SERVIZI 7 INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZI 7 INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO"

Transcript

1 INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO

2 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio 1. DESCRIZIONE DELL EDIFICIO Tipologia Nome Localizzazione Anno e tipologia d'intervento Programma intervento Servizi inclusi nel progetto Trasporto pubblico Società per il trasporto interurbano di Brussels (STIB - MIVB) Brussels, Belgio Ristrutturazione parziale nuova costruzione parziale termine lavori programmato per la fine del 2012 Decreto del 1990 che prevede l offerta di trasporto pubblico accessibile a tutti nella regione del Belgio Accessibilità verticale (ascensore) e orizzontale (superfici pedonali tattili, mappe in Braille) 2. VISTA GENERALE Fig. 1 - Ascensore di accesso alla metropolitana Fig. 2 - Ingresso della metropolitana 212 BAS Building Accessible Services

3 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio SERVIZI 7 Fig. 3 - Pianta della metropolitana di Brussels Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

4 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio 3. DESCRIZIONE GENERALE Il progetto per la metropolitana di Brussels ha avuto inizio negli anni In quegli anni non è stata pensata una progettazione che prevedesse l accessibilità. Solo le scale mobili furono progettate per facilitare l uso da parte degli anziani. Dopo gli anni novanta, a seguito del Decreto della regione che raccomandava l accessibilità per tutti ai trasporti pubblici e le pressanti richieste da parte delle associazioni dei disabili (per migliorare l accessibilità della metropolitana di Brussels), fu creato un gruppo di lavoro composto di persone con mobilità ridotta e ipovedenti per affrontare il problema dell accessibilità e cercare di trovarne una soluzione. A seguito del lavoro del gruppo è stato predisposto un sistema di segnaletica per assistere la mobilità delle persone non vedenti. 4. CONTESTO DELL EDIFICIO Sono state realizzate varie misure per l accessibilità alla metropolitana di Brussels, perché ogni stazione ha caratteristiche e dimensioni diverse. Le soluzioni da adottare per garantire l accessibilità vanno adattate ad ogni singola stazione. 5. BREVE DESCRIZIONE DEI LAVORI Gradualmente, intervenendo su due stazioni ogni anno, la metropolitana di Brussels sarà resa accessibile a tutti. Le nuove infrastrutture sono concepite in modo particolare per coloro che hanno mobilità ridotta, compresi gli utenti su sedie a ruote. Saranno accessibili anche a chiunque altro ne abbia bisogno. Al fine di assistere i passeggeri durante i viaggi in metropolitana, è stata prestata particolare attenzione a come le persone salgono in treno dalla piattaforma. Uno studio molto attento di questo aspetto ha rivelato che non era conveniente cambiare o riconvertire i treni, che erano troppo vecchi per essere attrezzati con una rampa retrattile. Per cui è stato messo a punto un sistema di accompagnatori. I lavori per garantire l accessibilità sono consistiti nell installare degli ascensori, segnali e messaggi vocali per persone ipovedenti, pavimenti tattili ed un sistema di segnaletica visiva descrittiva. Sono anche previste soluzioni specifiche per persone di bassa statura e per coloro che usano sedie a ruote: adattamento dell altezza dei telefoni, dei banconi, etc. 214 BAS Building Accessible Services

5 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio SERVIZI 7 6. DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO La STIB-MIVB di Brussels è la prima compagnia belga di Trasporto Pubblico Urbano. Le sue attività si estendono alle 19 autorità municipali comprese nell area metropolitana urbana di Brussels. Serve un area con una superficie di 241,5 km 2 con una popolazione di più di abitanti e migliaia di pendolari. La metropolitana conta attualmente 68 stazioni di cui 19 sono state rese accessibili. 7. PIANTE Fig. 4 - Pianta della stazione della metropolitana 8. LEGENDA Vedi Fig.3 Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

6 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio 9. CARATTERISTICHE DI ACCESSIBILITA DELL EDIFICIO Fig. 5 - Pavimento tattile Fig. 6 Segnalazioni per non vedenti Fig. 7 Particolare della Mappa in Braille Fig. 8, 9 Pavimentazione con tracciati tattili che conducono ai treni della metropolitana 216 BAS Building Accessible Services

7 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio SERVIZI 7 Fig Segnaletica per non vedenti Fig Segnaletica Fig Mappa tattile e mappa visiva all ingresso della stazione a contrasto sul terreno Fig. 13, 14 Indicazioni visive Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

8 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio Fig. 15, 16 Ascensori permettono l accesso dalla piattaforma alla Fig. 17 Un insieme di scale e scale stazione della metropolitana mobili;un ascensore permette l entrata e l uscita dalla metropolitana 218 BAS Building Accessible Services

9 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio SERVIZI 7 Fig Adattamento Fig Telefono Fig. 20 Adattamento dell altezza delle dell altezza dei telefoni d emergenza per disabili biglietterie automatiche Fig. 21, 22 - Adattamento dell altezza dei banchi al centro informazioni per permettere a persone di statura bassa o persone su sedie a ruote di raggiungerli comodamente Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

10 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio Fig Fino ad ora, i treni esistenti della metropolitana non sono stati adattati per l accesso con sedie a ruote. L accesso ai treni dalla piattaforma è momentaneamente permesso dall uso di rampe rimuovibili, sistemate da un dipendente della metropolitana a seguito di una richiesta inoltrata telefonicamente dai passeggeri. La persona disabile è accompagnata durante il viaggio dallo stesso dipendente. Fig Collocazione della sedia a ruote sul treno della metropolitana 220 BAS Building Accessible Services

11 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio SERVIZI 7 Fig. 25, 26 - In una stazione, una rampa permette l ingresso di sedie a ruote al treno della metropolitana Fig. 27 Un giunto seghettato riempie lo spazio tra la sedia a ruote ed il treno Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

12 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio 10. APPLICAZIONE DELLA METODOLOGIA Entrata Livello 0 Ascensore Biglietteria Livello -1 Ascensore Metropolitana Livello -2 Dalla città a livello 0, i passeggeri possono raggiungere le piattaforme situate a livello -1 grazie ad un ascensore accessibile. Al livello -1, ci sono i servizi clienti (quali biglietteria, servizio informazioni). Dal livello -1 i passeggeri possono raggiungere la piattaforma della metropolitana situata a livello -2 grazie ad un ascensore accessibile. E anche garantita l accessibilità alle persone con capacità visive ridotte grazie alle molte mappe segnaletiche (anche in Braille), colori a contrasto e percorsi tattili. Fig. 28 Schema di percorso accessibile 222 BAS Building Accessible Services

13 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio SERVIZI MATERIALI DISPONIBILI Documenti Siti web Piante del piano terreno 12. ATTIVITA DI DIFFUSIONE Libri, Articoli, Riviste Sono stati pubblicati alcuni articoli 13. CONTATTI Promotori Albert Neyens 14. IMMAGINI DELL EDIFICIO Fig. 29, 30 Guida tramite superfici tattili. Le superfici tattili guidano le persone fino all area di attesa dei treni dietro la linea gialla e lontano da pericoli Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

14 Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio 15. CONSIDERAZIONI FINALI E POSSIBILI MIGLIORAMENTI DELL ACCESSIBILITA L intera metropolitana di Brussels non è ancora completamente accessibile, ma i lavori di adeguamento sono tuttora in corso. La metropolitana sarà totalmente accessibile in 10 anni, adattando due stazioni ogni anno. Migliorare l accessibilità della metropolitana di Brussels è un azione complessa per il fatto che non è possibile adottare una soluzione unica, poiché ogni stazione è diversa dall altra. Le soluzioni sono diversificate per ogni singola stazione. Le nuove infrastrutture accessibili sono predisposte per individui ipovedenti e/o con problemi motori. Ulteriori adattamenti sono previsti per persone con ridotte capacità uditive. Per molti (e presso stazioni che sono meno accessibili) è possibile richiedere l assistenza di personale dedicato fornito da STIB. Tuttavia, l assistenza durante i viaggi sui treni della metropolitana è mirata, in particolare, alle necessità di coloro che hanno difficoltà a salire a bordo dei treni dalla piattaforma e qualora l assistenza sia stata richiesta in anticipo per telefono. 16. RIFERIMENTI RINGRAZIAMENTI Albert Neyens 18. A CURA DEL PARTNER BAS BBRI: Jan Desmyter, Isabelle Lechat, Stefan Danschutter 224 BAS Building Accessible Services

SERVIZI 4 UFFICIO POSTALE A MILANO, ITALIA

SERVIZI 4 UFFICIO POSTALE A MILANO, ITALIA UFFICIO POSTALE A MILANO, ITALIA Ufficio Postale a Milano, Italia 1. DESCRIZIONE DELL'EDIFICIO Tipologia Ufficio Postale Nome Ufficio Postale succursale n.23 Localizzazione Via San Simpliciano 5, Milano,

Dettagli

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2 EDIFICIO GOVERNATIVO GALLESE A CARDIFF, GRAN BRETAGNA

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2 EDIFICIO GOVERNATIVO GALLESE A CARDIFF, GRAN BRETAGNA EDIFICIO GOVERNATIVO GALLESE A CARDIFF, GRAN BRETAGNA Edificio Governativo Gallese a Cardiff, Gran Bretagna 1. DESCRIZIONE DELL'EDIFICIO Tipologia Edificio Governativo Nome Parlamento del Galles Localizzazione

Dettagli

ISTRUZIONE 4 UNIVERSITA A LUND, SVEZIA

ISTRUZIONE 4 UNIVERSITA A LUND, SVEZIA ISTRUZIONE 4 UNIVERSITA A LUND, SVEZIA ISTRUZIONE 4 Università a Lund, Svezia 1. DESCRIZIONE DELL'EDIFICIO Tipologia Centro di Ricerca e Formazione per la Progettazione Nome The Ingvar Kamprad Design Centre

Dettagli

SERVIZI 6 AZIENDA PRIVATA A VARSAVIA, POLONIA

SERVIZI 6 AZIENDA PRIVATA A VARSAVIA, POLONIA AZIENDA PRIVATA A VARSAVIA, POLONIA Azienda Privata a Varsavia, Polonia 1. DESCRIZIONE DELL'EDIFICIO Tipologia Edificio adibito ad uffici Nome Quartiere Generale dell Azienda Reprograf Localizzazione Varsavia,

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Anche un solo gradino all ingresso può compromettere l accessibilità del locale alle persone che utilizzano la carrozzina. ACCESSIBILITÀ

Dettagli

Vivalto, il nuovo treno a due piani

Vivalto, il nuovo treno a due piani Vivalto, il nuovo treno a due piani Spazio e comfort al servizio dei viaggiatori Spazio, comfort e tecnologia Vivalto è il nome del nuovo treno a due piani per il trasporto locale Un mezzo all avanguardia

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l art. 87 della Costituzione; Vista la legge 30

Dettagli

Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO. Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva ACCESSO ALLA STRUTTURA

Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO. Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva ACCESSO ALLA STRUTTURA Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva me della struttura logia Categoria Comune Provincia Indicare, se possibile, se la struttura sia

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

ANAGRAFICA. Nome o Ragione sociale. Indirizzo. Città. Provincia. Telefono. Fax. E-mail. Sito web SERVIZIO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

ANAGRAFICA. Nome o Ragione sociale. Indirizzo. Città. Provincia. Telefono. Fax. E-mail. Sito web SERVIZIO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA ANAGRAFICA Nome o Ragione sociale Indirizzo Città Provincia Telefono Fax E-mail Sito web SERVIZIO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Esiste un servizio in grado di offrire informazioni alla clientela disabile?

Dettagli

Firenze,9 giugno 2014. Regolamento STI-PRM. Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta

Firenze,9 giugno 2014. Regolamento STI-PRM. Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta Firenze,9 giugno 2014 Regolamento STI-PRM Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta Regolamento 2 La convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle persone con Disabilità Considerando.

Dettagli

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS TOSCANA HOTEL VERSILIA HOLIDAYS Via Vico, 142 - Forte dei Marmi (Lu) Tel. +39 0584 787100 email info@versiliaholidayshotel.com - www.versiliaholidays.com TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a

Dettagli

AGGIORNAMENTO TESTO UNIFICATO CON INTEGRAZIONI del 10/12/2012) PROTOCOLLO D INTESA

AGGIORNAMENTO TESTO UNIFICATO CON INTEGRAZIONI del 10/12/2012) PROTOCOLLO D INTESA AGGIORNAMENTO TESTO UNIFICATO CON INTEGRAZIONI del 10/12/2012) PROTOCOLLO D INTESA fra ROMA CAPITALE ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA MOBILITA AGENZIA ROMA SERVIZI PER LA MOBILITA ATAC S.p.A. e LE ASSOCIAZIONI

Dettagli

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS TOSCANA HOTEL REGINA Via Torino, 6 - Forte dei Marmi (Lu) Tel. +39 0584.787.451 - info@hotelreginaforte.it - www.hotelreginaforte.it TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte

Dettagli

L'accessibilità delle risorse turistiche: il progetto TOURRENIA. Roberto Demontis, Eva Lorrai, Laura Muscas CRS4

L'accessibilità delle risorse turistiche: il progetto TOURRENIA. Roberto Demontis, Eva Lorrai, Laura Muscas CRS4 L'accessibilità delle risorse turistiche: il progetto TOURRENIA Roberto Demontis, Eva Lorrai, Laura Muscas CRS4 Progetto Tourrenia Finanziato dal Programma Operativo Marittimo Italia Francia Partners:

Dettagli

COMUNE DI BARANZATE (Provincia di Milano)

COMUNE DI BARANZATE (Provincia di Milano) PROGETTO: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E RIQUALIFICAZIONE PARCO VIA AQUILEJA UBICAZIONE: AREA VERDE VIA AQUILEJA PROSPICIENTE LA SCUOLA DOCUMENTO: RELAZIONE TECNICA Opere: LAVORI DI MANUTENZIONE

Dettagli

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dettagli

ROMA VITERBO (Estratto dalla Carta dei Servizi 2013)

ROMA VITERBO (Estratto dalla Carta dei Servizi 2013) Orario di inizio e fine servizio 1 Roma-Lido Roma-Viterbo Roma-Giardinetti ROMA VITERBO (Estratto dalla Carta dei Servizi 2013) Trasporto pubblico su ferrovia metropolitana Il servizio di ferrovia metropolitana

Dettagli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Funivie e funicolari D-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nelle funicolari e nelle funivie: requisiti funzionali Funivie e funicolari:

Dettagli

Progettazione accessibile e disabili visivi

Progettazione accessibile e disabili visivi Progettazione accessibile e disabili visivi 1 La normativa di riferimento La normativa di settore fornisce molte indicazioni progettuali riferibili a persone con disabilità motoria, mentre poche e generiche

Dettagli

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Ci Vado ad Occhi Chiusi Albenga accessibile OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Progetto cofinanziato da Comunità Europea Regione Liguria Comune di Albenga In collaborazione con Unione Italiana dei

Dettagli

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA La casa albergo Liberty è composta da 15 appartamenti bilocali (camera doppia, soggiorno-cucina con divano letto matrimoniale, bagno) dotati di tutti i comfort,

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

Titolo: L Esperienza Inglese Arch. Stephen Thorpe Traduzione italiana: arch. Daniela Orlandi

Titolo: L Esperienza Inglese Arch. Stephen Thorpe Traduzione italiana: arch. Daniela Orlandi Titolo: L Esperienza Inglese Arch. Stephen Thorpe Traduzione italiana: arch. Daniela Orlandi L ESPERIENZA INGLESE Arch. Stephen Thorpe In Gran Bretagna ci sono 3 fattori o elementi che stanno avendo un

Dettagli

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO Parco Laghi di Suviana e Brasimone INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO DEL BOSCO DI PORANCETO Il Museo è situato in località Poranceto nel comune di Cumugnano ed è ospitato all interno di un unico edificio

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco della Maremma CENTRO VISITE ALBERESE Il Centro ubicato in frazione Alberese a Grosseto, si articola su due piani e dispone di due ingressi. Dall ingresso principale è possibile

Dettagli

Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale

Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale I lavori di adeguamento della stazione metro di Termini sono stati eseguiti senza mai interrompere l esercizio delle metropolitane. Questa circostanza è sufficiente

Dettagli

WORLD BRIDGE RIPA SOCIAL RESEARCH AND STUDIES CENTER PROGETTO GUIDEINFORM

WORLD BRIDGE RIPA SOCIAL RESEARCH AND STUDIES CENTER PROGETTO GUIDEINFORM IL NASCE DALLA NECESSITA DI RENDERE AUTONOME LE PERSONE DISABILI NEGLI SPOSTAMENTI. Non è raro che le esigenze di coloro che sono non vedenti, ciechi assoluti e ipovedenti (più correttamente chiamati disabili

Dettagli

VADEMECUM PER L ENTE GESTORE

VADEMECUM PER L ENTE GESTORE VADEMECUM PER L ENTE GESTORE Questo vademecum si rivolge agli enti gestori del trasporto pubblico e fornisce loro alcune indicazioni per migliorare il servizio offerto al passeggero disabile. TRASPORTO

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTI

Dettagli

Decreto Presidente della Repubblica 24 Luglio 1996 N. 503

Decreto Presidente della Repubblica 24 Luglio 1996 N. 503 Decreto Presidente della Repubblica 24 Luglio 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. Fonte: G.U. del 27 settembre

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE Relazione generale PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO

Dettagli

Centro di Esposizione, Ricerca e Consulenza sugli Ausili Tecnici. Ente Attuatore e gestore: Escoop European Social Cooperative

Centro di Esposizione, Ricerca e Consulenza sugli Ausili Tecnici. Ente Attuatore e gestore: Escoop European Social Cooperative CERCAT Centro di Esposizione, Ricerca e Consulenza sugli Ausili Tecnici 1 Comune di Cerignola Il CERCAT è una infrastruttura sociale promossa dal Comune di Cerignola, finanziata dalla Regione Puglia- Assessorato

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

ALLEGATI. del. Regolamento della Commissione

ALLEGATI. del. Regolamento della Commissione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, XXX [ ](2014) XXX draft ANNEX 1 ALLEGATI del Regolamento della Commissione relativo alle specifiche tecniche di interoperabilità per l'accessibilità del sistema ferroviario

Dettagli

principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus

principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus m&ss informazione/formazione - le mini dispense di buone pratiche principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus Pag. 1 a 38 Pag. 2 a 38 m&ss informazione/formazione - le mini dispense

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 22 maggio 2006 (Stato 20 giugno 2006) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

Criteri di accessibilità

Criteri di accessibilità Persona allergica All interno della camera assenza di: moquette, tappeti, arredi in tessuto Menù personalizzabili previa richiesta Quando si verifica solo una delle due ipotesi elencate nel grado buono

Dettagli

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO Comune di Milano Settore Concessioni e Autorizzazioni Edilizie QUADERNI TECNICI SULLA FRUIBILITÀ AMBIENTALE Guida alla progettazione senza barriere architettoniche secondo l applicazione delle prescrizioni

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 REGOLAMENTO RECANTE NORME PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI, SPAZI E SERVIZI PUBBLICI. TITOLO I SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS NEW CAMPING LE TAMERICI Cecina (Li) TESTATO PER TE DA: Associazione di volontariato Sede legale: Via Isola dello Sparviero n.2 Follonica (Grosseto) T e l / fa x 050.818921 cell. 3498505727 Web site: www.handysuperabile.org

Dettagli

Metodo per il Monitoraggio della fruibilità di strutture e servizi delle aree protette GUIDA PER I RILEVATORI

Metodo per il Monitoraggio della fruibilità di strutture e servizi delle aree protette GUIDA PER I RILEVATORI Metodo per il Monitoraggio della fruibilità di strutture e servizi delle aree protette GUIDA PER I RILEVATORI REGIONE LAZIO ASSESSORATO AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI Assessore Filiberto Zaratti

Dettagli

D.M. 14/6/1989 n. 236 D.P.R. 24/7/1996 n.503

D.M. 14/6/1989 n. 236 D.P.R. 24/7/1996 n.503 4.1.2.2 Parcheggi per le persone con mobilità ridotta Se una stazione dispone di un proprio parcheggio, devono essere presenti parcheggi riservati alle persone con mobilità ridotta, autorizzate a utilizzare

Dettagli

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera Incontri di aggiornamento Progetto: te la segnalo io la barriera 27 maggio 2006 Montecchio (VI) Mobilità urbana e spazi pubblici Menomazione: qls perdita o anormalità di CONCETTI GENERALI una struttura

Dettagli

MONITORAGGIO DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E UTENTI DISABILI: LA METROPOLITANA DI ROMA

MONITORAGGIO DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E UTENTI DISABILI: LA METROPOLITANA DI ROMA MONITORAGGIO DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E UTENTI DISABILI: LA METROPOLITANA DI ROMA Marzo 2010 1 Monitoraggio dei servizi pubblici locali e utenti disabili: la metropolitana di Roma Il rapporto è stato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Trasporti e infrastrutture al servizio di un sistema turistico per tutti

Trasporti e infrastrutture al servizio di un sistema turistico per tutti Trasporti e infrastrutture al servizio di un sistema turistico per tutti Convegno internazionale SVILUPPO DEL TURISMO PER TUTTI Strategie di promozione e buone prassi nell offerta Alba (CN) Sala Convegni

Dettagli

"Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici."

Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 luglio 1996, n. 503. "Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici." SOMMARIO DECRETO DEL

Dettagli

Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali

Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali Roma, 28 Giugno2005 Arrivi, partenze, relazioni, Ferrovie e Comuni insieme per la qualità della vita di tutti i cittadini Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali Arch. Norberta Valentino

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia.

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. studio ajs La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. Premessa!Le considerazioni che seguiranno fanno riferimento alla bozza del nuovo Regolamento Edilizio del 07-01-2005 in discussione

Dettagli

COMUNE DI COLLESALVETTI Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

COMUNE DI COLLESALVETTI Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE COMUNE DI COLLESALVETTI Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n. 21 Data rilievo: 25-07-2005 Foglio n. 2 di 4 RILIEVO URBANO STATO ATTUALE LOC.

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

RETE DI TRASPORTO. guida per i passeggeri con disabilità

RETE DI TRASPORTO. guida per i passeggeri con disabilità ATM RETE DI TRASPORTO guida per i passeggeri con disabilità PREMESSA Nel corso degli anni gli investimenti per l abbattimento delle barriere architettoniche legate al trasporto pubblico cittadino sono

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3/07. Art. 9 - Barriere Architettoniche

LEGGE REGIONALE N. 3/07. Art. 9 - Barriere Architettoniche LEGGE REGIONALE N. 3/07 Art. 9 - Barriere Architettoniche GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE INDICE SCHEDA A1 Parte I. Pag. 2 SCHEDA A1 Parte II Pag. 6 SCHEDA B1.. Pag. 10 Si prega di non riferirsi più

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

Te. 02.884.50208/9 Fax: 02.884.50062

Te. 02.884.50208/9 Fax: 02.884.50062 Segreteria Tecnica del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Piazzale Porta Pia 1 00100 Roma p.c.: Assessore ai Trasporti e Mobilità Prof. Goggi Assessore all Urbanistica e Edilizia Privata Dott.

Dettagli

PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Regione Toscana - Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n. 54 Data rilievo : 15/03/2005 Foglio n. 1 di 4 ACCESSIBILITA' DEI PERCORSI - STATO ATTUALE: VIA DI NUGOLA

Dettagli

Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale. LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD

Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale. LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD Verona, 7 giugno 2013 Accessibilità e disabilità in ferrovia: a che punto siamo? Molto è stato fatto e il

Dettagli

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a NOME STRUTTURA Hotel Domina Cassia LOCALITA Roma TELEFONO 0039 063035931 E-MAIL romacassia@domina.it DATA 11/02/2006 RESPONSABILE STRUTTURA SITO WEB www.dominaromacassia.com RILEVATORE Passetto L. LA STRUTTURA

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ESERCIZI COMMERCIALI Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE IN PRESENZA DI PARCHEGGIO PRIVATO, E PRESENTE

Dettagli

Convegno Disabilità e Trasporti Palazzo della Gran Guardia 7 giugno 2013

Convegno Disabilità e Trasporti Palazzo della Gran Guardia 7 giugno 2013 Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca Convegno Disabilità e Trasporti Palazzo della Gran Guardia 7 giugno 2013 Attuazione Regolamento CE n 1107/2006 OGGETTO DELLA PRESENTAZIONE: Rif. Normativi

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici CULTURA PER TUTTI Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici Palazzo Vignola Todi (35 vittime) La Fenice Petruzzelli Duomo e Palazzo Reale Castello

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO. Valutazione Integrata Regolamento Urbanistico COLLABORATORI. Dott. Eva Golfarini

GRUPPO DI LAVORO. Valutazione Integrata Regolamento Urbanistico COLLABORATORI. Dott. Eva Golfarini GRUPPO DI LAVORO Responsabile del Procedimento Sindaco Assessore all Urbanistica Garante della Comunicazione Coordinamento generale P.E. Claudio Filiberti Michele Boscagli Giulia Maccari Dott. Antonio

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

D.P.R. 24 luglio 1996, n. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici

D.P.R. 24 luglio 1996, n. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici D.P.R. 24 luglio 1996, n. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 27 settembre 1996,

Dettagli

Rapporto stato progetto. Nome relatore Data presentazione

Rapporto stato progetto. Nome relatore Data presentazione Rapporto stato progetto Nome relatore Data presentazione PANORAMICA SULLE APPS PER L'INCLUSIONE DIFFUSA Daniela Orlandi architetto Responsabile canale Senza Barriere ContactCenter Superabile Panoramica

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Parco Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti Lucane INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Le attività del Centro sono distribuite in due edifici diversi, distanti

Dettagli

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali Ordine degli Architetti P.P.C di Milano Contenuti Piattaforme elevatrici Riferimenti normativi e sgravi fiscali Caratteristiche peculiari e certificazioni Soluzioni progettuali 2 Piattaforme elevatrici

Dettagli

Più automobili e meno spazi. È questa l'equazione da risolvere in quasi tutte le città. Per questo, i sistemi robotizzati di parcheggio, che

Più automobili e meno spazi. È questa l'equazione da risolvere in quasi tutte le città. Per questo, i sistemi robotizzati di parcheggio, che Più automobili e meno spazi. È questa l'equazione da risolvere in quasi tutte le città. Per questo, i sistemi robotizzati di parcheggio, che sfruttano in modo più efficiente gli spazi disponibili, sono

Dettagli

Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012

Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012 Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012 apr-12 1 Torino - Metropolitana automatica - Linea 1 XX Giochi olimpici invernali 11 stazioni 6,4 km Estensione Porta Nuova 15

Dettagli

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO Mercoledì 16 ottobre 1996 L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO PREMESSA Tutti i provvedimenti che oggi fanno parte dell intero quadro di normative che regolamentano i comportamenti

Dettagli

Titolo evento/relazione

Titolo evento/relazione Titolo evento/relazione LE BARRIERE ARCHITETTONICHE PERCETTIVE E LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO GIULIO NARDONE Presidente Nazionale ASSOCIAZIONE DISABILI VISIVI ONLUS Vicepresidente I.N.M.A.C.I. UN SALTO

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco delle Madonie INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ C.E.A. LA TERRA DEI NOSTRI PADRI A CASTELLANA SICULA Il Centro di Educazione Ambientale è ospitato all interno di un edificio di due piani a Castellana Sicula.

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase 1 Il DI 1444/68 stabilisce che la quantità minima inderogabile di spazi da destinare a parcheggio è pari a 2.50 mq/ab (in

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

Parametri Antropometrici e Dimensionali 1.a

Parametri Antropometrici e Dimensionali 1.a Parametri Antropometrici e Dimensionali 1.a DM 236/1989 art. 8.0.2 Rotazione a 360 - nuove costruzioni 150x150 - ristrutturazioni 140x140 Rotazione a 90 - nuove costruzioni 140x140 - ristrutturazioni 120x120

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 3.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 28

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 3.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 28 SEZIONE I 3.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 28 3 Art. 14 - Attrezzature di uso comune: apparecchi elettrici, cassette per la corrispondenza LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

File scaricato da www.presidiolazio.it

File scaricato da www.presidiolazio.it MUOVERSI A ROMA MEZZI PROPRI La persona con disabilità, munita del contrassegno speciale per la circolazione, può percorrere le corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici e ai taxi, nonché sostare

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

CARAVIA BEACH. Europa > Grecia > Kos TESTATO PER TE DA:

CARAVIA BEACH. Europa > Grecia > Kos TESTATO PER TE DA: CARAVIA BEACH Europa > Grecia > Kos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono e trova le informazioni

Dettagli

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT 01 IVIO GENERALE PATRIMONIO Sistema di Gestione per la qualità Analisi giuridica Analisi giuridica Titolo e contratto di provenienza Pesi e Servitù gravanti Contratti o concessioni correlate Terreno Immobile

Dettagli

Relazione sulle barriere architettoniche

Relazione sulle barriere architettoniche 1/13 RELAZIONE SULLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il Piano Urbanistico Attuativo (P.U.A.) al quale è allegata la presente relazione prevede, mediante la predisposizione di adeguati accorgimenti costruttivi

Dettagli

VILLAGGIO BRAVO DOMINICUS PALACE Americhe > Repubblica Dominicana > Bayahibe

VILLAGGIO BRAVO DOMINICUS PALACE Americhe > Repubblica Dominicana > Bayahibe VILLAGGIO BRAVO DOMINICUS PALACE Americhe > Repubblica Dominicana > Bayahibe TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta

Dettagli

ELEMENTI PER L ORGANIZZAZIONE DELLE AREE E DELLE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA A BENEFICIO DELLA POPOLAZIONE CON DISABILITA

ELEMENTI PER L ORGANIZZAZIONE DELLE AREE E DELLE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA A BENEFICIO DELLA POPOLAZIONE CON DISABILITA ELEMENTI PER L ORGANIZZAZIONE DELLE AREE E DELLE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA A BENEFICIO DELLA POPOLAZIONE CON DISABILITA PREMESSA * Ogni evento catastrofico compromette gli elementi identificativi più importanti

Dettagli

art. 3 Beneficiari del contributo art. 4 Oggetto degli interventi art. 5 Interventi e spese ammissibili pag 2/7 e per i sordi.

art. 3 Beneficiari del contributo art. 4 Oggetto degli interventi art. 5 Interventi e spese ammissibili pag 2/7 e per i sordi. Regolamento sulle modalità e i criteri per la concessione dei contributi previsti dall articolo 16 della legge regionale 25 settembre 1996, n. 41 per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche

Dettagli

ACCESSIBILITA NELLE STAZIONI A PERSONE CON DISABILITA E RIDOTTA MOBILITA

ACCESSIBILITA NELLE STAZIONI A PERSONE CON DISABILITA E RIDOTTA MOBILITA 2 /52 PARTE PARTE II PARTE III TITOLO II.3.13.B ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI II.3.13.C TAPPETI MOBILI II.3.14 ATTRAVERSAMENTI A RASO II.3.15 MARCIAPIEDE DI STAZIONE II.3.16 ARREDO ED ELEMENTI ISOLATI

Dettagli

L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres.

L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres. L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres. Regolamento sulle modalità e i criteri per la concessione dei contributi previsti dall

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI AGGIORNATA CON LA LEGGE FINANZIARIA 2007 Accertamento dello stato di non autosufficienza La non autosufficienza deve risultare da certificazione medica. La

Dettagli

La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI)

La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI) La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI) Bologna: 09/04/2013 I clienti di RFI q Le Imprese Ferroviarie q I Clienti nelle Stazioni q Le PRM (Persone

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE Parco del Lago Trasimeno INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE Il Museo, ubicato a Passignano sul Trasimeno, è costituito da due ambienti espositivi distribuiti

Dettagli