GESTIONE IMMOBILIARE FONDAZIONE ENASARCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE IMMOBILIARE FONDAZIONE ENASARCO"

Transcript

1 GESTIONE IMMOBILIARE FONDAZIONE ENASARCO PALAZZO PERSEO CENTRO DIREZIONALE COLLEONI Piano di emergenza ed evacuazione ai sensi del D.M. 10 marzo 1998 DICEMBRE 2002 Arcotecnica Real Estate Srl - Divisione Sicurezza Via M. Gonzaga, Milano Tel Fax

2 1 Web site: www. gruppogestioniarcotecnica.com GRUPPO GESTIONI ARCOTECNICA MQ//Colleoni/Piano Evacuazione Perseo.doc

3 2 0. PREMESSA 1. INTRODUZIONE - FINALITA PREVENZIONE INCENDI 1.1 Introduzione 1.2 Finalità Definizioni Responsabilità Destinatari 1.3 Prevenzione incendi Rischio incendio Valutazione del rischio incendio Definizioni 2. DESCRIZIONE DEL IMMOBILE 2.1 Descrizione generale 2.2 Strutture portanti 2.3 Scale e ascensori 2.4 Impianti tecnologici 2.5 Accessibilità ai mezzi VV.F. 3. DESCRIZIONE DISPOSITIVI, SISTEMI E ATTREZZATURE DI SICUREZZA 3.1 Scopo 3.2 Impianti, sistemi, attrezzature, dispositivi e mezzi finalizzati alla gestione dell emergenza 3.3 Impianti ed attrezzature antincendio Rete idranti Estintori 3.4 Dispositivi con rilevanza ai fini delle emergenze Interruttore di blocco dell alimentazione cabina elettrica Interruttore di blocco impianto di riscaldamento Illuminazione di emergenza Ascensori e montacarichi Impianto allarme incendio 4. SEGNALETICA DI SICUREZZA E CARTELLONISTICA 5. PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE 5.0 Organizzazione Categorie di personale coinvolte nella gestione dell emergenza 5.1 Figure istituite e compiti Compiti 5.2 Controlli da eseguirsi ai fini della sicurezza. 5.3 Informazioni Generali 5.4 Procedure in emergenza ALLEGATI A.1 NOMINATIVI E NUMERI TELEFONICI IMMOBILE ED AZIENDE MANUTENTRICI ED APPALTATRICI I SERVIZI A.2 NUMERI TELEFONICI DI EMERGENZA A.3 ISTRUZIONI PER L ABBANDONO DELLO STABILE A.4 DIAGRAMMI FASI GESTIONE EMERGENZE A.5 PLANIMETRIE DI EVACUAZIONE A.6 SCHEDE AFFOLLAMENTO IPOTIZZABILE A.7 SCHEDE VALUTAZIONE RISCHIO INCENDIO A.8 VERBALI DI COORDINAMENTO DELLE EMERGENZESCHEDE VALUTAZIONE RISCHIO INCENDIO

4 3 0. PREMESSA Il presente piano di Emergenza ed Evacuazione ed evacuazione fornisce le indicazioni richieste dall Art.13 del D.Lgs. 626/94 e dal D.M. 10/03/1998 in merito alla sicurezza antincendio e per la gestione delle emergenze. Scopo del presente documento è di fornire ai soggetti operanti nell immobile dettagliate informazioni sui rischi specifici dell ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate. Le norme principali prese a riferimento sono: D.P.R. 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro D.P.R. 303/56 Norme generali per l igiene del lavoro D.P.R. 689/59 Determinazione delle aziende e lavorazioni soggette, ai fini della prevenzione incendi, al controllo del comando dei Vigili del fuoco D.P.R. 1124/65 Testo unico delle disposizioni per l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali D.M.I. 16/2/82 Modificazioni del Decreto Ministeriale 27 settembre 1965, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi L. 46/90 Norme per la sicurezza degli impianti D.P.R. 447/91 Regolamento di attuazione della legge 5 marzo 1990 n 46, in materia di sicurezza degli impianti D. Lgs. 277/91 Attuazione della direttiva n 80/1107/CEE, n 82/605/CEE, n 83/477/CEE, n 86/188/CEE e n 88/642/CEE, in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da esposizioni ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro, a norma dell art. 7 della legge 30 luglio 1990, n 212 D. Lgs. 626/94 Attuazione delle direttive n 89/391/CEE, n 89/654/CEE, n 89/655/CEE, n 89/656/CEE, n 90/269/CEE, n 90/270/CEE, n 90/394/CEE e n 90/679/CEE riguardanti il miglioramento della salute e sicurezza sul lavoro D. Lgs. 242/96 Modifiche ed integrazioni al Decreto Legislativo 19 settembre 1994 n 626, recante attuazione di direttive comunitarie riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro

5 4 D. Lgs 493/96 Attuazione della direttiva 92/58/CEE concernente le prescrizioni minime per la segnaletica di sicurezza e di salute sul luogo di lavoro D.P.R. 459/96 Regolamento per l immissione e l utilizzo di macchine e componenti di sicurezza sul territorio dell Unione Europea D.M. 10/03/1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

6 5 1. INTRODUZIONE - FINALITA PREVENZIONE INCENDI 1.1 Introduzione Il presente Piano di Emergenza ed Evacuazione è stato redatto per il Palazzo Perseo - Centro Direzionale Colleoni Agrate Brianza di proprietà di Gestione Immobiliare Fondazione Enasarco destinato ad uffici dove esiste la presenza di persone. 1.2 Finalità Le situazioni critiche, che possono dar luogo a situazioni di emergenza, possono essere generalmente suddivise in: eventi legati ai rischi propri dell attività (incendi, esplosioni, ecc.); eventi legati a cause esterne (minaccia attentati presenza ordigni). Obiettivi principali e prioritari, di un Piano di Emergenza ed Evacuazione, sono pertanto quelli di: ridurre i pericoli alle persone; circoscrivere e contenere l evento (in modo da non coinvolgere impianti e/o strutture che a loro volta potrebbero, se interessati, diventare ulteriore fonte di pericolo) per limitare i danni e permettere il riutilizzo dell immobile al più presto. La predisposizione del presente Piano di Emergenza ed Evacuazione si è basata nello studio dei casi più probabili di incidente, valutando l andamento delle reali conseguenze. Successivamente, si è proceduto alla progettazione del Piano di Emergenza ed Evacuazione tenendo conto che ogni procedura e/o fase di intervento individuata rispetti i seguenti criteri generali: Precisione: la progettazione non può essere assolutamente generica ma deve definire in modo dettagliato i compiti, i ruoli, le responsabilità e la sequenza delle azioni. Chiarezza e concisione: la procedura deve essere comprensibile a tutte le persone presenti e concisa nelle informazioni che fornisce. Flessibilità: cioè adattabile, in caso di incidenti, ad eventuali discostamenti dalle situazioni previste.

7 6 E bene ricordare che è ampia la possibilità di avere discostamenti rispetto alle situazioni previste; questi, oltre a non essere facilmente o sempre individuabili, possono essere anche legati a fattori esterni (come ad esempio le condizioni meteorologiche o di viabilità). Revisione e aggiornamento Una procedura correttamente messa a punto non si presenta mai come uso strumento statico, deve invece offrire la possibilità di essere facilmente adattata alle modifiche che accompagnano la vita di un'attività. Ovviamente, in caso di modifiche sostanziali o totali, ad esempio di un area dell immobile, la procedura specifica andrà riprogettata e resa compatibile con il presente Piano di Emergenza ed Evacuazione. Concreta definizione degli strumenti per la gestione dell emergenza Le procedure devono fare riferimento in modo puntuale alle effettive potenzialità di intervento Definizioni Situazione di Emergenza Qualsiasi situazione nell ambito della quale un errore umano, un guasto ad apparecchiature od impianti, un cataclisma naturale, o altra circostanza negativa, provochino uno stato di emergenza in cui vengono a mancare, parzialmente o totalmente, le condizioni normali che consentono di fruire in sicurezza l immobile. Emergenza circoscritta Una situazione anomala che, al suo manifestarsi o nel suo evolversi, presenta aspetti tali da risultare potenzialmente pericolosi ma circoscritti in un area di modeste dimensioni all interno dell immobile. Emergenza estesa Una situazione che, al suo manifestarsi o al suo evolversi, presenti aspetti negativi che possono propagarsi anche alle zone adiacenti a quella di innesco. Inoltre prendendo come riferimento la circolare 07/08/95 n. 102/95 del Ministero del Lavoro e altre normative di riferimento si riportano qui di seguito le seguenti definizioni:

8 7 Pericolo Rischio Valutazione del rischio Luogo sicuro Proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore (es. materiali o attrezzature di lavoro, metodi e pratiche di lavoro, ecc.) avente il potenziale di causare danni. Probabilità che sia raggiunto il limite potenziale di danno nelle condizioni di impiego, ovvero di esposizione di un determinato fattore. Procedimento di valutazione della possibile entità del danno, quale conseguenza del rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori nell espletamento delle loro mansioni, derivante dal verificarsi di un pericolo sul luogo di lavoro. Spazio scoperto, ovvero compartimento antincendio separato da altri compartimenti mediante spazio coperto o filtri a prova di fumo, avente caratteristiche idonee a ricevere e contenere un predeterminato numero di persone (luogo sicuro statico), ovvero a consentire il movimento ordinato (luogo sicuro dinamico). (D.M. 30/11/83) Responsabilità E responsabilità della Proprietà verificare che: i Conduttori, le Aziende appaltatrici ed i lavoratori autonomi siano informati dell esistenza, dei contenuti del piano e delle procedure di intervento per tutte le situazioni di emergenza, nonché dei dispositivi e delle attrezzature di sicurezza; il piano sia reso operativo; si proceda periodicamente ad un suo aggiornamento. E responsabilità dei Conduttori, delle Imprese appaltatrici e i Lavoratori autonomi: Informare la Proprietà sul contenuto della valutazione dei rischi dell impresa stessa; Attenersi alle disposizioni del piano in caso di emergenza; Attenersi ai divieti e/o prescrizioni all interno dell immobile.

9 Destinatari Il presente piano di emergenza ed evacuazione è destinato sia ai Conduttori, sia alle Imprese appaltatrici o Lavoratori Autonomi che operano in esso.

10 9 1.3 Prevenzione incendi Rischio incendio Con il termine prevenzione incendi si identifica la materia che studia tutti i provvedimenti atti a prevenire, segnalare ed estinguere un incendio o quantomeno a ridurne la propagazione, inclusi quelli per la salvaguardia delle persone e la tutela dei beni. La prevenzione si articola su diversi ordini di provvedimenti: Protezione attiva esodo delle persone (possibilità che gli occupanti lascino indenni l immobile); azione di spegnimento automatico o manuale (possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza); mantenimento in efficienza di tutte le apparecchiature antincendio; mantenimento vie di fuga libere da intralci. Protezione passiva stabilità delle strutture portanti per un tempo utile ad assicurare l evacuazione e le operazioni di salvataggio; compartimentazione con strutture resistenti al fuoco; azione tagliafuoco di muri, porte ecc. Riduzione rischio incendio divieto di fumare in ambienti a rischio; tempestivo allontanamento rifiuti giornalieri; impianti elettrici realizzati in modo conforme alle normative e regolarmente verificati; impiego delle apparecchiature e degli impianti in uso ad ogni lavoratore come indicato nel mansionario di formazione.

11 Valutazione del rischio incendio La valutazione del rischio incendio é legata alla tipologia delle attività che vengono svolte all interno dell immobile in conformità a quanto predisposto dal D.M. 10 marzo Le attività a rischio incendio sono elencate nel D.M. 16/2/82 e sono soggette a particolari procedure di autorizzazione e controllo da parte dei Vigili del Fuoco. La Proprietà ha provveduto e provvede, in caso di modifiche sostanziali, ad adottare misure di prevenzione e protezione al fine di contenere al massimo i rischi di incidente. L analisi della situazione di prevenzione incendi dell immobile è la seguente: DOCUMENTAZIONE NON PERVENUTA

12 Definizioni Classi di fuoco Gli incendi sono classificati in base alle caratteristiche del combustibile e dell estinguente necessario ovvero con la seguente denominazione: Classi di fuoco A B C D E solidi che lasciano brace (legno, carta, ecc.) liquidi infiammabili e solidi liquefacibili (alcool, benzina, cera, ecc.) gas in genere metalli leggeri e sostanze spontaneamente infiammabili (sodio, nitrati, ecc.) impianti elettrici Estintori Per estintore si intende un apparecchio contenente un agente estinguente che può essere proiettato e diretto su un fuoco sotto l azione di una pressione interna. Nell immobile sono presenti estintori a polvere per classi di incendio A, B e C utilizzabili pertanto per qualunque principio di incendio. Sulla bombola di ogni estintore é raffigurato il funzionamento e le precauzione da adottare che sono qui genericamente riassunte: 1. togliere la sicura dall impugnatura (generalmente una specie di spina) 2. tenersi ad opportuna distanza (non troppo vicino, non troppo lontano) 3. azionare l estintore dirigendolo verso la base delle fiamme Vie di fuga Per via di fuga é definito un percorso senza ostacoli al deflusso che consente alle persone che occupano il locale di raggiungere un luogo sicuro privo di rischio incendio. Punto di raccolta Luogo sicuro nel quale si riuniscono gli evacuati al termine dell esodo dall immobile per consentire la verifica a mezzo appello delle persone presenti ed eventuali dispersi (vedere planimetrie allegate).

13 12 2. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE 2.1 Descrizione generale Questo Capitolo descrive l immobile oggetto del presente piano per consentire a tutte le persone presenti una perfetta conoscenza del sito, nonchè dei rischi potenziali. L immobile è situato in Via Paracelso 10/12/14 Centro Direzionale Colleoni ad Agrate Brianza. L immobile è composto inoltre da: - Piano interrato a destinazione: autorimessa per n. 76 autovetture e locali immondezzaio; - Piano seminterrato a destinazione cantine ed archivi; - Piano rialzato/ottavo a destinazione: uffici; - Piano nono/copertura piana a destinazione: vani tecnici (CDZ, locali macchine ascensori, locali estrattori, centrale termica a metano, cabina elettrica e vaso espansione). 2.2 Strutture portanti Le strutture portanti dell immobile sono costituite da: pilastri e travi in c.a.; solette in c.a. e laterocemento, murature in laterizi e pareti mobili. 2.3 Scale e ascensori L immobile è provvisto di: - n. 3 scale da piano interrato a piano terra a servizio esclusivo autorimessa - n. 3 scale da piano seminterrato a piano terra a servizio esclusivo cantine - n. 3 scale (1,2,3) da piano rialzato al piano nono; - n. 2 ascensori per ogni scala. - n. 1 montacarichi per ogni scala. E presente inoltre su ogni ascensore un impianto citofonico e di allarme centralizzato con rimando in Torretta di controllo. Gli ascensori ed il montacarichi sono alimentati, in caso di black-out, dal gruppo elettrogeno del Centro sito nella Torre di controllo A7. Gli ascensori sono sottoposti ai controlli di legge da ditta specializzata e sottoposti a verifica biennale come previsto dal D.Lgs. 162/99

14 Impianti tecnologici Nell immobile sono presenti i seguenti impianti tecnologici: Nell immobile sono presenti i seguenti impianti tecnologici: Condizionamento aria; Centrale termica a gas; Centrale idrica; Cabina elettrica di trasformazione MT/BT Impianto rilevazione fumi nei locali tecnologici Impianto antincendio. 2.5 Accessibilità ai mezzi VV.F. L immobile è accessibile ai mezzi di soccorso a mezzo parcheggio. Tutti i piani possono essere raggiunti dalle autoscale dei Vigili del Fuoco.

15 14 3. DESCRIZIONE DISPOSITIVI, SISTEMI E ATTREZZATURE DI SICUREZZA 3.1 Scopo Questo Capitolo descrive tutti i dispositivi, i sistemi, gli impianti e le attrezzature di sicurezza predisposti nell immobile. 3.2 Impianti, sistemi, attrezzature, dispositivi e mezzi finalizzati alla gestione dell emergenza Sulla base della classificazione delle emergenze sono stati individuati e predisposti i relativi equipaggiamenti. Questi sono generalmente costituiti dalle attrezzature necessarie per fronteggiare l emergenza e sono periodicamente verificate a cura della proprietà per mezzo di Ditte autorizzate, per accertare lo stato di conservazione e l efficienza: le verifiche sono annotate sul registro antincendio, con data e firma della persona incaricata del compito. Il gruppo elettrogeno presente nella torretta A7 alimenta in caso di black-out i seguenti impianti: : ascensori e montacarichi scale 1-2-3, carica batterie, pompe di sollevamento, centrale idrica, autorimessa. 3.3 Impianti ed attrezzature antincendio Rete idranti La rete è costituita da: n. 1 attacco autopompa VV.F. in prossimità della scala 1; n. 6 idranti UNI 45 nell autorimessa; n. 1 idrante UNI 45 per piano per scala compresi i piani seminterrati, posizionati nei baconcini scale. Tutti gli idranti UNI 45 sono dotati di manichetta e lancia. Tutti gli idranti sono alimentati direttamente dall acquedotto pubblico.

16 15 Il nominativo dell Azienda incaricata della manutenzione è alla scheda allegata Estintori Nell immobile sono installati estintori omologati, con una capacità estinguente non inferiore a 13A-89B, così distribuiti nell Attività: n. 1 al piano copertura. Il nominativo dell Azienda incaricata della manutenzione è alla scheda allegata. 3.4 Dispositivi con rilevanza ai fini delle emergenze Opportunamente distribuite sugli impianti e nel Immobile sono presenti attrezzature e dispositivi finalizzati alla sicurezza contro la propagazione degli incendi (vedere planimetrie) Interruttore di blocco dell alimentazione cabina elettrica L interruttore, debitamente segnalato, è localizzato al piano copertura lato porta di accesso locale Interruttore di blocco impianto di riscaldamento La centrale termica, a gas metano, è localizzata al piano copertura. L impianto è costituito da n. x caldaie da xxxxkw cadauna. DOCUMENTAZIONE NON PERVENUTA L interruttore di emergenza, debitamente segnalato, è localizzato al piano lato porta di accesso locale. Il rubinetto di intercettazione metano è localizzato al piano lato porta di accesso locale caldaia. Il misuratore è localizzato a piano terra, la tubazione di adduzione corre in cavedio su facciata.

17 Illuminazione di emergenza Nelle scale e nei corridoi sono installate lampade collegate a batterie. L impianto di luce di sicurezza, che entrerà automaticamente ed immediatamente in funzione al mancare della tensione di rete, garantirà un livello di illuminazione di circa 5 lux per 45 minuti primi Ascensori e montacarichi Gli ascensori ed il montacarichi sono alimentati, in caso di black-out, dal gruppo elettrogeno del Centro sito nella Torre di controllo A7. L uso degli ascensori e montacarichi è vietato in caso di emergenza. Gli interruttori di arresto in emergenza sono localizzati a piano terra lato sbarco ascensori/montacarichi. E presente inoltre su ogni ascensore e montacarichi, un impianto citofonico e di allarme centralizzato con rimando in Torre di Controllo A7 presidiata 24h su Impianto rilevazione fumi Nei locali tecnologici (centrale termica, cabina elettrica, etc.) è installato un impianto rilevazione fumi con rimando in Torretta di controllo A Impianto allarme incendio Nell edificio è presente un impianto allarme incendio con rimando in Torre di Controllo A7. I pulsanti di attivazione sono presenti n. 1 per piano per scala compresi i piani seminterrati, posizionati negli sbarchi ascensori.

18 17 4. SEGNALETICA DI SICUREZZA E CARTELLONISTICA L applicazione di cartelli e segnali di sicurezza in moltissime situazioni e attività, ed in particolare negli ambienti di lavoro, costituisce un'efficace e talora indispensabile misura prevenzionale. I cartelli ed i segnali sono previsti obbligatoriamente da norme di legge; ed inoltre rispondono al criterio generale, esso pure sancito dalla legge, circa l obbligo di... rendere edotti i lavoratori dei rischi specifici cui sono esposti e portare a loro conoscenza le norme essenziali di prevenzione mediante affissione, negli ambienti di lavoro, di estratti delle norme... (art. 4 DPR 547/55). I principi considerati per la scelta della segnaletica di sicurezza, sono: scopo della segnaletica di sicurezza è quello di attirare in modo rapido e facilmente comprensibile l attenzione su oggetti e situazioni che possono provocare determinati pericoli; la segnaletica di sicurezza non sostituisce in alcun caso le necessarie misure di protezione; la segnaletica di sicurezza è prevista esclusivamente per quelle indicazioni che hanno rapporto con la sicurezza; l efficacia della segnaletica di sicurezza dovrà essere affiancata da un'estesa e ripetuta informazione di tutte le persone per le quali la segnaletica può risultare utile; la segnaletica deve essere conforme al D.Lgs. 493/96. Si sottolinea anche che la presenza di segnali e cartelli pertinenti, mantenuti in buone condizioni, costituisce un richiamo di tipo psicologico verso i problemi di sicurezza pertanto sarà prevista una corretta manutenzione. Nella cartellonistica e segnaletica di sicurezza sono compresi: a) cartelli contenenti segnali di pericolo, divieto, ecc.; b) cartelli contenenti istruzioni, norme, ecc.; c) contrassegni per recipienti, tubazioni, imballaggi, ecc., d) altri richiami cromatici; e) manifesti con richiami generali o particolari su temi di sicurezza. La cartellonistica e la segnaletica di sicurezza - onde ottenere gli scopi per cui sono state pensate e scelte in modo razionale, corrispondenti a realtà e necessità concrete - dovranno essere gestite secondo un programma chiaro e finalizzato, di cui la buona manutenzione e leggibilità dei cartelli e dei segnali rappresenta un aspetto importante.

19 18 Per meglio comprendere l esigenza della cartellonistica formano le seguenti definizioni (dal D.Lgs. 493/96): segnaletica di sicurezza: una segnaletica che, riferita ad un determinato oggetto o ad una determinata situazione, trasmette mediante un colore o un segnale di sicurezza un messaggio di sicurezza; colore di sicurezza: un colore al quale viene attribuito un determinato significato relativo alla sicurezza (es. rosso: divieto, Pericolo allarme, materiali ed attrezzature antincendio; verde: salvataggio, soccorso, sicurezza; azzurro: prescrizione; giallo/giallo-arancio: avvertimento); colore di contrasto: un colore che si distingue da un colore di sicurezza e trasmette così ulteriori indicazioni; segnale di sicurezza: un segnale che con la combinazione di forma geometrica, colore e simbolo trasmette un determinato messaggio di sicurezza; segnale di divieto: un segnale di sicurezza che vieta un comportamento dal quale potrebbe risultare un pericolo (forma rotonda e pittogramma nero su fondo bianco; bordo e banda rossi); segnale di avvertimento: un segnale di sicurezza che avverte di un pericolo (forma triangolare, e pittogramma nero su fondo giallo, bordo nero); segnale di prescrizione: un segnale di sicurezza che prescrive un determinato comportamento (forma rotonda e pittogramma bianco su fondo azzurro); segnale di salvataggio: un segnale di sicurezza che indica, in caso di pericolo, l uscita di sicurezza, il cammino verso un posto di pronto soccorso o l ubicazione di un dispositivo di salvataggio (forma quadrata o rettangolare e pittogramma bianco su fondo verde); segnale di informazione: un segnale di sicurezza che trasmette messaggi di sicurezza differenti da quelli dei segnali; segnale complementare: un segnale di sicurezza che viene impiegato solo in combinazione con uno dei segnali di sicurezza e che trasmette ulteriori informazioni; simbolo: un immagine che rappresenta una determinata situazione e viene impiegata in uno dei segnali di sicurezza.

20 19 Il messaggio di sicurezza che è stato scelto si realizza impiegando le seguenti caratteristiche: la forma geometrica del segnale, il colore, la simbologia e le dimensioni, tali caratteristiche soddisfano quanto riportato negli allegati I e II al D.Lgs. 493/96. Il D.Lgs. 493/96 fornisce altre precisazioni sulla configurazione dei segnali quali il colore del fondo, del simbolo e della scritta, le dimensioni, le coordinate cromatiche, ecc.. Ad esempio riguardo le dimensioni si è osservata la formula A>L 2 /2000 ove A è la superficie del segnale espressa in mq ed L la distanza in metri alla quale il segnale deve essere ancora riconoscibile; tale formula ha validità fino ad una distanza di circa 50 metri. La posizione dei segnali di sicurezza è stata prevista in modo tale che i segnali stessi si trovino nel campo interessato dall illuminazione naturale o artificiale e non risultino nascosti da materiali, arredi, ecc.. Negli ambienti scarsamente illuminati, i segnali di sicurezza, come quelli che indicano le uscite di sicurezza, sono illuminati in modo autonomo. Per quanto riguarda le aree esterne verrà predisposta un'idonea segnaletica per i mezzi di soccorso e di informazione per visitatori ed utenti. Esempio legenda cartellonistica Allarme Attacco autopompa Intercettazione gasolio Idrante Estintore Interruttore di emergenza Intercettazione metano Uscita di sicurezza Scala di emergenza Pericolo generico Punto di raccolta Pericolo impianto elettrico

21 20 5. PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE 5.0 Organizzazione Questo documento stabilisce quali siano le azioni da intraprendere, nell ambito di una situazione di emergenza, da parte delle persone presenti all interno dell immobile Categorie di personale coinvolte nella gestione dell emergenza A tutti i Lavoratori e persone presenti saranno fornite istruzioni che consentano di dare comunque il via alle procedure di intervento, di cui al presente manuale. 5.1 Figure istituite e compiti All interno dell immobile è stato istituito il Servizio di Prevenzione Incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze in attuazione del D.M. 10 marzo Il servizio è così composto: La Proprietà nella persona del suo Amministratore E il coordinatore dell attività di Pronto Intervento e di Evacuazione. E il coordinatore delle squadre di Pronto Intervento e di Evacuazione - se esistenti - o comunque delle Aziende residenti. I Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) delle attività presenti nell immobile Sono figure istituite dal D.Lgs. 626/94. I Responsabili del Servizio di Emergenza Interna alle aziende (RSEI) Sono persone - facenti parte delle Squadre di Emergenza Interna - responsabili del servizio di emergenza interno; sono persone designate dai Datori di lavoro. Le Squadre di Emergenza Interna (ove presenti)(sei) Sono le Squadre, composte da personale dipendente, addette alla gestione delle emergenze ed in possesso di requisiti e degli attestati rilasciati dai Vigili del Fuoco o Aziende abilitate.

22 21 La Squadra di Evacuazione (o le Squadre di Evacuazione)(SE) Sono le squadre delle varie aziende incaricate di fornire, in collaborazione con le squadre di emergenza, le indicazioni ai dipendenti ed al pubblico circa i percorsi da seguire e le Uscite di Sicurezza più vicine durante l operazione di evacuazione; rispondono ai Responsabili del Servizio di Emergenza Interno. Torretta A7 - Centro operativo e di controllo L attività di controllo e sicurezza del Comprensorio Centro Direzionale Colleoni è appaltata ad Azienda esterna così costituita: in fase diurna il custode della torretta A7 ed il personale dell Istituto di Vigilanza; in fase notturna per le sole aree esterne comprensoriali, il personale di turno del servizio dell Istituto di Vigilanza. Gli operatori della Torretta di Controllo e dell Istituto di Vigilanza compongono le squadre di emergenza ed assistenza all evacuazione per il Comprensorio Centro Direzionale Colleoni. N.B - I nominativi dei Responsabili sono elencati nelle schede allegate del presente documento.

23 Compiti La Proprietà nella persona del suo Amministratore e suoi delegati: controllare l avvenuta esecuzione degli interventi di manutenzione dei presidi antincendio da parte di ditte specializzate, il loro collaudo e l avvenuta trascrizione su apposito registro in osservanza dell art. 5 del DPR n. 37/98 per le parti comuni; verificare e aggiornare il Certificato di Prevenzione Incendi rilasciato dai Vigili del Fuoco per l immobile; aggiornare e comunicare i nomi dei Responsabili dei Servizi di prevenzione e protezione non appena ricevuta la comunicazione; prevedere ed istituire il coordinamento delle Squadre di Emergenza e di Evacuazione Interne; impartire le istruzioni per l intervento delle forze istituzionali esterne (es. Pronto Soccorso, Forza Pubblica ecc.) per l immobile; eseguire le prove di evacuazione parziale o totale dell edificio; verificare la cessazione dello stato di emergenza; rappresentare la proprietà nei confronti delle forze istituzionali esterne; avvisare le altre figure dell emergenza in atto; istruire e coordinare secondo l art. 7 del D.Lgs. 626/94, le Società manutentrici degli impianti. In assenza dell Amministratore e dei suoi sostituti un responsabile del Servizio di emergenza interno alle Aziende (RSPP/Datore di Lavoro dell Azienda in emergenza) subentrerà allo stesso nelle sue funzioni. Responsabili del Servizio di Emergenza Interno delle attività presenti nell immobile (RSEI) analizzare e valutare i rischi provocati dall emergenza; decidere in merito al modo di affrontarla; coordinare il lavoro svolto dalla propria/e Squadra/e presente e attiva nell emergenza; impartire le istruzioni per l intervento delle forze istituzionali esterne (es. Pronto Soccorso, Forza Pubblica ecc.) per le attività di competenza; garantire la propria disponibilità alle forze esterne di intervento;

24 23 informare La Proprietà nella persona del suo Amministratore, e la Torretta A7 Centro operativo di controllo sulla necessità di procedere all evacuazione parziale o totale dell immobile; subentrare nelle funzioni dell Amministratore in caso di assenza dello stesso e dei suoi sostituti; verificare la cessazione dello stato di emergenza per le attività di competenza; avvisare le altre figure dell emergenza in atto. Deve inoltre provvedere alle seguenti mansioni anche tramite l assistenza di soggetti terzi: verificare e aggiornare il Certificato di Prevenzione Incendi rilasciato dai Vigili del Fuoco per le attività soggette; controllare l avvenuta esecuzione degli interventi di manutenzione dei presidi antincendio da parte di ditte specializzate, il loro collaudo e l avvenuta trascrizione su apposito registro in osservanza dell art. 5 del DPR n. 37/98 per le attività svolte nell immobile; provvedere alla verifica che tutto il personale della Squadra di Emergenza sia presente ed equipaggiato secondo i turni prefissati; avere cura che il personale addetto alle operazioni di sicurezza sia sempre informato circa l ubicazione e la consistenza degli impianti di spegnimento presenti nella struttura; controllare le vie di esodo e le uscite di sicurezza per evitare che vengano ingombrate con merci o simili; controllare che vengano rispettate le norme di prevenzione previste nell esercizio dei locali (non fumare e/o usare fiamme libere) e/o utilizzare materiali infiammabili o tossici; controllare e gestire i sistemi di sicurezza ed emergenza privati all interno dell unità immobiliare. Squadre di Emergenza Le squadre emergenza interne delle aziende presenti devono provvedere a mantenere in efficienza tutto il materiale antincendio mobile in dotazione per gli interventi. Torretta A7 - Centro operativo e di controllo effettua il presidio e controllo dei segnali di allarme presenti;

CONDOMINIO A/5 LA DIALETTICA PALAZZO LA DIALETTICA CENTRO DIREZIONALE COLLEONI

CONDOMINIO A/5 LA DIALETTICA PALAZZO LA DIALETTICA CENTRO DIREZIONALE COLLEONI PALAZZO LA DIALETTICA CENTRO DIREZIONALE COLLEONI Piano di emergenza ed evacuazione ai sensi del D.M. 10 marzo 1998 MARZO 2002 Arcotecnica Real Estate Srl - Divisione Sicurezza Via M. Gonzaga, 6 20123

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

COMPRENSORIO MILANOFIORI CENTRO DIREZIONALE E COMMERCIALE

COMPRENSORIO MILANOFIORI CENTRO DIREZIONALE E COMMERCIALE CENTRO DIREZIONALE E COMMERCIALE Relazione sulle misure di prevenzione incendi e piano di coordinamento delle emergenze ai sensi del D.M. 10 marzo 1998 GIUGNO 2001 Arcotecnica Real Estate Srl - Divisione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI)

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) PROCEDURE INTEGRATIVE AI PIANI DI COORDINAMENTO DEI SINGOLI PALAZZI DOCUMENTO DESTINATO ALLE AZIENDE Versione Data 2 Novembre 2012 CONTENUTO Procedure Moduli

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO Area ex MICHELIN Trento TRENTO PIANO DI EMERGENZA INTERNO Stato delle Emissioni/Revisioni Emiss./Rev. Data Commenti Autore Controllato ed emesso da Approvato da 01/00 08/07 Richiesta

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

EMERGENZA ed EVACUAZIONE

EMERGENZA ed EVACUAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. MENNELLA PROCEDURA DA ATTUARSI NEI CASI DI EMERGENZA ed EVACUAZIONE DESTINATO AGLI INCARICATI ALL EMERGENZA ED EVACUAZIONE Questo libretto deve essere Consegnato ad

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE CorsoCairoli, 10 70018 Rutigliano(BA) 080 4761018 - fax 080 4778168 Scuole dell Infanzia: Giovanni PaoloII 080 4761590; Gianni Rodari 080 4767426 http://www.scuolasettanni.it E- Mail: baee15500v @ istruzione.it

Dettagli

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? L emergenza Cos è? Una emergenza è una situazione imprevista di potenziale pericolo che si genera quando le persone, i beni, le strutture, l ambiente sono esposti (o possono essere esposti) agli effetti

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI)

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) PROCEDURE INTEGRATIVE AI PIANI DI COORDINAMENTO DEI SINGOLI PALAZZI DOCUMENTO DESTINATO ALLE AZIENDE Versione Data 1 Dicembre 2010 CONTENUTO Procedure Moduli

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo LA DECONTAMINAZIONE NBCR 30/03/2012 ing. V. Nocente- VVF 1 parleremo di: Misure di protezione contro gli incendi Vie di esodo Procedure da adottare

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

Direzione Didattica Statale C O D I G O R O (Ferrara)

Direzione Didattica Statale C O D I G O R O (Ferrara) Direzione Didattica Statale C O D I G O R O (Ferrara) Dirigente Scolastico: Tel:0533-713400. E-mail: dsprimariacodigoro@gmail.com Ufficio di Segreteria: Tel. e Fax: 0533 711177 - E-Mail : feee010006@istruzione.it

Dettagli

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SCHEDA TECNICA N 18 SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

PALAZZO ORIONE CENTRO DIREZIONALE COLLEONI

PALAZZO ORIONE CENTRO DIREZIONALE COLLEONI PALAZZO ORIONE CENTRO DIREZIONALE COLLEONI Piano di emergenza ed evacuazione ai sensi del D.M. 10 marzo 1998 ALLEGATO A.1 NOMINATIVI E NUMERI TELEFONICI IMMOBILE ED AZIENDE MANUTENTRICI ED APPALTATRICI

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

CONDOMINIO PEGASO B/3 PALAZZO PEGASO CENTRO DIREZIONALE COLLEONI

CONDOMINIO PEGASO B/3 PALAZZO PEGASO CENTRO DIREZIONALE COLLEONI PALAZZO PEGASO CENTRO DIREZIONALE COLLEONI Piano di emergenza ed evacuazione ai sensi del D.M. 10 marzo 1998 ALLEGATO A.1 NOMINATIVI E NUMERI TELEFONICI IMMOBILE ED AZIENDE MANUTENTRICI ED APPALTATRICI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE -

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - La protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti al verificarsi di un incendio.

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.lgs81/08) Plesso SCUOLA MEDIA ANDREA PALLADIO Fratta Polesine DATORE DI LAVORO- DIRIGENTE SCOLASTICO- DOTT.SSA MARIARITA

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI

VALUTAZIONE DEI RISCHI CONDOMINIO LECCO 2001 TORRE Viale Montegrappa, 20 - Lecco Amministrazione ISOLAGO GESTIMMOBILI In collaborazione con: VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento unico costituito da 15 pagine Si richiede l apposizione

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

Versione Aprile 2009 PIANO DI EMERGENZA 1-13

Versione Aprile 2009 PIANO DI EMERGENZA 1-13 PIANO DI EMERGENZA 1-13 Questo semplice manuale raccoglie, in modo organico, le informazioni già fornite al personale, relative ai comportamenti da tenere in caso di emergenza. Benché ogni situazione sia

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

.OMISSIS.. Individuazione dei potenziali pericoli ed emergenze. EstrattoPEEDirezionale.doc

.OMISSIS.. Individuazione dei potenziali pericoli ed emergenze. EstrattoPEEDirezionale.doc Veronamercato SpA Via Sommacampagna 63 d/e 37137 VERONA EstrattoPEEDirezionale.doc ESTRATTO AL PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE PIANO DI EVACUAZIONE.OMISSIS.. Individuazione dei potenziali pericoli ed

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Pagina: 1 di 12 PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA Compiti del Coordinatore dell emergenza (procedura PROC_1) Compiti dell addetto alla comunicazione (procedura PROC_2) Compiti

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione - Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione - Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione - Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? Numero 1/02 Luglio 02 Cos è un emergenza Un emergenza può essere definita come qualsiasi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

Piano delle emergenze della sala adunanze

Piano delle emergenze della sala adunanze Piano delle emergenze della sala adunanze Croce Verde Associazione di Carità via Capriglia 5 Pietrasanta 2 La sala delle adunanze, in via Capriglia 5 a Pietrasanta, viene impiegata dalla Croce Verde per

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

SEGNALETICA DI SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

SEGNALETICA DI SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO SEGNALETICA DI SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO IL D.Lgs. n 493 del 14/08/1996, IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 92/58/CEE, TRATTA LE PRESCRIZIONI MINIME PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA E/O DI SALUTE SUL LUOGO

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Via Verdi, n 53 - Trento

Facoltà di Giurisprudenza Via Verdi, n 53 - Trento Facoltà di Giurisprudenza Via Verdi, n 53 - Trento A cura di: Trento, dicembre 2007 Servizio Prevenzione e Protezione Galleria Tirrena, 10-38100 Trento INDICE INDICE... 1 1. CARATTERISTICHE DELLA FACOLTA...

Dettagli

EMERGENZA. Titoli I e V d. lgs. 81/08. Dr. Claudio MARESCA Tecnico della prevenzione

EMERGENZA. Titoli I e V d. lgs. 81/08. Dr. Claudio MARESCA Tecnico della prevenzione Titoli I e V d. lgs. 81/08 Dr. Claudio MARESCA Tecnico della prevenzione INTRODUZIONE Un evento non desiderato e non voluto costringe sempre qualcuno ad adoperarsi per: 1) evitare ulteriori danni fisici

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998)

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998) ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO P. M. ROCCA PIAZZA LIBERT À N. 1 91011 ALCA MO (TP) - C.F. 80004290815 TEL. 0924/24345 E- MAIL: TPI C81200G@IST RU ZIO NE.IT Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA STESURA DEL PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

ISTRUZIONI PER LA STESURA DEL PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE ISTRUZIONI PER LA STESURA DEL PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE Redatto a cura di: S.C. Gestione Emergenze Con il contributo di: Referente manutenzione impianti antincendio Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Lavorare in sicurezza

Lavorare in sicurezza 11 settembre 2013 Lavorare in sicurezza Con il decreto legislativo 626 del 1994 riguardante il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, l informazione e la formazione

Dettagli

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche D.Lgs.81/2008 e seguenti D.M. 26 agosto 1992 D.M. 1 0 Marzo 1998 D.P.R. 151/2011 Anno 2012 Il luogo di lavoro LA SCUOLA Il Dirigente

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA

GESTIONE DELLA SICUREZZA ASM S.p.A. AMBIENTE SERVIZI MOBILITA Via Galcianese 15, 59100 Prato SERVIZIO DI GESTIONE IMPIANTO DI SELEZIONE E TRATTAMENTO RIFIUTI URBANI, SPECIALI ASSIMILATI E SPECIALI NON PERICOLOSI AI FINI DELLA

Dettagli