MOVIMENTI RIPETUTI DEL SEGMENTO MANO-BRACCIO E SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: ANALISI DI DUE CASI AZIENDALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOVIMENTI RIPETUTI DEL SEGMENTO MANO-BRACCIO E SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: ANALISI DI DUE CASI AZIENDALI"

Transcript

1 MOVIMENTI RIPETUTI DEL SEGMENTO MANO-BRACCIO E SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: ANALISI DI DUE CASI AZIENDALI RELATORE : PROF. DOTT. LUCA MARIA NERI STUDIO TECNICO PROF. NERI s.r.l. Via Borghi Mamo N Bologna - TEL FAX

2 ATTIVITA A RISCHIO Le patologie ed i disturbi dell apparato muscolo-scheletrico si sviluppano gradualmente nel tempo come prodotto di sollecitazioni meccaniche ripetute. Le operazioni a rischio sono principalmente quelle che richiedono: Elevati ritmi ripetitivi Il mantenimento della posizione delle mani all altezza delle spalle Uso di forza elevato Esposizione a vibrazioni Movimenti ripetitivi del polso Mantenimento a pinza delle dita Se tali attività coinvolgono il segmento mano-braccio una patologia che si può sviluppare e che oggi sta assumendo sempre maggior rilievo è la Sindrome del Tunnel Carpale.

3 SINDROME DEL TUNNEL CARPALE La patologia è determinata da una infiammazione dei tendini nel polso, con conseguente schiacciamento del nervo mediano, accompagnato da dolore, impotenza funzionale e parestesie alle dita della mano. Principale causa: i movimenti ripetitivi esercitati con la mano e con le dita in alcune mansioni. La sindrome: iniziale comparsa di una fastidiosa sensazione di addormentamento o formicolio, soprattutto notturna, che interessa il territorio di innervazione del nervo mediano, cioè le prime tre dita e metà del quarto dito della mano. In una fase successiva si può avere la comparsa di dolore nelle sedi prima interessate dall intorpidimento; il paziente non riesce più a compiere i movimenti fini delle dita ed ha difficoltà a mantenere o stringere oggetti con le prime tre dita. Ancora più tardivamente può comparire l atrofia muscolare a carico dei muscoli del palmo della mano.

4 NERVI ED ARTERIE DEL PALMO DELLA MANO Nervi e arterie del palmo della mano sinistra e della superficie flessoria delle dita.

5 SEZIONE TRASVERSALE IN PROSSIMITA DEL POLSO DELL AVAMBRACCIO DESTRO

6 NECESSITA DELL ANALISI In presenza delle operazioni a rischio per il segmento mano-braccio è necessario valutare le condizioni di potenziale fonte di rischio per prevenire i danni prima che si verifichi la loro insorgenza. Uno studio approfondito della mansione lavorativa non ha come finalità solo quella di prevenire infortuni e malattie, ma soprattutto quella di migliorare le condizioni e gli strumenti di lavoro, migliorando così la salute ed il benessere psicofisico del lavoratore.

7 FATTORI DI RISCHIO I principali fattori di rischio che caratterizzano l esposizione lavorativa sono: Frequenza delle azioni lavorative: numero di azioni tecniche per unità di tempo (n. azioni per minuto); Ripetitività: presenza di eventi (cicli, tipi di posture) che si ripetono nel tempo, sempre uguali; Forza: sforzo fisico richiesto al lavoratore per l esecuzione delle azioni tecniche; Postura: il complesso delle posture e dei movimenti utilizzati da ciascuna principale articolazione degli arti superiori per compiere la sequenza di azioni tecniche che caratterizzano un ciclo. Il fattore di rischio è determinato dalla presenza di posture incongrue e/o da una stereotipia dei movimenti stessi;

8 Tempi di recupero: periodo di tempo, nel turno lavorativo, in cui non vengono svolte azioni tecniche. Consiste in pause dopo un periodo di azioni degli arti superiori in cui può avvenire il ripristino metabolico del muscolo. Il fattore di rischio è costituito dalla mancanza o insufficienza della durata di periodi di recupero; Fattori complementari di rischio: alta precisione, compressioni, vibrazioni, uso di guanti incongrui, ecc. Sono fattori non necessariamente sempre presenti nei compiti ripetitivi. La loro tipologia, intensità e durata determina un incremento del livello di esposizione complessiva. Per quantificare l esposizione è necessario misurare ognuno dei singoli fattori di rischio e valutarne l integrazione tramite l utilizzo di un indice di rischio.

9 CHECK-LIST OCRA Uno strumento d indagine consiste nel modello di check-list OCRA (Occupational Ripetitive Actions) mirato all identificazione ed alla stima dei fattori di rischio per esposizione a sovraccarico bio-meccanico degli arti superiori da movimenti ripetitivi. Per ognuno dei fattori precedentemente elencati la checklist propone diversi scenari di rischio che possono verificarsi nello svolgimento della mansione, ai quali viene associato un punteggio crescente in funzione della gravità della situazione prospettata. A partire dai valori parziali ottenuti per i diversi moduli della check-list, si procede alla valutazione integrata dei fattori di rischio allo scopo di determinare il livello complessivo di esposizione per la singola lavorazione/posto di lavoro e la conseguente classificazione in diverse fasce di rischio: 6 punti 6,1 11,9 punti 12 18,9 punti 19 punti assenza di rischio rischio lieve rischio medio rischio elevato

10 PROCEDURA DI VALUTAZIONE La valutazione è stata suddivisa in diverse fasi: 1. Sopralluoghi in azienda. 2. Caratterizzazione delle postazioni di lavoro e delle tipologie di mansioni. 3. Videoregistrazione delle attività svolte. 4. Interviste mirate, tramite l utilizzo del modello checklist OCRA, agli operatori impegnati sulla linea. 5. Analisi approfondita delle riprese filmate. Sulla base dei risultati dell analisi è possibile evidenziare le situazioni più critiche.

11 APPLICAZIONE DEL METODO Valutazione preliminare del rischio di sovraccarico biomeccanico degli arti superiori a seguito di attività di lavoro ripetitive lungo una linea di produzione per elettrodomestici e lungo una linea di produzione di serramenti. Per ogni linea di montaggio sono state prese in esame tre diverse postazioni che sono state caratterizzate da un livello di rischio crescente da lieve ad elevato, passando per un rischio medio.

12 PRODUZIONE DI ELETTRODOMESTICI Addetto collaudo prima fase L operatore agisce contemporaneamente su due macchine, eseguendo, in parallelo con entrambe le mani, la sequenza di azioni sotto elencate: 1. apre e chiude il rubinetto girando la manopola; 2. preleva lateralmente rispetto alla postazione di lavoro il gruppo che viene inserito nella propria sede sulla macchina; 3. preme il pulsante di azionamento della macchina; 4. ruota la macchina di 90 e verifica visivamente la presenza di eventuali perdite. Analisi dei fattori di rischio L operatore, per circa la metà del ciclo lavorativo, è impegnato in azioni che richiedono la manipolazione di oggetti con la punta delle dita o con le ultime falangi.

13 PRODUZIONE DI ELETTRODOMESTICI SCHEDA n. 1 - Addetto collaudo prima fase Fattori di rischio Valore RECUPERO 4 FREQUENZA 2 FORZA 0 POSTURA 4 FATTORI COMPLEMENTARI 1 Descrizione Esistono due interruzioni oltre alla pausa mensa di almeno 10 minuti in turno di 7-8 h. I movimenti delle braccia non sono particolarmente veloci, ma costanti e regolari. Le possibilità di interruzioni sono scarse e non regolari. La mansione analizzata non comporta attività lavorative con uso ripetuto della forza. L operatore afferra oggetti o pezzi con la punta delle dita o con le ultime falangi per metà del tempo. Il ritmo di lavoro è solo parzialmente determinato dall operatore. Non è presente un area polmone per svincolare la postazione dal resto della linea. Totale 11 RISCHIO LIEVE

14 PRODUZIONE DI ELETTRODOMESTICI Addetto montaggio pompa L attività può essere scomposta nelle seguenti azioni: 1. preleva il gruppo pompa dal contenitore e lo posiziona con entrambe le mani sulla piastra, incastrando i supporti nelle sedi apposite; 2. collega il tubo di silicone alla piastra; 3. collega il tubo di teflon alla caldaia; 4. preleva la turbina e la inserisce sulla piastra; 5. collega la turbina alla pompa. Analisi dei fattori di rischio Per quanto riguarda la frequenza di lavoro, si rileva che i movimenti delle braccia non sono particolarmente veloci, ma le possibilità per l operatore di ritagliarsi brevi interruzioni sono scarse. Si rileva che le braccia sono mantenute senza appoggio per tutta la durata del compito lavorativo svolto e vengono effettuate azioni che richiedono la continua manipolazione di oggetti con la punta delle dita o con le ultime falangi.

15 PRODUZIONE DI ELETTRODOMESTICI Fattori di rischio SCHEDA n. 2 - Addetto montaggio pompa Valore RECUPERO 4 FREQUENZA 2 FORZA 0 POSTURA 7 FATTORI COMPLEMENTARI 1 Descrizione Esistono due interruzioni oltre alla pausa mensa di almeno 10 minuti in turno di 7-8 h. I movimenti delle braccia non sono troppo veloci, ma costanti e regolari. Le possibilità di interruzioni non sono frequenti. La mansione analizzata non comporta attività lavorative con uso ripetuto della forza. L operatore afferra oggetti o pezzi o strumenti con la punta delle dita o con le ultime falangi per più di metà del tempo. Presenza di gesti lavorativi identici ripetuti per almeno 2/3 del tempo. Il ritmo di lavoro è solo parzialmente determinato dall operatrice. Non è presente un area polmone per svincolare la postazione dal resto della linea. Totale 14 RISCHIO MEDIO

16 PRODUZIONE DI ELETTRODOMESTICI Addetto Cablaggio 1. inserisce n. 6 faston e connettori nella scheda; 2. collega n. 1 faston alla pompa; 3. prende una fascetta fermacavi dal contenitore e l avvolge attorno ai cavetti, tenendoli uniti con una mano. Analisi dei fattori di rischio L operatore lavora mantenendo le braccia sollevate per quasi tutto il tempo, manipolando componenti di dimensioni ridotte. Conseguentemente le mani, ed in particolare la punta delle dita e le ultime falangi, sono impegnate in prese di precisione (pinch), per più di metà della durata dell attività lavorativa. Si ha impiego non trascurabile di forza nel maneggiare o premere i componenti da assemblare e per la presenza di azioni tecniche da ripetere in modo pressoché identico per quasi tutto il tempo. Scarse possibilità di ritagliarsi brevi interruzioni.

17 PRODUZIONE DI ELETTRODOMESTICI Fattori di rischio SCHEDA n. 3 ADDETTO CABLAGGIO Valore RECUPERO 4 FREQUENZA 2 POSTURA 9 FATTORI COMPLEMENTARI Descrizione Esistono due interruzioni oltre alla pausa mensa di almeno 10 minuti in turno di 7-8 h. I movimenti delle braccia non sono particolarmente veloci, ma costanti e regolari. Le possibilità di interruzioni sono scarse e non regolari. L attività lavorativa comporta l uso FORZA 4 di forza nel premere o maneggiare i componenti da assemblare per circa metà del tempo. L operatore afferra oggetti o pezzi o strumenti con la punta delle dita o con le ultime falangi per circa 2/3 del tempo. Presenza di gesti lavorativi identici ripetuti per almeno 2/3 del tempo. Esecuzione di lavori di precisione per più della metà del tempo Il ritmo di lavoro è solo parzialmente 3 determinato dall operatrice. Non è presente un area polmone per svincolare la postazione dal resto della linea. Totale 22 RISCHIO ELEVATO

18 PRODUZIONE DI SERRAMENTI Addetto pre-montaggio modulo L operatore, dotato di guanti, svolge la propria attività seduto alla postazione di lavoro. L attività dell operatore, in questa fase, può essere scomposta nei seguenti momenti: 1. preleva i componenti, li ingrassa e li posiziona sulla maschera di montaggio; 2. esegue operazione di assemblaggio; 3. utilizza avvitatore pneumatico per fissare le viti; 4. verifica del corretto montaggio; 5. deposita il modulo nell apposita cesta.

19 Analisi dei fattori di rischio L operatore manipola, per circa tutto il tempo, oggetti, di dimensioni anche minute, con la punta delle dita e con le ultime falangi. L operazione si caratterizza per l impiego di componentistica di dimensioni particolarmente ridotte che deve essere inserita con estrema precisione nelle apposite sedi. Il ritmo di lavoro, durante l intera fase, è determinato dall operatore. L approvvigionamento dei componenti non compete all operatore al banco, ma all addetta al confezionamento. Osservazioni dei lavoratori Due lavoratori su tre denunciano una distanza eccessiva rispetto alla maschera di montaggio. Tale postura ha ripercussione sulla posizione delle braccia, che sono costrette a restare, per quasi tutto il tempo, all altezza delle spalle.

20 PRODUZIONE DI SERRAMENTI SCHEDA n.1 - ADDETTO PREMONTAGGIO MODULO Fattori di rischio Valore Descrizione RECUPERO 0 FREQUENZA 1,7 FORZA 0,8 POSTURA 7 FATTORI COMPLEMENTARI 1 Esiste un interruzione del lavoro ripetitivo di almeno 5 min. ogni ora. Movimenti delle braccia non troppo veloci, con possibilità di brevi interruzioni. Uso della forza non significativo. Le mani sono impegnate per quasi tutto il tempo nella manipolazione di oggetti di dimensioni minute. Vengono eseguiti lavori di precisione in aree non particolarmente ridotte. Totale 10,5 RISCHIO LIEVE

21 PRODUZIONE DI SERRAMENTI Addetto montaggio La postazione di lavoro è costituita da un banco attrezzato con piastra di montaggio. L operatore esegue le seguenti azioni tecniche: 1. afferra la parte inferiore della scatola metallica della serratura e la posiziona sulla piastra di montaggio; 2. esegue ingrassaggio; 3. afferra il modulo preassemblato stanghettanottolini proveniente dalla fase precedente di premontaggio e lo posiziona. 4. preleva l ingegno dello scrocco e lo installa; 5. afferra il coperchio della scatola della serratura e procede alla chiusura della scatola; 6. per l operazione di serraggio viene utilizzato un avvitatore pneumatico. In caso di problemi con viti spanate, l operatore può essere costretto ad utilizzare il martello.

22 Analisi dei fattori di rischio L operatore manipola, per circa tutto il tempo, oggetti, di dimensioni anche minute, con la punta delle dita e con le ultime falangi; esegue movimenti delle braccia abbastanza rapidi e costanti, ma con la possibilità di brevi interruzioni. L attività lavorativa richiede sporadicamente l uso della forza (martello).

23 PRODUZIONE DI SERRAMENTI SCHEDA n.2 - ADDETTO MONTAGGIO Fattori di rischio Valore Descrizione RECUPERO 0 FREQUENZA 3 FORZA 0,6 POSTURA 8 FATTORI COMPLEMENTARI 2 Esiste un interruzione del lavoro ripetitivo di almeno 5 min. ogni ora. I movimenti delle braccia sono abbastanza rapidi e costanti, ma con possibilità di brevi interruzioni. Uso della forza non significativo. Le mani sono impegnate per quasi tutto il tempo nella manipolazione di oggetti di dimensioni minute. Vengono usati strumenti vibranti e attrezzi che provocano compressioni sulla pelle. Totale 13,6 RISCHIO MEDIO

24 PRODUZIONE DI SERRAMENTI Addetto collaudo L operatore, dotato di guanti, esegue il collaudo effettuando le seguenti manovre: 1. preleva con presa palmare la serratura da collaudare dalla cesta proveniente dalla fase di montaggio; 2. effettua controllo visivo dell estetica e del corretto montaggio della serratura; 3. avvia il ciclo di collaudo funzionale con chiave calibro A1, secondo la procedura descritta nel seguito. 4. Collaudo funzionale dal lato coperchio della serratura, nelle seguenti condizioni: con chiave fuori asse e in pressione contro la scatola, per un minimo di n. 4 mandate in uscita e n. 4 mandate in rientro, in presenza di carico di contrasto (1 kg) applicato ai rinvii: l operatore esegue le mandate imprimendo con il polso e

25 con la mano una pressione sulla chiave verso l alto. con rotazione veloce della chiave, per un minimo di n. 4 mandate in uscita e n. 4 mandate in rientro, in presenza di carico di contrasto applicato ai rinvii; con rotazione lenta della chiave, in assenza dei carichi applicati ai rinvii, per un minimo di n. 4 mandate in uscita e n. 4 mandate in rientro. Analisi dei fattori di rischio L operazione richiede uno sforzo non trascurabile da parte dell addetto al collaudo che deve imprimere pressione sulla chiave con la seconda falange del dito indice, mentre ruota la chiave. Il mantenimento della chiave fuori asse provoca uno sforzo contemporaneo sia sull asse parallelo al braccio, sia su quello perpendicolare dove si applica la forza scaricata dalle falangi delle dita che impugnano la chiave.

26 PRODUZIONE DI SERRAMENTI SCHEDA n.3 - ADDETTO COLLAUDO Fattori di rischio Valore Descrizione RECUPERO 0 FREQUENZA 10 FORZA 3,7 POSTURA 8 FATTORI COMPLEMENTARI 2 Esiste un interruzione del lavoro ripetitivo di almeno 5 min. ogni ora. Frequenze di lavoro elevate. Impiego di forza non trascurabile. Le mani afferrano e manipolano oggetti a dita strette per quasi tutta la durata dell attività lavorativa. Vengono usati strumenti vibranti e attrezzi che provocano compressioni sulla pelle. Totale 23,7 RISCHIO ELEVATO

27 INTERVENTI PER MINIMIZZARE I FATTORI DI RISCHIO 1. Riduzione dell uso della forza: Introducendo l uso di nuovi attrezzi o migliorando l attrezzatura già esistente Migliorando le posture di lavoro 2. Ristrutturazione del posto di lavoro in modo da mantenere posture e movimenti al di sotto del 50% del massimo range articolare 3. Riduzione, intrinsecamente al ciclo, del numero di azioni tecniche: Evitando azioni inutili Ripartendo le azioni fra i due arti Riducendo la ripetizione di azioni identiche ad alta frequenza Riducendo le azioni accessorie

28 4. Riduzione dell effetto dannoso dei fattori complementari: Utilizzando attrezzi di lavoro più adeguati 5. Adeguamento della pause e/o dei lavori alternativi, ai tempi di lavoro ripetitivo: Aumentando i tempi di recupero Distribuendo più adeguatamente i tempi di recupero

29 SOLUZIONI PROPOSTE E POSSIBILI Le possibili azioni da intraprendere sono le seguenti: 1. Migliorare la progettazione dei prodotti da assemblare. 2. La riprogettazione del posto di lavoro al fine di garantire il corretto posizionamento dell operatore rispetto al materiale di lavoro. 3. Lo studio dell ottimale rotazione degli addetti nelle diverse postazioni della linea al fine minimizzare il valore degli indici di esposizione. 4. Programmazione di mirati interventi informativi e formativi. 5. Attivazione della sorveglianza sanitaria per i lavoratori addetti alle mansioni che espongono ai rischi sopra indicati.

30 SOLUZIONI ADOTTATE L azienda di serramenti ha riprogettato la linea di montaggio, inserendo scivoli, slitte e rulliere per creare un collegamento diretto tra le tre postazioni premontaggio, montaggio e collaudo, che in precedenza erano completamente separate. Inoltre nella postazione di collaudo, quella con il rischio più elevato, è stata inserita una porticina semovente su cui installare le serrature per il collaudo, dando in questo modo la possibilità all operatore di utilizzare alternativamente l arto destro e l arto sinistro per il collaudo delle serrature e non rendendo necessario il sostegno della serratura con una delle due mani. Questi interventi sono in grado di modificare significativamente: 1. l ampiezza dei movimenti necessari per prelevare i pezzi da collaudare, riducendoli; 2. l uso della forza per posizionare i pezzi da collaudare, riducendolo; 3. azioni inutili, riducendole od eliminandole; 4. azioni accessorie, riducendole od eliminandole; 5. i tempi di recupero, migliorandoli.

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI VALUTAZIONE DEL DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI In fase di sopralluogo vengono utilizzate check-list, riprese cinematografiche, interviste ai lavoratori e colloqui con i responsabili per la

Dettagli

PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno

PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno MONTAGGIO, ASSEMBLAGGIO, CABLAGGIO (materie plastiche, metalli preziosi, bigiotteria, metalmeccanica,

Dettagli

Il rischio da movimenti ripetitivi: alcuni casi studio e analisi delle criticità

Il rischio da movimenti ripetitivi: alcuni casi studio e analisi delle criticità Trieste settembre Il rischio da movimenti ripetitivi: alcuni casi studio e analisi delle criticità Maria Angela Gogliettino INAIL F.V.G. - CONTARP (Consulenza Tecnica Accert. Rischi e Prevenzione) Autori:

Dettagli

Intervenire sull organizzazione del lavoro

Intervenire sull organizzazione del lavoro Intervenire sull organizzazione del lavoro Sistema Ambiente ha un modulo per l esame delle condizioni più specificatamente ergonomiche. Il metodo consente la definizione di parametri oggettivi di misurazione

Dettagli

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA 1- NELLA SPALLA I TENDINI DELLA CUFFIA DEI ROTATORI TRANSITANO FRA DUE ZONE OSSEE PRIMA DI INSERIRSI SULL OMERO 2- FREQUENTI MOVIMENTI DEL BRACCIO PROVOCANO RIPETUTE COMPRESSIONI SUI TENDINI PROVOCANDONE

Dettagli

ESEMPIO DI STAMPA DVR. VALUTAZIONE RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

ESEMPIO DI STAMPA DVR. VALUTAZIONE RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. DVR VALUTAZIONE RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 008, n. 81 e s.m.i.) VALUTAZIONE CON CHECKLIST OCRA Azienda: Azienda SPA Indirizzo: Via Roma, 1 Città: Milano

Dettagli

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori 2008 IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori Manuale teorico pratico professionale sul più diffuso metodo di analisi per la valutazione del rischio CTD

Dettagli

Nuove possibilità per la valutazione del rischio biomeccanico

Nuove possibilità per la valutazione del rischio biomeccanico Azienda Sanitaria Firenze Nuove possibilità per la valutazione del rischio biomeccanico Andrea Belli, Tecnico della Prevenzione San Casciano in Val di Pesa, 20 novembre 2013 Movimentazione manuale carichi

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI Data 07-01-2010 Rev. N. 00 Pagina 1 di 23 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI AZIENDA SEDE E UNITA OPERATIVA ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI P.zza

Dettagli

ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE

ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE ALLEGATO 1/g ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE Al fine di lavorare in posizioni corrette (degli arti superiori

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Modello di valutazione movimentazione manuale dei carichi (cod. 300.23) DIMOSTRATIVO MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Modello di

Dettagli

Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro CASO CLINICO Il giudizio di idoneità nei soggetti portatori di disturbi dell arto superiore

Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro CASO CLINICO Il giudizio di idoneità nei soggetti portatori di disturbi dell arto superiore CASO CLINICO Il giudizio di idoneità nei soggetti portatori di disturbi dell arto superiore Dott. Stefano MARTIGNONE CASO CLINICO 1 M.O. 50 ANNI, MASCHIO, CONIUGATO CON 1 FIGLIO DIPLOMATO IN TELECOMUNICAZIONI

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI CORSO DI FORMAZIONE 9 maggio 2013 Maria Teresa Riccio medico SPISAL MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 d.lgs. N 81 Decreto Interministeriale

Dettagli

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia LA GESTIONE DEI WMSDs DEGLI OPERATORI SANITARI: interpretazione del rischio specifico, e gestione aziendale della collocazione lavorativa Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in

Dettagli

CONVEGNO LE MALATTIE PROFESSIONALI:

CONVEGNO LE MALATTIE PROFESSIONALI: ANMIL CONVEGNO SOSTENIAMOLI SUBITO LE MALATTIE PROFESSIONALI: FENOMENOLOGIA, TUTELE E PROSPETTIVE EVOLUTIVE ROMA, SALA CONVEGNI ANMIL 14 DICEMBRE 2011 GIUSEPPE CIMAGLIA 1 OCCUPATI/DENUNCIE 2010 AGRICOLTURA

Dettagli

Movimenti Ripetuti dell arto superiore nel territorio della Azienda USL 2: patologie, soluzioni, contributo del RLS

Movimenti Ripetuti dell arto superiore nel territorio della Azienda USL 2: patologie, soluzioni, contributo del RLS Seminario RLS la salute sul lavoro: vecchi rischi, nuova attenzione Capannori (LU) Auditorium del Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 2 Lucca 20 gennaio 2012 Movimenti Ripetuti dell arto superiore

Dettagli

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott.

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. Ermanno Sarti Infortunio L'infortunio è l'evento occorso al lavoratore per causa violenta

Dettagli

www.addiospalladolorosa.it

www.addiospalladolorosa.it Addio Spalla Dolorosa Copyright 2014. AddioSpallaDolorosa.it. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo manuale o dei suoi documenti inclusi possono essere utilizzati, riprodotti o trasmessi

Dettagli

La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi)

La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi) La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi). L argomento della patologia da sovraccarico biomeccanico lavorativo

Dettagli

LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA

LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA 31% dei lavoratori sono adibiti costantemente ad attività comportanti movimenti ripetitivi degli arti superiori (46% per oltre la metà dell orario di lavoro). 15% dei lavoratori

Dettagli

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI I principali fattori di rischio vanno ricercati in : una scarsa conoscenza ed applicazione dei principi ergonomici; una mancanza di informazione e di consapevolezza

Dettagli

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro: UE WMSDs Allegato 10 Manovre di semeiotica clinica (da Sluiter

Dettagli

ing. Domenico Mannelli movimentazione manuale dei carichi nei cantieri e nelle attività estrattive

ing. Domenico Mannelli movimentazione manuale dei carichi nei cantieri e nelle attività estrattive ing. Domenico Mannelli movimentazione manuale dei carichi nei patologie professionali alla schiena Le condizioni di rischio da prendere in considerazione ai fini del riconoscimento dell origine professionale

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO

LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO ISPESL Istituto Superiore per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO Vibrazioni meccaniche nei luoghi di lavoro: stato della normativa IDENTIFICAZIONE E CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

QUESTIONARIO ANAMNESTICO DELLE PATOLOGIE DEGLI ARTI SUPERIORI E DEL RACHIDE

QUESTIONARIO ANAMNESTICO DELLE PATOLOGIE DEGLI ARTI SUPERIORI E DEL RACHIDE QUESTIONARIO ANAMNESTICO DELLE PATOLOGIE DEGLI ARTI SUPERIORI E DEL RACHIDE Prima parte Data di compilazione Azienda Reparto Mansione Cognome Nome Data di nascita età sesso Anzianità mansione Anzianità

Dettagli

CONFRONTO TRA I PRINCIPALI METODI DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE DA SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI

CONFRONTO TRA I PRINCIPALI METODI DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE DA SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI CONFRONTO TRA I PRINCIPALI METODI DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE DA SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI G. Ricupero*, M. Della Pasqua** * INAIL - Direzione Regionale Emilia Romagna - Consulenza

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE

VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE Progetto Studio VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE Promosso da: ARS di Bergamo CPT di Bergamo INAIL di Bergamo Realizzato da: U.S.C. Medicina del Lavoro ErgoDesign In

Dettagli

Piccola e media impresa Regione Toscana: il settore pelletterie

Piccola e media impresa Regione Toscana: il settore pelletterie Piccola e media impresa Regione Toscana: il settore pelletterie Questa ricerca è stata sviluppata dal Centro di Ricerca in Ergonomia dell Azienda Sanitaria asl 10 a seguito di uno specifico finanziamento

Dettagli

Sovraccarico Biomeccanico dell Arto Superiore

Sovraccarico Biomeccanico dell Arto Superiore Monza, marzo 2009 Sovraccarico Biomeccanico dell Arto Superiore Didattica Non Non Formale Studenti IV IV anno anno Medicina Vero è che più e meno eran contratti secondo ch'avien più e meno a dosso; e qual

Dettagli

NON ERA IL SUO MOMENTO

NON ERA IL SUO MOMENTO NON ERA IL SUO MOMENTO a cura di Danilo Chirco, Servizio Pre.S.A.L. della Asl TO 4 Che cosa è successo Un operaio è rimasto schiacciato dal portellone di una tramoggia di carico, all interno di un impianto

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER L ELIMINAZIONE E LA RIDUZIONE DEI RISCHI

SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER L ELIMINAZIONE E LA RIDUZIONE DEI RISCHI SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER L ELIMINAZIONE E LA RIDUZIONE DEI RISCHI Metodi e Contenuti del Progetto AMBIENTI CONFINATI e ERGONOMIA SOVRACCARICO BIOMECCANICO Ing. Lucia BOTTI Prof. Emilio FERRARI Prof.ssa

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

Compiti e obblighi del Medico Competente

Compiti e obblighi del Medico Competente DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA AREA DIPARTIMENTALE MONTAGNA U.O.C. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Il ruolo degli RLS nella prevenzione dei rischi di natura ergonomica e da sovraccarico

Dettagli

MANIPOLAZIONE DEL TONER

MANIPOLAZIONE DEL TONER Pagina 1 di 6 SOMMARIO Generalità... 2 Principali condizioni di rischio connesse all operazione di sostituzione del toner... 2 Scopo... 2 Riferimenti normativi... 2 Responsabilità ed aggiornamento... 2

Dettagli

MALATTIE PROFESSIONALI

MALATTIE PROFESSIONALI MALATTIE PROFESSIONALI L Informazione aiuta la Prevenzione Il lavoro è parte della tua vita, non la tua malattia. Lavorare bene ti fa bene! Malattie Professionali Lesione dovuta a causa lenta che produce

Dettagli

Principali leggi e decreti che regolamentano la valutazione del danno.

Principali leggi e decreti che regolamentano la valutazione del danno. Principali leggi e decreti che regolamentano la valutazione del danno. L.118/1971; L.18/1980; D. Lgs 508/1988; L.289/1990(minori, indennità di frequenza) che riguardano a vario titolo l invalidità civile.

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

RISTORAZIONE COLLETTIVA

RISTORAZIONE COLLETTIVA RISTORAZIONE COLLETTIVA Prevenzione dei rischi per l apparato muscolo-scheletrico e per la sicurezza Progetto ASL MILANO Valeria Rossi 23/07/2010 1 HO.RE.CA IN ITALIA dati ISTAT 2001 Codice e Descrizione

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

Risultati di un indagine sanitaria in Valle del Serchio

Risultati di un indagine sanitaria in Valle del Serchio Sovraccarico biomeccanico dell arto superiore nei lavori forestali Risultati di un indagine sanitaria in Valle del Serchio dr.ssa Livia Rondina Castelnuovo di G. 19/09/2012 Fasi del progetto 1) Coinvolgimento

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP I.C. A. VOLTA Via Botticelli, 31 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. Antonio Giorgi RSPP Videoterminali 2 VDT : CONCETTI

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA SICUREZZA SUL LAVORO: COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA Dott. Roberto BEDINI Ai fini del DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 per agenti fisici si intendono: il RUMORE,

Dettagli

Gloreha DAS (Dynamic Arm Support)

Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Ausilio Supporto Dispositivo di riabilitazione Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) è un supporto dinamico per il braccio; è stato sviluppato

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

Avvitatore portatile. con alimentazione automatica anche per viti fisse sporgenti. Tecnologia che unisce

Avvitatore portatile. con alimentazione automatica anche per viti fisse sporgenti. Tecnologia che unisce Avvitatore portatile con alimentazione automatica anche per viti fisse sporgenti Tecnologia che unisce Sistema di avvitamento portatile HSP/HSD per viti e grani filettati Ciclo di avvitamento: _ Posizionare

Dettagli

Schema per la raccolta della sintomatologia

Schema per la raccolta della sintomatologia Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro: UE WMSDs Allegato 8 Schema per la raccolta della sintomatologia

Dettagli

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA H H H Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Ergonomia / Videoterminali / Utilizzo sicuro dei VDT LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Introduzione Gli aspetti posturali connessi al lavoro al VDT sulla salute dei lavoratori sono stati studiati da molti

Dettagli

LE NORME ISO E LA VDR DI SOVRACCARICO BIOMECCANICO DA MMC L APPROCCIO ERGONOMICO DELLA NORMA ISO 11228-1: L APPROCCIO ERGONOMICO NEI SISTEMI DI LAVORO

LE NORME ISO E LA VDR DI SOVRACCARICO BIOMECCANICO DA MMC L APPROCCIO ERGONOMICO DELLA NORMA ISO 11228-1: L APPROCCIO ERGONOMICO NEI SISTEMI DI LAVORO Corso di aggiornamento LE NORME ISO E LA VDR DI SOVRACCARICO BIOMECCANICO DA MMC L APPROCCIO ERGONOMICO DELLA NORMA ISO 11228-1: Giorgio Zecchi SPSAL Reggio Emilia L APPROCCIO ERGONOMICO NEI SISTEMI DI

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Progettazione di posto di lavoro con impiego di INDEVA - Intelligent DEVice for handling. Read more on www.indevagroup.com

Progettazione di posto di lavoro con impiego di INDEVA - Intelligent DEVice for handling. Read more on www.indevagroup.com Progettazione di posto di lavoro con impiego di INDEVA - Intelligent DEVice for handling Read more on www.indevagroup.com Movimentazione manuale dei carichi Le attività di movimentazione manuale dei carichi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO Ai sensi dell art. 168 del D.lgs. 81/08 e s.m.i. D.S.U. Toscana Sede Legale viale Gramsci n 36 50132 Firenze Attività oggetto dell

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

Sequenza Disintossicante

Sequenza Disintossicante Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga HTTP://WWW.LEVIEDELDHARMA.IT 1 Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga Detoxification Sequenza

Dettagli

Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica

Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica Il Servizio di Riabilitazione Oncologica segue la paziente nel momento dell intervento e successivamente, durante le fasi di cura e di follow-up. A

Dettagli

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter Elettropompe con inverter: analisi tecnico economica Il risparmio energetico delle elettropompe è un elemento cruciale per il sistema produttivo, in quanto la presenza di motori elettrici nella produzione

Dettagli

CANDIDATO: Alessandro Franchini RELATORE: Paolo Trosani

CANDIDATO: Alessandro Franchini RELATORE: Paolo Trosani CANDIDATO: Alessandro Franchini RELATORE: Paolo Trosani I disturbi al rachide costituiscono in tutto il mondo la principale causa di assenze dal lavoro, ripercuotendosi in elevatissimi costi sociali. Il

Dettagli

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO FS 08 1S E un sollevatore manuale uso gancio per operatori professionali del settore ferroviario. Consente il sollevamento di attrezzature ferroviarie dopo essere stato assemblato nei 3 moduli che lo compongono

Dettagli

Mozzarelle ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE

Mozzarelle ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE Matteo Martini Storia dell azienda L azienda nasce nel 1920 e nel corso degli anni ha aumentato la gamma dei prodotti: alla produzione di crescenze e stracchini (anni '60) si è aggiunta quella di robiole

Dettagli

Lavori di precisione Come adattare correttamente la postazione di lavoro. Consigli per i lavoratori

Lavori di precisione Come adattare correttamente la postazione di lavoro. Consigli per i lavoratori Lavori di precisione Come adattare correttamente la postazione di lavoro Consigli per i lavoratori Adattare la postazione di lavoro per migliorare il benessere Avvertite bruciore agli occhi, mal di testa,

Dettagli

Tempi e metodi nelle lavorazioni

Tempi e metodi nelle lavorazioni Tempi e metodi nelle lavorazioni Importanza del tempo nella produzione. Il tempo necessario alla produzione di un bene riveste, per l impresa, un ruolo fondamentale per: - determinazione della sua capacità

Dettagli

Sistema di Confezione in Linea

Sistema di Confezione in Linea Cap. VI REPARTO CONFEZIONE L assemblaggio dei vari pezzi di modello è l operazione che porta alla realizzazione del capo e che è argomento di riflessione per la scelta del tipo di organizzazione del lavoro

Dettagli

SISTEMI DI POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI

SISTEMI DI POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI SISTEMI DI POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI VALUTAZIONE DEL RISCHIO LAVORO EFFETTUATO IN CONDIZIONI DI SICUREZZA BREVE DURATA DI IMPIEGO EVENTUALE SEDILE CARATTERISTICHE ESISTENTI DEI SITI CHE NON È POSSIBILE

Dettagli

B. Belviso*, F. Renzetti*, L. Trimarchi* * INAIL - Direzione Regionale Emilia Romagna-Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione

B. Belviso*, F. Renzetti*, L. Trimarchi* * INAIL - Direzione Regionale Emilia Romagna-Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione PATOLOGIE DELL ARTO SUPERIORE DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETITIVI IN ADDETTI DI UNA AZIENDA MANIFATTURIERA B. Belviso*, F. Renzetti*, L. Trimarchi* * INAIL - Direzione Regionale Emilia Romagna-Consulenza

Dettagli

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Stefano Folzani Responsabile f.f. Servizio di Radiologia Ospedale di Suzzara Dott. Gianluca Castellarin Responsabile Ortopedia III Ospedale

Dettagli

La movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "EINSTEIN" Torino (TO) La movimentazione manuale dei carichi Note informative per la sicurezza e la salute sul lavoro Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 Procedura

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO Azienda Sede BLUCAR COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via Diaz 18 Datore di lavoro Rossi Paolo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione De

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA VIDEOTERMINALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro.

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro. EcoCRT : trattamento tubi catodi di monitor e televisori Un progetto : Premessa e finalità della macchina La macchina è stata progettata e realizzata per il taglio del tubo catodico (separazione pannello

Dettagli

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI Un esame sistematico dei circuiti completi, anche se limitato a pochi tipi di macchine e di attrezzature, sarebbe estremamente complesso e vasto. Il raggiungimento del

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI MANUALE DI ISTRUZIONI MINI CESOIA PIEGATRICE Art. 0892 ! ATTENZIONE Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio leggere il presente

Dettagli

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Fattori di rischio Identificazione delle principali tipologie di fattori di rischio RISCHI PER LA SICUREZZA

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni Rev. 0 del 22/10/2010 Ravenna/Lugo/Faenza Aprile/Maggio 2015 Normativa e documenti di riferimento D.Lgs. 81/08: Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della

Dettagli

2.2.4 Distanze di sicurezza UNI EN ISO 13857:2008, UNI EN 349:1994

2.2.4 Distanze di sicurezza UNI EN ISO 13857:2008, UNI EN 349:1994 2.2.4 Distanze di sicurezza UNI EN ISO 13857:2008, UNI EN 349:1994 2.2.4.1 Descrizione L uso delle distanze di sicurezza rappresenta un modo per garantire l integrità fisica dei lavoratori in presenza

Dettagli

Corso avanzato di massaggio antistress

Corso avanzato di massaggio antistress Corso avanzato di massaggio antistress Massaggio parte anteriore del corpo, delle mani e del viso 21 novembre 2009 www.cmosteopatica.it Massaggio parte anteriore, Pagina 1 Massaggio parte anteriore Il

Dettagli

1.1 LAVORI IN APPALTO... 4 1.2 INTEGRAZIONI... 4

1.1 LAVORI IN APPALTO... 4 1.2 INTEGRAZIONI... 4 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 LAVORI IN APPALTO... 4 1.2 INTEGRAZIONI... 4 2. INFORMAZIONI PRELIMINARI... 5 2.1 ANAGRAFICA AZIENDALE... 5 2.2 DESCRIZIONE DELL ATTIVITA... 6 2.3 DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DEGLI

Dettagli

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1 Difficoltà: livello 1 LA PERLA FIG. 1 Descrizione Scopo e benefici La perla è uno degli esercizi invisibili più facili, perché non richiede una percezione delle diverse parti della muscolatura pelvica.

Dettagli

PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI

PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI Nel 1972 Neer coniò il termine di impingement syndrome con il quale intendeva il conflitto meccanico primario dei tendini della cuffia dei rotatori e della borsa sottoacromiale

Dettagli

La movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi CORSO DI FORMAZIONE La valutazione dei rischi secondo le procedure standardizzate La movimentazione manuale dei carichi (Titolo VI e allegato XXXIII DLgs 81/2008) Rovigo. 19 aprile 2013 Dott.ssa Valeria

Dettagli

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro Formazione specifica Unità Didattica 1 L ambiente e le attrezzature di lavoro Definizione di ambiente di lavoro D.Lgs. 81/2008 Per luogo di lavoro si intende: i luoghi destinati a ospitare posti di lavoro,

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it)

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) A.E.D. ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) La mano con la sua capacità di opporre il pollice all indice e alle altre dita rappresenta una

Dettagli

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI BREVE ANATOMIA DEGLI ADDOMINALI La parete addominale è interamente rivestita da muscolatura la cui tonicità occupa importanza estetica e funzionale, garantendo la tenuta dei

Dettagli

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI L art. 168 definisce per il DDL una sequenza di azioni PARTENDO DAL POSTO DI LAVORO: 1) Individuazione e valutazione ATTIVA ai

Dettagli

nava NPP30 - Manuale Utente CALIBRAZIONE DELLA PRESSIONE Manuale Operativo

nava NPP30 - Manuale Utente CALIBRAZIONE DELLA PRESSIONE Manuale Operativo Manuale Operativo MO-NPP30-IT Rev.0 Ed.12 - Tutte le modifiche tecniche riservate senza preavviso. Manuale Operativo Pag. 1 Pompa manuale di calibrazione tipo NPP30 MANUALE OPERATIVO Contenuti: 1) Istruzioni

Dettagli

Gruppo Tecnico Movimentazione Manuale Carichi nei Caseifici del Parmigiano-Reggiano / giugno 2004

Gruppo Tecnico Movimentazione Manuale Carichi nei Caseifici del Parmigiano-Reggiano / giugno 2004 Scheda 4 - D) MATURAZIONE SALATOIO CAMERA CALDA PROBLEMA 1) TRAINO/SPINTA DEGLI SPERSOLI SU RUOTE O DEL CARRELLO DELLE FORME COMMENTO: la modalità, ormai, maggiormente in uso è quella degli spersoli su

Dettagli

Hoefer SG15, SG30, SG50 e SG100

Hoefer SG15, SG30, SG50 e SG100 man uale utente Italiano Hoefer SG15, SG30, SG50 e SG100 Gradiente makers mu SG100-IM/Italian/Rev.C0/08-12 Indice 1. Introduzione: Hoefer SG15, SG30, SG50, SG100 e produttori di gradiente...1 2. Generazione

Dettagli

Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione e buone prassi ergonomiche

Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione e buone prassi ergonomiche AZIENDA ULSS 20 - VERONA Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione e buone prassi ergonomiche A cura di: Manuela Peruzzi, Mario Gobbi,

Dettagli