AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE"

Transcript

1 AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE Varese 18/11/2005 SIBA S.p.A.

2 PROGRAMMA I. Presentazione di SIBA S.p.A. II. III. IV. Definizione di automazione, telecontrollo e supervisione Automazione, telecontrollo e supervisione negli Impianti di Depurazione Evoluzione dell automazione, telecontrollo e supervisione nel Tempo

3 I. Presentazione di SIBA S.p.A. SIBA S.p.A.

4 PRESENTAZIONE GENERALE Siba SpA opera, da più di 30 anni, nel settore del trattamento delle acque reflue civili. La sua tradizionale attività comprende in particolare la progettazione, costruzione e gestione per: impianti di potabilizzazione impianti di trattamento acque reflue Attiva esclusivamente in Italia, HQ a Milano, uffici operativi a Roma, Napoli e Palermo Più di 100 WWTP (tra cui Torino 1.6MPE, Milano Nosedo 1.25MPE e Roma Est 0.9MPE) Fortemente presente nel settore della privatizzazione delle risorse idriche Con l acquisizione di USF Smogless WWT è di recente formazione e sviluppo un attività operante nel campo degli impianti di trattamento acque reflue industriali

5 DATI SOCIETARI Composizione azionaria: Veolia Water Systems 75% Emit 25% Capitale sociale: 30 M, Dipendenti : ~ Fatturato: 42 M Società con attestazione SOA* e certificazione ISO 9001 *categorie OS22 classifica VIII (importo illimitato) OG6 classifica VI (10 M ) OS19 categoria III (1 M ) qualificazione per progettazione e costruzione fino alla classifica VIII (importo illimitato)

6 ESEMPI SIGNIFICATIVI NOSEDO PESCHIERA BORROMEO IDRAFANGHI (ATHOS ) Nuovi impianti ad elevata potenzialità e tecnologia innovativa, a servizio di Milano e Provincia

7 II. Definizione di automazione, telecontrollo e supervisione SIBA S.p.A.

8 SIGNIFICATO DELLE PAROLE AUTOMAZIONE, TELECONTROLLO E SUPERVISIONE

9 AUTOMAZIONE

10 AUTOMAZIONE Con il termine automazione s intende definire una tecnica che consente - tramite idonee macchine, apparecchiature e procedure - di rendere un processo sempre meno dipendente dall intervento umano, sia di carattere fisico che intellettuale.

11 AUTOMAZIONE

12 AUTOMAZIONE Il nucleo di un sistema automatico è rappresentato dal sistema di controllo il quale acquisisce, converte elabora ed emette le informazioni inerenti il processo.

13 AUTOMAZIONE Per acquisire le informazioni ci si avvale di sensori esterni e di sensori interni. Sensori esterni I sensori esterni sono sensori che intervengono esternamente sul processo automatico come ad esempio i pulsanti, i selettori attraverso i quali l operatore può impostare i dati o comandare il sistema. Sensori interni I sensori interni acquisiscono invece le informazioni inerenti la posizione o lo stato assunto da una parte integrante del sistema. Lo scopo dei sensori è quello di trasformare una grandezza fisica, a cui sono sensibili, in un informazione di tipo elettrico, comprensibile dal sistema di controllo.

14 AUTOMAZIONE

15 AUTOMAZIONE I segnali dei sensori una volta convertiti in informazioni leggibili dal controllore, vengono elaborati e confrontati al fine di prendere le decisioni sulle azioni che la singola utenza o l impianto intero devono intraprendere. Una parte dei segnali in uscita dal controllore sono destinati ad informare l operatore circa lo stato in cui si trova il processo in ogni istante. (segnalazione luminosa, display alfanumerico, video sinottico ecc )

16 AUTOMAZIONE

17 TELECONTROLLO

18 TELECONTROLLO I sistemi di telecontrollo sono utilizzati per la sorveglianza ed il controllo di processi che sono geograficamente distribuiti. Essi comprendono tutte le apparecchiature e le funzioni per l acquisizione, l elaborazione, la trasmissione e la visualizzazione delle necessarie informazioni di processo.

19 TELECONTROLLO

20 TELECONTROLLO Prescrizioni di un sistema di telecontrollo: Caratteristiche funzionali Corretta informazione con risposte veloci ed accurate Condizioni ambientali Funzionamento corretto in condizioni ambientali specifiche Affidabilità, disponibilità e sicurezza Funzionamento sicuro con segnalazione immediata dei guasti Manutenibilità, facilità d uso ed espandibilità HW e SW manutenibili e facilmente adattabili a future espansioni del processo

21 TELECONTROLLO

22 TELECONTROLLO Le caratteristiche che differenziano i sistemi di telecontrollo dai sistemi di controllo locale sono le seguenti: Garanzia della qualità dei dati da trasmettere ed il necessario tempo complessivo di trasferimento; Protocollo di trasmissione dati adatto alla presenza di eventuali rumori; Controllo centralizzato di numerosi impianti geograficamente distribuiti.

23 TELECONTROLLO

24 TELECONTROLLO Il sistema di trasmissione dati utilizza principalmente cavi di comunicazione pubblici o privati oppure canali radio. Eventuali limitazioni imposte dai canali di telecomunicazione possono pesantemente condizionare l efficienza complessiva del sistema. Il sistema di trasmissione dati deve essere considerato parte integrale del sistema di telecontrollo.

25 TELECONTROLLO CONFIGURAZIONE PUNTO A PUNTO Questa configurazione collega due stazioni di telecontrollo ed è la più semplice possibile. Centro di controllo Linea trasmissione dati Stazione periferica

26 TELECONTROLLO CONFIGURAZIONE PUNTO A PUNTO MULTIPLA Il centro di controllo è collegato alle stazioni periferiche con un terminale di linea per stazione. In ogni momento tutte le stazioni periferiche possono trasmettere dati al centro di controllo che a sua volta può trasmettere messaggi simultaneamente ad una o più stazioni periferiche. Centro di controllo Linea trasmissione dati Linea trasmissione dati Stazione periferica Linea trasmissione dati Stazione periferica Stazione periferica

27 TELECONTROLLO CONFIGURAZIONE MULTIPUNTO A STELLA Il centro di controllo è collegato a più di una stazione periferica con un terminale di linea comune. In ogni momento solo una stazione periferica può trasmettere dati al centro di controllo. L apparecchiatura di telecontrollo centrale può trasmettere sia dati ad una o più stazioni periferiche selezionate sia messaggi globali a tutte le stazioni periferiche simultaneamente. Centro di controllo Linea trasmissione dati Linea trasmissione dati Linea trasmissione dati Stazione periferica Stazione periferica Stazione periferica

28 TELECONTROLLO CONFIGURAZIONE MULTIPUNTO OMNIBUS Il centro di telecontrollo è collegato a più di una stazione periferica con un collegamento comune. Le limitazioni imposte allo scambio tra posto centrale e stazioni periferiche sono le stesse che nella configurazione multipunto a stella. Centro di controllo Stazione periferica Linea trasmissione dati Linea trasmissione dati Stazione periferica Linea trasmissione dati Linea trasmissione dati Stazione periferica Stazione periferica

29 TELECONTROLLO CONFIGURAZIONE MULTIPUNTO AD ANELLO La linea di comunicazione tra tutte le stazioni forma un anello. Questo metodo è preferito per migliorare la disponibilità delle comunicazioni. Se il collegamento è interrotto in un punto qualunque, si mantengono completamente le comunicazioni poiché ogni stazione può essere raggiunta dai due lati dell anello. Centro di controllo Stazione periferica Stazione periferica Linea trasmissione dati Stazione periferica Stazione periferica

30 TELECONTROLLO CONFIGURAZIONE COMPLESSA Le configurazioni dei tipi indicati in precedenza possono essere combinate in una grande varietà di configurazioni complesse. La più importante composizione è la configurazione a rete magliata in cui si possono avere comunicazioni tra qualsiasi coppia di stazioni. Si possono inserire punti per la raccolta, la concentrazione e lo scambio delle informazioni. Centro di controllo Punto di raccolta Centro di controllo principale Centro di controllo Punto di raccolta Stazione periferica Stazione periferica Stazione periferica Stazione periferica Stazione periferica Stazione periferica

31 SUPERVISIONE

32 SUPERVISIONE La supervisione è la tecnologia che grazie alla semplice interfaccia grafica ed alla continua raccolta di informazioni in tempo reale ci mostra con immediatezza lo stato di tutte le apparecchiature collegate. L interfaccia uomo-macchina viene definita come il confine in comune tra il terminale di un sistema di elaborazione dati e l operatore che l utilizza.

33 SUPERVISIONE

34 SUPERVISIONE I tipi di informazione sono in genere visualizzati dai seguenti dispositivi: Quadro sinottico Consolle di operatore Strumenti indicatori (analogici e/o digitali) Schermi video Apparati di registrazione Segnalazioni acustiche Apparati di manutenzione

35 SUPERVISIONE

36 STRUTTURA DEGLI IMPIANTI DI AUTOMAZIONE, TELECONTROLLO E SUPERVISIONE

37 STRUMENTAZIONE

38 STRUMENTAZIONE La strumentazione misura una grandezza fisica e/o uno stato in cui si trova una parte dell impianto e la converte in una forma leggibile dall apparato periferico. Gli strumenti utilizzati maggiormente negli impianti sono di due tipi analogico e digitale.

39 STRUMENTAZIONE DIGITALE Un segnale digitale è usato per caratterizzare gli stati che variano in modo discreto (ON/OFF). L informazione digitale è rappresentata da segnali binari individuali aventi due livelli distinti ed esclusivi.

40 STRUMENTAZIONE DIGITALE

41 STRUMENTAZIONE ANALOGICA Un segnale analogico è associato ad una grandezza che può variare entro valori predeterminati (Zero/Fondo Scala). Il campo di segnale della misura analogica può rappresentare una sorgente di informazione variabile nel campo fisico dell utenza.

42 STRUMENTAZIONE ANALOGICA

43 APPARATI PERIFERICI

44 APPARATI PERIFERICI Gli apparati periferici sono i mezzi attraverso i quali è possibile leggere le informazioni della strumentazione installata in campo ed elaborarle e/o inviarle al centro di controllo. Gli apparati periferici si dividono in sistemi a logica cablata e sistemi a logica programmabile.

45 SISTEMI A LOGICA CABLATA Appartengono a questa categoria tutti quei sistemi costituiti da componenti discreti, tra loro collegati secondo una precisa configurazione. I collegamenti sono fissi: si parla più propriamente di cablaggio. Eseguire modifiche è possibile ma con difficoltà spesso notevoli e comunque non come prassi normale. La caratteristica saliente di un sistema a logica cablata è data dall elaborazione parallela dei segnali

46 SISTEMI A LOGICA CABLATA

47 SISTEMI A LOGICA PROGRAMMABILE In questa categoria di sistemi troviamo i controllori programmabili o PLC (Programmable Logic Controller) controllore logico programmabile. Un PLC è un sistema a base elettronica al quale sono collegabili, tramite moduli di ingresso e di uscita, i segnali che provengono dal processo e che devono giungere al processo controllato. Il programma è memorizzato sotto forma di istruzioni in una memoria interna al PLC e viene elaborato in sequenza. In questo caso le modifiche sono facilmente apportabili senza particolari difficoltà.

48 SISTEMI A LOGICA PROGRAMMABILE

49 SISTEMA DI TRASMISSIONE DATI

50 SISTEMA DI TRASMISSIONE DATI Si usano tre metodi basilari per la trasmissione dei dati nei sistemi di automazione, telecontrollo e supervisione: Trasmissione inizializzata da un evento (trasmissione spontanea) Trasmissione su richiesta Trasmissione ciclica Le soluzioni sopra indicate possono essere combinate tra di loro e generare una moltitudine di soluzioni diverse.

51 TRASMISSIONE SPONTANEA La trasmissione dati è inizializzata da eventi, nelle stazioni dove essi si verificano, quali cambiamenti di stato e/o dei valori misurati ecc. Questo metodo soddisfa nel modo migliore le prescrizioni per i sistemi in tempo reale. Il corretto funzionamento della trasmissione è verificato con l invio periodico di informazioni di prova (funzione watchdog).

52 TRASMISSIONE SU RICHIESTA In questo caso la stazione centrale chiede alla stazione periferica di trasmettere lo stato effettivo delle informazioni. In caso di parecchie stazioni periferiche questa modalità è chiamata anche modalità ad interrogazione.

53 TRASMISSIONE CICLICA Questa modalità è frequentemente usata per la trasmissione dei valori misurati dalle stazioni periferiche al centro di controllo. Gruppi di valori misurati e/o informazioni di stato sono trasmessi secondo uno schema a divisione di tempo. Questo tipo di trasmissione provoca un ritardo nell aggiornamento che aumenta con l aumento delle informazioni da esplorare in un ciclo.

54 CENTRO DI CONTROLLO

55 CENTRO DI CONTROLLO Il Centro di Controllo provvede alla gestione ed al monitoraggio di tutte le variabili del sistema e rappresenta il nodo centrale ove convergono tutti i parametri funzionali. Il Centro di Controllo deve garantire l interrogazione dei nodi periferici, l interfaccia videografica delle informazioni dell impianto via software, l archiviazione, la visualizzazione e la stampa dei dati.

56 HARDWARE L hardware del centro di controllo è tipicamente costituito da uno o più elaboratori. Ci sono diversi modi di configurare un Centro di Controllo i più diffusi sono: Configurazione Client Server Configurazione Distribuita

57 HARDWARE

58 SOFTWARE Il software sviluppato, installato e configurato presso il centro di controllo, ha il compito di garantire la gestione dell intero impianto. Le principali funzioni del software di supervisione, sono le seguenti: Gestione dei dati e messaggi Gestione allarmi Comandi ed acquisizioni Stampe ed archivi Configurazioni ed impostazioni

59 BENEFICI AUTOMAZIONE, TELECONTROLLO E SUPERVISIONE

60 OBIETTIVI DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE, TELECONTROLLO E SUPERVISIONE

61 BENEFICI AUTOMAZIONE, TELECONTROLLO E SUPERVISIONE Gli obiettivi che un sistema di telecontrollo permette di conseguire mirano a migliorare la gestione dell impianto in termini di: Centralizzazione delle informazioni Espansioni future Centralizzazione degli allarmi e degli stati Messaging Prevenzione di guasti e anomalie Riduzione dei costi di gestione Rotazione di funzionamento degli apparati Acquisizione sistematica di dati statistici relativi all impianto

62 CARATTERISTICHE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE, TELECONTROLLO E SUPERVISIONE

63 BENEFICI AUTOMAZIONE, TELECONTROLLO E SUPERVISIONE Il sistema di telecontrollo assicura requisiti essenziali in termini strutturali e funzionali: Modularità Flessibilità Integrabilità Facilità d uso Standardicità Sicurezza dati Economia di esercizio e manutenzione Qualità dei componenti e dell integrazione

64 III. Automazione, telecontrollo e supervisione negli impianti di depurazione SIBA S.p.A.

65 CARATTERISTICHE DELL AUTOMAZIONE NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

66 TIPOLOGIA DI UTENZE Le utenze che generalmente vengono installate in un impianto di depurazione sono di diverso tipo: Utenze manuali (Saracinesche, Valvole ecc) Utenze elettriche (Griglie, Pompe, Mixer, Nastri trasportatori, Carroponti, ecc) Quadri Package (Autoclave, Preparazione polielettrolita, Filtropresse ecc) Utenze pneumatiche (Valvole) Strumentazione (Livelli, Portate, Pressioni ecc)

67 TIPOLOGIA DI UTENZE

68 TIPOLOGIA DI PROCESSO L impianto di depurazione non è tra i più complessi da automatizzare, telecontrollare e supervisionare. La struttura dell impianto di depurazione facilita l uso di logiche locali. Alcune macchine richiedono poca gestione. Il processo è relativamente lento, cioè risponde lentamente ai comandi. L impianto di depurazione non si può fermare, in quanto l utenza non si ferma.

69 TIPOLOGIA DI SCELTA Strumentazione che garantisca una misura corretta e costante. Apparati periferici di categoria medio/alta che in caso di guasto o malfunzionamento permettano interventi rapidi e senza blocchi di tutto o parte dell impianto. Sistema di trasmissione dati ridondato con cavo schermato ed armato. Supervisione che permetta una veloce diagnosi in caso di anomalie e che riduca al minimo le conseguenze di guasto su una postazione operatore.

70 PROGETTAZIONE DI UN NUOVO IMPIANTO

71 SUDDIVISIONE DELL IMPIANTO IN SEZIONI FUNZIONALI La suddivisione in sezioni dell impianto aiuta a capire come suddividere la gestione delle utenze tra i vari apparati periferici. La documentazione che si utilizza è la planimetria dell impianto insieme ai disegni (P&I) che il processista ha sviluppato.

72 SUDDIVISIONE DELL IMPIANTO IN SEZIONI FUNZIONALI

73 CALCOLO INGRESSI E USCITE E DIMENSIONAMENTO PLC Elaborare uno tipico per utenza al fine da avere uno standard per tutte le utenze con le stesse caratteristiche. Conta delle utenze ed il conseguente calcolo degli ingressi e delle uscite. Dimensionamento dell apparato periferico prendendo in considerazione anche altri aspetti come: suddivisione delle utenze intervento di utenze di riserva in caso di guasto scorta per ampliamenti futuri ridondanza logiche da implementare sull apparato periferico

74 CALCOLO INGRESSI E USCITE E DIMENSIONAMENTO PLC

75 SCELTA DELLA LINEA DI TRASMISSIONE DEI DATI Supporto fisico di trasmissione dei dati ridondato, schermato ed armato nel caso si usi cavo di rame; ridondato ed armato nel caso di fibra ottica. La scelta del tipo di trasmissione dati può dipendere da diversi fattori: distanza tra gli apparati periferici ed il centro di controllo percorso che il cavo deve compiere all interno dell impianto tipologia di protocollo di comunicazione supportato dagli apparati periferici configurazione del centro di controllo

76 CONFIGURAZIONE DEL CENTRO DI CONTROLLO Configurazione client-server per grossi impianti, configurazione distribuita per impianti di medie e piccole dimensioni. La scelta dell hardware cade su tipologie di macchine standard di mercato. Il software adottato è uno tra i pacchetti di supervisione più diffusi sul mercato.

77 CONFIGURAZIONE DEL CENTRO DI CONTROLLO

78 L ATTIVAZIONE E LA MESSA IN SERVIZIO DELL IMPIANTO

79 L ATTIVAZIONE E LA MESSA IN SERVIZIO DELL IMPIANTO L attivazione e la messa in servizio dell impianto di telecontrollo viene effettuata secondo procedure consolidate: Setup Test Start up Training

80 AUTOMAZIONE, TELECONTROLLO E SUPERVISIONE IN IMPIANTI DI TIPOLOGIA E DIMENSIONI STANDARD (PESCHIERA BORROMEO)

81 IMPIANTO DI PESCHIERA BORROMEO

82 IMPIANTO DI PESCHIERA BORROMEO media potenzialità e concezione moderna 3 depuratore di Milano, dopo Nosedo e Milano Sud Comparto biologico mediante BIOFILTRAZIONE Stabilizzazione fanghi mediante DIGESTIONE ANAEROBICA Potenzialità: A.E. Qmedia (tempo secco) = mc/d Carico inquinante sottratto al corpo ricettore (BOD5): kg/d

83 IMPIANTO DI PESCHIERA BORROMEO Pretrattamenti: unica unità di trattamento per dissabbiatura e sedimentazione primaria

84 IMPIANTO DI PESCHIERA BORROMEO Comparto biologico mediante BIOFILTRAZIONE Trattamento secondario e/o terziario che realizza nel medesimo bacino Depurazione biologica (rimozione di C e N) Filtrazione Compattezza (riduzione del volume da 5 a 1 e della superficie da 7 a 1) Miglior qualità dell effluente (è paragonabile trattamento a fanghi attivi + un terziario) con un Miglior affidabilità di processo (l efficienza non è vincolata alla sedimentabilità del fango come nei sistemi FA) Modularità Adattabilità alle variazioni di carico Facilità di installazione in edifici chiusi e deodorizzati

85 IMPIANTO DI PESCHIERA BORROMEO Influente Acqua di controlavaggio maggiore complessità idraulica rispetto ai classici fanghi attivi necessità di gestire opportunamente le fasi di lavaggio con aria/acqua Effluente

86 IMPIANTO DI PESCHIERA BORROMEO DIGESTIONE ANAEROBICA maggiore complessità di processo rispetto alla digestione aerobica necessità di controllo in continuo, di misure accurate e di dispositivi di sicurezza vista la presenza di Biogas Vista d insieme della linea fanghi

87 IMPIANTO DI PESCHIERA BORROMEO Unità di stampa Unità di supervisione in backup caldo UPS Sala controllo UPS hub interconnessione ottica LAN 10 Mb/s fibra ottica ethernet IEEE AREA 2 AREA 3 PLC1A PLC1B PLC2A PLC2A DI: 304, DO: 88, AI: 32, AO: 8 UTENZE griglie, paratoie, soffianti, elettrovalvole, gruppo elettrogeno, misuratori di livello e portata DI: 336, DO: 80, AI: 16, AO: 0 UTENZE griglie, paratoie, soffianti, elettrovalvole, gruppo elettrogeno, misuratori di livello e portata DI: 352, DO: 72, AI: 32, AO: 8 UTENZE Ventilatori, paratoie, soffianti, elettrovalvole, gruppo elettrogeno, misuratori di livello e portata, analizzatori DI: 320, DO: 96, AI: 32, AO: 8 UTENZE Ventilatori, paratoie, soffianti, elettrovalvole, gruppo elettrogeno, misuratori di livello e portata, analizzatori PLC, 64K, comunicazione ethernet integrata, I/O discreti high speed

88 IMPIANTO DI PESCHIERA BORROMEO Le unità di elaborazione e controllo delle stazioni periferiche sono basate su PLC collegati via ethernet alla supervisione con cui trasmettono e ricevono dati. Caratteristiche generali: elevata velocità di elaborazione per brevi tempi di ciclo potente biblioteca per funzioni complesse forma costruttiva compatta per l installazione in spazi ristretti esenzione da manutenzione al 100%

89 IMPIANTO DI PESCHIERA BORROMEO La rete di comunicazione del sistema di telecontrollo è costituita da una dorsale in fibra ottica basata su protocollo ethernet. Scheda di rete PC1 Scheda di rete PC2 HUB Modulo industrial ethernet PLC1A Modulo industrial ethernet PLC1B Modulo industrial ethernet PLC2A Modulo industrial ethernet PLC2B

90 IMPIANTO DI PESCHIERA BORROMEO L hardware del centro di controllo è costituito da due elaboratori (uno di riserva calda all altro); ogni elaboratore possiede la potenzialità necessaria per trattare autonomamente tutte le informazioni e i telecomandi del sistema. Il software sviluppato, installato e configurato presso il centro di controllo complessivamente gestisce quattro stazioni periferiche con logiche distribuite.

91 AUTOMAZIONE, TELECONTROLLO E SUPERVISIONE IN GROSSI IMPIANTI (MILANO NOSEDO)

92 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO

93 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO Classica tipologia impiantistica applicata ad un impianto di notevoli dimensioni Potenzialità: A.E. Qmedia (tempo secco) = mc/d Carico inquinante sottratto al corpo ricettore (BOD5): kg/d

94 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO Disinfezione Nitrificazione Denitrificazione Filtropresse 5 Deodorizzazione 6 1 Grigliatura Refluo in uscita dall'impianto

95 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO 1. Grigliatura

96 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO 2. Nitrificazione

97 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO 3. Disinfezione

98 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO 4. Refluo in uscita dall'impianto

99 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO 5. Alimentazione Filtropresse

100 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO 5. Filtropresse

101 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO 6. Deodorizzazione

102 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO

103 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO Il sistema di automazione sarà composto da nove apparati del tipo controllori programmabili (PLC) predisposti per teleoperazioni, che provvederanno a gestire direttamente le logiche di automazione previste per le varie sezioni e/o utenze di impianto. Ogni PLC è dotato di unità centrale (CPU) ridondata. Ogni unità periferica controlla i segnali di propria pertinenza provenienti dal quadro Power center (PC), dal quadro motor control center (MCC) e dal quadro strumenti ed interfaccia (QSI).

104 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO E prevista una rete locale per il collegamento delle cinque unita PLC e delle cinque stazioni di supervisione. La rete è di tipo Ethernet per applicazioni industriali. La connessione avviene mediante cavo ottico multiplo adatto alla posa in cavidotto con protezione antiroditore. Il collegamento delle quattro stazioni slave delle opere di presa con la stazione master nella sala controllo, si basa su linea dedicata, ridondata con linee telefoniche commutate. La connessione avviene mediante cavo ottico multiplo adatto alla posa in cavidotto con protezione antiroditore e mediante linea telefonica commutata per la linea di ridondanza.

105 IMPIANTO DI MILANO NOSEDO La supervisione è composta da una piattaforma hardware comprendente cinque stazioni di supervisione costituite ognuna da un elaboratore a microprocessore e da una piattaforma software comprendente sia il software di base (ambiente operativo e sistema di gestione della base di dati) che il software applicativo finalizzato al comando, alla supervisione ed alla manutenzione.

106 AUTOMAZIONE, TELECONTROLLO E SUPERVISIONE IN IMPIANTI PARTICOLARI (ATHOS)

107 IMPIANTO DI TRUCCAZZANO

108 IMPIANTO DI TRUCCAZZANO L unità Athos, complessità tecnologica Potenzialità: A.E. Carico di fango giornaliero kgss/d

109 IMPIANTO DI TRUCCAZZANO Athos : Ossidazione ad umido Reazione chimica ossidazione in reattore in condizioni controllate Ossidazione di composti organici solubili o sospesi Reazione realizzata in matrice acquosa Non è un incenerimento Aria od Ossigeno puro come agenti ossidanti Condizioni controllate Temperatura: C Pressione: bar Applicata a: Fanghi di supero da impianti depurazione municipali/industriali Reflui industriali concentrati (COD mg/l) Rigenerazione di carboni attivi esauriti

110 IMPIANTO DI TRUCCAZZANO

111 IMPIANTO DI TRUCCAZZANO

112 IMPIANTO DI TRUCCAZZANO Caldaia INSTALLAZIONI ACCESSORIE Filtropressa Prodotto finale: TECNOSABBIA

113 IMPIANTO DI TRUCCAZZANO

114 IMPIANTO DI TRUCCAZZANO Un PLC centrale dotato di CPU e doppia scheda di comunicazione, una verso i rack di espansione ed una verso il PLC di preparazione fanghi. Le estensioni sono installate nell impianto e sono adibite alla gestione del Solfato di Rame, Ossigeno, Caldaia, ecc. Il PLC di preparazione fanghi è dotato di CPU e di scheda di comunicazione per il dialogo con il PLC centrale.

115 IMPIANTO DI TRUCCAZZANO Il sistema di comunicazione utilizzato è molto semplice in quanto il Centro di Controllo si trova nello stesso locale del PLC centrale. Rete Ethernet in rame per la trasmissione dati tra la postazione operatore ed il PLC centrale. Trasmissione dati mediante protocollo Modbus su cavo di rame tra il PLC centrale ed il PLC di preparazione fanghi. Il collegamento tra il PLC centrale ed i rack di espansione avviene attraverso cavo di rame.

116 IMPIANTO DI TRUCCAZZANO Il centro di controllo è configurato con una sola postazione operatore di supervisione. Per la stampa degli allarmi viene usata una stampante ad aghi collegata direttamente alla postazione operatore. Per la stampa grafica viene usata una stampante laser collegata direttamente alla postazione operatore. La postazione operatore è dotata di combinatore telefonico per l avviso su telefonia mobile degli allarmi.

117 IV. Evoluzione dell Automazione, telecontrollo e supervisione nel tempo SIBA S.p.A.

118 PROGETTO IMPIANTI DIMOSTRATIVI PLUVIRRIGUI (1983)

119 PROGETTO IMPIANTI DIMOSTRATIVI PLUVIRRIGUI (1983) N 2 stazioni automatiche agrometereologiche controllate e comandate da un unico computer per la gestione irrigua delle zone S. Paolo Civitate e Lesina. Le due aree distano tra loro 15 Km circa, mentre il computer è alloggiato in un apposito vano della casa di guardia che dista circa 10 Km da ogni area sperimentale. Il collegamento tra le aree ed il computer sarà eseguito via linea telefonica dedicata (CDA) fornita da Telecom.

120 PROGETTO IMPIANTI DIMOSTRATIVI PLUVIRRIGUI (1983)

121 PROGETTO ACQUEDOTTO MARSALA (1990)

122 PROGETTO ACQUEDOTTO MARSALA (1990) Il sistema acquedottistico di Marsala e' composto da 4 stazioni di approvvigionamento (pozzi), da 5 stazioni di accumulo e smistamento (serbatoi) e da 14 stazioni di distribuzione (nodi). Presso ogni stazione sono predisposti gli apparecchi (pompe, valvole, sistemi di dosatura del cloro) e gli strumenti di misura (portata, livello, il cloro residuo, la pressione) necessari per la corretta gestione della distribuzione idrica. L'intero impianto può essere gestito sia in locale, sia dal Centro Operativo posto presso la stazione di Cardilla, dal quale e' possibile monitorare tutte le stazioni e inviare a ciascuna di esse comandi sia in tempo reale (modalità manuale remota), sia in base a programmi automatici predefiniti (modalità automatica). Tutte le informazioni scambiate tra le stazioni periferiche e il Centro Operativo vengono registrate in maniera cronologica.

123 PROGETTO ACQUEDOTTO MARSALA (1990)

124 PROGETTO ACQUEDOTTO MILANO (1996)

125 PROGETTO ACQUEDOTTO MILANO (1996) I dati e i comandi relativi alle varie stazioni di sollevamento sono ricevuti e rispettivamente inviati a mezzo di una unica coppia telefonica per ogni Stazione Periferica verso il Centro di competenza tramite l apparato di teletrasmissione (Novara, Anfossi, Suzzani, S.Siro). Gli apparati al Centro provvedono a collegarsi sequenzialmente ad ognuna delle Stazioni Periferiche di competenza. Ad ogni Centro sono disponibili le segnalazioni di allarme relative allo stato degli apparati di telecontrollo collegati ed alla teletrasmissione. In ogni Centro gli elaboratori sono connessi ad un quadro sinottico di segnalazione e comando (di conformazione identica per tutti i Centri esistenti). Al Centro di San Siro sono installati 3 terminali per la visualizzazione dei dati dei Centri di Novara, Anfossi, Suzzani e S.Siro stesso. Tali elaboratori sono connessi alla rete locale per la condivisione delle stampanti e per il collegamento con i Centri di Novara, Anfossi e Suzzani.

126 PROGETTO ACQUEDOTTO MILANO (1996)

SUPERVISIONE, AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO DI UN IMPIANTO DI TRATTAMENTO E BONIFICA DI ACQUE DI SCARICO CIVILI E INDUSTRIALI

SUPERVISIONE, AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO DI UN IMPIANTO DI TRATTAMENTO E BONIFICA DI ACQUE DI SCARICO CIVILI E INDUSTRIALI SUPERVISIONE, AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO DI UN IMPIANTO DI TRATTAMENTO E BONIFICA DI ACQUE DI SCARICO CIVILI E INDUSTRIALI Nel corso degli anni 2000 2007 s.d.i. automazione industriale ha realizzato,

Dettagli

D-R.07 Disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici: Somme dell Amministrazione

D-R.07 Disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici: Somme dell Amministrazione Indice FORNITURE SOFTWARE DI CONTROLLO... 3 Art. 1 - HSC.01 - Software di autocontrollo locale del processo a cicli... 3 Art. 2 - HSC.EG.01 - Software di telecontrollo globale d impianto EasyGest WWTP

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Sistemi di automazione e controllo di processo

Sistemi di automazione e controllo di processo Sistemi di automazione e controllo di processo Profilo dell azienda S o l u z i o n i i n d u s t r i a l i La società INDAS d.o.o., ubicata a Novi Sad, capoluogo della regione della Vojvodina, è una delle

Dettagli

SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A

SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A S.p.A. SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A Ing. Daniele Sturla Acaop S.p.A Stradella (PV) S.p.A. ACAOP S.p.A. (Azienda Consorziale Acquedotti

Dettagli

TELECONTROLLO DELLA DISTRIBUZIONE ACQUA POTABILE E COLLETTAMENTO ACQUE REFLUE PER AZIENDA GARDESANA SERVIZI

TELECONTROLLO DELLA DISTRIBUZIONE ACQUA POTABILE E COLLETTAMENTO ACQUE REFLUE PER AZIENDA GARDESANA SERVIZI TELECONTROLLO DELLA DISTRIBUZIONE ACQUA POTABILE E COLLETTAMENTO ACQUE REFLUE PER AZIENDA GARDESANA SERVIZI s.d.i. automazione industriale ha realizzato per l Azienda Gardesana Servizi (AGS) di Peschiera

Dettagli

STRUMENTAZIONE. Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. APPARATI SINGOLI MASTER RETE LOCALE SUPERVISIONE

STRUMENTAZIONE. Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. APPARATI SINGOLI MASTER RETE LOCALE SUPERVISIONE Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. Ing.Francesco M. Raimondi www.unipa.it/fmraimondi Lezioni del corso di Automazione Industriale Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura C.A.D.F. S.p.A. C.A.D.F. S.p.A., società a capitale pubblico gestisce il Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura Codigoro Via Alfieri.3 Tel: 0533725111 Fax: 0533713617 Internet: www.cadf.it

Dettagli

LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE

LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE Paola Foladori, Gianni Andreottola Università degli Studi di Trento via Mesiano 77, Trento Giuseppe Bonacina ABB SpA,

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI PLC

CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI PLC CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI Introduzione ai comandi elettronici e ai controllori logici programmabili L automazione di una qualsiasi operazione di un processo produttivo viene conseguita attraverso

Dettagli

La telegestione delle reti idriche di adduzione e distribuzione: analisi costi benefici. Vincenzo Lanave

La telegestione delle reti idriche di adduzione e distribuzione: analisi costi benefici. Vincenzo Lanave AssoAutomazione Associazione Italiana Automazione e Misura La telegestione delle reti idriche di adduzione e distribuzione: analisi costi benefici Vincenzo Lanave Telecontrollo: la modernizzazione delle

Dettagli

Programma Generale MJK - IL VS. PARTNER PER LA STRUMENTAZIONE DI MISURA E IL CONTROLLO DI PROCESSO BROCHURE IT 1.10 PRODUKT BROCHURE 1304

Programma Generale MJK - IL VS. PARTNER PER LA STRUMENTAZIONE DI MISURA E IL CONTROLLO DI PROCESSO BROCHURE IT 1.10 PRODUKT BROCHURE 1304 1 Programma Generale MJK - IL VS. PARTNER PER LA STRUMENTAZIONE DI MISURA E IL CONTROLLO DI PROCESSO BROCHURE IT 1.10 PRODUKT BROCHURE 1304 M I S U R A D I L I V E L LO 2 Trasmettitori di livello Expert

Dettagli

Quadri elettrici, sensori, software. Telecontrollo e automazione per la gestione di pompe e impianti

Quadri elettrici, sensori, software. Telecontrollo e automazione per la gestione di pompe e impianti Quadri elettrici, sensori, software 122 Telecontrollo e automazione per la gestione di pompe e impianti Il sistema di telecontrollo, telecomando ed automazione locale è composto da unità periferiche intelligenti,

Dettagli

Automazione di impianti e telecontrollo in un sistema. SIMATIC PCS 7 TeleControl SIMATIC PCS 7. Answers for industry.

Automazione di impianti e telecontrollo in un sistema. SIMATIC PCS 7 TeleControl SIMATIC PCS 7. Answers for industry. Automazione di impianti e telecontrollo in un sistema SIMATIC TeleControl SIMATIC Answers for industry. SIMATIC TeleControl La soluzione intelligente per impianti con stazioni di automazione locali, distribuite

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Presentazione del sistema Adcon Telemetry

Presentazione del sistema Adcon Telemetry Presentazione del sistema Adcon Telemetry 1. Premessa Lo scopo del monitoraggio è quello di automatizzare i processi, nei vari campi di applicazione, mediante sistemi di controllo, di trasmissione, raccolta

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

IL TELECONTROLLO DELLA DEPURAZIONE IN PUGLIA : STATO DELL ARTE

IL TELECONTROLLO DELLA DEPURAZIONE IN PUGLIA : STATO DELL ARTE IL TELECONTROLLO DELLA DEPURAZIONE IN PUGLIA : STATO DELL ARTE Massimiliano Baldini Direttore Industriale PURA Depurazione S.r.l. Gruppo AQP SpA Viale Vittorio Emanuele Orlando - 70123 BARI TEL +39.080.5723579

Dettagli

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Soluzioni di successo Soluzioni di successo per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Installazione del controller OSCAR per l'areazione intermittente per l adeguamento dell impianto di depurazione di Savigliano

Dettagli

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P.

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

Dettagli

Esempi di telecontrollo Impianti di sollevamento e reti fognarie

Esempi di telecontrollo Impianti di sollevamento e reti fognarie Esempi di telecontrollo Impianti di sollevamento e reti fognarie Cagliari 7 Maggio 2009 Guido DI VIRGILIO M&C Department ITT WWW - Telecontrollo RTUs Scada Low Power RTUs Communication ITALIA - Reparto

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza

Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza FORUM di PREVENZIONE FORUM di PREVENZIONE Certificazione SIL (Safety Integrity Level)

Dettagli

SCADA: struttura modulare

SCADA: struttura modulare Sistemi per il controllo di supervisione e l acquisizione dati o (Supervisory Control And Data Acquisition) Sistema informatico di misura e controllo distribuito per il monitoraggio di processi fisici

Dettagli

La telegestione. a distanza degli impianti

La telegestione. a distanza degli impianti La telegestione L o s t r u m e n t o o t t i m a l e p e r i l c o n t r o l l o e l a g e s t i o n e a distanza degli impianti Campi di applicazione Acqua potabile Controllo e gestione di tutti gli

Dettagli

Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA

Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA «Competitività e Sostenibilità. Progetti e tecnologie al servizio delle reti di

Dettagli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli SEMINARIO: Sistema depurativo delle acque di rifiuto Impianto di Milano Nosedo 16 giugno 2014 1 Lo scopo delle attività di gestione e controllo

Dettagli

Linee Guida per la progettazione e realizzazione della sicurezza nelle gallerie stradali secondo la normativa vigente

Linee Guida per la progettazione e realizzazione della sicurezza nelle gallerie stradali secondo la normativa vigente linee_g_italia 1-12- 12:16 Pagina 136 gallerie stradali Linee Guida per la progettazione e realizzazione della sicurezza nelle gallerie stradali Rev. Ottobre Pag. 136 di 216 I cicli di ventilazione sono

Dettagli

DISTRIBUZIONE ACQUA E GAS NEL COMUNE DI COMO: RINNOVO DEL SISTEMA DI GESTIONE E TELECONTROLLO DEGLI IMPIANTI

DISTRIBUZIONE ACQUA E GAS NEL COMUNE DI COMO: RINNOVO DEL SISTEMA DI GESTIONE E TELECONTROLLO DEGLI IMPIANTI DISTRIBUZIONE ACQUA E GAS NEL COMUNE DI COMO: RINNOVO DEL SISTEMA DI GESTIONE E TELECONTROLLO DEGLI IMPIANTI Il revamping, realizzato nell anno 2006, del sistema di supervisione e controllo impiegato nel

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO E TELECONTROLLO DA CENTRO REMOTO E/O LOCALE, PER LAMPIONE A LED INTELLIGENTE

SISTEMA DI MONITORAGGIO E TELECONTROLLO DA CENTRO REMOTO E/O LOCALE, PER LAMPIONE A LED INTELLIGENTE SISTEMA DI MONITORAGGIO E TELECONTROLLO DA CENTRO REMOTO E/O LOCALE, PER LAMPIONE A LED INTELLIGENTE - itrpled - INDICE 1. GENERALITA 2. DESCRIZIONE DEL SISTEMA 3. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA 4. VANTAGGI

Dettagli

Il Monitoraggio della Rete Elettrica Sistema MRE. Stefano Zanin Sales Account Manager SELTA S.p.A.

Il Monitoraggio della Rete Elettrica Sistema MRE. Stefano Zanin Sales Account Manager SELTA S.p.A. Il Monitoraggio della Rete Elettrica Sistema MRE Stefano Zanin Sales Account Manager SELTA S.p.A. Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre 2009 La Stazione Elettrica nella rete

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE INDICE...1 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...2 2. CARATTERISTICHE TECNICHE...6 2.1 Apparati video...6 2.2 Apparati di videoregistrazione...6 2.3 Apparati di rete wireless...7 2.4 Sistema di centralizzazione

Dettagli

SISTEMA CONTROLLO TRAZIONE ELETTRICA quando la collaborazione è più veloce della burocrazia

SISTEMA CONTROLLO TRAZIONE ELETTRICA quando la collaborazione è più veloce della burocrazia SISTEMA CONTROLLO TRAZIONE ELETTRICA quando la collaborazione è più veloce della burocrazia TECNAU Transport Division s.r.l Dal 14 Dicembre 2002 è in esercizio presso la centrale Firenze Campo di Marte,

Dettagli

Controller SC: Uno per tutti

Controller SC: Uno per tutti INFORMAZIONI ANALISI DA PROCESSO CONTROLLER UNIVERSALE SC100/SC1000 Controller SC: Uno per tutti La piattaforma universale per tutte le sonde e gli analizzatori PIATTAFORMA_SC Controller SC: una nuova

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012) CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL

Dettagli

Esempi di telecontrollo Impianti di sollevamento e reti fognarie

Esempi di telecontrollo Impianti di sollevamento e reti fognarie Esempi di telecontrollo Impianti di sollevamento e reti fognarie Firenze 15 Aprile 2010 Guido DI VIRGILIO M&C Department ITT WWW - Telecontrollo RTUs Scada Low Power RTUs Communication ITALIA - Reparto

Dettagli

Sistema di telecontrollo dell illuminazione pubblica milanese

Sistema di telecontrollo dell illuminazione pubblica milanese Sistema di telecontrollo dell illuminazione pubblica milanese Milano possiede un sistema di controllo dell illuminazione pubblica particolarmente efficiente. s.d.i. automazione industriale ha provveduto,

Dettagli

MAESTRO-PV Specifiche tecniche per sistema telecontrollo, gestione e invio allarmi per impianti fotovoltaici

MAESTRO-PV Specifiche tecniche per sistema telecontrollo, gestione e invio allarmi per impianti fotovoltaici SPECIFICHE TECNICHE MAESTRO-PV Specifiche tecniche per sistema telecontrollo, gestione e invio allarmi per impianti fotovoltaici RSPV05I1 rev.01 0909 (Descrizione) Il sistema di telegestione telecontrollo

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

Impresa: Ragione Sociale. Città..(Provincia) Indirizzo.Tel

Impresa: Ragione Sociale. Città..(Provincia) Indirizzo.Tel UNI EN ISO 9001:2008 ALL. 3/1 QUESTIONARIO TECNICO PER SISTEMI DI MONITORAGGIO PAZIENTI, SISTEMI DA ANESTESIA E VENTILATORI PER NIV PER REPARTI VARI DEL NUOVO BLOCCO NORD DELL OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED

Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED DOCUMENTO DIVULGATIVO Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED DDPL04I2 rev.2 0511 Pag. 1 di 14 S O M M A R I O 1. GENERALITA 3 2. MONITORAGGI E COMANDI UTILIZZABILI NEL SISTEMA

Dettagli

Telecontrollo. Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto

Telecontrollo. Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto Telecontrollo Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto AUTORE: Andrea Borroni Weidmüller S.r.l. Tel. 0266068.1 Fax.026124945 aborroni@weidmuller.it www.weidmuller.it Ethernet nelle

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

SISTEMI DI TELECONTROLLO A SUPPORTO DEL RISPARMIO IDRICO MONITORAGGIO PERMANENTE: PREVENZIONE E SOLUZIONE DELLE EMERGENZE

SISTEMI DI TELECONTROLLO A SUPPORTO DEL RISPARMIO IDRICO MONITORAGGIO PERMANENTE: PREVENZIONE E SOLUZIONE DELLE EMERGENZE Presentazione a cura di Ing. Emilio Benati, presidente di FAST SpA L attività del gestore di una rete idrica è piuttosto articolata e complicata dovendo rispondere e garantire all utenza una qualità e

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! L interfaccia tra i sistemi di controllo ed i sistemi elettrici: nuove architetture basate su reti e/o bus di comunicazione Andrea Bazzani Michele Monaco Sergio Guardiano SISTEMI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO PROVINCIA DI AREZZO Piano Regionale Agricolo Forestale (PRAF 2012/2015) - Fondi 2015- Misura A.2.11 azione a Realizzazione di interventi finalizzati alla valorizzazione delle risorse superficiali ed al

Dettagli

IMPIANTO POTABILIZZAZIONE SINNI L INTEGRAZIONE DELLE TECNOLOGIE PIÙ AVANZATE AL SERVIZIO. Vincenzo Lanave General Manager Intesis

IMPIANTO POTABILIZZAZIONE SINNI L INTEGRAZIONE DELLE TECNOLOGIE PIÙ AVANZATE AL SERVIZIO. Vincenzo Lanave General Manager Intesis IMPIANTO POTABILIZZAZIONE SINNI L INTEGRAZIONE DELLE TECNOLOGIE PIÙ AVANZATE AL SERVIZIO DELL AUTOMAZIONE E DELLA GESTIONE DEL PROCESSO Vincenzo Lanave General Manager Intesis INTESIS Srl - Via Don Guanella

Dettagli

Componenti per l automazione industriale

Componenti per l automazione industriale Componenti per l automazione industriale Gest. Aziend. Pian. Prod. EDP PIMS Supervisione Controllo di base SCADA PLC / PID DCS Misura e comando Sensori e attuatori Architettura a singolo anello Realizzata

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2

TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2 1 TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE INDICE INTRODUZIONE... pag.2 LE RETI DI COMUNICAZIONE.. pag.2 La rete interconnessa (o a maglia).. pag.2 La rete a commutazione. pag.3 La rete policentrica

Dettagli

LA RETE TELEMETRICA CRIOSYSTEM 2000

LA RETE TELEMETRICA CRIOSYSTEM 2000 LA RETE TELEMETRICA CRIOSYSTEM 2000 La rete telemetrica CRIOSYSTEM 2000 consente di monitorare gli impianti di stoccaggio, miscelazione e distribuzione gas per uso medicale ed industriale. Il controllo

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Programmable Logic Controllers - PLC

Programmable Logic Controllers - PLC Programmable Logic Controllers - PLC Introduzione! Negli anni sessanta i sistemi di automazione e controllo potevano essere implementati solo tramite circuiti a relè oppure con dispositivi allo stato solido

Dettagli

www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting

www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting Indoor Smart Building INDOOR LIGHTING Gli edifici del futuro saranno in grado di acquisire dai propri sistemi informazioni utili

Dettagli

Integrated Comfort SyStemS

Integrated Comfort SyStemS Integrated Comfort Systems Per garantire standard elevati di comfort climatico non basta progettare e realizzare un sistema di condizionamento costituito da componenti selezionati e affidabili, è anche

Dettagli

Micromoduli. Tipologia di Micromoduli. Tipologia di Espansioni SCHEDA 3.0.0

Micromoduli. Tipologia di Micromoduli. Tipologia di Espansioni SCHEDA 3.0.0 Micromoduli Un notevole punto di forza delle centrali ESSER è dettato dall estrema modularità di queste centrali. L architettura prevede l utilizzo di micromoduli, schede elettroniche inseribili all interno

Dettagli

Regolatore per Controllo Pompe 704

Regolatore per Controllo Pompe 704 Regolatore per Controllo Pompe 704 2.24IT/0006-E10 I ns. prodotti sono in continuo sviluppo, pertanto riserviamo il diritto di apportare variazioni e modifiche senza alcun preavviso Generalità Il regolatore

Dettagli

Gestione ed ottimizzazione degli impianti di pompaggio fognario e depurazione di acque reflue

Gestione ed ottimizzazione degli impianti di pompaggio fognario e depurazione di acque reflue Incontro sul tema: Gestione ed ottimizzazione degli impianti di pompaggio fognario e depurazione di acque reflue Criteri di funzionamento dei sistemi di telecontrollo Alcuni casi di applicazioni di sistemi

Dettagli

WIN-ALARM SOFTWARE PER CENTRI SERVIZI DI TELECONTROLLO E TELEGESTIONE

WIN-ALARM SOFTWARE PER CENTRI SERVIZI DI TELECONTROLLO E TELEGESTIONE WIN-ALARM SOFTWARE PER CENTRI SERVIZI DI TELECONTROLLO E TELEGESTIONE Cos'è la Telegestione La Telegestione consente il controllo continuo ed automatizzato del funzionamento di un'installazione remota,

Dettagli

Hardware & Software Development

Hardware & Software Development Hardware & Software Development MISSION Realizzare prodotti ad alta innovazione tecnologica e fornire servizi con elevati standard qualitativi 3 AZIENDA ATTIVITÀ Prodotti 4 6 8 10 5 AZIENDA ISER Tech

Dettagli

Unità intelligenti serie DAT9000

Unità intelligenti serie DAT9000 COMPONENTI PER L ELETTRONICA INDUSTRIALE E IL CONTROLLO DI PROCESSO Unità intelligenti serie DAT9000 NUOVA LINEA 2010 www.datexel.it serie DAT9000 Le principali funzioni da esse supportate, sono le seguenti:

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Servizio Energetico negli Edifici di Proprietà e Competenza Provinciale Periodo 2009-2014 ALLEGATO A6

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Servizio Energetico negli Edifici di Proprietà e Competenza Provinciale Periodo 2009-2014 ALLEGATO A6 ALLEGATO A6 Sistema di Telecontrollo Il sistema informatico, di proprietà ed in dotazione all Amministrazione, per la gestione degli impianti termici è il modello STR3000, prodotto da Teckna S.r.l., con

Dettagli

CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE

CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE Le gru mobili portuali offrono soluzioni flessibili alla movimentazione dei carichi all interno dei porti,

Dettagli

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 Ogni sensore/attuatore è collegato direttamente al PLC Cablaggi relativamente semplici da eseguire Difficoltà a espandere l impianto Informazioni

Dettagli

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Andrea Natale Roma, 16 giugno 2010 0 Il contesto normativo internazionale CEI (Italia) UNI (Italia) CENELEC

Dettagli

Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0

Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0 Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0 Categoria COMPUTO E CAPITOLATO Famiglia SISTEMI DI CONTROLLO Tipologia SISTEMA DI SUPERVISIONE GEOGRAFICO Modello TG-2000 WIDE AREA Pubblicata il 01/09/2006 TESTO PER COMPUTO

Dettagli

D-GUARD SISTEMA DI MONITORAGGIO IN CONTINUA DEI DISPOSITIVI MEDICI EROGANTI TEMPERATURE COSTANTI E CONTROLLATE

D-GUARD SISTEMA DI MONITORAGGIO IN CONTINUA DEI DISPOSITIVI MEDICI EROGANTI TEMPERATURE COSTANTI E CONTROLLATE D-GUARD SISTEMA DI MONITORAGGIO IN CONTINUA DEI DISPOSITIVI MEDICI EROGANTI TEMPERATURE COSTANTI E CONTROLLATE 1. Introduzione Recenti disposizioni legislative (Decreto Dirigente Unità Organizzativa 19

Dettagli

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Sistema per il controllo e la tracciabilità dei prodotti durante le fasi del processo di sterilizzazione Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA 2007-2013 PON01_01480_11

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA 2007-2013 PON01_01480_11 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA 2007-2013 PON01_01480_11 IN.TE.R.R.A. (Innovazioni tecnologiche e di processo per il riutilizzo irriguo delle acque reflue urbane e agro-industriali

Dettagli

DCC 4.01. Data Center Control. Da oltre 20 ANNI, la nostra esperienza a vostra disposizione

DCC 4.01. Data Center Control. Da oltre 20 ANNI, la nostra esperienza a vostra disposizione DCC 4.01 Data Center Control Da oltre 20 ANNI, la nostra esperienza a vostra disposizione DCC 4.01 - DATA CENTER CONTROL Il DCC4.01 è un sistema opportunamente studiato per la gestione e il controllo di

Dettagli

LA TÉLÉGESTION. Prodotti di telegestione e distrettualizzazione

LA TÉLÉGESTION. Prodotti di telegestione e distrettualizzazione Gamma LA TÉLÉGESTION SOFREL Prodotti di telegestione e distrettualizzazione LACROIX Softec propone una gamma di prodotti di telegestione e distrettualizzazione completa, flessibile ed in grado di rispondere

Dettagli

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA'

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA' PREMESSA In questa lezione analizziamo i concetti generali dell automazione e confrontiamo le diverse tipologie di controllo utilizzabili nei sistemi automatici. Per ogni tipologia si cercherà di evidenziare

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

II-087 - COSTRUZIONE, SUPERVISIONE E TELECONTROLLO DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO FISICO-CHIMICO DEI REFLUI BASATI SULL IMPIEGO DEL REATIVO DI FENTON

II-087 - COSTRUZIONE, SUPERVISIONE E TELECONTROLLO DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO FISICO-CHIMICO DEI REFLUI BASATI SULL IMPIEGO DEL REATIVO DI FENTON II-087 - COSTRUZIONE, SUPERVISIONE E TELECONTROLLO DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO FISICO-CHIMICO DEI REFLUI BASATI SULL IMPIEGO DEL REATIVO DI FENTON Francesco Montemagno 1) Responsabile tecnico ecodepura

Dettagli

Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna.

Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna. Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna. Si richiede la realizzazione, a completo carico della ditta aggiudicataria, di un sistema informatico

Dettagli

Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process

Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process Relatore Roberto Ricci ENEA - Bologna Gruppo di ricerca Roberto Ricci Luca Luccarini

Dettagli

TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE

TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE CS072-ST-01 0 09/01/2006 Implementazione CODICE REV. DATA MODIFICA VERIFICATO RT APPROVATO AMM Pagina

Dettagli

Produrre energia elettrica estraendo olio minerale.

Produrre energia elettrica estraendo olio minerale. A Cura di Roberto Sentimenti Cefla Energia Produrre energia elettrica estraendo olio minerale. I progetti eco-sostenibili per lo sfruttamento ottimale delle risorse sono, per Agip, alla base delle moderne

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione DATI DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO Denominazione impianto Codice Impianto: Comune Indirizzo Località Gestore dell Impianto di trattamento: Coordinate

Dettagli

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 SISTEMA DI ALLARME Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 i s o p l u s IPS-DIGITAL-CU IPS-DIGITAL-NiCr IPS-DIGITAL-Software IPS-DIGITAL-Mobil IPS-DIGITAL isoplus Support

Dettagli

Cliente finale: Multinazionale Farmaceutica

Cliente finale: Multinazionale Farmaceutica Waste Water Treatment Cliente finale: Multinazionale Farmaceutica Finalità del progetto: realizzare la supervisione e il controllo del Trattamento Acque Reflue, impianto di depurazione acqua. Il sistema

Dettagli

2. SISTEMA DI GESTIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO

2. SISTEMA DI GESTIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO Sommario 2. SISTEMA DI GESTIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 2 2.1. Premessa... 2 2.2. Descrizione dell impianto elettrico esistente... 3 2.2.1 Cabina di trasformazione e quadri elettrici... 3 2.2.2 - Circuiti

Dettagli

SERVIZIO IMPIANTI E SICUREZZE

SERVIZIO IMPIANTI E SICUREZZE Pag. 1 di 7 1.0 OGGETTO L'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (I.N.F.N.) Sezione di Milano ha la necessità di provvedere all'automazione del sistema di gestione dell intera sala macchine del centro di

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM. Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM.

Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM. Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM. Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM. model POE M40 GSM code P311040 SOLUZIONI IP www.stab-italia.it 1 Info Questo

Dettagli

Gestione allarmi Trends

Gestione allarmi Trends Il sistema di visualizzazione rappresenta una soluzione semplice e compatta per accedere alle principali funzionalità di controllo di un abitazione. Composto di uno schermo LCD touch screen retroilluminato

Dettagli

La tecnica proporzionale

La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Controllo direzione e flusso La tecnica proporzionale

Dettagli

Building automation con Titino ed Arduino

Building automation con Titino ed Arduino Building automation con Titino ed Arduino Il progetto Titino nasce dopo una prima analisi delle soluzioni di building automation già esistenti e consolidate sul mercato, che hanno le seguenti criticità:

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli