CulturAccessibile: Casa Paganini.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CulturAccessibile: Casa Paganini."

Transcript

1 ! Cooperativa David Chiossone Progetto CulturAccessibile CulturAccessibile: Casa Paganini. Allegato A: Checklist per la valutazione di accessibilità dei luoghi di cultura

2 Progetto CulturAccessibile 2 Indice Sezione 1. Anagrafica del sito 3 Valutazione sintetica 4 Sezione 2. Accessibilità web 5 Sez Accessibilità dell informazione web: analisi tecnica 7 Sez Fruibilità dell informazione e della comunicazione web: dati rilevati dalla check list 11 Sezione 3: Accessibilità a strutture e contenuti 12 Sez Accessibilità alla struttura 13 Sez Accessibilità nella struttura 22 Sez Accessibilità e fruibilità dei contenuti 25 Proposte verso l accessibilità 27

3 Progetto CulturAccessibile Sezione 1. Anagrafica del sito Denominazione Casa Paganini Tipologia Teatro e complesso monumentale Indirizzo e località Piazza Santa Maria in Passione Indirizzo sito web Curatore/Responsabile Prof. Antonio Camurri Contatto incaricato Dott.ssa Roberta Fraguglia Data sopralluogo 10 giugno 2009 foto della Struttura 3

4 Progetto CulturAccessibile 4 Valutazione sintetica Il sito web casapaganini.org non rispetta in diversi punti i requisiti stabiliti dalla legge 4/2004. Gli errori riscontrati possono pregiudicare la possibilità accedere ai contenuti e alle informazioni presenti. All interno del sito sono illustrate le attività normalmente svolte, ma mancano informazioni sull accessibilità o su eventuali problematiche presenti. Anche le indicazioni su come arrivare alla struttura, pur essendo molto precise, sono sviluppate con tecnologia non accessibile (google maps). Il percorso per raggiungere piazza Santa Maria in Passione è risultato molto ostico per disabili motori e disabili visivi, pregiudicando così la possibilità di una visita in completa autonomia. All interno del sito monumentale sono emersi altri problemi dovuti alla presenza di scale come unica via d accesso al primo piano della struttura. L auditorium è stato invece progettato con criteri che permettono la fruizione ad utenti con capacità diverse. Non sono presenti ausili o strumenti, oltre al bagno attrezzato, per assicurare a disabili motori, sensoriali e cognitivi modalità di visita accessibile.

5 Progetto CulturAccessibile 5 Sezione 2. Accessibilità web Il sito web di casa Paganini non rispetta diversi requisiti delle Legge 4/2004. Il codice usato, HTML 1.1, presenta diversi errori di grammatica formale, con apertura di nuove finestre senza avvisare esplicitamente l utente. Sono state riscontrate altre non conformità ai 22 requisiti presenti nel DM 8 Luglio 2005 tra le quali: Non c è sufficiente differenziazione tra colore di sfondo e colore di primo piano (testo). Per agevolare la lettura il colore del testo e quello dello sfondo devono avere luminosità e colore molto differenti. L analisi di questo requisito avviene tramite la verifica di un preciso algoritmo. Ad esempio i link delle varie sezioni non hanno sufficiente differenziazione con lo sfondo, menù laterali presentano scritte grigio su bianco di difficile lettura per qualsiasi utente. Questo danneggia la navigazione di utenti con deficit visivi e limitato senso cromatico Caratteri espressi in unità di misura non scabili. I caratteri del sito sono espressi in pixel, un unità di misura che non è scalabile e l utilizzo di tale unità di misura con browers come Internet Explorer non consentono l'ingrandimento del testo, rendendo non accessibili le informazioni presenti a persone con problemi visivi quali ipovedenti e anziani. Mancanza di intestazioni (heading). Le intestazioni, o titolazioni, all interno di una pagina web permettono a disabili visivi di poter avere un ordine gerarchico dell informazione contenuta, facilitando così la modalità di navigazione e favorendo l orientamento tra i vari contenuti. Nelle pagine non è presente alcun tipo di titolo con codice html Hn. Distanza tra link. Gruppi di link devono avere una distanza l uno dall altro di almeno 0,5 em (equivalente a più o meno 8 punti). Una distanza minore di quella stabilita rende difficile la navigazione a disabili motori degli arti superiori, ipovedenti e cognitivi, poiché causa facilmente errori di selezione. Gli elenchi di link presenti nel sito casapaganini.org non hanno distanza tra i vari elementi. allegati non accessibili. All interno del sito sono presenti diversi documenti PDF. Nel caso di allegati direttamente accessibili, come i PDF in questo caso, viene richiesta la conformità ai requisiti di accessibilità delle pagine web e alle norme stabilite dalla casa produttrice. I PDF presenti non rispondono alle caratteristiche richieste, in alcuni casi sono addirittura solo testi sottoforma di immagine.

6 Progetto CulturAccessibile 6 Informazioni Le informazioni presenti all interno del sito illustrano i servizi offerti, gli orari di apertura e le attività svolte, mancano però completamente informazioni sull accessibilità e percorsi accessibili, su iniziative rivolte a un pubblico disabile. Le indicazioni sul come raggiungere la struttura sono inaccessibili a disabili visivi o a utenti

7 Progetto CulturAccessibile 7 Sez Accessibilità dell informazione web: analisi tecnica URL Indirizzo del sito web screenshot Tipologia report Analisi tecnica requisiti allegato. A del DM decreto ministeriale dell 8 luglio 2005, relativo alla legge 4/2004 ( Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici ) Data Luglio 2009 Strumenti utilizzati Browser Versione Ambiente Operativo Internet Explorer 6.02, 7.0, 8.0 Windows xp, Windows Vista Firefox 3.06 Windows xp, MacOs Konqueror Linux Ubuntu Lynx Linux Ubuntu Opera 9.6 Windows Vista, MacOs Firefox Windows xp, Vista, MacOs Safari 4 Windows p, MacOs programmi Versione Ambiente Operativo W3C Markup Validation Service Servizio Online Cse Validator 7.01 Windows xp Colour Contrast Analyzer 2.0 Windows xp Web Accessibility Toolbar Firefox add-on Web Developer Toolbar Firefox add-on

8 Progetto CulturAccessibile 8 Requisito Conforme Non Conforme Non applicabile 1 Realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili quando sono supportate dai programmi utente. Utilizzare elementi ed attributi in modo conforme alle specifiche, rispettandone l aspetto semantico. [ ] 2 Non è consentito l uso dei frame nella realizzazione di nuovi siti. In sede di prima applicazione, per i siti Web esistenti già realizzati con frame è consentito l uso di HTML 4.01 o HTML 1.0 con DTD frameset [ ] 3 Fornire una alternativa testuale equivalente per ogni oggetto non di testo presente in una pagina e garantire che quando il contenuto non testuale di un oggetto cambia dinamicamente vengano aggiornati anche i relativi contenuti equivalenti predisposti; l alternativa testuale equivalente di un oggetto non testuale deve essere commisurata alla funzione esercitata dall oggetto originale nello specifico contesto. 4 Garantire che tutti gli elementi informativi e tutte le funzionalità siano disponibili anche in assenza del particolare colore utilizzato per presentarli nella pagina 5 Evitare oggetti e scritte lampeggianti o in movimento le cui frequenze di intermittenza possano provocare disturbi da epilessia fotosensibile o disturbi della concentrazione, ovvero possano causare il malfunzionamento delle tecnologie assistive utilizzate; qualora esigenze informative richiedano comunque il loro utilizzo, avvertire l utente del possibile rischio prima di presentarli e predisporre metodi che consentano di evitare tali elementi. 6 Garantire che siano sempre distinguibili il contenuto informativo (foreground) e lo sfondo (background), ricorrendo a un sufficiente contrasto (nel caso del testo) o a differenti livelli sonori (in caso di parlato con sottofondo musicale); evitare di presentare testi in forma di immagini; ove non sia possibile, ricorrere agli stessi criteri di distinguibilità indicati in precedenza. 7 Utilizzare mappe immagine sensibili di tipo lato client piuttosto che lato server, salvo il caso in cui le zone sensibili non possano essere definite con una delle forme geometriche predefinite indicate nella DTD adottata. 8 In caso di utilizzo di mappe immagine lato server, fornire i collegamenti di testo alternativi necessari per ottenere tutte le informazioni o i servizi raggiungibili interagendo direttamente con la mappa. 9 Per le tabelle dati usare gli elementi (marcatori) e gli attributi previsti dalla DTD adottata per descrivere i contenuti e identificare le intestazioni di righe e colonne.

9 Progetto CulturAccessibile 9 Requisito Conforme Non Conforme Non applicabile 10 Per le tabelle dati usare gli elementi (marcatori) e gli attributi previsti nella DTD adottata per associare le celle di dati e le celle di intestazione che hanno due o più livelli logici di intestazione di righe o colonne. 11 Usare i fogli di stile per controllare la presentazione dei contenuti e organizzare le pagine in modo che possano essere lette anche quando i fogli di stile siano disabilitati o non supportati. 12 La presentazione e i contenuti testuali di una pagina devono potersi adattare alle dimensioni della finestra del browser utilizzata dall utente senza sovrapposizione degli oggetti presenti o perdita di informazioni tali da rendere incomprensibile il contenuto, anche in caso di ridimensionamento, ingrandimento o riduzione dell area di visualizzazione o dei caratteri rispetto ai valori predefiniti di tali parametri. 13 In caso di utilizzo di tabelle a scopo di impaginazione, garantire che il contenuto della tabella sia comprensibile anche quando questa viene letta in modo linearizzato e utilizzare gli elementi e gli attributi di una tabella rispettandone il valore semantico definito nella specifica del linguaggio a marcatori utilizzato. 14 Nei moduli (form), associare in maniera esplicita le etichette ai rispettivi controlli, posizionandole in modo che sia agevolata la compilazione dei campi da parte di chi utilizza le tecnologie assistive. 15 Garantire che le pagine siano utilizzabili quando script, applet, o altri oggetti di programmazione sono disabilitati oppure non supportati; ove ciò non sia possibile fornire una spiegazione testuale della funzionalità svolta e garantire una alternativa testuale equivalente, in modo analogo a quanto indicato nel requisito n Garantire che i gestori di eventi che attivano script, applet o altri oggetti di programmazione o che possiedono una propria specifica interfaccia, siano indipendenti da uno specifico dispositivo di input. 17 Garantire che le funzionalità e le informazioni veicolate per mezzo di oggetti di programmazione, oggetti che utilizzano tecnologie non definite da grammatiche formali pubblicate, script e applet siano direttamente accessibili. 18 Nel caso in cui un filmato o una presentazione multimediale siano indispensabili per la completezza dell informazione fornita o del servizio erogato, predisporre una alternativa testuale equivalente, sincronizzata in forma di sotto-titolazione o di descrizione vocale, oppure fornire un riassunto o una semplice etichetta per ciascun elemento video o multimediale tenendo conto del livello di importanza e delle difficoltà di realizzazione nel caso di trasmissioni in tempo reale.

10 Progetto CulturAccessibile 10 Requisito Conforme Non Conforme Non applicabile 19 Rendere chiara la destinazione di ciascun collegamento ipertestuale (link) con testi significativi anche se letti indipendentemente dal proprio contesto oppure associare ai collegamenti testi alternativi che possiedano analoghe caratteristiche esplicative, nonché prevedere meccanismi che consentano di evitare la lettura ripetitiva di sequenze di collegamenti comuni a più pagine. 20 Nel caso che per la fruizione del servizio erogato in una pagina è previsto un intervallo di tempo predefinito entro il quale eseguire determinate azioni, è necessario avvisare esplicitamente l utente, indicando il tempo massimo consentito e le alternative per fruire del servizio stesso. 21 Rendere selezionabili e attivabili tramite comandi da tastiere o tecnologie in emulazione di tastiera o tramite sistemi di puntamento diversi dal mouse i collegamenti presenti in una pagina; per facilitare la selezione e l attivazione dei collegamenti presenti in una pagina è necessario garantire che la distanza verticale di liste di link e la spaziatura orizzontale tra link consecutivi sia di almeno 0,5 em, le distanze orizzontale e verticale tra i pulsanti di un modulo sia di almeno 0,5 em e che le dimensioni dei pulsanti in un modulo siano tali da rendere chiaramente leggibile l etichetta in essi contenuta. 22 Per le pagine di siti esistenti che non possano rispettare i suelencati requisiti (pagine non accessibili), in sede di prima applicazione, fornire il collegamento a una pagina conforme a tali requisiti, recante informazioni e funzionalità equivalenti a quelle della pagina non accessibile ed aggiornata con la stessa frequenza, evitando la creazione di pagine di solo testo; il collegamento alla pagina conforme deve essere proposto in modo evidente all inizio della pagina non accessibile. Il sito risulta non accessibile. Requisiti non conformi: 6 Per il testo integrale dei requisiti e per approfondimenti

11 Progetto CulturAccessibile 11 Sez Fruibilità dell informazione e della comunicazione web: dati rilevati dalla check list Nel sito sono presenti informazioni su orari di apertura per le visite della parte monumentale e informazioni su tutte le attività svolte all interno della struttura. Non vi sono riferimenti a particolari attività dedicate a utenti disabili o all accessibilità delle attività in generale. Per fornire indicazioni sul come raggiungere la struttura è presente un link a google maps con le coordinate della struttura, ma tale sistema è non accessibile secondo i requisiti della legge 4/2004. Domande della scheda di valutazione 1. Il sito web offre informazioni su orari e accoglienza? 2. Il sito web offre informazioni su percorsi di visita accessibili? 3. Il sito web offre informazioni su come raggiungere la struttura? 4. Il sito web offre informazioni sui contenuti, laboratori, esperienze di visita accessibili? 5. Il sito web evidenzia le iniziative di accessibilità?

12 Progetto CulturAccessibile 12 Sezione 3: Accessibilità a strutture e contenuti Le principali difficoltà di Casa Paganini sono rappresentate dalla zona in cui è collocata e dalla mancanza di accessibilità fisica del piano superiore della struttura. Piazza Santa Maria in Passione si trova nella parte più antica del centro storico di Genova, zona di difficile accessibilità caratterizzata da con strade strette e sconnesse. Se si superano le difficoltà che presenta il percorso pedonale, casa Paganini è accessibile per disabili su sedia a ruote solo al piano terra, non essendoci alternative alle scale per accedere al piano superiore. Il teatro/auditorium è invece completamente accessibile, con spazi pensati anche per i disabili su sedia a ruote. Non sono a disposizione ausili per disabili motori, sensoriali e cognitivi.

13 Progetto CulturAccessibile 13 Sez Accessibilità alla struttura 1. raggiungimento della sede con mezzi pubblici e privati Casa Paganini è situata in una zona del centro storico particolarmente disagevole per la posizione collinare e per le strette vie d accesso. Con i mezzi pubblici la migliore soluzione è arrivare da piazza Sarzano percorrendo circa 800 metri, ma il tragitto incontra diverse salite e pavimentazioni sconnesse (foto 1 e 2). Foto 1: La salita dell archivolto di S. Silvestro, una delle strade per arrivare a Casa Paganini Foto 2: Salita Santa Maria di Passione, strada alternativa ma ancora più complessa.

14 Progetto CulturAccessibile 14 Con i mezzi privati l accesso all ingresso è fortemente limitato dalla strada stretta e irregolare (foto 3 e 4) che non permette a tutti i veicoli di avvicinarsi. Foto 3: Salita a Santa Maria di Castello è l unico accesso carrabile a Casa Paganini, una lunga salita con pavimentazione dissestata, inadatta a disabili motori Foto 4: un passaggio particolarmente stretto per veicoli diretti verso piazza Santa Maria in Passione, dove si trova Casa Paganini.

15 Progetto CulturAccessibile parcheggi riservati nelle immediate vicinanze di almeno uno degli ingressi per il pubblico. Nella piazza antistante l ingresso pur essendoci spazio per la sosta non sono presenti parcheggi riservati (foto 5 e 6). La mancanza di indicazioni rende anche dubbia la stessa possibilità di sosta. Foto 5: Piazza Santa Maria in Passione, le auto posteggiate di fronte l ingresso. Foto 6: altra auto posteggiate nei pressi di Casa Paganini

16 Progetto CulturAccessibile percorso accessibile tra l area parcheggio/fermata mezzi di trasporto pubblico e l ingresso alla struttura Le diverse strade che conducono alla struttura hanno tutte la caratteristica di pendenze elevate e pavimentazione spesso sconnessa o con barriere architettoniche di diversa natura. Sconsigliate la strade che salgono da piazza Cavour (foto 7) per la lunghezza e la pendenza, la più vicina fermata di mezzi pubblici è in piazza Sarzano la stazione della metropolitana (foto 8). Foto 7: un tratto del percorso che sale verso Piazza Santa Maria in Passione. Foto 8: L uscita della metropolitana in piazza Sarzano.

17 Progetto CulturAccessibile 17 Da piazza Sarzano la strada migliore è verso via di Santa Croce (foto 10), mentre l altra strada praticabile attraversa la facoltà di architettura con la salita di via di Mascherona e continua su salita Santa Maria In Passione (foto 2 e 9), strada dissestata e non adatta a disabili motori. Foto 9: Salita Santa Maria di Passione. Scale e salita con pendenza troppo elevata, fondo sconnesso. Foto 10: Via di Santa Croce

18 Progetto CulturAccessibile 18 Foto 11: la salita dall Archivolto di S. Silvestro, questo tratto ha scale e una salita con elevata pendenza. Il fondo della salita e moderatamente sconnesso. Il percorso pedonale continua verso l archivolto S. Silvestro, una strada in salita (foto 1e 11). Passata la salita il tratto finale è in piano con un dissuasore di passaggio per moto, che impedisce anche il passaggio a sedie a ruote (foto 12). Passato il dissuasore si arriva in piazza Santa Maria in Passione. Foto 12: il percorso è decisamente migliore, con fondo regolare.

19 Progetto CulturAccessibile itinerari più agevolmente percorribili lungo i quali indirizzare il pubblico disabile Nessuno dei possibili itinerari presenta le caratteristiche per agevolare il pubblico disabile. 5. se la conformazione dei luoghi lo permette: punti panoramici con sistemi di seduta, dai quali siano possibili vedute d insieme dell area o comunque degli elementi più significativi. Non presente. 6. Nel tragitto verso la struttura, ci sono rampe (anche provvisorie e facilmente rimovibili) per lievi dislivelli, a seconda delle necessità. Nonostante i numerosi dislivelli non sono presenti rampe. 7. Nel tragitto verso la struttura, impianti di sollevamento quali ascensori (verticali o inclinati) adeguatamente inseriti nel contesto circostante, in caso di ampi dislivelli Le difficoltà rappresentate dal territorio impediscono interventi di questo tipo. 8. Nel tragitto verso la struttura, impianti di sollevamento quali piattaforme elevatrici, adeguatamente inseriti nel contesto circostante, in caso di ampi dislivelli. Non presenti. 9. Nel tragitto verso la struttura, rampe anche in presenza di dislivelli minimi (ad esempio un singolo gradino) e corrimano lungo le rampe stesse e le scale I numerosi dislivelli presenti necessitano di interventi complessi e organici. 10.Il fondo dei percorsi è compatto e livellato Il fondo della strada è costituito in maggior parte da pavimentazione storica, spesso anche piuttosto sconnessa e senza manutenzione recente. 11.per pavimentazioni storiche particolarmente accidentate e irregolari, esiste almeno una porzione del percorso stesso, di larghezza sufficiente al transito di una sedia a ruote, con pavimentazione adeguata, in adiacenza o in sovrapposizione reversibile sugli elementi originari; o (in alternativa) passerelle. Dove la pavimentazione è più sconnessa non esiste nessuna area o porzione di strada adeguata al transito di disabili su sedia a ruote.

20 Progetto CulturAccessibile assenza di tutti gli ostacoli, soprattutto al di sopra dei 50 cm dal suolo (non percepibili dai non vedenti). Non sono stati rilevati ostacoli ad altezza tale da essere di pericolo a non vedenti. 13.corrimano lungo i percorsi in pendenza, meglio su entrambi i lati, come sostegno e guida. In alcune parti in pendenza sono presenti corrimani, ma su un solo lato (foto 1, 2, 9,11) 14. Accessibilità dell ingresso principale: è possibile accessibile per tutti. L ingresso principale è accessibile. (foto 13) Foto 13: l ingresso principale. 15.Accessibilità dell'ingresso principale: se NO: ci sono rampe o piattaforme elevatrici, oppure (per vincoli di tipo strutturale, materico e percettivo) presenza di percorso alternativo che garantisca in ogni caso l accessibilità. Non presente.

21 Progetto CulturAccessibile Informazioni web: modalità e informazioni all accessibilità alla struttura e ogni altra indicazione utile ai disabili è adeguatamente indicata nel sito web (se esistente)? Nessuna informazione

22 Progetto CulturAccessibile 22 Sez Accessibilità nella struttura 1. all ingresso e lungo i percorsi presenza di un adeguata segnaletica chiara e facilmente percepibile anche da ipovedenti La segnaletica è quasi completamente assente, anche per la limitatezza degli spazi. 2. pannelli informativi con scritte in rilievo o in braille, mappe tattili Non sono presenti pannelli a rilievo o altri supporti tattili per non vedenti. 3. Linee guida per non vedenti (basate sulle linee guida naturali, quando siano di significato univoco) Nessuna linea guida per non vedenti all interno della struttura. 4. riferimenti sensoriali complementari, quali rumore di fontane, segnali luminosi, essenze profumate Non presente. 5. aree di sosta e riposo dotate di panchine o di appoggi ischiatici, ombreggiate e possibilmente protette dalle intemperie (se all esterno) All interno della struttura sono presenti sedie, ma non una vera e propria zona di sosta. L auditorium è invece dotato di poltrone (foto 14). Foto 14: l interno dell auditorium durante una manifestazione.

23 Progetto CulturAccessibile presenza di attrezzature e servizi quali telefoni, fontanelle, cestini, punti informativi, servizi igienici, zone di ristoro, progettati in modo da poter essere utilizzati da chiunque. Il palco è studiato con un accesso senza scale, i servizi igienici sono a norma ed è presente un camerino attrezzato per attori ed artisti disabili. 7. Nelle aree ampie: presenza di un servizio di assistenza con ausili di supporto, sedie a ruote, elettroscooter e/o veicoli elettrici per 3 o 4 persone (club-cars) condotti, su richiesta, da personale addetto (e event. minibus elettrici). Non presente. 8. Presenza di itinerari più agevolmente percorribili lungo i quali indirizzare il pubblico disabile al fine di garantire la visitabilità dell edificio/spazio (e loro efficace segnalazione) Non è stato creato nessun percorso o accesso per agevolare il pubblico disabile. 9. arredi e attrezzature, e allestimenti di vario genere, funzionali per un agevole uso da parte di chiunque e collocati in modo che non siano d ostacolo o pericolo Gli arredi presenti sono alquanto scarsi e non rappresentano ostacolo. 10. arredi usati come punti di riferimento e linee guida Nessun arredo svolge la funzione di linea guida

24 Progetto CulturAccessibile Assenza di passaggi angusti Le scale (foto 15) risultano non solo inaccessibili per disabili su sedia a ruote, ma anche strette. Foto 15: Le scale rimangono l unica via d accesso al piano superiore. 12.Segnalazione di eventuali dislivelli Oltre sulle scale, dove mancano segnalazioni con strisce ad alto contrasto per ipovedenti, ai piani superiori esistono numero scalini poco evidenziati. 13.Informazioni web: modalità e informazioni su accessibilità della struttura e ogni altra indicazione utile ai disabili è adeguatamente indicata nel sito web (se esistente)? Non sono presenti informazioni

25 Progetto CulturAccessibile 25 Sez Accessibilità e fruibilità dei contenuti 1. possibilità di avere percorsi diversificati per permettere anche visite brevi, limitatamente alle opere di maggiore valore La struttura è troppo piccola per permettere una diversificazione dei percorsi. 2. identificazione dei vari percorsi attraverso l uso appropriato di un idonea segnaletica, delle luci, dei colori, dei pittogrammi Non presente. 3. espositori, vetrine, scaffalature e quant altro sono accessibili ad un utenza con caratteristiche diversificate La struttura non ospita espositori o altri arredamenti. Si tratta di un edificio storico con annesso auditorium. 4. dimensioni, la forma, l altezza dei ripiani, i materiali non costituiscono essi stessi barriera architettonica o fonte di pericolo Non presente. 5. al centro delle sale, presenza di zone di sosta per poter godere delle opere, evitando un eccessivo affaticamento Le aree del piano superiori non hanno zone di sosta fisse, ma vengono usate come laboratori e subiscono cambiamenti continui che non permetto di attrezzare zone sosta permanenti. Al piano terra sono presenti numerose soluzioni per permettere una sosta agevole. 6. nelle sale di maggiore afflusso dei visitatori, presenza di adeguati sistemi di seduta; prevedere anche spazi in cui persone con la sedia a ruote, passeggini o

26 Progetto CulturAccessibile 26 mezzi similari possano sostare senza ostacolare il passaggio degli altri visitatori L auditorium ha spazi per ospitare disabili in sedie a ruote, mentre nelle sale superiori non sono presenti tali zone perché non accessibili motori. 7. Sono disponibili idonei sussidi che rispettino i principi della leggibilità e dell accessibilità quali: mappe, tattili e non, brochure e audioguide Non presente. 8. Sono presenti postazioni multimediali accessibili Non sono presenti postazioni multimediali a disposizione del pubblico. 9. Informazioni web: modalità e informazione su accessibilità e fruibilità dei contenuti e ogni altra indicazione utile ai disabili è adeguatamente indicata nel sito web (se esistente)? Nessuna informazione presente

27 Progetto CulturAccessibile 27 Proposte verso l accessibilità L accessibilità fisica della struttura è la maggior difficoltà riscontrata. I due aspetti che limitano la possibilità di visitare Casa Paganini in autonomia sono: percorso pedonale non agevole e mancanza di alternative alle scale per raggiungere il primo piano della struttura. Questi ostacoli richiedono interventi complessi e soprattutto il percorso pedonale necessità di un piano di accessibilità urbana più globale. Le proposte per migliorare l accessibilità della struttura partono dalla messa a norma del sito internet e dalla formazione del personale che si occupa della realizzazione dei contenuti e del personale tecnico che si occupa della realizzazione del sito stesso. L obiettivo non è solo permettere la fruizione dei contenuti presenti a utenti disabili, ma migliorare anche la qualità e la semplicità d uso per agevolare tutti i visitatori. Il percorso formativo e di consulenza verrà effettuato con l ausilio di panel di utenti disabili, ottenendo da questa progettazione partecipata un sito che risponda alle esigenze reali. A conclusione del lavoro il sito internet potrà essere certificato presso il CNIPA per ottenere il logo di accessibilità. Per migliorare l accessibilità fisica di disabili sensoriali si propongono: creazione di un kit cartaceo di supporto, corredato di cartina a rilievo e di schede conoscitive scritte in braille e in nero con caratteri adatti a disabili con deficit visivo; installazione di mappe tattili in alluminio all ingresso e al primo piano. Importante sarà anche la formazione del personale d accoglienza per fornire competenze sul come comportarsi con utenti disabili, quali sono le reali necessità e come aiutare a risolvere i problemi più comuni. In quest ambito verrà anche trattato il tema della didattica e la possibilità di realizzare laboratori accessibili anche a persone con abilità differenti. Terminata questa fase propedeutica all accessibilità si passerà al miglioramento della fruizione dei contenuti. Gli interventi individuati in questa fase sono due: impianto acustico per ipoudenti e totem multimediale.

28 Progetto CulturAccessibile 28 L impianto acustico per ipoudenti, già disponibile in diverse sale in Liguria, permette a utenti con problemi di udito di sfruttare un impianto wireless loro dedicato per amplificare tutti i suoni e le voci. Tale sistema può essere sfruttato da chi ha già un apparecchiatura adatta, ma può essere anche fornita direttamente all interno della struttura. Il totem multimediale denominato totem dei sensi è una struttura formata da: un totem contenitivo, da realizzare appositamente; Pc, monitor, casse audio, ausili software e hardware per disabili (display braille, joystick, sintesi vocale, ecc. ecc.) All interno del pc uno specifico software gestionale renderò disponibili i diversi contenuti multisensoriali: immagini, suoni e contenuti testuali. Grazie agli ausili e all organizzazione del software di gestione le informazioni saranno accessibili e fruibili da tutti gli utenti. L attività in questione prevede anche la raccolta di materiale e la rielaborazione di eventuale contenuti già esistente. Parte dei materiali, adeguatamente rielaborati, saranno trasferiti in un cd multimediale che verrà utilizzato come supporto alla didattica e svolgerà anche attività di promozione. Il costo delle proposte elencante è di ,00 IVA inclusa, comprendente tutti i materiali, gli ausili indispensabili per le diverse attività e le spese di trasporto.

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere.

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere. Istruzioni esemplificate per Iscrizione e fruizione Corsi ECM FAD La nuovissima piattaforma proprietaria FAD Ippocrates3 adottata a partire da gennaio 2013 da SANITANOVA S.r.l., è in grado di dimensionare

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C.

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C. Pag. 1/24 INDICE A. AMMINISTRAZIONE pagina ADMIN Pannello di controllo 2 1. Password 2 2. Cambio lingua 2 3. Menù principale 3 4. Creazione sottomenù 3 5. Impostazione template 4 15. Pagina creata con

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali

Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali LINEE GUIDA PER IL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI LUOGHI

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Norme e Condizioni per il Pagamento dei Parcheggi con il Telepass NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Art. 1 1.1 Le presenti norme e condizioni disciplinano l

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS Guida alla progettazione accessibile e funzionale prog_43giparte_cambion.qxp 03/08/2006 10.13 Pagina 3 PENSARE ACCESSIBILE E FUNZIONALE PER

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE Copyright 2008-2014 Lucanasoft di Vincenzo Azzone Tutti i diritti riservati. 1 Indice Generale INTRODUZIONE!...

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

Teorema New Gestione condominio

Teorema New Gestione condominio Teorema New Gestione condominio manuale per l'utente 1 Indice Introduzione e condizioni di utilizzo del software La licenza d'uso Supporto tecnico e aggiornamenti I moduli e le versione di Teorema per

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli