Sistemi d emergenza. Capitolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi d emergenza. Capitolo 11 11.1"

Transcript

1 Capitolo 11 Sistemi d emergenza 11.1

2 11.1 Introduzione Nonostante tutti gli sforzi dei progettisti, costruttori e gestori dei mezzi aerei, sussiste sempre il rischio di rotture o incidenti che portino a situazioni di distruzione della macchina, con pericolo di lesioni anche fatali per passeggeri e gente a terra. In molti casi è possibile un ulteriore operazione di emergenza per tentare almeno di limitare i danni alle persone; a bordo di tutti i velivoli sono quindi previsti sistemi adibiti a questo scopo, sistemi che data la loro natura devono avere un alta affidabilità e devono essere disponibili anche a fronte di serie deficienze dei generatori di potenza di bordo. Questi sistemi devono inoltre essere di facile utilizzo, dato che è necessario un loro impiego in condizioni critiche e, talvolta, da parte dei passeggeri. L insieme di questi sistemi costituisce la sicurezza del velivolo, che si distingue in attiva e passiva. La sicurezza attiva comprende i sistemi per ridurre il rischio che si verifichi l incidente grave: sistemi di allarme; impianto di rilevamento e soppressione incendio; fonti energetiche di emergenza; impianto ossigeno di emergenza; protezione da ghiaccio; protezione da scariche elettriche atmosferiche; sistema anti-bloccaggio delle ruote del carrello d atterraggio; mentre la sicurezza passiva comprende quei sistemi che riducono le conseguenze sugli occupanti durante o dopo l impatto al suolo: sistemi per prevenire l incendio dopo l atterraggio di emergenza; inibitore di esplosione serbatoi; sedili ed arredi interni anti-crash; procedure e sistemi di evacuazione passeggeri ed equipaggio; crash switch. Si riporta di seguito una descrizione dei sistemi sopra menzionati Sistemi di allarme Un primo di tipo di sistema di emergenza è costituito da un sistema generale di allarme, sistema che prende necessità dal fatto che ormai molte funzioni vengono demandate a sistemi automatici fuori dal controllo diretto dell'equipaggio; diventa quindi essenziale che l'equipaggio venga immediatamente informato dell'insorgere di problemi nei sistemi automatici, soprattutto nei casi dove questi prendono piena autorità su funzioni vitali quali il controllo del volo, dei propulsori, ecc. Nelle generazioni precedenti di velivoli, le condizioni anomale venivano fornite attraverso spie poste nelle vicinanze degli strumenti e dei comandi relativi ai singoli sistemi di bordo; questo porta ad avere pannelli di comando estremamente addensati ed alla necessità di un continuo esame panoramico da parte dell'equipaggio. Per poter facilitare l'individuazione immediata dello stato del sistema viene da tempo utilizzato un codice di colori per cui gli allarmi che richiedono un'azione immediata vengono segnalati 11.2

3 con il rosso, gli avvertimenti con il giallo, mentre il verde o altri colori vengono utilizzati per segnalazioni di funzionamento regolare. Esistono anche delle procedure standardizzate di segnalazione allarme che prevedono il lampeggio di luci di allarme ed il contemporaneo funzionamento di un segnale acustico fino a quando l'operatore non interviene con una tacitazione, che deve essere conseguente al riconoscimento del singolo allarme. Il riconoscimento dell'allarme deve provocare il passaggio dal lampeggio alla luce continua e la tacitazione dell'allarme acustico, a meno che non sia presente almeno un altro allarme non ancora riconosciuto. In velivoli più moderni la tendenza è di raggruppare tutti gli allarmi e gli avvertimenti in un unico pannello (fig e 11.2) e di dare una segnalazione di allarme generico, in conseguenza del quale il pilota andrà ad osservare il pannello allarmi. Fig Pannello d allarme per elicotteri Fig Pannelli d allarme Nelle ultime generazioni di velivoli le informazioni di allarme vengono fornite attraverso display alfanumerici con il vantaggio di fornire maggior dettaglio della causa dell'allarme; se necessario è possibile fornire anche informazioni di tipo quantitativo ed è possibile in taluni casi fornire informazioni sulle azioni da intraprendere. È inoltre possibile utilizzare mezzi sonori, utilizzando sia suoni con diversi toni, sia messaggi vocali. I sistemi di allarme, oltre a tener sotto controllo il funzionamento dei motori e degli impianti, possono riguardare il comportamento del velivolo stesso. Fanno per esempio parte dello stesso sistema avvisatore di stallo, avvisatore di ghiaccio, avvisatori di supero di velocità massima, avvisatori di bassa quota, ecc. I sistemi di allarme fanno parte della sicurezza attiva del velivolo, in quanto il loro scopo è di ridurre la possibilità che la situazione degeneri in un incidente grave Sistemi anti-incendio Il rischio di incendio a bordo è sempre un problema di grandissima importanza, nonostante tutti i provvedimenti che vengono presi per ridurne al minimo la possibilità e limitarne comunque al massimo la velocità di propagazione. Una situazione di questo genere può verificarsi tipicamente in caso di impatto col terreno, ma anche durante il volo. Incendi durante il volo Per quanto riguarda gli incendi durante il volo (sicurezza attiva), questi possono essere provocati dalle varie sorgenti di calore presenti e da problemi conseguenti a corto circuiti nell'impian- 11.3

4 to elettrico, e vengono sviluppati dalla presenza di sostanze infiammabili quali i combustibili, i lubrificanti ed i liquidi dell'impianto idraulico. La condizione di incendio in volo è evidentemente molto pericolosa ed è necessario poter scoprirne la presenza al primo insorgere e poter intervenire rapidamente per estinguerlo. L impianto è quindi costituito da un sistema di rilevazione di incendio e da uno di spegnimento. I rilevatori sono basati su misure di temperature oppure di fumi, ovvero forniscono un allarme quando viene rilevata una temperatura al di sopra di un certo valore oppure una certa concentrazione di fumo. I rilevatori di fumi si basano su misure di opacità oppure di presenza di particelle in una certa concentrazione. I sensori termici possono essere costituiti da: rilevatori puntuali, basati su lamine bimetalliche, che aprono un contatto al di sopra di una certa temperatura (fig. 11.3); rilevatori continui, costituiti da un conduttore inserito in un materiale semiconduttore all'interno di un tubo metallico, un sistema quindi avente certe caratteristiche sia di resistenza che di capacità, sulle quali si basa il controllo termico: questi sensori hanno una maggiore affidabilità dell'allarme grazie al doppio controllo ed inoltre le caratteristiche elettriche variano molto bruscamente al variare della temperatura. Le tecniche di rilevamento sono diverse a seconda della zona del velivolo posta sotto controllo. La cabina, dove l incendio risulterebbe chiaramente visibile dagli occupanti, è normalmente dotata di rilevatori di fumi; i vani di carico e avionici e altre aree pressurizzate ma non sotto normale controllo visivo degli occupanti possono essere dotate sia di rilevatori di fumi che di temperatura. I sensori sono normalmente progettati per generare il segnale d allarme dopo 60 secondi di rilevamento di temperatura o fumi anomali; questo lasso di tempo, apparentemente lungo, è dovuto alla necessità di eliminare falsi allarmi, che potrebbero portare a conseguenze Fig Rilevatore bimetallico rischiose quali manovre diversive per atterraggi d emergenza o disattivazione da parte del pilota di apparati importanti per il volo e la navigazione. Per lo stesso motivo, alcuni sistemi di rilevamento incendio sono progettati per fornire il segnale d allarme quando più sensori forniscono segnali di temperatura o concentrazione di fumi elevati. In tutti i casi viene inviato un avviso al pannello di allarme di cabina, di modo che il pilota possa iniziare a verificare se sussistono effettive condizioni di incendio o se si tratta di un malfunzionamento del rivelatore. Una caratteristica fondamentale di questi sistemi di rivelazione incendio è il fatto di non venire danneggiati dall incendio stesso senza che si attivi il sistema di allarme. Un punto tipico nel quale vengono installati sistemi di rivelazione di incendio è ovviamente il vano motore, sia per i rischi che comporta un incendio vero e proprio sia per i rischi dovuti ad un falso allarme ritenuto vero, che comporterebbe l immediato spegnimento del motore da parte del pilota. In caso di incendio nel vano motore l'equipaggio deve infatti intervenire prima di tutto bloccando l'afflusso di combustibile ed è fondamentale l'efficienza della valvola di e- sclusione. 11.4

5 I sensori inviano i segnali ad unità di controllo e, quindi, ai pannelli d allarme in cabina. La tradizionale trasmissione di segnali via cavo ha oggi un alternativa nella trasmissione via radio, che può essere resa facilmente ridondante trasmettendo lo stesso segnale su diverse frequenze. Il grande vantaggio di questi sistemi è una grande riduzione dei tempi di installazione e manutenzione. Lo spegnimento dell incendio in cabina viene effettuato a mano con estintori portatili. L intervento in zone remote, come i motori ed i vani avionica e cargo, vengono effettuate comandando l apertura di estintori installati in prossimità dei vani o dei motori da proteggere ed il cui fluido contenuto sotto pressione viene inviato ai vani o alle nacelles attraverso tubazioni. L operazione è particolarmente difficoltosa nel caso delle nacelles, dove il flusso d aria tende a disperdere il fluido estinguente, riducendone la concentrazione e quindi l efficacia. Perché un incendio si produca, si deve avere la concomitanza di tre fattori: combustibile, ossigeno e temperatura. I sistemi estinguenti possono intervenire su uno o più di questi fattori. I principi utilizzati negli estintori a bordo possono essere di due diversi tipi: idrocarburi alogenati e gas freddi inerti. Il principio degli alogenati consiste nell'interferenza fra la fiamma e l'ossidante; vi è cioè un effetto di arresto del trasferimento di energia alle molecole non ancora incendiate e di conseguenza un estinzione o comunque un rallentamento della combustione. I gas freddi inerti si basano invece sul fatto che il gas, compresso allo stato liquido, quando inviato sulla fiamma subisce un effetto di raffreddamento per l'evaporazione ed inoltre allontana l aria, e quindi l'ossigeno, con inibizione della propagazione dell'ossidazione. Un altro metodo usato, ma principalmente all'esterno del velivolo, è costituito dagli schiumogeni: questi hanno un effetto di separazione combustibile-ossigeno e inoltre, rilasciando acqua, un effetto di raffreddamento; data la presenza di acqua non possono essere usati dove esistono circuiti elettrici. Incendi conseguenti all atterraggio di emergenza Per quanto riguarda i problemi legati ad incendio conseguente ad atterraggio pesante (sicurezza passiva) del velivolo, il problema è molto più complesso e sono ancora allo studio sistemi efficaci per ridurre la possibilità di incendio del combustibile al di fuori della camera di combustione del propulsore. Il tasso di mortalità per lesioni termiche è tuttora la principale causa di morte durante gli atterraggi di emergenza. Sono stati infatti notevoli i progressi nella sicurezza passiva strutturale: attualmente la sopravvivibilità negli incidenti aeronautici è stata elevata grazie alla progettazione delle strutture collassabili per ridurre i carichi trasmessi alla cella abitabile, degli arredi e delle superfici interne, dei sedili e dei sistemi di ritenuta; resta tuttavia ancora dubbia la soluzione del problema di evitare l'incendio del combustibile, incendio che vanifica in gran parte gli sforzi compiuti dal punto di vista strutturale. In molti velivoli e specialmente per i velivoli militari è previsto un sistema di interruzione (crash switch) di tutti i circuiti elettrici, di interruzione dell'alimentazione di combustibile, di arresto dei motori e di attivazione dei sistemi di estinzione incendi da utilizzare in caso di crash in modo da limitare il pericolo di conseguente incendio. Il sistema può essere manualmente attivato dal pilota o automatico, basato su interruttori inerziali. 11.5

6 Sono allo studio anche sistemi per ritardare la propagazione dell'incendio nell'interno della cabina in caso di crash; un ritardo anche non troppo elevato nella propagazione permetterebbe infatti in questi casi il salvataggio della maggioranza dei passeggeri. Questi sistemi sono basati sull'introduzione e distribuzione in fusoliera, anche dall'esterno del velivolo, di un miscuglio di aria e acqua nebulizzata. In tal modo si ha l'effetto di raffreddare l'ambiente, introdurre aria fresca, allontanare aria inquinata, bagnare gli interni e tutti i tessuti, ritardando la propagazione di fiamma e la potenziale emissione di gas tossici per tutti i materiali non infiammabili Inibizione di esplosione dei serbatoi I serbatoi combustibile, quando non completamente pieni, contengono vapori del combustibile stesso; in contatto con l'aria si forma una miscela facilmente incendiabile e quindi potenziale sede di esplosione: questa può essere avviata da una scintilla generata da un sistema elettrico, oppure da un fulmine, ma sono eventualità molto remote; in generale il rischio di esplosione è elevato durante un atterraggio di emergenza e, nel caso specifico di velivoli militari, durante il combattimento, a causa dall intrusione nei serbatoi di frammenti di proiettili. La riduzione di questo rischio si può ottenere o con una pressurizzazione dei serbatoi con gas inerte (azoto) o con riempitivi reticolari. L azoto viene normalmente ottenuto a bordo da sistemi Fig Schiuma anti-incendio serbatoi di filtraggio molecolare dell aria (OBIGGS, On- Board Inert Gas Generation System). Il riempitivo è invece una sorta di schiuma (v. fig. 11.4), in alluminio o poliuretano, che rompe il volume di combustibile e vapore in tante piccole celle; questa frammentazione del volume è in grado di rallentare notevolmente la velocità di propagazione del fronte di fiamma e quindi dell aumento di pressione che porta all esplosione. Un effetto aggiuntivo dell utilizzo di questi riempitivi è una riduzione della velocità di fuoriuscita del combustibile a seguito di rottura del serbatoio. Infine il riempitivo elimina l effetto d onda del pelo libero, senza la necessità di introdurre nel serbatoio paratie anti-onda Ossigeno di emergenza Il sistema è già stato menzionato nel capitolo inerente l impianto di pressurizzazione e condizionamento. A bordo di velivoli da trasporto civile, se viene meno la pressurizzazione ad una quota superiore ai ft, la respirazione è difficile o impossibile; in questi casi si attiva automaticamente la distribuzione dell ossigeno di emergenza attraverso maschere che scendono dai pannelli superiori. Sul velivolo verranno quindi imbarcate bombole con una quantità sufficiente di ossigeno liquido per la respirazione di tutti i passeggeri fino alla discesa sotto alla quota di sicurezza. A bordo di velivoli militari spesso la respirazione via maschera ad ossigeno è mantenuta durante tutto il volo, con concentrazione variabile a seconda della quota: a ft la concentrazione raggiunge il 100%, altrimenti la pressione alveolare è comunque insufficiente allo scam- 11.6

7 bio osmotico. Qualora si esaurisse la scorta o andasse in avaria l impianto, l equipaggio può collegarsi alla bombola in dotazione col sedile eiettabile, che assicura la respirazione per un tempo limitato. I sistemi più moderni estraggono l ossigeno dall aria, tramite filtraggio molecolare (OBOGS, On-Board Oxygen Generation System) Fonti energetiche di emergenza I moderni velivoli si basano su sistemi ridondanti di produzione energetica: l energia pneumatica viene ottenuta spillando una certa portata d aria dai compressori dei motori; l energia elettrica viene ottenuta convertendo energia meccanica dei propulsori stessi tramite più generatori calettati sui riduttori; l energia idraulica viene pure ottenuta convertendo energia meccanica dei propulsori stessi tramite più pompe calettate sui riduttori, oppure azionate da motori elettrici. Tale ridondanza si trova anche nella distribuzione e utilizzazione. Questa architettura dei sistemi di generazione e distribuzione d energia è tale da rendere il volo sicuro anche a seguito di un certo numero di malfunzionamenti di parti degli impianti. Tuttavia il rischio di gravi guasti nella generazione d energia richiede l installazione di sistemi di emergenza, in grado di fornire energia almeno per un tempo sufficiente a portare il velivolo ad un atterraggio d emergenza. Si è parlato nel paragrafo precedente dell impianto di ossigeno di emergenza, che viene attivato nel caso in cui l impianto pneumatico andasse in avaria. Per quel che concerne invece pompe idrauliche e generatori elettrici, vi sono alcuni modi di azionarli in caso di avaria dei propulsori: 1. accensione dell A.P.U. (auxiliary power unit); 2. attivazione di una E.P.U. (emergency power unit), 3. elettropompe alimentate da batterie; 4. turbine esterne R.A.T. (ram air turbine). Nel primo caso sarà possibile ottenere la riattivazione del sistema idraulico, elettrico e pneumatico, perché la A.P.U. è normalmente preposta a fornire aria compressa e ad azionare alcuni generatori elettrici e pompe idrauliche. Tuttavia questa turbina ausiliaria necessita di un certo tempo per l avviamento e quindi non sarà indicata per far fronte rapidamente ad un black-out energetico. Inoltre essa viene alimentata dallo stesso combustibile bruciato dai propulsori e quindi l A.P.U. sarebbe inutilizzabile se il problema d origine fosse la fine del combustibile. Fig RAT estratta La E.P.U. è una turbina azionata da una reazione di idrazina (N2H 4 ). L idrazina si decompone in presenza di ossigeno con una reazione esotermica che produce azoto e vapore d acqua: 11.7

8 N 2 H 4 + O 2 N 2 + 2H 2 O I gas generati dalla reazione vengono convogliati su una turbina che può trascinare una pompa idraulica e/o un generatore elettrico. Normalmente non si possono imbarcare notevoli quantità di questo combustibile a bordo e quindi la E.P.U. sarà in grado di funzionare per un tempo molto breve, insufficiente per l atterraggio d emergenza: tale impianto si trova dunque su velivoli militari ed ha lo scopo di permettere all equipaggio di tentare di riattivare i sistemi oppure di abbandonare il velivolo in volo. Il terzo metodo consiste nell utilizzare batterie d emergenza per azionare un motore elettrico che trascina una pompa idraulica. Infine, un metodo molto comune, è quello di estrarre dalla fusoliera un braccio che sostiene una turbina, che quindi si dispone al vento relativo. Questa turbina trascina una pompa idraulica e/o un generatore elettrico e quindi è in grado di fornire una moderata quantità di energia per controllare i comandi di volo essenziali e portare il velivolo ad un atterraggio di emergenza Sedili ad attenuazione d energia e arredi interni La sicurezza passiva strutturale si è molto evoluta negli ultimi anni: durante un atterraggio particolarmente pesante, si ottiene un primo assorbimento di energia con la compressione degli ammortizzatori del carrello d atterraggio; successivamente la parte inferiore della fusoliera entra in contatto col terreno ed inizia a deformarsi in modo controllato; la cabina deve mantenere il più a lungo possibile la forma e l integrità, per non ridurre il volume vitale attorno agli occupanti; durante la deformazione della fusoliera vengono trasmesse in cabina le accelerazioni che, attraverso i sedili e le cinture di sicurezza, vanno a sollecitare gli occupanti. Gli studi quindi dei sedili e sistemi di ritenuta, dei materiali per la fabbricazione degli interni e della forma stessa delle superfici interne sono di grande importanza per l aumento della sopravvivenza durante gli impatti al suolo. I materiali attualmente utilizzati possiedono un elevata resistenza al fuoco ed emettono fumi di bassa tossicità. Tutti gli elementi mobili di cabina (estintori, carrelli e parti delle cucine sui velivoli da Fig Condizioni di prova sedili trasporto passeggeri) sono fissati di modo da non costituire pericoli durante un 11.8

9 atterraggio di emergenza. Ma soprattutto i sedili e sistemi di ritenuta sono progettati di modo da ridurre i carichi sugli occupanti e contenere l escursione dei vari segmenti di corpo. A partire dai primi anni 90, i velivoli civili devono essere equipaggiati con sedili e sistemi di ritenuta che abbiano superato due prove dinamiche che riproducono alcune condizioni di carico indicative di atterraggi d emergenza pesanti; queste condizioni sono riportate in fig e le prove sperimentali richiedono l uso di un manichino antropomorfo. I criteri di certificazione si basano su una serie di misure effettuate durante le prove: carichi ed accelerazioni in alcuni segmenti di corpo del manichino, forze sulle cinture, integrità strutturale del sedile e sua deformazione residua. La fig mostra un installazione di prova relativa al Test 2 (indicato in fig. 11.6) per un elicottero, dove viene inclusa parte rilevante dell abitacolo per tenere conto di possibili interazioni di contatto dell occupante con le superfici circostanti. Fig Installazione di prova sedili 11.8 Evacuazione degli occupanti Per tutti i velivoli passeggeri devono essere previste delle uscite in grado di evacuare nel più breve tempo possibile i passeggeri in seguito ad atterraggi di fortuna. Le norme prevedono per l'evacuazione dei velivoli tempi di 90 secondi, valori raggiungibili nelle simulazioni ed esercitazioni, ma nella realtà ampiamente superati giungendo anche a tempi dell'ordine dei 5 minuti. Questo comporta la presenza di un certo numero di porte localizzate in modo da ottimizzare il percorso dei singoli passeggeri, nonché una modalità di apertura delle porte utilizzabile anche da passeggeri e la presenza di sistemi in grado di portare i passeggeri a terra senza seri inconvenienti. Il compito di gestire le uscite dei passeggeri e l'apertura delle porte in un aereo da trasporto civile è affidato all'equipaggio di cabina; bisogna però rendersi conto che il problema è complesso perché si tratta di una situazione di forte stress per l'equipaggio ed i passeggeri e, soprattutto se questi sono in numero elevato, è molto probabile che si inneschi una situazione di panico, situazione che facilmente si propaga vanificando tutti gli sforzi di previsione di necessità di numero di uscite di sicurezza. Le porte normali e di sicurezza sono dotate di scivoli pneumatici che vengono comunque mantenuti armati da prima del decollo fino a dopo l atterraggio; gli scivoli sono costruiti in modo da consentire una rapida ma sicura discesa dalla porta fino a terra o in acqua; in previsione di quest ultima evenienza, tutti i sedili sono dotati di salvagente autogonfiabili ed il velivolo è dotato di zattere sufficienti per tutti gli occupanti, con radiolocalizzatori che si attivano automaticamente. Spesso sono gli scivoli stessi a sganciarsi dal velivolo e a diventare zattere di salvataggio. Per i velivoli civili l'evacuazione dell'equipaggio avviene con le stesse modalità dei passeggeri. Per i velivoli militari da combattimento con equipaggio in postazione fissa, si provvede invece a dispositivi in grado di consentire l'abbandono del velivolo anche in volo attraverso sedili eiettabili. 11.9

10 I sedili dei velivoli da combattimento possono essere espulsi dal velivolo attraverso dei sistemi a razzo, attualmente in grado di lanciare il pilota a quote sufficienti all'apertura del paracadute anche partendo da quota zero e velocità nulla (sedili zero-zero). La sequenza di espulsione viene attivata dal pilota quando tira la leva di espulsione ed è di norma così articolata: 1. gli avvolgitori delle cinture di sicurezza superiori tendono le cinture premendo il pilota contro lo schienale e costringendolo ad una posizione che gli permetterà di tollerare meglio l accelerazione di espulsione; 2. dopo un breve ritardo si attiva un primo stadio del razzo di spinta, che solleva il sedile lungo una coppia di guide verticali; 3. tutti i sistemi che collegano il pilota al velivolo vengono staccati, l attuatore per l estrazione del paracadute è armato, la bombola d ossigeno del sedile è aperta e le superfici stabilizzatrici estratte; Fig Sedile eiettabile (Autoflug) 4. viene attivato il secondo stadio di spinta ed il sedile viene espulso dall abitacolo rompendo il trasparente con un rostro che si protende al di sopra della testa del pilota (fig. 11.8); 5. l assetto del sedile viene stabilizzato con una serie di razzetti e di superfici aerodinamiche; 6. il sistema di ritenuta viene rilasciato, il pilota con il kit di sopravvivenza (radio, radiofaro, zattera di salvataggio, razioni di alimenti, strumenti di primo soccorso) si separano dal sedile; 7. il sedile si allontana rapidamente dal pilota con l accensione di razzi addizionali, seguendo una traiettoria divergente rispetto a quella del pilota e riducendo il rischio di collisione con esso; 8. il paracadute viene estratto e, di norma, aperto ad una quota di ft, a meno che il pilota non lo attivi manualmente prima. La sequenza descritta sopra dura alcuni secondi ed è completamente automatica, di modo da consentire anche ad un pilota ferito o privo di sensi di raggiungere il suolo con il paracadute Registratore dati di volo Il registratore dei dati di volo, la cosiddetta scatola nera, non è propriamente un sistema di emergenza, ma il suo contributo ad aumentare la sicurezza del volo in generale è indiscutibile. Essa contiene la registrazione temporale, in forma digitale, dei parametri più importanti riguardanti la navigazione e utili a ricostruire la causa dell'incidente (FDR, flight data recorder): posizione del velivolo, velocità, assetto, potenza motori, posizione delle superfici di governo, comandi dati dai piloti, pressione degli impianti, ecc. La frequenza di campionamento varia, a seconda del tipo di misura acquisita, tra 0.25 e 8 Hz per canale. Il registratore stesso, oppure uno separato, contiene anche tutte le conversazioni della cabina di pilotaggio, sia fra i piloti, che fra piloti e terra (CVR, cockpit voice recorder)

11 La scatola nera, che naturalmente è verniciata in colori molto vivaci per poter essere facilmente trovata, viene installata in zone che di norma subiscono accelerazioni meno intense durante gli impatti, tipicamente il cono di coda; in caso di incidente in essa vengono attivati dei sistemi radio e sonar utili per il suo ritrovamento. Essa è inoltre costruita di modo che sia in grado di resistere a severe sollecitazioni di accelerazione, calore, corrosione anche per lunga permanenza in acqua; i requisiti tipici di un FDR per velivoli da trasporto passeggeri sono i seguenti: tempo di registrazione = 25 ore; numero di canali acquisiti = 300; tolleranza agli impatti: 3400 g per 6.5 ms; resistenza al fuoco: 1100 C per 30 minuti; resistenza alla profondità: 7000 m vita dopo l incidente: 30 giorni

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico prof. Gianluca Venturi Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Quando il paracadute può uccidere anziché salvare

Quando il paracadute può uccidere anziché salvare 118 swissfire.ch 12 2013 Tecnica 115 Il paracadute balistico: un pericolo sconosciuto dai soccorritori Quando il paracadute può uccidere anziché salvare Il paracadute è concepito per salvare delle vite.

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE di: Luigi Tudico si! come tutti gli altri impianti, anche il sistema URTROPPO frigorifero può andare incontro a diversi tipi di inconvenienti,

Dettagli

Guida alle situazioni di emergenza

Guida alle situazioni di emergenza Guida alle situazioni di emergenza 2047 DAF Trucks N.V., Eindhoven, Paesi Bassi. Nell interesse di un continuo sviluppo dei propri prodotti, DAF si riserva il diritto di modificarne le specifiche o l

Dettagli

Manuale dell'operatore

Manuale dell'operatore Manuale dell'operatore con informazioni sulla manutenzione Second Edition Fifth Printing Part No. 82785IT CE Models Manuale dell operatore Seconda edizione Quinta ristampa Importante Leggere, comprendere

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

(art. 22 comma 5 del D.Lgs. n. 626/94 ed All.VII del D.M.10.03.98) Organizzato e curato dal: Servizio di Prevenzione e Protezione UNIVERSITÁ di PISA

(art. 22 comma 5 del D.Lgs. n. 626/94 ed All.VII del D.M.10.03.98) Organizzato e curato dal: Servizio di Prevenzione e Protezione UNIVERSITÁ di PISA CORSO DI FORMAZIONE PER I LAVORATORI INCARICATI DELL ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO, EVACUAZIONE DEI LAVORATORI E GESTIONE DELLE EMERGENZE (art. 22 comma 5 del D.Lgs.

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Pressostati e termostati, Tipo CAS

Pressostati e termostati, Tipo CAS MAKING MODERN LIVING POSSIBLE Opuscolo tecnica Pressostati e termostati, Tipo CAS La serie CAS consiste di una serie di interruttori controllati mediante pressione e di interruttori controllati mediante

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

MAI PIÙ PAURA DI VOLARE COME VINCERE PER SEMPRE LA FOBIA DELL AEREO. Autore: Luca Evangelisti

MAI PIÙ PAURA DI VOLARE COME VINCERE PER SEMPRE LA FOBIA DELL AEREO. Autore: Luca Evangelisti MAI PIÙ PAURA DI VOLARE COME VINCERE PER SEMPRE LA FOBIA DELL AEREO Autore: Luca Evangelisti Copyright 2008 Kowalski Apogeo s.r.l. Socio Unico Giangiacomo Feltrinelli Editore s.r.l. Via Natale Battaglia

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234 MonoMotronic MA.0 6 7 8 9 / 0 8 7 6 0 9 A B A L K 7 8 6 9 0 8 0 A 0 0 C E D 6 7 7 M - 6 0 9 7-9 LEGENDA Document Name: MonoMotronic MA.0 ) Centralina ( nel vano motore ) ) Sensore di giri e P.M.S. ) Attuatore

Dettagli

SCHEMA FILARE DELL'IMPIANTO IAW

SCHEMA FILARE DELL'IMPIANTO IAW INIEZIONE ACCENSIONE WEBER MARELLI I.A.W. Prima, seconda, terza versione con distributore alta tensione Iniezione elettronica digitale con unica centralina che controlla iniezione e accensione, il comando

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 16 DEOS 20 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli