CPRE, Campaign to Protect Rural England; NFU, National Farmers Union Paesaggio che vive: i costi non evidenti della conservazione delle campagne

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CPRE, Campaign to Protect Rural England; NFU, National Farmers Union Paesaggio che vive: i costi non evidenti della conservazione delle campagne"

Transcript

1 sito diretto da fabrizio bottini -1/7 - CPRE, Campaign to Protect Rural England; NFU, National Farmers Union Paesaggio che vive: i costi non evidenti della conservazione delle campagne Rapporto del luglio 2006; Titolo originale: Living landscapes: hidden costs of managing the countryside Estratti e traduzione per eddyburg_mall a cura di Fabrizio Bottini Delle campagne inglesi, si prendono cura in gran parte gli agricoltori, come avviene da centinaia di anni. Il nostro paesaggio è la principale componente dell eredità storica di Inghilterra. Le attività agricole giocano un ruolo cruciale nel conformare il paesaggio, ma mancano informazioni precise sulla quantità e tipi di interventi di gestione del paesaggio effettuati dagli agricoltori, in particolare quando questi vengono intrapresi al di fuori dei programmi agro-ambientali. Campaign to Protect Rural England (CPRE) e National Farmers Union (NFU) si sono unite per effettuare una prima stima sulle quantità di questo lavoro non pagato, quello non compreso nei piani agro-ambientali, e per valutare cosa potrebbe accadere se l economia agricola fosse sottoposta ad ulteriori pressioni. Entrambe le organizzazioni auspicano un futuro sostenibile per la bella e varia campagna inglese. CPRE e NFU ritengono che gli agricoltori abbiano il ruolo principale nell assicurare questo futuro. Questo rapporto contiene uno studio sui coltivatori inglesi. La prima parte prende in esame quale tipo di lavori di manutenzione del paesaggio vengono intrapresi dagli agricoltori. La seconda parte della ricerca consiste in una serie di interviste dirette ai partecipanti al sondaggio, a verificare le loro reazioni ai risultati, e come le loro attività di manutenzione potrebbero essere influenzate se fossero ulteriormente ridotti i sostegni al settore. L analisi statistica dei risultati dell indagine è stata condotta dal Centre for Agricultural Strategy dell Università di Reading, insieme a NFU e CPRE. Il questionario è stato inviato a agricoltori in tutta l Inghilterra. Le interviste sono state condotte dalla P. Baker Consultancy in collaborazione con l Università di Plymouth. Sono state realizzate sette interviste dirette a coltivatori che avevano partecipato al questionario, per verificarne i risultati. sito diretto da fabrizio bottini -1/7 -

2 sito diretto da fabrizio bottini -2/7 - Il rapporto presenta casi studio di singoli operatori, alcuni dei quali estratti dalla ricerca. Abbiamo calcolato che il lavoro di manutenzione del paesaggio condotto nella media delle aziende agricole inglesi, non sostenuto da finanziamenti agro-ambientali, ammonta a sterline l anno. Ciò sulla base di quanto costerebbe pagare altre imprese per il medesimo lavoro. I costi di questi operatori sono quelli desunti dal sondaggio. L indagine rivela che alcuni dei lavori di manutenzione, come ad esempio la potatura delle siepi, sono già in gran parte condotti da imprese esterne. Su questa base, i costi totali di manutenzione del paesaggio per gli agricoltori al di fuori dei piani agro-ambiente in tutta l Inghilterra possono essere valutati in 412 milioni di sterline l anno. Riteniamo si tratti di una cifra per difetto. Non calcola del tutto i mancati introiti della relativa minor produzione. E le nostre valutazioni non considerano la quota effettiva della copertura dei piani agro-ambientali per le attività richieste agli agricoltori, né il valore dei vantaggi da esse apportati. Infine, questo rapporto non analizza i benefici più generali indotti dalle attività di gestione del paesaggio, come la tutela delle risorse naturali o il fatto di attirare visitatori che spendono. Cosa accadrebbe se venissero ridotti i finanziamenti agroambientali? E cosa se fossero eliminati i Single Payment Scheme disponibili per tutti gli agricoltori? Le nostre ricerche indicano, e la cosa non sorprende, che l opera di manutenzione del paesaggio ne sarebbe gravemente danneggiata, in entrambi i casi. Agli agricoltori mancherebbero tempo, denaro e manodopera per svolgere i lavori sui propri terreni, o per incaricare altri di eseguirli per conto loro. Dovrebbero, o ridurre queste attività, o eliminarle completamente. Perché i caratteri del paesaggio possano essere conservati, occorre sia mantenere la redditività delle aziende, sia finanziare i lavori di manutenzione in modi proporzionali all effettivo costo e valore. Se non si sito diretto da fabrizio bottini -2/7 -

3 sito diretto da fabrizio bottini -3/7 - fa questo, possono accadere due cose. Parte dei terreni potrebbe essere abbandonata, invasa dalla vegetazione e perdere i propri caratteri distintivi. La parte rimanente potrebbe venire sfruttata in modo anche più intensivo per una massima produttività al minimo costo, o urbanizzata. Entrambe queste ipotesi eroderebbero la qualità della magnifica, diversificata, e altamente apprezzata campagna agricola inglese. Ciò potrebbe condurre a una spirale viziosa, in cui il pubblico apprezza sempre meno la campagna, e i coltivatori, con conseguente ulteriore calo dei sostegni finanziari ad essi. Non si deve consentire che ciò avvenga. CPRE e NFU sostengono il bisogno di una consapevolezza collettiva molto superiore riguardo all opera svolta dai coltivatori per la cura del paesaggio che tutti abbiamo caro. Ci devono essere molti più studi e dibattito sui modi di compensare questo lavoro, a seguito dell introduzione dei pagamenti disaccoppiati. Speriamo che questo rapporto contribuisca ad aumentare la consapevolezza del pubblico e a stimolare un dibattito sulla gestione futura del paesaggio. Lavoro retribuito e non retribuito Per gli obiettivi di questo rapporto, il lavoro svolto nel quadro dei programmi agro-ambientali si intende come lavoro retribuito. Quello che viene effettuato al di fuori di essi, come non retribuito. sito diretto da fabrizio bottini -3/7 -

4 sito diretto da fabrizio bottini -4/7 - Introduzione Spesso si dice che non si apprezza ciò che si ha, finché non ci viene tolto. La campagna coltivata inglese, nonostante tutta la sua popolarità e fascino, è sempre più minacciata dalle pressioni edilizie e dal mutamento climatico. Ma esiste una terza, grande minaccia, che noi riteniamo venga pericolosamente sottovalutata se si vuole mantenere il valido contributo apportato alla bellezza e ai caratteri del paesaggio inglese dalle aziende agricole. La sopravvivenza di agricoltura e agricoltori come agenti principali della manutenzione territoriale di quasi dieci milioni di ettari di Inghilterra non ancora urbanizzati, è cruciale nel lungo termine per il valore della campagna per il paese. Ciò appare avidente anche a uno sguardo casuale. Ma sempre più superfici si trovano al limite della redditività per l agricoltura. In alcune aree l attività agricola non si esercita più. Al declino del settore si accompagna quello delle attività di servizio ad esso: servizi veterinari; mattatoi, commercio di sementi e fertilizzanti, mercati e vari servizi di consulenza. Il paesaggio inglese, soprattutto, è un luogo in cui l agricoltura produttiva, gli habitat naturali e la storia locale sono intimamente legati l un l altro. La volontà del governo di aumentare al Massimo la produzione alimentare dopo la seconda guerra mondiale ha significato una crescente pressione sulla natura e sul paesaggio. Ma dopo gli anni 80 è diventata sempre più evidente l interdipendenza fra gli interessi di natura e paesaggio, e quelli sito diretto da fabrizio bottini -4/7 -

5 sito diretto da fabrizio bottini -5/7 - agricoli, in particolare con l introduzione dei piani agro-ambientali e delle norme di adempimento incrociato. Se agli agricoltori vengono forniti adeguati incentivi e linee d azione, la gestione del territorio rurale può trovare un nuovo armonioso equilibrio: imprenditorialità e conoscenze tecniche possono dare al paese sia un settore produttivo che una varietà di paesaggi ricchi di specie vegetali e animali, accessibili al godimento di tutti. Ma cosa accadrebbe se la quantità di agricoltori, la loro capacità di gestire il paesaggio, diminuisse al punto tale da privare il territorio della presenza costante di questa capacità professionale? Come si potrebbe prendersi cura delle campagne se fosse troppo costoso per gli agricoltori affrontare alla pari la concorrenza dei mercati mondiali mirando ad altro se non alla produzione alimentare, o se essi, insieme ad animali e macchinari, semplicemente non fossero più presenti? Che differenza porterebbe questa assenza, ai caratteri del paesaggio inglese, al complesso intreccio di vegetazione che rappresenta la base del nostro habitat, alla possibilità dalle persone di accedere alla campagna, alla sua identità spaziale? In breve, quanto spende per la propria attività, chi gestisce il territorio rurale, e come la svolge? I coltivatori sono di gran lunga la forza principale nella manutenzione del paesaggio. Questo lavoro viene svolto nel quadro di una complessa sequenza di attività, per una serie di ragioni, tutte influenzate o dipendenti dall uso produttivo del suolo. Pascolo, mietitura, coltivazione dei campi, definizione dei margini fra di essi, non accadono per caso o per magia. Questo rapporto indaga sulle dimensioni del contributo degli agricoltori agli aspetti esteriori del paesaggio. Il modo in cui esso viene gestito ha anche implicazioni per la vita naturale che ospita, e per la facilità di goderne da parte di tutti. Conoscendo le dimensioni del contributo degli agricoltori alle manutenzione del paesaggio, possiamo decidere come assicurare che esso prosegua. Con un investimento adeguato di risorse, non ci ritroveremo così a rimpiangere la perdita di chi tiene le chiavi per il paesaggio del futuro. [ ] sito diretto da fabrizio bottini -5/7 -

6 sito diretto da fabrizio bottini -6/7 - Conclusioni I contadini in Inghilterra investono notevoli quantità di tempo e denaro nella manutenzione del paesaggio rurale che fa la nostra campagna tanto bella e varia. Se questa opera di gestione dovesse essere pagata, senza il coinvolgimento degli agricoltori, ci vorrebbero somme enormi. Se aggiungiamo ai costi valutati di manutenzione degli elementi del paesaggio quello delle indicazioni governative per il ripristino della biodiversità, e li uniamo ai costi di adeguamento ad altri obblighi ambientali europei, cominciamo a capire come gli attuali livelli dei soli finanziamenti agro-ambientali non possano rispondere a questi impegni. Se il reddito da attività agricole scendesse ulteriormente in termini reali, e di conseguenza diminuisse il numero di contadini, ne soffrirebbero la manutenzione e conservazione degli elementi del paesaggio tradizionale, per due motivi. Potrebbe venir abbandonata una quantità superiore di terreni, che perderebbero i propri caratteri distintivi. E, seguendo le domande del mercato, probabilmente ci sarebbero più terreni utilizzati in modo intensivo per un massimo prodotto al minimo costo. Ciò probabilmente sarebbe accompagnato da una spinta alla diversificazione che potrebbe danneggiare la qualità delle campagne. É tempo che la conservazione e manutenzione del paesaggio coltivato entri a far parte del dibattito principale sulle riforme della politica agricola comune e dei sostegni al settore dopo il Il governo deve valutare con attenzione i vantaggi generali collettivi di un paesaggio rurale bello e vario, insieme agli altri benefici offerti dalla campagna: il mantenimento della biodiversità e il contributo agli ecosistemi, oltre ai vantaggi sociali. sito diretto da fabrizio bottini -6/7 -

7 sito diretto da fabrizio bottini -7/7 - Conservare il paesaggio consente di: Mantenere una massa critica di produzione alimentare interna in previsione dei mutamenti climatici che, insieme ad altre condizioni globali in rapida trasformazione, potrebbe farci diventare dipendenti da sempre maggiori e costose importazioni Gestire in modo sostenibile le risorse naturali Disporre di un reddito derivante dal turismo interno e internazionale Ottenere un maggiore benessere e salute collettivi Avere comunità rurali vitali. Se vogliamo conservare i nostri paesaggi coltivati, abbiamo anche bisogno che continui ad esistere una massa critica di agricoltori al loro interno, ad agire da custodi dei territori che utilizzano in modo produttivo. CPRE e NFU auspicano finanziamenti pubblici adeguati sul lungo periodo, ad assicurare l opera di conservazione del paesaggio da parte di questa massa critica di agricoltori, e insieme gli altri vantaggi che l attività offre, ma che non vengono compensati dalla vendita dei prodotti agricoli. Accettiamo il fatto che questi sostegni debbano essere legati alla realizzazione dei paesaggi rurali che assicurano il massimo vantaggio alla collettività. Auspichiamo più studi e analisi a proposito di questi vantaggi, e una ulteriore discussione e consapevolezza rispetto ad essi. Il presente rapporto costituisce un contributo a questo vitale dibattito. sito diretto da fabrizio bottini -7/7 -

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Overview Agricultural Policies in OECD Countries: Monitoring and Evaluation 2003 Politiche agricole nei paesi Ocse : Monitoraggio

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)»

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Stato: settembre 2014 Domande e risposte Che cosa vuole l iniziativa popolare «Salvate l oro della

Dettagli

Opportunità e problematiche dei siti Natura 2000 in aree agricole Barbara Calaciura

Opportunità e problematiche dei siti Natura 2000 in aree agricole Barbara Calaciura Opportunità e problematiche dei siti Natura 2000 in aree agricole Barbara Calaciura Seminario Agenzie Regionali di Protezione dell Ambiente (ARPA-APPA) 3-5 ottobre 2012 Sala Conferenze ISPRA - Roma Agricoltura

Dettagli

Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità

Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità I giovani imprenditori di Confagricoltura credono fermamente nello sviluppo delle energie rinnovabili ed in particolare delle

Dettagli

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015 PSR 2014-2020 Le novità Bologna 22 maggio 2015 Le condizionalità Ex ante Reg. Ue 1303/2013 - Articolo 2 Definizioni 33) "condizionalità ex ante applicabile": rappresenta un pre- requisito per l'efficace

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano

La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano Semine 2012 Con le semine del 2012 si è completata la vecchia riforma: tutti gli aiuti accoppiati sono stati

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

Scheda 5 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO ED EROSIONE URBANA. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 5 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO ED EROSIONE URBANA. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 5 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO ED EROSIONE URBANA GREEN JOBS Formazione e Orientamento NUMERI UTILI Oggi più della metà della popolazione vive in città; un secolo

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Nicholas Schoon Campagne britanniche: scenari per il futuro

Nicholas Schoon Campagne britanniche: scenari per il futuro sito diretto da fabrizio bottini -1/9 - http://mall.lampnet.org Nicholas Schoon Campagne britanniche: scenari per il futuro Da un rapporto CPRE del marzo 2008, una descrizione futuribile dell aspetto e

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

La Politica Agricola Comune verso il 2020

La Politica Agricola Comune verso il 2020 La Politica Agricola Comune verso il 2020 Senato della Repubblica Italiana audizione del 25 Marzo 2014 DG Agricoltura e Sviluppo Rurale Commissione UE Dr Innamorati Angelo Schema della presentazione 1.

Dettagli

ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74

ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74 ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2014-2020 BANDO PUBBLICO REG UE 1305/2013, Art. 29 Priorità dello sviluppo rurale Focus area

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

José Graziano da Silva. della

José Graziano da Silva. della 1 9 4 5 Se tutti facciamo la nostra parte, insieme possiamo realizzare l obiettivo fame zero nell arco della nostra vita José Graziano da Silva Direttore Generale della FAO A N N I della 2 0 1 5 i Nostri

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere

Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere Cascina San Vittore in Canale Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere Azienda agricola aderente al progetto Operation Pollinator Premessa La perdita

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Il riscaldamento del pianeta influirà sull economia globale Giovanna Dall Ongaro

Il riscaldamento del pianeta influirà sull economia globale Giovanna Dall Ongaro Il riscaldamento del pianeta influirà sull economia globale Giovanna Dall Ongaro L aumento della temperatura metterà in crisi l economia globale, non solo quella dei Paesi poveri. Per la prima volta, un

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

I centri storici Casamassima, Sammichele, Turi SCENARI per valorizzare l identità

I centri storici Casamassima, Sammichele, Turi SCENARI per valorizzare l identità I centri storici Casamassima, Sammichele, Turi SCENARI per valorizzare l identità Francesco Maiorano ANCSA Associazioni Nazionale Centri Storici e Artistici PIST Peucetia Turi-Casamassima-Sammichele obiettivo

Dettagli

IV International Media Forum On the Protection of Nature

IV International Media Forum On the Protection of Nature IV International Media Forum On the Protection of Nature "Protection of Nature, Protection of Health" Roma, 4-7 Ottobre 2006 Carlotta Sami Direttrice dei Programmi, Save the Children Italia Chi siamo Save

Dettagli

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo)

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo) Progetto Europeo AGRI.LA: Agricolture and Landscape sostegno a favore delle azioni d informazione sulla Politica Agricola Comune ai sensi del reg. CE n. 814/2000 del Consiglio del 17/04/2004. Progetto

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA 22.7.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 200/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 13 luglio 2010 recante orientamenti

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

Signor Presidente, Signore e Signori Governatori, Signore e Signori Delegati,

Signor Presidente, Signore e Signori Governatori, Signore e Signori Delegati, Intervento dell On.le Gianluigi Magri Sottosegretario di Stato Ministero dell Economia e delle Finanze, al Consiglio dei Governatori dell IFAD Roma 18 e 19 Febbraio 2004 Signor Presidente, Signore e Signori

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi PAC 2014-20202020 L agricoltura italiana verso il futuro I NUMERI La dotazione assegnata all Italia è di circa 52 miliardi di euro, in 7 anni. Circa 27 miliardi di euro totali (circa 4 miliardi di euro

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Contributo UE liquidato. liquidata

Contributo UE liquidato. liquidata 2. Stato di avanzamento delle misure al 31 dicembre 2004: 2.1. Stato di avanzamento finanziario del PSR: nell anno solare 2004 sono state effettuate liquidazioni tanto sul bilancio comunitario 2004, quanto

Dettagli

Parere europeo sull'uso e il commercio degli animali Un sondaggio tra 2.407 abitanti di sei paesi europei Aprile 2014

Parere europeo sull'uso e il commercio degli animali Un sondaggio tra 2.407 abitanti di sei paesi europei Aprile 2014 Parere europeo sull'uso e il commercio degli animali Un sondaggio tra 2.407 abitanti di sei paesi europei Aprile 2014 1 Composizione del campione e metodologia Abacus Data ha appena completato un sondaggio

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Alcune Caratteristiche del Sistema Economico della Teoria Prout

Alcune Caratteristiche del Sistema Economico della Teoria Prout Alcune Caratteristiche del Sistema Economico della Teoria Prout P.R. Sarkar Ci sono varie specialità nel sistema economico del Prout. Esse includono: La garanzia del fabbisogno minimo, L aumento del potere

Dettagli

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Il 6 dicembre 2013, grazie alla collaborazione tra il Liceo Scientifico G. Galilei e L Associazione AMU-Azione per un Mondo Unito

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Qualità e ricerca in una produzione di nicchia 1 L azienda agricola L azienda agricola Dorothea Costa nasce nel 2007 con i fondi del Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013

Dettagli

Vercelli ARCA 2 luglio 2015 Nutrirsi di paesaggio TERRITORIO AGRARIO E NUOVA PAC, LE STRATEGIE EUROPEE

Vercelli ARCA 2 luglio 2015 Nutrirsi di paesaggio TERRITORIO AGRARIO E NUOVA PAC, LE STRATEGIE EUROPEE Vercelli ARCA 2 luglio 2015 Nutrirsi di paesaggio TERRITORIO AGRARIO E NUOVA PAC, LE STRATEGIE EUROPEE LA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA PRIMO PILASTRO (pagamenti diretti) PAGAMENTO UNICO AZIENDALE GREENING

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana Consiglio Regionale della Toscana Valutazione delle politiche regionali Progetto di ricerca n. 2 Aprile 2008 a cura del Settore Analisi della Normazione. Biblioteca del Consiglio regionale Le politiche

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici.

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Quali prospettive alla luce della prossima riforma? Simone Severini (Università della Tuscia - Coordinatore Unità: Prof. G. Dono) Portici

Dettagli

Il questionario è stato preparato

Il questionario è stato preparato PRIMO CONFRONTO DEGLI INDICATORI DEMOGRAFICI, FINANZIARI E DEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROFESSIONE Indagine Fve sulla professione medico veterinaria in Europa Le opinioni di oltre 13.000 veterinari provenienti

Dettagli

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020 Pierpaolo Pallara Mesagne, 7 marzo 2014 In quale contesto si inserisce il nuovo processo di programmazione della politica di sviluppo rurale

Dettagli

PER UN AGRICOLTURA IN GRADO DI RICONCILIARE ECONOMIA ED ECOLOGIA

PER UN AGRICOLTURA IN GRADO DI RICONCILIARE ECONOMIA ED ECOLOGIA PER UN AGRICOLTURA IN GRADO DI RICONCILIARE ECONOMIA ED ECOLOGIA Ottobre 2012 Foto archivio CREDIA WWF, Franco Ferroni CAMBIARE LA PAC PER UN AGRICOLTURA IN GRADO DI RICONCILIARE ECONOMIA ED ECOLOGIA Crisi

Dettagli

D i r e t t i v a G E S T I O N E S O S T E N I B I L E D E I P A R C H E G G I Versione: Novembre 2015

D i r e t t i v a G E S T I O N E S O S T E N I B I L E D E I P A R C H E G G I Versione: Novembre 2015 D i r e t t i v a G E S T I O N E S O S T E N I B I L E D E I P A R C H E G G I Versione: Novembre 2015 La gestione dei parcheggi è uno strumento potente con cui le città possono influenzare i trasporti.

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

La volatilità come causa di instabilità

La volatilità come causa di instabilità sicurezza internazionale La volatilità come causa di instabilità LUISA FRANCHINA ALESSANDRO PASTORE L ESIGENZA DI UNA FOOD INTELLIGENCE PER LA DIFESA E LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE. MA NON SOLO. LA

Dettagli

6.4 Risposte alle domande di ripasso

6.4 Risposte alle domande di ripasso Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza 45 6.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Se si potesse falsificare il segnale, questo cesserebbe di essere un segnale perché diventerebbe

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

Lo scambio. I soggetti che operano nel sistema economico, sono strettamente interdipendenti tra loro e creano dei flussi di scambio monetari e reali.

Lo scambio. I soggetti che operano nel sistema economico, sono strettamente interdipendenti tra loro e creano dei flussi di scambio monetari e reali. IL MERCATO Lo scambio. I soggetti che operano nel sistema economico, sono strettamente interdipendenti tra loro e creano dei flussi di scambio monetari e reali. Il luogo virtuale dove si incontrano la

Dettagli

Insediamento di giovani agricoltori. Titolo della misura Codice della misura Base legale della misura. Provvisoriamente: ex 112

Insediamento di giovani agricoltori. Titolo della misura Codice della misura Base legale della misura. Provvisoriamente: ex 112 Titolo della Codice della Base legale della Giustificazione della Obiettivi della Insediamento di giovani agricoltori Provvisoriamente: ex 112 Articolo 18 1 (b) del Regolamento (CE) n. xxxx / 2013 Questa

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.5 Coltivazione delle varietà

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

La nuova PAC - La posizione del Biologico Europeo

La nuova PAC - La posizione del Biologico Europeo La nuova PAC - La posizione del Biologico Europeo Marco Schlüter, IFOAM EU, Director Le opportunità offerte dalla nuova programmazione dei PSR per lo sviluppo sostenibile delle aree rurali Perugia, 21

Dettagli

11.1.6 I produttori eterogenei

11.1.6 I produttori eterogenei L equilibrio nei mercati concorrenziali 1 11.1.6 I produttori eterogenei Nel modello base della concorrenza perfetta, tutte le imprese utilizzano la stessa tecnologia e quindi hanno gli stessi costi di

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

confronto continuo con gli amministratori dei Comuni.

confronto continuo con gli amministratori dei Comuni. Claudio Dossi, segretario Spi Lombardia Pavia, 22 gennaio 2016 Mi sembra che anche oggi con l introduzione di Anna, la presentazione della ricerca, il contributo dei rappresentanti delle amministrazioni

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

Impresa e non profit: necessaria collaborazione

Impresa e non profit: necessaria collaborazione Impresa e non profit: necessaria collaborazione Tre interrogativi Vorrei sviluppare il tema del rapporto tra impresa ed enti non profit a partire da tre interrogativi, cui tentare di dare risposta per

Dettagli

Gruppo di lavoro del CECODHAS sul Mercato Interno

Gruppo di lavoro del CECODHAS sul Mercato Interno Gruppo di lavoro del CECODHAS sul Mercato Interno Sussidi statali e descrizione del concetto di equa compensazione - Relazione Introduzione La Commissione Europea richiede garanzie su come, senza calcoli

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni MinisterodellaSalute Dipartimento della sanità

Dettagli

Presentazione Perché i donatori investono?

Presentazione Perché i donatori investono? Presentazione Il fund raising è il carburante che alimenta il motore delle aziende nonprofit, permettendo loro di raggiungere la mission. Tuttavia, rappresenta soltanto un mezzo, non un fine. Il fine è

Dettagli

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale»

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future Torino, 24 marzo 2015 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» L AGRICOLTURA

Dettagli

GLI OBIETTIVI AMBIENTALI NELLE POLITICHE AGRICOLE E RURALI DELL'UNIONE EUROPEA

GLI OBIETTIVI AMBIENTALI NELLE POLITICHE AGRICOLE E RURALI DELL'UNIONE EUROPEA GLI OBIETTIVI AMBIENTALI NELLE POLITICHE AGRICOLE E RURALI DELL'UNIONE EUROPEA Andrea Povellato, Roberta Sardone, Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria Premessa La politica agricola comunitaria

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli