Rischi catastrofali e intervento pubblico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rischi catastrofali e intervento pubblico"

Transcript

1 Rischi catastrofali intrvnto pubblico Luigi Buzzacchi Gilbrto Turati I grandi rischi - trrmoti, alluvioni, ruzioni cc. - pongono alla collttività un problma di prvnzion di coprtura di costi causati dall calamità. L sclt di prvnzion sono gnralmnt dcntrat, mntr l politich di intrvnto x-post sono tndnzialmnt cntralizzat danno luogo a una rdistribuzion solidal. In tal modo la prvnzion è scoraggiata. Mccanismi ch introducono il mrcato assicurativo potrbbro migliorar la situazion, purché combinati con l intrvnto pubblico, ch prman insostituibil. Introduzion 112 L catastrofi naturali artificiali mostrano in tutti i continnti proccupanti dinamich di crscita. I drammatici fftti di qusta scalation sono distribuiti in modo molto disugual a livllo sia gografico sia social. Favorir un allocazion di rischi fficint, qua finanziariamnt sostnibil è una sfida complssa urgnt pr l istituzioni pubblich. In qusto saggio discutiamo, anch alla luc di alcun intrssanti sprinz intrnazionali, l misur di policy ch possono ssr altrnativamnt mss in atto. La riflssion indica com prgi diftti dgli intrvnti pubblici in qust ambito si misurino soprattutto con la loro capacità di suscitar fficinti politich di prvnzion. L statistich mostrano, infatti, com in molti contsti ogni unità montaria invstita in prvnzion dtrmini vantaggi da du a quattro volt supriori in trmini di danni vitati all cos, all prson all ambint; tuttavia, il livllo di qusti invstimnti è sistmaticamnt subottimal. Il locus dll sclt di prvnzion è gnralmnt dcntrato, mntr l politich di intrvnto x-post sono tndnzialmnt cntralizzat. Qusta situazion dtrmina un vidnt caduta di incntivi a livllo local: i Govrni cntrali vorrbbro x-ant vitar di risarcir i danni pr incntivar condott di prvnzion virtuos; ma a postriori - dopo ch i danni si sono vrificati - non possono far altro ch intrvnir, prché riconoscono il valor dlla rdistribuzion dll risors pubblich in misura solidal. L politich pubblich migliori sono qull ch sono in grado di limitar mglio gli fftti di qusta inconsistnza tmporal. In qusto snso, il contributo di soggtti privati ch sono attivi ni mrcati assicurativi finanziari può risultar important, ma la sclta di allocazion di rischi catastrofali riman qustion squisitamnt politica, anch considrato ch in tutt l soluzioni ammissibili il rischio rsidual riman a carico dlla collttività. Luigi Buzzacchi Politcnico di Torino, Dispa Gilbrto Turati Univrsità di Torino

2 Gli vnti catastrofici Nl primo trimstr dl 2010 l catastrofi naturali hanno causato quasi 226 mila vittim, di cui oltr 220 mila a causa di sismi in Cil, soprattutto, ad Haiti. Il 2009 è stato, invc, a livllo mondial un anno rlativamnt fortunato dal punto di vista dl numro dlla svrità dll catastrofi naturali artificiali, provocando solo 15 mila vittim circa 62 miliardi di dollari di danni in 288 vnti (155 artificiali 133 naturali). 1 L annus horribilis fin qui ra stato il 2005, soprattutto a causa dgli uragani caraibici, quando l vittim furono 106 mila i danni conomici suprarono i 230 miliardi di dollari. Nl 2009 l Italia compar cinqu volt nlla lista dgli vnti catastrofici: il trrmoto in Abruzzo (april, 296 vittim friti pr 2 miliardi di dollari di danni); l fran in Sicilia (ottobr, 35 vittim 140 friti pr 20 milioni di dollari di danni); gli incndi in Sardgna (luglio, 2 vittim ttari di bosco distrutti pr 115 milioni di dollari di danni); il disastro frroviario di Viarggio (giugno, 29 vittim 17 friti); infin, il naufragio di migranti a Lampdusa (agosto, 73 disprsi). S prndiamo com rifrimnto l vnto catastrofico ch ha causato il maggior numro di vittim (il trrmoto in Indonsia in sttmbr, circa morti) qullo ch ha causato i maggiori danni conomici (l uragano Klaus in Francia Spagna, gnnaio, 5,7 miliardi di dollari di danni), in qusta tragica classifica il trrmoto in Abruzzo (il pggior vnto nazional) compar intorno al dcimo posto sia pr vittim sia pr danni conomici. Gli vnti ai primi posti di qust classifich sono prvalntmnt trrmoti uragani, ma si contano anch numrosi casi di incndi, siccità disastri ari marittimi. È vidnt ch danni conomici danni dmografici hanno andamnti spsso poco corrlati, prché gli pisodi catastrofici, a pari gravità, quanto più povra è l ara nlla qual si localizzano, tanti più danni causano all prson mno all cos. Qusti vnti apparntmnt così trogni hanno, in raltà, parcchi carattristich in comun l rlativ statistich aggrgat risultano, dunqu, di grand intrss pr svariati soggtti istituzionali privati. Tutti qusti vnti, infatti: sono (rlativamnt) rari; causano danni conomici complssivi molto lvati i soggtti colpiti dall vnto subiscono una grav riduzion di bnssr; dtrminano danni circoscritti localizzati a una comunità di individui bn idntificata sul trritorio; rapprsntano rischi ch non sono distribuiti in modo uniform né nl tmpo né nllo spazio. Pr smpio, l zon a rischio sismico significativo 1 L mtodologi adottat pr dfinir il conctto di catastrof pr misurarn gli fftti sono svariat. Naturalmnt tutt qust mtodologi forniscono una rapprsntazion parzial in part discrzional dl quadro gnral (tipicamnt l statistich sottostimano gli fftti complssivi dll catastrofi), ma sono comunqu in grado, almno in trmini comparativi, di coglir la dinamica di fnomni sottsi. In qusto paragrafo, quando non divrsamnt indicato, l statistich riportat sono tratt da Sigma (2010). 113

3 sono una piccola part dlla crosta trrstr allo strsso modo gli uragani colpiscono rgolarmnt solo alcun zon tropicali in spcifici msi dll anno. Il profilo di rischio sopra trattggiato è tal pr cui qust catgori di vnti vngono tcnicamnt considrat non assicurabili, visto ch il rischio assicurabil - pr consntir all compagni assicurativ di divrsificar adguatamnt i rischi - dovrbb ssr associato a vnti molto numrosi statisticamnt indipndnti. L compagni di assicurazion assumono qusti cosiddtti rischi catastrofali solo s possono a loro volta assicurarsi prsso un ri-assicurator ch, spcializzandosi in portafogli di numrosi rischi catastrofali, dovrbb riuscir a ottnr un discrto grado di divrsificazion. L statistich aggrgat, pur in prsnza di un altissima volatilità, indicano prò un fort incrmnto dlla frqunza di qusti vnti (Fig. 1) dlla svrità di danni causati (Fig. 2). L caus dl fnomno sono difficili da dcifrar con prcision; crtamnt la crscita dlla popolazion nll zon a rischio il riscaldamnto global sono considrati dtrminanti da una pluralità di ossrvatori. Fig. 1 Numro di vnti catastrofici Font: Sigma (2010). 114 Prfino il mrcato ri-assicurativo manifsta un vidnt difficoltà ad assumrsi qusti rischi l incrmnto di prmi consgunt alla maggior frqunza svrità di danni è tal da avr rso ormai la coprtura incompatibil con la capacità di spsa di ampi fasc di popolazion. L acquisto di una coprtura assicurativa contro i rischi catastrofali sul mrcato privato ha smpr riguardato una part comunqu minoritaria di cittadini sottoposti al rischio (si vda ancora la Fig. 2), tipicamnt l imprs l prso-

4 n fisich più abbinti ni Pasi più industrializzati. Nl 2009, pr smpio, di 62 miliardi di dollari di danni conomici stimati, solo 26 sono stati risarciti dal sttor assicurativo privato. Gran part di rischi ricadono, quindi, sull spall dgli individui più vulnrabili qusta è snza dubbio una situazion insoddisfacnt dal punto di vista dl bnssr social. La causa dl modsto ricorso alla coprtura assicurativa è in buona part da attribuir all insufficint capacità di spsa di soggtti sottoposti al rischio; non è, tuttavia, trascurabil il fatto ch i soggtti dannggiati hanno spsso un imprcisa conoscnza dl rischio, nl snso ch tndono a sottovalutarlo. Una più fficint allocazion dl rischio catastrofal è, dunqu, un punto critico nll agnda dll istituzioni pubblich, nazionali anch sovranazionali. Fig. 2 Danni conomici risarcimnti assicurativi causati dagli vnti catastrofici md. US $ 2009 Font: Münich R (2010). Prima di discutr dll possibili soluzioni pr una più fficint allocazion dl rischio, l ultima ma non mno important qustion da considrar pr comprndr la complssità dll sclt pubblich in tma di gstion di rischi catastrofali riguarda il fatto ch tali rischi non sono totalmnt sogni, ma possono ssr in qualch misura influnzati da adguat politich di prvnzion. S la probabilità ch si ralizzino l catastrofi naturali è tndnzialmnt sogna (quantomno nl brv priodo), 2 i disastri artificiali possono naturalmnt ssr vitati; anch pr l catastrofi naturali, comunqu, la gravità dgli fftti dipnd dall azioni dll uomo. Pr smpio, un fficac sistma di intllignc può ridurr il rischio di attntati trroristici; anch nl caso di alluvioni, bnché non s n possa govrnar la frqunza, si possono ridurr i 2 Probabilmnt si può ridurr il riscaldamnto global invstndo nlla riduzion dll missioni di gas srra, ma non si può sprar ch gli vntuali fftti siano immdiati. 115

5 danni ch causano, costrundo argini o canali opportunamnt progttati /o vitando di dificar nll zon più a rischio. Qusti smpi possono ssr facilmnt trasposti a qualunqu tipologia di vnto catastrofico. È vidnt ch la prvnzion comporta invstimnti costosi, d è altrttanto vidnt ch qusti invstimnti tndono a ssr sottodimnsionati risptto al loro livllo socialmnt dsidrabil, pr gli stssi motivi pr i quali è infficintmnt basso il ricorso all soluzioni assicurativ: nll agnda dll istituzioni pubblich, ovviamnt, dvono avr un posto di rilivo anch l politich pr la promozion dgli invstimnti in prvnzion. Il soggtto pubblico l catastrofi: possibili soluzioni S agli assicuratori fa capo una part minoritaria, ancorché rilvant, dl risarcimnto di danni provocati dagli vnti catastrofali, il risarcimnto di danni non assicurati vd spsso un coinvolgimnto molto ampio (in varia forma spsso maggioritario) dl soggtto pubblico. Pr smpio, scondo quanto riportato in Commission tcnica pr la spsa pubblica (1995), in Italia gli stanziamnti pubblici pr calamità naturali sono stati mdiamnt miliardi di lir annui (a valori 1995) nl priodo ; nl dcnnio prcdnt la spsa annua è stata suprior ai miliardi di lir, mntr ngli anni 70 ra di miliardi di lir annui (smpr a valori 1995). Smpr nl caso italiano, vnndo al più rcnt trrmoto in Abruzzo, ni giorni immdiatamnt succssivi alla catastrof il Govrno si è impgnato a finanziar al 100% snza limiti di importo la ricostruzion o la ristrutturazion dll prim abitazioni dll famigli colpit. Sulla bas di dati ufficiali forniti dal Govrno, è prvisto uno stanziamnto di 8 miliardi di uro da spndr in tr anni. 3 In mrito all intrvnto pubblico nl risarcimnto di danni catastrofali è ncssario dar risposta ad almno du qustioni intrconnss: prché il soggtto pubblico intrvin com intrvin? Cominciamo dalla prima qustion. Il soggtto pubblico intrvin innanzitutto prché subisc una part di danni, cioè una part dlla prdita di bnssr dgli individui driva dai danni subiti dal patrimonio pubblico (infrastruttur, in particolar), ch riducono il livllo di srvizi ch possono ssr offrti agli abitanti di una spcifica ara. S pr un vnto catastrofico crolla una scuola o un ospdal pubblici (com è accaduto anch nl caso dl trrmoto in Abruzzo), si riducono i srvizi di istruzion o sanitari ch è possibil fornir nll zon colpit risptto all zon ch non lo sono stat. È vidnt ch la spsa pubblica pr ricostituir un offrta di srvizi uniform su tutto il trritorio nazional rispond a basilari istanz di quità. Istanz di quità - ma di un ordin di grandzza suprior, tanto ch fors sarbb mglio parlar di

6 solidarità - possono spingr il soggtto pubblico a farsi part attiva anch quando i danni si rifriscono all proprità privat di cittadini. Sull modalità di intrvnto da part dl soggtto pubblico possiamo distingur du momnti: prima dopo l vnto catastrofico. Dopo ch si è vrificato, cioè nlla prospttiva x-post, l intrvnto pubblico è propriamnt di tipo risarcitorio d è chiaramnt molto visibil: lo Stato risarcisc (totalmnt o parzialmnt) i danni ch si sono ralizzati, attuando una ridistribuzion dll risors tra i cittadini. Prima ch l vnto catastrofico si sia vrificato, invc, cioè nlla prospttiva x-ant, gli intrvnti pubblici possono ssr moltplici, ma in gnral tndono a ssr poco visibili ai cittadini. Lo Stato può, infatti: riallocar il rischio, promuovndo oppur imponndo soluzioni mutuali /o assicurativ, vntualmnt ricorrndo anch ai mrcati finanziari, oltr ch ai mrcati assicurativi; 4 approfondir diffondr l informazion sui rischi ffttivi cui gli individui sono sottoposti, smpr con la finalità di promuovr un più dsidrabil profilo di allocazion di rischi; ralizzar dirttamnt oppur incntivar (anch conomicamnt) l attività di prvnzion, cioè ch mirano a ridurr la svrità di danni /o ridurr la probabilità di vnti catastrofici. Tutti i fondi impigati nll intrvnto pubblico - sia nlla prospttiva xant sia in qulla x-post - possono ssr raccolti con modalità diffrnti: dalla fiscalità gnral a fondi già trasfriti localmnt, ch quindi possono limitar la capacità di spsa dllo Stato a favor dgli stssi cittadini ch già hanno subìto il danno. Al di là dlla modalità, appar tuttavia vidnt com tutt qust sclt siano progttat sfruttando mccanismi rdistributivi, cioè imponndo ai cittadini fortunati di sostnr i cittadini sfortunati in quanto colpiti da una catastrof. E siccom il rischio è sistmaticamnt distribuito in misura trogna (cioè colpisc dtrminat ar di un Pas non altr), i cittadini sussidiati qulli ch sussidiano tndono a ssr smpr i mdsimi; il ch implica problmi politici (oltr ch conomici) non indiffrnti. L tipologi di intrvnto pubblico ch abbiamo illustrato sopra sono in grado di allocar in manira più dsidrabil dal punto di vista social i rischi x-ant di ridistribuir più quamnt il bnssr x-post, dato un crto profilo di rischio. Allo stsso tmpo, poiché il profilo di rischio non è dato, ma può ssr opportunamnt modificato, l intrvnto pubblico dv ssr valutato anch in misura dlla sua capacità di garantir un livllo fficint di invstimnti in prvnzion. Qusti invstimnti possono ssr sostnuti dirttamnt dallo Stato, oppur dmandati ai Govrni dll singol ar potnzialmnt a rischio (nl caso italiano, l rgioni, l provinc, i comuni, ma anch l azind sanitari 4 Ci rifriamo ai cosiddtti Cat Bonds, titoli mssi da una compagnia lgata a un assicurator o un ri-assicurator, il cui rndimnto è lgato alla ralizzazion di una catastrof natural. La catastrof vin in particolar quiparata al fallimnto di un imprsa, quando si vrifica, l mittnt non rstituisc (o rstituisc solo parzialmnt) il capital invstito. 117

7 locali o l univrsità, ints com amministrazioni locali). S lasciati ai livlli di Govrno local, in assnza di stimolo, qust attività (ch si traducono in invstimnti pubblici) sono smpr tndnzialmnt infriori a un livllo socialmnt ottimo. Dunqu lo stimolo da part dl Govrno cntral pr tali invstimnti (sia attravrso una qualch forma di sussidio sia attravrso l obbligo di ralizzar gli invstimnti stssi) è smpr auspicabil dal punto di vista collttivo. Si noti ch l divrs attività ch vdono coinvolto il soggtto pubblico (trasfrimnto di rischi dai singoli cittadini vrso comunità più ampi o vrso il mrcato privato, da un lato; promozion dgli invstimnti ch riducono i danni attsi, dall altro) sono, almno in part, conflittuali, prché il trasfrimnto dl rischio riduc ultriormnt gli incntivi all attività di prvnzion. Tornrmo in sguito su qusto punto. Il soggtto pubblico l catastrofi: alcun sprinz 118 S dal punto di vista torico il soggtto pubblico ha a disposizion divrs soluzioni, quali sprinz di trasfrimnto di rischi sono stat ffttivamnt implmntat nlla raltà? Quali attività di prvnzion sono stat davvro incntivat? In qusto paragrafo discutiamo brvmnt alcuni modlli gnrali di intrvnto ni quali si inquadrano una sri di smpi, ch rapprsntano la pluralità dll soluzioni poi ffttivamnt adottat. Un primo modllo è qullo ch prvd la coprtura pubblica x-post (con risarcimnti parziali o totali) di danni. In qusto caso, il rischio riman dov è x-ant; x-post, dopo ch l vnto si è vrificato, si dcidrà s quanto coprir i danni prodotti. È una soluzion rischiosa (nl snso ch rapprsnta pr lo Stato un capitolo di spsa alatorio), ch si basa sulla disponibilità di quattrini pubblici sul snso di solidarità fra trritori. È la soluzion, pr smpio, sopra dscritta nl caso dl trrmoto in Abruzzo, ch rapprsnta l approccio storicamnt ricorrnt di Govrni italiani di front all catastrofi. Praltro, non è crto un modllo ch rnda l Italia un cczion. Smpr a titolo di smpio, ngli Stati Uniti è prvisto a livllo fdral un Disastr Rlif Fund, ch toricamnt ha una dotazion vincolata x-ant, ma ch rgolarmnt x-post vin ri-finanziato (si vda Goodspd Haughwout, 2007) in corrispondnza dgli vnti catastrofali più gravi, in modo tal da risarcir i danni nlla misura ch vin politicamnt ritnuta più opportuna. Un scondo modllo è qullo ch prvd, invc, l introduzion di un fondo di mutualità pubblica: in qusto caso, c è una riallocazion x-ant di rischi fra tutti i cittadini, attravrso la dfinizion di rgol di coprtura (parzial o total) di danni in caso di vnti catastrofici. Il grado di coprtura è crucial pr costruir gli incntivi all attività di prvnzion: in particolar, è natural attndrsi ch gli incntivi all invstimnto in prvnzion crscano s si riduc il grado di solidarità dl mccanismo prquativo. Un smpio di fondo

8 di mutualità pubblica è fornito dalla Lgg 353/2000 ch, in Italia, ha crcato di coprir il rischio di incndi boschivi. Nl priodo sprimntal tra il 2000 il 2002, lo Stato ha dfinito un budgt di 10 milioni di uro da distribuir all rgioni, l quali - a loro volta - dovvano distribuir l risors finanziari ai divrsi comuni attravrso la sgunt rgola: mtà proporzionalmnt alla dimnsion dll ara boschiva, mtà in modo invrsamnt proporzional al rapporto tra l ara boschiva distrutta dagli incndi la dimnsion originaria dll ara forstal. La rgola di riparto tnd a bilanciar l signz di solidarità con qull di fficinza, provando a limitar il fr-riding. Qualcosa di simil è prvisto dal National Flood Insuranc Program ngli Stati Uniti: il Govrno fdral si impgna a fornir coprtura assicurativa contro l inondazioni all comunità locali ch adottano misur pr prvnir limitar la svrità di danni, cioè invstono in attività di prvnzion. Un trzo modllo è qullo ch prvd una partnrship tra il soggtto pubblico i soggtti privati. Tipicamnt l compagni di assicurazion privat (vntualmnt in pool) si assumono i rischi x-ant, poi lo Stato ri-assicura i privati, vincolandon tuttavia la discrzionalità (standardizzando i contratti fissando i przzi, cioè scglindo il livllo di sussidi incrociati). Il mccanismo di ri-assicurazion l intrvnto rgolatorio riducono, quindi, il ruolo dgli assicuratori privati nll assunzion dl rischio. Alla fin fin, anch in qusto caso, è smpr lo Stato a farsi carico di danni più svri imprvdibili: il comparto privato copr un livllo di danni normal garantisc i srvizi connssi all attività di assunzion di liquidazion. Un smpio di qusto modllo di intrvnto è fornito dall assicurazion contro i danni da trrmoto al patrimonio immobiliar in Giappon. L acquisto dll assicurazion è volontario, in gnr, associato a una normal polizza pr il rischio di incndio. L coprtur sono vndut dall assicurazioni privat, ma il Govrno giappons - attravrso il mccanismo ri-assicurativo - si assum circa l 80% di rischi. I prmi sono rgolati dallo Stato sono diffrnziati in funzion dl rischio sismico dll ara dov è situato l immobil; tal diffrnziazion di prmi è tuttavia modsta, cioè è volutamnt fissata in modo ch gli assicurati dll ar a basso rischio sismico sussidino gli abitanti dll ar a più alto rischio. La prsnza di sussidi incrociati allo stsso tmpo la partcipazion su bas volontaria ha fatto sì ch il livllo di coprtura nl Pas sia modsto (poco più dl 20% dgli immobili), ovviamnt concntrato nll ar a maggior rischio (cioè nll ar con coprtur sussidiat; si vda Naoi t al., 2010), ch, quindi, il sussidio - più ch ssr garantito dai propritari immobiliari dll ar a basso rischio, com ngli auspici dl policy makr - sia implicitamnt fornito dalla fiscalità gnral, cioè da tutta la popolazion. Un smpio ultrior di collaborazion tra pubblico privato è offrto dalla coprtura di vari rischi da catastrof ch possono intrssar il sttor agricolo in Spagna. Gli agricoltori acquistano l coprtur da Agrosguro, un consorzio ch riunisc l compagni privat ch gstisc il rischio. Lo Stato fornisc sia sussidi pr la sottoscrizion sia mccanismi di ri-assicurazion pr il consorzio. 119

9 Una variant dl prcdnt modllo è rapprsntata dalla smplic corrsponsion di sussidi funzionali a promuovr l accsso al mrcato assicurativo privato da part dl soggtto pubblico. In qusto modllo, in pratica, il soggtto pubblico non intrfrisc con il funzionamnto di mrcati assicurativi privati, ma rnd solo mno stringnti i vincoli di rddito pr i soggtti - prson fisich o giuridich - ch intndono trasfrir i propri rischi sul mrcato. A qusto proposito, è opportuno ricordar ch quando l intrvnto pubblico riguarda sussidi corrisposti a imprs, nllo spazio comunitario può configurarsi com aiuto di Stato intrfrir con il mccanismo concorrnzial, in quanto l intrvnto è discriminatorio a favor di una sola part dll imprs ch comptono nl mrcato unico. In qusto snso, dopo una sri di Parri Mmorandum, è stato rcntmnt manato il Rgolamnto C n. 73/2009 nl qual si stabilisc, tra l altro, ch i sussidi finalizzati a supportar i rischi dll azind agricol in caso di calamità naturali possano ssr corrisposti solo sotto forma di sussidi ai prmi assicurativi pagati dall azind ad assicuratori privati o all quot pr l adsion dll azind a fondi di mutualizzazion a capital non pubblico. Il rgolamnto spcifica la quota massima dlla spsa dll azind agricol ch può ssr sussidiata; il sussidio corrisposto da ogni Pas è cofinanziato a livllo comunitario. L prcdnti iniziativ a livllo nazional, qual pr smpio il caso Agrosguro prcdntmnt dscritto, dovranno adguarsi pr rispttar i vincoli dl rgolamnto. Un problma irrisolto 120 Com abbiamo fin qui illustrato, gli intrvnti dllo Stato vorrbbro ssr finalizzati sia a garantir un fficint livllo di invstimnti in prvnzion x-ant sia a provvdr a un solidal mccanismo riquilibratorio x-post, ridistribundo risors dall comunità locali fortunat a qull sfortunat. Com accnnato in prcdnza, tuttavia, c è conflittualità tra il trasfrimnto dl rischio gli incntivi all attività di prvnzion. Qusta conflittualità divnta vidnt nl momnto in cui si tin prsnt la natura cntralizzata dl procsso di govrno dll risors finanziari collttiv (cioè di tributi) qulla local dl procsso dcisional riguardant gli invstimnti in prvnzion. S il Govrno cntral intrvin finanziariamnt pr coprir i rischi, si cra lo spazio pr vntuali comportamnti opportunistici dll amministrazioni locali. In altr parol, s un amministrazion sa ch - in caso di disastro - i dnari arrivano, prché dovrbb impgnarsi in costos ( poco rmunrativ dal punto di vista lttoral) politich di prvnzion di danni a livllo local? Qusto quadro di rsponsabilità allocat in part al cntro in part a livllo local configura una difficoltà nlla progttazion dl sistma di coprtura finanziaria di danni da catastrofi ch gli conomisti in modo immaginifico idntificano com dilmma dl Samaritano o problma di Uliss. Sgundo la sconda mtafora, Omro

10 narra ch, quando Uliss affrontò l sirn, si fc lgar all albro dlla sua nav pr vincolarsi a una crta condotta. Uliss, infatti, ra bn conscio dl fatto ch, quando avss udito il canto dll sirn, si sarbb lasciato convincr a sguirl, quindi, a prir; proprio pr vitar tutto ciò, chius l orcchi di suoi compagni di viaggio con la cra si fc lgar alla nav. Qusto racconto pico aiuta a rapprsntar l difficoltà dl Govrno cntral (Uliss) di vincolarsi a un crto ammontar di trasfrimnti quando l amministrazioni locali (l sirn) si ritrovano in una situazion di difficoltà finanziari a causa - pr smpio - dl vrificarsi dll vnto catastrofico. Insomma, a diffrnza di Uliss, il Govrno cntral non avrbb un modo crdibil pr farsi lgar all albro dlla nav ; così, quando i Govrni locali si ritrovano in stato di bisogno, è costrtto a intrvnir con ultriori trasfrimnti. Il problma di Uliss rintra in qullo più gnral dll inconsistnza tmporal dll politich pubblich: i vincoli x-ant non sono allinati con gli incntivi x-post. Qusta storia aiuta a intrprtar qul ch accad in prsnza di un vnto catastrofico: s il Govrno cntral intrvin x-post pr coprir i danni, allora l amministrazioni locali avranno ancora mno incntivi a invstir nlla prvnzion. Una prima distorsion ngli incntivi driva dal gioco stratgico ch si vin a crar tra il Govrno cntral i Govrni locali: il primo farà di tutto pr far crdr all amministrazioni locali ch non sarà disposto a rogar un uro in più qualora qust dovssro ritrovarsi in una situazion di bisogno; i scondi crchranno di capir s qul ch sta crcando di far crdr loro il Govrno cntral è vro oppur no. Insomma, il Govrno cntral vorrbb x-ant impgnarsi a non risarcir i danni al fin di incntivar condott di prvnzion virtuos; ma a postriori - dopo ch i danni si sono vrificati - il Govrno non può far altro ch intrvnir, prché riconosc il valor dlla rdistribuzion dll risors pubblich in misura solidal. Quali altrnativ pr bilanciar qust du oppost tnsioni: l fficinza la solidarità? È qul ch ci chidiamo nl paragrafo conclusivo. Alla ricrca dlla soluzion ottimal: prgi limiti di modlli altrnativi Va innanzitutto dichiarato ch non sist un unica soluzion ottimal pr i problmi ch abbiamo fin qui affrontato. In funzion dlla tipologia di vnti catastrofici ch si considrano, dlla sclta politica in mrito al grado di solidarità ch si vuol ralizzar dl livllo di conflittualità tra fficinza solidarità (ch è dfinito, fra gli altri, anch da fattori culturali), l vari soluzioni possono mostrarsi diffrntmnt fficaci. È important, comunqu, ossrvar com in tutt l soluzioni illustrat sono prsnti sussidi incrociati tra cittadini più o mno impliciti. Il fatto ch l ntità di sussidi sia più o mno trasparnt rnd più o mno facil il consnso politico sull vari soluzioni, ma nlla sostanza è smpr prvisto il trasfrimnto di un crto ammontar di risors dai fortunati agli sfortunati. 121

11 122 S non sist la soluzion idal, è pur vro ch la crscnt criticità di rischi catastrofali ha rso smpr più insostnibil il modllo puro con coprtura pubblica x-post, ch garantisc sì un alto livllo di solidarità, ma è carattrizzato dalla lntzza dgli intrvnti, è trrno frtil pr sprchi fnomni di illgalità, soprattutto, dprim l incntivo agli invstimnti in prvnzion. Di tutto qusto, la rcnt storia italiana fornisc una trist tstimonianza. Non a caso, dopo il trrmoto in Abruzzo si è sviluppato un ampio dibattito sui possibili intrvnti pr incrmntar il pso dll soluzioni x-ant. In qusto snso è stata rivalutata la proposta dalla Commission tcnica pr la spsa pubblica ch, già nl 1995, avva suggrito di introdurr un sistma obbligatorio pubblicamnt sussidiato di assicurazion privata contro i danni sismici al patrimonio immobiliar. Qusto modllo ha crtamnt alcuni prgi; ma smbra suscitar la pricolosa illusion ch il ricorso al mrcato assicurativo privato possa miracolosamnt risolvr contmporanamnt il problma dll fficinza, qullo dll quità qullo dlla sostnibilità. Primo mito da sfatar, ch in alcuni passaggi smbra avr insidiato prfino gli stnsori dalla proposta dlla Commission tcnica pr la spsa pubblica: il ricorso alla coprtura assicurativa, ctris paribus, ovviamnt aumnta non riduc l aspttativa di spsa a carico dlla collttività. La sua virtù è ch rnd la spsa più rgolar nl tmpo, mttndo in cascina il fino pr quando ci sarà la cattiva stagion, ma non fa scomparir il costo dll catastrofi; anzi, somma a tal costo qulli di gstion dll compagni assicurativ incorporati ni prmi ( l vntual gstion dl fallimnto dll compagni assicurativ in caso di vnti catastrofici insostnibili pr qualsiasi assicurator). Quindi non risolv affatto il problma dlla sostnibilità. In scondo luogo, s la coprtura assicurativa rialloca x-ant i rischi, dal punto di vista dgli incntivi alla prvnzion agisc sattamnt com tutti i mccanismi x-post: risarcisc a piè di lista, quindi, rnd uno sprco la prvnzion pr chi dv sostnrn il costo. Ciò si vrifica a mno ch la coprtura sia parzial (ma allora si mantrranno, almno in part, l disuguaglianz), oppur ch l assicurator sia in grado di commisurar il prmio al rischio ffttivo, cioè sia in grado di vrificar gli invstimnti in prvnzion. Considrazion conclusiva. Si tnd rronamnt a idntificar la riallocazion dl rischio x-ant con il ricorso alla soluzion assicurativa privata. In raltà, anch il soggtto pubblico può far l assicurator, istitundo fondi di mutualizzazion, com si fa in molti Pasi, pr smpio, con il srvizio sanitario la prvidnza, o - com nl caso sopra dscritto - dl rischio di incndi boschivi. La soluzion mutualistica pubblica comporta, anzi, una sri di vantaggi risptto alla soluzion privata, ma può soffrir dl problma di crdibilità dscritto dalla mtafora di Uliss dll sirn (si vda al riguardo Buzzacchi Turati, 2009). In sintsi, dunqu, nssuna soluzion vinc sull altr. Tndnzialmnt l soluzioni ibrid offrono migliori compromssi, ma ognuna richid un disgno istituzional particolarggiato la manutnzion di mccanismi incntivanti adguati.

12 Rifrimnti bibliografici Buzzacchi, L., Turati, G., Optimal risk allocation in th provision of local public srvics: can a privat insurr b bttr than a public mutual fund?, Barclona Institut of Economics (IEB) Working paprs in Fiscal Fdralism, n. 21, Commission tcnica pr la spsa pubblica, Calamità naturali: intrvnto pubblico coprtura assicurativa. Not raccomandazioni, Economia Pubblica, pp , Goodspd, T. J., Haughwout, A., On th optimal dsign of disastr insuranc in a fdration, CESifo Working Papr, n. 1888, Munich R, Natural catastrophs 2009: analysis, assssmnsts, positions, Topics Go, 2010, Naoi, M., Sko, M., Sumita, K., Community rating, cross subsidis and undrinsuranc: why so many housholds in Japan do not purchas arthquak insuranc, Th Journal of Ral Estat Financ and Economics, in corso di pubblicazion, Sigma, Natural catastrophs and man-mad disastr in 2009, Sigma Rport 01/10, Swiss R, sigma%20ins.%20rsarch/sigma%20insuranc%20rsarch.html. 123

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

Le alluvioni e la protezione delle abitazioni

Le alluvioni e la protezione delle abitazioni Marzo 2015 Position paper Le alluvioni e la protezione delle abitazioni Le proposte del settore assicurativo per superare l attuale carenza di polizze Executive summary Nella storia umana le alluvioni

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione Ci si può difendere dai terremoti? Sebbene si sappia da molto tempo che l Italia è un paese sismico la storia della classificazione sismica e quindi anche della normativa che avrebbe potuto ridurre i danni

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011

Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011 Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011 1 INDICE 1 CONOSCERE LASSETL CLASS E IL MERCATO 2 I VANTAGGI AD INVESTIRE

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano mi chiamo Marco Girardello lavoro per la Fondazione Casa di Carità dal 2001 allor quando le azioni in carcere erano promosse dal C.F.P.P. Casa di Carità Onlus provengo da un background di studi giuridici

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli