Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina 196 CAP 12. I test funzionali nella popolazione anziana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/11 13.31 Pagina 196 CAP 12. I test funzionali nella popolazione anziana"

Transcript

1 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina 196 CAP 12 I test funzionali nella popolazione anziana

2 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina I test funzionali nella popolazione anziana 11.1 Il declino della funzionalità legato all invecchiamento Il declino delle capacità fisiche che è inesorabilmente connesso al fenomeno dell invecchiamento può, talvolta, compromettere anche le normali attività quotidiane come salire o scendere le scale, alzarsi da una sedia, oppure il semplice camminare autonomamente senza la necessità di ausili. Dal momento che per molti soggetti anziani la richiesta funzionale durante le normali attività quotidiane (daily activities, DA) si rivela molto vicina alla loro massima richiesta funzionale, è facile capire come anche una minima perdita di funzionalità si può tradurre in una drastica diminuzione della qualità di vita e in una perdita dell autonomia funzionale nell ambito della vita quotidiana (Rikli e Jones, 1997). La perdita di capacità funzionale connessa all invecchiamento può essere schematicamente ricondotta a quattro fasi anagrafiche(shepard, 1997): - La cosiddetta mezza età, compresa tra i 40 ed i 65 anni, associata ad una perdita delle funzioni biologiche compresa tra il 10 ed il 30%. - La prima età anziana, definita dagli Autori anglosassoni con il termine di young old age che va dai 65 ai 75 anni e che fa registrare un ulteriore perdita delle funzioni biologiche ma senza comunque che si evidenzino drastiche compromissioni dell omeostasi. - La seconda età anziana, che seguendo sempre la nomenclatura degli Autori anglosassoni viene definita come very old age, compresa tra i 75 e gli 85 anni, fase dell invecchiamento caratterizzata da un sostanziale declino funzionale nell ambito delle normali DA, ma che comunque vede il soggetto ancora capace di mantenere una sua indipendenza funzionale. - L età dei grandi anziani, ossia quella che per gli anglosassoni è la oldest old age, che raggruppa tutti i soggetti che abbiano superato l ottantacinquesimo anno di vita, in cui si ricorre spesso, per far fronte efficacemente alla perdita di autonomia, all istituzionalizzazione. La maggior perdita di funzionalità, e quindi di autonomia durante le DA, sembrerebbe essere più riconducibile alla diminuzione delle capacità di forza muscolare che non al declino funzionale dell apparato cardiovascolare (Pendergast e coll., 1993). La perdita di forza muscolare interesserebbe prima la muscolatura degli arti inferiori che quella del tronco, compromettendo pertanto in primo luogo le capacità di deambulazione autonoma del soggetto (Frontera e coll., 1991). La funzionalità della mu- Gian Nicola Bisciotti 197

3 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina 198 INVECCHIAMENTO scolatura degli arti inferiori infatti è universalmente riconosciuta come essenziale al fine di garantire l indipendenza funzionale e la prevenzione della disabilità (Pendergast e coll., 1993). È importante inoltre ricordare che la perdita di forza, e soprattutto di potenza, a livello della muscolatura degli arti inferiori, è fortemente correlata all incremento del rischio di caduta e, conseguentemente, all aumento del rischio fratturativo (Whipple e coll., 1987; Nevitt e coll., 1989) Il concetto di functional fitness nell ambito della popolazione anziana Il concetto di functional fitness nell anziano è definibile come il livello di capacità fisica necessario ad effettuare le DA in modo sicuro ed indipendente, potendo mantenere un adeguata riserva fisiologica che permetta di evitare d incorrere in un fenomeno di eccessivo affaticamento (Rikli e Jones, 1997). I tradizionali test ergometrici messi a punto e validati per i soggetti giovani e che prevedono generalmente una prova di tipo esaustivo, non si rivelano il più delle volte adatti alla popolazione anziana, soprattutto perché non sono adeguati a valutare le richieste fisiche necessarie allo svolgimento delle DA, come appunto lo scendere ed il salire le scale, l alzarsi da una sedia o il sollevarsi dal letto. I test ergometrici normalmente utilizzati nell ambito di una popolazione giovane sono quindi adatti a solamente una ristretta percentuale della popolazione anziana, ossia a quei soggetti che, mantenendo ancora un eccellente forma fisica, abbiano la necessità di testarsi fisicamente in funzione di un pratica sportiva che richieda ancora un elevata richiesta funzionale. Parimenti, o meglio all estremo opposto del teorico continuum funzionale che ritroviamo nell ambito della popolazione anziana, abbiamo la valutazione funzionale dei soggetti funzionalmente fragili o che soffrono di una qualche forma di disabilità, e che rappresentano circa il 25% dell intera popolazione anziana (Rikli e Jones, 1997). Per tutti questi soggetti si palesa la necessità di poter disporre di una self-care activity scale specificatamente dedicata alla valutazione delle DA (Lawton, 1982). La popolazione anziana definibile dal punto di vista funzionale come indipendente rappresenta in ogni caso la maggioranza, costituendo all incirca il 75% della popolazione al di sopra del 75 anno di età (Spirduso, 1995; Rikli e Jones, 1997). Pur tuttavia, nell ambito dei soggetti anziani definibili come indipendenti, ritroviamo un ampio margine di variabilità. Di questa popolazione fanno infatti parte sia i soggetti anziani che mostrano ancora una funzionalità tale da permettergli la partecipazione ad attività di tipo spor- 198 Gian Nicola Bisciotti

4 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina I test funzionali nella popolazione anziana tivo, ricreativo o sociale ma anche coloro i quali siano funzionalmente borderline e che mostrano un elevata fragilità ed un alta vulnerabilità nei confronti degli stress fisici inaspettati (Spirduso, 1995) Le batterie di test funzionali per la popolazione anziana In bibliografia sono reperibili un gran numero di batterie di test di valutazione funzionale specificatamente concepite e validate per la popolazione anziana di età compresa tra i 60 ed i 90 anni. Tra queste possiamo ricordare: - La Functional Fitness Assessment Battery (Osness e coll., 1996). - La Physical Performance Test (Reuben e Siu, 1990). - La Mc Arthur Physical Performance Scale (Seeman e coll., 1994). - La Established Population for Epidemiologic Studies of the Elderly (Guralnik e coll., 1994). - La Senior Fitness Test (Rikli e Jones., 2001). La tipologia dei test presi in esame da queste diverse batterie, riflette l esigenza di valutare l individuo anziano, fisicamente autonomo, in relazione alla sua capacità funzionale nello svolgimento delle DA. Di seguito descriveremo alcuni test, desunti dalle batterie di valutazione sopra citate che, a nostro avviso, sono i più rappresentativi ai fini della valutazione funzionale dell anziano. In ogni caso, nella stesura di una batteria di test valutativi rivolti ad una popolazione anziana è raccomandabile che sia incluso almeno un test per la valutazione delle seguenti caratteristiche funzionali (Osness e coll., 1996; Rikli e Jones., 2001): - Forza muscolare. - Funzionalità aerobica. - Flessibilità. - Equilibrio ed agilità. - Composizione corporea. Gian Nicola Bisciotti 199

5 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina 200 INVECCHIAMENTO 11.4 La valutazione della forza muscolare Chair sit to stand test (CSST) Il CSST fornisce una misurazione della forza muscolare degli arti inferiori. Questo test è fortemente correlato con la capacità di eseguire compiti di DA come salire le scale, salire e scendere da un veicolo oppure uscire ed entrare nella vasca da bagno. Una variante di questa prova è costituita dal test denominato 8 feet up an go nel quale il soggetto deve alzarsi dalla sedia con le stesse modalità del CSST, effettuare camminando 8 piedi (ossia 2,4 metri) e riprendere la posizione seduta. Calcolando il tempo impiegato si valutano le caratteristiche di agilità e di equilibrio del soggetto. Equipaggiamento richiesto 1. Una sedia senza braccioli con schienale dritto di altezza, larghezza e profondità rispettivamente di 0.45, 0.50 e 0.40 m. (non è previsto l uso di qualsiasi tipo di cuscino sulla seduta). 2. Un cronometro. Istruzioni per l esecuzione del test. 1. Sedersi nel mezzo della sedia. 2. Mettere le mani sulla spalla opposta. 3. Tenere i piedi ben appoggiati sul pavimento. 4. Mantenere la schiena dritta. 5. Al segnale dell operatore alzarsi dalla sedia e quindi risedersi. 6. Ripetere il movimento per 30 secondi. Istruzioni per l operatore 1. Una volta dato il segnale d inizio test, avviare il cronometro. 2. Contare il numero di volte che il soggetto riesce ad alzarsi e risedersi dalla sedia in 30 secondi. 3. Se una volta trascorsi 30 secondi dall inizio del test, il soggetto non avrà ancora completato totalmente l ultimo movimento ma comunque avrà effettuato per lo meno la metà della fase di spinta verso l alto, que- 200 Gian Nicola Bisciotti

6 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina I test funzionali nella popolazione anziana sto verrà comunque contabilizzato come se fosse stato effettuato totalmente. Indicazioni di sicurezza 1. Assicurarsi che la sedia non possa scivolare all indietro ponendo le sue gambe posteriori contro un muro. 2. Sarebbe indicato che il soggetto calzasse scarpe con suola antiscivolo. 3. Se il soggetto testato non riesce ad effettuare, nelle condizioni standard previste dal test, nemmeno un movimento completo, gli si può permettere di effettuare una spinta ponendo le mani sulle cosce, oppure usando un bastone o un altro tipo di ausilio. Anche se il punteggio del test sarà in ogni caso pari a zero, si debbono registrare il numero di movimenti effettuati indicando le modifiche dell appoggio adottate durante la prova. 4. Un operatore deve comunque essere pronto a sostenere il soggetto se quest ultimo dovesse perdere l equilibrio durante la prova. 5. Permettere al soggetto, se stanco, di fermarsi e riposare senza però interrompere il conteggio del tempo. Interpretazione dei risultati Il CSST presenta una buona correlazione (r >0.70) con il test 1 RM effettuato alla leg press (Rikli e Jones., 2001). I risultati riportati in tabella 1 rappresentano i punteggi compresi tra il 25 ed il 75 percentile registrati in una popolazione normale. Il valore a rischio, sia per la popolazione maschile che per quella femminile, è quello inferiore ad otto ripetizioni complete effettuate rispettando gli standard imposti dal protocollo di base. Tabella 1: valori di riferimento del CSST per la popolazione maschile e femminile concernenti le diverse fasce d età. ETà NUMERO DI RIPETIZIONI (donne) NUMERO DI RIPETIZIONI (uomini) Gian Nicola Bisciotti 201

7 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina 202 INVECCHIAMENTO Arm curl test (ACT) Un adeguato valore di forza nella muscolatura flessoria degli arti superiori si rivela necessario per le esecuzioni di numerose DA, come ad esempio nella toilette quotidiana, nel portare pesi, nello shopping o in attività di svago come il giardinaggio (Osness e coll., 1996). La forza muscolare nella parte superiore del corpo, generalmente, diminuisce maggiormente, sino ad una percentuale maggiore di circa il 50%, nella popolazione femminile rispetto a quella maschile (Frontera e coll., 1991). Equipaggiamento richiesto 1. Una sedia senza braccioli oppure uno sgabello. Nel caso in cui si utilizzasse uno sgabello occorre porre quest ultimo a ridosso di una parete in modo tale che il busto del soggetto possa essere agevolmente mantenuto a 90 rispetto alle anche. 2. Un manubrio del peso di 4 libbre (1.81 kg) ed di 8 libbre (3.62 kg) da usarsi rispettivamente per i soggetti di sesso maschile e femminile. 3. Un cronometro. Istruzioni per l esecuzione del test 1. Lo scopo di questo test è quello effettuare il massimo numero di ripetizioni di flessioni dell avambraccio sul braccio (arm curl) in 30 secondi con l arto dominante. 2. Il soggetto è seduto sulla sedia o sullo sgabello, tenendo in ogni caso il busto in una posizione di 90 rispetto alle anche. Il manubrio è impugnato mantenendo il palmo della mano rivolto verso il corpo. La posizione di partenza è con il braccio in posizione verticale bassa rispetto al busto. 3. Effettuare una flessione completa dell avambraccio sul braccio, senza effettuare movimenti di ante-posizione o retro-posizione del gomito. Contestualmente al movimento di flessione occorre effettuare un movimento di supinazione dell avambraccio nella fase di flessione e di pronazione durante la fase di distensione. 4. Il movimento di flesso-estensione deve essere effettuato per la totalità del ROM. 202 Gian Nicola Bisciotti

8 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina I test funzionali nella popolazione anziana Istruzioni per l operatore 1. Una volta dato il segnale d inizio test avviare il cronometro. 2. Contare il numero di volte che il soggetto riesce ad effettuare il movimento di flesso-estensione. 3. Se, una volta trascorsi 30 secondi dall inizio del test, il soggetto non avrà ancora completato totalmente l ultimo movimento, ma comunque avrà effettuato per lo meno la metà della fase di flessione, questo verrà comunque contabilizzato come se fosse stato effettuato totalmente. Indicazioni di sicurezza 1. Evitare che il soggetto accentui la normale lordosi lombare durante l esecuzione del test. 2. Per tutti i soggetti che abbiano difficoltà di presa, per problemi artritici o artrosici può essere utilizzata una presa in velcro-strap. Interpretazione dei risultati L ACT presenta una buona correlazione (r >0.77) con una batteria di test di tipo complessivo utilizzata per valutare la forza della parte superiore del corpo e composta dagli esercizi di arm curl, chest press e seated row strenght (Rikli e Jones., 2001). I valori di riferimento del ACT sono riportati in tabella 2. Tabella 2: valori di riferimento dell ACT per la popolazione maschile e femminile concernenti le diverse fasce d età. ETà NUMERO DI RIPETIZIONI (donne) Da 1 a 12 Da 13 a 19 Da 20 in poi Da 1 ad 11 Da 12 a 18 Da 19 in poi Da 1 ad 11 Da 12 a 17 Da 18 in poi Da 1 a 10 Da 11 a 17 Da 18 in poi Da 1 a 9 Da 10 a 16 Da 17 in poi Da 1 a 9 Da 10 a 15 Da 16 in poi Da 1 a 7 Da 8 a 13 Da 14 in poi RIsULTATO Oltre la media Sopra la media Sopra la media Oltre la media Oltre la media Oltre la media Sopra la media NUMERO DI RIPETIZIONI (uomini) Da 1 a 15 Da 16 a 22 Da 23 in poi Da 1 a 14 Da 15 a 21 Da 22 in poi Da 1 a 13 Da 14 a 21 Da 22 in poi Da 1 a 12 Da 13 a 19 Da 20 in poi Da 1 a 12 Da 13 a 19 Da 20 in poi Da 1 a 10 Da 11 a 17 Da 18 in poi Da 1 a 9 Da 10 a 14 Da 15 in poi RIsULTATO Sopra la media Sopra la media Sopra la media Sopra la media Oltre la media Sopra le media Sopra la media Gian Nicola Bisciotti 203

9 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina 204 INVECCHIAMENTO Grip strength test (GST) Il GST può essere incluso nella batteria di test di valutazione della forza muscolare come un indice delle caratteristiche di forza degli arti superiori. La Allied Dunbar National Fitness Survey (Activity and Health Research, 1992) riporta come si verifichi una significativa diminuzione nella forza di prensione della mano (hand-grip) in funzione dell età, tanto che quest ultima diminuirebbe di circa il 30% dalla terza alla settima decade di vita. Un valore di hand-grip di 150 N, oppure equivalente al 20% del peso corporeo, rappresenterebbe il valore minimo auspicabile per lo svolgimento delle DA. A questo proposito è interessante ricordare come il valore di hand-grip necessario al mantenimento dell equilibrio quando il soggetto afferra la maniglia di un tram, sia pari a circa il 17-20% del peso corporeo (Activity and Health Research, 1992). Inoltre, ricordiamo che la mano dominante mostra dei valori di hand-grip maggiori di circa il 10% rispetto alla contro laterale (Firrell,1996). Equipaggiamento richiesto 1. Un dinamometro, il modello maggiormente utilizzato per questo test è il Dinamometro idraulico Jamar. 2. Una sedia con schienale a 90. Istruzioni per l esecuzione del test. 1. Il soggetto è seduto con la schiena correttamente appoggiata allo schienale e la pianta dei piedi appoggiata sul pavimento. 2. Le spalle sono mantenute in posizione neutra e le braccia non sono appoggiate. 3. Il gomito è flesso a 90 e l avambraccio è mantenuto in posizione neutra. 4. La dorsiflessione del polso deve essere compresa tra 0 e 30 e la deviazione ulnare tra 0 e Effettuare tre prove della durata di 5 secondi ciascuna osservando 1 di recupero tra le prove stesse. Registrare il risultato migliore. 6. Ogni variazione dalle suddette posizioni può inficiare in modo sostanziale il risultato. 204 Gian Nicola Bisciotti

10 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina I test funzionali nella popolazione anziana 11.5 La valutazione della funzionalità aerobica The six-minutes walk test (6 MWT) Il 6 MWT è un semplice test di valutazione della funzionalità aerobica. In pratica si tratta di misurare la massima distanza che un soggetto riesce a percorrere, su di una superficie piana, nel tempo di 6 minuti. In buona sostanza si tratta di una variazione, specificatamente adattata alla popolazione anziana e/o portatrice di patologie cardiorespiratorie, del noto test di Cooper che calcola, come tutti sanno, la massima distanza percorsa in 12 minuti di corsa su percorso piano (Cooper, 1968). Il 6 MWT presenta una buona correlazione (r < 0.7) con il tempo necessario a raggiungere l 85% della frequenza cardiaca massimale teorica su di un test progressivo effettuato su treadmill in una popolazione anziana di ambo i sessi (Rikli e Jones, 1997). Equipaggiamento richiesto 1. Un percorso piano della lunghezza di 30 metri, oppure in alternativa un percorso rettangolare di 20 X 5 metri. 2, Un cronometro. 3. Coni demarcatori (2 in caso di percorso lineare, 4 se si utilizza un percorso rettangolare). 4. Un cardiofrequenzimetro. 5. Un saturimetro se è previsto il calcolo della saturazione di O Un defibrillatore. 6. Uno sfigmomanometro. Istruzioni per l esecuzione del test Gian Nicola Bisciotti 205

11 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina 206 INVECCHIAMENTO 1. Il soggetto deve indossare delle calzature confortevoli. 2. Non si devono effettuare esercizi o attività impegnative sin da due ore prima dell inizio del test. 3. Una volta indossato il cardiofrequenzimetro occorre rimanere seduti 10 minuti su di una sedia prima dell inizio del test. 4. Il soggetto deve camminare il più velocemente possibile, evitando di correre, seguendo il percorso tracciato e cercando di coprire la massima distanza nel tempo di 6 minuti. 5. Per stimolare il soggetto l operatore può dare un incitamento standardizzato al secondo, terzo e quarto minuto: - Secondo minuto: Vai, mancano 4 minuti alla fine del test. - Terzo minuto: Stai andando bene, hai finito metà del lavoro. - Quarto minuto: Vai avanti così, mancano 2 minuti alla fine del test. - Quinto minuto: Stai andando molto bene, manca solo 1 minuto alla fine del test. 1. È importante non usare linguaggi corporali per incoraggiare il paziente durante l esecuzione della prova. 2. Alla fine del test far sedere il paziente controllare l eventuale dispnea e calcolare l indice di fatica utilizzando la scala di Borg (tabella 3). 3. Annotare i metri percorsi. 4. Immediatamente dopo la fine della prova calcolare la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la saturazione di O 2 (se prevista). Indicazioni di sicurezza 1. Controllare la frequenza cardiaca basale e la pressione sanguigna prima dell inizio del test. 2. Controllare il valore di saturazione di O 2 a riposo se il protocollo della prova lo prevede. 3. Controllare sempre la frequenza cardiaca del soggetto e l eventuale dispnea durante l esecuzione della prova. 4. Restare vicino al paziente durante tutta l esecuzione della prova, ma non camminare insieme a lui. 5. Indipendentemente dall età, i fattori che possono ridurre la distanza percorsa durante il test sono (Ingle e coll., 2006): - Bassa statura. - Sesso femminile. - Un percorso eccessivamente ridotto per mancanza di spazio disponibile. - Soprappeso od obesità. - Deterioramento cognitivo. - Patologie polmonari. - Patologie cardiovascolari. - Patologie muscolo scheletriche. 206 Gian Nicola Bisciotti

12 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina I test funzionali nella popolazione anziana Tabella 3: tavola di Borg di livello di percezione dello sforzo (Borg, 1986). Livello Percezione dello sforzo % Frequenza cardiaca max 6 Nessuno sforzo 20% 7 Nessuno sforzo 30% 8 Estremamente leggero 40% 9 Estremamente leggero 50% 10 Molto leggero 55% 11 Molto leggero 60% 12 Leggero 65% 13 Leggero 70% 14 Un po pesante 75% 15 Un po pesante 80% 16 Pesante 85% 17 Pesante 90% 18 Molto pesante 95% 19 Molto pesante 100% 20 Estremamente pesante esaurimento - Altri tipi di patologie che influiscano negativamente sulla biomeccanica della marcia. - Una bassa motivazione. 6. Sempre indipendentemente dall età i fattori in grado di aumentare la distanza percorsa durante la prova sono (Ingle e coll., 2006): - Un alta statura. - Sesso maschile. - Un alta motivazione. - L avere effettuato già precedentemente la prova. - Somministrazione di O 2 in pazienti che presentino ipossiemia indotta dall esercizio. Controindicazioni Assolute: - Angina pectoris nell ultimo mese. - Infarto miocardico acuto. Relative: - Frequenza cardiaca basale superiore a 120 pulsazioni/minuto - Ipertensione sistolica - Ipertensione diastolica superiore a 100 mm./hg La valutazione della flessibilità Gian Nicola Bisciotti 207

13 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina 208 INVECCHIAMENTO Il sit and reach test (SRT) Una perdita di flessibilità associata con l età, come ad esempio quella che usualmente riscontabile a livello dell articolazione coxo-femorale, è in grado d influenzare negativamente eventuali disfunzioni, patologie e disabilità già presenti nel soggetto anziano (Roach e Miles, 1991). Il SRT viene utilizzato per la misurazione della flessibilità del tratto lombare e della muscolatura ischio-crurale. Equipaggiamento richiesto 1. Seat and reach box Istruzioni per l esecuzione del test 1. Prima dell esecuzione del test è necessario effettuare un riscaldamento globale della durata di Il soggetto deve sedersi sul pavimento e, mantenendo gli arti inferiori completamente estesi, appoggiare la pianta dei piedi sull apposito box. 3. Sempre mantenendo le gambe perfettamente estese deve piegare in avanti il busto appoggiare le mani sul piano del box e cercare di raggiungere la massima distanza possibile sulla scala centimetrata. La posizione deve essere mantenuta per 2 secondi. 4. Effettuare il test 3 volte, osservando un recupero di 30 secondi tra ogni prova, e registrare il miglior risultato ottenuto. Interpretazione dei risultati Il SRT mostra una buona correlazione (r > 0.75) con la capacità di elongazione della muscolatura ischiocrurale misurata tramite goniometro antropometrico in una popolazione anziana di ambo i sessi (Jones e coll., 1998). Per l interpretazione dei risultati ottenuti occorre fare riferimento alla tabella 4. Indicazioni di sicurezza 208 Gian Nicola Bisciotti

14 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina I test funzionali nella popolazione anziana Tabella 4: interpretazione dei risultati ottenuti nel SRT. Uomini Donne Eccellente da +17cm a +27 cm da +21cm a +30 cm Buono da +6 cm a +16 cm da +11 cm a +20 cm Mediocre da 0 cm a +5 cm da +1 cm a +10 cm Sufficiente da -8 cm a -1 cm da -7cm a 0 cm Scarso da -19 cm a -9 cm da -14 cm a -8 cm Molto scarso > - 20 cm > - 15 cm 1. Il SRT è controindicato nei soggetti portatori di grave cifosi, e nei pazienti sofferenti di grave osteoporosi, soprattutto se hanno già subito fratture vertebrali. 2. Una variante del SRT è rappresentata dal chair sit and reach test (CSRT), illustrato in figura 1. Il CSRT viene utilizzato con quei pazienti che presentano obiettive difficoltà nel raggiungere e mantenere la posizione prevista dal SRT. Il back scratch test (BST) Gian Nicola Bisciotti 209

15 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina 210 INVECCHIAMENTO Il BST è un test che valuta la flessibilità dell articolazione scapolo-omerale: Una buona mobilità del cingolo scapolo-omerale si rivela fondamentale nella DA in attività come la toilette personale, il vestirsi e lo svestirsi autonomamente ecc. Equipaggiamento richiesto 1. Un righello centimetrato della lunghezza di circa 50 cm. Istruzioni per l esecuzione del test 1. La posizione di esecuzione del test è in posizione eretta. 2. Il soggetto deve portare una mano dietro la testa e al di sopra della spalla omolaterale e cercare di raggiungere, o andare comunque il più vicino possibile, alla mano controlaterale che è mantenuta in posizione piegata con il dorso appoggiato alla schiena. 3. La posizione deve essere mantenuta per 3 secondi. 4. Effettuare tre prove, intervallate da 30 secondi di recupero, e registrare il miglior risultato ottenuto. Il risultato sarà di segno positivo (+) se si misurerà una sovrapposizione delle due mani, oppure di segno negativo (-) se si dovrà misurare la distanza intercorrente tra la punta delle due dita medie. 5. Occorre effettuare il test sui due lati invertendo la posizione delle mani. Tabella 5: Interpretazione dei risultati. Valori medi per fascia di età nella popolazione maschile e femminile riguardanti il BST (Jones e Rikli, 1999). Età Media uomini Media donne da 16,5 cm a 0 cm da 7,5 cm a 4 cm da 19 cm a 2,5 cm da 7,5 cm a 4 cm da 20 cm a -2,5 cm da 10 cm a 2,5 cm da 23 cm a 5 cm da 13 cm ad 1 cm da 24 cm a -5 cm da 14 cm a 0 cm da 25,5 cm a -7,5 cm da 18 cm a -2,5 cm da 27 cm a 10 cm da 20 cm a -2,5 cm 210 Gian Nicola Bisciotti

16 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina I test funzionali nella popolazione anziana 11.7 La valutazione dell equilibrio e dell agilità In quest ambito esistono un gran numero di differenti protocolli di test, sia per ciò che riguarda la valutazione dell equilibrio statico che di quello dinamico. Una prima importante considerazione da farsi, è che spesso il soggetto anziano può far registrare un alto punteggio per quello che riguarda la valutazione dell equilibrio in condizioni statiche. In altre parole si verificherebbe un vero e proprio ceiling effect 1 tra le capacità di equilibrio statico e dinamico (Brown e coll., 2000). Tra tutti i test ritrovabili in bibliografia proponiamo due semplici test: il Romberg s Test per la valutazione dell equilibrio statico ed il Tandem Test per la valutazione dell equilibrio dinamico. Romberg s test (RT) Il RT fu ideato dal neurologo Moritz Heinrich Romberg ( ) ed è normalmente utilizzato in neurologia e otorinolaringoiatria nell ambito di pazienti che lamentano disordini dell equilibrio o instabilità (atassia). Istruzioni per l esecuzione del test 1. Chiedere al paziente di mantenere la stazione eretta a talloni uniti e braccia lungo i fianchi per un tempo di alcuni secondi ad occhi aperti. 2. Far ripetere l esame al paziente chiedendogli di chiudere gli occhi. Interpretazione dei risultati - Se il paziente tendesse a barcollare fortemente o cadere nei primi 30 secondi, il test si intende positivo (presenza di patologia cerebellare o labirintica). - Una lieve oscillazione non è da considerarsi patologica. - Non è infrequente un falso positivo, ossia la perdita di equilibrio in pazienti sani ma affetti da disturbi psicologici come ansia o stress. Indicazioni di sicurezza - Rassicurare il paziente sul fatto di essere pronti a sostenerlo nel caso di perdita di equilibrio. 1 Ceiling effect (effetto soglia): il termine ha due significati distinti, in un primo caso si riferisce al livello al quale una variabile indipendente non ha più un effetto su una variabile dipendente; in un secondo caso si riferisce al livello al di sopra del quale la variazione in una variabile indipendente non è più misurata o stimata. Un ceiling effect nell ambito del data-gathering (raccolta dati) si ha quando la varianza in una variabile indipendente non è misurata o stimata oltre un certo livello. Gian Nicola Bisciotti 211

17 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina 212 INVECCHIAMENTO Tandem test (TT) Istruzioni per l esecuzione del test 1. Chiedere al paziente di camminare avanti ed indietro su di un percorso che si svolge in linea retta, la distanza rimane a discrezione dell operatore. 2. Osservare e valutare la qualità dell oscillazione degli arti superiori, l equilibrio e la capacità di cambiare agevolmente la direzione di marcia. 3. Chiedere successivamente al paziente di camminare prima sulla punta dei piedi e poi sui talloni. 4. Invitare poi il paziente ad effettuare il vero e proprio TT, ossia camminare appoggiando il tallone immediatamente davanti alla punta del piede controlaterale in linea retta e per un numero di passi prestabilito. Interpretazione dei risultati Contabilizzare il numero di passi corretti eseguiti dal paziente La valutazione della composizione corporea La misurazione del Body Mass Index (BMI) Il BMI, o indice di massa corporea (in italiano abbreviato in IMC), è un dato biometrico che viene espresso come rapporto tra il peso e l altezza del soggetto ed è utilizzato come un indicatore dello stato di peso ideale. Il BMI e definito come il peso (espresso in kg) diviso l altezza al quadrato (espressa in metri). IL BMI è quindi, da un punto di vista dimensionale, una densità di superficie che viene espressa in kg/m 2. Esistono evidenze non solo del fatto che l abilità nelle DA sia diminuita negli individui anziani con un eccessivamente alto o eccessivamente basso BMI, ma anche che valori non consoni di BMI siano una concausa di disabilità negli ultimi anni di vita (Galanos e coll., 1994). È anche importante ricordare che nell anziano un basso valore di BMI è associato ad un alto rischio di mortalità soprattutto per quei soggetti che abbiano perso più del 10% del loro peso corporeo dopo i 50 anni (Losonczy e coll., 1995). 212 Gian Nicola Bisciotti

18 Bisciotti_bibliocorta_Invecchiamento 30/12/ Pagina I test funzionali nella popolazione anziana Interpretazione dei risultati Per l interpretazione dei risultati dei valori di BMI riferirsi alla tabella 6. Tabella 6: valori normativi del BMI. Valore BMI Minore di 18.5 Tra 18.5 e 25.0 Tra 25.0 e <30.0 Tra 30.0 e 35.0 Tra 35.0 e <40.0 Maggiore di 40 classificazione sottopeso normale Sovrappeso Obesità di I classe Obesità di II classe Obesità di III classe 11.9 Conclusioni L esecuzione di uno o più di questi test, oppure dell intera batteria di prove proposta, non comporta rischi maggiori di quelli esistenti durante l espletamento delle usuali DA. Per questo motivo le prove possono essere effettuate senza l obbligatorietà di assistenza medica, tuttavia è sempre consigliabile per gli operatori avere a disposizione un efficace e collaudato piano di emergenza in caso d inaspettata emergenza medica. Inoltre, l operatore o gli operatori che somministrano il test debbono continuamente prestare la massima attenzione nei confronti di eventuali segni - come eccessivo aumento della frequenza cardiaca, pallore, dispnea, nausea o dolore che possano essere indicativi di stress fisiologico. La sessione di test deve essere sempre preceduta da un adeguata fase di pre-test, durante la quale il soggetto che si sottoporrà alla prova, effettuerà un consono riscaldamento e familiarizzerà con i test a cui verrà sottoposto. Gian Nicola Bisciotti 213

Test di prestazione fisica nell anziano

Test di prestazione fisica nell anziano Lezioni 9 & 10 Test di prestazione fisica nell anziano La valutazione funzionale dell efficienza fisica dell anziano può essere attuata mediante scale di autovalutazione quindi attraverso l uso di un questionario,

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO Traduzione Angela Corbella Si riportano i principali strumenti descritti nelle Linee Guida NICE 1 (National Institute for Clinical Excellence)

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Azienda USL 6 Livorno UO Riabilitazione Funzionale PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Anni 2008 2009 A cura delle UUOO RIABILITAZIONE FUNZIONALE AZIENDALI in collaborazione con le palestre 1 PROGRAMMA

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni)

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) I test motori: come si effettuano e come utilizzare i dati Belluno, 18 Settembre 2012 Relatore: Prof. Modesto BONAN TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) Il rapporto tra i test e le capacità

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering Matteo Vandoni Sit and Reach Il sit and reach test ha lo scopo di misurare la flessibilità della catena cinetica posteriore attraverso l

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

PROGETTO ANZIANI FRAGILI

PROGETTO ANZIANI FRAGILI CENTRO BERNSTEIN VERONA PROGETTO ANZIANI FRAGILI responsabile del progetto: MENEGHINI DARIO COS E L INVECCHIAMENTO? COSA COMPORTA? Invecchiamento: difficoltà nel rispondere adeguatamente agli stimoli di

Dettagli

ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE

ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE ALLEGATO 1/g ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE Al fine di lavorare in posizioni corrette (degli arti superiori

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO: TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo TEST PER LA FORZA ESPLOSIVA: Salto in alto da fermo da gambe semi-piegate (Sergeant) - Salto

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

Centro Studi F.I.H.P.

Centro Studi F.I.H.P. Protocolli Test Regione Toscana Centro Studi F.I.H.P. Antropometrici Circonferenze Protocolli Test Hockey Pista Anni 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 Altezza Peso Addome Torace Fianchi Collo Forza Vel. A.I.

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Come già accennato in precedenza per avere un buon rendimento a livello di prestazione atletica e di comodità in sella è necessario assumere

Dettagli

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale A cura di: Laboratorio Larin Casa di Cura Domus Salutis - Brescia ESERCIZI DA SUPINO 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. ESERCIZI IN POSIZIONE PRONA 1. 2. 3. ESERCIZI

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

LA CADUTA DELL ANZIANO

LA CADUTA DELL ANZIANO LA CADUTA DELL ANZIANO A cura di: Dott. ssa E. Sartarelli Dott. S. Cittadini Possiamo definire EQUILIBRIO con le parole del Prof. Giorgio Guidetti come il rapporto ottimale tra un soggetto e l ambiente

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

Il Paziente Ortopedico

Il Paziente Ortopedico Il Paziente Ortopedico Fratturato - Fratture vertebrali - Fratture di femore - Fratture di spalla In elezione - Protesi d anca - Protesi di ginocchio - Protesi di spalla Le fratture CAUSE Le fratture vertebrali

Dettagli

Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio

Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio Inizio Programma delle Esercitazioni Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio Testo di Sheena Gawler Research Associate, Research Department of Primary Care and Population Health, University College London

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

STABILITÀ POSTURALE, FORZA & EQUILIBRIO

STABILITÀ POSTURALE, FORZA & EQUILIBRIO STABILITÀ POSTURALE, FORZA & EQUILIBRIO Programma Iniziale di Esercizio Testo di Sheena Gawler Research Associate, Research Department of Primary Care and Population Health, University College London Medical

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Mobilità articolare La capacità di eseguire

Dettagli

SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale

SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale SCHEDA D SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale Data (gg/mm/aaaa).. Cognome (in chiaro) Data di nascita (gg/mm/aaaa) Sesso (1. M; 2. F) Nome (in chiaro).. Indirizzo (in

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione post

Dettagli

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona IMBRACATURE Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona assistita o non autosufficiente. Chi deve assistere

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Guida al paziente con frattura di femore trattato con UNITA' OPERATIVA SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA Responsabile Dr.ssa Luisella Congiu 0785/562535 Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Dettagli

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE SINDROME DI SJӦGREN La riabilitazione nella sindrome di Sjӧgren svolge un ruolo fondamentale. Essa agisce direttamente sui distretti interessati dalla malattia e parallelamente sui danni secondari, risposte

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi

Movimentazione Manuale dei Carichi Movimentazione Manuale dei Carichi INQUADRAMENTO NORMATIVO Il Titolo VI, D.lgs. n. 81/2008, è dedicato alla movimentazione manuale dei carichi (MMC) e, rispetto alla normativa previgente e, in particolare,

Dettagli

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA H H H Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche Pagina 1 / 2 andare alla pagina: 1 6 Posizione del M/L Posizione del A/P Peso corporeo Determinare il peso corporeo. Prendere già in considerazione eventuali variazioni prevedibili (ad es. oscillazioni

Dettagli

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili CENTRO DI RIABILITAZIONE VIA BOLZANO 1 B GENOVA TEL. 010 3203600 www.gruppofides.it Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili Dott.ssa Renata Carro Fisioterapista Cadute in casa delle

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

DESCRIZIONE E MODALITA DI ESECUZIONE DEI TEST ANTROPOMETRICI E PRESTAZIONALI:

DESCRIZIONE E MODALITA DI ESECUZIONE DEI TEST ANTROPOMETRICI E PRESTAZIONALI: DESCRIZIONE E MODALITA DI ESECUZIONE DEI TEST ANTROPOMETRICI E PRESTAZIONALI: Test fisici ed antropometrici. Le rilevazioni richieste nel foglio test fisici ed antropometrici sono di sei tipi ; dati antropometrici;

Dettagli

Capitolo 3. Le attività della vita quotidiana. Alessandra Negrini, Maria Gabriella Negrini, Michele Romano, Stefano Negrini.

Capitolo 3. Le attività della vita quotidiana. Alessandra Negrini, Maria Gabriella Negrini, Michele Romano, Stefano Negrini. Capitolo 3 Le attività della vita quotidiana Alessandra Negrini, Maria Gabriella Negrini, Michele Romano, Stefano Negrini Con questo Capitolo veniamo introdotti alla pratica ergonomica. Si rivedono di

Dettagli

Come fare attività fisica nella vita quotidiana

Come fare attività fisica nella vita quotidiana Come fare attività fisica nella vita quotidiana 1 OMS - Regional Office for Europe Cammino e bicicletta http://www.euro.who.int/eprise/main/who/progs/trt /modes/20021009_1 In Europa la maggior parte degli

Dettagli

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Una corretta attività fisica svolge un azione molto favorevole sull apparato cardiovascolare, riduce tutti i principali

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Educazione Posturale dalla scuola alla famiglia

Educazione Posturale dalla scuola alla famiglia Progetto: Educazione Posturale dalla scuola alla famiglia Dott. Gabriele Chiarandini Laurea in Scienze Motorie Laurea Specialistica in Scienza dello Sport Master in Posturologia Clinica La Posturologia

Dettagli

PROGETTO LAIO L A I O. fascia 8 12 anni I S A C S I - I S T I T U T O DI S T U D I D E L L A C S I. Maggio 2014

PROGETTO LAIO L A I O. fascia 8 12 anni I S A C S I - I S T I T U T O DI S T U D I D E L L A C S I. Maggio 2014 PROGETTO LAIO L A I O Maggio 2014 fascia 8 12 anni Questo progetto è rivolto in primo luogo agli istruttori giovanili delle associazioni ACSI che incontrano, nel loro lavoro, bambini sovrappeso o obesi.

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein MISURIAMO LA BICI La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein Fareste mai una lunga passeggiata con un paio di scarpe strette??? QUALSIASI SIA L UTILIZZO CHE

Dettagli

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO Il programma che i sarà proposto rappresenta il giusto continuum di quello propedeutico post-campionato. Fermo restando il problema di sapere dove ognuno svolgerà la sua

Dettagli

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata Pag. 1 di 9 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA Ft GABRIELLA PISU Dipartimento Recupero e Riabilitazione Funzionale A.S.O. CTO-M.Adelaide Direttore: Dott.ssa M.V. Actis 2 Corso

Dettagli

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A Daniele Roccetti L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A - equilibrio statico e dinamico - sensori cervicali - labirinto - cervelletto - occhi - plesso solare - cervicale - circolazione - problemi articolari

Dettagli

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura Corso di Laurea specialistica in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate Valutazione quantitativa dell attività motoria A. Buizza A.A. 2009/10 Misura vs. Valutazione Misura = descrizione

Dettagli

Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana. Per il bene della vostra salute Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana Per il bene della vostra salute Quante ore al giorno state seduti? Ogni quanto fate una pausa di movimento o di rilassamento? Avete una postazione di lavoro

Dettagli

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna)

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) NON SOLO PALESTRA... VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) L attività vuole rendere consapevoli i ragazzi che l attività motoria può essere svolta anche

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI Testo e disegni di Stelvio Beraldo (Stelvio Beraldo - 1983) MODALITÀ DI

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

La movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi CORSO DI FORMAZIONE La valutazione dei rischi secondo le procedure standardizzate La movimentazione manuale dei carichi (Titolo VI e allegato XXXIII DLgs 81/2008) Rovigo. 19 aprile 2013 Dott.ssa Valeria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Consigli pratici per l installazione

Dettagli

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo La colonna vertebrale presenta delle curvature fisiologiche a livello cervicale, dorsale e lombare

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente

SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente Dott.ssa Oriana Fusco Centro Malattie dell Invecchiamento Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico

Dettagli

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE La prova motorio-attitudinale è suddivisa in quattro moduli il cui ordine verrà stabilito dalla commissione esaminatrice, in relazione alle esigenze organizzative. Per ciascuno

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli