Il medico e il mondo dell assistenza nella demenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il medico e il mondo dell assistenza nella demenza"

Transcript

1 Azienda di Servizi alla Persona A.S.P. Golgi Redaelli sede di Vimodrone Direttore medico : Antonino Frustaglia Il medico e il mondo dell assistenza nella demenza

2 Cure sicure per la persona fragile Chi è anziano fragile? E il soggetto a maggior rischio di una serie di eventi patologici sfavorevoli. E più esposto al rischio di dipendenza, malattie acute, cadute, traumi, ospedalizzazione, guarigione lenta, istituzionalizzazione, elevata mortalità. (Linda P. Field)

3 Anziano fragile:problema clinico o psicosociale? Disagi o sofferenze da presenza di una o più malattie fisiche (clinico) da un impegno mentale o psicologico consistente fino ad una compromissione cognitiva (psichica) da assenza o carenza di specifiche risorse necessarie per una normale esistenza di natura abitativa, economica spesso occulti (sociale). da deficit relazionale, culturale o dovuta alla solitudine (esistenziale).

4 La riabilitazione geriatrica Si sono aggiunti molti anni alla vita P. Francesconi, 2006

5 % Ora si deve aggiungere vita agli anni 100 Cure sicure per la persona fragile sopravvissuti Compressione della disabilità sopravvissuti autosufficienti Età P. Francesconi, 2006

6 La prevenzione della disabilità progressiva Prevenzione Primaria fumo, dieta, attività fisica Prevenzione Primaria fumo, dieta, attività fisica Prevenzione Secondaria Riabilitazione 65 anni Fragilità (inclusi esiti stabilizzati di eventi acuti) Disabilità P. Francesconi, 2006

7 Cure sicure per la persona fragile Il circolo vizioso della fragilità Comorbidità cronicodegenerativa Sarcopenia e debolezza Ridotta attività fisica Disabilità Ridotto introito nutrizionale Fried LP, Tangen CM, Walston J, et al Frailty in older adults: evidence for a phenotype. J Gerontol A Biol Sci Med Sci P. Francesconi, 2006

8 Cure sicure per la persona fragile La prevenzione della disabilità Comorbidità cronicodegenerativa Sarcopenia e debolezza Ridotta attività fisica Disabilità Ridotto introito nutrizionale Nutrizione appropriata

9 La sarcopenia è elemento centrale e punto di arrivo comune di diversi deficit

10 Sarcopenia come fattore di rischio È un determinante maggiore di fragilità e disabilità Taekema DG. Age Ageing 2010;39:331-7 Rantanen T. Aging Clin Exp Res 2002;14:10-5 Semba RD. J Gerontol A 2006;61:594-9 È indipendentemente associata a mortalità nell anziano Muscaritoli M. Clin Nutr 2010;29: Ling CH. CMAJ 2010;182: Cooper R. BMJ 2010;341:c4467 L inflammaging e lo stress ossidativo secondario alla disfuzione mitocondriale (processi che comunemente contribuiscono all invecchiamento muscolare) sono induttori potenti di apoptosi dei miociti del muscolo striato Marzetti E. Mech Ageing Dev 2008;129:542-9 Marzetti E. Mech Ageing Dev 2009;130:272-80

11 La Valutazione Multidimensionale L assement geriatrico è una metodologia diagnostica, multidimensionale ed interdisciplinare, atta ad identificare i problemi clinici, funzionali e psicosociali di un anziano al fine di sviluppare un piano complessivo di trattamento e cura L.Z. Rubenstein

12 Index of indipendence in Activies of Daily Living A.D.L. dip. aut Fare il bagno 0 1 Vestirsi 0 1 Toilette 0 1 Spostarsi 0 1 Continenza feci e urine 0 1 Alimentazione 0 1 TOTALE.. / 6 6/6 autonomia totale 0/6 dipendenza tot.

13

14 I.A.D.L. Instrumental Activites of Daily Living dip. aut Abilità uso telefono 0 1 Fare la spesa 0 1 Preparare pasti 0 1 Cura della casa 0 1 Fare il bucato 0 1 Spostamenti fuori casa 0 1 Assunzione farmaci 0 1 Uso denaro 0 1 TOTALE.. / 8 8/8 autonomia totale 0/8 dipendenza tot.

15 Indice di Barthel Igiene personale Fare il bagno Alimentarsi Usare W.C. Salire scale Vestirsi Controllare alvo Controllare vescica Deambulare Sedia a rotelle * Passaggio sedia -letto Totale Incapace insicuro aiuto aiuto minimo indipendente * Da utilizzare solo se deambulante ha punteggio * 15 /100

16 M.M.S.E. Aree indagate Punteggio max Orientamento Data, giorno, mese, stagione, anno 5 Nazione. 5 Memoria recente Casa pane gatto 3 Attenzione e calcolo (100-7) 5 Richiamo alla memoria Ricorda 3 oggetti 3 Linguaggio Identificaz. Matita e orologio 2 Non c è se ne ma che tenga 1 Prenda un foglio lo pieghi. 3 Esecuzione comandi Chiudi gli occhi 1 Scrivere frase di senso compiuto 1 Copia di disegno (pentagoni incrociati) 1 Punteggio max 30/30 >24/30 normale; < 24 deficit cognitivo

17 Cure sicure per la persona fragile Prevenzione degli esiti della fragilità Prevenzione delle cadute Prevenzione delle reazioni avverse da farmaci Aumento graduale del livello di attività fisica Migliorare forza, elasticità, tolleranza muscolare e stimolare nutrizione adeguata Esercizio fisico aumenta 17% metabolismo basale

18 Soluzioni possibili alla criticità socio-sanitaria Costruire una rete di servizi di assistenza continuativa, fortemente integrata Realizzare progetti di assistenza differenziati

19

20 Cosa è il voucher socio-sanitario? Nasce per creare un ponte fra casa e RSA, si fonda sul binomio infermiere-asa/ota/oss e sulla disponibilità della famiglia e del MMG E una parte di ADI ed è a totale carico del SSN -Regione-ASLper qualsiasi reddito C. Dotti, 2005

21 Cause della criticità socio-sanitaria allungamento della speranza di vita riduzione delle nascite revisione razionale della distribuzione delle risorse sociali e sanitarie sistema sanitario basato sull ospedale come unico centro dove si affrontano tutti i problemi salute inadeguato alle esigenze peculiari di anziani

22 Cosa sono il buono e il voucher sociali? Buono sociale un contributo economico in denaro per compensare la famiglia che accudisce una persona fragile Voucher sociale un contributo economico come assegno per comprare prestazioni sociali a domicilio da operatori accreditati (pasti pronti, lavanderia, pulizia della casa ecc) Ogni Comune può dare cifre diverse con diverse soglie di reddito C. Dotti, 2005

23 Regione Lombardia Anno 2004 Ricorso ai servizi al variare di età e condizioni eta Assistiti "Sani" Solo MMG Solo a domicilio Ospedale + Domicilio Solo Ospedale o IDR RSA + Domicilio RSA + Ospedale Solo RSA RSA + Ospedale + Domicilio over C. Dotti, 2005

24 Quali sono le unità d offerta per assistere l anziano fragile? E come orientarsi?

25 Unità Valutativa Alzheimer (UVA). Sono state istituite prevalentemente all interno di Ospedali generali ove presente una neurologia e in strutture riabilitative assistenziali ove presenti geriatri, neurologi o psichiatri. Il compito è quello di definire uno screening nei malati inviati su proposta del MMG (con richiesta mutualistica a carico del SSN ove vi sia la presenza di una convenzione).

26 U.V.A. All interno di esso, pur in diverse declinazioni locali, si cerca di eseguire un inquadramento del livello di gravità attraverso un colloquio con paziente e parenti, una visita specialistica, la somministrazione di alcuni tests di orientamento ritenuti utili dall equipe valutativa (Mini Mental State Examination MMSE-, test dell Orologio, Geriatric Depression Scale GDS-, ecc. ).

27 U.V.A. La valutazione dovrebbe essere quanto più possibile multidisciplinare con l apporto di diverse professionalità (es: Geriatra, Psicologo e Infermiere Professionale senza escludere altre figure di supporto). E importante la presenza, se possibile, del MMG

28 Una volta definito l inquadramento clinicodiagnostico prescrivendo anche esami clinici (funzionalità tiroidea, Folati, B12, ecc.) e strumentali di approfondimento (T.C. o RNM, ecc.) si elabora un documento che orienta il MMG su quali possibili interventi si possono realizzare al domicilio (Piani terapeutici farmacologici specifici, interventi presso strutture rispondenti, strategie relazionali della famiglia, programmazione di una protesi ambientale per aiutare il paziente e la famiglia) o con il supporto di altri luoghi di cura territoriali o istituzionali.

29 Di norma l UVA è il primo nodo della rete cui accedono i malati ed i loro parenti. La qualità di questo primo servizio è strategico per l impostazione delle successive cure. Il MMG può favorire la preparazione del Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) programmando una serie di esami suggeriti dalle Linee Guida di Neurologia (2004) che comprendono: TAC cranio senza mdc o RM encefalo per i casi di età inferiore ai 75 anni o con disturbi sensitivo-motori; ECG; esami ematici per escludere demenze secondarie (emocromo, VES, sodio, potassio, calcio, glicemia, creatinina, ALT, GammaGT, elettroforesi proteica, colesterolo totale, dosaggio Vitamina B12, Acido Folico, TSH).

30 Centri Diurni (CD) Sono strutture disposte sul territorio finalizzate ad accogliere anziani con lieve disabilita motoria, funzionale e cognitiva (di solito MMSE > 14/30). Vengono accompagnati dai parenti (si suppone che preferibilmente abbiano delle figure di supporto a domicilio). Nel CD si svolgono attività di intrattenimento, socializzazione e riattivazione funzionale e motoria. Sono solitamente a gestione privata o pubblica (Comune). L accesso può essere con orari differenziati secondo le necessità locali con ingresso al mattino e uscita nel pomeriggio. E prevista la consumazione del pasto in sede.

31 Centri Diurni Integrati (CDI) Sono strutture con caratteristiche simili al CD ma adiacenti a Centri Istituzionali come RSA o Istituti di riabilitazione. Rispetto ai CD presentano l integrazione della valenza sanitaria con la presenza periodica di un medico (es: Geriatra) per eventuali controlli sanitari estemporanei e di un infermiere per il controllo dei parametri vitali ed eventuale supervisione sulle terapie farmacologiche.

32 Centri Diurni Alzheimer (CDA) Hanno le stesse caratteristiche del CD ma sono dedicati alle problematiche emergenti dei malati di Alzheimer con capacità di accogliere specificamente persone con deficit cognitivo senza elevati problemi comportamentali.

33 Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) E un servizio offerto dall ASL ai pazienti non autosufficienti. E attivata dal MMG, secondo criteri stabiliti dall ASL ed è di supporto nonché di sostegno infermieristico e riabilitativo a domicilio. La frequenza e la durata degli interventi è proposta dal MMG all ASL che ne determina l attivazione attraverso Enti Erogatori di fiducia (Cooperative, Fondazioni, ecc.). Il MMG ha il compito di controllare periodicamente le condizioni cliniche del paziente a domicilio.

34 Centri Multiservizi Anziani (CMA) Sono servizi domiciliari offerti dai Servizi Sociali del Comune. Vengono attivati dietro richiesta dei parenti o del paziente stesso e sono soggetti a contribuzione economica secondo le fasce di reddito accertate. Prevedono l intervento di operatori Socio-Sanitari per l igiene alla persona l aiuto alla preparazione dei pasti e il supporto per il disbrigo di faccende domestiche, aiuto a fare la spesa e/o accompagnamento nell effettuazione di pratiche amministrative in assenza di figure parentali. Si rivolge ad anziani parzialmente autosufficienti o non autosufficienti con figure familiari di riferimento.

35 Cafè Alzheimer E un luogo di incontro periodico circa mensile che si effettua prevalentemente presso RSA o Istituti di Riabilitazione. E condotto in genere dallo staff di cura della struttura ed è finalizzato a sensibilizzare il pubblico, i parenti ed i pazienti sulla malattia di Alzheimer nelle varie fasi. E un momento di sollievo, sostegno psicologico, di formazione e aiuto relazionale oltre che di confronto sulle problematiche tecniche e affettive.

36 Cafè Alzheimer Il MMG, se tenuto al corrente di iniziative nella propria zona, può invitare pazienti e parenti a partecipare per conoscere tutte le dimensioni del problema specifico.

37 Day Hospital (DH) E un luogo di cura diurno correlato ad una struttura sanitaria o socio-sanitaria nel quale per ogni paziente, dietro proposta del MMG, dopo una visita preliminare di un Geriatra dell équipe segue un programma integrato di cure riabilitative (massoterapia, FKT, fisioterapie ecc.). Può accogliere malati di Alzheimer con forme molto lievi (es: MMSE > 20/30).

38 Istituti di Riabilitazione (IR) Sono strutture specifiche per il recupero funzionale e motorio di malati affetti da esiti di problemi neuromotori (ictus, m. Parkinson, ecc), ortopedici (esiti di fratture di anca, arti e crolli vertebrali) o in specifiche di altre patologie secondo i luoghi. Effettuano ricoveri in fase postacuta con una riabilitazione intensiva ma possono intervenire con un ricovero riabilitativo di tipo Generale o Geriatrico quando il malato oltre all evento indice presenta una serie di comorbilità associate di un certo rilievo che ne condizionano il recupero funzionale e motorio.

39 Inoltre, è possibile, in alcune di esse, avere un ricovero in Riabilitazione di Mantenimento quando si prevedono solo piccoli recuperi funzionali o quando serve un breve periodo (1-2 mesi) di sollievo familiare ad un carico domiciliare eccessivo. Si sta configurando una nuova definizione per questo tipo di ricovero che rientra sotto il nome di cure intermedie.la proposta di ricovero viene attivata dal MMG.

40 Strutture di Riabilitazione Alzheimer In realtà sono reparti dedicati specificamente ad assistere attraverso una riabilitazione cognitiva comportamentale i malati in fase medio-grave (MMSE<14/30).

41 Centri Alzheimer Sono centri che comprendono reparti di ricovero dedicati a malati affetti da m. di Alzheimer con adiacenti altri tipi di servizi come CD, UVA, ecc. Presentano la specificità di essere orientati ai disturbi cognitivi con interessamento del comportamento (irrequietezza, ansia, agitazione, deliri, allucinazioni, insonnia, inversione del ritmo sonno-veglia, wandering, ecc). Possono essere richiesti dal MMG

42 Ciclo Diurno Continuo (CDC) E una delle declinazioni dell assistenza diurna. Simile al Day Hospital se ne differenzia per l intervento nella cronicità delle patologie e quando serve un intervento e un supporto globale funzionale o motorio per un lungo periodo e per un numero di ore maggiore della mezza giornata.

43 Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) Le RSA sono il luogo di vita dove gli anziani parzialmente o totalmente non autosufficienti possono trovare una casa adeguata da abitare stando in comunità per essere curati secondo la loro patologia. Esistono anche RSA per autosufficienti che, solitamente prendono il nome di Case- Albergo.

44 L impostazione di una RSA segue solo per alcuni aspetti la componente sanitaria in quanto è presente un medico, del personale infermieristico, personale Socio-Sanitario e terapisti della riabilitazione. In realtà, accanto a queste figure ruota una costellazione di persone con diverse funzioni (consulenti specialisti, psicologi, animatori, arte terapisti, logoterapisti, terapisti occupazionali, musicoterapeuti, danzaterapeuti, ecc.).

45 E importante nello stile di lavoro l utilizzo della valutazione multidisciplinare detta da alcuni Unità Valutativa Geriatrica (UVG) per trovare insieme quali sono i bisogni cui rispondere. Di norma si riunisce circa settimanalmente. In essa si condivide la propria competenza ed esperienza ai collaboratori per trovare insieme un Piano Assistenziale Individuale (PAI) che ciascuno seguirà secondo il progetto e la propria competenza.

46 RSA Aperta E una esperienza recente voluta dalla Regione Lombardia (DGR 856) per estendere le unità di offerta in favore dei malati di Alzheimer. Si tratta sostanzialmente di un buono (Vaucher di 500 mese) per un massimo di 6 mesi che la famiglia, in accordo con l ASL, può utilizzare per diversi tipi di servizi come ricoveri temporanei, ricoveri diurni, assistenza specifica domiciliare, consulenze con Geriatri Neurologi Psicologi ed altri Esperti ritenuti utili per aiutare l ammalato (e la famiglia).

47 Sono incluse le possibilità di avere un operatore socio sanitario e/o una badante all interno del tetto di spesa programmata. Questa iniziativa ha pochi mesi di vita e deve essere ancora tarata su tutte le potenzialità. Può essere attivata dalla famiglia che la propone all ASL di residenza del paziente.

48 Associazioni di Volontariato attive a domicilio o in istituzioni Associazioni come Unione Samaritana, AVO, AMI, ecc alcune di ispirazione confessionale altre più esplicitamente laiche sono basate sul volontariato col compito di assistere, sollevare psicologicamente il malato ancor più in assenza di parenti. A volte aiutano al trasporto delle carrozzine e nel preparare il malato all assunzione dei pasti. Altre volte fanno compagnia e lo ascoltano e lo intrattengono

49 Associazioni specifiche Tra le diverse associazioni ne ricordiamo le più note che, specificatamente, si sono sempre dedicate volontariamente ai malati di Alzheimer ed ai loro familiari. Federazione Alzheimer Italia (AI) e Associazione Italiana Malati Alzheimer (AIMA). Fondazione Manuli Sostengono spesso le iniziative pubbliche che parlano, informano o si occupano di questa malattia.

50 RETE DEI SERVIZI INTEGRATI M.M.G A.D.I. CURE PALIATIVE PAZIENTE OSPEDALE DH M.S.A. I.D.R. R.S.A.

51 Questo è tutto per l assistenza al malato di Alzheimer? Può fare qualcos altro il Medico di Medicina Generale?

52 PERDITA DI MEMORIA, DISORIENTAMENTO E CONFUSIONE NON SONO CONSEGUENZE INEVITABILI DELL INVECCHIAMENTO MA LEGATI AL NOSTRO STILE DI VITA E ALL ALIMENTAZIONE Demenze: vascolari, degenerative e miste. Le demenze vengono spesso anticipate dal cosiddetto Mild Cognitive Impairment (MCI) ossia, un leggero calo di prestazioni in diverse funzioni cognitive in particolare legate alla memoria, all'orientamento o alle capacità verbali. La demenza vascolare è dovuta a rottura o ischemia di piccoli vasi cerebrali. Negli anziani possono essere anche silenti. T.C. Campbell: The China Study.pag La malattia di Alzheimer (degenerativa) è comune (1% della pololazione > di 65 aa abbia questa malattia e raddoppia ogni 5 anni. * *Talan, J. Alzheimer s diagnoses can be two years late Ithaca Journal,p. 8.A 2001.

53 L MCI conduce alla demenza più grave ed è associato alle malattie cardiovascolari*, all ictus** e al diabete tipo 2 *** *-Bretler,M.M.B., Claus, J.J., Grobbee,D.E., et al. Cardiovascular desease and distribution of cognitive function in the elderly people: the Rotterdam Study. Brit.Med. Journ., vol 308, 1994, pp Spark, D.L., Martin T.A., Gros, D.R., et al. Link between heart desease, cholesterol and Alzheimer s disease: a review., Microscopy Res Tech. Vol 50, 200. pp **-Slooter,A.J. Tang, M.X., van Duijn, C.M., et al. Apolipoprotein E e4 and risck of dementia with stroke. A population based investigation JAMA, vol pp ***-Messier, C. e Gagnon N., Glucose regulationand cognitive functions: relation to Alzhemer s disease and diabetes Behav. Brain. Res. Vol 75, 1996, pp Ott, A., Stolk, R.P. Hofman, A. Et al. Association of diabetes mellitus and dementia: the Rotterdam Study. Diabetologia vol. 39, 1996, pp

54 Tutte le malattie si concentrano nelle stesse popolazioni e spesso nelle stesse persone. Indica che hanno in comune alcuni fattori di rischio. L ipertensione è uno di questi fattori. * L ipercolesterolemia endogena è un altro fattore # *-Bretler,M.M.B., Claus, J.J., Grobbee,D.E., et al. Cardiovascular desease and distribution of cognitive function in the elderly people: the Rotterdam Study. Brit.Med. Journ., vol 308, 1994, pp Kannel,W.B., Wolf,PA., Verter, J. Et al. Epidemiologic assessment of the role of blood pressure in stroke,jama, Vol 214, 1970, pp Launer, L.J., Masaki, K., Petrovitch, H., et al.: The association between midlife blood pressure levelsand late-life cognitive function, JAMA, vol 274, 1995, pp # -Spark, D.L., Martin T.A., Gros, D.R., et al. Link between heart desease, cholesterol and Alzheimer s disease: a review., Microscopy Res Tech. Vol 50, 200. pp

55 Il 10-20% di soggetti con indebolimento cognitivo (Mild Cognitive Impairment -MCI) presentano evoluzione verso forme più gravi di demenza* 1-2% dei soggetti non affetti da MCI viene colpito da m. Alzheimer** *Petersen, RC, Smith, G.E., Waring, S.C., et al. : Mild Cognitive Impairment Arch. Neurol. Vol. 56, pp

56 La quantità di radicali liberi accumulati devastano le funzioni cerebrali in età avanzata. L uso di antiossidanti ha effetto protettivo. Gli alimenti di origine animale sono privi di scudi antiossidanti e tendono ad attivare la produzione di radicali liberi e di danno cellulare. Inoltre vi sono geni che possono aumentare il rischio cognitivo.* *Haan, M.N., Shemanski, L., Jagust, W.J. Et al., The role of APOE e4 in modulating effects of other risck factors for cognitive decline in elderly persons JAMA, vol 282, 1999, pp.40-46

57 Gli uomini nippo-americani che vivono nelle Hawaii presentano un tasso di m. di Alzheimer superiore a quello dei giapponesi che vivono in Giappone White, L., Petrovitch, H., Ross, G.W., Masaki, K.H., Abbott, R.D., Teng, E.L., Rodriguez, B.L., Blanchette, P.L., Havilik, R., Wergowske, G., Chiu,D., Foley, D.J., Murdaugh, C. e Curb, J.D. prevalence of dementia in older Japanese-American men in Hawaii. The Honolulu Asia Aging Study, JAMA, vol 276, pp

58 I nativi africani hanno tassi di demenza e di m. di Alzheimer sensibilmente inferiori a quelli degli afroamericani dell Indiana. Hendrie, H.C., Ogunniyi, A., Hall, K.S. et al. Incidence of dementia and Alzheimer Disease in 2 communities: Yoruba residing in Ibadan, Nigeria, and African Americans residing in Indianapolis, Indiana, JAMA, vol 285, 2001, pp

59 In tutto il mondo i modelli di diffusione dei disturbi cognitivi sembrano simili a quelli di altre malattie occidentali. I tassi di Alzheimer sono inferiori nelle aree meno sviluppate. Chandra, V., Pandav, R., Dodge, H.H. et al., Incidence of Alzheimer disease in rural community in India: the Indo-U.S. Study. Neurology, vol. 57, 2001, pp

60 Il confronto tra tassi di Alzheimer con le variabili alimentari in 11 paesi diversi ha rilevato che le popolazioni con elevato consumo di grassi e ridotto consumo di cereali presentano i più alti tassi di malattia* *- Grant, W.B. Dietary links to Alzheimer s disease: 1999 Update, J. Alzheimer s disease, vol 1, 1999, Grant, W.B., Incidence of dementia and Alzheimer disease in Nigeria and the United States. JAMA, vol. 285, 2001, p

61 Alti livelli di Vitamina E nel sangue (effetto antiossidante) sono in relazione con la minor perdita di memoria* Vitamina E misurata in modo selettivo poiché viene trasportata nel sangue dai lipidi. Significa che talvolta un livello elevato di vitamina E può essere dovuto a elevati livelli di lipidi nel sangue. * Perkins, P., Am. J. Epidemiol. Vol 150, 1999, pp

62 Vitamina E associata a Vitamina C e Selenio (antiossidanti) riducendo l attività dei radicali liberi sono in relazione con la minor perdita di memoria Perkins, P., Am. J. Epidemiol. Vol 150, 1999, pp Nello studio emerge la tendenza dose-risposta inversa (elevati livelli di antiossidanti nel sangue associata a minor perdita di memoria) è significativa.

63 Studio di Ortega e coll. su 260 anziani (età aa) Una dieta con basso tenore di grassi saturi e colesterolo con carboidrati fibre, vitamine (> folati, vit. C, vit. E e betacaroteni), Sali minerali (Fe, Zn) migliora lo stato generale e la funzione cognitiva Ortega, R.M., Requejo,A.M., Andres, P. et al. Dietary intake and cognitive function in a group of elderly people, Am.J. Clin. Nutr., vol 66,1997, pp

64 Bassi livelli di vit. C nel sangue sono correlati a minori prestazioni cognitive in tarda età.* *- Gale, C.R., Martyn,C.N. e Cooper, C., Cognitive impairment and mortality in a cohort of elderly people, Brit. Med. Journ., vol. 312, 1996, pp Goodwin,J.S., Goodwin, J.M., Garry,P.J., Association between nutritional status and cognitive functioning in a healthy elderly population, JAMA, vol. 249, 1983, pp

65 Le vitamine del gruppo B tra cui il betacarotene# sono associate a una miglior funzione cognitiva* *- Goodwin,J.S., Goodwin, J.M., Garry, P.J., Association between nutritional status and cognitive functioning in a healthy elderly population, JAMA, vol. 249, 1983, pp # - Jama,J.W., Launer, L.J., Witteman, J.C.M. et al Dietary antioxidants and cognitive function in a population based sample of older persons: the Rotterdam Study, Am. J. Epidemiol. Vol. 144, 1996, pp

66 Diversi studi sperimentali su animali confermano la utilità degli alimenti vegetali spiegando i meccanismi d azione. - Martin, A, Prior, R Shukitt-Hale,B. et al. Effect of fruits, vegetables or vitamin E-rich diet on vitamins E and C distribution in peripherial and brain tessues: implications for brain function, J. Gerontology, vol. 55A 2000, pp. B Joseph, J.A., Shukitt-Hale, B. Denisova, N.A. et al. Reversals of agerelated declines in neuronal signal transduction, cognitive and motor behavioral deficits with bluberry, spinach, or strawberry dietary supplementation, J. Neurosc., vol 19, 1999, pp

67 Nessun studio ha dimostrato che un maggior consumo di antiossidanti alimentari favorisce la perdita di memoria.

68 La demenza prodotta dagli stessi problemi vascolari che portano all ictus è chiaramente influenzata dall alimentazione. Dallo Studio Framingham ogni 3 porzioni^ supplementari di frutta e verdura al giorno il rischio di ictus si riduce del 22%. * *- Gillman,M.W., Cupples, L.A., Gagnon, D. et al, Prospective effect of fruits and vegetables on development of stroke in men, JAMA, vol 273, 1995, pp ^ Una porzione corrisponde a ½ tazza di pesche, ¼ tazza di salsa di pomodoro, ½ tazza di broccoli o 1 patata. Nello studio i pazienti ne mangiavano 19 porzioni al giorno! La riduzione del rischio può arrivare al 100%.

69 La salute delle arterie e dei vasi che portano il sangue al cervello e alle altre parti del corpo dipende dalla alimentazione. Studio su 5000 anziani monitorati per 2 anni sul loro consumo alimentare conclude : Chi assume più grassi totali e saturi corrono maggior rischio di demenza dovuta a problemi vascolari. Kalmijn, S., Launer, L.J., Ott, A. et al. Dietary fat intake and the risk of incident dementia in the Rotterdam Study, Ann. Neurol., vol. 42, 1997, pp

70 M. di Alzheimer e cardiopatie sono correlate con la dieta come se avessero in comune le stesse cause* Sappiamo quali sono le cause della cardiopatia ischemica e sappiamo che la miglior speranza per farle regredire è la dieta *- Spark, D.L., Martin T.A., Gros, D.R., et al. Link between heart desease, cholesterol and Alzheimer s disease: a review., Microscopy Res Tech. Vol 50, 200. pp

71 Studi su animali dimostrano che la dieta a elevato livello di colesterolo favorisce la produzione di beta-amiloide comune nell Alzheimer. * *- Spark, D.L., Martin T.A., Gros, D.R., et al. Link between heart desease, cholesterol and Alzheimer s disease: a review., Microscopy Res Tech. Vol 50, 200. pp

72 Uno studio su 5000 persone ha rilevato che una maggior assunzione di grassi alimentari e colesterolo tende ad aumentare il rischio di M. Alzheimer nello specifico e di demenza in generale*. *-Kalmijn, S., Launer, L.J., Ott, A. et al. Dietary fat intake and the risk of incident dementia in the Rotterdam Study, Ann. Neurol., vol. 42, 1997, pp

73 Il rischio di ammalarsi di m. Alzheimer è 3,3 volte maggiore fra i soggetti i cui livelli di acido folico nel sangue sono compresi nel terzile inferiore e 4,5 volte superiore quando i livelli di omocisteina nel sangue sono nel terzile superiore.* *- Clark, R., Smith, D., Jobs, K.A. et al, Folate, vitamin B12 and serum total homocysteine levels in confirmed Alzheimer disease Arch. Neurol., vol.55, 1998, pp

74 L acido folico è derivato esclusivamente da cibi vegetali come ortaggi a foglia verde L omocisteina è un amminoacido che deriva principalmente dalle proteine animali. * *- McCully, K.S., Homocysteine theory of arteriosclerosis: development and current status in Gotto,A.M. Jr. e Paoletti, R., Atherosclerosis Reviews, vol. 11, pp , Raven Press, New York, 1983.

75 Malnutrizione e anziano AMIDI + PROTEINE : NO Ingestione alimento a base di amido (pasta cereali, patate, castagne, ecc.) Associato a proteine (latticini, formaggi, uova, carne, noci, ecc. ) ad esempio il panino con salumi o formaggio. Che succede?

76 Amidi + proteine : no Ingestione congiunta di amidi e proteine stimola lo stomaco ad una acidità che arresta la digestione degli amidi (ph 6). La massa degli amidi frena la secrezione di acido cloridrico e rende meno rapida l attivazione della pepsina (ph 1,5-3,5) che rallenta o interrompe la digestione delle proteine. Lo stomaco cerca di produrre più acido cloridrico e il pancreas secerne enzimi Proteolitici. Le proteine vegetali sono le più compatibili.

77 Amidi + proteine : no Amidi iniziano digestione in bocca (ph neutro o lievem. acido ove agisce la ptialina) lo stomaco, in presenza di amidi, mantiene valori che permettono l attività della ptialina (ph 6-7). La digestione delle proteine inizia nello stomaco grazie all azione del pepsinogeno e dell acido cloridrico che lo trasforma in pepsina. Per elaborare le proteine occorre > ambiente acido.

78 Amidi + proteine : no Ne derivano processi di fermentazione (degli amidi) > ac. Acetico, alcool etilico, CO2, con iperacidità e gonfiori. E putrefazione (delle proteine) > nell intestino provoca >fenolo, indolo, scatolo, putrescina e idrogeno solforato Sono tossine in parte assorbite dall organismo. Con consumo di energia per eliminarle. Se consumate vicine, iniziare con proteine (base stomaco acida) e dopo ingerire gli amidi (alta meno acida)

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Dal deterioramento psico-cognitivo alle demenze: www.demenzemedicinagenerale.net. Proposta per un modello operativo/formativo per la Medicina Generale

Dal deterioramento psico-cognitivo alle demenze: www.demenzemedicinagenerale.net. Proposta per un modello operativo/formativo per la Medicina Generale Alessandro Pirani 1, Lucia Benini 2, Rita Marchi 2, Bruno Franco Novelletto 3, Riccardo De Gobbi 3 1 MMG, AUSL FE, SIMG, Ferrara, Centro Delegato Disturbi Cognitivi, Distretto Ovest, AUSL Ferrara; 2 MMG

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie

L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie COOPERATIVA SOCIALE SRL - ONLUS L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie in collaborazione con: Regione Lombardia ASL Bergamo associazione di volontariato senza scopo di lucro ASSOCIAZIONE

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

IL CERVELLO CHE INVECCHIA

IL CERVELLO CHE INVECCHIA IL CERVELLO CHE INVECCHIA Conoscere per affrontare al meglio il declino cognitivo i quaderni della salute 2 a cura dell Assessorato alla Salute INDICE il cervello che invecchia pag 02 Quali norme comportamentali

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Un po di terminologia

Un po di terminologia La classificazione dei pazienti: non solo DRGs Un po di terminologia Dati: simboli con cui si rappresenta la realtà (numeri, date, caratteri, intere parole). Codifica: è la rappresentazione sintetica del

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli