Indice. Allegati cartografici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Allegati cartografici"

Transcript

1

2 Indice 6. Rischio industriale Premessa Rischio di incidente rilevante nel territorio cittadino Informazione ai cittadini P.O.S. per Incidente di Azienda a rischio incidente Premessa P.O.S. da attuare in conformità al Piano di Emergenza Esterna stabilimento Caffaro S.p.A. predisposto dalla Prefettura Premessa Preallarme Cessato stato di preallarme Allarme Cessato stato di allarme P.O.S. da attuare in conformità al Piano di Emergenza Esterna stabilimento Pialorsi Stivengas S.r.l. predisposto dalla Prefettura Premessa Preallarme Cessato stato di preallarme Allarme Cessato stato di allarme Allegati: Allegato A Allegato A Allegato IND 1 Caffaro Allegato IND 2 Caffaro Allegato IND 3 Caffaro Allegato IND 4 Caffaro Allegato IND 5 Caffaro Allegato IND 6 Caffaro Allegato IND 7 Caffaro Allegato IND 8 Caffaro Allegato IND 9 Caffaro Allegato IND 10 Caffaro Allegato IND 11 Caffaro Allegato IND 1 Stivengas Allegato IND 2 Stivengas Allegato IND 3 Stivengas Allegato IND 4 Stivengas Allegato IND 5 Stivengas Allegato IND 6 Stivengas Allegato IND 7 Stivengas Allegato IND 8Stivengas Allegato IND 9Stivengas Allegato IND 10 Stivengas Allegato IND 10 bis Stivengas Allegato IND 11 Stivengas Allegati cartografici

3 6. Rischio Industriale 6.1 Premessa Le principali tecnologie di produzione che hanno caratterizzato il panorama industriale moderno italiano possono essere ricondotte alle seguenti: - tecnologie energetiche; - tecnologie chimiche; - tecnologie nucleari. Ridotto o annullato il problema nucleare, (inteso come connesso ad attività presenti sul territorio nazionale), l attenzione si rivolge oggigiorno alla chimica in generale includendo in ciò anche le attività industriali legate allo stoccaggio-trasformazione dei prodotti petroliferi. Secondo quanto emerge dal rapporto Mappatura del rischio industriale in Italia realizzato dall Apat 1 (Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici) sono attualmente n gli impianti industriali a rischio collocati su tutto il territorio nazionale. Di questi impianti oltre il 23% è concentrato in Lombardia, in particolare nelle province di Milano, Bergamo, Brescia e Varese. Sebbene non siano da trascurare gli incidenti di minore entità, ai quali più specificatamente si indirizzano altre normative sulla salute nei luoghi di lavoro o sull inquinamento minore di acqua, aria e suolo, è bene, in questo contesto, definire chiaramente il quadro di riferimento al quale si rivolge la normativa applicabile alle attività industriali ed agli impianti che potrebbero causare incidenti rilevanti Anche in seguito ai gravi danni conseguenti all incidente occorso il 10 luglio 1976 all impianto ICMESA 2 è emersa una consapevolezza che determinate attività (intese come deposito, produzione, lavorazione o trasformazione di particolari sostanze) potevano essere fonte di incidenti con rilevanti conseguenze, sia nei confronti della popolazione, che per l ambiente. La Comunità Europea si è fatta, quindi, interprete del sentimento della comunità e della necessità di disporre di una moderna normativa che, in modo razionale ed organico, regolamenti e, di conseguenza, mitighi i rischi derivanti da attività industriali potenzialmente pericolose. Lo sforzo si è concretizzato con l approvazione della Direttiva Europea 82/501 del 24 giugno 1982 (Direttiva Seveso) alla quale l Italia ha dato attuazione con il D.P.R. 175/88, ed, in tempi 1 L Apat (Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici ha inglobato tutte le funzioni e le attribuzioni dell'anpa. 2 L ICMESA è un azienda chimica sita in provincia di Milano; a seguito dell incidente dell anno 1976 si verificò la fuoriuscita dagli impianti di una nube contenente sostanze tossiche con gravi conseguenze per la popolazione e l ambiente. 3

4 più recenti, con la D.E. 96/82/CE (Seveso 2), recepita a livello nazionale con il D.Lgs. n. 334 del 17 agosto 1999 (Attuazione della direttiva 98/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose), successivamente aggiornato e coordinato con D.Lgs. n. 238/2005 del 21 novembre 2005 (Attuazione direttiva 2003/105/CE) (Seveso 3). Il D.Lgs. 334/99 introduce diverse novità assolute rispetto alla normativa previgente quali il sistema di gestione della sicurezza, il controllo dell urbanizzazione e la partecipazione della popolazione al processo decisionale 3. L art 3 del decreto definisce l incidente rilevante come «un evento quale un'emissione, un incendio o un esplosione di grande entità, dovuto a sviluppi incontrollati che si verificano durante l'attività di uno stabilimento di cui all art. 2 comma 1, e che dia luogo ad un pericolo grave, immediato o differito, per la salute umana o per l'ambiente, all'interno o all'esterno dello stabilimento, e in cui intervengano una o più sostanze pericolose». Lo stesso decreto suddivide, inoltre, le aziende soggette in classi di rischio 4 sulla base della quantità e pericolosità di sostanza presente e della tipologia di processo. 6.2 Rischio di incidente rilevante nel territorio cittadino Il gestore dello stabilimento soggetto a notifica 5 è obbligato a trasmettere al Ministero dell'ambiente, alla Regione, alla Provincia, al Sindaco, al Prefetto e al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco competenti per territorio le informazioni contenute in una apposita scheda allegata al decreto. Gli stabilimenti presenti sul territorio cittadino che hanno trasmesso al Sindaco la scheda informativa sono 6 : CAFFARO CHIMICA S.r.l. (soggetta all art. 8); PIALORSI STIVENGAS S.r.l. (soggetta all art. 8); FERREMI BATTISTA S.p.A. (soggetta all art. 6); SYSTEMA AMBIENTE S.r.l. (già Ecoservizi S.p.A.) (soggetta all art. 8); RIPORTI GALVANICI S.r.l. (soggetta all art. 6); BENONI s.n.c. (soggetta all art. 6); TORCHIANI S.r.l. (soggetta all art. 6); 3 Si riporta a tal proposito l articolo 23 del D.Lgs. 334/99: «La popolazione interessata deve essere messa in grado di esprimere il proprio parere nei casi di: a) elaborazione dei progetti, relativi a nuovi stabilimenti di cui all'articolo 9; b) modifiche di cui all'articolo 10, quando tali modifiche sono soggette alle disposizioni in materia di pianificazione dei territorio prevista dal presente decreto; c) creazione di nuovi insediamenti e infrastrutture attorno agli stabilimenti esistenti.». 4 La classificazione degli stabilimenti soggetti al D.Lgs. 334/99 è, in pratica, stabilita dagli articoli 5, 6 e 8 del decreto stesso. 5 Gli stabilimenti soggetti a notifica sono individuati dall'articolo 2, comma 1, del D.Lgs. 334/99 6 La ditta Ecoservizi S.p.A., originariamente inserita fra le aziende di cui all art. 5, comma 3, del D.Lgs. 334/99, con la modifica della ragione sociale in Systema Ambiente S.r.l., a seguito dell ampliamento dell azienda rientra nella classificazione degli stabilimenti soggetti agli artt. 5, 6 e 8 del sopraccitato decreto. 4

5 Sono di seguito riportate le informazioni relative alla natura dei rischi di incidente rilevante ed estratte dalla scheda compilata, sotto la propria responsabilità, da ciascuno dei gestori degli stabilimenti presenti sul territorio cittadino soggetti a notifica di cui all art. 6 del decreto legislativo 334 del (così come modificato dal D.Lgs. n. 238/2005) e trasmessa 7 al Sindaco ai sensi dell articolo 6 comma 5 del medesimo decreto: CAFFARO CHIMICA S.r.l. - via F. Nullo, 8. Incidente Sostanza coinvolta Rilascio di sostanza pericolosa in fase gas. Cloro Biossido di cloro. Esplosione confinata. Biossido di cloro Idrogeno Acqua ossigenata Isoftalonitrile. PIALORSI STIVENGAS S.r.l. - via Buffalora, 40. Incidente Sostanza coinvolta Rilascio per rottura limitata in zona serbatoi. GPL. Rilascio per rottura tubazioni (compreso distacco manichetta durante lo scarico). GPL. Rilascio di GPL in fase gassosa per apertura delle valvole di sicurezza sui serbatoi. GPL. FERREMI S.p.A. - via Vallecamonica, 3. Incidente Sostanza coinvolta Possibile dispersione di prodotto dannoso per l ambiente, con inquinamento del suolo. Benzine, gasolio, oli combustibili, petrolio. Incendio di serbatoio atmosferico, di serbatoio interrato, di pozza, di autocisterna. Benzine, gasolio, oli combustibili, petrolio. 7 Alla pagina web sono consultabili le sette sezioni delle suddette schede. 5

6 SYSTEMA AMBIENTE S.r.l. (*) via dei Santi, 58 Incidente Sostanza coinvolta Rilascio vapori pericolosi in fossa di scarico fanghi. Dispersione di sostanza tossica Ossidi di azoto Fuoriuscita di polvere dalla psv del silos calce Dispersione di sostanza irritante Calce Fuoriuscita di ammoniaca dall impianto di trattamento pile Dispersione di sostanza tossica Ammoniaca Rilascio di acido cianidrico da reattore trattamento Dispersione di sostanza tossica Acido cianidrico Rilascio di acido cianidrico durante scarico autobotte Dispersione di sostanza tossica Acido cianidrico Rilascio di acido cianidrico da impianto di abbattimento Dispersione di sostanza tossica Acido cianidrico Incendio nel piazzale Irraggiamento da pozza Liquido infiammabile Incendio in area pensile di scarico liquidi infiammabili Irraggiamento da pozza Liquido infiammabile Esplosione di nuvola vapori infiammabili Onda d urto sulle strutture circostanti. Vapori infiammabili RIPORTI GALVANICI S.r.l. via Grandi, 12 Incidente Sostanza coinvolta Rilascio di sostanze tossiche. Acido cianidrico. BENONI S.n.c. via R. Gessi, 24 Incidente Sostanza coinvolta Spandimento di sostanze pericolose per l ambiente. Sali cromici. 6

7 TORCHIANI S.r.l. - via Cacciamali, 45. Incidente Sostanza coinvolta Sversamento di metanolo durante le operazioni di carico/scarico fusti. Dispersione di sostanza tossica. Metanolo. Sversamento di metanolo durante le operazioni di carico/scarico fusti. Incendio di nuvola di vapori infiammabili. Metanolo. Rilascio di acido cianidrico per sversamento di cianuri nella zona di carico/scarico e contemporanea presenza di acidi. Sali di cianuro. Rilascio di acido cianidrico dal camino dell impianto di abbattimento cianuri per indisponibilità dello stesso e contemporanea formazione di HCN nel deposito. Sali di cianuro. La tavola grafica C1 di supporto al Piano riporta l individuazione planimetrica degli stabilimenti di cui sopra, unitamente ad altre aziende che, secondo quanto indicato dall ARPA di Brescia, necessitano comunque di un inserimento nel presente documento. In data 21 febbraio 2005 il Prefetto di Brescia ha approvato i Piani di Emergenza Esterna relativi agli stabilimenti Caffaro Chimica S.r.l. e Pialorsi Stivengas S.r.l.. I suddetti piani sono stati redatti in conformità al D.L. 334/1999 e secondo le linee guida Pianificazione di emergenza esterna per impianti industriali a rischio di incidente rilevante, predisposte nell anno 1994 dal Dipartimento della Protezione Civile: tali linee guida permettono una rapida valutazione delle zone di sviluppo degli effetti di un evento incidentale. Successivamente in data 25 febbraio 2005 il Presidente del Consiglio dei Ministri, con proprio decreto, ha approvato le nuove Linee Guida per la predisposizione del piano di emergenza esterna che aggiorna le precedenti Linee Guida emanate dal Dipartimento di Protezione Civile nel E bene precisare che le sopra indicate linee guida stabiliscono tre distinte zone di pianificazione denominate: 1. Zona di sicuro impatto; 2. Zona di danno; 3. Zona di attenzione. L individuazione di tali zone 8 nell attività pianificatoria, anche se basata su metodi approssimativi, fornisce una utile e veloce indicazione degli interventi di primo soccorso. 8 Nell Appendice 1 del Piano è riportata la definizione nel dettaglio delle zone di pianificazione. 7

8 Le tavole n. C1/a e C1/b (Caffaro Chimica S.r.l. e Pialorsi Stivengas S.r.l.) allegate al Piano riportano le zone di pianificazione individuate dalla locale Prefettura nei piani di emergenza esterni su indicati. Le carte di sintesi C2/a C2/b integrano le tavole anzidette attraverso l individuazione degli edifici strategici (ospedali, scuole, etc.), delle strutture ad elevata esposizione (case di riposo, a- sili, etc.) nonché dei punti di attesa o smistamento della popolazione. Sono infine riportati alcuni dati relativi alla popolazione residente nelle zone di potenziale danno di cui ai Piani di Emergenza Esterna (PEE) della Prefettura soprarichiamati. Popolazione residente al nella "zona di potenziale danno" - pianificazione esterna stabilimento Caffaro S.p.a. di via F. Nullo, 8 Riferimento tavola C1/b n. civici classi di età Via dispari 0-15 anni oltre 60 Totale Milano 25-51/c Villa Glori Morosini Nullo Stoppani 1-1/b Totale n. civici classi di età Via pari 0-15 anni oltre 60 Totale Milano 56/a-100/a Villa Glori Morosini Nullo Chinca Totale Totale residenti: 794 Fonte: elaborazioni a cura dell'ufficio Diffusione dell'informazione Statistica su file informatizzato dell'anagrafe della popolazione residente 8

9 Popolazione residente al nella "zona di potenziale danno" - pianificazione esterna stabilimento Pialorsi Stivengas S.r.l. di via Buffalora. Riferimento tavola C2/b n. civici classi di età Via dispari 0-15 anni oltre 60 Totale Buffalora Agostino Chiappa Della Musia Bormioli Breve Totale n. civici classi di età Via pari 0-15 anni oltre 60 Totale Buffalora Magnolini Bargnani Gessi Bormioli Rezzole Totale Totale residenti: 128 Fonte: elaborazioni a cura dell'ufficio Diffusione dell'informazione Statistica su file informatizzato dell'anagrafe della popolazione residente 6.3 Informazione ai cittadini La Giunta della Regione Lombardia, ritenendo di dover approfondire la materia inerente il rischio chimico-industriale per tutti gli aspetti non direttamente considerati dalla normativa specifica (D.Lgs. 334/99), con propria deliberazione 5 dicembre 2003, n. 7/15496, ha approvato la Direttiva Regionale Grandi Rischi: linee guida per la gestione delle emergenze chimicoindustriali (ai sensi L.R. n. 1/2000, art. 3, comma 131). Il Dipartimento della Protezione Civile, ai sensi del comma 4, art. 20, del sopraccitato D.Lgs. 334/99 e successive modificazioni, ha predisposto il documento relativo alle nuove Linee Guida per l informazione alla popolazione sul rischio industriale (D.P.C.M. 16 febbraio 2007). L articolo 22, comma 4, del D.Lvo 334/99 stabilisce che il Comune, ove è localizzato lo stabilimento soggetto a notifica ai sensi dell art. 6, porti tempestivamente a conoscenza della popolazione le informazioni fornite dal gestore ai sensi dell'articolo 6, comma 5; tali informazioni dovranno includere i contenuti minimi riportati nelle sezioni 1, 2, 3, 4, 5, 6 e 7 della scheda informativa citata al precedente paragrafo. Inoltre, il comma 5 del succitato art. 22 del D.Lvo 334/99, successivamente aggiornato e coordinato con D.Lgs. n. 238/2005 del 21 novembre 2005 (Attuazione direttiva 2003/105/CE) 9

10 (Seveso 3), dispone che il messaggio informativo deve essere fornito nella forma più idonea, ad ogni persona ed ad ogni struttura frequentata dal pubblico che possono essere colpite da un incidente rilevante verificatosi in uno degli stabilimenti. In tale contesto, il Comune di Brescia ha scelto di informare la popolazione attraverso: - la trasmissione alle sedi delle nove Circoscrizioni delle schede (prime sette sezioni) pervenute dalle aziende soggette a notifica, per favorirne la consultazione da parte di tutti i cittadini; - l affissione all Albo Pretorio delle schede (prime sette sezioni); - la pubblicazione in forma integrale sul proprio sito Internet delle schede (prime sette sezioni); - incontri pubblici presso tutte le sedi di Circoscrizione, finalizzati all illustrazione delle informazioni fornite dai gestori degli stabilimenti; - la diffusione 9 di uno specifico opuscolo predisposto dal Servizio Protezione Civile del Comune di Brescia. E di seguito riportato un estratto del suddetto opuscolo nel quale sono evidenziate le precauzioni di autoprotezione di carattere generale per i diversi scenari incidentali (incendio, esplosione o rilascio di sostanze pericolose): 9 La diffusione dell opuscolo informativa è avvenuta all inizio anno

11 Ascolta i messaggi diffusi mediante altoparlante a bordo dei veicoli della polizia municipale Riparati al chiuso all'interno di un edificio. I luoghi all'aperto sono quelli più pericolosi e la strada, che deve rimanere sgombra per l intervento dei soccorsi, è il luogo più esposto. Se sei già all'interno di un edificio restaci (a casa, a scuola, al lavoro, in un negozio). I locali con presenza di poche aperture, posizione ad un piano elevato, disponibilità di acqua, presenza di un mezzo di ricezione delle informazioni, sono tra i più idonei; evita comunque locali interrati o seminterrati. Chiudi bene porte, finestre e prese d'aria o altre aperture (della cucina, le canne fumarie e i camini ecc.), anche con sistemi provvisori. Spegni i sistemi di ventilazione o condizionamento Sintonizzati su radio e televisioni locali. Ascolta le notizie ed eventuali istruzioni che saranno ripetutamente diffuse. Non sentirti abbandonato! Tutte le forze istituzionali sono impegnate nel risolvere l emergenza. Non fumare e spegni qualunque fiamma. Le fiamme consumano ossigeno e ne diminuiscono la disponibilità per la respirazione. Limita all indispensabile l uso del telefono o del cellulare. 11

12 6.4 P.O.S. per Incidente di Azienda a rischio di incidente rilevante con piano di emergenza esterno redatto dalla Prefettura Premessa Nelle pagine seguenti sono riportate le Procedure Operative Standard che il Comune deve adottare nell ambito ed in armonia con le pianificazioni approvate dalla Prefettura. I Piani di Emergenza Esterna 10 attualmente in essere sono stati elaborati in ottemperanza al D.P.R. 175/1988 e si riferiscono alle due aziende cittadine soggette a notifica, secondo quanto previsto dal DPR citato, sotto indicate : - CAFFARO S.p.A. - Via Francesco Nullo, 7; - PIALORSI STIVENGAS S.r.l. - Via Buffalora, La ditta Ecoservizi S.p.A., originariamente inserita fra le aziende di cui all art. 5, comma 3, del D.Lgs. 334/99, con la modifica della ragione sociale in Systema Ambiente S.r.l., a seguito dell ampliamento dell azienda, rientra nella classificazione degli stabilimenti soggetti agli artt. 5, 6 e 8 del sopraccitato decreto ed è in fase di istruttoria la pratica per la presentazione del P.E.E.. 12

13 6.4.2 P.O.S. da attuare in conformità al Piano di Emergenza Esterna - stabilimento Caffaro S.p.a. predisposto dalla Prefettura Premessa Il Piano di Emergenza Esterna relativo allo stabilimento Caffaro S.p.A. è stato approvato con Decreto Prefettizio (prot. n A GAB), modificato con Decreto Prefettizio (prot. n. 4788/12A.10 GAB) e approvato con successivo Decreto Prefettizio (prot. N. 110/12.A.10.74/Pc) Preallarme Il preallarme ha inizio nel momento in cui il Responsabile dello stabilimento CAFFARO si rende conto che nell impianto si sono verificate situazioni anomale d esercizio o incidenti che potrebbero portare a gravi conseguenze. In tali casi, la Direzione dello Stabilimento della Caffaro deve sempre comunicare le circostanze dell incidente, le sostanze coinvolte, le misure adottate e le prevedibili conseguenze a: - Prefettura; - Sindaco, mediante la trasmissione di informativa alla Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale; - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco; - Direzione dell A.S.L.. La Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale, al ricevimento della notizia, informa tempestivamente il Sindaco e dirama via FAX la dichiarazione di stato di preallarme (all. IND 1 caffaro) a tutti gli Enti interessati (all. IND 2 caffaro). Contestualmente informa (all. A1): - Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile; - Il Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio; - Il Comandante del Corpo di Polizia Municipale; - La Sala telecontrolli del Gruppo A.S.M. Brescia S.p.A. (attiva 24/24 h). Negli orari in cui presso la sede centrale del Corpo di Polizia Municipale vi è il solo servizio di piantone, le procedure iniziali relative all avviso al Sindaco, al Comandante del Corpo di Polizia Municipale e al Funzionario comunale reperibile di protezione civile dovranno essere espletate dagli addetti al servizio di piantone stesso. 13

14 Sentito il Sindaco, la Centrale Operativa dispone per l attivazione del Sistema e contatta 11 i componenti del Comitato (all. A1), che dovranno portarsi tempestivamente presso la sede centrale del Corpo di Polizia Municipale. Nelle fasi antecedenti l inizio della riunione del Comitato e ferme restando le competenze del Sindaco ad emanare atti d urgenza, le decisioni di prima necessità saranno assunte dal Dirigente Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio. In caso di sua assenza o irreperibilità la sua sostituzione avverrà secondo quanto previsto dal Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi. Il Sindaco si rapporta costantemente con: - la Prefettura; - il Presidente della Giunta Regionale. Il Funzionario comunale reperibile di Protezione civile attiva il Nucleo comunale di protezione civile e dispone per: - eventuali blocchi stradali sia veicolari che pedonali (all. IND 3 caffaro e tavola C2B della cartografia di supporto), tenendo conto di ampliare, eventualmente, la zona di interdizione mediante l utilizzo del Corpo di Polizia Municipale e delle altre Forze dell Ordine; - la diffusione di un messaggio informativo di preallarme alla popolazione, (all. IND 4 caffaro), utilizzando i veicoli del Corpo di Polizia Municipale dotati di altoparlanti secondo itinerari prestabiliti (all. IND 4 caffaro). I conducenti di tali veicoli saranno dotati di idonei strumenti di protezione (autoprotettore, maschere antigas o quant altro possa necessitare); - l informazione dell evento in corso agli stabilimenti siti nelle adiacenze (all. IND 5 caffaro), affinché adottino le misure di preallarme previste dal proprio piano di emergenza interno; - l attuazione delle specifiche procedure nei confronti di persone disabili segnalate dal Settore Servizi Sociali; 12 - l attivazione della sala funzioni di supporto; 11 Il contatto con i componenti del Comitato da parte della Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale, avviene per via telefonica o, in caso di interruzione di linee, con staffette auto-motomontate della Polizia Municipale stessa. 12 Di cui all elenco riservato, allegato alle specifiche procedure di Settore. 14

15 - la chiusura, a scopo cautelativo, delle entrate o uscite del Cimitero Vantiniano che si affacciano sulla Via Industriale, utilizzando personale del Corpo di Polizia Municipale. Una volta insediato, il Comitato dispone per: - la trasmissione agli organi di informazione locali (all. IND 6 caffaro) del messaggio di preallarme (all. IND 4 caffaro), per la sua costante e ripetuta diffusione; - il costante monitoraggio del territorio coinvolto dall'evento da parte del personale del Nucleo comunale di protezione civile. Ove necessiti, lo stesso personale dovrà favorire l'immediato allontanamento di persone presenti nell area di potenziale danno; dovrà altresì provvedere a far sgomberare l'area da veicoli trasportanti materiali pericolosi, indirizzandoli in zona sicura (es. area industriale). Il personale che espleterà tale servizio sarà dotato di idonei strumenti di protezione individuale (autoprotettori o maschere antigas); - l Invito al SSUEm 118 e all A.S.L. ad attivarsi per la predisposizione di un eventuale cordone sanitario allertando gli ospedali cittadini; - Il preallertamento della Ferrovia Nord (linea Brescia-Edolo) circa l eventuale necessità di interrompere la viabilità ferroviaria nella tratta interessata all'attraversamento dell area, nonché per l'allontanamento di eventuali vagoni cisterna contenenti materiali pericolosi; - l allestimento di una area ove convogliare i cittadini impossibilitati a raggiungere la propria abitazione per effetto degli eventuali divieti imposti (aree antistanti il cimitero Vantiniano e stabilimento Breda, tav. C2B della cartografia di supporto) Cessato stato di preallarme Non appena venuto a conoscenza del cessato stato di pericolo il Sindaco, sentito il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e la Prefettura, dispone per la diramazione del messaggio di cessato dello stato di preallarme. Di conseguenza: - Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile dispone per la diramazione dell informazione del cessato stato di preallarme alla popolazione, mediante la diffusione di un messaggio pre-registrato (all. IND 7 caffaro), utilizzando i veicoli del Corpo di Polizia Municipale dotati di altoparlanti secondo itinerari prestabiliti (all. IND 7 caffaro), provvedendo altresì a disattivare gli specifici servizi; - La Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale dirama via fax la dichiarazione di cessato stato di preallarme (all. IND 8 caffaro) agli Enti interessati (all. IND 2 caffaro), nonché agli organi di stampa (all. IND 6 caffaro); - Il Comandante del Corpo di Polizia Municipale disattiva gli specifici servizi predisposti. 15

16 Allarme L allarme ha inizio in seguito alla segnalazione da parte del Responsabile dello stabilimento CAFFARO del verificarsi di un incidente grave e giudicato rilevante per tipologia e rapidità nel suo evolversi. In tali casi, il Responsabile dello Stabilimento Caffaro deve: - Azionare il sistema interno di allarme (sirena); - Informare contemporaneamente il Prefetto, il Sindaco (mediante la trasmissione di informativa alla Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale) ed il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco; - Mettere in atto tutti i provvedimenti previsti dal piano di emergenza interno. La Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale, al ricevimento della notizia, informa tempestivamente (all. A1): - Il Sindaco; - Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile; - Il Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio; - Il Comandante del Corpo di Polizia Municipale; - La Sala telecontrolli del Gruppo A.S.M. Brescia S.p.a. (attiva 24/24 h). Negli orari in cui presso la sede centrale del Corpo di Polizia Municipale vi è il solo servizio di piantone, le procedure iniziali relative all avviso al Sindaco, al Comandante del Corpo di Polizia Municipale e al Funzionario comunale reperibile di protezione civile dovranno essere espletate dagli addetti al servizio di piantone stesso. Il Sindaco, sentito il Funzionario comunale reperibile di Protezione civile, che ha provveduto a consultarsi con i Vigili del Fuoco, il Responsabile dello Stabilimento, il SSUEm 118, l A.S.L., l A.R.P.A. ed il Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio, ordina lo stato di allarme. La Centrale Operativa dirama via FAX la dichiarazione di stato di allarme (all. IND 9 caffaro) a tutti gli Enti interessati (all. IND 2 caffaro), disponendo altresì la chiusura immediata delle entrate ed uscite del Cimitero Vantiniano, che si affacciano sulla Via Industriale. Contestualmente, la stessa dispone per l attivazione del Sistema e contatta 13 i componenti del Comitato (all. A1), che dovranno portarsi tempestivamente presso la sede centrale del Corpo di Polizia Municipale. 13 Il contatto con i componenti del Comitato da parte della Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale avviene per via telefonica o, in caso di interruzione di linee, con staffette auto-motomontate in dotazione al Corpo stesso. 16

17 Nelle fasi antecedenti l inizio della riunione del Comitato e ferme restando le competenze del Sindaco ad emanare atti d urgenza, le decisioni di prima necessità saranno assunte dal Dirigente Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio. In caso di sua assenza o irreperibilità la sua sostituzione avverrà secondo quanto previsto dal Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi. Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile, in attesa dell insediamento del Comitato, provvede a: - convocare il Nucleo comunale di protezione civile; - disporre con personale del Corpo di Polizia Municipale coadiuvato da altre Forze dell Ordine per l immediato blocco stradale e pedonale dell area interessata (all. IND 3 caffaro e tavola C2B.della cartografia di supporto); - disporre per la diffusione da parte della Centrale Operativa di un messaggio informativo di allarme alla popolazione (all. IND 10 caffaro), utilizzando i veicoli del Corpo di Polizia Municipale dotati di altoparlanti secondo itinerari prestabiliti (all. IND 10 caffaro). I conducenti di tali veicoli saranno dotati di idonei strumenti di protezione (autoprotettore, maschere antigas o quant altro possa necessitare); - disporre circa la necessità di dare informazione dell evento in corso agli stabilimenti vicini (all. IND 5 caffaro), affinché adottino le misure di preallarme previste dal proprio piano di emergenza interno; - predisporre per l attivazione della sala funzioni di supporto; - disporre per la trasmissione agli organi di informazione locali (all. IND 6 caffaro) del messaggio di allarme (all. IND 10 caffaro), per la sua costante e ripetuta diffusione; - disporre il costante monitoraggio del territorio coinvolto dall'evento con il personale del Nucleo comunale di protezione civile. Ove necessiti, lo stesso personale dovrà favorire l'immediato allontanamento di persone presenti nell area colpita dall evento o di potenziale danno; dovrà altresì provvedere all eventuale sgombero dall'area da veicoli trasportanti materiali pericolosi, indirizzandoli in zona sicura (area industriale). Il personale che espleterà tale servizio sarà dotato di idonei strumenti di protezione individuale (autoprotettori e/o maschere antigas); - a dare attuazione delle specifiche procedure nei confronti di persone disabili segnalate dal Settore Servizi Sociali; - dare informazione al SSUEm 118 e all A.S.L. sulla necessità di predisporre un adeguato cordone sanitario, provvedendo altresì all allertamento degli ospedali cittadini. Durante 17

18 le operazioni di soccorso alla popolazione dovrà essere altresì prestata particolare assistenza a persone anziane, bambini e soggetti diversamente abili; - disporre per l allestimento di aree ove convogliare i cittadini impossibilitati a raggiungere la propria abitazione per effetto degli eventuali divieti imposti (aree antistante il cimitero Vantiniano e stabilimento Breda, tav. C2B della cartografia di supporto); - avvisare la Ferrovia Nord (linea Brescia-Edolo) circa la necessità di interrompere la viabilità ferroviaria nella tratta interessata all'attraversamento dell'area, nonché per l'allontanamento di eventuali vagoni cisterna contenenti materiali pericolosi; - mantenere costanti contatti con i Vigili del Fuoco e gli altri apparati tecnici impegnati sull evento e si rapporta con la Sala Operativa della protezione civile della Regione Lombardia. Il Sindaco si rapporta costantemente con: - La Prefettura; - Il Presidente della Giunta Regionale. Una volta insediato e dopo aver fatto il punto della situazione in atto con il Funzionario comunale reperibile di protezione civile, il Comitato attiva immediatamente le funzioni di supporto ad integrazione di quanto già attuato. L eventuale utilizzo o coinvolgimento delle Organizzazioni di volontariato sarà valutato dal Comitato in relazione all evolversi dell evento, nonché in sintonia con quanto previsto nel piano di emergenza esterno elaborato dalla Prefettura Cessato stato di allarme Non appena venuto a conoscenza del cessato Allarme, il Sindaco, sentito il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e la Prefettura, dispone per la diramazione del messaggio di cessato stato di allarme. Di conseguenza: - Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile dispone per la diffusione del messaggio di cessato stato di allarme alla popolazione (all. IND 11 caffaro), utilizzando i veicoli del Corpo di Polizia Municipale dotati di altoparlanti secondo itinerari prestabiliti (all. IND 11 caffaro) e provvedendo altresì a disattivare gli specifici servizi. - La Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale dirama via fax agli organi di informazione (all. IND 6 caffaro) la dichiarazione di cessato stato di allarme (all. IND 11 caffaro). 18

19 - Il Comandante del Corpo di Polizia Municipale disattiva gli specifici servizi e dispone per la completa riattivazione della circolazione veicolare e pedonale. 19

20 6.4.3 P.O.S. da attuare in conformità al Piano di emergenza esterna - stabilimento Pialorsi Stivengas S.r.l. predisposto dalla Prefettura Premessa Il Piano di emergenza esterno relativo allo stabilimento Stivengas S.r.l., è stato approvato con Decreto Prefettizio (prot. n A GAB) e successivo Decreto Prefettizio (prot. N. 110/12.A.10.74/Pc) Preallarme Il preallarme ha inizio nel momento in cui il Responsabile dello stabilimento STIVENGAS si rende conto che nell impianto si sono verificate situazioni anomale d esercizio o incidenti che potrebbero portare a gravi conseguenze. In tali casi, la Direzione dello Stabilimento Stivengas deve sempre comunicare le circostanze dell incidente, le sostanze coinvolte, le misure adottate e le prevedibili conseguenze a: - Prefettura; - Sindaco, mediante la trasmissione di informativa alla Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale; - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco; - Direzione dell A.S.L. La Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale, al ricevimento della notizia, informa tempestivamente il Sindaco e dirama via FAX la dichiarazione di stato di preallarme (all. IND 1 stivengas) a tutti gli Enti interessati (all. IND 2 stivengas). Contestualmente informa (all. A1): - Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile; - Il Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio; - Il Comandante del Corpo di Polizia Municipale; - La Sala Telecontrolli del Gruppo A.S.M. Brescia S.p.a. (attiva 24/24 h). Negli orari in cui presso la sede del Corpo di Polizia Municipale vi è il solo servizio di piantone, le procedure iniziali relative all avviso al Sindaco, al Comandante del Corpo di Polizia Municipale e al Funzionario comunale reperibile di protezione civile dovranno essere espletate dagli addetti al servizio di piantone stesso. 20

4. Procedure d Intervento... 2. 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2

4. Procedure d Intervento... 2. 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2 Indice 4. Procedure d Intervento... 2 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2 4.2 Procedure di carattere generale per l attivazione del Sistema comunale di protezione civile..

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

Indice. Allegato A1...17 Allegato A2...18

Indice. Allegato A1...17 Allegato A2...18 Indice 9. Rischio Black-out.....3 9.1 Premessa.....3 9.2 Alcuni eventi in Italia e all'estero....3 9.3 2003 - Anno nero per il black-out nel mondo.....5 9.4 In Italia: gli eventi del 28 settembre 2003...5

Dettagli

Comune di Ozzero informazione alla popolazione sul rischio industriale. Comune di Ozzero

Comune di Ozzero informazione alla popolazione sul rischio industriale. Comune di Ozzero Comune di Ozzero DOCUMENTO INFORMATIVO ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE 1 2 DOCUMENTO INFORMATIVO ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE le seguenti informazioni dovranno essere integrate da

Dettagli

Prefettura di Roma INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Ai sensi del decreto del 24 luglio 2009 nr. 139 TERMINALE MARITTIMO Via della Pesca, 65 FIUMICINO

Prefettura di Roma INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Ai sensi del decreto del 24 luglio 2009 nr. 139 TERMINALE MARITTIMO Via della Pesca, 65 FIUMICINO INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Ai sensi del decreto del 24 luglio 2009 nr. 139 TERMINALE MARITTIMO Via della Pesca, 65 FIUMICINO 1. DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DELL AREA INTERESSATA DALLA PIANIFICAZIONE...

Dettagli

la GESTIONE del RISCHIO INDUSTRIALE

la GESTIONE del RISCHIO INDUSTRIALE Comune di Ferrara Città Patrimonio dell Umanità Servizio Associato di Protezione Civile Terre Estensi la GESTIONE del RISCHIO INDUSTRIALE Informazione ai Cittadini LA NORMATIVA Il Decreto Legislativo n.

Dettagli

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO A cura dei Comuni di Signa e Poggio a Caiano con la collaborazione della società Liquigas S.p.a. Gennaio 2009 La normativa in materia

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA...3

SOMMARIO PREMESSA...3 SOMMARIO PREMESSA...3 1. INCIDENTI FERROVIARI CON CONVOGLI PASSEGGERI ESPLOSIONI O CROLLI DI STRUTTURE CON COINVOLGIMENTO DI PERSONE - INCIDENTI STRADALI CHE COINVOLGONO UN GRAN NUMERO DI PERSONE...5 1.1

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 2 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO TRASPOROTO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA I pericoli potenziali derivanti

Dettagli

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese ALLEGATO 7 Procedura interna del COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese PIANO DI GESTIONE DELLA VIABILITA PER IL PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DEL SITO INDUSTRIALE AUTOSPED S.r.l. Santa Giustina

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

Comune di ASSORO Provincia di Enna INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO

Comune di ASSORO Provincia di Enna INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO Comune di ASSORO Provincia di Enna INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO A cura della società Regalgas di Grasso C. & C. s.a.s con la collaborazione del Comune di Assoro

Dettagli

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE 1 APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE IN CASO DI EMERGENZA VENGONO MESSE IN EVIDENZA LE ATTIVITÀ DA SVOLGERE DA PARTE DELLA DITTA

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli

Opuscolo informativo

Opuscolo informativo Istituto Comprensivo 1 Leonardo da Vinci Settala, lì 12/10/2015 Prot. n. 4851/A1b cir int. n. 47 C23 ALL ALBO DEL PLESSO Opuscolo informativo *PIANO DI EMERGENZA ESTERNO Ai sensi degli artt. 8 e 20 del

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO Area ex MICHELIN Trento TRENTO PIANO DI EMERGENZA INTERNO Stato delle Emissioni/Revisioni Emiss./Rev. Data Commenti Autore Controllato ed emesso da Approvato da 01/00 08/07 Richiesta

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA Località Territorio comunale Evento sismico di modesta entità, percepito dalla Descrizione popolazione (magnitudo Richter inferiore a 4,0) Grado di rischio

Dettagli

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Provincia di Bologna) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Redazione: Unione dei Comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia Servizio Associato di Protezione Civile geom. Stefano Cremonini geol. Paola Montaguti

Dettagli

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE I Comuni di Campi Bisenzio e di Signa intendono, con il presente opuscolo, rendere note alla popolazione le misure di sicurezza e le norme di comportamento da seguire in caso

Dettagli

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio.

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio. Per Rischio Industriale si intende la possibilità che in seguito ad un incidente rilevante presso un insediamento industriale si sviluppi un incendio, un esplosione o una nube tossica, coinvolgente una

Dettagli

- PIANO DI SICUREZZA -

- PIANO DI SICUREZZA - IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI NON PERICOLOSI - PIANO DI SICUREZZA - (D.Lgs 152/2006 L.R. Veneto n. 3/2000 D.G.R.V. 242/2010) Redattore: Via dell Elettricità n. 3/d 30175 Marghera (VE) Tel. 041.5385307 Fax.

Dettagli

LA SICUREZZA I A PORTATA DI MANO. I CONSIGLI DEL PROFESSOR DI CIVIS. oggi, 7. .c'~niormuti. %!?T,l:i& Sicuri Domani, q

LA SICUREZZA I A PORTATA DI MANO. I CONSIGLI DEL PROFESSOR DI CIVIS. oggi, 7. .c'~niormuti. %!?T,l:i& Sicuri Domani, q LA SICUREZZA I A PORTATA DI MANO. I CONSIGLI DEL PROFESSOR DI CIVIS.c'~niormuti -- %!?T,l:i& Sicuri Domani, q,, I 1 oggi, 7 PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VENEZIA Per ridurre al minimo il rischio inda,istriale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI IL PIANO DI EMERGENZA Per emergenza si intende ogni evento che porta a conseguenze negative sia in termini di

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA GAS LIQUIDI SPA (Ex Vulcangas) DEPOSITO DI SPOLETO (PG) Loc. Fabbreria

SOCIETÀ ITALIANA GAS LIQUIDI SPA (Ex Vulcangas) DEPOSITO DI SPOLETO (PG) Loc. Fabbreria SOCIETÀ ITALIANA GAS LIQUIDI SPA (Ex Vulcangas) DEPOSITO DI SPOLETO (PG) Loc. Fabbreria SCHEDA INFORMATIVA SUI RISCHI D INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI ED I LAVORATORI ai sensi del D. Lgs. 17 agosto

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Allegato Procedure Operative Standard BLACK-OUT ELETTRICO INDOTTO DA GUASTI TECNICI BLACK-OUT ELETTRICO QUALE CONSEGUENZA DI EVENTI IN CORSO

Allegato Procedure Operative Standard BLACK-OUT ELETTRICO INDOTTO DA GUASTI TECNICI BLACK-OUT ELETTRICO QUALE CONSEGUENZA DI EVENTI IN CORSO PRECURSORI BLACK-OUT ELETTRICO INDOTTO DA GUASTI TECNICI BLACK-OUT ELETTRICO QUALE CONSEGUENZA DI EVENTI IN CORSO Periodo di siccità prolungata, con carenza di apporto idrico da precipitazioni tale da

Dettagli

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I PIANO EMERGENZA NEVE COMUNALE INVERNO 2012-2013 PREMESSA Il presente piano costituisce strumento di attivazione degli interventi e di coordinamento delle componenti della Protezione Civile affinché, in

Dettagli

Linee Guida per le segnalazioni delle Emergenze Ambientali in Regione Lombardia

Linee Guida per le segnalazioni delle Emergenze Ambientali in Regione Lombardia Linee Guida per le segnalazioni delle Emergenze Ambientali in Regione Lombardia 1. Premessa Scopo di questo documento è di fornire agli Enti interessati gli elementi informativi per poter meglio gestire

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI ACIREALE SETTORE PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Oggetto : PARTE I - GENERALITÀ GIUGNO 2013 REVISIONE ELABORATO ADEGUATO AL PARERE DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DEL 12/09/2012

Dettagli

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO CITTÀ DI MONCALIERI Settore Servizi Tecnici e Ambientali REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO PRONTO INTERVENTO INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Oggetto del Regolamento Scopo del Regolamento

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA IL RETTORE LA RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO 1 INTRODUZIONE Il piano di emergenza costituisce

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1.1 MODELLO D INTERVENTO 2 1.1.1 LIVELLI DI ALLERTA E FASI OPERATIVE 2 1.2 MODELLO DI INTERVENTO PROCEDURE OPERATIVE 3 1.2.1 PROCEDURE OPERATIVE (DA ESEGUIRE QUALUNQUE

Dettagli

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? L emergenza Cos è? Una emergenza è una situazione imprevista di potenziale pericolo che si genera quando le persone, i beni, le strutture, l ambiente sono esposti (o possono essere esposti) agli effetti

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA Gestione del rischio incendio e delle misure mitigative negli istituti scolastici

Dettagli

SCHEDA DI INFORMAZIONE SUI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI ED I LAVORATORI

SCHEDA DI INFORMAZIONE SUI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI ED I LAVORATORI Stabilimento di Oristano Via Parigi Zona Industriale Nord 09170 Oristano SCHEDA DI INFORMAZIONE SUI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI ED I LAVORATORI (Allegato V D.L.vo 17 agosto 1999 n 334

Dettagli

ISTITUZIONE DEI CANCELLI ATTIVAZIONE RONDE ANTISCIACALLAGGIO

ISTITUZIONE DEI CANCELLI ATTIVAZIONE RONDE ANTISCIACALLAGGIO ISTITUZIONE DEI CANCELLI ATTIVAZIONE RONDE ANTISCIACALLAGGIO Obiettivo In occasione dell attivazione della procedura di evacuazione di quartieri, frazioni o interi paesi, in occasione di qualsiasi tipologia

Dettagli

Norme comportamentali da adottare in caso di incidente rilevante derivato dalla presenza della Raffineria di Milazzo

Norme comportamentali da adottare in caso di incidente rilevante derivato dalla presenza della Raffineria di Milazzo REGIONE SICILIA C I T T A' di M I L A Z Z O Scheda di informazione alla popolazione sui rischi di incidente rilevante Norme comportamentali da adottare in caso di incidente rilevante derivato dalla presenza

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

Comune di Corzano (BS)

Comune di Corzano (BS) Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Ed. 01 del 15/06/2013 Comune di Corzano (BS) PRONTUARIO DI EMERGENZA - PROCEDURE RI.2 Rischio Idrogeologico - Fase di Allerta - Codice 2 PROCEDURE DA ATTIVARE

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE Corsi di formazione e modalità di accertamento dell idoneità tecnica del personale incaricato a svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni di addetto alla prevenzione

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali COMUNE DI FERRARA Settore Opere Pubbliche e Mobilità - Ufficio Sicurezza sul Lavoro Settore Pianificazione Territoriale - Servizio Commercio Attività Produttive e Sviluppo Economico Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

AVVERTENZE GENERALI PER L ACCESSO

AVVERTENZE GENERALI PER L ACCESSO AVVERTENZE GENERALI PER L ACCESSO L ingresso in Raffineria ai visitatori è consentito previa autorizzazione del personale di portineria ed ottemperanza alle seguenti norme di sicurezza: 1) Presentazione

Dettagli

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di,

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di, FAC-SIMILE DOMANDA COLLAUDO marca da bollo Spett.le COMUNE DI VERZUOLO Area di Vigilanza Ufficio Commercio Attività Produttive Tramite Sportello Unico per le Attività Produttive Associato Piazza G.Marconi

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

Protezione Civile Municipaale - Piano di emergenza

Protezione Civile Municipaale - Piano di emergenza Alla popolazione del Comune di Imola: informazione preventiva della Protezione Civile e norme da attuarsi in occasione di eventi calamitosi sul territorio. Generalità La Protezione Civile Col termine Protezione

Dettagli

PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE APPLICAZIONE PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO

PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE APPLICAZIONE PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE APPLICAZIONE PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO INDICE Premessa Parte A - Generale A1 - Pericolosità idrologica A2 - Elementi esposti al rischio A3 - Monitoraggio

Dettagli

ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1.

ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1. ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1.4 ALLARME ALLEGATO ID-BB 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO

Dettagli

PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA

PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA Pagina 1/5 PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA Intervento conseguente alla segnalazione o all effettivo ritrovamento di un ordigno o dispositivo incendiario. Intervento per

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI COMUNALI DI EMERGENZA

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI COMUNALI DI EMERGENZA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE SERVIZIO RISCHIO VULCANICO ETNEO RISCHIO INVASIONE LAVICA LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI COMUNALI DI EMERGENZA Sant Agata Li Battiati, marzo 2006

Dettagli

Prevenzione degli incendi

Prevenzione degli incendi STANDARD LME-12:001905 Uit Rev A Indice 1 Introduzione... 3 2 Requisiti... 3 3 Norme operative di sicurezza... 4 3.1 Procedure di evacuazione in caso di incendio... 4 3.2 Percorsi di esodo predisposti...

Dettagli

Rischi Industriali Censimento Georeferenziazione

Rischi Industriali Censimento Georeferenziazione Rischi Industriali Censimento degli stabilimenti con rischio industriale elevato a livello regionale Reperimento dei dati dagli Enti e dalle strutture competenti sulla base della normativa nazionale e

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 1 di 5 ALLEGATO 15 Misure di autoprotezione della Popolazione PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 2 di 5 Generalità Le azioni che le persone devono compiere, e quelle che devono evitare,

Dettagli

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L.

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4.1 - CRITERI GENERALI Una volta definiti gli scenari di rischio e aver valutato in modo quantitativo o qualitativo il rischio (R) presente, si ritiene possibile passare

Dettagli

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI PREMESSA NOVITA INTRODOTTE DAL D.P.R. 177/2011 Dr.ssa Tiziana BAGNARA Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro S.Pre.S.A.L. ASL TO3 Ogni anno si registrano in Italia numerosi incidenti

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

SEZIONE 2 IPOTESI INCIDENTALI

SEZIONE 2 IPOTESI INCIDENTALI Sez 2/pag.1 SEZIONE 2 IPOTESI INCIDENTALI Le zone di pianificazione Per l individuazione delle zone cui deve essere estesa la pianificazione dell emergenza, si prendono in generale in considerazione i

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13 Data: 7/12/2012 Ora e luogo: 14.30 - Comune VALUTAZIONI SUGLI ELEMENTI DEL SGA ANALIZZATI Evoluzione occorsa dalla precedente riunione relativamente allo scenario ambientale, alle attività dell organizzazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

PIANO PROTEZIONE CIVILE

PIANO PROTEZIONE CIVILE PIANO PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO COMUNE DI POTENZA Assessorato Protezione Civile Unità di Progetto Protezione Civile e Sicurezza Assessore geom. Donato COVIELLO Dirigente arch. Giancarlo ANDRIULLI

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Organizzazione regionale e dipartimentale Elisa Galimberti Sede Centrale Settore Attività Industriali,

Dettagli

PRAVISANI S.p.A. DEPOSITO XIRUMI di Augusta (SR) Indirizzo : Deposito Xirumi Località Piano Camera 96011 Augusta (SR)

PRAVISANI S.p.A. DEPOSITO XIRUMI di Augusta (SR) Indirizzo : Deposito Xirumi Località Piano Camera 96011 Augusta (SR) 1 - DATI GENERALI IDENTIFICATIVI ATTIVITA PRAVISANI S.p.A. DEPOSITO XIRUMI di Augusta (SR) Indirizzo : Deposito Xirumi Località Piano Camera 96011 Augusta (SR) Codice Ministero: NU063 Art. 8 Attività identificativa:

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

CENTRO PER L INFANZIA sito in Trento Via Coni Zugna. D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione Rischi attivita' Interferenti

CENTRO PER L INFANZIA sito in Trento Via Coni Zugna. D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione Rischi attivita' Interferenti PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative Via Zambra, 42 Top Center 38100 Trento CENTRO PER L INFANZIA sito in Trento Via Coni Zugna D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione

Dettagli