Alberto Bagnai. L Italia può farcela. Equità, flessibilità, democrazia Strategie per vivere nella globalizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alberto Bagnai. L Italia può farcela. Equità, flessibilità, democrazia Strategie per vivere nella globalizzazione"

Transcript

1 La Cultura 888

2

3 Alberto Bagnai L Italia può farcela Equità, flessibilità, democrazia Strategie per vivere nella globalizzazione

4 Sito & estore Twitter twitter.com/ilsaggiatoreed Facebook il Saggiatore S.r.l., Milano 2014

5 L Italia può farcela A Rockapasso, er Palla e Uga, in ordine di apparizione

6

7 It s the only period of my life in which I attempted to keep a diary. No, not the only one. Years later, in conditions of moral isolation, I did put down on paper the thoughts and events of a score of days. But this was the first time. I don t remember how it came about or how the pocket-book and the pencil came into my hands. It s inconceivable that I should have looked for them on purpose. I suppose they saved me from the crazy trick of talking to myself. Strangely enough, in both cases I took to that sort of thing in circumstances in which I did not expect, in colloquial phrase, «to come out of it». Neither could I expect the record to outlast me. This shows that it was purely a personal need for intimate relief and not a call of egotism. Joseph Conrad, The Shadow Line

8

9 Sommario Introduzione Prologo: l Italia non può farcela 31 In taxi: «Se sò magnati tutto!» 31 La débâcle 35 Recessione tecnica 35; Un po di storia: le dimensioni della crisi 38; e la persistenza della crisi 44; Il bilancino del farmacista 45; Il punto di svolta 48 La situazione è grave ma non è seria 53 Silenzio: parla la Bce! 54; Ridurre i costi della politica 62; Combattere la corruzione 67; Lottare contro l evasione fiscale 73; Attirare i capitali esteri 84; Abbreviare i tempi della giustizia 97; Flessibilizzare il mercato del lavoro 100 «Ágrapta nómima»: le leggi autorazziali Manuale di illogica europea 115 Nel salotto buono: «L euro ha portato la pace» 115 Europa ed «Europa», riforme e «riforme» 118 Il vincolismo 123 Tecnocrazia contro politica: ce lo chiede l Europa! 123; Moneta e inflazione in teoria 131; Moneta e inflazione in pratica 132; L Italietta della liretta 139; L Italietta della svalutazione competitiva 147

10 Economicismo e federalismo 155 La sconfitta dell economicismo 157; La sconfitta del federalismo 159 I paradossi di Maastricht 162 Mercato sì o mercato no? 163; «Più Europa» sì o «più Europa» no? 164; Disciplina finanziaria o integrazione finanziaria? 168; Convergenza o divergenza? 172; Mille bolle blustellate 177; Moneta unica o mercato unico? Il teorema del grande pennello 178 Sintesi Vivere al di sopra dei propri mezzi 187 Dietro le quinte: «In Italia il sommerso è a 280 miliardi» 187 Ecce hoc novum est! 188 La favoletta del capitalismo 193 La prassi del capitalismo: l esempio degli Stati Uniti 198 Qualche dato 199; Teoria e pratica delle riforme 202; Squilibrio distributivo e crisi finanziaria 205 L Eurozona: non è buon allievo chi non supera il maestro 213 Qualche dato 213; E l euro che c entra? 230 La spesa pubblica improduttiva 232 Dal ferramenta 232; Perché? 234 Il debito pubblico: analisi marxiana e analisi marziana 244 Sintesi Appellisti contro austeriani: ovvero come la scienza economica perse la sua dignità 263 La logica degli austeriani 274 La logica degli appellisti La condizione necessaria ma non sufficiente 283 Ortodossi, eterodossi e omodossi: la «trahison des clercs» e il fascismo dell opinione 283 L Europa e la Storia 290 In economia la flessibilità conta 290; La flessibilità cattiva 295; Fermare il vento con le mani 299

11 Liquidità e mercantilismo 301 Bretton Woods e il debito degli altri 301; Un altro sistema monetario è possibile? 307; «Dalla Merkel ci vai tu?» 311; La flessibilità del cambio come «second best» 315 Cambi e politiche sociali 318 Sintesi: anche i ricchi piangono Facciamo i compiti a casa 331 Back to basics 331 Le vere riforme strutturali 341 Uniamo i puntini 341; Il pentimento degli austeriani 352; Le riforme strutturali 361; Risvegli 371 Scenari 373 Due piccioni con due fave 375; Soluzioni a confronto 382; Svalutazione del 20% 390; Usciamo, è tanto tempo che non lo facciamo 396; Un milione di posti di lavoro! 398 I palliativi 402 Meno austerità (oggi, e domani si vedrà) 402; La svalutazione fa male, anzi no 404; Il lavoro nel xxi secolo, ovvero: il Titanic, l iceberg e la grattachecca 406 External compact 415 Nel tinello buono: «Siamo troppo medi!» 415; La geopolitica del terzo escluso 416; In economia le dimensioni (non) contano 421; Dal Fiscal compact all External compact 426 Epilogo: l Italia può farcela 437 Ringraziamenti 463 Note 465 Bibliografia 475

12

13 Introduzione L oscurità totale si verifica quando tutti chiudono gli occhi. Rastko Zakić Io sono in conflitto di interessi. Lo Stato mi paga lo stipendio, e quindi chi lo attacca, mi capirete, non può starmi troppo simpatico. Eppure con certe farraginosità burocratiche, con certe inefficienze, mi ci scontro due volte: da cittadino e da dipendente pubblico. Ma quando mia figlia è nata dopo otto mesi di gestazione (poco più di un chilo), non mi è passato per la testa di portare sua madre in una clinica privata, e so che se malauguratamente dovessi avere un incidente, sarei portato in un pronto soccorso pubblico, perché quelli privati, per qualche strano motivo, non ci sono. Mio figlio va in una scuola pubblica, perché nella città nella quale vivo c è una ricca serie di esempi di scuole private che sono state più refugia peccatorum che turres eburneae (magari saranno cambiate, anche perché nel frattempo lo Stato le ha finanziate lautamente, ma nel dubbio ). Non posso appassionarmi al dibattito sulla maggiore o minore felicità di pagare le tasse, perché da lavoratore dipendente, ahimè, non posso fare a meno di pagarle; ma evito di guardare la busta paga, così ignoro la differenza fra lordo e netto, e cerco di farmi bastare quest ultimo. Occhio non vede, cuore non duole. Io sono in conflitto di interessi, ma sono anche uomo di scienza vivo di ricerca e insegnamento e, come ogni uomo di scienza, affronto il mio conflitto di interessi nell unico modo intellettualmente onesto: dichiarandolo. L ho appena fatto. Non scelgo cioè la strada disonesta di certi esperti da talk show: quella di negare il mio conflitto di interessi arroccandomi dietro una improbabile terzietà. È stato il mio conflitto di interessi, del resto, che mi ha spinto a entra-

14 14 L Italia può farcela re nel dibattito sul futuro dell Italia in Europa, aprendo il mio blog il 16 novembre 2011, nello stesso giorno in cui Monti prestava giuramento, per preannunciare il fallimento del suo governo, e pubblicando poi, nel 2012, Il tramonto dell euro, che certificava quel conclamato fallimento e ne spiegava le ragioni ideologiche e il legame con la moneta unica (poi ammesso, come vedremo, dallo stesso Monti, in termini sufficientemente tecnici da sfuggire ai più). Per chi, come me, proveniva da un paio di decenni di studio delle crisi finanziarie nei paesi emergenti, era facile capire che nel racconto dei media qualcosa non tornava: perché ci veniva presentato come crisi di debito «sovrano» (che poi sarebbe pubblico) lo sconquasso di paesi nei quali questo debito era abbondantemente sotto il livello di guardia (come l Irlanda e la Spagna), o stava comunque scendendo (come l Italia)? Era evidente che stavamo assistendo a una classica crisi di bilancia dei pagamenti, come scrissi nel luglio 2011 su lavoce.info. L austerità non serviva a rimettere in sesto le nostre finanze pubbliche ma, in Grecia come in Italia, a spremere risorse per ripagare i creditori esteri, a costo di soffocare il paese. In quanto dipendente pubblico, sapevo bene dove ci avrebbe portato tutto questo: a considerare lo Stato un nemico da abbattere, e i servizi che eroga (da quelli essenziali nell immediato, come le ambulanze, a quelli essenziali nel lungo periodo, come l insegnamento universitario) delle inutili fonti di spreco. Il mio reddito e le prospettive dei miei figli erano in pericolo, e il mio conflitto di interessi, unito alla consapevolezza, che molti hanno raggiunto solo dopo, di non avere più nulla da perdere, mi hanno spinto a espormi. Tutto quello che è successo nei due anni successivi ha confermato quanto dicevo nel Tramonto dell euro, al punto che l analisi svolta in quel testo è stata fatta propria dalla Bce (come vedremo). E questo non deve stupire, perché è un analisi tutt altro che originale. Basterebbe aprire un qualsiasi libro di macroeconomia per capire come stanno le cose, e se questo libro non lo si apre o se, una volta aperto, non si racconta ai propri concittadini quello che c è scritto, è semplicemente perché si è sull altro fronte del medesimo conflitto di interessi. Il fatto è che tutti noi siamo in conflitto di interessi, e negarlo è non solo disonesto, ma, in una situazione di crisi, suicida. È una frase che può suonare strana. «Ma come!» potrebbe chiedersi qualcuno «non è proprio nel momento delle gravi difficoltà che i dissidi, i conflitti interni, vanno abban-

15 Introduzione 15 donati, e che ci si deve impegnare per superare le comuni ambasce tendendo uniti verso un obiettivo comune?» No. Questo per il semplice motivo che, come ogni testo di politica economica chiarisce fin dalle prime pagine, in economia, negando il legittimo contrasto fra diversi interessi, è difficile definire obiettivi comuni. Volete un esempio? La crisi ha portato a un aumento della disuguaglianza ovunque nell Eurozona, più folgorante, guarda caso, proprio nel paese che si propone come modello e ci viene indicato come tale dai nostri politici: la Germania (Ocse, 2011). Questo che cosa significa? Una cosa molto semplice, ma non banale: la crisi ha danneggiato molti, ma ha anche avvantaggiato pochi, quindi risolverla non è nell interesse immediatamente percepito di tutti. Avvantaggiati e svantaggiati, che esistono anche in Italia, possono avere un interesse comune? Molto dipende dall ottica usata: il macro del breve periodo o il teleobiettivo del medio periodo. Forse una mediazione fra i diversi legittimi interessi si può trovare; certamente è indispensabile cercarla, ma indiscutibilmente non lo si può fare se, prima, non si mettono bene in chiaro quali siano questi interessi e in che modo la crisi e le sue possibili soluzioni li influenzino. Gli interessi del creditore non sono quelli del debitore, gli interessi dell anziano non sono quelli del giovane, gli interessi dell occupato non sono quelli del disoccupato, gli interessi dell imprenditore non sono quelli del dipendente. Ma, al di là delle percezioni soggettive, rimane il fatto che razionalmente nel medio periodo la distruzione totale dell economia di questo paese non è nell interesse di nessuno. Eppure, è un eventualità che certi comportamenti egoistici, o semplicemente disinformati, stanno rendendo ogni giorno più concreta ed evidente. Qualche esempio per capire di cosa stiamo parlando. L imprenditore vuole pagare di meno l operaio: ha sempre voluto farlo, la vita è così. Ce lo ricorda niente meno che il padre della scienza economica, Adam Smith, nell ottavo capitolo del libro i della Ricchezza delle nazioni: «I lavoratori desiderano ricevere il più possibile, i padroni dare il meno possibile». 1 Oddio, non che l imprenditoria italiana si sia sempre graniticamente schierata in questo senso. Basti pensare che dopo la guerra, come ricorda Mario Nuti (2010), volle l indicizzazione dei salari, e non per bontà d animo, ma perché in quelle circostanze era razionale adottarla anche dal

16 16 L Italia può farcela suo punto di vista (e vedremo poi meglio perché); oppure ricordare la figura di Adriano Olivetti. Ma da qualche tempo l atteggiamento è del tutto cambiato, e oggi, ai nostri imprenditori, di tagliare i salari pensate un po glielo chiede addirittura l Europa, come ci ricorda Tabellini (2014), con una certa ingenuità o sfrontatezza politica, anche se in modo tecnicamente impeccabile. 2 Ottimo! Per il singolo imprenditore pagare di meno l operaio è indubbiamente un successo: diminuiscono i costi, quindi aumentano i profitti. Ma se lo fanno tutti, i profitti calano, perché gli operai sono anche consumatori, e se hanno meno soldi comprano di meno. A quel punto, per recuperare profitti, devi tagliare ancora. Il limite è il suicidio dell economia. Il comportamento razionale dal punto di vista dei singoli imprenditori distrugge quindi la domanda aggregata di beni, e così l intera economia. Le situazioni nelle quali comportamenti razionali per l individuo sono disastrosi per la collettività si chiamano «fallimenti del mercato», e molto spesso nascono da una visione miope, di breve periodo. Anche questo lo si sapeva fin dall inizio. Lo dice Smith: «Nel lungo periodo il lavoratore può essere necessario al padrone tanto quanto il padrone è necessario a lui, ma questa necessità non è così immediata». 3 Il mercato può fallire, e quando si attacca lo Stato («meno Stato, più mercato») bisogna conoscere i limiti dell alternativa. Sarebbe anche gradita, da parte dei cosiddetti liberisti, una lettura almeno superficiale di Adam Smith. Ma non allarghiamo troppo il discorso. Quello che succede nel microcosmo succede anche nel macrocosmo. In Italia i media, corrotti o conformisti, continuano a ripetere ad infinitum balle autorazziste sulla superiorità etnica dei tedeschi, sui loro investimenti, sulla loro politica industriale. In realtà all estero è ormai assodato non solo a livello scientifico, ma anche a livello giornalistico, che la Germania è diventata in meno di un decennio il paese egemone dell Eurozona, da «malato d Europa» che era, semplicemente per aver attuato una politica di compressione salariale, favorita da due cose: 1. le riforme Hartz del mercato del lavoro, a base di precarizzazione e «minijobs»; 2. l allargamento a Est dell Unione Europea, quello del 2004, fatto in fretta e furia, senza che molti di noi ne vedessero l esigenza, semplicemente per procurare un bel serbatoio di manodopera a buon mercato al paese

17 Introduzione 17 «più uguale degli altri»: la Germania, appunto. 4 (Sai, se l imprenditore ti dice: «O ti tagli il salario, o vado in Polonia!», è certo che a te di scelta ne rimane poca: vi ricorderò degli esempi concreti.) Brava la Germania, proprio come l imprenditore dell esempio precedente! Abbassando del 6% in quattro anni il livello dei salari, ha reso i suoi beni più convenienti, ma ha anche costretto tutti gli altri paesi dell Eurozona, che sono suoi clienti, a fare altrettanto per reggere la sua concorrenza. Risultato: il crollo della domanda in tutta l Eurozona, che sta portando l intero sistema al collasso. La logica delle élite tedesche è stata quella del singolo imprenditore dell esempio: se va bene per me, va bene per tutti. Invece no: se lo fanno anche gli altri, poi stanno peggio tutti (e ora la Germania assiste al crollo di tutti i propri indicatori congiunturali). Altro esempio: il pensionato vuole difendere la propria pensione, e quindi il suo incubo è l inflazione. Pensate! Con un inflazione al 5%, per dire, dopo tre anni una pensione da 1000 euro in realtà ha un potere d acquisto di circa 860 euro. In effetti fa impressione. Ma se oggi, di quei 1000 euro, ti tocca darne 300 a tuo figlio, al quale lo stipendio è stato tagliato (vedi poche righe sopra), o che ha perso il lavoro a 45 anni e non trova più nessuno che se lo prenda, be, allora, caro pensionato, già oggi la tua pensione di euro non ne vale più 1000, ma 700. Per farti subire una perdita di potere d acquisto comparabile a quella provocata dalla necessità di sostentare tuo figlio oggi, un inflazione al 5% impiegherebbe 7 anni. Nel frattempo, si assiste al paradosso di un giovane che non lavora, e quindi di capacità e competenze che deperiscono, e di un vecchio che sostenta il giovane, quando in fondo Madre Natura vorrebbe che fosse il contrario. Quando nel 2012 ho scritto Il tramonto dell euro, che l inflazione non fosse un male assoluto non si poteva ancora dire, nonostante fossimo al quarto anno di crisi. Oggi tutti i giornali chiariscono che se i prezzi scendono o semplicemente non salgono abbastanza gli acquisti vengono rinviati (in attesa di ulteriori ribassi, o di un adeguamento dei propri redditi), e l economia si blocca (Corriere della Sera, 2014). Chi non vuole una moderata inflazione vuole la disoccupazione, e chi vuole la disoccupazione, alla fine, non vuole la pensione, perché qualsiasi sistema previdenziale, sia a ripartizione che contributivo, si sostiene se l economia crea valore: ma senza lavorare, il valore non si crea. Questo, però, il pensionato non lo sa, o lo dimentica, anche se

18 18 L Italia può farcela ha svolto la propria attività lavorativa negli anni settanta e ottanta, quando l inflazione era arrivata a superare le due cifre ma, per motivi che poi vedremo, il potere d acquisto dei lavoratori aumentava, anziché diminuire. Certo, esistono anche pensionati che non hanno (più) figli, e pensionati i cui figli (ancora) lavorano. Ma ciò non toglie che la strategia difensiva «razionale» del singolo pensionato sia catastrofica a livello di sistema: di fatto, sostenendo il Partito deflazionista (Pd), i pensionati propugnano la disoccupazione, quindi la distruzione di valore, e perciò compromettono la sostenibilità delle loro stesse pensioni infatti, proprio mentre scrivo, le pensioni sono sotto attacco, naturalmente con l ottima scusa di correggere abusi e distorsioni (Barbera, 2014). Anche qui: accade nel macrocosmo quello che accade nel microcosmo. Li avete mai sentiti quelli che raccontano la storiella secondo cui la povera Germania avrebbe tanto paura dell inflazione perché l inflazione ha portato al nazismo? Be, trovarne in giro non è difficile: sono anche quelli che vi tormentano con la superiorità della morale protestante, senza tener conto che la regione più ricca della Germania è la cattolicissima Baviera. Bene: questa «economia del trauma infantile» è una assoluta e totale fesseria, un falso cialtronesco, come tutti gli storici sanno, come ho ricordato nel mio libro precedente e come poi confermato autorevolmente da Krugman (2013) e dall Economist (2013). Non che ci voglia una grande scienza: per documentarsi basta Wikipedia. L iperinflazione della Repubblica di Weimar terminò nel gennaio del In quell anno i nazisti ebbero 28 seggi al Reichstag, che poi divennero 24 nelle elezioni del Poi arrivò la crisi del 1929: pensate un po, una crisi che arrivava dagli Stati Uniti alla quale i governi europei risposero difendendo il cambio fisso (allora si chiamava gold standard, o sistema aureo, oggi si chiama euro) e praticando misure di austerità. Vi ricorda qualcosa? Così facendo, quel gran genio del cancelliere Brüning (il Monti dell epoca) riuscì a portare in due anni la disoccupazione tedesca dal 5% al 20%. Conseguenza: nel 1930 il Partito nazista conquistò 107 seggi al Reichstag (il 18%), diventando il secondo partito tedesco, e il resto lo sapete (finì nel 1945). Ma anche se non volete andare su Internet a controllare, è così difficile capire che quando Hitler saliva sul podio per ragliare le sue abominevoli oscenità, la gente stava lì a sentirlo per il semplice e ovvio motivo che non aveva altro da fare, essendo disoccupata? Se avessero avuto un lavoro, i tedeschi non avrebbero avuto né il tempo per

19 Introduzione 19 starlo a sentire, né risentimenti e frustrazioni da sfruttare politicamente, additando facili soluzioni. Quindi la storia del «trauma infantile» da iperinflazione della Germania è una grossolana menzogna. La verità è molto, molto più semplice: la Germania è il pensionato d Europa. È un paese che affronta una crisi demografica, 5 con una popolazione in rapido invecchiamento, 6 con un sistema pensionistico, come certifica la Commissione Europea (2012), meno sostenibile del nostro, e che ha accumulato un bel gruzzoletto di crediti verso i paesi dell Eurozona, anche per assicurare ai suoi cari vecchietti una confortevole terza età. Come per ogni creditore (e per ogni pensionato), l atteggiamento politico della Germania è quindi deflazionistico: il creditore è nemico dell inflazione, perché legittimamente teme l erosione del potere d acquisto delle somme che ha dato (nel caso del pensionato sarebbero i contributi versati) e che ora deve riavere indietro. Ma anche qui incombe lo spettro del fallimento del mercato: chiedendo rigore ai paesi del Sud e alla Bce, per evitare che l inflazione intacchi il suo gruzzoletto di crediti esteri, la Germania distrugge valore in tutta l Eurozona e strozza i suoi debitori, che sono anche gli acquirenti dei suoi beni. I risultati si vedono adesso, e sono quelli che purtroppo avevo previsto (Bagnai, 2011c): la Germania sta segando il ramo sul quale è seduta, e il problema è che sul ramo di sotto ci siamo noi. Se sono riuscito a portarvi fin qui, spero di avervi trasmesso l ovvio concetto per cui in economia esiste sempre un lecito contrasto di interessi, e quello meno ovvio per cui spesso l interesse reale del singolo non coincide con quello da lui percepito. Va peggio ancora quando, invece che di singoli, si parla di corpi sociali (partiti, sindacati, nazioni), poiché alla miopia individuale si somma la mancanza di coordinamento collettiva, e naturalmente va molto peggio per quelli che, essendo molto numerosi, hanno più difficoltà a coordinarsi: i lavoratori, i piccoli. Del resto, già Adam Smith riconosceva il vantaggio tattico dei grandi: «I padroni, essendo di meno, possono coordinarsi più facilmente». 7 Il mio primo e più urgente interesse è che l economia del mio paese non crolli del tutto, e che l Italia non venga posta sotto tutela da organismi internazionali privi di rappresentanza democratica. Alla democrazia non credo che rinuncerei in cambio di nulla. Ci sono nato e mi ci sono abituato, ma il punto qui non è né sentimentale, né politico; è semplicemente razionale:

20 20 L Italia può farcela dovunque questi organismi siano arrivati (ad esempio in Grecia) le loro ricette hanno fallito. Non è quindi nel mio, e forse nemmeno nel vostro interesse, invitarli a casa nostra, come pure qualcuno fa (su tutti, Scalfari, 2014). La consapevolezza dei miei interessi non l ho maturata perché io sia più intelligente dell imprenditore o del pensionato, quelli dei quali vi ho raccontato la storia negli esempi precedenti, quelli che, perseguendo i propri interessi percepiti, vanno contro i propri interessi reali distruggendo se stessi e gli altri. Anzi, do per scontato che loro siano molto più intelligenti e accorti di me: il loro egoismo dipende dal fatto che essi hanno ancora (per poco) qualcosa da perdere, il che dimostra, retrospettivamente, quanto siano stati oculati. Ma ora bisogna guardare avanti, al futuro. Io da perdere ho poco, e questo, almeno in teoria, mi dà un vantaggio: le riflessioni sul futuro che vi propongo sono necessariamente più serene. Questa consapevolezza più ampia dei miei interessi l ho acquisita per mero caso. Non volevo fare l economista da grande; nessun bambino, credo, nasce con questa misera ambizione (quando mio figlio vuole prendermi ferocemente in giro mi si avvicina e beffardo mi sussurra: «Babbo! Da grande voglio fare l economista come te!» e si fa una bella risata). Però è successo, e per caso ho passato vent anni a studiare le crisi finanziarie dei paesi del Terzo mondo, finché l Italia, come afferma De Grauwe (2011), non è diventata essa stessa un paese del Terzo mondo, cedendo la propria sovranità monetaria e così finendo in balia dei mercati finanziari e delle istituzioni sovranazionali. Questo infausto evento mi ha tartassato come cittadino (blocco della retribuzione, aumento delle imposte anche se, avendo ancora un lavoro, sto sicuramente meglio di tanti altri), ma mi ha decisamente avvantaggiato come economista. Come ho spiegato nel Tramonto dell euro, quello a cui stiamo assistendo in Europa è un film già visto. Tutte le crisi dei paesi emergenti sono cominciate con l aggancio valutario a un paese più forte: oggi lo certifica persino il Fondo monetario internazionale, in uno dei suoi ultimi studi (Gosh et al. 2014), ma gli economisti «eterodossi» lo vanno ripetendo da tempo (Frenkel e Rapetti, 2009). La crescita, in questi paesi, è tornata quando si sono sganciati dalla moneta forte di turno normalmente il dollaro (Weisbrot e Ray, 2011). Questo lo so io e lo sanno i miei colleghi. Il progetto dell euro è irrazionale e crollerà. Ma non è di questo che vorrei parlare: ne parlavo quando non ne parla-

21 Introduzione 21 va nessuno, oggi ne parlano tutti, i tempi sono maturi per pensare al dopo. Mi interessa, ora, capire in che modo l Italia e l Europa possano risollevarsi da quello che, come vedremo, è stato un evento distruttivo senza precedenti nella storia del nostro paese e del nostro continente. La condizione necessaria per rilanciare la nostra economia è chiaramente indicata dalla teoria economica: lo smantellamento dell euro. Ma è ovvio, come esplicitamente indicavo nel Tramonto dell euro, che questa è solo una condizione necessaria e che questa operazione non sarà una passeggiata: avrà dei costi che qualcuno dovrà sopportare. In questa fase, nella quale bisognerà prendere decisioni politiche, governate dai rapporti di forza, oltre che nella gestione del percorso futuro, è essenziale che i singoli individui e i corpi sociali abbiano una rappresentazione chiara dei propri interessi, riuscendo a inquadrare quanto è accaduto, e quanto potrebbe accadere, in un contesto sufficientemente ampio. In altre parole, è indispensabile aiutare il creditore a capire che, se si sofferma su quanto deve avere oggi, domani rischia di perdere tutto; aiutare il pensionato a capire che la disoccupazione è nemica anche sua, non solo di suo figlio; aiutare l imprenditore a capire che la flessibilità di cui tanto si parla oggi è nemica della crescita, e quindi dei suoi profitti futuri. E soprattutto convincere gli italiani che, nonostante le riverite prese di posizione dei loro media e dei loro politici, l Italia può farcela. Insomma: occorre che le tante forze sane del paese vengano a un compromesso, decidano di dividersi in modo concordato, esplicito ed equo i costi degli errori passati (il primo segno di questi errori, oggi, rimane il nostro debito pubblico, motore primo dell oppressione fiscale), e infine definiscano un patto sociale sostenibile, che non neghi il legittimo contrasto fra gli interessi, ma che anzi lo espliciti e ponga le basi per risolverlo nelle sedi democratiche. Prassi ben diversa, ne converrete, da quella attuale che, come ci ricordano i manuali universitari (Acocella, 2005), consiste nel risolvere i conflitti distributivi e sociali interni al nostro paese in base a ciò che «ci chiede l Europa», salvo poi riconoscere a posteriori quanto era evidente a priori, ossia che quanto ci veniva chiesto (ad esempio: l austerità) era un rimedio fallimentare o, per meglio dire, funzionale non agli interessi complessivi del nostro paese, ma a quelli particolari dei suoi creditori esteri. La filosofia politica che ci ha condotto sull orlo del baratro è questa: l idea fallimentare e fascista che gli italiani non siano in grado di governarsi da soli,

22 22 L Italia può farcela che abbiano bisogno di legarsi a popoli «virtuosi». Per creare consenso attorno a questa filosofia autoritaria e perdente i nostri media e i nostri politici non badano a spese, e lo snodo necessario è la mortificazione continua, sistematica, scientifica, dell identità e della dignità degli italiani. C è dunque un altra condizione necessaria perché l Italia possa riscattarsi: che gli italiani riacquistino la consapevolezza delle loro potenzialità e della loro dignità. Ma perché questo avvenga, perché gli italiani siano in grado di ricompattarsi e di risollevarsi, contribuendo in modo costruttivo anche ai futuri progressi dell integrazione europea, bisogna che partano da una percezione strutturata e precisa degli interessi in gioco, anziché dalla loro negazione. Solo così i vari attori sociali potranno capire se e quanto valga la pena di venire a un compromesso con le controparti, di definire questo compromesso, di dividere equamente i costi del passato e di tracciare insieme le linee di un progetto comune. Oggi questo progresso è ostacolato anche e soprattutto dai mezzi di informazione. Il conformismo o peggio dell informazione economica è un male che in Italia ha radici antiche. Lo denunciava già Federico Caffè nel lontano 1981 (una data simbolica per molti aspetti, come vedremo): «Uno degli indici più preoccupanti dell accrescersi, nel nostro paese, della situazione di regime è costituito dall aggravarsi del conformismo dell informazione: con particolare riguardo a quella economica» (Caffè, 2007). Quando nel 1985 sostenni l esame di politica economica con Caffè, era per me solo uno dei tanti insegnanti, più disposto degli altri ad ascoltare gli studenti, che aveva scritto un libro più interessante della media. Non potevo immaginare quanto mi sarebbero sembrate profetiche le sue parole trent anni dopo, non appena avessi provato a squarciare il velo di quel conformismo che lui con tanta lungimiranza additava come il vero cancro della nostra democrazia. Un conformismo che, va da sé, ha una ben precisa political economy (come direbbe un tecnico), che si spiega cioè non solo sociologicamente, ma anche razionalmente, in base a un evidente schema di incentivi. Ne è prova il fatto che in nove casi su dieci l informazione italiana è sbilanciata a favore di ricette politiche che comprimono gli interessi dei piccoli a tutto vantaggio dei grandi. Sarà forse perché, fra i maggiori poteri di coordinamento che già Adam Smith riconosceva ai grandi, c è anche quello di coordinare i messaggi diffusi dai media? Un esempio per tutti: indicare la Grecia o la Spagna come esempio, oggi, è un azione cen-

23 Introduzione 23 surabile non solo professionalmente (in quanto non tiene conto dei dati di fatto), ma anche e soprattutto eticamente. Contro questa forma di distorsione costante, schiacciante, è indispensabile lottare, per ricostituire almeno la possibilità di un dibattito democratico, nel quale gli interessi possano comporsi in modo civile e nonviolento. Perché questo, a me, pare sfugga un po a tutti: chi semina menzogna raccoglie violenza. Mentire, fornire rappresentazioni distorte della realtà (non importa per quale motivo lo si faccia), significa ostacolare il funzionamento di quell istituzione che per una sessantina d anni ci ha preservato dalla violenza. Non l euro, come dicono certi giullari del potere: la democrazia. Partiremo, in questo testo, proprio dal problema dell informazione. Nel prologo vedremo quali sono le cifre, impressionanti, della crisi, e le confronteremo con il resoconto che i media collusi e conformisti fanno della sua entità e dei possibili rimedi. Le famose «riforme», che pochi hanno il coraggio di chiamare col loro vero nome: taglio dei salari (ma qualcuno, come abbiamo già detto, comincia a uscire allo scoperto). Ma perché per salvare la nostra economia saremmo costretti a prendere una misura (il contenimento delle retribuzioni) che distrugge la nostra economia (provocando quel generale calo di capacità di spesa un economista direbbe: domanda aggregata del quale alla fine tutti soffrono: i commercianti, gli imprenditori, i professionisti e gli stessi conti pubblici, perché se non si guadagna non si pagano tasse)? Perché la costruzione europea è profondamente illogica, come vedremo nel secondo capitolo. Una illogicità «tecnica» che corrisponde non è nemmeno il caso di sottolinearlo: qui siamo tutti adulti a una precisa logica politica: quella di orientare la distribuzione del reddito a vantaggio di alcuni e a danno di altri, col risultato finale di danneggiare tutti. È un problema solo europeo? No, non proprio. Come vedremo nel terzo capitolo, da trent anni a questa parte nei paesi «avanzati» precise scelte di politica economica hanno distorto nettamente la distribuzione del reddito, comprimendo i salari e trasformando il capitalismo da un sistema nel quale il dipendente è un cliente (un economista parlerebbe di economia wage-led, guidata dai salari) a un sistema nel quale il dipendente è un debitore (un economia debt-led). I motivi sono tanti. A questa perdita di freni inibitori del capitalismo ha senz altro contribuito il crollo di quel va-

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 833 LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 20 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) QUELLO CHE NON SI DICE SULLE CAUSE DELL ATTUALE GRANDE RECESSIONE Vicenç

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014)

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) Non ho bisogno spiegare quanto sia drammatica la situazione economica in Europa, e in Italia in particolare.

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

e s a i b d za n e id v re P

e s a i b d za n e id v re P Previdenza di base INTRODUZIONE ALLA PREVIDENZA DI BASE Spesso si usa il termine previdenziale per indicare il sistema pensionistico, tuttavia previdenza ha un significato, più ampio poiché ricomprende

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Precarietà e previdenza Intervento di Sandro Delfattore Resp.Dipartimento nazionale Welfare della Cgil Claudio mi ha chiamato in causa rispetto a

Precarietà e previdenza Intervento di Sandro Delfattore Resp.Dipartimento nazionale Welfare della Cgil Claudio mi ha chiamato in causa rispetto a Precarietà e previdenza Intervento di Sandro Delfattore Resp.Dipartimento nazionale Welfare della Cgil Claudio mi ha chiamato in causa rispetto a quanto è accaduto sulla previdenza nelle ultime settimane.da

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO 1943, versione riveduta nel 1970 Il problema di garantire il pieno impiego tramite l espansione della spesa pubblica, finanziata col debito pubblico,

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

La valutazione degli insegnanti

La valutazione degli insegnanti La valutazione degli insegnanti Incipit Le considerazioni di questo breve testo in parte nascono da quanto letto in un articolo del Corriere della sera dell'11 giugno del 2008; un'intervista nella quale

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

IL LAVORO COME LEVA COMPETITIVA

IL LAVORO COME LEVA COMPETITIVA 597 i dossier www.freefoundation.com IL LAVORO COME LEVA COMPETITIVA Workshop Ambrosetti, Cernobbio 19 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Perché dobbiamo riformare il mercato del lavoro

Dettagli

LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA

LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA 0 Inflazione e tassi di interesse Tasso di interesse nominale, i non tiene conto dell inflazione Tasso di interesse reale, r invece tiene conto dell inflazione: r

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Il pensiero positivo! www.skilla.com

Il pensiero positivo! www.skilla.com Il pensiero positivo! www. Come accrescere la propria autostima fronteggiando le situazioni difficili. Il pensiero positivo! L avvenire ci tormenta, il passato ci trattiene, il presente ci sfugge. Gustave

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

editoriale L eccezione tedesca?

editoriale L eccezione tedesca? editoriale L eccezione tedesca? In un quadro europeo di grave preoccupazione per il lavoro, soprattutto giovanile, la Germania sembra fare storia a sé. Quasi come se il nucleo economico del sistema europeo

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno reagire a ciò che dirò e non potranno dire se le mie riflessioni sono aderenti

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

Pensavamo fosse. invece..

Pensavamo fosse. invece.. Pensavamo fosse. invece.. La presentazione che segue racconta il percorso scolastico di uno studente straniero con una lunga serie di bocciature alle spalle. Istituto Comprensivo Darfo2 La storia O. è

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni Menu Il mondo diviso Francesco Ciafaloni 30 gennaio 2016 Sezione: Mondo, Società Oggi circa l 80% della popolazione del mondo possiede solo il 6% della ricchezza. Circa il 61% non ha un contrattto di lavoro

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO MUSICALE MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si queste istituzioni n. 158-159 luglio-dicembre 2010 La crisi, il futuro, e i giovani di Laura balbo È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si porti l attenzione sugli effetti

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 Il 1 giugno abbiamo ricevuto la Vostra piattaforma per il rinnovo

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario 1. SMALL TALK 2. FRASE D AGGANCIO 3. ANALISI GRAFICA 4. STRUMENTI INEFFICACI 5. NON È PER TUTTI COSÌ 6. LE CONDIZIONI OTTIMALI 7. 1 CONFERMA: 8. PRESENTAZIONE

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

La situazione attuale

La situazione attuale La situazione attuale L Europa si sta impoverendo. I poteri forti stanno trascinando le classi lavoratrici verso la rovina. Sono gli agenti di un sistema definito dai principi del massimo profitto e della

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). L ultima volta abbiamo visto insieme come l inflazione non rappresenti affatto

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Intervento del dr. Paolo scaroni

Intervento del dr. Paolo scaroni Convegno giovani Confindustria Santa Margherita Ligure, 8-9 giugno 2012 Intervento del dr. Paolo scaroni Buongiorno a tutti. Ringrazio Jacopo Morelli per avermi invitato al tradizionale convegno dei giovani

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE 84 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE TREMONTI: Per quanto è possibile in

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli