Il medico e il mondo dell assistenza nella demenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il medico e il mondo dell assistenza nella demenza"

Transcript

1 Azienda di Servizi alla Persona A.S.P. Golgi Redaelli sede di Vimodrone Direttore medico : Antonino Frustaglia Il medico e il mondo dell assistenza nella demenza

2 Cure sicure per la persona fragile Chi è anziano fragile? E il soggetto a maggior rischio di una serie di eventi patologici sfavorevoli. E più esposto al rischio di dipendenza, malattie acute, cadute, traumi, ospedalizzazione, guarigione lenta, istituzionalizzazione, elevata mortalità. (Linda P. Field)

3 Anziano fragile:problema clinico o psicosociale? Disagi o sofferenze da presenza di una o più malattie fisiche (clinico) da un impegno mentale o psicologico consistente fino ad una compromissione cognitiva (psichica) da assenza o carenza di specifiche risorse necessarie per una normale esistenza di natura abitativa, economica spesso occulti (sociale). da deficit relazionale, culturale o dovuta alla solitudine (esistenziale).

4 La riabilitazione geriatrica Si sono aggiunti molti anni alla vita P. Francesconi, 2006

5 % Ora si deve aggiungere vita agli anni 100 Cure sicure per la persona fragile sopravvissuti Compressione della disabilità sopravvissuti autosufficienti Età P. Francesconi, 2006

6 La prevenzione della disabilità progressiva Prevenzione Primaria fumo, dieta, attività fisica Prevenzione Primaria fumo, dieta, attività fisica Prevenzione Secondaria Riabilitazione 65 anni Fragilità (inclusi esiti stabilizzati di eventi acuti) Disabilità P. Francesconi, 2006

7 Cure sicure per la persona fragile Il circolo vizioso della fragilità Comorbidità cronicodegenerativa Sarcopenia e debolezza Ridotta attività fisica Disabilità Ridotto introito nutrizionale Fried LP, Tangen CM, Walston J, et al Frailty in older adults: evidence for a phenotype. J Gerontol A Biol Sci Med Sci P. Francesconi, 2006

8 Cure sicure per la persona fragile La prevenzione della disabilità Comorbidità cronicodegenerativa Sarcopenia e debolezza Ridotta attività fisica Disabilità Ridotto introito nutrizionale Nutrizione appropriata

9 La sarcopenia è elemento centrale e punto di arrivo comune di diversi deficit

10 Sarcopenia come fattore di rischio È un determinante maggiore di fragilità e disabilità Taekema DG. Age Ageing 2010;39:331-7 Rantanen T. Aging Clin Exp Res 2002;14:10-5 Semba RD. J Gerontol A 2006;61:594-9 È indipendentemente associata a mortalità nell anziano Muscaritoli M. Clin Nutr 2010;29: Ling CH. CMAJ 2010;182: Cooper R. BMJ 2010;341:c4467 L inflammaging e lo stress ossidativo secondario alla disfuzione mitocondriale (processi che comunemente contribuiscono all invecchiamento muscolare) sono induttori potenti di apoptosi dei miociti del muscolo striato Marzetti E. Mech Ageing Dev 2008;129:542-9 Marzetti E. Mech Ageing Dev 2009;130:272-80

11 La Valutazione Multidimensionale L assement geriatrico è una metodologia diagnostica, multidimensionale ed interdisciplinare, atta ad identificare i problemi clinici, funzionali e psicosociali di un anziano al fine di sviluppare un piano complessivo di trattamento e cura L.Z. Rubenstein

12 Index of indipendence in Activies of Daily Living A.D.L. dip. aut Fare il bagno 0 1 Vestirsi 0 1 Toilette 0 1 Spostarsi 0 1 Continenza feci e urine 0 1 Alimentazione 0 1 TOTALE.. / 6 6/6 autonomia totale 0/6 dipendenza tot.

13

14 I.A.D.L. Instrumental Activites of Daily Living dip. aut Abilità uso telefono 0 1 Fare la spesa 0 1 Preparare pasti 0 1 Cura della casa 0 1 Fare il bucato 0 1 Spostamenti fuori casa 0 1 Assunzione farmaci 0 1 Uso denaro 0 1 TOTALE.. / 8 8/8 autonomia totale 0/8 dipendenza tot.

15 Indice di Barthel Igiene personale Fare il bagno Alimentarsi Usare W.C. Salire scale Vestirsi Controllare alvo Controllare vescica Deambulare Sedia a rotelle * Passaggio sedia -letto Totale Incapace insicuro aiuto aiuto minimo indipendente * Da utilizzare solo se deambulante ha punteggio * 15 /100

16 M.M.S.E. Aree indagate Punteggio max Orientamento Data, giorno, mese, stagione, anno 5 Nazione. 5 Memoria recente Casa pane gatto 3 Attenzione e calcolo (100-7) 5 Richiamo alla memoria Ricorda 3 oggetti 3 Linguaggio Identificaz. Matita e orologio 2 Non c è se ne ma che tenga 1 Prenda un foglio lo pieghi. 3 Esecuzione comandi Chiudi gli occhi 1 Scrivere frase di senso compiuto 1 Copia di disegno (pentagoni incrociati) 1 Punteggio max 30/30 >24/30 normale; < 24 deficit cognitivo

17 Cure sicure per la persona fragile Prevenzione degli esiti della fragilità Prevenzione delle cadute Prevenzione delle reazioni avverse da farmaci Aumento graduale del livello di attività fisica Migliorare forza, elasticità, tolleranza muscolare e stimolare nutrizione adeguata Esercizio fisico aumenta 17% metabolismo basale

18 Soluzioni possibili alla criticità socio-sanitaria Costruire una rete di servizi di assistenza continuativa, fortemente integrata Realizzare progetti di assistenza differenziati

19

20 Cosa è il voucher socio-sanitario? Nasce per creare un ponte fra casa e RSA, si fonda sul binomio infermiere-asa/ota/oss e sulla disponibilità della famiglia e del MMG E una parte di ADI ed è a totale carico del SSN -Regione-ASLper qualsiasi reddito C. Dotti, 2005

21 Cause della criticità socio-sanitaria allungamento della speranza di vita riduzione delle nascite revisione razionale della distribuzione delle risorse sociali e sanitarie sistema sanitario basato sull ospedale come unico centro dove si affrontano tutti i problemi salute inadeguato alle esigenze peculiari di anziani

22 Cosa sono il buono e il voucher sociali? Buono sociale un contributo economico in denaro per compensare la famiglia che accudisce una persona fragile Voucher sociale un contributo economico come assegno per comprare prestazioni sociali a domicilio da operatori accreditati (pasti pronti, lavanderia, pulizia della casa ecc) Ogni Comune può dare cifre diverse con diverse soglie di reddito C. Dotti, 2005

23 Regione Lombardia Anno 2004 Ricorso ai servizi al variare di età e condizioni eta Assistiti "Sani" Solo MMG Solo a domicilio Ospedale + Domicilio Solo Ospedale o IDR RSA + Domicilio RSA + Ospedale Solo RSA RSA + Ospedale + Domicilio over C. Dotti, 2005

24 Quali sono le unità d offerta per assistere l anziano fragile? E come orientarsi?

25 Unità Valutativa Alzheimer (UVA). Sono state istituite prevalentemente all interno di Ospedali generali ove presente una neurologia e in strutture riabilitative assistenziali ove presenti geriatri, neurologi o psichiatri. Il compito è quello di definire uno screening nei malati inviati su proposta del MMG (con richiesta mutualistica a carico del SSN ove vi sia la presenza di una convenzione).

26 U.V.A. All interno di esso, pur in diverse declinazioni locali, si cerca di eseguire un inquadramento del livello di gravità attraverso un colloquio con paziente e parenti, una visita specialistica, la somministrazione di alcuni tests di orientamento ritenuti utili dall equipe valutativa (Mini Mental State Examination MMSE-, test dell Orologio, Geriatric Depression Scale GDS-, ecc. ).

27 U.V.A. La valutazione dovrebbe essere quanto più possibile multidisciplinare con l apporto di diverse professionalità (es: Geriatra, Psicologo e Infermiere Professionale senza escludere altre figure di supporto). E importante la presenza, se possibile, del MMG

28 Una volta definito l inquadramento clinicodiagnostico prescrivendo anche esami clinici (funzionalità tiroidea, Folati, B12, ecc.) e strumentali di approfondimento (T.C. o RNM, ecc.) si elabora un documento che orienta il MMG su quali possibili interventi si possono realizzare al domicilio (Piani terapeutici farmacologici specifici, interventi presso strutture rispondenti, strategie relazionali della famiglia, programmazione di una protesi ambientale per aiutare il paziente e la famiglia) o con il supporto di altri luoghi di cura territoriali o istituzionali.

29 Di norma l UVA è il primo nodo della rete cui accedono i malati ed i loro parenti. La qualità di questo primo servizio è strategico per l impostazione delle successive cure. Il MMG può favorire la preparazione del Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) programmando una serie di esami suggeriti dalle Linee Guida di Neurologia (2004) che comprendono: TAC cranio senza mdc o RM encefalo per i casi di età inferiore ai 75 anni o con disturbi sensitivo-motori; ECG; esami ematici per escludere demenze secondarie (emocromo, VES, sodio, potassio, calcio, glicemia, creatinina, ALT, GammaGT, elettroforesi proteica, colesterolo totale, dosaggio Vitamina B12, Acido Folico, TSH).

30 Centri Diurni (CD) Sono strutture disposte sul territorio finalizzate ad accogliere anziani con lieve disabilita motoria, funzionale e cognitiva (di solito MMSE > 14/30). Vengono accompagnati dai parenti (si suppone che preferibilmente abbiano delle figure di supporto a domicilio). Nel CD si svolgono attività di intrattenimento, socializzazione e riattivazione funzionale e motoria. Sono solitamente a gestione privata o pubblica (Comune). L accesso può essere con orari differenziati secondo le necessità locali con ingresso al mattino e uscita nel pomeriggio. E prevista la consumazione del pasto in sede.

31 Centri Diurni Integrati (CDI) Sono strutture con caratteristiche simili al CD ma adiacenti a Centri Istituzionali come RSA o Istituti di riabilitazione. Rispetto ai CD presentano l integrazione della valenza sanitaria con la presenza periodica di un medico (es: Geriatra) per eventuali controlli sanitari estemporanei e di un infermiere per il controllo dei parametri vitali ed eventuale supervisione sulle terapie farmacologiche.

32 Centri Diurni Alzheimer (CDA) Hanno le stesse caratteristiche del CD ma sono dedicati alle problematiche emergenti dei malati di Alzheimer con capacità di accogliere specificamente persone con deficit cognitivo senza elevati problemi comportamentali.

33 Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) E un servizio offerto dall ASL ai pazienti non autosufficienti. E attivata dal MMG, secondo criteri stabiliti dall ASL ed è di supporto nonché di sostegno infermieristico e riabilitativo a domicilio. La frequenza e la durata degli interventi è proposta dal MMG all ASL che ne determina l attivazione attraverso Enti Erogatori di fiducia (Cooperative, Fondazioni, ecc.). Il MMG ha il compito di controllare periodicamente le condizioni cliniche del paziente a domicilio.

34 Centri Multiservizi Anziani (CMA) Sono servizi domiciliari offerti dai Servizi Sociali del Comune. Vengono attivati dietro richiesta dei parenti o del paziente stesso e sono soggetti a contribuzione economica secondo le fasce di reddito accertate. Prevedono l intervento di operatori Socio-Sanitari per l igiene alla persona l aiuto alla preparazione dei pasti e il supporto per il disbrigo di faccende domestiche, aiuto a fare la spesa e/o accompagnamento nell effettuazione di pratiche amministrative in assenza di figure parentali. Si rivolge ad anziani parzialmente autosufficienti o non autosufficienti con figure familiari di riferimento.

35 Cafè Alzheimer E un luogo di incontro periodico circa mensile che si effettua prevalentemente presso RSA o Istituti di Riabilitazione. E condotto in genere dallo staff di cura della struttura ed è finalizzato a sensibilizzare il pubblico, i parenti ed i pazienti sulla malattia di Alzheimer nelle varie fasi. E un momento di sollievo, sostegno psicologico, di formazione e aiuto relazionale oltre che di confronto sulle problematiche tecniche e affettive.

36 Cafè Alzheimer Il MMG, se tenuto al corrente di iniziative nella propria zona, può invitare pazienti e parenti a partecipare per conoscere tutte le dimensioni del problema specifico.

37 Day Hospital (DH) E un luogo di cura diurno correlato ad una struttura sanitaria o socio-sanitaria nel quale per ogni paziente, dietro proposta del MMG, dopo una visita preliminare di un Geriatra dell équipe segue un programma integrato di cure riabilitative (massoterapia, FKT, fisioterapie ecc.). Può accogliere malati di Alzheimer con forme molto lievi (es: MMSE > 20/30).

38 Istituti di Riabilitazione (IR) Sono strutture specifiche per il recupero funzionale e motorio di malati affetti da esiti di problemi neuromotori (ictus, m. Parkinson, ecc), ortopedici (esiti di fratture di anca, arti e crolli vertebrali) o in specifiche di altre patologie secondo i luoghi. Effettuano ricoveri in fase postacuta con una riabilitazione intensiva ma possono intervenire con un ricovero riabilitativo di tipo Generale o Geriatrico quando il malato oltre all evento indice presenta una serie di comorbilità associate di un certo rilievo che ne condizionano il recupero funzionale e motorio.

39 Inoltre, è possibile, in alcune di esse, avere un ricovero in Riabilitazione di Mantenimento quando si prevedono solo piccoli recuperi funzionali o quando serve un breve periodo (1-2 mesi) di sollievo familiare ad un carico domiciliare eccessivo. Si sta configurando una nuova definizione per questo tipo di ricovero che rientra sotto il nome di cure intermedie.la proposta di ricovero viene attivata dal MMG.

40 Strutture di Riabilitazione Alzheimer In realtà sono reparti dedicati specificamente ad assistere attraverso una riabilitazione cognitiva comportamentale i malati in fase medio-grave (MMSE<14/30).

41 Centri Alzheimer Sono centri che comprendono reparti di ricovero dedicati a malati affetti da m. di Alzheimer con adiacenti altri tipi di servizi come CD, UVA, ecc. Presentano la specificità di essere orientati ai disturbi cognitivi con interessamento del comportamento (irrequietezza, ansia, agitazione, deliri, allucinazioni, insonnia, inversione del ritmo sonno-veglia, wandering, ecc). Possono essere richiesti dal MMG

42 Ciclo Diurno Continuo (CDC) E una delle declinazioni dell assistenza diurna. Simile al Day Hospital se ne differenzia per l intervento nella cronicità delle patologie e quando serve un intervento e un supporto globale funzionale o motorio per un lungo periodo e per un numero di ore maggiore della mezza giornata.

43 Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) Le RSA sono il luogo di vita dove gli anziani parzialmente o totalmente non autosufficienti possono trovare una casa adeguata da abitare stando in comunità per essere curati secondo la loro patologia. Esistono anche RSA per autosufficienti che, solitamente prendono il nome di Case- Albergo.

44 L impostazione di una RSA segue solo per alcuni aspetti la componente sanitaria in quanto è presente un medico, del personale infermieristico, personale Socio-Sanitario e terapisti della riabilitazione. In realtà, accanto a queste figure ruota una costellazione di persone con diverse funzioni (consulenti specialisti, psicologi, animatori, arte terapisti, logoterapisti, terapisti occupazionali, musicoterapeuti, danzaterapeuti, ecc.).

45 E importante nello stile di lavoro l utilizzo della valutazione multidisciplinare detta da alcuni Unità Valutativa Geriatrica (UVG) per trovare insieme quali sono i bisogni cui rispondere. Di norma si riunisce circa settimanalmente. In essa si condivide la propria competenza ed esperienza ai collaboratori per trovare insieme un Piano Assistenziale Individuale (PAI) che ciascuno seguirà secondo il progetto e la propria competenza.

46 RSA Aperta E una esperienza recente voluta dalla Regione Lombardia (DGR 856) per estendere le unità di offerta in favore dei malati di Alzheimer. Si tratta sostanzialmente di un buono (Vaucher di 500 mese) per un massimo di 6 mesi che la famiglia, in accordo con l ASL, può utilizzare per diversi tipi di servizi come ricoveri temporanei, ricoveri diurni, assistenza specifica domiciliare, consulenze con Geriatri Neurologi Psicologi ed altri Esperti ritenuti utili per aiutare l ammalato (e la famiglia).

47 Sono incluse le possibilità di avere un operatore socio sanitario e/o una badante all interno del tetto di spesa programmata. Questa iniziativa ha pochi mesi di vita e deve essere ancora tarata su tutte le potenzialità. Può essere attivata dalla famiglia che la propone all ASL di residenza del paziente.

48 Associazioni di Volontariato attive a domicilio o in istituzioni Associazioni come Unione Samaritana, AVO, AMI, ecc alcune di ispirazione confessionale altre più esplicitamente laiche sono basate sul volontariato col compito di assistere, sollevare psicologicamente il malato ancor più in assenza di parenti. A volte aiutano al trasporto delle carrozzine e nel preparare il malato all assunzione dei pasti. Altre volte fanno compagnia e lo ascoltano e lo intrattengono

49 Associazioni specifiche Tra le diverse associazioni ne ricordiamo le più note che, specificatamente, si sono sempre dedicate volontariamente ai malati di Alzheimer ed ai loro familiari. Federazione Alzheimer Italia (AI) e Associazione Italiana Malati Alzheimer (AIMA). Fondazione Manuli Sostengono spesso le iniziative pubbliche che parlano, informano o si occupano di questa malattia.

50 RETE DEI SERVIZI INTEGRATI M.M.G A.D.I. CURE PALIATIVE PAZIENTE OSPEDALE DH M.S.A. I.D.R. R.S.A.

51 Questo è tutto per l assistenza al malato di Alzheimer? Può fare qualcos altro il Medico di Medicina Generale?

52 PERDITA DI MEMORIA, DISORIENTAMENTO E CONFUSIONE NON SONO CONSEGUENZE INEVITABILI DELL INVECCHIAMENTO MA LEGATI AL NOSTRO STILE DI VITA E ALL ALIMENTAZIONE Demenze: vascolari, degenerative e miste. Le demenze vengono spesso anticipate dal cosiddetto Mild Cognitive Impairment (MCI) ossia, un leggero calo di prestazioni in diverse funzioni cognitive in particolare legate alla memoria, all'orientamento o alle capacità verbali. La demenza vascolare è dovuta a rottura o ischemia di piccoli vasi cerebrali. Negli anziani possono essere anche silenti. T.C. Campbell: The China Study.pag La malattia di Alzheimer (degenerativa) è comune (1% della pololazione > di 65 aa abbia questa malattia e raddoppia ogni 5 anni. * *Talan, J. Alzheimer s diagnoses can be two years late Ithaca Journal,p. 8.A 2001.

53 L MCI conduce alla demenza più grave ed è associato alle malattie cardiovascolari*, all ictus** e al diabete tipo 2 *** *-Bretler,M.M.B., Claus, J.J., Grobbee,D.E., et al. Cardiovascular desease and distribution of cognitive function in the elderly people: the Rotterdam Study. Brit.Med. Journ., vol 308, 1994, pp Spark, D.L., Martin T.A., Gros, D.R., et al. Link between heart desease, cholesterol and Alzheimer s disease: a review., Microscopy Res Tech. Vol 50, 200. pp **-Slooter,A.J. Tang, M.X., van Duijn, C.M., et al. Apolipoprotein E e4 and risck of dementia with stroke. A population based investigation JAMA, vol pp ***-Messier, C. e Gagnon N., Glucose regulationand cognitive functions: relation to Alzhemer s disease and diabetes Behav. Brain. Res. Vol 75, 1996, pp Ott, A., Stolk, R.P. Hofman, A. Et al. Association of diabetes mellitus and dementia: the Rotterdam Study. Diabetologia vol. 39, 1996, pp

54 Tutte le malattie si concentrano nelle stesse popolazioni e spesso nelle stesse persone. Indica che hanno in comune alcuni fattori di rischio. L ipertensione è uno di questi fattori. * L ipercolesterolemia endogena è un altro fattore # *-Bretler,M.M.B., Claus, J.J., Grobbee,D.E., et al. Cardiovascular desease and distribution of cognitive function in the elderly people: the Rotterdam Study. Brit.Med. Journ., vol 308, 1994, pp Kannel,W.B., Wolf,PA., Verter, J. Et al. Epidemiologic assessment of the role of blood pressure in stroke,jama, Vol 214, 1970, pp Launer, L.J., Masaki, K., Petrovitch, H., et al.: The association between midlife blood pressure levelsand late-life cognitive function, JAMA, vol 274, 1995, pp # -Spark, D.L., Martin T.A., Gros, D.R., et al. Link between heart desease, cholesterol and Alzheimer s disease: a review., Microscopy Res Tech. Vol 50, 200. pp

55 Il 10-20% di soggetti con indebolimento cognitivo (Mild Cognitive Impairment -MCI) presentano evoluzione verso forme più gravi di demenza* 1-2% dei soggetti non affetti da MCI viene colpito da m. Alzheimer** *Petersen, RC, Smith, G.E., Waring, S.C., et al. : Mild Cognitive Impairment Arch. Neurol. Vol. 56, pp

56 La quantità di radicali liberi accumulati devastano le funzioni cerebrali in età avanzata. L uso di antiossidanti ha effetto protettivo. Gli alimenti di origine animale sono privi di scudi antiossidanti e tendono ad attivare la produzione di radicali liberi e di danno cellulare. Inoltre vi sono geni che possono aumentare il rischio cognitivo.* *Haan, M.N., Shemanski, L., Jagust, W.J. Et al., The role of APOE e4 in modulating effects of other risck factors for cognitive decline in elderly persons JAMA, vol 282, 1999, pp.40-46

57 Gli uomini nippo-americani che vivono nelle Hawaii presentano un tasso di m. di Alzheimer superiore a quello dei giapponesi che vivono in Giappone White, L., Petrovitch, H., Ross, G.W., Masaki, K.H., Abbott, R.D., Teng, E.L., Rodriguez, B.L., Blanchette, P.L., Havilik, R., Wergowske, G., Chiu,D., Foley, D.J., Murdaugh, C. e Curb, J.D. prevalence of dementia in older Japanese-American men in Hawaii. The Honolulu Asia Aging Study, JAMA, vol 276, pp

58 I nativi africani hanno tassi di demenza e di m. di Alzheimer sensibilmente inferiori a quelli degli afroamericani dell Indiana. Hendrie, H.C., Ogunniyi, A., Hall, K.S. et al. Incidence of dementia and Alzheimer Disease in 2 communities: Yoruba residing in Ibadan, Nigeria, and African Americans residing in Indianapolis, Indiana, JAMA, vol 285, 2001, pp

59 In tutto il mondo i modelli di diffusione dei disturbi cognitivi sembrano simili a quelli di altre malattie occidentali. I tassi di Alzheimer sono inferiori nelle aree meno sviluppate. Chandra, V., Pandav, R., Dodge, H.H. et al., Incidence of Alzheimer disease in rural community in India: the Indo-U.S. Study. Neurology, vol. 57, 2001, pp

60 Il confronto tra tassi di Alzheimer con le variabili alimentari in 11 paesi diversi ha rilevato che le popolazioni con elevato consumo di grassi e ridotto consumo di cereali presentano i più alti tassi di malattia* *- Grant, W.B. Dietary links to Alzheimer s disease: 1999 Update, J. Alzheimer s disease, vol 1, 1999, Grant, W.B., Incidence of dementia and Alzheimer disease in Nigeria and the United States. JAMA, vol. 285, 2001, p

61 Alti livelli di Vitamina E nel sangue (effetto antiossidante) sono in relazione con la minor perdita di memoria* Vitamina E misurata in modo selettivo poiché viene trasportata nel sangue dai lipidi. Significa che talvolta un livello elevato di vitamina E può essere dovuto a elevati livelli di lipidi nel sangue. * Perkins, P., Am. J. Epidemiol. Vol 150, 1999, pp

62 Vitamina E associata a Vitamina C e Selenio (antiossidanti) riducendo l attività dei radicali liberi sono in relazione con la minor perdita di memoria Perkins, P., Am. J. Epidemiol. Vol 150, 1999, pp Nello studio emerge la tendenza dose-risposta inversa (elevati livelli di antiossidanti nel sangue associata a minor perdita di memoria) è significativa.

63 Studio di Ortega e coll. su 260 anziani (età aa) Una dieta con basso tenore di grassi saturi e colesterolo con carboidrati fibre, vitamine (> folati, vit. C, vit. E e betacaroteni), Sali minerali (Fe, Zn) migliora lo stato generale e la funzione cognitiva Ortega, R.M., Requejo,A.M., Andres, P. et al. Dietary intake and cognitive function in a group of elderly people, Am.J. Clin. Nutr., vol 66,1997, pp

64 Bassi livelli di vit. C nel sangue sono correlati a minori prestazioni cognitive in tarda età.* *- Gale, C.R., Martyn,C.N. e Cooper, C., Cognitive impairment and mortality in a cohort of elderly people, Brit. Med. Journ., vol. 312, 1996, pp Goodwin,J.S., Goodwin, J.M., Garry,P.J., Association between nutritional status and cognitive functioning in a healthy elderly population, JAMA, vol. 249, 1983, pp

65 Le vitamine del gruppo B tra cui il betacarotene# sono associate a una miglior funzione cognitiva* *- Goodwin,J.S., Goodwin, J.M., Garry, P.J., Association between nutritional status and cognitive functioning in a healthy elderly population, JAMA, vol. 249, 1983, pp # - Jama,J.W., Launer, L.J., Witteman, J.C.M. et al Dietary antioxidants and cognitive function in a population based sample of older persons: the Rotterdam Study, Am. J. Epidemiol. Vol. 144, 1996, pp

66 Diversi studi sperimentali su animali confermano la utilità degli alimenti vegetali spiegando i meccanismi d azione. - Martin, A, Prior, R Shukitt-Hale,B. et al. Effect of fruits, vegetables or vitamin E-rich diet on vitamins E and C distribution in peripherial and brain tessues: implications for brain function, J. Gerontology, vol. 55A 2000, pp. B Joseph, J.A., Shukitt-Hale, B. Denisova, N.A. et al. Reversals of agerelated declines in neuronal signal transduction, cognitive and motor behavioral deficits with bluberry, spinach, or strawberry dietary supplementation, J. Neurosc., vol 19, 1999, pp

67 Nessun studio ha dimostrato che un maggior consumo di antiossidanti alimentari favorisce la perdita di memoria.

68 La demenza prodotta dagli stessi problemi vascolari che portano all ictus è chiaramente influenzata dall alimentazione. Dallo Studio Framingham ogni 3 porzioni^ supplementari di frutta e verdura al giorno il rischio di ictus si riduce del 22%. * *- Gillman,M.W., Cupples, L.A., Gagnon, D. et al, Prospective effect of fruits and vegetables on development of stroke in men, JAMA, vol 273, 1995, pp ^ Una porzione corrisponde a ½ tazza di pesche, ¼ tazza di salsa di pomodoro, ½ tazza di broccoli o 1 patata. Nello studio i pazienti ne mangiavano 19 porzioni al giorno! La riduzione del rischio può arrivare al 100%.

69 La salute delle arterie e dei vasi che portano il sangue al cervello e alle altre parti del corpo dipende dalla alimentazione. Studio su 5000 anziani monitorati per 2 anni sul loro consumo alimentare conclude : Chi assume più grassi totali e saturi corrono maggior rischio di demenza dovuta a problemi vascolari. Kalmijn, S., Launer, L.J., Ott, A. et al. Dietary fat intake and the risk of incident dementia in the Rotterdam Study, Ann. Neurol., vol. 42, 1997, pp

70 M. di Alzheimer e cardiopatie sono correlate con la dieta come se avessero in comune le stesse cause* Sappiamo quali sono le cause della cardiopatia ischemica e sappiamo che la miglior speranza per farle regredire è la dieta *- Spark, D.L., Martin T.A., Gros, D.R., et al. Link between heart desease, cholesterol and Alzheimer s disease: a review., Microscopy Res Tech. Vol 50, 200. pp

71 Studi su animali dimostrano che la dieta a elevato livello di colesterolo favorisce la produzione di beta-amiloide comune nell Alzheimer. * *- Spark, D.L., Martin T.A., Gros, D.R., et al. Link between heart desease, cholesterol and Alzheimer s disease: a review., Microscopy Res Tech. Vol 50, 200. pp

72 Uno studio su 5000 persone ha rilevato che una maggior assunzione di grassi alimentari e colesterolo tende ad aumentare il rischio di M. Alzheimer nello specifico e di demenza in generale*. *-Kalmijn, S., Launer, L.J., Ott, A. et al. Dietary fat intake and the risk of incident dementia in the Rotterdam Study, Ann. Neurol., vol. 42, 1997, pp

73 Il rischio di ammalarsi di m. Alzheimer è 3,3 volte maggiore fra i soggetti i cui livelli di acido folico nel sangue sono compresi nel terzile inferiore e 4,5 volte superiore quando i livelli di omocisteina nel sangue sono nel terzile superiore.* *- Clark, R., Smith, D., Jobs, K.A. et al, Folate, vitamin B12 and serum total homocysteine levels in confirmed Alzheimer disease Arch. Neurol., vol.55, 1998, pp

74 L acido folico è derivato esclusivamente da cibi vegetali come ortaggi a foglia verde L omocisteina è un amminoacido che deriva principalmente dalle proteine animali. * *- McCully, K.S., Homocysteine theory of arteriosclerosis: development and current status in Gotto,A.M. Jr. e Paoletti, R., Atherosclerosis Reviews, vol. 11, pp , Raven Press, New York, 1983.

75 Malnutrizione e anziano AMIDI + PROTEINE : NO Ingestione alimento a base di amido (pasta cereali, patate, castagne, ecc.) Associato a proteine (latticini, formaggi, uova, carne, noci, ecc. ) ad esempio il panino con salumi o formaggio. Che succede?

76 Amidi + proteine : no Ingestione congiunta di amidi e proteine stimola lo stomaco ad una acidità che arresta la digestione degli amidi (ph 6). La massa degli amidi frena la secrezione di acido cloridrico e rende meno rapida l attivazione della pepsina (ph 1,5-3,5) che rallenta o interrompe la digestione delle proteine. Lo stomaco cerca di produrre più acido cloridrico e il pancreas secerne enzimi Proteolitici. Le proteine vegetali sono le più compatibili.

77 Amidi + proteine : no Amidi iniziano digestione in bocca (ph neutro o lievem. acido ove agisce la ptialina) lo stomaco, in presenza di amidi, mantiene valori che permettono l attività della ptialina (ph 6-7). La digestione delle proteine inizia nello stomaco grazie all azione del pepsinogeno e dell acido cloridrico che lo trasforma in pepsina. Per elaborare le proteine occorre > ambiente acido.

78 Amidi + proteine : no Ne derivano processi di fermentazione (degli amidi) > ac. Acetico, alcool etilico, CO2, con iperacidità e gonfiori. E putrefazione (delle proteine) > nell intestino provoca >fenolo, indolo, scatolo, putrescina e idrogeno solforato Sono tossine in parte assorbite dall organismo. Con consumo di energia per eliminarle. Se consumate vicine, iniziare con proteine (base stomaco acida) e dopo ingerire gli amidi (alta meno acida)

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG Esami ematochimici: emocromo, glicemia, creatinina, ALT, Colesterolo, Trigliceridi, Na, K, Cl, VES, TSH reflex, Dosaggio vit B12

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Indice Presentazione xiii Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Capitolo 1 L anziano in Italia, diritti e questioni etiche 3 1.1 Essere anziani oggi in Italia 3 1.2 I diritti 6 1.3 Invecchiare bene 10

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La progressione clinica

La progressione clinica La progressione clinica I medici di fronte alla demenza nella donna e nell uomo Milano, 20 settembre 2014 Francesca Clerici Centro per il Trattamento e lo Studio dei Disturbi Cognitivi U.O. Neurologia

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Responsabile Centro Demenze Unità Alzheimer, Italian Hospital Group di Guidonia, Roma UN MODELLO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER

Responsabile Centro Demenze Unità Alzheimer, Italian Hospital Group di Guidonia, Roma UN MODELLO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER DOTT. GABRIELE CARBONE Responsabile Centro Demenze Unità Alzheimer, Italian Hospital Group di Guidonia, Roma UN MODELLO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER La malattia di Alzheimer (MA)

Dettagli

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA DESTINATARI DEL SERVIZIO: Il Centro Diurno per Disturbi Cognitivi è una struttura che eroga servizi in sinergia con la Residenza Sanitaria Assistenziale posta in

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla distanza ginocchio - tallone BAPEN MUST e BMI Step 1 Score Range BMI Categoria di peso Significato 2 < 18,5 Sottopeso

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA LE FRAGILITA DELL ANZIANO Motoria FRAGILITA Cerebro-vascolare Cognitiva Ambientale Metabolica STROKE 80 % ISCHEMICO EMORRAGICO 20 % CORTICALE A. cerebrale ant. A. cerebrale media A. cerebrale post. SOTTOCORTICALE

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA

L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA Universita degli Studi del Molise Facolta di Scienze del Benessere XIV SETTIMANA DELLA CULTURA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA Campobasso, 22 marzo 2004 L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO ALESSANDRIA 28 MARZO 2013 DOTT.SSA DEMICHELIS M ONCOLOGIA MEDICA TORINO L'infermiere e la VALUTAZIONE DELL ANZIANO L INVECCHIAMENTO E processo attraverso il

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

ROMA 27-28 marzo 2014

ROMA 27-28 marzo 2014 ROMA 27-28 marzo 2014 Fragilità, disfunzione muscolare e ruolo dell esercizio nella CKD come adiuvante al supporto nutrizionale Giuliano Brunori S.C. di Nefrologia e Dialisi, Ospedale Santa Chiara, Trento

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) PER PERSONE CON DEMENZA (ADIDEM) E LORO CAREGIVER

ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) PER PERSONE CON DEMENZA (ADIDEM) E LORO CAREGIVER VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 7 novembre 2014 ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG)

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG) Cognome me Nata/o a prov. il Residente a prov. c.a.p. via n. Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica prossima Barthel Index [A] [B] [C] [A] dipende [B] con aiuto o saltuariamente [C] indipendente

Dettagli

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato?

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? Firenze 29 novembre 2007 Ketty Vaccaro Perché tornare a parlare di Alzheimer A sette anni dalla realizzazione dell indagine Censis

Dettagli

Il modello della piramide alimentare: La Dieta Mediterranea

Il modello della piramide alimentare: La Dieta Mediterranea PROGRAMMA DELLE LEZIONI: 1. Introduzione al corso 2. Screening e valutazione nutrizionale 3. Linee guida per una sana alimentazione 4. Piramide alimentare 5. Prova in itinere 6. Etichettatura degli alimenti

Dettagli

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC)

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) POLITICA CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) U.O. RIABILITAZIONE PSICHIATRICA RESIDENZA FRA MOSE BONARDI L unità di recupero e rieducazione funzionale Fra Mose Bonardi è una struttura per la riabilitazione

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita

Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita Gli indicatori di malnutrizione ed il protocollo Scales. L alimentazione orale Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita Gli anziani sono.. Gli over 65 : circa

Dettagli

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo Data:1/11/2004 Pag. 1 di 7 Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via.. Anamnesi patologia remota Anamnesi patologia prossima Altri problemi clinici nessuno ventilazione polmonare assistita tracheostomia

Dettagli

RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE

RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE Torino 27 30 Novembre 2013 RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE C.Pizzorni, L.Sampietro, A.Bongiovanni, E.Bennati, A.Puma, C.Ivaldi

Dettagli

I servizi per gli anziani: come rispondono nelle varie Regioni alla domanda di assistenza. Analisi di casi

I servizi per gli anziani: come rispondono nelle varie Regioni alla domanda di assistenza. Analisi di casi Progetto di ricerca finalizzata ex art. 12 del D.Lgs. 502/92: La condizione dell anziano non autosufficiente Analisi comparativa delle attuali forme di tutela e delle potenziali prospettive. I servizi

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili»

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Grazia Pilone U.O. di Gastroenterologia Fate clic per aggiungere del Azienda testoulss n. 12 Veneziana Mestre (Venezia) Terapia Palliativa Non Guarire, ma

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

La valutazione multidimensionale

La valutazione multidimensionale La valutazione multidimensionale Lucia Pavignano Anno 2010 La valutazione multidimensionale geriatrica (VMD) (1) L assessment geriatrico viene definito come una valutazione multidimensionale-interdisciplinare

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1 All'interno del progetto riabilitativo, il programma riabilitativo definisce le aree di intervento specifiche, gli obiettivi a breve termine, i tempi e le modalità di erogazione degli interventi, gli operatori

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo FONDAZIONE OPERA IMMACOLATA CONCEZIONE ONLUS CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO INTEGRATO LA SPERANZA Il servizio consiste nell ospitare ed assistere 15 persone dei Comuni di Bozzolo e limitrofi, dalle 8.00

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE

I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE I BISOGNI DI ASSISTENZA DELL ANZIANO FRAGILE Rossana Pezzotta Lecco, 1 ottobre 2010 Anziani FRAGILI? ROSSANA PEZZOTTA FRAGILE che si rompe facilmente o cede alla minima sollecitazione; debole, gracile,

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano DONATO Giuseppe*, FURNARI Giacomo, ZACCARI Clara ^ *medico di Medicina Generale (MMG) presso ASL RmF-distretto 2, medico referente

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

LA DISFAGIA LA DISFAGIA 11/04/2011. Organi deputati alla deglutizione. 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità

LA DISFAGIA LA DISFAGIA 11/04/2011. Organi deputati alla deglutizione. 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità Organi deputati alla deglutizione 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità Riconoscere i problemi della persona anziana con malattie croniche e/o disabilità ed i relativi interventi infermieristici,

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE

L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE CONGRESSO REGIONALE ANIMO MARCHE Civitanova Marche, 31 maggio 2013 INF. ELISABETTA SANTINI U.O. NUTRIZIONE ARTIFICIALE Cos è la malnutrizione

Dettagli

Il ruolo della carne nell alimentazione degli anziani

Il ruolo della carne nell alimentazione degli anziani L'organizzazione settoriale dell'economia svizzera della carne Proviande società cooperativa Finkenhubelweg 11 Casella postale CH-3001 Berna +41(0)31 309 41 11 +41(0)31 309 41 99 info@proviande.ch www.carnesvizzera.ch

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

L Anziano fragile. Omeostenosi. Omeostenosi. Non a caso. Sebbene. Dopo i 75 anni incidenza esponenziale di Anziani Fragili (Studio ILSA)

L Anziano fragile. Omeostenosi. Omeostenosi. Non a caso. Sebbene. Dopo i 75 anni incidenza esponenziale di Anziani Fragili (Studio ILSA) Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione - Catania Unità Operativa Complessa di Geriatria Direttore: Marcello Romano L Anziano fragile Dopo i 75 anni incidenza esponenziale di

Dettagli

LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE

LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE Filippo Bogetto Dipartimento di Neuroscienze, Università degli Studi di Torino Dipartimento Salute Mentale Interaziendale To 1 - Molinette MODIFICAZIONI COGNITIVE

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici La salute degli anziani: aspetti epidemiologici Giorgi Daniela Dipartimento di Prevenzione - S.C. Epidemiologia e Screening ASL 2 Lucca Residenti in Toscana al 1/1/2012 3.749.813 (Istat) (m 48%, f 52%)

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Fragilità e autosufficienza Definizione di disabilità Prevalenza di disabilità Definizione di fragilità Fisiopatologia della fragilità Clinica della fragilità Interventi assistenziali www.fisiokinesiterapia.biz

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente

SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente Dott.ssa Oriana Fusco Centro Malattie dell Invecchiamento Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

Archivio Corsi. Area clinica/medica/specialistica

Archivio Corsi. Area clinica/medica/specialistica Archivio Corsi Area clinica/medica/specialistica Pianeta anziano: la gestione della complessità Argomenti di geriatria L amore e la sessualità nell anziano Disturbi cognitivi nell anziano Vita dell anziano

Dettagli