Marco Di Giuseppe IPSE. Il Risveglio degli Angeli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marco Di Giuseppe IPSE. Il Risveglio degli Angeli"

Transcript

1

2

3

4 Marco Di Giuseppe IPSE Il Risveglio degli Angeli

5 2013 Gruppo Albatros Il Filo S.r.l., Roma ISBN I edizione gennaio 2013 stampato presso Andersen Spa, Borgomanero (NO) Distribuzione per le librerie PDE s.p.a.

6 IPSE Il Risveglio degli Angeli

7

8 A mia figlia Greta... La fantasia è come le mezze verità. Esiste ma si nasconde dietro parole scontate. Vive, ma solo dentro di noi. Muore, là dove noi stessi le impediamo di mostrarsi. Non vergognarti mai dei tuoi sentimenti, ma usali per diventare sempre più forte. Ti Amo, Papà.

9

10 CAPITOLO 1 Le fusa mattutine, così dolcemente fastidiose di Jebrail, si riflettono nel mal risveglio di Marco, che con movenze lente cerca con la mano accanto a sé la presenza di Valeria. Lenzuola fredde, deve essere già andata al lavoro. Ora mi alzo, sì gattaccio, ora mi alzo. Con fare delicato, afferra il morbido felino bianco, alzandolo con le braccia sopra di lui, guardandosi entrambi per un attimo negli occhi. «Ottimo inizio di ferie forzate! E io che volevo dormire fino a pranzo». Per il terzo anno consecutivo, Marco lavora a contratto determinato presso un noto supermercato nazionale dove allo scadere del sesto mese viene licenziato per poi essere nuovamente assunto dopo circa trenta giorni. Al primo sbadiglio, il gatto anticipa l arrivo in cucina del giovane, il quale mentre percorre il corridoio in ombra, ha un flash di uno strano sogno fatto nella notte. Un casale in pietra, un campo di erba verde e chiara roccia, un ulivo di vaste dimensioni e una porta dove sull uscio vi è una donna con un vestito lungo nero, che all alzarsi del vento, evidenzia le sue forme perfette di un corpo da dea; capelli lunghi mossi di un biondo paglierino, lasciano appena trasparire due occhi sgranati, neri come l oblio più scuro. «Undici e undici». La voce dal suono chiaro si diffonde nell aria, poi niente. «Le undici e undici, questo numero mi perseguita anche nei sogni, amico mio». Mentre si prepara il caffè, Marco guarda Jebrail che a sua volta l osserva con attenzione, quasi in attesa di una risposta. Il suo sguardo, cade automaticamente sull orologio dello stereo che segna le 11:13. Di poco, ma ci giro sempre intorno e sicuramente è come dice Nicolino, inconsciamente sai che quella è l ora e ci guardi apposta, niente di più, fa tutto parte del tuo cervello. Scuotendo la testa, spegne il fornello, si versa il nero caffè nella tazzina e lo sorseggia, guardando il sole che incanta il verde delle piante sul suo terrazzo. L arrivo di un messaggio 9

11 sul telefonino lo riporta alla realtà. Visto, parlo del diavolo e... Fratellino sono in città, ci sei per un aperitivo stasera? Ho bisogno di parlarti. Nicola. Marco, rapido, digita una risposta positiva con i tasti del cellulare, dando al caro amico un appuntamento per le diciannove della sera. «Speriamo che Valeria non debba dire la sua se esco con Nicola, in fondo sono in ferie, un po di svago me lo merito, giusto Jebrail?» dice, rivolgendosi al gatto accarezzando il suo pelo bianco, ma il micio apparentemente infastidito dal gesto gli risponde con un morso al dito e un graffio sul polso. Marco ritrae istintivamente la mano. «Ahi! Ovviamente sei di parte tu eh?!». Mentre le mani bagnate dall acqua fredda del rubinetto passano sul suo viso, Marco osserva la sua immagine nello specchio che mostra un ragazzo di trent anni, dai capelli poco lunghi castani mossi, barba medio lunga e ben curata, due occhi di un verde scuro misto al nocciola dal taglio fino e una pelle chiara. Toccandosi con le mani la folta capigliatura, per un secondo si sofferma sulla parte sinistra della nuca, accarezzando con il dito indice il rilievo di una profonda cicatrice. Sono passati quindici anni da quella notte. La sua memoria torna al 1995, quando una sera, ritornando a casa dopo una pacata festa con gli amici, perse il controllo della sua moto, una Dragstar 650 urtando il guardrail, rotolando più volte sull asfalto; il casco balzò via dalla nuca, solo dopo avere battuto violentemente la testa, sulla barriera di metallo. In seguito restò in coma per due notti, risvegliandosi il terzo giorno. Scuotendo la testa, torna in sé, lasciando quel terribile ricordo sopito in un angolo nascosto della sua memoria. «Jebrail, vado a prendere la nostra regina a lavoro, torniamo subito quindi vedi di non fare troppi danni, eh?» lanciando un ultima occhiata all appartamento, chiude la porta dietro di sé, scendendo in fretta le scale, sale poi sulla sua spider, una Mazda MX5 grigia polvere di luna, con la capote nera. Valeria lavora alla biblioteca comunale della città, laureata e motivata, è professionalmente legata al suo incarico conces- 10

12 sole all interno dello stabile. Nel parcheggio fuori all edificio c è Marco. Mentre lei va incontro all auto, lui la guarda camminare, restando più volte incantato dai suoi lunghi capelli castani, ricci, morbidi, da quei suoi occhi scuri e dolci e da quella amabile sensazione di stare bene con lei. Mai nella sua esistenza aveva fatto scelta più saggia quando aveva deciso che una donna così sarebbe stata la sua compagna di vita. Lei gli sorride, di quel sorriso che quando lo guardi sai che potrebbe migliorare il mondo intorno a te in un istante e dentro di sé pensa: Meno male, è di buon umore. «Ciao amore». «Ciao». «Che avevi questa notte?». «Che avevo? Dormivo». «Parlavi strano, farfugliavi qualcosa, ti muovevi di continuo». «Ho fatto uno strano sogno». «Un incubo da come ti muovevi!». «Un po angoscioso a dire il vero, non me lo ricordo neppure tanto bene, tranne che c era una donna bellissima, la classica che fugge via al risveglio di un bel sogno, ma mai conosciuta, almeno credo. Una cascina o un podere, poi non ricordo». Valeria nota un certo fascino nelle parole di Marco. «È il tuo subconscio che vorrebbe avere una casa in campagna e una bella donna al suo fianco». Marco sorride divertito dalla mansueta frase pungente della sua fidanzata dandole man forte. «Sul casale puoi scommetterci, sempre meglio del condominio di un grande palazzo, della donna credo che mi accontenterò di quella che ho». «Ora ti arrivano due schiaffi». «Buona, che sto guidando. Non intimidire l autista». Sorride divertito sfottendo il suo atteggiamento. Cambiando argomento, Valeria parla del suo lavoro. «Solo questa mattina Giulia, la nuova collega ha catalogato centoundici libri, è in gamba». Marco strizza l occhio, quasi infastidito. «Ancora undici! Sempre questo numeraccio». «Che vuoi dire?». «Te lo dico dopo, niente di che scusa, continua». 11

13 «Ah già, la tua fobia dell undici undici, va beh» replica lei, già a conoscenza dell argomento. A casa, davanti a una tisana calda, Marco racconta ancora una volta a Valeria questa piccola ossessione per il numero undici, della frase del sogno, sino alle insistenti coincidenze che nota nel quotidiano. «Sono tutti fattori simultanei, amore. Vedrai che è come dice Nicola, cerca di pensarci di meno, fidati». «Lo so, è solo che è comunque irritante». Una lunga pausa ricorda a Marco di informare Valeria del suo piccolo programma serale. «Già che mi sono ricordato, alle sette mi trovo con Nicola per un aperitivo: è tornato in città e mi ha mandato un sms, posso?». Con tono infantile, si rivolge alla ragazza. «Sì, scemo ma a cena ci sei?». «Sì il tempo di due chiacchiere confidenziali e poi torno, massimo un oretta» «Che strano» dice lei con aria pensierosa. «Cosa?». «Questa notte, ho sognato proprio te e Nicola che gustavate un vino rosso dentro due calici di vetro ma senza finirli, lasciandoli sul marciapiede anzi a dire il vero, un bicchiere era rotto come se di proposito cadesse sull asfalto» rivela lei, alzando il fine sopracciglio. «Impossibile, un buon vino rosso non si lascia mai, anzi se possibile si onora finendo la bottiglia!» sorride divertito Marco, verso Valeria che scuote il capo rassegnata. Alle sette e trenta di sera il locale all angolo del centro storico, il Bluemoon è affollato di persone. Sono più quelli che restano fuori dal locale, sul marciapiede con il loro aperitivo in mano, simili a tanti manichini in una vetrina di alta moda, che quelli che restano dentro a consumare. Nicola, alto e magro, con capelli castani scompigliati che accennano capricciosi boccoli degni di un discreto fascino, sorseggia il suo rosso Merlot nell oscillare tra la mano un calice di vetro, mentre con i suoi occhioni blu ogni tanto, distoglie lo sguardo dall amico Marco, per guardarsi intorno. Dopo svariate confidenze amichevoli, Nico avvicina le sue labbra all orecchio dell amico, accennando una frase: «Hai già avvertito i segni?». 12

14 Perplesso, Marco nell intendere la frase enigmatica dell amico, si scosta guardandolo negli occhi incuriosito, scoprendo un espressione seria nel suo volto. In un attimo è come se entrambi intendano il sogno, le fissazioni e coincidenze che ultimamente lo hanno infastidito. «Come fai a sapere? Te ne avrei appunto parlato». La frase a singhiozzo di Marco, non ha una coordinazione adeguata, essendo interrotta da un ciao energico di Valeria, seguita da tre sue amiche: Serena, Anna e Federica. «Ciao, ma cosa ci fai qui?». Risponde lui, sorridendo di rimando alle tre graziose ragazze. «Ci siamo sentite con Sere, per un aperitivo fugace; dopo andiamo a cena fuori, ti avrei chiamato al cellulare, ma ti ho visto qui e...» Valeria non fa in tempo a finire la frase, che Nicola la stringe a sé affettuosamente, felice di salutarla. Mezz ora trascorre, tra opinioni, confidenze e pettegolezzi vari della piccola compagnia, quando le donne salutano i due amici, per dare un degno prosieguo alla serata iniziata bene. «Ci vediamo a casa e divertiti» dice Marco, guardando Valeria negli occhi. «E tu non fare tardi» replica lei, allontanandosi serena con le amiche. Appena voltano l angolo del locale, Nicola afferra Marco per il braccio facendogli cadere il bicchiere dalle mani. «Ma che cavolo fai?». «Dobbiamo andare, muoviti!» Nico allunga il passo, precedendo Marco, verso la macchina. Il cambiamento d umore dell amico, il suo passo nervoso, quella sua frase fuori luogo, tutto concorre a preoccupare Marco, che comincia a sentirsi a disagio in questa situazione. Arrivati davanti all auto, Nico fissa l amico negli occhi, incitandolo ad aprire la portiera, ma lui esita: «Tu adesso mi dici che cosa succede, non ti ho mai visto così». «Ti prometto che non appena saliamo in macchina ti dirò tutto, ma ora muoviti!». Nico si guarda intorno con ansia, come se avesse paura di qualcosa che non si vede. D improvviso, lo sguardo irritato di Marco, anche lui suggestionato dal comportamento ambiguo dell amico, cade sul ramo di un 13

15 albero di pino, sopra le loro teste. Nella penombra, forse il gioco della bassa luce che emana il lampione, forse i fari delle macchine che passano a una velocità non consona in città, forse influenzato dalle strane visioni e coincidenze che ultimamente lo hanno colpito, gli pare di vedere tra quei rami una figura, simile a un essere umano, ma con degli occhi bianchi, che a stento si distinguono tra i lembi di un manto scuro nel quale si nasconde e che lo puntano come un felino quando prende di mira la sua preda. «Muoviti!» il tono imperioso della voce di Nicola riporta ordine all istante dove la figura eterea era ormai scomparsa. Saliti in macchina, acceso il motore della Spider, Marco alla guida punta quasi inconsapevolmente su una strada secondaria, lontana dalla città, verso il mare. «Bravo, andiamo alla casa al mare dei miei a Castiglione» commenta Nicola, mentre tiene ripetutamente d occhio lo specchietto retrovisore. «Bravo un cavolo! Mi dici che cosa sta succedendo? E che era quella cosa che ci guardava da sopra l albero?» il tono di voce di Marco è indubbiamente tra lo spaventato e l incredulo, in ogni caso agitato, riesce a sentire il suo cuore che palpita fino alla gola; non è paura ma una specie di cattivo presagio. «Quindi hai visto anche tu una Seguace?». Senza neppure guardarlo negli occhi, Nicola si volta più volte indietro cercando di tenere d occhio la situazione attraverso il lunotto posteriore dell auto. «Una che?» replica innervosito il giovane al volante. «Seguace, una serva delle Streghe evolute; sente il tuo odore da chilometri di distanza, ti fiuta, ti trova, ti prende un po come fa il cane con la volpe, hai presente? Non ti uccide, ma ti porta in fin di vita dal suo padrone». Sorride quasi divertito dal folle esempio. Marco, concentrato sulla guida, continua ad accelerare nervoso, segnando nel contachilometri i 160 all ora. «Credevo che queste menate, sui tarocchi, futuro, morti, fantasmi, diavoli e demoni ce li fossimo lasciati alle spalle nei nostri giochi di bambini tanti anni fa». Con tono ironico, ma allo stesso tempo esasperato, Marco resta concentrato nella guida. «Inconsapevolmente eravamo affascinati dall ignoto e l i- 14

16 gnoto da noi o forse è destino, francamente resto concentrato nel presente, fratellino mio». «Senti, forse quel Merlot era un po troppo pesante e sai, a stomaco vuoto, la suggestione gioca brutti scherzi». Con fare decisamente più calmo, Marco sembra aver riacquistato la ragione; in un attimo si è fatto non so quanti ragionamenti mentali, rendendo sempre più facile ed elementare quella situazione che si era venuta a creare, lasciando che il suo sguardo si distogliesse dall asfalto, per cercare la complicità dell amico, il quale, al contrario di lui, resta immobile a fissare il parabrezza. «Che dire fratellino, se quella è solo fantasia, questa non dovrebbe fargli male». Il vedere Nicola estrarre una pistola dalla tasca interna della giacca e il voltarsi nuovamente con gli occhi sulla strada, in cerca di cosa ha catturato l attenzione dell amico è tutt uno. Sul cofano della macchina, intenta ad aggrapparsi alla forte velocità è nuovamente quella strana figura, questa volta a pochi metri da lui è ancora più facile distinguerla. Nera, simile a un ombra, con capelli lunghi ondulati che, contro vento, lasciano a tratti intravedere quegli occhi gialli sgranati che come ipnotizzati fissano Marco, il quale per più di una volta perde il controllo della macchina costretto a diminuire la velocità. «Che vuoi fare con quella cosa? Nico, aspetta che mi ferm...». «Non rallentare e non fermarti assolutamente! Ci penso io, tu continua ad andare, lei vede solo te, non sa che io sono qui quindi tienila occupata!» il tono autoritario di Nicola infastidisce Marco; conosce il suo amico da tanto di quel tempo che mai si sarebbe rivolto a lui in quel modo; tante sarebbero le cose da dirgli, ma preferisce seguire quel suggerimento folle, concentrando il suo sguardo in quello della Seguace e spingendo ancora di più il piede sull acceleratore, toccando così circa centonovanta chilometri orari. Aperto il finestrino, Nicola, puntando le gambe saldamente al sedile della macchina e arrotolandosi più volte la cintura di sicurezza al braccio sinistro, si sporge con mezzo busto fuori dall abitacolo, preparandosi a sparare contro quella terrificante figura. In un istante tutto l interno del veicolo è pervaso da un vento gelido proveniente da fuori a causa dell eccessiva velocità. 15

17 La Seguace non degna di nessuna attenzione Nicola, ma è ben concentrata ad arrampicarsi sul cofano della macchina, raschiando la carrozzeria con le sue unghie affilate. Ora la bocca dell essere si apre, lentamente sino a spalancarsi, quasi come se la mandibola fosse sul punto di spaccarsi, lasciando ben vedere denti bianchissimi e una lingua rossastra. Questo orrendo spettacolo fa tanto rabbrividire Marco, che per spontanea reazione, distoglie lo sguardo da quella visione, spezzando tra i due, quella sorte di linea immaginaria che li attrae, lasciando in questo modo la possibilità alla Seguace di spostare la sua attenzione su Nicola. «Maledizione!» non ha molto tempo a sua disposizione e quella situazione certamente non lo facilita nel prendere una giusta mira, ma spara ugualmente due colpi; il primo colpisce di striscio la guancia sinistra del mostro, il secondo va decisamente a vuoto, visto che la scomparsa della seguace anticipa il grilletto della nera Walther 22 target di Nicola che rientra immediatamente nell abitacolo dell auto, innervosito e deluso per la mancata opportunità di eliminare la Seguace. Marco scuote più volte la testa, quasi come a richiamare a sé la situazione degenerata in un attimo, poi guarda dallo specchietto retrovisore per assicurarsi che per la strada non ci sia il corpo di quella cosa. «Cosa vuole da me quella cosa? L hai uccisa sì? Dimmi che l hai fatta fuori non la vedo per strada e poi che cavolo ci fai con una pistola!». Le domande frettolose sono più veloci del concepire cosa è appena successo. «No non è morta. Sì, vuole te. Ho una pistola per proteggermi da cose come quella, o meglio i proiettili sono intrisi di una sostanza che ha maggior effetto delle convenzionali pallottole. Il sale brucia nelle carni dei servitori del male, sicuramente la sua mandante avrà un segno lungo la guancia». Sorride divertito, quasi come un premio di consolazione per quello che ha appena fatto, mentre è intento a riporre la pistola all interno della giacca. «Quindi tornerà a cercarmi quella cosa?» protesta Marco, ancora scosso dalla figura della Seguace. «In questo momento è l ultimo dei tuoi problemi, rallenta o ci costerà cara questa gita a Castiglione». Il lampeggiare di 16

18 una volante in lontananza riporta Marco a moderare in modo palese la velocità della macchina. «Spera che non ci fermino, con quell affare che ti porti dietro come minimo ci arrestano, minimo!» quasi con tono sprezzante, si rivolge all amico, dimenticando che quell arma gli ha appena salvato la vita. La casa di Nicola è una grande villa situata lungo il margine della collina che sovrasta il piccolo paese marittimo di Castiglione Della Pescaia. Giunti all interno delle quattro mura, Marco si stende sul divano, rendendosi conto solo ora che le ginocchia gli tremano inconsapevolmente, portandosi le mani a coprire il viso. «È tanto che non ci vediamo, prendiamoci un aperitivo, devo parlarti di tante cose, ciao come stai, ti vedo bene, andiamo a cena fuori; così doveva andare, semplicemente così!» quasi come una sorta di mantra, Marco ripete a tono basso queste cose. «E meno male che la pattuglia dei carabinieri non ci ha fermato!» continua scuotendo il capo. Nicola gli si siede accanto, sprofondando sul morbido divano di pelle scuro, togliendosi la pistola e i due caricatori dalla giacca e posandoli sul tavolino da fumo in noce davanti a lui. «Togli quella cosa». Sbirciando con l occhio oltre la fessura delle dita, il giovane fissa la Walther. «Vuoi bere qualcosa, un whisky, rum, vino?». Il tono di voce di Nico è molto comprensivo e amichevole, sa che per l amico l ultima ora è stata come una specie di incubo, un film. «Non voglio niente da bere, voglio solo sapere cosa sta succedendo, anzi prima voglio chiamare Valeria per sentire come sta». Il suo movimento della mano, che estrae il telefonino, viene anticipato dalla mano di Nicola, il quale, con molta calma, gli suggerisce di non farlo. «Lei sta bene, Marco, stanno tutti bene, dovresti pensare un po più a te stesso, mentre tu vivevi quell incubo, lei era seduta a un tavolo di una pizzeria, a scherzare con le sue amiche e altre cose di donne, rilassati e ascoltami». La voce di Nicola rassicura l animo di Marco, non è la prima volta che in lui trova serenità e sicurezza. Appoggia il cellulare sul tavolino, accanto alla pistola, annuendo. Meglio tenerla fuori da tutto questo pensa tra sé. Sospira 17

19 socchiudendo appena gli occhi, cercando di ricomporre la sua agitazione in concentrazione. Sa che qualcosa sta cambiando, che qualcuno è cambiato, ma la sua paura più grande è che lui stesso stia cambiando per quanto questa teoria non combacia affatto con il suo modo di credere alle cose, per lui nessuna cosa, persona, sentimento può cambiare, ma solo peggiorare o migliorare, la parola cambiare è quasi tabù per lui. «Va bene Nico sono pronto, raccontami tutto». «Prima che tu mi travolga da milioni di domande, ed è lecito per te farlo, proverò a riassumerti parte della situazione: da tempo esistono le streghe, al servizio del male o devote al bene. Ognuna ha fatto la sua scelta, con conseguenze piacevoli o spiacevoli. Purtroppo il potere, la fama, la sete dell occulto, la voglia di andare avanti, per alcune anche oltre, hanno spinto queste disperate a mettersi contro il volere di Dio. Attenzione, ci sono stati cacciatori di streghe colpevoli quanto loro nell uccidere, torturare donne innocenti solo per il semplice gusto di farlo, sentendosi vergognosamente uomini, risvegliando in essi il male sopito nel loro animo e agevolandone la diffusione nell umanità. Non starò a farti una lezione di storia, che può servire a confonderti le idee è giusto che una volta che avrai appreso la questione, sia tu in prima persona a documentarti per semplice curiosità o per cultura personale». Una chiamata al telefono di casa interrompe le parole di Nicola, il quale risponde senza dire nient altro che una frase: «Ho capito, ti aspettiamo, la notte è lunga ma i tempi corti». Fa, poi, una lunga pausa nell agganciare la cornetta. «Chi era?» domanda Marco, incuriosito. «Tra poco lo vedrai, fammi finire prima, dicevamo». Nicola torna in piedi davanti a Marco, camminando di tanto in tanto in circolo e continuando il suo interessante discorso. «Le streghe si sono evolute, con esse anche il male. Noi siamo parte di un glorioso ordine, fratellino mio. I sogni che tu hai, le visioni, sono messaggi che ti portano a capire, quindi dovrai essere molto aperto di mente, in quanto possiedi il dono della vista spirituale, sin da quando ci siamo incontrati sentivamo qualcosa di speciale fluire nel nostro sangue e nel nostro essere. I sogni che facevamo, la nostra curiosità verso l ignoto e non 18

20 averne paura, anzi l esserne affascinati, il fatto che il fato più volte ti abbia messo a disposizione l opportunità di capire, di comprendere, incontrando persone che come te, credevano a queste coincidenze». Marco si alza di scatto, infastidito da tutto quello che l amico gli sta rivelando. «Adesso parlo io, hai detto anche troppo. Ma ti rendi conto di ciò che dici? Cacciatori di streghe, il male, giochi del fato, era più credibile se mi dicevi che quella cosa di prima...». «Seguace» lo interrompe Nico, correggendolo. «Seguace sì, insomma, che fosse una sorta di fantasma incazzato uscito fuori da chissà quale pozzo, ecco forse ti avrei preso più sul serio, ma questa cosa dei cacciatori, tu con una pistola, tu Nicola che fino a ieri scrivevi poesie maneggiando una penna e non un arma di quelle dimensioni!». L amico si avvicina a lui, portando la sua mano dietro la propria nuca, catturando l attenzione dei suoi occhi. «Calmati, comprendo la tua reazione, io ho fatto anche peggio, tu sei fin troppo razionale, ti chiedo solo di sfruttare questa tua particolarità d essere sempre stato un ottimista calcolatore, pregandoti di ascoltare il resto, ti prego, fratellino». Ancora una volta le sue parole, convincono Marco ad annuire per sentire il resto della storia. «A Roma, presso l università ho conosciuto il dott. Massimo Civetta. Lui faceva parte di non so quale confraternita religiosa; possedeva documenti di massima riservatezza. In principio iniziò tutto con una semplice simpatia reciproca e stima, ma approfondendo il nostro rapporto, mi svelò dei segreti inerenti alla mia vita, lasciandomi ogni margine di scelta, poiché è qualcosa che senti dentro di te Marco, un richiamo, un risveglio, insomma fa parte del nostro DNA scientificamente parlando. Andando oltre le mie ricerche, passando oltre quel muro di follia, tutto è diventato più chiaro». Spostandosi il ciuffo dei folti capelli lungo la tempia, Nicola mostra a Marco un piccolo cerchio non più grande di un unghia, a prima vista una sorta di lieve voglia sulla pelle, ma se visto da più vicino e con maggiore attenzione, la figura prende una forma più nitida: il cerchio è formato da piccoli puntini, che racchiudono una specie di stella a sei punte, al 19

21 suo interno, praticamente illeggibili a occhio nudo, una specie di venature, simili a lettere incomprensibili, all interno della stella sembra essere una chiave. «Non ricordo che tu abbia mai avuto questa macchia». Stupito, il giovane commenta il segno. «Infatti non l ho mai avuta, è apparsa solo sei mesi fa, quando ho appreso la verità. Civetta, fotografando la figura e passata al computer, risalì al sigillo dell angelo Mikael. Tu stesso hai sempre creduto agli angeli, giusto?». Marco si scosta da lui, annuendo, sempre più confuso da quello che ha visto. «Anche tu sei come me, fratellino, non avere paura, accettalo e basta». Le parole di Nicola sono persuasive e convincenti, ma qualcosa in Marco frena questo suo entusiasmo; la ragione forse è che gli anni sono passati e sinceramente ne ha viste e passate tante, di problemi reali di vita, prima di tornare a credere come un bambino nell esistenza di angeli e streghe. «Perdonami Nico, ma sono veramente confuso, quella cosa lì» indicando con un gesto affrettato il sigillo sulla tempia dell amico «potrebbe essere benissimo una macchia cutanea che si è scurita leggermente con il tempo e poi andiamo, prima mi parli di streghe e ora mi giri l argomento sugli angeli, avanti, ti paragoni a un angelo adesso, sembriamo angeli noi?». «Con il tempo capirai e troverai la tua strada, in ogni modo siamo dei sopravvissuti, altrimenti spiegami come hai fatto a salvarti da quell incidente mortale quindici anni fa? Tu eri morto, fratellino, per qualche minuto il tuo cuore e il tuo cervello hanno smesso di funzionare, al tuo risveglio in ospedale, hai appreso d essere stato in coma per due notti». Le parole dell amico rimbombano nell animo di Marco come un tuono, preceduto da un lampo. Scuote la testa, sorridendo appena. «Hai ragione, ma al mio risveglio non ho avuto simboli o sigilli sulla mia pelle, ma una cicatrice sulla testa indelebile e forti emicranie che ancora oggi mi tormentano». «E per quanto riguarda il coma? Sei sparito con la mente per due notti, fratellino, ma quello che più ti ha segnato sono stati quei pochi minuti, dove eri morto, lo capisci?» il tono di Nicola è sicuro e al contempo severo, ancora una volta Marco è infastidito da un argomento che appartiene solo a lui. 20

22 Come può la gente pensare di sapere quello che lui stesso aveva passato? Le sue paure, l angoscia, l impossibilità di reagire, la sofferenza che aveva recato involontariamente ai suoi cari, il perché lui si era salvato e altri ancora, per qualcosa di meno grave di un incidente stradale, erano morti. «Sai una cosa, non mi ricordo niente di quella storia, tutti ti parlano di una luce, ma sono solo cazzate. Io ricordo solo il buio e basta, ma prima ancora dell oscurità ricordo lo schianto, le lamiere della moto sfregare sull asfalto, metà del mio viso a mollo in una pozza di sangue e io consapevole del disastro, ho dato un ultimo respiro e poi niente, ecco tutte le tue teorie». Con fare nervoso, si alza di scatto dal divano, si reca in cucina, apre il frigo e afferra una bottiglietta d acqua. Nicola gli va incontro, restando sull uscio. «Ti sei calmato?». «E tu?» risponde Marco, bevendo un paio di sorsi d acqua. Un sospiro liberatorio calma il giovane, il quale fa mente locale, generalizzando il tutto. «Senti Nico, io ti ringrazio, non so cosa hai fatto a quella cosa, ma l hai cacciata via. Per quanto riguarda il resto, io non me la sento di andare a caccia di streghe o diventare una specie di paladino della giustizia» chiude il frigo con fare garbato, voltandosi verso l amico, assumendo un espressione innocente e smarrita. «Avanti, siamo grandi per queste cose, insomma dieci anni fa mi sarei sentito fico, parliamoci chiaro, mostri, demoni, streghe, il male e noi lì a combatterli, ma la realtà è ben altra» gli passa accanto, tornando nella sala. «Spero che finalmente mi facciano un contratto a tempo indeterminato a lavoro, amo Valeria e voglio che questa nostra relazione vada avanti ancora per molto, diventare padre, vendere la mia Spider e guidare una Berlina, andare nei giorni di festa dai suoceri, litigare con la moglie e farci l amore, accompagnare i miei figli a scuola e vederli crescere, insomma non credo d essere tanto lontano da questa realtà giusto?» affacciandosi alla finestra vede lungo il sentiero che porta alla casa, dei fari di una macchina. «Tutto questo è molto bello e non è detto che tu non lo faccia, se ci credi puoi riuscirci. Condivido con te tutto quello che hai detto ma anche quello che è successo stasera non puoi sottovalutarlo è la realtà e purtroppo si è intromessa nella tua 21

23 vita; non so dirti se sia stato tutto scritto, faccia parte del nostro destino o che semplicemente sei la persona giusta nel contesto sbagliato, posso solo ribadirti di valutare i fatti che, dopo quello che hai vissuto e appreso, parlano da sé» Nicola posa ancora una volta la mano sulla spalla di Marco, quasi come a volerlo rassicurare. «È arrivata una macchina» il giovane si volta, guardando da prima l amico, che ritrae la mano, per poi soffermare il suo sguardo sulla porta d ingresso. Il rumore di una chiave che gira risuona nel silenzio della stanza. Allo spalancarsi della porta, Marco resta sorpreso, quando davanti ai suoi occhi appare una cara persona che non vede da anni. Anche lei, per un attimo, resta interdetta, ma smorza il tutto sbattendo la porta alle sue spalle. Nicola, per nulla sorpreso, le fa segno di sedersi sul divano. La ragazza, sulla trentina, media statura, occhi celesti, capelli biondi lunghi ondulati, pelle chiara e guance rosee ha con sé un grande libro, rilegato in pelle. A prima vista pare vecchio di qualche centinaio d anni. «Ciao a tutti, passata una buona serata?» come suo solito fare, per nascondere l imbarazzo o il nervoso, Francesca sorride ai due amici, sedendosi sul divano e poggiando sulle sue ginocchia il voluminoso libro. Per anni i tre amici erano stati legati da una forte amicizia nel periodo dell adolescenza, poi come spesso accade, il lavoro, le amicizie differenti, gli interessi diversi, gli amori avevano diviso fisicamente la piccola compagnia, ma non mentalmente, infatti, spesso nel corso degli anni ognuno aveva pensato inconsciamente agli altri. Marco si era chiesto più di una volta che fine aveva fatto Francesca: se era felice e con chi, quale terra la reggesse. Per lei aveva sempre avuto una sorta di protezione, come la si può avere per una sorella, del resto la stessa attenzione l aveva più volte dimostrata anche nei confronti di Nicola. Anche se solo per un breve momento è felice di rivedere davanti a sé i due suoi più cari amici d infanzia. «Lo ha trovato vero? Siete riusciti a ucciderla? Avete almeno capito a chi appartiene la Seguace?» le parole della ragazza spezzano quel momento magico, mentre con fare frettoloso, lei sfoglia le pagine di quell assurdo libro gigante. 22

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Lezioni di spicce Fotografia

Lezioni di spicce Fotografia Lezioni spicce di fotografia Lezioni di spicce Fotografia 1 Introduzione L idea di queste pagine, un po spicce, vagamente sbrigative, nascono da una conversazione in chat, perché anche io chatto, con un

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli