Indice. Allegati cartografici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Allegati cartografici"

Transcript

1

2 Indice 6. Rischio industriale Premessa Rischio di incidente rilevante nel territorio cittadino Informazione ai cittadini P.O.S. per Incidente di Azienda a rischio incidente Premessa P.O.S. da attuare in conformità al Piano di Emergenza Esterna stabilimento Caffaro S.p.A. predisposto dalla Prefettura Premessa Preallarme Cessato stato di preallarme Allarme Cessato stato di allarme P.O.S. da attuare in conformità al Piano di Emergenza Esterna stabilimento Pialorsi Stivengas S.r.l. predisposto dalla Prefettura Premessa Preallarme Cessato stato di preallarme Allarme Cessato stato di allarme Allegati: Allegato A Allegato A Allegato IND 1 Caffaro Allegato IND 2 Caffaro Allegato IND 3 Caffaro Allegato IND 4 Caffaro Allegato IND 5 Caffaro Allegato IND 6 Caffaro Allegato IND 7 Caffaro Allegato IND 8 Caffaro Allegato IND 9 Caffaro Allegato IND 10 Caffaro Allegato IND 11 Caffaro Allegato IND 1 Stivengas Allegato IND 2 Stivengas Allegato IND 3 Stivengas Allegato IND 4 Stivengas Allegato IND 5 Stivengas Allegato IND 6 Stivengas Allegato IND 7 Stivengas Allegato IND 8Stivengas Allegato IND 9Stivengas Allegato IND 10 Stivengas Allegato IND 10 bis Stivengas Allegato IND 11 Stivengas Allegati cartografici

3 6. Rischio Industriale 6.1 Premessa Le principali tecnologie di produzione che hanno caratterizzato il panorama industriale moderno italiano possono essere ricondotte alle seguenti: - tecnologie energetiche; - tecnologie chimiche; - tecnologie nucleari. Ridotto o annullato il problema nucleare, (inteso come connesso ad attività presenti sul territorio nazionale), l attenzione si rivolge oggigiorno alla chimica in generale includendo in ciò anche le attività industriali legate allo stoccaggio-trasformazione dei prodotti petroliferi. Secondo quanto emerge dal rapporto Mappatura del rischio industriale in Italia realizzato dall Apat 1 (Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici) sono attualmente n gli impianti industriali a rischio collocati su tutto il territorio nazionale. Di questi impianti oltre il 23% è concentrato in Lombardia, in particolare nelle province di Milano, Bergamo, Brescia e Varese. Sebbene non siano da trascurare gli incidenti di minore entità, ai quali più specificatamente si indirizzano altre normative sulla salute nei luoghi di lavoro o sull inquinamento minore di acqua, aria e suolo, è bene, in questo contesto, definire chiaramente il quadro di riferimento al quale si rivolge la normativa applicabile alle attività industriali ed agli impianti che potrebbero causare incidenti rilevanti Anche in seguito ai gravi danni conseguenti all incidente occorso il 10 luglio 1976 all impianto ICMESA 2 è emersa una consapevolezza che determinate attività (intese come deposito, produzione, lavorazione o trasformazione di particolari sostanze) potevano essere fonte di incidenti con rilevanti conseguenze, sia nei confronti della popolazione, che per l ambiente. La Comunità Europea si è fatta, quindi, interprete del sentimento della comunità e della necessità di disporre di una moderna normativa che, in modo razionale ed organico, regolamenti e, di conseguenza, mitighi i rischi derivanti da attività industriali potenzialmente pericolose. Lo sforzo si è concretizzato con l approvazione della Direttiva Europea 82/501 del 24 giugno 1982 (Direttiva Seveso) alla quale l Italia ha dato attuazione con il D.P.R. 175/88, ed, in tempi 1 L Apat (Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici ha inglobato tutte le funzioni e le attribuzioni dell'anpa. 2 L ICMESA è un azienda chimica sita in provincia di Milano; a seguito dell incidente dell anno 1976 si verificò la fuoriuscita dagli impianti di una nube contenente sostanze tossiche con gravi conseguenze per la popolazione e l ambiente. 3

4 più recenti, con la D.E. 96/82/CE (Seveso 2), recepita a livello nazionale con il D.Lgs. n. 334 del 17 agosto 1999 (Attuazione della direttiva 98/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose), successivamente aggiornato e coordinato con D.Lgs. n. 238/2005 del 21 novembre 2005 (Attuazione direttiva 2003/105/CE) (Seveso 3). Il D.Lgs. 334/99 introduce diverse novità assolute rispetto alla normativa previgente quali il sistema di gestione della sicurezza, il controllo dell urbanizzazione e la partecipazione della popolazione al processo decisionale 3. L art 3 del decreto definisce l incidente rilevante come «un evento quale un'emissione, un incendio o un esplosione di grande entità, dovuto a sviluppi incontrollati che si verificano durante l'attività di uno stabilimento di cui all art. 2 comma 1, e che dia luogo ad un pericolo grave, immediato o differito, per la salute umana o per l'ambiente, all'interno o all'esterno dello stabilimento, e in cui intervengano una o più sostanze pericolose». Lo stesso decreto suddivide, inoltre, le aziende soggette in classi di rischio 4 sulla base della quantità e pericolosità di sostanza presente e della tipologia di processo. 6.2 Rischio di incidente rilevante nel territorio cittadino Il gestore dello stabilimento soggetto a notifica 5 è obbligato a trasmettere al Ministero dell'ambiente, alla Regione, alla Provincia, al Sindaco, al Prefetto e al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco competenti per territorio le informazioni contenute in una apposita scheda allegata al decreto. Gli stabilimenti presenti sul territorio cittadino che hanno trasmesso al Sindaco la scheda informativa sono 6 : CAFFARO CHIMICA S.r.l. (soggetta all art. 8); PIALORSI STIVENGAS S.r.l. (soggetta all art. 8); FERREMI BATTISTA S.p.A. (soggetta all art. 6); SYSTEMA AMBIENTE S.r.l. (già Ecoservizi S.p.A.) (soggetta all art. 8); RIPORTI GALVANICI S.r.l. (soggetta all art. 6); BENONI s.n.c. (soggetta all art. 6); TORCHIANI S.r.l. (soggetta all art. 6); 3 Si riporta a tal proposito l articolo 23 del D.Lgs. 334/99: «La popolazione interessata deve essere messa in grado di esprimere il proprio parere nei casi di: a) elaborazione dei progetti, relativi a nuovi stabilimenti di cui all'articolo 9; b) modifiche di cui all'articolo 10, quando tali modifiche sono soggette alle disposizioni in materia di pianificazione dei territorio prevista dal presente decreto; c) creazione di nuovi insediamenti e infrastrutture attorno agli stabilimenti esistenti.». 4 La classificazione degli stabilimenti soggetti al D.Lgs. 334/99 è, in pratica, stabilita dagli articoli 5, 6 e 8 del decreto stesso. 5 Gli stabilimenti soggetti a notifica sono individuati dall'articolo 2, comma 1, del D.Lgs. 334/99 6 La ditta Ecoservizi S.p.A., originariamente inserita fra le aziende di cui all art. 5, comma 3, del D.Lgs. 334/99, con la modifica della ragione sociale in Systema Ambiente S.r.l., a seguito dell ampliamento dell azienda rientra nella classificazione degli stabilimenti soggetti agli artt. 5, 6 e 8 del sopraccitato decreto. 4

5 Sono di seguito riportate le informazioni relative alla natura dei rischi di incidente rilevante ed estratte dalla scheda compilata, sotto la propria responsabilità, da ciascuno dei gestori degli stabilimenti presenti sul territorio cittadino soggetti a notifica di cui all art. 6 del decreto legislativo 334 del (così come modificato dal D.Lgs. n. 238/2005) e trasmessa 7 al Sindaco ai sensi dell articolo 6 comma 5 del medesimo decreto: CAFFARO CHIMICA S.r.l. - via F. Nullo, 8. Incidente Sostanza coinvolta Rilascio di sostanza pericolosa in fase gas. Cloro Biossido di cloro. Esplosione confinata. Biossido di cloro Idrogeno Acqua ossigenata Isoftalonitrile. PIALORSI STIVENGAS S.r.l. - via Buffalora, 40. Incidente Sostanza coinvolta Rilascio per rottura limitata in zona serbatoi. GPL. Rilascio per rottura tubazioni (compreso distacco manichetta durante lo scarico). GPL. Rilascio di GPL in fase gassosa per apertura delle valvole di sicurezza sui serbatoi. GPL. FERREMI S.p.A. - via Vallecamonica, 3. Incidente Sostanza coinvolta Possibile dispersione di prodotto dannoso per l ambiente, con inquinamento del suolo. Benzine, gasolio, oli combustibili, petrolio. Incendio di serbatoio atmosferico, di serbatoio interrato, di pozza, di autocisterna. Benzine, gasolio, oli combustibili, petrolio. 7 Alla pagina web sono consultabili le sette sezioni delle suddette schede. 5

6 SYSTEMA AMBIENTE S.r.l. (*) via dei Santi, 58 Incidente Sostanza coinvolta Rilascio vapori pericolosi in fossa di scarico fanghi. Dispersione di sostanza tossica Ossidi di azoto Fuoriuscita di polvere dalla psv del silos calce Dispersione di sostanza irritante Calce Fuoriuscita di ammoniaca dall impianto di trattamento pile Dispersione di sostanza tossica Ammoniaca Rilascio di acido cianidrico da reattore trattamento Dispersione di sostanza tossica Acido cianidrico Rilascio di acido cianidrico durante scarico autobotte Dispersione di sostanza tossica Acido cianidrico Rilascio di acido cianidrico da impianto di abbattimento Dispersione di sostanza tossica Acido cianidrico Incendio nel piazzale Irraggiamento da pozza Liquido infiammabile Incendio in area pensile di scarico liquidi infiammabili Irraggiamento da pozza Liquido infiammabile Esplosione di nuvola vapori infiammabili Onda d urto sulle strutture circostanti. Vapori infiammabili RIPORTI GALVANICI S.r.l. via Grandi, 12 Incidente Sostanza coinvolta Rilascio di sostanze tossiche. Acido cianidrico. BENONI S.n.c. via R. Gessi, 24 Incidente Sostanza coinvolta Spandimento di sostanze pericolose per l ambiente. Sali cromici. 6

7 TORCHIANI S.r.l. - via Cacciamali, 45. Incidente Sostanza coinvolta Sversamento di metanolo durante le operazioni di carico/scarico fusti. Dispersione di sostanza tossica. Metanolo. Sversamento di metanolo durante le operazioni di carico/scarico fusti. Incendio di nuvola di vapori infiammabili. Metanolo. Rilascio di acido cianidrico per sversamento di cianuri nella zona di carico/scarico e contemporanea presenza di acidi. Sali di cianuro. Rilascio di acido cianidrico dal camino dell impianto di abbattimento cianuri per indisponibilità dello stesso e contemporanea formazione di HCN nel deposito. Sali di cianuro. La tavola grafica C1 di supporto al Piano riporta l individuazione planimetrica degli stabilimenti di cui sopra, unitamente ad altre aziende che, secondo quanto indicato dall ARPA di Brescia, necessitano comunque di un inserimento nel presente documento. In data 21 febbraio 2005 il Prefetto di Brescia ha approvato i Piani di Emergenza Esterna relativi agli stabilimenti Caffaro Chimica S.r.l. e Pialorsi Stivengas S.r.l.. I suddetti piani sono stati redatti in conformità al D.L. 334/1999 e secondo le linee guida Pianificazione di emergenza esterna per impianti industriali a rischio di incidente rilevante, predisposte nell anno 1994 dal Dipartimento della Protezione Civile: tali linee guida permettono una rapida valutazione delle zone di sviluppo degli effetti di un evento incidentale. Successivamente in data 25 febbraio 2005 il Presidente del Consiglio dei Ministri, con proprio decreto, ha approvato le nuove Linee Guida per la predisposizione del piano di emergenza esterna che aggiorna le precedenti Linee Guida emanate dal Dipartimento di Protezione Civile nel E bene precisare che le sopra indicate linee guida stabiliscono tre distinte zone di pianificazione denominate: 1. Zona di sicuro impatto; 2. Zona di danno; 3. Zona di attenzione. L individuazione di tali zone 8 nell attività pianificatoria, anche se basata su metodi approssimativi, fornisce una utile e veloce indicazione degli interventi di primo soccorso. 8 Nell Appendice 1 del Piano è riportata la definizione nel dettaglio delle zone di pianificazione. 7

8 Le tavole n. C1/a e C1/b (Caffaro Chimica S.r.l. e Pialorsi Stivengas S.r.l.) allegate al Piano riportano le zone di pianificazione individuate dalla locale Prefettura nei piani di emergenza esterni su indicati. Le carte di sintesi C2/a C2/b integrano le tavole anzidette attraverso l individuazione degli edifici strategici (ospedali, scuole, etc.), delle strutture ad elevata esposizione (case di riposo, a- sili, etc.) nonché dei punti di attesa o smistamento della popolazione. Sono infine riportati alcuni dati relativi alla popolazione residente nelle zone di potenziale danno di cui ai Piani di Emergenza Esterna (PEE) della Prefettura soprarichiamati. Popolazione residente al nella "zona di potenziale danno" - pianificazione esterna stabilimento Caffaro S.p.a. di via F. Nullo, 8 Riferimento tavola C1/b n. civici classi di età Via dispari 0-15 anni oltre 60 Totale Milano 25-51/c Villa Glori Morosini Nullo Stoppani 1-1/b Totale n. civici classi di età Via pari 0-15 anni oltre 60 Totale Milano 56/a-100/a Villa Glori Morosini Nullo Chinca Totale Totale residenti: 794 Fonte: elaborazioni a cura dell'ufficio Diffusione dell'informazione Statistica su file informatizzato dell'anagrafe della popolazione residente 8

9 Popolazione residente al nella "zona di potenziale danno" - pianificazione esterna stabilimento Pialorsi Stivengas S.r.l. di via Buffalora. Riferimento tavola C2/b n. civici classi di età Via dispari 0-15 anni oltre 60 Totale Buffalora Agostino Chiappa Della Musia Bormioli Breve Totale n. civici classi di età Via pari 0-15 anni oltre 60 Totale Buffalora Magnolini Bargnani Gessi Bormioli Rezzole Totale Totale residenti: 128 Fonte: elaborazioni a cura dell'ufficio Diffusione dell'informazione Statistica su file informatizzato dell'anagrafe della popolazione residente 6.3 Informazione ai cittadini La Giunta della Regione Lombardia, ritenendo di dover approfondire la materia inerente il rischio chimico-industriale per tutti gli aspetti non direttamente considerati dalla normativa specifica (D.Lgs. 334/99), con propria deliberazione 5 dicembre 2003, n. 7/15496, ha approvato la Direttiva Regionale Grandi Rischi: linee guida per la gestione delle emergenze chimicoindustriali (ai sensi L.R. n. 1/2000, art. 3, comma 131). Il Dipartimento della Protezione Civile, ai sensi del comma 4, art. 20, del sopraccitato D.Lgs. 334/99 e successive modificazioni, ha predisposto il documento relativo alle nuove Linee Guida per l informazione alla popolazione sul rischio industriale (D.P.C.M. 16 febbraio 2007). L articolo 22, comma 4, del D.Lvo 334/99 stabilisce che il Comune, ove è localizzato lo stabilimento soggetto a notifica ai sensi dell art. 6, porti tempestivamente a conoscenza della popolazione le informazioni fornite dal gestore ai sensi dell'articolo 6, comma 5; tali informazioni dovranno includere i contenuti minimi riportati nelle sezioni 1, 2, 3, 4, 5, 6 e 7 della scheda informativa citata al precedente paragrafo. Inoltre, il comma 5 del succitato art. 22 del D.Lvo 334/99, successivamente aggiornato e coordinato con D.Lgs. n. 238/2005 del 21 novembre 2005 (Attuazione direttiva 2003/105/CE) 9

10 (Seveso 3), dispone che il messaggio informativo deve essere fornito nella forma più idonea, ad ogni persona ed ad ogni struttura frequentata dal pubblico che possono essere colpite da un incidente rilevante verificatosi in uno degli stabilimenti. In tale contesto, il Comune di Brescia ha scelto di informare la popolazione attraverso: - la trasmissione alle sedi delle nove Circoscrizioni delle schede (prime sette sezioni) pervenute dalle aziende soggette a notifica, per favorirne la consultazione da parte di tutti i cittadini; - l affissione all Albo Pretorio delle schede (prime sette sezioni); - la pubblicazione in forma integrale sul proprio sito Internet delle schede (prime sette sezioni); - incontri pubblici presso tutte le sedi di Circoscrizione, finalizzati all illustrazione delle informazioni fornite dai gestori degli stabilimenti; - la diffusione 9 di uno specifico opuscolo predisposto dal Servizio Protezione Civile del Comune di Brescia. E di seguito riportato un estratto del suddetto opuscolo nel quale sono evidenziate le precauzioni di autoprotezione di carattere generale per i diversi scenari incidentali (incendio, esplosione o rilascio di sostanze pericolose): 9 La diffusione dell opuscolo informativa è avvenuta all inizio anno

11 Ascolta i messaggi diffusi mediante altoparlante a bordo dei veicoli della polizia municipale Riparati al chiuso all'interno di un edificio. I luoghi all'aperto sono quelli più pericolosi e la strada, che deve rimanere sgombra per l intervento dei soccorsi, è il luogo più esposto. Se sei già all'interno di un edificio restaci (a casa, a scuola, al lavoro, in un negozio). I locali con presenza di poche aperture, posizione ad un piano elevato, disponibilità di acqua, presenza di un mezzo di ricezione delle informazioni, sono tra i più idonei; evita comunque locali interrati o seminterrati. Chiudi bene porte, finestre e prese d'aria o altre aperture (della cucina, le canne fumarie e i camini ecc.), anche con sistemi provvisori. Spegni i sistemi di ventilazione o condizionamento Sintonizzati su radio e televisioni locali. Ascolta le notizie ed eventuali istruzioni che saranno ripetutamente diffuse. Non sentirti abbandonato! Tutte le forze istituzionali sono impegnate nel risolvere l emergenza. Non fumare e spegni qualunque fiamma. Le fiamme consumano ossigeno e ne diminuiscono la disponibilità per la respirazione. Limita all indispensabile l uso del telefono o del cellulare. 11

12 6.4 P.O.S. per Incidente di Azienda a rischio di incidente rilevante con piano di emergenza esterno redatto dalla Prefettura Premessa Nelle pagine seguenti sono riportate le Procedure Operative Standard che il Comune deve adottare nell ambito ed in armonia con le pianificazioni approvate dalla Prefettura. I Piani di Emergenza Esterna 10 attualmente in essere sono stati elaborati in ottemperanza al D.P.R. 175/1988 e si riferiscono alle due aziende cittadine soggette a notifica, secondo quanto previsto dal DPR citato, sotto indicate : - CAFFARO S.p.A. - Via Francesco Nullo, 7; - PIALORSI STIVENGAS S.r.l. - Via Buffalora, La ditta Ecoservizi S.p.A., originariamente inserita fra le aziende di cui all art. 5, comma 3, del D.Lgs. 334/99, con la modifica della ragione sociale in Systema Ambiente S.r.l., a seguito dell ampliamento dell azienda, rientra nella classificazione degli stabilimenti soggetti agli artt. 5, 6 e 8 del sopraccitato decreto ed è in fase di istruttoria la pratica per la presentazione del P.E.E.. 12

13 6.4.2 P.O.S. da attuare in conformità al Piano di Emergenza Esterna - stabilimento Caffaro S.p.a. predisposto dalla Prefettura Premessa Il Piano di Emergenza Esterna relativo allo stabilimento Caffaro S.p.A. è stato approvato con Decreto Prefettizio (prot. n A GAB), modificato con Decreto Prefettizio (prot. n. 4788/12A.10 GAB) e approvato con successivo Decreto Prefettizio (prot. N. 110/12.A.10.74/Pc) Preallarme Il preallarme ha inizio nel momento in cui il Responsabile dello stabilimento CAFFARO si rende conto che nell impianto si sono verificate situazioni anomale d esercizio o incidenti che potrebbero portare a gravi conseguenze. In tali casi, la Direzione dello Stabilimento della Caffaro deve sempre comunicare le circostanze dell incidente, le sostanze coinvolte, le misure adottate e le prevedibili conseguenze a: - Prefettura; - Sindaco, mediante la trasmissione di informativa alla Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale; - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco; - Direzione dell A.S.L.. La Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale, al ricevimento della notizia, informa tempestivamente il Sindaco e dirama via FAX la dichiarazione di stato di preallarme (all. IND 1 caffaro) a tutti gli Enti interessati (all. IND 2 caffaro). Contestualmente informa (all. A1): - Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile; - Il Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio; - Il Comandante del Corpo di Polizia Municipale; - La Sala telecontrolli del Gruppo A.S.M. Brescia S.p.A. (attiva 24/24 h). Negli orari in cui presso la sede centrale del Corpo di Polizia Municipale vi è il solo servizio di piantone, le procedure iniziali relative all avviso al Sindaco, al Comandante del Corpo di Polizia Municipale e al Funzionario comunale reperibile di protezione civile dovranno essere espletate dagli addetti al servizio di piantone stesso. 13

14 Sentito il Sindaco, la Centrale Operativa dispone per l attivazione del Sistema e contatta 11 i componenti del Comitato (all. A1), che dovranno portarsi tempestivamente presso la sede centrale del Corpo di Polizia Municipale. Nelle fasi antecedenti l inizio della riunione del Comitato e ferme restando le competenze del Sindaco ad emanare atti d urgenza, le decisioni di prima necessità saranno assunte dal Dirigente Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio. In caso di sua assenza o irreperibilità la sua sostituzione avverrà secondo quanto previsto dal Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi. Il Sindaco si rapporta costantemente con: - la Prefettura; - il Presidente della Giunta Regionale. Il Funzionario comunale reperibile di Protezione civile attiva il Nucleo comunale di protezione civile e dispone per: - eventuali blocchi stradali sia veicolari che pedonali (all. IND 3 caffaro e tavola C2B della cartografia di supporto), tenendo conto di ampliare, eventualmente, la zona di interdizione mediante l utilizzo del Corpo di Polizia Municipale e delle altre Forze dell Ordine; - la diffusione di un messaggio informativo di preallarme alla popolazione, (all. IND 4 caffaro), utilizzando i veicoli del Corpo di Polizia Municipale dotati di altoparlanti secondo itinerari prestabiliti (all. IND 4 caffaro). I conducenti di tali veicoli saranno dotati di idonei strumenti di protezione (autoprotettore, maschere antigas o quant altro possa necessitare); - l informazione dell evento in corso agli stabilimenti siti nelle adiacenze (all. IND 5 caffaro), affinché adottino le misure di preallarme previste dal proprio piano di emergenza interno; - l attuazione delle specifiche procedure nei confronti di persone disabili segnalate dal Settore Servizi Sociali; 12 - l attivazione della sala funzioni di supporto; 11 Il contatto con i componenti del Comitato da parte della Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale, avviene per via telefonica o, in caso di interruzione di linee, con staffette auto-motomontate della Polizia Municipale stessa. 12 Di cui all elenco riservato, allegato alle specifiche procedure di Settore. 14

15 - la chiusura, a scopo cautelativo, delle entrate o uscite del Cimitero Vantiniano che si affacciano sulla Via Industriale, utilizzando personale del Corpo di Polizia Municipale. Una volta insediato, il Comitato dispone per: - la trasmissione agli organi di informazione locali (all. IND 6 caffaro) del messaggio di preallarme (all. IND 4 caffaro), per la sua costante e ripetuta diffusione; - il costante monitoraggio del territorio coinvolto dall'evento da parte del personale del Nucleo comunale di protezione civile. Ove necessiti, lo stesso personale dovrà favorire l'immediato allontanamento di persone presenti nell area di potenziale danno; dovrà altresì provvedere a far sgomberare l'area da veicoli trasportanti materiali pericolosi, indirizzandoli in zona sicura (es. area industriale). Il personale che espleterà tale servizio sarà dotato di idonei strumenti di protezione individuale (autoprotettori o maschere antigas); - l Invito al SSUEm 118 e all A.S.L. ad attivarsi per la predisposizione di un eventuale cordone sanitario allertando gli ospedali cittadini; - Il preallertamento della Ferrovia Nord (linea Brescia-Edolo) circa l eventuale necessità di interrompere la viabilità ferroviaria nella tratta interessata all'attraversamento dell area, nonché per l'allontanamento di eventuali vagoni cisterna contenenti materiali pericolosi; - l allestimento di una area ove convogliare i cittadini impossibilitati a raggiungere la propria abitazione per effetto degli eventuali divieti imposti (aree antistanti il cimitero Vantiniano e stabilimento Breda, tav. C2B della cartografia di supporto) Cessato stato di preallarme Non appena venuto a conoscenza del cessato stato di pericolo il Sindaco, sentito il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e la Prefettura, dispone per la diramazione del messaggio di cessato dello stato di preallarme. Di conseguenza: - Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile dispone per la diramazione dell informazione del cessato stato di preallarme alla popolazione, mediante la diffusione di un messaggio pre-registrato (all. IND 7 caffaro), utilizzando i veicoli del Corpo di Polizia Municipale dotati di altoparlanti secondo itinerari prestabiliti (all. IND 7 caffaro), provvedendo altresì a disattivare gli specifici servizi; - La Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale dirama via fax la dichiarazione di cessato stato di preallarme (all. IND 8 caffaro) agli Enti interessati (all. IND 2 caffaro), nonché agli organi di stampa (all. IND 6 caffaro); - Il Comandante del Corpo di Polizia Municipale disattiva gli specifici servizi predisposti. 15

16 Allarme L allarme ha inizio in seguito alla segnalazione da parte del Responsabile dello stabilimento CAFFARO del verificarsi di un incidente grave e giudicato rilevante per tipologia e rapidità nel suo evolversi. In tali casi, il Responsabile dello Stabilimento Caffaro deve: - Azionare il sistema interno di allarme (sirena); - Informare contemporaneamente il Prefetto, il Sindaco (mediante la trasmissione di informativa alla Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale) ed il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco; - Mettere in atto tutti i provvedimenti previsti dal piano di emergenza interno. La Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale, al ricevimento della notizia, informa tempestivamente (all. A1): - Il Sindaco; - Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile; - Il Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio; - Il Comandante del Corpo di Polizia Municipale; - La Sala telecontrolli del Gruppo A.S.M. Brescia S.p.a. (attiva 24/24 h). Negli orari in cui presso la sede centrale del Corpo di Polizia Municipale vi è il solo servizio di piantone, le procedure iniziali relative all avviso al Sindaco, al Comandante del Corpo di Polizia Municipale e al Funzionario comunale reperibile di protezione civile dovranno essere espletate dagli addetti al servizio di piantone stesso. Il Sindaco, sentito il Funzionario comunale reperibile di Protezione civile, che ha provveduto a consultarsi con i Vigili del Fuoco, il Responsabile dello Stabilimento, il SSUEm 118, l A.S.L., l A.R.P.A. ed il Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio, ordina lo stato di allarme. La Centrale Operativa dirama via FAX la dichiarazione di stato di allarme (all. IND 9 caffaro) a tutti gli Enti interessati (all. IND 2 caffaro), disponendo altresì la chiusura immediata delle entrate ed uscite del Cimitero Vantiniano, che si affacciano sulla Via Industriale. Contestualmente, la stessa dispone per l attivazione del Sistema e contatta 13 i componenti del Comitato (all. A1), che dovranno portarsi tempestivamente presso la sede centrale del Corpo di Polizia Municipale. 13 Il contatto con i componenti del Comitato da parte della Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale avviene per via telefonica o, in caso di interruzione di linee, con staffette auto-motomontate in dotazione al Corpo stesso. 16

17 Nelle fasi antecedenti l inizio della riunione del Comitato e ferme restando le competenze del Sindaco ad emanare atti d urgenza, le decisioni di prima necessità saranno assunte dal Dirigente Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio. In caso di sua assenza o irreperibilità la sua sostituzione avverrà secondo quanto previsto dal Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi. Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile, in attesa dell insediamento del Comitato, provvede a: - convocare il Nucleo comunale di protezione civile; - disporre con personale del Corpo di Polizia Municipale coadiuvato da altre Forze dell Ordine per l immediato blocco stradale e pedonale dell area interessata (all. IND 3 caffaro e tavola C2B.della cartografia di supporto); - disporre per la diffusione da parte della Centrale Operativa di un messaggio informativo di allarme alla popolazione (all. IND 10 caffaro), utilizzando i veicoli del Corpo di Polizia Municipale dotati di altoparlanti secondo itinerari prestabiliti (all. IND 10 caffaro). I conducenti di tali veicoli saranno dotati di idonei strumenti di protezione (autoprotettore, maschere antigas o quant altro possa necessitare); - disporre circa la necessità di dare informazione dell evento in corso agli stabilimenti vicini (all. IND 5 caffaro), affinché adottino le misure di preallarme previste dal proprio piano di emergenza interno; - predisporre per l attivazione della sala funzioni di supporto; - disporre per la trasmissione agli organi di informazione locali (all. IND 6 caffaro) del messaggio di allarme (all. IND 10 caffaro), per la sua costante e ripetuta diffusione; - disporre il costante monitoraggio del territorio coinvolto dall'evento con il personale del Nucleo comunale di protezione civile. Ove necessiti, lo stesso personale dovrà favorire l'immediato allontanamento di persone presenti nell area colpita dall evento o di potenziale danno; dovrà altresì provvedere all eventuale sgombero dall'area da veicoli trasportanti materiali pericolosi, indirizzandoli in zona sicura (area industriale). Il personale che espleterà tale servizio sarà dotato di idonei strumenti di protezione individuale (autoprotettori e/o maschere antigas); - a dare attuazione delle specifiche procedure nei confronti di persone disabili segnalate dal Settore Servizi Sociali; - dare informazione al SSUEm 118 e all A.S.L. sulla necessità di predisporre un adeguato cordone sanitario, provvedendo altresì all allertamento degli ospedali cittadini. Durante 17

18 le operazioni di soccorso alla popolazione dovrà essere altresì prestata particolare assistenza a persone anziane, bambini e soggetti diversamente abili; - disporre per l allestimento di aree ove convogliare i cittadini impossibilitati a raggiungere la propria abitazione per effetto degli eventuali divieti imposti (aree antistante il cimitero Vantiniano e stabilimento Breda, tav. C2B della cartografia di supporto); - avvisare la Ferrovia Nord (linea Brescia-Edolo) circa la necessità di interrompere la viabilità ferroviaria nella tratta interessata all'attraversamento dell'area, nonché per l'allontanamento di eventuali vagoni cisterna contenenti materiali pericolosi; - mantenere costanti contatti con i Vigili del Fuoco e gli altri apparati tecnici impegnati sull evento e si rapporta con la Sala Operativa della protezione civile della Regione Lombardia. Il Sindaco si rapporta costantemente con: - La Prefettura; - Il Presidente della Giunta Regionale. Una volta insediato e dopo aver fatto il punto della situazione in atto con il Funzionario comunale reperibile di protezione civile, il Comitato attiva immediatamente le funzioni di supporto ad integrazione di quanto già attuato. L eventuale utilizzo o coinvolgimento delle Organizzazioni di volontariato sarà valutato dal Comitato in relazione all evolversi dell evento, nonché in sintonia con quanto previsto nel piano di emergenza esterno elaborato dalla Prefettura Cessato stato di allarme Non appena venuto a conoscenza del cessato Allarme, il Sindaco, sentito il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e la Prefettura, dispone per la diramazione del messaggio di cessato stato di allarme. Di conseguenza: - Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile dispone per la diffusione del messaggio di cessato stato di allarme alla popolazione (all. IND 11 caffaro), utilizzando i veicoli del Corpo di Polizia Municipale dotati di altoparlanti secondo itinerari prestabiliti (all. IND 11 caffaro) e provvedendo altresì a disattivare gli specifici servizi. - La Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale dirama via fax agli organi di informazione (all. IND 6 caffaro) la dichiarazione di cessato stato di allarme (all. IND 11 caffaro). 18

19 - Il Comandante del Corpo di Polizia Municipale disattiva gli specifici servizi e dispone per la completa riattivazione della circolazione veicolare e pedonale. 19

20 6.4.3 P.O.S. da attuare in conformità al Piano di emergenza esterna - stabilimento Pialorsi Stivengas S.r.l. predisposto dalla Prefettura Premessa Il Piano di emergenza esterno relativo allo stabilimento Stivengas S.r.l., è stato approvato con Decreto Prefettizio (prot. n A GAB) e successivo Decreto Prefettizio (prot. N. 110/12.A.10.74/Pc) Preallarme Il preallarme ha inizio nel momento in cui il Responsabile dello stabilimento STIVENGAS si rende conto che nell impianto si sono verificate situazioni anomale d esercizio o incidenti che potrebbero portare a gravi conseguenze. In tali casi, la Direzione dello Stabilimento Stivengas deve sempre comunicare le circostanze dell incidente, le sostanze coinvolte, le misure adottate e le prevedibili conseguenze a: - Prefettura; - Sindaco, mediante la trasmissione di informativa alla Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale; - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco; - Direzione dell A.S.L. La Centrale Operativa del Corpo di Polizia Municipale, al ricevimento della notizia, informa tempestivamente il Sindaco e dirama via FAX la dichiarazione di stato di preallarme (all. IND 1 stivengas) a tutti gli Enti interessati (all. IND 2 stivengas). Contestualmente informa (all. A1): - Il Funzionario comunale reperibile di protezione civile; - Il Responsabile del Settore Sicurezza Urbana, Protezione Civile e Commercio; - Il Comandante del Corpo di Polizia Municipale; - La Sala Telecontrolli del Gruppo A.S.M. Brescia S.p.a. (attiva 24/24 h). Negli orari in cui presso la sede del Corpo di Polizia Municipale vi è il solo servizio di piantone, le procedure iniziali relative all avviso al Sindaco, al Comandante del Corpo di Polizia Municipale e al Funzionario comunale reperibile di protezione civile dovranno essere espletate dagli addetti al servizio di piantone stesso. 20

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

I - PRINCIPI GENERALI

I - PRINCIPI GENERALI D.Lgs. 17 agosto 1999, n. 334 Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose (G.U. 28.09.1999, n. 228, s. o)

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A.

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Circolare

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli