutti i particolari che completano l allestimento dell albero. Ingranaggio conduttore per IV velocità Cuscinetto a rullini per ingranaggio per IV velocità Boccola per ingranaggio conduttore per IV velocità Anello sincronizzatore per IV velocità Manicotto scorrevole innesto per III-IV velocità Ingranaggio conduttore Mozzo completo di rullini e molle per manicotto scorrevole innesto per III-IV velocità Anello sincronizzatore per III velocità Ingranaggio conduttore per III velocità Cuscinetto a rullini per ingranaggio conduttore per III velocità Albero primario Cuscinetto anteriore Viti fissaggio piastra alla scatola cambio Boccola per ingranaggio conduttore Ghiera per fissaggio ingranaggi sull albero primario Flangia ritegno rullini e molle del sincronizzatore Manicotto scorrevole Mozzo completo di rullini e molle per manicotto scorrevole innesto Anello sincronizzatore Cuscinetto a rullini per ingranaggio Viti, con testa a esagono incassato, per fissaggio piastra alla scatola del cambio Piastra ritegno cuscinetti posteriori cambio Cuscinetto posteriore

2 Fig.. Cambio dell autovettura Lancia Thema, di produzione FIAT Auto SpA: complessivo albero secondario. Sono evidenziati tutti i particolari che completano l allestimento dell albero. Cuscinetto posteriore Ingranaggio condotto per IV velocità Distanziale Ingranaggio condotto per III velocità Ingranaggio condotto per II velocità Anello sincronizzatore per II velocità Cuscinetto a rullini per ingranaggio per II velocità Manicotto scorrevole innesto per I-II velocità e ingranaggio per retromarcia (parte esterna) Anello elastico ritegno mozzo Mozzo completo di rullini e molle per manicotto scorrevole innesto per I-II velocità Anello sincronizzatore per I velocità Ingranaggio condotto per I velocità Cuscinetto a rullini per ingranaggio condotto per I velocità Anello elastico ritegno cuscinetto anteriore Cuscinetto anteriore Albero secondario-pignone per coppia cilindrica Ghiera per fissaggio ingranaggi sull albero secondario Ingranaggio condotto Viti fissaggio piastra alla scatola cambio Viti, con testa a esagono incassato, per fissaggio piastra alla scatola cambio Piastra ritegno cuscinetti posteriore cambio La figura.2 illustra la sezione in pianta, vista dal basso, del cambio a cin que marce, completo di campana frizione, rinvio e differenziale, per l au tovettura Lancia Thema. 2

3 Fig..2 Sezione in pianta del cambio dell autovettura Lancia Thema, di produzione FIAT Auto SpA; si possono osservare, dal basso verso l alto, i leveraggi di comando (), la campana frizione (2) e il primario (), l interno del cambio (), il rinvio fisso in uscita sul secondario (5), il differenziale (6). 6 Fig.. Vista prospettica del cambio dell autovettura Lancia Thema, di produzione FIAT Auto SpA, parzialmente sezionato; si possono osservare, in alto, i leveraggi di comando (), la forchetta della quinta marcia (2) e il rotismo differenziale ()

4 Fig.. Sezione in verticale del cambio della vettura Mercedes Benz 00 SL; il senso di marcia è rivolto verso sinistra (Archivio Daimler Chrysler Italia SpA). Nella figura. è rappresentata la vista in sezione longitudinale del cambio della vettura Mercedes Benz 00 SL, vettura con motore anteriore longitudinale e trazione posteriore. Il moto proviene da sinistra at traverso il complessivo frizione. Il primo ingranaggio da sinistra è il rinvio fis so all albero secondario, posto inferiormente; dal secondario, il mo to ritorna al primario, a seconda della marcia innestata. Da destra verso si nistra si osservano gli ingranaggi della retromarcia, della prima, se con da, terza e quarta; la quinta è ottenuta facendo entrare e uscire il mo to lun go il primario, con il secondario che ruota trascinato. poliglotta Rotismo epicicloidale GB: Epicyclic gears F: Rouage épicycloïdal D: Planetengetriebe poliglotta Portatreno GB: Spider F: Porte satellites D: Planetenträger. I rotismi epicicloidali Principi di funzionamento Ne epicicloidali alcuni degli assi, su cui sono montate le ruote, sono mobili rispetto a uno o più assi fissi. Gli assi mobili sono tenuti in posizione su un telaio mobile, detto portatreno. Il principale vantaggio offerto dagli epicicloidali è la possibilità di ottenere riduttori di potenza con elevati rapporti totali, ma con ingombri limitati. Tali organi hanno un vasto impiego in robotica, nelle trasmissioni dei veicoli e delle macchine operatrici, nella strumentazione di precisione, come riduttori di velocità fra turbina ed elica negli aerei a turboelica e negli elicotteri. Nella figura.2 è rappresentato, nelle due viste, lo schema generale di rotismo epicicloidale; il moto entra con velocità ω attraverso l asse fisso sinistro, su cui è calettata la ruota () che ingrana con la ruota (2), vincolata mediante mozzo comune alla ruota (); entrambe ruotano

5 poliglotta Satellite GB: Planet wheel F: Satellite D: Planetenrad solidalmente intorno al loro asse, a sua volta rotante intorno all asse fisso, con velocità angolare Ω. Il gruppo formato dalle ruote (2) e () e dall asse mobile è sostenuto dal portatreno, costituito da un telaio rotante intorno al l asse fisso, che ruota anch esso a velocità Ω. La ruota () riceve il moto dalla ruota () e pone in rotazione l asse fisso destro, con velocità ω 2. Le ruote () e () sono dette planetari, le ruote (2) e () sono dette satelliti. Fig..2 Schema generale di rotismo epicicloidale, formato da un asse fisso di entrata del moto, un asse di uscita e un portatreno che sostiene un asse mobile; le ruote sono quattro, di cui le due intermedie sono collegate e ruotano alla stessa velocità. richiamo Lo schema generale rappresentato nella figura.2 ha due organi in uscita: l albero con velocità ω 2 e il portatreno con velocità Ω, disposto coassiale con il precedente e terminante con un mozzo dentato, dal quale si preleva il moto a velocità Ω. Formula di Willis Il rapporto di trasmissione de epicicloidali è espresso dalla [.], che lega la velocità angolare della ruota motrice con quella dell ultima ruota uscente: i = ω ω La formula di Willis è specifica per epicicloidali ed esprime il rapporto di trasmissione per il rotismo reso ordinario: i 0 = ω ω Ω Ω [.5] Con i 0 si designa il rapporto di trasmissione del rotismo reso ordinario, ovvero, del rotismo al quale si è imposta una rotazione di velocità di valore Ω a tutti i membri del gruppo e in cui eventuali ruote bloccate sono state rese libere di ruotare. Avendo sommato una velocità uguale e contraria a quella del portatreno, si è trasformato il rotismo da epicicloidale in ordinario, dato che il portatreno e il suo asse mobile ora risultano fissi nello spazio. Il rapporto di trasmissione del rotismo reso ordinario si calcola con la [2.6], che lega i numeri di denti delle quattro ruote, essendo le ruote dispari motrici e le ruote pari condotte. Ne epicicloidali occorre esprimere i rapporti di trasmissione con il segno negativo, se l ingranaggio è formato da ruote fra loro esterne, con il segno positivo se l ingranaggio è formato da ruote interne: i 0 = z z 2 z z z z = z z 2 5

6 uguagliando i due valori di i 0 e inserendo i valori numerici dei numeri di denti si perviene al rapporto di trasmissione reale i. poliglotta Solare GB: Solar wheel F: Roue solaire D: Sonnenrad Esempio Con riferimento al rotismo epicicloidale, rappresentato nella figura.22, in cui la ruota () è detta solare fisso, si ipotizzano i seguenti numeri di denti per le quattro ruote: z = 22; z 2 = 6; z = 25; z =. Calcolare il rapporto di trasmissione. Fig..22 Rotismo epicicloidale formato da ruote esterne: l ingresso del moto avviene attraverso il planetario (); i satelliti (2) e () sono solidali e hanno l asse collegato al portatreno, che funge da albero uscente; il solare () è bloccato. Soluzione Si applica la [.5] ricordando che la ruota () è bloccata: ω Ω ω Ω i 0 = = ω Ω Ω da cui si ottiene: Ω = ω Ω i 0 radunando la velocità Ω del portatreno a primo membro e raccogliendo, si ha: ( ) = Ω i0 da cui il rapporto di trasmissione i del rotismo reale vale: ω ω 0 i = = i Ω Si esprime il rapporto di trasmissione del rotismo reso ordinario con i numeri di denti: i 0 = z z 2 z z Il rapporto di trasmissione vale: i z2 z = z z = =, i = i0 = 2, 6 =, 6 Questo rotismo determina una piccola riduzione, con inversione del moto. 6

7 Esempio 2 Con riferimento al rotismo epicicloidale, rappresentato nella figura.2, in cui la corona a dentatura interna () è fissa, si ipotizzano i seguenti nu meri di denti per le quattro ruote: z = ; z 2 = 200; z = 66; z = 00. Cal colare il rapporto di trasmissione. Fig..2 Rotismo epicicloidale formato da due ruote esterne e due interne: la corona () è bloccata; l ingresso del moto avviane attraverso il planetario (); i satelliti (2) e () sono solidali e hanno l asse collegato al portatreno, che funge da albero uscente. Soluzione Si applica la [.5] ricordando che la ruota () è bloccata: da cui si ricava: i 0 = ω ω Ω ω Ω = Ω Ω Ω = ω Ω i 0 radunando la velocità Ω del portatreno a primo membro e raccogliendo, si ottiene: ( ) = Ω i0 ω da cui si ricava il rapporto di trasmissione i del rotismo reale: ω 0 i = = i Ω Si esprime il rapporto di trasmissione del rotismo reso ordinario con i nu meri di denti: i 0 = z z 2 z z Il rapporto di trasmissione vale: z2 z = = =, z z 66 ( ) = i = i0 = 26, 7 27, 7 Questo rotismo determina una forte riduzione, senza inversione del moto. 7

8 Osservazione: epicicloidali hanno il vantaggio di potere realizzare rapporti di trasmissione anche molto variabili, con o senza inversione del moto, mantenendo costante lo schema del rotismo, ma variando solo i numeri di denti delle quattro ruote; è inoltre possibile accoppiare due o più rotismi epicicloidali in cascata: bloccando, mediante frizioni, le corone o i portatreni si ottengono combinazioni diverse di rapporti, il tutto con un ingombro assiale assai ridotto; questo sistema è utilizzato nei cambi automatici per autoveicoli. poliglotta Differenziale GB: Differential F: Différentiel D: Ausgleichsgetriebe richiamo Il differenziale non viene applicato sui veicoli ferroviari, sia perché nelle tratte curve la rotaia esterna è sopraelevata sia perché i raggi di curvatura sono molto ampi, infine, perché il cerchione della ruota ha un profilo conico nella zona destinata al contatto con la rotaia. richiamo Gli autoveicoli a quattro ruote motrici sono detti a trazione integrale o x. Fig..2 Schema del rotismo differenziale per un autoveicolo. Rotismi differenziali I rotismi epicicloidali sono detti differenziali quando il moto entra dal portatreno ed esce attraverso due ruote di estremità. La coppia motrice è ripartita in parti uguali fra le due ruote cedenti, indipendentemente dal le loro velocità di rotazione. Il differenziale è impiegato sui veicoli stradali, poiché durante le traiettorie curve consente alle ruote motrici, anteriori o posteriori, di rotolare correttamente sul fondo stradale, senza strisciamento: il differenziale permette alla ruota che esegue la traiettoria esterna di rotolare a velocità maggiore rispetto alla ruota interna più lenta. Nel caso di trazione su più assi, devono essere collegati con un differenziale le ruote motrici e gli alberi di trasmissione uscenti dal cambio e diretti, l uno verso l asse anteriore, l altro verso quello posteriore, allo scopo di ottenere una ripartizione uniforme dei carichi, al variare delle condizioni di guida e stradali. Nella figura.2 è riportato lo schema di un differenziale per autoveicolo a trazione posteriore. Il moto giunge dal cambio attraverso l albero di trasmissione, sulla cui estremità è montato il pignone (), ingranante con la corona (2). Sulla corona è ricavato il portatreno (5), una struttura inscatolata che alloggia i due satelliti conici (6), liberi di ruotare intorno al loro perno; essi sono costantemente accoppiati con due planetari, pure conici (7), da ciascuno dei quali esce un semialbero di trasmissione, che porta il moto alla ruota sinistra () e alla destra (). 8

9 Le figure.2 e. riportano due viste di un cambio, per una vettura a trazione anteriore e con motopropulsore trasversale. Si riconosce il differenziale appartenente al gruppo cambio; dal differenziale il moto giunge alle ruote tramite tre semiassi, non rappresentati nella figura. Osservazione: i motopropulsori anteriori trasversali spesso adottano la trasmissione del moto con tre semiassi, di cui uno di collegamento con la ruota sinistra, cioè con la ruota motrice dal lato del conducente, e due di collegamento con la ruota destra, posti in successione, poiché il corpo del differenziale si trova molto più vicino alla ruota sinistra che non alla ruota destra; il primo semiasse destro ruota solidale al motopropulsore ed è collegato con il secondo semiasse destro, che può seguire gli scuotimenti della ruota; si è così realizzata una condizione di simmetria rispetto al corpo vettura fra il semiasse sinistro e il secondo semiasse destro. Funzionamento del differenziale Durante la marcia in rettilineo, i due satelliti non ruotano intorno ai rispettivi perni: satelliti e planetari non eseguono nessun moto relativo. Il moto passa dalla corona (2) al portatreno (5): le ruote (6) e (7) formano un pacco rotante solidale con la corona; le due ruote (7) trasmettono il moto ai semiassi () e () e, da questi, alle ruote. Ipotizzando di essere in prossimità di una curva a destra, è necessario un incremento di velocità al semiasse () e una riduzione di velocità, di pari entità, al semiasse (). In tal caso il differenziale entra in azione spontaneamente: satelliti e planetari iniziano a ruotare fra loro, trascinati dal portatreno; la riduzione di velocità subita dal planetario destro viene trasferita, dai due satelliti, al planetario sinistro e, da qui, al semiasse e alla ruota. Osservazione: un limite del differenziale semplice illustrato nella figura.2 consiste nel fatto che la ripartizione della coppia, al 50% su un semiasse e al 50% sull altro, è sempre costante, indipendentemente dalle condizioni di aderenza delle ruote; ne consegue che, se una delle due ruote motrici trova scarsa aderenza sul fondo stradale, all atto dell avvio del veicolo, questa ruota slitta e dissipa tutta la coppia motrice in inerzia; l altra ruota, che incontra maggiore aderenza, rimane del tutto ferma. Ciò rende la partenza da fermo impossibile. A tale scopo i differenziali più moderni sono provvisti di un dispositivo autobloccante, detto lock-up, formato da dischi frizione che trasferiscono la coppia motrice, in quota maggiore, dalla ruota in slittamento alla ruota in aderenza. Nella figura.25 è riportato un gruppo di riduttore epicicloidale parzialmente se zio nato, di produzione ZF. In particolare sono posti in evidenza i seguenti elementi: l albero di uscita del moto (); il cuscinetto a rulli conici (2); la dentatura diritta (); la guarnizione di tenuta (); il portatreno (5); i profili dei denti a elevata silenziosità (6); il cuscinetto a rulli conici (7); la cassa (8); la vite di chiusura (9); il satellite che ingrana la corona a dentatura interna (0); l asse centrale (); gli anelli di tenuta (2) e il giunto di accoppiamento al motore (). 9

10 Fig..25 Riduttore per servomotori di produzione ZF Maschinenantriebe GmbH, Friedrichshafen (Germania)

11 L Unità didattica in breve Treni di ingranaggi Spesso sono costruite catene cinematiche di trasmissione, mediante un numero di ruote dentate maggiore di due, poste in successione fra la prima e l ultima, al duplice scopo di ottenere la trasmissione fra assi paralleli con interasse elevato anche con forti rapporti di trasmissione e con in gombri limitati. La prima ruota del sistema di trasmissione è detta motrice, mentre l ultima ruota condotta è detta cedente. Il rotismo è detto ordinario quando gli assi delle ruote dentate sono fissi nello spazio, durante il funzionamento; è detto planetario, o epicicloidale, quando uno o più assi ruota è mobile durante il funzionamento. In un rotismo or dinario il rapporto di trasmissione totale è pari al prodotto dei singoli rapporti di trasmissione parziali, per cui, se il rotismo è formato da n ruote in cascata, il rapporto di trasmissione totale è pari al rapporto fra la velocità angolare della ruota motrice e la velocità angolare dell n-e si ma ruota (quella cedente), ovvero, al rapporto fra il numero di denti della ruota cedente e quello della ruota motrice. Vi sono rotismi che presentano coppie di ruote intermedie montate solidali sul medesimo asse: anche in questo caso il rapporto di trasmissione totale è pari al prodotto dei singoli rapporti di trasmissione parziali. Nel caso assai frequente di riduttori con gli alberi di ingresso e di uscita del moto allineati, in fase di progetto occorre verificare la coassialità per ogni coppia di ruote: si impone che la somma dei raggi primitivi di ogni coppia di ruote compagne sia costante. Cambi di velocità I cambi di velocità sono organi che consentono di variare il rapporto di trasmissione. Essi sono dotati di un numero prefissato di marce, per ognuna delle quali si ottiene un determinato rapporto di trasmissione. Il cambio di velocità è posto a valle del motore e dell innesto a frizione, seguito da giunti e alberi di trasmissione che trasferiscono il moto all utilizzatore. Trova applicazione nei veicoli, nei sistemi di sollevamento e trasporto, nei macchinari industriali e nelle macchine utensili. Scopi del cambio sono la regolazione di coppia e velocità, la realizzazione dell inversione del moto e della condizione di folle. Per semplicità costruttiva, nelle macchine utensili i cambi meccanici sono a comando manuale e a treni dentati scorrevoli: agendo sulla le va di comando, le ruote dentate, a denti diritti con mozzo scanalato, sono spostate assialmente per ottenere l innesto o il disinnesto del rapporto. La marcia è inserita da fermo. Il rapporto fra la velocità di una marcia e quella ottenuta con la marcia precedente è una costante del cambio, det ta ragione o spaziatura. Nei veicoli il cambio di velocità consente di sfruttare in modo ottimale la potenza e la coppia del motore: mediante l inserimento delle marce più corte, risulta possibile trasmettere elevati valori di forza motrice,

12 anche a velocità medie e basse, garantendo buone doti di accelerazione e consentendo la marcia in salita a velocità adeguate. Le ruote cilindriche hanno i denti elicoidali e sono sempre in presa fra loro e folli sull albero. L innesto delle marce deve avvenire rapidamente anche con il veicolo in moto. A tale scopo i cambi sono dotati di sincronizzatori, anelli dentati che, per attrito, trascinano la ruota dentata alla stessa velocità dell albero, prima del vero e proprio innesto. Rotismi epicicloidali Ne epicicloidali alcuni degli assi su cui sono montate le ruote so no mobili, rispetto a uno o più assi fissi. Gli assi mobili sono tenuti in posizione su un telaio mobile, detto portatreno. Il principale vantaggio offerto dagli epicicloidali è la possibilità di ottenere riduttori di potenza con elevati rapporti totali, ma con ingombri limitati. Le ruote montate sugli assi fissi sono dette solari o planetari, quelle montate sugli assi mobili sono dette satelliti. Per calcolare il rapporto di trasmissione di un rotismo epicicloidale occorre applicare la formula di Willis. Essa è riferita al rotismo reso ordi nario, ovvero, suppone che il portatreno sia bloccato e che si sblocchino eventuali ruote ferme. A questo punto si calcola il rapporto di trasmissione del rotismo reso ordinario, con la relazione che lega i numeri di denti delle quattro ruote, essendo le ruote dispari motrici e quelle pari condotte. Ne epicicloidali occorre esprimere i rapporti di trasmissione con il segno negativo, se l ingranaggio è formato da ruote fra lo ro esterne, con il segno positivo se l ingranaggio è formato da ruote in terne. I rotismi epicicloidali sono detti differenziali quando il moto entra dal portatreno ed esce attraverso due ruote di estremità. La coppia motri ce è ripartita in parti uguali fra le due ruote cedenti, indipendentemente dalle loro velocità di rotazione. Tali organi sono applicati sugli au to veicoli, per regolare le velocità di rotolamento delle ruote motrici du rante le traiettorie curve. 2

13 PROBLEMI DI RIEPILOGO. Calcolare il rapporto di trasmissione per un rotismo ordinario, formato da cinque ruote dentate in cascata, i cui numeri di denti sono, rispettivamente: z = 7; z 2 = 29; z = 5; z = 20; z 5 = Verificare la condizione di coassialità per un riduttore, costituito da un albero entrante, su cui è montata la ruota, un albero intermedio, che ospita le ruote 2 e, e un albero uscente, su cui è montata la ruota. I due ingranaggi, con moduli uguali, sono formati dalle ruote e 2, aventi rispettivamente 2 e denti, e dalle ruote e, aventi rispettivamente 28 e 7 denti.. Verificare la condizione di coassialità per un riduttore, costituito da un albero entrante, su cui è montata la ruota, un albero intermedio, che ospita le ruote 2 e, e un albero uscente, su cui è montata la ruota. L ingranaggio formato dalle ruote e 2, aventi rispettivamente 0 e 0 denti, ha modulo m I = 2 mm; l ingranaggio formato dalle ruote e, aventi rispettivamente 2 e 2 denti, ha modulo m II = 2,5 mm.. Un rotismo moltiplicatore è formato da quattro ruote dentate, di cui due sono calettate su un albero intermedio. I numeri di denti sono: z = 5; z 2 = 27; z = 0; z = 25. Sull albero entrante il momento motore vale M = 0 N m, alla velocità di 80 giri/min. Calcolare il momento e la velocità sull albero uscente. 5. Il cambio di velocità del mandrino di una macchina utensile dispone di sei marce e ha la velocità in prima che vale n = 50 giri/min. Calcolare le velocità in tutte le restanti marce, sapendo che è stata scelta la ragione unificata R Il cambio di velocità di un autovettura ha cinque marce, con i seguenti rapporti: in prima, i =,55; in seconda, i 2 = 2,76; in terza, i =,52; in quarta, i =,56; in quinta, i 5 = 0,97. Il motore eroga una coppia motrice di 0 N m, alla velocità di 000 giri/min. Calcolare i valori di coppia e di velocità uscenti dal cambio, in ognuna delle cinque marce. 7. In un rotismo epicicloidale (Fig..22) i numeri di denti delle ruote sono i seguenti: z = 20; z 2 = 00; z = 2; z = 96. Calcolare il rapporto di trasmissione e verificare se si ha o meno l inversione del moto. 8. In un rotismo epicicloidale (Fig..2) i numeri di denti delle ruote sono i seguenti: z = 28; z 2 = 222; z = 2; z = 282. Calcolare il rapporto di trasmissione e verificare se si ha o meno l inversione del moto.

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312. Polg

TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312. Polg TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312 Polg 'Tay. 393 11 97 I T 312 con pto passante Sax 1600-1800-2100 - Tex 2300-2700 - Nico Pos. Codice Denominazione 1 0.312.3001.00 albero passante 2 07.0.069 paraolio

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

400.001 IVECO. Gearbox Old Generation. Models E 100. Date 05/2007 File IVE0014.Pdf

400.001 IVECO. Gearbox Old Generation. Models E 100. Date 05/2007 File IVE0014.Pdf 400.001 IVECO Gearbox Old Generation Models E 100 05/2007 File IVE0014.Pdf Adattabile a : Suitable To : IVECO 1 Modelli Cambio/ Gearbox Models E 100 1 2 3 4 5 26 Models 9 10 6 7 44 27 45 49 51 46 8 28

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

SISTEMI VINCOLATI. 1. Punto fisso: il vincolo impedisce ogni spostamento del punto.

SISTEMI VINCOLATI. 1. Punto fisso: il vincolo impedisce ogni spostamento del punto. SISTEMI VINCOLATI Definizione 1 Si dice vincolo una qualunque condizione imposta ad un sistema materiale che impedisce di assumere una generica posizione e/o atto di moto. La presenza di un vincolo di

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE PICCOLE CENTRALI IDROELETTRICHE

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE PICCOLE CENTRALI IDROELETTRICHE PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE PICCOLE CENTRALI IDROELETTRICHE CENTRALI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA IDROELETTRICHE: per potenze da piccolissime a grandi; impianti a funzionamento molto

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

SU-IM-IE SUPPORTI E INNESTI

SU-IM-IE SUPPORTI E INNESTI SU-IM-IE SUPPORTI E INNESTI Catalogo Tecnico Dicembre web edition L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce componenti

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso

Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso PRESS info P09X02IT / Per-Erik Nordström 15 ottobre 2009 Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso Il nuovo Scania Opticruise per autobus completamente

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg PC 15R-8 PC15R-8 PC15R-8 M INIESCAVATRE PTENZA NETTA SAE J149 11,4 kw - 15, HP PES PERATIV Da 1.575 kg a 1.775 kg M INIESCAVATRE LA TECNLGIA PRENDE FRMA Frutto della tecnologia e dell esperienza KMATSU,

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Dal 1997, anno della sua fondazione, la Erhardt + Abt Automatisierungstechnik GmbH ha finora installato

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

LISTINO MINIMOTO 2013

LISTINO MINIMOTO 2013 LISTINO MINIMOTO 2013 NOTE: - Il presente listino annulla e sostituisce qualsiasi precedente - I prezzi indicati si intendono trasporto ed assicurazione esclusi - BZM Trade Srl si riserva qualsiasi variazione

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Tecnologia funzionale. Qualità costruttiva di lunga durata.

Tecnologia funzionale. Qualità costruttiva di lunga durata. SERIE JX 72-95 CV Ambiente di lavoro sicuro e produttivo. Sedile di guida confortevole. Tecnologia funzionale sotto tutti i punti di vista. Disponibili nella versione con o senza cabina, questi trattori

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Commento inteso alla costruzione pratica della macchina per esplorare il tempo

Commento inteso alla costruzione pratica della macchina per esplorare il tempo Commento inteso alla costruzione pratica della macchina per esplorare il tempo Alfred Jarry Edizione in italiano Patakosmos Press Open Access, 2013. (CC)Creative Commons Patakosmos Press Open Access è

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

Tolleranze dimensionali

Tolleranze dimensionali ITIS OMAR Dipartimento di Meccanica Tolleranze T1 Generalità Tolleranze dimensionali Si definisce tolleranza (t) il massimo scarto dimensionale ammissibile di un pezzo e il suo valore è stabilito dalla

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

2 - TRASPORTO MOBILETTO

2 - TRASPORTO MOBILETTO Istruzioni per l'uso I Indice 1 - GENERALITA' 3 1.1 NORME DI SICUREZZA GENERALI 3 1.2 CAMPO DI UTILIZZO 4 1.3 DIMENSIONI D'INGOMBRO 4 1.4 DATI TECNICI 5 2 - TRASPORTO MOBILETTO 5 3 - ALIMENTAZIONE ELETTRICA

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

NE FLUSS 24 EL CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO

NE FLUSS 24 EL CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.01 A - CE 0063 AQ 2150 CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO... 30R0032/0... 02-99... IT... MANTELLATURA

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni 1994L0020 IT 01.01.2007 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni B DIRETTIVA 94/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Era M & Era MH. I nuovi motori per tende e tapparelle, anche con manovra di soccorso manuale. Compatti e robusti, semplici e pratici da installare.

Era M & Era MH. I nuovi motori per tende e tapparelle, anche con manovra di soccorso manuale. Compatti e robusti, semplici e pratici da installare. Era M & Era MH I nuovi motori per tende e tapparelle, anche con manovra di soccorso manuale. Compatti e robusti, semplici e pratici da installare. Era M Motore tubolare ideale per tende e tapparelle con

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 Emerson Power Transmission KOP-FLEX, INC., P.O. BOX 1696 BALTIMORE MARYLAND 21203, (419) 768 2000 KOP-FLEX

Dettagli

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE Qualsiasi cosa transportate: la responsabilità vi accompagna! PREFAZIONE Egregi trasportatori, stimati conducenti di veicoli commerciali Caricare correttamente

Dettagli

NE FLUSS 20 EL PN CE

NE FLUSS 20 EL PN CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.02 A - CE 0063 AQ 2150 MANTELLATURA 7 3 1 102 52 101 99-97 83 84-64 63 90 139 93 98 4 5

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

TRAPANI AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO.

TRAPANI AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO. AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO. Metabo è all'avanguardia nelle macchine a batteria. La nostra tecnologia innovativa di carica li rende più indipendenti

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Anno Accademico 005-006 Francesco Pellicano Professore Associato di Meccanica Applicata alle Macchine Biografia dell autore Francesco Pellicano è nato a Roma il9 luglio

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

Adeguamento motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di sicurezza di cui all allegato V al d.lgs. 81/08

Adeguamento motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di sicurezza di cui all allegato V al d.lgs. 81/08 Adeguamento motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di sicurezza di cui all allegato V al d.lgs. 81/08 Edizione 2013 Documento tecnico redatto dal Gruppo di lavoro nazionale coordinato dall Inail,

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Edizione 05.13 Tutti i diritti riservati! Indice Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Indice Indice 1 Informazioni

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Valore Unitario. Cod. fornit. Descrizione Quant. Valore TOT

Valore Unitario. Cod. fornit. Descrizione Quant. Valore TOT Cod. fornit. Descrizione Quant. Valore Unitario Valore TOT 61586404 Adattatore contagiri 370 6 45,47 272,82 4721456 Adattatore tachimetro 370 3 37,02 111,06 Alberino cronotachimetro 370 1 6,32 6,32 1905228

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

Processi efficienti per una maggiore energia.

Processi efficienti per una maggiore energia. _ COMPETENZA NELL ASPORTAZIONE DEL TRUCIOLO Processi efficienti per una maggiore energia. Soluzioni di settore Settore energia 1 CON ENERGIA VERSO IL FUTURO. I produttori di impianti e componenti per la

Dettagli

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt. C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.com www.cfritaly.com È vietata la riproduzione o la traduzione

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli