MANUALE A cura di: dott.elena Bellen arch. Elena Gobbi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE A cura di: dott.elena Bellen arch. Elena Gobbi"

Transcript

1 MANUALE A cura di: dott.elena Bellen arch. Elena Gobbi 1

2 Premessa Le regole comportamentali, relative alla gestione dell'emergenza data da un evento calamitoso, sono conseguenti alla funzione assegnata al Servizio della protezione civile e dal ruolo che tale struttura assegna al singolo cittadino e alla comunità. In questo breve manuale, si fa riferimento a un Servizio in costante dialogo con la comunità in cui opera, e con essa interagisce attraverso azioni di esercitazione e di informazione/formazione in grado di formare dei cittadini consapevoli sia dei rischi presenti, o ipotetici, che delle potenziali risorse a loro disposizione per affrontare un'emergenza. La raccolta si apre con alcune indicazioni riguardanti l'assistenza alle persone con disabilità, temporanea o permanente, riconosciute come i soggetti più deboli nella gestione di una qualsiasi emergenza, a cui si devono, per altro, aggiungere anche le consuete difficoltà legate al superamento delle barriere architettoniche. Di seguito, sono state raccolte le principali indicazioni comportamentali relative alle diverse fattispecie di un evento calamitoso, di origine naturale o antropica, atte a costruire un livello minimo di consapevolezza nel singolo cittadino, e in generale nella comunità, e un'attitudine a fronteggiare le emergenze con un atteggiamento di auto-aiuto e di collaborazione. Le indicazioni raccolte, fanno riferimento alla documentazione predisposta dal Servizio nazionale della protezione civile, implementata con le informazioni, più estese, presenti nella letteratura internazionale. 2

3 Gestione degli eventi Le indicazioni, a livello internazionale, relative al servizio della protezione civile pongono soprattutto l'accento sulla necessità che i singoli cittadini, e nel suo insieme l'intera comunità, abbiano un livello di consapevolezza attiva dei rischi e delle risorse disponibili in grado di determinare comportamenti adeguati nelle tre le fasi solitamente individuate in un evento: 1. prima dell'evento: le azioni principali sono quelle della prevenzione, intesa come monitoraggio e messa in sicurezza del territorio, e dell'informazione/formazione della comunità e del singolo cittadino, in questa fase va costruita e consolidata la consapevolezza sia dei rischi che delle risorse disponibili nella gestione dell'emergenza 2. durante l'evento: alla comunità e al singolo cittadino è richiesto un comportamento responsabile che, per quanto possibile, possa ridurre l'esposizione al rischio e contenere il danno 3. dopo l'evento: la comunità e il singolo cittadino devono essere in grado di co-gestire l'emergenza con un consapevole affiancamento all'azione dei soggetti e delle strutture di pronto intervento e di protezione civile. La gestione efficace di queste tre fasi, con una possibile riduzione dell'esposizione al rischio e contenimento del danno, richiede fondamentalmente che il singolo individuo e la comunità siano in grado di tenere un comportamento di auto-soccorso e di aiuto, con una piena consapevolezza e conoscenza dei rischi e delle risorse disponibili e con la capacità di individuare, con sicurezza, i soggetti competenti alla gestione dell'emergenza. Un tale livello di consapevolezza va costruito con azioni non sporadiche, ma impostate su base permanente, azioni che comprendano oltre alle esercitazioni di comunità, svolte con regolarità nell'ottica propria dell'attività di informazione/formazione continua, anche la diffusione della conoscenza e la condivisione di alcune regole comportamentali di base. Si tratta, dunque, di una programmazione della stessa vita di comunità impostata sulla capacità di specifici comportamenti consapevoli; tutto ciò va previsto, a maggior ragione, qualora si abiti un territorio con livelli di rischio già conosciuti, sia riguardo a possibili eventi naturali, come un terremoto, o ad eventi indotti dall'attività umana, come un'alluvione o una frana causati da un errato utilizzo del suolo. Distribuzione del manuale Il manuale dovrà avere una distribuzione capillare utilizzando i tradizionali canali di diffusione; comunque, si ritiene che ancora debba essere privilegiato il formato cartaceo ritenuto di più facile consultazione per la maggioranza dei cittadini. -Sito internet del Comune 3

4 Il manuale avrà evidenza sul sito del Comune con la possibilità di scaricarne copia. -Associazioni Le associazioni presenti, a vario titolo, sul territorio comunale dovranno avere a disposizione un numero adeguato di copie da distribuire ai propri associati. -Scuole Le scuole, presenti sul territorio comunale, sono un vettore molto efficace, inoltre il manuale potrà completare, o integrare, le attività di simulazione che già obbligatoriamente vengono svolte e che sono, per lo più, dedicate alla sicurezza e alle modalità di gestione di un evento calamitoso all'interno dell'edificio scolastico. -Strutture pubbliche e private di accoglienza permanente L'informazione agli ospiti delle strutture di accoglienza per anziani e disabili, quindi i riconosciuti a priori soggetti deboli nella gestione di una emergenza, dovrà avere particolare attenzione; va detto che, trattandosi di strutture collettive pubbliche e/o private, esiste già l'obbligo di alcune attività di informazione e di formazione degli ospiti che quindi potrà essere integrata dal manuale. -Strutture pubbliche e private di ospitalità (alberghi, pensioni, etc.) La comunicazione dovrà raggiungere anche le persone di passaggio, o in soggiorno temporaneo, sul territorio comunale, il manuale dovrà essere distribuito nelle strutture di ospitalità quali alberghi, pensioni, bed&breakfast, ostelli, etc. -Agenzie immobiliari Un'analoga necessità riguarda le persone intenzionate ad abitare sul territorio comunale, pertanto, il manuale e lo stesso piano comunale completerà le dichiarazioni, previste dalla legge, sulle caratteristiche antisismiche degli edifici messi sul mercato. 4

5 R I S C H I O E D E M E R G E N Z A C O S A F A R E AdriaticGreeNet-onlus via Artico di castello, Tarcento (UD) 5

6 Indice Cosa fare 6 Glossario 7 Codici di allerta 9 Assistenza a persone con disabilità 10 Scorte di emergenza 13 EVENTI Terremoto Incendio 19 Rischio idrogeologico Frana 20 Alluvione 22 Valanga 25 Neve e gelo 26 Escursione in montagna

7 GLOSSARIO Rischio e pericolo Il rischio è rappresentato dalla possibilità che un fenomeno naturale o indotto dalle attività dell uomo possa causare effetti dannosi sulla popolazione, gli insediamenti abitativi e produttivi e le infrastrutture, all interno di una particolare area, in un determinato periodo di tempo. Il concetto di rischio è legato non solo alla capacità di calcolare la probabilità che un evento pericoloso accada, ma anche alla capacità di definire il danno provocato. Rischio e pericolo non sono la stessa cosa: il pericolo è rappresentato dall'evento calamitoso che può colpire una certa area (la causa), il rischio è rappresentato dalle sue possibili conseguenze, cioè dal danno che ci si può attendere (l effetto). Pericolosità Probabilità che in una data area si verifichi un evento dannoso di una determinata intensità entro un determinato periodo di tempo, il tempo di ritorno. La pericolosità è funzione della frequenza dell evento. In alcuni casi, ad esempio le alluvioni, è possibile stimare con un approssimazione accettabile la probabilità che si verifichi un determinato evento entro il periodo di ritorno. In altri casi, come per alcuni tipi di frane, la stima è invece più difficile. Vulnerabilità Attitudine di una determinata componente ambientale popolazione umana, edifici, servizi, infrastrutture, ecc. a sopportare gli effetti di un evento, in funzione dell intensità dello stesso. La vulnerabilità esprime il grado di perdite di un dato elemento o di una serie di elementi causato da un fenomeno di una data forza. È espressa in una scala da zero a uno, dove zero indica che non ci sono stati danni, mentre uno corrisponde alla distruzione totale. Previsione Attività diretta a determinare le cause dei fenomeni calamitosi, a individuare i rischi e a delimitare il territorio interessato dal rischio. Prevenzione Attività volte ad evitare o ridurre al minimo la possibilità che si verifichino danni conseguenti ad un evento calamitoso e comprendono gli interventi strutturali e non strutturali quali la pianificazione di emergenza, le esercitazioni di protezione civile, la formazione e l informazione alla popolazione. Programmazione Attività che comprende la fase di previsione dell evento, cioè la conoscenza tecnico-scientifica dei rischi di un territorio, e la fase della prevenzione, cioè la mitigazione dei rischi stessi. Il risultato sono i programmi di previsione e prevenzione che costituiscono il presupposto per la pianificazione d emergenza, gestita dalle amministrazioni competenti per territorio. Piano comunale di protezione civile Piano di emergenza redatto dai comuni per gestire adeguatamente un emergenza ipotizzata nel proprio territorio, sulla base degli indirizzi regionali, come indicato dal DLgs. 112/1998. Tiene conto dei vari scenari di rischio considerati nei programmi di previsione e prevenzione stabiliti dai programmi e piani regionali. Il Piano comunale individua: -aree di accoglienza o di ricovero della popolazione Sono luoghi, individuati in aree sicure rispetto alle diverse tipologie di rischio e poste nelle vicinanze di risorse idriche, elettriche e fognarie, in cui vengono installati i primi insediamenti abitativi per alloggiare la popolazione colpita. Dovranno essere facilmente raggiungibili anche da mezzi di grandi 7

8 dimensioni per consentirne l allestimento e la gestione. Rientrano nella definizione di aree di accoglienza o di ricovero anche le strutture ricettive (hotel, residence, camping, etc.). -aree di ammassamento soccorritori e risorse Luoghi, in zone sicure rispetto alle diverse tipologie di rischio, dove dovranno trovare sistemazione idonea i soccorritori e le risorse necessarie a garantire un razionale intervento nelle zone di emergenza. Tali aree dovranno essere facilmente raggiungibili attraverso percorsi sicuri, anche con mezzi di grandi dimensioni, e ubicate nelle vicinanze di risorse idriche, elettriche ed con possibilità di smaltimento delle acque reflue. Il periodo di permanenza in emergenza di tali aree è compreso tra poche settimane e qualche mese. -aree di attesa della popolazione Sono i luoghi di prima accoglienza per la popolazione; possono essere utilizzate piazze, slarghi, parcheggi, spazi pubblici o privati non soggetti a rischio (frane, alluvioni, crollo di strutture attigue, etc.), raggiungibili attraverso un percorso sicuro. Il numero delle aree da scegliere è funzione della capacità ricettiva degli spazi disponibili e del numero degli abitanti. In tali aree la popolazione riceve le prime informazioni sull'evento e i primi generi di conforto. Le Aree di Attesa della popolazione saranno utilizzate per un periodo di tempo compreso tra poche ore e qualche giorno. -aree di emergenza Aree destinate, in caso di emergenza, ad uso di protezione civile. Esse devono essere preventivamente individuate nella pianificazione di emergenza e possono essere di tre tipi: - aree di ammassamento soccorritori e risorse - aree di attesa della popolazione - aree di accoglienza o di ricovero della popolazione Stato di emergenza Al verificarsi di eventi di tipo c (art. 2, L.225/92), eventi cioè che per intensità ed estensione devono essere fronteggiati con mezzi e poteri straordinari, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente del Consiglio, delibera lo stato di emergenza, determinandone durata ed estensione territoriale. Pianificazione/ piano d emergenza Elaborazione coordinata delle procedure operative d intervento da attuarsi nel caso si preannunci e/o verifichi l evento atteso contemplato in un apposito scenario di riferimento. Sistema di comando e controllo Organizzazione delle attività di emergenza in un sistema unitario e coordinato di gestione degli interventi, volto ad assicurare il raccordo tra i centri operativi attivati sul territorio e con la finalità prima di assicurare soccorsi tempestivi e assistenza adeguata alla popolazione. Esercitazione di protezione civile Attività addestrativa delle Componenti e Strutture Operative del Servizio Nazionale della Protezione Civile, che, dato uno scenario simulato, verificano le proprie procedure di allertamento, di attivazione e di intervento nell ambito del sistema di coordinamento e gestione dell emergenza. Le esercitazioni possono essere di livello internazionale, nazionale, regionale o locali e possono prevedere il coinvolgimento attivo della popolazione. (fonte: Servizio nazionale di Protezione Civile) 8

9 CODICI DI ALLERTA Nella gestione di un evento, a partire dalla fase che lo precede, è particolarmente importante la chiarezza della comunicazione e, soprattutto, che ogni singolo cittadino abbia sufficienti informazioni per una comprensione di ciò che sta accadendo evitando falsi allarmismi o pericolose sottovalutazioni. Livelli di allerta Nel caso di un evento atteso o in corso, i livelli definiscono una scala di allertamento del servizio nazionale della protezione civile che dispone l'attivazione della fase di prevenzione del rischio, e/o delle diverse fasi della gestione dell emergenza. La relazione tra i livelli di criticità valutati dal Centro Funzionale e i diversi livelli di allerta è stabilita, univocamente ed autonomamente, dalle Regioni, ed è adottata in apposite procedure. La dichiarazione e l'adozione dei livelli di allertamento del sistema di protezione civile sono sempre e comunque nella responsabilità delle strutture locali competenti (comune, provincia e regione) come definite dall art. 108 del D.lgs.112/98. STATO DI ALLERTA 1 - CODICE VERDE o assenza di colore Normalità Considerati i fattori monitorati dalla Protezione civile non c'è evidenza di un possibile evento calamitoso sul territorio regionale. STATO DI ALLERTA 2 - CODICE GIALLO Pre-allerta E' possibile che un evento calamitoso si verifichi sul territorio regionale, le cui conseguenze potrebbero ripercuotersi sull'incolumità della popolazione, ma la probabilità che ciò si verifichi è ancora condizionata da più fattori in evoluzione che sono costantemente monitorati. STATO DI ALLERTA 3 - CODICE ARANCIONE - Allerta Considerati i fattori monitorati dalla Protezione civile, è atteso sul territorio regionale (o su una parte di esso) un evento calamitoso, immediato od ipotizzabile, che potrebbe ripercuotersi sull'incolumità della popolazione e/o sul territorio. La Protezione civile è attiva sul territorio con azioni di prevenzione. STATO DI ALLERTA 4 - CODICE ROSSO - Emergenza Un evento calamitoso, con possibili conseguenze per la pubblica incolumità e per il territorio, è in fase di sviluppo sul territorio regionale (o su una parte di esso) ed è costantemente monitorato dalla Protezione civile che opera sul territorio con azioni di tutela della popolazione e riduzione del rischio. STATO DI ALLERTA 5 - CODICE NERO Calamità Un evento calamitoso, di gravità eccezionale per la pubblica incolumità e per il territorio, ha colpito il territorio regionale (o una parte di esso ) ed è costantemente monitorato dalla Protezione civile che opera sul territorio con azioni di tutela della popolazione e riduzione dell'esposizione al rischio. 9

10 ASSISTENZA A PERSONE CON DISABILITA' Le persone con disabilità, permanenti o temporanee, sono i soggetti più deboli durante il verificarsi di un qualsiasi evento calamitoso e nella successiva fase di gestione dell'emergenza; inoltre, prestare loro assistenza richiede alcuni accorgimenti particolari. I suggerimenti per l'assistenza delle persone disabili devono interessare tutti, indipendentemente dal fatto che nel proprio nucleo familiare ci siano o meno persone con disabilità; infatti, in un'emergenza può capitare di soccorrere non solo i propri familiari, ma anche amici, colleghi di lavoro, conoscenti, vicini di casa, compagni di scuola, o persone che hanno bisogno di aiuto incontrate per caso. RICORDARE Una qualsiasi disabilità può essere temporanea e, quindi, è una condizione che interessa tutti, pertanto è importante che ogni persona abbia una sufficiente conoscenza di alcune nozioni di base per prestare consapevolmente un primo soccorso. PRIMA DELL'EVENTO esaminare i piani di emergenza (comunali, scolastici, luogo di lavoro) prestando attenzione agli aspetti che possono avere particolare importanza per il soccorso alle persone disabili, ciò eviterà incertezze nel gestire la situazione nel caso le informazioni non siano sufficienti, per una maggiore tranquillità, chiedere informazioni al Gruppo comunale di protezione civile verificare la presenza di barriere architettoniche presenti nella zona in cui si abita (ad esempio: scale, gradini, strettoie, barriere percettive) o comunque di tutte le strutture che possono essere di ostacolo per un'eventuale evacuazione rapida e sicura favorire la collaborazione attiva e ogni manifestazione di autonomia della persona disabile, nei limiti delle sue possibilità, coinvolgendola e informandola su tutti i particolari relativi a una eventuale emergenza: l'acquisizione di una maggiore fiducia nelle possibilità di superare la situazione permetterà di evitare perdite di tempo e azioni inutili provvedere ad installare segnali di allarme (acustici, ottici, meccanici, tattili ecc.) che possano essere compresi dalla persona disabile affinché le sia possibile reagire anche autonomamente, nei limiti delle sue capacità, all'emergenza individuare almeno una via di fuga accessibile verso un luogo sicuro DURANTE L'EVENTO favorire la collaborazione attiva della persona disabile, nei limiti delle sue possibilità, e se ciò non mette a rischio la sua vita, permettere una reazione autonoma all emergenza seguire i percorsi sicuri individuati evitando di improvvisare PER SOCCORRERE UN DISABILE MOTORIO se la persona può allontanarsi mediante l uso di una sedia a rotelle, assicurarsi che la via d'uscita 10

11 in sicurezza sia libera da eventuali barriere architettoniche o da oggetti che spostandosi possano ostruire la via di fuga in presenza di ostacoli, quali scale o gradini, aiutarla a superarli in questo modo: posizionandosi dietro la carrozzina, impugnare le maniglie della sedia inclinandola all'indietro di circa 45 e affrontare l'ostacolo, mantenendo la posizione inclinata fino a che non si raggiunge un luogo sicuro e in piano ricordare di affrontare l'ostacolo procedendo sempre all'indietro se si deve trasportare una persona non in grado di collaborare, non si devono sottoporre a trazione le sue strutture articolari perché si potrebbero provocare dei danni, ma si devono usare come punti di presa il cingolo scapolare (spalla) o il cingolo pelvico (bacino e anca) PER SOCCORRERE UN DISABILE SENSORIALE -Persona con disabilità dell'udito facilitare la lettura labiale evitando incomprensioni: quando si parla, tienere ferma la testa e posizionare il viso all'altezza degli occhi dell'interlocutore parlare distintamente, possibilmente con una corretta pronuncia, usando frasi brevi con un tono normale scrivere in stampatello nomi e parole che non si riesce a comunicare mantienere una distanza inferiore al metro e mezzo Le persone con protesi acustiche hanno ugualmente difficoltà a recepire integralmente il parlato, quindi è necessario attenersi alle stesse precauzioni. -Persona con disabilità della vista annunciare la presenza e parlare con voce distinta spiegare la reale situazione di pericolo evitare di alternare una terza persona nella conversazione descrivere anticipatamente le azioni da intraprendere guidare la persona lungo il percorso di uscita nel modo che si ritiene più idoneo, in genere appoggiata alla spalla e leggermente più dietro annunciare in anticipo la presenza di ostacoli come scale, porte, o altre situazioni di impedimento se si accompagnano più persone con le stesse difficoltà, è necessario aiutalre a tenersi per mano non abbandonare la persona una volta raggiunto un luogo fuori pericolo, ma ci si deve assicurare che abbia qualche persona vicino -Persona non vedente con cane guida non accarezzare o offrire cibo al cane senza permesso del padrone se il cane porta la guida (imbracatura) significa che sta operando: se si vuole escludere il cane, deve essere rimossa la guida assicurarsi che il cane sia portato in salvo col padrone se, su richiesta del padrone, si deve badare al cane guida, questo va tenuto al guinzaglio e mai per la guida 11

12 PER SOCCORRERE UN DISABILE COGNITIVO RICORDARE CHE Una persona con disabilità di apprendimento, generalmente, può avere difficoltà nell'eseguire istruzioni complesse, o sequenze di più azioni semplici; in situazioni di pericolo può mostrare un atteggiamento di collaborazione parziale o nulla verso chi attua il soccorso. Quindi: accertarsi che abbia percepito la situazione di pericolo accompagnare la persona se dimostra di avere problemi di senso direzionale fornire istruzioni suddividendole in semplici fasi successive usare segnali semplici o simboli facilmente comprensibili cercare di interpretare le eventuali reazioni Di fronte a comportamenti aggressivi dare la precedenza alla salvaguardia dell'incolumità fisica della persona, il ricorso all'intervento coercitivo va fatto solo se questo costituisce l'unica soluzione possibile. 12

13 SCORTE DI EMERGENZA E' buona norma stivare, in un contenitore adatto, alcune provviste in grado di garantire la sopravvivenza per un tempo adeguato ad essere raggiunti dai primi soccorsi; il contenitore va posto in un luogo con un accesso sicuro, anche in caso si verifichi l'evento, e noto a tutti i componenti della famiglia. Se si tratta di alimenti deperibili meglio scegliere un luogo buio e fresco, il contenitore con l'acqua di scorta va collocato in cima evitando così che qualche oggetto pesante lo possa rompere o creare delle perdite. Il kit-tipo di sopravvivenza è così composto: cibo e acqua per almeno 72 ore torcia elettrica batterie per la radio batterie di riserva kit di primo soccorso e manuale estintore multiuso apriscatole o coltello multiuso medicine personali fotocopia dei documenti di identità copia delle chiavi di casa scarpe pesanti vestiario pesante di ricambio impermeabili leggeri o cerate carta e penna 13

14 EVENTI -TERREMOTO PRIMA DELL'EVENTO PREPARAZIONE DELLA COMUNITA' La comunità deve essere preventivamente informata in merito ad alcune evenienze conseguenti ad un terremoto, un quadro chiaro di tali conseguenze, come l'interruzione o i ritardi in alcuni servizi, riduce la possibilità di comportamenti problematici e di difficile gestione. RICORDARE CHE le richieste di intervento dei principali servizi come polizia, medici e vigili del fuoco possono avere dei ritardi la fornitura di alimentari può interrompersi le reti energetiche (luce e gas) e dell'acqua possono essere danneggiate e pertanto l'erogazione può essere interrotta le linee telefoniche possono essere danneggiate le linee di trasporto pubblico possono essere danneggiate o interrotte l'uso del telefono deve essere limitato alle sole chiamate di emergenza l'uso dell'auto deve essere limitato alle sole emergenze evitando di spostarsi per sola curiosità, lasciando libere le strade per i mezzi di soccorso le aree di attesa individuate dal piano di emergenza comunale vanno raggiunte rapidamente La preparazione della comunità inizia dalla consapevolezza di ogni singolo cittadino in merito ai rischi e alle risorse disponibili per: essere in grado di individuare e raggiungere le persone che hanno le competenze per la gestione dell'emergenza essere in grado di individuare chi può richiedere particolare assistenza dopo l'evento: disabili, persone che necessitano di cure particolari, persone anziane, madri con bambini piccoli, eventuali bambini incustoditi e persone di passaggio PREPARAZIONE DELLA FAMIGLIA E DEL SINGOLO discutere dei possibili effetti del terremoto sulla casa, sul luogo di lavoro, sulle strutture scolastiche e sulle strutture collettive della comunità a scuola o sul luogo di lavoro informarsi sull'esistenza di un piano di emergenza, memorizzare le regole di base: seguendo le istruzioni si può collaborare consapevolmente alla gestione dell emergenza tenere discussioni, e semplici esercitazioni, a casa per evitare i danni di un comportamento errato durante un terremoto; è opportuno avere una conoscenza di massima della struttura dell'edificio per poter individuare il riparo immediato più sicuro (ad esempio accanto a un muro portante o sotto una travatura) consigliato di far fare ad alcuni membri della famiglia un corso di primo soccorso 14

15 imparare e insegnare, a chi abitualmente sta in casa (bambini e anziani), come disattivare la fornitura di energia elettrica, dell'acqua e del gas, indicando dove si trovano le valvole principali mettere in evidenza nella guida telefonica di famiglia i numeri di pronto intervento e, per quanto possibile, cercare di memorizzali consigliato di avere sempre a disposizione una torcia elettrica e una radio a batterie, per sintonizzarsi sulle stazioni emittenti locali e ascoltare eventuali segnalazioni utili il proprietario di animali domestici deve considerare la loro gestione e la loro sistemazione in caso di evacuazione CONTROLLO DEI POTENZIALI RISCHI IN CASA -impianti mettere in sicurezza l'impianto di riscaldamento/aria condizionata mettere in sicurezza l'impianto e gli apparecchi per l'illuminazione -fissaggi fissare alla parete gli elementi più pesanti (scaffalature, vetrine etc.) possibilmente su muri portanti, ricordando che fissaggi flessibili possono contenere la caduta allentando la pressione sugli ancoraggi riporre gli oggetti fragili o più pesanti sui ripiani più bassi assicurarsi che i ripiani a parete, o quelli interni degli armadi, abbiano un ancoraggio efficiente -materiali infiammabili o tossici rimuovere o isolare i materiali infiammabili o tossici impedendo che durante un terremoto possano rovesciarsi o incendiarsi -elettrodomestici predisporre dei collegamenti flessibili per gli elettrodomestici alimentati a gas, ciò riduce il rischio di rottura fissare il frigorifero in modo da prevenirne il ribaltamento o lo spostamento -elementi di sicurezza per i bambini usare fermi e sistemi di fissaggio a prova di bambino per rendere sicure le ante degli armadi -finestre installare vetri di sicurezza o anti-urto per le aperture più ampie, o ricoprirle con un film/pellicola che impedisca la caduta di schegge -oggetti sospesi assicurare lampadari o ventilatori a soffitto con cavi di aggancio che possa assicurare un movimento ondeggiante fissare quadri o altro, soprattutto se ricoperti di vetro, con ganci che impediscano il rimbalzo sulla parete collocare solo oggetti morbidi (es. arazzi o altro) sopra il letto o i divani DURANTE L'EVENTO mantenere la calma, evitando di farsi prendere dal panico rimanere dove si è -all'interno di un edifico ripararsi sotto un tavolo pesante allontanarsi dalle finestre 15

16 non avvicinarsi a murature se non portanti riparare le mani e la testa -all'esterno allontanarsi dagli edifici alti, dagli alberi e dalle linee elettriche aeree -in auto fermarsi a lato della strada evitare di sostare su ponti-sovrapassi o in sottopassi evitare di sostare sotto linee elettriche aree sintonizzare l'auto-radio su una stazione emittente che fornisca informazioni relative all'emergenza rimanere in auto fino alla fine dell'evento DOPO L'EVENTO prepararsi alle scosse di assestamento indossare le scarpe non precipitarsi verso le scale e non usare l'ascensore, talvolta le scale sono la parte più debole dell'edificio e l'ascensore può bloccarsi uscire con prudenza, ci si potrebbe ferire con vetri rotti e calcinacci sospesi raggiungere uno spazio aperto il più possibile lontano da edifici o da altre strutture pericolanti -all'interno di un edificio verificare la presenza di lesioni nella stanza in cui ci si trova e, se richiesto, prestare un primo soccorso alle persone vicine verificare la presenza di incendi o di un eventuale rischio di incendio sistemare in sicurezza i bambini, le persone anziane, o con disabilità, e gli animali domestici assistere le persone ferite gravemente senza, per quanto possibile, spostarle perché si potrebbero aggravarne le condizioni CONTROLLO DEI POSSIBILI DANNI -impianti -gas non spegnere il gas a meno di non verificare l'esistenza di una perdita; la perdita va verificata con il solo olfatto mai con una fiamma non accendere le luci o qualsiasi apparecchio elettrico in presenza di perdite chiudere la valvola principale ed aprire porta e finestre -elettricità/acqua chiudere le valvole e gli interruttori principali se le linee sono danneggiate non ripristinare i collegamenti prima che la compagnia di gestione abbia fatto un controllo domestico -stato della casa controllare la stabilità della copertura del tetto (tegole) e dei camini aprire gli armadi con molta cautela pulire eventuali fuoriuscite di liquidi infiammabili o altre sostanze chimiche accendere la radio portatile (o autoradio) per i bollettini e le istruzioni relative all'emergenza rimanere fuori dell'edificio fino a quando non è messo in sicurezza 16

17 non toccare linee elettriche o apparecchiature danneggiate DURANTE L'EVACUAZIONE mettere, se possibile, sulla porta di casa un messaggio con l'indicazione di dove si sarà reperibili prendere con sé, se possibile: medicine e kit primo soccorso + torcia elettrica + radio + batterie + carte importanti (identità, banca, etc.) + soldi + cibo + bagaglio notte + vestiti extra + occhiali lasciare gli animali domestici, se non accettati nel luogo di primo ricovero, con una scorta sufficiente di acqua e cibo PERSONE CON DISABILITA' A seconda del grado di disabilità, le persone, o i loro familiari, devono avere alcune informazioni per la riduzione dell'esposizione al rischio e il contenimento del danno causati da comportamenti non consapevoli. PRIMA DELL'EVENTO individuare l'uscita più sicura tenere in evidenza un elenco delle medicine necessarie, delle eventuali allergie, del nome e del numero telefonico del medico di base, del farmacista e dei componenti della famiglia tenere una scorta dei farmaci salvavita disporre, nel caso ci sia la necessità di ausili per muoversi (ad esempio: bastone, sedia a rotelle etc.), e per quanto possibile, un extra in stanze diverse collocare in ogni stanza delle luci di emergenza per illuminare il percorso verso la via d'uscita sicura tenere un fischietto a portata di mano trovare due persone di fiducia che conoscano le necessità della persona disabile a cui consegnare una copia delle chiavi di casa e che: sappiano dove è collocato il kit per l'emergenza; siano in grado di far funzionare eventuali macchinari di sostegno; siano in grado di verificarne le condizioni in caso di emergenza prepararsi ad essere auto-sufficiente, se possibile, per almeno tre giorni CONTROLLO DEI POTENZIALI RISCHI disporre i mobili, o altri oggetti, in modo da consentire un rapido ricovero sotto un riparo (ad esempio un tavolo) in grado di dare adeguata protezione DURANTE L'EVENTO rimanere a letto o sulla sedia a rotelle resta riparandosi, per quanto possibile, testa e collo DOPO L'EVENTO prepararsi alle scosse di assestamento ascoltare alla radio le istruzioni e le notizie di aggiornamento, per la sicurezza è importante collaborare pienamente con le autorità pubbliche e seguire le loro istruzioni DURANTE L'EVACUAZIONE 17

18 mettere, se possibile, sulla porta di casa un messaggio con l'indicazione di dove si sarà reperibili ANIMALI DOMESTICI Nei preparativi per affrontare un'emergenza non vanno dimenticati gli animali domestici, essi dipendono dal loro proprietario e dopo un evento calamitoso necessitano delle sue cure. PRIMA DELL'EVENTO stoccare una scorta di cibo e acqua per 72 ore, o meglio per una settimana preparare un kit di evacuazione comprendente un piatto infrangibile, i documenti del veterinario e di identificazione, un guinzaglio e dei medicamenti assicurarsi che nulla possa cadere sull'animale organizzare un ricovero da un tuo vicino nel caso non si fosse in grado di rientrare nella propria abitazione DURANTE L'EVENTO gli animali hanno un forte istinto di autoconservazione, quindi sanno dove trovare riparo, possono allontanarsi per fare ritorno quando la situazione è rientrata nella normalità DOPO L'EVENTO ricoverare l'animale normalmente fuori casa, dopo l'evento e se possibile, in casa fino a quando si è calmato DURANTE L'EVACUAZIONE assicurare una adeguata scorta di cibo e acqua nel caso sia necessario abbandonare l'abitazione 18

19 INCENDIO Incendio boschivo PRIMA DELL'EVENTO non gettare mozziconi di sigaretta o fiammiferi ancora accesi, possono incendiare l'erba secca non accendere fuochi nel bosco: usa solo le aree attrezzate non abbandonare mai il fuoco e prima di andare via accertati che sia completamente spento accertarsi, al momento del parcheggio dell'auto, che la marmitta non sia a contatto con l'erba secca perché potrebbe incendiarla non abbandonare rifiuti nei boschi o in discariche abusive: possono diventare un combustibile molto pericoloso non bruciare, senza le dovute misure di sicurezza, le stoppie, la paglia o altri residui agricoli: in pochi istanti potrebbe sfuggire il controllo del fuoco DURANTE L'EVENTO cercare una via di fuga sicura: possibilmente una strada o un corso d'acqua non fermarsi in luoghi verso i quali soffia il vento: si potrebbe chiudere ogni via di fuga stendersi a terra in un luogo non ricoperto da vegetazione incendiabile: il fumo tende a salire e in questo modo si evita di respirarlo attraversare il fuoco, se non ci sono altre scelte, dove è meno intenso per passare dalla parte già bruciata, così ci si porta in un luogo più sicuro RICORDARE CHE l'incendio non è uno spettacolo: non sostare lungo le strade evitare di intralciare i soccorsi e le comunicazioni necessarie per gestire l emergenza dare l'allarme telefonando al 1515 al primo avvistamento di fiamme o anche solo di fumo e fornire le indicazioni necessarie per localizzare l'incendio: non pensare che altri l'abbiano già fatto 19

20 RISCHIO IDROGEOLOGICO 1.FRANA PRIMA DELL'EVENTO PREPARAZIONE DELLA COMUNITA' La comunità deve essere preventivamente informata in merito ad alcune evenienze conseguenti ad una frana, un quadro chiaro di tali conseguenze riduce la possibilità di comportamenti problematici e di difficile gestione. RICORDARE CHE in caso di frana non esistono case o muri che possano arrestarla e dare un rifugio, solo un luogo più elevato può dare sicurezza evitare di transitare nei pressi di aree già riconosciute a rischio e che hanno già verificato dei movimenti del terreno, in particolar modo durante temporali o piogge violente, spesso le frane, o le colate di fango, si muovono rapidamente le frane possono causare danni alle reti energetiche (luce e gas) e l interruzione di strade e ferrovie, tali eventualità vanno prontamente segnalate alle autorità competenti dopo l'evento ci possono essere dei ritardi nelle richieste di intervento dei principali servizi come polizia, medici e vigili del fuoco la fornitura di alimentari può interrompersi le reti energetiche (luce e gas) e acqua possono essere danneggiate e pertanto l'erogazione può essere interrotta le linee telefoniche possono essere danneggiate le linee di trasporto pubblico possono essere danneggiate o interrotte La preparazione della comunità inizia dalla consapevolezza dei rischi e delle risorse disponibili, ogni cittadino dovrebbe avere sufficienti informazioni per: essere in grado di individuare e raggiungere le persone che hanno le competenze per la gestione dell'emergenza essere in grado di individuare chi può richiedere particolare assistenza dopo l'evento: disabili, persone che necessitano di cure particolari, persone anziane, madri con bambini piccoli, eventuali bambini incustoditi e persone di passaggio PREPARAZIONE DELLA FAMIGLIA E DEL SINGOLO essere, per quanto possibile, costantemente informati attraverso la radio o la televisione per apprendere dell emissione di eventuali avvisi di condizioni meteorologiche avverse allontanarsi, se ci si trova all'aperto in condizioni atmosferiche avverse, dai corsi d acqua o dai letti di fiumi e torrenti, anche se in secca, dove vi può essere la possibilità di improvvise rapide di acqua o colate di fango CONTROLLO DEI POTENZIALI RISCHI contattare gli uffici comunali per sapere se nelle vicinanze della propria abitazione o lungo la strada che abitualmente si percorre per andare al lavoro o a scuola, sono presenti aree a rischio di frana osservare il terreno nelle vicinanze della propria abitazione, rispettando le elementari condizioni 20

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Progetto ideato e realizzato da

Progetto ideato e realizzato da PREFETTURA DI ENNA Progetto ideato e realizzato da CONSIGLI SULLA SICUREZZA Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Enna Comando Provinciale Vigili del Fuoco Enna Associazione Nazionale Vigili del

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Dispensa informativa sulla PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Nota: questa dispensa e stata realizzata a cura di M.Meroni e L.Castelli ed e frutto sia dell esperienza degli istruttori della Scuola

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Per il quieto vivere e la sicurezza gli automezzi vanno usati il meno possibile ed in ogni caso l'andatura deve essere a passo d'uomo.

Per il quieto vivere e la sicurezza gli automezzi vanno usati il meno possibile ed in ogni caso l'andatura deve essere a passo d'uomo. REGOLAMENTO Il presente Regolamento con il Listino Prezzi viene consegnato agli Ospiti al momento dell'arrivo ed è esposto in ufficio accettazione. L'entrata in campeggio ne costituisce piena accettazione.

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA IL SOCCORSO ALLE PERSONE

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

In intervento. Impianti fotovoltaici La paura, cattiva consigliera!

In intervento. Impianti fotovoltaici La paura, cattiva consigliera! Schweizerischer Feuerwehrverband 118 swissfire.ch 9 2011 Fédération suisse des sapeurs-pompiers In intervento Federazione svizzera dei pompieri Federaziun svizra dals pumpiers 95 Foto: Heizplan AG, www.heizplan.ch;

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Sicurezza realizzabile. Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Nella vostra azienda è garantita la sicurezza delle persone tenute a lavorare da sole? Per persona «tenuta a lavorare da sola»

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli