L istituto della revocatoria fallimentare rappresenta ancor oggi, a distanza di oltre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L istituto della revocatoria fallimentare rappresenta ancor oggi, a distanza di oltre"

Transcript

1 LE SCELTE DEL LEGISLATORE DEL 1942 L istituto della revocatoria fallimentare rappresenta ancor oggi, a distanza di oltre cinquant anni dall entrata in vigore della legge fallimentare, un pilastro portante delle procedure concorsuali di tipo liquidatorio. Non v è infatti fallimento in cui il giudice delegato solleciti il decreto di chiusura ai sensi dell art. 118 l.f., senza aver prima invitato il curatore ad esaminare l eventualità di promuovere azioni revocatorie. Ancor oggi lo strumento dell azione revocatoria viene visto ed utilizzato come fattore di realizzazione dell attivo fallimentare. Ma se questo istituto è un pilastro fondamentale per le curatele, è al contrario una vera e propria mina vagante per la regolarità e certezza dei traffici commerciali e spesso un vero e proprio atto di ingiustizia per coloro che subiscono la revocatoria e sono al contempo estranei al mondo dei traffici commerciali (un esempio per tutti gli acquirenti di beni immobili che si vedono esposti al rischio di perdere la casa, che rappresenta il frutto di anni di risparmi). Da un punto di vista economico l istituto della revocatoria rappresenta un punto di crisi fra esigenze di tutela del credito ed esigenze di certezza dei traffici commerciali e dei rapporti giuridici. Definire l azione revocatoria come istituto attuale o anacronistico dipende anche dalla scelta di porsi rispetto ad essa in posizione statica o dinamica. Infatti ove si propendesse per una visione dell istituto ancorata ai principi sottesi alla ratio legis del 1942, si dovrebbe pensare che la revocatoria fallimentare è un 1

2 istituto del tutto anacronistico in quanto rivolto ad assicurare quella par condicio creditorum, che più volte il legislatore nel trascorrere degli anni ha cercato di demolire. Va evidenziato inoltre come anche la giurisprudenza della Corte di legittimità si sia incanalata verso un indirizzo di graduale ma progressiva emarginazione dell istituto revocatorio, a seguito delle reiterate e costanti pronunce intervenute in tal senso. Ma se invece si muove da una visione dinamica del fenomeno insolvenza, quale si è palesato nel corso del tempo, ci si avvede che ogni situazione fattuale presenta peculiarità tali da suggerire un uso nuovo (e per certi versi alternativo) dell azione revocatoria in funzione di evitare il più possibile aree di emarginazione dell istituto. Ed ancora, sempre nella prospettiva di verificare l attualità della revocatoria fallimentare, non è certo secondario accertare quale sia il baricentro dell azione. Se si pensa alla revocatoria ordinaria la risposta sembra pronta e sicura: il pregiudizio dei creditori determinato dall effettiva perdita o diminuzione della garanzia patrimoniale generica. E noto infatti che l identità fra l azione revocatoria ordinaria e quella fallimentare sia fortemente discussa sino al punto che molti autori intravedono più elementi di diversità che di somiglianza. 2

3 Perché dunque si possa affermare che la revocatoria fallimentare è ancora uno strumento efficace ed attuale e non anacronistico e ingiusto, occorre dimostrare che assolve a finalità utili e concrete e persegue scopi ancor oggi meritevoli di tutela, ovvero che, di fatto, sia uno strumento giusto secondo l idem sentire. LE SCELTE DEL LEGISLATORE DEL 2005 In quast ottica sembra essersi mosso il legislatore della riforma, nel tentativo di uniformare il contrasto interpretativo, dottrinario e giurisprudenziale, insorto nel corso degli anni. Ad una prima lettura, appaiono invero oggettivamente astratte le condizioni dettate dal legislatore per sottrarre alcune operazioni alla revocatoria fallimentare, a meno che la giurisprudenza e gli interpreti in generale non provvederanno, in tempi brevi a colmare tale vuoto normativo. Questa è la sensazione che si trae dall esame dell elaborato normativo introdotto al nuovo art. 67 l.f. dall art. 2 DL n. 35 del , pubblicato sulla G.U. n. 62 del Sentito era il bisogno di una radicale riforma della legge fallimentare: è indubbio infatti che, come già visto, la revocatoria fallimentare ha da sempre rappresentato una procedura ripristinatoria della par condicio creditorum, a volte eccessivamente rigorosa. L Art. 67 l.f. così come riscritto, dimezzando i termini previsti per l azione revocatoria fallimentare e aggiungendo un elencazione di atti resi esenti 3

4 dall azione, evidenzia una concezione marcatamente indennitaria, sottesa alla nuova disciplina dell azione revocatoria fallimentare. Del resto, in linea con le più recenti tendenze espresse sul tema in esame dalle legislazioni europee più sensibili e avanzate (si pensi alle soluzioni adottate in Francia, Belgio, Germania e Spagna ove la durata del periodo sospetto, fisso o mobile che sia, risulta in linea di principio piuttosto contenuta), la evidenziata riduzione mira a realizzare l obiettivo di una maggior certezza nei rapporti giuridici e di una maggiore stabilità nei traffici commerciali, configurandosi come un contributo di coerenza rispetto alle caratteristiche di un economia in continua evoluzione in vivaci dinamiche di spiccata concorrenzialità e di continua competizione. Se quindi come vedremo l art. 2 del DL 35/2005 nella prima parte si è sostanzialmente limitato a rimodulare i presupposti temporali dell azione, nella seconda introduce delle deroghe destinate sicuramente ad avere un grande impatto. Il più vistoso e sensibile mutamento infatti è dato dall introduzione di numerose ipotesi di esenzione dalla revocatoria, dirette ad attenuare le conseguenze di una normativa che è oggi ritenuta da molti eccessivamente rigida e penalizzante per le imprese che sono potenziali destinatarie della revoca, tra cui in modo particolare le banche. Ulteriore scopo di alcune delle ipotesi di esenzione è rendere più facile il raggiungimento di accordi per la sistemazione della crisi, sia propedeutici 4

5 all accesso alla procedura di concordato preventivo nella sua nuova disciplina sia a carattere stragiudiziali. All art. 67 l.f. è dunque stato aggiunto un terzo comma che recita: Non sono soggetti all azione revocatoria: a) i pagamenti, di beni e servizi effettuati nell esercizio dell attività d'impresa nei termini d uso; b) le rimesse effettuate su un conto corrente bancario, purché non abbiano ridotto in maniera consistente e durevole l'esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca; c) le vendite a giusto prezzo d'immobili ad uso abitativo, destinati a costituire l'abitazione principale dell'acquirente o di suoi parenti e affini entro il terzo grado; d) gli atti, i pagamenti e le garanzie concesse su beni del debitore purché posti in essere in esecuzione di un piano che appaia idoneo a consentire il risanamento della sua esposizione debitoria dell impresa e ad assicurare il riequilibrio della sua situazione finanziaria e la sua ragionevolezza sia attestata ai sensi dell articolo 2501-bis, quarto comma, del codice civile; e) gli atti, i pagamenti e le garanzie posti in essere in esecuzione del concordato preventivo, nonchè dell'accordo omologato ai sensi dell'articolo 182-bis; f) i pagamenti dei corrispettivi per prestazioni di lavoro effettuate da dipendenti ed altri collaboratori, anche non subordinati, del fallito; 5

6 g) i pagamenti di debiti liquidi ed esigibili eseguiti alla scadenza per ottenere la prestazione di servizi strumentali all accesso alle procedure concorsuali e di concordato preventivo; Le disposizioni di questo articolo non si applicano all'istituto di emissione, alle operazioni di credito su pegno e di credito fondiario; sono salve le disposizioni delle leggi speciali. Art.67 l.f. 3 comma lett. a) L esclusione dalla revoca dei pagamenti di beni e servizi effettuati nell esercizio dell attività d impresa nei termini d uso, introduce un importante eccezione alla regola generale dettata dall art. 67, secondo comma, secondo la quale erano revocabili i pagamenti effettuati nell anno anteriore alla dichiarazione di fallimento quando il curatore avesse provato che il creditore era a conoscenza dello stato d insolvenza. La norma nella disciplina anteriormente in vigore attuava in termini rigorosi il principio della par condicio, revocando tutti i pagamenti indipendentemente dalla prova di uno specifico pregiudizio alle ragioni della massa dei creditori. Tutti i pagamenti di corrispettivi della fornitura di beni e servizi effettuati all impresa divengono esenti dalla revocatoria. 6

7 Restano così revocabili i pagamenti che non si riferiscono all attività d impresa o che non sono stati effettuati nei termini d uso, oltre che naturalmente i pagamenti non effettuati con denaro o con mezzi normali di pagamento secondo la previsione dell art. 67, comma 1, n. 2 l.fall.. Esiste così una sorta di stretta correlazione tra l utilità apportata da tali acquisizioni e l esercizio dell attività imprenditoriale. Si tratta tuttavia, prima facie, di una correlazione sin troppo allargata, non essendo consentito il sindacato circa il verificarsi o meno di un apprezzamento economico dell operazione o, meglio, il vantaggio concreto ottenuto dall esercizio dell attività di impresa. Nella nuova fattispecie preclusiva basta che l acquisizione del bene o del servizio sia inerente all impresa e che il pagamento sia stato parimenti eseguito nei termini d uso. Non è quindi difficile prevedere che intorno a quest eccezione la giurisprudenza avrà ampi spazi di manovra interpretativa, forse anche disattendendo in parte lo spirito della novella che è dichiaratamente quello di evitare le incertezze applicative e i contrasti giurisprudenziali (si veda in proposito la relazione al decreto legge). In ogni caso la ratio di fondo della deroga sembra condivisibile e ha sicuramente tra gli effetti anche quello di scoraggiare comportamenti scaltri e aggressivi dei creditori. Art.67 l.f. 3 comma lett. b) 7

8 L ipotesi in commento considerata dal nuovo terzo comma dell art. 67 l.f. regolamenta in termini restrittivi l azione revocatoria delle rimesse di conto corrente, accogliendo un istanza in questo senso avanzata da molto tempo dal sistema bancario. Si è infatti sovente osservato che il troppo ampio esercizio dell azione revocatoria delle rimesse di conto corrente, che la giurisprudenza oggi considera ammissibile tutte le volte che la rimessa non abbia carattere ripristinatorio della provvista e dunque quando essa intervenga su conto passivo non affidato ovvero su conto affidato oltre i limiti dell affidamento, rappresenta un costo eccessivo per le banche e consente alle curatele di ottenere la condanna delle banche alla restituzione di somme per importi superiori all ammontare del credito che la banca aveva talvolta di fatto concretamente erogato al correntista fallito. La revoca è tuttora consentita, ma soltanto quando essa abbia ridotto in maniera consistente e durevole l esposizione del correntista nei confronti della banca. Non saranno pertanto più revocabili le rimesse che non hanno questa caratteristica. Anche in questo caso l uso di tali espressioni, forse troppo generiche, non lascia tranquillo l interprete: che significa consistente, in che misura può ritenersi tale l esposizione del correntista nei confronti della banca? In relazione all entità del rientro effettuato in correlazione con il fido concesso o con che altro? 8

9 Quando dovrà ritenersi durevole la riduzione dell esposizione debitoria in presenza di costanti e numerose movimentazioni del conto? La difficoltà interpretativa di tali espressioni potrà sicuramente creare disagio in merito ad un azione che potrà essere richiesta dal curatore, autorizzata dal giudice delegato, ma alla fine risultare inutilmente proposta apparendo forse tanto infondata da essere ritenuta temeraria. In via interpretativa potrà sicuramente soccorrere l orientamento giurisprudenziale consolidatosi in sede di legittimità sin dagli inizi degli anni ottanta, nel senso di limitare, da un lato, la revocabilità alle sole rimesse effettuate su conto corrente bancario scoperto (categoria al cui interno risulterebbe ricompresa sia l ipotesi di conto passivo non assistito da apertura di credito, che quella del conto con saldo debitore eccedente il limite di fido) riconoscendo loro carattere solutorio e, quindi, natura di pagamenti di debiti liquidi ed esigibili; escludere, dall altro, la revocabilità delle rimesse aventi funzione meramente ripristinatoria dell affidamento concesso dalla banca all imprenditore correntista. Così si potrebbe ritenere che la dizione riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca, si sostituirà di fatto alla distinzione, di creazione giurisprudenziale, tra rimesse aventi natura solutoria e rimesse con natura ripristinatoria, potendosi ritenere revocabili quelle tra le rimesse che contribuiranno o meno a ridurre in maniera consistente e durevole l esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca. 9

10 Quanto alla determinazione del significato di quest ultimo parametro, un ulteriore aiuto potrebbe rinvenirsi nei criteri adottati da quell orientamento giurisprudenziale (cfr. Cass. Civ n. 1672) che, pur tenendo ferma la distinzione tra conto scoperto e conto passivo, ammetteva la revocabilità delle rimesse afferenti a un conto passivo, allorché si fosse provato che le suddette rimesse avevano concretamente e definitivamente concorso a ridurre il debito verso la banca. Sintomatico è, comunque, il ribaltamento che la nuova disposizione di legge verrebbe di fatto a realizzare, in caso di definitiva conversione del D.L., rispetto all orientamento giurisprudenziale sin qui esposto, allorché si ritenevano revocabili tutte le rimesse effettuate sul conto corrente nel periodo sospetto purchè fosse fornita la prova della scientia decoctionis in capo alla banca, a prescindere che il conto fosse affidato o assistito da affidamento. Quindi, alla luce di quanto esposto, anche gli sconfinamenti oltre l ammontare del fido concesso, in genere di modesto ammontare e per lo più erogati in vista del prossimo e prevedibile accredito di somme destinate a ridurre l esposizione nei limiti del fido, non sono più revocabili. In effetti in questi casi la banca non eroga, dal punto di vista sostanziale, ulteriore credito al cliente, che supera il fido accordato soltanto per un breve lasso di tempo, in attesa che venga contabilizzata ulteriore provvista, già considerata dalla banca nel momento in cui consente lo sconfinamento oltre il fido. 10

11 Si può poi aggiungere, ancora con riferimento alla revocatoria delle rimesse di conto corrente, che la limitazione della revoca al massimo scoperto avrebbe realizzato già una sostanziale limitazione degli effetti della revocatoria, accogliendo così le esigenze equitative fatte valere dal sistema bancario. L ulteriore esenzione considerata dall art. 67 l.f., comma 3, relativa alle rimesse che non abbiano ridotto in maniera consistente e durevole l'esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca, appare probabilmente non indispensabile. Art.67 l.f. 3 comma lett. c) L esenzione di cui alla lettera c) del terzo comma dell art. 67, relativa alle vendite a giusto prezzo d'immobili ad uso abitativo, destinati a costituire l'abitazione principale dell'acquirente o di suoi parenti e affini entro il terzo grado, introduce un eccezione fondata sull esigenza equitativa di favorire l acquirente della casa di abitazione, altrimenti esposto al rischio di perderla. Va peraltro sottolineato che la legge delega 2 agosto 2004, n. 210, ha delegato il Governo ad adottare uno o più decreti legislativi recanti norme per la tutela patrimoniale degli acquirenti di immobili. L art. 3, lett. b) della legge delega prevede già la limitazione dell esperibilità delle azioni revocatorie nei confronti dell acquirente e la modifica dell art. 72 l.fall. in termini corrispondenti. Va ricordato che per acquirente la legge delega intende sia la persona fisica che sia promissario acquirente sia l acquirente a titolo definitivo di un immobile da costruire sia colui che abbia stipulato ogni altro contratto compreso quello di 11

12 leasing che abbia o possa avere per effetto l acquisto o comunque il trasferimento non immediato a sé o ad un proprio parente in primo grado della proprietà o della titolarità di un diritto reale di godimento su un immobile da costruire. Acquirente è anche chi possa pretendere l assegnazione in proprietà o l attribuzione di un diritto reale di godimento su un immobile da costruire da parte di una cooperativa edilizia (sul punto si rinvia al testo dell art. 2, comma 1, lett. a) della legge 210/2004; va precisato che ancora non sono stati emanati i decreti legislativi delegati di attuazione della legge delega.) A differenza della legge delega 210/2004 la norma proposta dal maxi emendamento non si riferisce soltanto agli immobili da costruire, ma in generale a tutti gli immobili, ivi compresi quelli già edificati, che abbiano destinazione abitativa, purchè destinati a costituire l'abitazione principale dell'acquirente o di suoi parenti e affini entro il terzo grado. Sicuramente lo spirito dell eccezione in commento è apprezzabile, anche se il requisito richiesto della abitazione principale, potrebbe mostrarsi, come già correttamente osservato da alcuni commentatori, non del tutto soddisfacente dal punto di vista sociale. Forse sarebbe stato più equo cercare di tutelare il primo acquisto immobiliare, inteso in senso cronologico, quale sinonimo più tipico della tutela del risparmio costituzionalmente garantito. Art.67 l.f. 3 comma lett. d) e) e g) 12

13 Le esenzioni in commento considerate dal terzo comma dell art. 67, secondo il testo del D.L. 35/2005, mirano tutte a rafforzare la possibilità di risolvere la crisi dell impresa attraverso un concordato, giudiziale o stragiudiziale. Sotto il primo profilo vengono in considerazione gli atti, i pagamenti e le garanzie posti in essere in esecuzione del concordato preventivo, nonchè dell'accordo omologato ai sensi dell'articolo 182-bis, vale a dire dell accordo di ristrutturazione dei debiti. Si tratta di un ipotesi di esclusione da azione revocatoria anche in questo caso molto ampia e generica. Essa si contrappone o si affianca alla revocatoria di cui al 2 co. dell art. 67 della l.f. i cui termini, come visto sono stati dimezzati, nonché si pone in ausilio alla nuova procedura di ristrutturazione per debiti di cui all art. 182 bis l.f., così come introdotto dal D.L. in commento. Già si è detto che l esenzione da revocatoria, ragionevole quando i pagamenti rispettino il principio di parità di trattamento tra i creditori, non si giustifica più se tale principio non é stato rispettato. La deroga ha un senso fino a quando il concordato può trovare esecuzione, perché essa si fonda sull accordo dei creditori; non quando si sia registrato l insuccesso e sia stato dichiarato il fallimento, ovvero gli atti i pagamenti e le concessioni di garanzie (vieppiù volontarie) siano stati effettuati con un fine fraudolento o comunque diretto a ledere la par condicio creditorum. In questo caso la liquidazione concorsuale deve svolgersi rispettando il principio di parità, fatte salve le cause legittime di prelazione. 13

14 Vi è esenzione anche per i pagamenti di debiti liquidi ed esigibili eseguiti alla scadenza per ottenere la prestazione di servizi strumentali all accesso alle procedure concorsuali e di concordato preventivo. Quest esenzione si giustifica, nella visione del legislatore, perché l apertura della procedura concorsuale ha effetti conservativi del patrimonio dell imprenditore e dunque le spese sostenute per accedervi sono nell interesse della massa dei creditori. Tale considerazione non è sempre vera, perché in taluni casi la presentazione della proposta di concordato o della richiesta di fallimento in proprio da parte dell imprenditore, non riesce di nessuna utilità per i creditori, soprattutto quando a tanto l imprenditore si risolva troppo tardi, quando ormai l insolvenza è irreversibile. Al concordato stragiudiziale fa riferimento la diversa ipotesi di esenzione relativa agli atti, ai pagamenti e alle garanzie concesse su beni del debitore purché posti in essere in esecuzione di un piano che appaia idoneo a consentire il risanamento della esposizione debitoria dell impresa e ad assicurare il riequilibrio della sua situazione finanziaria e la cui ragionevolezza sia attestata ai sensi dell articolo 2501-bis, quarto comma, del codice civile. Va precisato che il richiamo all art bis, quarto comma, che disciplina la fusione a seguito di acquisizione con indebitamento (c.d. leveraged buy out) comporta che vi debba essere una relazione redatta da un esperto che attesta la ragionevolezza della previsione delle risorse finanziarie previste per il soddisfacimento delle obbligazioni derivanti dal concordato. 14

15 La previsione in parola deve essere inserita in un piano che deve indicare le modalità con cui si realizza il risanamento dell esposizione debitoria dell impresa ed il riequilibrio della situazione finanziaria. Non è sufficiente che il piano elimini l insolvenza, anche se i termini impiegati dal legislatore richiedono almeno questa condizione. La valutazione dovrà essere compiuta dal giudice sulla base del criterio della prognosi postuma, senza che egli possa ritenersi vincolato dalla valutazione espressa dal perito all uopo incaricato. L esenzione da revocatoria dovrebbe agevolare il ricorso a forme di concordato stragiudiziale, anche se a tali forme di concordato manca la tutela costituita dalla moratoria dei pagamenti e dal divieto delle azioni esecutive dei creditori, in difetto della quale diviene sovente molto difficile portare avanti operazioni di ristrutturazione del debito, perché l imprenditore rimane soggetto alle azioni esecutive la cui minaccia rende talvolta impossibile portare avanti il tentativo di composizione stragiudiziale. Art.67 l.f. 3 comma lett. f) Viene sul punto stabilita l esenzione della revocatoria per i pagamenti dei corrispettivi per prestazioni di lavoro effettuate da dipendenti ed altri collaboratori, anche non subordinati, del fallito. 15

16 La norma risponde all esigenza, come tale apprezzabile, di tutelare alcuni soggetti deboli quali i lavoratori dipendenti ed altri collaboratori, ancorché le azioni revocatorie fallimentari proposte nei confronti dei dipendenti fossero comunque sporadiche. Interessante è invece l assimilazione, ai fini dell esenzione da revocatoria, tra lavoratori subordinati e altri collaboratori, proposizione che sembra fare riferimento all ampio utilizzo da parte dell impresa di soggetti nell ambito di nuove forme di lavoro. ASPETTI PROCESSUALI Prima dell esercizio giudiziale dell azione revocatoria, secondo prassi il curatore invita l accipiens a restituire quanto indebitamente percepito. Laddove tale intimazione non sortisca esito positivo il curatore deve chiedere al Giudice delegato l autorizzazione a promuovere l azione revocatoria, ed il Giudice qualora ritenga fondata l istanza deve provvedere con decreto autorizzando l azione e designando il legale della procedura. Le fattispecie di revocatoria fallimentare disciplinate al 1 ed al 2 comma dell art. 67 l.f. sono distinte ed autonome tra loro, dando luogo a differenti domande che, pur potendo essere caratterizzate dal medesimo petitum, si fondano su diverse causae petendi. Ne consegue che il passaggio dall una all altra della fattispecie di revocatoria costituisce una domanda nuova e non una mera emendatio, impedendo la modifica della domanda in corso di causa ai sensi dell art. 183 c.p.c.. 16

17 In base al disposto di cui all art. 24 l.f. la competenza spetta in via esclusiva ed inderogabile al tribunale che ha dichiarato il fallimento, mentre, in ipotesi di azione revocatoria promossa da un fallimento nei confronti di altra procedura fallimentare, deve ritenersi che sia territorialmente competente il tribunale che ha dichiarato il fallimento attore. La legittimazione attiva compete al Curatore fallimentare che, in relazione ai fatti dedotti in giudizio, assume la posizione di terzo e, pertanto, non sarà tenuto (pur potendolo fare) a disconoscere le scritture private del fallito. La posizione di terzo del curatore attore in revocatoria determina, inoltre, l impossibilità per il convenuto di proporre domanda riconvenzionale di pagamento, ancorché fondata sullo stesso rapporto dedotto in revocatoria. Eventuali pretese creditorie del convenuto in revocatoria potranno, nel rispetto del disposto di cui all art. 52 l.f., essere azionate nelle forme dell insinuazione allo stato passivo fallimentare ai sensi degli artt. 93 e 101 l.f. Il fallito non è parte in causa e, quindi, non è deferibile nei suoi confronti il giuramento decisorio, né egli può prestare interrogatorio formale. In ipotesi di concordato fallimentare la cessione delle azioni revocatorie, ai sensi dell art comma l.f. in favore del terzo che si accolla l obbligo di adempiere al concordato è possibile solo con riferimento alle azioni già proposte dal curatore fallimentare alla data di deposito della proposta di concordato, mentre nelle altre ipotesi di chiusura del fallimento, l azione revocatoria diviene improseguibile. 17

18 Passivamente legittimato è l accipiens del pagamento, ovvero il terzo contraente dell atto revocando, senza che sussista litisconsorzio necessario con il debitore fallito. L interesse ad agire del curatore è individuabile nel pregiudizio che l atto da revocare arreca alla massa fallimentare per cui il fatto che il pagamento da revocare abbia soddisfatto un credito assistito da un privilegio di primo grado, non consente di escludere di per sé la sussistenza del pregiudizio, che può essere accertata solo avendo il riguardo alla mancanza di crediti pozioni. Il dies a quo per l individuazione del compimento dell atto revocando nel c.d. periodo sospetto annuale o semestrale, previsto, rispettivamente, dal 1 e dal 2 comma dell art. 67 novellato, coincide con la data di deposito (pubblicazione) della sentenza dichiarativa di fallimento e non anche con quella, anteriore, della sua deliberazione. La giurisprudenza di merito ha, inoltre, precisato che, in ipotesi di revocatoria ai sensi del 2 comma dell art. 67, il periodo sospetto deve essere computato con riferimento all epoca in cui è intervenuto l atto solutorio e non a quella in cui è sorta l obbligazione, così come l esercizio del diritto di prelazione o la stipulazione di un contratto preliminare non determinano, ai fini in esame, la retrodatazione del contratto definitivo. In ipotesi di consecuzione di procedure concorsuali nel tempo, il termine previsto dall art. 67, 2 comma l.fall., per l individuazione del c.d. periodo sospetto deve decorrere a partire dalla prima delle procedure concorsuali. 18

19 In particolare, la Suprema Corte ha affermato che in caso di successione di procedure concorsuali a carico del medesimo imprenditore commerciale il computo a ritroso del cosiddetto periodo sospetto inizia a decorrere dal decreto di ammissione alla prima procedura, anche con specifico riferimento all ipotesi di successione del fallimento alla procedura di concordato preventivo. Siffatto univoco orientamento della giurisprudenza di legittimità ha trovato anche l adesione della Corte Costituzionale (Corte cost., , n. 12; Corte cost., sent , n. 110). Il termine di prescrizione dell azione revocatoria fallimentare è quello ordinario quinquennale di cui all art c.c., con decorrenza dalla data della dichiarazione di fallimento. Stante l affermata natura costitutiva dell azione revocatoria fallimentare, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno espressamente statuito che non può essere attribuita efficacia interruttiva della prescrizione alla semplice costituzione in mora, essendo, invece, necessario che nel termine prescrizionale il fallimento provveda a radicare il giudizio di revocatoria mediante la notificazione dell atto di citazione. Per quanto concerne l oggetto dell azione revocatoria, si deve ricordare che l eventuale preventiva ammissione allo stato passivo fallimentare del credito residuo non impedisce l esercizio dell azione revocatoria dei pagamenti parziali, così come è possibile assoggettare a revocatoria fallimentare le rimesse effettuate su conto corrente bancario il cui saldo passivo abbia già costituito oggetto di definitiva insinuazione al passivo del fallimento. 19

20 L affermata natura costitutiva dell azione revocatoria fallimentare ha condotto la giurisprudenza di merito ad affermare, peraltro non univocamente, l inammissibilità delle ordinanze anticipatorie di condanna di cui agli artt. 186 ter e 186 quater c.p.c.. ART COMMA La revocatoria fallimentare determina esclusivamente la declaratoria di inefficacia dell atto revocato nei confronti della massa dei creditori, mentre non incide sulla validità dell atto stesso tra le parti originarie. La descritta funzione redistributiva della revocatoria fallimentare, mirando a ripartire tra i creditori la perdita derivante dall insolvenza, caratterizza l azione come rimedio rivolto a ripristinare la parità di trattamento tra tutti i creditori, pur nel rispetto delle eventuali cause di prelazione. Per tale motivo è stato affermato che nell azione revocatoria fallimentare per i creditori il danno è presunto e si concreta nella stessa lesione della par condicio. Si tratta, tuttavia, di presunzione iuris tantum, restando a carico del convenuto la dimostrazione dell inesistenza del pregiudizio alla massa fallimentare, mentre è precluso al giudice qualunque accertamento d ufficio. Il requisito dell eventus damni, o, meglio, la prova della sua mancanza, deve essere valutata con riferimento al momento in cui viene promossa l azione revocatoria e non con riferimento al momento di compimento dell'atto revocando. 20

21 A titolo esemplificativo, tra le ipotesi nelle quali la giurisprudenza, in applicazione dei menzionati principi, ha escluso la revocabilità per difetto del danno, si possono ricordare: - la vendita il cui prezzo sia stato integralmente destinato al soddisfacimento di creditori aventi garanzia reale consolidata sul bene stesso; - il pagamento effettuato dal terzo che si è rivalso sul debitore fallito in moneta fallimentare; - i versamenti in conto corrente effettuati dal terzo in adempimento di un proprio obbligo fideiussorio nei confronti della banca creditrice, spettando in siffatte ipotesi al curatore l onere di provare che la massa ha comunque subito un danno. L azione revocatoria fallimentare ha natura costitutiva ed, in ipotesi di vittorioso esperimento dell azione, l obbligazione dell accipiens ha natura di debito di valuta e non di valore, atteso che l atto posto in essere dal fallito è originariamente lecito e la sua inefficacia sopravviene solo in esito alla sentenza di accoglimento della revocatoria. La qualificazione dell obbligazione restitutoria quale debito di valuta è tuttavia limitata alle sole obbligazioni pecuniarie, gravando negli altri casi sul soccombente in revocatoria l obbligo di integrale ricostituzione del patrimonio del debitore fallito. Pertanto, qualora il bene oggetto dell azione revocatoria non possa essere restituito al fallimento poiché alienato ad un terzo, il convenuto in revocatoria potrà essere condannato al pagamento dell equivalente pecuniario. 21

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI

L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI 3 L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI (Prof. Sido Bonfatti) Parte Prima 1. Premessa. Effetti diretti ed indiretti della disciplina dell azione revocatoria fallimentare sul soddisfacimento

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Riferimenti normativi e ambito di applicazione. 3. I tempi di pagamento della prededuzione: i poteri

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario giugno 2003 I PATRIMONI ED I FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

L ISTITUTO IN RAPPORTO ALLE PROCEDURE CONCORSUALI

L ISTITUTO IN RAPPORTO ALLE PROCEDURE CONCORSUALI L ISTITUTO IN RAPPORTO ALLE PROCEDURE CONCORSUALI Ringrazio il Presidente ed il Consiglio dell Ordine per l invito a partecipare a tale Convegno. Il titolo del mio intervento anticipa che lo stesso è volto

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli