DOCUMENTI IL FALLITO E UNA NUOVA ATTIVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTI IL FALLITO E UNA NUOVA ATTIVITÀ"

Transcript

1 DOCUMENTI IL FALLITO E UNA NUOVA ATTIVITÀ Il fallito può intraprendere una nuova attività? A quali condizioni rispetto ai ricavi? Può acquisire direttamente, se vittima riconosciuta di estorsione ed usura, le erogazioni previste dalle l. n. 44/1999 e da quella 7 marzo 1996, n. 108? Il giudice delegato presso la sezione fallimenti del Tribunale di Milano, dott. Domenico Chindemi, ha emesso il 18 marzo 2002 il seguente provvedimento seguito agli interrogativi posti dal curatore del fallimento G. di G.S.G. e B.A. Pubblichiamo integralmente tale provvedimento, annotato dall'avv. Salvatore Morvillo. * * * Il Tribunale di Milano, Sezione fallimentare Il G.D. _ Esaminata l'istanza del curatore del fallimento G. di G.S.G. e B.A. diretta ad accertare se, dopo il fallimento, i predetti possano o meno intraprendere una nuova attività professionale e se possano acquisire direttamente l'erogazione concessa ai sensi della l. n. 44/1999. Visto il parere del Comitato dei creditori; Osserva: 1) L'istanza del curatore deve intendersi formulata, oltre che ai sensi della l. n. 44/1999, come espressamente indicato nell'oggetto della stessa e nella richiesta di parere della Prefettura di Milano in data 15 febbraio 2002, anche ai sensi della l. n. 108/1996, che prevede l'erogazione di un mutuo alle vittime dell'usura, di cui si fa espressa menzione nell'istanza del curatore; l'art. 1 della l. 23 febbraio 1999, n. 44 (recante «disposizioni concernenti il Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell'usura») prevede l'elargizione, a favore di soggetti danneggiati da attività estorsive, di una somma di denaro, a fondo perduto, «a titolo di contributo al ristoro del danno patrimoniale subito», mentre l'art. 14 della l. 7 marzo 1996, n. 108, (recante «disposizioni in materia di usura»), dispone che il Fondo di solidarietà per le vittime dell'usura «provvede alla erogazione di mutui senza interesse di durata non superiore al quinquennio a favore di soggetti che esercitino attività imprenditoriale, commerciale, artigiana o, comunque, economica, ovvero una libera arte o professione, i quali dichiarino di essere vittime del delitto di usura e risultino parti offese nel relativo procedimento penale» (Art. 14, comma 2); «L'importo del mutuo è commisurato al danno subito dalla vittima del delitto di usura per effetto degli interessi e degli altri vantaggi usurari corrisposti all'autore del reato» (Art. 14, comma 4). 2) Il primo quesito concernente la possibilità per i coniugi Gallo G.S.G. e B.A. di intraprendere una nuova attività di impresa. Occorre, al riguardo, rilevare che il fallimento non comporta, per il fallito, nè la perdita della capacità giuridica, nè della capacità di agire e, quindi, in linea di principio, potrebbe anche esercitare, dopo il fallimento, una nuova impresa o altra attività di lavoro o professionale, ma, ovviamente, non con beni facenti già parte del suo patrimonio personale separato, sottratti alla sua disponibilità per l'intervenuto fallimento, ma con beni strettamente personali, non compresi nel fallimento, ai sensi dell'art. 46 n. 1 l. fall., o con beni altrui o, comunque, forniti da terzi, o anche senza beni, ove riesca ad ottenere credito o soltanto col proprio lavoro personale, nel caso, ad esempio, di lavoro dipendente. Tale eventuale nuova impresa, gestita dal fallito, potrà essere diversa sia per attività che per tipologia, da quella precedente, oggetto del fallimento, oppure potrà essere anche la stessa, purchè

2 gestita con nuovi beni aziendali e con mezzi diversi da quelli preesistenti, di cui il fallito ha perso la disponibilità per effetto del fallimento. Tuttavia l'esercizio di una nuova attività non costituisce un diritto soggettivo pieno ed esclusivo del fallito, dovendo essere valutata, in concreto, l'opportunità di una nuova attività imprenditoriale, anche in relazione al possibile interesse dei creditori della massa e a seconda della stessa provenienza dei beni impiegati che, comunque, devono essere beni non compresi nel fallimento. Il sig. G.S.G. ha dichiarato, in sede di convocazione, in data 13 marzo 2002, «di avere intenzione di intraprendere una nuova attività lavorativa nel settore abbigliamento ed, al riguardo, dichiara di avere già aperto la partita iva. Afferma che l'intenzione è di aprire un piccolo negozio di abbigliamento in Provincia (di Milano), attività che potrà intraprendere solo dopo l'erogazione del mutuo». La tipologia di attività che si intende intraprendere, la particolare condizione dei coniugi G.S.G. e B.A., vittime di usura ed estorsione, anche in considerazione dell'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà sociale, a tutela dei diritti inviolabili della persona umana, previsti dall'art. 2 della Costituzione, consente di ritenere, astrattamente autorizzabile, sotto il profilo soggettivo, una nuova attività di impresa, soprattutto nel settore abbigliamento, che i predetti intendono avviare. In tal caso si realizzerebbe un patrimonio autonomo del fallito, ma gli eventuali utili verrebbero acquisiti all'attivo del fallimento, previa detrazione dei costi e passività inerenti la gestione della nuova impresa (art. 42, comma 2, l. fall.) e di quanto occorre per il mantenimento dei predetti e della loro famiglia (art. 46, n. 2 l. fall.), la cui eventuale quantificazione, in relazione a tale ultimo punto, sarà successivamente effettuata con decreto del G.D. Occorrerà, tuttavia, prima dell'inizio di tale nuova attività, l'autorizzazione specifica del G.D. previa individuazione di modalità, ubicazione, mezzi in concreto adoperati e la valutazione di mancanza di danno per la procedura ed eventuale convenienza per i creditori. G.S.G. e B.A., ove autorizzati ad intraprendere nuova attività lavorativa, avranno anche l'obbligo di rendiconto nei confronti del curatore, in relazione alla nuova attività svolta. 3) Occorre anche accertare se possano essere utilizzate per l'esercizio di tale nuove attività le somme eventualmente erogate dal Fondo di solidarietà per le vittime di estorsioni e usura, senza che le stesse confluiscano nella massa fallimentare. Vanno fatte, al riguardo, distinte valutazioni a seconda che le somme vengano erogate ai sensi della l. 23 febbraio 1999, n. 44, oppure ai sensi della l. 7 marzo 1996, n a) Nel primo caso trattasi, come già evidenziato, di elargizione di una somma «a fondo perduto» a favore di soggetti danneggiati da attività estorsive, «a titolo di contributo al ristoro del danno patrimoniale subito», indipendentemente dall'esercizio di una nuova attività; mentre la l. 7 marzo 1996, n. 108, prevede la possibilità di erogazione di mutui senza interesse esclusivamente a favore di soggetti che esercitino attività imprenditoriale, commerciale, artigiana o, comunque, economica, ovvero una libera arte o professione. In relazione all'elargizione di cui alla l. n. 44/1999, occorre accertare se essa abbia o meno natura strettamente personale, al fine di ritenerla esclusa o compresa nel fallimento. Tale somma viene elargita da soggetto terzo (Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell'usura), diverso dal danneggiante e costituisce un «contributo», al risarcimento del danno. Tale erogazione è, quindi, cumulabile, con l'ulteriore risarcimento del danno, patrimoniale e non patrimoniale, eventualmente ottenibile dai responsabili del fatto illecito, con l'unico limite dell'integrale risarcimento, non potendo, ovviamente, la parte lesa ottenere, per via del doppio risarcimento, un importo maggiore del danno effettivamente subito. I criteri di quantificazione del danno erogato dal predetto Fondo sono indicati nell'art. 9 comma 2 l.c. e tengono conto, nel caso di danno a beni mobili o immobili, della perdita subita e del mancato guadagno, «salvo quanto previsto, dall'art. 7 comma 3» con possibilità, quindi di riconoscere, non

3 solo a terzi, vittime indirette dell'usura o di attività estorsive, ma anche al danneggiato diretto, oltre al danno emergente, anche quello derivante da lesioni personali. Ai sensi dell'art. 7, comma 3, «ai fini della quantificazione della elargizione si tiene conto del solo danno emergente ovvero di quello derivante da lesioni personali». Ove si ritenesse che la possibilità di riconoscere il risarcimento delle lesioni personali spetti solo ai terzi e non alle vittime dirette dell'estorsione e dell'usura, si verrebbe a creare una disparità di trattamento di rilevanza costituzionale che impone di interpretare la norma nel senso conforme alla Costituzione. Nell'ambito delle lesioni personali vanno ricomprese non solo quelle strettamente fisiche, ma anche quelle, comunque, pregiudizievoli dell'integrità psico-fisica o solo psichica del danneggiato. Va, al riguardo, esclusa la possibilità di risarcire il danno morale che costituisce danno non patrimoniale, escluso dalla normativa in esame. Costituisce lesione psichica, suscettibile di elargizione risarcitoria da parte del Fondo, il cd. «danno esistenziale», conseguente ad attività criminose, subito da entrambi i coniugi G.S.G. e B.A., per la modificazione peggiorativa della propria qualità della vita, conseguente a fatto illecito altrui (consistente, principalmente, nel reato di usura ed estorsione) che ha certamente provocato una alterazione del modo di essere di entrambi i coniugi, ledendo interessi meritevoli di tutela, quali il diritto alla libera estrinsecazione della personalità. Le ripercussioni negative subite dalla personalità dei danneggiati conseguenti al fallimento, nell'ambito personale e familiare, il discredito conseguente a tale situazione, la modificazione peggiorativa della qualità della vita dei coniugi G.S.G. e B.A., in tutti gli aspetti personali, familiari, di intrattenimento, sociali, ecc. devono ritenersi provati, oltre che dalle risultanze dirette, anche dalle ripetute richieste di intervento dei servizi sociali da parte del curatore, dalla minaccia di suicidio del sig. Gallo Stampino e dal tentativo di suicidio posto in essere dalla sig.ra Bollino, come evidenziato anche dagli articoli di giornali relativi alla vicenda. Tale danno, consistente in una modificazione peggiorativa della qualità della vita, obiettivamente apprezzabile, è diverso dal danno morale, consistente nel solo «pretium doloris» e dal danno biologico, per il cui riconoscimento è necessaria l'esistenza di uno stato patologico consistente in una malattia o uno shok psichico di natura patologica. Il danno esistenziale è diverso dal danno biologico, in quanto non comporta l'insorgere di una malattia in senso stretto, ma dà causa ad un'alterazione dei normali ritmi di vita che si riflettono sulla personalità del soggetto danneggiato, alterandone le normali attività quotidiane e provocando uno stato di malessere diffuso che provoca, tuttavia ansia, irritazione, difficoltà a far fronte alle normali occupazioni, depressione, ecc. Il danno esistenziale consiste, dunque, nell'alterazione delle normali attività dell'individuo, che si traducono nella alterazione della personalità del soggetto, del relativo modo di essere, cui ciascun soggetto ha diritto sia nell'ambito lavorativo, sia, a maggior ragione, nell'ambito familiare e privato. A causa della lesione della sfera psichica di entrambi i coniugi devono ritenersi alterati, in misura rilevante, i loro rapporti familiari sociali, culturali, affettivi, pur senza la prova dell'insorgenza di una malattia psichica in senso stretto. Può essere, quindi, riconosciuto, a favore di Gallo Stampino Guido e Bollino Arcangela una lesione psichica consistente in una apprezzabile violazione del «diritto alla qualità della vita» e/o «alla libera estrinsecazione della personalità», con modificazioni peggiorative nella sfera personale di entrambi. Ai fini del riconoscimento della lesione personale psichica, occorre anche la sussistenza degli ulteriori elementi costituiti dalla ingiustizia del danno secondo gli usuali parametri dell'art c.c. ed il nesso di causalità tra comportamento lesivo e danno che deve tradursi in un giudizio di proporzionalità o adeguatezza tra il fatto illecito e le conseguenze dannose e la consecutività temporale tra comportamento lesivo e danno.

4 La tutela costituzione della lesione psichica costituente il danno esistenziale va individuata nell'art. 2 della Costituzione che tutela i «diritti inviolabili dell'uomo, sia come singole che nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità». Qualunque alterazione di diritti che costituiscono ostacolo alla realizzazione della libertà individuale, sia nell'ambito familiare, ricreativo, sia nell'ambito lavorativo, costituiscono violazioni di diritti personali, tutelati dall'ordinamento, soprattutto quando alla violazione consegue una lesione psichica. Le gravi ripercussioni sulle attività non reddituali dei soggetti lesi, la necessaria compromissione delle normali abitudini di vita, costituiscono le voci da porre a fondamento del danno esistenziale. Quanto alla natura giuridica del danno esistenziale, non appare rilevante, ai fini del riconoscimento del contributo previsto dalla l. n. 44/1999, la natura della lesione, non sussistendo, comunque, limitazioni risarcitorie qualora venga leso un diritto costituzionalmente tutelato, in base al metodo sistematico interpretativo ricavabile dalla stessa sentenza della Corte Costituzionale n. 184 del 14 luglio 1986 che non consente limitazioni di alcun genere alla tutela di valori costituzionali. Si legge, in particolare, in tale pronuncia che «se è vero che che l'art. 32 Cost. tutela la salute come diritto fondamentale del privato e se è vero che tale diritto è primario e pienamente operante anche nei rapporti tra privati, allo stesso modo come non sono configurabili limiti alla risarcibilità del danno biologico, quali quelli posti dall'art c.c., non è ipotizzabile limite alla risarcibilità dello stesso danno, per sè considerato, ex artt c.c. Il risarcimento del danno ex art c.c. è sanzione esecutiva del precetto primario: ed è la minima (a parte il risarcimento ex art c.c.) delle sanzioni che l'ordinamento appresta per la tutela di un interesse. Quand'anche si sostenesse che il riconoscimento in un determinato ramo dell'ordinamento d'un diritto subiettivo non esclude che siano posti limiti alla sua tutela risarcitoria... va energicamente sottolineato che ciò, in ogni caso, non può accadere per i diritti e gli interessi della Costituzione dichiarati fondamentali. Il legislatore ordinario, rifiutando la tutela risarcitoria (minima) a seguito della violazione del diritto costituzionalmente dichiarato fondamentale, non lo tutelerebbe affatto, almeno nei casi esclusi dalla predetta tutela. La solenne dichiarazione della Costituzione si ridurrebbe ad una lustra, nelle ipotesi escluse dalla tutela risarcitoria: il legislatore ordinario rimarrebbe arbitro dell'effettività della predetta dichiarazione costituzionale. Con l'aggravante che, mentre il combinato disposto degli artt. 32 Cost. e 2043 c.c. porrebbe il divieto primario, generale, di ledere la salute, il fatto lesivo della medesima, per il quale non è previsto dalla legge ordinaria il risarcimento del danno, assurdamente impedirebbe al precetto primario d'applicarsi (il risarcimento del danno rientra, infatti, nelle sanzioni che la dottrina definisce esecutive) o, dovrebbe ritenersi giuridicamente del tutto irrilevante. Dalla correlazione tra gli artt. 32 Cost. e 2043 c.c. è posta, dunque, una norma che, per volontà della Costituzione, non può limitare in alcun modo il risarcimento del danno biologico» (Corte Cost.: 14 luglio 1986, n. 184). Tale importante principio, evidenziato dalla Consulta in relazione agli artt. 32 Cost. e 2043 c.c. risulta applicabile anche in tutti gli altri casi di lesioni di interessi o valori costituzionalmente garantiti con estensione della metodologia adoperata dalla Corte Costituzionale. Ogni lesione di un diritto costituzionalmente protetto non può, quindi, soffrire limitazioni risarcitorie da parte del legislatore ordinario. Il precetto costituzionale integra la norma di garanzia di cui all'art c.c. e consente di fondare un sistema completo di garanzia del principio generale del «neminem laedere», che comprende anche la tutela del danno esistenziale, in quanto anche la lesione della qualità della vita, costituisce diritto della personalità ed è tutelabile ex art c.c. La tutela della persona umana costituisce, peraltro, principio informatore di tutte le Costituzioni europee e di quella Americana, la cui centralità di tutela è individuabile anche nella nostra Costituzione negli artt. 2, 3 e 32 e non può subire limitazioni e condizionamenti da parte del legislatore ordinario.

5 Il principio ispiratore della Consulta è individuabile nella tutela integrale di tutti i diritti della personalità, intesi anche come diritti dell'individuo che, pertanto, vanno risarciti senza limitazione alcuna. In tal caso il precetto costituzionale, improntato alla piena tutela della persona, prevale su eventuali limitazioni risarcitorie imposte dal legislatore ordinario. Il criterio risarcitorio, provata l'esistenza del danno, non può, allo stato, che essere equitativo, e, ai fini della determinazione del «quantum», si deve tenere conto della personalità del soggetto leso, delle attività svolte, delle alterazioni familiari, sociali, lavorative provocate dal fatto illecito e delle loro ripercussioni in tali ambiti. Il danno esistenziale, per tutte le argomentazioni espresse, appartiene alla sfera dei diritti strettamente personali, esclusi dal fallimento, mentre le somme riconosciute a titolo di perdita subita o mancato guadagno, trovando la loro fonte in fatti antecedenti al fallimento, non possono essere considerati beni strettamente personali e non possono essere sottratti alla massa. Poichè la l. n. 44/1999 non prevede il caso del fallimento della vittima dell'usura o delle attività estorsive, nel concedere l'elargizione occorre che il Commissario per il Coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, nel decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, oltre a tener conto della natura del fatto che ha cagionato il danno patrimoniale, del rapporto di causalità, dei singoli presupposti positivi e negativi, stabiliti dalla legge, indichi espressamente gli importi erogati a titolo di risarcimento del danno a beni mobili e immobili, comprendente la perdita subita e il mancato guadagno, che vanno ricompresi nel fallimento, nonchè specifichi la somma liquidata a titolo di contributo al risarcimento della lesione conseguente al danno esistenziale. Tale ultima voce, ove liquidata e riconosciuta come tale nel decreto citato, costituisce bene strettamente personale, escluso dal fallimento, ai sensi dell'art. 46 l. fall. b) Nel caso, invece, di erogazione, da parte del «Fondo di solidarietà per le vittime dell'usura», ai sensi dell'art. 14 l. 7 marzo 1996, n. 108 di «mutui senza interessi» a favore delle vittime dell'usura, alle condizioni previste dalla legge, la possibilità in concreto di tale erogazione è collegata all'osservanza del piano di «investimento ed utilizzo delle somme richieste che risponda alla finalità di reinserimento della vittima del delitto di usura nell'economia legale» (Art. 14 comma 5, l. n. 108/1996). Eventuali diversi impieghi delle somme erogate a titolo di mutuo o provvisionale, rispetto al piano di investimento ed utilizzo, costituiscono causa di revoca del provvedimento di erogazione. Appare, quindi, evidente, che in tanto tale erogazione può essere effettuata in quanto il danneggiato si impegni ad utilizzarla in base al predetto piano. Ove tali somme fossero acquisite alla massa fallimentare verrebbe mano la stessa causale e «ratio» dell'elargizione del mutuo che dovrebbe essere revocato «ex lege». Trattandosi di mutuo senza interesse, erogato dal Fondo, la fattispecie può essere equiparata ed assimilata a quella di esercizio di nuova attività imprenditoriale da parte del fallito utilizzando beni altrui, comunque non compresi nel fallimento. Vi è anche, in relazione ad entrambe le fattispecie esaminate, una valutazione di convenienza dei creditori, in quanto difficilmente il Commissario antiracket erogherà somme di danaro a favore del fallito, vittima dell'usura, ove queste dovessero essere apprese dal fallimento, ostandosi, anche, il chiaro disposto, nel caso del mutuo, dell'art. 14, comma 9, mentre i creditori potrebbero giovarsi degli eventuali utili conseguenti alla nuova attività commerciale eventualmente intrapresa dal fallito, con le somme erogate, avendo diritto di acquisire gli utili netti della nuova attività, detratto quanto necessario per il mantenimento del fallito e della sua famiglia. Inoltre i creditori non avrebbero alcun interesse ad acquisire la somma erogata a titolo di mutuo, dovendo, comunque, restituirla, sia pure senza interessi, trattandosi di un finanziamento con conseguente obbligo di rimborso. Va, conseguentemente, autorizzato il curatore, in caso di erogazione del mutuo, a non acquisirlo alla massa, in quanto contestuale debito di pari importo.

6 Il controllo sull'utilizzazione del mutuo e delle eventuali altre somme specificate spetterà all'autorità erogante. Appare, comunque, auspicabile una modifica legislativa che espressamente preveda la sorte delle elargizioni o dei mutui concessi dal Fondo in costanza di fallimento del soggetto danneggiato, fattispecie non prevista dalla normativa vigente. P.Q.M. _ dichiara che: a) G.S.G. e B.A. possono esercitare nuova attività di impresa, previa espressa autorizzazione del G.D. b) gli importi erogati, nel decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, a titolo di risarcimento del danno a beni mobili e immobili, comprendenti la perdita subita e il mancato guadagno, siano ricompresi nel fallimento; c) la somma erogata, nel decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, a titolo di risarcimento del danno per la lesione conseguente al danno esistenziale, costituisce bene strettamente personale e come tale, va esclusa dal fallimento, ai sensi dell'art. 46 l. fall. d) il mutuo eventualmente erogato, ai sensi dell'art. 14 l. 7 marzo 1996, n. 108, non va acquisito alla massa. Autorizza il curatore, in caso di erogazione del mutuo, ai sensi della l. n. 108/1996, a non acquisirlo alla massa, in quanto contestuale debito di pari importo. Dispone che a) eventuali utili derivanti dalla gestione della nuova impresa verranno acquisiti all'attivo del fallimento, previa detrazione dei costi e passività e di quanto occorre per il mantenimento del fallito e della sua famiglia (art. 46, n. 2 l. fall.), la cui eventuale quantificazione, in relazione a tale ultimo punto, sarà successivamente effettuata, con decreto del G.D. Dispone la comunicazione del provvedimento a G.S.G. e B.A., al curatore del Fallimento rag. Luigi Pagliuca, al Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura, dott. Rino Monaco, al sig. Prefetto di Milano ed al comitato dei creditori. Il curatore di un fallimento ha posto al suo Giudice Delegato due quesiti: i) se il fallito, malgrado tale stato, possa intraprendere una nuova attività; ii) se egli possa acquisire direttamente l'erogazione che la l. n. 44/1999 prevede a favore delle vittime di estorsioni. Nel suo provvedimento il Giudice Delegato ha opportunamente ricordato che, in realtà, due sono le norme alle quali occorre fare riferimento: a) l'art. 1 della l. 23 febraio 1999, n. 44 («disposizioni concernenti il Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell'usura») dove, a favore dei soggetti danneggiati da attività estorsive, è prevista l'erogazione di denaro, a fondo perduto, «a titolo di contributo al ristoro del danno patrimoniale subito»; b) l'art. 14 della l. 7 marzo 1996, n. 108 («disposizioni in materia di usura») che dispone che il Fondo di solidarietà per le vittime dell'usura «provvede alla erogazione di mutui senza interesse di durata non superiore al quinquennio a favore di soggetti che esercitino attività imprenditoriale, commerciale, artigiana o, comunque, economica, ovvero una libera arte o professione, i quali dichiarino di essere vittime del delitto di usura e risultino parti offese nel relativo procedimento penale» (art. 14, comma 2). «L'importo del mutuo è commisurato al danno subito dalla vittima del delitto di usura per effetto degli interessi e degli altri vantaggi usurari corrisposti all'autore del reato» (art. 14, comma 4). Così puntualizzati i riferimenti normativi e ricordato come il debitore, pur in pendenza del suo fallimento, possa svolgere una nuova attività commerciale, salvo dover riservare l'utile a favore dei creditori concorsuali (sul tema cfr. da ultimo G. Uberto Tedeschi, Manuale di diritto fallimentare, Padova, 2001, p. 257 ss.) il decidente ha affrontato i quesiti: i) se la somma che, a sensi della l. 23 febbraio 1999, n. 44, il Fondo di solidarietà per le vittime di estorsioni e usura può erogare a fondo perduto, a titolo di «contributo al ristoro del danno patrimoniale subito», ed anche indipendentemente dall'esercizio di una nuova attività, abbia a confluire all'attivo fallimentare; ii) se il mutuo senza interessi che la l. 7 marzo 1996, n. 108 prevede a favore di soggetti che esercitino attività imprenditoriale, commerciale, artigiana o comunque economica ovvero una libera arte o

7 professione possa essere utilizzato dal fallito per l'esercizio di nuova attività, senza dover confluire all'attivo fallimentare. Per rispondere al quesito riassunto sub i) il Giudice Delegato ha dovuto chiedersi se le elargizioni di cui alla l. n. 44/1999 possano o meno rientrare nella categoria dei beni e diritti «di natura strettamente personale» che l'art. 46 l. fall. dichiara «non... compresi nel fallimento». A tale domanda egli ha fornito risposta affermativa ma solo limitatamente alla parte di elargizione che possa ritenersi destinata a risarcire il danno esistenziale. E poichè la l. n. 44/1999 non prevede espressamente il caso del fallimento della vittima dell'usura o delle attività estorsive il G.D. ha suggerito che, nel concedere l'elargizione, il Commissario per il Coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, nel decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, oltre «a tener conto della natura del fatto che ha cagionato il danno patrimoniale, del rapporto di causalità, dei singoli presupposti positivi e negativi» stabiliti dalla legge, abbia a indicare espressamente gli importi erogati a titolo di risarcimento del danno a beni mobili e immobili, comprendente la perdita subita e il mancato guadagno (che vanno ricompresi nel fallimento) e quanto invece erogato a risarcimento del danno esistenziale. Con riferimento al quesito sopra riassunto sub ii) (erogazione a sensi dell'art. 14 l. 7 marzo 1996, n. 108 di mutuo senza interessi) il G.D. ha accortamente osservato a) che lo scopo del mutuo (reinserimento della vittima nell'economia legale) sarebbe frustrato dalla acquisizione delle somme all'attivo del fallimento talchè l'acquisizione dovrebbe essere revocata ex lege e così risultare inutile per i creditori concorrenti; b) che la fattispecie comunque andrebbe omologata a quella dell'utilizzo di beni altrui nell'esercizio della nuova attività. Con argomentazione persuasiva il G.D. ha quindi dichiarato che _ gli importi erogati col decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, per risarcire il danno a beni mobili e immobili, comprendenti la perdita subita e il mancato guadagno, sono da ricomprendere nel fallimento; _ la somma erogata, invece, sempre col decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, a titolo di risarcimento del danno per la lesione conseguente al danno esistenziale, costituisce bene strettamente personale e come tale, va esclusa dal fallimento, ai sensi dell'art. 46 l. fall. _ il mutuo eventualmente erogato, ai sensi dell'art. 14 l. 7 marzo 1996, n. 108, non va acquisito alla massa. L'interesse della decisione sembra possa rinvenirsi soprattutto nella utilizzazione, ai fini della applicazione dell'art. 46 l. fall., della nozione di danno esistenziale. In merito a tale figura di danno (riflesso di una vita quotidiana gravemente perturbata e compromessa nella sua qualità e regolarità, con privazioni, depressioni e ansia) lo stesso Giudice si era espresso con sentenze 8 giugno 2000 e 15 giugno 2000 (rispettivamente in Resp. civ. e prev., 2000, 923 e 2001, 461, entrambe ricordate da V. Minucci in nota a Trib. Napoli 19 dicembre febbraio 2002, anch'esso in tema, cui adde Trib. Milano 1 aprile 1999, in Nuova giur. civ. comm., 2000, I, p. 4 con nota di D. Chindemi). Qualche perplessità rimane con riferimento al fatto: i) che l'autore del decreto di cui all'art. 14 l. n. 44/1999 possa quantificare separatamente il danno esistenziale; ii) che la quantificazione da parte sua possa avere alcun valore vincolante; iii) che, di fronte all'insufficienza della somma a coprire l'intero danno, possa restare incerta la proporzione da istituire (a meno di dare assoluta precedenza al danno esistenziale). (annotazione dell'avv. Salvatore Morvillo)

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Persona offesa dal reato

Persona offesa dal reato Angelo Alessandro Sammarco Persona offesa dal reato SOMMARIO: 1. Definizioni e distinzione tra offeso e danneggiato dal reato. 2. Danno da reato. 3. Risarcimento. 1. Definizioni e distinzione tra offeso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O?

MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O? IL DANNO NON PATRIMONIALE A TRE MESI DALLE SEZIONI UNITE MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O? Quattro Sezioni Unite sul danno non patrimoniale (sentenze dell 11.11.2008 nn. 26972 26975) hanno

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

4. LE OBBLIGAZIONI 1

4. LE OBBLIGAZIONI 1 4. LE OBBLIGAZIONI 1 OBBLIGAZIONI Ad esse è dedicato il Libro IV Codice Civile artt. 1171-1320 cod. civ. strumento tecnicamente adottato al fine di semplificare la disciplina e dettare una disciplina unitaria

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE MOD.COM 4 SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO.. Via - 00..Roma Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 16 e 26

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle 1) Premessa. Con le lenti del tributarista il tema della bilateralità può essere affrontato avendo riguardo ai seguenti tre aspetti: (i) la natura, commerciale

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli