TRATTATO DEL DIRITTO ASSICURAZIONI PRIVATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRATTATO DEL DIRITTO ASSICURAZIONI PRIVATE"

Transcript

1 ANTIGONO DONATI PROFESSORE TITOLARE DI DIRITTO DELLE ASSICURAZIONI NELL'UNIVERSITÀ DI ROMA TRATTATO DEL DIRITTO DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE V OLU M E I. - CONCETTO - EVOLUZIONE STORICA - FONTI II. - IL DIRITTO DELL'IMPRESA DI ASSICURAZIONE MILANO DOTT. A. GIUFFRÈ - EDITORE 1952

2 INDICE SISTEMATICO PARTE GENERALE INTRODUZIONE CAPITOLO I ECONOMICHE DELL'ASSICURAZIONE Il rischio. 2. La condotta di fronte al rischio: indifferenza, prevenzione, risparmio, assicurazione. 3. Concetto economico dell'assicurazione. 4. Il campo di applicazione. 5. L'organizzazione e la tecnica. 6. La funzione economica e sociale. 7. Le assicurazioni e lo Stato. 8. L'assicurazione come oggetto di norme e di scienze PARTE PRIMA IL DIRITTO DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE CAPITOLO II IL DIRITTO DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE I. - // diritto delle assicurazioni. 9. Il diritto delle assicurazioni. 10. Sua posizione nel sistema del diritto obbiettivo e della scienza giuridica. (segue)... e nell'evoluzione del diritto. 12. Sue partizioni: in generale. 13. Ass. private e ass. sociali. 14. Loro principali differenze. 15. Diritto delle assicurazioni private e didelle assicurazioni sociali 23 S II. - diritto delle assicurazioni private. 16. Concetto e delimitazione del diritto delle assicurazioni private. 17. Metodo di studio. 18. Sistema della trattazione. 19. La dottrina del diritto delle assicurazioni private: sua evoluzione. 20. (segue)... e suo panorama attuale (Bibliografia generale contemporanea) 39 (*) L'indice analitico generale sarà pubblicato alla fine del volume.

3 534 INDICE-SISTEMATICO CAPITOLO III L'EVOLUZIONE STORICA INTERNAZIONALE DEL DIRITTO DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE 21. In generale 53 pag. S I. - La preistoria. 22. I germi dell'assicurazione nell'antichità orientale, greca, romana. 23. e nel primo Medio Evo 55 II. - La fase di formazione. A) Sec. XIV - prima metà del sec. 24. Il sorgere del contratto di assicurazione marittima. 25. L'evoluzione delle fonti e della dottrina. (segue)... della natura del contratto. 27. (segue)... della disciplina del contratto. B) Seconda metà del sec. XVII - sec. XVIII. 28. Il sorgere e l'evoluzione delle assicurazioni terrestri (incendi e vita) e dell'impresa di assicurazione 61 S - La fase del moderno sviluppo. A) Sec. XIX. 29. L'evoluzione del diritto delle assicurazioni private nel secolo B) Sec. XX. 30. L'evoluzione diritto assicurazioni private nel sec. XX 77 CAPITOLO IV LE FONTI DEL DIRITTO DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE S I. - Le fonti del diritto italiano. 31. In generale: fonti immediate di produzione norme, fonti mediate, fonti di I. Le fonti immediate di produzione itile norme (diritto obbiettivo in senso A) e B) Le leggi, i regolamenti. zione storica della legislazione 33. Enumerazione delle sizioni vigenti e loro inquadramento 34. Loro efficacia rispetto spazio, al tempo e alla natura dei rapporti. 35. Natura delle norme. Caratteristiche generali della legislazione C) Le norme collettive (o 37. Natura, efficacia, elencazione. D) Gli usi. 38. usi legislativi e le altre fonti. II. Le fonti mediate di produe fonti di cognizione diritto vivente): in particolare le condizioni generali di 39. Le condizioni di Concetto e 40. Distinzioni: condizioni particolari e condizioni generali. Condizioni generali e l'autonomia condizioni

4 INDICE-SISTEMATICO 535 a contenuto libero e a contenuto vincolato da accordi unilaterali o bilaterali o da attività preventiva di controllo da parte dello Stato. 42. Natura giuridica delle condizioni generali. 43. Rapporti tra le cond. gen. e le delimitazioni all'autonomia dell'impresa: in particolare con le norme di diritto obbiettivo. 44. La ricezione delle condizioni generali nei singoli contratti. 45. L'interpretazione delle condizioni generali 87 II. - Le fonti nel diritto comparato. 46. In generale e criteri di classificazione. 47. Legislazioni di tipo sec. XIX. 48. Legislazioni di tipo sec. XX Le fonti nel diritto internazionale privato. 49. Internazionalità dell'assicurazione. 50. I movimenti per l'unificazione giuridica internazionale. 51. Il diritto internazionale privato italiano ass. priv. italiane: I. Fonti del diritto intern. privato; II. Fonti nel dir. internazionale. A) I momenti di collegamento. 52. a) Diritto dell'impresa. 53. b) Diritto del contratto: capacità delle parti. 54. Sostanza ed effetti del contratto: 1) elementi che vi rientrano ) criteri adottati. 56. y) forma del contratto; r5) norme processuali. 57. B) Effetti delle norme di diritto internazionale privato: l'applicazione della legge straniera ed in particolare limitazioni dell'ordine pubblico PARTE SECONDA IL DIRITTO DELL'IMPRESA DI ASSICURAZIONE CAPITOLO V INTRODUZIONE AL DIRITTO DELL'IMPRESA DI ASSICURAZIONE E SUOI PROBLEMI diritto dell'impresa di assicurazione. 58. Concetto giuridico dell'impresa di assicurazione. 59. Natura giuridica e aspetti analitici dell'impresa di assicurazione. 60. Il diritto dell'impresa di assicurazione. Piano della trattazione. - / problemi giuridici dell'impresa di assicurazione. 61. In generale: I problemi e i problemi dell'impresa sociale. 62. I problemi specifici di assicurazione: a) i

5 536 INDICE-SISTEMATICO la trasformazione di un'operazione aleatoria in un'impresa non aleatoria (tariffe, premi, riserve, riassicurazione); b) i problemi amministrativi: la sicurezza dell'adempimento dell'assicuratore (gli investimenti); il problema politico (la tutela degli assicurati). 63. Atteggiamenti dello Stato di fronte ai problemi dell'impresa assicurativa: il non intervento; il nopolio; l'intervento di controllo. 64. Evoluzione degli atteggiamenti dello Stato nel diritto italiano: principi della legislazione vigente SEZIONE PRIMA L'IMPRESA DI ASSICURAZIONE I. L'impresa pubblica di assicurazione. CAPITOLO VI GLI ENTI PUBBLICI DI ASSICURAZIONE E IN PARTICOLARE NAZ. DELLE ASSICURAZIONI 65. Gli enti pubblici di assicurazione privata in generale. Enti minori: naz. prev. e cred. Cassa 66. L'INA: origini e norme disciplinatrici. 67. Natura giuridica. 68. Scopo istituzionale e sede. 69. Organi e loro costituzione e competenza: A) Organi che formano e attuano la volontà a) Il Consiglio di amministrazione. 70. (segue) b) Il comitato permanente; Il presidente; d) Il direttore rale: I 71. B) di controllo: il collegio sindacale. 72. Norme speciali per l'impresa a) gli investimenti delle attività patrimoniali. 73. (segue) b) la contabilità: il bilancio e la relazione quinquennale. 74. (segue) la ripartizione degli utili. 75. L'INA e lo Stato. In generale: a) I rapporti economici. 76. (segue) b) I rapporti amministrativi: il controllo dello Stato sull'ina: in generale e classificazioni. I controlli preventivi. 77. (segue) I controlli concomitanti. 78. (segue) I controlli successivi. Il controllo ispettivo 169 II. L'impresa privata di assicurazione. CAPITOLO VII REQUISITI PER L'IMPRESA DI ASSICURAZIONE 79. In generale: divieto assoluto e divieto relativo (rimovibile) all'impresa di assicurazione. 80. Natura ed effetti del divieto. Violazioni ed effetti. 81. Requisiti per l'impresa di assicurazione 195

6 537 I. - Impresa sociale sotto forma di p. az., coop., mutua. 82. In generale: A) Società per azioni. 83. B) Società cooperative. 84. C) Le società di mutua assicurazione. Evoluzione storica e funzione economica. 85. Concetto giuridico e distinzione dalle altre società con speciale riguardo alle società cooperative. 86. Distinzione: a) le mutue di ripartizione; b) le mutue a conferimento: mutue ordinarie: piccole mutue (mutue agrarie, società di mutuo soccorso). 87. Natura giuridica. Tesi non accolta: a) del negozio assicurativo; b) del doppio contratto o del doppio rapporto; del contratto misto o del contratto generis. 88. (segue) d) Tesi accolta: contratto di società. 89. Disciplina giuridica: La società persona giuridica (costituzione, organi sociali, norme comuni di gestione, estinzione). 90. (segue) b) rapporto sociale tra mutua assicuratrice e socio assicurato: lo status di socio assicurato; la costituzione del rapporto; il rapporto (obblighi, oneri, azioni, estinzione del rapporto). 91. Il rapporto sociale tra mutua e soci sovventori. II rapporto assicurativo della mutua con terzi 199 II. - Requisiti legali della società assicuratrice. A) Società nazionali. Legale 92. In generale: a) atto costitutivo. 93. (segue) b) altre condizioni (l'autorizzazione non è requisito per la costituzione); la pubblicità ) Il minimum di capitale sociale (o fondo di garanzia) e versato. 3) Deposito cauzionale (rinvio). B) Società estere. 95. In generale. 96. a) i requisiti specifici delle società 97. b) l'istituzione della sede secondaria in Italia: in generale. 98. (segue) La sede secondaria come azienda separata. 99. (segue) Il rappresentante generale: natura, requisiti, poteri 229 III. - L'autorizzazione amministrativa esercizio dell'impresa In generale: 101. I. Natura e caratteri giuridici II. Elementi essenziali III. Presupposti. Ordine cronologico e distinzione 104. (segue) a) Presupposti formazione della volontà (il procedimento) (segue) b) Presupposti della causa dell'atto: 1) Presupposti voluti dalla legge (segue) 2) Presupposti rimessi al giudizio discrezionale della P.A.: in generale (segue) situazione generale del mercato (segue) caratteristiche costituzionali delle società (segue) y) persone fisiche che dirigono la società (segue) ò) piano di elementi e approvazione. IV. Effetti. limiti dell'efficacia Effetti Modifiche, revoca V. vizio di legittimità e vizi di merito; nullità e annullabilità. VI. Il rifiuto dell'autorizzazione CAPITOLO VIII LA DISCIPLINA DELL'IMPRESA DI ASSICURAZIONE In generale: le norme disciplinatrici secondo le fonti e secondo gli 273

7 538 INDICE-SISTEMATICO I - La disciplina normativa In generale: norme relative ai rapporti esterni (rinvio) e norme di interna. Divieto di operazioni estranee all'impresa assicurativa. Separazione delle gestioni dei diversi portafogli: 1) italiano ed ; 2) vita e danni Norme relative al capitale sociale e al fondo di garanzia Le scritture contabili Il bilancio: 1) Il procedimento di formazione e di pubblicità; 2) Il contenuto: le riserve in senso proprio e la riserva legale; le riserve improprie: generali e specifiche; le riserve premi A) Le riserve premi per rischi in corso: concetto; le riserve matematiche nelle ass. vita e le riserve premi nelle ass. danni Fondamento giuridico dell'obbligo delle riserve per rischi in corso con particolare riguardo a quelle matematiche nelle ass. sulla vita ) Le riserve per rischi in corso come posta passiva di bilancio. Il calcolo della loro entità nelle ass. vita e nelle ass. danni ) La costituzione e il vincolo dei fondi di riserva: a) Gli esoneri dall'obbligo b) Entità del fondo di riserva Modi di investimento del fondo di riserva, valutazioni e conguagli d) Vincolo a favore degli assicurati B) Le riserve sinistri 275 S II - // controllo dello Stato sull'impresa Controllo diretto e controllo indiretto dello Stato sull'impresa. I) controllo dello Stato Generalità: soggetti, oggetto, forme di controllo. Controllo iniziale (autorizzazione) e finale (liquidazione): rinvìi. Classificazione dei controlli a) Controlli preventivi: 1) antecedenti; 2) susseguenti b) Controlli concomitanti Controlli successivi d) Controllo ispettivo. II) // controllo dell'ina Ragioni e strumenti del controllo dell'ina sugli imprenditori privati: d. cessione obbligatoria 138. Aspetti pubblicistici della d. cessione come strumento di controllo: l'obbligo a contrarre Aspetti privatistici della cessione di polizza. Natura giuridica: è un rapporto contrattuale di riassicurazione Disciplina giuridica: formazione, contenuto, effetti, estinzione. Il rapporto di copertura provvisoria 305 S - alle norme dell'impresa e suoi effetti. I. Le violazioni alle norme sulla disciplina 142. Concetto e clasa) secondo modo di attuazione b) secondo il dovere al quale si riferiscono: 1) secondo la fonte; 2) secondo la natura; 3) secondo l'oggetto a) in contravvenzione alla legge, cioè senza autorizzazione Esercizio in contravvenzione legge e esercizio a condizioni diverse da quelle autorizzate b) Violazioni alle singole norme. II. Le sanzioni per le violazioni delle norme sulla disciplina 147. In generale: classificazioni: A) Le sanzioni di natura amministrativa In generale: principi comuni a) divieto di assumere nuovi affari: elementi essenziali, presupposti, procedimento Effetti, invalidità b) La liquidazione coattiva: in generale e rinvio. B) Sanzioni di natura penale Principi generali: reati e Le singole pene C) Sanzioni di natura privatistica. 154.

8 INDICE-SISTEMATICO 539 1) Sanzioni operanti sui contratti di assicurazione. In generale: a) la risolubilità ai sensi dell'art. 59 L b) La risolubilità ai sensi dell'art. 60 L ) Sanzioni di natura privatistica rispetto a contratti non assicurativi o a contratti non conclusi in Italia e in tema di cessione obbligatoria 324 CAPITOLO IX TRASFERIMENTO E CONCENTRAZIONE DELL'IMPRESA DI ASSICURAZIONE I. - Trasferimento e concentrazione dell'impresa di assicurazione in generale Trasferimento di impresa e alienazione di azienda; trasferimento totale e parziale Trasferimento e concentrazione di imprese Gli istituti che attuano il trasferimento e la concentrazione 353 II. - Trasferimento dell'impresa di assicurazione mediante di alienazione dell'azienda. Manifestazioni di trasferimento dell'impresa: alienazione dell'azienda; cessione totale di portafoglio; cessione parziale di portafoglio. Distinzione da istituti affini e in particolare distinzione tra trasferimento di portafoglio e riassicurazione totale globale Natura giuridica del trasferimento di impresa con particolare riguardo alla cessione portafoglio Soggetto attivo e passivo del trasferimento Il procedimento di trasferimento: deliberazione delle società; contratto di trasferimento; pubbli Effetti del trasferimento (rapporti assicurativi in corso: divieto di concorrenza; sorte società alienante) Controllo dello Stato sui trasferimenti di portafoglio 358 S III. - Trasferimento dell'impresa di assicurazione per fusione tra società assicuratrici Concetto e natura giuridica della fusione. La fusione di società assicuratrici I soggetti della fusione. II procedimento di fusione (deliberazione delle società; pubblicità; contratto di fusione) Effetti della fusione Il controllo dello Stato sulle fusioni di società assicuratrici. 375 CAPITOLO X LA CESSAZIONE DELL'IMPRESA DI ASSICURAZIONE In generale: cessazione, sospensione, trasferimento 173. Cessazione dell'impresa e cessazione della società di assicurazione

9 540 INDICE-SISTEMATICO S I. - Le fasi del processo di estinzione delle società di assicurazioni. pag In generale: scioglimento, liquidazione, estinzione. I) Lo scioglimento della società di assicurazione Le cause di scioglimento e loro distinzione. II) La liquidazione della società di assicurazione in generale. In generale: lo stadio di liquidazione come situazione giuridica della società La liquidazione come procedura. Le singole procedure di liquidazione (volontaria, fallimentare, coatta amministrativa) e rapporti tra loro Breve digressione sulle procedure concursuali che non attuano liquidazione (concordato preventivo e amministrazione controllata) e loro rapporti con quelle che l'attuano. HI) L'estinzione delle società di assicurazione La cancellazione dal registro delle imprese 391 S II. - Le singole procedure di liquidazione: A) La liquidazione volontaria In generale: norme applicabili; aspetti specifici alle società di assicurazione: a) presupposti dell'apertura del procedimento (segue) b) effetti dell'apertura del procedimento: o) divieto di intraprendere nuovi affari e abrogazione dell'autorizzazione; sorte dei contratti conclusi malgrado il divieto (segue) sorte dei rapporti assicurativi in corso gli organi e il procedimento di liquidazione d) la disciplina normativa dell'impresa e il controllo dello Stato sulla società in liquidazione volontaria 403 S - Le singole procedure di liquidazione: B) La liquidazione coatta amministrativa. I) generale Norme applicabili; aspetti specifici. Natura giuridica della procedura coatta amministrativa. II) // provvedimento di messa in liquidazione coatta. Natura giuridica Elementi essenziali. Presupposti del provvedimento e vari criteri di classificazione A) Presupposti vincolanti: a) deficienza riserve matematiche nelle ass. vita; b) vano decorso del termine di sospensione B) Presupposti non lanti: 1) nelle ass. vita: deficienza di riserve dopo la revisione B) riduzione del capitale sociale o fondo di garanzia al disotto del minimo prescritto; 2) nelle ass. danni: deficienza delle cauzioni; 3) in tutte le ass.: d) esercizio non autorizzato; e) violazioni persistenti Invalidità e revoca del provvedimento. III) Effetti del provvedimento di messa in liquidazione Gli effetti del provvedimento in generale: a) divieto di assumere nuovi affari e abrogazione dell'autorizzazione b) effetti sui debiti e sui rapporti in corso. In particolare sui rapporti assicurativi: nei primi due mesi (segue) successivamente: a) ass. vita (segue) ass. danni 197. La cessazione degli organi sociali e d) del procedimento. IV) // procedimento di liquidazione coattiva organi del procedimento di liquidazione coattiva Le fasi del procedimento: a) immissione in possesso e formazione dell'inventario b) accertamento del passivo liquidazione dell'attivo d) bi-

10 INDICE-SISTEMATICO 541 lancio finale, piano di riparto e chiusura Fattispecie eventuali: 1) la dichiarazione di insolvenza. 2) il concordato (segue) I reati nella liquidazione coatta. IV. - Le singole procedure di liquidazione: C) La liquidazione fallimentare In generale: norme applicabili; aspetti specifici a) presupposto: lo stato di insolvenza b) La dichiarazione di fallimento e i suoi effetti. In particolare: et) il divieto di assunzione di nuovi affari e l'abrogazione dell'autorizzazione; sorte dei rapporti assicurativi in corso Il cedimento di fallimento 452 III. - Rapporti tra imprenditori di assicurazione. CAPITOLO XI LA DISCIPLINA DELLA CONCORRENZA E LE COALIZIONI DI IMPRESE DI ASSICURAZIONE Rapporti tra imprenditori di assicurazione in generale: a) disciplina della concorrenza; b) coalizioni di imprese e concentrazioni (rinvio); ripartizione dei rischi, riassicurazione (rinvio). La disciplina e il coordinamento della concorrenza in generale. I. - La disciplina legale della concorrenza La concorrenza sleale nelle assicurazioni. A) La disciplina della L nelle ass. danni. Il divieto di ass. in effetti differito a oltre un anno La disciplina della 1940 vita: in generale. Divieto di abbuono di provvigione; di liquidazione dell'intera provvigione; di distrazione di polizze Le sanzioni e l'accertamento 461 II. - Le coalizioni di imprese di assicurazione Le coalizioni di imprese in generale: 1) concetto, 2) distinzioni, 3 diritto applicabile. Le coalizioni nel settore assicurativo: 217. A) accordi di disciplina assicurativa: a) semplici accordi di coordinamento b) consorzi, con particolare riguardo al Comitato marittimo, al Consaereo, al C. IA.C.N., al C.IA.R.T associazioni professionali (l'a.n.i.a.) 220. B) Gruppi. Cenni sui gruppi assicurativi 471

11 542 INDICE-SISTEMATICO SECONDA / COLLABORATORI DELL'IMPRESA CAPITOLO COLLABORATORI DELL'IMPRESA DI ASSICURAZIONE E GLI INTERMEDIARI XII I collaboratori dell'impresa di assicurazione in generale I. - / prestatori di lavoro subordinato (il personale assicurazione) Il rapporto di lavoro subordinato e la sua disciplina: rinvio Concetto di prestatore di lavoro subordinato e distinzione dal lavoratore autonomo: in particolare distinzione dal libero professionista e dall'agente di ass. a gestione libera Distinzione dei prestatori di lavoro subordinato: le mansioni (segue) Le qualifiche: dirigenti, impiegati, operai I rapporti con i terzi e la procura: procuratori, commessi 489 S IL - / prestatori di lavoro autonomo (Gli agenti di assicurazione). I) 227. I prestatori di lavoro autonomo in generale. sui liberi professionisti. II) Gli agenti di assicurazione in generale Funzioni degli agenti di assicurazione Categorie di agenti nella prassi dell'organizzazione assicurativa Concetto giuridico di agente di assicurazione e distinzione da figure affini L'agente di assicurazione come imprenditore. // rapporto di agenzia Natura giuridica e fonti. Disciplina giuridica A) // rapporto a) Elementi del rapporto (soggetti; causa e oggetto; consenso e forma) e caratteri del rapporto b) Obblighi dell'agente: 1) svolgimento dell'attività atta a promuovere l'acquisizione, la conservazione, la gestione del portafoglio (segue) 2) obblighi di esclusiva; 3) altri obblighi (cauzione, versamento delle somme riscosse, sostenimento delle spese ecc.) Obblighi del preponente: 1) obbligo del pagamento della provvigione, 237. (segue) obblighi di esclusiva; obblighi alla cessazione di gestione: rinvio d) Cessazione del rapporto: 1) cause ) effetti: in generale e in particolare il diritto dell'agente all'indennità B) // porto a) Il potere rappresentativo degli agenti b) La responsabilità dell'assicuratore per fatto dell'agente pag. HI. - Gli intermediari. Gli intermediari in genere. Commissari liquidori di avarie: rinvio. mediatori: loro scarsa importanza attuale La figura giuridica del mediatore di assicurazione e il rapporto di mediazione

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE (DECRETO LEGISLATIVO 7 settembre 2005, n. 209) redazione a cura della Sezione Consulenza Legale aggiornato ad aprile 2010 [1] INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 Roma, 8 gennaio 2004 Alle Direzioni Regionali del Lavoro - LORO SEDI Alle

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro?

Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? Il 22 giugno durante il Festival del lavoro nella splendida cornice del salone Vanvitelliano di Brescia, si è tenuto l'incontro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

CASI ministro di qualunque culto giornalista professionista mediatore

CASI ministro di qualunque culto giornalista professionista mediatore CASI I. FATTISPECIE SOGGETTIVE Per orientare gli Ordini Locali nella valutazione dei singoli casi si ricordano e fanno proprie le seguenti definizioni: 1. Per ministro di qualunque culto, il diritto canonico

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

Ordinamento del personale degli enti locali

Ordinamento del personale degli enti locali Questionario n. 2 Ordinamento del personale degli enti locali 1) Qual è la differenza tra rapporto organico e rapporto di servizio? A) Il rapporto organico non ha natura giuridica, il rapporto di servizio

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli