PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RIPRISTINO AMBIENTALE DELLA CAVA "SBASSO-CONFINE" NEI COMUNI DI SERAVEZZA E STAZZEMA (LU)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RIPRISTINO AMBIENTALE DELLA CAVA "SBASSO-CONFINE" NEI COMUNI DI SERAVEZZA E STAZZEMA (LU)"

Transcript

1 PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RIPRISTINO AMBIENTALE DELLA CAVA "SBASSO-CONFINE" NEI COMUNI DI SERAVEZZA E STAZZEMA (LU) RELAZIONE GEOSTRUTTURALE E VERIFICHE DI STABILITA ai sensi della L.R. 78/98 IL PROPONENTE DEMETRA ITALIA SRL Il Legale Rappresentante Attilio Bencaster IL PROGETTISTA Dr. Geol. Sergio Matteoli Geofield srl COLLABORATORI Dr. Geol. Elisa Livi Dr. Geol. Giuseppe Nirta Dr. Geol. Diego Furesi CODICE ELABORATO SCALA REVISIONE NO. DATA C _ 1.0EL

2 Sommario 1. PREMESSA CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DELLA ROCCIA INTATTA CARATTERIZZAZIONE DELLE DISCONTINUITÀ VERIFICHE DI STABILITÀ CINEMATICHE CONCLUSIONI PRESCRIZIONI E MISURE DI SICUREZZA ALLEGATI: Tabella sintesi fratture Elaborati grafici verifiche cinematiche Disegni di sistema reti TECCO e SPIDER della ditta Geobrugg 2

3 1. PREMESSA Gli ammassi rocciosi costituenti i fronti di cava di cave di lapidei ornamentali ed i fronti naturali e/o artificiali prossimi ad essi sono costituiti da un insieme fisco di blocchi di roccia intatta separati tra loro da discontinuità fisiche di varia natura (joint, superfici di stratificazione, ). Per definire le caratteristiche geomeccaniche di un ammasso roccioso e descrivere il suo comportamento allo scavo devono essere definite sia le caratteristiche meccaniche della roccia intatta, sia le caratteristiche geometriche e meccaniche delle discontinuità presenti al suo interno. In particolare gli ammassi rocciosi superficiali o a modesta profondità, quali quelli di scarpate e fronti di cava, manifestano un comportamento tenso-deformativo influenzato in modo determinate dalla presenza di discontinuità, che rappresentano un punto di estrema debolezza nell ammasso costituente il fronte. Le caratteristiche geometriche e meccaniche delle discontinuità risultano quindi di fondamentale importanza nell analisi di stabilità di fronti di scavo in roccia. 2. CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DELLA ROCCIA INTATTA I litotipi interessati dalla coltivazione hanno buone caratteristiche fisico-meccaniche e tecniche, che consentono l utilizzo per svariati usi, sia decorativi che strutturali. Per le caratteristiche geomeccaniche della roccia intatta si è fatto riferimento alle proprietà meccaniche del materiale merceologicamente indicato come Marmo Bardiglio Cappella (tab I), contenuti nel database ISICENTRY dell Internazionale Marmi e Macchine di Carrara SpA (http://www.isicentry.immcarrara.com/portale/portale.asp): 3 Scheda materiale Denominazione commerciale: Denominazione scientifica: Località cava: Regione cava: Nazione cava: Descrizione: BARDIGLIO CAPPELLA marmo Seravezza Toscana Italy Marmo di colore grigio scuro, a grana fine, con venature di colore bianco-grigie chiare non uniformi. Il colore scuro è dovuto alla presenza di pirite microcristallina.

4 Normativa Parametro U.M. Valore Fonte Carico di rottura a compressione kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Carico unitario di rottura a flessione kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Modulo di elasticità lineare (Young's) kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Carico di rottura a compressione dopo kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, cicli di gelività Dilatazione lineare termica mm/ml C 0,0039 Coefficiente di imbibizione d'acqua % 0,12 R.D. 2232/39 Peso per unità di volume kg/m Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, R.D. 2232/39 Resistenza all'urto cm 50 Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Resistenza all'abrasione mm 0,31 Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Carico di rottura a compressione kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Carico di rottura a compressione dopo kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, cicli di gelività Dilatazione lineare termica mm/ml C 0,0054 R.D. 2232/39 Coefficiente di imbibizione d'acqua % in peso 0,187 Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, R.D. 2232/39 Peso per unità di volume kg/m Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, R.D. 2232/39 Resistenza all'urto cm 32 Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Carico di rottura a trazione indiretta kg/cm mediante flessione Usura per attrito radente 0,49 R.D. 2232/39 Modulo di elasticità kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Tab. 1 Scheda delle caratteristiche fisico-meccaniche del marmo Bardiglio Cappella 4 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE DISCONTINUITÀ Al fine di definire le caratteristiche geometriche e meccaniche delle discontinuità è stato condotto uno specifico rilevamento geostrutturale-geomeccanico di campagna, attraverso n.8 stendimenti eseguiti in corrispondenza dei fronti di cava esistenti e delle pareti naturali presenti in prossimità di essi. I fronti sono caratterizzati da orientazioni diverse, in modo da consentire il rilievo di tutti i sistemi presenti. L ubicazione degli stendimenti condotti è visibile in Tav. B1; gli stendimenti hanno le seguenti caratteristiche riassuntive: N stendimento dip direction/dip Tipo di affioramento Lunghezza (m) St1 45/50 fronte di scavo 4,0 St2 70/90 fronte di scavo 45,0 St3 210/70 fronte di scavo 12,0 St3bis 210/70 fronte di scavo 16,0 St4 150/87 fronte di scavo 18,0 St5 75/90 fronte di scavo 18,0 St6 230/70 fronte di scavo 15,0 St7 210/67 fronte di scavo 23,0 St8 132/90 fronte di scavo 27,5

5 Relativamente all orientazione delle discontinuità presenti di seguito si riporta la proiezione stereografica dei poli delle discontinuità, con le corrispondenti curve di isodensità ed i sistemi di discontinuità riconosciuti: Stendimento St1 Stendimento St2 5 Stendimento St3+3bis Stendimento St4 Stendimento St5 Stendimento St6

6 Stendimento St7 Stendimento St8 K1 80/57 K2 328/69 K3 267/62 K4 155/83 K5 360/53 K6 26/11 Totale stendimenti 6 Totale stendimenti Fig. 1 Proiezione stereografica dei poli delle discontinuità relative agli stendimenti condotti e diagramma a rosa. Il rilievo delle orientazioni delle discontinuità evidenzia la presenza di n.6 sistemi di discontinuità principali di cui due coniugati andamento NE-SW sub-verticali o ad alta indicazione (K2, K4), due coniugati ad andamento NNW-SSE con inclinazione media (K1, K3), uno ad andamento E-W con inclinazione media (K5) ed uno ad andamento NW-SE a bassa inclinazione (K6). I sistemi K1 e K3 sono paralleli alla direzione assiale delle pieghe, mentre i sistemi K2 e K4 sono perpendicolari ad essa.

7 I sistemi di discontinuità individuati possono essere in parte ricondotti ai sistemi, indicati nel gergo locale dei cavatori, come secondo e contro ; il secondo corrisponde alle discontinuità che hanno orientazione circa E-W e inclinazione prossima alla verticale o molto elevata (K2, K4), mentre il contro corrisponde a discontinuità ad andamento circa N-S (K1, K3). I dati evidenziano, all interno di ciascun sistema, una variabilità nelle orientazioni e nelle inclinazioni che rendono conto dell andamento ondulato dei piani di fratturazione osservabile sui fronti di cava. A livello generale nell area estrattiva si riconoscono due discontinuità principali di ordine maggiore che sono ben evidenti sul fronte di cava principale; è ipotizzabile che in corrispondenza di tali discontinuità siano state sedi di movimento con rigetti di modesta entità. Tali discontinuità hanno andamento circa ENE-WSW e inclinazione elevata fino a sub-verticale, appartenenti quindi al sistema K4. Per ogni discontinuità misurata lungo gli stendimenti sono state rilevate le caratteristiche che ne controllano il comportamento meccanico, in coerenza a quanto indicato dalle linee guida ISRM 1. I parametri che sono stati rilevati sono i seguenti: persistenza apertura rugosità alterazione riempimento condizioni idrauliche Per quanto riguarda la rugosità delle discontinuità, dal momento che le discontinuità che risultano avere maggiore importanza nei fenomeni di stabilità sono spesso quelle caratterizzate da elevata persistenza, è stato fatto riferimento non solo alla rugosità a piccola scala, ma anche a quella a grande scala, attribuendo un JRC rappresentativo di 1,0 m di discontinuità, secondo le indicazioni di Barton 2. Relativamente al fronte di scavo interessato dallo stendimento è stato preso in considerazione il fatto che esso fosse rappresentato da un fronte naturale o da un fronte di scavo disturbato dalla metodologia di abbattimento utilizzata (esplosivo). 7 1 INTERNATIONAL SOCIETY FOR ROCK MECHANICS COMMISSION ON STANDARDIZATION OF LABORATORY AND FIELD TESTS (1978) Suggested methods for the quantitative description of discontinuities in rock masses. INTERNATIONAL SOCIETY FOR ROCK MECHANICS CLASSIFICATION OF ROCKS AND ROCK MASSES (1981) Basic geotechnical description (BGD) of rock masses. 2 Barton N. (1987) Predicting the behaviour of underground opening in rock. Manuel Rocha Memorial Lecture, Lisbon. NGI Publication 172, Also Geotecnia 53, July 1988.

8 I dati rilevati per ciascuna discontinuità sono stati elaborati accorpandoli per ogni singolo set di discontinuità, in modo da indagare la distribuzione di frequenza dei diversi fattori che caratterizzano le discontinuità ed in particolare quelli che ne controllano la resistenza. In riferimento al grado di alterazione delle discontinuità, osservando l istogramma (fig. 2) di sintesi dei dati rilevati si osserva che la classe più rappresentata in generale risulta essere quella delle fratture fresche, che non presentano segni di alterazione, ad eccezione di alcune lievi decolorazioni delle pareti; la seconda classe più rappresentata è quella delle discontinuità leggermente alterate, caratterizzate da una decolorazione totale del materiale accompagnato da una diminuzione delle caratteristiche geomeccaniche di resistenza. Circa il 20% delle discontinuità presenta caratteristiche di moderata alterazione, con presenza di porzioni di roccia decomposta e/o disintegrata. Osservando le distribuzioni del grado di alterazione nei singoli sistemi si evidenzia che il K3 e il K6 mostrano in linea generale condizioni di alterazione meno spinta, con oltre il 65% delle fratture che risultano non alterate; il sistema K2 e K5 mostrano in linea generale condizioni di alterazione più spinta con oltre l 80% delle discontinuità che risultano leggermente o moderatamente alterate. In riferimento alla rugosità delle discontinuità (fig. 3), osservando l istogramma di sintesi dei dati rilevati si osserva che le classi più rappresentate in generale (oltre il 50% dei dati in totale) risultano essere quelle dell intervallo di JRC 0,4-0,9, rappresentativa di discontinuità piane lisce, e dell intervallo 8,0-9,0 rappresentativa di discontinuità ondulate rugose; la seconda classe più rappresentata (circa il 40% dei dati) è quella delle discontinuità con valori di JRC 1,9-2,3 rappresentativa di discontinuità piane rugose e 6,0-8,0 rappresentativa di discontinuità ondulate lisce. I restanto valori si distribuiscono nelle restanti classi di JRC. Osservando le distribuzioni della rugosità nei singoli sistemi si evidenzia che il set K2 e il K5 mostrano in linea generale condizioni di maggiore rugosità con oltre il 60% delle discontinuità che risultano avere un JRC 8. In riferimento alla persistenza delle discontinuità, osservando l istogramma di sintesi dei dati rilevati (fig. 4) si osserva che le classi più rappresentate in generale quelle di persistenza bassa (1-3m) e media (3-10m); sono rare le discontinuità con persistenza bassa e molto elevata. Osservando le distribuzioni della persistenza nei singoli sistemi si evidenzia che le discontinuità del sistema K4 presentano una persistenza maggiore delle altre famiglie di discontinuità, con oltre il 44% dei dati che ricade nella classe elevata, rappresentativa di discontinuità di persistenza pari a 10-20m. Le due discontinuità principali, che interessano il fronte di cava principale appartengono, infatti, a questo sistema. 8

9 Le discontinuità del sistema K6, K5 e K1 sono caratterizzati da una persistenza minore, con il 40-50% di discontinuità che risultano caratterizzate da persistenza bassa (1-3) o più raramente molto bassa (>1). % Set K1 grado di alterazione Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d Set K2 grado di alterazione Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d. 70 Set K3 grado di alterazione 35 Set K4 grado di alterazione Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d. 0 Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d Set K5 grado di alterazione 70 Set K6 grado di alterazione Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d. 0 Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d Fratture totali grado di alterazione Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d. Fig.2 Istogrammi relativi al grado di alterazione dei sistemi di discontinuità

10 Set K1 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Set K2 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Set K3 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Set K4 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Set K5 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Set K6 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Fratture totali JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, ,0-11 Fig. 3 Istogrammi relativi alla rugosità (JRC, 1m) dei sistemi di discontinuità

11 Set K1 persistenza molto bassa bassa media elevata molto elavata Set K2 persistenza molto bassa bassa media elevata molto elavata 60 Set K3 persistenza 50 set K4 persistenza molto bassa bassa media elevata molto elavata 0 molto bassa bassa media elevata molto elavata % Set K5 persistenza molto bassa bassa media elevata molto elavata Fratture totali persistenza molto bassa bassa media elevata molto elevata Set K6 persistenza molto bassa bassa media elevata molto elavata Fig. 4 Istogrammi relativi alla persistenza dei sistemi di discontinuità 11

12 Per stimare la resistenza al taglio lungo le discontinuità ed in particolare l angolo di attrito da utilizzarsi nelle verifiche di stabilità cinematica, si è fatto riferimento alle relazioni empiriche fornite dal criterio di Barton 3, che definisce la resistenza al taglio lungo le discontinuità, come segue: = n *tan[jrc*log 10 *(JCS/ n )+ b ] dove: n : sforzo normale JRC: coefficiente di rugosità delle superfici di discontinuità JCS: resistenza a compressione delle superfici di discontinuità b : angolo di attrito di base Il criterio di rottura di Barton è un criterio non lineare, che consente di valutare un angolo di attrito di picco medio, all interno di un intervallo tensionale entro per cui possa essere ritenuto valido un criterio rettilineo, tramite la formula seguente: P = b JRC* log 10 *(JCS/ max ) dove: P : angolo di attrito di picco medio b : angolo di attrito di base JRC: coefficiente di rugosità delle superfici di discontinuità JCS: resistenza a compressione delle superfici di discontinuità max = *h max = peso di volume h max = massima altezza fronte 12 Il valore di angolo di attrito di base può essere ricavato da dati di letteratura, derivati da prove di tilt-test e da prove di taglio di laboratorio 4, ed è considerato cautelativamente pari a 35. Il valore di JRC, dai dati derivanti dai rilievi di campagna, risulta variabile da un minimo di 0.4 ad un massimo di 11, con un valore medio di 5 e modale di Barton N.R. (1973) Review of a new shear strength criterion for rock joints. Engineering Geology, 7, Barton N.R. (1976) Recent experiences with the Q-system of tunnel support design. Pro.Symp. on Exploration for Rock Engineering, Johannesburg, Ed. Bieniawski, Balkema, Rotterdam, Barton N.R. & Choubey (1977) The shera strength of rock joints in theory and practice. Rock Mechanics, 10, Barton N.R. & Bandis S.C. (1990) Review of predictive capabilities of JRC-JCS model in engineering practice. In: Rock joints, Proc.Int. Symp. On Rock joints, Loen, Norway, es7ds. N.Barton and O.Stephansson, , Balkema, Rotterdam. 4 Rutthapol Kemthong (2006) - Determination of rock joint shear strength based on rock physical properties. Thesis Submitted in Partial Fulfillment of the Requirements for the Degree of Master of Engineering in Geotechnology Suranaree University of Technology Academic. G. Grasselli, P. Egger (2003) - Constitutive law for the shear strength of rock joints based on three-dimensional surface parameters. International Journal of Rock Mechanics & Mining Sciences 40 (2003)

13 Per la resistenza a compressione della roccia intatta consideriamo che i valori indicati per le pietre ornamentali provengono da prove di laboratorio condotte su provini cubici di dimensioni 70x70x70mm (come previsto dalla legislazione italiana), che sovrastimano, rispetto a prove di laboratorio condotte su provini cilindrici (con rapporto altezza diametro pari a 2), il valore di resistenza a compressione di circa 30-40MPa 5. Il valore di resistenza a compressione della roccia intatta da prendere come riferimento per la stima del JCS è cautelativamente 95MPa. Seguendo le linee guida ISRM, si considera che per discontinuità fresche il valore di c risulti uguale a quello della roccia intatta, per discontinuità leggermente alterate o moderatamente alterate sia pari a ½ c e nel caso di discontinuità fortemente alterate o completamente alterate risulti pari a 0.1 c. In riferimento alle caratteristiche delle discontinuità rilevate e sopra descritte, il valore di JCS è assunto quindi variabile nell intervello 47,5-95MPa rispettivamente per discontinuità fresche e leggermente o moderatamente alterate. Il valore dello sforzo normale è stato calcolato facendo riferimento allo spessore sovrastante le fratture potenzialmente interessate da instabilità, che risulta avere un valore massimo pari a circa 35m; il valore del peso di volume della roccia intatta è stato assunto pari a 2,693 t/m 3. Il valore dell angolo di attrito, calcolato tramite il criterio di Barton, facendo riferimento agli intervalli di variabilità dei parametri sopra indicati, risulta variabile nell intervallo P =35,7-46. Nelle verifiche di stabilità cinematiche si farà riferimento a tale intervallo di valori VERIFICHE DI STABILITÀ CINEMATICHE Le analisi di stabilità cinematiche sono condotte attraverso l utilizzazione delle proiezioni stereografiche e consentono di verificare la possibilità cinematica di sviluppo di vari meccanismi di instabilità 6. Lo scopo delle analisi cinematiche è quello di individuare se, per determinati rapporti geometrici del fronte di scavo e del reticolo delle discontinuità, il fenomeno di instabilità indagato risulta cinematicamente possibile, ovvero se esistono le possibilità di sviluppo di meccanismo di movimento cinematicamente ammissibili. Le analisi cinematiche richiedono l assunzione di alcune ipotesi semplificate di base: 5 Coli M., Livi E., Berry P., Bandini A., Jia X. (2010) Studies for rockburst prediction in the Carrara Marble (Italy). 5th International Symposium on In-situ Rock Stress. 6 Hoek E. & Bray J.W. (1981) Rock Slope Engineering. 3 rd Ed. Inst. Of Mining and Metallurgy, London, 358 pp. Goodman R.E. (1989 Introduction to Rock Mechanics. John Wiley & Sons Ltd., New York, 562 pp. Markland J.T. (1972) A useful technique for estimating the stability of rock slopes when the rigid wedge sliding type of failure is expected. Imperial College RockMechanics Research Report, 19, 10 pp. Hudson J.A. & Harrison J.P. (1997) Engineering Rock Mechanics: am introduction to the principles. Pergamon, 440 pp.

14 l ammasso roccioso è considerato diviso in blocchi di roccia tridimensionali, rigidi e separati da discontinuità piane e infinitamente persistenti i blocchi sono sottoposti alla sola forza peso; non sono prese in considerazione eventuali sollecitazioni aggiuntive come quelle introdotte dalle pressioni idrauliche o da eventuali accelerazioni sismiche la resistenza al taglio lungo le discontinuità è puramente attritiva ed espressa da un angolo di attrito; il parametro geomeccanico più significativo per tali analisi è l angolo di attrito. Le analisi stereografiche sono basate su tecniche grafiche che utilizzano la proiezione stereografica come strumento per rappresentare i poli delle discontinuità e le loro intersezioni e per individuare le aree critiche per i diversi cinematismi. Le costruzioni grafiche, specifiche per ogni cinematismo, rispettano le condizioni geometriche cinematiche necessarie per lo sviluppo di ogni cinematismo e consentono di individuare le aree di instabilità dei poli delle discontinuità e delle loro intersezioni. Le verifiche di stabilità cinematiche sono state condotte utilizzando il software Dips Rocscience inc. e il software DipAnalyst Kinematic Analysis Software for Rock Slopes creato da Yonathan Admassu della Kent State University Ashtabula, Ohio, USA (http://www.dipanalyst.com/default.html). Il software è stato sviluppato per l esecuzione delle verifiche cinematiche di stabilità dei fronti in roccia, utilizzando le proiezioni stereografiche e consente di verificare la stabilità rispetto al meccanismo dello scivolamento planare, di cunei e del ribaltamento. Il programma DipAnalyst consente di applicare un approccio quantitativo per le analisi cinematiche, attraverso la definizione di failure indices, calcolati per ogni meccanismo di stabilità come il rapporto fra il numero di discontinuità che causa la data instabilità ( o il numero di intersezioni nel caso dello scivolamento di cunei) e il numero totale di discontinuità (o di linee di intersezione). Il programma consente inoltre delle semplici analisi di sensitività sui parametri che maggiormente influenzano la stabilità del fronte: angolo di attrito delle discontinuità, dip e dip direction del fronte. Tutte le analisi sono state condotte facendo riferimento all intero numero di discontinuità rilevato nei diversi stendimenti condotti; gli stendimenti sono stati condotti su fronti con orientazioni diverse, si ritiene quindi che l insieme delle discontinuità rilevate sia maggiormente rappresentativa delle discontinuità di un solo stendimento. I fronti che sono stati oggetto di analisi sono: il fronte principale, dopo la fase di messa in sicurezza, i fronti generati dall escavazione e il taglio della strada;; essi hanno le seguenti orientazioni: 14

15 N Fronte Dip direction/dip 1 Scarpata esistente/ inviluppo gradoni di scavo 210/70 2 Alzata gradoni di scavo 210/90 3 Fronte principale dopo messa in sicurezza 56/75 4 Fronte principale inviluppo gradoni di scavo 56/71 5 Fronte principale alzata gradoni di scavo 56/90 6 Inviluppo gradoni di scavo 326/71 7 Alzata gradoni di scavo 326/90 8 Taglio strada di accesso 203/90 Di seguito si riportano i risultati delle verifiche condotte: Fronte 1 (210/70): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per questo fronte sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K3, in particolare per quelle meno inclinate e ad orientazione NNW- SSE. Le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medio-basse, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamenti flessurale Per questo fronte non si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere nulle, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NNW-SSE; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K3, ad orientazione NNW-SSE. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, in particolare per le intersezioni dei sistemi K5, K1 e K2, in modo tale da rendere cinematicamente possibili i fenomeni di instabilità in esame. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K3 e K4. 15

16 Fronte 2 (210/90): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per questo fronte sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K3 e K4. Le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medie, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato; per fronti con stessa orientazione e pendenze minori di circa 70 (fronte 1) la probabilità di instabilità per questo cinematismo risulta molto minori. Ribaltamenti flessurale Per questo fronte non si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere nulle, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NNW-SSE; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K3, ad orientazione NNW-SSE. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, in particolare per le intersezioni dei sistemi K5, K1 e K2, in modo tale da rendere cinematicamente possibili i fenomeni di instabilità in esame. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K3 e K4. 16 Fronte 3 e 4 (56/75 e 56/71): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per i fronti ad orientazione circa NW-SE sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K1 e K5. Le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medio-alte, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Per discontinuità caratterizzate da angoli di attrito minori si ha maggiore probabilità di sviluppo di questi cinematismi.

17 Ribaltamenti flessurale Per i fronti ad orientazione circa NW-SE si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia soltanto per alcune discontinuità del sistema K3; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere basse, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NW-SE e nel caso di valori di angolo di attrito maggiore anche discontinuità del sistema K1; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per le discontinuità del sistema K1. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, in particolare per le intersezioni dei sistemi K3, K4 e K2, K3, in modo tale da rendere cinematicamente possibili i fenomeni di instabilità in esame. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K1, K2 e K5 e K1, K4. 17 Fronte 5 (56/90): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per i fronti ad orientazione circa NW-SE sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K1, K5 e K2. Le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medio-alte, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Per discontinuità caratterizzate da angoli di attrito minori si ha maggiore probabilità di sviluppo di questi cinematismi; per fronti con stessa orientazione e pendenze minori la probabilità di instabilità per questo cinematismo risulta diminuire sensibilmente. Ribaltamenti flessurale Per i fronti ad orientazione circa NW-SE si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia soltanto per alcune discontinuità del sistema K3; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere medio-basse, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato.

18 Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NW-SE e nel caso di valori di angolo di attrito maggiore anche discontinuità del sistema K1; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per le discontinuità del sistema K1. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, in particolare per le intersezioni dei sistemi K3, K4 e K2, K3, in modo tale da rendere cinematicamente possibili i fenomeni di instabilità in esame. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K1, K2 e K5 e K1, K4. Fronte 6 (326/71): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per i fronti ad orientazione NE-SW sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K5 e K2 principalmente e solo marginalmente per le discontinuità del sistema K3, in particolare per quelle meno inclinate e ad orientazione NE- SW. La probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medio-alte, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamenti flessurale Per i fronti ad orientazione circa NE-SW si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia per le discontinuità del sistema K4; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere medie, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NE-SW; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K2 e K5, a inclinazione media. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, ma meno probabili rispetto agli altri fronti analizzati. 18

19 Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K3, K5 e K3, K2. Fronte 7 (326/90): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per i fronti ad orientazione NE-SW sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K2, K3 e K5. La probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medio-alte, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato; per fronti con stessa orientazione e pendenze minori la probabilità di instabilità per questo cinematismo risulta diminuire sensibilmente, in particolare per le condizioni cinematiche del sistema K3. Ribaltamenti flessurale Per i fronti ad orientazione circa NE-SW si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia per le discontinuità del sistema K4; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere medie, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NE-SW; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano per alcune discontinuità del sistema K5 e per le discontinuità del sistema K2. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, ma meno probabili rispetto agli altri fronti analizzati. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K3, K5 e K3, K2. 19

20 Fronte 8 (203/85): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per i fronti ad orientazione WNW-ESE sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K3, in particolare per quelle meno inclinate e ad orientazione NNW-SSE, e per alcune discontinuità a minore inclinazione del sistema K4. Le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medie, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamenti flessurale Per i fronti ad orientazione WNW-ESE le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia risultano essere basse e interessano il sistema K5, in particolare per le discontinuità caratterizzate da bassi valori dell angolo di attrito;; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere basse, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NNW-SSE; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per alcune discontinuità random. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, in particolare per le intersezioni dei sistemi K5, K1, K2 e K1, K4, in modo tale da rendere cinematicamente possibili i fenomeni di instabilità in esame. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K3 e K4. 20

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DELL AMMASSO ROCCIOSO

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DELL AMMASSO ROCCIOSO Dott. Claudio Depoli / 0343 20052 0343-21689 COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72

Dettagli

RILIEVO GEOMECCANICO

RILIEVO GEOMECCANICO RILIEVO GEOMECCANICO LAVORO: STUDIO DI DETTAGLIO LOCALITÀ: San Pietro Sovera, Comune di Corrido (Co) RILIEVO N.: RG 1 DESCRIZIONE GEOLOGICA AFFIORAMENTO: roccia di natura calcarea, grigia e ben stratificata

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA D.I.C. - Sezione Georisorse e Ambiente Università di Trieste LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA Eugenio Castelli, Ph.D. Docente di Ingegneria e sicurezza degli scavi presso l Università

Dettagli

RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it

RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it Indice 1 CLASSIFICAZIONE DELLE ROCCE... 2 2 LA SISTEMATIZZAZIONE DELLE DISCONTINUITÀ... Errore. Il segnalibro non è definito.

Dettagli

C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l.

C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l. C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l. GAVORRANO (GROSSETO) CAVA POGGIO GIROTONDO PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RECUPERO AMBIENTALE (Ai sensi del. G.R. 11/02/2002 n 138, punto 5) VARIANTE IN AMPLIAMENTO

Dettagli

Convention Expotunnel 2015 - Milano, 8 Ottobre 2015. - enrico.pizzarotti@proiter.it Settore Fondazioni Speciali e Opere in Sotterraneo

Convention Expotunnel 2015 - Milano, 8 Ottobre 2015. - enrico.pizzarotti@proiter.it Settore Fondazioni Speciali e Opere in Sotterraneo Classificazioni geomeccaniche Bieniawski (1989) Barton (1974) Caratterizzazione degli ammassi Hoek & Brown Barton Parametrizzazione geomeccanica Hoek & Brown Barton Dati utilizzati Confronto parametrizzazioni:

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

Aztec Informatica AZTEC ROCK 10.0. (Geomeccanica) MANUALE D USO

Aztec Informatica AZTEC ROCK 10.0. (Geomeccanica) MANUALE D USO Aztec Informatica AZTEC ROCK 10.0 (Geomeccanica) MANUALE D USO MANUALE D USO Geomeccanica Copyright 2007,2007 Aztec Informatica di Maurizio Martucci Tutti i diritti riservati. Qualsiasi documento tecnico

Dettagli

3.0 - Valore di A2... 37

3.0 - Valore di A2... 37 SOMMARIO RLGM (RILIEVO GEOMECCANICO)... 2 1.0 Premessa... 2 2.0 Rilievo delle discontinuità... 2 1) Orientazione... 3 2) Spaziatura (S)... 3 3) Continuità o Persistenza... 4 4) Scabrezza... 5 5) Resistenza

Dettagli

INDICE. Adeguamento SR435 Lucchese nel Comune di Pescia (PT) Dicembre 2005 1. GENERALITA...1 ALLEGATO A...2

INDICE. Adeguamento SR435 Lucchese nel Comune di Pescia (PT) Dicembre 2005 1. GENERALITA...1 ALLEGATO A...2 Adeguamento SR435 Lucchese nel Comune di Pescia (PT) P R O G E T T O E S E C U T I V O Dicembre 2005 INDICE 1. GENERALITA...1 ALLEGATO A...2 STR_02_Verifica_Terra_Armata_05122310_Rev_A.doc Adeguamento

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 1956, N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 1956, N. Normativa DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 Gennaio 1956, N. 164 -Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 - Attuazione dell'articolo

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

Dott. Ing. Francesca Santi PROVINCIA DI PRATO

Dott. Ing. Francesca Santi PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PRATO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DELLA PISTA CICLOPEDONALE PRATO- VAIANO NEL TRATTO A MONTE DELLA GALLERIA ESISTENTE IN LOCALITA CARTAIA E2 - RELAZIONE SPECIALISTICA DELLE STRUTTURE PRATO,

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

SPERIMENTALE PER LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO MECCANICO DI AMMASSI ROCCIOSI OGGETTO DI

SPERIMENTALE PER LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO MECCANICO DI AMMASSI ROCCIOSI OGGETTO DI APPLICAZIONE DI UNA METODOLOGIA DI INDAGINE SPERIMENTALE PER LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO MECCANICO DI AMMASSI ROCCIOSI OGGETTO DI COLTIVAZIONE IN SOTTERRANEO AREA ESTRATTIVA DEL MONTE TORRIONE, CARRARA

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI SOMMARIO 2 GENERALITA 3 3 DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI 3 4 PERICOLOSITA SISMICA 4 5 CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DEL TERRENO 4 6 MODELLI GEOTECNICI DI SOTTOSUOLO 5 7 VERIFICHE DELLA SICUREZZA E DELLE

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura.

Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura. Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura. La rete Tecco in acciaio ad alta resistenza è una soluzione innovativa per le opere di contenimento ed è una

Dettagli

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 LIBRO I Fondazioni e sostegni FONDAZIONI Scheda N : SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 Libro I Casi particolari Fondazioni sotto pressione L incidenza dell acqua che non riesce a risalire liberamente al di sopra

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7.

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7. 124 7 Indagini e prove in situ 88-08-07273-8 contrasto manometro martinetto idraulico micrometro piastre sostegno del micrometro FIGURA 7.19 pressione unitaria a) cedimento il controllo della deformabilità

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 OGGETTO: Competenze del Geologo in materia di progettazione,

Dettagli

Metodologia laser scanning per lo studio della stabilità dei fronti di cava apuani mediante modellazione numerica ad elementi distinti

Metodologia laser scanning per lo studio della stabilità dei fronti di cava apuani mediante modellazione numerica ad elementi distinti Metodologia laser scanning per lo studio della stabilità dei fronti di cava apuani mediante modellazione numerica ad elementi distinti Tesi di Laurea di Machetti Emilio Relatore: Prof. Riccardo Salvini

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII F. Aloi Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Napoli Federico II ferdinando.aloi@unina.it

Dettagli

ELABORATO: OGGETTO: Programma economico finanziario. Comune di Seravezza (LU) Comune di Stazzema (LU)

ELABORATO: OGGETTO: Programma economico finanziario. Comune di Seravezza (LU) Comune di Stazzema (LU) OGGETTO: Progetto di coltivazione della cave di Monte Costa denominate Cava Medicea superiore ed inferiore e recupero dei detriti di lavorazione finalizzato alla messa in sicurezza del versante Ai sensi

Dettagli

www.romolodifrancesco.it

www.romolodifrancesco.it PREMESSA Il caso trattato è relativo ad un progetto di consolidamento di un edificio residenziale sito nel comune di Giulianova (TE), in funzione del dissesto palesato riconducibile anche a cedimenti delle

Dettagli

INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE:

INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE: COMUNE DI CAROLEI STATO DEI LUOGHI: In località Serrone si erge un imponente costone calcarenitico alla cui sommità è ubicata la proprietà Quintieri (V. planimetria allegata). Dalla parete esposta ad Est,

Dettagli

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo)

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo) 18/05/011 ES. Sforzo Una barra di acciaio AISI 304 a sezione tonda, di diametro pari a 10 mm, deve sorreggere una massa di t. Qual è lo sforzo a cui è soggetta la barra? Cosa accade se vengono aggiunti

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING Vitale Enza Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e.vitale@unicas.it

Dettagli

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI BERTIOLO AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE Asseverazione classificazione categoria Relazione sulle caratteristiche

Dettagli

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Brescia, Brescia, 28 28 Marzo Marzo 2009 2009 Dott. Ing. A. Sanzeni alex.sanzeni@ing.unibs.it

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie http://www.aztec.it/prodotto.aspx?cod=aztpac3d PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie Il calcolo delle paratie viene generalmente condotto nell ipotesi di deformazione piana, supponendo che

Dettagli

Anas SpA. Anas SpA. Direzione Centrale Progettazione. Camera di Commercio Como. Ministero Infrastrutture e Trasporti. Direzione Centrale Progettazione

Anas SpA. Anas SpA. Direzione Centrale Progettazione. Camera di Commercio Como. Ministero Infrastrutture e Trasporti. Direzione Centrale Progettazione Anas SpA Direzione Centrale Progettazione Ministero Infrastrutture e Trasporti RegioneLombardia Provincia di Como Camera di Commercio Como Anas SpA Direzione Centrale Progettazione INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI 1 Ruote dentate Le ruote dentate servono per la trasmissione del moto rotatorio continuo fra due alberi a distanza ravvicinata, con assi paralleli, concorrenti o sghembi. I denti della ruota motrice spingono,

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008.

Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008. GEOSTRU SOFTWARE WWW.GEOSTRU.COM Via C. Colombo 89 Bianco (RC) geostru@geostru.com PROGETTARE INTERVENTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA AMBIENTALE ALLA LUCE DELLE NTC Bogogno - NOVARA, 27 novembre 2012 Applicazioni

Dettagli

COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL.

COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL. AREA VIABILITA' SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI VIABILITA' II EX S.S. N 31 BIS DEL MONFERRATO. COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL. PROGETTO DEFINITIVO Revisione n 01 Descrizione

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Meccanica delle rocce e degli ammassi rocciosi

Meccanica delle rocce e degli ammassi rocciosi Meccanica delle rocce e degli ammassi rocciosi Riccardo BERARDI Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio - Università di Genova (riccardo.berardi@unige.it) «un uomo

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

INDICE TAVOLE ALLEGATI

INDICE TAVOLE ALLEGATI INDICE Premessa... 1 1. Inquadramento geografico... 1 2. Inquadramento geologico... 2 3. Inquadramento geomorfologico... 3 3.1 Stabilità geomorfologica... 4 4. Assetto strutturale... 5 4.1 Cenni di geologia

Dettagli

LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità

LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità Introduzione al cemento armato precompresso (c.a.p.) Gli stati di coazione e il concetto di pre-sollecitazione Lo stato di precompressione nel c.a.p

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

la bonifica definitiva del sito valanghivo.

la bonifica definitiva del sito valanghivo. Le opere di difesa dalle valanghe realizzate dalla Regione del Veneto: TIPOLOGIA - EFFICACIA - STATO DI CONSERVAZIONE dr Francesco SOMMAVILLA 1 Nell'ambito delle specifiche attività del Servizio Neve e

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

INDICE 1. GENERALITA... 3 2. INQUADRAMENTO SISMICO.. 3 3. DETERMINAZIONE DELLA CAPACITA PORTANTE DELLE FONDAZIONI E DEI

INDICE 1. GENERALITA... 3 2. INQUADRAMENTO SISMICO.. 3 3. DETERMINAZIONE DELLA CAPACITA PORTANTE DELLE FONDAZIONI E DEI 2 INDICE 1. GENERALITA... 3 2. INQUADRAMENTO SISMICO.. 3 3. DETERMINAZIONE DELLA CAPACITA PORTANTE DELLE FONDAZIONI E DEI COEFFICIENTI DI SPINTA DELLE TERRE 3.1 CAPACITA PORTANTE DEL SUBSTRATO ROCCIOSO

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE INTRODUZIONE Poiché un attività estrattiva così come proposta modifica notevolmente sia la morfologia sia le caratteristiche generali dei suoli, è opportuno, per mitigare

Dettagli

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Ciclo di Seminari Ricerca, Alta Formazione e Mitigazione del Rischio Idrogeologico in Calabria Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Prof. Ing. Enrico Conte La principale finalità

Dettagli

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI Convenzione di ricerca con Fixolite-Isobloc Prove di laboratorio tipologia prova 3a - spess=14cm INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PROGRAMMA DI PROVA E DETTAGLI COSTRUTTIVI

Dettagli

RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE

RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE Andrea Ferretti Università degli Studi di Perugia andreaferretti84@gmail.com Manuela Cecconi Università degli Studi di Perugia ceccon@unipg.it

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

Scheda tecnica Sto GK800 A+

Scheda tecnica Sto GK800 A+ Lastre isolanti preformate in polistirene espanso sinterizzato secondo EN 13163:2013 contenenti particelle di grafite. Prodotto a marchio CE. Identificazione tecnica X31 KTR. Caratteristiche Funzione è

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI SOMMARIO 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA pag. 2 4. ANALISI DEL QUADRO FESSURATIVO pag. 3 5. IPOTESI DI INTERVENTO pag. 4 6. CONCLUSIONI pag. 6 * * * *

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

INGEGNERIA NATURALISTICA PER LA STABILIZZAZIONE DI PENDII: VALUTAZIONI COMPARATIVE E ANALISI RIFERITE A CASI REALI

INGEGNERIA NATURALISTICA PER LA STABILIZZAZIONE DI PENDII: VALUTAZIONI COMPARATIVE E ANALISI RIFERITE A CASI REALI POLITECNICO DI TORINO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE E GEOTECNICA INGEGNERIA NATURALISTICA PER LA STABILIZZAZIONE DI PENDII: VALUTAZIONI COMPARATIVE E ANALISI RIFERITE A CASI REALI ELENA DE CURTI

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 SCHEDA TECNICA

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 SCHEDA TECNICA TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 SCHEDA TECNICA Tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100 per fluidi in pressione I tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100, realizzati con materia

Dettagli

3 FENOMENI FRANOSI. 3.1 Definizioni. 3.2 Descrizione dei fenomeni franosi. 3.2.1 Caratteristiche delle frane. 3 Fenomeni franosi

3 FENOMENI FRANOSI. 3.1 Definizioni. 3.2 Descrizione dei fenomeni franosi. 3.2.1 Caratteristiche delle frane. 3 Fenomeni franosi 3 FENOMENI FRANOSI 3.1 Definizioni I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti

Dettagli

TRAFORO DEL MONTE BIANCO

TRAFORO DEL MONTE BIANCO TRAFORO DEL MONTE BIANCO DETERMINAZIONE DELLO STATO TENSIONALE DEL CALCESTRUZZO E DELLA ROCCIA A SEGUITO DELL INCENDIO VERIFICATOSI IL 24 MARZO 1999 PREMESSA Il Tunnel del Monte Bianco, inaugurato nel

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Tiranti Attivi attrezzati con Sistema TFEG

Tiranti Attivi attrezzati con Sistema TFEG Tiranti Attivi attrezzati con Sistema Sommario Il sistema è un applicazione meccanica che consente di migliorare le caratteristiche di trasferimento del carico da pali di fondazione, di piccolo, medio

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE

COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA Progetto preliminare, definitivo, esecutivo relativo all intervento di ripristino della viabilità della strada comunale Lentula-Torri interrotta a seguito

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo Monografia A Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo A.1 Introduzione 1 A.2 Aderenza 2 A.3 Lunghezza di ancoraggio 4 A.4 Parametri che influenzano l aderenza 5 A.5 Progettazione secondo la normativa

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

La valutazione della stabilità di versanti in roccia: aspetti metodologici ed applicazioni su aree campione del territorio campano

La valutazione della stabilità di versanti in roccia: aspetti metodologici ed applicazioni su aree campione del territorio campano UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI "FEDERICO II XX ciclo coordinatore: Prof. Lucio Lirer DOTTORATO DI RICERCA IN ANALISI DEI SISTEMI AMBIENTALI La valutazione della stabilità di versanti in roccia: aspetti

Dettagli

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM 1 1. Premessa La presente relazione ha per oggetto lo studio delle strutture in cemento armato in cui il rinforzo interno, anzichè

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO Professor Alessandro De Stefano PROVINCIA DI TORINO Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Via VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA ITC PASCAL Via Carducci, n. 4 - GIAVENO

Dettagli

Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma

Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma Ing. Marco Natale Field Engineer Hilti Italia S.p.A. Agenda Introduzione La progettazione degli staffaggi Fasi della

Dettagli

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura La deformazione plastica La deformazione plastica Lavorazioni per deformazione Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi della lezione Valutare

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

FONDAZIONI SU SU PALI

FONDAZIONI SU SU PALI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo (Commissione Geotecnica) Università degli studi di Bergamo (Facoltà di Ingegneria) Corso Corso di di aggiornamento aggiornamento NUOVE NUOVE NORME NORME

Dettagli

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti 1 PREMESSA... 2 2 METODO DI COLTIVAZIONE... 3 2.1 Scopertura del giacimento... 3 2.2 Estrazione e carico del calcare... 3 2.3 Trasporto all impianto... 3 2.4 Frantumazione... 3 2.5 Recupero ambientale...

Dettagli

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3 COMPOUND SERIE G P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E 1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO 1.1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO GUARNIFLON, oltre al PTFE vergine, dispone

Dettagli

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO. AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L CONSULENZA RELAZIONE GEOTECNICA

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO. AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L CONSULENZA RELAZIONE GEOTECNICA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L Elaborato SR4 Scala CONSULENZA Codice 2270C02_0 Data 0 Sett. 2011 1 2 3 Rev Titolo elaborato:

Dettagli

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti TRASMISSIONE AD INGRANAGGI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti GEOMETRIA DELLE RUOTE DENTATE La geometria delle ruote dentate si fonda sul modulo, m, dato da Dal modulo dipendono

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari Giornate aicap 2014 Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari 1 Percentuali dei volumi tra i vari costituenti del calcestruzzo

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

ESEMPIO DI EDIFICIO ESISTENTE IN MURATURA

ESEMPIO DI EDIFICIO ESISTENTE IN MURATURA ESEMPIO DI EDIFICIO ESISTENTE IN MURATURA Tipo sondaggio: endoscopia Identificazione: piano primo N sondaggio : E1 1 16 3 STRATIGRAFIA VERTICALE 1) Pavimentazione + sottofondo (4,5 cm) ) Tavellone in laterizio

Dettagli

INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO IN PARETI ROCCIOSE

INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO IN PARETI ROCCIOSE 1. ANALISI DELLA STABILITA DEL VERSANTE: - Inquadramento geomorfologico e stratigrafico; - rilievo geostrutturale; - caratteristiche geotecniche (classifica beniaski) e analisi di stabilità. 2. SCELTA

Dettagli

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale... CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...) Il progetto architettonico delle opere in collaudo per

Dettagli

Riferimenti Lucio Amato Direzione Tecnica Alessandro Sorrentino Luciano Ardito. Clienti Ingegneri, architetti, geometri, CTU

Riferimenti Lucio Amato Direzione Tecnica Alessandro Sorrentino Luciano Ardito. Clienti Ingegneri, architetti, geometri, CTU TECNO IN GEOSOLUTIONS - CASE HISTOY TECNO IN GEOSOLUTIONS - CASE HISTOY La valutazione della resistenza a compressione del calcestruzzo in opera: dalla resistenza del campione cilindrico prelevato mediante

Dettagli

MODELLAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CONSOLIDAMENTO IN ZONA PASSIVA NELLE OPERE DI SOSTEGNO FLESSIBILI

MODELLAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CONSOLIDAMENTO IN ZONA PASSIVA NELLE OPERE DI SOSTEGNO FLESSIBILI MODELLAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CONSOLIDAMENTO IN ZONA PASSIVA NELLE OPERE DI SOSTEGNO FLESSIBILI Università Politecnica delle Marche, GES s.r.l. Spin-Off dell Università Politecnica delle Marche e-mail:

Dettagli

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO COMUNE DI MALOSCO Provincia di Trento PROGETTO INTERVENTO DI SOMMA URGENZA RECUPERO E CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE DEL MURO DI SOSTEGNO SU P.F. 666 C.C. MALOSCO I IN VIA MIRAVALLE. Relazione di calcolo COMMITTENTE

Dettagli

PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO Le caratteristiche topografiche e geometriche delle aree interessate dal piano di coltivazione si possono rilevare mediante l esame delle planimetrie, delle

Dettagli