Marco Di Giuseppe IPSE. Il Risveglio degli Angeli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marco Di Giuseppe IPSE. Il Risveglio degli Angeli"

Transcript

1

2

3

4 Marco Di Giuseppe IPSE Il Risveglio degli Angeli

5 2013 Gruppo Albatros Il Filo S.r.l., Roma ISBN I edizione gennaio 2013 stampato presso Andersen Spa, Borgomanero (NO) Distribuzione per le librerie PDE s.p.a.

6 IPSE Il Risveglio degli Angeli

7

8 A mia figlia Greta... La fantasia è come le mezze verità. Esiste ma si nasconde dietro parole scontate. Vive, ma solo dentro di noi. Muore, là dove noi stessi le impediamo di mostrarsi. Non vergognarti mai dei tuoi sentimenti, ma usali per diventare sempre più forte. Ti Amo, Papà.

9

10 CAPITOLO 1 Le fusa mattutine, così dolcemente fastidiose di Jebrail, si riflettono nel mal risveglio di Marco, che con movenze lente cerca con la mano accanto a sé la presenza di Valeria. Lenzuola fredde, deve essere già andata al lavoro. Ora mi alzo, sì gattaccio, ora mi alzo. Con fare delicato, afferra il morbido felino bianco, alzandolo con le braccia sopra di lui, guardandosi entrambi per un attimo negli occhi. «Ottimo inizio di ferie forzate! E io che volevo dormire fino a pranzo». Per il terzo anno consecutivo, Marco lavora a contratto determinato presso un noto supermercato nazionale dove allo scadere del sesto mese viene licenziato per poi essere nuovamente assunto dopo circa trenta giorni. Al primo sbadiglio, il gatto anticipa l arrivo in cucina del giovane, il quale mentre percorre il corridoio in ombra, ha un flash di uno strano sogno fatto nella notte. Un casale in pietra, un campo di erba verde e chiara roccia, un ulivo di vaste dimensioni e una porta dove sull uscio vi è una donna con un vestito lungo nero, che all alzarsi del vento, evidenzia le sue forme perfette di un corpo da dea; capelli lunghi mossi di un biondo paglierino, lasciano appena trasparire due occhi sgranati, neri come l oblio più scuro. «Undici e undici». La voce dal suono chiaro si diffonde nell aria, poi niente. «Le undici e undici, questo numero mi perseguita anche nei sogni, amico mio». Mentre si prepara il caffè, Marco guarda Jebrail che a sua volta l osserva con attenzione, quasi in attesa di una risposta. Il suo sguardo, cade automaticamente sull orologio dello stereo che segna le 11:13. Di poco, ma ci giro sempre intorno e sicuramente è come dice Nicolino, inconsciamente sai che quella è l ora e ci guardi apposta, niente di più, fa tutto parte del tuo cervello. Scuotendo la testa, spegne il fornello, si versa il nero caffè nella tazzina e lo sorseggia, guardando il sole che incanta il verde delle piante sul suo terrazzo. L arrivo di un messaggio 9

11 sul telefonino lo riporta alla realtà. Visto, parlo del diavolo e... Fratellino sono in città, ci sei per un aperitivo stasera? Ho bisogno di parlarti. Nicola. Marco, rapido, digita una risposta positiva con i tasti del cellulare, dando al caro amico un appuntamento per le diciannove della sera. «Speriamo che Valeria non debba dire la sua se esco con Nicola, in fondo sono in ferie, un po di svago me lo merito, giusto Jebrail?» dice, rivolgendosi al gatto accarezzando il suo pelo bianco, ma il micio apparentemente infastidito dal gesto gli risponde con un morso al dito e un graffio sul polso. Marco ritrae istintivamente la mano. «Ahi! Ovviamente sei di parte tu eh?!». Mentre le mani bagnate dall acqua fredda del rubinetto passano sul suo viso, Marco osserva la sua immagine nello specchio che mostra un ragazzo di trent anni, dai capelli poco lunghi castani mossi, barba medio lunga e ben curata, due occhi di un verde scuro misto al nocciola dal taglio fino e una pelle chiara. Toccandosi con le mani la folta capigliatura, per un secondo si sofferma sulla parte sinistra della nuca, accarezzando con il dito indice il rilievo di una profonda cicatrice. Sono passati quindici anni da quella notte. La sua memoria torna al 1995, quando una sera, ritornando a casa dopo una pacata festa con gli amici, perse il controllo della sua moto, una Dragstar 650 urtando il guardrail, rotolando più volte sull asfalto; il casco balzò via dalla nuca, solo dopo avere battuto violentemente la testa, sulla barriera di metallo. In seguito restò in coma per due notti, risvegliandosi il terzo giorno. Scuotendo la testa, torna in sé, lasciando quel terribile ricordo sopito in un angolo nascosto della sua memoria. «Jebrail, vado a prendere la nostra regina a lavoro, torniamo subito quindi vedi di non fare troppi danni, eh?» lanciando un ultima occhiata all appartamento, chiude la porta dietro di sé, scendendo in fretta le scale, sale poi sulla sua spider, una Mazda MX5 grigia polvere di luna, con la capote nera. Valeria lavora alla biblioteca comunale della città, laureata e motivata, è professionalmente legata al suo incarico conces- 10

12 sole all interno dello stabile. Nel parcheggio fuori all edificio c è Marco. Mentre lei va incontro all auto, lui la guarda camminare, restando più volte incantato dai suoi lunghi capelli castani, ricci, morbidi, da quei suoi occhi scuri e dolci e da quella amabile sensazione di stare bene con lei. Mai nella sua esistenza aveva fatto scelta più saggia quando aveva deciso che una donna così sarebbe stata la sua compagna di vita. Lei gli sorride, di quel sorriso che quando lo guardi sai che potrebbe migliorare il mondo intorno a te in un istante e dentro di sé pensa: Meno male, è di buon umore. «Ciao amore». «Ciao». «Che avevi questa notte?». «Che avevo? Dormivo». «Parlavi strano, farfugliavi qualcosa, ti muovevi di continuo». «Ho fatto uno strano sogno». «Un incubo da come ti muovevi!». «Un po angoscioso a dire il vero, non me lo ricordo neppure tanto bene, tranne che c era una donna bellissima, la classica che fugge via al risveglio di un bel sogno, ma mai conosciuta, almeno credo. Una cascina o un podere, poi non ricordo». Valeria nota un certo fascino nelle parole di Marco. «È il tuo subconscio che vorrebbe avere una casa in campagna e una bella donna al suo fianco». Marco sorride divertito dalla mansueta frase pungente della sua fidanzata dandole man forte. «Sul casale puoi scommetterci, sempre meglio del condominio di un grande palazzo, della donna credo che mi accontenterò di quella che ho». «Ora ti arrivano due schiaffi». «Buona, che sto guidando. Non intimidire l autista». Sorride divertito sfottendo il suo atteggiamento. Cambiando argomento, Valeria parla del suo lavoro. «Solo questa mattina Giulia, la nuova collega ha catalogato centoundici libri, è in gamba». Marco strizza l occhio, quasi infastidito. «Ancora undici! Sempre questo numeraccio». «Che vuoi dire?». «Te lo dico dopo, niente di che scusa, continua». 11

13 «Ah già, la tua fobia dell undici undici, va beh» replica lei, già a conoscenza dell argomento. A casa, davanti a una tisana calda, Marco racconta ancora una volta a Valeria questa piccola ossessione per il numero undici, della frase del sogno, sino alle insistenti coincidenze che nota nel quotidiano. «Sono tutti fattori simultanei, amore. Vedrai che è come dice Nicola, cerca di pensarci di meno, fidati». «Lo so, è solo che è comunque irritante». Una lunga pausa ricorda a Marco di informare Valeria del suo piccolo programma serale. «Già che mi sono ricordato, alle sette mi trovo con Nicola per un aperitivo: è tornato in città e mi ha mandato un sms, posso?». Con tono infantile, si rivolge alla ragazza. «Sì, scemo ma a cena ci sei?». «Sì il tempo di due chiacchiere confidenziali e poi torno, massimo un oretta» «Che strano» dice lei con aria pensierosa. «Cosa?». «Questa notte, ho sognato proprio te e Nicola che gustavate un vino rosso dentro due calici di vetro ma senza finirli, lasciandoli sul marciapiede anzi a dire il vero, un bicchiere era rotto come se di proposito cadesse sull asfalto» rivela lei, alzando il fine sopracciglio. «Impossibile, un buon vino rosso non si lascia mai, anzi se possibile si onora finendo la bottiglia!» sorride divertito Marco, verso Valeria che scuote il capo rassegnata. Alle sette e trenta di sera il locale all angolo del centro storico, il Bluemoon è affollato di persone. Sono più quelli che restano fuori dal locale, sul marciapiede con il loro aperitivo in mano, simili a tanti manichini in una vetrina di alta moda, che quelli che restano dentro a consumare. Nicola, alto e magro, con capelli castani scompigliati che accennano capricciosi boccoli degni di un discreto fascino, sorseggia il suo rosso Merlot nell oscillare tra la mano un calice di vetro, mentre con i suoi occhioni blu ogni tanto, distoglie lo sguardo dall amico Marco, per guardarsi intorno. Dopo svariate confidenze amichevoli, Nico avvicina le sue labbra all orecchio dell amico, accennando una frase: «Hai già avvertito i segni?». 12

14 Perplesso, Marco nell intendere la frase enigmatica dell amico, si scosta guardandolo negli occhi incuriosito, scoprendo un espressione seria nel suo volto. In un attimo è come se entrambi intendano il sogno, le fissazioni e coincidenze che ultimamente lo hanno infastidito. «Come fai a sapere? Te ne avrei appunto parlato». La frase a singhiozzo di Marco, non ha una coordinazione adeguata, essendo interrotta da un ciao energico di Valeria, seguita da tre sue amiche: Serena, Anna e Federica. «Ciao, ma cosa ci fai qui?». Risponde lui, sorridendo di rimando alle tre graziose ragazze. «Ci siamo sentite con Sere, per un aperitivo fugace; dopo andiamo a cena fuori, ti avrei chiamato al cellulare, ma ti ho visto qui e...» Valeria non fa in tempo a finire la frase, che Nicola la stringe a sé affettuosamente, felice di salutarla. Mezz ora trascorre, tra opinioni, confidenze e pettegolezzi vari della piccola compagnia, quando le donne salutano i due amici, per dare un degno prosieguo alla serata iniziata bene. «Ci vediamo a casa e divertiti» dice Marco, guardando Valeria negli occhi. «E tu non fare tardi» replica lei, allontanandosi serena con le amiche. Appena voltano l angolo del locale, Nicola afferra Marco per il braccio facendogli cadere il bicchiere dalle mani. «Ma che cavolo fai?». «Dobbiamo andare, muoviti!» Nico allunga il passo, precedendo Marco, verso la macchina. Il cambiamento d umore dell amico, il suo passo nervoso, quella sua frase fuori luogo, tutto concorre a preoccupare Marco, che comincia a sentirsi a disagio in questa situazione. Arrivati davanti all auto, Nico fissa l amico negli occhi, incitandolo ad aprire la portiera, ma lui esita: «Tu adesso mi dici che cosa succede, non ti ho mai visto così». «Ti prometto che non appena saliamo in macchina ti dirò tutto, ma ora muoviti!». Nico si guarda intorno con ansia, come se avesse paura di qualcosa che non si vede. D improvviso, lo sguardo irritato di Marco, anche lui suggestionato dal comportamento ambiguo dell amico, cade sul ramo di un 13

15 albero di pino, sopra le loro teste. Nella penombra, forse il gioco della bassa luce che emana il lampione, forse i fari delle macchine che passano a una velocità non consona in città, forse influenzato dalle strane visioni e coincidenze che ultimamente lo hanno colpito, gli pare di vedere tra quei rami una figura, simile a un essere umano, ma con degli occhi bianchi, che a stento si distinguono tra i lembi di un manto scuro nel quale si nasconde e che lo puntano come un felino quando prende di mira la sua preda. «Muoviti!» il tono imperioso della voce di Nicola riporta ordine all istante dove la figura eterea era ormai scomparsa. Saliti in macchina, acceso il motore della Spider, Marco alla guida punta quasi inconsapevolmente su una strada secondaria, lontana dalla città, verso il mare. «Bravo, andiamo alla casa al mare dei miei a Castiglione» commenta Nicola, mentre tiene ripetutamente d occhio lo specchietto retrovisore. «Bravo un cavolo! Mi dici che cosa sta succedendo? E che era quella cosa che ci guardava da sopra l albero?» il tono di voce di Marco è indubbiamente tra lo spaventato e l incredulo, in ogni caso agitato, riesce a sentire il suo cuore che palpita fino alla gola; non è paura ma una specie di cattivo presagio. «Quindi hai visto anche tu una Seguace?». Senza neppure guardarlo negli occhi, Nicola si volta più volte indietro cercando di tenere d occhio la situazione attraverso il lunotto posteriore dell auto. «Una che?» replica innervosito il giovane al volante. «Seguace, una serva delle Streghe evolute; sente il tuo odore da chilometri di distanza, ti fiuta, ti trova, ti prende un po come fa il cane con la volpe, hai presente? Non ti uccide, ma ti porta in fin di vita dal suo padrone». Sorride quasi divertito dal folle esempio. Marco, concentrato sulla guida, continua ad accelerare nervoso, segnando nel contachilometri i 160 all ora. «Credevo che queste menate, sui tarocchi, futuro, morti, fantasmi, diavoli e demoni ce li fossimo lasciati alle spalle nei nostri giochi di bambini tanti anni fa». Con tono ironico, ma allo stesso tempo esasperato, Marco resta concentrato nella guida. «Inconsapevolmente eravamo affascinati dall ignoto e l i- 14

16 gnoto da noi o forse è destino, francamente resto concentrato nel presente, fratellino mio». «Senti, forse quel Merlot era un po troppo pesante e sai, a stomaco vuoto, la suggestione gioca brutti scherzi». Con fare decisamente più calmo, Marco sembra aver riacquistato la ragione; in un attimo si è fatto non so quanti ragionamenti mentali, rendendo sempre più facile ed elementare quella situazione che si era venuta a creare, lasciando che il suo sguardo si distogliesse dall asfalto, per cercare la complicità dell amico, il quale, al contrario di lui, resta immobile a fissare il parabrezza. «Che dire fratellino, se quella è solo fantasia, questa non dovrebbe fargli male». Il vedere Nicola estrarre una pistola dalla tasca interna della giacca e il voltarsi nuovamente con gli occhi sulla strada, in cerca di cosa ha catturato l attenzione dell amico è tutt uno. Sul cofano della macchina, intenta ad aggrapparsi alla forte velocità è nuovamente quella strana figura, questa volta a pochi metri da lui è ancora più facile distinguerla. Nera, simile a un ombra, con capelli lunghi ondulati che, contro vento, lasciano a tratti intravedere quegli occhi gialli sgranati che come ipnotizzati fissano Marco, il quale per più di una volta perde il controllo della macchina costretto a diminuire la velocità. «Che vuoi fare con quella cosa? Nico, aspetta che mi ferm...». «Non rallentare e non fermarti assolutamente! Ci penso io, tu continua ad andare, lei vede solo te, non sa che io sono qui quindi tienila occupata!» il tono autoritario di Nicola infastidisce Marco; conosce il suo amico da tanto di quel tempo che mai si sarebbe rivolto a lui in quel modo; tante sarebbero le cose da dirgli, ma preferisce seguire quel suggerimento folle, concentrando il suo sguardo in quello della Seguace e spingendo ancora di più il piede sull acceleratore, toccando così circa centonovanta chilometri orari. Aperto il finestrino, Nicola, puntando le gambe saldamente al sedile della macchina e arrotolandosi più volte la cintura di sicurezza al braccio sinistro, si sporge con mezzo busto fuori dall abitacolo, preparandosi a sparare contro quella terrificante figura. In un istante tutto l interno del veicolo è pervaso da un vento gelido proveniente da fuori a causa dell eccessiva velocità. 15

17 La Seguace non degna di nessuna attenzione Nicola, ma è ben concentrata ad arrampicarsi sul cofano della macchina, raschiando la carrozzeria con le sue unghie affilate. Ora la bocca dell essere si apre, lentamente sino a spalancarsi, quasi come se la mandibola fosse sul punto di spaccarsi, lasciando ben vedere denti bianchissimi e una lingua rossastra. Questo orrendo spettacolo fa tanto rabbrividire Marco, che per spontanea reazione, distoglie lo sguardo da quella visione, spezzando tra i due, quella sorte di linea immaginaria che li attrae, lasciando in questo modo la possibilità alla Seguace di spostare la sua attenzione su Nicola. «Maledizione!» non ha molto tempo a sua disposizione e quella situazione certamente non lo facilita nel prendere una giusta mira, ma spara ugualmente due colpi; il primo colpisce di striscio la guancia sinistra del mostro, il secondo va decisamente a vuoto, visto che la scomparsa della seguace anticipa il grilletto della nera Walther 22 target di Nicola che rientra immediatamente nell abitacolo dell auto, innervosito e deluso per la mancata opportunità di eliminare la Seguace. Marco scuote più volte la testa, quasi come a richiamare a sé la situazione degenerata in un attimo, poi guarda dallo specchietto retrovisore per assicurarsi che per la strada non ci sia il corpo di quella cosa. «Cosa vuole da me quella cosa? L hai uccisa sì? Dimmi che l hai fatta fuori non la vedo per strada e poi che cavolo ci fai con una pistola!». Le domande frettolose sono più veloci del concepire cosa è appena successo. «No non è morta. Sì, vuole te. Ho una pistola per proteggermi da cose come quella, o meglio i proiettili sono intrisi di una sostanza che ha maggior effetto delle convenzionali pallottole. Il sale brucia nelle carni dei servitori del male, sicuramente la sua mandante avrà un segno lungo la guancia». Sorride divertito, quasi come un premio di consolazione per quello che ha appena fatto, mentre è intento a riporre la pistola all interno della giacca. «Quindi tornerà a cercarmi quella cosa?» protesta Marco, ancora scosso dalla figura della Seguace. «In questo momento è l ultimo dei tuoi problemi, rallenta o ci costerà cara questa gita a Castiglione». Il lampeggiare di 16

18 una volante in lontananza riporta Marco a moderare in modo palese la velocità della macchina. «Spera che non ci fermino, con quell affare che ti porti dietro come minimo ci arrestano, minimo!» quasi con tono sprezzante, si rivolge all amico, dimenticando che quell arma gli ha appena salvato la vita. La casa di Nicola è una grande villa situata lungo il margine della collina che sovrasta il piccolo paese marittimo di Castiglione Della Pescaia. Giunti all interno delle quattro mura, Marco si stende sul divano, rendendosi conto solo ora che le ginocchia gli tremano inconsapevolmente, portandosi le mani a coprire il viso. «È tanto che non ci vediamo, prendiamoci un aperitivo, devo parlarti di tante cose, ciao come stai, ti vedo bene, andiamo a cena fuori; così doveva andare, semplicemente così!» quasi come una sorta di mantra, Marco ripete a tono basso queste cose. «E meno male che la pattuglia dei carabinieri non ci ha fermato!» continua scuotendo il capo. Nicola gli si siede accanto, sprofondando sul morbido divano di pelle scuro, togliendosi la pistola e i due caricatori dalla giacca e posandoli sul tavolino da fumo in noce davanti a lui. «Togli quella cosa». Sbirciando con l occhio oltre la fessura delle dita, il giovane fissa la Walther. «Vuoi bere qualcosa, un whisky, rum, vino?». Il tono di voce di Nico è molto comprensivo e amichevole, sa che per l amico l ultima ora è stata come una specie di incubo, un film. «Non voglio niente da bere, voglio solo sapere cosa sta succedendo, anzi prima voglio chiamare Valeria per sentire come sta». Il suo movimento della mano, che estrae il telefonino, viene anticipato dalla mano di Nicola, il quale, con molta calma, gli suggerisce di non farlo. «Lei sta bene, Marco, stanno tutti bene, dovresti pensare un po più a te stesso, mentre tu vivevi quell incubo, lei era seduta a un tavolo di una pizzeria, a scherzare con le sue amiche e altre cose di donne, rilassati e ascoltami». La voce di Nicola rassicura l animo di Marco, non è la prima volta che in lui trova serenità e sicurezza. Appoggia il cellulare sul tavolino, accanto alla pistola, annuendo. Meglio tenerla fuori da tutto questo pensa tra sé. Sospira 17

19 socchiudendo appena gli occhi, cercando di ricomporre la sua agitazione in concentrazione. Sa che qualcosa sta cambiando, che qualcuno è cambiato, ma la sua paura più grande è che lui stesso stia cambiando per quanto questa teoria non combacia affatto con il suo modo di credere alle cose, per lui nessuna cosa, persona, sentimento può cambiare, ma solo peggiorare o migliorare, la parola cambiare è quasi tabù per lui. «Va bene Nico sono pronto, raccontami tutto». «Prima che tu mi travolga da milioni di domande, ed è lecito per te farlo, proverò a riassumerti parte della situazione: da tempo esistono le streghe, al servizio del male o devote al bene. Ognuna ha fatto la sua scelta, con conseguenze piacevoli o spiacevoli. Purtroppo il potere, la fama, la sete dell occulto, la voglia di andare avanti, per alcune anche oltre, hanno spinto queste disperate a mettersi contro il volere di Dio. Attenzione, ci sono stati cacciatori di streghe colpevoli quanto loro nell uccidere, torturare donne innocenti solo per il semplice gusto di farlo, sentendosi vergognosamente uomini, risvegliando in essi il male sopito nel loro animo e agevolandone la diffusione nell umanità. Non starò a farti una lezione di storia, che può servire a confonderti le idee è giusto che una volta che avrai appreso la questione, sia tu in prima persona a documentarti per semplice curiosità o per cultura personale». Una chiamata al telefono di casa interrompe le parole di Nicola, il quale risponde senza dire nient altro che una frase: «Ho capito, ti aspettiamo, la notte è lunga ma i tempi corti». Fa, poi, una lunga pausa nell agganciare la cornetta. «Chi era?» domanda Marco, incuriosito. «Tra poco lo vedrai, fammi finire prima, dicevamo». Nicola torna in piedi davanti a Marco, camminando di tanto in tanto in circolo e continuando il suo interessante discorso. «Le streghe si sono evolute, con esse anche il male. Noi siamo parte di un glorioso ordine, fratellino mio. I sogni che tu hai, le visioni, sono messaggi che ti portano a capire, quindi dovrai essere molto aperto di mente, in quanto possiedi il dono della vista spirituale, sin da quando ci siamo incontrati sentivamo qualcosa di speciale fluire nel nostro sangue e nel nostro essere. I sogni che facevamo, la nostra curiosità verso l ignoto e non 18

20 averne paura, anzi l esserne affascinati, il fatto che il fato più volte ti abbia messo a disposizione l opportunità di capire, di comprendere, incontrando persone che come te, credevano a queste coincidenze». Marco si alza di scatto, infastidito da tutto quello che l amico gli sta rivelando. «Adesso parlo io, hai detto anche troppo. Ma ti rendi conto di ciò che dici? Cacciatori di streghe, il male, giochi del fato, era più credibile se mi dicevi che quella cosa di prima...». «Seguace» lo interrompe Nico, correggendolo. «Seguace sì, insomma, che fosse una sorta di fantasma incazzato uscito fuori da chissà quale pozzo, ecco forse ti avrei preso più sul serio, ma questa cosa dei cacciatori, tu con una pistola, tu Nicola che fino a ieri scrivevi poesie maneggiando una penna e non un arma di quelle dimensioni!». L amico si avvicina a lui, portando la sua mano dietro la propria nuca, catturando l attenzione dei suoi occhi. «Calmati, comprendo la tua reazione, io ho fatto anche peggio, tu sei fin troppo razionale, ti chiedo solo di sfruttare questa tua particolarità d essere sempre stato un ottimista calcolatore, pregandoti di ascoltare il resto, ti prego, fratellino». Ancora una volta le sue parole, convincono Marco ad annuire per sentire il resto della storia. «A Roma, presso l università ho conosciuto il dott. Massimo Civetta. Lui faceva parte di non so quale confraternita religiosa; possedeva documenti di massima riservatezza. In principio iniziò tutto con una semplice simpatia reciproca e stima, ma approfondendo il nostro rapporto, mi svelò dei segreti inerenti alla mia vita, lasciandomi ogni margine di scelta, poiché è qualcosa che senti dentro di te Marco, un richiamo, un risveglio, insomma fa parte del nostro DNA scientificamente parlando. Andando oltre le mie ricerche, passando oltre quel muro di follia, tutto è diventato più chiaro». Spostandosi il ciuffo dei folti capelli lungo la tempia, Nicola mostra a Marco un piccolo cerchio non più grande di un unghia, a prima vista una sorta di lieve voglia sulla pelle, ma se visto da più vicino e con maggiore attenzione, la figura prende una forma più nitida: il cerchio è formato da piccoli puntini, che racchiudono una specie di stella a sei punte, al 19

21 suo interno, praticamente illeggibili a occhio nudo, una specie di venature, simili a lettere incomprensibili, all interno della stella sembra essere una chiave. «Non ricordo che tu abbia mai avuto questa macchia». Stupito, il giovane commenta il segno. «Infatti non l ho mai avuta, è apparsa solo sei mesi fa, quando ho appreso la verità. Civetta, fotografando la figura e passata al computer, risalì al sigillo dell angelo Mikael. Tu stesso hai sempre creduto agli angeli, giusto?». Marco si scosta da lui, annuendo, sempre più confuso da quello che ha visto. «Anche tu sei come me, fratellino, non avere paura, accettalo e basta». Le parole di Nicola sono persuasive e convincenti, ma qualcosa in Marco frena questo suo entusiasmo; la ragione forse è che gli anni sono passati e sinceramente ne ha viste e passate tante, di problemi reali di vita, prima di tornare a credere come un bambino nell esistenza di angeli e streghe. «Perdonami Nico, ma sono veramente confuso, quella cosa lì» indicando con un gesto affrettato il sigillo sulla tempia dell amico «potrebbe essere benissimo una macchia cutanea che si è scurita leggermente con il tempo e poi andiamo, prima mi parli di streghe e ora mi giri l argomento sugli angeli, avanti, ti paragoni a un angelo adesso, sembriamo angeli noi?». «Con il tempo capirai e troverai la tua strada, in ogni modo siamo dei sopravvissuti, altrimenti spiegami come hai fatto a salvarti da quell incidente mortale quindici anni fa? Tu eri morto, fratellino, per qualche minuto il tuo cuore e il tuo cervello hanno smesso di funzionare, al tuo risveglio in ospedale, hai appreso d essere stato in coma per due notti». Le parole dell amico rimbombano nell animo di Marco come un tuono, preceduto da un lampo. Scuote la testa, sorridendo appena. «Hai ragione, ma al mio risveglio non ho avuto simboli o sigilli sulla mia pelle, ma una cicatrice sulla testa indelebile e forti emicranie che ancora oggi mi tormentano». «E per quanto riguarda il coma? Sei sparito con la mente per due notti, fratellino, ma quello che più ti ha segnato sono stati quei pochi minuti, dove eri morto, lo capisci?» il tono di Nicola è sicuro e al contempo severo, ancora una volta Marco è infastidito da un argomento che appartiene solo a lui. 20

22 Come può la gente pensare di sapere quello che lui stesso aveva passato? Le sue paure, l angoscia, l impossibilità di reagire, la sofferenza che aveva recato involontariamente ai suoi cari, il perché lui si era salvato e altri ancora, per qualcosa di meno grave di un incidente stradale, erano morti. «Sai una cosa, non mi ricordo niente di quella storia, tutti ti parlano di una luce, ma sono solo cazzate. Io ricordo solo il buio e basta, ma prima ancora dell oscurità ricordo lo schianto, le lamiere della moto sfregare sull asfalto, metà del mio viso a mollo in una pozza di sangue e io consapevole del disastro, ho dato un ultimo respiro e poi niente, ecco tutte le tue teorie». Con fare nervoso, si alza di scatto dal divano, si reca in cucina, apre il frigo e afferra una bottiglietta d acqua. Nicola gli va incontro, restando sull uscio. «Ti sei calmato?». «E tu?» risponde Marco, bevendo un paio di sorsi d acqua. Un sospiro liberatorio calma il giovane, il quale fa mente locale, generalizzando il tutto. «Senti Nico, io ti ringrazio, non so cosa hai fatto a quella cosa, ma l hai cacciata via. Per quanto riguarda il resto, io non me la sento di andare a caccia di streghe o diventare una specie di paladino della giustizia» chiude il frigo con fare garbato, voltandosi verso l amico, assumendo un espressione innocente e smarrita. «Avanti, siamo grandi per queste cose, insomma dieci anni fa mi sarei sentito fico, parliamoci chiaro, mostri, demoni, streghe, il male e noi lì a combatterli, ma la realtà è ben altra» gli passa accanto, tornando nella sala. «Spero che finalmente mi facciano un contratto a tempo indeterminato a lavoro, amo Valeria e voglio che questa nostra relazione vada avanti ancora per molto, diventare padre, vendere la mia Spider e guidare una Berlina, andare nei giorni di festa dai suoceri, litigare con la moglie e farci l amore, accompagnare i miei figli a scuola e vederli crescere, insomma non credo d essere tanto lontano da questa realtà giusto?» affacciandosi alla finestra vede lungo il sentiero che porta alla casa, dei fari di una macchina. «Tutto questo è molto bello e non è detto che tu non lo faccia, se ci credi puoi riuscirci. Condivido con te tutto quello che hai detto ma anche quello che è successo stasera non puoi sottovalutarlo è la realtà e purtroppo si è intromessa nella tua 21

23 vita; non so dirti se sia stato tutto scritto, faccia parte del nostro destino o che semplicemente sei la persona giusta nel contesto sbagliato, posso solo ribadirti di valutare i fatti che, dopo quello che hai vissuto e appreso, parlano da sé» Nicola posa ancora una volta la mano sulla spalla di Marco, quasi come a volerlo rassicurare. «È arrivata una macchina» il giovane si volta, guardando da prima l amico, che ritrae la mano, per poi soffermare il suo sguardo sulla porta d ingresso. Il rumore di una chiave che gira risuona nel silenzio della stanza. Allo spalancarsi della porta, Marco resta sorpreso, quando davanti ai suoi occhi appare una cara persona che non vede da anni. Anche lei, per un attimo, resta interdetta, ma smorza il tutto sbattendo la porta alle sue spalle. Nicola, per nulla sorpreso, le fa segno di sedersi sul divano. La ragazza, sulla trentina, media statura, occhi celesti, capelli biondi lunghi ondulati, pelle chiara e guance rosee ha con sé un grande libro, rilegato in pelle. A prima vista pare vecchio di qualche centinaio d anni. «Ciao a tutti, passata una buona serata?» come suo solito fare, per nascondere l imbarazzo o il nervoso, Francesca sorride ai due amici, sedendosi sul divano e poggiando sulle sue ginocchia il voluminoso libro. Per anni i tre amici erano stati legati da una forte amicizia nel periodo dell adolescenza, poi come spesso accade, il lavoro, le amicizie differenti, gli interessi diversi, gli amori avevano diviso fisicamente la piccola compagnia, ma non mentalmente, infatti, spesso nel corso degli anni ognuno aveva pensato inconsciamente agli altri. Marco si era chiesto più di una volta che fine aveva fatto Francesca: se era felice e con chi, quale terra la reggesse. Per lei aveva sempre avuto una sorta di protezione, come la si può avere per una sorella, del resto la stessa attenzione l aveva più volte dimostrata anche nei confronti di Nicola. Anche se solo per un breve momento è felice di rivedere davanti a sé i due suoi più cari amici d infanzia. «Lo ha trovato vero? Siete riusciti a ucciderla? Avete almeno capito a chi appartiene la Seguace?» le parole della ragazza spezzano quel momento magico, mentre con fare frettoloso, lei sfoglia le pagine di quell assurdo libro gigante. 22

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

E-Book Va tutto bene così com è!

E-Book Va tutto bene così com è! E-Book Va tutto bene così com è! di Eleonora Brugger Va tutto bene così com è! Da molti anni ormai sono impegnata nell ambito della dottrina cosmica dove ho avuto la possibilità di intravedere e scoprire

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo 1 EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo degli Assassini, avvicinarsi a lui e stringergli il braccio.

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli