GALSI S.p.A. Milano, Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GALSI S.p.A. Milano, Italia"

Transcript

1 Rev. 0 LUGLIO 2008 GALSI S.p.A. Milano, Italia Gasdotto Algeria - Sardegna - Italia Studio di Impatto Ambientale (GALSI) Centrale di Compressione di Olbia (Sezione Vb) Quadro di Riferimento Progettuale Tutti i diritti, traduzione inclusa, sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere divulgata a terzi, per scopi diversi da quelli originali, senza il permesso scritto della D'Appolonia.

2 INDICE Pagina ELENCO DELLE TABELLE IV ELENCO DELLE FIGURE V 1 INTRODUZIONE 1 2 ANALISI DELLE ALTERNATIVE E CARATTERISTICHE GENERALI DELLA CENTRALE ALTERNATIVE DI LOCALIZZAZIONE DELLA CENTRALE DESCRIZIONE GENERALE DELLA CENTRALE SCELTE PROGETTUALI E APPLICAZIONE DELLE MIGLIORI TECNICHE DISPONIBILI Sistemi di Contenimento delle Emissioni di Inquinanti in Atmosfera Ottimizzazione del Progetto Architettonico Sistemi per la Prevenzione della Contaminazione del Terreno Altri Accorgimenti Progettuali 7 3 VINCOLI E CONDIZIONAMENTI LEGGI NORMALIZZAZIONI Recipienti in Pressione Tubazioni Impianti Strumentali Impianti Elettrici e Zone Pericolose Impianti Antincendio Civile/Strutturale VINCOLI E CONDIZIONAMENTI DALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE 12 4 CARATTERISTICHE DEL PROGETTO DELLA CENTRALE CONFIGURAZIONE GENERALE DELL IMPIANTO PRINCIPALI COMPONENTI DELL IMPIANTO Sistema di Compressione Impianto di Alimentazione, Produzione e Distribuzione di Energia Elettrica Sistema Generazione Elettrica di Emergenza Trappole di Lancio e Ricevimento PIG SISTEMI AUSILIARI Sfiati e Blow Down Sistema di Filtrazione Gas Sistema Gas Combustibile Sistema Aria Compressa Sistema Raccolta Acque Reflue Industriali Sistema Drenaggi Sistema Acqua Antincendio Sistema Gas Inerte Sistema di stoccaggio, carico e scarico olio turbogruppi Sistema Antincendio OPERE CIVILI Preparazione dell Area 21 Galsi S.p.A. - Milano Pag. i

3 INDICE (Continuazione) Pagina Opere di Palificazione Fabbricati e Cabinati Reti di Raccolta Acque Reflue Opere Ausiliarie SISTEMA DI AUTOMAZIONE Sistema Blocchi e Sicurezze Interfaccia Operatore e Consolle Sistema Allertamento Acustico Rete di Comunicazione Sistema di Telelettura Sistema Telefonico Strumentazione in Campo Valvole di Blocco, Regolazione e Sicurezza 26 5 TEMPI E FASI DEL PROGETTO SVILUPPO DELL INGEGNERIA COSTRUZIONE DELLA CENTRALE COMMISSIONING ED AVVIAMENTO DELLA CENTRALE 28 6 INTERAZIONI CON L AMBIENTE EMISSIONI IN ATMOSFERA Fase di realizzazione Fase di esercizio EMISSIONI SONORE Fase di Realizzazione Fase di Esercizio PRELIEVI IDRICI Fase di Realizzazione Fase di Esercizio SCARICHI IDRICI Fase di Realizzazione Fase di Esercizio PRODUZIONE DI RIFIUTI Fase di Realizzazione Fase di Esercizio UTILIZZO DI MATERIE PRIME E RISORSE NATURALI Fase di Realizzazione Fase di Esercizio TRAFFICO MEZZI Fase di Realizzazione Fase di Esercizio ILLUMINAZIONE DELL AREA 36 Galsi S.p.A. - Milano Pag. ii

4 INDICE (Continuazione) Pagina 6.9 SINTESI DELLE RELAZIONI TRA PROGETTO E AMBIENTE Azioni Progettuali Fattori di Impatto 37 7 PROVVEDIMENTI PROGETTUALI PER LA MITIGAZIONE DELL IMPATTO DELL INTERVENTO MISURE DI OTTIMIZZAZIONE BONIFICA E RIPRISTINO AMBIENTALE A FINE ESERCIZIO 39 8 SISTEMI DI MONITORAGGIO 41 9 ASPETTI DI SICUREZZA DELL IMPIANTO CRITERI GENERALI DI SICUREZZA Disposizione Planimetrica (Layout) Vie di Fuga e Aree Sicure Rilasci Incidentali di Sostanze CLASSIFICAZIONE AREE PERICOLOSE SISTEMA ANTINCENDIO SISTEMI DI SEGNALAZIONE, COMUNICAZIONE E ALLARME PROTEZIONE PERSONALE 45 RIFERIMENTI FIGURE APPENDICE A: ELENCO APPARECCHIATURE Galsi S.p.A. - Milano Pag. iii

5 Tabella No. ELENCO DELLE TABELLE Pagina Tabella 4.1: Caratteristiche delle Turbine e dei Compressori 14 Tabella 6.1: Emissioni in Atmosfera da Sorgenti Continue 30 Tabella 6.2: Emissioni in Atmosfera da Sorgenti di Emergenza 30 Tabella 6.3: Emissioni sonore in fase di esercizio 31 Tabella 6.4: Prelievi Idrici in fase di esercizio 32 Tabella 6.5: Scarichi Idrici in fase di esercizio 33 Tabella 6.6: Rifiuti prodotti in fase di esercizio 33 Tabella 6.7: Utilizzo materie prime e risorse naturali in fase di esercizio 34 Tabella 6.8: Mezzi di Cantiere 35 Tabella 6.9: Traffico di Mezzi in Fase di Realizzazione 35 Galsi S.p.A. - Milano Pag. iv

6 ELENCO DELLE FIGURE Figura No. Figura 2.1 Figura 2.2 Figura 2.3 Figura 4.1 Figura 5.1 Figura 6.1 Figura 6.2 Figura 6.3 Alternative di Localizzazione della Centrale Layout di Centrale Planimetrie e Sezioni dei Fabbricati Schema di Flusso Semplificato dell Unità di Compressione Cronoprogramma delle Fasi di Costruzione della Centrale Flussi in Ingresso e in Uscita dalla Centrale Localizzazione dei Punti di Emissione in Atmosfera Localizzazione delle Principali Sorgenti di Emissione Sonora Galsi S.p.A. - Milano Pag. v

7 RAPPORTO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SEZIONE Vb) QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE CENTRALE DI COMPRESSIONE DI OLBIA GASDOTTO ALGERIA SARDEGNA ITALIA (GALSI) 1 INTRODUZIONE Il presente Quadro di Riferimento Progettuale del SIA fornisce la descrizione degli elementi progettuali e le soluzioni adottate (con particolare riferimento alle migliori tecniche disponibili a costi non eccessivi) nonché i rilasci nell ambiente e le interazioni del progetto con l ambiente e il territorio. Inoltre riporta una descrizione delle principali alternative considerate e le motivazioni che hanno condotto al loro abbandono; infine, descrive le misure previste per il monitoraggio. Il documento si articola come segue: il Capitolo 2 descrive: il sito di localizzazione della Centrale (e le alternative localizzative), le caratteristiche generali della Centrale di Compressione, le scelte progettuali in applicazione delle migliori tecniche disponibili; il Capitolo 3 riporta i vincoli e i condizionamenti che hanno portato alle scelte progettuali; nel Capitolo 4 sono riportati le principali caratteristiche progettuali della Centrale di Compressione; nel Capitolo 5 è descritta la tempistica prevista per la realizzazione delle opere; nel Capitolo 6 viene presentata l analisi delle azioni progettuali e la definizione dei fattori di impatto, con riferimento alle fasi di costruzione e di esercizio; il Capitolo 7 descrive i provvedimenti progettuali e gestionali volti al contenimento degli impatti; il Capitolo 8 descrive il sistema di monitoraggio proposto per la Centrale; il Capitolo 9 descrive i principali aspetti di sicurezza connessi alla gestione dell impianto. Il rapporto fornisce, secondo quanto richiesto dalla normativa in materia di VIA: una descrizione del progetto e delle soluzioni adottate sulla base degli studi preliminari effettuati; l inquadramento dell opera nel territorio a livello locale ed a livello di area vasta interessata; le ragioni che hanno guidato la definizione del progetto le motivazioni tecniche delle scelte progettuali ed i provvedimenti adottati per migliorare il suo inserimento nell ambiente. D'APPOLONIA S.p.A. Via San Nazaro, Genova, Italia Telefono Fax Web Site:

8 Le informazioni e i dati progettuali riportati nel presente documento fanno riferimento agli Elaborati di Progetto e ai relativi allegati predisposti da GALSI (GALSI, 2008). Galsi S.p.A. - Milano Pag. 2

9 2 ANALISI DELLE ALTERNATIVE E CARATTERISTICHE GENERALI DELLA CENTRALE Nel presente Capitolo vengono trattati i seguenti aspetti: localizzazione della Centrale; descrizione generale del sistema; scelte progettuali in applicazione alle migliori tecniche disponibili. Si evidenzia che nel presente Capitolo sono descritte le alternative di localizzazione della Centrale di Compressione che fanno riferimento all approdo di progetto del metanodotto (Comune di Olbia, Località Saline Vecchie). Per quanto riguarda le alternative di localizzazione della Centrale relative ad altri tracciati del metanodotto che sono stati considerati durante lo sviluppo del progetto, si rimanda a quanto descritto nel Volume Introduttivo (Volume I). 2.1 ALTERNATIVE DI LOCALIZZAZIONE DELLA CENTRALE La Centrale di Compressione sarà ubicata nell area dedicata sita nella parte meridionale del territorio del Comune di Olbia ad una distanza di circa 800 m dal confine con il Comune di Loiri Porto San Paolo. La scelta localizzativa della Centrale di Compressione è stata oggetto di approfondite valutazioni; definito il punto di spiaggiamento in Località Le Saline sono state prese in considerazione tre ipotesi localizzative (si veda la Figura 2.1). Alternativa 1 Il sito proposto come Alternativa 1 è ubicato in prossimità della Discarica Spirito Santo di Olbia, ad Est della strada di accesso a servizio della Discarica. Tale sito interessa la zona collinare tra Monte Freare e Monte Spirito Santo, caratterizzata da terreni morfologicamente irregolari con quote varianti fra i 20 m s.l.m. e i 45 m s.l.m. Il sito si presenta poco visibile dalle principali vie di comunicazione (S.S. No. 125 e S.S. No. 131d) e dalle aree turistiche ubicate lungo la costa nord-orientale. Alternativa 2 Il sito proposto come Alternativa 2 è ubicato nella piana del Rio della Castagna, caratterizzata da terreni destinati a coltivazioni agricole e pascolo. L area in oggetto è costituita da terreni completamente pianeggianti, caratterizzati da una quota di circa 16 m s.l.m.; non saranno quindi necessari sbancamenti o riempimenti di rilievo per la realizzazione della Centrale. L area ricade parzialmente nella zona di servitù di un elettrodotto A.T. esistente. In considerazione della morfologia pianeggiante dell area, anche se il sito è a circa 2 km dalla Strada Statale No. 125 Orientale Sarda e a circa 2.5 km dalla Strada Statale No.131d, la Centrale sarà visibile dalla zona costiera, ma rimarrà comunque nascosta alla vista della città di Olbia (periferia sud-orientale). Galsi S.p.A. - Milano Pag. 3

10 Alternativa 3 Il sito proposto come Alternativa 3 è ubicato in un area pianeggiante a circa 120 m di distanza Ovest dal corso d acqua Rio della Castagna e a circa 800 m di distanza Est dal Rio Nannuri ad una quota di circa 19 m s.l.m.. L area è attualmente interessata da una zona ad uso prevalentemente agricolo (colture specializzare e arboree). Localizzazione Prescelta L analisi comparativa tra le tre alternative ha portato a scegliere il sito indicato come Alternativa 3. Analogamente agli altri siti, tale area risulta classificato come area agricola dal Piano di Fabbricazione del Comune di Olbia, tuttavia risulta preferibile in quanto: non ricade all interno della Bellezza Panoramica (ex D.Lgs 42/04 sottoposta a vincolo istituido dal DM 10 Gennaio 1968 Costa della Gallura di Olbia ). è localizzata ad una distanza maggiore dalla costa e pertanto consente una buona mitigazione visiva dalle aree di pregio turistico; non necessita di lavori di scavo e sbancamento per rendere disponibile una superficie di estensione sufficiente per ospitare tutti gli impianti (lavori richiesti per il sito Alternativa 2 ); risulta più lontano dalle aree costiere sottoposte a tutela ambientale rispetto ai siti Alternativa 1 e Alternativa DESCRIZIONE GENERALE DELLA CENTRALE La Centrale, che si estenderà su di un area di circa 190,000 m 2 (di cui 150,000 m 2 occupata dagli impianti), sarà collegata in aspirazione ad una condotta a terra DN 1200 (48 ) proveniente da Porto Botte, ed in mandata alla condotta DN 800 (32 ) in direzione di Piombino. La Centrale sarà essenzialmente costituita da: due unità di compressione con una potenza assorbita di 20 MW cadauna (di cui una in marcia ed una di riserva), azionate da due turbine a gas della potenza termica di 72 MW ciascuna (di cui una in marcia ed una di riserva); un sistema di filtrazione gas; le tubazioni di centrale; un sistema di sfiato (torcia) per la centrale e per le unità di compressione; il sistema gas combustibile; un aerorefrigerante per raffreddare il gas in uscita per ogni treno di compressione. La centrale sarà dotata di un sistema per il controllo, la regolazione, la protezione e la supervisione della centrale stessa. Al sistema di controllo di centrale sono connessi quelli di controllo di ciascuna unità di compressione, installata all interno di cabinati insonorizzati per assicurarne la protezione dagli agenti atmosferici e ridurre il rumore. Sono previsti inoltre i seguenti edifici principali: Galsi S.p.A. - Milano Pag. 4

11 casa di guardia; fabbricato per uffici; sala controllo; struttura per l antincendio; cabina elettrica per generatore d emergenza ed un fabbricato dedicato alle attività di manutenzione. È prevista una rete stradale interna per collegare l accesso alla centrale con i fabbricati e le aree impianti. Vi saranno camminamenti pavimentati per accedere alle zone di manutenzione ed alle aree di manovra della Centrale. Il layout di Centrale (mostrato in Figura 2.2) è stato studiato al fine di contemperare le necessità di assicurare un elevato standard di sicurezza e di contenere le superfici occupate. In Figura 2.3 sono riportate le planimetrie, prospetti e sezioni dei principali edifici. 2.3 SCELTE PROGETTUALI E APPLICAZIONE DELLE MIGLIORI TECNICHE DISPONIBILI Sistemi di Contenimento delle Emissioni di Inquinanti in Atmosfera I principali inquinanti emessi dal sistema di combustione di una turbina a gas sono il monossido di carbonio (CO) e gli ossidi di azoto (monossido, NO, e biossido, NO 2 ), genericamente indicati come NOx. La formazione del monossido di carbonio è riconducibile all incompleta ossidazione del carbonio presente nel combustibile e può essere minimizzata aumentando la temperatura di combustione ed il tempo di permanenza del combustibile in camera di combustione. Nelle moderne turbine a gas l aspetto critico, responsabile della formazione di NOx, è rappresentato dalla formazione dell NO termico. Esiste infatti una stretta correlazione fra le condizioni stechiometriche, la temperatura della fiamma e la formazione di NO. Il meccanismo di formazione dell NO, infatti, dipende esponenzialmente dalla temperatura della fiamma e linearmente dal tempo di residenza della miscela aria-combustibile ad una data temperatura; in particolare vengono riscontrate apprezzabili quantità di NO a temperature della fiamma superiori a 1,700 K. In una normale fiamma a diffusione, cioè non premiscelata, vi sono zone in cui la miscela è molto magra, altre in cui la miscela risulta molto ricca ed infine casi in cui la miscela si presenta in condizioni stechiometriche o quasi. In queste ultime zone, ove la temperatura raggiunge i 2,300 K, l NO viene generato in elevate quantità. In passato, le camere di combustione delle turbine a gas erano progettate in modo da combinare una zona primaria di combustione quasi stechiometrica con una zona secondaria di combustione in forte eccesso d aria per completare la combustione. Questa tecnica permetteva una grande stabilità di combustione su un ampio campo di funzionamento ma anche una forte produzione di NOx. Per contro, grazie all elevata temperatura ed al lungo tempo di residenza, il processo limitava la formazione di CO. Per la riduzione della produzione di NOx è necessario modificare questo meccanismo di combustione in modo da eliminare la produzione di NO termico. Ciò viene fatto riducendo Galsi S.p.A. - Milano Pag. 5

12 la temperatura della fiamma e riducendo il tempo di residenza in camera di combustione. I metodi disponibili per ridurre le emissioni in atmosfera da impianti a turbina a gas sono: iniezione di acqua o di vapore in camera di combustione del turbogas con conseguente riduzione della temperatura del bruciatore; premiscelazione del combustibile con aria, in forte eccesso, ma in una composizione ancora combustibile. Per far ciò occorre garantire che la fiamma sia resa molto omogenea in modo da non compromettere la stabilità del processo e che il tempo di residenza sia adeguato al fine di ottenere una combustione completa con bassa formazione di CO. Nel caso della Centrale di Olbia, per consentire la riduzione dei picchi di temperatura, si è scelto di adottare la tecnologia dei bruciatori a bassa produzione di NOx a secco, DLN (Dry- Low-NOx). Il principio di funzionamento dei bruciatori DLN o a premiscelazione consiste nell ottenere una miscela molto omogenea di combustibile e aria, quest ultima dosata in forte eccesso rispetto alle proporzioni stechiometriche in modo da ottenere una miscela povera. Ciò avviene in una camera di pre-miscelamento (premix), interamente dedicata alla miscelazione dei due componenti, prima che avvenga la reazione di combustione. In questo modo vengono ridotte la temperatura di combustione ed i picchi di temperatura nella fiamma, abbattendo drasticamente la formazione di NO. Per migliorare i rendimenti del processo occorre utilizzare alcuni accorgimenti all interno della camera di pre-miscelazione: mantenere la miscela il più possibile omogenea nello spazio più ridotto possibile; impedire l autoaccensione della miscela; impedire la formazione di ritorni di fiamma. Questi risultati vengono generalmente ottenuti con un adeguato progetto delle geometrie della camera di combustione; ciò comporta tuttavia un ristretto campo di funzionamento della turbina a gas in regime pre-mix. Per ampliare il regime di funzionamento della turbina viene ridotto il numero di bruciatori in funzione della riduzione del carico. Per poter estendere il regime di funzionamento sono stati sviluppati dei bruciatori che funzionano in regime pre-mix sino ad un certo carico, al di sotto del quale funzionano a diffusione (bruciatori ibridi). Bisogna tuttavia considerare che una diminuzione spinta della concentrazione degli NOx comporta un aumento della concentrazione del CO emesso. Infatti, il monossido di carbonio è, a tutti gli effetti, un incombusto dovuto alla incompleta ossidazione del carbonio favorita da temperature relativamente più basse e da ridotti tempi di residenza in zona di combustione. Come già accennato la formazione degli ossidi di azoto è favorita da alta temperatura e da breve permanenza nel combustore. Dunque allo stato attuale della tecnologia è necessario ricercare un compromesso tra la riduzione delle emissioni di NOx e di CO. Nel caso della Centrale di Olbia questo sistema, generalmente adottato nelle moderne turbine a gas, permette di garantire emissioni di NOx pari a 50 mg/nm 3 e di CO pari a 50 mg/nm 3 riferiti a gas secchi con contenuto di ossigeno del 15%. Galsi S.p.A. - Milano Pag. 6

13 2.3.2 Ottimizzazione del Progetto Architettonico L aspetto estetico e l inserimento della Centrale nel contesto ambientale locale sarà particolarmente curato; la scelta dei colori e delle caratteristiche architettoniche delle parti in vista saranno realizzate in modo che possano inserirsi armonicamente nel contesto paesaggistico del sito, compatibilmente con i vincoli stabiliti dalla normativa di sicurezza e con le esigenze d efficienza e funzionalità dell impianto Sistemi per la Prevenzione della Contaminazione del Terreno Le apparecchiature contenenti oli di lubrificazione e/o gli additivi chimici verranno posti in locali chiusi. Le acque di lavaggio della turbina a gas e gli eventuali sversamenti accidentali di oli verranno raccolti in apposite vasche di accumulo per poi essere scaricati a mezzo di botti spurgo e smaltiti in impianti autorizzati secondo quanto previsto dalla normativa vigente. I serbatoi contenenti prodotti potenzialmente contaminanti installati nella Centrale saranno dotati di appositi bacini di contenimento dimensionati per la capacità massima, al fine di evitare che la rottura accidentale di un serbatoio possa contaminare il terreno. Sono previsti controlli periodici dello stato di conservazione dei bacini e delle vasche e formazione del personale al fine di prevenire tale rischio. Il rischio di contaminazione del terreno da parte della Centrale risulterà quindi estremamente limitato sia per le basse quantità utilizzate sia per le misure preventive adottate Altri Accorgimenti Progettuali Oltre a quanto sopra descritto, si è provveduto a: prevedere l installazione di macchine dell ultima generazione disponibile sul mercato, caratterizzate da performances ambientali di alto livello; prevedere l insonorizzazione degli equipment più rumorosi, mediante capottaggio e/o inserimento in box insonorizzati; definire circuiti separati per il sistemi/reti di drenaggio delle: acque reflue civili (a fossa settica), acque di dilavamento provenienti da superfici potenzialmente inquinate (destinate allo smaltimento come rifiuto speciale), acque di dilavamento provenienti dalle coperture degli edifici (disperse nel suolo). Galsi S.p.A. - Milano Pag. 7

14 3 VINCOLI E CONDIZIONAMENTI 3.1 LEGGI Gli interventi che si andranno a realizzare sono stati progettati nel rispetto di tutte le norme e i regolamenti esistenti; in particolare ci si è attenuti alla seguente vigente legislazione. Gli atti legislativi di riferimento per l opera in esame sono i seguenti: DM 17 Aprile 2008, Regola Tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e degli impianti di trasporto del gas naturale con densità non superiore a 0.8; DM 24 Novembre Norme di sicurezza antincendio per il trasporto, la distribuzione, l'accumulo e l'utilizzazione del gas naturale con densità non superiore a 0.8; Legge del 10 Maggio 1976 No Norme per la tutela delle acque dall inquinamento; DPR del 24 Maggio 1988 No Attivazione delle direttive CEE in materia di qualità dell aria (emissioni gassose in atmosfera); DM del 16 Febbraio 1982 (Ministero degli Interni). Modificazioni del DM del 27 Settembre 1965, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi; DPR del 29 Luglio 1982 No Approvazione del regolamento concernente l espletamento dei servizi di prevenzione e di vigilanza antincendio; Circolare del 1 Dicembre 1982 No. 53 (Ministero degli Interni). Servizi di prevenzione incendi in materia di rischi di incendi rilevanti. Indicazioni applicative; Legge No. 66 del 4 Marzo 1982 e norme integrative dell ordinamento del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco; DM del 16 Novembre 1983 (Ministero degli Interni). Elenco della attività, nel campo di rischi d incendi rilevanti, all esame degli ispettori regionali e interregionali; Legge del 7 Dicembre 1984 No Nullaosta provvisorio per le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi; DPR 27 Aprile 1955 No. 547 relativo alle Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro; DPCM del 1 Marzo 1991 Limiti massimi di esposizione al rumore negli impianti abitativi e nell ambiente esterno ; D.Lgs 15 Agosto 1991, No Attuazione delle direttive No. 80/1197/CEE, 82/605/CEE, 83/477/CEE, 86/188/CEE e 88/642/CEE, in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro, a norma dell art. 7 della Legge 30 Luglio 1990, No. 212; DPR del 19 Marzo 1956 No Norme generali per l igiene del lavoro; Galsi S.p.A. - Milano Pag. 8

15 Legge 1 Marzo 1968 No. 186 relativa al riconoscimento delle Norme CEI quali norme di buona tecnica; DPR 21 Luglio 1982 No. 675 relativo al recepimento della direttiva CEE/79/196 sui metodi di protezione che si applicano al materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in "atmosfera esplosiva"; Legge 18 Ottobre 1977 No. 791 sull'attuazione della direttiva CEE/73/23 relativa al materiale elettrico destinato ad essere impegnato entro certi limiti di tensione; Direttiva 2006/95/CE Materiale elettrico utilizzato per tensioni fino a 1000Vca e1500vcc; Decreto Legislativo 19 Settembre 1994 n. 626 Attuazione delle Direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 89/270/CEE, 90/394/CEE e 90/679/CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro; Decreto Legislativo 19 Marzo 1996 No. 242 Modifiche ed integrazione al D.Lgs 9 settembre 1994 No. 626 recante attuazione di direttive Comunitarie riguardanti il miglioramento delle sicurezze e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro; Direttiva 2006/42/CE ex 98/37/CE Direttiva Macchine; DPR 24 Luglio 1996 No. 459 Regolamento per l attuazione delle direttive 89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE e 93/68/CEE, concernenti il ravvicinamento della legislazione degli Stati Membri relative alle macchine; Direttiva 2004/108/CE ex 89/336/CE compatibilità elettromagnetica; DM 10 Marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro; DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro; L. 52/96 recepimento della Direttiva Europea n 94/9/CE (Atex); L. 150/89 (Direttiva europea n 82/130) Norme transitorie per la costruzione e vendita del materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in atmosfera esplosiva; DPR 727/82 (Direttiva europea n 79/196/CE) Materiali per i quali si applicano taluni sistemi di protezione; DPR 126/98 Regolamento recante norma per l attuazione della Direttiva 94/9/C (Atex) in materia di apparecchi e sistemi di protezione destinati destinati ad essere utilizzati in atmosfera parzialmente esplosiva (obbligo, a partire dal 1 Luglio 2003, di marcatura CE anche su detto materiale); DM 1 Marzo 1983 Designazione dell organismo italiano autorizzato a rilasciare i certificati per il materiale elettrico antideflagrante ed elenco degli altri organismi CEE autorizzati; DPR 462/01 Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi contro le scariche atmosferiche, dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e impianti elettrici pericolosi; Galsi S.p.A. - Milano Pag. 9

16 D.Lgs 233/03 Attuazione della Direttiva europea 99/92/CE e altre concernenti il miglioramento della sicurezza e salute dei lavoratori durante il lavoro; Decreto Presidente Repubblica 6 Giugno 2001 No. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia ; Legge 5 Novembre 1971 No "Norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica"; Legge 2 Febbraio 1974 No. 64 Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche ; DM 11 Marzo 1988 Istruzioni riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione, l esecuzione e il collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione. 3.2 NORMALIZZAZIONI La progettazione e la costruzione dell impianto saranno eseguite in conformità alle seguenti normative tecniche: Recipienti in Pressione Le norme di riferimento per la realizzazione/installazione di recipienti in pressione sono: ISPESL/PED; API 520/521; ASTM, UNI (per i materiali) Tubazioni Le norme di riferimento per le tubazioni sono: ANSI B 31.3; Standards e norme NACE; API Std; ASTM, UNI (per i materiali) Impianti Strumentali Le norme di riferimento per gli impianti strumentali sono: API Std; UNI Std; ISA Std; ATEX 94/9/CE. Galsi S.p.A. - Milano Pag. 10

17 3.2.4 Impianti Elettrici e Zone Pericolose Le norme di riferimento per la realizzazione/installazione di impianti elettrici e quelle relativi alle zone pericolose sono: CEI-EN (CENELEC) Norme Europee Armonizzate; Norma CEI 91-10/1-4; Protezione delle strutture contro i fulmini; CEI (CEI ) costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas- parte 10: classificazione dei luoghi pericolosi; CEI costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas - impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas ; CEI Costruzione elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas Parte 17: Verifica e manutenzione degli impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas; CEI III edizione costruzione elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas: guida all applicazione della norma CEI EN (CEI 31-30) - classificazione dei luoghi pericolosi; CEI 31.35/A III edizione costruzione elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas guida all applicazione della norma CEI EN (CEI 31-30) - classificazione dei luoghi pericolosi esempi applicativi; Norma CEI 64-8; Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata ed a 1500 V in corrente continua; CEI 11-1 Impianti di produzione, trasporto e distribuzione energia elettrica; CEI Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione di energia elettrica - Linee in cavo; CEI da 3-14 a 3-26 Segni grafici per schemi; CEI 17-13/1 Apparecchiature assiemate di protezione e manovra per bassa tensione (quadri B.T.); CEI cat. 3c Prove sui cavi non propaganti l incendio; CEI Prove sui cavi sottoposti al fuoco (non propaganti la fiamma); CEI Prove sui gas emessi durante la combustione; CEI Cavi isolati in gomma non propagante l incendio e a bassissima emissione di fumi Impianti Antincendio Le norme di riferimento per gli impianti antincendio sono: NFPA National Fire Protection Association; Galsi S.p.A. - Milano Pag. 11

18 UNI EN 5 Componenti dei sistemi di rivelazione e segnalazione manuale d incendio; UNI EN 9795 Sistemi fissi automatici di rivelazione e segnalazione manuale d incendio; UNI EN 3 Estintori di incendio portatili; UNI/VVF 9492 Estintori carrellati antincendio Civile/Strutturale Le norme di riferimento nel settore dell ingegneria civile/strutturale sono: Decreto Ministeriale 14 Settembre 2005 Norme tecniche per le costruzioni Testo Unico e successive integrazioni/modificazioni (NTC 2008); Ordinanza Presidente Consiglio dei Ministri 23 Marzo 2003 No e successive modifiche "Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica"; UNI EN Calcestruzzo - Specificazione, prestazione, produzione e conformità ; UNI "Calcestruzzo Istruzioni complementari per l applicazione della UNI EN 201-1". 3.3 VINCOLI E CONDIZIONAMENTI DALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE I vincoli derivanti dalle indicazioni degli strumenti della pianificazione territoriale sono riportati nel Quadro di Riferimento Programmatico a cui si rimanda. Galsi S.p.A. - Milano Pag. 12

19 4 CARATTERISTICHE DEL PROGETTO DELLA CENTRALE Nel presente capitolo vengono descritte le caratteristiche dell opera a progetto, con riferimento a quanto indicato negli Elaborati di Progetto (GALSI, 2008). La progettazione esecutiva dell opera, prevista come prima fase nel processo di realizzazione dell opera, sarà eseguita nel rispetto della normativa nazionale vigente. In aggiunta saranno assunte come linee guida di progettazione i principali standard nazionali ed internazionali. 4.1 CONFIGURAZIONE GENERALE DELL IMPIANTO La Centrale sarà collegata in aspirazione ad una condotta a terra DN 1200 (48 ) proveniente da Porto Botte, ed in mandata alla condotta DN 800 (32 ) in direzione di Piombino. La Centrale sarà costituita essenzialmente da due unità di compressione con una potenza assorbita di 20 MW cadauna (di cui una in marcia ed una di riserva), un sistema di filtrazione gas, le tubazioni di centrale, un sistema di sfiato (torcia) per la centrale e per le unità di compressione ed il sistema gas combustibile. Per ogni treno di compressione verrà inoltre installato un aerorefrigerante, costituito da un numero di sezioni di scambio termico dimensionate in modo tale da raffreddare il gas in uscita ed un sistema di refrigerazione olio di lubrificazione costituito da un aerorefrigerante in tre sezioni.. La Centrale sarà fornita di un sistema per il controllo, la regolazione, la protezione e la supervisione della centrale stessa. Al sistema di controllo di centrale sono connessi quelli di controllo di ciascuna unità di compressione, installata all interno di cabinati insonorizzati per assicurarne la protezione dagli agenti atmosferici e ridurre il rumore. Sono previsti inoltre i seguenti edifici principali: casa di guardia, fabbricato per uffici, sala controllo, struttura per l antincendio, cabina elettrica per generatore d emergenza ed un fabbricato dedicato alle attività di manutenzione. É prevista una rete stradale interna per collegare l accesso alla centrale con i fabbricati e le aree impianti. Vi saranno camminamenti pavimentati per accedere alle zone di manutenzione ed alle aree di manovra della Centrale. La Centrale di Compressione si estenderà su di un area di circa 190,000 m 2 (di cui 150,000 m 2 occupata dagli impianti) suddivisibili nelle seguenti aree: area impianti; area fabbricati; strade, pavimentazioni e aree verdi. 4.2 PRINCIPALI COMPONENTI DELL IMPIANTO Sistema di Compressione Il sistema di compressione sarà composto di 2 unità uguali fra di loro di cui una in marcia ed una di riserva; ciascuna di esse consisterà in un compressore centrifugo monostadio, con una Galsi S.p.A. - Milano Pag. 13

20 potenza assorbita di 20 MW, che sarà azionato da turbina a gas per una potenza disponibile di 26 MW ISO. Sulla linea di aspirazione del compressore è previsto un KO drum, che ha il compito di abbattere eventuali trascinamenti di liquidi che risultassero dannosi per il buon funzionamento del compressore. Sulla linea di mandata di ciascun compressore è previsto un aerorefrigerante, con il compito di ridurre la temperatura del gas dovuta alla compressione ad un valore accettabile per la trasmissione dello stesso nella condotta verso Piombino. Fra la mandata del compressore (dopo l aerorefrigerante) e l aspirazione (a monte del KO drum), è prevista una linea di riciclo completa di una valvola di regolazione definita antipompaggio, che permette di assicurare al compressore la minima portata accettabile per un funzionamento stabile e senza problemi meccanici. In Figura 4.1 è illustrato lo schema di flusso semplificato relativo all unità di compressione; in Appendice A è riportato l elenco delle apparecchiature principali presenti in centrale. Le caratteristiche delle turbine e dei compressori installati sono riassunte Tabella 4.1. Tabella 4.1: Caratteristiche delle Turbine e dei Compressori Caratteristiche delle Turbine Potenza Termica 72 MW t Potenza meccanica condizioni ISO 26 MW Altezza del camino 15 m Temperatura di emissione 500 C Efficienza termica % 36 Consumo di gas combustibile 1.32 kg/s Portata dei fumi di scarico (secchi, 15% di O2) 85 kg/s Caratteristiche dei Compressori Portata 742,000 kg/h Pressione di aspirazione 68.4 barg Temperatura di aspirazione 22 C Pressione di mandata Temperatura di mandata 80 C Temperatura dopo il refrigerante 50 C Potenza assorbita 20 MW Le concentrazioni di inquinanti nei fumi di emissione provenienti dai camini delle turbine sono riconducibili esclusivamente agli ossidi di azoto e al monossido di carbonio. Ciascun turbocompressore sarà dotato di un doppio sistema di lubrificazione: uno per il generatore di gas ed uno che accomuna la turbina di potenza, il moltiplicatore di giri ed il compressore. L olio verrà refrigerato mediante aerorefrigeranti Impianto di Alimentazione, Produzione e Distribuzione di Energia Elettrica Generalità La centrale sarà alimentata da una linea elettrica esterna in MT che farà capo ad un apposita cabina che conterrà un quadro MT; da quest ultimo saranno derivati due trasformatori MT/BT per il sistema di distribuzione. Galsi S.p.A. - Milano Pag. 14

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.)

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) Sistema di alimentazione: TT,TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

GNL Italia S.p.A. Sede legale: Sede operativa: Che cosa è il GNL. Un processo a più fasi. Impianto di liquefazione ricezione stoccaggio

GNL Italia S.p.A. Sede legale: Sede operativa: Che cosa è il GNL. Un processo a più fasi. Impianto di liquefazione ricezione stoccaggio Il valore del GNL Che cosa è il GNL. Il gas naturale è una miscela costituita prevalentemente da metano e da idrocarburi superiori, azoto e anidride carbonica in percentuali variabili a seconda della provenienza.

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

DECRETO 22 ottobre 2007

DECRETO 22 ottobre 2007 DECRETO 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica TIPOLOGIA DI IMPIANTO Un impianto di produzione di energia elettrica da biocombustibili solidi si compone dei due seguenti principali

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa.

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa. ALLEGATO III b) LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER GLI IMPIANTI ESISTENTI DEI SETTORI INDUSTRIA E TRATTAMENTO RIFIUTI Con riferimento alla DGR 5 agosto 2004

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R.

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R. UNITA SANITARIA LOCALE PESCARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Ufficio Tutela della Salute nei Luoghi di Lavoro Via Paolini, 45 Pescara - 085 4253401/5/6/7 Penne - 085 8276319 Alanno-Popoli 085 8542995 SCHEDA

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Gianni Bettini Vicenza, 25 giugno 2005 1di 24 Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Di quali centrali termiche stiamo parlando?

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012 Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845 Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012 Salmson la leggenda Un marchio, oltre un secolo di storia 1896 : Emile SALMSON «SA» fabbrica pompe

Dettagli

PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A.

PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A. PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A. RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA IMPIANTO DI RISCALDAMENTO, VENTILAZIONE E CONDIZIONAMENTO DELL'ARIA Milano, 10 luglio

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 GUIDA GESTIONE DELL ENERGIA SOMMARIO ILLUMINAZIONE...

Dettagli

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONDUZIONE E DELLA MANUTENZIONE DEL MAXXI - MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ALLEGATO - C Generatore di acqua

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

NOTA TECNICA. I reflui liquidi potenzialmente contaminati che saranno inviati al nuovo impianto sono quelli derivanti dalle seguenti attività:

NOTA TECNICA. I reflui liquidi potenzialmente contaminati che saranno inviati al nuovo impianto sono quelli derivanti dalle seguenti attività: NOTA TECNICA L Impianto di Trattamento Effluenti Attivi (ITEA) sarà l impianto deputato a trattare tutti gli effluenti liquidi attivi prodotti dalla Centrale Nucleare di Latina e destinati ad essere scaricati

Dettagli

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE AZIENDA U.S.L. 12 Viareggio Dipartimento di Prevenzione Gruppo di Lavoro Nuovi Insediamenti Produttivi MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE (art. 19 Legge 241/90 s.m.i.) QUADRO A Il Modulo

Dettagli

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni AEROSOL BATTERICI Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni Dimensioni: dell ordine del micron (per D< 5 micron sono pericolosi

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche AREA SVILUPPO SOSTENIBILE E PIANIFICAZIONE AMBIENTALE Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche Torino, 18 OTT 2007 N. 233-1190524/2007 (numero - protocollo / anno) OGGETTO:

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE 1 EMPOLI PIANO DI RECUPERO EX VETRERIA BETTI PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE Introduzione: L area interessata dal Piano di Recupero, di proprietà della ditta IMMARTIN s.r.l., coincide con l immobile conosciuto

Dettagli

Reazioni di combustione

Reazioni di combustione Forni Vengono utilizzati nei casi sia necessario riscaldare il fluido ad una temperatura molto alta non raggiungibile con gli scambiatori di calore convenzionali. Reazioni di combustione La reazione di

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

NORME E STANDARD DI RIFERIMENTO

NORME E STANDARD DI RIFERIMENTO Pag. 1 di 15 ISTANZA DI CONCESSIONE DI STOCCAGGIO GAS NATURALE POGGIOFIORITO PROGETTO 01- CRITERI DI PROGETTAZIONE STRUTTURALE E CIVILE V00 10-06-11 Emissione Rev. Data Descrizione Redatto Controllato

Dettagli

Caldaia a condensazione IT 01. Termoidraulica. Idee da installare

Caldaia a condensazione IT 01. Termoidraulica. Idee da installare Caldaia a condensazione IT 01 Termoidraulica Idee da installare Il calore... un bene prezioso Il calore è un bene prezioso che deve essere utilizzato con la massima attenzione nel rispetto dell ambiente

Dettagli

Rinaldo Cavenati. LE POMPE ANTINCENDIO Valutazione e scelta di una pompa centrifuga per impianti ad acqua

Rinaldo Cavenati. LE POMPE ANTINCENDIO Valutazione e scelta di una pompa centrifuga per impianti ad acqua Rinaldo Cavenati LE POMPE ANTINCENDIO Valutazione e scelta di una pompa centrifuga per impianti ad acqua LE NORME EUROPEE UNI EN 12845 - Automatic sprinkler systems Design, installation and maintenance

Dettagli

SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI

SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI Criteri ecosostenibili di progettazione e realizzazione di infrastrutture idriche Arrigo Domaschio Resp. Mercato Edilizia Saint-Gobain

Dettagli

- PIANO DI SICUREZZA -

- PIANO DI SICUREZZA - IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI NON PERICOLOSI - PIANO DI SICUREZZA - (D.Lgs 152/2006 L.R. Veneto n. 3/2000 D.G.R.V. 242/2010) Redattore: Via dell Elettricità n. 3/d 30175 Marghera (VE) Tel. 041.5385307 Fax.

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

LE FORNITURE DI EMERGENZA DI GAS NATURALE MEDIANTE CARRO BOMBOLAIO E/O VEICOLO CISTERNA

LE FORNITURE DI EMERGENZA DI GAS NATURALE MEDIANTE CARRO BOMBOLAIO E/O VEICOLO CISTERNA Ente Federato all UNI 20122 Milano Via Larga, 2 www.cig.it LINEA GUIDA CIG N.17 LE FORNITURE DI EMERGENZA DI GAS NATURALE MEDIANTE CARRO BOMBOLAIO E/O VEICOLO CISTERNA (EDIZIONE: MARZO 2012) Pagina 1 di

Dettagli

Caldaie Murali. Brava DGT HE Format DGT Format Low NOx Metropolis DGT. www.sime.it

Caldaie Murali. Brava DGT HE Format DGT Format Low NOx Metropolis DGT. www.sime.it Caldaie Murali Brava DGT HE Format DGT Format Low NOx Metropolis DGT www.sime.it La piccola dalle grandi prestazioni Brava DGT HE, Format DGT e Metropolis DGT sono caldaie murali compatte, particolarmente

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART.100 D.Lgs. 81/2008 e s.m. ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI ESERCITAZIONE SOMMARIO: 3. RELAZIONE IN MERITO ALL ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI.... 3 3.1. SCELTE PROGETTUALI

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs)

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) SEPARATORE OLI E GRASSI IN CAV SEPARATORE EMULSIONI OLEOSE MONOBLOCCO 87 a b c E K vasca di

Dettagli

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO 6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO L esercizio dell attività estrattiva, svoltasi in passato nell area in oggetto, ha comportato inevitabilmente la variazione dell assetto

Dettagli

CRITERI GENERALI DI SICUREZZA E DI GESTIONE PER I SERBATOI DI STOCCAGGIO A PRESSIONE ATMOSFERICA DI PRODOTTI PERICOLOSI

CRITERI GENERALI DI SICUREZZA E DI GESTIONE PER I SERBATOI DI STOCCAGGIO A PRESSIONE ATMOSFERICA DI PRODOTTI PERICOLOSI CRITERI GENERALI DI SICUREZZA E DI GESTIONE PER I SERBATOI DI STOCCAGGIO A PRESSIONE ATMOSFERICA DI PRODOTTI PERICOLOSI Premessa Il presente documento raccoglie i risultati dell attività svolta da un gruppo

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI INCONTRO TECNICO CON LE IMPRESE Venerdì 20 Aprile 2012, ore 17:00 Piano Primo Autorizzazione allo scarico nelle Reti Fognarie Consortili

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

Il sottoscritto. Titolare della Ditta. Legale Rappresentante della Ditta con sede legale nel Comune di località Via...n... CAP.Prov...

Il sottoscritto. Titolare della Ditta. Legale Rappresentante della Ditta con sede legale nel Comune di località Via...n... CAP.Prov... A.O.O. Provincia di Roma Servizi di Tutela Ambientale Anno Classificazione Fascicolo.. N.. DATA. Modello I-5bis (Provincia Modello_E-bis Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di Civitavecchia

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 1 Meteo BOX Guida al capitolato Meteo MIX C.S.I.

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2 INDICE 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2 2. Azioni di manutenzione pag. 2 2.1 Azioni di manutenzione preventiva pag. 3 2.1.1 Ingrassaggio e lubrificazione organi in movimento pag. 3 2.1.2 Manutenzione

Dettagli

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L.

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale ambiente e lavori pubblici Servizio tutela da inquinamento atmosferico, acustico e ambientale Via Giulia, 75 34126 TRIESTE (TS) FRIULANA COSTRUZIONI

Dettagli

CONDIZIONI DA RISPETTARE. relative alla Determinazione n. del

CONDIZIONI DA RISPETTARE. relative alla Determinazione n. del CONDIZIONI DA RISPETTARE relative alla Determinazione n. del Gestore: TRASH s.r.l. P.IVA e C.F.: 05818421009 Sede Legale: Via Licenza n.9 00156 Roma (RM) Sede Operativa : Via Casale Cavallari n.45 00156

Dettagli

Hoval UltraGas Caldaia a condensazione ad elevato contenuto d acqua da 15 a 1440 kw.

Hoval UltraGas Caldaia a condensazione ad elevato contenuto d acqua da 15 a 1440 kw. Hoval UltraGas Caldaia a condensazione ad elevato contenuto d acqua da 15 a 1440 kw. Gennaio, temperatura a -7 C. Il freddo intenso taglia la faccia, irrigidisce le dita. Respirate con fatica, ma vi sentite

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a servizio delle attività svolte all interno dell edificio

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione viene definita come combinazione di tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali, durante il ciclo di vita di un'entità, volte

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE 1 PIANO DI MANUTENZIONE rete fognaria Il presente Piano di Manutenzione della rete fognaria è stato redatto ai sensi dell art. 16, comma 5 (Attività di Progettazione) della Legge 109/94 e successive modifiche

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ALLEGATO C.6. Nuova relazione tecnica dei processi produttivi dell impianto da autorizzare

REGIONE DEL VENETO ALLEGATO C.6. Nuova relazione tecnica dei processi produttivi dell impianto da autorizzare PROVINCIA DI VENEZIA REGIONE DEL VENETO COMUNE DI VENEZIA ATTIVITÀ IPPC 6.4 b) Trattamento e trasformazione destinati alla fabbricazione di prodotti alimentari a partire da materie prime vegetali con una

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RESTAURO PIANO SEMINTERRATO DELL ANNESSO E COMPLETAMENTO VILLA ANKURI IN MASSA E COZZILE INSTALLAZIONE REFRIGERATORE DI LIQUIDO PER CLIMATIZZAZIONE 6000,866 della sicurezza oltaa Volta RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/90 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/98 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Programma di sperimentazione

Programma di sperimentazione Programma di sperimentazione 1 GENERALITÀ Dopo avere valutato quanto indicato nel Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 22/10/97 con riferimento alla Guida ai programmi di sperimentazione allegata

Dettagli

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione Aria Per molte aziende una fornitura affidabile di aria

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

9 SICUREZZA INDUSTRIALE

9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9.1 Gestione dell impianto La Sedamyl si è dotata di un sistema di gestione della sicurezza, ai sensi del D.L. 81/2008 conforme alla normativa OMSAS(18001). Insieme al sistema di

Dettagli

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di,

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di, FAC-SIMILE DOMANDA COLLAUDO marca da bollo Spett.le COMUNE DI VERZUOLO Area di Vigilanza Ufficio Commercio Attività Produttive Tramite Sportello Unico per le Attività Produttive Associato Piazza G.Marconi

Dettagli

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 29 - Marcatura Prodotti per sistema camino - Canne Fumarie metalliche La norma definisce i requisiti di prestazione per i condotti rigidi e flessibili, canali da fumo e raccordi

Dettagli

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento Lamberti SpA di Zanica è uno degli insediamenti più importanti del Gruppo Lamberti grazie agli impianti e alle tecnologie

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO RELAZIONE DESCRITTIVA FORMAZIONE DI DEPOSITO GPL

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO RELAZIONE DESCRITTIVA FORMAZIONE DI DEPOSITO GPL COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO RELAZIONE DESCRITTIVA FORMAZIONE DI DEPOSITO GPL COMMITTENTE: ENERGYGAS COMBUSTIBILI SRL 1 PREMESSA La ditta Energy gas combustibili s.r.l. con sede in via

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE COD. 11131104-11131106 INDICE NORME GENERALI DI SICUREZZA 3 SPECIFICHE 4 PROCEDURA STANDARD PER IL RECUPERO DI FLUIDI/VAPORI 4 PROCEDURA DI SCARICO AUTOMATICO

Dettagli

ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010

ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 METANO LIQUIDO: DALL OTTENIMENTO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL APPROVVIGIONAMENTO DEL PRODOTTO ---- Problematiche e procedure per l approvazione, costruzione e il rifornimento

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli