LISTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LISTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE"

Transcript

1 LISTA ARGOMENTI PER PROVA FINALE Corso di laurea (triennale) in Ingegneria Civile- curriculum Metodologico a.a. 2014/15 Dal Regolamento per la prova finale e conferimento del titolo di laurea di primo livello ex D.M. 270/04 approvato dal Consiglio di Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica il 22/10/ Caratteristiche generali della prova finale omissis a) Curriculum metodologico La prova finale per il curriculum metodologico, corrispondente a 3 CFU -(corrispondenti a circa 75 ore di lavoro individuale)-, consiste nella discussione orale di un tema scelto dallo studente all interno di una lista di argomenti predisposta dal Collegio di Area Didattica. La discussione è rivolta anche a valutare la preparazione generale dello studente. La prova è intesa a verificare la maturità scientifica raggiunta dallo studente, in relazione sia alla capacità di affrontare autonomamente una tematica specifica dell'ingegneria, dal reperimento delle fonti bibliografiche alla riproposizione critica dell'argomento trattato, sia alla padronanza dei contenuti formativi appresi nel corso di studio. omissis. 2. Prova finale per il curriculum metodologico 2.1 Scelta dell argomento per la prova finale Lo studente sceglie un argomento di prova finale dalla lista predisposta, con cadenza semestrale, dal Collegio di Area Didattica e resa disponibile sul portale del corso di studio. La lista riporta, per ciascun argomento, l indicazione del docente di riferimento a cui lo studente può rivolgersi per la preparazione della discussione orale.

2 Calcolo numerico Casulli Vincenzo Titolo: Equazioni differenziali a derivate parziali: metodi numerici per equazioni ellittiche Indicazioni per la preparazione: Familiarizzare con metodi numerici per equazioni differenziali a derivate parziali del 2 ordine di tipo ellittico, implementarli e sperimentarli su alcuni esempi significativi. D. Greenpan, V. Casulli: Numerical analysis for applied mathematics, science and engineering Addison Wesley, 1988, Capitolo 6 Casulli Vincenzo Titolo: Equazioni differenziali a derivate parziali: metodi numerici per equazioni paraboliche Indicazioni per la preparazione: Familiarizzare con metodi numerici per equazioni differenziali a derivate parziali del 2 ordine di tipo parabolico, implementarli e sperimentarli su alcuni esempi significativi. D. Greenpan, V. Casulli: Numerical analysis for applied mathematics, science and engineering Addison Wesley, 1988, Capitolo 7 Casulli Vincenzo Titolo: Equazioni differenziali a derivate parziali: metodi numerici per equazioni iperboliche Indicazioni per la preparazione: Familiarizzare con metodi numerici per equazioni differenziali a derivate parziali del 2 ordine di tipo iperbolico, implementarli e sperimentarli su alcuni esempi significativi. D. Greenpan, V. Casulli: Numerical analysis for applied mathematics, science and engineering Addison Wesley, 1988, Capitolo 8

3 Tecnologia dei materiali Claudio Della Volpe Titolo: I materiali per le attività umane: conseguenze energetiche ed ambientali del loro uso Indicazioni per la preparazione: raccogliere dati aggiornati sui limiti delle risorse e/o modellare il loro andamento e le conseguenze cui va incontro la società in rapporto alla limitatezza delle risorse minerali; picchi delle risorse e loro storia, si possono individuare in modo originale i trend di parecchie risorse minerali; effetti di alterazione dei grandi cicli naturali; aiuta a vedere l attività produtttiva umana in un contesto naturale e non solo tecnico-economico (EN) Ugo Bardi, The Limits to Growth Revisited, Springer, 2011, ISBN Ugo Bardi, La Terra svuotata. Il futuro dell'uomo dopo l'esaurimento dei minerali, Editori Riuniti, 2011, p. 295, ISBN (EN) Ugo Bardi, Extracted: How the Quest for Mineral Wealth Is Plundering the Planet, Chelsea Green Publishing, 2014, p. 368, ISBN Claudio Della Volpe Titolo: Le attività sportive: materiali e loro proprietà. Indicazioni per la preparazione : raccogliere in letteratura ma anche in laboratorio informazioni aggiornate sulle caratteristiche strutturali dei materiali usati per attività sportive; sarà occasione per approfondire o riprendere elementi di base della fisica e della chimica delle strutture e dei materiali R. Rosenberg Why is ice slippery? Physics Today, 50, (2005) The stability of bycicle, Physics today 1970 The physics of sailing, Physics today 2008 Di Maggio Rosa Titolo: Calcestruzzo per applicazioni come accumulatore termico Indicazioni per la preparazione: Attività di tipo compilativo a partire da Marzo 2015 Mario Collepardi The new Concrete, NuovoTintoretto, 2010, ISBN, , ed articoli scientifici in inglese reperibili attraverso le banche dati o le riviste del sistema bibliotecario

4 Di Maggio Rosa Titolo: Calcestruzzo fibroriforzato per applicazioni strutturali Indicazioni per la preparazione: Attività di tipo compilativo a partire da Marzo 2015 Mario Collepardi The new Concrete, NuovoTintoretto, 2010, ISBN, , ed articoli scientifici in inglese reperibili attraverso le banche dati o le riviste del sistema bibliotecario Di Maggio Rosa Titolo: Materiali innovativi per l isolamento Indicazioni per la preparazione: Attività di tipo compilativo a partire da Marzo 2015 Articoli scientifici in inglese reperibili attraverso le banche dati o le riviste del sistema bibliotecario Di Maggio Rosa Titolo: Materiali per fotovoltaico Indicazioni per la preparazione: Attività di tipo compilativo a partire da Marzo 2015 articoli scientifici in inglese reperibili attraverso le banche dati o le riviste del sistema bibliotecario Di Maggio Rosa Titolo: Riciclo di trucioli di acciaio all interno del calcestruzzo: studio del comportamento termico, meccanico ed all attacco chimico Indicazioni per la preparazione: Attività di laboratorio a partire da Marzo 2015 Mario Collepardi The new Concrete, NuovoTintoretto, 2010, ISBN, , Wenzhong Zheng, Haiyan Li, Ying Wang Compressive behaviour of hybrid fiber-reinforced reactive powder concrete after high temperature, Materials & Design Volume 41, October 2012, Pages B. Kim, A.J. Boyd, J.Y. Lee Durability performance of fiber-reinforced concrete in severe environments Journal of Composite Materials 2011 vol. 45 no

5 Di Maggio Rosa Titolo: Calcestruzzo per applicazioni come accumulatore termico Indicazioni per la preparazione: Attività di tipo compilativo a partire da Marzo 2015 Mario Collepardi The new Concrete, NuovoTintoretto, 2010, ISBN, , ed articoli scientifici in inglese reperibili attraverso le banche dati o le riviste del sistema bibliotecario Architettura tecnica Rossano Albatici Titolo: 1. Umidità negli elementi edilizi: prevenzione e risanamento 2. Integrazione del sub sistema impiantistico nell organismo edilizio 3. Le coperture di grande luce 4. Il sistema serramento e la correlazione col vano murario 5. Prestazioni in opera degli elementi di finitura dell edificio, interni ed esterni 6. La parete ventilata 7. Le coperture a verde 8. Rapporto fra edificio e terreno: i sistemi di fondazione 9. Elementi prefabbricati per l edilizia 10. La muratura in laterizio Indicazioni per la preparazione: a cura del docente a seguito di colloquio A cura del docente a seguito di colloquio Meccanica razionale Stefano Siboni Titolo: Calcolo delle variazioni e metodi variazionali in meccanica Indicazioni per la preparazione: Sono richieste soltanto le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Carlo Banfi, Meccanica analitica, Milano, Università cattolica del Sacro Cuore. ISU (1997) (disponibile presso la biblioteca di

6 Scienze, collocazione v BAN), A.I. Lurie, Analytical Mechanics, Springer, New York (2002) (disponibile presso la biblioteca di Ingegneria, collocazione MATH MECR 2), materiale fornito dal docente (dispense e note). Stefano Siboni Titolo: Macchine termiche endoreversibili Indicazioni per la preparazione: Sono richieste solo conoscenze di base di analisi matematica, fisica 1 e fisica tecnica (massimi e minimi di funzioni di una o due variabili, primo e secondo principio della termodinamica). Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Articolo classico di F.L. Curzon e B. Ahlborn, Efficiency of a Carnot Engine at Maximum Power Output, American Journal of Physics, Volume 43, (1975) (articolo scaricabile liberamente, siamo abbonati). Dispense, calcoli, esempi illustrativi, materiale vario fornito dal docente. Stefano Siboni Titolo: Formulazione hamiltoniana della meccanica dei sistemi olonomi Indicazioni per la preparazione: Sono richieste soltanto le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Carlo Banfi, Meccanica analitica, Milano, Università cattolica del Sacro Cuore. ISU (1997) (disponibile presso la biblioteca di Scienze, collocazione v BAN), A.I. Lurie, Analytical Mechanics, Springer, New York (2002) (disponibile presso la biblioteca di Ingegneria, collocazione MATH MECR 2), F.E.Udwadia, R.E. Kalaba, D. De Falco, Analytical dynamics: a new approach, SES, Napoli (2009) (disponibile presso la biblioteca di ingegneria, collocazione v1math FIS- 107) Stefano Siboni Titolo: Teoria delle funi ideali (o dei fili) Indicazioni per la preparazione: Sono richieste soltanto le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Dispensa del docente, T. Levi-Civita, U. Amaldi, Lezioni di meccanica razionale, Zanichelli, Bologna (1984) (disponibile presso la biblioteca di ingegneria, collocazione v1fis -49)

7 Stefano Siboni Titolo: Stabilità degli equilibri nei sistemi olonomi Indicazioni per la preparazione: Sono richieste soltanto le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale. Si tratta di approfondimenti di argomenti svolti nel corso di meccanica razionale. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Dispense fornite dal docente. Stefano Siboni Titolo: Descrizione matematica dei processi di diffusione Indicazioni per la preparazione: Sono richieste le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale, nonché nozioni relative alla serie di Fourier. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. J. Crank, The mathematics of diffusion, Clarendon Press, Oxford (1975), disponibile presso la biblioteca di ingegneria, collocazione v1fis-53 (il docente può fornire materiale sulle serie e trasformate di Fourier, in caso) Stefano Siboni Titolo: La fisica degli sport invernali Indicazioni per la preparazione: Sono richieste soltanto le conoscenze di base di analisi matematica 1 e 2, fisica 1 e meccanica razionale. Si richiede inoltre un colloquio con il docente proponente prima di presentarsi all esame di laurea. Articoli e materiale bibliografico fornito dal docente Scienza delle costruzioni Bigoni Davide Dal Corso Francesco Titolo: Prove dinamiche su strutture in scala Indicazioni per la preparazione: Progetto e svolgimento di prove dinamiche su strutture con massa concentrata e con massa distribuita Dynamics of structures: theory and applications to earthquake engineering / Anil K. Chopra. Upper Saddle River, N.J. : Prentice- Hall, 1995.

8 Bigoni Davide Gei Massimiliano Dal Corso Francesco Bigoni Davide Dal Corso Francesco Bigoni Davide Dal Corso Francesco Bigoni Davide Dal Corso Francesco Bigoni Davide Dal Corso Francesco Titolo: Modelli didattici di strutture Indicazioni per la preparazione: Progetto e realizzazione di modelli didattici per i corsi del settore scientifico disciplinare di Scienza delle Costruzioni. Pippard, A.J.S. (1947) The experimental study of structures. Edward Arnold,& Co, London. Titolo: Metodi di calcolo elastico di strutture Indicazioni per la preparazione: Studio di alcuni metodi per l'analisi di strutture in ambito elastico (linee di influenza, metodo di Macaulay, metodi grafici) H. Cross, N.D. Morgan, Continuous frames of reinforced concrete, J. Wiley & Sons, 1932 Titolo: Strutture in grandi spostamenti Indicazioni per la preparazione: Studio della linea elastica nell'ambito di grandi spostamenti per varie condizioni di carico. Soluzioni analitiche ed esperimenti in laboratorio. R. Frisch-Fay, Flexible Bars, Butterworths, London, 1962 Titolo: Analisi di instabilità strutturali Indicazioni per la preparazione: studi teorico/sperimentali sulla meccanica di strutture e sulla stabilità. L.A. Godoy, Theory of elastic stability, Taylor & Francis Titolo: Fotoelasticità Indicazioni per la preparazione: Progetto e svolgimento di indagini fotoelastiche su materiali contenenti inclusioni Frocht, M.M., Photoelasticity. J. Wiley and Sons, London

9 Gei Massimiliano Titolo: Meccanica dei materiali compositi di utilizzo nell'ingegneria civile Indicazioni per la preparazione: partendo dalle basi di Meccanica dei solidi -introdotte nel corso di Scienza delle costruzioni- e di Tecnologia dei materiali, lo studente potrà scegliere uno dei seguenti approfondimenti: a) la formulazione dei più semplici modelli meccanici per predire il comportamento dei materiali compositi di comune utilizzo nell'ingegneria (testo n. 1); b) teoria, sperimentazione, applicazioni a problemi di Ingegneria civile dei materiali compositi (testo n. 2). 1. Comportamento meccanico dei materiali", P. Davoli, A. Bernasconi, M. Filippini, S. Foletti, Mc Graw-Hill, 2005; 2. "Strutture in composito: sperimentazione, teoria e applicazioni", S. Russo, Hoepli, Gei Massimiliano Gei Massimiliano Pugno Nicola Titolo: Statica dei gusci: soluzioni in regime membranale per grandi coperture e cupole Indicazioni per la preparazione: lo studente approfondirà il problema della statica dei gusci a doppia curvatura illustrando le soluzioni relative ai regimi membranali che si instaurano nei casi notevoli di cupole e grandi coperture. O. Belluzzi, Scienza delle costruzioni, vol. III, Zanichelli; A. Zingoni, Shell structures, T. Telford Ed; Altri testi di Plates and Shells presenti in biblioteca. Titolo: Analisi dello stato tensionale di travi parete Indicazioni per la preparazione: si richiede di approfondire il tema della trave parete nell'ambito della teoria dell'elasticità: formulazione dello stato piano di tensione, funzione di Airy, soluzioni di travi parete appoggiate variamente caricate ottenute mediante tecniche numeriche e sperimentali. O. Belluzzi, Scienza delle costruzioni, vol. III, Zanichelli; R. Calzona, C. Cestelli Guidi, Il calcolo del cemento armato, Hoepli. Titolo: Materiali gerarchici bio-ispirati ad elevate prestazioni meccaniche e/o acustiche e/o termiche e/o filtranti e/o rigenerative in medicina, anche self-healing (correlato al progetto ERC StG BIHSNAM on Bio-Inspired hierarchical supernanomaterials ) Indicazioni per la preparazione: Modellazione analitica e/o numerica o Preparazione e/o caratterizzazione sperimentale. S.W. Cranford, A. Tarakanova, N. Pugno, M.J. Buehler, Nonlinear material behaviour of spider silk yields robust webs, NATURE (2012), 482,

10 Pugno Nicola Titolo: Nanocompositi, es. a base grafene, ad elevate prestazioni meccaniche e/o per applicazioni in campo energetico (correlato al progetto Graphene Flagship) Indicazioni per la preparazione: Modellazione analitica e/o numerica o Preparazione e/o caratterizzazione sperimentale. A. Ferrari et al Science and technology roadmap for graphene, related two-dimensional crystals, and hybrid systems. NANOSCALE (2014) [Online]. Pugno Nicola Titolo: Superfici multifunzionali, self-cleaning superidrofobiche o superidrofiliche e/o molto adesive o antiadesive e/o ad alto attrito o a basso attrito (correlato al progetto ERC REPLICA2 on Large-area replication of biological anti-adhesive nanosurfaces ) Indicazioni per la preparazione: Modellazione analitica e/o numerica o Preparazione e/o caratterizzazione sperimentale. J. Zang, Q. Wang, Q. Tu, S. Ryu, N. Pugno, M. Buehler, X. Zhao, Multifunctionality and control of the crumpling and unfolding of large-area graphene, NATURE MATERIALS (2013), 12, Meccanica dei Fluidi Fraccarollo Luigi Titolo: Interazioni fra fluidi in moto e superfici rigide Indicazioni per la preparazione: sviluppo di strato limite, distribuzione di sforzi su superfici di contenimento del moto di fluidi reali ed integrazione di tali sforzi. Analizzare gli effetti che si sviluppano all interno di una struttura statica progettata per contenere il dominio della fase liquida. Marchi-Rubatta, Meccanica dei Fluidi, Utet Fraccarollo Luigi Titolo: L analisi di moto uniforme di fluidi bifasici Indicazioni per la preparazione: l ingegneria Civile spesso tratta fasi della costruzione di un opera che prevedono il convogliamento di flussi di materiale granulare solido asciutto o mescolato con l acqua. Marchi-Rubatta, Meccanica dei Fluidi, Utet

11 Fraccarollo Luigi Titolo: Applicazioni non standard di argomenti del Corso di Meccanica dei Fluidi. Esempio: la propagazione di onde di pressione negli alvei fluviali ed effetti causati su opere idrauliche. Oppure: le tecniche di rilevamento tramite laserscanner di morfologie fluviali Indicazioni per la preparazione: porsi con atteggiamento attento e curioso nei confronti dei processi fisici che si osservano, che interessano e che coinvolgono in vario modo la meccanica dei fluidi nell ambito dell ingegneria Civile, in sinergia con il settore della Geotecnica e della Tecnica delle Costruzioni. Le tematiche saranno indirizzate e rese conformi agli obiettivi formativi dal confronto con il docente. Riviste scientifiche di varia natura (da quelle generaliste a quelle specialistiche, naturalistiche, tecniche, etc). Larcher Michele Larcher Michele Rosatti Giorgio Titolo: Modelli idraulici e misure idrauliche nei canali a superficie libera e nelle condotte in pressione A. Adami: Misure idrauliche nei processi ambientali. L Acqua n. 3/2009, pag Adami: I modelli fisici nell idraulica. Ed. CLEUP, Padova, novembre 1994, pag Çengel, Yunus A., Cimbala J.: Meccanica dei fluidi. Milano McGraw-Hill, c2011 (stampa 2012) 01/01/2011 XXI, 590 p. : ill. ; 27 cm Language: Italian Titolo: Macchine idrauliche: pompe e turbine Çengel, Yunus A., Cimbala J.: Meccanica dei fluidi. Milano McGraw-Hill, c2011 (stampa 2012) 01/01/2011 XXI, 590 p. Dadone A.: Macchine idrauliche. Torino : CLUT, p Ariis D.: Macchine idrauliche. Firenze: Marzocco, 1939, 407 p Calò C, Farinatti F., Venturelli M.: Macchine idrauliche. Bologna : Calderini, 1986, 293 p. Titolo: Moti di fluidi incomprimibili Newtoniani e non: moti a pressione e moti a pelo libero in condizioni stazionarie e/o di moto vario Indicazioni per la preparazione: l approfondimento (di un argomento trattato nel corso di Meccanica dei Fluidi) deve includere aspetti teorici e quantitativi del fenomeno stesso. la bibliografia specifica deve essere concordata con il docente.

12 Fondamenti di infrastrutture viarie Mauro Raffaele Titolo: 1) Le verifiche di coerenza del tracciato stradale (consistency road alignment) 2) Valutazioni funzionali e prestazionali degli incroci a rotatoria (roundabout MOE) 3) Indici per la misura della sicurezza dell esercizio stradale (road safety and user security) Indicazioni per la preparazione: a seguito del colloquio con il docente. 1) T.Esposito, R.Mauro: Fondamenti di infrastrutture viarie, Vol I Hevelius Ed. 2) R.Mauro: Il calcolo delle rotatorie Hevelius Ed. 3) T.Esposito, R.Mauro: Fondamenti di infrastrutture viarie, Vol II Hevelius Ed. Topografia Battista Benciolini Titolo: I sistemi di riferimento in geodesia e in topografia Indicazioni per la preparazione: L'argomento può essere trattato in modi diversi. Dopo un primo ripasso/approfondimento degli aspetti generali, che può essere basato sul materiale standard del corso di topografia, si potrà scegliere una delle articolazioni seguenti: - definizione dei sistemi di riferimento, convenzioni internazionali, realizzazioni fondamentali a cura delle agenzie internazionali, - I sistemi di riferimento nella pratica operativa della topografia, - sistemi di riferimento strettamente locali per rilievi di monitoraggio e controllo, - i sistemi di riferimento italiani in prospettiva storica e l'impatto attuale del susseguirsi nel tempo di scelte diverse. Appunti del docente resi disponibili durante il corso di topografia (per una trattazione basilare degli aspetti generali). Documenti a cura di IERS (International Earth rotation and reference system service) soprattutto IERS Technical Note n.36 e n.37 reperibili via web su seguendo pubblicazioni. Documento a cura di FIG su Reference Frames in Practice Manual reperibile via web su Capitoli specifici nei testi (disponibili in biblioteca): - Geodesy : the concepts / Petr Vanicek, Edward J. Krakiwsky - GPS for geodesy / Alfred Kleusberg, Peter J.G. Teunissen (eds.) - Satellite geodesy / Guenter Seeber

13 Meccanica computazionale delle strutture 1 Springhetti Roberta Titolo: Problemi di instabilità dell equilibrio: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. R.D.Cook, D.S. Malkus, M.E. Plesha, R.J. Witt, Concepts and applications of finite element analysis, Wiley, 1989 S.P. Timoshenko, J.M. Gere, Theory of elastic stability, Dover, 1961 Springhetti Roberta Titolo: Problemi di piastre e gusci: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. R.D.Cook, D.S. Malkus, M.E. Plesha, R.J. Witt, Concepts and applications of finite element analysis, Wiley, 1989 S.P. Timoshenko, S. Woinowsky-Krieger, Theory of plates and shells, Dover, 1959 Springhetti Roberta Titolo: Problemi di dinamica: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. R.D.Cook, D.S. Malkus, M.E. Plesha, R.J. Witt, Concepts and applications of finite element analysis, Wiley, 1989 M. Bonnet, A. Frangi, C. Rey, The finite element method in solid mechanics, McGrawHill, 2014 Springhetti Roberta Titolo: Modellazione di materiali anisotropi: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. P. Pedersen, Elasticity, anisotropy, laminates, DTU, 1998

14 Springhetti Roberta Titolo: Problemi elasto-plastici: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. M. Bonnet, A. Frangi, C. Rey, The finite element method in solid mechanics, McGrawHill, 2014 Springhetti Roberta Titolo: Problemi di trasmissione del calore: approcci analitico e numerico Indicazioni per la preparazione: Si richiede preliminarmente all'allievo di documentarsi, scegliendo l'eventuale il taglio applicativo che intende dare all approfondimento con l'applicazione di codici fem esistenti o lo sviluppo di routines personali. R.D.Cook, D.S. Malkus, M.E. Plesha, R.J. Witt, Concepts and applications of finite element analysis, Wiley, 1989

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788805070800 CAMPOLEONI ALBERTO / CRIPPA LUCA ORIZZONTI / CON NULLA OSTA CEI

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA Allegato 6 - MOTIVI PRINCIPALI PER CUI GLI UTENTI SI RECANO NELLE BIBLIOTECHE, DOCUMENTI MAGGIORMENTE UTILIZZATI, FATTORI RITENUTI DETERMINANTI PER LA QUALITA DELLE BIBLIOTECHE RISPOSTE PER GRUPPI DI UTENTI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

@polimi.it. pratica. dei cicli. Sommario. In questa convogli.

@polimi.it. pratica. dei cicli. Sommario. In questa convogli. U UNA PROCEDURA SEMPLIFICATA PER IL CALCOLOO DEI CEDIMENTI DII RILEVA ATI FERROVIARI Gabriele Della Vecchia, Federico Pisanò, Andrea Galli, Claudio di Prisco Politecnico di Milano gabriele.dellavecchia@

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base

RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base FORMARSI PER NON FERMARSI WEITERBILDUNG FÜR WEITERDENKER RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base Il processo di progettazione

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A U SEI 17,75 No No Mo ITALIANO GRAMMATICA 9788842448839 GINI GIANNI / SINGUAROLI MASSIMILIANO GRAM.COM / EDIZIONE BLU - VOL. UNICO U B.MONDADORI 25,20 No Si No ITALIANO ANTOLOGIE 9788826814865

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi. Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.it) L analisi multicriterio e il processo decisionale L analisi multicriterio

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE Il POLITECNICO di BARI Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura promuove ed organizza IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE (istituito ai sensi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A RELIGIONE 9788810614082 CIONI LUIGI / MASINI PAOLO / PANDOLFI BARBARA PAOLINI LUCA I-RELIGIONE+LIBRO DIGITALE+DVD / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 16,00 Si Si No ITALIANO ANTOLOGIE

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore L art. 32 del D. Lgs. 81/08 disciplina i requisiti per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP. Tali requisiti

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli