I.R.C.C.S. S. Maria Nascente. Domotica Ausili Terapia Occupazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.R.C.C.S. S. Maria Nascente. Domotica Ausili Terapia Occupazionale"

Transcript

1 I.R.C.C.S. S. Maria Nascente Domotica Ausili Terapia Occupazionale

2 Marco Pastori Terapista Occupazionale Fondazione Don Gnocchi Onlus IRCCS S.Maria Nascente Milano

3 Ambiti di intervento: La Terapia Occupazionale impiega le attività delle tre sfere della vita nella relazione terapeutica

4 Cura di sé Lavoro Gioco

5 CURA DI SE' Attività di alimentazione Abbigliamento Cura del corpo (lavarsi, pettinarsi, radersi ecc.) Fare il bagno/doccia Cura e gestione della casa (cucinare, pulire ecc.)

6 LAVORO Occupazioni produttive Studio Attività lavorativa Volontariato

7 GIOCO Attività del tempo libero Hobbies Giochi individuali o di società Interessi culturali Attività manuali e artigianali

8 QUALI ATTIVITÀ? Richieste dal paziente Significative per la persona Con valenza terapeutica

9 IL SETTING DI T.O.

10

11 Quale paziente? Paziente con patologie neurologiche: esito di ictus, trauma cranico, polineuropatie, Parkinson,Sclerosi Multipla, Sclerosi Laterale Amiotrofica Paralisi Celebrale Infantile Paziente con patologie reumatiche: artrite reumatoide, sclerodermia ecc.

12 Quale paziente? I pazienti che fanno Terapia Occupazionale sono in regime di: Ricovero Day Hospital Ambulatoriali

13 Valutazione Intervista: anamnesi, storia occupazionale, raccolta informazioni ambientali, aspettative e richieste del paziente Bilancio delle autonomie (scala FAM) Osservazione durante un attività secondo il modello OTIPM

14 Trattamento Il T.O. lavora su: Ambiente Persona

15 Ambiente Eliminazione delle barriere architettoniche esterne o interne

16 Ambiente Adattare lo spazio per facilitare la partecipazione nelle attività Ambiente umano: famiglia, amici ecc.

17 Persona Ricercare le potenzialità della persona. Insegnare strategie per sopperire alle difficoltà/limitazioni.

18 Persona Individuare ausili che consentono di svolgere la funzione deficitaria. Confezionamento di tutori personalizzati.

19 CASO CLINICO Sig. Carlo

20 CASO CLINICO Carlo vive a Milano con i genitori in un appartamento al 3 piano con ascensore, senza barriere. Diploma di ragioneria. Lavora in un'azienda come ragioniere dal Si reca al lavoro accompagnato dal papà.

21 CASO CLINICO Ha 29 anni. Diagnosi di Tetraparesi spastica in PCI Plurimi interventi agli arti inf per allungamento tendineo Dal 1989 è in carrozzina Ha sempre fatto riabilitazione fino al 2000

22 VALUTAZIONE FAM (Functional Assessment Measure) CURA della PERSONA NUTRIRSI 5 RASSETTARSI 5 LAVARSI 4 VESTIRSI (VITA in SU) 5 VESTIRSI (VITA in 4 GIU ) IGIENE PERINEALE 4 DEGLUTIZIONE 7 CONTROLLO SFINTERICO VESCICA 7 ALVO 7 TRASFERIMENTI LETTO SEDIA 5 CARROZZINA WC 5 VASCA o DOCCIA 3 AUTOMOBILE 5 LOCOMOZIONE CAMMINO O 5 CARROZZINA SCALE 1 ACCESSO agli SPAZI PUBBLICI 4 COMUNICAZIONE COMPRENSIONE 6 ESPRESSIONE 6 LETTURA 7 SCRITTURA 7 INTELLIGIBILITA dell ELOQUIO CAPACITA COGNITIVE 6 CAPACITA RELAZIONALI RAPPORTO con gli ALTRI STATO EMOZIONALE 6 ADATTAMENTO alla DISABILITA OCCUPAZIONE 6 SOLUZIONE di PROBLEMI 5 MEMORIA 6 ORIENTAMENTO 6 ATTENZIONE 5 VALUTAZIONE della SICUREZZA 5 6 6

23 VALUTAZIONE CURA della PERSONA NUTRIRSI 5 RASSETTARSI 5 LAVARSI 4 VESTIRSI (VITA in 5 SU) VESTIRSI (VITA in 4 GIU ) IGIENE 4 PERINEALE DEGLUTIZIONE 7 FAM (Functional Assessment Measure) LOCOMOZIONE CAMMINO O 5 CARROZZINA SCALE 1 ACCESSO agli SPAZI PUBBLICI 4 TRASFERIMENTI LETTO SEDIA 5 CARROZZINA WC 5 VASCA /DOCCIA 3 AUTOMOBILE 5

24 DOMANDA DEL PZ Migliorare l'autonomia nell'abbigliamento e nell'alimentazione (tagliare) Essere in grado di fare il bidet in autonomia Migliorare la gestione della carrozzina Individuare possibili adattamenti all'ambiente bagno (richiesta dei genitori)

25 ATTIVITA' SVOLTE Training nell'abbigliamento. Training sull'igiene perineale. Prove di utilizzo del coltello. Valutazione della postura in carrozzina. Addestramento all'uso della carrozzina in ambienti esterni.

26 ATTIVITA' SVOLTE Valutazione tramite piantina dell'ambiente bagno. Attività di cucina (caffè e pizza). Giochi ed esercizi per problem solving e attenzione divisa.

27

28 RISULTATI 1 Carlo è in grado di indossare in autonomia pantaloni e calze Necessita di aiuto per le scarpe

29 RISULTATI 2 Utilizzando un maniglione e un divaricatore è in grado di fare il bidet in autonomia. Utilizzando un coltello a L è un grado di tagliare tutti i cibi.

30

31 RISULTATI 3 Migliore la postura in carrozzina e la capacità di affrontare piccoli gradini, sta migliorando la resistenza. Dalla valutazione ambientale si è consigliato di eliminare la vasca e di mettere una doccia a filo pavimento.

32 RISULTATI 4...a causa della mia malattia ho sempre focalizzato l'attenzione su un singolo aspetto di un'azione, non sono abituato a coordinare insieme più movimenti, a suddividere l'attenzione su più elementi (Carlo 13 maggio 09)

33 VALUTAZIONE CURA della PERSONA NUTRIRSI 5 6 RASSETTARSI 5 6 LAVARSI 4 4 VESTIRSI (VITA in SU) 5 6 VESTIRSI (VITA in GIU ) IGIENE PERINEALE DEGLUTIZIONE 7 7 FAM (Functional Assessment Measure) LOCOMOZIONE CAMMINO O 5 6 CARROZZINA SCALE 1 1 ACCESSO agli SPAZI PUBBLICI 4 5 Gli ausili per l'autonomia nella vita quotidiana TRASFERIMENTI LETTO SEDIA CARROZZINA 5 6 WC 5 6 VASCA 3 6 DOCCIA AUTOMOBILE

34

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

Manuela Romanò: L autonomia nelle attività domestiche

Manuela Romanò: L autonomia nelle attività domestiche I.R.C.C.S. S. Maria Nascente Domotica Ausili Terapia Occupazionale Autonomia nelle attività domestiche Autonomia Gestire se stesso, modellando la propria vita secondo scelte e preferenze personali Essere

Dettagli

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008 53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29--28 Linee guida T.O. C Cotroneo T.O. M. Quadrana, T.O. D. russo

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

L economia articolare in reumatologia

L economia articolare in reumatologia L economia articolare in reumatologia Dott. Tonino Mele Fisioterapista - Pedagogista UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA CENTRO MEDICO SANT

Dettagli

LA PERSONA DISABILE A DOMICILIO RIEDUCARE LE PERSONE A VIVERE NUOVAMENTE LA PROPRIA CASA

LA PERSONA DISABILE A DOMICILIO RIEDUCARE LE PERSONE A VIVERE NUOVAMENTE LA PROPRIA CASA LA PERSONA DISABILE A DOMICILIO RIEDUCARE LE PERSONE A VIVERE NUOVAMENTE LA PROPRIA CASA AXIA, partner di Focus FAD, è un centro di riabilitazione che lavora in accreditamento con l'ausl di Bologna su

Dettagli

La riabilitazione domiciliare

La riabilitazione domiciliare La riabilitazione domiciliare Rieducare le persone a vivere nuovamente la propria casa AXIA, partner di Focus FAD, è un centro di riabilitazione che lavora in accreditamento con l'ausl di Bologna su tutto

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AMPUTATO LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE USTIONATO LA RIABILITAZIONE DELLE PARALISI DEL NERVO FACCIALE

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AMPUTATO LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE USTIONATO LA RIABILITAZIONE DELLE PARALISI DEL NERVO FACCIALE LA TERAPIA OCCUPAZIONALE: SCOPI E AMBITI APPLICATIVI LA RIABILITAZIONE DOPO INTERVENTO CHIRURGICO DI MASTECTOMIA LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AMPUTATO LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE USTIONATO LA RIABILITAZIONE

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON

LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON Emanuela Bartolomucci terapista occupazionale Angela Parlapiano logopedista Isabella Valenza fisioterapista Alberto Busetto fisioterapista RIABILITAZIONE Processo

Dettagli

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 1 Sicurezza domiciliare tra domotica e superamento delle barriere architettoniche Dr. Angelo Montesano, Responsabile Servizio

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG)

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG) Cognome me Nata/o a prov. il Residente a prov. c.a.p. via n. Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica prossima Barthel Index [A] [B] [C] [A] dipende [B] con aiuto o saltuariamente [C] indipendente

Dettagli

LE SCALE DI VALUTAZIONE:

LE SCALE DI VALUTAZIONE: LE SCALE DI VALUTAZIONE: Scale di valutazione Rappresentano parte della semeiotica della riabilitazione Sono state elaborate a partire dagli anni 50 Esistono migliaia di scale di valutazione Proprietà

Dettagli

Valutazione ausili: metodologie e interventi

Valutazione ausili: metodologie e interventi Domotica, Ausili, Terapia occupazionale: un percorso integrato riabilitativo Valutazione ausili: metodologie e interventi Caracciolo Antonio Fisioterapista, Servizio DAT IRCCS S.Maria Nascente Fondazione

Dettagli

Gloreha DAS (Dynamic Arm Support)

Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Ausilio Supporto Dispositivo di riabilitazione Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) è un supporto dinamico per il braccio; è stato sviluppato

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA AMBITO TERRITORIALE BR DISTRETTO SOCIO-SANITARIO BR nome: Data di nascita: SEDE DI VALUTAZIONE: DATA: ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA

Dettagli

Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili. Statistica delle Consulenze erogate nel 2000

Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili. Statistica delle Consulenze erogate nel 2000 Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili Statistica delle Consulenze erogate nel 2000 TIPO DI CONSULENZA 1542 % Servizi di informazione e orientamento Colloquio

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale BA. S.VA.M.A. Valutazione cognitiva e funzionale. 1.Situazione cognitiva

Azienda Sanitaria Locale BA. S.VA.M.A. Valutazione cognitiva e funzionale. 1.Situazione cognitiva Mod. 4 DSS Uno Azienda Sanitaria Locale BA Distretto Socio Sanitario Uno Ambito Territoriale Comune di Molfetta - Comune Giovinazzo S.VA.M.A. Valutazione cognitiva e funzionale 1.Situazione cognitiva Nome

Dettagli

Caso Studio: Alberto

Caso Studio: Alberto Caso Studio: Alberto Anna Milo terapista occupazionale Valerio Gower ingegnere biomedico Servizio D.A.T. Centro IRCCS Santa Maria Nascente Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus Milano Caso di Studio: Alberto

Dettagli

Caso di Studio: Alberto. Caso Studio: Alberto 21/04/2011. Valutazione iniziale

Caso di Studio: Alberto. Caso Studio: Alberto 21/04/2011. Valutazione iniziale Caso di Studio: Alberto Caso Studio: Alberto terapista occupazionale Valerio Gower ingegnere biomedico Servizio D.A.T. Centro IRCCS Santa Maria Nascente Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus Milano Alberto,

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE Che cosa è - perché è importante - come funziona obiettivo dei trattamenti COS E LA TERAPIA OCCUPAZIONALE E un trattamento per le persone che sono state colpite da:

Dettagli

AllenAPP: nuove tecnologie e quotidianità. Ausili per la disabilità cognitiva

AllenAPP: nuove tecnologie e quotidianità. Ausili per la disabilità cognitiva AllenAPP: nuove tecnologie e quotidianità Ausili per la disabilità cognitiva UN TEMA CHE RIGUARDA circa 750mila persone in Italia hanno disabilità cognitive. Le cause sono diverse: genetiche ( ad esempio

Dettagli

LA RIABILITAZIONE IN ADI

LA RIABILITAZIONE IN ADI Azienda USL3 di Pistoia LA RIABILITAZIONE IN ADI LA RIABILITAZIONE DOPO ICTUS E FRATTURA FEMORE IN TOSCANA Firenze 17 Aprile 2012 Franco Giuntoli UORRF Aziendale Simone Bonacchi UORF Zona Distretto Pistoiese

Dettagli

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente Scheda CORSO TEORICO ausili PRATICO SULLA VALUTAZIONE DEGLI AUSILI PER IL MIGLIORAMENTO DELL APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE Corso di Formazione teorico-pratico 8 febbraio 2013 L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE SAV e CTVAI DUE PROGETTI PER L AUTONOMIA arch. Tiziana Cretti 1 il Il Servizio

Dettagli

MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni)

MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni) MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni) ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCERTAMENTO/AGGRAVAMENTO DI - INVALIDITÁ CIVILE (comprende anche l indennità di accompagnamento) -

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

Rosa Maria Converti Maurizio Saruggia. Qualità dell Assistenza Protesica

Rosa Maria Converti Maurizio Saruggia. Qualità dell Assistenza Protesica Percorsi riabilitativi mirati alla valutazione e alla prescrizione degli ausili: l esempio del protocollo carrozzine elettroniche in atto tra ASL di Milano e Fondazione Don Gnocchi Rosa Maria Converti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TRENTIN MICHELA Indirizzo Telefono 3280036266 Fax E-mail VIA GLEOPARDI 49/2 SAN PIETRO VIMINARIO (PD) Michetrentin@liberoit

Dettagli

www.siva.it Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service AUSILI PER IL BAGNO

www.siva.it Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service AUSILI PER IL BAGNO SIVA Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service www.siva.it AUSILI PER IL BAGNO Antonio Caracciolo Terapista della Riabilitazione SIVA (Servizio Informazione

Dettagli

A.F.P.C.I. Onlus Associazione Famiglie con Bambini con Paralisi Cerebrale Infantile. Fontanellato, 03/06/2015

A.F.P.C.I. Onlus Associazione Famiglie con Bambini con Paralisi Cerebrale Infantile. Fontanellato, 03/06/2015 A.F.P.C.I. Onlus Associazione Famiglie con Bambini con Paralisi Cerebrale Infantile Fontanellato, 03/06/2015 COS E LA PARALISI CEREBRALE INFANTILE La Paralisi Cerebrale (PCI) è l esito di una lesione del

Dettagli

Ausili per il superamento delle barriere architettoniche

Ausili per il superamento delle barriere architettoniche Ausili per il superamento delle barriere architettoniche Spesso le abitazioni private non sono completamente accessibili per coloro che si spostano con una carrozzina o che comunque hanno difficoltà nella

Dettagli

Il futuro a portata d uomo

Il futuro a portata d uomo PROGETTI ED AUSILI PER DISABILI ANZIANI E STRUTTURE PROTETTE Vi invitiamo a visitare il nostro sito internet www.miltecho.com dove troverete ulteriori informazioni e specifiche riguardanti i nostri prodotti.

Dettagli

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta LA FONDAZIONE La Fondazione L Istituto Neurologico Carlo Besta, fondato nel 1918 e classificato dal 1981 come Istituto di Ricerca e

Dettagli

TRATTAMENTI RIABILITATIVI NELLA SCLEROSI MULTIPLA: A CHE PUNTO SIAMO?

TRATTAMENTI RIABILITATIVI NELLA SCLEROSI MULTIPLA: A CHE PUNTO SIAMO? TRATTAMENTI RIABILITATIVI NELLA SCLEROSI MULTIPLA: A CHE PUNTO SIAMO? Marco Rovaris Centro SM UO Riabilitazione Neuromotoria IRCCS Santa Maria Nascente Fondazione Don Gnocchi - Milano Riduzione dei sintomi

Dettagli

Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione DATA-BANKING / STUDI GESTIONALI IL PROBLEMA DISABILITÀ

Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione DATA-BANKING / STUDI GESTIONALI IL PROBLEMA DISABILITÀ Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione icerca IL SISTEMA FIM SCALA FIM: UN SISTEMA FOMATIVO E INFOMATIVO La scala FIM-Functional Independence Meausure si presenta come un questionario

Dettagli

FONDAZIONE MOLINA Onlus -Varese CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE MOLINA Onlus -Varese CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE MOLINA Onlus -Varese CARTA DEI SERVIZI NUCLEO DI DEGENZA RIABILITAZIONE DI MANTENIMENTO La Missione La Fondazione Molina dispone di 22 posti letto di riabilitazione di mantenimento per il ricovero

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL VOUCHER PER INTERVENTI VOLTI A SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALIZZATA ALL INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL VOUCHER PER INTERVENTI VOLTI A SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALIZZATA ALL INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL VOUCHER PER INTERVENTI VOLTI A SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALIZZATA ALL INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI (modulo da compilare in stampatello) DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE

Dettagli

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it LINEE GUIDA PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI Note di carattere generale: 1. Ogni operatore dovrà essere dotato di ausili, conservati in spazi appositi e separati; 2. ogni operatore deve indossare

Dettagli

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Centro Di Riabilitazione Vaclav Vojta Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Pagina2 VEC Sommario UNITÀ DI RIABILITAZIONE DOMICILIARE 3 Destinatari 4 Capacità ricettiva e Prestazioni 4 Funzionamento

Dettagli

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE)

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE) DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE) da inviare a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno a FASIF Casella Postale 107

Dettagli

Servizi Pubblici Gratuiti 0. Cure Familiari 0. Familiare Non convivente 1. Interventi Pubblici a pagamento 2. Volontariato 2

Servizi Pubblici Gratuiti 0. Cure Familiari 0. Familiare Non convivente 1. Interventi Pubblici a pagamento 2. Volontariato 2 Colonna A Colonna B Colonna C Colonna D E F G Colonna F ADL Descrizione Valutazione PrestazionePrevalente * V.P. P. Programma Socio Assistenziale Familiare Piena mobilità domestica Richiede aiuto per alzarsi/rimettersi

Dettagli

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma Fidenza, 21 Febbraio 2013 Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche BARRIERE SOCIALI

Dettagli

Servizi Pubblici 0. Cure Familiari 0. Familiare Non convivente 1. Volontariato 2. Assistente familiare domiciliare 3

Servizi Pubblici 0. Cure Familiari 0. Familiare Non convivente 1. Volontariato 2. Assistente familiare domiciliare 3 Colonna A Colonna B Colonna C Colonna D E F G Colonna F ADL Descrizione Valutazione Prestazione Prevalente * V.P. P. Programma Socio Assistenziale Familiare Piena mobilità domestica 1 Mobilità domestica

Dettagli

Congresso regionale SIGG 2012

Congresso regionale SIGG 2012 Congresso regionale SIGG 2012 15 dicembre 2012, Brescia Università degli Studi di Brescia - Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CURE DOMICILIARI ALL ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Servizio di Adattamento degli

Dettagli

AUSILI AUSILI PER PER LA LA POSTURA POSTURA SISTEMI PER CONSENTIRE IL MANTENIMENTO DI UNA COSA SONO? POSIZIONE POSIZIONE: SISTEMI:

AUSILI AUSILI PER PER LA LA POSTURA POSTURA SISTEMI PER CONSENTIRE IL MANTENIMENTO DI UNA COSA SONO? POSIZIONE POSIZIONE: SISTEMI: AUSILI PER LA POSTURA AUSILI PER LA POSTURA Caracciolo Antonio Fisioterapista, Servizio DAT IRCCS S.Maria Nascente Fondazione Don Carlo Gnocchi, Milano SISTEMI COSA SONO? PER CONSENTIRE IL MANTENIMENTO

Dettagli

L impatto delle problematiche di accettazione dell ausilio nel percorso universitario dei corsi per TO: l esperienza di Conegliano

L impatto delle problematiche di accettazione dell ausilio nel percorso universitario dei corsi per TO: l esperienza di Conegliano L impatto delle problematiche di accettazione dell ausilio nel percorso universitario dei corsi per TO: l esperienza di Conegliano Dott. Riccardo Verza Dott. Paolo Boscarato Corso di Laurea in Terapia

Dettagli

Fisioterapia Posturologia Massoterapia Linfodrenaggio Riabilitazione. Dott.ssa. fisioterapista. Sara Vignoli

Fisioterapia Posturologia Massoterapia Linfodrenaggio Riabilitazione. Dott.ssa. fisioterapista. Sara Vignoli Fisioterapia Posturologia Massoterapia Linfodrenaggio Riabilitazione fisioterapista Dott.ssa Sara Vignoli Dott.ssa Sara Vignoli fisioterapista specializzata in posturologia Laureata nel 2010 presso l Università

Dettagli

IL RE-INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE DA LAVORO: ATTUALITA E PROSPETTIVE. L UTILIZZO DELLA CLASSIFICAZIONE ICF DELL OMS

IL RE-INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE DA LAVORO: ATTUALITA E PROSPETTIVE. L UTILIZZO DELLA CLASSIFICAZIONE ICF DELL OMS Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus IRCCS S.Maria Nascente, Milano. DISABILITA E ACCOMODAMENTO RAGIONEVOLE: DAGLI AMBIENTI DI VITA AI LUOGHI DI LAVORO IL RE-INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE DA LAVORO:

Dettagli

MODULO CENTRO DIURNO INTEGRATO ALZHEIMER OSPITALITÀ. Il/la sig. Nato/a prov. il. Residente a Prov. cap. Via. ASL di appartenenza cod.

MODULO CENTRO DIURNO INTEGRATO ALZHEIMER OSPITALITÀ. Il/la sig. Nato/a prov. il. Residente a Prov. cap. Via. ASL di appartenenza cod. Pagina 1 / 8 ALZHEIMER DOMANDA DI OSPITALITA Il/la sig. Nato/a prov. il Residente a Prov. cap. Via ASL di appartenenza cod. fiscale Cod. tessera sanitaria Coniugato vedovo Con/di n. figli: maschi femmine

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

La Comunicazione Aumentativa Alternativa. Dott.ssa Elisabetta Brancaccio elisabetta.brancaccio@gmail.com

La Comunicazione Aumentativa Alternativa. Dott.ssa Elisabetta Brancaccio elisabetta.brancaccio@gmail.com La Comunicazione Aumentativa Alternativa Dott.ssa Elisabetta Brancaccio elisabetta.brancaccio@gmail.com La C.A.A. è l'insieme di conoscenze, tecniche, strategie e tecnologie che facilitano e aumentano

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI. ~._._._._._._._. valutazione e diagnosi

PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI. ~._._._._._._._. valutazione e diagnosi ARPA Associazione Italiana per la Ricerca sulla Psicosi e l'autismo Viadel~herino,90 00193 Roma Te!. 06 6280728-06 66165298 PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI Contesto Sociale

Dettagli

Da marzo 2006 a tutt oggi. Ospedale SS Rosario di Venafro (Is) Coordinamento del territorio. Ospedale SS Rosario di Venafro

Da marzo 2006 a tutt oggi. Ospedale SS Rosario di Venafro (Is) Coordinamento del territorio. Ospedale SS Rosario di Venafro CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SAMPRATI ANGELAMARIA Indirizzo VIA PUBLIO OVIDIO N. 9 86079 VENAFRO (IS) Telefono e Cell. 0865/9046994-3476306751 Fax e-mail angelasamprati@yahoo.it Nazionalità

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

VALUTAZIONE COGNITIVA E FUNZIONALE

VALUTAZIONE COGNITIVA E FUNZIONALE REGIONE CAMPANIA ALLEGATO B S.VA.M.A. Scheda per la Valutazione Multidimensionale delle persone Adulte e Anziane (strumento per l accesso ai servizi sociosanitari di rete residenziali, semiresidenziali

Dettagli

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Allegato 1 alla D.G.R. n. 11/7 del 21.3.2006 Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Le prestazioni afferenti alla branca specialistica di medicina

Dettagli

Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale

Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale Prof. Antonino Mele Corso di Laurea in Fisioterapia Coordinatore delle attività teorico-pratiche Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale NASCITA DEI GRANDI CENTRI DI RIABILITAZIONE PER GLI

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

PIANO DELL OPERA GENERALE. RIEDUCARE LE PERSONE A VIVERE NUOVAMENTE LA PROPRIA CASA

PIANO DELL OPERA GENERALE. RIEDUCARE LE PERSONE A VIVERE NUOVAMENTE LA PROPRIA CASA La persona disabile a domicilio ( corso FAD) Primo modulo 2013-2014 ( ore 5 ) La riabilitazione respiratoria al domicilio Principali patologie, esercizi terapeutici e presidi respiratori I N T R O D U

Dettagli

Percorso Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale nella Sclerosi Laterale Amiotrofica: Esperienze e Progetti del Centro SLA dell'a.c.o.

Percorso Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale nella Sclerosi Laterale Amiotrofica: Esperienze e Progetti del Centro SLA dell'a.c.o. Percorso Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale nella Sclerosi Laterale Amiotrofica: Esperienze e Progetti del Centro SLA dell'a.c.o. San Filippo Neri Marialaura Santarelli PREMESSA La necessità di definire

Dettagli

scheda 7 Schededisupporto Sedile per vasca DESCRIZIONE

scheda 7 Schededisupporto Sedile per vasca DESCRIZIONE Sedile per vasca Sedute fisse o asportabili in materiale termoplastico rigido e/o in tubo d acciaio o alluminio rivestito in nylon. Il sedile e lo schienale possono essere a doghe di nylon oppure imbottiti,

Dettagli

F ORMATO INFORMAZIONI PERSONALI

F ORMATO INFORMAZIONI PERSONALI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MENCARINI, MASSIMO 674, Viale Città d Europa, 00144, ROMA, ITALIA Telefono +393382313090 Fax E-mail massimo.mencarini@aslromah.it,

Dettagli

SCALE DI MISURA. Strumenti di misura dell indipendenza funzionale per persone con disabilità acquisita e congenita

SCALE DI MISURA. Strumenti di misura dell indipendenza funzionale per persone con disabilità acquisita e congenita SCALE DI MISURA Strumenti di misura dell indipendenza funzionale per persone con disabilità acquisita e congenita Versione con i soli items di Cura della persona e Mobilità/Trasferimenti ad uso della S.Va.M.Di.

Dettagli

I Stadio riabilitativo: in acuzie

I Stadio riabilitativo: in acuzie MEDICINA RIABILITATIVA PROF. ROSARIO MARIA AZZOPARDI Primario di Raggruppamento Riabilitativo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Fisioterapia e Riabilitazione RIABILITAZIONE La riabilitazione

Dettagli

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali CORSO DI STUDIO IN FISIOTERAPIA CARTELLA DIDATTICO-RIABILITATIVA Anno Accademico STUDENTE SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA

Dettagli

sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia

sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia Portale SIVA sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia Banca Dati delle Esperienze Francesco, 9 anni Anna Maria Betto Fisioterapista Associazione La Nostra Famiglia - Conegliano Veneto (TV) Il protagonista

Dettagli

ATTIVITA FORMATIVE DI TIROCINIO

ATTIVITA FORMATIVE DI TIROCINIO ATTIVITA FORMATIVE DI TIROCINIO Gli OBIETTIVI del toricinio sono: formare lo studente-logopedista nella conoscenza e nella pratica degli ATTI PROFESSIONALI SPECIFICI: osservazione, valutazione, programmazione,

Dettagli

1. CONDIZIONE PERSONALE (Punteggio massimo 22)

1. CONDIZIONE PERSONALE (Punteggio massimo 22) ALLEGATO D3 - SCHEDA RILEVAZIONE BISOGNI - SAISH Municipio Roma Azienda ASL Rm/ Distretto Servizio Ai fini dell integrazione socio-sanitaria la presente scheda per la parte CONDIZIONE PERSONALE, FAMILIARE

Dettagli

BAMBINI GUIDA PER L UTENTE. www.istituto-besta.it

BAMBINI GUIDA PER L UTENTE. www.istituto-besta.it BAMBINI al BESTA GUIDA PER L UTENTE www.istituto-besta.it La Fondazione Carlo Besta è all avanguardia nello studio e nella cura dei disordini neurologici congeniti, acquisiti e geneticamente determinati

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL

FORMATO EUROPEO PER IL FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome FADANI, GABRIELLA ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) DAL AD OGGI Nome e indirizzo del datore di AUSL DI PARMA Distretto di Fidenza Tipo

Dettagli

La neuroriabilitazione e la Teleriabilitazione

La neuroriabilitazione e la Teleriabilitazione La neuroriabilitazione e la Teleriabilitazione 1 Corso di Alta Formazione Ozonoterapia nella Sclerosi Multipla Daniele Rimini William Liboni Valdellatorre 22 marzo 2014 1 Indice Riabilitazione nella Sclerosi

Dettagli

Fisioterapista Laura Caravelli scrf Moncalieri Direttore dott Gaffuri Andrea

Fisioterapista Laura Caravelli scrf Moncalieri Direttore dott Gaffuri Andrea ANZIANI MALATI NON AUTOSUFFICIENTI E/O CON DEMENZA Il diritto alle cure e la riorganizzazione delle prestazioni sanitarie e socio-sanitarie intra ed extra ospedaliere Fisioterapista Laura Caravelli scrf

Dettagli

Logopedista - Laurea in Logopedia

Logopedista - Laurea in Logopedia INFORMAZIONI PERSONALI FEDERICA PIASTRA VIA SALVATORE MORUCCI, 13, 01100 VITERBO (Italia) +39 392.97.59.085 0761.37.83.63 piastrafederica@gmail.com Sesso Femminile Data di nascita 21 OTT. 90 Nazionalità

Dettagli

SEGNALAZIONE/PROPOSTA RICOVERO HOSPICE

SEGNALAZIONE/PROPOSTA RICOVERO HOSPICE Modulo 01/HS Tel/fax 0825530341/342 Protocollo di presa d atto n. del a cura del Personale Hospice Proposta di ricovero in Hospice del Medico di Medicina Generale Medico Ospedaliero Dr/Dr.ssa Telefono

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Attività di affiancamento nel tirocinio degli studenti a partire dall a.a. 1998-99.

CURRICULUM VITAE. Attività di affiancamento nel tirocinio degli studenti a partire dall a.a. 1998-99. CURRICULUM VITAE FORNARA PATRIZIA, nata a Borgomanero (No), l 08/03/1963. Sede lavorativa A.O.U. Maggiore della Carità - Novara Distaccamento v.le P.zza D Armi 1 Palestra Servizio di Medicina Fisica Riabilitativa

Dettagli

La Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus www.dongnocchi.it

La Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus www.dongnocchi.it La Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus www.dongnocchi.it Fondata nel 1952 da don Carlo Gnocchi Founded in 1952 by don Carlo Gnocchi 3800 dipendenti + 1600 collaboratori 5400 employees 28 Centri (di cui

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA INTENSITA ASSISTENZIALE RESIDENZIALE

VALUTAZIONE DELLA INTENSITA ASSISTENZIALE RESIDENZIALE VALUTAZIONE DELLA INTENSITA ASSISTENZIALE RESIDENZIALE Sig/Sig.ra.. Punteggio A.D.L. (funzioni+mobilità) Punteggio S.P.M.S.Q. Punteggio A.Di.Co. Punteggio D.M.I. Totale L attribuzione ad una fascia di

Dettagli

Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO

Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO OGGETTO: Fondo per la non autosufficienza: interventi immediati (art. 34, comma 4 lettera a) L.R. n 2 del 29.05.2007 - Deliberazione

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE COGNOME NOME FEGGI ERALDA Professione : CPSE FISIOTERAPISTA Sede lavorativa AZ. OSPEDALIERA MAGGIORE Tel.: 03213733303 CURRICULUM CURRICULUM PROFESSIONALE La sottoscritta FEGGI ERALDA in servizio presso

Dettagli

Facilitare il sollevamento e i trasferimenti. Ft Coord P. Borrega

Facilitare il sollevamento e i trasferimenti. Ft Coord P. Borrega Facilitare il sollevamento e i trasferimenti del soggetto disabile Ft Coord P. Borrega Definizione Prevenire i danni da lavori pesanti I lavori pesanti sono una o più operazioni lavorative, che isolate

Dettagli

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina La nostra storia inizia MARZO 2007 L infermiere CASE Manager in Medicina Interna (PROGETTO FLORENCE) CASE

Dettagli

Anche vivere in un posto bellissimo.. può essere pericoloso?

Anche vivere in un posto bellissimo.. può essere pericoloso? Anche vivere in un posto bellissimo.. può essere pericoloso? Gruppo di lavoro: Barbina Paolo, Berno Andrea, Calarco Santina, Conti Adamo, Di Liello Libera, Gallo Lorenza, Giovannini Emilio, Lauletta Maria,

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale Modulo 4 Assistenza al paziente e alla famiglia nel post-ictus Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale durata: 60 h 0 di 31 Obiettivi di apprendimento della sessione descrivere la rete assistenziale

Dettagli

APPARTAMENTO DOMOTICO (Le barriere scavalcate)

APPARTAMENTO DOMOTICO (Le barriere scavalcate) rato è molto ridotto. Il sistema bus appartiene alla categoria della trasmissione via cavo. Per bus si intende una linea dati che collega i diversi dispositivi del sistema domotico e che trasmette tutte

Dettagli

Laboratorio autonomia nell autismo

Laboratorio autonomia nell autismo Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Mary Wrobel Laboratorio autonomia nell autismo Igiene, salute e sessualità Erickson

Dettagli

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA.

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA. I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA CHI E IL LOGOPEDISTA? Il Logopedista è il Professionista Sanitario che, a seguito di un percorso formativo universitario, acquisisce le competenze necessarie

Dettagli

PIANO DEGLI STUDI DEL CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (abilitante alla professione sanitaria di Fisioterapista) A.A. 2008/09

PIANO DEGLI STUDI DEL CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (abilitante alla professione sanitaria di Fisioterapista) A.A. 2008/09 PIANO DEGLI STUDI DEL CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (abilitante alla professione sanitaria di Fisioterapista) A.A. 008/09 Corso Integrato I anno I semestre (9) C.I. Bioscienze (esame[]) BIO/ Biologia

Dettagli

La Riabilitazione Medica nella fase Sub - Acuta

La Riabilitazione Medica nella fase Sub - Acuta METODOLOGIE E STRUMENTI PER LA PRESA IN CARICO DI RETE DELLE PERSONE CON ESITI DI CEREBROLESIONI ACQUISITE Rimini, 16/1/29 La Riabilitazione Medica nella fase Sub - Acuta Dott. Loris Betti Medico Fisiatra

Dettagli

Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità

Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità Corso di Alta Formazione Milano, Centro IRCCS S.Maria Nascente, via Capecelatro 66 Febbraio Aprile 2014 Organizzato dal CeFOS

Dettagli

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Adulti e Dismorfismi dell Età Evolutiva

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Adulti e Dismorfismi dell Età Evolutiva Centro Di Riabilitazione Vaclav Vojta Regolamento Dell Unità Riabilitativa Adulti e Dismorfismi Pagina2 VEC Sommario Finalità 3 Destinatari 4 Capacità ricettiva e Prestazioni 4 Funzionamento 5 Criteri

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL

FORMATO EUROPEO PER IL FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ZECCARA ENRICA Indirizzo VIA CAIROLI 36 27029 VIGEVANO (PV) ITALIA Telefono 0381-71275 cell339 2932095 E-mail enricazeccara@liberoit

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO:

SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO: All. B SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO: ANAMNESI: TIPO DI INVALIDITA' PERCECENTUALE di INVALIDITA': % INDENNITA' DI

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE Mod. DISTRETTO SOCIOSANITARIO UNITÀ DI VALUTAZIONE TERRITORIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE PAZIENTE Cognome e Nome Sesso Luogo di nascita Data di nascita Residente a Via Telefono Codice Fiscale:

Dettagli