PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RIPRISTINO AMBIENTALE DELLA CAVA "SBASSO-CONFINE" NEI COMUNI DI SERAVEZZA E STAZZEMA (LU)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RIPRISTINO AMBIENTALE DELLA CAVA "SBASSO-CONFINE" NEI COMUNI DI SERAVEZZA E STAZZEMA (LU)"

Transcript

1 PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RIPRISTINO AMBIENTALE DELLA CAVA "SBASSO-CONFINE" NEI COMUNI DI SERAVEZZA E STAZZEMA (LU) RELAZIONE GEOSTRUTTURALE E VERIFICHE DI STABILITA ai sensi della L.R. 78/98 IL PROPONENTE DEMETRA ITALIA SRL Il Legale Rappresentante Attilio Bencaster IL PROGETTISTA Dr. Geol. Sergio Matteoli Geofield srl COLLABORATORI Dr. Geol. Elisa Livi Dr. Geol. Giuseppe Nirta Dr. Geol. Diego Furesi CODICE ELABORATO SCALA REVISIONE NO. DATA C _ 1.0EL

2 Sommario 1. PREMESSA CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DELLA ROCCIA INTATTA CARATTERIZZAZIONE DELLE DISCONTINUITÀ VERIFICHE DI STABILITÀ CINEMATICHE CONCLUSIONI PRESCRIZIONI E MISURE DI SICUREZZA ALLEGATI: Tabella sintesi fratture Elaborati grafici verifiche cinematiche Disegni di sistema reti TECCO e SPIDER della ditta Geobrugg 2

3 1. PREMESSA Gli ammassi rocciosi costituenti i fronti di cava di cave di lapidei ornamentali ed i fronti naturali e/o artificiali prossimi ad essi sono costituiti da un insieme fisco di blocchi di roccia intatta separati tra loro da discontinuità fisiche di varia natura (joint, superfici di stratificazione, ). Per definire le caratteristiche geomeccaniche di un ammasso roccioso e descrivere il suo comportamento allo scavo devono essere definite sia le caratteristiche meccaniche della roccia intatta, sia le caratteristiche geometriche e meccaniche delle discontinuità presenti al suo interno. In particolare gli ammassi rocciosi superficiali o a modesta profondità, quali quelli di scarpate e fronti di cava, manifestano un comportamento tenso-deformativo influenzato in modo determinate dalla presenza di discontinuità, che rappresentano un punto di estrema debolezza nell ammasso costituente il fronte. Le caratteristiche geometriche e meccaniche delle discontinuità risultano quindi di fondamentale importanza nell analisi di stabilità di fronti di scavo in roccia. 2. CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DELLA ROCCIA INTATTA I litotipi interessati dalla coltivazione hanno buone caratteristiche fisico-meccaniche e tecniche, che consentono l utilizzo per svariati usi, sia decorativi che strutturali. Per le caratteristiche geomeccaniche della roccia intatta si è fatto riferimento alle proprietà meccaniche del materiale merceologicamente indicato come Marmo Bardiglio Cappella (tab I), contenuti nel database ISICENTRY dell Internazionale Marmi e Macchine di Carrara SpA (http://www.isicentry.immcarrara.com/portale/portale.asp): 3 Scheda materiale Denominazione commerciale: Denominazione scientifica: Località cava: Regione cava: Nazione cava: Descrizione: BARDIGLIO CAPPELLA marmo Seravezza Toscana Italy Marmo di colore grigio scuro, a grana fine, con venature di colore bianco-grigie chiare non uniformi. Il colore scuro è dovuto alla presenza di pirite microcristallina.

4 Normativa Parametro U.M. Valore Fonte Carico di rottura a compressione kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Carico unitario di rottura a flessione kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Modulo di elasticità lineare (Young's) kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Carico di rottura a compressione dopo kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, cicli di gelività Dilatazione lineare termica mm/ml C 0,0039 Coefficiente di imbibizione d'acqua % 0,12 R.D. 2232/39 Peso per unità di volume kg/m Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, R.D. 2232/39 Resistenza all'urto cm 50 Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Resistenza all'abrasione mm 0,31 Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Carico di rottura a compressione kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Carico di rottura a compressione dopo kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, cicli di gelività Dilatazione lineare termica mm/ml C 0,0054 R.D. 2232/39 Coefficiente di imbibizione d'acqua % in peso 0,187 Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, R.D. 2232/39 Peso per unità di volume kg/m Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, R.D. 2232/39 Resistenza all'urto cm 32 Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Carico di rottura a trazione indiretta kg/cm mediante flessione Usura per attrito radente 0,49 R.D. 2232/39 Modulo di elasticità kg/cm Marmi Italiani: guida tecnica. Vol 1. Istituto Commercio Estero. Roma: Vallardi, Tab. 1 Scheda delle caratteristiche fisico-meccaniche del marmo Bardiglio Cappella 4 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE DISCONTINUITÀ Al fine di definire le caratteristiche geometriche e meccaniche delle discontinuità è stato condotto uno specifico rilevamento geostrutturale-geomeccanico di campagna, attraverso n.8 stendimenti eseguiti in corrispondenza dei fronti di cava esistenti e delle pareti naturali presenti in prossimità di essi. I fronti sono caratterizzati da orientazioni diverse, in modo da consentire il rilievo di tutti i sistemi presenti. L ubicazione degli stendimenti condotti è visibile in Tav. B1; gli stendimenti hanno le seguenti caratteristiche riassuntive: N stendimento dip direction/dip Tipo di affioramento Lunghezza (m) St1 45/50 fronte di scavo 4,0 St2 70/90 fronte di scavo 45,0 St3 210/70 fronte di scavo 12,0 St3bis 210/70 fronte di scavo 16,0 St4 150/87 fronte di scavo 18,0 St5 75/90 fronte di scavo 18,0 St6 230/70 fronte di scavo 15,0 St7 210/67 fronte di scavo 23,0 St8 132/90 fronte di scavo 27,5

5 Relativamente all orientazione delle discontinuità presenti di seguito si riporta la proiezione stereografica dei poli delle discontinuità, con le corrispondenti curve di isodensità ed i sistemi di discontinuità riconosciuti: Stendimento St1 Stendimento St2 5 Stendimento St3+3bis Stendimento St4 Stendimento St5 Stendimento St6

6 Stendimento St7 Stendimento St8 K1 80/57 K2 328/69 K3 267/62 K4 155/83 K5 360/53 K6 26/11 Totale stendimenti 6 Totale stendimenti Fig. 1 Proiezione stereografica dei poli delle discontinuità relative agli stendimenti condotti e diagramma a rosa. Il rilievo delle orientazioni delle discontinuità evidenzia la presenza di n.6 sistemi di discontinuità principali di cui due coniugati andamento NE-SW sub-verticali o ad alta indicazione (K2, K4), due coniugati ad andamento NNW-SSE con inclinazione media (K1, K3), uno ad andamento E-W con inclinazione media (K5) ed uno ad andamento NW-SE a bassa inclinazione (K6). I sistemi K1 e K3 sono paralleli alla direzione assiale delle pieghe, mentre i sistemi K2 e K4 sono perpendicolari ad essa.

7 I sistemi di discontinuità individuati possono essere in parte ricondotti ai sistemi, indicati nel gergo locale dei cavatori, come secondo e contro ; il secondo corrisponde alle discontinuità che hanno orientazione circa E-W e inclinazione prossima alla verticale o molto elevata (K2, K4), mentre il contro corrisponde a discontinuità ad andamento circa N-S (K1, K3). I dati evidenziano, all interno di ciascun sistema, una variabilità nelle orientazioni e nelle inclinazioni che rendono conto dell andamento ondulato dei piani di fratturazione osservabile sui fronti di cava. A livello generale nell area estrattiva si riconoscono due discontinuità principali di ordine maggiore che sono ben evidenti sul fronte di cava principale; è ipotizzabile che in corrispondenza di tali discontinuità siano state sedi di movimento con rigetti di modesta entità. Tali discontinuità hanno andamento circa ENE-WSW e inclinazione elevata fino a sub-verticale, appartenenti quindi al sistema K4. Per ogni discontinuità misurata lungo gli stendimenti sono state rilevate le caratteristiche che ne controllano il comportamento meccanico, in coerenza a quanto indicato dalle linee guida ISRM 1. I parametri che sono stati rilevati sono i seguenti: persistenza apertura rugosità alterazione riempimento condizioni idrauliche Per quanto riguarda la rugosità delle discontinuità, dal momento che le discontinuità che risultano avere maggiore importanza nei fenomeni di stabilità sono spesso quelle caratterizzate da elevata persistenza, è stato fatto riferimento non solo alla rugosità a piccola scala, ma anche a quella a grande scala, attribuendo un JRC rappresentativo di 1,0 m di discontinuità, secondo le indicazioni di Barton 2. Relativamente al fronte di scavo interessato dallo stendimento è stato preso in considerazione il fatto che esso fosse rappresentato da un fronte naturale o da un fronte di scavo disturbato dalla metodologia di abbattimento utilizzata (esplosivo). 7 1 INTERNATIONAL SOCIETY FOR ROCK MECHANICS COMMISSION ON STANDARDIZATION OF LABORATORY AND FIELD TESTS (1978) Suggested methods for the quantitative description of discontinuities in rock masses. INTERNATIONAL SOCIETY FOR ROCK MECHANICS CLASSIFICATION OF ROCKS AND ROCK MASSES (1981) Basic geotechnical description (BGD) of rock masses. 2 Barton N. (1987) Predicting the behaviour of underground opening in rock. Manuel Rocha Memorial Lecture, Lisbon. NGI Publication 172, Also Geotecnia 53, July 1988.

8 I dati rilevati per ciascuna discontinuità sono stati elaborati accorpandoli per ogni singolo set di discontinuità, in modo da indagare la distribuzione di frequenza dei diversi fattori che caratterizzano le discontinuità ed in particolare quelli che ne controllano la resistenza. In riferimento al grado di alterazione delle discontinuità, osservando l istogramma (fig. 2) di sintesi dei dati rilevati si osserva che la classe più rappresentata in generale risulta essere quella delle fratture fresche, che non presentano segni di alterazione, ad eccezione di alcune lievi decolorazioni delle pareti; la seconda classe più rappresentata è quella delle discontinuità leggermente alterate, caratterizzate da una decolorazione totale del materiale accompagnato da una diminuzione delle caratteristiche geomeccaniche di resistenza. Circa il 20% delle discontinuità presenta caratteristiche di moderata alterazione, con presenza di porzioni di roccia decomposta e/o disintegrata. Osservando le distribuzioni del grado di alterazione nei singoli sistemi si evidenzia che il K3 e il K6 mostrano in linea generale condizioni di alterazione meno spinta, con oltre il 65% delle fratture che risultano non alterate; il sistema K2 e K5 mostrano in linea generale condizioni di alterazione più spinta con oltre l 80% delle discontinuità che risultano leggermente o moderatamente alterate. In riferimento alla rugosità delle discontinuità (fig. 3), osservando l istogramma di sintesi dei dati rilevati si osserva che le classi più rappresentate in generale (oltre il 50% dei dati in totale) risultano essere quelle dell intervallo di JRC 0,4-0,9, rappresentativa di discontinuità piane lisce, e dell intervallo 8,0-9,0 rappresentativa di discontinuità ondulate rugose; la seconda classe più rappresentata (circa il 40% dei dati) è quella delle discontinuità con valori di JRC 1,9-2,3 rappresentativa di discontinuità piane rugose e 6,0-8,0 rappresentativa di discontinuità ondulate lisce. I restanto valori si distribuiscono nelle restanti classi di JRC. Osservando le distribuzioni della rugosità nei singoli sistemi si evidenzia che il set K2 e il K5 mostrano in linea generale condizioni di maggiore rugosità con oltre il 60% delle discontinuità che risultano avere un JRC 8. In riferimento alla persistenza delle discontinuità, osservando l istogramma di sintesi dei dati rilevati (fig. 4) si osserva che le classi più rappresentate in generale quelle di persistenza bassa (1-3m) e media (3-10m); sono rare le discontinuità con persistenza bassa e molto elevata. Osservando le distribuzioni della persistenza nei singoli sistemi si evidenzia che le discontinuità del sistema K4 presentano una persistenza maggiore delle altre famiglie di discontinuità, con oltre il 44% dei dati che ricade nella classe elevata, rappresentativa di discontinuità di persistenza pari a 10-20m. Le due discontinuità principali, che interessano il fronte di cava principale appartengono, infatti, a questo sistema. 8

9 Le discontinuità del sistema K6, K5 e K1 sono caratterizzati da una persistenza minore, con il 40-50% di discontinuità che risultano caratterizzate da persistenza bassa (1-3) o più raramente molto bassa (>1). % Set K1 grado di alterazione Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d Set K2 grado di alterazione Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d. 70 Set K3 grado di alterazione 35 Set K4 grado di alterazione Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d. 0 Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d Set K5 grado di alterazione 70 Set K6 grado di alterazione Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d. 0 Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d Fratture totali grado di alterazione Fresco Legg. Alt. Mod. Alt. n.d. Fig.2 Istogrammi relativi al grado di alterazione dei sistemi di discontinuità

10 Set K1 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Set K2 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Set K3 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Set K4 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Set K5 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Set K6 JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, , Fratture totali JRC 0-0,4 0,4-0,9 0,9-1,9 1,9-2,3 2,3-6,0 6,0-8,0 8, ,0-11 Fig. 3 Istogrammi relativi alla rugosità (JRC, 1m) dei sistemi di discontinuità

11 Set K1 persistenza molto bassa bassa media elevata molto elavata Set K2 persistenza molto bassa bassa media elevata molto elavata 60 Set K3 persistenza 50 set K4 persistenza molto bassa bassa media elevata molto elavata 0 molto bassa bassa media elevata molto elavata % Set K5 persistenza molto bassa bassa media elevata molto elavata Fratture totali persistenza molto bassa bassa media elevata molto elevata Set K6 persistenza molto bassa bassa media elevata molto elavata Fig. 4 Istogrammi relativi alla persistenza dei sistemi di discontinuità 11

12 Per stimare la resistenza al taglio lungo le discontinuità ed in particolare l angolo di attrito da utilizzarsi nelle verifiche di stabilità cinematica, si è fatto riferimento alle relazioni empiriche fornite dal criterio di Barton 3, che definisce la resistenza al taglio lungo le discontinuità, come segue: = n *tan[jrc*log 10 *(JCS/ n )+ b ] dove: n : sforzo normale JRC: coefficiente di rugosità delle superfici di discontinuità JCS: resistenza a compressione delle superfici di discontinuità b : angolo di attrito di base Il criterio di rottura di Barton è un criterio non lineare, che consente di valutare un angolo di attrito di picco medio, all interno di un intervallo tensionale entro per cui possa essere ritenuto valido un criterio rettilineo, tramite la formula seguente: P = b JRC* log 10 *(JCS/ max ) dove: P : angolo di attrito di picco medio b : angolo di attrito di base JRC: coefficiente di rugosità delle superfici di discontinuità JCS: resistenza a compressione delle superfici di discontinuità max = *h max = peso di volume h max = massima altezza fronte 12 Il valore di angolo di attrito di base può essere ricavato da dati di letteratura, derivati da prove di tilt-test e da prove di taglio di laboratorio 4, ed è considerato cautelativamente pari a 35. Il valore di JRC, dai dati derivanti dai rilievi di campagna, risulta variabile da un minimo di 0.4 ad un massimo di 11, con un valore medio di 5 e modale di Barton N.R. (1973) Review of a new shear strength criterion for rock joints. Engineering Geology, 7, Barton N.R. (1976) Recent experiences with the Q-system of tunnel support design. Pro.Symp. on Exploration for Rock Engineering, Johannesburg, Ed. Bieniawski, Balkema, Rotterdam, Barton N.R. & Choubey (1977) The shera strength of rock joints in theory and practice. Rock Mechanics, 10, Barton N.R. & Bandis S.C. (1990) Review of predictive capabilities of JRC-JCS model in engineering practice. In: Rock joints, Proc.Int. Symp. On Rock joints, Loen, Norway, es7ds. N.Barton and O.Stephansson, , Balkema, Rotterdam. 4 Rutthapol Kemthong (2006) - Determination of rock joint shear strength based on rock physical properties. Thesis Submitted in Partial Fulfillment of the Requirements for the Degree of Master of Engineering in Geotechnology Suranaree University of Technology Academic. G. Grasselli, P. Egger (2003) - Constitutive law for the shear strength of rock joints based on three-dimensional surface parameters. International Journal of Rock Mechanics & Mining Sciences 40 (2003)

13 Per la resistenza a compressione della roccia intatta consideriamo che i valori indicati per le pietre ornamentali provengono da prove di laboratorio condotte su provini cubici di dimensioni 70x70x70mm (come previsto dalla legislazione italiana), che sovrastimano, rispetto a prove di laboratorio condotte su provini cilindrici (con rapporto altezza diametro pari a 2), il valore di resistenza a compressione di circa 30-40MPa 5. Il valore di resistenza a compressione della roccia intatta da prendere come riferimento per la stima del JCS è cautelativamente 95MPa. Seguendo le linee guida ISRM, si considera che per discontinuità fresche il valore di c risulti uguale a quello della roccia intatta, per discontinuità leggermente alterate o moderatamente alterate sia pari a ½ c e nel caso di discontinuità fortemente alterate o completamente alterate risulti pari a 0.1 c. In riferimento alle caratteristiche delle discontinuità rilevate e sopra descritte, il valore di JCS è assunto quindi variabile nell intervello 47,5-95MPa rispettivamente per discontinuità fresche e leggermente o moderatamente alterate. Il valore dello sforzo normale è stato calcolato facendo riferimento allo spessore sovrastante le fratture potenzialmente interessate da instabilità, che risulta avere un valore massimo pari a circa 35m; il valore del peso di volume della roccia intatta è stato assunto pari a 2,693 t/m 3. Il valore dell angolo di attrito, calcolato tramite il criterio di Barton, facendo riferimento agli intervalli di variabilità dei parametri sopra indicati, risulta variabile nell intervallo P =35,7-46. Nelle verifiche di stabilità cinematiche si farà riferimento a tale intervallo di valori VERIFICHE DI STABILITÀ CINEMATICHE Le analisi di stabilità cinematiche sono condotte attraverso l utilizzazione delle proiezioni stereografiche e consentono di verificare la possibilità cinematica di sviluppo di vari meccanismi di instabilità 6. Lo scopo delle analisi cinematiche è quello di individuare se, per determinati rapporti geometrici del fronte di scavo e del reticolo delle discontinuità, il fenomeno di instabilità indagato risulta cinematicamente possibile, ovvero se esistono le possibilità di sviluppo di meccanismo di movimento cinematicamente ammissibili. Le analisi cinematiche richiedono l assunzione di alcune ipotesi semplificate di base: 5 Coli M., Livi E., Berry P., Bandini A., Jia X. (2010) Studies for rockburst prediction in the Carrara Marble (Italy). 5th International Symposium on In-situ Rock Stress. 6 Hoek E. & Bray J.W. (1981) Rock Slope Engineering. 3 rd Ed. Inst. Of Mining and Metallurgy, London, 358 pp. Goodman R.E. (1989 Introduction to Rock Mechanics. John Wiley & Sons Ltd., New York, 562 pp. Markland J.T. (1972) A useful technique for estimating the stability of rock slopes when the rigid wedge sliding type of failure is expected. Imperial College RockMechanics Research Report, 19, 10 pp. Hudson J.A. & Harrison J.P. (1997) Engineering Rock Mechanics: am introduction to the principles. Pergamon, 440 pp.

14 l ammasso roccioso è considerato diviso in blocchi di roccia tridimensionali, rigidi e separati da discontinuità piane e infinitamente persistenti i blocchi sono sottoposti alla sola forza peso; non sono prese in considerazione eventuali sollecitazioni aggiuntive come quelle introdotte dalle pressioni idrauliche o da eventuali accelerazioni sismiche la resistenza al taglio lungo le discontinuità è puramente attritiva ed espressa da un angolo di attrito; il parametro geomeccanico più significativo per tali analisi è l angolo di attrito. Le analisi stereografiche sono basate su tecniche grafiche che utilizzano la proiezione stereografica come strumento per rappresentare i poli delle discontinuità e le loro intersezioni e per individuare le aree critiche per i diversi cinematismi. Le costruzioni grafiche, specifiche per ogni cinematismo, rispettano le condizioni geometriche cinematiche necessarie per lo sviluppo di ogni cinematismo e consentono di individuare le aree di instabilità dei poli delle discontinuità e delle loro intersezioni. Le verifiche di stabilità cinematiche sono state condotte utilizzando il software Dips Rocscience inc. e il software DipAnalyst Kinematic Analysis Software for Rock Slopes creato da Yonathan Admassu della Kent State University Ashtabula, Ohio, USA (http://www.dipanalyst.com/default.html). Il software è stato sviluppato per l esecuzione delle verifiche cinematiche di stabilità dei fronti in roccia, utilizzando le proiezioni stereografiche e consente di verificare la stabilità rispetto al meccanismo dello scivolamento planare, di cunei e del ribaltamento. Il programma DipAnalyst consente di applicare un approccio quantitativo per le analisi cinematiche, attraverso la definizione di failure indices, calcolati per ogni meccanismo di stabilità come il rapporto fra il numero di discontinuità che causa la data instabilità ( o il numero di intersezioni nel caso dello scivolamento di cunei) e il numero totale di discontinuità (o di linee di intersezione). Il programma consente inoltre delle semplici analisi di sensitività sui parametri che maggiormente influenzano la stabilità del fronte: angolo di attrito delle discontinuità, dip e dip direction del fronte. Tutte le analisi sono state condotte facendo riferimento all intero numero di discontinuità rilevato nei diversi stendimenti condotti; gli stendimenti sono stati condotti su fronti con orientazioni diverse, si ritiene quindi che l insieme delle discontinuità rilevate sia maggiormente rappresentativa delle discontinuità di un solo stendimento. I fronti che sono stati oggetto di analisi sono: il fronte principale, dopo la fase di messa in sicurezza, i fronti generati dall escavazione e il taglio della strada;; essi hanno le seguenti orientazioni: 14

15 N Fronte Dip direction/dip 1 Scarpata esistente/ inviluppo gradoni di scavo 210/70 2 Alzata gradoni di scavo 210/90 3 Fronte principale dopo messa in sicurezza 56/75 4 Fronte principale inviluppo gradoni di scavo 56/71 5 Fronte principale alzata gradoni di scavo 56/90 6 Inviluppo gradoni di scavo 326/71 7 Alzata gradoni di scavo 326/90 8 Taglio strada di accesso 203/90 Di seguito si riportano i risultati delle verifiche condotte: Fronte 1 (210/70): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per questo fronte sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K3, in particolare per quelle meno inclinate e ad orientazione NNW- SSE. Le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medio-basse, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamenti flessurale Per questo fronte non si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere nulle, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NNW-SSE; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K3, ad orientazione NNW-SSE. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, in particolare per le intersezioni dei sistemi K5, K1 e K2, in modo tale da rendere cinematicamente possibili i fenomeni di instabilità in esame. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K3 e K4. 15

16 Fronte 2 (210/90): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per questo fronte sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K3 e K4. Le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medie, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato; per fronti con stessa orientazione e pendenze minori di circa 70 (fronte 1) la probabilità di instabilità per questo cinematismo risulta molto minori. Ribaltamenti flessurale Per questo fronte non si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere nulle, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NNW-SSE; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K3, ad orientazione NNW-SSE. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, in particolare per le intersezioni dei sistemi K5, K1 e K2, in modo tale da rendere cinematicamente possibili i fenomeni di instabilità in esame. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K3 e K4. 16 Fronte 3 e 4 (56/75 e 56/71): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per i fronti ad orientazione circa NW-SE sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K1 e K5. Le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medio-alte, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Per discontinuità caratterizzate da angoli di attrito minori si ha maggiore probabilità di sviluppo di questi cinematismi.

17 Ribaltamenti flessurale Per i fronti ad orientazione circa NW-SE si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia soltanto per alcune discontinuità del sistema K3; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere basse, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NW-SE e nel caso di valori di angolo di attrito maggiore anche discontinuità del sistema K1; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per le discontinuità del sistema K1. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, in particolare per le intersezioni dei sistemi K3, K4 e K2, K3, in modo tale da rendere cinematicamente possibili i fenomeni di instabilità in esame. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K1, K2 e K5 e K1, K4. 17 Fronte 5 (56/90): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per i fronti ad orientazione circa NW-SE sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K1, K5 e K2. Le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medio-alte, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Per discontinuità caratterizzate da angoli di attrito minori si ha maggiore probabilità di sviluppo di questi cinematismi; per fronti con stessa orientazione e pendenze minori la probabilità di instabilità per questo cinematismo risulta diminuire sensibilmente. Ribaltamenti flessurale Per i fronti ad orientazione circa NW-SE si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia soltanto per alcune discontinuità del sistema K3; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere medio-basse, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato.

18 Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NW-SE e nel caso di valori di angolo di attrito maggiore anche discontinuità del sistema K1; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per le discontinuità del sistema K1. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, in particolare per le intersezioni dei sistemi K3, K4 e K2, K3, in modo tale da rendere cinematicamente possibili i fenomeni di instabilità in esame. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K1, K2 e K5 e K1, K4. Fronte 6 (326/71): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per i fronti ad orientazione NE-SW sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K5 e K2 principalmente e solo marginalmente per le discontinuità del sistema K3, in particolare per quelle meno inclinate e ad orientazione NE- SW. La probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medio-alte, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamenti flessurale Per i fronti ad orientazione circa NE-SW si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia per le discontinuità del sistema K4; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere medie, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NE-SW; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K2 e K5, a inclinazione media. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, ma meno probabili rispetto agli altri fronti analizzati. 18

19 Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K3, K5 e K3, K2. Fronte 7 (326/90): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per i fronti ad orientazione NE-SW sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K2, K3 e K5. La probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medio-alte, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato; per fronti con stessa orientazione e pendenze minori la probabilità di instabilità per questo cinematismo risulta diminuire sensibilmente, in particolare per le condizioni cinematiche del sistema K3. Ribaltamenti flessurale Per i fronti ad orientazione circa NE-SW si verificano le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia per le discontinuità del sistema K4; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere medie, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NE-SW; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano per alcune discontinuità del sistema K5 e per le discontinuità del sistema K2. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, ma meno probabili rispetto agli altri fronti analizzati. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K3, K5 e K3, K2. 19

20 Fronte 8 (203/85): Scivolamento planare I fenomeni di scivolamento planare per i fronti ad orientazione WNW-ESE sono possibili per le discontinuità appartenenti al sistema K3, in particolare per quelle meno inclinate e ad orientazione NNW-SSE, e per alcune discontinuità a minore inclinazione del sistema K4. Le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano essere medie, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamenti flessurale Per i fronti ad orientazione WNW-ESE le condizioni cinematiche per il ribaltamento flessurale di lastre di roccia risultano essere basse e interessano il sistema K5, in particolare per le discontinuità caratterizzate da bassi valori dell angolo di attrito;; le probabilità di instabilità per questo cinematismo risultano quindi essere basse, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato. Ribaltamento di blocchi di roccia Le condizioni cinematiche dei piani basali per il solo ribaltamento di blocchi di roccia si verificano soltanto per alcune discontinuità del sistema K6, ad orientazione NNW-SSE; i cinematismi legati a meccanismi di ribaltamento associato a scivolamento si verificano soltanto per alcune discontinuità random. Le condizioni cinematiche per le intersezioni dei piani delle discontinuità che individuano i blocchi di roccia soggetti a ribaltamento risultano essere verificate, in particolare per le intersezioni dei sistemi K5, K1, K2 e K1, K4, in modo tale da rendere cinematicamente possibili i fenomeni di instabilità in esame. Scivolamento di cunei La probabilità che si sviluppino cinematismi per scivolamento di cunei rocciosi risulta elevata, per l intervallo di variabilità di angolo di attrito considerato, in particolare per le intersezioni del sistema K3 e K4. 20

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DELL AMMASSO ROCCIOSO

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DELL AMMASSO ROCCIOSO Dott. Claudio Depoli / 0343 20052 0343-21689 COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72

Dettagli

RILIEVO GEOMECCANICO

RILIEVO GEOMECCANICO RILIEVO GEOMECCANICO LAVORO: STUDIO DI DETTAGLIO LOCALITÀ: San Pietro Sovera, Comune di Corrido (Co) RILIEVO N.: RG 1 DESCRIZIONE GEOLOGICA AFFIORAMENTO: roccia di natura calcarea, grigia e ben stratificata

Dettagli

INDICE. Adeguamento SR435 Lucchese nel Comune di Pescia (PT) Dicembre 2005 1. GENERALITA...1 ALLEGATO A...2

INDICE. Adeguamento SR435 Lucchese nel Comune di Pescia (PT) Dicembre 2005 1. GENERALITA...1 ALLEGATO A...2 Adeguamento SR435 Lucchese nel Comune di Pescia (PT) P R O G E T T O E S E C U T I V O Dicembre 2005 INDICE 1. GENERALITA...1 ALLEGATO A...2 STR_02_Verifica_Terra_Armata_05122310_Rev_A.doc Adeguamento

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA D.I.C. - Sezione Georisorse e Ambiente Università di Trieste LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA Eugenio Castelli, Ph.D. Docente di Ingegneria e sicurezza degli scavi presso l Università

Dettagli

Convention Expotunnel 2015 - Milano, 8 Ottobre 2015. - enrico.pizzarotti@proiter.it Settore Fondazioni Speciali e Opere in Sotterraneo

Convention Expotunnel 2015 - Milano, 8 Ottobre 2015. - enrico.pizzarotti@proiter.it Settore Fondazioni Speciali e Opere in Sotterraneo Classificazioni geomeccaniche Bieniawski (1989) Barton (1974) Caratterizzazione degli ammassi Hoek & Brown Barton Parametrizzazione geomeccanica Hoek & Brown Barton Dati utilizzati Confronto parametrizzazioni:

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI SOMMARIO 2 GENERALITA 3 3 DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI 3 4 PERICOLOSITA SISMICA 4 5 CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DEL TERRENO 4 6 MODELLI GEOTECNICI DI SOTTOSUOLO 5 7 VERIFICHE DELLA SICUREZZA E DELLE

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it

RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it Indice 1 CLASSIFICAZIONE DELLE ROCCE... 2 2 LA SISTEMATIZZAZIONE DELLE DISCONTINUITÀ... Errore. Il segnalibro non è definito.

Dettagli

C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l.

C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l. C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l. GAVORRANO (GROSSETO) CAVA POGGIO GIROTONDO PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RECUPERO AMBIENTALE (Ai sensi del. G.R. 11/02/2002 n 138, punto 5) VARIANTE IN AMPLIAMENTO

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

GEOSTRU SOFTWARE SLOPE Il software per la stabilità dei pendii naturali opere di materiali sciolti fronti di scavo

GEOSTRU SOFTWARE SLOPE Il software per la stabilità dei pendii naturali opere di materiali sciolti fronti di scavo GEOSTRU SOFTWARE SLOPE Il software per la stabilità dei pendii naturali opere di materiali sciolti fronti di scavo NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI D.M. 14 Gennaio 2008 GEOSTRU SOFTWARE SLOPE Prescrizioni

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

Aztec Informatica AZTEC ROCK 10.0. (Geomeccanica) MANUALE D USO

Aztec Informatica AZTEC ROCK 10.0. (Geomeccanica) MANUALE D USO Aztec Informatica AZTEC ROCK 10.0 (Geomeccanica) MANUALE D USO MANUALE D USO Geomeccanica Copyright 2007,2007 Aztec Informatica di Maurizio Martucci Tutti i diritti riservati. Qualsiasi documento tecnico

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

Tiranti Attivi attrezzati con Sistema TFEG

Tiranti Attivi attrezzati con Sistema TFEG Tiranti Attivi attrezzati con Sistema Sommario Il sistema è un applicazione meccanica che consente di migliorare le caratteristiche di trasferimento del carico da pali di fondazione, di piccolo, medio

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO COMUNE DI MALOSCO Provincia di Trento PROGETTO INTERVENTO DI SOMMA URGENZA RECUPERO E CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE DEL MURO DI SOSTEGNO SU P.F. 666 C.C. MALOSCO I IN VIA MIRAVALLE. Relazione di calcolo COMMITTENTE

Dettagli

PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO Le caratteristiche topografiche e geometriche delle aree interessate dal piano di coltivazione si possono rilevare mediante l esame delle planimetrie, delle

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO Professor Alessandro De Stefano PROVINCIA DI TORINO Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Via VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA ITC PASCAL Via Carducci, n. 4 - GIAVENO

Dettagli

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE:

INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE: COMUNE DI CAROLEI STATO DEI LUOGHI: In località Serrone si erge un imponente costone calcarenitico alla cui sommità è ubicata la proprietà Quintieri (V. planimetria allegata). Dalla parete esposta ad Est,

Dettagli

SAFERALPS. Prg n 6782-103 28-02-2012

SAFERALPS. Prg n 6782-103 28-02-2012 SAFERALPS Prg n 6782-103 28-02-2012 Study of the characteristics of the "via ferrata Analysis of the installation and maintenance techniques Similarities and differences in the Alps P1-Universität Salzburg

Dettagli

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I SEDE OPERATIVA STRADA CAVEDOLE 12/C 41126 PORTILE (MO) STUDIO GEOLOGICO E AMBIENTALE TEL E FAX +39 059 784335 CELL +39 339 8179913 DOTT.SSA CLAUDIA BORELLI e mail c.borelli@studio-borelli.191.it P. IVA

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata)

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) Software VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) (Manuale d uso - Versione 1.0.0) www.edificiinmuratura.it info@edificiinmuratura.it COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

3.0 - Valore di A2... 37

3.0 - Valore di A2... 37 SOMMARIO RLGM (RILIEVO GEOMECCANICO)... 2 1.0 Premessa... 2 2.0 Rilievo delle discontinuità... 2 1) Orientazione... 3 2) Spaziatura (S)... 3 3) Continuità o Persistenza... 4 4) Scabrezza... 5 5) Resistenza

Dettagli

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO Domenico Morini Dirigente Servizio Geologico Regione Toscana Stefano Romanelli La.m.m.a. Regione

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti TRASMISSIONE AD INGRANAGGI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti GEOMETRIA DELLE RUOTE DENTATE La geometria delle ruote dentate si fonda sul modulo, m, dato da Dal modulo dipendono

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA Art. 1 Denominazione Il marchio Marmo di Carrara con le sottodenominazioni alternativamente inscindibili Estratto nel Distretto di Carrara o Estratto e lavorato nel Distretto

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 TAVOLA 4 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DELLA PERICOLOSITA' GEOLOGICA DEL PIANO

Dettagli

ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA

ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA Alpe opera da oltre mezzo secolo nell estrazione, lavorazione e fornitura di Pietra di Luserna (Gneiss Lamellar). Esperienza, creatività e la continua ricerca

Dettagli

PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN. PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l.

PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN. PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l. Università degli Studi di Catania LABORATORIO UFFICIALE PROVE MATERIALI PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l. RELAZIONE DELLO STUDIO TECNICO DELLA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli

Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza

Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza MICHELE VINCI Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza Collana Calcolo di edifici in muratura (www.edificiinmuratura.it) Articolo 2 Ottobre 2013 Bibliografia:

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI INDICE 1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3 - DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI IN PROGETTO 4 BILANCIO DEI MATERIALI DI RISULTA 5 INDIVIDUAZIONE DELLE CAVE DI DEPOSITO 1 1 - PREMESSA La presente relazione

Dettagli

ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Pescara 13 Aprile 2011 Relatore Dott. Ing. Maria Angelucci Fattori che influenzano la progettazione strutturale Caratteristiche del pannello

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

--- durezza --- trazione -- resilienza

--- durezza --- trazione -- resilienza Proprietà meccaniche Necessità di conoscere il comportamento meccanico di un certo componente di una certa forma in una certa applicazione prove di laboratorio analisi del comportamento del componente

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma

Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma Ing. Marco Natale Field Engineer Hilti Italia S.p.A. Agenda Introduzione La progettazione degli staffaggi Fasi della

Dettagli

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta La scelta ed il dimensionamento di una soluzione fondale di tipo diretto superficiale è legata oltre alle caratteristiche del terreno su cui sorgerà la costruzione anche dal tipo di soluzione strutturale

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO CASI DI STUDIO

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO CASI DI STUDIO SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO Paolo Panzeri MILANO - maggio 2007 a.a. 2006-07 Eseguite sulle strutture

Dettagli

PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO

PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO Resistenza al taglio in corrispondenza dei contatti fra le particelle Definizione dell angolo di attrito Φ μ tgφ μ = f con f = coefficiente di attrito Interpretazione micromeccanicistica

Dettagli

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI Relatore: INDICE: Connettori metallici a gambo cilindrico alle tensioni ammissibili Approccio di calcolo agli stati limite - Teoria di Johansen - Formule proposte dalle

Dettagli

CDDWin - Computer Design of Declivity. CDDWin Release 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014 e 2015. Validazione del codice di calcolo

CDDWin - Computer Design of Declivity. CDDWin Release 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014 e 2015. Validazione del codice di calcolo CDDWin - Computer Design of Declivity CDDWin Release 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014 e 2015 Validazione del codice di calcolo ESEMPI DI VALIDAZIONE DEL PROGRAMMA CDDWin della S.T.S. S.r.l. Il programma

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 IL PROGETTO STRUTTURALE...2 3.1 I criteri di progettazione...2 3.2 L organismo strutturale...3 3.3 Le strutture di fondazione...3

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO D.P.R. n 380/01 s.m.i. art. 67 Lavori: Costruzione Progettista architettonico: con

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

Dott. Ing. Francesca Santi PROVINCIA DI PRATO

Dott. Ing. Francesca Santi PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PRATO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DELLA PISTA CICLOPEDONALE PRATO- VAIANO NEL TRATTO A MONTE DELLA GALLERIA ESISTENTE IN LOCALITA CARTAIA E2 - RELAZIONE SPECIALISTICA DELLE STRUTTURE PRATO,

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 1956, N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 1956, N. Normativa DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 Gennaio 1956, N. 164 -Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 - Attuazione dell'articolo

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI...

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI... Spett.le AOB2 S.r.l. Via XXV Aprile, 18 25038 Rovato (BS) OGGETTO: Stima di massima importo intervento di consolidamento vasche di ossidazione linea 2 impianto di depurazione di Chiari, in previsione di

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

Associazione Geotecnica Italiana

Associazione Geotecnica Italiana Associazione Geotecnica Italiana PROGRAMMAZIONE DELLE INDAGINI GEOTECNICHE COME ELEMENTO DELLA PROGETTAZIONE DI NUOVE OPERE E PER IL CONSOLIDAMENTO DI QUELLE ESISTENTI Il quadro normativo esistente e la

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

IL METODO GENERALE DI DEFINZIONE DELLA PERICOLOSITA

IL METODO GENERALE DI DEFINZIONE DELLA PERICOLOSITA IL DI DEFINZIONE DELLA PERICOLOSITA Il metodo elaborato cerca di legare il maggior numero di informazioni tecniche (geomeccanica, stato del versante soggetto a rotolamento, storia dei fenomeni, opere esistenti,

Dettagli

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol.

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol. COMUNE DI AVEZZANO (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82 Località Paterno Committente:Bernardi Mauro Geol. Annamaria Paris MASW Multichannel Analysis Surface Waves Il relatore Dott. Geol. Michele

Dettagli

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti;

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti; !""##"!$%&'((""!" )**&)+,)-./0)*$1110,)-./0)*!""##"!$%&'((""!" *&)23+-0-$4--56%--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di illustrare il meccanismo di calcolo che sta alla base del dimensionamento

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo)

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo) 18/05/011 ES. Sforzo Una barra di acciaio AISI 304 a sezione tonda, di diametro pari a 10 mm, deve sorreggere una massa di t. Qual è lo sforzo a cui è soggetta la barra? Cosa accade se vengono aggiunti

Dettagli

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI Verifica di vulnerabilità sismica Pagina 2 di 8 INDICE Premessa...3 Classificazione sismica...3 Vulnerabilità sismica...5 Indagini...5 Calcolo...6 Verifica

Dettagli

Guida all uso di RSL III

Guida all uso di RSL III Guida all uso di RSL III Dati generali Passo 1 - In «Home» si inseriscono i Dati generali; Passo 2- In «Dati generali» i dati d identificazione dello studio (descrizione, committente, ecc.); Passo 3 -

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE Il Responsabile Scientifico Dott. Ing. Fausto Mistretta Il

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione

IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione M. Collepardi Politecnico di Milano E-mail: mario.collepardi@polimi.it In un precedente articolo (Parte

Dettagli

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE CNR-DT 200/2004 Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo dicompositi Fibrorinforzati Materiali, strutture in c.a. e in c.a.p.,

Dettagli