APPLICAZIONI PRATICHE DI RISK MANAGEMENT: - VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEI RISCHI - UN CASO DI STUDIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPLICAZIONI PRATICHE DI RISK MANAGEMENT: - VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEI RISCHI - UN CASO DI STUDIO"

Transcript

1 APPLICAZIONI PRATICHE DI RISK MANAGEMENT: - VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEI RISCHI - UN CASO DI STUDIO A cura di: ing.. Marco Terzago Vice-Presidente ANRA Risk Manager SKF Industrie S.p.A. Risk Engineering Manager Gruppo SKF Web: ; 1

2 AGENDA: 3 Marzo 2010 (14,00-18,00) 1. Richiamo: LE FASI DEL PROCESSO di R.M. 2. VALUTAZIONE dei rischi Metodologie qualitative Metodologie quantitative / statistiche 3. TRATTAMENTO dei rischi RIDUZIONE o ELIMINAZIONE Curve ISORISCHIO Misure di riduzione della frequenza (PREVENZIONE) Misure di riduzione della gravità (PROTEZIONE) 4. UN CASO: stesura di un piano di RM per una PMI industriale Identificazione e Valutazione dei rischi Trattamento (ritenzione, prevenzione, protezione, assicurazione) 2

3 Analisi 3 Trattamento 4 RICHIAMO: IL PROCESSO DI RISK MANAGEMENT Revisione 1 2 IDENTIFICAZIONE VALUTAZIONE ELIMINAZIONE TRASFERIMENTO RIDUZIONE RITENZIONE ASSICURAZIONE AUDITING DEL PROCESSO PATRIMONIO ATTIVITA PERSONE CONTRATTI PREVENZIONE PROTEZIONE PARZIALE TOTALE Eventi dannosi Probabilità Gravità Acquisti Trasporto Commesse Subforniture Franchigia Scoperto Limite di indennizzo Ripianamento diretto Autoassicurazione Captive Company Rischi residuali Rischi obbligatori Azione periodica 3

4 2^ FASE: VALUTAZIONE Analisi INDIVIDUAZIONE VALUTAZIONE 2 Probabilità Gravità Non è possibile migliorare ciò non si riesce a valutare o misurare!!! Valutare i rischi per porli in ordine di priorità è indispensabile per concentrare sforzi e risorse economiche su quelli più importanti. 4

5 VALUTAZIONE DEI RISCHI Valutazione dei rischi puri Il modello R = F x G Distribuzione dei rischi Metodologie di valutazione Metodologie statistiche Metodologie soggettive Serie storiche e Incident Reporting 5

6 IL MODELLO R = f x g R = y (f, g,,,..) f : frequenza g : gravità L'entità R di un evento dannoso è una combinazione della frequenza e della gravità dell'evento stesso 6

7 DISTRIBUZIONE DEI RISCHI Frequenza Rischi AF / BG Rischi AF / AG (non esistono!) Rischi BF / BG (non interessano!) Rischi BF / AG Gravita Empiricamente si verifica una proporzionalità inversa tra gravità e frequenza degli eventi dannosi 7

8 CLASSIFICAZIONE Rischi BF/AG (bassa frequenza - alta gravità) Rischi AF/BG (alta frequenza - bassa gravità) 8

9 ESEMPI Attentati Terremoti Eventi atmosferici Inquinamento ambiente Incendi Esplosioni Scoppi Crolli... Danni d acqua Furti e ammanchi Infortuni sul lavoro Incidenti automobilistici Incendi? Perdita di dati su PC Malattie da postura scorretta Guasti meccanici ed elettrici... 9

10 TECNICHE DI VALUTAZIONE Tecniche statistiche Si basano prevalentemente sulla statistica inferenziale (da preferire quando la serie storica è sufficientemente ampia, costituita da eventi indipendenti e rappresentativa delle caratteristiche aziendali attuali. Tecniche soggettive Si basano prevalentemente sulla elaborazione personale (giudizi personali, valutazioni qualitative, esperienza) Più utilizzate nel Risk Management, visto che i dati storici sono spesso scarsi, poco credibili e inficiati da fattori di distorsione. 10

11 REGISTRAZIONE E INVESTIGAZIONE SINISTRI Le registrazioni storiche degli eventi dannosi o dei quasi-incidenti incidenti (near( near-misses) ) e la loro investigazione (accident investigation) ) costituiscono un preziosissimo patrimonio informativo. Permettono di: Individuare l'incidenza dei diversi fattori causali Individuare trend di fenomeni rilevanti Essere la base per costruire una valida checklist o per la preparazione di interviste ed ispezioni 11

12 INVESTIGAZIONE EVENTI DANNOSI Cause Enti colpiti Dinamica Conseguenze Elementi/circostanze aggravanti Carenze negli interventi post sinistro 12

13 INVESTIGAZIONE EVENTI DANNOSI nel Gruppo SKF Obiettivi: Identificare operazioni rischiose Condividere esperienza Utilizzato per le valutazioni del Costo del Rischio Procedura di Reporting: Utilizzare il DB RIMS Report su Lotus Notes Una persona designata per sito I report vanno al Risk Manager di Area Ogni 3 mesi vanno comunque segnalati anche in caso di nessun incidente 13

14 INCIDENT REPORTING nel Gruppo SKF 14

15 Le 8 TIPOLOGIE pi Guasti Macchina 2% Gruppo SKF, Incidenti riportati (Gen Gen. 2011) più frequenti Vari, specificati 11% Altri, non specificati 7% Impatto di veicoli 3% Furti 4% Danni elettrici 5% Incendi 51% Acqua condotta 5% Danni da fumo 5% Sversamenti 7% 15 25

16 INCENDI - distribuzione per AREA Incendi/danni da fumo riportati (Gen Gen. 2011) Le 8 AREE/REPARTI di accadimento più frequenti Altre aree 28% Trattamento termico 23% Fonderia 3% Rettifiche 17% Fucine 3% Aree esterne 3% Stampaggio 4% Torneria 13% Lappatura 6% 16 26

17 INCENDI - distribuzione per CAUSA Incendi/danni da fumo riportati (Gen Gen. 2011) Le 8 CAUSE di incendio più frequenti Cause ignote 6% Altre cause, specificate 16% Surriscaldamento 19% Fumo da sigaretta 2% Autocombustione 4% Malfunzionamento del macchinario 13% Contatto con superfici calde 7% Lavori a caldo 9% Scintille 11% Fenomeno elettrico 13% 17 27

18 LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO FATTA DAGLI ASSICURATORI : OBIETTIVI ASSUNZIONE/NON ASSUNZIONE DEL RISCHIO DEFINIZIONE DI TASSI E CONDIZIONI QUOTA SOTTOSCRIZIONE RITENZIONE / RIASSICURAZIONE 18

19 MASSIMO DANNO STIMATO MASSIMO DANNO STIMATO parametro fondamentale per la quotazione del rischio, che è spesso fonte di equivoci tra broker, assicuratori e riassicuratori PERCHE? 19

20 MASSIMO DANNO STIMATO Serve a definire: il GRADIMENTO del RISCHIO il TASSO ASSICURATIVO la POLITICA di RIASSICURAZIONE Ci si concentra sul fattore GRAVITA' GRAVITA' più che sulla FREQUENZA 20

21 LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO FATTA DAGLI ASSICURATORI a) PARAMETRI PER LA VALUTAZIONE DI RISCHI DI RESPONSABILITA CIVILE 21

22 IL VALORE / PERSONA IL DANNO ECONOMICO - I ESEMPIO SINGLE DI 40 ANNI Rischio morte Rischio invalidita permanente IL DANNO ECONOMICO - II ESEMPIO CAPOFAMIGLIA DI 40 ANNI CON MOGLIE CASALINGA E DUE FIGLI STUDENTI Rischio morte Rischio invalidita permanente 22

23 LA VALUTAZIONE DANNO A : Persone cose singolo sinistro (cumulo di persone e cose) 23

24 MASSIMO DANNO STIMATO R.C. - UN CRITERIO VALORE - PERSONA = 2,5 M M VALORE COSE PIU ELEVATO EVENTI POSSIBILI NUMERO MASSIMO PERSONE COINVOLTE 24

25 LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO FATTA DAGLI ASSICURATORI b) PARAMETRI PER LA VALUTAZIONE DI RISCHI DI DANNI AI BENI E DA INTERRUZIONE DELL ATTIVITA (PD / BI) 25

26 PARAMETRI UTILIZZATI MUR (Massima Unità di Rischio) MPL (Maximum( Probable Loss) Maggior parte delle compagnie italiane MFL (Maximum( Foreseeable Loss) LE (Loss Expectancy) Maggior parte delle comp. straniere + Generali 26

27 MASSIMA UNITÀ DI RISCHIO (MUR) MUR E il valore della maggiore concentrazione di beni validamente separata dal resto 27

28 Unità di Rischio caratterizzata dalla massima perdita di beni (PD) Circostanze più sfavorevoli assenza di intervento delle protezioni attive assenza di intervento delle squadre interne assenza di intervento dei VVF Valutazione di tipo oggettivo Separazione valida MUR Muro pieno o tagliafuoco (REI ) 180) Distanza di sicurezza (10-30 m) 28

29 MAXIMUM PROBABLE LOSS (MPL) MPL E la stima della massima perdita ragionevolmente prevedibile, cioè quella che può verificarsi in condizioni NORMALI, con riguardo sia alle caratteristiche del rischio,, sia all esistenza e all efficienza dei mezzi di prevenzione / protezione 29

30 MPL L MPL non può essere superiore alla MUR L MPL potrebbe verificarsi in un unità di rischio diversa dalla MUR Circostanze normali: intervento delle protezioni attive intervento delle squadre interne intervento dei VV.F. Danno combinato (PD + BI) Valutazione di tipo soggettivo 30

31 VALUTAZIONE MPL Possibile valutare MPL per Rischi Accessori (ex. co e catastrofali, ad es. MPL terremoto, MPL alluvione) No eventi socio-politici 31

32 MAXIMUM FORESEEABLE LOSS (MFL) MFL Massima perdita prevedibile nelle condizioni più pessimistiche nell area di più elevato rischio 32

33 MFL Unità di rischio caratterizzata dal massimo danno combinato (PD+BI) Condizioni più pessimistiche assenza di intervento delle protezioni attive assenza di intervento delle squadre interne intervento dei VV.F Danno combinato (PD+BI) Valutazione di tipo oggettivo 33

34 LOSS EXPECTANCY (LE) LE Rappresenta il danno che può essere credibilmente causato dal sinistro considerato 34

35 LE Unità di rischio generica Condizioni credibili funzionamento delle protezioni attive intervento delle squadre interne intervento dei VV.F Danno combinato (PD+BI) Valutazione di tipo soggettivo / oggettivo 35

36 3^ FASE: TRATTAMENTO 3 Trattamento 1. TRASFERIMENTO non assicurativo 2. ELIMINAZIONE 3. RIDUZIONE 4. RITENZIONE IN PROPRIO CONTRATTI PREVENZIONE Loss Prevention PROTEZIONE Loss Control PARZIALE TOTALE Acquisti Trasporto Commesse Subforniture Franchigia Scoperto Limite di indennizzo Ripianamento diretto Autoassicurazione Captive Company 5. ASSICURAZIONE Rischi residuali Rischi obbligatori 36

37 I "TRE MOMENTI" DEL TRATTAMENTO DEL RISCHIO 1. UN MOMENTO DI TIPO GIURIDICO : TRASFERIMENTO CONTRATTUALE DEL RISCHIO A TERZI (NON ASSICURATIVO) 2. UN MOMENTO DI TIPO FINANZIARIO : RITENZIONE IN PROPRIO / ASSICURAZIONE DEL RISCHIO 3. UN MOMENTO DI TIPO FISICO /TECNICO : ELIMINAZIONE / RIDUZIONE DEL RISCHIO 37

38 FOCUS : TECNICHE "FISICHE" DI TRATTAMENTO 3 Trattamento 1. TRASFERIMENTO non assicurativo 2. ELIMINAZIONE 3. RIDUZIONE 4. RITENZIONE IN PROPRIO CONTRATTI PREVENZIONE Loss Prevention PROTEZIONE Loss Control PARZIALE TOTALE Acquisti Trasporto Commesse Subforniture Franchigia Scoperto Limite di indennizzo Ripianamento diretto Autoassicurazione Captive Company 5. ASSICURAZIONE Rischi residuali Rischi obbligatori 38

39 ELIMINAZIONE NELL AFFRONTARE IL TRATTAMENTO SPESSO SI TRALASCIA DI VERIFICARE SE IL RISCHIO NON SI POSSA ELIMINARE. NON È DETTO CHE L ELIMINAZIONE SIA POSSIBILE O ECONOMICAMENTE O FINANZIARIAMENTE OPPORTUNA. È PERÒ IMPORTANTE DEDICARE TEMPO E RISORSE PER ESAMINARE QUESTA POSSIBILITÀ. 39

40 RIDUZIONE DEL RISCHIO SE ELIMINARE IL RISCHIO È IMPOSSIBILE - IMPROPONIBILE O DIFFICILE PUÒ ESSERE OPPORTUNO E VANTAGGIOSO RIDURRE IL RISCHIO ATTRAVERSO OPERE DI PREVENZIONE E MISURE DI PROTEZIONE 40

41 LA RIDUZIONE DEL RISCHIO OCCORRE INDIVIDUARE E VALUTARE LE POSSIBILI MISURE CHE AGISCONO SU: FREQUENZA DI ACCADIMENTO (PREVENZIONE) GRAVITÀ (PROTEZIONE) 41

42 CURVE ISORISCHIO noti i parametri di Gravità / Frequenza si posiziona il rischio sul piano SI può RIDURRE il rischio sia con interventi di PREVENZIONE che di PROTEZIONE 900 GRAVITA' (M ) Rischio A Rischio A Prevenzione Rischio A Protezione Gravità = LE ( PD + BI) Vulnerabilità= f (Frequenza di danno) VULNERABILITA' (%)

43 MISURE DI PREVENZIONE (Loss Prevention) AGISCONO SULLA FREQUENZA DI ACCADIMENTO SONO SPESSO INDICATE COME MISURE INERENTI IL "FATTORE UMANO" O "MISURE ORGANIZZATIVE HANNO IL VANTAGGIO DI NON RICHIEDERE GROSSI INVESTIMENTI VEDIAMONE ALCUNI ESEMPI IN CAMPO DANNI ALLA PROPRIETA E DA INTERRUZIONE DELL ATTIVITA (PD/BI) 43

44 MISURE DI PROTEZIONE (Loss Control) AGISCONO SULLA GRAVITA' DI ACCADIMENTO (LOSS CONTROL). SONO SPESSO INDICATE COME MISURE INERENTI IL "FATTORE FISICO SI DIVIDONO IN MISURE DI PROTEZIONE PASSIVA E MISURE DI PROTEZIONE ATTIVA LA LORO IMPLEMENTAZIONE RICHIEDE INVESTIMENTI TALORA CONSISTENTI 44

45 1. ISPEZIONI PERIODICHE DI PREVENZIONE 2. PIANO DI EMERGENZA 3. SQUADRA DI EMERGENZA 4. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE 5. CONTROLLO DELLE IMPRESE ESTERNE E PERMESSI DI LAVORO A CALDO 6. MISURE DI SECURITY (ANTIINTRUSIONE) 7. MANUTENZIONI ELETTRICHE E ANALISI TERMOGRAFICHE 8. GESTIONE DELLE POSTAZIONI DI RICARICA BATTERIE 9. DIVIETO DI FUMO MISURE DI PREVENZIONE (AREA PROPERTY) 10. GESTIONE DI LIQUIDI & GAS INFIAMMABILI &COMBUSTIBILI 11. ORDINE E PULIZIA E GESTIONE DEI RIFIUTI 12. MODALITA' DI STOCCAGGIO DI MATERIALI COMBUSTIBILI 45

46 1. ISPEZIONI PERIODICHE E' necessario effettuare periodiche verifiche sull'efficienza dei mezzi antincendio Tali verifiche devono riguardare: estintori rete idranti e alimentazione idrica stazione di pompaggio impianti di rivelazione e segnalazione d'incendio impianti automatici di estinzione evacuatori di fumo e calore Tutte le operazioni di verifica e gli eventuali interventi conseguenti devono essere formalizzati su apposito REGISTRO 46

47 2. PIANO DI EMERGENZA E' un insieme di norme che regolano il comportamento da osservare in caso di incendio ed è volto a rendere minimo il tempo di intervento dei soccorsi interni ed esterni CHI SCOPRE UN INCENDIO DEVE intervenire direttamente se l'incendio è di lieve entità avvisare il centralino/sorveglianza mediante i pulsanti d'allarme, ovvero telefonando I L CENTRALINO / SORVEGLIANZA DEVE avvisare la Squadra Antincendio telefonare ai Vigili del Fuoco avvisare il Responsabile dello stabilimento ed il RSPP TUTTO IL PERSONALE IN SERVIZIO NELLO STABILIMENTO DEVE sospendere il lavoro mettendo i macchinari "in sicurezza" non ostacolare le operazioni di soccorso liberare immediatamente le linee telefoniche 47

48 3. SQUADRA DI EMERGENZA La Squadra Antincendio svolge le prime operazioni di soccorso nella fase iniziale dell'incendio, in attesa dell arrivo dei Vigili del Fuoco; generalmente è composta almeno dalle seguenti persone: un Caposquadra per ogni turno lavorativo, con il relativo sostituto (per i casi di assenza del Caposquadra), che si assuma le responsabilità delle operazioni durante l'emergenza fino all arrivo del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione due manutentori (e due sostituti) per turno, con sufficienti conoscenze impiantistiche da poter intervenire sulle pompe antincendio, sul sezionamento degli impianti elettrici, termici, etc. 3-4 addetti ai mezzi antincendio per ogni turno che indirizzino correttamente i VV.F. verso il luogo colpito dall'incendio e coordinino l'evacuazione delle zone colpite, nonché l'intervento degli altri dipendenti per rendere efficace il loro apporto 48

49 4. SERVIZIO PREVENZIONE & PROTEZIONE Compiti principali: adottare i mezzi di prevenzione e protezione più idonei alle caratteristiche dell'attività, adeguandoli nel tempo in caso di sostanziali mutamenti nel ciclo produttivo organizzare l'attività di verifica del materiale antincendio pianificare i corsi di addestramento del personale predisporre il Piano d'emergenza far rispettare al personale le disposizioni riguardanti la sicurezza antincendio ( divieto di fumo, ordine e pulizia, spazi di sicurezza sgombri da materiale vario, porte t.f. libere di chiudersi, cartellonistica da non rimuovere ) organizzare il servizio di vigilanza nei periodi di assenza del personale (periodi di chiusura notturna e festiva, fermo impianti per manutenzione) mantenere i rapporti con gli enti di controllo (in particolare i Vigili del Fuoco per il C.P.I. ma anche l'ispesl, l'asl, l ARPA, ecc.) 49

50 5. LAVORI A CALDO Comprendono: la saldatura il taglio l'applicazione di guaine bituminose e, in genere, qualsiasi operazione che implichi la presenza di fiamme aperte o che produca calore o scintille PROBLEMI DEI LAVORI A CALDO Intrinseca elevata temperatura di alcuni di questi (la fiamma di un cannello da taglio ossiacetilenico può raggiungere i 3300 C) Rischio effettivo che l'incendio possa covare diverse ore prima che sia visibile una fiamma Deve essere predisposto un documento (Permesso di Fuoco) che, sulla base delle caratteristiche del rischio, formalizzi il piano di attuazione di tali lavori 50

51 5. LAVORI A CALDO Distanze raggiungibili da faville prodotte nelle operazioni di taglio con fiamma ossidrica H - 2,00 m PRESSIONE DI ALIMENTAZIONE NORMALE 2 FORTE 3 MOLTO FORTE DISTANZA METRI 3,00 5,00 7,50 10,00 51

52 MISURE DI PROTEZIONE "PASSIVA" PROPERTY 1. RESISTENZA AL FUOCO DEGLI ELEMENTI COSTRUTTIVI 2. COMPARTIMENTAZIONI ANTINCENDIO SPAZI VUOTI 3. SERRAMENTI DI SICUREZZA ANTINCENDIO 52

53 1. RESISTENZA AL FUOCO DEGLI ELEMENTI COSTRUTTIVI Capacità di un elemento da costruzione di conservare, per un determinato tempo di esposizione all'incendio (in minuti) le caratteristiche sottoindicate: R Stabilità Mantenimento della resistenza meccanica sotto l'azione del fuoco RE REI Stabilità più Tenuta Stabilità, Tenuta e Isolamento termico Capacità di conservare la resistenza meccanica e di impedire il passaggio dei fumi verso il lato non coinvolto dall'incendio Capacità di mantenere stabilità e tenuta e di ridurre il passaggio di calore verso il lato non coinvolto dall'incendio 53

54 RESISTENZA AL FUOCO R CASO 1 STANZA INVASA DAL FUMO PASSAGGIO DI CALORE (EVIDENZIATO DALLA PIANTA APPASSITA) 54

55 RESISTENZA e TENUTA RE CASO 2 STANZA PRIVA DI FUMO PASSAGGIO DI CALORE (PIANTA APPASSITA) 55

56 RESISTENZA, TENUTA e ISOLAMENTO REI CASO 3 STANZA NON INFLUENZATA DALL INCENDIO (EVIDENZIATO DALLA PIANTA FRESCA) 56

57 STRUTTURE METALLICHE Effetti della temperatura sugli elementi in metallo 57

58 2. COMPARTIMENTO ANTINCENDIO Parte di fabbricato delimitato da elementi costruttivi di resistenza al fuoco predeterminata al fine di contrastare la propagazione dell'incendio Gli elementi che delimitano un compartimento antincendio dal resto del fabbricato possono essere Muri Pieni (REI 120) oppure Muri Tagliafuoco (REI 240) La compartimentazione è consigliabile: 1. Tra la zona ove avviene la produzione ed i depositi 2. Per separare un centro di pericolo (zone di stoccaggio infiammabili, cabine di trasformazione, locali caldaie, centri di calcolo, ecc..) dal resto del fabbricato 3. In edifici destinati ad uso civile per proteggere il vano scale, vano ascensore, ecc. 58

59 2. ESEMPIO LAVORAZIONE NELLO STESSO LOCALE 59

60 3. SERRAMENTI DI SICUREZZA ANTINCENDIO Sono utilizzati per proteggere le aperture presenti nelle compartimentazioni; costituiscono comunque il punto debole della compartimentazione I serramenti di sicurezza antincendio più in uso in ambito industriale sono REI 120 SISTEMA DI RIVELAZIONE D INCENDIO PROTEZIONI Il sistema automatico deve essere comandato da un elemento termosensibile (68 C), oppure da un rivelatore d incendio Devono essere presenti: ringhiere che proteggano da urti o accumuli di materiale; un'area di rispetto, adeguatamente segnalata sul pavimento, mantenuta sgombra 60

61 3. SERRAMENTI DI SICUREZZA ANTINCENDIO 61

62 MISURE DI PROTEZIONE "ATTIVA" PROPERTY 1. AGENTI ESTINGUENTI 2. SISTEMI DI PROTEZIONE MANUALE : 2.1. ESTINTORI 2.2. NASPI E IDRANTI 3. RETE IDRANTI E ALIMENTAZIONE IDRICA 4. SISTEMI DI RIVELAZIONE DI INCENDIO 5. SISTEMI AUTOMATICI DI PROTEZIONE ANTINCENDIO 5.1. IMPIANTI SPRINKLER 5.2. IMPIANTI DI ESTINZIONE A GAS 5.3. IMPIANTI DI ESTINZIONE A SCHIUMA 6. EVACUATORI DI FUMO E DI CALORE 62

63 1. AGENTI ESTINGUENTI ESTINGUENTE AZIONE ESTINGUENTE CAMPO DI APPLICAZIONE ACQUA abbattimento della fiamma abbassamento della temperatura del combustibile soffocamento (vapore) fuochi di classe A non utilizzabile su apparecchiture in tensione GAS 1. blocco delle reazioni di combustione 1. Clean Agents 2. CO 2. soffocamento 2 fuochi di classe A non utilizzabile su apparecchiture in tensione SCHIUMA separazione del combustibile dal comburente In funzione del grado di espansione bassa: fuochi di classe B media: fuochi di classe A, B e C alta: fuochi di classe A e B POLVERE inibizione della combustione per azione di contatto fuochi di classe A, B, C e D non utilizzabile su macchine elettroniche e su materiali in catasta 63

64 2.1 ESTINTORI Costituiscono il primissimo mezzo di difesa contro l incendio: la loro efficacia è limitata dal rapido esaurimento della carica estinguente Estinguente utilizzato Adatto al tipo di incendio prevedibile (A, B, C e D) Dotazione proporzionata 1 estintore portatile da 6 o 9 kg ogni mq di superficie protetta Distribuzione razionale Ogni estintore raggiungibile percorrendo non più di metri Agevole prelievo livello di installazione da terra non superiore a 1.3 metri peso non superiore a 6 kg in caso di prevalenza di personale femminile Protezione Contro danneggiamenti dovuti a cause esterne 64

65 2.1 ESTINTORI ESTINTORI OMOLOGATI D.M. 20/12/1982 Kg. 6 classe 13A - 89 B-CB Kg. 12 classe 34A B-CB 65

66 2.2 IDRANTI Rappresentano, insieme agli estintori, la protezione antincendio di base Idranti UNI 45 installati in apposite cassette a muro, interne o esterne ai fabbricati Idranti UNI 70 installati all'esterno dei fabbricati: a colonna, sottosuolo, in pozzetti interrati Naspi all'interno dei fabbricati Dotazione proporzionata UNI 45 distanza di ogni punto dell'area protetta dall idrante più vicino non superiore a 25 metri idranti supplementari installati in prossimità degli accessi UNI 70 distanza di ogni idrante dal fabbricato compresa tra 5 e 15 metri distanza tra 2 idranti pari a metri. NASPI: distanza tra 2 naspi successivi pari a metri Posizionamento Prelievo agevole e non ostacolato da merci o mezzi mobili Adeguata manutenzione Dotazione completa comprendente tubazione flessibile e lancia 66

67 2.2 IDRANTI CASSETTA ANTINCENDIO UNI 45 IDRANTE A COLONNA UNI 70 NASPO 67

68 3. RETE DI IDRANTI E la rete di tubazioni che, dall alimentazione idrica, porta l acqua agli idranti. Deve essere: Dedicata, cioè distinta da quella delle utenze industriali (eccetto per i naspi) Ad anello chiuso Sezionata in più tronchi tramite valvole Dotata di un attacco UNI 100 in prossimità dell ingresso principale per permettere ai Vigili del Fuoco l allacciamento con una riserva supplementare Protetta contro danneggiamenti dovuti a cause esterne (gelo, urti, cedimenti del terreno) Caratteristiche idrauliche (cfr. UNI VVF 10779): EDIFICI CIVILI 2 idranti UNI 45 alla pressione di 2-3 bar per almeno 1 ora (circa l/min) STABILIMENTI INDUSTRIALI E COMMERCIALI 3-4 idranti UNI 70 alla pressione di 4-5 bar per almeno 2 ore ( l/min) 68

69 3. RETE IDRANTI 5 10 edificio ZONA UTILE PER L INSTALLAZIONEL DEGLI IDRANTI ESTERNI 5-15 m edificio d=40 m A W.F. DISTANZA 40 m ZONA PROTETTA DALL IDRANTE 69

70 3. ALIMENTAZIONE IDRICA L alimentazione idrica deve soddisfare le caratteristiche idrauliche della rete idranti indicate al punto precedente in termini di portata, pressione ed autonomia di erogazione TIPO DI ALIMENTAZIONE PRIMARIA ACQUEDOTTO POZZI Accettabili come alimentazione diretta solo se garantiscono il prelievo in via continuativa, sulla base di conoscenze storiche e caratteristiche della zona AFFIDABILITÀ bassa bassa/media VASCHE O SERBATOI (Rischi lievi: mc. Rischi medi e gravi: mc. ) sopraelevati (10 metri di dislivello = 1 bar) collegati a stazione di pompaggio con almeno due pompe Ogni pompa deve garantire portata e pressione pari al 100% della richiesta ipotizzata e deve inoltre essere ad avviamento automatico, tramite pressostato SERBATOI A PRESSIONE (AUTOCLAVI) Utilizzabili come alimentazione primaria solo per rischi civili media/alta media/alta 70

71 4. RIVELATORI DI INCENDIO FUMO FUMO CALORE FIAMMA 71

72 4. RIVELATORI DI INCENDIO (posizionamento) SOFFITTO A VOLTA SOFFITTO PIANO SOFFITTO INCLINATO SOFFITTO A SHED 72

73 CENTRALE DI ALLARME 73

74 Assolvono sia la funzione di rivelazione che quella di estinzione o contenimento dell'incendio: l intervento è selettivo, cioè l'acqua viene scaricata solo dagli erogatori il cui elemento termosensibile raggiunge la temperatura di taratura (solitamente 141 C) Erogatori Con adeguato spazio libero al di sotto per permettere la corretta formazione del getto Posizionati a soffitto lungo il profilo della copertura (altezza massima del locale pari a 12 metri) Segnalazione d'allarme 5.1 IMPIANTI SPRINKLER Inviata, in caso di assenza di personale ad un istituto di telesorveglianza e presso il domicilio di un responsabile dello stabilimento Stazione di controllo Protetta da incendi e danneggiamenti Alimentazione idrica Di altissima affidabilità Dalla data di installazione dell'impianto, la zona protetta non deve aver subito significative modifiche (cambiamenti di destinazione, aumento dell'altezza di impilamento delle merci, variazione della natura delle merci e degli imballaggi, modalità di deposito, ecc...) 74

75 5.1 IMPIANTI SPRINKLER IMPIANTO AUTOMATICO A PIOGGIA ALIMENTATO DALL ACQUEDOTTO ACQUEDOTTO E DA UN SERBATOIO A PRESSIONE A RETE A SECCO B RETE A UMIDO 1 CAMPANA D ALLARME 2 COMPRESSORE D ARIA 3 POMPA DI RIEMPIMENTO 4 SERBATORIO A PRESSIONE 5 POMPA DI SUPERPRESSIONE 6 ARRIVO DALL ACQUEDOTTO 75

76 5.1 IMPIANTI SPRINKLER IMPIANTO SPRINKLER SPRINKLER APERTI VALVOLA DI INTERCETTAZIONE IMPIANTO SPRINKLER CAMPANA DI ALLARME 76

77 5.2 IMPIANTI DI ESTINZIONE A GAS Sono impianti automatici a protezione di ambiente e/o di oggetto (CO 2 ), costituiti da: impianto di rivelazione di incendio (di fumo o calore) recipienti contenenti l'estinguente (sotto pressione o allo stato liquido) rete di distribuzione che alimenta una serie di erogatori dispositivo manuale per l'azionamento della scarica La scarica deve: saturare l'ambiente essere ritardata per permettere lo sfollamento da parte delle persone Vengono utilizzati in particolare per: Cabine di trasformazione ed apparecchiature elettriche sotto tensione Liquidi infiammabili (depositi, produzione di vernici e profumi, estrazione con solventi) C.E.D. Macchinari da stampa, laminatoi, bagni d'olio di tempra 77

78 IMPIANTI DI ESTINZIONE A GAS PULSANTE PER LA SEGNALAZIONE MANUALE DI INCENDIO O ATTIVAZIONE IMPIANTO DI SPEGNIMENTO PROTEZIONE DI UN ARCHIVIO CARTACEO 78

79 5.3 IMPIANTI DI ESTINZIONE A SCHIUMA Sono impianti automatici costituiti da: impianto di rivelazione di incendio alimentazione idrica e serbatoi contenenti schiumogeno gruppo di miscelazione acqua - schiumogeno rete di distribuzione dotata di erogatori in cui si forma la schiuma per aerazione Il campo di applicazione dipende dal grado di espansione, cioè dal rapporto tra il volume di schiuma prodotta ed il volume della soluzione acqua - schiumogeno di partenza. BASSA ESPANSIONE Settori chimico e petrolchimico per la protezione di serbatoi e relativi bacini di contenimento MEDIA ESPANSIONE Liquidi infiammabili Macchinari (turbine, pompe) se lo strato di schiuma è in grado di ricoprirli totalmente Gas ALTA ESPANSIONE Per incendi di classe A e B, nella protezione di: depositi di merci ampi locali volumi sotterranei La scarica deve saturare l'ambiente 79

80 5.3 IMPIANTI DI ESTINZIONE A SCHIUMA UTILIZZO DELLO SCHIUMOGENO IN BASE AL GRADO DI ESPANSIONE 80

81 5.3 IMPIANTI DI ESTINZIONE A SCHIUMA FUSTO DI LIQUIDO SCHIUMOGENO (PER BASSA E MEDIA ESPANSIONE) 81

82 6. EFC (EVACUATORI DI FUMO E DI CALORE) Sono dispositivi che asicurano, tramite tiraggio naturale lo smaltimentio dei fumi e dei gas caldi prodotti da un incendio, con i seguenti vantaggi: Mantenimento di una zona libera ed accessibile nella parte inferiore del fabbricato Agevole sfollamento delle persone e minor difficoltà di intervento da parte dei soccorritori Diminuzione del rischio di collasso delle strutture portanti Riduzione dei danni provocati dal fumo, dai gas caldi e da sostanze tossiche e corrosive Dispositivo di apertura individuale automatico (elemento termosensibile tarato a 68 C) ed azionamento a distanza (manuale oppure automatico) Aperture nella parte bassa dei fabbricati, installati, per assicurare l'efficacia del tiraggio pari almeno al doppio della superficie degli 82

83 6. EFC (EVACUATORI DI FUMO E DI CALORE) SCHEMA DI INCENDIO CON IMPIANTO EFC: DUE COMPARTIMENTI ASIMMETRICI OTTENUTI CON UNA CORTINA DI CONTENIMENTO 83

84 I CENTRI DI PERICOLO DEPOSITI LAVORAZIONI AD ALTO RISCHIO Stoccaggio e Movimentazione infiammabili Confezionamento e Imballaggio Asciugamento Verniciatura a spruzzo Macinazione di sostanze combustibili Lavorazione del legno IMPIANTI ELETTRICI ALTRI IMPIANTI TECNOLOGICI Impianti termici Condizionamento Aspirazione Ricarica batterie CENTRI ELABORAZIONE DATI (CED) 84

85 IL CASO DI STUDIO STESURA DI UN PIANO DI RISK MANAGEMENT PER UNA PMI INDUSTRIALE Identificazione dei rischi Valutazione dei rischi Trattamento (prevenzione, ritenzione e assicurazione) 85

86 L AZIENDA Stabilimento per la produzione di componentistica auto in materia plastica non espansa 86

87 CAPITALI DA ASSICURARE Capitali da assicurare con valore a nuovo (EUR) Fabbricato A Fabbricato B Fabbricato C Fabbricato Macchinari e attrezzature Merci Totale

88 DESCRIZIONE DEL RISCHIO (1) Orario di lavoro / security Orario lavorativo suddiviso in 2 turni (6-14; 14-22) Durante l'orario notturno vengono effettuati 3 passaggi di controllo da un istituto di sorveglianza Materia prima Granuli in sacchi stoccati in cataste su pallet in legno Prodotto finito Componenti auto all'interno di scatole di cartone, stoccate su pallet in legno in scaffalature tradizionali fino ad un'altezza di circa 8 metri 88

89 DESCRIZIONE DEL RISCHIO (2) Ciclo produttivo 3 piccole presse (150 t) ad iniezione ad azionamento idraulico (ogni macchina è dotata di un proprio serbatoio di olio idraulico in pressione da 500 l); gli stampi sono unici. Verniciatura a spruzzo in cabina chiusa con utilizzo di vernici rese fluide con solventi aventi punto di infiammabilità < 21 C; nel reparto operano due dipendenti Asciugamento con aria calda, senza utilizzo di olio diatermico (due operai) Imballaggio con pellicola estensibile 89

90 FABBRICATI Caratteristiche costruttive dei fabbricati Fabbricato A Fabbricato B Superficie coperta ed altezza 2000 mq - h = 7 m - uffici: 300 mq (2 piani) - deposito MP: 500 mq cemento armato 1000 mq - h = 10 m Strutture portanti metallo non protetto verticali Strutture portanti del cemento armato metallo non protetto tetto Tamponamenti esterni mattoni pieni lastre di calcestruzzo Pareti interne blocchetti di calcestruzzo --- cm 12 (REI 120) Tetto a shed in cemento piano con lastre in fibrocemento Finestrature in vetro retinato in policarbonato 90

91 PROTEZIONE ANTINCENDIO Estintori presenti: - 4 estintori a polvere da 6 kg negli uffici, 1 nel deposito MP e 3 nel reparto produzione - 2 estintori a polvere da 6 kg nel deposito PF La rete idranti è dedicata all'antincendio ed è chiusa ad anello; la distribuzione degli idranti UNI 45 è proporzionata al rischio, mentre quella degli idranti UNI 70 è insufficiente. E' presente un attacco UNI 100 per i Vigili del Fuoco L'alimentazione idrica è dedicata all'antincendio ed è costituita da una vasca interrata da 100 m3. L'acqua viene immessa in rete da una EP con linea elettrica preferenziale, in grado di fornire 1500 l/min alla pressione di 5 bar Nel magazzino prodotti finiti è installato un impianto di rivelazione di incendio (rivelatori di fumo). La centrale di controllo e allarme è ubicata in apposito locale nella zona uffici, costantemente presidiata nelle ore lavorative Non esiste Squadra Antincendio Aziendale. Il tempo di intervento dei Vigili del Fuoco è di circa 20'. 91

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

Impianti e dispositivi antincendio

Impianti e dispositivi antincendio Gestione ambientale Impianti e dispositivi antincendio 1/2 Concetti base sugli incendi classificazione e cinetica degli incendi carico d incendio e REI 2 2005 Politecnico Torino 1 2/2 Interventi preventivi

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA 1 IL RISCHIO INCENDIO NEL SETTORE CARTARIO Gilberto Giunti, Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Lucca 2 IL RISCHIO INCENDIO Che cos è

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI ANTINCENDIO I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI GESTIONE COMPUTERIZZATA ATTREZZATURA ANTINCENDIO Esclusivo software gestionale per l elaborazione dei dati analitici, riferimenti UNI e scadenze operative

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO CAPITOLO 1 - I criteri di difesa antincendio 3 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione» 3» 3 CAPITOLO 2 - I sistemi

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

Prevenzione degli incendi

Prevenzione degli incendi STANDARD LME-12:001905 Uit Rev A Indice 1 Introduzione... 3 2 Requisiti... 3 3 Norme operative di sicurezza... 4 3.1 Procedure di evacuazione in caso di incendio... 4 3.2 Percorsi di esodo predisposti...

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE 1.8 RELAZIONE ANTINCENDIO PROGETTAZIONE: DOTT. ING. GIANCARLO CASULA COLLABORATORI: DOTT. ING. BASILIO SECCI DOTT. ING. DAVIDE MARRAS Pag. 2 di 1.8 - RELAZIONE TECNICA

Dettagli

ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO

ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO per VARIANTI AL FASCICOLO 29110: - ATTIVITA 54.B: OFFICINA MECCANICA PER LAVORAZIONI A FREDDO CON OLTRE 25 ADDETTI (FINO A 50 ADDETTI) - ATTIVITA 12.A: DEPOSITO

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

SEMINARIO DI STUDIO IN MATERIA DI IGENE E SICUREZZA

SEMINARIO DI STUDIO IN MATERIA DI IGENE E SICUREZZA SEMINARIO DI STUDIO IN MATERIA DI IGENE E SICUREZZA IMPIANTI ANTINCENDIO Relatore: R.Pegoraro - LNL 5-7 Giugno 2001 Indice Dinamica dell incendio Protezione antincendio INCENDIO E PREVENZIONE INCENDI MISURE

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AI DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI RICADENTI NELLE SEGUENTI ATTIVITA DEL D.M. 16/02/1982 Punto 43) Depositi

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI INCENDIO NEI CONDOMINI FILMATO ANACI ROMA TRIANGOLO DEL FUOCO PRIMA DOMANDA... L incendio scoppia nei condomini moderni... o anche nei condomini antichi? L incendio non ha età! ANACI ROMA Dove può scoppiare

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA 1 STRUTTURA SEDE MENSA UNIVERSITARIA MARTIRI VIA DEI MARTIRI PISA DESCRIZIONE

Dettagli

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983) Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO VISTA la

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

ha notizia che un progetto analogo o pressoché uguale si ritiene opportuno che venga fatta questa segnalazione ai soli fini della trasparenza.

ha notizia che un progetto analogo o pressoché uguale si ritiene opportuno che venga fatta questa segnalazione ai soli fini della trasparenza. INDICE 1.0 Premessa progetto già presentato 2.0 Composizione della pratica di prevenzione incendi 3.0 Accesso da parte dei mezzi dei Vigili del Fuoco 4.0 Caratteristiche costruttive classificazione ai

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO IL D.M. 10 MARZO 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro dott. ing. Emilio Milano pagina 1 IL D.M. 10 MARZO 1998 ART.

Dettagli

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche ALLEGATO A CARATTERISTICHE TECNICHE DEI LOCALI DA ADIBIRE AD ARCHIVIO DI DEPOSITO Sommario 1. Caratteristiche generali... 2 2. Ubicazione... 2 3. Strutture esterne e dimensioni... 2 4. Diapositivi di sicurezza...

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA 1

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

IL CODICE DI PREVENZIONE INCENDI: METODOLOGIE E PRINCIPALI INNOVAZIONI

IL CODICE DI PREVENZIONE INCENDI: METODOLOGIE E PRINCIPALI INNOVAZIONI XIV Incontro Convegno: LA SICUREZZA DEL LAVORO NEL XXI SECOLO: QUALI PROSPETTIVE? Ricordo del Prof. Ing. Werther Neri Aula 216 CNR Area della Ricerca di Bologna - Via Gobetti 101 Bologna IL CODICE DI PREVENZIONE

Dettagli

IMPIANTI EVACUAZIONE FUMO e CALORE UNI 9194 1 UNI 9194-2. . dove, quando, 15/09/2013. Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco

IMPIANTI EVACUAZIONE FUMO e CALORE UNI 9194 1 UNI 9194-2. . dove, quando, 15/09/2013. Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco IMPIANTI EVACUAZIONE FUMO e CALORE UNI 9194 1 UNI 9194-2. dove, quando,. come 1 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19 agosto 1996 articolo 5.3 :"... la sala deve essere dotata di un efficace sistema di

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti

ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO Area ex MICHELIN Trento TRENTO PIANO DI EMERGENZA INTERNO Stato delle Emissioni/Revisioni Emiss./Rev. Data Commenti Autore Controllato ed emesso da Approvato da 01/00 08/07 Richiesta

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

ALLEGATO REGOLA TECNICA DI PREVENZIONEINCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI DEPOSITI DISOLUZIONI IDROALCOLICHE

ALLEGATO REGOLA TECNICA DI PREVENZIONEINCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI DEPOSITI DISOLUZIONI IDROALCOLICHE DM 18/5/1995 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei depositi di soluzioni idroalcoliche ILMINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012 FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012 Milano 26 Settembre 2012 Misure di prevenzione incendi per gli interporti: la guida tecnica,in fase di emanazione, per la progettazione e la realizzazione degli interporti.

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02

ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02 1.0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02 DISTRIBUTORE CARBURANTI Rev.: 4 Data: 19/4/01 Pag. 1 di 7 La presente istruzione regola la gestione in sicurezza del distributore

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Gli impianti di ascensori Ing. G. Sola 1 File: ascensori Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 28 novembre 2005 Attività specifica

Dettagli

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli.

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli. Relazione tecnica relativa alla realizzazione di autorimessa annessa a nuovo edificio di civile abitazione (DM 1 febbraio 1986 G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) 1.1 Classificazione Trattasi di autorimessa

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo LA DECONTAMINAZIONE NBCR 30/03/2012 ing. V. Nocente- VVF 1 parleremo di: Misure di protezione contro gli incendi Vie di esodo Procedure da adottare

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

Dettagli

DECRETO 22 ottobre 2007

DECRETO 22 ottobre 2007 DECRETO 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA

GESTIONE DELLA SICUREZZA ASM S.p.A. AMBIENTE SERVIZI MOBILITA Via Galcianese 15, 59100 Prato SERVIZIO DI GESTIONE IMPIANTO DI SELEZIONE E TRATTAMENTO RIFIUTI URBANI, SPECIALI ASSIMILATI E SPECIALI NON PERICOLOSI AI FINI DELLA

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

- Classe "A": fuochi da materiali solidi, generalmente di natura organica, la cui combustione avviene con formazione di braci.

- Classe A: fuochi da materiali solidi, generalmente di natura organica, la cui combustione avviene con formazione di braci. IMPIEGO DEGLI ESTINTORI Gli estintori debbono essere eseguiti secondo precise norme tecniche179 stabilite nel già citato decreto 20 no re 1982 (S.O.G.U. n. 19 del 20/1/1983).Gli estintori del vecchio tipo

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Introduzione Poiché, anche a seguito della valutazione effettuata in conformità all art. 4, comma 1, del D.Lvo 626/94, risultano rischi che non possono

Dettagli

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE LOGO DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2009/2010 IL COMMITTENTE/RESPONSABILE ARTVEN ASSOCIAZIONE ALLEGATO AL CONTRATTO N Pag. 1 di 8 DATI DELL INSEDIAMENTO IN CUI

Dettagli

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO Framinia Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO RISCHIO INCENDIO MODALITA DELLA DISCIPLINA PREVENZIONE riduzione delle

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli