RELAZIONE CONVEGNO SICUREZZA SCUOLA 1 DICEMBRE 2014 MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE CONVEGNO SICUREZZA SCUOLA 1 DICEMBRE 2014 MILANO"

Transcript

1 Rapporto con gli enti locali e rischio incendio - Ing. Giuseppe Massobrio RELAZIONE CONVEGNO SICUREZZA SCUOLA 1 DICEMBRE 2014 MILANO Anche se il Decreto Ministeriale del 10/03/1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (non abrogato dal Testo unico ed in corso di revisione) stabilisce che le scuole in cui siano presenti fino a 1000 persone (non solo alunni!) rientrano, in quanto Attività soggette al controllo dei Vigili del fuoco (VV.F.) nel livello di rischio di incendio medio (elevato quando sono presenti oltre 1000 persone), se andate a vedere le statistiche del Ministero dell Interno vi rendete conto che in realtà, fortunatamente, di incendi nelle scuole ne scoppiano pochissimi; le cause più frequenti sono scherzi dei ragazzi o problemi connessi agli impianti elettrici, il più delle volte per sovraccarichi (stufette elettriche, condizionatori aggiunti dalla scuola senza adeguare sezioni dei cavi nonché interruttori e protezioni nei quadri), in qualche raro caso per fotocopiatrici lasciate sempre accese. Molto importante è comunque il rapporto con i VV.F., argomento che si interseca continuamente con il «Rapporto con l Ente locale tenuto», cioè proprietario dell immobile o degli immobili in cui la scuola opera. La prima cosa che dovete fare è sincerarvi che il Comune (anche se per la vostra scuola l Ente locale tenuto è la Provincia) abbia rilasciato per ogni plesso della scuola il certificato di agibilità, in quanto si tratta di un documento che può essere emesso solo se - fra le altre cose ogni edificio ha ottenuto innanzitutto il C.P.I., rilasciato dai VV.F., cioè dal Corpo che istituzionalmente tutela la sicurezza dei cittadini (ricordo che i VV.F. hanno funzioni ispettive, assieme ai funzionari dell'a.s.l. e dell'i.n.a.i.l., in relazione al D. lgs. 81: quando fanno il sopralluogo per il rilascio del C.P.I. prima di tutto verificano, come U.P.G., la situazione relativa a tale D. lgs.; il rilascio del C.P.I. (attività 85 ora 67 le scuole, 91 ora 74 le centrali termiche etc.: attenzione agli equivoci!) significa implicitamente che gli impianti sono certificati si sensi della Legge 46/1990 o del D.M. 37/2008, che la centrale termica è stata omologata dal fu I.S.P.E.S.L. ora I.N.A.I.L.-Dipartimento I.S.P.E.S.L., che l'a.s.l. o un Ente notificato ha rilasciato il modello B per gli impianti di terra e - dove necessario - il modello A per la protezione dalle scariche atmosferiche; tenete però presente che l anno scorso è stata pubblicata dal C.E.I. Comitato Elettrico Italiano, la nuova serie di norme CEI-EN /4 (classificazione CEI 81-10/1-4) relative alla protezione delle strutture contro i fulmini; questa seconda edizione sostituisce completamente la Norma CEI-EN 62305/ e l Art. 29 del D. lgs. 81 recita: La valutazione dei rischi deve essere immediatamente rielaborata, nel rispetto delle modalità di cui ai commi 1 e 2, in occasione di modifiche del processo produttivo o dell organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione tecnica, della prevenzione o della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenziano le necessità. A seguito di tale rielaborazione, le misure di prevenzione debbono essere aggiornate. Nelle ipotesi di cui ai periodi che procedono il documento di valutazione dei rischi deve essere rielaborato, nel rispetto delle modalità di cui ai commi 1 e 2, nel termine di trenta giorni dalle rispettive causali (Art.29, comma 3). Se già non l avete fatto, chiedete quindi all Ente locale proprietario dell immobile la conferma (ehm..) che abbia provveduto all aggiornamento della valutazione della protezione dell edificio nei confronti delle scariche atmosferiche; per il rilascio del certificato di agibilità devono poi essere stati acquisiti: il parere favorevole dell'a.s.l. per quanto riguarda gli aspetti igienico-sanitari; il collaudo statico o il certificato di idoneità statica: la validità di un collaudo statico è di 10 anni; poi viene rilasciato il certificato di idoneità statica; gli Enti locali che fanno ricorso al global service includono solitamente nel capitolato le verifiche per il rilascio periodico (naturalmente se possibile) di tale certificato;

2 in ogni caso negli ultimi anni le scuole sono state oggetto di 2 indagini: - una, ministeriale, relativa agli elementi non strutturali (di assai dubbia utilità, conseguente al crollo del controsoffitto presso il liceo Darwin di Rivoli); - una regionale, proprio sugli elementi strutturali. In aggiunta a quanto detto è obbligatorio (molti R.S.P.P. non lo fanno perché non in possesso dell apposito requisito (iscrizione all albo dei tecnici competenti in acustica) effettuare una verifica, per l appunto, dei requisiti acustici dell edificio: il D.M. 18/12/1975 Norme tecniche per l edilizia scolastica (che è l unico prescrittivo: le Linee guida emanate lo scorso anno [D.I. 11/04/2013] fanno della poesia) dedica all argomento Acustica il punto 5.1, fissando requisiti estremamente restrittivi, che assai di rado risultano rispettati (e questo spiega perché alcuni insegnanti si lamentano di uscire da determinate aule con la testa che scoppia o condizioni simili); vanno verificati, con appositi strumenti, fonoassorbenza, potere fonoisolante delle strutture ed isolamento rispetto agli ambienti attigui, tempi di riverberazione (se elevati, portano a rimbombo ed effetto eco) etc. E chiaro che nessuno può ascrivere a voi eventuali carenze di progettazione e/o realizzazione dell edificio, ma ho avuto a che fare con più di un caso di D.d.L., anche D.S., denunciato per aver provocato ipoacusia o altri problemi all udito dei dipendenti o addirittura disturbi nervosi dovuti ad un acustica ambientale inadeguata; micidiali sotto questo profilo risultano le mense scolastiche. Tornando un attimo al C.P.I., se già non l avete fatto ricordate all Ente proprietario dello/degli stabile/i in cui l Istituto opera che con l entrata in vigore (a regime dal 07/10 u.s.) del D.P.R. 01/08/2011 n 151 diventano soggette al controllo dei VV.F., cioè necessitano di Certificato di Prevenzione Incendi (C.P.I.), le Attività evidenziate in grassetto: - Locali di spettacolo e di trattenimento in genere, impianti e centri sportivi, palestre, sia a carattere pubblico che privato, con capienza superiore a 100 persone, ovvero di superficie lorda in pianta al chiuso superiore a 200 m 2 (ex Attività n 83 ai sensi del D.M. 16/02/1982; ora n 65): al vincolo (verificabile solo in fase di utilizzo della struttura) della capienza si è aggiunto quello (oggettivo ed ineludibile) della superficie; in pratica tutte le palestre scolastiche (con uso non esclusivamente scolastico) e le sale riunioni di rilevante superficie vengono a costituire Attività soggette al controllo dei VV.F.; - Edifici sottoposti a tutela ai sensi del D.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, aperti al pubblico, destinati a contenere biblioteche ed archivi, musei, gallerie, esposizioni e mostre, nonché qualsiasi altra attività soggetta al controllo dei VV.F. (ex Attività n 90 ora n 72): qualunque edificio "vincolato" (mi permetto di ricordare che oltre a quelli con vincolo specifico tutti gli edifici realizzati da oltre 70 anni, con destinazione d'uso pubblica, rientrano nella fattispecie) in cui sia presente una scuola con oltre 100 persone risulta ricompreso in questa definizione. A partire dal 07/10 u.s. in particolare il Consiglio di Istituto nel concedere l utilizzo della palestra e/o dell auditorium a terzi avrebbe dovuto e dovrà sincerarsi che la palestra stessa e/o l auditorium siano stati messi in regola sotto il profilo della Prevenzione incendi: in sostanza sul C.P.I. oltre all Attività principale n 85 (ora n 67) ed alla eventuale Attività secondaria n 91 (ora n 74) dovrà comparire anche l Attività n 65. Sempre in tema di C.P.I.: del Decreto Ministeriale del 26/08/1992 Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica a voi interessa unicamente l Art. 12. Norme di esercizio (al resto deve pensare il proprietario dell immobile): A cura del titolare dell'attività [l Ente locale proprietario dell edificio] dovrà essere predisposto un registro dei controlli periodici ove sono annotati tutti gli interventi ed i controlli relativi all'efficienza degli impianti elettrici, dell'illuminazione di sicurezza, dei presidi antincendio, dei dispositivi di sicurezza e di controllo, delle aree a rischio specifico e dell'osservanza della limitazione dei carichi d'incendio nei vari ambienti 2

3 dell'attività. Tale registro deve essere mantenuto costantemente aggiornato e disponibile per i controlli da parte dell'autorità competente Deve essere predisposto un piano di emergenza e devono essere fatte prove di evacuazione, almeno due volte nel corso dell'anno scolastico Le vie di uscita devono essere tenute costantemente sgombre da qualsiasi materiale È fatto divieto di compromettere la agevole apertura e funzionalità dei serramenti delle uscite di sicurezza, durante i periodi di attività della scuola, verificandone l'efficienza prima dell'inizio delle lezioni Le attrezzature e gli impianti di sicurezza devono essere controllati [controllo visivo] periodicamente in modo da assicurarne la costante efficienza Nei locali ove vengono depositate o utilizzate sostanze infiammabili o facilmente combustibili è fatto divieto di fumare o fare uso di fiamme libere I travasi di liquidi infiammabili non possono essere effettuati se non in locali appositi e con recipienti e/o apparecchiature di tipo autorizzato Nei locali della scuola, non appositamente all'uopo destinati, non possono essere depositati e/o utilizzati recipienti contenenti gas compressi e/o liquefatti. I liquidi infiammabili o facilmente combustibili e/o le sostanze che possono comunque emettere vapori o gas infiammabili, possono essere tenuti in quantità strettamente necessarie per esigenze igienico- sanitarie e per l'attività didattica e di ricerca in corso come previsto al punto 6.2. = Per esigenze didattiche ed igienico-sanitarie è consentito detenere complessivamente, all'interno del volume dell'edificio, in armadi metallici dotati di bacino di contenimento, 20 l di liquidi infiammabili Al termine dell'attività didattica o di ricerca, l'alimentazione centralizzata di apparecchiature o utensili con combustibili liquidi o gassosi deve essere interrotta azionando le saracinesche di intercettazione del combustibile, la cui ubicazione deve essere indicata mediante cartelli segnaletici facilmente visibili Negli archivi e depositi, i materiali devono essere depositati in modo da consentire una facile ispezionabilità, lasciando corridoi e passaggi di larghezza non inferiore a 0,90 m Eventuali scaffalature dovranno risultare a distanza non inferiore a m 0,60 dall'intradosso del solaio di copertura Il titolare dell'attività deve provvedere affinché nel corso della gestione non vengano alterate le condizioni di sicurezza. (Egli può avvalersi per tale compito di un responsabile della sicurezza, in relazione alla complessità e capienza della struttura scolastica.) Quest ultimo punto è fondamentale: nel momento in cui viene introdotta una modifica significativa sotto il profilo della sicurezza antincendio alla situazione che era stata constatata dall ufficiale dei Vigili del fuoco quando ha fatto il sopralluogo a seguito del quale il C.P.I. stesso è stato rilasciato, il C.P.I. decade e responsabili della cosa siete voi!! L esercizio di una Attività soggetta a controllo dei VV.F. in assenza del C.P.I. comporta l arresto da uno a tre anni e una ammenda da 2.000,00 a 5.000,00. Prima, ad esempio, di destinare a laboratorio o refettorio o dormitorio un aula normale o di introdurre in un laboratorio una nuova apparecchiatura sensibile sotto il profilo della sicurezza antincendio, sottoponete la proposta, tramite il R.S.P.P., all Ente locale, in modo che questo presenti ai Vigili del fuoco una eventuale richiesta di variante (ove ammissibile ) al C.P.I. in essere. In ogni caso un C.P.I. vale 5 anni, dopo di che va rinnovato (in realtà il C.P.I. non esiste più: si parla di RINNOVO PERIODICO DI CONFORMITA ANTINCENDIO, con tutte le responsabilità a carico non più dei Vigili del fuoco, ma del responsabile dell attività e di un professionista antincendio che firma una perizia attestante la piena funzionalità dei presidi antincendio e degli eventuali rivestimenti protettivi): per farlo il responsabile dell attività (a MI il D.S.) deve dichiarare su un apposito Modello ministeriale (correndo il rischio di commettere un falso in atto pubblico, cosa che per voi in particolare non sarebbe il massimo ) l assenza di variazione delle condizioni di sicurezza antincendio rispetto a quanto in precedenza segnalato. 3

4 4

5 La vexata quaestio del numero di alunni per classe: il punto 5.0 del citato D.M. 26/08/1992 stabilisce che Il massimo affollamento ipotizzabile è fissato in 26 persone/aula. Aggiunge però: Qualora le persone effettivamente presenti siano numericamente diverse dal valore desunto dal calcolo effettuato sulla base della densità di affollamento, l'indicazione del numero di persone deve risultare da apposita dichiarazione rilasciata sotto la responsabilità del titolare dell'attività. Attenzione: la dichiarazione rilasciata sotto la responsabilità del titolare dell'attività è un documento scritto, a vostra firma, che va a costituire parte integrante del C.P.I.; in assenza di tale documento vale il limite delle 26 persone/aula. 26 persone per aula rappresenta comunque, con o senza dichiarazione del titolare dell'attività, uno standard indicativo; l essenziale è che venga rispettato il successivo punto 5.1: La capacità di deflusso per gli edifici scolastici deve essere non superiore a 60 per ogni piano. Considerando, in parole molto povere, che la capacità di deflusso sia di una persona per ogni cm di larghezza della via di esodo, in ogni piano deve essere presente un numero di persone non superiore al numero di centimetri che si ottiene sommando i centimetri di larghezza di tutte le porte di piano larghe almeno 120 cm. [Per le scuole che occupano più di tre piani fuori terra, la larghezza totale delle vie di uscita che immettono all'aperto, viene calcolata sommando il massimo affollamento ipotizzabile di due piani consecutivi, con riferimento a quelli aventi maggiore affollamento.] Il vincolo più restrittivo sotto questo profilo è posto dal pure già citato D.M. 18/12/1975 Norme tecniche per l edilizia scolastica, che per motivi igienici, e quindi soggetti al controllo non dei VV.F. ma dell A.S.L. fissa rispettivamente in 1,96 ed 1,8 i m 2 di pavimento che in ogni aula devono essere a disposizione di ogni alunno delle Secondarie superiori e degli altri ordini di scuola; solitamente le A.S.L. accettano l arrotondamento per eccesso al n intero superiore (se in un aula di scuola Primaria il n di m 2 di pavimento diviso per 1,8 dà, ad esempio, 27,4, in quell aula possono stare 28 alunni). E poi opportuno richiedere all Ente proprietario degli stabili in cui l Istituto opera un analisi termografica di ogni immobile, per cercare di evitare scherzi tipo Darwin di Rivoli. Tenete comunque sempre presente quanto disposto dal comma 1. dell'art. 5, "Raccordo con gli enti locali" del più volte citato (e non abrogato con l emanazione del Testo unico ) Decreto Ministeriale del Ministero della Pubblica Istruzione 29/09/1998 n 382 "Regolamento recante norme per l'individuazione delle particolari esigenze negli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado, ai fini delle norme contenute nel decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modifiche ed integrazioni": 1. Il datore di lavoro, ogni qualvolta se ne presentino le esigenze, deve richiedere agli enti locali la realizzazione degli interventi a carico degli enti stessi, ai sensi dell'articolo 4, comma 12, primo periodo, del decreto legislativo n. 626; con tale richiesta si intende assolto l'obbligo di competenza del datore di lavoro medesimo, secondo quanto previsto dal secondo periodo dello stesso comma 12. Semplificando al massimo, il rapporto fra la scuola e l Ente locale proprietario dell immobile in cui la scuola stessa opera è analogo a quello che intercorre fra padrone di casa ed inquilino, con la differenza che nel nostro caso anche le manutenzioni ordinarie (sostituzione di vetri, di accessori per servizi igienici etc.) sono a carico del padrone. 5

6 Una volta inoltrate all Ente locale le richieste di intervento ed interdette all uso eventuali aree pericolose, voi rispondete degli eventuali infortuni provocati dalle apparecchiature acquistate con i fondi dell Istituto; cerco di chiarire il concetto con un esempio relativo agli impianti elettrici (sarò poi a vostra disposizione per trattare altri casi). Gli impianti elettrici costituiscono la causa più frequente (oltre che di incendi) di infortuni gravi. L'Ente locale proprietario dell'edificio è responsabile fino alle prese a muro e deve far fare verifiche dall'unità Operativa 3 del P.M.I.P. dell'a.s.l. o - se l A.S. L. si dichiara impossibilitata - da un Ente notificato i quali, se tutto è in regola, rilasciano il Modello B (verifica biennale; ogni 6 mesi al massimo è prescritto il controllo da parte del proprietario dell'immobile): la presenza di quest'ultimo garantisce la sicurezza degli impianti e della relativa messa a terra. La messa a terra è fondamentale in quanto se un filo è scoperto e/o l'involucro esterno di un'apparecchiatura elettrica va sotto tensione la corrente, dovendo "scegliere" se attraversare un corpo umano (che presenta una certa resistenza elettrica) o un conduttore preferisce attraversare quest'ultimo, non provocando così conseguenze alla persona. In particolare le verifiche vengono fatte sugli interruttori magnetotermici (che sono quelli che "saltano" quando c'è un sovraccarico cioè quando si collegano all'impianto apparecchiature di potenza superiore a quella prevista dal contratto con l'e.n.e.l. o chi per esso) e sugli interruttori differenziali o "salva-vita" (sono quelli che dovrebbero "saltare" quando sulla linea c'è una dispersione, ad esempio provocata dal contatto con un corpo, che sbilancia le fasi rispetto alla terra). E quindi importante che i capitolati di acquisto di tutte le apparecchiature e di tutte le sostanze siano fatti vagliare dal R.S.P.P. I vostri colleghi con i quali ho a che fare sono solitamente molto imbarazzati dai registri delle verifiche periodiche; potete estendere a tutto (presidî antincendio, caldaie etc.) quanto detto per gli impianti elettrici: deve provvedere il padrone di casa! Agli inizi di questo millennio sono state stipulate fra Enti locali e scuole (in Lombardia l operazione era coordinata dall allora Provveditorato agli Studi di Como) delle convenzioni, che precisavano chiaramente chi fa cosa ; agli atti troverete allegato uno schema di convenzione del tutto analoga predisposta dal Comune di Piacenza. Poi c è il problema dell uso delle strutture e attrezzature scolastiche da parte di terzi: è senz altro un terreno alquanto minato, ma la cosa certa è che voi siete comunque corresponsabili della sicurezza. Suggerisco alle scuole di far sottoscrivere a chi, a qualunque titolo, utilizzi locali (ad esempio l auditorium) della scuola, una convenzione che chiarisca quali sono le responsabilità e gli obblighi; anche di questa troverete una traccia negli atti; in sostanza indicate le condizioni che devono essere soddisfatte nell uso del locale scolastico; i fruitori devono sottoscrivere la convenzione, assumendosi la responsabilità di rispettarla (ad esempio per quanto riguarda il numero massimo di persone presenti, che non può eccedere quello consentito dalla concessione stessa, che sarà poi quello autorizzato dagli organismi preposti [Commissioni di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo etc.]). Se la convenzione riguarda una palestra si tratta solo di sostituire al riferimento all Art. 18 del Decreto del Ministero dell'interno 19/08/1996 "Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo" quello all Art. 19 Gestione della sicurezza del Decreto del Ministero dell'interno 18/03/1996 Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio degli impianti sportivi. 6

7 Altro problema molto sentito dai vostri colleghi è quello delle visite mediche per gli stages (alternanza scuola-lavoro), soprattutto per quegli Istituti nei quali sono obbligatori, in quanto curricolari. La Regione Lombardia ha emanato al riguardo una Circolare a mio avviso demenziale (la 87/2010), secondo la quale la scuola deve provvedere, fra l altro, a tutte le visite mediche degli allievi destinati agli stages: con i fondi di cui disponete la cosa non risulta, per quanto ne so, fattibile; in accordo con l A.S.L. a Mantova è stata elaborata una convenzione-tipo fra scuola ed azienda ospitante (che spesso è un Ente pubblico) della quale troverete il testo di seguito negli atti. Naturalmente agli stagisti deve essere impartita dall Istituto una seppur sommaria informazione circa la sicurezza sul lavoro; a chi li ospiterà competerà la formazione specifica per il settore cui lo stagista è destinato. 7

8 .. Ed.. ISTITUTO Pag. 1 di.. CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO E PROGETTO FORMATIVO (Art. 3, quinto comma, del decreto del Ministero del lavoro e della previdenza sociale) TRA L ISTITUTO..d ora in poi denominato soggetto promotore, rappresentato dal Dirigente Scolastico.. E con sede legale in, P. IVA.., d ora in poi denominato soggetto ospitante, rappresentato dal Legale Rappresentante, sig.. nato a.. il.. PREMESSO che al fine di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro e realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell ambito dei processi formativi i soggetti richiamati all art.18, comma 1, lettera a), della Legge 24 giugno 1997 n. 196, possono promuovere tirocini di formazione e di orientamento in impresa a beneficio di coloro che abbiano già assolto l obbligo scolastico ai sensi della Legge , n Si conviene quanto segue: ART. 1 Ai sensi dell art. 18 della Legge 24 giugno 1997, n. 196, la.. si impegna ad accogliere presso le sue strutture n. soggetto in tirocinio di formazione ed orientamento su proposta dell Istituto., ai sensi dell art. 5 del decreto attuativo dell art. 18 della Legge n. 196 del ART Il tirocinio formativo e di orientamento ai sensi dell art. 18 comma 1 lettera d) della legge n. 196 del 1997 non costituisce rapporto di lavoro. 2. Durante lo svolgimento del tirocinio l attività di formazione ed orientamento è seguita e verificata da un tutor designato dal soggetto promotore in veste di responsabile didattico-organizzativo e da un responsabile aziendale indicato dal soggetto ospitante. 3. Per ciascun tirocinante inserito nell impresa ospitante in base alla presente Convenzione viene predisposto un progetto formativo e di orientamento contenente il nominativo del tirocinante; i nominativi del tutore e del responsabile aziendale; obiettivi e modalità di svolgimento del tirocinio, con l indicazione dei tempi di presenza in azienda; le strutture aziendali (uffici/laboratori) presso cui si svolge il tirocinio; gli estremi identificativi delle assicurazioni Inail e per la responsabilità civile. 4. Nei confronti del tirocinante il soggetto ospitante si impegna a rispettare e a far rispettare la normativa vigente della sicurezza ART. 3 1.Durante lo svolgimento del tirocinio formativo e di orientamento il tirocinante è tenuto a : svolgere le attività previste dal progetto formativo e di orientamento; rispettare le norme in materia di igiene, sicurezza e salute sui luoghi di lavoro; a tal fine il soggetto promotore si impegna a fornire informazioni adeguate al tirocinante; mantenere la necessaria riservatezza per quanto attiene ai dati, informazioni o conoscenze in merito a processi produttivi e prodotti, acquisiti durante lo svolgimento dei tirocinio. ART Il soggetto promotore assicura il/i tirocinante/i contro gli infortuni sul lavoro presso l INAIL, nonché per la responsabilità civile presso compagnie assicurative operanti nel settore. In caso di incidente durante lo svolgimento del tirocinio, il soggetto ospitante si impegna a segnalare l evento, entro i tempi previsti dalla normativa vigente, agli istituti assicurativi (facendo riferimento al numero della polizza sottoscritta dal soggetto promotore) ed al soggetto promotore. 2. Il soggetto promotore si impegna a far pervenire alla Regione o alla Provincia delegata, alle strutture provinciali del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale competenti per territorio in materia di ispezione, nonché alle rappresentanze sindacali copia della Convenzione di ciascun progetto formativo e di orientamento. ART. 5 La presente convenzione decorre dalla data di sottoscrizione ed ha validità fino al. luogo, data Firma del soggetto promotore Firma del soggetto ospitante 8

9 CONDIZIONI PER LA CONCESSIONE IN USO DEL LOCALE.. SITO IN.. - VIA Si ricorda innanzitutto quanto disposto dal Decreto del Ministero dell'interno 19/08/1996 "Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo" a carico di chi utilizza le strutture: Art GESTIONE DELLA SICUREZZA 18.1 GENERALITA' Il responsabile dell'attività, o persona da lui delegata, provvederà affinché nel corso dell'esercizio non vengano alterate le condizioni di sicurezza, ed in particolare: a) i sistemi di vie di uscita saranno tenuti costantemente sgombri da qualsiasi materiale che possa ostacolare l'esodo delle persone e costituire pericolo per la propagazione di un incendio; b) prima dell'inizio di qualsiasi manifestazione saranno controllati la funzionalità del sistema di vie di uscita, il corretto funzionamento dei serramenti delle porte, nonché degli impianti e delle attrezzature di sicurezza; [omissis] g) sarà fatto osservare il divieto di fumare. Senza specifica autorizzazione del Comune (ed eventualmente della Commissione Tecnica Comunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo [C.T.P.V.L.P.S.]) è assolutamente vietato l'uso di fiamme e/o fumo di scena. L'utilizzo delle strutture deve terminare entro le ore Chi richiede in uso il locale deve designare un responsabile che si fa carico della struttura per la durata della concessione in uso, recependo l'allegato Piano di emergenza ed i Piani di evacuazione esposti alle pareti del locale. Tale responsabile dovrà anche verificare che il numero di persone presenti non superi quello indicato dalla Nota di concessione in uso. L'utilizzo di eventuali impianti elettrici provvisori deve essere preventivamente autorizzato; i quadri elettrici non vanno comunque in alcun modo manomessi. Una volta entrati nella struttura la prima cosa da fare è individuare il rispettivo quadro elettrico generale e verificare che staccando l'interruttore generale l'illuminazione di sicurezza entri in funzione. Verificare poi la funzionalità delle chiamate di soccorso presenti nei servizi igienici per soggetti diversamente abili. Localizzare le centrali di allarme. In caso di pericolo derivante dall'impianto elettrico (scintillamento, fumo da cavi e/o prese, con particolare riferimento ad eventuali impianti provvisori) rompere il vetro del "PULSANTE DI SGANCIO". Qualora si sentisse suonare un allarme, 1 ) verificare se c'è presenza di fiamme e/o di fumo nei locali; 2 ) in caso affermativo dare disposizioni affinché il locale venga evacuato in conformità a quanto disposto dal Piano di emergenza e telefonare - come da Piano di emergenza - alle Forze dell'ordine; in caso di falso allarme tacitare gli avvisatori ottico-acustici secondo la allegata procedura per la tacitazione degli allarmi (i manuali d'uso sono disponibili presso le singole centrali di allarme). 9

10 10

11 11

12 12

13 QUALCHE CONSIGLIO PER GLI ACQUISTI Sapete che in Istituti con non oltre 200 dipendenti il D.d.L. può svolgere anche, previa frequenza di apposito corso (della durata di 32 ore per il settore Istruzione, se l attività è come preciseremo poi a rischio medio), la funzione di R.S.P.P. Chi di voi non può o non intende svolgere la funzione in prima persona cerchi di avvalersi di un R.S.P.P. con adeguata preparazione e provata esperienza; trovate il modo fondamentale è la collaborazione del D.S.G.A.. di evitare di far ricorso al famigerato M.E.P.A. tramite il suo braccio armato CONSIP (visto il servizio trasmesso al riguardo da Report?) ed al suo doppione maroniano (c è solo in Lombardia, terra di eccellenze ) Sin Tel, collegato ad A.R.C.A. (Azienda Regionale Centrale Acquisti) : otterreste un pessimo servizio, al massimo costo. (Spero sia chiaro, viste la mia età e la mia provenienza geografica [Mantova], che non sto cercando di acquisire incarichi!) Per evitare la culpa in eligendo richiedete agli aspiranti di dimostrare il possesso dei titoli richiesti, tenendo presente che non si è R.S.P.P. in generale ma solo per determinate categorie (ATECO): titolo di base ed aggiornamento devono essere validi per il settore Istruzione (non industria, ufficio, sanità etc.). Ricordate che i tuttologi non esistono; anzi, consiglio di diffidare di chi afferma di essere in grado di valutare tutti (come il D. lgs. 81 impone) i rischi da solo: con tutto il rispetto per loro, un architetto o un ingegnere civile quali basi ha per misurare, ad es. un campo elettromagnetico o le Radiazioni ottiche artificiali? Per la valutazione di alcuni rischi, come ad esempio quello da esposizione al rumore o alle vibrazioni, è poi obbligatorio essere iscritti ad appositi albi, la classificazione delle aree a rischio di esplosione (Direttiva AtEx) richiede approfondite nozioni di elettrotecnica, chimica, fisica etc. A mia volta, la mia preparazione professionale (ingegnere, secondo la attuale classificazione, elettrico) non mi consente di effettuare valutazioni attendibili nel campo dei rischi chimici, biologici, cancerogeni o dei problemi statici. Si rende quindi necessario il ricorso a collaboratori esterni, i cui costi sono di norma a carico del R.S.P.P. Diffidate anche di chi è contemporaneamente R.S.P.P. di un numero molto elevato di scuole: conosco colleghi R.S.P.P. di centinaia di scuole (intese come plessi scolastici): come fanno ad avere tutto sotto controllo, soprattutto con le frequenti rotazioni annuali imposte dal dissennato (si tratta di un incarico fiduciario!) obbligo normativo di mettere a gara ogni anno l affidamento dell incarico di R.S.P.P.? Per inciso il R.S.P.P. condannato del Darwin di Rivoli svolgeva quella funzione per 160 scuole Nella designazione del M.C., che deve essere un medico in possesso uno dei seguenti titoli o requisiti: a) specializzazione in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica; b) docenza in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia e igiene del lavoro o in clinica del lavoro; c) autorizzazione di cui all'articolo 55 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277; d) specializzazione in igiene e medicina preventiva o in medicina legale, fate attenzione a ricorrere ad un medico in senso ampio e non in un visitatore nel senso di soggetto che essenzialmente si limita a sottoporre a visite mediche il personale: dal modo in cui viene formulata l offerta si capisce l aria che tira (fisso basso, più un tot a visita, in numero imprecisato, deve subito farvi pensare male). Di norma i rischi sottoposti a protocollo sanitario in una scuola sono quelli da videoterminale per il personale di segreteria e quello biologico nelle scuole dell Infanzia. I lavoratori devono poi obbligatoriamente sottoporsi alle visite stabilite dal M.C. 13

14 Il R.L.S. non lo designate voi, ma se lo scelgono tutti i lavoratori (e non i soli docenti!) Nelle aziende con più di 15 lavoratori il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è eletto o designato dai lavoratori nell ambito delle rappresentanze sindacali in azienda. In assenza di tali rappresentanze, il rappresentante è eletto dai lavoratori della azienda al loro interno, in assemblea generale con l argomento chiaramente indicato nell o.d.g. In ogni caso il numero minimo dei rappresentanti è di un rappresentante nelle aziende sino a 200 lavoratori e tre rappresentanti nelle aziende ovvero unità produttive da 201 a lavoratori; ove i lavoratori non abbiano eletto o designato un rappresentante dei lavoratori interno all azienda, ex art. 47 del D.lgs. n. 81/2008, si applicheranno le disposizioni di cui all articolo 48 del testo unico e, nella azienda, a svolgere le funzioni di rappresentanza ai fini della sicurezza sarà un rappresentante esterno alla azienda stessa (solitamente, jattura: tanta teoria e poca o nessuna conoscenza dei problemi specifici di quella azienda ); sempre in tale secondo caso (assenza del rappresentante dei lavoratori interno ), il datore di lavoro sarà tenuto a versare ogni anno per ogni lavoratore una somma pari a due ore della retribuzione media dei lavoratori di quella scuola al Fondo per il sostegno alla rappresentanza ed alla pariteticità di cui all articolo 52. Entro il febbraio di ogni anno i nominativi degli R.L.S. vanno comunicati all I.N.A.I.L. Attenzione: un R.L.S. non è tale fino a quando non avrà frequentato con profitto (= superamento della verifica finale) l apposito corso di formazione della durata di 32 ore e decadrà se non avrà frequentato il corso di aggiornamento annuale della durata di 4 ore (fino a 50 dipendenti) o 8 ore (oltre 50 dipendenti). Nel caso in cui l R.L.S. non venisse formato in maniera adeguata le sanzioni in cui il datore di lavoro incorrerebbe sono l arresto da 2 a 4 mesi o un ammenda da a euro. Sconsiglio di designare A.S.P.P. (Addetti al S.P.P.), figure facoltative, e perché appesantirebbero il funzionamento del S.P.P. e perché, comunque, incontrereste molta difficoltà nel far loro frequentare, superando l esame finale, il corso iniziale di 68 ore più aggiornamento quinquennale di 40 ore; l A.S.P.P. (ora probabilmente P.P.S.A., alla anglosassone ) aveva senso alla FIAT (il R.S.P.P. a Torino; un A.S.P.P. in ognuno degli altri siti produttivi; ha senso per il Politecnico: il R.S.P.P. a Milano; un A.S.P.P. in ognuno degli altri Poli territoriali e per altre situazioni analoghe); al limite, potrebbe prendere in considerazione la cosa chi di voi avesse sedi in più Comuni. Il S.P.P. finalmente costituito elabora (e il D.d.L. ne assume la responsabilità) quel Documento di valutazione dei rischi (D.V.R.) sul quale vi ha intrattenuto Antonio. Tutti i documenti che riguardano la sicurezza devono essere dotati di data certa (ad es. autospedizione a mezzo PEC) o accertata (firmati da tutti i membri del S.P.P.) Ogni plesso deve essere dotato di almeno una cassetta di pronto soccorso; ogni volta che qualche lavoratore opera al di fuori della sede scolastica dovrebbe essere dotato di un pacchetto di medicazione. Deve essere tenuto, vidimato ed aggiornato scrupolosamente il registro degli infortuni (che viene anche verificato nella riunione periodica). 14

15 Tutti i lavoratori devono essere informati e formati, mediante appositi corsi della durata di 12 ore, circa i rischi cui possono andare incontro e le modalità che devono seguire per ridurre al minimo tali rischi. Ogni 5 anni necessita corso di aggiornamento (6 ore): Un adeguato (almeno due per edificio luogo di lavoro: uno sempre presente) numero di dipendenti deve frequentare il corso di prevenzione incendi - per scuole fino a 1000 persone presenti: rischio medio: 8 ore + aggiornamento triennale 5 ore; - per scuole con oltre 1000 persone presenti: rischio elevato: 16 ore + aggiornamento triennale 8 ore; nelle scuole fino a 300 persone presenti basta la frequenza; in quelle con oltre 300 persone presenti serve l idoneità, cioè bisogna superare un esame finale, obbligatoriamente tenuto da un Vigile del fuoco; e di primo soccorso (12 ore, tenuto da medico + aggiornamento triennale di 4 ore). Tutti gli attestati devono essere conservati dalla scuola, inseriti nel fascicolo personale del lavoratore. Il D.d.L. deve poi individuare, e nominare formalmente con lettera di incarico, copia della quale deve essere restituita controfirmata dall interessato, preposti e dirigenti (per la sicurezza). Il cosiddetto ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA risulta il seguente: - datore di lavoro: il Dirigente scolastico; lo stabilisce inequivocabilmente il già citato D.M. n 382/1998 Regolamento recante norme per l'individuazione delle particolari esigenze negli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado, ai fini delle norme contenute nel decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modifiche ed integrazioni [D. lgs. n 242/96 o 626 bis ] ; fanno eccezione solo i Conservatori e le Accademie, nei quali DD.d.L. sono i Presidenti dei Consigli di Amministrazione; - dirigenti: - il primo collaboratore del Dirigente scolastico quando esercita le funzioni vicarie; - il D.S.G.A. (Direttore dei Servizi Generali Amministrativi); - preposti: - il D.S.G.A. nei confronti degli A.T.A.; - il Coordinatore della sicurezza per l Istituto; - i Referenti di plesso; 15

16 - assumono inoltre il ruolo di preposti sempre (quando sono in laboratorio o in palestra) gli insegnanti di Informatica, di Educazione tecnica, di Osservazioni scientifiche (se fanno effettuare gli esperimenti ai ragazzi), di Educazione artistica (se in laboratorio ci sono apparecchiature particolari tipo forno per ceramica etc.) e comunque di materie che utilizzino "laboratori appositamente attrezzati, con possibile esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici, l'uso di macchine, apparecchi e strumenti di lavoro in genere" e gli insegnanti di Educazione fisica; gli insegnanti della scuola Primaria quando fanno svolgere attività motoria: ricordo infatti che "Sono equiparati ai lavoratori gli allievi delle istituzioni scolastiche ed educative nelle quali i programmi e le attività di insegnamento prevedano espressamente la frequenza e l'uso di palestre e/o laboratori appositamente attrezzati, con possibile esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici, l'uso di macchine, apparecchi e strumenti di lavoro in genere ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali. L'equiparazione opera nei periodi in cui gli allievi siano effettivamente applicati alle strumentazioni o ai laboratori in questione". Per queste figure è previsto un supplemento di in/formazione e di aggiornamento: Almeno a Mantova, l associazione delle scuole ha raggiunto con A.S.L. ed I.N.A.I.L. un accordo in base al quale la funzione superiore assorbe quella inferiore, nel senso che, ad es., per un D.S.G.A. che è sia dirigente che preposto (nei confronti degli A.T.A.) è sufficiente, oltre naturalmente a quelli di base come lavoratore, frequentare i corsi per dirigenti; prima o poi si spera che venga emanato il Decreto applicativo (è uno degli oltre 700 in attesa ) della cosiddetta Legge del fare mo (agosto 2013: fare tutto, tranne i Decreti ) secondo la quale nei casi di sovrapposizione fra i contenuti dei corsi saranno riconosciuti crediti formativi per la formazione già erogata; lo stesso Decreto applicativo definirà procedure semplificate per i lavoratori la cui permanenza in azienda non superi le 50 giornate lavorative nell anno solare di riferimento, risolvendo così per 16

17 voi il problema connesso ai supplenti temporanei (v. bozze: fascicolo in/formativo, con firma di presa visione). Sotto il profilo amministrativo non dimenticatevi, ogni volta che commissionate all interno delle scuola un intervento pagato dalla scuola stessa, di far redigere (solitamente dal R.S.P.P.) il D.U.V.R.I. (Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze); ciò eccezion fatta per i servizi di natura intellettuale, per le mere forniture di materiali o attrezzature, nonché per i lavori o servizi la cui durata non sia superiore ai due giorni, sempre che essi non comportino rischi derivanti dalla presenza di agenti cancerogeni, biologici, atmosfere esplosive o dalla presenza dei rischi particolari di cui all allegato XI del D. lgs. n 81/2008 e s.m.i.; il D.U.V.R.I. deve essere obbligatoriamente allegato al contratto, che in mancanza è nullo! La mancanza del D.U.V.R.I. viene sempre più spesso impugnata da chi perde le gare ed i ricorsi con questa motivazione hanno sempre successo; oltre a rifare la gara dovete anche pagare le spese processuali e rifondere i danni al ricorrente. Nel contratto stesso dall importo a base d asta vanno scorporati i costi per la sicurezza, che non sono soggetti a ribasso d asta; ricordatevi anche di esigere di prendere visione, e di controfirmarlo se vi convince, del D.U.V.R.I., questa volta redatto dall Ente locale quando questo manda nella vostra scuola operai per le manutenzioni ordinarie (se l intervento dura meno di due giorni, ma rientra in un contratto più ampio) o quando vengono organizzati C.R.E.D. o altre attività esterne. Per gli interventi straordinari è necessario il Piano di sicurezza e coordinamento (P.S.C.), che assorbe il D.U.V.R.I.; il P.S.C. non richiede la vostra controfirma; dovete solo sincerarvi che l Ente locale l abbia redatto ed acquisirne copia agli atti. Quel famoso Decreto applicativo a bagnomaria in ricca compagnia stabilirà anche che per attività, come le scuole, a rischio basso o medio non sarà più necessario il D.U.V.R.I. ma sarà sufficiente la designazione di un incaricato, con formazione da preposto, in possesso di determinati requisiti. Attenzione alla tutela della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento Tutte le dipendenti in età fertile devono essere informate di essere tenute a comunicare al Datore di lavoro il loro eventuale stato di gravidanza non appena se ne siano rese conto. Una volta che una dipendente abbia comunicato il suo stato di gravidanza e non sia risultato possibile individuare mansioni alternative temporanee con rischi compatibili con tale stato, sarà applicato quanto stabilito dall'art. 7- punto 6 del D. lgs. 26/03/2001 n 151, dandone contestuale informazione scritta al servizio ispettivo del Ministero del lavoro competente per territorio: "In data../../. la signora.. ha comunicato il suo stato di gravidanza. Non essendo risultato possibile individuare mansioni alternative temporanee con rischi compatibili con lo stato di gravidanza, è stato applicato quanto stabilito dall'art. 7- punto 6 del D. lgs. 26/03/2001 n 151, dandone contestuale informazione scritta al servizio ispettivo del Ministero del lavoro competente per territorio (interdizione dal servizio)". 17

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli