Commissario Straordinario Delegato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Commissario Straordinario Delegato"

Transcript

1 COMUNE DI ILLORAI PROVINCIA DI SASSARI Commissario Straordinario Delegato (D.P.C.M. del ) ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI Rep. n. 87/7 5 febbraio 2013 DELEGA AMMINISTRATIVA E CORRELATA CONVENZIONE tra il Commissario Straordinario Delegato per la Realizzazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico per la Regione Sardegna (codice fiscale ), Dott. Efisio Orrù, con sede legale in Via S. Simone n. 60, Cagliari Amministrazione delegante e Il Comune di Illorai, (codice fiscale ), in persona del Sig. Antonio Virde, Assessore dei Lavori Pubblici, nato a Illorai il , che interviente per delega del Sindaco in carica, Sig.ra Pietrina Picca (delega Prot , n. 491), con sede legale in Piazza IV Novembre, n. 2. Ente avvalso delegato alla realizzazione e l Assessorato dei Lavori Pubblici della Regione Autonoma della Sardegna Direzione Generale (codice fiscale ), in persona del Direttore del Servizio interventi nel territorio, Ing. Alberto Piras, nato a Cagliari il , che interviene per delega del suo Direttore Generale, Ing. Edoardo Balzarini, nato a Tunisi il (delega Prot. n del ), con sede in viale Trento n. 69, Cagliari Ente avvalso delegato al controllo per la disciplina dei rapporti derivanti:

2 A. dalla delega dell'esercizio delle funzioni attribuite con il presente atto al Comune di Lanusei per la progettazione e realizzazione -a cura e sotto la responsabilità dello stesso Comune- dell'intervento denominato SS014A/10 Comune di Illorai opere di consolidamento nell'abitato (CUP J23B ), previsto nell'allegato 1 dell'accordo di Programma 23 dicembre 2010, stipulato tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) e la Regione Autonoma della Sardegna. B. dall'esercizio del potere di controllo, propositivo e di consulenza sulle funzioni di cui al precedente punto A, svolto dall'assessorato Regionale ai Lavori Pubblici per conto del Commissario Straordinario. Premesso 1) Che con legge , n. 191, recante "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2010)" e, in particolare, con l'articolo 2, co. 240, è stato previsto che le risorse per interventi di risanamento ambientale siano assegnate a Piani straordinari diretti a rimuovere le situazioni a più elevato rischio idrogeologico; 2) che con decreto-legge del 23 dicembre 2009, n. 195, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010, n. 26, recante "Disposizioni urgenti per la cessazione dello stato di emergenza in materia di rifiuti nella regione Campania, per l'avvio della fase post emergenziale nel territorio della regione Abruzzo ed altre disposizioni urgenti relative alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed alla Protezione Civile" è stata, tra l altro, prevista la possibilità di nominare commissari straordinari delegati, ai sensi dell articolo 20 del decreto-legge n. 185 del 2008 e successive modificazioni, per l attuazione degli interventi sulle situazioni a più elevato rischio idrogeologico e al fine di salvaguardare la sicurezza delle infrastrutture e il patrimonio ambientale e culturale nelle aree del territorio nazionale; 2/17

3 3) che il 23 dicembre 2010 è stato stipulato tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) e la Regione Autonoma della Sardegna l'accordo di Programma, e l elenco degli interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico ammessi a finanziamento, dell importo complessivo di , così ripartiti dopo la rimodulazione avvenuta con accordo : ,22 a carico del MATTM; ,78 a valere sui fondi FAS ed il restante ,00 quale quota di cofinanziamento regionale. 4) che nell'accordo di Programma 23 dicembre 2010 è ricompreso l'intervento denominato SS014A/10 Comune di Illorai opere di consolidamento nell'abitato ; 5) che con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del , registrato dalla Corte dei Conti il n. prot. 1317/11, su proposta del Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, è stato nominato il dott. Efisio Orrù Commissario Straordinario Delegato all attuazione degli interventi dell Accordo di Programma appena citato; 6) che l art. 4 del Decreto del Consiglio dei Ministri del 21 gennaio 2011 appena menzionato autorizza il Commissario Straordinario Delegato ad avvalersi degli uffici del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e degli Enti da questo vigilati, di società specializzate a totale capitale pubblico, delle strutture e degli uffici delle amministrazioni periferiche dello Stato, dell amministrazione regionale, delle provincie e dei comuni, degli enti locali anche territoriali, dei consorzi, delle università, delle aziende pubbliche di servizi per l espletamento di tutte le attività tecnico amministrative connesse alla realizzazione degli interventi; 3/17

4 7) che con Ordinanza n. 1 del 7 giugno 2011 il Commissario Straordinario Delegato ha individuato nell Assessorato dei Lavori Pubblici la struttura di riferimento per la realizzazione degli interventi in questione; 8) che con Decreto n. 335/25 del 3 ottobre 2012 il Commissario Straordinario ha parzialmente approvato la proposta d'intervento formulata dal Comune di Illorai; 9) che, ai sensi dell'art. 2.1 del Regolamento commissariale approvato con proprio Decreto n. 39/1 del , è facoltà del Commissario avvalersi dell'amministrazione interessata per la realizzazione dell'intervento; 10) che con nota Prot. n del , il Comune di Illorai ha garantito il possesso delle necessarie risorse tecniche dei propri Uffici per l'esecuzione in via delegata dell'intervento e proponendo il Geom. Ivo Zirone, C.F.: ZRNVIO64R05F979A a RUP dell'intervento in questione; 11) che è opportuno attribuire al Comune di Illorai i necessari poteri affinché proceda, in via delegata, alla realizzazione dell'intervento in questione, nei termini e modi di seguito precisati; 12) che il Commissario straordinario in data 14 dicembre 2012 ha adottato l'ordinanza di avvalimento n. 478/12, che, tra l'altro contiene la nomina del Geom. Ivo Zirone a RUP dell'intervento in questione; 13) che alla predetta ordinanza ha fatto seguito, il cronoprogramma presuntivo redatto dal Comune di Illorai, ai sensi dell'art. 2.4 del Regolamento e consegnato al Commissario Straordinario delegato con nota n. 302 del ; 14) che il Commissario Straordinario ha approvato tale cronoprogramma presuntivo con Decreto n. 74/15 del 25 gennaio 2013; 4/17

5 15) che è altresì necessario attribuire all'assessorato regionale dei Lavori Pubblici un ruolo di assistenza tecnica e di controllo nelle fasi di esecuzione dell'intervento. 16) Per queste ragioni, è necessario: A) delegare l'esercizio delle funzioni amministrative al Comune di Illorai per la realizzazione dell'intervento; B) stipulare la convenzione tra il Commissario Straordinario delegato, il Comune di Illorai e l'assessorato regionale dei Lavori Pubblici che ne disciplini i rapporti conseguenti. A. DELEGA DI FUNZIONI A.1. Con il presente atto, il Commissario Straordinario delega al Comune di Illorai l'esercizio delle funzioni amministrative inerenti le procedure di aggiudicazione e di esecuzione dell'appalto dei servizi di ingegneria e dell'appalto dei lavori per la realizzazione dell'intervento SS014A/10 Comune di Illorai opere di consolidamento nell'abitato (CUP J23B ), dell'importo stimato di ,00, nei limiti di seguito enunciati. Per l'effetto, il medesimo Comune svolgerà le funzioni di stazione appaltante, in tutte le fasi dell'esecuzione della delega di funzioni di cui al comma 1. A.2. Le predette funzioni verranno esercitate nel rispetto degli obblighi stabiliti dal Regolamento Commissariale menzionato in premessa da intendersi integralmente richiamato nella presente convenzione e comprendono gli eventuali contenziosi che ne dovessero derivare. A.3. La titolarità dell intervento e del procedimento amministrativo compete al Commissario. L Ente avvalso svolgerà le funzioni suddette in nome, per conto e 5/17

6 nell interesse del Commissario stesso, dandone chiara indicazione in ogni atto adottato e rivolto all esterno come ad esempio progetti, bandi di gara, lettere d invito, ecc., come previsto dal citato Regolamento commissariale. A.4. Poichè il presente intervento è eseguito dal Comune su delega amministrativa del Commissario, lo stesso non è riconducibile alla normativa amministrativa e contabile di cui al T.U. n. 267/00. Questo comporta, tra le altre cose: a) che l'avvio, lo svolgimento e la conclusione delle procedure di realizzzazione dell''intervento saranno disciplinati esclusivamente dal citato Regolamento e della presente Convenzione, con esclusione della disciplina di cui al T.U n. 267 in materia di controlli; b) che i pagamenti saranno direttamente a carico della Contabilità Speciale del Commissario e dunque le risorse non dovranno essere accreditate nelle casse comunali. c) ulteriore corollario è l'inappllicabilità della II parte - Ordinamento finanziario e contabile del T.U n. 267, stante la natura commissariale e quindi extracomunale dell'intervento stesso. Ne deriva che il flusso dei pagamenti sarà il seguente: I) indicazione del Commissario Straordinario quale cessionario di tutte le fatture inerenti l'intervento in oggetto (art Convenzione); II) invio delle predette fatture, accompagnate dalla dovuta documentazione e certificazione rilasciata dal RUP -conformemente alla normativa in materia di appalto pubblico- attestante il diritto al loro pagamento al Commissario Straordinario, senza la procedura di verifica contabile di cui al T.U. n. 267/00; 6/17

7 III) in caso di verifica positiva (art. 3.1, lett. i e art. 4.3 Convenzione), il Commissario Straordinario provvederà ad effettuare i pagamenti attingendo direttamente dalla propria Contabilità Speciale. A.5. Il Comune è responsabile di qualsiasi danno che i terzi dovessero subire in dipendenza della delega di cui al presente capo e non potrà quindi pretendere di rivalersi nei confronti del Commissario. A.6. All'Assessorato regionale dei Lavori Pubblici competono i poteri di controllo e di consulenza, meglio precisati nel successivo art. 3. In conseguenza della delega di cui al capo precedente, al fine di disciplinarne i rapporti, le parti stipulano la seguente B. CONVENZIONE ART. 1 - Obblighi e poteri del Comune 1.1. Oltre a quanto previsto nel precedente art. A.4, che rinvia integralmente al Regolamento commissariale, il Comune provvederà sotto la propria responsabilità ad svolgere l'attività progettuale, ad acquisire tutte le autorizzazioni e i nulla osta necessari per la realizzazione dell'intervento di cui in premessa L'attività progettuale attribuita al Comune dal comma precedente consiste nella predisposizione del progetto preliminare, definitivo ed esecutivo. a) Come indicato nel cronoprogramma presuntivo di cui al punto 13 della premessa, il termine utile complessivo per eseguire l'opera (progettazione + esecuzione lavori + collaudo finale) sarà di 511 giorni, così suddivisi: 1. progettazione: 178 giorni. 7/17

8 1. Progettazione preliminare: 91 giorni; 2. progettazione definitiva: 58 giorni; 3. progettazione esecutiva: 29 giorni. Il progetto preliminare ed esecutivo verranno approvati dal Commissario con le modalità di cui agli artt. 2.5 e 2.9 del Regolamento. 2. Esecuzione dei lavori: 273 giorni. Il termine per l esecuzione dei lavori è 273 giorni, naturali e consecutivi (ovvero del minor termine proposto in sede di gara), decorrenti dalla data del verbale di consegna dei lavori. Il tempo concesso tiene conto delle ferie contrattuali e dell andamento stagionale sfavorevole. 3. Collaudo finale: 60 giorni. Terminata la realizzazione dell'opera, la fase del collaudo finale è stimata in 60 giorni. b) i quadri economici dovranno contemplare l'1,97% dell'importo da destinare a spese per il funzionamento dell'ufficio commissariale, ai sensi dell'art. 4 del DPCM e dell'art. 1 del DPCM Eventuali ritardi nei tempi sopraindicati dovranno essere prontamente comunicati dal Comune al Commissario Straordinario ed all'assessorato regionale dei Lavori Pubblici, con l'indicazione delle ragioni e dei nuovi termini di conclusione ipotizzati Il Comune di Illorai avrà la facoltà di proporre al Commissario Straordinario l'esercizio dei suoi poteri di deroga Le attività di progettazione nelle sue diverse fasi, il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e la direzione dei lavori potranno essere affidate dal Comune di Illorai anche a soggetti esterni, nel rispetto della normativa vigente in materia Il Commissario Straordinario potrà esercitare i suoi poteri di deroga in modo espresso e nel rispetto comunque della normativa comunitaria sull'affidamento di appalti di 8/17

9 lavori, servizi e forniture, della normativa in materia di tutela ambientale e paesaggistica, di tutela del patrimonio storico, artistico e monumentale, nonché dei princìpi generali dell'ordinamento Ai sensi dell'art. 5, Legge 7 agosto 2012, n. 134, in caso di affidamento esterno e nella determinazione del corrispettivo dei servizi di cui al comma precedente, il Comune dovrà applicare a base di gara le tariffe professionali e le classificazioni delle prestazioni vigenti prima della data di entrata in vigore del Decreto Legge n. 1 del 24 gennaio La realizzazione dell'intervento avverrà mediante procedure di affidamento da indirsi ed eseguirsi a cura e responsabilità del Comune delegato, secondo quanto previsto dal precedente paragrafo A, disciplinante la delega di funzioni e nel rispetto della normativa vigente in materia, salvo deroga espressa da parte del Commissario Straordinario Come già esposto nell'art. 1, comma 3 della citata Ordinanza di avvalimento n. 478/12 del 14 dicembre 2012, in osservanza dell'art. 20, co. 6, L. 2/09 e del parere n del 28 settembre 2011 reso dalla Ragioneria Generale dello Stato, è necessario attendere che le amministrazioni contraenti l'a. di P provvedano ad erogare gli importi ivi previsti per poter avviare la fase di esecuzione delle opere. Pertanto, solo dopo che le amministrazioni avranno effettuato tale adempimento, il Commissario autorizzerà -con proprio Decreto- il Comune ad avviare la suddetta fase di esecuzione Poiché i lavori devono essere conclusi con estrema urgenza, il Comune stabilirà adeguate penali nelle redigende convenzioni con i soggetti aggiudicatari, in caso di mancato ed ingiustificato rispetto delle date finali indicate nei cronoprogrammi Ai sensi dell'art. 92, comma 5 del D.lvo n. 163, il Comune di Illorai destinerà al proprio personale eventualmente impiegato per la realizzazione dell'intervento 9/17

10 gli incentivi previsti dal proprio Regolamento che dovranno perciò essere inseriti nei quadri economici dell'intervento Tutti i contratti, in qualsiasi forma predisposti, dovranno riportare CUP e CIG. I contratti di cui sopra verranno stipulati dal Comune di Illorai precisando che l amministrazione contraente agisce in qualità di ente delegato dal Commissario Straordinario Delegato ai sensi del DPCM , in virtù dell'ordinanza n. 478/12 del 14 dicembre Essendo i contratti sottoposti all approvazione del Commissario Straordinario, dovrà essere altresì specificato: L'appaltatore prende atto ed accetta che il presente contratto è sottoposto alla condizione sospensiva dell'esito dell'approvazione da parte del Commissario Straordinario Delegato, ai sensi del combinato disposto di cui all'articolo 11, comma 11 e 12, articolo 12 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e degli articoli 103 e seguenti del Titolo II, Capo IV del R.D. 23 maggio 1924, n Riguardo ai pagamenti, il contratto dovrà così puntualizzare: Agendo (l amministrazione contraente) in qualità di Ente delegato dal Commissario straordinario delegato, in virtù dell'ordinanza n. 478/12 del 14 dicembre 2012, tutti i pagamenti scaturiti dal presente atto saranno imputati sulla contabilità speciale n C S RISCHIO IDROGEOL SARDEGNA intestata al Commissario medesimo. L Appaltatore dovrà pertanto intestare le fatture all Ufficio del Commissario, c.f , con sede in Via San Simone n Cagliari Tutte le fatture o ricevute dovranno essere intestate al Commissario, come precisato al precedente comma. 10/17

11 1.16. Ai sensi dell art. 3 della legge n.136 in materia di tracciabilità dei flussi finanziari, i creditori indicheranno in calce alle fatture emesse il conto corrente bancario o postale, tra quelli dedicati all appalto e da utilizzare per il pagamento Per quanto non previsto dalla presente convenzione, si rinvia integralmente all'art. 3 del citato Regolamento commissariale Il Comune è autorizzato ad utilizzare le intestazioni ed i moduli in uso per i propri elaborati progettuali ed i cartelli di cantiere Ove non diversamente previsto dal presente regolamento, il Comune di Illorai sarà tenuto a conservare in originale, fatto salvo quanto previsto dal successivo art. 2.4, la documentazione tecnica, amministrativa e contabile relativa all intervento affidatogli per il tempo previsto dalla normativa vigente e comunque per un periodo non inferiore a dieci anni, a decorrere dalla data di quietanza dell ultimo titolo di spesa Tutti gli atti sottoposti ad approvazione saranno soggetti a vidimazione, che deve riportare gli estremi dell atto relativo e la firma del Commissario Straordinario La trasmissione di note, lettere o documenti tra Commissario Straordinario ed Ente avvalso od eventuali enti terzi coinvolti nella realizzazione dell'intervento è preferibilmente effettuata per via telematica, utilizzando i seguenti indirizzi mail: Commissario Straordinario: Comune di Illorai: 11/17

12 1.22. Per quegli atti per i quali la normativa imponga forme diverse di trasmissione o comunque quando il mittente ritenga di ricorrervi, la trasmissione in forma alternativa dovrà essere comunque preceduta da quella telematica Per quanto non previsto dalla presente convenzione, si rinvia integralmente all'art. 4 del citato Regolamento commissariale Il Comune sarà tenuto a redigere relazioni periodiche al Commissario Straordinario, con cadenza almeno bimestrale ed ogni qualvolta ne ravvisi la necessità Eventuali economie derivanti dall approvazione degli atti di contabilità finale, saranno riallocate a favore degli altri interventi previsti dal citato Accordo di Programma 23 dicembre Il Comune sarà il solo responsabile per gli eventuali oneri derivanti da ritardi, inadempienze o contenziosi, a qualsiasi titolo insorgenti, nella gestione tecnica e amministrativa dei contratti posti in essere in ordine alla realizzazione dell intervento. ART. 2 - Obblighi e poteri del Commissario 2.1. Il Commissario Straordinario ottempererà agli obblighi meglio individuati nel Regolamento commissariale da intendersi qui integralmente richiamati ed in particolare provvederà: a) ad approvare il progetto preliminare ed esecutivo; b) ad adottare con ordinanza le eventuali deroghe normative che si dovessero rendere necessarie per la corretta e tempestiva esecuzione dell'intervento, secondo il proprio insindacabile giudizio; c) ad autorizzare il Comune ad avviare le procedure di esecuzione dell'intervento; 12/17

13 d) ad approvare i contratti di esecuzione dell'intervento nonché le eventuali rimodulazioni del quadro economico successive all'aggiudicazione; e) alle autorizzazioni alle eventuali varianti in corso d'opera secondo le modalità previste dall'art del Regolamento; f) ad approvare il certificato di collaudo, disponendo lo svincolo dell'ammontare residuo della cauzione definitiva; g) ad effettuare tutti i pagamenti, nel rispetto di quanto previsto dall'intero capo 3 del Regolamento commissariale citato, al netto della quota indicata nel precedente art. 1.2, lett. b) e nel rispetto di quanto precisato nella parte relativa alla delega di funzioni (A.4); h) ad emanare eventuali direttive regolanti le singole attività da svolgersi; i) ad indire eventuali Conferenze di Servizi anche su proposta dell Assessorato Regionale dei Lavori Pubblici e del Comune di Illorai per l acquisizione di pareri, nulla-osta necessari e preliminari all approvazione ed esecuzione delle opere o di conferire la relativa delega al RUP dell'intervento; j) a verificare con cadenza bimestrale il rispetto del cronoprogramma delle attività e dei lavori, come indicato nell'art del Regolamento. Nel caso in cui il Commissario rilevi ritardi non giustificati e tali da non poter essere recuperati nelle fasi successive, solleciterà il RUP a precisarne le motivazioni e, se del caso, a fornire la proposta di azioni correttive; k) a chiedere ogni informazioni e documentazione al Comune al riguardo, anche mediante richiesta di specifiche relazioni, aggiuntive rispetto a quelle indicate nel precedente art. 1.24, ogni qualvolta ne ravvisi la necessità. 13/17

14 2.2. Le risorse necessarie per le varie fasi di realizzazione dell'intervento saranno rese disponibili in funzione del flusso dei finanziamenti ed in conformità del quadro economico del progetto esecutivo approvato Al Commissario non sono imputabili eventuali oneri derivanti da ritardi, inadempienze o contenzioso, a qualsiasi titolo insorgente, nella gestione tecnica e amministrativa dei contratti posti in essere in ordine alla realizzazione dell intervento. Tali oneri restano a totale carico dell Ente avvalso Il Commissario Straordinario potrà chiedere al Comune di Illorai tutti i documenti giustificativi delle spese affrontate in esecuzione dell'incarico, in originale per ottemperare ai suoi obblighi di rendicontazione, nei termini e nelle modalità chiarite dalla Circolare n. 4 del 15 febbraio 2011 del Ministero dell'economia e delle Finanze, Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, Ispettorato Generale di Finanza, Ufficio XV La delega contenuta nella presente convenzione comporta il permanere della titolarità della funzione al Commissario Straordinario e quindi sussiste il suo potere di controllo e di avocazione dell'intera procedura nonché le sue facoltà di ritiro e/o modifica, parziale od integrale della medesima delega. ART. 3 - Obblighi e poteri dell'assessorato regionale ai Lavori Pubblici 3.1. All'Assessorato regionale ai Lavori Pubblici spettano poteri di assistenza e di controllo riguardo l'intervento in questione. In particolare, dovrà: a) fornire assistenza tecnica al Comune delegato sulle questioni che dovessero insorgere nell'esecuzione dell'intervento in questione; 14/17

15 b) fornire assistenza amministrativa e tecnica al Comune ai fini dell'ottenimento delle autorizzazioni, nulla osta e provvedimenti ampliativi in genere che dovessero essere necessari per la realizzazione dell'opera e che fossero di competenza regionale; c) dietro richiesta del Commissario Straordinario, esprimere pareri tecnici, anche in materia urbanistica, ambientale e paesaggistica, circa la corretta esecuzione dell'intervento, in riferimento a qualsiasi sua fase; d) svolgere l'attività di vigilanza tecnica sul corretto avanzamento dei lavori, eventualmente suggerendo al Comune misure correttive e proponendo al Commissario Straordinario l esercizio dei propri poteri sostitutivi o di avocazione, in caso di ritardi o inerzie o, comunque, accertate carenze; e) chiedere ogni informazioni e documentazione al Comune al riguardo, anche mediante richiesta di specifiche relazioni, aggiuntive rispetto a quelle indicate nel precedente art. 1.24, ogni qualvolta ne ravvisi la necessità; f) emanare eventuali direttive regolanti le singole attività da svolgersi; g) proporre al Commissario Straordinario l'esercizio dei suoi poteri di deroga; h) redigere relazioni periodiche al Commissario Straordinario, con cadenza bimestrale ed ogni qualvolta se ne ravvisi la necessità, a seguito dell'attività di controllo ed assistenza di cui ai precedenti capi; i) rilasciare nulla osta sulle richieste di pagamento dei SAL e del conto finale provenienti dal Comune di Illorai, come risultante dalla documentazione fornita. ART. 4 Certificato di regolare esecuzione ed ultimazione dei lavori 15/17

16 4.1. Ai sensi dell'art. 2.17, primo comma del Regolamento commissariale, l'accertamento dei lavori eseguiti inerenti l'intervento in questione verrà fatto mediante certificato di regolare esecuzione, secondo le modalità previste dall'art. 237 del D.P.R n Redatto il certificato di regolare esecuzione, questo verrà trasmesso dal RUP al Commissario ed all'assessorato regionale dei Lavori Pubblici, unitamente al conto finale ed alla relazione di accompagnamento Il Commissario straordinario provvederà ad approvare il medesimo con decreto, previo parere dell'assessorato regionale dei Lavori Pubblici ai sensi dell'art. 3.1, lett. i), disponendo lo svincolo dell'ammontare residuo della cauzione definitiva. ART. 5 - Norme finali 5.1. Manutenzione e proprietà dell'opera La manutenzione dell intervento ad avvenuta sua realizzazione resta a carico del Comune delegato che ne acquisirà anche la proprietà in base ai principi in materia di accessione (art. 934 e e ss, Codice Civile) Elezione di domicilio A tutti gli effetti amministrativi e giudiziari, le parti contraenti eleggono il proprio domicilio presso le proprie rispettive sedi indicate nell'intestazione della presente convenzione Tentativo di conciliazione Tutte le controversie che dovessero insorgere in ordine all interpretazione, esecuzione, validità, efficacia e risoluzione della presente Convenzione, verranno devolute al previo esperimento del tentativo di conciliazione previsto dall'art. 8, comma 5 dell'accordo di Programma 23 dicembre /17

17 In caso di esito infruttuoso, sarà competente in via esclusiva il Foro di Cagliari, ai sensi degli artt del Regio Decreto 30 ottobre 1933, n Non viene ammesso il ricorso all arbitrato Norma finale Per tutto quanto non espressamente disciplinato nella presente convenzione trova applicazione il Regolamento approvato dal Commissario con Decreto Decreto n. 39/1 del , richiamato in premessa Trattamento dei dati personali Tutti i dati personali saranno utilizzati dal Commissario delegato per i soli fini istituzionali, assicurando la protezione e la riservatezza delle informazioni secondo la normativa vigente Oneri fiscali, spese contrattuali La presente convenzione è esente dal pagamento dell'imposta di bollo ai sensi dell articolo 16 della tabella B annessa al DPR 26 ottobre 1972, n La presente convenzione viene stipulata in tre originali Cagliari, Letto, confermato e sottoscritto Commissario Straordinario Delegato Dr. Efisio Orrù Comune di Illorai Sig. Antonio Virde Assessorato regionale dei Lavori Pubblici Ing. Alberto Piras 17/17

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ (tratto da Linee guida per la qualificazione del procedimento di Lavori Pubblici - IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP CHE COS E IL CUP Il CUP (CODICE UNICO DI PROGETTO) è un'etichetta stabile che identifica e accompagna un progetto d'investimento pubblico, sin dalla

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA Poiché risulta che alla gara possono partecipare anche imprese in possesso di attestazione SOA per la sola costruzione indicando i progettisti si chiede quale

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C Il presente concorso è disciplinato dalla Direttiva 2004/18/CE. I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT Informationssystem für Öffentliche Verträge Manuale CIG Vers. 2012-09 IT AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Informationssystem

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 3 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture Vol. 3 - Il contratto

Dettagli

Il Termine di Esecuzione Lavori

Il Termine di Esecuzione Lavori Il Termine di Esecuzione Lavori Il carattere non essenziale del termine Di regola negli appalti di lavori pubblici il termine contrattuale di ultimazione non è essenziale (art. 1457 del cod.civ.). Come

Dettagli

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica Pagina 1 di 6 Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica OGTTO: Adesione al Lotto n. 5 della convenzione denominata AUSILI DISABILI 2, per la fornitura di Sollevatori

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli