Alberto Bagnai. L Italia può farcela. Equità, flessibilità, democrazia Strategie per vivere nella globalizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alberto Bagnai. L Italia può farcela. Equità, flessibilità, democrazia Strategie per vivere nella globalizzazione"

Transcript

1 La Cultura 888

2

3 Alberto Bagnai L Italia può farcela Equità, flessibilità, democrazia Strategie per vivere nella globalizzazione

4 Sito & estore Twitter twitter.com/ilsaggiatoreed Facebook il Saggiatore S.r.l., Milano 2014

5 L Italia può farcela A Rockapasso, er Palla e Uga, in ordine di apparizione

6

7 It s the only period of my life in which I attempted to keep a diary. No, not the only one. Years later, in conditions of moral isolation, I did put down on paper the thoughts and events of a score of days. But this was the first time. I don t remember how it came about or how the pocket-book and the pencil came into my hands. It s inconceivable that I should have looked for them on purpose. I suppose they saved me from the crazy trick of talking to myself. Strangely enough, in both cases I took to that sort of thing in circumstances in which I did not expect, in colloquial phrase, «to come out of it». Neither could I expect the record to outlast me. This shows that it was purely a personal need for intimate relief and not a call of egotism. Joseph Conrad, The Shadow Line

8

9 Sommario Introduzione Prologo: l Italia non può farcela 31 In taxi: «Se sò magnati tutto!» 31 La débâcle 35 Recessione tecnica 35; Un po di storia: le dimensioni della crisi 38; e la persistenza della crisi 44; Il bilancino del farmacista 45; Il punto di svolta 48 La situazione è grave ma non è seria 53 Silenzio: parla la Bce! 54; Ridurre i costi della politica 62; Combattere la corruzione 67; Lottare contro l evasione fiscale 73; Attirare i capitali esteri 84; Abbreviare i tempi della giustizia 97; Flessibilizzare il mercato del lavoro 100 «Ágrapta nómima»: le leggi autorazziali Manuale di illogica europea 115 Nel salotto buono: «L euro ha portato la pace» 115 Europa ed «Europa», riforme e «riforme» 118 Il vincolismo 123 Tecnocrazia contro politica: ce lo chiede l Europa! 123; Moneta e inflazione in teoria 131; Moneta e inflazione in pratica 132; L Italietta della liretta 139; L Italietta della svalutazione competitiva 147

10 Economicismo e federalismo 155 La sconfitta dell economicismo 157; La sconfitta del federalismo 159 I paradossi di Maastricht 162 Mercato sì o mercato no? 163; «Più Europa» sì o «più Europa» no? 164; Disciplina finanziaria o integrazione finanziaria? 168; Convergenza o divergenza? 172; Mille bolle blustellate 177; Moneta unica o mercato unico? Il teorema del grande pennello 178 Sintesi Vivere al di sopra dei propri mezzi 187 Dietro le quinte: «In Italia il sommerso è a 280 miliardi» 187 Ecce hoc novum est! 188 La favoletta del capitalismo 193 La prassi del capitalismo: l esempio degli Stati Uniti 198 Qualche dato 199; Teoria e pratica delle riforme 202; Squilibrio distributivo e crisi finanziaria 205 L Eurozona: non è buon allievo chi non supera il maestro 213 Qualche dato 213; E l euro che c entra? 230 La spesa pubblica improduttiva 232 Dal ferramenta 232; Perché? 234 Il debito pubblico: analisi marxiana e analisi marziana 244 Sintesi Appellisti contro austeriani: ovvero come la scienza economica perse la sua dignità 263 La logica degli austeriani 274 La logica degli appellisti La condizione necessaria ma non sufficiente 283 Ortodossi, eterodossi e omodossi: la «trahison des clercs» e il fascismo dell opinione 283 L Europa e la Storia 290 In economia la flessibilità conta 290; La flessibilità cattiva 295; Fermare il vento con le mani 299

11 Liquidità e mercantilismo 301 Bretton Woods e il debito degli altri 301; Un altro sistema monetario è possibile? 307; «Dalla Merkel ci vai tu?» 311; La flessibilità del cambio come «second best» 315 Cambi e politiche sociali 318 Sintesi: anche i ricchi piangono Facciamo i compiti a casa 331 Back to basics 331 Le vere riforme strutturali 341 Uniamo i puntini 341; Il pentimento degli austeriani 352; Le riforme strutturali 361; Risvegli 371 Scenari 373 Due piccioni con due fave 375; Soluzioni a confronto 382; Svalutazione del 20% 390; Usciamo, è tanto tempo che non lo facciamo 396; Un milione di posti di lavoro! 398 I palliativi 402 Meno austerità (oggi, e domani si vedrà) 402; La svalutazione fa male, anzi no 404; Il lavoro nel xxi secolo, ovvero: il Titanic, l iceberg e la grattachecca 406 External compact 415 Nel tinello buono: «Siamo troppo medi!» 415; La geopolitica del terzo escluso 416; In economia le dimensioni (non) contano 421; Dal Fiscal compact all External compact 426 Epilogo: l Italia può farcela 437 Ringraziamenti 463 Note 465 Bibliografia 475

12

13 Introduzione L oscurità totale si verifica quando tutti chiudono gli occhi. Rastko Zakić Io sono in conflitto di interessi. Lo Stato mi paga lo stipendio, e quindi chi lo attacca, mi capirete, non può starmi troppo simpatico. Eppure con certe farraginosità burocratiche, con certe inefficienze, mi ci scontro due volte: da cittadino e da dipendente pubblico. Ma quando mia figlia è nata dopo otto mesi di gestazione (poco più di un chilo), non mi è passato per la testa di portare sua madre in una clinica privata, e so che se malauguratamente dovessi avere un incidente, sarei portato in un pronto soccorso pubblico, perché quelli privati, per qualche strano motivo, non ci sono. Mio figlio va in una scuola pubblica, perché nella città nella quale vivo c è una ricca serie di esempi di scuole private che sono state più refugia peccatorum che turres eburneae (magari saranno cambiate, anche perché nel frattempo lo Stato le ha finanziate lautamente, ma nel dubbio ). Non posso appassionarmi al dibattito sulla maggiore o minore felicità di pagare le tasse, perché da lavoratore dipendente, ahimè, non posso fare a meno di pagarle; ma evito di guardare la busta paga, così ignoro la differenza fra lordo e netto, e cerco di farmi bastare quest ultimo. Occhio non vede, cuore non duole. Io sono in conflitto di interessi, ma sono anche uomo di scienza vivo di ricerca e insegnamento e, come ogni uomo di scienza, affronto il mio conflitto di interessi nell unico modo intellettualmente onesto: dichiarandolo. L ho appena fatto. Non scelgo cioè la strada disonesta di certi esperti da talk show: quella di negare il mio conflitto di interessi arroccandomi dietro una improbabile terzietà. È stato il mio conflitto di interessi, del resto, che mi ha spinto a entra-

14 14 L Italia può farcela re nel dibattito sul futuro dell Italia in Europa, aprendo il mio blog il 16 novembre 2011, nello stesso giorno in cui Monti prestava giuramento, per preannunciare il fallimento del suo governo, e pubblicando poi, nel 2012, Il tramonto dell euro, che certificava quel conclamato fallimento e ne spiegava le ragioni ideologiche e il legame con la moneta unica (poi ammesso, come vedremo, dallo stesso Monti, in termini sufficientemente tecnici da sfuggire ai più). Per chi, come me, proveniva da un paio di decenni di studio delle crisi finanziarie nei paesi emergenti, era facile capire che nel racconto dei media qualcosa non tornava: perché ci veniva presentato come crisi di debito «sovrano» (che poi sarebbe pubblico) lo sconquasso di paesi nei quali questo debito era abbondantemente sotto il livello di guardia (come l Irlanda e la Spagna), o stava comunque scendendo (come l Italia)? Era evidente che stavamo assistendo a una classica crisi di bilancia dei pagamenti, come scrissi nel luglio 2011 su lavoce.info. L austerità non serviva a rimettere in sesto le nostre finanze pubbliche ma, in Grecia come in Italia, a spremere risorse per ripagare i creditori esteri, a costo di soffocare il paese. In quanto dipendente pubblico, sapevo bene dove ci avrebbe portato tutto questo: a considerare lo Stato un nemico da abbattere, e i servizi che eroga (da quelli essenziali nell immediato, come le ambulanze, a quelli essenziali nel lungo periodo, come l insegnamento universitario) delle inutili fonti di spreco. Il mio reddito e le prospettive dei miei figli erano in pericolo, e il mio conflitto di interessi, unito alla consapevolezza, che molti hanno raggiunto solo dopo, di non avere più nulla da perdere, mi hanno spinto a espormi. Tutto quello che è successo nei due anni successivi ha confermato quanto dicevo nel Tramonto dell euro, al punto che l analisi svolta in quel testo è stata fatta propria dalla Bce (come vedremo). E questo non deve stupire, perché è un analisi tutt altro che originale. Basterebbe aprire un qualsiasi libro di macroeconomia per capire come stanno le cose, e se questo libro non lo si apre o se, una volta aperto, non si racconta ai propri concittadini quello che c è scritto, è semplicemente perché si è sull altro fronte del medesimo conflitto di interessi. Il fatto è che tutti noi siamo in conflitto di interessi, e negarlo è non solo disonesto, ma, in una situazione di crisi, suicida. È una frase che può suonare strana. «Ma come!» potrebbe chiedersi qualcuno «non è proprio nel momento delle gravi difficoltà che i dissidi, i conflitti interni, vanno abban-

15 Introduzione 15 donati, e che ci si deve impegnare per superare le comuni ambasce tendendo uniti verso un obiettivo comune?» No. Questo per il semplice motivo che, come ogni testo di politica economica chiarisce fin dalle prime pagine, in economia, negando il legittimo contrasto fra diversi interessi, è difficile definire obiettivi comuni. Volete un esempio? La crisi ha portato a un aumento della disuguaglianza ovunque nell Eurozona, più folgorante, guarda caso, proprio nel paese che si propone come modello e ci viene indicato come tale dai nostri politici: la Germania (Ocse, 2011). Questo che cosa significa? Una cosa molto semplice, ma non banale: la crisi ha danneggiato molti, ma ha anche avvantaggiato pochi, quindi risolverla non è nell interesse immediatamente percepito di tutti. Avvantaggiati e svantaggiati, che esistono anche in Italia, possono avere un interesse comune? Molto dipende dall ottica usata: il macro del breve periodo o il teleobiettivo del medio periodo. Forse una mediazione fra i diversi legittimi interessi si può trovare; certamente è indispensabile cercarla, ma indiscutibilmente non lo si può fare se, prima, non si mettono bene in chiaro quali siano questi interessi e in che modo la crisi e le sue possibili soluzioni li influenzino. Gli interessi del creditore non sono quelli del debitore, gli interessi dell anziano non sono quelli del giovane, gli interessi dell occupato non sono quelli del disoccupato, gli interessi dell imprenditore non sono quelli del dipendente. Ma, al di là delle percezioni soggettive, rimane il fatto che razionalmente nel medio periodo la distruzione totale dell economia di questo paese non è nell interesse di nessuno. Eppure, è un eventualità che certi comportamenti egoistici, o semplicemente disinformati, stanno rendendo ogni giorno più concreta ed evidente. Qualche esempio per capire di cosa stiamo parlando. L imprenditore vuole pagare di meno l operaio: ha sempre voluto farlo, la vita è così. Ce lo ricorda niente meno che il padre della scienza economica, Adam Smith, nell ottavo capitolo del libro i della Ricchezza delle nazioni: «I lavoratori desiderano ricevere il più possibile, i padroni dare il meno possibile». 1 Oddio, non che l imprenditoria italiana si sia sempre graniticamente schierata in questo senso. Basti pensare che dopo la guerra, come ricorda Mario Nuti (2010), volle l indicizzazione dei salari, e non per bontà d animo, ma perché in quelle circostanze era razionale adottarla anche dal

16 16 L Italia può farcela suo punto di vista (e vedremo poi meglio perché); oppure ricordare la figura di Adriano Olivetti. Ma da qualche tempo l atteggiamento è del tutto cambiato, e oggi, ai nostri imprenditori, di tagliare i salari pensate un po glielo chiede addirittura l Europa, come ci ricorda Tabellini (2014), con una certa ingenuità o sfrontatezza politica, anche se in modo tecnicamente impeccabile. 2 Ottimo! Per il singolo imprenditore pagare di meno l operaio è indubbiamente un successo: diminuiscono i costi, quindi aumentano i profitti. Ma se lo fanno tutti, i profitti calano, perché gli operai sono anche consumatori, e se hanno meno soldi comprano di meno. A quel punto, per recuperare profitti, devi tagliare ancora. Il limite è il suicidio dell economia. Il comportamento razionale dal punto di vista dei singoli imprenditori distrugge quindi la domanda aggregata di beni, e così l intera economia. Le situazioni nelle quali comportamenti razionali per l individuo sono disastrosi per la collettività si chiamano «fallimenti del mercato», e molto spesso nascono da una visione miope, di breve periodo. Anche questo lo si sapeva fin dall inizio. Lo dice Smith: «Nel lungo periodo il lavoratore può essere necessario al padrone tanto quanto il padrone è necessario a lui, ma questa necessità non è così immediata». 3 Il mercato può fallire, e quando si attacca lo Stato («meno Stato, più mercato») bisogna conoscere i limiti dell alternativa. Sarebbe anche gradita, da parte dei cosiddetti liberisti, una lettura almeno superficiale di Adam Smith. Ma non allarghiamo troppo il discorso. Quello che succede nel microcosmo succede anche nel macrocosmo. In Italia i media, corrotti o conformisti, continuano a ripetere ad infinitum balle autorazziste sulla superiorità etnica dei tedeschi, sui loro investimenti, sulla loro politica industriale. In realtà all estero è ormai assodato non solo a livello scientifico, ma anche a livello giornalistico, che la Germania è diventata in meno di un decennio il paese egemone dell Eurozona, da «malato d Europa» che era, semplicemente per aver attuato una politica di compressione salariale, favorita da due cose: 1. le riforme Hartz del mercato del lavoro, a base di precarizzazione e «minijobs»; 2. l allargamento a Est dell Unione Europea, quello del 2004, fatto in fretta e furia, senza che molti di noi ne vedessero l esigenza, semplicemente per procurare un bel serbatoio di manodopera a buon mercato al paese

17 Introduzione 17 «più uguale degli altri»: la Germania, appunto. 4 (Sai, se l imprenditore ti dice: «O ti tagli il salario, o vado in Polonia!», è certo che a te di scelta ne rimane poca: vi ricorderò degli esempi concreti.) Brava la Germania, proprio come l imprenditore dell esempio precedente! Abbassando del 6% in quattro anni il livello dei salari, ha reso i suoi beni più convenienti, ma ha anche costretto tutti gli altri paesi dell Eurozona, che sono suoi clienti, a fare altrettanto per reggere la sua concorrenza. Risultato: il crollo della domanda in tutta l Eurozona, che sta portando l intero sistema al collasso. La logica delle élite tedesche è stata quella del singolo imprenditore dell esempio: se va bene per me, va bene per tutti. Invece no: se lo fanno anche gli altri, poi stanno peggio tutti (e ora la Germania assiste al crollo di tutti i propri indicatori congiunturali). Altro esempio: il pensionato vuole difendere la propria pensione, e quindi il suo incubo è l inflazione. Pensate! Con un inflazione al 5%, per dire, dopo tre anni una pensione da 1000 euro in realtà ha un potere d acquisto di circa 860 euro. In effetti fa impressione. Ma se oggi, di quei 1000 euro, ti tocca darne 300 a tuo figlio, al quale lo stipendio è stato tagliato (vedi poche righe sopra), o che ha perso il lavoro a 45 anni e non trova più nessuno che se lo prenda, be, allora, caro pensionato, già oggi la tua pensione di euro non ne vale più 1000, ma 700. Per farti subire una perdita di potere d acquisto comparabile a quella provocata dalla necessità di sostentare tuo figlio oggi, un inflazione al 5% impiegherebbe 7 anni. Nel frattempo, si assiste al paradosso di un giovane che non lavora, e quindi di capacità e competenze che deperiscono, e di un vecchio che sostenta il giovane, quando in fondo Madre Natura vorrebbe che fosse il contrario. Quando nel 2012 ho scritto Il tramonto dell euro, che l inflazione non fosse un male assoluto non si poteva ancora dire, nonostante fossimo al quarto anno di crisi. Oggi tutti i giornali chiariscono che se i prezzi scendono o semplicemente non salgono abbastanza gli acquisti vengono rinviati (in attesa di ulteriori ribassi, o di un adeguamento dei propri redditi), e l economia si blocca (Corriere della Sera, 2014). Chi non vuole una moderata inflazione vuole la disoccupazione, e chi vuole la disoccupazione, alla fine, non vuole la pensione, perché qualsiasi sistema previdenziale, sia a ripartizione che contributivo, si sostiene se l economia crea valore: ma senza lavorare, il valore non si crea. Questo, però, il pensionato non lo sa, o lo dimentica, anche se

18 18 L Italia può farcela ha svolto la propria attività lavorativa negli anni settanta e ottanta, quando l inflazione era arrivata a superare le due cifre ma, per motivi che poi vedremo, il potere d acquisto dei lavoratori aumentava, anziché diminuire. Certo, esistono anche pensionati che non hanno (più) figli, e pensionati i cui figli (ancora) lavorano. Ma ciò non toglie che la strategia difensiva «razionale» del singolo pensionato sia catastrofica a livello di sistema: di fatto, sostenendo il Partito deflazionista (Pd), i pensionati propugnano la disoccupazione, quindi la distruzione di valore, e perciò compromettono la sostenibilità delle loro stesse pensioni infatti, proprio mentre scrivo, le pensioni sono sotto attacco, naturalmente con l ottima scusa di correggere abusi e distorsioni (Barbera, 2014). Anche qui: accade nel macrocosmo quello che accade nel microcosmo. Li avete mai sentiti quelli che raccontano la storiella secondo cui la povera Germania avrebbe tanto paura dell inflazione perché l inflazione ha portato al nazismo? Be, trovarne in giro non è difficile: sono anche quelli che vi tormentano con la superiorità della morale protestante, senza tener conto che la regione più ricca della Germania è la cattolicissima Baviera. Bene: questa «economia del trauma infantile» è una assoluta e totale fesseria, un falso cialtronesco, come tutti gli storici sanno, come ho ricordato nel mio libro precedente e come poi confermato autorevolmente da Krugman (2013) e dall Economist (2013). Non che ci voglia una grande scienza: per documentarsi basta Wikipedia. L iperinflazione della Repubblica di Weimar terminò nel gennaio del In quell anno i nazisti ebbero 28 seggi al Reichstag, che poi divennero 24 nelle elezioni del Poi arrivò la crisi del 1929: pensate un po, una crisi che arrivava dagli Stati Uniti alla quale i governi europei risposero difendendo il cambio fisso (allora si chiamava gold standard, o sistema aureo, oggi si chiama euro) e praticando misure di austerità. Vi ricorda qualcosa? Così facendo, quel gran genio del cancelliere Brüning (il Monti dell epoca) riuscì a portare in due anni la disoccupazione tedesca dal 5% al 20%. Conseguenza: nel 1930 il Partito nazista conquistò 107 seggi al Reichstag (il 18%), diventando il secondo partito tedesco, e il resto lo sapete (finì nel 1945). Ma anche se non volete andare su Internet a controllare, è così difficile capire che quando Hitler saliva sul podio per ragliare le sue abominevoli oscenità, la gente stava lì a sentirlo per il semplice e ovvio motivo che non aveva altro da fare, essendo disoccupata? Se avessero avuto un lavoro, i tedeschi non avrebbero avuto né il tempo per

19 Introduzione 19 starlo a sentire, né risentimenti e frustrazioni da sfruttare politicamente, additando facili soluzioni. Quindi la storia del «trauma infantile» da iperinflazione della Germania è una grossolana menzogna. La verità è molto, molto più semplice: la Germania è il pensionato d Europa. È un paese che affronta una crisi demografica, 5 con una popolazione in rapido invecchiamento, 6 con un sistema pensionistico, come certifica la Commissione Europea (2012), meno sostenibile del nostro, e che ha accumulato un bel gruzzoletto di crediti verso i paesi dell Eurozona, anche per assicurare ai suoi cari vecchietti una confortevole terza età. Come per ogni creditore (e per ogni pensionato), l atteggiamento politico della Germania è quindi deflazionistico: il creditore è nemico dell inflazione, perché legittimamente teme l erosione del potere d acquisto delle somme che ha dato (nel caso del pensionato sarebbero i contributi versati) e che ora deve riavere indietro. Ma anche qui incombe lo spettro del fallimento del mercato: chiedendo rigore ai paesi del Sud e alla Bce, per evitare che l inflazione intacchi il suo gruzzoletto di crediti esteri, la Germania distrugge valore in tutta l Eurozona e strozza i suoi debitori, che sono anche gli acquirenti dei suoi beni. I risultati si vedono adesso, e sono quelli che purtroppo avevo previsto (Bagnai, 2011c): la Germania sta segando il ramo sul quale è seduta, e il problema è che sul ramo di sotto ci siamo noi. Se sono riuscito a portarvi fin qui, spero di avervi trasmesso l ovvio concetto per cui in economia esiste sempre un lecito contrasto di interessi, e quello meno ovvio per cui spesso l interesse reale del singolo non coincide con quello da lui percepito. Va peggio ancora quando, invece che di singoli, si parla di corpi sociali (partiti, sindacati, nazioni), poiché alla miopia individuale si somma la mancanza di coordinamento collettiva, e naturalmente va molto peggio per quelli che, essendo molto numerosi, hanno più difficoltà a coordinarsi: i lavoratori, i piccoli. Del resto, già Adam Smith riconosceva il vantaggio tattico dei grandi: «I padroni, essendo di meno, possono coordinarsi più facilmente». 7 Il mio primo e più urgente interesse è che l economia del mio paese non crolli del tutto, e che l Italia non venga posta sotto tutela da organismi internazionali privi di rappresentanza democratica. Alla democrazia non credo che rinuncerei in cambio di nulla. Ci sono nato e mi ci sono abituato, ma il punto qui non è né sentimentale, né politico; è semplicemente razionale:

20 20 L Italia può farcela dovunque questi organismi siano arrivati (ad esempio in Grecia) le loro ricette hanno fallito. Non è quindi nel mio, e forse nemmeno nel vostro interesse, invitarli a casa nostra, come pure qualcuno fa (su tutti, Scalfari, 2014). La consapevolezza dei miei interessi non l ho maturata perché io sia più intelligente dell imprenditore o del pensionato, quelli dei quali vi ho raccontato la storia negli esempi precedenti, quelli che, perseguendo i propri interessi percepiti, vanno contro i propri interessi reali distruggendo se stessi e gli altri. Anzi, do per scontato che loro siano molto più intelligenti e accorti di me: il loro egoismo dipende dal fatto che essi hanno ancora (per poco) qualcosa da perdere, il che dimostra, retrospettivamente, quanto siano stati oculati. Ma ora bisogna guardare avanti, al futuro. Io da perdere ho poco, e questo, almeno in teoria, mi dà un vantaggio: le riflessioni sul futuro che vi propongo sono necessariamente più serene. Questa consapevolezza più ampia dei miei interessi l ho acquisita per mero caso. Non volevo fare l economista da grande; nessun bambino, credo, nasce con questa misera ambizione (quando mio figlio vuole prendermi ferocemente in giro mi si avvicina e beffardo mi sussurra: «Babbo! Da grande voglio fare l economista come te!» e si fa una bella risata). Però è successo, e per caso ho passato vent anni a studiare le crisi finanziarie dei paesi del Terzo mondo, finché l Italia, come afferma De Grauwe (2011), non è diventata essa stessa un paese del Terzo mondo, cedendo la propria sovranità monetaria e così finendo in balia dei mercati finanziari e delle istituzioni sovranazionali. Questo infausto evento mi ha tartassato come cittadino (blocco della retribuzione, aumento delle imposte anche se, avendo ancora un lavoro, sto sicuramente meglio di tanti altri), ma mi ha decisamente avvantaggiato come economista. Come ho spiegato nel Tramonto dell euro, quello a cui stiamo assistendo in Europa è un film già visto. Tutte le crisi dei paesi emergenti sono cominciate con l aggancio valutario a un paese più forte: oggi lo certifica persino il Fondo monetario internazionale, in uno dei suoi ultimi studi (Gosh et al. 2014), ma gli economisti «eterodossi» lo vanno ripetendo da tempo (Frenkel e Rapetti, 2009). La crescita, in questi paesi, è tornata quando si sono sganciati dalla moneta forte di turno normalmente il dollaro (Weisbrot e Ray, 2011). Questo lo so io e lo sanno i miei colleghi. Il progetto dell euro è irrazionale e crollerà. Ma non è di questo che vorrei parlare: ne parlavo quando non ne parla-

21 Introduzione 21 va nessuno, oggi ne parlano tutti, i tempi sono maturi per pensare al dopo. Mi interessa, ora, capire in che modo l Italia e l Europa possano risollevarsi da quello che, come vedremo, è stato un evento distruttivo senza precedenti nella storia del nostro paese e del nostro continente. La condizione necessaria per rilanciare la nostra economia è chiaramente indicata dalla teoria economica: lo smantellamento dell euro. Ma è ovvio, come esplicitamente indicavo nel Tramonto dell euro, che questa è solo una condizione necessaria e che questa operazione non sarà una passeggiata: avrà dei costi che qualcuno dovrà sopportare. In questa fase, nella quale bisognerà prendere decisioni politiche, governate dai rapporti di forza, oltre che nella gestione del percorso futuro, è essenziale che i singoli individui e i corpi sociali abbiano una rappresentazione chiara dei propri interessi, riuscendo a inquadrare quanto è accaduto, e quanto potrebbe accadere, in un contesto sufficientemente ampio. In altre parole, è indispensabile aiutare il creditore a capire che, se si sofferma su quanto deve avere oggi, domani rischia di perdere tutto; aiutare il pensionato a capire che la disoccupazione è nemica anche sua, non solo di suo figlio; aiutare l imprenditore a capire che la flessibilità di cui tanto si parla oggi è nemica della crescita, e quindi dei suoi profitti futuri. E soprattutto convincere gli italiani che, nonostante le riverite prese di posizione dei loro media e dei loro politici, l Italia può farcela. Insomma: occorre che le tante forze sane del paese vengano a un compromesso, decidano di dividersi in modo concordato, esplicito ed equo i costi degli errori passati (il primo segno di questi errori, oggi, rimane il nostro debito pubblico, motore primo dell oppressione fiscale), e infine definiscano un patto sociale sostenibile, che non neghi il legittimo contrasto fra gli interessi, ma che anzi lo espliciti e ponga le basi per risolverlo nelle sedi democratiche. Prassi ben diversa, ne converrete, da quella attuale che, come ci ricordano i manuali universitari (Acocella, 2005), consiste nel risolvere i conflitti distributivi e sociali interni al nostro paese in base a ciò che «ci chiede l Europa», salvo poi riconoscere a posteriori quanto era evidente a priori, ossia che quanto ci veniva chiesto (ad esempio: l austerità) era un rimedio fallimentare o, per meglio dire, funzionale non agli interessi complessivi del nostro paese, ma a quelli particolari dei suoi creditori esteri. La filosofia politica che ci ha condotto sull orlo del baratro è questa: l idea fallimentare e fascista che gli italiani non siano in grado di governarsi da soli,

22 22 L Italia può farcela che abbiano bisogno di legarsi a popoli «virtuosi». Per creare consenso attorno a questa filosofia autoritaria e perdente i nostri media e i nostri politici non badano a spese, e lo snodo necessario è la mortificazione continua, sistematica, scientifica, dell identità e della dignità degli italiani. C è dunque un altra condizione necessaria perché l Italia possa riscattarsi: che gli italiani riacquistino la consapevolezza delle loro potenzialità e della loro dignità. Ma perché questo avvenga, perché gli italiani siano in grado di ricompattarsi e di risollevarsi, contribuendo in modo costruttivo anche ai futuri progressi dell integrazione europea, bisogna che partano da una percezione strutturata e precisa degli interessi in gioco, anziché dalla loro negazione. Solo così i vari attori sociali potranno capire se e quanto valga la pena di venire a un compromesso con le controparti, di definire questo compromesso, di dividere equamente i costi del passato e di tracciare insieme le linee di un progetto comune. Oggi questo progresso è ostacolato anche e soprattutto dai mezzi di informazione. Il conformismo o peggio dell informazione economica è un male che in Italia ha radici antiche. Lo denunciava già Federico Caffè nel lontano 1981 (una data simbolica per molti aspetti, come vedremo): «Uno degli indici più preoccupanti dell accrescersi, nel nostro paese, della situazione di regime è costituito dall aggravarsi del conformismo dell informazione: con particolare riguardo a quella economica» (Caffè, 2007). Quando nel 1985 sostenni l esame di politica economica con Caffè, era per me solo uno dei tanti insegnanti, più disposto degli altri ad ascoltare gli studenti, che aveva scritto un libro più interessante della media. Non potevo immaginare quanto mi sarebbero sembrate profetiche le sue parole trent anni dopo, non appena avessi provato a squarciare il velo di quel conformismo che lui con tanta lungimiranza additava come il vero cancro della nostra democrazia. Un conformismo che, va da sé, ha una ben precisa political economy (come direbbe un tecnico), che si spiega cioè non solo sociologicamente, ma anche razionalmente, in base a un evidente schema di incentivi. Ne è prova il fatto che in nove casi su dieci l informazione italiana è sbilanciata a favore di ricette politiche che comprimono gli interessi dei piccoli a tutto vantaggio dei grandi. Sarà forse perché, fra i maggiori poteri di coordinamento che già Adam Smith riconosceva ai grandi, c è anche quello di coordinare i messaggi diffusi dai media? Un esempio per tutti: indicare la Grecia o la Spagna come esempio, oggi, è un azione cen-

23 Introduzione 23 surabile non solo professionalmente (in quanto non tiene conto dei dati di fatto), ma anche e soprattutto eticamente. Contro questa forma di distorsione costante, schiacciante, è indispensabile lottare, per ricostituire almeno la possibilità di un dibattito democratico, nel quale gli interessi possano comporsi in modo civile e nonviolento. Perché questo, a me, pare sfugga un po a tutti: chi semina menzogna raccoglie violenza. Mentire, fornire rappresentazioni distorte della realtà (non importa per quale motivo lo si faccia), significa ostacolare il funzionamento di quell istituzione che per una sessantina d anni ci ha preservato dalla violenza. Non l euro, come dicono certi giullari del potere: la democrazia. Partiremo, in questo testo, proprio dal problema dell informazione. Nel prologo vedremo quali sono le cifre, impressionanti, della crisi, e le confronteremo con il resoconto che i media collusi e conformisti fanno della sua entità e dei possibili rimedi. Le famose «riforme», che pochi hanno il coraggio di chiamare col loro vero nome: taglio dei salari (ma qualcuno, come abbiamo già detto, comincia a uscire allo scoperto). Ma perché per salvare la nostra economia saremmo costretti a prendere una misura (il contenimento delle retribuzioni) che distrugge la nostra economia (provocando quel generale calo di capacità di spesa un economista direbbe: domanda aggregata del quale alla fine tutti soffrono: i commercianti, gli imprenditori, i professionisti e gli stessi conti pubblici, perché se non si guadagna non si pagano tasse)? Perché la costruzione europea è profondamente illogica, come vedremo nel secondo capitolo. Una illogicità «tecnica» che corrisponde non è nemmeno il caso di sottolinearlo: qui siamo tutti adulti a una precisa logica politica: quella di orientare la distribuzione del reddito a vantaggio di alcuni e a danno di altri, col risultato finale di danneggiare tutti. È un problema solo europeo? No, non proprio. Come vedremo nel terzo capitolo, da trent anni a questa parte nei paesi «avanzati» precise scelte di politica economica hanno distorto nettamente la distribuzione del reddito, comprimendo i salari e trasformando il capitalismo da un sistema nel quale il dipendente è un cliente (un economista parlerebbe di economia wage-led, guidata dai salari) a un sistema nel quale il dipendente è un debitore (un economia debt-led). I motivi sono tanti. A questa perdita di freni inibitori del capitalismo ha senz altro contribuito il crollo di quel va-

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI Vicenç Navarro 13/01/2014 Se

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE?

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? Ogni genitore desidera essere un buon educatore dei propri figli, realizzare il loro bene, ma non è sempre in armonia con le dinamiche affettive, i bisogni,

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

La dura realtà del guadagno online.

La dura realtà del guadagno online. La dura realtà del guadagno online. www.come-fare-soldi-online.info guadagnare con Internet Introduzione base sul guadagno Online 1 Distribuito da: da: Alessandro Cuoghi come-fare-soldi-online.info.info

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorale. Tutti

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Il Quadro attuale Anche prima della crisi le economie europee avevano bassi tassi di crescita

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 31 Aiuto, Controllo e Conoscenza Una delle cose di cui necessita sempre

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Gestione del conflitto o della negoziazione

Gestione del conflitto o della negoziazione 1. Gestione del conflitto o della negoziazione Per ognuna delle 30 coppie di alternative scegli quella che è più vera per te. A volte lascio che siano gli altri a prendersi la responsabilità di risolvere

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 833 LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 20 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

L oro : Grafico 1: oro in $ dal 2007

L oro : Grafico 1: oro in $ dal 2007 Commentto merrccatti i Cffi i Advissorrss dell 2 lugll lio 2011,, a ccurra dii Ida I I. Pagnottttel lla IN I QUESTO NUMERO:: LL ORO :: NON SI COMPRA SE SI CREDE CHE TUTTO ANDRA BENE ALLA FINE! MOLTI INVESTITORI

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

"Dietro ogni impresa di successo c è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa.

Dietro ogni impresa di successo c è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa. "Dietro ogni impresa di successo c è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa. [Peter Druker] "Non contare le persone che raggiungi, ma raggiungi le persone che contano. [David Ogilvy] ALESSANDRO

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

PAGAMI ADESSO! COME RECUPERARE I TUOI CREDITI IN MODO FACILE E SENZA CONFLITTI. In questo manuale viene trattato l argomento del recupero crediti.

PAGAMI ADESSO! COME RECUPERARE I TUOI CREDITI IN MODO FACILE E SENZA CONFLITTI. In questo manuale viene trattato l argomento del recupero crediti. PAGAMI ADESSO! COME RECUPERARE I TUOI CREDITI IN MODO FACILE E SENZA CONFLITTI In questo manuale viene trattato l argomento del recupero crediti. In modo rapido ma efficace saranno esaminati gli aspetti

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Viaggiare, fotografare, guadagnare

Viaggiare, fotografare, guadagnare Paolo Gallo Viaggiare, fotografare, guadagnare Crea il tuo secondo stipendio con il Microstock Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli