CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AREA DI RICERCA ROMA II TOR VERGATA VIA FOSSO DEL CAVALIERE, ROMA TEL FAX

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AREA DI RICERCA ROMA II TOR VERGATA VIA FOSSO DEL CAVALIERE, 100 00133 ROMA TEL. 0649934542 FAX 0649934018"

Transcript

1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AREA DI RICERCA ROMA II TOR VERGATA VIA FOSSO DEL CAVALIERE, ROMA TEL FAX Procedura aperta per l appalto del SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA E GUARDIANIA/RECEPTION del CNR - Area di Ricerca Roma 2 Tor Vergata. CODICE CIG CAPITOLATO D APPALTO ALL.A SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA E GUARDIANIA/RECEPTION DEL CNR Area di Ricerca Roma 2 Tor Vergata via del Fosso del Cavaliere Roma Indice-Sommario Articolo 1 - Oggetto e Aree di intervento...1 Articolo 2 Tipologia e orario dei servizi richiesti...1 Articolo 3 Procedure dei servizi richiesti Articolo 4 Disposizioni di caratere generale per il servizio presso l Area... 2 Articolo 5 - Elenco non esaustivo delle prestazioni più specifiche da svolgersi presso l Area....3 Articolo 6 Norme di comportamento generali...5 Articolo 1 Oggetto e Aree di intervento. Il presente appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di vigilanza armata e guardiania/reception per le aree coperte e scoperte di pertinenza del CNR -Area della Ricerca Roma 2 Tor Vergata Via Fosso del Cavaliere, Roma. Articolo 2 Tipologia e orario dei servizi richiesti Attività di vigilanza armata e portierato A) Portierato, dalle ore 6.00 alle (H10) per 241 giorni feriali circa, effettuata da una unità di personale qualificato (10 h x 241 g x 15,87 = ,70); B) Vigilanza armata con piantonamento fisso, dalle ore alle ore (H14) per 241 giorni feriali, effettuata da una guardia giurata (14 h x 241 g x 24,87 = ,38); C) Vigilanza armata con piantonamento fisso, dalle ore 00,00 alle ore 24,00 (H24) per 124 giorni festivi e prefestivi, effettuata da una guardia giurata (24 h x 124 g x 24,87 = ,12); D) Vigilanza armata con autopattuglia con n 1 vigile a bordo tra le 20,00 e le 6,00 di tutti i giorni (365g.) per 4 ispezioni di pattugliamento interno (n.4 x 365 x 5 =.7.300); Articolo 3 Procedure dei servizi richiesti Il servizio e le modalità di espletamento delle prestazioni sono contenute in linea generale nel presente Capitolato.

2 Il vigile che esegue il piantonamento ha il compito di assicurare l'apertura e la chiusura del cancello principale per permettere l'entrata e l'uscita del personale autorizzato. L'autopattuglia, formata da una autovettura e da una Guardia Giurata, ( ai sensi del T.U.L.P.S.) nel corso di ciascuna ispezione, deve provvedere a verificare lo stato dei luoghi, la chiusura di porte e finestre e l avvenuto inserimento dei sistemi di sicurezza ( anti-intrusione, TVCC etc.), a punzonare i dispositivi di controllo nei punti indicati nella piantina predisposta dall Area, nonché ispezionare esternamente gli immobili presenti nell'area. I dispositivi di controllo sono forniti ed istallati dalla ditta che effettua la vigilanza e i dati rilevati e stampati su carta saranno consegnati all Area e costituiranno oggetto di certificazione. Se nel corso dell ispezione la Guardia Giurata dovesse notare una situazione sospetta, o l attivazione di un allarme, dovrà immediatamente comunicare alla propria centrale operativa l anomalia riscontrata, la quale, a sua volta, dovrà mettere in atto tutte le azioni che riterrà utili per limitare i danni e quindi attivare il servizio di reperibilità dell Area, nel più breve tempo possibile. Il personale di vigilanza e di reception debbono aver frequentato i corsi di formazione di cui al D.M. 10 marzo 1998 per interventi su incendio di medio rischio e corsi di formazione per addetti al primo soccorso. Altri servizi richiesti a) Servizio centralino telefonico fuori dal normale orario di lavoro. b) Servizi vari per conto di Direzioni c/o uffici autorizzati c) Supporto per visite VIP d) Ritiro di posta e smistamento e, con eventuale delega, di raccomandate e pacchi e) Provvede alla custodia delle chiavi che verranno consegnate dai responsabili delle strutture o da persona all uopo delegata (Istituti o Servizi comuni). Articolo 4 Disposizioni a carattere generale per il servizio presso l Area Il vigile o il portiere che esegue il piantonamento, nello svolgere una costante ed attiva opera di osservazione, dovrà attenersi scrupolosamente alle disposizioni specifiche impartite dal Responsabile di Area o da persona all uopo delegata, nonché alla osservanza della normativa generale disposta dall Istituto di vigilanza armata e portierato, in particolare: - esegue l'apertura e la chiusura del cancello principale per permettere l'entrata e l'uscita del personale autorizzato; - provvede al riconoscimento del personale dell'ente nel rispetto delle procedure aziendali che verranno portate a conoscenza dei vigili e dell addetto al portierato dal Responsabile dei Servizi Comuni dell' Area; - controlla e registra in entrata ed uscita sia persone che automezzi estranei all' Area provvedendo al rilascio dei relativi tesserini di accesso; - verifica le bolle accompagnatorie di merci effettua controlli sui materiali caricati e scaricati ponendo in esame tutte le cautele ed i possibili adempimenti volti ad evitare che i beni mobili di proprietà del C.N.R. possano essere asportati anche utilizzando il sistema automatico di allarme imparziale installato ai varchi di uscita (dipendenti, ospiti), come da Regolamento di accesso all Area; - provvede, come già evidenziato, all'apertura e chiusura dei cancelli e dei locali agli orari che verranno comunicati dal Responsabile di Area; - provvede alla custodia delle chiavi che verranno consegnate dal Responsabile di Area o da persona all'uopo delegata; - eventuali altre indicazioni saranno successivamente disposte dal Responsabile di Area

3 da persona all'uopo delegata. L'autopattuglia, formata da una autovettura e da una Guardia Giurata, ( ai sensi del T.U.L.P.S.) dovrà effettuare durante il servizio notturno per 365 giorni all anno n 4 giri di ronda dalle ore 20,00 alle ore 6,00 con cadenza di circa due ore. Nel corso di ciascuna ispezione, deve provvedere: - a verificare lo stato dei luoghi, la chiusura di porte e finestre e l avvenuto inserimento dei sistemi di sicurezza ( anti-intrusione, TVCC etc.), - a punzonare i dispositivi di controllo nei punti indicati nella piantina predisposta dall Area, nonché ispezionare esternamente gli immobili presenti nell'area. I dispositivi di controllo sono forniti ed istallati dalla ditta che effettua la vigilanza e i dati rilevati e stampati su carta saranno consegnati all Area e costituiranno oggetto di certificazione. Se nel corso dell ispezione la Guardia Giurata dovesse notare una situazione sospetta, o l attivazione di un allarme, dovrà immediatamente comunicare alla propria centrale operativa l anomalia riscontrata, la quale, a sua volta, dovrà mettere in atto tutte le azioni che riterrà utili per limitare i danni e quindi attivare il servizio di reperibilità dell Area. Articolo 5 Elenco non esaustivo delle prestazioni più specifiche da svolgersi presso l Area. II personale di sorveglianza adempie alle seguenti incombenze: a) provvedere alla apertura e chiusura degli edifici dell'area secondo gli orari previsti e provvede alla custodia delle chiavi; b) verificare riscontro presenza e autorizzazione dei Direttori di Istituto dopo l orario di chiusura; c) provvedere alle procedure previste per le chiamate del personale del CNR alla reperibilità, conserva in ordine la documentazione relativa ai recapiti telefonici del personale dell'ente (personale addetto alla reperibilità e Direzioni degli organi), nonché all attuazione del sistema sonoro di evacuazione eventualmente richiesto dal personale preposto; d) provvedere ad accogliere gli eventuali ospiti della foresteria, alla consegna ed al ritiro delle chiavi delle stanze a quest'ultimi affidate; e) provvedere allo smistamento delle chiamate telefoniche in arrivo negli orari in cui il servizio non risulta coperto dal personale dell'ente; f) provvedere, in caso di emergenza, alla manovra manuale degli ascensori, in conformità alle istruzioni predisposte. g) Adempiere alle procedure di ingresso e di uscita del personale, degli ospiti e dei fornitori; h) redigere un rapporto dettagliato degli avvenimenti del giorno e lo consegna in copia alla Direzione di Area entro le ore 9.00 del giorno successivo; i) consegnare alla pattuglia incaricata della sorveglianza interna il dispositivo per la punzonatura ad ogni giro ispettivo, provvedendo allo scarico dei dati ed alla stampa dei dati con consegna agli uffici competenti (come previsto dal punto f); l) prevedere l attivazione e la disattivazione degli impianti antintrusione negli immobili ove siano presenti;

4 m) prestare opera di primo soccorso n) utilizzare i mezzi antincendio in dotazione all Area (estintori e manichette antincendio). La Società appaltatrice dovrà disporre di una frequenza in VHF in concessione dal Ministero delle Comunicazioni. Il vigile e il portiere dovranno rispettare e far rispettare le norme riportate nel regolamento di accessi interno all area, il cui testo verrà consegnato alla stipula del contratto e costituisce parte integrante del presente disciplinare. Gli addetti alla vigilanza impegnati nei giri ispettivi notturni, come già citato, dovranno punzonare l'apposito dispositivo elettronico nei punti indicati nella piantina consegnata alla stipula del contratto, variando l ordine del percorso al fine di rendere casuale il passaggio nei singoli punti previsti. L'apertura e la chiusura degli istituti all'interno del recinto dell'area potrà essere effettuata, osservando le relative procedure oggetto delle comunicazioni dell Area, anche dalla pattuglia di ronda nel primo e nell'ultimo giro notturno e, ad ogni giro di ispezione dovranno inoltre essere controllate lo stato di chiusura delle porte di ingresso, delle finestre e delle luci dei singoli Istituti. Ogni anomalia riscontrata nel corso dell'espletamento del servizio, per l'intero arco delle 24 ore, dovrà essere segnalata nel rapporto giornaliero di cui al precedente punto h) provvedendo nel contempo ad attivare tutte le procedure di propria competenza quale il ricorso agli addetti alla reperibilità, ovvero la richiesta di intervento delle forze dell'ordine o dei V.V.F. in caso di effrazioni o di incendio. Per i fatti ritenuti rilevanti ai fini della tutela del patrimonio, della sicurezza degli impianti e delle persone e sulle iniziative prese, dovrà obbligatoriamente essere informato il personale del turno di reperibilità il quale provvederà ad informarne il Responsabile di Area o il Direttore dell Istituto. II portiere nell'espletamento del servizio di piantonamento dovrà attenersi alle disposizioni specifiche impartite dal Responsabile o da persona all'uopo delegata, nonché alla osservanza della normativa generale disposta dall'istituto di Vigilanza. Pertanto ogni addetto deve essere in grado di garantire: - Attivazione e disattivazione sistemi di allarme. - Controllo ingresso/uscita dipendenti - Controllo ingresso/uscita ospiti - Eventuale controllo ingresso/uscita automezzi - Controllo ingresso/uscita merci e materiali - Eventuale controllo televisivo di accessi particolari - Controllo parcheggi, interni e esterni, segnalando le auto e mezzi in sosta notturna prive di permessi - Apertura e chiusura uffici - Apertura, chiusura, controllo porte, cancelli, sbarre dell edificio - Accoglimento e avvio visitatori, con eventuale inserimento su P.C. dei dati anagrafici relativi, e controllo della loro uscita - Eventuali altre indicazioni saranno successivamente disposte dal Responsabile o da persona all uopo delegata, con un ordinanza di servizio

5 Articolo 6 - Norme di comportamento generali. Il personale che verrà utilizzato per il servizio di specie garantirà, inoltre: - Cura della propria persona ed è in uniforme - Modi gentili improntati alla massima disponibilità con chiunque, evitando discussioni - Assoluta riservatezza - Alta affidabilità - Fermezza e decisione - Buon livello culturale, padronanza della lingua italiana PER L ISTITUTO DI VIGILANZA PER IL CNR AREA di ROMA 2 TOR VERGATA... Ai sensi dell'art del codice civile la ditta esplicitamente dichiara di accettare specificatamente ed integralmente il contenuto degli articoli 1, 2, 3, 4, 5 e 6 del presente capitolato tecnico fermo restando l'inderogabilità anche delle altre norme contrattuali. Per accettazione PER L ISTITUTO DI VIGILANZA (timbro e firma della ditta)

Capitolato Speciale d Appalto

Capitolato Speciale d Appalto CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Roma 1 Montelibretti Via Salaria Km, 29.300-00016 Monterotondo / stazione (Roma) CIG 0264551A61 Capitolato Speciale d Appalto REALIZZATO DAI SERVIZI

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO B) DISCIPLINARE TECNICO 1. LUOGO DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO: Il luogo di esecuzione del servizio è il seguente: Istituto Nazionale di Astrofisica Sede Centrale Viale del Parco Mellini n. 84 c.a.p.

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO UFFICIO VIII GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA DELLE SEDI DEL MINISTERO DELLA SALUTE SITE IN LUNGOTEVERE

Dettagli

Istituto di Vigilanza Privata. Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare

Istituto di Vigilanza Privata. Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare Istituto di Vigilanza Privata Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare Servizi di vigilanza e sorveglianza Professionalità e sicurezza Servizio di Vigilanza Fissa Pattugliamento

Dettagli

Allegato 2 BIS CAPITOLATO TECNICO

Allegato 2 BIS CAPITOLATO TECNICO Allegato 2 BIS CAPITOLATO TECNICO Modalità e condizioni di esecuzione dei servizi di vigilanza, portierato/reception e trasporto valori presso l Ufficio Provinciale ACI sito in via Cina, n.413 - Roma a)

Dettagli

Rif. CIG 11044973C1 CAPITOLATO TECNICO

Rif. CIG 11044973C1 CAPITOLATO TECNICO GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DELL ART. 20 DEL D.LGS. 163/2006 PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA PRESSO LA SEDE CONSOB DI MILANO SITA IN VIA BROLETTO 7 Rif. CIG 11044973C1 CAPITOLATO

Dettagli

Allegato 2 CAPITOLATO TECNICO

Allegato 2 CAPITOLATO TECNICO Allegato 2 CAPITOLATO TECNICO Modalità e condizioni di esecuzione dei servizi di vigilanza, portierato/reception e servizi connessi presso la Sede Centrale dell ACI Edificio sito in via Marsala, n.8/galleria

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO 31 maggio 2010 n.1 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 2 della Legge 13 novembre 1987 n.132 così come modificato dall articolo

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V.

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. CERVELLO 1 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO PAG. 3 ART. 2PRESCRIZIONI

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 PROCEDURA DI GARA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA 35 E VIA CALABRIA 56. CIG: 5066492974

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 13.03.2012 I N D I C E ART. 1 - FINALITA' DEL

Dettagli

Consiglio regionale della Sardegna

Consiglio regionale della Sardegna PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI VIGILANZA ARMATA DA ESPLETARSI A MEZZO DI GUARDIE PARTICOLARI GIURATE PRESSO LE SEDI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA (CIG 6182690530) CAPITOLATO

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI VIGILANZA ARMATA, CUSTODIA-PORTIERATO E ALTRI SERVIZI PER LE SEDI E GLI IMMOBILI DELLA REGIONE LAZIO

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI VIGILANZA ARMATA, CUSTODIA-PORTIERATO E ALTRI SERVIZI PER LE SEDI E GLI IMMOBILI DELLA REGIONE LAZIO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI VIGILANZA ARMATA, CUSTODIA-PORTIERATO E ALTRI SERVIZI PER LE SEDI E GLI IMMOBILI DELLA REGIONE LAZIO ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO INDICE PREMESSA... 2

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA, PORTIERATO/CUSTODIA E LAVAGGIO AUTOVEICOLI DELLA REGIONE SARDEGNA.

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA, PORTIERATO/CUSTODIA E LAVAGGIO AUTOVEICOLI DELLA REGIONE SARDEGNA. PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA, PORTIERATO/CUSTODIA E LAVAGGIO AUTOVEICOLI DELLA REGIONE SARDEGNA Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 PREMESSA 3 2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI

Dettagli

GARA PER IL SERVIZIO DI PRESIDIO E CUSTODIA DELLE SEDI TORINESI DEL CONSORZIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

GARA PER IL SERVIZIO DI PRESIDIO E CUSTODIA DELLE SEDI TORINESI DEL CONSORZIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GARA PER IL SERVIZIO DI PRESIDIO E CUSTODIA DELLE SEDI TORINESI DEL CONSORZIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO (Requisiti Tecnici) Ottobre 2010 1 Indice generale 1. Oggetto e referente unico...3 2. Modalità

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITÄ

NUOVO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITÄ NUOVO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITÄ Divisione Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane Divisione Servizi Tecnici Dicembre 2007 Art. 1 - Scopo 1. Il servizio di reperibilitä costituisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

Gara GE 03-15 Servizi di vigilanza armata e servizi di reception CIG LOTTO 1: 6439531516 CIG LOTTO 2: 6439544FCD CAPITOLATO TECNICO Pag.

Gara GE 03-15 Servizi di vigilanza armata e servizi di reception CIG LOTTO 1: 6439531516 CIG LOTTO 2: 6439544FCD CAPITOLATO TECNICO Pag. CAPITOLATO TECNICO Pag.1 di 19 Insiel Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A. con socio unico Sede Legale: Trieste, Via San Francesco d Assisi n. 43 GE 03-15 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DEL

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle modalità svolgimento del.servizio di portierato. (Appendice al regolamento degli Uffici e dei Servizi)

Regolamento per la disciplina delle modalità svolgimento del.servizio di portierato. (Appendice al regolamento degli Uffici e dei Servizi) Regolamento per la disciplina delle modalità svolgimento del.servizio di portierato. (Appendice al regolamento degli Uffici e dei Servizi) di INDICE Art.l Oggetto, finalità ed ambito di applicazione. Art.2

Dettagli

REGISTRO CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO 2012-2013 SEDE di

REGISTRO CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO 2012-2013 SEDE di Autonomia Scolastica n. 24 Istituto Comprensivo Statale G. Pascoli Via Orsini - 84010 Polvica - Tramonti (SA) Tel e Fax. 089876220 - C.M. SAIC81100T - C.F. 80025250657 Email :saic81100t@pec.istruzionew.it

Dettagli

per poter contare sui servizi accessori certi, qualificanti, convenienti

per poter contare sui servizi accessori certi, qualificanti, convenienti per poter contare sui servizi accessori certi, qualificanti, convenienti MISSION STRATEGIA QUALITà Azienda Struttura dalle componenti forti di esperienza, introduzione e capacità di interfacciarsi con

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO)

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) Pagina 1 di 5 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) Sede Legale: Via Bianchi, 9 25124 Brescia Tel 03022901 Fax 0302425251 Email

Dettagli

Soggetto aggregatore della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Soggetto aggregatore della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Soggetto aggregatore della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale autonomie locali e coordinamento delle riforme Servizio centrale unica di committenza Allegato 1 PROCEDURA APERTA PER

Dettagli

Il servizio di tele-radioallarme con collegamenti complessi;

Il servizio di tele-radioallarme con collegamenti complessi; 1 AREA SERVIZI GENERALI CAPITOLATO SPECIALE PER AFFIDAMENTO INCARICO SERVIZIO DI VIGILANZA ACCOGLIENZA/RECEPTION TELERADIOALLARME PRESSO LA SEDE DELL ICE PER IL PERIODO: 01.01.2009-31.12.2011 1) Oggetto

Dettagli

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto SCHEDA TECNICA N. 4 SERVIZIO DI ASSISTENZA AL TRASPORTO SCOLASTICO PER GLI ALUNNI DELLE SCUOLE DELL INFANZIA, DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO, NONCHE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 Scheda

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DELL ART. 20 DEL D.LGS. 163/2006 PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA PRESSO LE SEDI CONSOB DI ROMA

GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DELL ART. 20 DEL D.LGS. 163/2006 PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA PRESSO LE SEDI CONSOB DI ROMA GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DELL ART. 20 DEL D.LGS. 163/2006 PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA PRESSO LE SEDI CONSOB DI ROMA CAPITOLATO TECNICO ART. 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 1 ART.

Dettagli

Regolamento di accesso. Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi)

Regolamento di accesso. Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi) Regolamento di accesso Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi) 1 di 7 Responsabilità E responsabilità della funzione di Accettazione documenti e di Accettazione materiali / rifiuti, applicare

Dettagli

CCNL vigente per dipendenti da Istituti e Imprese di vigilanza privata e, pertanto, si tratta di un

CCNL vigente per dipendenti da Istituti e Imprese di vigilanza privata e, pertanto, si tratta di un Q : Con riferimento a quanto indicato all ultimo capoverso dell art. 1 parte I del Capitolato di gara si chiede di precisare se la procedura di cambio appalto debba essere attivata obbligatoriamente sia

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A Articolo 1 - Oggetto del servizio Il presente appalto ha per oggetto l affidamento del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO IN SICUREZZA DI ASCENSORI, MONTACARICHI E PIATTAFORME ELEVATRICI Emanato con D.R. Rep. n. 16022/2010 prot. n. 7682 del 26/05/2010. Entrato in vigore l'11/06/2010. Regolamento

Dettagli

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO Qualora si verichi un incidente tale da rendere necessario l abbandono cautelativo dell edificio (p. es.

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

ISTITUTO COLOMBO PIANO DI EMERGENZA ESTERNO ORGANIZZAZIONE ATTIVITA ESTERNE TORRE G. NA

ISTITUTO COLOMBO PIANO DI EMERGENZA ESTERNO ORGANIZZAZIONE ATTIVITA ESTERNE TORRE G. NA ISTITUTO COLOMBO PIANO DI EMERGENZA ESTERNO ORGANIZZAZIONE ATTIVITA ESTERNE (redatto ai sensi del D.Lgs 81/2008 ) TORRE G. NA Definizioni generali 1.1 Obiettivi I principali obiettivi del piano di emergenza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

Allegato 8/A CAPITOLATO TECNICO

Allegato 8/A CAPITOLATO TECNICO Allegato 8/A CAPITOLATO TECNICO Modalità e condizioni di esecuzione dei servizi di vigilanza, portierato/reception e trasporto valori presso l Area Metropolitana ACI di Napoli sita in piazzale Tecchio,

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO INDICE ART. 1. PREMESSA... 2 ART. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA... 2 ART. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO... 2 ART. 4. PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 2 ART. 5. REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI...

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA'

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA' COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA' Art. 1 Servizio di Pronta Reperibilità- Istituzione e finalità 1.Nell ambito del Territorio del Comune di Ruffano è

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CONTRATTO ATTO DI

Dettagli

e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco SEDE

e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco SEDE Alle Direzioni Centrali LORO SEDI All Ufficio Centrale Ispettivo Alle Direzioni Regionali e Interregionali VV.F. LORO SEDI Ai Comandi provinciali VV.F. LORO SEDI Agli Uffici di diretta collaborazione del

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

DISPOSIZIONI SPECIFICHE DA OSSERVARE PER LO SCARICO/CARICO NELL AREA DEGLI STABILIMENTI SEV SRL

DISPOSIZIONI SPECIFICHE DA OSSERVARE PER LO SCARICO/CARICO NELL AREA DEGLI STABILIMENTI SEV SRL File IO-13M-03.doc Pag 1 di 8 DISPOSIZIONI SPECIFICHE DA OSSERVARE PER LO SCARICO/CARICO NELL AREA DEGLI STABILIMENTI SEV SRL SOMMARIO 1 0.1 Generalità 1 1.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1 1.2 D.P.I OBBLIGATORI

Dettagli

APPALTO PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASPORTO FUNZIONALI ALL ESPLETAMENTO DELLE ATTIVITÀ ANTIDOPING

APPALTO PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASPORTO FUNZIONALI ALL ESPLETAMENTO DELLE ATTIVITÀ ANTIDOPING Capitolato tecnico APPALTO PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASPORTO FUNZIONALI ALL ESPLETAMENTO DELLE ATTIVITÀ ANTIDOPING 1. Termini e definizioni Il presente Capitolato fornisce le indicazioni e le

Dettagli

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 BANDO DI GARA NOLEGGIO FOTOCOPIATRICI Alle ditte RCO - l.bassotti@rcoonline.it Vema Copy info@vemacopy.it BASCO BAZAR info@basco-bazar2.it FASTREND

Dettagli

COMUNE DI SIENA REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SIENA CONCERNENTE LA VERIFICA DI RISPONDENZA DEGLI IMPIANTI TERMICI ALLE NORME VIGENTI

COMUNE DI SIENA REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SIENA CONCERNENTE LA VERIFICA DI RISPONDENZA DEGLI IMPIANTI TERMICI ALLE NORME VIGENTI COMUNE DI SIENA DIREZIONE MANUTENZIONE DELLA CITTA REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SIENA CONCERNENTE LA VERIFICA DI RISPONDENZA DEGLI IMPIANTI TERMICI ALLE NORME VIGENTI approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA)

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ART. 1 Campo di

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19 Per trattamento di dati deve intendersi: qualunque operazione o complesso di operazioni, svolte con o senza l ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS Istruzioni per la compilazione delle linee d indirizzo per la redazione del POS 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS (Documento da non allegare al POS) Il

Dettagli

COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS. BANDO DI GARA Servizi/Forniture

COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS. BANDO DI GARA Servizi/Forniture COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS BANDO DI GARA Servizi/Forniture PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI ANTINTRUSIONE. GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIGILANZA

Dettagli

So.Ge.A.Al. S.p.A. Pagina 1

So.Ge.A.Al. S.p.A. Pagina 1 PRIVACY POLICY AZIENDALE La presente pagina informa tutti i Clienti, Visitatori, Collaboratori esterni e Fornitori circa le logiche e le policy di gestione dei dati personali presso la Società di Gestione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008 Art. 26 del D.Lgs. 81/08 - Obblighi connessi al contratto di appalto" (D.U.V.R.I.Documento unico di Valutazione dei rischi da interferenze) relativo alle sedi di lavoro. N.B: il suddetto documento è allegato

Dettagli

ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO

ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI NEL LICEO Si riportano, quale esempio e non esaustivi,

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli:

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: parcheggiati al di fuori degli appositi stalli indicati dalla segnaletica o parcheggiati in aree

Dettagli

LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO SECONDO IL DLgs 81/08

LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO SECONDO IL DLgs 81/08 LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO SECONDO IL DLgs 81/08 DEFINIZIONE Per manutenzione di un impianto elettrico si intende l insieme delle attività tecnico-gestionali e dei lavori necessari per conservare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 5 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 OBBLIGHI DEL RICHIEDENTE...2 3.1 CONDIZIONI GENERALI... 2 3.2 CONDIZIONI DI SICUREZZA... 2 3.1 PRESENZA DI OSSERVATORI

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete Sede Legale: via Bottenigo, 64 a 30175 Marghera Venezia Tel. 041 5497111 - Fax. 041 935181 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli

I N D I C E. Pag. 2 di 6

I N D I C E. Pag. 2 di 6 Pag. 1 di 6 I N D I C E Articolo 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Articolo 2 - Parco Automezzi.. pag. 3 Articolo 3 - Responsabile Parco Automezzi.... pag. 3 Articolo 4 - Referente del Parco Automezzi.....

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

Multimediale e Informatico

Multimediale e Informatico M.I.U.R. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto d Istruzione Superiore U.Midossi Via F. Petrarca s.n.c. 01033 Civita Castellana (VT)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Prot. N. VI/5/ 5505 Pomarance, lì 03/07/2014. Alle imprese fornitrici di arredo urbano. Sul MEPA. Loro SEDI

Prot. N. VI/5/ 5505 Pomarance, lì 03/07/2014. Alle imprese fornitrici di arredo urbano. Sul MEPA. Loro SEDI COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa Allegato sub. A SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/62311 Fax 0588/65470 Prot. N. VI/5/ 5505 Pomarance, lì 03/07/2014 Alle

Dettagli

ALLEGATO A DISCIPLINARE TECNICO DEL SERVIZIO INTEGRATO DI VIGILANZA, SICUREZZA, CUSTODIA E SORVEGLIANZA DELL ISTITUTO LAZZARO SPALLANZANI

ALLEGATO A DISCIPLINARE TECNICO DEL SERVIZIO INTEGRATO DI VIGILANZA, SICUREZZA, CUSTODIA E SORVEGLIANZA DELL ISTITUTO LAZZARO SPALLANZANI ALLEGATO A DISCIPLINARE TECNICO DEL SERVIZIO INTEGRATO DI VIGILANZA, SICUREZZA, CUSTODIA E SORVEGLIANZA DELL ISTITUTO LAZZARO SPALLANZANI 1 INDICE 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO...

Dettagli

Questo documento fa riferimento a quello emanato per la disciplina delle attività DOC 6 e sarà titolato DOC 6 rev 00 FIBC

Questo documento fa riferimento a quello emanato per la disciplina delle attività DOC 6 e sarà titolato DOC 6 rev 00 FIBC La Federazione Italiana Boot Camp nasce come dipartimento O.I.P.E.S., ed ha lo scopo di far conoscere le discipline che compongono questa attività di Fitness a tutti coloro che amano stare e fare attività

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI VIGILANZA ISPETTIVA TRA. Il Consorzio per l Area di Sviluppo Industriale di Bari sito in Modugno (BA)

SCHEMA CONTRATTO DI VIGILANZA ISPETTIVA TRA. Il Consorzio per l Area di Sviluppo Industriale di Bari sito in Modugno (BA) SCHEMA CONTRATTO DI VIGILANZA ISPETTIVA TRA Il Consorzio per l Area di Sviluppo Industriale di Bari sito in Modugno (BA) - 70026 - Via delle Dalie 5, partita iva 00830890729, proprietario dell impianto

Dettagli

Richiesta idoneità sede didattica temporanea

Richiesta idoneità sede didattica temporanea ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Richiesta idoneità sede didattica temporanea Allegato 4 al Dispositivo per l Accreditamento degli Organismi di Formazione Professionale REGIONE

Dettagli

REV. 1 del 19/05/2014

REV. 1 del 19/05/2014 CARTA DEI SERVIZI REV. 1 del 19/05/2014 Gentile Signore/ Signora, il documento che Lei sta leggendo è la nostra Carta dei Servizi. Si tratta di un documento importante che Le permette di conoscere la nostra

Dettagli

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono:

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono: Principali obblighi per i Datori di Lavoro di piccole/medie imprese (settore commercio) in seguito all entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/2008 Le principali attività

Dettagli

Come di seguito riportato:

Come di seguito riportato: Spett.le Studio Professionale, nel rispetto dell ottemperanza normativa in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, disposta dal D. Lgs. 81/08 e ss. mm. ii. è necessario provvedere a: a. identificare

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO AMMINISTRATIVO COMUNALE Dott. Luca Murgia COPIA DETERMINAZIONE N. 667 DEL 11/12/2015 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 670 DEL 11/12/2015

Dettagli

Comune di Brenzone PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03.

Comune di Brenzone PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03.2012) Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare e fissare

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Servizio di Prevenzione e Protezione Via Celso Ulpiani (ex palazzo CEDAM) 70125 BARI (Italia) Tel. +39.080.5712425-6 Fax +39.080.5712427 Università degli Studi di Bari - Aldo MORO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 27/D INTEGRAZIONE DELL'ORDINANZA SINDACALE N. 40/D DEL 18 GIUGNO 1994 AI FINI DELL'ATTUAZIONE DEL SISTEMA "TELEPASS" PER IL CONTROLLO DEGLI ACCESSI

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO Documento Unico di Valutazione dei Rischi di Interferenze Data: Stazione Appaltante: COMUNE DI VILLACIDRO Oggetto Appalto: ASSISTENZA E VIGILANZA ALUNNI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO COMPITI DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (D. Lgs. 81/08) 1. Fatto salvo quanto

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Prot. n. 15713 Titolo IX Classe 3 Fascicolo 31-2013 Allegati 1 Ai Direttori di struttura Ai Dirigenti Ai Segretari Amministrativi di dipartimento Agli Addetti Locali alla Sicurezza Pavia, 23/04/2013 p.c.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER Prot. N. 5338/C14 GARA AD INVITO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE (ex art.17, comma 1, lettera b, D. Lgs. 9.4.2008, n 81 e smi) NONCHÉ ESPLETAMENTO

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA FONTEBRANDA SIENA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA FONTEBRANDA SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA FONTEBRANDA SIENA

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE.

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE. COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE. PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE LOGO DELLA SOCIETA PARTE III ESEMPIO DI PROCEDURA PER PIANO DI ED EVACUAZIONE Ediz.: Rev. : del: Pagina: 1 di 13 N OME SOCIETÀ PIANO DI ED EVACUAZIONE Dispensa a cura del relatore PIANO DI ED EVACUAZIONE

Dettagli

Parte IV Area personale ATA

Parte IV Area personale ATA Sommario PARTE IV AREA PERSONALE ATA... 1 Art. 29 Norme di comportamento comuni a tutto il Personale A.T.A.... 1 Art. 30 - Norme di comportamento specifiche del Personale amministrativo agli sportelli

Dettagli

Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda

Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda Scenario Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda I servizi di ronda/ispezione forniti dagli Istituti di Vigilanza vengono effettuati da Guardie Giurate incaricate di verificare ed ispezionare

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR. Prot. 0002378/C14 Bari, 09/11/2009 AVVISO PUBBLICO

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR. Prot. 0002378/C14 Bari, 09/11/2009 AVVISO PUBBLICO UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. PASCOLI Via N. Pizzoli n. 58 70123 Bari Tel./Fax 0805214555 Fax 0805721764 e-mail: bamm02700r@istruzione.it

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione.

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione. QUADERNO D ONERI PER I SERVIZI DI SORVEGLIANZA ARMATA E DI TELESORVEGLIANZA MEDIANTE COLLEGAMENTO AL SISTEMA D ALLARME DEL MUSEO G. FATTORI PRESSO VILLA MIMBELLI E DELLA STRUTTURA ESPOSITIVA ATTIGUA EX

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO NON CUSTODITI. Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n.

REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO NON CUSTODITI. Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO NON CUSTODITI Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 28/07/2011 ESECUTIVO DAL 01/10/2011 INDICE ART. 1. Oggetto ART. 2. Utilizzo

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli