Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali"

Transcript

1 UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali Ferrovie: fermate xxx In caso di divergenza tra le diverse versioni linguistiche fa fede la versione tedesca. I requisiti e gli elementi menzionati qui di seguito si applicano alle nuove costruzioni e alle ristrutturazioni. Le modifiche ai veicoli e alle infrastrutture esistenti sono disciplinate in programmi separati. Salvo diversa menzione, sono applicabili in questa sede anche la norma SN La costruzione adatta agli handicappati (nuovo riferimento: SIA 500) e le direttive contenute nella pubblicazione Strassen, Wege, Plätze (in tedesco) del Centro svizzero per la costruzione adatta agli handicappati di Zurigo. Le [cifre] riportate tra parentesi quadre sono provvisorie e devono essere ancora verificate dalle associazioni dei disabili. Le indicazioni non ancora specificate saranno precisate ulteriormente in apposite norme. Classificazione delle fermate: Cat. A fermate dei treni a lunga percorrenza e dei treni diretti (= treni con personale d accompagnamento) Cat. B fermate per diverse categorie di treni con eventuale diramazione delle linee Cat. C fermate semplici (binario semplice o doppio) di treni di un unica categoria Pos. ( ) = auspicato ma non obbligatorio Cat. C fermate semplici H 1. H 1.1 H 1.2 H 1.3 Marciapiede e accesso: in generale Altezza del marciapiede adattata per garantire ai disabili l accesso a raso al materiale rotabile a pianale ribassato impiegato nel traffico regionale Altezza uniforme del marciapiede all interno di reti di trasporto collegate (scartamento normale = 55 cm) Sopraelevazione parziale qualora non sia possibile rispettare i valori a costi ragionevoli Accesso al marciapiede garantito per le sedie a rotelle preferibilmente con una rampa (inclinazione max. 12%, senza pensilina 10%), adatta agli scooter e ai minitrac sussidiariamente: ascensore adatto agli scooter e ai minitrac (profondità ascensore: 180cm) con dispositivi di comando tattili adatti agli ipovedenti e alle persone su sedia a rotelle (altezza max. 110 cm), indicazione acustica del piano (se vi sono più di due piani) se attraversamento a raso dei binari: rampe per sedie a rotelle, inclinazione max. 6%, nessuna irregolarità, gola dei binari per quanto possibile stretta eventuali misure di sicurezza per i viaggiatori devono tener conto anche dei viaggiatori disabili Accesso al marciapiede dai passaggi in piano (attraversamento binari): Se esiste un dispositivo d allarme per i passeggeri, dev essere visivo e acustico Cat. B fermate complesse Cat. A fermata treni a lunga percorr.

2 UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 2/5 H 1.4 Buona illuminazione priva di riflessi, specialmente nelle scale e nelle zone di pericolo; illuminazione del marciapiede e dei sottopassaggi con guida ottica H 1.5 Scale adatte ai disabili con handicap motori (assenza di bordi sporgenti, profondità delle pedate almeno 28 cm) H 1.6 Corrimano conformi alla norma nelle scale e nelle rampe H 1.7 Raccomandazione nel caso in cui il materiale rotabile non è equipaggiato di un sistema di apertura delle porte adatto () () () ai non vedenti: in caso di partenza autonoma, il macchinista deve avere una visione completa della composizione e delle porte; se necessario, installare specchi fissi o monitor (per marciapiedi curvi e lunghe composizioni) H 1.8 Rampe e scale totalmente libere da supporti e arredi urbani, sottopassaggi per quanto possibile liberi da ostacoli H 1.9 Nelle zone di sicurezza dei marciapiedi (lungo la linea di sicurezza) prevedere una corsia priva di ostacoli larga in linea di massima 120 cm (larghezza misurata dal bordo esterno della linea; importante per non vedenti e persone su sedia a rotelle) H 1.10 Garantire la salita e la discesa alle sedie a rotelle e agli scooter; gli ausili necessari (Mobilift 140 / rampe mobili, ecc.) devono essere disponibili H 1.11 Inclinazione trasversale max. 2%; direzione auspicata: verso il binario H 2. Marciapiede e accesso: indicatori visivi e tattili H 2.1 Linea di sicurezza ottica ai bordi e alle estremità del marciapiede (contrasto > 0,8 [a nuovo])* H 2.2 Segnalazione tattile delle linea di sicurezza (individuabile con il bastone per ciechi e con i piedi)* H 2.3 Segnalazione tattile e visiva delle uscite (scale, rampe, lift) su tutta la larghezza del marciapiede H 2.4 Indicatori tattili e visivi degli impianti di comunicazione e d informazione, degli sportelli clientela, dei punti d incontro e di eventuali colonnine per chiamate di soccorso H 2.5 Sistema tattile d orientamento: a seconda della situazione (soprattutto in atri, spazi aperti e percorsi complicati, anche () per collegare diversi mezzi di trasporto) H 2.6 Segnalazione visiva inizio e fine scale (cfr. direttiva FFS) H 2.7 Se vi sono più di due binari, indicazione tattile del numero di binario e (eventualmente) del settore sui corrimano (orientamento) H 2.8 In presenza di più di due diramazioni e alle fermate con coincidenze, indicazione tattile del numero di binario e () (eventualmente) del settore sui corrimano dei passaggi sopraelevati e dei sottopassaggi H 2.9 Scale mobili con illuminazione dell inizio e della fine; indicazione della direzione di marcia (per disabili) () H 2.10 Disposizione e segnalazione adatta ai non vedenti di tutti gli ostacoli potenziali H 2.11 Se necessario, indicazioni degli accessi adatti alle sedie a rotelle () * Osservazione dell UFT: le linee di sicurezza delimitano la cosiddetta zona di sicurezza, all interno della quale occorre garantire la massima sicurezza dei viaggiatori (treni in arrivo e in transito). A tal fine, ci si appella alla responsabilità individuale di ciascun viaggiatore.

3 UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 3/5 H 3. Informazioni statiche ai viaggiatori H 3.1 Nome della fermata (ubicazione, dimensioni e numero delle ripetizioni da definire) H 3.2 Pittogrammi: se posti in alto, altezza max. [3] m, sufficientemente grandi (da definire) H 3.3 Indicazione del binario e (eventualmente) del settore sui marciapiedi: in alto, altezza max. 3 m, sufficientemente grandi (analogamente a H 3.2) H 3.4 Indicazione del binario e (eventualmente) del settore o indicazione della direzione nei sottopassaggi: possibilmente all altezza degli occhi, altrimenti sufficientemente grandi H 3.5 Orari affissi e stampati: riga superiore all altezza degli occhi (160 cm per scritte di almeno 5 mm [20 Pt]), ultima riga a 80 cm; preferibilmente senza copertura di protezione (altrimenti: senza riflessi e direttamente sopra l oggetto) H 3.6 Supporti informativi contrassegnati per i non vedenti (con zoccolo o soletta) H 3.7 Segnalazione chiara dell ubicazione del Mobilift e del punto d accesso ai treni per viaggiatori su sedia a rotelle () () H 3.8 Informazioni sull ubicazione delle carrozze: indicazione della zona II per sedie a rotelle (cfr. requisiti Ferrovia: veicoli, punto F 5.b) H 3.9 Indicare gli orari dei mezzi di trasporto adiacenti (autobus, battello, funivia) e segnalare la direzione e il percorso (in modo leggibile) H 4. H 4.1 H 4.2 Informazioni dinamiche ai viaggiatori In linea di massima, se l informazione è fornita in forma dinamica, tutte le informazioni rilevanti per i viaggiatori devono essere disponibili anche per gli ipovedenti e gli audiolesi, ossia in forma visiva e acustica (informazione acustica eventualmente solo su richiesta, ma non per annunci di nuove situazioni quali il passaggio di treni o deroghe al normale esercizio) Contenuto delle informazioni visive e acustiche su tutta la lunghezza del marciapiede (non tutte le funzioni sono a prova di guasto): - prossima/e partenza/e - composizioni corte su lunghi marciapiedi: indicare sempre il settore, in particolare se sul binario vi è più di un treno - treni in arrivo - ritardi, cambiamento di binario, cambiamento della successione dei treni - annuncio di cambiamento di binario d arrivo dei treni, se irregolare (eventualm. solo in forma acustica) - perturbazioni e guasti, modifiche d esercizio - nelle fermate con treni merci o treni diretti in transito si raccomanda di segnalare il passaggio dei treni in forma visiva e acustica* Informazioni tempestive, di regola ripetute () () () () () () * Osservazione dell UFT: le linee di sicurezza delimitano la cosiddetta zona di sicurezza, all interno della quale occorre garantire la massima sicurezza dei viaggiatori (treni in arrivo e in transito). A tal fine, ci si appella alla responsabilità individuale di ciascun viaggiatore.

4 UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 4/5 H 4.3 Requisiti per gli altoparlanti (dotazione): - sonorizzazione uniforme di tutte le aree destinate ai viaggiatori; negli ambienti sensibili al rumore ridurre almeno la sonorizzazione delle aree d attesa centrali durante le ore notturne - adeguamento costante al livello di rumore ambiente; nel caso di superamento di un determinato livello di rumore di fondo, rinviare l annuncio o ripeterlo - gli annunci di situazioni eccezionali (cambiamento di binario, ritardi, perturbazioni, ecc.) devono essere udibili in tutta la zona interessata (ad es. anche nei sottopassaggi) - in un punto appropriato prevedere un dispositivo per la ripetizione dell annuncio trasmesso mediante altoparlante - verificare il volume ottimale per trasmettere gli annunci H 4.4 Requisiti per gli annunci via altoparlante: annunci comprensibili e chiari, momento dell annuncio, ripetizioni H 4.5 Requisiti per gli annunci visivi (dotazione): - numero sufficiente di caratteri (almeno 60) - dimensioni dei caratteri (se in alto): almeno 6 cm - tipo: maiuscole e minuscole con caratteri discendenti, grassetto, senza grazie - colore: bianco, giallo o verde chiaro su sfondo scuro, forte contrasto, intensità luminosa adattata alla luce ambiente - niente scritte scorrenti (eventualmente messaggi alternati, durata minima: 5 sec. per 30 caratteri) - assenza di riflessi H 4.7 Tabellone / punto d informazione (atrio stazione), leggibile anche dai viaggiatori su sedia a rotelle (altezza max. = 160 cm) - prossimi treni in partenza (dati attualizzati) e relativo binario - ritardi, se tecnicamente possibile - guasti e perturbazioni, modifiche dell esercizio H 4.8 Possibilità di consultare l indicatore in forma acustica (guida per non vedenti); altezza pulsanti ca. 100 cm (sedie a rotelle) () () () () () () () H 5. H 5.1 Dispositivi di comunicazione per i viaggiatori (se in dotazione) Individuabili e utilizzabili dai non vedenti; offerta equivalente per gli audiolesi; dispositivo per chiamate d emergenza funzionante anche senza richiamata, attivabile da viaggiatori su sedia a rotelle (eventualm. indicare numero di telefono per chiamate dal cellulare)

5 UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 5/5 H 6. H 6.1 Fermata a richiesta Indicazione visiva chiara della necessità di richiedere la fermata; pulsante nella zona d accesso centrale, in prossimità dei distributori automatici, dei dispositivi di comunicazione, ecc., accessibile ai disabili in sedia a rotelle; se i marciapiedi hanno una disposizione diversa a seconda della direzione di marcia, richiesta di fermata per la direzione corrispondente; i non vedenti devono essere in grado di individuare e di azionare il pulsante e di verificarne il funzionamento (nessuna funzione rilevante in termini di sicurezza) se del caso (se del caso) H 7. Sovrastruttura, impianti accessori, vendita H 7.1 Punto d incontro segnalato, situato in posizione centrale () H 7.2 Le zone adibite ai viaggiatori devono essere raggiungibili e adattate alle sedie a rotelle H 7.3 Se a disposizione: sale d aspetto adatte alle sedie a rotelle () H 7.4 Ambienti destinati al pubblico (sale d aspetto, zona sportelli, ecc.): porte riconoscibili dai non vedenti e attivabili dalle persone su sedia a rotelle H 7.5 Segnalazione visiva per gli ipovedenti delle ampie superfici vetrate nelle zone di transito H 7.6 Sportelli clientela presidiati: almeno uno sportello per viaggiatori su sedia a rotella e per persone di bassa statura; () () contatto personale cliente; sportelli individuabili dai non vedenti H 7.7 Sportelli clientela presidiati con vetro di separazione e interfoni: almeno uno sportello munito di amplificatori induttivi () (facoltativi se è garantito il contatto con il cliente secondo H 7.6) H 7.8 Sportelli vendita/informazioni con sistema di distribuzione di numeri: offrire un alternativa per ipovedenti e non vedenti H 7.9 Se vi sono WC: WC adatti ai disabili (se accessibile dall esterno: con chiave Euro) e agli ipovedenti (elementi di colore contrastante con lo sfondo) H 7.10 Distributori di biglietti e obliteratrici utilizzabili da - persone su sedie a rotelle (altezza dispositivi di comando: cm, fessura monete: 120 cm) - persone fortemente ipovedenti - non vedenti (in particolare obliteratrici) - disabili mentali Se l utilizzazione non è garantita, gli interessati non devono subire svantaggi. H 8. H 8.1 Parcheggi adatti alle sedie a rotelle Un parcheggio su 50 adatto alle sedie a rotelle, se possibile almeno un posto per fermata, possibilimente vicino all accesso, utilizzabile tutto il giorno (obiettivo da raggiungere eventualmente in collaborazione con i Comuni o con i proprietari)

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Funivie e funicolari D-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nelle funicolari e nelle funivie: requisiti funzionali Funivie e funicolari:

Dettagli

Bus e tram: infrastruttura + veicoli

Bus e tram: infrastruttura + veicoli UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Bus e tram D1-It pag. 1/9 Programma di mobilità per i disabili nei bus del servizio di linea e nei tram: requisiti funzionali Bus e tram: infrastruttura

Dettagli

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 22 maggio 2006 (Stato 20 giugno 2006) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 22 maggio 2006 (Stato 1 luglio 2014) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

Nuova S = singola vettura, singola zona (per composizione) composizione

Nuova S = singola vettura, singola zona (per composizione) composizione UP / UF / HP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: veicoli D2-It pag. 1/8 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (ferrovie a scartamento normale [N] e a scartamento ridotto

Dettagli

Vivalto, il nuovo treno a due piani

Vivalto, il nuovo treno a due piani Vivalto, il nuovo treno a due piani Spazio e comfort al servizio dei viaggiatori Spazio, comfort e tecnologia Vivalto è il nome del nuovo treno a due piani per il trasporto locale Un mezzo all avanguardia

Dettagli

Firenze,9 giugno 2014. Regolamento STI-PRM. Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta

Firenze,9 giugno 2014. Regolamento STI-PRM. Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta Firenze,9 giugno 2014 Regolamento STI-PRM Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta Regolamento 2 La convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle persone con Disabilità Considerando.

Dettagli

1. Viaggiare in treno con mezzi ausiliari ortopedici nel traffico regionale e a lunga percorrenza.

1. Viaggiare in treno con mezzi ausiliari ortopedici nel traffico regionale e a lunga percorrenza. 1. Viaggiare in treno con mezzi ausiliari ortopedici nel traffico regionale e a lunga percorrenza. Il servizio Handicap delle FFS offre a tutti i viaggiatori con mobilità limitata la possibilità di viaggiare

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (OTDis) del 12 novembre 2003 (Stato 22 dicembre 2003) Il Consiglio federale svizzero, visti gli

Dettagli

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni La problematica sugli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle

Dettagli

ALLEGATI. del. Regolamento della Commissione

ALLEGATI. del. Regolamento della Commissione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, XXX [ ](2014) XXX draft ANNEX 1 ALLEGATI del Regolamento della Commissione relativo alle specifiche tecniche di interoperabilità per l'accessibilità del sistema ferroviario

Dettagli

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO NUOVA FERMATA DI BRUZZANO/BRUSUGLIO 1. spostamento della fermata di circa 500 m verso nord; 2. realizzazione di due banchine di 250 m, alte 55 cm sul p.f.,

Dettagli

VADEMECUM PER L ENTE GESTORE

VADEMECUM PER L ENTE GESTORE VADEMECUM PER L ENTE GESTORE Questo vademecum si rivolge agli enti gestori del trasporto pubblico e fornisce loro alcune indicazioni per migliorare il servizio offerto al passeggero disabile. TRASPORTO

Dettagli

Parchi da gioco per tutti Domanda

Parchi da gioco per tutti Domanda Ferie e tempo libero per disabili Parchi da gioco per tutti Domanda Il presente questionario contiene informazioni circa il parco da giochi in progetto e non sarà usato come griglia di valutazione. Le

Dettagli

SERVIZI 7 INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO

SERVIZI 7 INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio 1. DESCRIZIONE DELL EDIFICIO Tipologia Nome Localizzazione Anno e tipologia d'intervento Programma intervento

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ESERCIZI COMMERCIALI Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE IN PRESENZA DI PARCHEGGIO PRIVATO, E PRESENTE

Dettagli

DIRITTI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO CON AUTOBUS

DIRITTI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO CON AUTOBUS DIRITTI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO CON AUTOBUS Dal 1 marzo 2013 è in vigore il Regolamento (UE) n. 181/2011, che stabilisce i diritti dei passeggeri nel trasporto effettuato con autobus, prevedendo,

Dettagli

Scheda 1.7.5. Allegata al Disciplinare Tecnico autobus urbani corti. Trasporto di persone a ridotta capacità motoria non deambulanti

Scheda 1.7.5. Allegata al Disciplinare Tecnico autobus urbani corti. Trasporto di persone a ridotta capacità motoria non deambulanti Scheda 1.7.5. Allegata al Disciplinare Tecnico autobus urbani corti Trasporto di persone a ridotta capacità motoria non deambulanti Trasporto di persone a ridotta capacità motoria non deambulanti I veicoli

Dettagli

Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale. LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD

Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale. LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD Verona, 7 giugno 2013 Accessibilità e disabilità in ferrovia: a che punto siamo? Molto è stato fatto e il

Dettagli

PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA 1. CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1.1. La segnaletica di sicurezza deve

Dettagli

"...servizi di trasporto pubblico ed in particolare i tram e le metropolitane dovranno essere accessibili agli invalidi non deambulanti...

...servizi di trasporto pubblico ed in particolare i tram e le metropolitane dovranno essere accessibili agli invalidi non deambulanti... M come Mobilità L'articolo 27 della legge 118/71 stabilisce tra l'altro : "...servizi di trasporto pubblico ed in particolare i tram e le metropolitane dovranno essere accessibili agli invalidi non deambulanti..."

Dettagli

AGGIORNAMENTO TESTO UNIFICATO CON INTEGRAZIONI del 10/12/2012) PROTOCOLLO D INTESA

AGGIORNAMENTO TESTO UNIFICATO CON INTEGRAZIONI del 10/12/2012) PROTOCOLLO D INTESA AGGIORNAMENTO TESTO UNIFICATO CON INTEGRAZIONI del 10/12/2012) PROTOCOLLO D INTESA fra ROMA CAPITALE ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA MOBILITA AGENZIA ROMA SERVIZI PER LA MOBILITA ATAC S.p.A. e LE ASSOCIAZIONI

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA DEL SERVIZIO

Sistema di Gestione per la Qualità RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA DEL SERVIZIO Indice: 1 Presentazione ed informazioni generali.... 2 2 Informazioni e biglietti.... 2 3 Puntualità dei treni e principi generali in caso di perturbazioni del traffico.... 4 4 Soppressione dei treni....

Dettagli

Il piano per la riqualificazione e il rilancio delle stazioni della rete ferroviaria regionale

Il piano per la riqualificazione e il rilancio delle stazioni della rete ferroviaria regionale Il piano per la riqualificazione e il rilancio delle stazioni della rete ferroviaria regionale Raffaele Donini Assessore Trasporti, Reti infrastrutture materiali e immateriali, programmazione territoriale

Dettagli

Manuale degli Annunci sonori

Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori DICEMBRE 2007 AGGIORNAMENTO GIUGNO 2011 A cura di RFI - Rete Ferroviaria Italiana SpA Progetto Grafico di Ettore Festa, HaunagDesign Indice Definizioni

Dettagli

Concezione di abitazioni destinate agli anziani Promemoria

Concezione di abitazioni destinate agli anziani Promemoria Luglio 2013 Promemoria L integrazione delle persone anziane e dei disabili è un compito importante della nostra società. Le persone anziane dovrebbero poter vivere il più a lungo possibile in modo autosufficiente

Dettagli

SEGNALETICA DI EMERGENZA PER LA SICUREZZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE

SEGNALETICA DI EMERGENZA PER LA SICUREZZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE SPECIFICA TECNICA RFI DTC ICI ST GA 001 A PAG. 1 di 17 SEGNALETICA DI EMERGENZA PER LA SICUREZZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE 1. GENERALITA, SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE 2. DOCUMENTAZIONE CORRELATA 3. DEFINIZIONI

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 356/110 REGOLAMENTO (UE) N. 1300/2014 DELLA COMMISSIONE del 18 novembre 2014 relativo alle specifiche tecniche di interoperabilità per l'accessibilità del sistema ferroviario dell'unione per le persone

Dettagli

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud.

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud. Gent.mo sig. Mazzanti, la stazione di Tor di Valle non è certo abbandonata a se stessa come non lo è l intera tratta Roma Lido. Lo dimostrano i provvedimenti che il nostro Assessorato alla Mobilità ha

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI Docente: Ing. Marinella Giunta DEFINIZIONI Vengono definite

Dettagli

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti Negli ultimi anni i livelli di traffico e di inquinamento atmosferico registrati a Cuneo hanno indotto istituzioni e cittadini all adozione di nuove e più sostenibili modalità di spostamento. Il Comune

Dettagli

D.M. 14/6/1989 n. 236 D.P.R. 24/7/1996 n.503

D.M. 14/6/1989 n. 236 D.P.R. 24/7/1996 n.503 4.1.2.2 Parcheggi per le persone con mobilità ridotta Se una stazione dispone di un proprio parcheggio, devono essere presenti parcheggi riservati alle persone con mobilità ridotta, autorizzate a utilizzare

Dettagli

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private Lista di controllo Accertamento degli spazi abitativi Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private 1. Aspetti generali Gli aspetti generali vanno verificati in ogni locale utilizzato

Dettagli

Ordinanza sulla procedura d approvazione dei piani di impianti ferroviari

Ordinanza sulla procedura d approvazione dei piani di impianti ferroviari Ordinanza sulla procedura d approvazione dei piani di impianti ferroviari (OPAPIF) 742.142.1 del 2 febbraio 2000 (Stato 1 dicembre 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti l articolo 97 della legge

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Oggetto: D.P.R. n. 753/1980 art. 5 comma 7 - criteri per il riconoscimento dell idoneità e della sicurezza delle fermate dei servizi pubblici di trasporto urbano

Dettagli

Schede di misure. MMV Gestione della mobilità durante le manifestazioni. Foto: sbb.ch

Schede di misure. MMV Gestione della mobilità durante le manifestazioni. Foto: sbb.ch Schede di misure MMV Gestione della mobilità durante le manifestazioni Foto: sbb.ch Schede di misure per settori d attività rilevanti Schede di misure per settori d attività rilevanti... 1 Offerte supplementari

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco La Mandria CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE Il parcheggio dista circa un chilometro dall edificio; il percorso per raggiungere l ingresso è pianeggiante ed ha il fondo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO

COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO Oggi entrano in servizio nell area potentina 4 nuovi treni Stadler delle Ferrovie Appulo Lucane. Si tratta dell ultima tranche dei sei treni svizzeri acquistati dalle Fal

Dettagli

Criteri di accessibilità

Criteri di accessibilità Persona allergica All interno della camera assenza di: moquette, tappeti, arredi in tessuto Menù personalizzabili previa richiesta Quando si verifica solo una delle due ipotesi elencate nel grado buono

Dettagli

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA La casa albergo Liberty è composta da 15 appartamenti bilocali (camera doppia, soggiorno-cucina con divano letto matrimoniale, bagno) dotati di tutti i comfort,

Dettagli

Soluzioni per tornelli KONE

Soluzioni per tornelli KONE FLUSSO DI PERSONE REGOLARE E CONTROLLO DEGLI ACCESSI SICURO Soluzioni per tornelli KONE Tornelli KONE Segnaletica intuitiva e controllo d accesso efficace Creato dal team di progettazione interno di KONE

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l art. 87 della Costituzione; Vista la legge 30

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 Invecchiare è l unico modo per non morire giovani Woody Allen Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 2 Un po di

Dettagli

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria?

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? FFS Infrastruttura, luglio 2015 Il prezzo della traccia copre circa il 40 percento delle spese infrastrutturali. Mediante

Dettagli

principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus

principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus m&ss informazione/formazione - le mini dispense di buone pratiche principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus Pag. 1 a 38 Pag. 2 a 38 m&ss informazione/formazione - le mini dispense

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1 HANDICAP FISICI Sotto argomento 2.1 Le principali disabilità fisiche riguardano: A. Il movimento delle persone B. Gli occhi devono avere occhiali o usare il Braille C. Orecchie A. Handicap motorio Le persone

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

Sistemi di segnaletica, informazione e demarcazione. Moderazione del traffico SISTEMI MODULARI PER LA SICUREZZA DEL TRAFFICO

Sistemi di segnaletica, informazione e demarcazione. Moderazione del traffico SISTEMI MODULARI PER LA SICUREZZA DEL TRAFFICO Sistemi di segnaletica, Moderazione del traffico SISTEMI MODULARI PER LA SICUREZZA DEL TRAFFICO Sistemi di segnaletica, Assortimento di prodotti modulari Segnaletica di zona Moduli per la sicurezza La

Dettagli

VADEMECUM DEL VIAGGIATORE CON DISABILITÀ

VADEMECUM DEL VIAGGIATORE CON DISABILITÀ VADEMECUM DEL VIAGGIATORE CON DISABILITÀ Il vademecum del viaggiatore è un insieme di consigli e suggerimenti per il passeggero con disabilità che decide di utilizzare i mezzi di trasporto pubblico in

Dettagli

H 10 PLAYA MELONERAS PALACE

H 10 PLAYA MELONERAS PALACE H 10 PLAYA MELONERAS PALACE Europa > Spagna > Gran Canaria TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 23 marzo 2016 (Stato 1 luglio 2016) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

Concorso internazionale di studenti Facile accesso verso l ingresso dei veicoli ferroviari

Concorso internazionale di studenti Facile accesso verso l ingresso dei veicoli ferroviari Concorso internazionale di studenti Facile accesso verso l ingresso dei veicoli ferroviari Contenuto Scopo del concorso....................................... S 2 premio..................................................s

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA Parco Adamello Brenta INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA La struttura è costituita da un unico edificio di quattro piani, in cui sono collocate sia le attività

Dettagli

La segnaletica di sicurezza

La segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza 1/59 1/5 Normativa Cos è la segnaletica di sicurezza? La norma di riferimento è il D. Lgs 81/08 TITOLO V - SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 2/59 2/5 Cos è la segnaletica

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE REV. 0 PAG. 1/11 MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE INDICE 9.0 SCOPO... 3 9.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 9.2 RIFERIMENTI... 5 9.3 ACCESSO DELLE PEONE... 6 9.4 Generalità... 6

Dettagli

CERTIFICAZIONE EUROPEA PER IL PARCHEGGIO STANDARD CHECKLIST

CERTIFICAZIONE EUROPEA PER IL PARCHEGGIO STANDARD CHECKLIST CERTIFICAZIONE EUROPEA PER IL PARCHEGGIO STANDARD Dettagli del richiedente Nome del parcheggio In superficie/sotterraneo Numero degli stalli: Via Città Telefono Email URL Valutatore Valutatore Valutatore

Dettagli

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132 pag. 1/28 SOMMARIO Carro tipo 130 / 132 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI... 2 1.1 - Descrizione del prodotto... 2 1.2 - Caratteristiche tecniche del prodotto... 4 1.2.1 - Dimensioni... 4 1.2.2 - Carichi...

Dettagli

direttiva 98/18/CE del Consiglio relativa alle disposizioni e norme di sicurezza per le navi da passeggeri adibite a viaggi nazionali.

direttiva 98/18/CE del Consiglio relativa alle disposizioni e norme di sicurezza per le navi da passeggeri adibite a viaggi nazionali. SCHEMA DI LINEE GUIDA CONTENENTI PRESCRIZIONI TECNICHE PER AGEVOLARE L ACCESSIBILITÀ E LA MOBILITÀ A BORDO DELLE NAVI DA PARTE DELLE PERSONE A MOBILITA RIDOTTA - VERSIONE 2 LUGLIO 2012 PREMESSA La direttiva

Dettagli

Ordinanza del DATEC sulla contabilità delle imprese concessionarie

Ordinanza del DATEC sulla contabilità delle imprese concessionarie Ordinanza del DATEC sulla contabilità delle imprese concessionarie (OCIC) 742.221 del 18 gennaio 2011 (Stato 1 gennaio 2011) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle

Dettagli

Convegno Disabilità e Trasporti Palazzo della Gran Guardia 7 giugno 2013

Convegno Disabilità e Trasporti Palazzo della Gran Guardia 7 giugno 2013 Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca Convegno Disabilità e Trasporti Palazzo della Gran Guardia 7 giugno 2013 Attuazione Regolamento CE n 1107/2006 OGGETTO DELLA PRESENTAZIONE: Rif. Normativi

Dettagli

Riqualificazione TAF. Treni Alta Frequentazione

Riqualificazione TAF. Treni Alta Frequentazione Riqualificazione TAF Treni Alta Frequentazione Premessa Negli ultimi anni il consistente incremento della domanda di mobilità nell area metropolitane intorno alle grandi città, Roma fra tutte, ha evidenziato

Dettagli

Progettazione accessibile e disabili visivi

Progettazione accessibile e disabili visivi Progettazione accessibile e disabili visivi 1 La normativa di riferimento La normativa di settore fornisce molte indicazioni progettuali riferibili a persone con disabilità motoria, mentre poche e generiche

Dettagli

Esempi di progettazione LUXOMAT per installatori elettrici e progettisti

Esempi di progettazione LUXOMAT per installatori elettrici e progettisti B.E.G. LUXOMAT LUXOMAT per installatori elettrici e progettisti Indice Mettete a frutto l esperienza di B.E.G. per una riuscita e un impiego senza problemi dei rilevatori di movimento LUXOMAT. Vi assistiamo

Dettagli

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010 DOMUSLIFT XL Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto F17PA07 01/04/2010 Via Di Vittorio, 21 20060 Vignate Milano Italy Tel 0295127.1 Fax 029560423 IGV www.igvlift.com www.domuslift.com

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro

Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro Decreto Legislativo 9 aprile 2008, nr. 81 Art. 161 Campo di applicazione 1. Il presente titolo stabilisce le prescrizioni per la segnaletica di sicurezza e

Dettagli

ANAGRAFICA. Nome o Ragione sociale. Indirizzo. Città. Provincia. Telefono. Fax. E-mail. Sito web SERVIZIO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

ANAGRAFICA. Nome o Ragione sociale. Indirizzo. Città. Provincia. Telefono. Fax. E-mail. Sito web SERVIZIO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA ANAGRAFICA Nome o Ragione sociale Indirizzo Città Provincia Telefono Fax E-mail Sito web SERVIZIO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Esiste un servizio in grado di offrire informazioni alla clientela disabile?

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 42/86 13.2.2002 ALLEGATO VI PRESCRIZIONI SPECIALI RELATIVE AI VEICOLI DI CAPACÀ NON SUPERIORE A 22 PASSEGGERI 1.1 Dimensioni minime delle uscite I vari tipi di uscita devono avere le seguenti dimensioni

Dettagli

GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME

GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME pren 12650-1* - pren 12650-2*

Dettagli

Manuale dell operatore turistico Suggerimenti progettuali per una migliore fruizione degli spazi

Manuale dell operatore turistico Suggerimenti progettuali per una migliore fruizione degli spazi Manuale dell operatore turistico Suggerimenti progettuali per una migliore fruizione degli spazi REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali COIN Cooperative Integrate Onlus PRESIDIO del LAZIO PRESIDIO

Dettagli

Conosci i vari mezzi di trasporto e i relativi vantaggi e svantaggi.

Conosci i vari mezzi di trasporto e i relativi vantaggi e svantaggi. 4.1a Che cos è il? Conosci i vari mezzi di trasporto e i relativi vantaggi e svantaggi. Scrivi i vari simboli e decidi se un determinato mezzo di trasporto è pubblico o privato. Leggi le situazioni. Scegli

Dettagli

ROMA VITERBO (Estratto dalla Carta dei Servizi 2013)

ROMA VITERBO (Estratto dalla Carta dei Servizi 2013) Orario di inizio e fine servizio 1 Roma-Lido Roma-Viterbo Roma-Giardinetti ROMA VITERBO (Estratto dalla Carta dei Servizi 2013) Trasporto pubblico su ferrovia metropolitana Il servizio di ferrovia metropolitana

Dettagli

In collaborazione con: Allianz Box Guida all utilizzo

In collaborazione con: Allianz Box Guida all utilizzo In collaborazione con: Allianz Box Guida all utilizzo Indice 1. Il dispositivo satellitare Allianz Box 2. Impianto satellitare di bordo 3. Chiave elettronica 3.1 Istruzioni per la sostituzione delle batterie

Dettagli

Disabilità e Trasporti. 1 07 giugno 2013

Disabilità e Trasporti. 1 07 giugno 2013 Disabilità e Trasporti 1 07 giugno 2013 Servizio di trasporto Urbano Verona 6.000.000 km Urbano Legnago 150.000 km Extraurbano 12.000.000 km Servizi scuole 600.000 km 2 Passeggeri Trasportati Urbano 32.000.000

Dettagli

Centro Informazione Disabilità www.provincia.torino.it/cid - C.so G. Lanza 75 10131 Torino tel. 0118613141 o 43

Centro Informazione Disabilità www.provincia.torino.it/cid - C.so G. Lanza 75 10131 Torino tel. 0118613141 o 43 Il diritto al voto delle persone disabili Guida tecnica per eliminare le barriere architettoniche nei seggi elettorali Fonte: h-press Disponibile su cd-rom Il diritto al voto è la condizione essenziale

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

Allegato 7 - Sistema delle Penali

Allegato 7 - Sistema delle Penali Allegato 7 - Sistema delle Penali TRENITALIA S.p.A. si obbliga a raggiungere, attraverso successive tappe di miglioramento, livelli qualitativi in relazione ai seguenti fattori di qualità del servizio

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle zone pubbliche di proprietà

Regolamento per l utilizzo delle zone pubbliche di proprietà Regolamento per l utilizzo delle zone pubbliche di proprietà delle FFS 1 Generalità... 2 1.1 Situazione iniziale, obiettivi... 2 1.2 Campo d applicazione... 2 1.3 Documenti preposti e connessi... 2 1.4

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Direzione Generale per il trasporto marittimo e per vie d acqua interne. ALLEGATO n. 2. alla Circolare n. 10/SM del 4 gennaio 2007

Direzione Generale per il trasporto marittimo e per vie d acqua interne. ALLEGATO n. 2. alla Circolare n. 10/SM del 4 gennaio 2007 ALLEGATO n. 2 alla Circolare n. 10/SM del 4 gennaio 2007 LINEE GUIDA CONTENENTI PRESCRIZIONI TECNICHE PER AGEVOLARE L ACCESSIBILITÀ E LA MOBILITÀ A BORDO DELLE NAVI IMPIEGATE IN VIAGGI NAZIONALI MARITTIMI

Dettagli

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Con la presente pubblicazione

Dettagli

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA TIPOLOGIE DI SPAZI DELLE PALESTRE All interno delle palestre si distinguono le seguenti tipologie minime di spazi: Locali principali (sempre presenti): 1.locale palestra

Dettagli

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Commissione ASSTRA Costi Standard ferroviari A cura dell Ing. Marco Barra Caracciolo Capillarità (km medi tra stazioni) 7,00 Posizionamento

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA SCHEDA TECNICA N 23 LA SEGNALETICA DI SICUREZZA Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it I - DESCRIZIONE LA SEGNALETICA

Dettagli

Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane. Condizioni Generali. per il trasporto delle persone e delle cose sui treni storici

Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane. Condizioni Generali. per il trasporto delle persone e delle cose sui treni storici Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane Condizioni Generali per il trasporto delle persone e delle cose sui treni storici La Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane, alla luce del forte legame esistente

Dettagli