DOCUMENTI IL FALLITO E UNA NUOVA ATTIVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTI IL FALLITO E UNA NUOVA ATTIVITÀ"

Transcript

1 DOCUMENTI IL FALLITO E UNA NUOVA ATTIVITÀ Il fallito può intraprendere una nuova attività? A quali condizioni rispetto ai ricavi? Può acquisire direttamente, se vittima riconosciuta di estorsione ed usura, le erogazioni previste dalle l. n. 44/1999 e da quella 7 marzo 1996, n. 108? Il giudice delegato presso la sezione fallimenti del Tribunale di Milano, dott. Domenico Chindemi, ha emesso il 18 marzo 2002 il seguente provvedimento seguito agli interrogativi posti dal curatore del fallimento G. di G.S.G. e B.A. Pubblichiamo integralmente tale provvedimento, annotato dall'avv. Salvatore Morvillo. * * * Il Tribunale di Milano, Sezione fallimentare Il G.D. _ Esaminata l'istanza del curatore del fallimento G. di G.S.G. e B.A. diretta ad accertare se, dopo il fallimento, i predetti possano o meno intraprendere una nuova attività professionale e se possano acquisire direttamente l'erogazione concessa ai sensi della l. n. 44/1999. Visto il parere del Comitato dei creditori; Osserva: 1) L'istanza del curatore deve intendersi formulata, oltre che ai sensi della l. n. 44/1999, come espressamente indicato nell'oggetto della stessa e nella richiesta di parere della Prefettura di Milano in data 15 febbraio 2002, anche ai sensi della l. n. 108/1996, che prevede l'erogazione di un mutuo alle vittime dell'usura, di cui si fa espressa menzione nell'istanza del curatore; l'art. 1 della l. 23 febbraio 1999, n. 44 (recante «disposizioni concernenti il Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell'usura») prevede l'elargizione, a favore di soggetti danneggiati da attività estorsive, di una somma di denaro, a fondo perduto, «a titolo di contributo al ristoro del danno patrimoniale subito», mentre l'art. 14 della l. 7 marzo 1996, n. 108, (recante «disposizioni in materia di usura»), dispone che il Fondo di solidarietà per le vittime dell'usura «provvede alla erogazione di mutui senza interesse di durata non superiore al quinquennio a favore di soggetti che esercitino attività imprenditoriale, commerciale, artigiana o, comunque, economica, ovvero una libera arte o professione, i quali dichiarino di essere vittime del delitto di usura e risultino parti offese nel relativo procedimento penale» (Art. 14, comma 2); «L'importo del mutuo è commisurato al danno subito dalla vittima del delitto di usura per effetto degli interessi e degli altri vantaggi usurari corrisposti all'autore del reato» (Art. 14, comma 4). 2) Il primo quesito concernente la possibilità per i coniugi Gallo G.S.G. e B.A. di intraprendere una nuova attività di impresa. Occorre, al riguardo, rilevare che il fallimento non comporta, per il fallito, nè la perdita della capacità giuridica, nè della capacità di agire e, quindi, in linea di principio, potrebbe anche esercitare, dopo il fallimento, una nuova impresa o altra attività di lavoro o professionale, ma, ovviamente, non con beni facenti già parte del suo patrimonio personale separato, sottratti alla sua disponibilità per l'intervenuto fallimento, ma con beni strettamente personali, non compresi nel fallimento, ai sensi dell'art. 46 n. 1 l. fall., o con beni altrui o, comunque, forniti da terzi, o anche senza beni, ove riesca ad ottenere credito o soltanto col proprio lavoro personale, nel caso, ad esempio, di lavoro dipendente. Tale eventuale nuova impresa, gestita dal fallito, potrà essere diversa sia per attività che per tipologia, da quella precedente, oggetto del fallimento, oppure potrà essere anche la stessa, purchè

2 gestita con nuovi beni aziendali e con mezzi diversi da quelli preesistenti, di cui il fallito ha perso la disponibilità per effetto del fallimento. Tuttavia l'esercizio di una nuova attività non costituisce un diritto soggettivo pieno ed esclusivo del fallito, dovendo essere valutata, in concreto, l'opportunità di una nuova attività imprenditoriale, anche in relazione al possibile interesse dei creditori della massa e a seconda della stessa provenienza dei beni impiegati che, comunque, devono essere beni non compresi nel fallimento. Il sig. G.S.G. ha dichiarato, in sede di convocazione, in data 13 marzo 2002, «di avere intenzione di intraprendere una nuova attività lavorativa nel settore abbigliamento ed, al riguardo, dichiara di avere già aperto la partita iva. Afferma che l'intenzione è di aprire un piccolo negozio di abbigliamento in Provincia (di Milano), attività che potrà intraprendere solo dopo l'erogazione del mutuo». La tipologia di attività che si intende intraprendere, la particolare condizione dei coniugi G.S.G. e B.A., vittime di usura ed estorsione, anche in considerazione dell'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà sociale, a tutela dei diritti inviolabili della persona umana, previsti dall'art. 2 della Costituzione, consente di ritenere, astrattamente autorizzabile, sotto il profilo soggettivo, una nuova attività di impresa, soprattutto nel settore abbigliamento, che i predetti intendono avviare. In tal caso si realizzerebbe un patrimonio autonomo del fallito, ma gli eventuali utili verrebbero acquisiti all'attivo del fallimento, previa detrazione dei costi e passività inerenti la gestione della nuova impresa (art. 42, comma 2, l. fall.) e di quanto occorre per il mantenimento dei predetti e della loro famiglia (art. 46, n. 2 l. fall.), la cui eventuale quantificazione, in relazione a tale ultimo punto, sarà successivamente effettuata con decreto del G.D. Occorrerà, tuttavia, prima dell'inizio di tale nuova attività, l'autorizzazione specifica del G.D. previa individuazione di modalità, ubicazione, mezzi in concreto adoperati e la valutazione di mancanza di danno per la procedura ed eventuale convenienza per i creditori. G.S.G. e B.A., ove autorizzati ad intraprendere nuova attività lavorativa, avranno anche l'obbligo di rendiconto nei confronti del curatore, in relazione alla nuova attività svolta. 3) Occorre anche accertare se possano essere utilizzate per l'esercizio di tale nuove attività le somme eventualmente erogate dal Fondo di solidarietà per le vittime di estorsioni e usura, senza che le stesse confluiscano nella massa fallimentare. Vanno fatte, al riguardo, distinte valutazioni a seconda che le somme vengano erogate ai sensi della l. 23 febbraio 1999, n. 44, oppure ai sensi della l. 7 marzo 1996, n a) Nel primo caso trattasi, come già evidenziato, di elargizione di una somma «a fondo perduto» a favore di soggetti danneggiati da attività estorsive, «a titolo di contributo al ristoro del danno patrimoniale subito», indipendentemente dall'esercizio di una nuova attività; mentre la l. 7 marzo 1996, n. 108, prevede la possibilità di erogazione di mutui senza interesse esclusivamente a favore di soggetti che esercitino attività imprenditoriale, commerciale, artigiana o, comunque, economica, ovvero una libera arte o professione. In relazione all'elargizione di cui alla l. n. 44/1999, occorre accertare se essa abbia o meno natura strettamente personale, al fine di ritenerla esclusa o compresa nel fallimento. Tale somma viene elargita da soggetto terzo (Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell'usura), diverso dal danneggiante e costituisce un «contributo», al risarcimento del danno. Tale erogazione è, quindi, cumulabile, con l'ulteriore risarcimento del danno, patrimoniale e non patrimoniale, eventualmente ottenibile dai responsabili del fatto illecito, con l'unico limite dell'integrale risarcimento, non potendo, ovviamente, la parte lesa ottenere, per via del doppio risarcimento, un importo maggiore del danno effettivamente subito. I criteri di quantificazione del danno erogato dal predetto Fondo sono indicati nell'art. 9 comma 2 l.c. e tengono conto, nel caso di danno a beni mobili o immobili, della perdita subita e del mancato guadagno, «salvo quanto previsto, dall'art. 7 comma 3» con possibilità, quindi di riconoscere, non

3 solo a terzi, vittime indirette dell'usura o di attività estorsive, ma anche al danneggiato diretto, oltre al danno emergente, anche quello derivante da lesioni personali. Ai sensi dell'art. 7, comma 3, «ai fini della quantificazione della elargizione si tiene conto del solo danno emergente ovvero di quello derivante da lesioni personali». Ove si ritenesse che la possibilità di riconoscere il risarcimento delle lesioni personali spetti solo ai terzi e non alle vittime dirette dell'estorsione e dell'usura, si verrebbe a creare una disparità di trattamento di rilevanza costituzionale che impone di interpretare la norma nel senso conforme alla Costituzione. Nell'ambito delle lesioni personali vanno ricomprese non solo quelle strettamente fisiche, ma anche quelle, comunque, pregiudizievoli dell'integrità psico-fisica o solo psichica del danneggiato. Va, al riguardo, esclusa la possibilità di risarcire il danno morale che costituisce danno non patrimoniale, escluso dalla normativa in esame. Costituisce lesione psichica, suscettibile di elargizione risarcitoria da parte del Fondo, il cd. «danno esistenziale», conseguente ad attività criminose, subito da entrambi i coniugi G.S.G. e B.A., per la modificazione peggiorativa della propria qualità della vita, conseguente a fatto illecito altrui (consistente, principalmente, nel reato di usura ed estorsione) che ha certamente provocato una alterazione del modo di essere di entrambi i coniugi, ledendo interessi meritevoli di tutela, quali il diritto alla libera estrinsecazione della personalità. Le ripercussioni negative subite dalla personalità dei danneggiati conseguenti al fallimento, nell'ambito personale e familiare, il discredito conseguente a tale situazione, la modificazione peggiorativa della qualità della vita dei coniugi G.S.G. e B.A., in tutti gli aspetti personali, familiari, di intrattenimento, sociali, ecc. devono ritenersi provati, oltre che dalle risultanze dirette, anche dalle ripetute richieste di intervento dei servizi sociali da parte del curatore, dalla minaccia di suicidio del sig. Gallo Stampino e dal tentativo di suicidio posto in essere dalla sig.ra Bollino, come evidenziato anche dagli articoli di giornali relativi alla vicenda. Tale danno, consistente in una modificazione peggiorativa della qualità della vita, obiettivamente apprezzabile, è diverso dal danno morale, consistente nel solo «pretium doloris» e dal danno biologico, per il cui riconoscimento è necessaria l'esistenza di uno stato patologico consistente in una malattia o uno shok psichico di natura patologica. Il danno esistenziale è diverso dal danno biologico, in quanto non comporta l'insorgere di una malattia in senso stretto, ma dà causa ad un'alterazione dei normali ritmi di vita che si riflettono sulla personalità del soggetto danneggiato, alterandone le normali attività quotidiane e provocando uno stato di malessere diffuso che provoca, tuttavia ansia, irritazione, difficoltà a far fronte alle normali occupazioni, depressione, ecc. Il danno esistenziale consiste, dunque, nell'alterazione delle normali attività dell'individuo, che si traducono nella alterazione della personalità del soggetto, del relativo modo di essere, cui ciascun soggetto ha diritto sia nell'ambito lavorativo, sia, a maggior ragione, nell'ambito familiare e privato. A causa della lesione della sfera psichica di entrambi i coniugi devono ritenersi alterati, in misura rilevante, i loro rapporti familiari sociali, culturali, affettivi, pur senza la prova dell'insorgenza di una malattia psichica in senso stretto. Può essere, quindi, riconosciuto, a favore di Gallo Stampino Guido e Bollino Arcangela una lesione psichica consistente in una apprezzabile violazione del «diritto alla qualità della vita» e/o «alla libera estrinsecazione della personalità», con modificazioni peggiorative nella sfera personale di entrambi. Ai fini del riconoscimento della lesione personale psichica, occorre anche la sussistenza degli ulteriori elementi costituiti dalla ingiustizia del danno secondo gli usuali parametri dell'art c.c. ed il nesso di causalità tra comportamento lesivo e danno che deve tradursi in un giudizio di proporzionalità o adeguatezza tra il fatto illecito e le conseguenze dannose e la consecutività temporale tra comportamento lesivo e danno.

4 La tutela costituzione della lesione psichica costituente il danno esistenziale va individuata nell'art. 2 della Costituzione che tutela i «diritti inviolabili dell'uomo, sia come singole che nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità». Qualunque alterazione di diritti che costituiscono ostacolo alla realizzazione della libertà individuale, sia nell'ambito familiare, ricreativo, sia nell'ambito lavorativo, costituiscono violazioni di diritti personali, tutelati dall'ordinamento, soprattutto quando alla violazione consegue una lesione psichica. Le gravi ripercussioni sulle attività non reddituali dei soggetti lesi, la necessaria compromissione delle normali abitudini di vita, costituiscono le voci da porre a fondamento del danno esistenziale. Quanto alla natura giuridica del danno esistenziale, non appare rilevante, ai fini del riconoscimento del contributo previsto dalla l. n. 44/1999, la natura della lesione, non sussistendo, comunque, limitazioni risarcitorie qualora venga leso un diritto costituzionalmente tutelato, in base al metodo sistematico interpretativo ricavabile dalla stessa sentenza della Corte Costituzionale n. 184 del 14 luglio 1986 che non consente limitazioni di alcun genere alla tutela di valori costituzionali. Si legge, in particolare, in tale pronuncia che «se è vero che che l'art. 32 Cost. tutela la salute come diritto fondamentale del privato e se è vero che tale diritto è primario e pienamente operante anche nei rapporti tra privati, allo stesso modo come non sono configurabili limiti alla risarcibilità del danno biologico, quali quelli posti dall'art c.c., non è ipotizzabile limite alla risarcibilità dello stesso danno, per sè considerato, ex artt c.c. Il risarcimento del danno ex art c.c. è sanzione esecutiva del precetto primario: ed è la minima (a parte il risarcimento ex art c.c.) delle sanzioni che l'ordinamento appresta per la tutela di un interesse. Quand'anche si sostenesse che il riconoscimento in un determinato ramo dell'ordinamento d'un diritto subiettivo non esclude che siano posti limiti alla sua tutela risarcitoria... va energicamente sottolineato che ciò, in ogni caso, non può accadere per i diritti e gli interessi della Costituzione dichiarati fondamentali. Il legislatore ordinario, rifiutando la tutela risarcitoria (minima) a seguito della violazione del diritto costituzionalmente dichiarato fondamentale, non lo tutelerebbe affatto, almeno nei casi esclusi dalla predetta tutela. La solenne dichiarazione della Costituzione si ridurrebbe ad una lustra, nelle ipotesi escluse dalla tutela risarcitoria: il legislatore ordinario rimarrebbe arbitro dell'effettività della predetta dichiarazione costituzionale. Con l'aggravante che, mentre il combinato disposto degli artt. 32 Cost. e 2043 c.c. porrebbe il divieto primario, generale, di ledere la salute, il fatto lesivo della medesima, per il quale non è previsto dalla legge ordinaria il risarcimento del danno, assurdamente impedirebbe al precetto primario d'applicarsi (il risarcimento del danno rientra, infatti, nelle sanzioni che la dottrina definisce esecutive) o, dovrebbe ritenersi giuridicamente del tutto irrilevante. Dalla correlazione tra gli artt. 32 Cost. e 2043 c.c. è posta, dunque, una norma che, per volontà della Costituzione, non può limitare in alcun modo il risarcimento del danno biologico» (Corte Cost.: 14 luglio 1986, n. 184). Tale importante principio, evidenziato dalla Consulta in relazione agli artt. 32 Cost. e 2043 c.c. risulta applicabile anche in tutti gli altri casi di lesioni di interessi o valori costituzionalmente garantiti con estensione della metodologia adoperata dalla Corte Costituzionale. Ogni lesione di un diritto costituzionalmente protetto non può, quindi, soffrire limitazioni risarcitorie da parte del legislatore ordinario. Il precetto costituzionale integra la norma di garanzia di cui all'art c.c. e consente di fondare un sistema completo di garanzia del principio generale del «neminem laedere», che comprende anche la tutela del danno esistenziale, in quanto anche la lesione della qualità della vita, costituisce diritto della personalità ed è tutelabile ex art c.c. La tutela della persona umana costituisce, peraltro, principio informatore di tutte le Costituzioni europee e di quella Americana, la cui centralità di tutela è individuabile anche nella nostra Costituzione negli artt. 2, 3 e 32 e non può subire limitazioni e condizionamenti da parte del legislatore ordinario.

5 Il principio ispiratore della Consulta è individuabile nella tutela integrale di tutti i diritti della personalità, intesi anche come diritti dell'individuo che, pertanto, vanno risarciti senza limitazione alcuna. In tal caso il precetto costituzionale, improntato alla piena tutela della persona, prevale su eventuali limitazioni risarcitorie imposte dal legislatore ordinario. Il criterio risarcitorio, provata l'esistenza del danno, non può, allo stato, che essere equitativo, e, ai fini della determinazione del «quantum», si deve tenere conto della personalità del soggetto leso, delle attività svolte, delle alterazioni familiari, sociali, lavorative provocate dal fatto illecito e delle loro ripercussioni in tali ambiti. Il danno esistenziale, per tutte le argomentazioni espresse, appartiene alla sfera dei diritti strettamente personali, esclusi dal fallimento, mentre le somme riconosciute a titolo di perdita subita o mancato guadagno, trovando la loro fonte in fatti antecedenti al fallimento, non possono essere considerati beni strettamente personali e non possono essere sottratti alla massa. Poichè la l. n. 44/1999 non prevede il caso del fallimento della vittima dell'usura o delle attività estorsive, nel concedere l'elargizione occorre che il Commissario per il Coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, nel decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, oltre a tener conto della natura del fatto che ha cagionato il danno patrimoniale, del rapporto di causalità, dei singoli presupposti positivi e negativi, stabiliti dalla legge, indichi espressamente gli importi erogati a titolo di risarcimento del danno a beni mobili e immobili, comprendente la perdita subita e il mancato guadagno, che vanno ricompresi nel fallimento, nonchè specifichi la somma liquidata a titolo di contributo al risarcimento della lesione conseguente al danno esistenziale. Tale ultima voce, ove liquidata e riconosciuta come tale nel decreto citato, costituisce bene strettamente personale, escluso dal fallimento, ai sensi dell'art. 46 l. fall. b) Nel caso, invece, di erogazione, da parte del «Fondo di solidarietà per le vittime dell'usura», ai sensi dell'art. 14 l. 7 marzo 1996, n. 108 di «mutui senza interessi» a favore delle vittime dell'usura, alle condizioni previste dalla legge, la possibilità in concreto di tale erogazione è collegata all'osservanza del piano di «investimento ed utilizzo delle somme richieste che risponda alla finalità di reinserimento della vittima del delitto di usura nell'economia legale» (Art. 14 comma 5, l. n. 108/1996). Eventuali diversi impieghi delle somme erogate a titolo di mutuo o provvisionale, rispetto al piano di investimento ed utilizzo, costituiscono causa di revoca del provvedimento di erogazione. Appare, quindi, evidente, che in tanto tale erogazione può essere effettuata in quanto il danneggiato si impegni ad utilizzarla in base al predetto piano. Ove tali somme fossero acquisite alla massa fallimentare verrebbe mano la stessa causale e «ratio» dell'elargizione del mutuo che dovrebbe essere revocato «ex lege». Trattandosi di mutuo senza interesse, erogato dal Fondo, la fattispecie può essere equiparata ed assimilata a quella di esercizio di nuova attività imprenditoriale da parte del fallito utilizzando beni altrui, comunque non compresi nel fallimento. Vi è anche, in relazione ad entrambe le fattispecie esaminate, una valutazione di convenienza dei creditori, in quanto difficilmente il Commissario antiracket erogherà somme di danaro a favore del fallito, vittima dell'usura, ove queste dovessero essere apprese dal fallimento, ostandosi, anche, il chiaro disposto, nel caso del mutuo, dell'art. 14, comma 9, mentre i creditori potrebbero giovarsi degli eventuali utili conseguenti alla nuova attività commerciale eventualmente intrapresa dal fallito, con le somme erogate, avendo diritto di acquisire gli utili netti della nuova attività, detratto quanto necessario per il mantenimento del fallito e della sua famiglia. Inoltre i creditori non avrebbero alcun interesse ad acquisire la somma erogata a titolo di mutuo, dovendo, comunque, restituirla, sia pure senza interessi, trattandosi di un finanziamento con conseguente obbligo di rimborso. Va, conseguentemente, autorizzato il curatore, in caso di erogazione del mutuo, a non acquisirlo alla massa, in quanto contestuale debito di pari importo.

6 Il controllo sull'utilizzazione del mutuo e delle eventuali altre somme specificate spetterà all'autorità erogante. Appare, comunque, auspicabile una modifica legislativa che espressamente preveda la sorte delle elargizioni o dei mutui concessi dal Fondo in costanza di fallimento del soggetto danneggiato, fattispecie non prevista dalla normativa vigente. P.Q.M. _ dichiara che: a) G.S.G. e B.A. possono esercitare nuova attività di impresa, previa espressa autorizzazione del G.D. b) gli importi erogati, nel decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, a titolo di risarcimento del danno a beni mobili e immobili, comprendenti la perdita subita e il mancato guadagno, siano ricompresi nel fallimento; c) la somma erogata, nel decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, a titolo di risarcimento del danno per la lesione conseguente al danno esistenziale, costituisce bene strettamente personale e come tale, va esclusa dal fallimento, ai sensi dell'art. 46 l. fall. d) il mutuo eventualmente erogato, ai sensi dell'art. 14 l. 7 marzo 1996, n. 108, non va acquisito alla massa. Autorizza il curatore, in caso di erogazione del mutuo, ai sensi della l. n. 108/1996, a non acquisirlo alla massa, in quanto contestuale debito di pari importo. Dispone che a) eventuali utili derivanti dalla gestione della nuova impresa verranno acquisiti all'attivo del fallimento, previa detrazione dei costi e passività e di quanto occorre per il mantenimento del fallito e della sua famiglia (art. 46, n. 2 l. fall.), la cui eventuale quantificazione, in relazione a tale ultimo punto, sarà successivamente effettuata, con decreto del G.D. Dispone la comunicazione del provvedimento a G.S.G. e B.A., al curatore del Fallimento rag. Luigi Pagliuca, al Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura, dott. Rino Monaco, al sig. Prefetto di Milano ed al comitato dei creditori. Il curatore di un fallimento ha posto al suo Giudice Delegato due quesiti: i) se il fallito, malgrado tale stato, possa intraprendere una nuova attività; ii) se egli possa acquisire direttamente l'erogazione che la l. n. 44/1999 prevede a favore delle vittime di estorsioni. Nel suo provvedimento il Giudice Delegato ha opportunamente ricordato che, in realtà, due sono le norme alle quali occorre fare riferimento: a) l'art. 1 della l. 23 febraio 1999, n. 44 («disposizioni concernenti il Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell'usura») dove, a favore dei soggetti danneggiati da attività estorsive, è prevista l'erogazione di denaro, a fondo perduto, «a titolo di contributo al ristoro del danno patrimoniale subito»; b) l'art. 14 della l. 7 marzo 1996, n. 108 («disposizioni in materia di usura») che dispone che il Fondo di solidarietà per le vittime dell'usura «provvede alla erogazione di mutui senza interesse di durata non superiore al quinquennio a favore di soggetti che esercitino attività imprenditoriale, commerciale, artigiana o, comunque, economica, ovvero una libera arte o professione, i quali dichiarino di essere vittime del delitto di usura e risultino parti offese nel relativo procedimento penale» (art. 14, comma 2). «L'importo del mutuo è commisurato al danno subito dalla vittima del delitto di usura per effetto degli interessi e degli altri vantaggi usurari corrisposti all'autore del reato» (art. 14, comma 4). Così puntualizzati i riferimenti normativi e ricordato come il debitore, pur in pendenza del suo fallimento, possa svolgere una nuova attività commerciale, salvo dover riservare l'utile a favore dei creditori concorsuali (sul tema cfr. da ultimo G. Uberto Tedeschi, Manuale di diritto fallimentare, Padova, 2001, p. 257 ss.) il decidente ha affrontato i quesiti: i) se la somma che, a sensi della l. 23 febbraio 1999, n. 44, il Fondo di solidarietà per le vittime di estorsioni e usura può erogare a fondo perduto, a titolo di «contributo al ristoro del danno patrimoniale subito», ed anche indipendentemente dall'esercizio di una nuova attività, abbia a confluire all'attivo fallimentare; ii) se il mutuo senza interessi che la l. 7 marzo 1996, n. 108 prevede a favore di soggetti che esercitino attività imprenditoriale, commerciale, artigiana o comunque economica ovvero una libera arte o

7 professione possa essere utilizzato dal fallito per l'esercizio di nuova attività, senza dover confluire all'attivo fallimentare. Per rispondere al quesito riassunto sub i) il Giudice Delegato ha dovuto chiedersi se le elargizioni di cui alla l. n. 44/1999 possano o meno rientrare nella categoria dei beni e diritti «di natura strettamente personale» che l'art. 46 l. fall. dichiara «non... compresi nel fallimento». A tale domanda egli ha fornito risposta affermativa ma solo limitatamente alla parte di elargizione che possa ritenersi destinata a risarcire il danno esistenziale. E poichè la l. n. 44/1999 non prevede espressamente il caso del fallimento della vittima dell'usura o delle attività estorsive il G.D. ha suggerito che, nel concedere l'elargizione, il Commissario per il Coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, nel decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, oltre «a tener conto della natura del fatto che ha cagionato il danno patrimoniale, del rapporto di causalità, dei singoli presupposti positivi e negativi» stabiliti dalla legge, abbia a indicare espressamente gli importi erogati a titolo di risarcimento del danno a beni mobili e immobili, comprendente la perdita subita e il mancato guadagno (che vanno ricompresi nel fallimento) e quanto invece erogato a risarcimento del danno esistenziale. Con riferimento al quesito sopra riassunto sub ii) (erogazione a sensi dell'art. 14 l. 7 marzo 1996, n. 108 di mutuo senza interessi) il G.D. ha accortamente osservato a) che lo scopo del mutuo (reinserimento della vittima nell'economia legale) sarebbe frustrato dalla acquisizione delle somme all'attivo del fallimento talchè l'acquisizione dovrebbe essere revocata ex lege e così risultare inutile per i creditori concorrenti; b) che la fattispecie comunque andrebbe omologata a quella dell'utilizzo di beni altrui nell'esercizio della nuova attività. Con argomentazione persuasiva il G.D. ha quindi dichiarato che _ gli importi erogati col decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, per risarcire il danno a beni mobili e immobili, comprendenti la perdita subita e il mancato guadagno, sono da ricomprendere nel fallimento; _ la somma erogata, invece, sempre col decreto previsto dall'art. 14 l. n. 44/1999, a titolo di risarcimento del danno per la lesione conseguente al danno esistenziale, costituisce bene strettamente personale e come tale, va esclusa dal fallimento, ai sensi dell'art. 46 l. fall. _ il mutuo eventualmente erogato, ai sensi dell'art. 14 l. 7 marzo 1996, n. 108, non va acquisito alla massa. L'interesse della decisione sembra possa rinvenirsi soprattutto nella utilizzazione, ai fini della applicazione dell'art. 46 l. fall., della nozione di danno esistenziale. In merito a tale figura di danno (riflesso di una vita quotidiana gravemente perturbata e compromessa nella sua qualità e regolarità, con privazioni, depressioni e ansia) lo stesso Giudice si era espresso con sentenze 8 giugno 2000 e 15 giugno 2000 (rispettivamente in Resp. civ. e prev., 2000, 923 e 2001, 461, entrambe ricordate da V. Minucci in nota a Trib. Napoli 19 dicembre febbraio 2002, anch'esso in tema, cui adde Trib. Milano 1 aprile 1999, in Nuova giur. civ. comm., 2000, I, p. 4 con nota di D. Chindemi). Qualche perplessità rimane con riferimento al fatto: i) che l'autore del decreto di cui all'art. 14 l. n. 44/1999 possa quantificare separatamente il danno esistenziale; ii) che la quantificazione da parte sua possa avere alcun valore vincolante; iii) che, di fronte all'insufficienza della somma a coprire l'intero danno, possa restare incerta la proporzione da istituire (a meno di dare assoluta precedenza al danno esistenziale). (annotazione dell'avv. Salvatore Morvillo)

Il Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura. Nr. 3023 BE Roma 20.11.

Il Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura. Nr. 3023 BE Roma 20.11. Il Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura Nr. 3023 BE Roma 20.11.2002 Ai Signori Prefetti Loro Sedi Ai Signori Commissari del Governo di Bolzano

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

REGOLAMENTO TITOLO I ART. 1 DEFINIZIONI

REGOLAMENTO TITOLO I ART. 1 DEFINIZIONI REGOLAMENTO TITOLO I ART. 1 DEFINIZIONI Ai fini del presente regolamento si intendono: a) per «Legge», la Legge Regionale n.7 del 3 aprile 2006 recante «Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico)

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) La recente giurisprudenza riconosce in capo agli eredi di un soggetto deceduto

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

LEGGI E NORME IN MATERIA DI USURA

LEGGI E NORME IN MATERIA DI USURA LEGGI E NORME IN MATERIA DI USURA Le risorse provengono dallo Stato ma anche da beni confiscati e donazioni Mutui fino a cinque anni senza interessi per tutte le vittime dell'usura Il fondo di solidariet_

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza; OGGETTO: Approvazione della proposta di legge regionale concernente: Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del sovraindebitamento e dell usura e istituzione della Casa regionale

Dettagli

LE ALTRE CATEGORIE DEL DANNO INGIUSTO Consuela Cigalotti DANNO INGIUSTO Secondo la definizione del codice civile è da considerarsi danno ingiusto,, il danno prodotto non iure,, ( comportamento non giustificato

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino

DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino Premessa Il presente scritto (di compendio alla lezione del 7 aprile) mira a fornire alcune

Dettagli

Catanzaro, 13 gennaio 2010

Catanzaro, 13 gennaio 2010 Direzione Regionale della Calabria Catanzaro, 13 gennaio 2010 Ufficio Accertamento e Riscossione Alle Direzioni Provinciali Agli Uffici locali della CALABRIA e, p.c. All Ufficio Controlli fiscali All Ufficio

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti COMPIUTI NELL AMBITO DI PROCEDURE FALLIMENTARI ED I PROVVEDIMENTI DI AGGIUDICAZIONE, ANCHE IN SEDE DI SCIOGLIMENTO DI COMUNIONI; LA TASSAZIONE DEGLI EVENTUALI CONGUAGLI Firenze, 25 marzo 2015 1 IMPOSTA

Dettagli

GUIDA ANTIRACKET ED ANTIUSURA

GUIDA ANTIRACKET ED ANTIUSURA GUIDA ANTIRACKET ED ANTIUSURA La Camera di Commercio di Enna interpreta nel senso più ampio possibile il proprio ruolo di agente di sviluppo del territorio e quindi ritiene di dovere agire anche in campi

Dettagli

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE RISOLUZIONE N. 106/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22/04/2009 OGGETTO: Richiesta parere su istanza di rimborso ex articolo 38 del DPR 29 settembre 1973, n. 602 - Danno all immagine Articolo

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Nuove norme in materia di interventi regionali per la prevenzione e la lotta al fenomeno di usura e di estorsione.

Nuove norme in materia di interventi regionali per la prevenzione e la lotta al fenomeno di usura e di estorsione. Legge Regionale 26 giugno 2015 n. 21 Nuove norme in materia di interventi regionali per la prevenzione e la lotta al fenomeno di usura e di estorsione. (Basilicata, BUR 1 luglio 2015, n. 23) IL CONSIGLIO

Dettagli

STUDIO LEGALE. Avv. Antonella Nigro. Responsabilità medica e ospedaliera. - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro

STUDIO LEGALE. Avv. Antonella Nigro. Responsabilità medica e ospedaliera. - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro Responsabilità medica e ospedaliera - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro Il tema della responsabilità medica e ospedaliera è ritornata ad essere di forte attualità a causa

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres.

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo Danno (risarcimento da) Incidente mortale Casalinga Prossimi congiunti

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Il ruolo dello psicologo nel processo del lavoro

Il ruolo dello psicologo nel processo del lavoro Il ruolo dello psicologo nel processo del lavoro 1. Rapporto di lavoro ed implicazioni di carattere psicologico. 2. Prescrizioni legali in tema di tutela della personalità del lavoratore e tipologie di

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it LA RISARCIBILITA DEL DANNO NON PATRIMONIALE IN AMBITO CONTRATTUALE A cura di CLAUDIA CARICASOLE

www.ildirittoamministrativo.it LA RISARCIBILITA DEL DANNO NON PATRIMONIALE IN AMBITO CONTRATTUALE A cura di CLAUDIA CARICASOLE LA RISARCIBILITA DEL DANNO NON PATRIMONIALE IN AMBITO CONTRATTUALE A cura di CLAUDIA CARICASOLE Preliminare e finalizzato alla trattazione del danno non patrimoniale in ambito contrattuale, si rivela l

Dettagli

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA ***

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** La legislazione antiusura e antiracket (leggi 108/96 e 44/99) sottolinea l impegno dello Stato nel sostegno

Dettagli

Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251. L entità del danno non patrimoniale va personalizzato

Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251. L entità del danno non patrimoniale va personalizzato Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251 A cura di Cettina Briguglio L entità del danno non patrimoniale va personalizzato In caso di lesione dell integrità fisica

Dettagli

Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione.

Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione. Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione. 1. Il nucleo essenziale delle sentenze. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno pronunziato quattro

Dettagli

Caso 5.4. Analisi della sentenza del Tribunale Ravenna, 7 luglio-9 settembre 2009, n. 545.

Caso 5.4. Analisi della sentenza del Tribunale Ravenna, 7 luglio-9 settembre 2009, n. 545. Caso 5.4 In caso di decesso da parte di soggetto sul posto di lavoro e fattispecie inerente al risarcimento delle cosiddette vittime da rimbalzo, quali criteri adottare per la liquidazione del danno conseguente

Dettagli

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato Criteri utilizzati per la formazione delle Tabelle per l anno 2013 Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato operando la sola rivalutazione

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

I danni endofamiliari. A cura di Domenico Chindemi

I danni endofamiliari. A cura di Domenico Chindemi I danni endofamiliari A cura di Domenico Chindemi 1 Quesito È ammissibile la tutela risarcitoria nell ambito del diritto di famiglia? 2 Danni endofamiliari È ammissibile l'applicazione, all'interno dell'istituto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.2532/2007 Reg.Dec. N. 263 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

INFORTUNIO: INDENNIZZO INAIL E RISARCIMENTO DEL DANNO DIFFERENZIALE SECONDA PARTE Matteo BARIZZA

INFORTUNIO: INDENNIZZO INAIL E RISARCIMENTO DEL DANNO DIFFERENZIALE SECONDA PARTE Matteo BARIZZA INFORTUNIO: INDENNIZZO INAIL E RISARCIMENTO DEL DANNO DIFFERENZIALE SECONDA PARTE Matteo BARIZZA P&D.IT In un precedente scritto apparso sulla presente rivista, si era trattato il tema, tutt'altro che

Dettagli

ottobre 2009 La tutela d'urgenza dei diritti di credito, di Fabio Fiorucci 1

ottobre 2009 La tutela d'urgenza dei diritti di credito, di Fabio Fiorucci 1 ottobre 2009 La tutela d'urgenza dei diritti di credito, di Fabio Fiorucci 1 La tutela in via di urgenza dei diritti di credito, ormai come detto acquisita, trova molteplici conferme in giurisprudenza:

Dettagli

Fondo di solidarietà per le vittime e Fondo per la prevenzione

Fondo di solidarietà per le vittime e Fondo per la prevenzione a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 547 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale Strumenti per la lotta all'usura 15.12.2011 Categoria Sottocategoria

Dettagli

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione del danno non patrimoniale alla persona in ambito responsabilità civile ed estranee al pregiudizio biologico ex art. 139 D.Lgs. 209/2005.

Dettagli

MOBBING: RISARCIMENTO DEI DANNI NON PATRIMONIALI IN FAVORE DEL LAVORATORE

MOBBING: RISARCIMENTO DEI DANNI NON PATRIMONIALI IN FAVORE DEL LAVORATORE MOBBING: RISARCIMENTO DEI DANNI NON PATRIMONIALI IN FAVORE DEL LAVORATORE Sommario: 1. Danno non patrimoniale; 2. Interventi della Corte Costituzionale; 3. Danno morale soggettivo, biologico, esistenziale;

Dettagli

IL DANNO DA VACANZA ROVINATA

IL DANNO DA VACANZA ROVINATA Aspetti sostanziali: con danno da vacanza rovinata s intende: la lesione dell interesse del turista al pieno godimento del proprio tempo libero ed, in particolare, della occasione di svago e di divertimento

Dettagli

PIEMONTE, LIGURIA E VALLE D AOSTA

PIEMONTE, LIGURIA E VALLE D AOSTA PIEMONTE, LIGURIA E VALLE D AOSTA SERVIZIO DI ASCOLTO E ACCOMPAGNAMENTO ALLA DENUNCIA PER LE VITTIME DI USURA PER CHI SI TROVA IN CONDIZIONE DI RISCHIO USURA PER LE VITTIME DI RACKET PER I TESTIMONI DI

Dettagli

ASPETTI FISCALI DEL FALLIMENTO

ASPETTI FISCALI DEL FALLIMENTO ASPETTI FISCALI DEL FALLIMENTO Corso Biennale di preparazione all esame di Stato di Dottore Commercialista e di Esperto Contabile INTRODUZIONE La lezione affronterà nell ordine: REGISTRO IMPRESE IVA IRES

Dettagli

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento Inserire testo Inserire testo Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento La risoluzione per inadempimento e l annullamento del Concordato dopo l omologa A cura dell Avv. Simona Cardillo LA RISOLUZIONE

Dettagli

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

Il risarcimento equitativo.

Il risarcimento equitativo. Il risarcimento equitativo. Firenze, 26 novembre 2013. Corso di Diritto civile Prof. Giuseppe Vettori Mario Mauro Abstract Rapporto tra risarcimento equitativo e principio di integrale riparazione del

Dettagli

Il risarcimento del nuovo danno non patrimoniale e la sua funzione. Riassunto.

Il risarcimento del nuovo danno non patrimoniale e la sua funzione. Riassunto. Il risarcimento del nuovo danno non patrimoniale e la sua funzione. Riassunto. Il risarcimento del danno non patrimoniale ha da sempre posto problemi del tutto peculiari che ne hanno differenziato in modo

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

DANNO ESISTENZIALE. disciplina del danno non patrimoniale, per via della reinterpretazione

DANNO ESISTENZIALE. disciplina del danno non patrimoniale, per via della reinterpretazione DANNO ESISTENZIALE Assolutamente fondamentali, nel percorso di modernizzazione della disciplina del danno non patrimoniale, per via della reinterpretazione dell art. 2059 c.c., sono state le sentenze della

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

Quale responsabilità per il medico competente?

Quale responsabilità per il medico competente? Quale responsabilità per il medico competente? Convegno nazionale SNOP Bologna 14-15 novembre 2012 dr. Alberto Chinaglia A me pare che la figura del medico competente emerga dal nuovo testo sulla sicurezza

Dettagli

Mancati riposi settimanali e risarcimento del danno

Mancati riposi settimanali e risarcimento del danno Mancati riposi settimanali e risarcimento del danno Nel caso di lavoro prestato oltre il sesto giorno consecutivo, occorre distinguere il danno da "usura psico-fisica", conseguente alla mancata fruizione

Dettagli

Tema C2. di Serafino Ruscica

Tema C2. di Serafino Ruscica Tema C2 Tema C2 Premessi brevi cenni sulla nozione di danno non patrimoniale, se ne illustri la portata applicativa in riferimento alle ipotesi di danno bagatellare per i disservizi in materia di trasporti

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO VITTORIO PILLA SEPARAZIONE E DIVORZIO I PROFILIDI RESPONSABILITÀ Seconda edizione CEDAM CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI 2007 INDICE - SOMMARIO Elenco délie principali abbreviazioni pag. XV Capitolo

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Circolare n. 9/09 del 28.settembre.2009* Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Mobbing nei luoghi di lavoro Nozione. Con l espressione mobbing si intende la sequenza di atti o comportamenti posti

Dettagli

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823 «Danno edonistico: unitarietà della liquidazione del danno non patrimoniale» (Cass. Civ. sez. III, sent. 8-07-2014, n. 15491) danno edonistico non risarcibilità in via autonoma parole chiavi 3 Non è risarcibile

Dettagli

La responsabilità civile

La responsabilità civile La responsabilità civile Responsabilità contrattuale (art. 1218 cc) Scaturisce da qualsiasi rapporto obbligatorio già precostituito. Il Medico generalista si obbliga ad eseguire una prestazione professionalmente

Dettagli

"CHI DECIDE QUANTO VALE UN DANNO BIOLOGICO?" - Antonello NEGRO

CHI DECIDE QUANTO VALE UN DANNO BIOLOGICO? - Antonello NEGRO "CHI DECIDE QUANTO VALE UN DANNO BIOLOGICO?" - Antonello NEGRO 1. La fattispecie. In seguito ad un sinistro stradale un uomo subiva un danno biologico permanente di grado ridotto (accertato, in giudizio,

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XVII CAPITOLO PRIMO PROFILI GENERALI Guida bibliografica... 3 1. Premessa... 7 2. La famiglia come formazione sociale... 9 2.1. Il precedente sistema giusfamiliare...

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 354/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

COMMENTI ESAME 2011 - PARERE DI DIRITTO CIVILE. Parere n.1

COMMENTI ESAME 2011 - PARERE DI DIRITTO CIVILE. Parere n.1 COMMENTI ESAME 2011 - PARERE DI DIRITTO CIVILE Parere n.1 L'agenzia immobiliare Beta, aveva ricevuto da Mevia un mandato per la vendita di un immobile di sua proprietà. L'incarico era stato conferito in

Dettagli

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE Art. 28 Cost. I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Premessa L art. 35, comma 26-quater, del d.l. n. 223 del 2006, conv. con modifiche dalla legge n. 248 del 2006, in vigore dal 4 luglio

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 1 1. PREMESSA Il presente documento costituisce il Modello di Organizzazione e di Gestione ex D.Lgs. n. 231/2001, che sarà adottato dal CORISA- CONSORZIO DI RICERCA

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

IL "NUOVO" DANNO NON PATRIMONIALE

IL NUOVO DANNO NON PATRIMONIALE IL "NUOVO" DANNO NON PATRIMONIALE a cura ài GIULIO PONZANELLI CEDAM CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI 2004 INDICE-SOMMARIO Premessa (GIULIO PONZANELLI) Pag. 1 PARTE I UN RIEPILOGO STORICO: LE QUATTRO

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

Indice La Chiusura Della Procedura Fallimentare ------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice La Chiusura Della Procedura Fallimentare ------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE IX LA CHIUSURA DELLA PROCEDURA FALLIMENTARE E L ESDEBITAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 La Chiusura Della Procedura Fallimentare -------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE INDICE SISTEMATICO Introduzione........................................... pag. v LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE 1. Rapporto di causalità tra condotta

Dettagli

IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA

IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA Il principio informatore della materia in ambito civile stabilisce che qualsiasi comportamento antigiuridico che sia causa di danni a terzi obbliga chi l ha posto in essere

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore

Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore ( Articolo di Calogero Lo Giudice 27.09.2004 ) Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore Avv. Calogero Lo Giudice (Avvocatura

Dettagli

INFEDELTA CONIUGALE E RISARCIMENTO DEL DANNO NON PATRIMONIALE

INFEDELTA CONIUGALE E RISARCIMENTO DEL DANNO NON PATRIMONIALE INFEDELTA CONIUGALE E RISARCIMENTO DEL DANNO NON PATRIMONIALE.LA VIOLAZIONE DELL OBBLIGO DI FEDELTA CONIUGALE PUO DAR LUOGO A LESIONE DI INTERESSI COSTITUZIONALMENTE PROTETTI di Gianluca Ludovici La previdenza.it

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale Dottrina e Giurisprudenza concordano sulla definizione dell (ormai) istituto del mobbing,

Dettagli

La responsabilità professionale dell avvocato: un indagine senza presunzione di completezza nella giurisprudenza di legittimità 2015

La responsabilità professionale dell avvocato: un indagine senza presunzione di completezza nella giurisprudenza di legittimità 2015 La responsabilità professionale dell avvocato: un indagine senza presunzione di completezza nella giurisprudenza di legittimità 2015 La responsabilità professionale Al momento del conferimento dell incarico.

Dettagli

Profili di Responsabilità Professionale L errore medico I danni risarcibili

Profili di Responsabilità Professionale L errore medico I danni risarcibili Università degli Studi di Genova DISSAL Dipartimento di Scienze della Salute Profili di Responsabilità Professionale L errore medico I danni risarcibili Prof. Renzo Celesti Responsabilità professionale

Dettagli

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti SPECIALE DECRETO SVILUPPO I LIMITI ALLA DISCIPLINA SOCIETARIA SULLA PERDITA DI CAPITALE di Giacomo D Attorre, Avvocato Sommario: 1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti - 2.

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI

TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI a cura Dott. Emilio Iorio Nel presente lavoro riepiloghiamo le situazioni più frequenti che si possono verificare in azienda relativamente al trattamento

Dettagli

IL GUP. sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da:

IL GUP. sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da: IL GUP sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da: 1. difesa BELLEN, RANZINI, MAGURANO, BONI, GRATTAGLIANO, MARINELLI,

Dettagli

senza quindi che possa esserci una sorta di automatismo tra detto uso e la alterazione dell ecosistema tutelato dal vincolo. Non c'è dubbio che anche

senza quindi che possa esserci una sorta di automatismo tra detto uso e la alterazione dell ecosistema tutelato dal vincolo. Non c'è dubbio che anche CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 17 OTTOBRE 2012, N. 40866: per il sequestro preventivo di manufatti realizzati abusivamente sia in zona vincolata paesaggisticamente sia in zona non

Dettagli

Scritto da Ciro Tadicini Martedì 14 Giugno 2011 20:55 - Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Giugno 2011 09:55

Scritto da Ciro Tadicini Martedì 14 Giugno 2011 20:55 - Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Giugno 2011 09:55 L'atto di costituzione del fondo patrimoniale, anche quando é posto in essere dagli stessi coniugi, costituisce un atto a titolo gratuito che può essere dichiarato inefficace nei confronti del creditore,

Dettagli

Il curatore ed il contratto di leasing risolto prima della dichiarazione di. fallimento.

Il curatore ed il contratto di leasing risolto prima della dichiarazione di. fallimento. Il curatore ed il contratto di leasing risolto prima della dichiarazione di fallimento. La recente riforma della legge fallimentare ha valorizzato e reso più autonomo il ruolo del curatore, più libera

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente L obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro ha come fonte principale la norma contenuta nell art. 2105 c.c. che così recita: il prestatore di lavoro non

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 15 settembre 2011, n. 18853

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 15 settembre 2011, n. 18853 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 15 settembre 2011, n. 18853 Svolgimento del processo 1. La sig.ra G.M. con citazione del 22 giugno 2001 convenne dinanzi al tribunale di Savona il

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento

Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento Tribunale di Bergamo, 22 ottobre 2015. Presidente Vitiello. Relatore Giovanna Golinelli. Contratti di garanzia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue:

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue: Quesito n. 299-2013/I-E - trasferimento posto in essere dal liquidatore di un concordato preventivo e normativa sulla conformità catastale, urbanistica ed edilizia Si pone i seguenti quesiti relativi all

Dettagli

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione?

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione? NON CORRETTA QUANTIFICAZIONE DA PARTE DELL INTERMEDIARIO DEI PREZZI DI CARICO DEI DIRITTI D OPZIONE RELATIVI AD UN AUMENTO DI CAPITALE DI SOCIETÀ QUOTATA: RESPONSABILITA INTERMEDIARIO Il sig. [ ] Tizio,

Dettagli

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI 1. la nota di precisazione del credito specifica l ammontare: a) dei crediti in prededuzione; b) dei crediti in privilegio; c) dei crediti

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI P&D.IT La terza sezione della Corte di Cassazione interviene sulla vexata questio

Dettagli