Assicurazioni Long Term Care: Analisi e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assicurazioni Long Term Care: Analisi e"

Transcript

1 Assicurazioni Long Term Care: Analisi e Valutazione dei Rischi Susanna Levantesi Università Sapienza Massimiliano Menzietti Università della Calabria Facoltà di Scienze Statistiche, Università Sapienza Roma, 19 ottobre 2010

2 Distribuzione per età della popolazione Evoluzione della speranza di vita Impatto sulla curva dei sopravviventi TREND DEMOGRAFICI Slide 2

3 Evoluzione della distribuzione per età della popolazione italiana Progressi della ricerca medica Migliori condizioni socioeconomiche della popolazione Tendenze demografiche in Italia invecchiamento della popolazione dovuto a: allungamento della speranza di vita riduzione dei tassi di natalità Conseguenze Rilevanti cambiamenti nella struttura demografica della popolazione Aumento del peso degli anziani sulla composizione della popolazione Aumento degli esposti al rischio di perdita dell autosufficienza Slide 3

4 Piramidi delle età Fonte: ISTAT Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Slide 4

5 Indici di vecchiaia e di dipendenza Indice di vecchiaia IV Pop = Pop Indice % Popolazione di dipendenza over 80 ID P = Pop Pop + Pop = Pop Pop valori % valori % valori % M F T Fonte: ISTAT Slide 5

6 La non autosufficienza Concetto diverso da: Malattia: alterazione temporanea dello stato di salute Invalidità: ridotta capacità di condurre normali attività a seguito di infortunio o malattia Legata all incapacità di conseguire reddito da lavoro Può non implicare un bisogno di assistenza Handicap: limitazione fisica o psicologica nella conduzione di normali attività Svantaggio sociale Può implicare un bisogno di assistenza Non autosufficienza (long term care): perdita di autonomia nelle attività più semplici della vita quotidiana Implica un bisogno di assistenza Slide 6

7 La popolazione non autosufficiente in Italia Indagine ISTAT sulle Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari (1991,1994,1999,2005) Unica fonte nazionale disponibile per la rilevazione della non autosufficienza Non autosufficienza: incapacità di svolgere - in modo presumibilmente permanente e senza alcun ausilio - una serie di attività elementari della vita quotidiana (activities of daily living: ADL) ADL tipiche: Lavarsi, Vestirsi, Utilizzare la toilet, Spostarsi, Controllarsi nella continenza, Alimentarsi persone in condizione di disabilità nelle funzioni della vita quotidiana che vivono in famiglia (3% della popolazione) Non si tiene conto dei minori di 6 anni (circa persone) Slide 7

8 La popolazione non autosufficiente in Italia Persone di 6 anni e più disabili secondo il tipo di disabilità, la classe di età ed il sesso. Anno 2005 (valori assoluti in migliaia) Classe di età Disabili Confinamento individuale Disabilità nelle funzioni Tipo di disabilità Difficoltà nel movimento Difficoltà vista, udito e parola e più 1, Totale 2,609 1,142 1,670 1, Slide 8

9 La popolazione disabile nelle funzioni della vita quotidiana (valori assoluti) Persone disabili nelle funzioni per classi di età e sesso. Anno 2005 (valori assoluti in migliaia) 1116 MASCHI FEMMINE e più Totale Fonte: Istat (2007) - indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari La non autosufficienza aumenta all avanzare dell età E molto più diffusa tra le donne (67% F, 33%M) Slide 9

10 La popolazione disabile nelle funzioni della vita quotidiana (valori percentuali) Persone disabili nelle funzioni per classi di età e sesso. Anno 2005 (valori % per classi di età) 36,8% MASCHI FEMMINE 25,3% 12,1% 8,4% 0,6% 0,5% 0,6% 1,0% 1,3% 0,4% 2,8% 3,1% 4,7% 5,6% 4,0% 2,1% e più Totale Fonte: Istat (2007) - indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Slide 10

11 La popolazione disabile in Italia Persone di 6 anni e più e persone di 65 anni e più con disabilità - Anni 1994, e 2005 (tassi standardizzati per età con i dati del censimento 2001) ,7 20,5 18, ,7 5,3 4,7 Persone di 6 anni e più Persone 65 anni e più Fonte: Istat (2007) - indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Tassi di disabilità in diminuzione Frequenze in diminuzione, ma numero assoluto di disabili in aumento per effetto dell invecchiamento della popolazione Slide 11

12 Malattie croniche e disabilità Persone di 6 anni e più e persone di 65 anni e più per presenza di malattie croniche e disabilità. - Anno 2005 (per 100 persone con le stesse caratteristiche) 59,4 60,8 Senza disabilità Con disabilità 67,4 68,7 35,8 36,1 11,6 11,8 Almeno una malattia cronica grave Tre o più malattie croniche Persone di 6 anni e più Almeno una malattia cronica grave Tre o più malattie croniche Persone di 65 anni e più Fonte: Istat (2007) - indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Slide 12

13 Proiezioni statiche del numero di disabili Proiezione al 2030 del numero di persone disabili di età superiore ai 65 anni nell ipotesi di tasso di disabilità costante nel tempo Maschi Anno Popolazione 65+ Disabili nelle ADL 65+ Variazione rispetto al ,723, ,387 0% ,060, ,408 7% ,840, ,815 24% ,897, ,921 46% Femmine Anno Popolazione 65+ Disabili nelle ADL 65+ Variazione rispetto al ,669,034 1,000,355 0% ,031,801 1,054,770 5% ,835,648 1,175,347 17% ,852,513 1,327,877 33% Slide 13

14 Speranza di vita libera da disabilità Speranza di vita libera da disabilità all età x: numero medio di anni che restano da vivere ai sopravviventi all età x in assenza di disabilità Età Speranza di vita Speranza di vita libera da disabilità Speranza di vita libera da disabilità in % della speranza di vita Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine % 91.9% % 86.6% % 75.6% % 63.4% Fonte: ISTAT - anno 2005 Le donne vivono più a lungo, ma in condizioni di salute peggiori rispetto agli uomini: a 75 anni hanno una speranza di vita di 13 anni, ma solo poco più di 8 anni saranno liberi da disabilità (non autosufficienza) Slide 14

15 Definizione di LTC Prestazioni pubbliche LTC nei fondi pensione e nei fondi sanitari Assicurazione privata LTC PRESTAZIONI LONG TERM CARE (LTC) Slide 15

16 Definizione di Long Term Care (LTC) Complesso di interventi, erogati da istituzioni pubbliche o private, necessari per far fronte al bisogno di assistenza di individui prevalentemente anziani in condizioni di non autosufficienza. Necessità di assistenza a vari livelli Assistenza domiciliare Soggiorno con assistenza in case di riposo Ricovero in case o istituti di cura Sistema a tre pilastri 1 pilastro: assicurazione pubblica o fondo per la non autosufficienza 2 pilastro: fondi pensione, fondi sanitari, assicurazioni collettive 3 pilastro: polizze assicurative individuali Slide 16

17 Il bisogno di coperture Long Term Care Trend sociali Riduzione dei nuclei familiari Dispersione geografica delle famiglie Aumento del tasso di attività lavorativa delle donne Conseguenze impatto sull assistenza informale prestata dalle famiglie al loro interno In Italia: famiglia provider principale di assistenza 10.3% la quota delle famiglie con almeno una persona disabile 79.1% le famiglie con persone disabili non assistita dai servizi pubblici a domicilio 12.5% le famiglie con persone disabili che ricevono assistenza domiciliare non sanitaria a pagamento (Istat, 2007) Slide 17

18 Le prestazioni LTC nel settore pubblico Prestazioni eterogenee: sanitarie, assistenziali, monetarie Articolate su 3 livelli (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali L. 328/2000): Stato Regioni Comuni Fissa il livello assistenziale minimo (LEA) garantito Implementano i LEA Indennità di accompagnamento invalidità totale e permanente del 100% impossibilità di deambulare senza aiuto permanente ovvero impossibilità di compiere gli atti quotidiani della vita Importo: 472 mensili (tassazione generale) No livelli differenti di disabilità, no test dei mezzi Programmazione e orientamento interventi sociali a livello territoriale Ruolo operativo indiretto Attori principali dell assistenza sociale ai non autosufficienti Funzione amministrativa Slide 18

19 Indennità di accompagnamento Fonte: INPS Indennità di accompagnamento: beneficiari per sesso, regione, e classe di età. Anno 2007 Regione Maschi Femmine Totale Classe di età Maschi Femmine Totale Meno di 5 10,107 7,411 17, ,385 17,819 44, ,451 21,512 51, ,274 16,392 38, ,086 7,097 17, ,465 8,232 19, ,009 11,300 26, ,788 14,051 31, ,921 16,966 36, ,511 18,823 38, ,063 20,438 40, ,268 24,843 48, ,847 30,060 57, ,353 44,962 84, ,228 76, , , , , , , , , , , , , , ,368 68,590 82,958 Totale 643,014 1,154,751 1,797,765 Piemonte 35,918 72, ,871 Valle d'aosta 634 1,718 2,352 Lombardia 78, , ,316 Trentino-Alto Adige 6,159 13,050 19,209 Bolzano 2,782 5,544 8,326 Trento 3,377 7,506 10,883 Veneto 40,462 80, ,772 Friuli-Venezia Giulia 11,963 26,431 38,394 Liguria 17,642 37,385 55,027 Emilia-Romagna 41,734 84, ,683 Toscana 36,844 75, ,109 Umbria 14,921 29,651 44,572 Marche 18,786 35,136 53,922 Lazio 62, , ,599 Abruzzo 17,938 30,491 48,429 Molise 3,502 5,907 9,409 Campania 81, , ,516 Puglia 49,947 80, ,239 Basilicata 6,859 10,403 17,262 Calabria 33,241 51,718 84,959 Sicilia 59,726 92, ,752 Sardegna 24,904 39,654 64,558 Italia 643,121 1,154,829 1,797,950 Slide 19

20 Indennità di accompagnamento Fonte: INPS Indennità di accompagnamento: beneficiari per sesso e classe di età. Anno 2007 (valori in percentuale della popolazione residente) 80% 78,8% 70% Maschi Femmine 60% 50% 40% 61,2% 52,7% 39,9% 38,0% 30% 20% 10% 0% 26,3% 19,9% 14,1% 9,8% 7,6% 4,3% 4,9% 0,8% 0,7% 0,6% 0,7% 0,9% 0,9% 1,1% 1,1% 1,2% 1,3% 1,8% 1,8% 2,5% 2,5% Slide 20

21 LTC nei fondi pensione La copertura LTC come garanzia accessoria nei fondi pensione 9 Fondi Pensione Aperti (FPA) 4 Piani Individuali Previdenziali (PIP) 4 Fondi Pensione Contrattuali (FPC) Nei FPA copertura LTC inserita in una delle opzioni di rendita: Maggiorazione della rendita vitalizia se l assicurato è non autosufficiente Copertura LTC a partire dai 65 anni Nei PIP copertura LTC inserita in via accessoria (Fonte: Mefop 2008) Slide 21

22 LTC nei fondi sanitari I tariffari di alcuni fondi sanitari (FS) includono prestazioni LTC solitamente di natura risarcitoria a fronte di spese sostenute per prestazioni domiciliari o presso RSA Il Ministero della Salute incentiva i FS ad includere tali prestazioni (DM 31 marzo 2008 e DM 27 ottobre 2009) Prestazioni da garantire alle persone non autosufficienti incluse negli ambiti di intervento dei FS Tali prestazione rientrano nella soglia delle risorse vincolate Benefici fiscali condizionati alla soglia (>20%) Slide 22

23 Assicurazione privata LTC Contratto che copre il rischio di perdita dell autosufficienza nello svolgimento delle attività elementari della vita quotidiana Definizione del rischio in base alle ADL (4/6; 3/4) (talvolta anche in base alla presenza di Alzheimer o di altre demenze senili) Più frequente: prestazione LTC in forma di rendita vitalizia finché l assicurato rimane nello stato di non autosufficiente. Sia stand alone che complementare (ramo vita) Meno frequente: rimborso spese sanitarie e assistenziali (ramo danni) Limiti di età all ingresso in assicurazione: anni Premi in base a stato di salute, età e sesso Presenza di periodi di carenza: generalmente 1 anno, se la non autosufficienza è dovuta a malattia Slide 23

24 Assicurazione privata LTC Richiesta la compilazione di un questionario sullo stato di salute all ingresso in assicurazione Riscatto non previsto Rivedibilità dello stato di non autosufficienza Mancato sviluppo delle polizze LTC Mercato sottile, allo stadio iniziale (prima polizza emessa nel 1997) Incertezza del rischio: tassi futuri di mortalità e incidenza della disabilità Carenza di dati statistici adeguati Mancanza di consapevolezza del rischio Slide 24

25 Assicurabilità del rischio LTC Selezione avversa: tendenza ad assicurarsi da parte di individui particolarmente esposti al rischio Incide sulla sinistrosità Meccanismi per una corretta valutazione del rischio: Informazioni personali dettagliate sull assicurato Accertamenti sanitari all ingresso in assicurazione o questionario medico Moral hazard: comportamenti scorretti, come la propensione a denunciare sinistri non oggettivamente evidenti in base alle proprie condizioni di salute dell assicurato Criteri di definizione del rischio vaghi e ad interpretazione soggettiva Clausole contrattuali che rendono l assicurato corresponsabile e riducono il fenomeno del moral hazard (periodi di carenza, franchigie, ecc.) Aumento dei costi di assistenza Polizze LTC di rimborso spese per assistenza Slide 25

26 Copertura LTC in forma di rendita: tipologie Stand-alone o autonoma Complementare ad un assicurazione sulla vita (per es. di una caso morte o di una rendita vitalizia) Complementare ad un assicurazione sulla salute (aggiuntiva o anticipativa): assicurazione malattia + rimborso spese LTC Enhanced pension: rendita vitalizia immediata a premio unico (acquistata all età di pensionamento), il cui importo è maggiorato in caso di non autosufficienza Enhanced annuity: rendita LTC immediata, a premio unico, destinata a chi già si trova in condizioni di non autosufficienza Individuali e collettive (dipendenti di un azienda o categoria di lavoratori autonomi) Slide 26

27 Classificazione delle assicurazioni LTC nei rami assicurativi In base al Regolamento ISVAP n. 29 del 16 marzo 2009 (concernente le istruzioni applicative sulla classificazione dei rischi all interno dei rami di assicurazione) Assicurazioni sulla vita Nel IV ramo vita: assicurazione, non rescindibile (da parte dell impresa), che copre il rischio di non autosufficienza per invalidità grave dovuta a malattia, infortunio o longevità Prestazione: erogazione di una rendita Assicurazioni contro i danni Nel ramo malattia : assicurazione contro il rischio di non autosufficienza Prestazione: risarcimento, totale o parziale, del costo per l assistenza ovvero in una prestazione in natura, nei limiti del massimale assicurato Slide 27

28 Fondo unico nazionale LTC dei dipendenti del settore assicurativo Istituito dall ANIA nel 2005, finanziato con un contributo annuo (0,50%) a totale carico delle imprese Beneficiari: Personale dipendente (non dirigente) del settore assicurativo in essere all o successivamente assunto Pensionati del settore assicurativo all Prestazioni (entità e caratteristiche) definite ogni 5 anni Attualmente: rendita annua di 12,253 al verificarsi della non autosufficienza dell assicurato e finché rimane in tale stato Rivalutazione in base ai rendimenti ottenuti da una gestione separata Definizione di non autosufficienza in base al criterio delle ADL Sistema di gestione: capitalizzazione collettiva Prestazioni erogate non sostitutive dell indennità di accompagnamento (Fonte: ANIA) Slide 28

29 Modello probabilistico multistato Caratteristiche contratti analizzati Premi e riserve Analisi dei rischi biometrici ALCUNE APPLICAZIONI Slide 29

30 Il modello probabilistico Modello multistato: rappresentazione della storia assicurativa di un individuo attraverso gli stati che assume nel tempo Modello markoviano continuo e non omogeneo, a 3 stati Non è prevista la riattivazione dallo stato di disabile LTC = attivo 2 = non autosufficiente 3 = deceduto Assegnazione di probabilità di transizione tra stati (annuali) Basi demografiche necessarie per il calcolo del premio: tassi di disabilità tavola di mortalità degli attivi (autosufficienti) tavola di mortalità dei non autosufficienti Slide 30

31 Caratteristiche dei contratti analizzati ELA - assicurazione di rendita differita che prevede il pagamento delle seguenti prestazioni: ammontare annuo costante b 1 0 se l assicurato è attivo ammontare annuo costante b 2 b 1 se l assicurato è non autosuff. EP - assicurazione di rendita immediata a premio unico che prevede il pagamento delle seguenti prestazioni: ammontare annuo costante b 1 0 se l assicurato è attivo ammontare annuo costante b 2 b 1 pagabile se l assicurato è non autosufficiente LTC stand alone - assicurazione di rendita immediata a premio unico che prevede il pagamento delle seguenti prestazioni: ammontare annuo costante b 2 0 se l assicurato è non autosuff. Slide 31

32 Premi Valore attuale medio di una rendita su una testa nello stato i al tempo t a condizione che sia nello stato j al tempo u a = 1 ) u t ij ( t, u) Pij ( t, s s t v con i, j 1, 2 s= t Enhanced Life Annuity (ELA) Π n ( 0, ω ) = b1 P11 (0, n) a11( n, ω) v + b2[ P11 (0, n) a12 ( n, ω) + P12 (0, n) a22( n, ω )] v n Enhanced Pension (EP) Π( 0, ω) = b a11(0, ω) + b2a12 (0, 1 ω Long Term Care stand alone (LTC) ) Π( 0, ω) = b a12 (0, 2 ω ) n = periodo di differimento ω = età estrema Slide 32

33 Riserve Premio periodico per n anni pagato a condizione che l assicurato sia attivo π = Π(0, ω) a 11 (0, n) ELA V ( t) 1 = n t Π( t, ω) π a11( t, n) t < n b2 P22 ( t, n) v a22( n, ω) t < n V2 ( t) = b 1 a 11 ( t, ω ) + b 2 a 12 ( t, ω ) t n b 2 a 22( ( t, ω ) t n EP V t) = b a ( t, ω) + b a ( t, ) V t) = b a ( t, ) 1( ω 2( 2 22 ω LTC V t) = b a ( t, ) V t) = b a ( t, ) 1( 2 12 ω 2( 2 22 ω Slide 33

34 Rischi di longevità e disabilità Rischio di longevità (disabilità): rischio sistematico derivante dall incertezza presente nella rappresentazione del fenomeno della mortalità (disabilità) attraverso una determinata proiezione Rischi non pooling (non diversificabili) intervengono nella stessa direzione per tutta la collettività assicurata DEVIAZIONI SISTEMATICHE Tassi di disabilità proiettati Tassi di disabilità effettivi FLUTTUAZIONI CASUALI p ai x(t) p ai x(t) Anno t Anno t Slide 34

35 La gestione dei rischi biometrici Un management responsabile del rischio di longevità e di disabilità (rischi biometrici) implica che le compagnie di assicurazione ed i fondi pensione/sanitari devono misurarlo e gestirlo Anche se i valori attesi futuri della mortalità e della disabilità vengono proiettati, permane incertezza sull evoluzione dei fenomeni Si richiedono modelli stocastici per la proiezione delle intensità di mortalità e di transizione tra lo stato di attivo e quello di disabile che tengano conto dell incertezza Per rappresentare il rischio di longevità e di disabilità è necessario prendere in considerazione diversi scenari significativi (discreti o continui) Per rappresentare e misurare l incertezza si può ricorrere all analisi per scenario o a modelli stocastici Slide 35

36 Grandezze, misure e orizzonte dell analisi dei rischi Un modello di rischio deve: Individuare una grandezza atta a rappresentare lo stato di salute o di sofferenza dell assicuratore Es. funzione di perdita, riserva di rischio, Scegliere un adeguata misura di rischio Es. varianza, coefficiente di variazione, quantile, VaR, TVaR, probabilità di rovina, Definire un orizzonte temporale di analisi e le modalità di indagine su esso annuale, pluriennale,. alla scadenza, su tutto l intervallo temporale, Slide 36

37 Funzione di perdita Funzione di perdita al tempo t per il j-mo contratto ( L ( j) ( j ( t) = Y ( t) X ( t) j ) ) valore attuale prestazioni future al tempo t valore attuale premi futuri al tempo t Funzione di perdita al tempo t a livello di portafoglio L( t) = N ( t) j= 1 L ( j) ( t) N(t): numero contratti in essere al tempo t Indicatore di rischio: r ( t) = Var[ L( t)] E[ Y( t)] Slide 37

38 La riserva di rischio U + Π + J B V + t = Ut 1 t t t t K t t { 1,...,T } dove: Π t J t B t V t K t = Premi di tariffa; = Rendimenti sull attivo dell impresa; = Prestazioni assicurate; = Variazione di riserva matematica; = Flussi di capitale proprio. Premi, prestazioni, spese e flussi di capitale pagati ad inizio anno No spese No riscatti No tasse Premio calcolato in base al principio di equivalenza Slide 38

39 Requisiti di capitale in Solvency 2: la standard formula Standard formula per il calcolo del Solvency Capital Requirement (SCR): parametri ed ipotesi calibrati per riflettere il VaR delle perdite inattese con un livello di confidenza del 99.5% e su un orizzonte temporale di un anno riferimento al solo rischio di sottoscrizione per polizze vita (life underwriting risk) SCR ottenuto combinando gli accantonamenti di capitale per i sotto-rischi vita inerenti al portafoglio (longevità e disabilità) tramite una matrice di correlazione SCR life = rxc = CorrLife Life long, t i, t i = Life dis, t i, t i rxc Life r Life ( NAV longevitys hock ) ( NAV disshock) c Life Life long, t dis, t = V = V sh long t sh dis t V V BE t BE t Slide 39

40 Requisiti di capitale in Solvency 2: i modelli interni Il progetto Solvency 2 favorisce lo sviluppo di modelli interni: Anche in questo caso parametri ed ipotesi calibrati per riflettere il VaR delle perdite inattese con un livello di confidenza del 99.5% e su un orizzonte temporale di un anno È comunque permesso il ricorso a differenti orizzonti temporali e misure di rischio purché il modello interno assicuri una copertura equivalente a quella fissata nella standard formula Proponiamo 3 regole alternative: 1) 2) 3) ( t) VaR ( U, t) d( 0 t) U VaR, ε = ε ( t) TVaR ( U, t) d( 0 t) U TVaR, ε = ( t) = U 0 0 Ψ ( t) ε { < 1 } Ψ Uε inf 0 ε dove è la probabilità di rovina entro l orizzonte t con capitale iniziale pari a 0 e d(0,t) il fattore di sconto Slide 40

41 CASE STUDY 1 Slide 41

42 Base dati ISTAT (2002) Indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari - Disability prevalence rates (età , anno 1999) ISTAT Tavola di mortalità (SIM 1999) ISTAT (2002) - Proiezioni della mortalità (ipotesi bassa, media e alta) Coefficienti di aggravamento della mortalità dei disabili rispetto a quella degli attivi funzione dell età, ricavati dai dati di esperienza di un importante compagnia di riassicurazione (anno 2005) Slide 42

43 Caratteristiche del portafoglio Portafoglio di enhanced life annuities + TCM Coorte iniziale di 1,000 assicurati, maschi, età iniziale x=50, periodo di differimento: n=15 anni Popolazione italiana (tavole per contemporanei proiezioni ISTAT ) Età estrema: w = 110 Tasso d interesse costante: i=3% b 1 (t) = 1, b 2 (t) = 2 b 1 (t) Proiezioni fino al run-off del portafoglio Simulazione MonteCarlo Slide 43

44 Intensità di transizione tra gli stati Intensità di passaggio da attivo a non autosufficiente λ( x+ t) µ 12 ( t) = η e η, λ > 0 Gompertz Intensità di passaggio da attivo a deceduto β 1 β x + t µ 13 ( t) = α, β > 0 α α Weibull Intensità di passaggio da attivo a non autosufficiente, espressa in funzione di un coefficiente di aggravamento µ 23( t ) = K ( t) µ 13( t) Slide 44

45 Costruzione di scenari demografici discreti Insieme di scenari demografici proiettati per tener conto dell incertezza insita nelle proiezioni di disabilità e mortalità Vita attesa a 65 anni % % % 17.96% -5.87% 15.53% 12% % 9.26% 24.92% 10.86% 4% % 2.09% 49.76% 6.96% 12% % 22.91% 11.37% 21.73% 32% % 13.35% 46.98% 16.79% 12% % 5.56% 75.50% 12.71% 4% % 27.80% 31.48% 28.18% 12% % 17.34% 72.54% 22.97% 4% % 8.90% % 18.74% Slide 45

46 Variazione dei premi equi in funzione degli scenari Slide 46

47 Analisi del rischio: funzione di perdita Scenario centrale N (0) [Y(0)] E Var[L(0)] r( 0) LA , , , , LTC , , TCM , x = 50; n = 15; b 1 = 1; b 2 = 2; c 3 = 10; i = 3%; maschi 0,25 Indice di rischio r(0) FP_stoc 0,20 0,15 0,10 0,05 0,00 N (0) [Y(0)] N (0) [Y(0)] PC - stoc FPPC Prodotto completo Life LAannuity Approccio stocastico LTC LTCannuity N(0) Scenario centrale E Var[L(0)] r( 0) Prodotto completo , , , , E Var[L(0)] r( 0) , , , ,470 1, Slide 47

48 CASE STUDY 2 Slide 48

49 Base dati Disability prevalence rates, ricavati da 4 surveys sulla disabilità (1991, 1994, 1999 e 2005, prendendo a riferimento il range di età ) pubblicate dall ISTAT (ISTAT, 1993, 1997, 2002, 2007). Tassi centrali di mortalità della popolazione generale italiana presi dallo Human Mortality Database (HMD (2009)) e i cui dati provengono direttamente dalle statistiche ufficiali pubblicate dall ISTAT. Considerati i dati riferiti al periodo ed il range di età Coefficienti di aggravamento della mortalità dei disabili rispetto a quella degli attivi funzione dell età, ricavati dai dati di esperienza di un importante compagnia di riassicurazione (anno 2005). Slide 49

50 Intensità di transizione tra gli stati Intensità di passaggio da attivo a non autosufficiente Modello Ballotta-Haberman dove Z t è un processo stocastico che rappresenta le variazioni casuali nel trend della disabilità Intensità di passaggio da attivo a deceduto Modello Lee-Carter continuo dove k t è un processo stocastico che rappresenta il trend temporale della mortalità Slide 50

51 Intensità di transizione tra gli stati Mortalità della popolazione non autosufficiente ricavata tramite tassi di aggravamento indipendenti dal tempo Implicazione: la mortalità della popolazione disabile segue un modello Lee Carter Slide 51

52 Caratteristiche del portafoglio Portafoglio di enhanced pensions Coorte iniziale di 1,000 assicurati, maschi, di età x = 65 nell anno 2006 Popolazione italiana, coorte nata nel 1941, età 65 anni nel 2006, età estrema: w = anni di proiezioni ( ) Struttura a termine dei tassi d interesse risk-free ricavata dal CEIOPS: anno 2007 b 1 (0) = 1, b 1 (t) = b 1 (t-1)(1+i), b 2 (t) = 2 b 1 (t), i tasso d inflazione, per hp costante, i =2% Simulazione MonteCarlo Slide 52

53 Stima dei parametri della mortalità Slide 53

54 Proiezione della disabilità Slide 54

55 Distribuzione della riserva di rischio Risultati della riserva di rischio espressi in percentuale dei premi totali incassati Π(0) Quantili più bassi fortemente negativi conseguenze economiche rilevanti per la solvibilità dell assicuratore da quantificarsi mediante adeguati requisiti di capitale Slide 55

56 Requisiti di capitale con la SF in Solvency 2 Confronto tra portafogli di polizze enhanced pensions (EP), life annuities (LA) e long term care (LTC) Requisito di capitale su un anno (t = 1) Requisito di capitale al variare dell orizzonte temporale (t = 1, 2,, 30) EP meno rischiose delle LTC, ma più rischiose delle LA Slide 56

57 Risultati: requisiti di capitale con modelli interni Enhanced Pensions: modelli interni Slide 57

58 Risultati: requisiti di capitale con modelli interni Enhanced Pension Long Term Care Life annuity Risultati espressi in percentuale dei premi totali incassati Π(0) EP meno rischiose delle LTC, ma più rischiose delle LA risultato analogo a quello ottenuto con la formula standard di Solvency 2 Slide 58

59 Bibliografia LEVANTESI S., MENZIETTI M. (2010) Managing longevity and disability risks in life annuities with Long Term Care. Working paper LEVANTESI S., MENZIETTI M. (2010). Managing demographic risk in enhanced pensions. In: CORAZZA M.; PIZZI C.. Mathematical and Statistical Methods for Actuarial Science and Finance. p Springer, Milano. ISBN/ISSN: LEVANTESI S., MENZIETTI M. (2008). Misure di rischio e requisiti di solvibilità nelle assicurazioni Long Term Care. In: Metodi, Modelli e Tecnologie dell Informazione a Supporto delle Decisioni, parte seconda:applicazioni. Eds A. DI MAIO, M. GALLO, B. SIMONETTI. Ed. Franco Angeli, Milano. ISBN/ISSN: LEVANTESI S., MENZIETTI M. (2008). A Biometric Risks Analysis in Long Term Care Insurance. In: PERNA C.; SIBILLO M.. Mathematical and Statistical Methods in Insurance and Finance. p Springer, Milano. ISBN/ISSN: LEVANTESI S., MENZIETTI M. (2007). Longevity and Disability Risk Analysis in Enhanced Life Annuities. In: 1 st IAA Life Colloquium. Stockholm, Jun. 2007, p LEVANTESI S., MENZIETTI M. (2006). Biometric Risk Analysis and Solvency Requirements in LTC Insurance. Quaderni del Dipartimento di Scienze Attuariali e Finanziarie - Sapienza, Università di Roma, vol. 30. Slide 59

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Milano, 13 Settembre 2010 Francesco Fidanza: Dirigente Responsabile Previdenza Corporate e Clienti Istituzionali

Dettagli

Le assicurazioni sulla salute. Dott.ssa Donatella Rossi corso di Tecnica Attuariale per le Assicurazioni Prof.ssa Anna Maria Palazzo a.a.

Le assicurazioni sulla salute. Dott.ssa Donatella Rossi corso di Tecnica Attuariale per le Assicurazioni Prof.ssa Anna Maria Palazzo a.a. Le assicurazioni sulla salute Dott.ssa Donatella Rossi corso di Tecnica Attuariale per le Assicurazioni Prof.ssa Anna Maria Palazzo a.a. 2012/2013 Forme di copertura assicurative che intervengono a fronte

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014

La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014 La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014 L assicurazione vita Contratto Assicurativo Assicurazioni Vita: Gestione professionale dei rischi In un contratto di assicurazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

Pramerica Life S.p.A.

Pramerica Life S.p.A. Pramerica Life S.p.A. A Business of Prudential Financial, Inc (USA) Presentazione per SDNAME 26 giugno 2013 09 Settembre 2010-1 - Pramerica Life S.p.A. Il Gruppo PFI (1/2) PFI (*) PFI (*), fondata nel

Dettagli

Assicurazioni sulla salute

Assicurazioni sulla salute Assicurazioni sulla salute Assicurazioni di persone Forme di copertura assicurative che intervengono a fronte di situazioni che si vengono a creare in seguito ad alterazioni del normale stato di salute

Dettagli

Fondi Pensione e Casse di Previdenza:

Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Cattolica Previdenza: un veicolo per gestire il rischio finanziario e demografico. Massimo Montecchio Responsabile Sistema di Offerta Vita e Previdenza Gruppo Cattolica

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE

DOCUMENTO SULLE RENDITE DOCUMENTO SULLE RENDITE Redatto in conformità allo schema di Nota Informativa deliberato dalla Covip in data 31.10.06 Avvertenza: questo documento ha lo scopo di fornire elementi idonei a facilitare l

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Quale rendita per gli iscritti ad un Fondo Pensione? COOPERLAVORO è promosso da

Quale rendita per gli iscritti ad un Fondo Pensione? COOPERLAVORO è promosso da Quale rendita per gli iscritti ad un Fondo Pensione? COOPERLAVORO è promosso da Agenda Le regole del gioco Il processo di selezione di Fondo Pensione con Assofondipensione Le tipologie di rendita selezionate

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

DELLA RIABILITAZIONE. Indicatori sanitari

DELLA RIABILITAZIONE. Indicatori sanitari Indicatori sanitari 1 Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene Anno Accademico 2009/2010 Il concetto di indicatore Misurare la malattia e la salute Definizioni 2 MISURA Corso di Laurea 3 Stevens, 1951 La misura

Dettagli

Università degli Studi della Calabria Corso di tecnica attuariale delle assicurazioni sociali. Le assicurazioni sulla salute

Università degli Studi della Calabria Corso di tecnica attuariale delle assicurazioni sociali. Le assicurazioni sulla salute Università degli Studi della Calabria Corso di tecnica attuariale delle assicurazioni sociali Le assicurazioni sulla salute 1 Le assicurazioni sulla salute fanno parte delle Assicurazioni di persone Forme

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

Assicurazioni Generali S.p.A. - Area Vita ed Employee Benefit. Forme di assistenza a tutela dell attività professionale. Milano, 17 maggio 2013

Assicurazioni Generali S.p.A. - Area Vita ed Employee Benefit. Forme di assistenza a tutela dell attività professionale. Milano, 17 maggio 2013 1 Assicurazioni Generali S.p.A. Area Vita ed Employee Benefits Collettive Infortuni, Malattie e Fondi Sanitari Forme di assistenza a tutela dell attività professionale Milano, 17 maggio 2013 Agenda 2 Forma

Dettagli

Studio di un progetto di welfare integrativo

Studio di un progetto di welfare integrativo Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare PREVIDENZA E ASSISTENZA: PROPOSTE PER UN APPROCCIO INTEGRATO Studio di un progetto di welfare integrativo Attuario Attuario Indice Di

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO 1. Descrizione delle caratteristiche delle rendite da erogare stabilite dal Fondo a. Tipologia di Rendita:

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

37.000 NUCLEI FAMILIARI ASSISTITI, DIPENDENTI E COLLABORATORI EURO 96.000.000,00 DI CONTRIBUTI ANNUI A FONDI PENSIONE E CASSE SANITARIE

37.000 NUCLEI FAMILIARI ASSISTITI, DIPENDENTI E COLLABORATORI EURO 96.000.000,00 DI CONTRIBUTI ANNUI A FONDI PENSIONE E CASSE SANITARIE 1 I NOSTRI 242 CLIENTI IL NOSTRO TURN OVER (IN MIGLIAIA DI EURO) 72 Banche italiane 15 Banche estere 98 Società espressione di Banche 2 Sindacati/Associazioni 40 Aziende non bancarie 13 Studi associati/professionali

Dettagli

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015 INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 197-15 Giulia Zigon, Roberta Ciampichini, Gemma Gatta, Enrico Grande, Silvia Francisci, Roberta De Angelis,

Dettagli

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza X Congresso Nazionale Attuari L Attuario: una professione in evoluzione al servizio della società Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza 5-7 giugno 2013 Roma -

Dettagli

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA Aspetti applicativi e recenti sviluppi IL RISCHIO COME AFFARE ALLA BASE DEL BUSINESS DI UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI C Ѐ IL RISCHIO LA PROBABILITÀ

Dettagli

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Crenca & Associati IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Ufficio Studi Aprile 2008 SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE DELLA COMPAGNIA AL FAIR VALUE Tecniche VaR Analisi della

Dettagli

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA FOTOGRAFIA DEI LIVELLI DI BISOGNO E DEI GAP DI OFFERTA: QUALI POSSIBILI

Dettagli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli Convegno Active and Healthy Ageing: il ruolo della sorveglianza epidemiologica PASSI d Argento Roma - 26 settembre 2013 La prevenzione

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

Capitolo 4. Assistenza e previdenza sociale

Capitolo 4. Assistenza e previdenza sociale Capitolo 4 Assistenza e previdenza sociale 4. Assistenza e previdenza sociale Per saperne di più... Istat I.stat il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Il sistema

Dettagli

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Il sistema previdenziale italiano SISTEMA PREVIDENZIALE I PILASTRO II PILASTRO III

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

Il gap di spesa per l assistenza di lungo termine e il possibile ruolo delle assicurazioni

Il gap di spesa per l assistenza di lungo termine e il possibile ruolo delle assicurazioni Verso un sistema di welfare per la terza età nel Terzo Millennio Il gap di spesa per l assistenza di lungo termine e il possibile ruolo delle assicurazioni Luigi Di Falco Responsabile Vita e Welfare Trieste,

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Allegato alle Condizioni generali di contratto di Valore Pensione ed. 07/07 DOCUMENTO SULL EROGAZIONE

Dettagli

Il longevity risk. Dott.ssa Donatella Rossi corso di Tecnica Attuariale per le Assicurazioni Prof.ssa Anna Maria Palazzo a.a.

Il longevity risk. Dott.ssa Donatella Rossi corso di Tecnica Attuariale per le Assicurazioni Prof.ssa Anna Maria Palazzo a.a. Il longevity risk Dott.ssa Donatella Rossi corso di Tecnica Attuariale per le Assicurazioni Prof.ssa Anna Maria Palazzo a.a. 2012/2013 Longevity risk Il longevity risk può essere definito ad un livello

Dettagli

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Obbligo per le Casse dei Professionisti di dimostrare la propria sostenibilità a 50 anni previa adozione di misure dirette ad assicurare l equilibrio tra entrate

Dettagli

Traguardi Unici A.T.

Traguardi Unici A.T. Traguardi Unici A.T. Aprile 2009 Il prodotto 2 Il prodotto Piano Risparmio Altre garanzie Esonero Pagamento Premi Temporanea Caso Morte Long Term Care (LTC) 3 Caratteristiche tecniche Tariffa Capitale

Dettagli

ISEE: Modelli a confronto

ISEE: Modelli a confronto ISEE: Modelli a confronto La proposta di ANCI Toscana verso la modifica dell ISEE nazionale L ISEE in Italia: una panoramica PRESENTAZIONE DI : CLAUDIO GOATELLI CLESIUS SRL Oltre il 50% delle borse di

Dettagli

Quale Ruolo per gli Attuari in un Progetto di Welfare Allargato

Quale Ruolo per gli Attuari in un Progetto di Welfare Allargato Quale Ruolo per gli Attuari in un Progetto di Welfare Allargato Roberta D Ascenzi, Chief Actuary RGA International Reinsurance Company Limited Rappresentanza Generale per l Italia X Congresso Nazionale

Dettagli

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore -

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Assemblea Nazionale Anffas Onlus 23 Maggio 2015 Direzione Vita e Previdenza - Sviluppo Offerta Vita e Previdenza 1 SOCIETÁ CATTOLICA DI ASSICURAZIONI

Dettagli

Roberto Alazraki, Presidente di Europa Benefits Srl TFR, FONDO PENSIONE E WELFARE Soluzioni efficaci Starhotel Ritz Milano 12/04/2007

Roberto Alazraki, Presidente di Europa Benefits Srl TFR, FONDO PENSIONE E WELFARE Soluzioni efficaci Starhotel Ritz Milano 12/04/2007 1 2 automatica deducibilità dal reddito di impresa del 4% (6% per le aziende con meno di 50 dipendenti) del TFR conferito, il che equivale a circa 0,28% - 0,42% del monte retributivo; risparmio dello 0,20%

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE COOPERLAVORO

DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE COOPERLAVORO DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE COOPERLAVORO (aggiornato al 31 marzo 2011) Per l erogazione delle rendite Cooperlavoro ha stipulato apposite convenzioni assicurative con due compagnie di assicurazione:

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza:

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Ruolo e prospettive degli operatori del settore socio-sanitario 30 Marzo 2011 A cura di Chiara Bartolini DATI NAZIONALI E CONFRONTI REGIONALI SULLA NON

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Matematica Attuariale

Matematica Attuariale Matematica Attuariale Insieme di modelli matematici relativi all attività assicurativa. Attività assicurativa: attività economica consistente nella gestione dei rischi trasferiti ad un assicuratore da

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare LA SOLVIBILITÀ DEI FONDI PENSIONE: NORMATIVA ITALIANA E SITUAZIONE IN AMBITO UE L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative

Dettagli

La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA

La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA Guida alla scelta della migliore opzione per il socio iscritto che ha maturato i requisiti per la pensione complementare La Pensione Complementare

Dettagli

LA NON AUTOSUFFICIENZA: DIMENSIONI E QUESTIONI APERTE

LA NON AUTOSUFFICIENZA: DIMENSIONI E QUESTIONI APERTE IL SISTEMA SANITARIO IN CONTROLUCE, Rapporto Farmafactoring 2015 ASPETTI SOCIALI E SANITARI DELLA LONG TERM CARE: ANALISI DELLA SITUAZIONE IN SICILIA E IN ITALIA LA NON AUTOSUFFICIENZA: DIMENSIONI E QUESTIONI

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015

DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015 DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015 Per l erogazione della rendita COMETA ha stipulato, al termine della selezione prevista dalla normativa, una convenzione assicurativa, in vigore fino al

Dettagli

le peculiarità di Wiener Oggi per Domani

le peculiarità di Wiener Oggi per Domani Oggi per Domani 2 le peculiarità di Wiener Oggi per Domani Contratto di assicurazione di rendita vitalizia differita con controassicurazione, rivalutabile per mezzo di partecipazione agli utili e Bonus

Dettagli

UDB Il ramo vita. che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. Definizioni

UDB Il ramo vita. che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. Definizioni UDB UDB Il ramo vita Definizioni che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. La legge 47/2000 la riforma del regime fiscale per le polizze vita: detrazione d imposta dei

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora?

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Salute e Sud Regioni italiane: offerta sanitaria e condizioni di salute Report n. 7/2010 REGIONI ITALIANE: OFFERTA SANITARIA E CONDIZIONI DI D SALUTE Per il

Dettagli

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici Walter Ricciardi Direttore Istituto di Igiene UCSC e Osservatorio Nazionale sulla salute nelle Regioni Italiane Il diagramma di Ishikawa

Dettagli

OSSERVAZIONI PRINCIPALI

OSSERVAZIONI PRINCIPALI Roma, 3 novembre 2011 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO CONSULTAZIONE SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 7-BIS, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252, RECANTE

Dettagli

Mondo Alternative. Le sfide dell assetallocationin una nuova era

Mondo Alternative. Le sfide dell assetallocationin una nuova era Mondo Alternative Workshop Le sfide dell assetallocationin una nuova era Giovedì11 ottobre 2012 L impatto dell'analisi delle attivitàe passivitàdi un ente previdenziale sull'assetallocation Attuario Indice

Dettagli

Costruzione delle basi biometriche per l assicurazione Long Term care. SCOR inform - Novembre 2012

Costruzione delle basi biometriche per l assicurazione Long Term care. SCOR inform - Novembre 2012 Costruzione delle basi biometriche per l assicurazione Long Term care SCOR inform - Novembre 2012 Costruzione delle basi biometriche per l assicurazione Long Term care Autore Laure de Montesquieu Responsabile

Dettagli

Puro Rischio TCM. Di regola non esiste RISCATTO e RIDUZIONE.

Puro Rischio TCM. Di regola non esiste RISCATTO e RIDUZIONE. Il Ramo Vita 1 Puro rischio TCM 2 Puro Rischio TCM Garantiscono al Beneficiario un capitale in caso di decesso dell Assicurato entro un dato periodo di tempo. Il premio è calcolato in base: al sesso dell

Dettagli

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE Francesco Longo Bologna, 29 maggio 2015 1 Struttura della

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DI UN INTERMEDIARIO ASSICURATIVO SPECIALIZZATO CESARE ROSSI - EUROPA BENEFITS SRL

IL PUNTO DI VISTA DI UN INTERMEDIARIO ASSICURATIVO SPECIALIZZATO CESARE ROSSI - EUROPA BENEFITS SRL IL PUNTO DI VISTA DI UN INTERMEDIARIO ASSICURATIVO SPECIALIZZATO CESARE ROSSI - EUROPA BENEFITS SRL Specialisti nel Welfare Aziendale I NOSTRI PRINCIPALI CLIENTI: CASSA DI ASSISTENZA PREVITALIA - FONDO

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

pensionline Documento sull erogazione delle rendite Allegato alle Condizioni Generali di contratto di pensionline

pensionline Documento sull erogazione delle rendite Allegato alle Condizioni Generali di contratto di pensionline pensionline Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5077 (art. 13 del decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005) Documento

Dettagli

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE (ALLEGATO ALLA NOTA INFORMATIVA) Il presente documento disciplina, nei confronti dell aderente, l erogazione delle prestazioni pensionistiche in forma di rendita del Fondo

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 31 DICEMBRE Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010 STATISTICHE AL 31 DICEMBRE 2012 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale di Statistica

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata INA ASSITALIA PRIMO Piano pensionistico

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

PRODOTTI ASSICURATIVI SANITARI E PREVIDENZIALI NEL NUOVO SCENARIO DEMOGRAFICO. PROFILI ATTUARIALI

PRODOTTI ASSICURATIVI SANITARI E PREVIDENZIALI NEL NUOVO SCENARIO DEMOGRAFICO. PROFILI ATTUARIALI PRODOTTI ASSICURATIVI SANITARI E PREVIDENZIALI NEL NUOVO SCENARIO DEMOGRAFICO. PROFILI ATTUARIALI Ermanno Pitacco Dipartimento di Matematica Applicata B. de Finetti, Università di Trieste p.le Europa,

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Vittorio Verdone Direzione Centrale Auto, Distribuzione e Consumatori

Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Vittorio Verdone Direzione Centrale Auto, Distribuzione e Consumatori Focus su sinistri, frodi e contenzioso r.c. auto I prezzi delle polizze r.c.a. e la normativa mancata La raccolta totale premi 2013 per canale distributivo Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE

Dettagli

Fideuram Progetto Pensione

Fideuram Progetto Pensione Fideuram Progetto Pensione CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA A PREMIO UNICO RICORRENTE DESTINATO AD ATTUARE FORME PENSIONISTICHE INDIVIDUALI Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 31 gennaio 2008 Istruzioni per la redazione del Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare LA COVIP Visto il decreto

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

CERGAS Obiettivi e forme d intervento in ambito di long term care

CERGAS Obiettivi e forme d intervento in ambito di long term care CERGAS Obiettivi e forme d intervento in ambito di long term care di Francesco Longo Milano, 25 settembre 2013 Agenda : I DATI DI SISTEMA LE PRINCIPALI CRITICITÀ DI POLICY LE POSSIBILI VISIONI PER UNO

Dettagli

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%)

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%) SUD/ISOLE CENTRO NORD ITA LIA SARDEGNA SICILIA CALABRIA BASILICATA PUGLIA CAMPANIA MOLISE A BRUZZO LAZIO MARCHE UMBRIA TOSCANA EMILIA ROM LIGURIA FRIULI VG VENETO TRENTINO AA LOMBARDIA V AOSTA PIEMONTE

Dettagli