CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1

2 APPALTO DI PROGETTAZIONE ESECUTIVA ED ESECUZIONE DEI LAVORI SULLA BASE DEL PROGETTO DEFINITIVO A BASE DI GARA REGIONE LOMBARDIA FINANZIAMENTO DGR IX/3385 FONDAZIONE IRCCS - ISTITUTO NEUROLOGICO CARLO BESTA MILANO VIA CELORIA 11 LAVORI DI ADEGUAMENTO SICUREZZA ED UMANIZZAZIONE DELLE DEGENZE CUP: CIG: CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PARTE PRIMA Definizione tecnica ed economica dell appalto (articolo 53, comma 2, lettera b), comma 3 e comma 4, del decreto legislativo n. 163 del 2006) (articoli 43, commi 3 e seguenti, 138, commi 1 e 2, e 169, del d.p.r. 05 ottobre 2010, n. 207) Contratto a corpo euro a.1 Importo esecuzione lavorazioni (base d asta) ,22 a.2 Oneri per l attuazione dei piani di sicurezza ,50 b Corrispettivo per la progettazione esecutiva ,00 A Totale appalto (a.1 + a.2 + b) ,72 B Somme a disposizione dell amministrazione ,28 A + B Totale progetto ,00 Il responsabile del procedimento Il progettista del progetto definitivo 1/72

3 Sommario Titolo I Definizione economica e rapporti contrattuali...5 CAPO 1. NATURA E OGGETTO DELL APPALTO INTEGRATO...5 Art. 1. Oggetto dell appalto integrato... 5 Art. 2. Breve descrizione delle opere... 5 Art. 3. Opere comprese nell appalto... 8 Art. 4. Modalità di esecuzione dell appalto... 9 Art. 5. Ammontare dell appalto Art. 6. Modalità di aggiudicazione dell appalto Art. 7. Modalità di stipulazione del contratto Art. 8. Categorie dei lavori Art. 9. Gruppi di lavorazioni omogenee, categorie contabili CAPO 2. DISCIPLINA CONTRATTUALE...16 Art. 10. Documenti che fanno parte del contratto Art. 11. Rappresentante dell appaltatore e domicilio; direttore di cantiere Art. 12. Norme generali sui materiali, i componenti, i sistemi e l'esecuzione Art. 13. Convenzioni in materia di valuta e termini Art. 14. Progettazione esecutiva: modalità e termini Art. 15. Ritardo nella progettazione esecutiva e penale Art. 16. Consegna e inizio dei lavori Art. 17. Termini per l'ultimazione dei lavori Art. 18. Proroghe Art. 19. Sospensioni ordinate dal direttore dei lavori Art. 20. Penali in caso di ritardo nei lavori Art. 21. Programma esecutivo dei lavori dell'appaltatore e cronoprogramma Art. 22. Inderogabilità dei termini di progettazione ed esecuzione Art. 22.b. Lavoro notturno e festivo Art. 23. Risoluzione del contratto per mancato rispetto dei termini Art. 24. Mancata approvazione della progettazione esecutiva CAPO 4. CONTABILIZZAZIONE DEI LAVORI...28 Art. 25. Lavori a corpo Art. 26. Eventuali lavori a misura Art. 27. Eventuali lavori in economia Art. 28. Valutazione dei manufatti e dei materiali a piè d opera CAPO 5. DISCIPLINA ECONOMICA...30 Art. 29. Anticipazione Art. 30. Corrispettivo per la progettazione esecutiva Art. 31. Pagamenti in acconto dei lavori Art. 32. Pagamenti a saldo dei lavori /72

4 Art. 33. Ritardi nel pagamento delle rate di acconto dei lavori Art. 34. Ritardi nel pagamento della rata di saldo dei lavori Art. 35. Revisione prezzi e adeguamento del corrispettivo Art. 36. Anticipazione del pagamento di taluni materiali Art. 37. Cessione del contratto e cessione dei crediti CAPO 6. CAUZIONI E GARANZIE...36 Art. 38. Cauzione definitiva Art. 39. Obblighi assicurativi a carico dell impresa Art. 40. Assicurazione della progettazione esecutiva CAPO 7. DISPOSIZIONI PER L ESECUZIONE...38 Art. 41. Tecniche di project control per la verifica dell avanzamento lavori Art. 41b. Disegni costruttivi, rilievi e verifiche, elaborati as built Art. 42. Variazione dei lavori Art. 42b. Varianti per errori od omissioni progettuali Art. 43. Prezzi applicabili ai nuovi lavori e nuovi prezzi Art. 44. Adempimenti preliminari in materia di sicurezza Art. 45. Norme di sicurezza generali e sicurezza nel cantiere Art. 46. Piano di sicurezza e di coordinamento Art. 47. Modifiche e integrazioni al piano di sicurezza e di coordinamento Art. 48. Piano operativo di sicurezza Art. 49. Osservanza e attuazione dei piani di sicurezza Art. 50. Subappalto Art. 51. Responsabilità in materia di subappalto Art. 52. Pagamento dei subappaltatori CAPO 10. CONTROVERSIE, MANODOPERA, ESECUZIONE D'UFFICIO...53 Art. 53. Accordo bonario Art. 54. Definizione delle controversie Art. 55. Contratti collettivi e disposizioni sulla manodopera Art. 56. Risoluzione del contratto - Esecuzione d'ufficio dei lavori Art. 57. Ultimazione dei lavori e gratuita manutenzione Art. 58. Termini per il collaudo Art. 59. Presa in consegna dei lavori ultimati CAPO 12. NORME FINALI...58 Art. 60. Oneri e obblighi a carico dell appaltatore Art. 61. Obblighi speciali a carico dell appaltatore Art. 61b. Oneri conseguenti alla esecuzione di lavori in struttura ospedaliera funzionante Art. 62. Proprietà dei materiali di scavo e di demolizione Art. 63. Utilizzo di materiali recuperati o riciclati Art. 64. Rifiuti Art. 65. Custodia del cantiere Art. 66. Cartello di cantiere /72

5 Art. 67. Eventuale sopravvenuta inefficacia del contratto Art. 68. Tracciabilità dei pagamenti Art. 69. Spese contrattuali, imposte, tasse Art. 70. Trattamento dei dati personali Art. 71. Tracciabilità flussi finanziari ALLEGATI al Titolo I della Parte prima...67 Allegato «A» Allegato «B» ABBREVIAZIONI - Codice dei contratti (decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163); - Decreto n. 81 del 2008 (decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro); - Regolamento generale (decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n Regolamento di esecuzione ed attuazione del Codice dei contratti); - Capitolato generale d appalto (decreto ministeriale - lavori pubblici - 19 aprile 2000, n. 145); - R.U.P. (Responsabile unico del procedimento di cui all articolo 10 del Codice dei contratti e agli articoli 9 e 10 del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207); - DURC (Documento unico di regolarità contributiva): il documento attestate la regolarità contributiva previsto dall articolo 90, comma 9, lettera b), decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e dall allegato XVII, punto 1, lettera i), allo stesso decreto legislativo, nonché dall'articolo 2 del decreto-legge 25 settembre 2002, n. 210, convertito dalla legge 22 novembre 2002, n. 266, nonché dagli articoli 6 e 196 del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207; - attestazione SOA: documento che attesta la qualificazione per una o più categorie, nelle pertinenti classifiche, rilasciato da una Società Organismo di Attestazione, in applicazione degli articoli da 60 a 96 del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n «liste»: le liste delle lavorazioni e forniture previste per la esecuzione dell opera o dei lavori, di cui all articolo 119 del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n /72

6 Titolo I Definizione economica e rapporti contrattuali CAPO 1. NATURA E OGGETTO DELL APPALTO INTEGRATO Art. 1. Oggetto dell appalto integrato 1. Ai sensi dell articolo 53, comma 1, lettera b), del Codice dei contratti, l oggetto dell appalto consiste nella progettazione esecutiva e nell esecuzione dei lavori, necessari per la realizzazione dell intervento di cui al comma 2, alle condizioni di cui all art L intervento è così individuato: a) Stazione appaltante: Fondazione IRCCS Istituto Neurologico C. Besta Via Celoria 11 Milano b) Natura delle opere: L attuale struttura sanitaria ubicata in Milano, Via Celoria, risale agli anni 30 ed ha subito, nel tempo, vari interventi di ampliamento e di modifica, secondo l evoluzione delle esigenze. Gli interventi di cui sopra non hanno portato il nosocomio ad essere un organismo dotato degli standard di conformità richieste dalle strutture sanitarie. Quanto sopra, con riferimento sia alla sicurezza dell involucro degli impianti, sia per quanto riguarda le esigenze di comfort alberghiero per i pazienti. Con delibera di giunta regionale n. IX/3385 del 9 maggio 2012 è stata destinata alla Fondazione la somma di per interventi di messa in sicurezza della struttura, in attesa del trasferimento alla nuova sede Città della Salute. Nell ambito di tale finanziamento la Fondazione ha destinato la somma di , di cui ,72 per lavori a base d asta, per interventi diffusi finalizzati al miglioramento delle condizioni di sicurezza di immobili, impianti e all implementazione degli standard di accreditamento, in relazione alle esigenza di comfort di pazienti ed operatori. Gli interventi di adeguamento agli standard di sicurezza, sia edili che impiantistici, sono riferibili a tutto il nosocomio in maniera diffusa, mentre quelli relativi al miglioramento dello standard di comfort sono sostanzialmente concentrati in 3 aree di degenza precisamente individuate. c) Ubicazione: Via Celoria 11 Milano d) Anche ai fini dell articolo 3, comma 5, della legge n. 136 del 2010 e dell articolo 70, comma 4: 1) il Codice identificativo della gara (CIG) relativo all intervento è il seguente: ; 2) il Codice Unico di Progetto (CUP) dell intervento è il seguente:. Art. 2. Breve descrizione delle opere Le opere previste consistono in: 1. OPERE EDILI a) Interventi di adeguamento agli standard di sicurezza 5/72

7 Nel dicembre 2012 è stato redatto il nuovo progetto di prevenzione incendi di tutto il complesso ospedaliero, sulle indicazioni del quale sono stati previsti gli interventi di seguito riassunti: - compartimentazione verticale dei vani scala, al fine di renderli, conformemente al parere di cui sopra, REI 60 per i piani fuori terra e REI 90 nei piani interrati, ove ciò non è stato realizzato a suo tempo come emerso da un rilievo eseguito. La compartimentazione verrà effettuata mediante pannelli in cartongesso od altro materiale idoneo (calcio silicato applicato alle pareti) e posa di porte tagliafuoco con maniglione antipanico; - realizzazione di nuova scala di sicurezza sulla testata Sud del corpo A dal piano terra al piano terzo; - prolungamento della scala in corrispondenza dell Ufficio Tecnico in modo da creare una seconda uscita di sicurezza sulla testata del padiglione B ; - smontaggio e parziale sostituzione dei controsoffitti presenti nei corridoi delle aree di intervento per consentire l adeguamento degli impianti tecnologici di allarme e sicurezza, come più avanti descritto. I controsoffitti esistenti saranno sostituiti in quanto realizzati con quadrotti di fibra minerale non idonea alle nuove esigenze impiantistiche, inoltre verranno integralmente sostituiti quelli realizzati in doghe metalliche in quanto non igienicamente accettabili in reparti sanitari a causa dell impossibilità di attuare cicli di sanificazione ; - Realizzazione di compartimentazioni ove mancanti al fine di consentire un esodo orizzontale progressivo b) Interventi di miglioramento degli standard di comfort Come già precedentemente illustrato, gli interventi di miglioramento degli standard di comfort sono circoscritti ad aree specifiche, e più precisamente tre: 1. Neurologia A (primo piano, corpo A) 2. Neurologia B (secondo piano, corpo A) 3. Neurologia C (secondo piano, corpo A) In dette aree saranno eseguiti oltre agli interventi finalizzati all adeguamento normativo relativo alla sicurezza, di cui al paragrafo a): - il rifacimento dei servizi igienici esistenti ed il loro adeguamento alla normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche - l inserimento di quattro nuovi servizi igienici in corrispondenza delle degenze dei pazienti disorientati non autosufficienti, di cui due in Neurologia A e due in Neurologia B - rimozione degli impianti esistenti, ad accezione degli impianti di riscaldamento a radiatori che verrà mantenuto efficiente con piccole modifiche legate ai mutamenti distributivi - rimozione pavimenti esistenti - rimozione serramenti interni - rimozione controsoffitti - trasformazione di alcune finestre in portefinestre (una per piano) al fine di consentire l accesso alla nuova scala di sicurezza esterna - realizzazione nuovi divisori bagni in cartongesso - realizzazione nuovi pavimenti e rivestimenti in pvc - fornitura e posa di nuovi serramenti interni - fornitura e posa di nuovi controsoffitti - fornitura e posa di nuovi apparecchi sanitari e rubinetterie 6/72

8 Tra gli interventi edili che interessano le Neurologie, come già detto, sono previsti inoltre: - la realizzazione di una nuova US e di un nuovo corpo scala in carpenteria metallica all esterno del padiglione - la realizzazione di una struttura di sostegno anch essa in carpenteria metallica a sostegno della nuova UTA a servizio delle Neurologie - inserimento di nuove compartimentazioni antincendio 2. OPERE IMPIANTISTICHE a) Opere di sicurezza per il completamento delle compartimentazioni impiantistiche Da realizzare in corrispondenza degli attraversamenti orizzontali e verticali delle strutture e pareti REI mediante l installazione di serrande tagliafuoco sui canali di distribuzione dell aria condizionata tra la centrale di condizionamento e la radioterapia e tra il sottotetto e le degenze e gli studi uffici della terapia intensiva, e l inserimento di collari espandenti lungo le tubazioni e sacchetti intumescenti all interno delle canale elettriche per la compartimentazione delle dorsali impiantistiche che transitano all interno delle controsoffittature e/o per il passaggio verticale dei solai. b) Impianto di rilevazione ed allarme incendi esteso a tutte le aree oggetto di intervento. costituito da un nuovo sistema di rilevazione incendi, distribuito mediante conduttori resistenti all incendio e dotato di una centrale ad indirizzamento predisposta per essere a servizio di tutto l ospedale, interfacciata con un nuovo impianto di diffusione degli allarmi tramite altoparlanti secondo le disposizioni del DM 18/09/2002 e con l esistente impianto di supervisione generale. c) Illuminazione di sicurezza ottenuta mediante un impianto centralizzato con origine da quadro per ciascun edificio principale, dotati di inverter e batterie a bordo con autonomia di 120 minuti, tramite i quali alimentare apparecchi di illuminazione distribuiti lungo i percorsi di esodo (5 lux) e all interno degli ambienti di lavoro e di degenza garantendo nei locali in classe 1 una lampada per ogni ambiente e nei locali in classe 2 almeno il 50% dell illuminazione, con un tempo di intervento classe 15. Nei corridoi e nelle sale di degenza saranno utilizzato nuovi apparecchi di illuminazione a LED, mentre all interno degli ambienti di gruppo 2 verranno alimentati il 50% degli apparecchi esistenti tramite appositi dispositivi. Tramite questo sistema sarà possibile attivare la supervisione centralizzata ed il controllo dei principali parametri di funzionamento dell impianto: condizione di carica e di efficienza delle batterie, stato di funzionamento dei corpi illuminanti, integrità della rete di alimentazione. d) Rete idrica antincendio. Verrà realizzata una nuova centrale di pressurizzazione dotato di elettropompa e motopompa per una portata pari a 43,2 mc/h, con serbatoio di accumulo della scorta idrica da 50 mc, preassemblato in acciaio collegata al nuovo anello antincendio a cui saranno allacciate sia le colonne montanti esistenti che le nuove colonne. All interno degli edifici verrà adeguata e integrata la distribuzione degli idranti nelle posizioni previste dalla pratica antincendio. e) Impianto scariche atmosferiche. E prevista la revisione ed estensione dell esistente sistema di protezione a gabbia di Faraday presente sulle coperture dell intero complesso, ed il completamento della rete dei limitatori di sovratensione presenti all interno dei quadri elettrici di edificio secondo la norma CEI 818. f) Sostituzione quadro elettrico centrale termica. E previsto il completo rifacimento del quadro elettrico che gestisce il funzionamento di pompe, bruciatori e circolatori e dei principali collegamenti alle utenze alimentate all interno della centrale termica. 7/72

9 g) Adeguamenti di sicurezza sugli impianti elettrici a servizio dei reparti. Gli interventi sono i seguenti: Ridistribuzione della rete di alimentazione e riorganizzazione dei quadri elettrici di reparto ed edificio per rendere indipendente ciascun compartimento da quelli adiacenti e consentire lo sgancio delle alimentazioni in modo selettivo in caso di incendio. Per ciascuna area è previsto l inserimento di un pulsante sotto vetro posto in prossimità dell accesso al compartimento che, se premuto, provoca l apertura degli interruttori di alimentazione dei quadri elettrici all interno del compartimento interessato. Rifacimento integrale della distribuzione elettrica nei reparti di degenza con cavi a ridotta emissione di fumi posati nel corridoio, realizzazione di quadretti di protezione e comando e del nodo equipotenziale in ogni camera e la rialimentazione di tutte le utenze esistenti. h) Impianto gas medicinali. E previsto di dotare gli impianti esistenti a servizio dei diversi reparti di un quadro di intercettazione di tutte le linee entranti, posizionato esternamente a reparto stesso, in corrispondenza dell ingresso. i) Umanizzazione delle degenze di Neurologia A e B e C. Gli interventi previsti sono i seguenti: Inserimento di un impianto di climatizzazione estiva e di ricambio dell aria con ventilconvettori installati nel controsoffitto alimentati da una rete a due tubi a partire dalla centrale termica e frigorifera esistente. La centrale di condizionamento sarà posizionata esternamente all edificio, nel cortile lato via Ponzio sopra un soppalco appositamente predisposto e i canali dell aria saranno a vista lungo la parete esterna del fabbricato fino all ingresso al piano 1 e 2 attraverso il sovraluce di una finestra del corridoio per poi correre all interno del controsoffitto. Riqualificazione dei servizi igienici esistenti mediante la riorganizzazione degli spazi dei servizi comuni, il rifacimento delle reti di adduzione a partire dalle linee di adduzione acqua calda e fredda già presente in loco e di scarico ricollegandosi alle colonne esistenti. Rifacimento integrale degli impianti elettrici di illuminazione, forza motrice e distribuzione dei segnali con cavi a ridotta emissione di fumi. Tutti gli ambienti saranno dotati di un quadretto di comando e protezione da cui verranno derivate tutte le utenze elettriche; nuove travi testaletto con illuminazione diretta ed indiretta, prese di servizio, chiamata infermieri con sistema di comunicazione in fonia e presa dati; presa per apparecchio TV. Sostituzione della attuale UTA nella Neurochirurgia C mantenendo in essere l attuale rete di distribuzione dell aria, previo intervento di pulizia e sanificazione della stessa e eliminazione dei filtri assoluti attualmente posizionati all interno delle camere. Art. 3. Opere comprese nell appalto Sono comprese nell appalto: 1. l esecuzione di tutti i lavori, le prestazioni, le forniture e le provviste necessarie per dare il lavoro completamente compiuto e secondo le condizioni stabilite dal capitolato speciale d appalto, con le caratteristiche tecniche, qualitative e quantitative previste dal progetto a base di gara con i relativi allegati, dei quali l appaltatore dichiara di aver preso completa ed esatta conoscenza, nonché degli elaborati e della documentazione di cui al punto 2. 8/72

10 2. la redazione, prima dell esecuzione di cui alla lettera a), della progettazione esecutiva, da approvare prima dell inizio dei lavori ai sensi dell articolo 13 comma 6 e da redigere a cura dell appaltatore nel rispetto dell articolo 93, comma 5, del Codice dei contratti e degli articoli da 33 a 43 del Regolamento generale, in quanto applicabili, in conformità al progetto definitivo posto a base di gara dalla Stazione appaltante e costituito da un progetto relativo a Lavori di adeguamento sicurezza e Umanizzazione delle degenze redatto da HC Hospital Consulting SpA ed EET-Cobolli Gigli e Monico Srl. Nel seguito del presente contratto ogni qualvolta ricorrano le parole «progettazione esecutiva» si intende la prestazione di cui al presente punto 2. La progettazione esecutiva e l esecuzione dei lavori sono sempre e comunque effettuate secondo le regole dell arte e l appaltatore deve conformarsi alla massima diligenza nell adempimento dei propri obblighi; trova sempre applicazione l articolo 1374 del codice civile. Art. 4. Modalità di esecuzione dell appalto Gli interventi di adeguamento agli standard di sicurezza interessano, ancorché puntualmente, tutti i corpi di fabbrica del nosocomio, che dovranno rimanere operativi per quanto possibile durante l esecuzione dei lavori. A tal fine dovranno essere creati microcantieri opportunamente confinati e compartimentati, secondo quando indicato nel PSC ed in accordo con la Direzione Sanitaria, Direzione Generale ed Ufficio Tecnico per quanto riguarda tempi e modi, in funzione delle esigenze operative sanitarie dell Ospedale stesso e delle specifiche criticità. Per l esecuzione di quanto sopra, fermo restando che il periodo più favorevole per l attuazione degli interventi è quello estivo, quando normalmente vi è una contrazione dell attività sanitaria, dovranno essere individuati e concordati specifici tempi di intervento per eseguire le compartimentazioni impiantistiche in particolare per gli impianti di condizionamento della terapia intensiva, poiché per eseguire tali lavori si renderà necessario il fermo per circa 4-5 giorni gli impianti e conseguentemente l attività dei reparti rispettivamente alimentati. A seconda delle esigenze dei reparti gli interventi dovranno essere pianificati nelle ore serali/notturne piuttosto che durante il giorno fatto salvo il rispetto delle esigenze al riposo dei pazienti ed il contenimento delle lavorazioni rumorose e delle vibrazioni. Per quanto riguarda gli interventi relativi alle Neurologie A, B e C dovranno essere eseguiti secondo la tempistica e modalità schematizzate nella figura 1 e figura 2 e non contemporaneamente, ma differiti nel tempo e nei periodi che la Committente riterrà più opportuni. Come evidenziato nelle figure, per quanto concerne la Neurologia A e B per l esecuzione dei lavori, verrà liberata l area sulla testata dell edificio per mesi 2, lasciando funzionante la rimanente parte del reparto, e liberata anche quest ultima per i successivi 2 mesi per l ultimazione di tutto il reparto. Per quanto riguarda la Neurologia C si dovrà lavorare sulle aree adiacenti al corridoio, lasciando il corridoio stesso fruibile per mesi 2, il reparto verrà chiuso completamente ed il corridoio interrotto per il mese successivo. Gli approvvigionamento e il transito delle maestranze dovranno essere eseguiti dall esterno, con opportuni ponti di tiro dotati di scale. Le demolizione delle porzioni in muratura dei sottofondi dovranno essere preventivamente concordati con il Committente per definirne orari e modalità, per minimizzare i fastidi causati dai rumori all interno del Nosocomio. 9/72

11 10/72

12 11/72

13 Art. 5. Ammontare dell appalto 1. L importo dell appalto posto a base dell affidamento è definito come segue: euro a.1 Importo esecuzione lavorazioni (base d asta) ,22 a.2 Oneri per l attuazione dei piani di sicurezza ,50 b Corrispettivo per la progettazione esecutiva ,00 A Totale appalto (a.1 + a.2 + b) ,72 2. L importo contrattuale è costituito dalla somma dei seguenti importi: a) importo per l esecuzione dei lavori di cui al comma 1, rigo a.1, al quale deve essere applicato il ribasso percentuale offerto dall aggiudicatario in sede di gara; b) importo degli oneri per l attuazione dei piani di sicurezza di cui al comma 1, rigo a.2, alle condizioni di cui al comma 3. Questo importo non è soggetto ad alcun ribasso di gara, ai sensi dell'articolo 131, comma 3, primo periodo, del Codice dei contratti e del punto dell allegato XV al Decreto n. 81 del c) importo del corrispettivo per la progettazione esecutiva di cui al comma 1, rigo b, al netto del ribasso di gara ai sensi del comma L importo di cui al comma 1, rigo a.2, relativo agli oneri per la sicurezza e la salute nel cantiere, non è soggetto ad alcun ribasso di gara, ai sensi dell'articolo 131, comma 3, primo periodo, del Codice dei contratti, e del punto dell allegato XV al Decreto n. 81 del L importo di cui al comma 1, rigo b, a titolo di corrispettivo per la progettazione esecutiva è soggetto al ribasso di gara, offerto dall aggiudicatario, in applicazione dell articolo 53, commi 2 e 3, del Codice dei contratti e dell articolo 2 del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito dalla legge 4 agosto 2006, n Art. 6. Modalità di aggiudicazione dell appalto L appalto sarà aggiudicato secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa. Il concorrente in sede di offerta dovrà quindi, oltre al prezzo, predisporre proposte migliorative che potranno riguardare: 1. diminuzione dei tempi di chiusura delle Neurologie mediante accorgimenti o adozione di tecniche costruttive particolari; 2. sistemi di compartimentazione dei cantieri che interessano il Nosocomio nel suo insieme in termini di efficacia, efficienza e rapidità di montaggio e smontaggio; 3. Soluzione costruttiva proposta per l adeguamento delle murature esistenti alla resistenza al fuoco richiesta, in termini di rapidità di esecuzione e di pulizia del sistema stesso; 4. Organizzazione del cantiere e riduzione delle interferenze con le attività sanitarie per le lavorazioni su impianti differenti: elettrici, di sicurezza e idrico-antincendio, che insistono nelle stesse aree di cantiere. 5. Minimizzazione dei tempi di disservizio degli impianti elettrici e dei gas medicinali durante le fasi di adeguamento dei quadri di reparto, sostituzione delle nuove linee e inserimento dei quadretti di camera, inserimento sistemi di intercettazione. 6. Soluzioni tecnologiche e materiali innovativi per la realizzazione degli interventi con minor tempo di esecuzione. 7. Ottimizzazione dell impianto di condizionamento della Neurochirurgia per il controllo della temperatura dei locali o delle aree 12/72

14 Il tutto come meglio specificato e descritto nel disciplinare di appalto. Art. 7. Modalità di stipulazione del contratto 1. Il contratto è stipulato a corpo ai sensi dell articolo 53, comma 4, terzo periodo, del Codice dei contratti, e dell articolo 43, comma 6, del Regolamento generale. L importo della contratto, come determinato in sede di gara, resta fisso e invariabile, senza che possa essere invocata da alcuna delle parti contraenti alcuna successiva verificazione sulla misura o sul valore attribuito alla quantità. 2. Anche ai sensi dell articolo 119, comma 5, del Regolamento generale, i prezzi unitari offerti dall aggiudicatario in sede di gara non hanno alcuna efficacia negoziale e l importo complessivo dell offerta, anche se determinato attraverso l applicazione dei predetti prezzi unitari alle quantità, resta fisso e invariabile, ai sensi del comma 1; allo stesso modo non hanno alcuna efficacia negoziale le quantità indicate dalla Stazione appaltante negli atti progettuali e nelle «liste», anche qualora queste ultime siano state rettificate o integrate dal concorrente, essendo obbligo esclusivo di quest ultimo il controllo e la verifica preventiva della completezza e della congruità delle voci e delle quantità indicate dalla stessa Stazione appaltante, e la formulazione dell offerta sulla sola base delle proprie valutazioni qualitative e quantitative, assumendone i rischi. Per tutto quanto non diversamente previsto, i prezzi unitari offerti dall aggiudicatario risultanti dalle «liste» in sede di aggiudicazione sono da intendersi come «elenco dei prezzi unitari». 3. I prezzi unitari di cui al comma 2, ancorché senza valore negoziale ai fini dell appalto e della determinazione dell importo complessivo dei lavori, sono vincolanti per la definizione, valutazione e contabilizzazione di eventuali varianti, addizioni o detrazioni in corso d opera, qualora ammissibili ai sensi dell articolo 132 del Codice dei contratti, e che siano estranee ai lavori già previsti nonché eventuali lavori in economia di cui all articolo I rapporti ed i vincoli negoziali si riferiscono: a) ai lavori posti a base d'asta di cui all'articolo 2, comma 1, rigo a.1, per l importo netto determinato ai sensi dell articolo 2, comma 2, lettera a); b) agli oneri per l attuazione del piano di sicurezza e di coordinamento nel cantiere di cui all'articolo 2, comma 1, rigo a.2, per l importo determinato a tale scopo dalla Stazione appaltante negli atti progettuali (per la parte a corpo) e i loro prezzi unitari (per la parte in economia) anch essi determinati a tale scopo dalla Stazione appaltante negli atti progettuali; c) al corrispettivo per la progettazione esecutiva di cui all articolo 2, comma 1, rigo b, per l importo netto determinato ai sensi dell articolo 2, comma 2, lettera c). Art. 8. Categorie dei lavori 1. Ai sensi dell articolo 61 del Regolamento generale e in conformità all allegato «A» al predetto regolamento, i lavori sono classificati nella categoria prevalente di opere generali «OS30» IMPIANTI INTERNI ELETTRICI,TELEFONICI,RADIOTELEFONICI E TELEVISIVI. 2. Sono previsti lavori appartenenti alle categorie «OS3» IMPIANTI IDRICO-SANITARIO,CUCINE,LAVANDERIE, «OS28» IMPIANTI TERMICI E CONDIZIONAMENTO, «OS30» IMPIANTI INTERNI ELETTRICI,TELEFONICI,RADIOTELEFONICI E TELEVISIVI subappaltabili e scorporabili a qualifica obbligatoria nei limiti ed alle condizioni della disciplina vigente.. 13/72

15 Art. 9. Gruppi di lavorazioni omogenee, categorie contabili 1. Le categorie di lavorazioni omogenee di cui all articolo 132, comma 3, del Codice dei contratti, agli articoli 43, commi 6, 7 e 8, 161, comma 16 e 184 del Regolamento generale sono indicati nella seguente tabella: n. Descrizione dei gruppi (e sottogruppi) di lavorazioni omogenee importo lavori categoria incidenza % OPERE EDILI 1 demolizioni e scavi ,33 OG1 7,80% 2 costruzioni e murature ,87 OG1 1,47% 3 intonaci e sottofondi ,93 OG1 4,49% 4 controsoffitti e pareti in cartongesso ,54 OG1 2,35% 5 pavimenti e rivestimenti ,60 OG1 3,62% 6 tinteggiature ,55 OG1 4,40% 7 serramenti interni ed esterni ,90 OG1 3,72% 8 opere in carpenteria metallica ,29 OG1 3,57% 9 smantellamenti ed assistenze murarie ,73 OG1 1,67% 10 oneri sicurezza ,04 OG1 2,15% 11 IMPIANTI ELETTRICI Impianti di messa a terra e protezione contro fulmini ,94 0S 30 0,64% 12 Cavi e via cavi e distribuzione FM ,41 0S 30 4,94% 13 Quadri elettrici ,00 0S 30 5,49% 14 Illuminazione e testaletto ,90 0S 30 4,36% 15 Impianti di comunicazione ,48 0S 30 3,41% 16 Impianti di rilevazione incendio e diffusione sonora ,61 0S 30 14,01% 17 Materiali protezione antincendio ed illuminazione di sicurezza ,50 0S 30 13,86% IMPIANTI MECCANICI 18 Impianti di ventilazione ,45 0S 28 10,07% 19 Impianto idrico sanitario e antincendio ,28 0S 3 6,30% 20 Gas medicali ,37 0S 3 1,67% TOTALE ,72 100,00% 14/72

16 RIEPILOGO CATEGORIE COMPRENSIVE DI ONERI DELLA SICUREZZA Categoria OG ,78 OG1 35,24% Categoria OS ,28 OS3 7,97% Categoria OS ,82 OS28 10,07% Categoria OS ,84 OS30 46,72% TOTALE ,72 100,00% 2. Fatte salve le sole ipotesi di cui all articolo 14, comma 4, i gruppi di cui al comma 1 restano invariati, rispetto a come individuati e quantificati nel progetto posto a base di gara, anche dopo la presentazione e l approvazione della progettazione esecutiva. 3. I lavori individuati al comma 1, numeri devono essere eseguiti da parte di installatori aventi i requisiti di cui agli articoli 3 e 4 del d.m. (sviluppo economico) 22 gennaio 2008, n /72

17 CAPO 2. DISCIPLINA CONTRATTUALE Art. 10. Documenti che fanno parte del contratto 1. Fanno parte integrante e sostanziale del contratto d appalto, ancorché non materialmente allegati: a) il capitolato generale d appalto approvato con decreto ministeriale 19 aprile 2000, n. 145, per quanto non in contrasto con il presente Capitolato speciale o non previsto da quest ultimo; b) il presente Capitolato speciale, comprese le tabelle allegate allo stesso, con i limiti, per queste ultime, descritti nel seguito in relazione al loro valore indicativo; c) tutti gli elaborati grafici e gli altri atti del progetto posto a base di gara, come elencati nell allegato «A», ad eccezione di quelli esplicitamente esclusi ai sensi del successivo comma 3; d) gli elenchi dei prezzi unitari; e) il piano di sicurezza e di coordinamento di cui all articolo 100 del Decreto n. 81 del 2008 e al punto 2 dell allegato XV allo stesso decreto, nonché le proposte integrative al predetto piano di cui all articolo 131, comma 2, lettera a), del Codice dei contratti e all articolo 100, comma 5, del Decreto n. 81 del 2008, qualora accolte dal coordinatore per la sicurezza; f) il piano operativo di sicurezza di cui all articolo 131, comma 2, lettera c), del Codice dei contratti, all articolo 89, comma 1, lettera h), del Decreto n. 81 del 2008 e al punto 3.2 dell allegato XV allo stesso decreto; g) il cronoprogramma di cui all articolo 40 del Regolamento generale; h) le polizze di garanzia di cui agli articoli 38, 39 e 40; i) il Piano di qualità di costruzione e installazione di cui all articolo 21, comma 4, redatto dall appaltatore ai sensi dell articolo 43, comma 4, del Regolamento generale; l) il Piano per i controlli di cantiere redatto dalla Stazione appaltante ai sensi dell articolo 43, comma 5, del Regolamento generale. 2. Non fanno invece parte del contratto e sono estranei ai rapporti negoziali: a) il computo metrico e il computo metrico estimativo; b) le tabelle di riepilogo dei lavori e la loro suddivisione per categorie omogenee, ancorché inserite e integranti il presente Capitolato speciale; esse hanno efficacia limitatamente ai fini dell aggiudicazione per la determinazione dei requisiti soggettivi degli esecutori, ai fini della definizione dei requisiti oggettivi e del subappalto, e, sempre che non riguardino il compenso a corpo dei lavori contrattuali, ai fini della valutazione delle addizioni o diminuzioni dei lavori all articolo 132 del Codice dei contratti; c) le quantità delle singole voci elementari, sia quelle rilevabili dagli atti progettuali e da qualsiasi altro loro allegato, che quelle risultanti dalle «liste» di cui all articolo 119 del Regolamento generale, predisposta dalla Stazione appaltante, compilate dall aggiudicatario e da questi presentate in sede di offerta. Art. 11. Rappresentante dell appaltatore e domicilio; direttore di cantiere 1. L appaltatore deve eleggere domicilio ai sensi e nei modi di cui all articolo 2 del capitolato generale d appalto; a tale domicilio si intendono ritualmente effettuate tutte le intimazioni, le assegnazioni di termini e ogni altra notificazione o comunicazione dipendente dal contratto. 16/72

18 2. L appaltatore deve altresì comunicare, ai sensi e nei modi di cui all articolo 3 del capitolato generale d appalto, le generalità delle persone autorizzate a riscuotere. 3. Qualora l appaltatore non conduca direttamente i lavori, deve depositare presso la Stazione appaltante, ai sensi e nei modi di cui all articolo 4 del capitolato generale d appalto, il mandato conferito con atto pubblico a persona idonea, sostituibile su richiesta motivata della Stazione appaltante. La direzione del cantiere è assunta dal direttore tecnico dell impresa o da altro tecnico, abilitato secondo le previsioni del capitolato speciale in rapporto alle caratteristiche delle opere da eseguire. L assunzione della direzione di cantiere da parte del direttore tecnico avviene mediante delega conferita da tutte le imprese operanti nel cantiere, con l indicazione specifica delle attribuzioni da esercitare dal delegato anche in rapporto a quelle degli altri soggetti operanti nel cantiere. 4. L appaltatore, tramite il direttore di cantiere assicura l organizzazione, la gestione tecnica e la conduzione del cantiere. Il direttore dei lavori ha il diritto di esigere il cambiamento del direttore di cantiere e del personale dell appaltatore per disciplina, incapacità o grave negligenza. L appaltatore è in tutti i casi responsabile dei danni causati dall imperizia o dalla negligenza di detti soggetti, nonché della malafede o della frode nella somministrazione o nell impiego dei materiali. 5. Ogni variazione del domicilio di cui al comma 1, o delle persona di cui ai commi 2, 3 o 4, deve essere tempestivamente notificata Stazione appaltante; ogni variazione della persona di cui al comma 3 deve essere accompagnata dal deposito presso la Stazione appaltante del nuovo atto di mandato. Art. 12. Norme generali sui materiali, i componenti, i sistemi e l'esecuzione 1. Nell'esecuzione di tutte le lavorazioni, le opere, le forniture, i componenti, anche relativamente a sistemi e subsistemi di impianti tecnologici oggetto dell'appalto, devono essere rispettate tutte le prescrizioni di legge e di regolamento in materia di qualità, provenienza e accettazione dei materiali e componenti nonché, per quanto concerne la descrizione, i requisiti di prestazione e le modalità di esecuzione di ogni categoria di lavoro, tutte le indicazioni contenute o richiamate contrattualmente nel capitolato speciale di appalto, negli elaborati grafici delle progettazioni definitiva ed esecutiva e nella descrizione delle singole voci allegata allo stesso capitolato. 2. Per quanto riguarda l accettazione, la qualità e l impiego dei materiali, la loro provvista, il luogo della loro provenienza e l eventuale sostituzione di quest ultimo, si applicano rispettivamente l articolo 167 del Regolamento generale e gli articoli 16 e 17 del capitolato generale d appalto. 3. L appaltatore, sia per sé che per i propri fornitori, deve garantire che i materiali da costruzione utilizzati siano conformi al d.p.r. 21 aprile 1993, n L appaltatore, sia per sé che per i propri eventuali subappaltatori, deve garantire che l esecuzione delle opere sia conforme alle «Norme tecniche per le costruzioni» approvate con il decreto del Ministro delle infrastrutture 14 gennaio 2008 (in Gazzetta Ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2008). Art. 13. Convenzioni in materia di valuta e termini 1. In tutti gli atti predisposti dalla Stazione appaltante i valori in cifra assoluta si intendono in euro. 2. In tutti gli atti predisposti dalla Stazione appaltante i valori in cifra assoluta, ove non diversamente specificato, si intendono I.V.A. esclusa. 17/72

19 3. Tutti i termini di cui al presente Capitolato speciale, se non diversamente stabilito nella singola disposizione, sono computati in conformità al Regolamento CEE 3 giugno 1971, n /72

20 CAPO 3. TERMINI PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE Art. 14. Progettazione esecutiva: modalità e termini 1. Fermo restando quanto previsto dall articolo 169 del Regolamento generale, dopo la stipulazione del contratto il R.U.P. ordina all appaltatore, con apposito provvedimento, di dare immediatamente inizio alla progettazione esecutiva. In applicazione analogica degli articoli 153, comma 1, secondo periodo e comma 4, del Regolamento generale e dell articolo 11, comma 9, periodi terzo e quarto, e comma 12, del Codice dei contratti, il R.U.P. può emettere il predetto provvedimento anche prima della stipulazione del contratto qualora il mancato avvio della progettazione esecutiva determini un grave danno all'interesse pubblico che l opera appaltata è destinata a soddisfare; in tal caso nell ordine di servizio sono indicate espressamente le motivazioni che giustificano l immediato avvio della progettazione. 2. Qualora il provvedimento di cui al comma 1 non sia emesso o non pervenga all appaltatore entro 10 (dieci) giorni dalla stipulazione del contratto, lo stesso si intende comunque emesso e l ordine si intende impartito e ricevuto alla data di scadenza del predetto termine. 3. La progettazione esecutiva deve essere redatta entro il termine perentorio di 45 (quarantacinque) giorni naturali e consecutivi dal provvedimento di cui al comma 1 o dal termine di cui al comma 2. La progettazione esecutiva non può prevedere alcuna variazione alla qualità e alle quantità delle lavorazioni previste nel progetto posto a base di gara, ad eccezione di quelle proposte in offerta quali varianti migliorative dell opera; eventuali altre variazioni quantitative o qualitative non hanno alcuna influenza né sull importo dei lavori che resta fisso e invariabile nella misura contrattuale, né sulla qualità dell esecuzione, dei materiali, delle prestazioni e di ogni aspetto tecnico, che resta fissa e invariabile rispetto a quanto previsto dal progetto posto a base di gara. Sono ammesse le variazioni qualitative e quantitative, contenute entro un importo non superiore al 5% (cinque per cento) delle categorie di lavoro dell appalto, come individuate nella tabella di cui all articolo 9, che non incidano su eventuali prescrizioni degli enti competenti di cui all articolo 24, comma 2, lettera g) o comma 3, e che non comportino un aumento dell importo del contratto stipulato. 4. Nel caso in cui si verifichi una delle ipotesi di cui all articolo 132, comma 1, lettere a), b), c) o d), del Codice dei contratti, oppure nel caso di errori od omissioni riscontrati nel progetto posto a base di gara, le variazioni da apportarsi alla progettazione esecutiva sono valutate in base ai prezzi di cui all articolo 43. La Stazione appaltante procede all accertamento delle cause, condizioni e presupposti che hanno dato luogo alle variazioni nonché al concordamento dei nuovi prezzi entro 10 (dieci) giorni dall accertamento della necessità di introdurre nella progettazione esecutiva la variazione al progetto posto a base di gara. L assenso alla variante da parte della Stazione appaltante avviene mediante atto scritto comunicato tempestivamente all appaltatore; con tale assenso può essere riconosciuta motivatamente una proroga al termine di cui al comma 5 previsto per la presentazione della progettazione esecutiva. Tale proroga deve essere adeguata alla complessità e importanza delle modifiche da apportare alla progettazione esecutiva ma non può comunque essere superiore ad un quarto del temine previsto inizialmente. 5. Durante la progettazione esecutiva il progettista deve coordinarsi con il soggetto o l organo di validazione e di verifica di cui all articolo 112 del Codice dei contratti, mediante confronti costanti in modo da minimizzare i rischi di verifica negativa. Il progettista deve altresì, se ciò sia opportuno, sentire il soggetto titolare della progettazione definitiva posta a base di gara e il coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione, al fine di redigere la progettazione esecutiva nel modo più coerente e conforme possibile agli atti progettuali posti a base di gara. 19/72

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

POR CAMPANIA FESR 2007-2013 Asse 6-Obiettivo Operativo 6.1. PIU EUROPA della Città di Caserta

POR CAMPANIA FESR 2007-2013 Asse 6-Obiettivo Operativo 6.1. PIU EUROPA della Città di Caserta OGGETTO: Affidamento della progettazione definitiva ed esecutiva sulla base del progetto preliminare ed esecuzione dei lavori, nonché affidamento dell incarico di coordinatore per la sicurezza in fase

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ (tratto da Linee guida per la qualificazione del procedimento di Lavori Pubblici - IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Il Termine di Esecuzione Lavori

Il Termine di Esecuzione Lavori Il Termine di Esecuzione Lavori Il carattere non essenziale del termine Di regola negli appalti di lavori pubblici il termine contrattuale di ultimazione non è essenziale (art. 1457 del cod.civ.). Come

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli