LISTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LISTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE"

Transcript

1 LISTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE Corso di laurea (triennale) in Ingegneria Civile- curriculum Metodologico a.a. 2014/15 Dal Regolamento per la prova finale e conferimento del titolo di laurea di primo livello ex D.M. 270/04 approvato dal Consiglio di Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica il 22/10/ Caratteristiche generali della prova finale omissis a) Curriculum metodologico La prova finale per il curriculum metodologico, corrispondente a 3 CFU -(corrispondenti a circa 75 ore di lavoro individuale)-, consiste nella discussione orale di un tema scelto dallo studente all interno di una lista di argomenti predisposta dal Collegio di Area Didattica. La discussione è rivolta anche a valutare la preparazione generale dello studente. La prova è intesa a verificare la maturità scientifica raggiunta dallo studente, in relazione sia alla capacità di affrontare autonomamente una tematica specifica dell'ingegneria, dal reperimento delle fonti bibliografiche alla riproposizione critica dell'argomento trattato, sia alla padronanza dei contenuti formativi appresi nel corso di studio. omissis. 2. Prova finale per il curriculum metodologico 2.1 Scelta dell argomento per la prova finale Lo studente sceglie un argomento di prova finale dalla lista predisposta, con cadenza semestrale, dal Collegio di Area Didattica e resa disponibile sul portale del corso di studio. La lista riporta, per ciascun argomento, l indicazione del docente di riferimento a cui lo studente può rivolgersi per la preparazione della discussione orale.

2 Calcolo numerico Casulli Vincenzo Titolo: Equazioni differenziali a derivate parziali: metodi numerici per equazioni ellittiche Indicazioni per la preparazione: Familiarizzare con metodi numerici per equazioni differenziali a derivate parziali del 2 ordine di tipo ellittico, implementarli e sperimentarli su alcuni esempi significativi. D. Greenpan, V. Casulli: Numerical analysis for applied mathematics, science and engineering Addison Wesley, 1988, Capitolo 6 Casulli Vincenzo Titolo: Equazioni differenziali a derivate parziali: metodi numerici per equazioni paraboliche Indicazioni per la preparazione: Familiarizzare con metodi numerici per equazioni differenziali a derivate parziali del 2 ordine di tipo parabolico, implementarli e sperimentarli su alcuni esempi significativi. D. Greenpan, V. Casulli: Numerical analysis for applied mathematics, science and engineering Addison Wesley, 1988, Capitolo 7 Casulli Vincenzo Titolo: Equazioni differenziali a derivate parziali: metodi numerici per equazioni iperboliche Indicazioni per la preparazione: Familiarizzare con metodi numerici per equazioni differenziali a derivate parziali del 2 ordine di tipo iperbolico, implementarli e sperimentarli su alcuni esempi significativi. D. Greenpan, V. Casulli: Numerical analysis for applied mathematics, science and engineering Addison Wesley, 1988, Capitolo 8

3 Tecnologia dei materiali Claudio Della Volpe Titolo: I materiali per le attività umane: conseguenze energetiche ed ambientali del loro uso Indicazioni per la preparazione: raccogliere dati aggiornati sui limiti delle risorse e/o modellare il loro andamento e le conseguenze cui va incontro la società in rapporto alla limitatezza delle risorse minerali; picchi delle risorse e loro storia, si possono individuare in modo originale i trend di parecchie risorse minerali; effetti di alterazione dei grandi cicli naturali; aiuta a vedere l attività produtttiva umana in un contesto naturale e non solo tecnico-economico (EN) Ugo Bardi, The Limits to Growth Revisited, Springer, 2011, ISBN Ugo Bardi, La Terra svuotata. Il futuro dell'uomo dopo l'esaurimento dei minerali, Editori Riuniti, 2011, p. 295, ISBN (EN) Ugo Bardi, Extracted: How the Quest for Mineral Wealth Is Plundering the Planet, Chelsea Green Publishing, 2014, p. 368, ISBN Claudio Della Volpe Titolo: Le attività sportive: materiali e loro proprietà. Indicazioni per la preparazione : raccogliere in letteratura ma anche in laboratorio informazioni aggiornate sulle caratteristiche strutturali dei materiali usati per attività sportive; sarà occasione per approfondire o riprendere elementi di base della fisica e della chimica delle strutture e dei materiali R. Rosenberg Why is ice slippery? Physics Today, 50, (2005) The stability of bycicle, Physics today 1970 The physics of sailing, Physics today 2008 Di Maggio Rosa Titolo: Calcestruzzo per applicazioni come accumulatore termico Indicazioni per la preparazione: Attività di tipo compilativo a partire da Marzo 2015 Mario Collepardi The new Concrete, NuovoTintoretto, 2010, ISBN, , ed articoli scientifici in inglese reperibili attraverso le banche dati o le riviste del sistema bibliotecario

4 Di Maggio Rosa Titolo: Calcestruzzo fibroriforzato per applicazioni strutturali Indicazioni per la preparazione: Attività di tipo compilativo a partire da Marzo 2015 Mario Collepardi The new Concrete, NuovoTintoretto, 2010, ISBN, , ed articoli scientifici in inglese reperibili attraverso le banche dati o le riviste del sistema bibliotecario Di Maggio Rosa Titolo: Materiali innovativi per l isolamento Indicazioni per la preparazione: Attività di tipo compilativo a partire da Marzo 2015 Articoli scientifici in inglese reperibili attraverso le banche dati o le riviste del sistema bibliotecario Di Maggio Rosa Titolo: Materiali per fotovoltaico Indicazioni per la preparazione: Attività di tipo compilativo a partire da Marzo 2015 articoli scientifici in inglese reperibili attraverso le banche dati o le riviste del sistema bibliotecario Di Maggio Rosa Titolo: Riciclo di trucioli di acciaio all interno del calcestruzzo: studio del comportamento termico, meccanico ed all attacco chimico Indicazioni per la preparazione: Attività di laboratorio a partire da Marzo 2015 Mario Collepardi The new Concrete, NuovoTintoretto, 2010, ISBN, , Wenzhong Zheng, Haiyan Li, Ying Wang Compressive behaviour of hybrid fiber-reinforced reactive powder concrete after high temperature, Materials & Design Volume 41, October 2012, Pages B. Kim, A.J. Boyd, J.Y. Lee Durability performance of fiber-reinforced concrete in severe environments Journal of Composite Materials 2011 vol. 45 no

5 Di Maggio Rosa Titolo: Calcestruzzo per applicazioni come accumulatore termico Indicazioni per la preparazione: Attività di tipo compilativo a partire da Marzo 2015 Mario Collepardi The new Concrete, NuovoTintoretto, 2010, ISBN, , ed articoli scientifici in inglese reperibili attraverso le banche dati o le riviste del sistema bibliotecario Architettura tecnica Rossano Albatici Titolo: 1. Umidità negli elementi edilizi: prevenzione e risanamento 2. Integrazione del sub sistema impiantistico nell organismo edilizio 3. Le coperture di grande luce 4. Il sistema serramento e la correlazione col vano murario 5. Prestazioni in opera degli elementi di finitura dell edificio, interni ed esterni 6. La parete ventilata 7. Le coperture a verde 8. Rapporto fra edificio e terreno: i sistemi di fondazione 9. Elementi prefabbricati per l edilizia 10. La muratura in laterizio Indicazioni per la preparazione: a cura del docente a seguito di colloquio A cura del docente a seguito di colloquio Meccanica razionale Stefano Siboni Titolo: Calcolo delle variazioni e metodi variazionali in meccanica Indicazioni per la preparazione: Sono richieste soltanto le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Carlo Banfi, Meccanica analitica, Milano, Università cattolica del Sacro Cuore. ISU (1997) (disponibile presso la biblioteca di

6 Scienze, collocazione v BAN), A.I. Lurie, Analytical Mechanics, Springer, New York (2002) (disponibile presso la biblioteca di Ingegneria, collocazione MATH MECR 2), materiale fornito dal docente (dispense e note). Stefano Siboni Titolo: Macchine termiche endoreversibili Indicazioni per la preparazione: Sono richieste solo conoscenze di base di analisi matematica, fisica 1 e fisica tecnica (massimi e minimi di funzioni di una o due variabili, primo e secondo principio della termodinamica). Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Articolo classico di F.L. Curzon e B. Ahlborn, Efficiency of a Carnot Engine at Maximum Power Output, American Journal of Physics, Volume 43, (1975) (articolo scaricabile liberamente, siamo abbonati). Dispense, calcoli, esempi illustrativi, materiale vario fornito dal docente. Stefano Siboni Titolo: Formulazione hamiltoniana della meccanica dei sistemi olonomi Indicazioni per la preparazione: Sono richieste soltanto le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Carlo Banfi, Meccanica analitica, Milano, Università cattolica del Sacro Cuore. ISU (1997) (disponibile presso la biblioteca di Scienze, collocazione v BAN), A.I. Lurie, Analytical Mechanics, Springer, New York (2002) (disponibile presso la biblioteca di Ingegneria, collocazione MATH MECR 2), F.E.Udwadia, R.E. Kalaba, D. De Falco, Analytical dynamics: a new approach, SES, Napoli (2009) (disponibile presso la biblioteca di ingegneria, collocazione v1math FIS- 107) Stefano Siboni Titolo: Teoria delle funi ideali (o dei fili) Indicazioni per la preparazione: Sono richieste soltanto le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Dispensa del docente, T. Levi-Civita, U. Amaldi, Lezioni di meccanica razionale, Zanichelli, Bologna (1984) (disponibile presso la biblioteca di ingegneria, collocazione v1fis -49)

7 Stefano Siboni Titolo: Stabilità degli equilibri nei sistemi olonomi Indicazioni per la preparazione: Sono richieste soltanto le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale. Si tratta di approfondimenti di argomenti svolti nel corso di meccanica razionale. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Dispense fornite dal docente. Stefano Siboni Titolo: Descrizione matematica dei processi di diffusione Indicazioni per la preparazione: Sono richieste le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale, nonché nozioni relative alla serie di Fourier. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. J. Crank, The mathematics of diffusion, Clarendon Press, Oxford (1975), disponibile presso la biblioteca di ingegneria, collocazione v1fis-53 (il docente può fornire materiale sulle serie e trasformate di Fourier, in caso) Stefano Siboni Titolo: La fisica degli sport invernali Indicazioni per la preparazione: Sono richieste soltanto le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Articoli e materiale bibliografico fornito dal docente Scienza delle costruzioni Bigoni Davide Dal Corso Francesco Titolo: Prove dinamiche su strutture in scala Indicazioni per la preparazione: Progetto e svolgimento di prove dinamiche su strutture con massa concentrata e con massa distribuita Dynamics of structures: theory and applications to earthquake engineering / Anil K. Chopra. Upper Saddle River, N.J. : Prentice- Hall, 1995.

8 Bigoni Davide Gei Massimiliano Dal Corso Francesco Bigoni Davide Dal Corso Francesco Bigoni Davide Dal Corso Francesco Bigoni Davide Dal Corso Francesco Bigoni Davide Dal Corso Francesco Titolo: Modelli didattici di strutture Indicazioni per la preparazione: Progetto e realizzazione di modelli didattici per i corsi del settore scientifico disciplinare di Scienza delle Costruzioni. Pippard, A.J.S. (1947) The experimental study of structures. Edward Arnold,& Co, London. Titolo: Metodi di calcolo elastico di strutture Indicazioni per la preparazione: Studio di alcuni metodi per l'analisi di strutture in ambito elastico (linee di influenza, metodo di Macaulay, metodi grafici) H. Cross, N.D. Morgan, Continuous frames of reinforced concrete, J. Wiley & Sons, 1932 Titolo: Strutture in grandi spostamenti Indicazioni per la preparazione: Studio della linea elastica nell'ambito di grandi spostamenti per varie condizioni di carico. Soluzioni analitiche ed esperimenti in laboratorio. R. Frisch-Fay, Flexible Bars, Butterworths, London, 1962 Titolo: Analisi di instabilità strutturali Indicazioni per la preparazione: studi teorico/sperimentali sulla meccanica di strutture e sulla stabilità. L.A. Godoy, Theory of elastic stability, Taylor & Francis Titolo: Fotoelasticità Indicazioni per la preparazione: Progetto e svolgimento di indagini fotoelastiche su materiali contenenti inclusioni Frocht, M.M., Photoelasticity. J. Wiley and Sons, London

9 Gei Massimiliano Titolo: Meccanica dei materiali compositi di utilizzo nell'ingegneria civile Indicazioni per la preparazione: partendo dalle basi di Meccanica dei solidi -introdotte nel corso di Scienza delle costruzioni- e di Tecnologia dei materiali, lo studente potrà scegliere uno dei seguenti approfondimenti: a) la formulazione dei più semplici modelli meccanici per predire il comportamento dei materiali compositi di comune utilizzo nell'ingegneria (testo n. 1); b) teoria, sperimentazione, applicazioni a problemi di Ingegneria civile dei materiali compositi (testo n. 2). 1. Comportamento meccanico dei materiali", P. Davoli, A. Bernasconi, M. Filippini, S. Foletti, Mc Graw-Hill, 2005; 2. "Strutture in composito: sperimentazione, teoria e applicazioni", S. Russo, Hoepli, Gei Massimiliano Gei Massimiliano Pugno Nicola Titolo: Statica dei gusci: soluzioni in regime membranale per grandi coperture e cupole Indicazioni per la preparazione: lo studente approfondirà il problema della statica dei gusci a doppia curvatura illustrando le soluzioni relative ai regimi membranali che si instaurano nei casi notevoli di cupole e grandi coperture. O. Belluzzi, Scienza delle costruzioni, vol. III, Zanichelli; A. Zingoni, Shell structures, T. Telford Ed; Altri testi di Plates and Shells presenti in biblioteca. Titolo: Analisi dello stato tensionale di travi parete Indicazioni per la preparazione: si richiede di approfondire il tema della trave parete nell'ambito della teoria dell'elasticità: formulazione dello stato piano di tensione, funzione di Airy, soluzioni di travi parete appoggiate variamente caricate ottenute mediante tecniche numeriche e sperimentali. O. Belluzzi, Scienza delle costruzioni, vol. III, Zanichelli; R. Calzona, C. Cestelli Guidi, Il calcolo del cemento armato, Hoepli. Titolo: Materiali gerarchici bio-ispirati ad elevate prestazioni meccaniche e/o acustiche e/o termiche e/o filtranti e/o rigenerative in medicina, anche self-healing (correlato al progetto ERC StG BIHSNAM on Bio-Inspired hierarchical supernanomaterials ) Indicazioni per la preparazione: Modellazione analitica e/o numerica o Preparazione e/o caratterizzazione sperimentale. S.W. Cranford, A. Tarakanova, N. Pugno, M.J. Buehler, Nonlinear material behaviour of spider silk yields robust webs, NATURE (2012), 482,

10 Pugno Nicola Titolo: Nanocompositi, es. a base grafene, ad elevate prestazioni meccaniche e/o per applicazioni in campo energetico (correlato al progetto Graphene Flagship) Indicazioni per la preparazione: Modellazione analitica e/o numerica o Preparazione e/o caratterizzazione sperimentale. A. Ferrari et al Science and technology roadmap for graphene, related two-dimensional crystals, and hybrid systems. NANOSCALE (2014) [Online]. Pugno Nicola Titolo: Superfici multifunzionali, self-cleaning superidrofobiche o superidrofiliche e/o molto adesive o antiadesive e/o ad alto attrito o a basso attrito (correlato al progetto ERC REPLICA2 on Large-area replication of biological anti-adhesive nanosurfaces ) Indicazioni per la preparazione: Modellazione analitica e/o numerica o Preparazione e/o caratterizzazione sperimentale. J. Zang, Q. Wang, Q. Tu, S. Ryu, N. Pugno, M. Buehler, X. Zhao, Multifunctionality and control of the crumpling and unfolding of large-area graphene, NATURE MATERIALS (2013), 12, Meccanica dei Fluidi Fraccarollo Luigi Titolo: Interazioni fra fluidi in moto e superfici rigide Indicazioni per la preparazione: sviluppo di strato limite, distribuzione di sforzi su superfici di contenimento del moto di fluidi reali ed integrazione di tali sforzi. Analizzare gli effetti che si sviluppano all interno di una struttura statica progettata per contenere il dominio della fase liquida. Marchi-Rubatta, Meccanica dei Fluidi, Utet Fraccarollo Luigi Titolo: L analisi di moto uniforme di fluidi bifasici Indicazioni per la preparazione: l ingegneria Civile spesso tratta fasi della costruzione di un opera che prevedono il convogliamento di flussi di materiale granulare solido asciutto o mescolato con l acqua. Marchi-Rubatta, Meccanica dei Fluidi, Utet

11 Fraccarollo Luigi Titolo: Applicazioni non standard di argomenti del Corso di Meccanica dei Fluidi. Esempio: la propagazione di onde di pressione negli alvei fluviali ed effetti causati su opere idrauliche. Oppure: le tecniche di rilevamento tramite laserscanner di morfologie fluviali Indicazioni per la preparazione: porsi con atteggiamento attento e curioso nei confronti dei processi fisici che si osservano, che interessano e che coinvolgono in vario modo la meccanica dei fluidi nell ambito dell ingegneria Civile, in sinergia con il settore della Geotecnica e della Tecnica delle Costruzioni. Le tematiche saranno indirizzate e rese conformi agli obiettivi formativi dal confronto con il docente. Riviste scientifiche di varia natura (da quelle generaliste a quelle specialistiche, naturalistiche, tecniche, etc). Larcher Michele Larcher Michele Rosatti Giorgio Titolo: Modelli idraulici e misure idrauliche nei canali a superficie libera e nelle condotte in pressione A. Adami: Misure idrauliche nei processi ambientali. L Acqua n. 3/2009, pag Adami: I modelli fisici nell idraulica. Ed. CLEUP, Padova, novembre 1994, pag Çengel, Yunus A., Cimbala J.: Meccanica dei fluidi. Milano McGraw-Hill, c2011 (stampa 2012) 01/01/2011 XXI, 590 p. : ill. ; 27 cm Language: Italian Titolo: Macchine idrauliche: pompe e turbine Çengel, Yunus A., Cimbala J.: Meccanica dei fluidi. Milano McGraw-Hill, c2011 (stampa 2012) 01/01/2011 XXI, 590 p. Dadone A.: Macchine idrauliche. Torino : CLUT, p Ariis D.: Macchine idrauliche. Firenze: Marzocco, 1939, 407 p Calò C, Farinatti F., Venturelli M.: Macchine idrauliche. Bologna : Calderini, 1986, 293 p. Titolo: Moti di fluidi incomprimibili Newtoniani e non: moti a pressione e moti a pelo libero in condizioni stazionarie e/o di moto vario Indicazioni per la preparazione: l approfondimento (di un argomento trattato nel corso di Meccanica dei Fluidi) deve includere aspetti teorici e quantitativi del fenomeno stesso. la bibliografia specifica deve essere concordata con il docente.

12 Fondamenti di infrastrutture viarie Mauro Raffaele Titolo: 1) Le verifiche di coerenza del tracciato stradale (consistency road alignment) 2) Valutazioni funzionali e prestazionali degli incroci a rotatoria (roundabout MOE) 3) Indici per la misura della sicurezza dell esercizio stradale (road safety and user security) Indicazioni per la preparazione: a seguito del colloquio con il docente. 1) T.Esposito, R.Mauro: Fondamenti di infrastrutture viarie, Vol I Hevelius Ed. 2) R.Mauro: Il calcolo delle rotatorie Hevelius Ed. 3) T.Esposito, R.Mauro: Fondamenti di infrastrutture viarie, Vol II Hevelius Ed. Topografia Battista Benciolini Titolo: I sistemi di riferimento in geodesia e in topografia Indicazioni per la preparazione: L'argomento può essere trattato in modi diversi. Dopo un primo ripasso/approfondimento degli aspetti generali, che può essere basato sul materiale standard del corso di topografia, si potrà scegliere una delle articolazioni seguenti: - definizione dei sistemi di riferimento, convenzioni internazionali, realizzazioni fondamentali a cura delle agenzie internazionali, - I sistemi di riferimento nella pratica operativa della topografia, - sistemi di riferimento strettamente locali per rilievi di monitoraggio e controllo, - i sistemi di riferimento italiani in prospettiva storica e l'impatto attuale del susseguirsi nel tempo di scelte diverse. Appunti del docente resi disponibili durante il corso di topografia (per una trattazione basilare degli aspetti generali). Documenti a cura di IERS (International Earth rotation and reference system service) soprattutto IERS Technical Note n.36 e n.37 reperibili via web su seguendo pubblicazioni. Documento a cura di FIG su Reference Frames in Practice Manual reperibile via web su Capitoli specifici nei testi (disponibili in biblioteca): - Geodesy : the concepts / Petr Vanicek, Edward J. Krakiwsky - GPS for geodesy / Alfred Kleusberg, Peter J.G. Teunissen (eds.) - Satellite geodesy / Guenter Seeber

13 Meccanica computazionale delle strutture 1 Springhetti Roberta Titolo: Problemi di instabilità dell equilibrio: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. R.D.Cook, D.S. Malkus, M.E. Plesha, R.J. Witt, Concepts and applications of finite element analysis, Wiley, 1989 S.P. Timoshenko, J.M. Gere, Theory of elastic stability, Dover, 1961 Springhetti Roberta Titolo: Problemi di piastre e gusci: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. R.D.Cook, D.S. Malkus, M.E. Plesha, R.J. Witt, Concepts and applications of finite element analysis, Wiley, 1989 S.P. Timoshenko, S. Woinowsky-Krieger, Theory of plates and shells, Dover, 1959 Springhetti Roberta Titolo: Problemi di dinamica: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. R.D.Cook, D.S. Malkus, M.E. Plesha, R.J. Witt, Concepts and applications of finite element analysis, Wiley, 1989 M. Bonnet, A. Frangi, C. Rey, The finite element method in solid mechanics, McGrawHill, 2014 Springhetti Roberta Titolo: Modellazione di materiali anisotropi: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. P. Pedersen, Elasticity, anisotropy, laminates, DTU, 1998

14 Springhetti Roberta Titolo: Problemi elasto-plastici: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. M. Bonnet, A. Frangi, C. Rey, The finite element method in solid mechanics, McGrawHill, 2014 Springhetti Roberta Titolo: Problemi di trasmissione del calore: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. R.D.Cook, D.S. Malkus, M.E. Plesha, R.J. Witt, Concepts and applications of finite element analysis, Wiley, 1989

PROPOSTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE

PROPOSTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE PROPOSTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE Laurea triennale in Ingegneria Civile - percorso Metodologico 2012/13 DOCENTE PROPONENTE Prof. Rossano Albatici Prof. Rossano Albatici Prof. Rossano Albatici ARGOMENTI

Dettagli

PROPOSTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE

PROPOSTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE PROPOSTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE Laurea triennale in Ingegneria Civile - percorso Metodologico 2011/12 DOCENTE PROPONENTE ARGOMENTI Titolo: Il serramento finestra Presentazione: si analizzano le varie

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

Centro d Esame BVI di Vimercate (MB)

Centro d Esame BVI di Vimercate (MB) Organizza il SEMINARIO TECNICO DI ALTA FORMAZIONE SULLE PROVE DI CARICO STATICHE SU SOLAI ED IMPALCATI con certificazione di livello 2 (PC) BUREAU VERITAS e patrocinio dell Associazione MASTER 1 Vimercate

Dettagli

Acquisire le conoscenze propedeutiche alle tematiche che saranno trattate in corsi successivi:

Acquisire le conoscenze propedeutiche alle tematiche che saranno trattate in corsi successivi: 1 Acquisire i principi e le metodologie che si impiegano nella moderna ingegneria per la progettazione strutturale e funzionale delle macchine e dei sistemi meccanici. Acquisire le conoscenze propedeutiche

Dettagli

INTRODUZIONE AL CORSO

INTRODUZIONE AL CORSO Facoltà di Ingegneria g Corso di Laurea in Ingegneria Civile A/A 2009-2010 INTRODUZIONE AL CORSO Il corpo docente Docente Ing. Fabrizio Paolacci paolacci@uniroma3.it Supporto didattico Ing. Carlo Alimonti

Dettagli

I MASTER: SOLUZIONI ALTAMENTE PROFESSIONALIZZANTI

I MASTER: SOLUZIONI ALTAMENTE PROFESSIONALIZZANTI S A P E R E / S A P E R F A R E / S A P E R E S S E R E L ATENEO e-campus PERCORSI INNOVATIVI L Ateneo e-campus è stato istituito quale università telematica con d.m. 30 gennaio 2006. È nato dall esigenza

Dettagli

Progetto PIEZOTETTI. Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012. Riferimenti : Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza

Progetto PIEZOTETTI. Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012. Riferimenti : Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza Riferimenti : Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012 Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza Deliverable : 2.1 2.2-2.3 Stato dell arte Modelli di

Dettagli

PROPOSTE DI ELABORATO FINALE PER GLI STUDENTI DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (TRIENNALE)

PROPOSTE DI ELABORATO FINALE PER GLI STUDENTI DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (TRIENNALE) Facoltà di Ingegneria PROPOSTE DI ELABORATO FINALE PER GLI STUDENTI DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (TRIENNALE) A) ELABORATO COMPILATIVO SU ARGOMENTI NON TRATTATI ESTESAMENTE

Dettagli

obbligatorio Non vi sono propedeuticità all'interno della laurea magistrale di Ingegneria Gestionale. OBIETTIVI FORMATIVI:

obbligatorio Non vi sono propedeuticità all'interno della laurea magistrale di Ingegneria Gestionale. OBIETTIVI FORMATIVI: Classe delle lauree in: Corso di laurea in: Anno accademico: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Tipo di attività formativa: Caratterizzante Titolo dell'insegnamento: Time Compression per il Manufacturing

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Ingegneria Civile)

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Ingegneria Civile) 139 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Civile) Referente del Corso di Laurea - Prof. Giovanni Vannucchi (Tel. 0/479621 e-mail: giovan@dicea.unifi.it.) OBIETTIVI FORMATIVI Il corso

Dettagli

ALBERTO BELTRAMI INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE

ALBERTO BELTRAMI INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE ALBERTO BELTRAMI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome: Alberto Beltrami Indirizzo: Via Cesare Battisti,18-24024 Gandino (BG) Telefono: 035-747874; 3281523178 Fax / E-mail: alberto.beltrami87@gmail.com

Dettagli

Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2014/15

Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2014/15 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2014/15 Valeria Cardellini E-mail: cardellini@ing.uniroma2.it

Dettagli

Formazione, attività scientifica e/o professionale

Formazione, attività scientifica e/o professionale IDA DE BONIS NATA A FONDI l'8/11/1985 Formazione, attività scientifica e/o professionale Titoli accademici e altri titoli Diploma di maturità classica con indirizzo piano nazionale informatico (PNI), c/o

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

3.1 ESERCIZI DI RIEPILOGO

3.1 ESERCIZI DI RIEPILOGO 3 3.1 ESERCIZI DI RIEPILOGO Esercizio 3.1.1 Dato un sistema M/M/2 con frequenza media di arrivo pari a λ e velocità di servizio pari a µ, con λ < 2µ Scrivere le equazioni di Kolmogorov relative al processo

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Classe di appartenenza: L-8 Ingegneria dell Informazione Computer Science and Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

[ TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE ] AFOR M A S T E R 2 0 0 9

[ TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE ] AFOR M A S T E R 2 0 0 9 MASTER TCAA [ TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE ] AFOR M A S T E R 2 0 0 9 INTRODUZIONE P A T R O C I N A T O D A La formazione ha ormai assunto un ruolo strategico: in un momento in cui i budget

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Il Corso. Obiettivi. A.A. 2003-2004 Prof. Giuseppe Visaggio Presentazione

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Il Corso. Obiettivi. A.A. 2003-2004 Prof. Giuseppe Visaggio Presentazione Scenario dello Sviluppo nella I.T. INGEGNERIA DEL SOFTWARE A.A. 2003-2004 Prof. Giuseppe Visaggio DIB 1 DIB 2 Obiettivi Il Corso!Conoscenza di principi, tecniche e metodi per i processi di sviluppo software.

Dettagli

CIVIL ENGINEERING (2nd degree course)

CIVIL ENGINEERING (2nd degree course) POLITECNICO DI BARI CONSIGLIO UNITARIO DI CLASSE IN INGEGNERIA CIVILE Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in INGEGNERIA CIVILE Classe 28/S INGEGNERIA CIVILE CIVIL ENGINEERING (2nd degree

Dettagli

Centro d Esame BVI di Vimercate (MB)

Centro d Esame BVI di Vimercate (MB) organizza CORSO DI FORMAZIONE PROVE DI CARICO STATICHE SU SOLAI, IMPALCATI, PONTI E VIADOTTI con certificazione di livello 2 (PC) BUREAU VERITAS e patrocinio dell Associazione MASTER 1 Vimercate (MB),

Dettagli

Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2013/14

Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2013/14 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2013/14 Valeria Cardellini E-mail: cardellini@ing.uniroma2.it

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM INFORMAZIONI Cognome e nome MONNI FRANCESCO Indirizzo di residenza VIA BAROCCO, 5 60010 OSTRA VETERE (AN) Telefono 3396088721 E-mail monni.f@gmail.com Nazionalità ITALIANA

Dettagli

Caratterizzazione dinamica di un impalcato stradale militare risalente al 2 conflitto mondiale

Caratterizzazione dinamica di un impalcato stradale militare risalente al 2 conflitto mondiale Caratterizzazione dinamica di un impalcato stradale militare risalente al 2 conflitto mondiale G. Di Marco 1, E. Lo Giudice 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 Direttore del Laboratorio

Dettagli

edile Data del DM di approvazione del ordinamento 31/03/2004 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 01/04/2004 didattico

edile Data del DM di approvazione del ordinamento 31/03/2004 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 01/04/2004 didattico Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA 4/S - Classe delle lauree specialistiche in architettura e ingegneria edile Data del DM di approvazione del ordinamento

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Pamela Vocale Via Fleming Alessandro n.22 43126 Parma Telefono +39 0521 710159 Cellulare +39 339 6720845 E-mail Cittadinanza pamela.vocale@unipr.it

Dettagli

Testi del Syllabus. Testi in italiano. Insegnamento: 02546 - TECNOLOGIA DELL'ARCHITETTURA II. Anno regolamento: 2012 CFU: Anno corso: 4

Testi del Syllabus. Testi in italiano. Insegnamento: 02546 - TECNOLOGIA DELL'ARCHITETTURA II. Anno regolamento: 2012 CFU: Anno corso: 4 Testi del Syllabus Resp. Did. DI SIVO Michele Matricola: 000424 Anno offerta: 2015/2016 Insegnamento: 02546 - TECNOLOGIA DELL'ARCHITETTURA II Corso di studio: 700M - Architettura Anno regolamento: 2012

Dettagli

www.units.it ateneo@pec.units.it

www.units.it ateneo@pec.units.it ULTIMA REVISIONE 16 luglio 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN INGEGNERIA E ARCHITETTURA Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità di iscrizione al concorso di ammissione e tutte

Dettagli

Costruzioni, Ambiente e Territorio

Costruzioni, Ambiente e Territorio Costruzioni, Ambiente e Territorio L indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio del settore tecnologico comprende due articolazioni riferite alle aree più significative del sistema edilizio, urbanistico

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla)

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla) INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 L EQUILIBRIO DEI SOLIDI 2 IL MOVIMENTO: LA VELOCITA 3 IL MOVIMENTO: L ACCELERAZIONE 4 I PRINCIPI DELLA DINAMICA 5 IL LAVORO, LA POTENZA E L ENERGIA 6 LA TEMPERATURA

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE ECONOMICHE Classe LM-56 Insegnamento di Marketing SSD SECS-P/08 9 CFU A.A.

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE ECONOMICHE Classe LM-56 Insegnamento di Marketing SSD SECS-P/08 9 CFU A.A. FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE ECONOMICHE Classe LM-56 Insegnamento di Marketing SSD SECS-P/08 9 CFU A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Mario Risso E-mail: mario.risso@unicusano.it

Dettagli

II Facoltà di Ingegneria

II Facoltà di Ingegneria II Facoltà di Ingegneria La II Facoltà di Ingegneria è una Facoltà giovane come te, in continua evoluzione, dove le nuove idee sono di casa. Ti offre la possibilità di seguire, sin dal primo anno, un percorso

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Indice: Premessa, Borse di studio, Internazionalizzazione 1) Titoli accademici 2) Requisiti di ammissione 3) Periodo

Dettagli

Ridefinizione del Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica

Ridefinizione del Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni Ridefinizione del Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica INTRODUZIONE Il Consiglio di Corso di Studi in

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria Università degli Studi dell Insubria Corso integrato: FISICA E STATISTICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Dott. Raffaele NOVARIO Recapito: raffaele.novario@uninsubria.it Orario ricevimento: Da concordare

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria della Produzione, Termoenergetica e Modelli Matematici

Dipartimento di Ingegneria della Produzione, Termoenergetica e Modelli Matematici Dipartimento di Ingegneria della Produzione, Termoenergetica e Modelli Matematici Il DIPTEM nasce dall unificazione dei preesistenti DIP, DITEC e DIMET. Nella struttura operano docenti che si occupano

Dettagli

f a c o l t à d i INGEGNERIA

f a c o l t à d i INGEGNERIA f a c o l t à d i INGEGNERIA UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 60131 Tel. 071 2204778 INGEGNERIA Per informazioni più approfondite relative alla didattica dei singoli

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2012/2013 CONFORME AL D.M. 270

FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2012/2013 CONFORME AL D.M. 270 4 FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 20/2013 CONFORME AL D.M. 270 Il Consiglio della Facoltà di Ingegneria, nella seduta del 31 maggio 20, ha approvato il seguente Manifesto annuale degli

Dettagli

Prof.ssa Maria Angela Michelini ITP : Salvatore Giorgio

Prof.ssa Maria Angela Michelini ITP : Salvatore Giorgio PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Maria Angela Michelini ITP : Salvatore Giorgio MATERIA Progettazione, Costruzioni e Impianti classe e indirizzo 3A CTT n. ore settimanali:

Dettagli

Costruzioni in Cold Formed Steel Framing, Sistema CONDINO Engineering

Costruzioni in Cold Formed Steel Framing, Sistema CONDINO Engineering Costruzioni in Cold Formed Steel Framing, Sistema CONDINO Engineering Sersale 10/01/2015 Presentazione Ing. Michele CONDINO Responsabile Scientifico CONDINO Engineering Il Sistema costruttivo Cold Formed

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E DATI ANAGRAFICI Nome Indirizzo Pappatico Massimiliano Palazzo Municipale, Piazza Marconi 89016 Rizziconi (RC) Telefono 0966/5889225 C.

Dettagli

Fabio Raciti. Curriculum vitae et studiorum

Fabio Raciti. Curriculum vitae et studiorum Fabio Raciti. Curriculum vitae et studiorum Indice 1. Campi di ricerca 2 2. Titoli di studio, corsi di perfezionamento, borse di studio e posizione professionale 2 3. Attività didattica 3 4. Attività di

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica)

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea Magistrale in Informatica CLASSE LM18 (Informatica) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICA DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA Parte Generale Università Università degli Studi di GENOVA Classe

Dettagli

GENERA Sistema Integrato e GeneraGreenBuilding

GENERA Sistema Integrato e GeneraGreenBuilding INVITO VI ASPETTIAMO AL NOSTRO STAND Siamo presenti alla Fiera internazionale della sostenibilità Padiglione 6 stand 6/b CONVEGNI ed EVENTI sabato 18 maggio 16.00 17.00 Sala 3 (padiglione 6) CONFERENZA

Dettagli

FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea magistrale in Yacht Design Classe LM-34 Ingegneria navale REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale

FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea magistrale in Yacht Design Classe LM-34 Ingegneria navale REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea magistrale in Yacht Design Classe LM-34 Ingegneria navale REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale Art. 1. Premessa e ambito di competenza Il presente Regolamento, in

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Obiettivi formativi specifici Classe LM 33 Ingegneria Meccanica Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I e II Nell ambito

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32 REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Classe 32 Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E` istituito presso l'università degli Studi di

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Valutazione della Didattica A.A.2008-2009 Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Perugia Valutazione della Didattica A.A.2008-2009 Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA CIVILE (Classe 8) ANALISI MATEMATICA 8,0 52 FISICA GENERALE II 7,9 56 IDRAULICA 7,6 71 LEGISLAZIONE OO.PP. E LAVORI 7,6 28 IDROLOGIA E INFRASTRUTTURE IDRAULICHE 7,6 111 DISEGNO CIVILE 7,5 65

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Obiettivo didattico L obiettivo principale del corso di laurea è quello di formare

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Edile Classe di appartenenza: L-23 Scienze e tecniche dell edilizia Building Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO Emanato

Dettagli

FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Navale Classe L-9 Ingegneria industriale REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale

FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Navale Classe L-9 Ingegneria industriale REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Navale Classe L-9 Ingegneria industriale REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale Art. 1. Premessa e ambito di competenza Il presente Regolamento, in conformità

Dettagli

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations Technical Advisory Analysis and Structural investigations Dalla gestione del rischio alla creazione di valore Analysis and Structural investigations Testing, Diagnosi, Analisi Valueconsult svolge un servizio

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari

Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Cagliari Cagliari, 19 giugno 2012 Ordinamento ex DM 509 http://ingegneriacivile.unica.it Seduta n. 227 - Allegato A1 DELIBERE RELATIVE ALLE ISTANZE DEGLI STUDENTI A 1.1 Lo studente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE A.A. 2014/15

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE A.A. 2014/15 FACOLTA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE A.A. 2014/15 SOMMARIO DATI GENERALI... 1 Art. 1 -

Dettagli

Art. 4. Curricula Il corso di laurea in Ingegneria Civile e Ambientale è articolato in unico curriculum.

Art. 4. Curricula Il corso di laurea in Ingegneria Civile e Ambientale è articolato in unico curriculum. FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Civile e Ambientale Classe L-7 Ingegneria civile e ambientale REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale Art. 1. Premessa e ambito di competenza Il presente

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese SSD SECS-P/08 9 CFU A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Mario Risso

Dettagli

Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale

Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale 1 Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale Le novità del DM270 2 Accento sugli aspetti metodologici piuttosto che su quelli professionalizzanti Separazione netta livelli

Dettagli

Progettazione Dei Sistemi Costruttivi (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla

Progettazione Dei Sistemi Costruttivi (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla Progettazione Dei Sistemi Costruttivi (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla TdA 3b STRUTTURA PORTANTE: problematiche funzionali strutture di elevazione elementi continui e puntiformi

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISICA

CORSO DI LAUREA IN FISICA Università degli Studi di Trieste MANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA IN FISICA A.A. 2015-201 Classe L-30 Scienze e Tecnologie Fisiche (D.M. 270/04) INDICE: PREMESSA 1. TITOLI ACCADEMICI 2. PRESENTAZIONE

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I, II e III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli

Dettagli

Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio

Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio Renato Capozucca, Nicola Del Ciotto, Giorgio Zanarini Tecnologia Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio Nell articolo si presentano i risultati di un ricerca sperimentale condotta

Dettagli

Modulo di Idraulica II. Presentazione del Corso

Modulo di Idraulica II. Presentazione del Corso Modulo di Idraulica II Presentazione del Corso Info Insegnamento: Modulo di Idraulica II (Corso integrato di Idraulica Marittima e Idraulica II) Docente titolare: Maria Grazia Badas Qualifica: Ricercatore

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

Il Dottorato di Ricerca in Ingegneria Chimica. Prof. Ing. Giuseppe Maschio Presidente GR.I.C.U. Università degli Studi di Padova

Il Dottorato di Ricerca in Ingegneria Chimica. Prof. Ing. Giuseppe Maschio Presidente GR.I.C.U. Università degli Studi di Padova Il Dottorato di Ricerca in Ingegneria Chimica Prof. Ing. Giuseppe Maschio Presidente GR.I.C.U. Università degli Studi di Padova IL GR.I.C.U. Il Gruppo di Ingegneria Chimica dell Università (GR.I.C.U.)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

CARPI. AUDITORIUM A. LORIA

CARPI. AUDITORIUM A. LORIA CARPI. AUDITORIUM A. LORIA 14 MAGGIO 2015 COSTRUIRE SUL COSTRUITO Consolidamento sismico e recupero energetico nella rigenerazione del patrimonio edilizio CONVEGNO Enti Organizzatori: CONVEGNO DATE GIOVEDI

Dettagli

CORSO DI ACCREDITAMENTO PER SOGGETTI CERTIFICATORI DELLA REGIONE LOMBARDIA Secondo il DGR 5018/07 e DGR 5773/07

CORSO DI ACCREDITAMENTO PER SOGGETTI CERTIFICATORI DELLA REGIONE LOMBARDIA Secondo il DGR 5018/07 e DGR 5773/07 CORSO DI ACCREDITAMENTO PER SOGGETTI CERTIFICATORI DELLA REGIONE LOMBARDIA Secondo il DGR 5018/07 e DGR 5773/07 Organizzato da FAST: Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche In collaborazione

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Engineering Computation Vol. 1 N. 1 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Marzo ITERA S.r.l. è una società di ingegneria che da molti anni opera nel mercato della simulazione numerica. Una delle attività

Dettagli

OPERAZIONE IN.FO - INGEGNERI IN FORMAZIONE PROGRAMMA DIDATTICO

OPERAZIONE IN.FO - INGEGNERI IN FORMAZIONE PROGRAMMA DIDATTICO SFIDE Avviso pubblico di chiamata di operazioni da realizzare con il contributo del 2007-2013 Por Sardegna FSE 2007-2013 Linea d intervento c.2.2 OPERAZIONE IN.FO - INGEGNERI IN FORMAZIONE PROGRAMMA DIDATTICO

Dettagli

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN ``METODOLOGIE E MODELLI PER LA FINANZA QUANTITATIVA Università degli Studi di Milano

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN ``METODOLOGIE E MODELLI PER LA FINANZA QUANTITATIVA Università degli Studi di Milano MASTER DI PRIMO LIVELLO IN ``METODOLOGIE E MODELLI PER LA FINANZA QUANTITATIVA Università degli Partecipano alla realizzazione del master docenti e collaboratori provenienti da: Università degli Università

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI Programma di insegnamento per l anno accademico 2013/2014 Programma dell insegnamento di IDRAULICA E SISTEMAZIONI IDRAULICO-FORESTALI (italiano) Course title: HYDRAULICS AND FORESTRY SOIL PROTECTION (inglese)

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: TERZE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

Qualificazione dei formatori degli installatori di impianti di energia da fonti rinnovabili: Livello 6

Qualificazione dei formatori degli installatori di impianti di energia da fonti rinnovabili: Livello 6 Qualificazione dei formatori degli installatori di impianti di energia da fonti rinnovabili: Livello 6 REQUISITI MINIMI DI ACCESSO E CORSI E LEARNING/VIDEO LEZIONI DISPONIBILI CONOSCENZE CONTENUTI FORMATIVI

Dettagli

Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica

Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica Secondo la Normativa sismica (OPCM) n. 3274 del 20/03/2003 Franco Iacobelli Ecco uno strumento operativo per la progettazione e il calcolo

Dettagli

La Struttura. Schema di scarico di un viadotto con travate semplicemente appoggiate. Schema di scarico di un ponte strallato

La Struttura. Schema di scarico di un viadotto con travate semplicemente appoggiate. Schema di scarico di un ponte strallato La Struttura Obiettivo del Corso è quello di fornire un approccio metodologico per la trattazione analitica dei modelli meccanici della parte resistente della Costruzione. La trattazione è fondata su un

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII F. Aloi Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Napoli Federico II ferdinando.aloi@unina.it

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Dipartimento di Ingegneria Industriale MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO La parola ai software Verona - 9 ottobre 2013 INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Roberto Zecchin

Dettagli

38/S - Classe delle lauree specialistiche in ingegneria per l'ambiente e il territorio

38/S - Classe delle lauree specialistiche in ingegneria per l'ambiente e il territorio Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di CAGLIARI 38/S - Classe delle lauree specialistiche in ingegneria per l'ambiente e il territorio Data del DM di approvazione

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

Curriculum Vitae Scientifico

Curriculum Vitae Scientifico Curriculum Vitae Scientifico Marco Berardi Nome: Marco; cognome: Berardi; data di nascita: 11 settembre 1980; cittadinanza: italiana; stato civile: coniugato; uff.: Ricerche. stanza 60a, I piano, Istituto

Dettagli

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40 INDICE indice Introduzione 7 1. Nozioni di base 9 1.1 Fisica del ponte termico 14 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23 2. Conseguenze dei ponti termici 31 2.1 Inefficienza energetica 31 2.2 Effetti igienico-sanitari

Dettagli

VALIDAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO IS PLINTI

VALIDAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO IS PLINTI VALIDAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO IS PLINTI Sommario PREMESSA 1 1 DATI GENERALI 1 2 BASI TEORICHE E ALGORITMI IMPIEGATI 1 2.1 Verifica a flessione, taglio e punzonamento: 1 2.2 Verifica dei bicchieri:

Dettagli

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Friuli Venezia Giulia

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Friuli Venezia Giulia PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA 2007-2013 PROGETTO SUPPORTO ALLA DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DELLE POLITICHE REGIONALI DI RICERCA E INNOVAZIONE (SMART SPECIALISATION STRATEGY REGIONALI) La produzione

Dettagli

EDILIZIA, ENERGIE RINNOVABILI E ACUSTICA

EDILIZIA, ENERGIE RINNOVABILI E ACUSTICA Occupazione desiderata/settore professionale EDILIZIA, ENERGIE RINNOVABILI E ACUSTICA Esperienza Lavorativa Ente Committente Oggetto dell incarico Privato Anno Compimento 2012-2013 Importo lavori in Prestazione

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015 I temi elencati nel seguito vogliono essere una guida alla preparazione della prova orale dell esame di Fisica Tecnica cosicché gli allievi possano raggiungere una preparazione completa sugli argomenti

Dettagli

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE AUTOMAZIONE INDUSTRIALE 1 Informazioni sul docente Alberto Leva Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano Telefono 02 2399 3410 E-mail Sito web leva@elet.polimi.it www.elet.polimi.it/upload/leva

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE POLITECNICO DI BARI I FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE (CLASSE 4/S) REGOLAMENTO DIDATTICO INDICE 1. Caratteristiche del Corso di Laurea Specialistica 2 2. Obiettivi

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Regolamento didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Civile Classe L-7 - a.a. 2013-2014. TITOLO I Dati generali

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Regolamento didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Civile Classe L-7 - a.a. 2013-2014. TITOLO I Dati generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Civile Classe L-7 - a.a. 2013-2014 TITOLO I Dati generali ARTICOLO 1- Funzioni e struttura del corso di laurea

Dettagli

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia 5 a Conferenza Nazionale GIMBE Dall'Evidence-based Practice alla Clinical Governance Bologna, 5 febbraio 2010 Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea

Dettagli

ROMA 19 OTTOBRE 2010. Parlamentino del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici

ROMA 19 OTTOBRE 2010. Parlamentino del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ROMA 19 OTTOBRE 2010 Parlamentino del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Le strutture miste autoportanti rappresentano una tecnologia costruttiva consolidata nel panorama europeo, ma con ancora enormi

Dettagli

FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Biomedica Classe L-8 Ingegneria dell informazione REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale

FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Biomedica Classe L-8 Ingegneria dell informazione REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Biomedica Classe L-8 Ingegneria dell informazione REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale Art. 1. Premessa e ambito di competenza Il presente Regolamento,

Dettagli