L approccio all allenamento del atleta Paralimpico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L approccio all allenamento del atleta Paralimpico"

Transcript

1 L approccio all allenamento del atleta Paralimpico FABRIZIO TACCHINO dell Organico Didattico di SdS Coni Liguria Genova, autunno/inverno

2 Area disabili Il reclutamento dell atleta per lo sport paralimpico L approccio alla disabilità Scelta dello sport idoneo La gestione dell allenamento in funzione del modello di prestazione Come analizzare e capire il modello funzionale in funzione della disabilità Differenze fisiologiche tra atleta normodotato e disabile Possibili performance dell atleta disabile L atleta disabile nella palestra di fitness, gestione dell attività e integrazione

3 chiamano disabili atleti che fanno i 50 all ora in bici, i 100 metri in 11, saltano in alto 2 metri, corrono la maratona da non vedenti in 2h35, lascio a voi valutare chi è il disabile nella vita comune Fabrizio Tacchino (Allenatore)

4 L integrazione e l allenamento dell atleta disabile nello sport,nuove opportunità di lavoro e interessante impegno sociale di Fabrizio Tacchino

5 Allenare un atleta disabile; la mia esperienza Conoscevo poco dei disabili sino al 2007 Il mio contatto con un atleta di alto livello è stato casuale, allenavo il fratello di Vittorio Podestà che è un ciclista e per conoscenze ci siamo trovati. Dopo 2 che ci parlavo avevamo già deciso di provare a collaborare Prima sensazione che ci faccio, da dove inizio Ho seguito il mio istinto, non mi sono documentato, ma ho cercati di capire Valutato la prestazione e il modello di prestazione delle gare Chiesto all atleta tante informazioni Da lì ho impostato e azzardato innovativi programmi di allenamento con la collaborazione perfetta di un atleta predisposto, intelligente, determinato agli obiettivi I successi hanno dato ragione al metodo Ora con orgoglio ho dato vita con gli atleti a una scuola di pensiero che è il riferimento di molti altri atleti

6

7

8 Dal 2006 a oggi Nel 2006 ho iniziato ad allenare Vittorio Podestà Oggi con orgoglio alleno 15 atleti paralimpici tra cui 4 5 ipotetici atleti della nazionale azzurra per Londra 2012

9 Allenare atleti Paralimpici è Più motivante che con gli abili Riscoperta dai valori dello sport Più etica Sport in crescita Scoperta e applicazione di metodologie Amicizia sincera

10 Chi è l atleta disabile FISICI/SENSORIALI MENTALI PARALIMPIADI Lesioni al midollo (incidenti, malattie, interventi chirurgici) Amputazioni/Menomazioni (incidenti, nascita) Danni visivi (non vedenti/ipovedenti) SPECIAL GAMES

11 L attività sportiva per disabili CONI/CIP Comitato Italiano Paralimpico (CIP Liguria) Società affiliate CIP Federazioni Sportive FSN Centri di recupero

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24 L arruolamento Conoscenza/Informazione Attività CIP TV Paralimpiadi Atleti Paralimpici Centri di riabilitazione Centri specializzati in protesi/carozzine Scuola Famiglia E NECESSARIO TROVARLI, SEMPLICEMENTE CERCANDOLI!

25 Fasi pre sportiva -la fase precoce, post ospedaliera: approccio e motivazione, vantaggi e svantaggi. -la fase successiva (trauma stabilizzato): approccio e motivazione, vantaggi e svantaggi.

26 Approccio alla disabilità Bi-univocità del rapporto disabile/normodotato: -atteggiamenti possibili rivolti verso la disabilità. -reazioni possibili suscitate involontariamente e/o volontariamente dal disabile. Disabilità: condizione e condizionamento: -situazioni, emozioni e possibilità nel quotidiano. Lo sport in situazione di handicap: -i benefici della pratica sportiva.

27 Classificazione delle disabilità sportive

28 nella classificazione sportiva delle disabilità si procede tramite la valutazione dei sistemi funzionali tramite parametri specificati in precedenza vengono classificati gli atleti in base alle capacità funzionali. vengono valutati il campo di movimento o la rispettiva efficacia e coordinazione muscolare

29 La classificazione viene affidata a specialisti con formazione medica Natura e gravità della disabilità dell atleta Capacità di svolgere compiti associati allo sport Prestazioni precedenti

30

31

32

33 Above the lesion sweating may be excessive (Sweat rate above level of lesion - can increase x 6) Drips off - ineffective for heat loss Below the lesion Basal sweat rate is unaffected by activity or ambient temperature

34

35 Basket in carrozzina vi sono 5 classi principali di disabilità che corrispondono a punteggi. Viene calcolato il totale dei punti dei cinque atleti che si affrontano sul campo di gioco. Esso non deve superare 14 punti in qualsiasi momento del gioco

36 Sci Nordico possibilità per gli atleti con gradi diversi di disabilità di gareggiare tra loro. sono formate 4 categorie: Posizione seduta In piedi Menomazioni della vista

37 Scelta della disciplina > classificazione di categoria La classificazione degli atleti è piuttosto complessa Esistono dei parametri di classificazione dati dal tipo di lesione Le lesioni spesso non sono omogenee e sono combinate Il passaggio tra una categoria e l altra può significare essere vincenti o perdenti Ci sono lesioni evidenti ed altre che richiedono certificazioni e una commissione certificatrice

38 Scelta della disciplina paralimpica Possibilità sul territorio Aspetti logistici Autonomia del disabile Società, strutture Disponibilità di mezzi per la pratica sportiva specifica Nel caso di non vedenti, disponibilità di guide Motivazione e possibilità di prestazione

39 Organizzazione dell allenamento Abbinamento atleta/scelta della disciplina Scelta dell eventuale mezzo per la pratica sportiva, strumentazioni materiali Logistica per l ottimizzazione del tempo dedicato all allenamento Valutazione dell atleta Allenamento tecnico/fisico (generale specifico) Identificazione del livello prestativo, Identificazione del modello di prestazione Programma gare COMPETIZIONE > DIVERTIMENTO > RISULTATI

40 Fino a non molto tempo fa, una persona affetta da disabilità (fisica o mentale), era impossibilitato a svolgere attività sportive, sia amatoriali sia agonistiche. Oggi la situazione è ribaltata. Grazie alle nuove tecniche che ci offre la scienza - Pistorius, il Sudafricano con una protesi ad entrambe le gambe, che è stato sull orlo di qualificarsi per le Olimpiadi, ne è la più valida Testimonianza è vera questa inversione di tendenza.

41 Ciò è reso possibile grazie alla caducazione di radicati ed insensati pregiudizi che hanno lasciato il posto al principio di eguaglianza (art. 3 della Costituzione Italiana), che ormai prevale nelle istituzioni e si va affermando pian piano anche nella nostra società in generale, in virtù del quale si evita di giudicare con un senso di sufficienza le persone affette da disabilità rispetto a quelle normodotate.

42 Praticare lo sport non è più prerogativa dei fisicamente integri com era nei principi di Pierre De Coubertin. Oggi tutte le persone possono e devono praticare l attività motoria e cimentarsi in varie specialità sportive, soprattutto in quelle più congeniali alle patologie da cui sono affette. Orbene, è indispensabile creare le condizioni per rendere accessibili a tutti le opportunità di svago motorio.

43 Lo sport per persone affette da disabilità nasce in Gran Bretagna, nell'ospedale di Stoke Mandeville (Aylesbury), vicino Londra, grazie alla lodevole opera di Sir Ludwig Guttmann, neurochirurgo, direttore di quel centro di riabilitazione motoria. Il centro fu aperto il 1 febbraio 1944, durante la seconda guerra mondiale, ed i primi paraplegici a cimentarsi nelle varie discipline sportive furono giovani appartenenti alle forze armate britanniche, portatori di lesioni midollari per cause belliche. Ludwig mise a punto con enorme determinazione dei programmi mirati di allenamento per disabili, rendendone partecipi tutti i pazienti che affluivano nel suo centro.

44 Grazie allo sport, i pazienti paraplegici del Dr. Guttmann (definito da Papa Giovanni XXIII "il De Coubertin dei disabili") cominciarono a potenziare la muscolatura delle braccia e delle spalle, facendo registrare risultati per l epoca sorprendenti. Inoltre lo sport, aiutando ad acquisire equilibrio ed abilità motorie nell'uso della sedia a rotelle, consentiva a questi soggetti paraplegici di servirsi con efficacia di tale mezzo di locomozione nella normale vita quotidiana. L'iniziativa del Dr. Guttmann aprì una nuova strategia d intervento, destinata ad avere in seguito ripercussioni positive che per certi versi cambiarono la storia.

45 Il 28 luglio 1948, infatti, si tennero i primi Giochi di Stoke Mandeville per atleti disabili, cui parteciparono sportivi con handicap, ex membri delle Forze Armate britanniche. Da lì a poco sarebbe stato un succedersi di manifestazioni sportive a loro dedicate. In occasione delle Olimpiadi di Roma 60 si eressero le basi per disputare in futuro dei Giochi Olimpici per portatori di handicap, paralleli ai Giochi per normodotati.

46 Nascita delle Paralimpiadi Nel 64 a Tokyo nascevano ufficialmente le ParaOlimpiadi. Attualmente gli sportivi con handicap praticano le seguenti discipline: automobilismo, atletica leggera, badminton, bocce, bowling, calcio, canoa, ciclismo, curling, ginnastica, equitazione, goalball, judo, lotta, nuoto, pallacanestro, pallanuoto, pallavolo, pattinaggio, pesca sportiva, scherma, sci alpino, sci nautico, slittino, sollevamento pesi, tennis da tavolo, tiro a segno, tiro con l'arco, vela.

47 L evento paralimpico La parola Paralimpico deriva dal prefisso greco para (che significa parallelo ) e il termine Olimpico (le Paralimpiadi come parallelo alle Olimpiadi). Paralimpici è stato il termine ufficiale per i Giochi dal La crescita del movimento paralimpico è ben esemplificata dai numeri: più di 4000 atleti provenienti da 123 nazioni ai giochi Paralimpici di Sydney A Stoke Mandelville (UK) il Dott. Guttmann introdusse lo sport come forma di ricreazione e come aiuto per la riabilitazione. Il suo lavoro portò ad un accresciuta predominanza dello sport per i pazienti con lesioni spinali nel corso dei Primi Giochi Internazionali in Stoke Mandelville in Le prime Paralimpiadi invernali si tennero a Örnsköldsvik in Svezia 1976, con competizioni di sci alpino e nordico per amputati e non vedenti e con una dimostrazione di Slittino. Nel 1998 i giochi di Nagano furono i primi a tenersi al di fuori dell Europa, dimostrando un aumento dell interesse dei media nei confronti delle Paralimpiadi.

48 NASCITA DEL MOVIMENTO LE PARALIMPIADI INVERNALI ROMA 1960: PRIME PARALIMPIADI SVEZIA 1976: PRIME PARALIMPIADI INVERNALI 1989 COMITATO PARALIMPICO INTERNAZIONALE 1999 SEDE E STAFF PERMANENTE A BONN AUSTRIA 1948: PRIMA GARA DI MONOSCI ANNI 70 PRIME GARE MULTIDISCIPLINARI FRANCIA 1974: PRIMI CAMPIONATI DEL MONDO FRANCIA 1992: DIMOSTRAZIONI DI ATLETI CON DIS. INTELLETTIVE

49 Numero di partecipanti, numero di competizioni T h o u san d s 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,

50 500 Bursa Laceration/pressure sores No. of Rxs Fractures Haematoma Joint dysfunction Ligament injury Muscle strain/tear Spinal segmental dysfunction Tendon injury Other

51 Skin Infection Psychological Other Neurological URTI Insect Bites Heat related GU G-E GI - noninfective Epilepsy

52 L attività motoria per la persona disabile è l esaltazione delle sue, anche se pur residue, capacità ediciòchesafare,inunmondochesempregliricorda ciòchenonèingradodiessereesottolineaquelloche gli manca.

53 L attività fisica non genera esclusivamente il benessere fisico e con essa non si ottimizza soltanto la capacità motoria. È importante rilevare, infatti, che in persone affette da disabilità di tipo mentale, è possibile favorire attraverso l attività motoria (pensiamo al nuoto o all equitazione) lo sviluppo delle capacità logiche ed intellettive. L attività motoria diventa un importante strumento educativo per il suo processo evolutivo. Oltre a favorire lo sviluppo cognitivo, costituisce motivo di emancipazione e accrescimento. L attività motoria diventa strumento educativo e rieducativo di grande efficacia soprattutto se non perde l aspetto ludico.

54 Il ruolo dell attività motoria e sportiva è reso fondamentale nell intervento rivolto alle persone affette da disabilità, attraverso:

55 In tal modo i diversamente abili hanno la possibilità di trovare elementi di successo e di valorizzazione personale, praticando, con alta motivazione e divertimento, un attività particolarmente benefica.

56

57 CIP In Italia queste attività sono gestite e coordinate dalla Federazione Italiana Sport Handicappati (disabilità psichiche e motorie), fondata nel Dal 1990 tali Federazioni sono rappresentate presso il CONI da un organismo unitario, denominato Federazione Italiana Sport Disabili. Nel 2004 si è costituito il CIP (Comitato Italiano Paralimpico), CONI dei disabili. Nel 2009 il Dipartimento 9 del CIP che si occupava di disabilità intellettivo-relazionale ha costituito una sua federazione -la FISDIR. Nel 2010 alcune discipline hanno costituito la FISPES (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali) per atletica leggera, scherma in carrozzina, tiro a segno e bocce. Le altre Federazioni FISIP (sport invernali), FISPIC (ipovedenti e ciechi), FINP (nuoto) e FIPIC (basket in carrozzina) da settembre 2010 fanno riferimento al CIP a cui sono affiliate.

58 IPC È la struttura di governo del movimento paralimpico Organizza le olimpiadi estive ed invernali Funziona come federazione internazionale per 9 sports 161 stati membri 4 federazioni sportive internazionali (ISOD)

59 Collaborazione tra il CIO (comitato internazionale olimpico) e l IPC sostanzialmente per l organizzazione dei giochi paralimpici che si svolgono nella stessa sede dei giochi olimpici le settimane a seguire Il governo e l organizzazione dei 26 sport paralimpici è così strutturato 9 sports sotto il governo dell IPC I restanti sotto il controllo di federazioni internazionali (ISOD

60 IPC Sports Sci alpino Atletica Biathlon Sci di fondo Hockey su ghiaccio su slitta Sollevamento pesi Tiro a segno Nuoto Danze sportiva su sedia a rotelle

61 L integrazione sociale e l integrazione sportiva

62

63 prima delle Paralimpiadi di Pechino 2008 le persone che ci vedevano in aeroporto ci chiedevano a quale santuario eravamo diretti, ora ci chiedono l autografo e la foto Francesca Porcellato (medaglia d oro paralimpiadi Vancouver)

64 Il mondo dei disabili e quello dei normodotati E evidente che i disabili hanno esigenze particolari Una legge nazionale tutela di fatto i loro diritti, ma in realtà non è così Anche gli impianti sportivi pubblici e privati dovrebbero essere organizzati per le loro esigenze

65 Il mondo dei disabili

66

67 TIPOLOGIE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit psichico o intellettivo, della vista o dell'udito. In linea generale l'invalidità civile viene definita in percentuale nel caso in cui l'interessato sia maggiorenne. menomazione (impairment): perdita o anormalità a carico di una struttura o di una funzione psicologica, fisiologica o anatomica disabilità (disability): qualsiasi limitazione o perdita (conseguente a menomazione) della capacità di compiere un'attività considerate normali. handicap : condizione di svantaggio, conseguente a una menomazione o a una disabilità, che in un certo soggetto limita o impedisce l'adempimento del ruolo normale per tale soggetto in relazione all'età, al sesso e ai fattori socioculturali.

68 DISABILITA FISICHE PERSONE CON MOBILITA RIDOTTA (stampelle, bastone, protesi, ortesi ) PERSONE SU SEDIA A RUOTA (carrozzina) DISABILITA SENSORIALI PERSONE NON VEDENTI E IPOVEDENTI (occhiali) PERSONE NON UDENTI E IPOUDENTI (impianto cocleare) PERSONE SORDOCIECHE (guanto tattile) DISABILITA MENTALI E PSICHICHE ALTRE DISABILITA SPECIFICHE

69 Successivamente si è parzialmente abbandonata questa impostazione, per giungere a una classificazione "positiva", che parte da uno stato considerato di salute per dire se e quanto ciascuno se ne discosti. La classificazione (ICF) si compone di cinque macroclassi, a loro volta divise in ulteriori classi e sottoclassi: Funzioni corporee (funzioni fisiologiche dei sistemi corporei, incluse le funzioni Funzioni corporee (funzioni fisiologiche dei sistemi corporei, incluse le funzioni psicologiche) Strutture corporee (parti anatomiche del corpo come organi, arti e loro componenti) Attività (esecuzione di un compito o di un azione da parte di un individuo) Partecipazione (coinvolgimento di un individuo in una situazione di vita) Fattori ambientali (caratteristiche, del mondo fisico, sociale e degli atteggiamenti, che possono avere impatto sulle prestazioni di un individuo in un determinato contesto).

70 I diritti delle persone portatrici di Handicap rientrano nella sfera dei diritti umani e civili fondamentali, la prospettiva da perseguire è quella di promuovere una cultura comune priva di: barriere architettoniche di pensiero Informative Attraverso la quale la persona con esigenze particolari si possa gestire autonomamente e possa sperimentare il proprio quotidiano come cittadino/persona e non come altro, una cultura che consenta l abbattimento della principale barriera all inclusione sociale: l ignoranza e la conseguente paura del diverso. Barriera che porta all insensibilità ed alla disattenzione nei confronti del problema.

71 STRUTTURE RICETTIVE Tenete conto dell esigenza di parcheggiare il più possibile vicino all ingresso. Se la biglietteria o l ingresso sono inaccessibili, o nel caso esista un ingresso alternativo, prevedete un servizio di chiamata bene evidenziato. Cercate di prevedere più mezzi di comunicazione e di utilizzare apparati tecnologici. Lo sportello o la zona del bancone preposta a tale servizio saranno bene illuminati e l addetto avrà il volto ben visibile. Non è opportuno fare domande sul tipo di disabilità. Evitate lunghi tempi di attesa o file e, se necessario, fatelo accomodare in una zona tranquilla.

72 Se il cliente è su sedia a ruote guidatelo in una zona con il bancone ad altezza adeguata oppure andategli incontro e svolgete il vostro servizio nella zona clienti. In caso di cliente ipovedente o non vedente privilegiate la comunicazione verbale. Se sono disponibili ausili per favorire l informazione siate pronti a presentarli ed a spiegarne il funzionamento. In caso di cliente ipoudente o non udente nel parlare sarà utile guardare la persona e scandire bene le parole. Un cliente con problemi di orientamento e comunicazione ha bisogno di una maggiore disponibilità.

73

74

75 Approccio dell allenatore allo sport paralimpico L allenatore degli abili ha nel cassetto tutte le conoscenze di base per allenare un atleta paralimpico E necessario avere però informazioni specifiche : - Modello di prestazione - Prestazione richiesta - Prestazione di partenza - Obiettivi

76 Approccio allenatore - atleta 1. PROFESSIONALE 2. FIDUCIA E STIMA RECIPROCA 3. SONO ATLETI 4. NON PARLARE DELLA DISABILITA SE NON LO FA L ATLETA 5. COINVOLGIMENTO EXTRASPORTIVO 6. ORGANIZZAZIONE DEGLI SPAZI DI ALLENAMENTO IDONEI 7. CONOSCERE GLI STRUMENTI

77 Informarsi Conoscere lo sport Vedere le gare Conoscere gli atleti e il potenziale Allenarsi con l atleta Raccogliere informazioni e dati Trovare soluzioni originali

78 Organizzare l attività sportiva Conoscere gli spazi di allenamento dell atleta Ottimizzare i tempi di trasferimento per allenarsi Organizzare la periodizzazione in funzione degli obiettivi Finalizzare obiettivi raggiungibili e misurabili

79 I mezzi di locomozione sportiva Protesi adattati Bici, sci, carozzine adattate con alta tecnologia da prestazione, importanza della biomeccanica e della funzionalità in gara

80 Il luogo di allenamento Attenzione alle barriere architettoniche (scale, bagni, docce, ) Attenzione alle possibilità di accesso (mezzi pubblici, posteggi, ) Strumenti idonei (attrezzature) Personale informato Confidenza con atleti normodotati

81 Il punto di partenza Motivazione Fare scoprire le sensazioni positive dello sport Possibilità di esprimersi, essere qualcuno Prestazione di partenza Disponibilità all allenamento Definire obiettivi per essere in grado di partecipare Esperienze tecniche

82 L inizio La motivazione Il miglioramento I primi successi Obiettivi importanti Le tappe Successi e Sconfitte

83 L allenamento Allenamento della forza Allenamento della resistenza Allenamento della tecnica

84 I test di valutazione Test di forza Test metabolici Test di postura ed efficienza Registrazione parametri di prestazione Analisi ed elaborazione Confronto

85 L atleta in palestra Accesso senza barriere Attrezzature idonee Personale qualificato Condivisione con altri clienti

86 L atleta in allenamento/gara Determinato Da il massimo (residuo motorio) Delusioni ed esaltazioni Confronto Soddisfazioni

87 Nuove opportunità di lavoro e impegno sociale CENTRO MEDICO SPORTIVO SPECIALIZZATO DIGNITA ALLA NOSTRA PROFESSIONE GUIDA ATLETA NON VEDENTE ATLETI DI INTERESSE OLIMPICO OPPORTUNITA DI PARTECIPARE OLIMPIADI COME COACH RICERCA MEDICO TECNICO SPORTIVA SPECIALISTA PREP. ATLETICA PARALIMPICI

88 La formazione tecnica

89 GRAZIE DELL ATTENZIONE!

90 Bibliografia, webiografia www. comitatoparalimpico.it Relazione prof. Stefano Frassinelli, SUISM Torino, Centro Studi FCI

ASPHI Fondazione Onlus. Sport. Tecnologie per la disabilità A.A. 2012/2013

ASPHI Fondazione Onlus. Sport. Tecnologie per la disabilità A.A. 2012/2013 ASPHI Fondazione Onlus Sport Tecnologie per la disabilità A.A. 2012/2013 Cenni storici Individui affetti da paralisi spinale traumatica sono stati i primi disabili a praticare sistematicamente un attività

Dettagli

Disabilità, Scuola e Sport

Disabilità, Scuola e Sport MIUR FIDAL Perché e Come fare Atletica Leggera a Scuola Corso di formazione e aggiornamento di Atletica Leggera per gli insegnanti di educazione fisica delle scuole secondarie di 1 e 2 Disabilità, Scuola

Dettagli

DIRITTO SPORTIVO E DISABILITA

DIRITTO SPORTIVO E DISABILITA DIRITTO SPORTIVO E DISABILITA LE FONTI DEL DIRITTO ITALIANO IN ORDINE GERARCHICO: 1) La Costituzione 2) Le Leggi Ordinarie dello Stato e le Norme Int.li e Comunitarie 3) Le Leggi Regionali 4) I Regolamenti

Dettagli

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA LO SPORT RIVESTE UNA PARTICOLARE IMPORTANZA NEL PROCESSO EVOLUTIVO

Dettagli

I percorsi accessibili ai diversamente abili.

I percorsi accessibili ai diversamente abili. I percorsi accessibili ai diversamente abili. Relatore: Zin Alberto Componente Dipartimento n 8 (Ciclismo, Equitazione, Judo) del Comitato Italiano Paralimpico. Tecnico Regionale Ciclismo non vedenti e

Dettagli

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it INSEGNAMENTO DELLO SCI ALPINO E DISABILI: L ESPERIENZA DELLA SCUOLA DI SCI SAUZE D OULX PROJECT e IL PROGETTO SciiAbiille 1 Premessa Gli effetti dell attività sportiva sul benessere fisico sono noti da

Dettagli

2. Nelle Olimpiadi dell antichità potevano gareggiare: A gli uomini greci e stranieri C gli uomini e le donne della Grecia

2. Nelle Olimpiadi dell antichità potevano gareggiare: A gli uomini greci e stranieri C gli uomini e le donne della Grecia 1 ognome... Nome... lasse... ata... LE OLIMPII OLIMPII NTIHE 1. Le Olimpiadi dell antichità si disputarono per: circa 100 anni circa 1000 anni circa 500 anni circa 10 000 anni 2. Nelle Olimpiadi dell antichità

Dettagli

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 Non solo muscoli La normale funzione visiva è un presupposto per sviluppare una buona coordinazione

Dettagli

Oggetto: Giochi Sportivi Studenteschi 2002 03 Sport Disabili : proroga termini per le adesioni.

Oggetto: Giochi Sportivi Studenteschi 2002 03 Sport Disabili : proroga termini per le adesioni. Prot. 1651/p 21.2.2003 TORINO, Circ. Reg. Nr. 54 AI DIRIGENTI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 E 2 GRADO DEL PIEMONTE LORO SEDI AGLI INSEGNANTI DI EF E DI SOSTEGNO p.c. Ai Dirigenti dei C.S.A. del Piemonte

Dettagli

PROGETTO SPORT. Promozione Attività sportiva Preparazione fisica individualizzata e specifica

PROGETTO SPORT. Promozione Attività sportiva Preparazione fisica individualizzata e specifica PROGETTO SPORT Promozione Attività sportiva Preparazione fisica individualizzata e specifica OBIETTIVO: creare un punto di riferimento per favorire la pratica di attività sportiva ad atleti con disabilità

Dettagli

Disabilità e Sport. La classificazione funzionale nello sport per disabili

Disabilità e Sport. La classificazione funzionale nello sport per disabili Disabilità e Sport La classificazione funzionale nello sport per disabili Matteo Zanin Classificatore Medico del Comitato Paralimpico Italiano Premessa Mettere il Medico di Medicina dello Sport nelle condizioni

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITA'

MINISTERO DELLA SANITA' Decreto Ministeriale - 4 marzo 1993 MINISTERO DELLA SANITA' "Determinazione dei protocolli per la concessione dell'idoneità alla pratica sportiva agonistica alle persone handicappate" IL MINISTRO DELLA

Dettagli

GLI AUSILI PER LO SPORT. Gerardo Malangone

GLI AUSILI PER LO SPORT. Gerardo Malangone GLI AUSILI PER LO SPORT Gerardo Malangone STOKE MANDEVILLE 1948 Cittadina Inglese che ospita un centro di riabilitazione per mielolesi veterani della seconda guerra mondiale Ludwig Guttman neurochirurgo

Dettagli

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Inserire il codice Meccanografico della Scuola e salvare il "file con nome" riportando

Dettagli

Progetto Naturalmente Sport

Progetto Naturalmente Sport PROVINCIA DI BERGAMO Servizio Sport Progetto Naturalmente Sport Progetto pilota per avvicinare soggetti disabili alla pratica dell attività sportiva CENTRO EQUITAZIONE BERGAMASCO a.s.d. affiliato F.I.S.E.

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE BANDO DI GARA NAZIONALE LO SPORT PER TUTTI A SCUOLA Anno Scolastico 2015-2016

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE BANDO DI GARA NAZIONALE LO SPORT PER TUTTI A SCUOLA Anno Scolastico 2015-2016 Allegato 1 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE BANDO DI GARA NAZIONALE LO SPORT PER TUTTI A SCUOLA Anno Scolastico 2015-2016 Io sottoscritto in qualità di Presidente della Società Sportiva affiliata alla Federazione/Entità

Dettagli

LO SPORT PER DISABILI: GLI AUSILI. *Caracciolo Antonio

LO SPORT PER DISABILI: GLI AUSILI. *Caracciolo Antonio LO SPORT PER DISABILI: GLI AUSILI di *Caracciolo Antonio *Fisioterapista Servizio DAT (Domotica Ausili Terapia occupazionale Fondazione Don C.Gnocchi Milano *Tecnico e Istruttore - Comitato Italiano Paralimpico

Dettagli

SONDALO 28 Giugno 2014 SONDRIO 29 giugno 2014

SONDALO 28 Giugno 2014 SONDRIO 29 giugno 2014 SONDALO 28 Giugno 2014 SONDRIO 29 giugno 2014 Comune di Sondrio INAIL ha da tempo messo in atto una serie di iniziative finalizzate a diffondere la cultura della pratica sportiva come parte integrante

Dettagli

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Fisioterapista Glenda Rigoni Il vero fare per gli altri è mettere gli altri in condizione di fare da soli EQUAZIONE DELLE 4 A Ambiente accessibile

Dettagli

Il CONI attraverso l Area Sport e Preparazione Olimpica

Il CONI attraverso l Area Sport e Preparazione Olimpica 1 Il CONI attraverso l Area Sport e Preparazione Olimpica «cura la preparazione degli atleti, lo svolgimento delle manifestazioni e l approntamento dei mezzi necessari alla partecipazione della delegazione

Dettagli

QUALCHE INFORMAZIONE SUl SITTING VOLLEY

QUALCHE INFORMAZIONE SUl SITTING VOLLEY QUALCHE INFORMAZIONE SUl SITTING VOLLEY PREMESSA L attività ludico-motoria concorre alla formazione psico-fisica dei giovani in età scolare, anche affetti da disabilità fisiche. Il bambino o l adolescente,

Dettagli

STRALCIO VERBALE GIUNTA NAZIONALE 7 OTTOBRE 2011

STRALCIO VERBALE GIUNTA NAZIONALE 7 OTTOBRE 2011 STRALCIO VERBALE GIUNTA NAZIONALE 7 OTTOBRE La Giunta Nazionale delibera di ratificare all unanimità i seguenti provvedimenti di estrema urgenza del Presidente del CIP: n. 96 del 5/07/ Ufficio Scuola e

Dettagli

ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE

ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE Società Sportiva Dilettantistica a responsabilità limitata ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE PER GLI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI IL NUOTO A SCUOLA, UN OPPORTUNITA PER TUTTI ANNO SCOLASTICO 2013-2014

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI ATTO N. 627 P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI Norme per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva per le persone disabili Depositato al Servizio Assistenza agli Organi, Iter

Dettagli

ALLEGATO E SCHEDA DI REGISTRAZIONE ICARO/PO-NET - ASSOCIAZIONI SPORTIVE

ALLEGATO E SCHEDA DI REGISTRAZIONE ICARO/PO-NET - ASSOCIAZIONI SPORTIVE I campi sottolineati sono obbligatori SEZIONE 1: INDIRIZZO E CONTATTI 1.1 - Denominazione Associazione/Cooperativa. 1.2 - Tipologia Associazione Sportiva Dilettantistica con personalità giuridica Associazione

Dettagli

Medicina dello Sport e Disabilità

Medicina dello Sport e Disabilità Medicina dello Sport e Disabilità Maria Emanuela Mometto UO Medicina dello Sport e Attività Motorie Azienda ULSS ١٦ Dipartimento Socio Sanitario ai Colli Disabilità: una prima differenziazione DISABILITA

Dettagli

1.1 - L handicap ROMA

1.1 - L handicap ROMA CAPITOLO 1 Introduzione e cenni storici 1.1 - L handicap L etimologia più probabile della parola handicap è dalla locuzione inglese, hand in cap, (la mano nel cappello), derivante da un gioco d azzardo

Dettagli

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA BASKET: UNA SCUOLA DI VITA Un incontro speciale con il mondo della pallacanestro Lunedì 7 aprile 2014, le classi terze hanno incontrato il giocatore Jacopo Balanzoni della squadra della pallacanestro Cimberio

Dettagli

CORSO NAZIONALE di formazione ISTRUTTORE SPORTIVO per DISABILI

CORSO NAZIONALE di formazione ISTRUTTORE SPORTIVO per DISABILI Centro Sportivo Educativo Nazionale Ente di Promozione Sportiva Riconosciuto dal CONI (art. 31 D.P.R. 530/1974) Ente con Finalità Assistenziali Riconosciuto dal Ministero dell Interno (D.M. 559/C. 3206.12000.A.(101)

Dettagli

Quasi tutti questi accertamenti sono eseguibili presso le sedi del nostro Centro in tempi molto brevi e a tariffe ridotte.

Quasi tutti questi accertamenti sono eseguibili presso le sedi del nostro Centro in tempi molto brevi e a tariffe ridotte. 1 Scheda informativa MEDICINA DELLO SPORT Il Servizio di Medicina dello Sport esegue tutti i test clinici e strumentali necessari per il rilascio dell'idoneità Sportiva per tutte le discipline, in collaborazione

Dettagli

Piano di sviluppo degli impianti sportivi

Piano di sviluppo degli impianti sportivi AUTONOME PROVINZ BOZEN SÜDTIROL Abteilung 7 Örtliche Körperschaften Amt 7.2 Amt für Sport Sportbeobachtung PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 7 Enti locali Ufficio 7.2 Ufficio sport

Dettagli

Sky e CIP a sostegno dei Casp Centri di Avviamento allo Sport Paralimpico

Sky e CIP a sostegno dei Casp Centri di Avviamento allo Sport Paralimpico Sky e CIP a sostegno dei Casp Centri di Avviamento allo Sport Paralimpico Ho più volte sostenuto che la 29sima medaglia vinta ai Giochi Paralimpici di Londra 2012 fosse rappresentata dalle centinaia di

Dettagli

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Liceo Scientifico N. Copernico Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Perché candidarsi? Il liceo Copernico vanta un' ottima tradizione sportiva con eccellenti risultati raggiunti negli anni dalle rappresentative

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO FIPAV AREA SVILUPPO E FORMAZIONE

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO FIPAV AREA SVILUPPO E FORMAZIONE FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO LE PRINCIPALI DIFFERENZE METODOLOGICHE TRA L'ALLENAMENTO DEI GIOVANI E QUELLO DEGLI ATLETI DI MEDIO/ALTO LIVELLO" 22 settembre

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA WARRIORS VIADANA W.H. VIA CONVENTO, 26 46019 VIADANA (MN) P.IVA 02442570202 C.F 91015500209

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA WARRIORS VIADANA W.H. VIA CONVENTO, 26 46019 VIADANA (MN) P.IVA 02442570202 C.F 91015500209 ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA WARRIORS VIADANA W.H. VIA CONVENTO, 26 46019 VIADANA (MN) P.IVA 02442570202 C.F 91015500209 Buongiorno, mi chiamo Fabio MERLINO, ho 24 anni vivo a Viadana un piccolo

Dettagli

Forza, entusiasmo, capacità e voglia

Forza, entusiasmo, capacità e voglia di Anna Riva GSH Sempione 82 Campioni di gran cuore GSH Sempione 82 è un esempio sportivo e umano per tutto il territorio Gli atleti del GSH hanno collezionato numerose medaglie 10 Forza, entusiasmo, capacità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE TESI DI LAUREA SCI DI FONDO: SPORT E SOCIALIZZAZIONE PER NON VEDENTI Candidato : DELLA MEA

Dettagli

Ufficio Preparazione Paralimpica. Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche

Ufficio Preparazione Paralimpica. Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche PROGETTO LONDRA 2012 SOCHI 2014 Ufficio Preparazione Paralimpica Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche Premessa Il Progetto Londra

Dettagli

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale A cura di Luca Stanchieri, Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching Roma, 16 e 17 maggio 5/23/2013 GLI AUTORI Equipe di Ricerca: Scuola

Dettagli

L'IDONEITÀ AGONISTICA Danilo Gambarara

L'IDONEITÀ AGONISTICA Danilo Gambarara L'IDONEITÀ AGONISTICA Danilo Gambarara Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport - A.U.S.L. RIMINI Numerose sono le leggi emanate in Italia rivolte alla tutela sanitaria

Dettagli

Intervento educativo per l inclusione degli alunni diversamente abili

Intervento educativo per l inclusione degli alunni diversamente abili Intervento educativo per l inclusione degli alunni diversamente abili Premessa La scuola, nonostante il processo storico orientato all inclusione delle persone con disabilità, a volte per carenza di risorse

Dettagli

SPORT E MIELOLESIONE: L ESPERIENZA DI MONTECATONE

SPORT E MIELOLESIONE: L ESPERIENZA DI MONTECATONE SPORT E MIELOLESIONE: L ESPERIENZA DI MONTECATONE Dott. Mauro Menarini Unità Spinale Montecatone Rehabilitation Institute Montecatone di Imola Bologna - Italy menarini@montecatone.com EPIDEMIOLOGIA National

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Settore Sitting Volley COMITATO PROVINCIALE DI TARANTO. Progetto: SITTINGIOCANDO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Settore Sitting Volley COMITATO PROVINCIALE DI TARANTO. Progetto: SITTINGIOCANDO Prot. N 260/P/2 del 24/09/2015 Al Dirigente dell Ufficio VII ambito territoriale per la Provincia di Taranto Egr. Dott. Giuseppe Silipo e, p.c. Fipav Settore Sitting Volley LORO SEDI Oggetto: Presentazione

Dettagli

Delegazione Regionale FINP CALABRIA Delegato Maurizio Marrara CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI NUOTO F.I.N.P. MODALITA DI SVOLGIMENTO DEL CORSO

Delegazione Regionale FINP CALABRIA Delegato Maurizio Marrara CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI NUOTO F.I.N.P. MODALITA DI SVOLGIMENTO DEL CORSO Reggio Calabria, 1 Febbraio 2016 Ai Presidenti dei Comitati Regionali C.I.P. Ai Delegati Regionali F.I.N.P. e F.I.S.D.I.R. Ai Presidenti delle Soc. Sportive F.I.N.P. e F.I.S.D.I.R. Ai Presidenti dei Comitati

Dettagli

PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO. www.ilfisiatra.it

PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO. www.ilfisiatra.it PROCESSO DI SVILUPPO DELL HANDICAP E APPROCCIO RIABILITATIVO www.ilfisiatra.it 1 MODELLO TRADIZIONALE DELLA MEDICINA Il modello medico classico e tradizionale della medicina basa la sua azione su un concetto

Dettagli

Dagli studi universitari, alla professione di allenatore

Dagli studi universitari, alla professione di allenatore Esperienze professionali con atleti Top Level nel ciclismo Dagli studi universitari, alla professione di allenatore A cura di FABRIZIO TACCHINO dell Organico Didattico di SdS Coni Liguria Genova, autunno/inverno

Dettagli

Sono il miglior avversario di me stesso

Sono il miglior avversario di me stesso La storia del CIP Il movimento paralimpico italiano ha mosso i primi passi negli anni che precedono i primi Giochi Paralimpici Estivi di Roma 1960, quando presso il Centro Paraplegici di Ostia dell INAIL,

Dettagli

SIAMO GIA' NEL FUTURO

SIAMO GIA' NEL FUTURO LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO "UGO MORIN" MESTRE A.S. 2015/16 SIAMO GIA' NEL FUTURO Il Liceo Scientifico ad orientamento Sportivo si rivolge a Studenti interessati all'attività sportiva e che vogliano realizzarne

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO CRITERI DI VALUTAZIONE Per la valutazione si richiama il già citato DPR 122/2009. Come previsto dal Regolamento di Istituto (art. 28), che si rifà all art.2 c.4 dello Statuto delle Studentesse e degli

Dettagli

Referente regionale - Dott.ssa Anna Corona responsabile del settore assistenza ospedaliera

Referente regionale - Dott.ssa Anna Corona responsabile del settore assistenza ospedaliera Allegato n. 4 alla Delib.G.R. n. 22/12 del 11.6.2010 Regione proponente: Regione Autonoma della Sardegna Linea progettuale nella quale si colloca il progetto: Linea progettuale c) implementazione delle

Dettagli

LO SPORT VA OLTRE LE DIFFERENZE

LO SPORT VA OLTRE LE DIFFERENZE VI CAMPIONATO EUROPEO DI BASKET IN CARROZZINA UNDER 22 Seveso Cantù 23-29 luglio 2010 LO SPORT VA OLTRE LE DIFFERENZE INTRODUZIONE: I CAMPIONATI EUROPEI 2010 DI BASKET IN CARROZZINA L European Wheelchair

Dettagli

- D I S A B I L I T A -

- D I S A B I L I T A - - D I S A B I L I T A - ALLENAMENTO CON SOVRACCARICHI PER DISABILI LA PESISTICA PARALIMPICA La DISABILITA è la condizione personale di chi, in seguito ad una o più menomazioni, ha una ridotta capacità

Dettagli

Convenzione per la promozione di attività sportive per persone con disabilità

Convenzione per la promozione di attività sportive per persone con disabilità Convenzione per la promozione di attività sportive per persone con disabilità FRA L Università degli Studi di Parma, con sede legale in Via Università n 12, 43121 Parma C.F. 00308780345- rappresentata

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel La tecnologia nello studio medico del Medico di Famiglia: coniugare approccio olistico e high-tech La legge 104/92: diritti, integrazione sociale e assistenza della persona handicappata: dal sostegno socio-assistenziale

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

Il progetto Sporthabile

Il progetto Sporthabile Il progetto Sporthabile Finalmente dopo tanto combattere anche in Italia lo sport per disabili è arrivato ad un livello di considerazione analogo a quello delle altre nazioni importanti. E finalmente si

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Articolo 1 - Norme generali

CONVENZIONE. Tra. Articolo 1 - Norme generali CONVENZIONE Tra La Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale (di seguito FISDIR), con sede in Roma, Via Flaminia Nuova 830, nella persona del Presidente pro tempore Marco Borzacchini,

Dettagli

Programmazione di dipartimento Biennio e triennio

Programmazione di dipartimento Biennio e triennio LICEO SCIENTIFICO F. SEVERI FROSINONE Programmazione di dipartimento Biennio e triennio DISCIPLINA: EDUCAZIONE FISICA Anno scolastico 2011-2012 BIENNIO: FINALITA Gli ultimi programmi confermano l evoluzione

Dettagli

CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI

CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI Esercizi formativi con carattere di gioco (correre, saltare, superare ostacoli, arrampicarsi, nuotare, ecc.) Giochi collettivi ( staffette

Dettagli

A cura del socio dell associazione

A cura del socio dell associazione Si prega di compilare ed inviare questo questionario via mail a: pollicino@uniamo.org oppure via fax al numero: 049.8215701 entro martedì 31 luglio 2007, all attenzione della dott.ssa Oliviana Gelasio.

Dettagli

Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze. Il giuramento dell Atleta Special Olympics

Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze. Il giuramento dell Atleta Special Olympics PROGETTO SCUOLA 2014-2015 1 Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze Il giuramento dell Atleta Special Olympics 2 Cos'è Special Olympics Special Olympics è

Dettagli

Giochi Sportivi Studenteschi 2011/2012 Istituzioni scolastiche del I ciclo di istruzione (scuole secondarie di I grado)

Giochi Sportivi Studenteschi 2011/2012 Istituzioni scolastiche del I ciclo di istruzione (scuole secondarie di I grado) NORME TECNICHE FASI PROVINCIALI E REGIONALI A) Categorie di Disabilità Considerata l eterogeneità delle disabilità degli alunni, le classifiche verranno stilate suddividendoli nelle seguenti categorie:

Dettagli

Offerta di sport G+S. Definizione dell offerta G+S

Offerta di sport G+S. Definizione dell offerta G+S Guida per lo svolgimento delle offerte con bambini e giovani (gruppo di utenti 4) offerte G+S di cantoni, comuni e delle federazioni sportive nazionali Questa guida intende dare a monitori e coach G+S

Dettagli

ORIENTAMENTO ALLO SPORT

ORIENTAMENTO ALLO SPORT ORIENTAMENTO ALLO SPORT COME INDIRIZZARE LE FAMIGLIE SULLA PRATICA SPORTIVA PER I PROPRI FIGLI. ENDAS : CHI SIAMO E COSA FACCIAMO L ENDAS (Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale) è un Ente di Promozione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO UFFICIO ATTIVITA SPORTIVE Agenzia Provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili presentazione a cura dell UFFICIO ATTIVITA SPORTIVE Trento, loc. Centochiavi,

Dettagli

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA I CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORE PARALIMPICO L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA Mauro Esposito Uff. Ed. Fisica e Sportiva

Dettagli

piscina - palazzetto

piscina - palazzetto Programma 2014-2015 piscina - palazzetto scuola nuoto propaganda scuola calcio Scuola tennis Scuola Twirling calcetto pallavolo basket corsi di tennis PER ADULTI, BAMBINI E RAGAZZI Corso monosettimanale:

Dettagli

BENVENUTI. S.F.E.R.A. Coaching2012. SFERA Coaching - Milano

BENVENUTI. S.F.E.R.A. Coaching2012. SFERA Coaching - Milano BENVENUTI S.F.E.R.A. Coaching2012 CHI SIAMO Unità Operativa di Psicologia dello Sport Fondato nel 1998 come Dipartimento dell I.S.E.F. di Torino. Dal 2007: Unità Operativa di Psicologia dello sport E attualmente

Dettagli

Il tennis in carrozzina

Il tennis in carrozzina Le origini Il tennis in carrozzina Nel 1976, grazie alla passione e all impegno dell americano Brad Parks, nacque il wheelchair tennis (tennis in carrozzina). Pensato come attività ricreativa, il tennis

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

UN IDEA AL SERVIZIO DI UN IDEALE. IL PROGETTO DISCESALIBERI.

UN IDEA AL SERVIZIO DI UN IDEALE. IL PROGETTO DISCESALIBERI. UN IDEA AL SERVIZIO DI UN IDEALE. L emozione che solo lo sport sa offrire è un valore che deve poter essere condiviso da tutti. Senza ostacoli, senza confini. Senza barriere. Ecco dunque DiscesaLiberi:

Dettagli

LO SPORT NELL INTEGRAZIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI

LO SPORT NELL INTEGRAZIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI LO SPORT NELL INTEGRAZIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI Sandro Porru ( Consigliere Nazionale Federazione Italiana Sport Disabili) Per parlare dello sport in carrozzina è necessario fare un minimo di

Dettagli

Una educazione e una riabilitazione delle persone con minorazione visiva

Una educazione e una riabilitazione delle persone con minorazione visiva Una educazione e una riabilitazione delle persone con minorazione visiva I differenti programmi terapeutici e riabilitativi sono proposti in funzione della patologia, dell età, delle possibilità visive

Dettagli

DI COSA PARLERO OGGI

DI COSA PARLERO OGGI DI COSA PARLERO OGGI 1. Cos è l APA? 2. La storia 3. I principali organismi 4. La carta europea dello sport 5. Le classificazioni dell OMS 6. Perchè si diventa disabili? 7. Ampliamento del concetto di

Dettagli

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 1 GENERALITA E NORMATIVE

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 1 GENERALITA E NORMATIVE MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 1 GENERALITA E NORMATIVE MEDICINA DELLO SPORT Branca della medicina che si occupa di tutte le persone che praticano attività sportiva. Occuparsi = prendersi cura a scopo preventivo

Dettagli

ABILISSIMI PER UNO SPORT DIVERSO

ABILISSIMI PER UNO SPORT DIVERSO ABILISSIMI PER UNO SPORT DIVERSO DA QUASI QUARANT ANNI, DIAMO IL MEGLIO DI TUTTI! ASD S.STEFANO SPORT nasce nel 1976 allo scopo di favorire e promuovere lo sport, organizzando e partecipando a manifestazioni

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio L INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio di infortuni e ne garantisce il percorso riabilitativo

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

Corso congiunto istruttore di nuoto FISDIR / FINP Milano dal 12 al 15 novembre 2015 FISDIR Milano dal 20 al 22 novembre 2015 FINP

Corso congiunto istruttore di nuoto FISDIR / FINP Milano dal 12 al 15 novembre 2015 FISDIR Milano dal 20 al 22 novembre 2015 FINP Corso congiunto istruttore di nuoto FISDIR / FINP Milano dal 12 al 15 novembre 2015 FISDIR Milano dal 20 al 22 novembre 2015 FINP Il Centro di Formazione Fisdir Ice Club Como in collaborazione con il centro

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE. Coordinatore: prof.ssa Arcangela Massimelli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE. Coordinatore: prof.ssa Arcangela Massimelli DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE Coordinatore: prof.ssa Arcangela Massimelli Sommario FINALITA... Primo biennio Competenze... Abilità... Conoscenze... Secondo biennio Competenze... Abilità... Conoscenze...

Dettagli

PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni

PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni Dott. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt, Terapeuta EMDR "Se desiderate compiere

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

www.tuttoballo.net è un dominio registrato. Copyright 2004.

www.tuttoballo.net è un dominio registrato. Copyright 2004. www.tuttoballo.net è un dominio registrato. Copyright 2004. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta, memorizzata in sistemi d'archivio o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo. I trasgressori

Dettagli

Metodi e motivi di uno Sport accessibile: Tecniche e Tecnologie

Metodi e motivi di uno Sport accessibile: Tecniche e Tecnologie Metodi e motivi di uno Sport accessibile: Tecniche e Tecnologie Motivazione allo sport Movimento come bisogno primario (Maslow, Motivazione e personalità) Motivazioni primarie: Gioco come attività piacevole

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITÀ FEDERALE

REGOLAMENTO ATTIVITÀ FEDERALE REGOLAMENTO ATTIVITÀ FEDERALE DELIBERATO DAL CONSIGLIO FEDERALE DEL 22/23.11.13 Art. 1 Ambiti di attività Le discipline sportive praticate in seno alla FISDIR sono suddivise in due ambiti di attività:

Dettagli

Nuovi Orizzonti Atletica Paralimpica

Nuovi Orizzonti Atletica Paralimpica Nuovi Orizzonti Atletica Paralimpica A cura di Andrea Segale FP Udine Agenda L atletica nel Movimento Paralimpico Tipi di competizioni Le classificazioni Regole IPC Athletics Il Giudice Paralimpico L Atletica

Dettagli

Il Banca Marche Palas di atletica leggera

Il Banca Marche Palas di atletica leggera L IMPIANTO Il Banca Marche Palas di atletica leggera CHE COS È? Inaugurato nel febbraio 2005, il Palaindoor rappresenta attualmente l unico impianto permanente al coperto interamente dedicato all Atletica

Dettagli

NOTE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA (di cui all allegato D)

NOTE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA (di cui all allegato D) NOTE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA (di cui all allegato D) 1) SCHEDA N.: se si devono compilare più schede indicarne il numero progressivo; per le schede successive alla prima non è necessario riportare

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPERIMENTALE Corso di Laurea in SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE (L22)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPERIMENTALE Corso di Laurea in SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE (L22) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPERIMENTALE Corso di Laurea in SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE (L22) Insegnamento di Metodi e Didattica degli SPORT DI SQUADRA MeD della PALLAVOLO

Dettagli

ISTRUTTRICE e ISTRUTTORE SPORTIVO

ISTRUTTRICE e ISTRUTTORE SPORTIVO Aggiornato il 9 luglio 2009 ISTRUTTRICE e ISTRUTTORE SPORTIVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 È necessario sapere... 7 Conoscenze...

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE

FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE Identità La Facoltà forma professionisti capaci di operare nel mondo dello sport e in quello della promozione della salute e del benessere psico-fisico. Offerta Master I livello

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE Il Comitato Italiano Paralimpico (di seguito: CIP), con sede in Roma, Via Flaminia Nuova,

Dettagli

piscina - palazzetto

piscina - palazzetto Programma 2015-2016 piscina - palazzetto scuola nuoto propaganda scuola calcio Scuola tennis Scuola Twirling tiro con l arco kudo daido juko calcetto pallavolo Si trova in via della Pace 1 a Varallo Pombia,

Dettagli

Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015

Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015 Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015 Alimentazione e benessere Il proliferare di informazioni scorrette dal punto di vista alimentare

Dettagli