«Parchi da gioco per tutti» Formulario di domanda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "«Parchi da gioco per tutti» Formulario di domanda"

Transcript

1 «Parchi da gioco per tutti» Forulario di doanda Il presente questionario infora circa il parco da gioco in progetto e non serve da griglia per la valutazione. Le inforazioni devono dare un ipressione coplessiva per quanto possibile, affinché il parco da gioco in progetto possa essere copreso e valutato nel suo insiee. Il forulario di doanda e il resto della docuentazione (foto, piani, concetti ecc.) vanno inoltrati in fora digitale! Vogliate nuerare o etichettare le foto. Inforazioni generali 1 Organizzazione o istituzione richiedente Cognoe/Noe: Via e nuero: Casella postale: Nuero d avviaento postale e località: Telefono: Raggiungibile: Fax: e-ail: Portale Internet: Indirizzo per il pagaento (pregasi allegare la cedola di versaento): Coordinate bancarie: N. IBAN: N. del conto: CCP: 2 Noe e indirizzo della persona di contatto: 3 Indirizzo del parco da gioco 4 Chi è il proprietario del parco da gioco esistente o in progetto? 5 Chi gestisce e conduce il parco da gioco esistente? 6 Chi è la persona responsabile del parco da gioco in progetto? 1

2 7 Quali altre iprese, persone, gruppi d interesse e organizzazioni sono iplicate nella pianificazione del progetto? 8 Il progetto di parco da gioco consiste nel: risanaento nuova costruzione apliaento sostituzione 9a Breve descrizione del parco da gioco eventualente esistente: Indicare le qualità particolari coe p. es. la presenza d acqua, sabbia, l aspetto naturale, se si tratta di un parco da gioco teatico ecc. Allegare alcune foto e/o la appa del sito e dei dintorni per un ipressione generale della viabilità, le zone del parco da gioco, gli attrezzi, la sistea - zione, l accessibilità. 9b Breve descrizione del parco da gioco in progetto: Indicare le qualità particolari coe p. es. la presenza d acqua, sabbia, l aspetto naturale, se si tratta di un parco da gioco teatico ecc. Allegare il concetto. Allegare alcune foto per un i - pres sione generale del sito e dei dintorni, della viabilità e eventualente la sisteazione e l infrastruttura esistenti. 9c Planietria generale del parco da gioco in progetto (scala 1:100 o 1:200): Il piano deve recare le seguenti indicazioni: - Integrazione del parco da gioco nei dintorni iediati - Collegaento alla rete dei trasporti pubblici - Accessi, collegaenti e divisione del parco da gioco B83/ in zone - Sisteazioni del terreno con quote altitudinali (pendii, sentieri, piazzette, rape) - Piantagioni (siepi, vegetazione legnosa a latifoglie o conifere, viali alberati etc.), superfici verdi (tappeto verde, prateria estensiva ecc.) - Attrezzi da gioco, copresi gli spazi senza attrezzi, zone di caduta e le corrispondenti altezze di caduta (secondo le nore SN EN 1176 Attrezzature per aree da gioco) - Sisteazione, costruzioni (uri, scale ecc.), infrastrutture (ubicazione, terinazione) - Rivestienti (sentieri, piazzette, zone di caduta, scale), terinazione, recinzioni, passaggi, cabi di rivestiento (vedi docuento sulle esigenze inie, esigenza 1, provvediento 2) Suggerienti riguardo alle nore nell opuscolo Strassen, Wege, Plätze / Rues, cheins, places del Centro svizzero per la costruzione adatta agli andicappatie SIA 500 Edifici senza ostacoli 2

3 10a Quando è prevista la realizzazione? 10b Quando è prevista l apertura? 11 Qual è la valutazione dei costi del progetto? - Costi di collegaento e accesso (sentieri, siepi, cancelli) - Costi delle isure costruttive e della sisteazione - Costi della protezione contro le cadute - Costi degli apparecchi da gioco - Costi di sisteazione e infrastruttura - Costi di anutenzione - Altri costi vincolati al progetto - Parte dei costi destinati ai provvedienti per liberare dagli ostacoli (se possibile, allegare una sintesi dettagliata) 12 Finanziaento previsto: chi sostiene finanziariaente il progetto? Gruppo irato (inforazioni generali circa il parco da gioco) 13 Qual è il gruppo principale di utenti del parco da gioco? Babini Giovani Parco da gioco terapeutico Proprietà del parco da gioco 15 Quali sono i dintorni del parco da gioco? 15a A che distanza si trova il prossio parco da gioco pubblico? 15b Ci sono istituzioni o fondazioni per persone handicappate nei dintorni? Scuole Abitazioni Lavoro Svago (precisare) Se sì, che tipo di handicap hanno gli occupanti di questa istituzione? 3

4 15c A quale distanza si trovano i gabinetti, un chiosco, un bar, un ristorante? (precisare) 15d Il parco da gioco si trova sul doinio pubblico? Nella zona abitata In un centro di quartiere o di località È una eta di escursioni In zona di vacanze o di svago 15e A quale distanza si trova un riparo coperto? 16 Il parco da gioco fa parte di altri ipianti/utilizzazioni? spazio pubblico/parco Scuola Giardino d infanzia Piscina Ipianto sportivo Meta di escursioni stituzione (precisare) Ospizio per persone anziane Ospedale Ipianto per svago/vacanze (precisare) altri ipianti o utilizzazioni (precisare) 17 Con che ezzo si raggiunge il parco da gioco? A piedi In autoobile Qual è la distanza dai parcheggi (se disponibili)? Ci sono parcheggi per conducenti in sedia a rotelle? sì no Ferata TP: Ferrovia Bus Tra Battello Funivia Distanza dal TP più vicino (se disponibile)? Le ferate sono confori alle persone disabili? sì no - Sono previste odifiche? sì no Se sì, quali? 4

5 17b Collegaenti: - Il parco da gioco è collegato alla rete dei trasporti pubblici secondo nora? sì no Suggerienti riguardo alle nore nell opuscolo Strassen, Wege, Plätze / Rues, cheins, places del Centro svizzero per la costruzione adatta agli andicappati e SIA 500 Edifici senza ostacoli - Ci sono ostacoli sulla via del parco da gioco (gradini o soglie, rape troppo ripide, passaggi troppo stretti ecc.)? Se sì, descrizione/foto nuerare le foto sì no - Questi ostacoli sono docuentati al punto 9c? sì no 17c Collegaenti all interno del parco da gioco: - Le diverse aree da gioco e di riposo sono accessibili alle sedie a rotelle? sì no Se no, quali non lo sono? Descrivere/foto - Queste differenze sono docuentate al punto 9c? sì no - L infrastruttura (gabinetti, prese d acqua, aree da pic-nic ecc., se disponibili) sono accessibili e usufruibili in sedia a rotelle? sì no Se no, quali non lo sono? Descrivere/foto - Queste differenze sono docuentate al punto 9c? sì no - Ci sono gabinetti per utenti in sedia a rotelle? sì no Se sì, adepiono le nore SIA 500? sì no Se no, perché? 17d Rivestienti: - In rivestienti o i passaggi tra le diverse aree si distinguono, in particolare nelle zone pericolose, in odo da essere riconoscibili al tatto? sì no - Si è fatto in odo, nelle zone di caduta, che le transizioni da un rivestiento all altro siano segnalate da deliitazioni / rilevate / sussate affinché non costituiscano un ostacolo alle sedie a rotelle? sì no - I passaggi sono docuentati al punto 9c? sì no Sisteazioni da gioco/infrastruttura 18a Tabella riguardo alle sisteazioni da gioco e all infrastruttura (indicare in odo copleto; vedi pagina seguente) 5

6 parco giochi esistente (se disponibile) parco giochi in progetto esistente e conservato esistente e sostituito Apparecchi da gioco / Sisteazioni da gioco Accesso in sedia a rotelle possibile ipossibile esistente e conservato nuovo Apparecchi da gioco / Sisteazioni da gioco Accesso in sedia a rotelle possibile ipossibile Fabbricante /fornitore altezza di caduta calcolata e altezza agganciata (altalene) Protezione contro le cadute scivolo scivolo altalena altalena altalena con cesto altalena con cesto altalena a bilico altalena a bilico giostra giostra arrapicata arrapicata cassa della sabbia cassa della sabbia percorso con i tubi percorso con i tubi gioco d acqua gioco d acqua Bacino / piscina per babini Bacino / piscina per babini Infrastruttura Infrastruttura panchine panchine panchine con schienale panchine con schienale tavoli adattati alle sedie a rotelle tavoli adattati alle sedie a rotelle rubinetto d acqua rubinetto d acqua griglia / focolare griglia / focolare protezione contro il sole, alberi che fanno obra protezione contro il sole, alberi che fanno obra scacchi, altri giochi fissi scacchi, altri giochi fissi gabinetti accessibili in sedia a rotelle gabinetti accessibili in sedia a rotelle gabinetti gabinetti Copletaenti 6

7 18 b Inforazioni circa apparecchi con particolari qualità d uso previsti nel nuovo parco da gioco Quali apparecchi offrono particolari qualità d uso alle persone con handicap? 1) Tipo d apparecchio: Fabbricante/fornitore: Protezione prevista contro le cadute: particolari qualità d uso per le persone con handicap: 2) Tipo d apparecchio: Fabbricante/fornitore: Protezione prevista contro le cadute: particolari qualità d uso per le persone con handicap: 3) Tipo d apparecchio: Fabbricante/fornitore: Protezione prevista contro le cadute: particolari qualità d uso per le persone con handicap: 4) Tipo d apparecchio: Fabbricante/fornitore: Protezione prevista contro le cadute: particolari qualità d uso per le persone con handicap: (prego elencare e docuentare separataente gli altri apparecchi con particolari qualità d uso nei confronti delle persone handicappate) Sicurezza e anutenzione 19a Il parco da gioco previsto corrisponde alle nore di sicurezza attualente in vigore? sì no «SN EN 1176:2008 / Rapporto d esae (l insiee dell ipianto e non solo il certificato degli apparecchi). Per gli ipianti dal 1999 al 2008 vigono le nore SN EN 1176:1998/2003. Per gli ipianti anteriori al 1999 occorre docuentare il rispetto delle nore attuali o svol - gere un analisi del rischio. Il cosiddetto anteniento dei diritti acquisiti si applica solo a quelle parti di apparecchi che non coportano rischi elevati (p. es. strangolaento, perdita di ebri, danni corporei gravi e peranenti).» Se no, perché? 7

8 19b Esiste un anuale sulla sicurezza per il parco da gioco? sì no previsto 19c È previsto un indicatore (per i gabinetti per handicappati, se disponibili/nueri d urgenza ecc.) sì no previsto 19d Chi è responsabile del rispetto delle nore di sicurezza del parco da gioco? Noe e indirizzo: 19e Il budget annuale prevede costi per la anutenzione e le riparazioni dell ipianto? sì no previsto 19f Chi è responsabile della anutenzione regolare? Noe e indirizzo: 19g La anutenzione avviene secondo le esigenze (vedi docuento Obiettivi e criteri di valutazione: punto 3.2. Sicurezza). sì no previsto Inoltrare la doanda a: Inviare la doanda e i relativi docuenti in forato elettronico a: Ci occorre inoltre uan doanda firata, da inviare a: Stiftung Denk an ich, Brunnenhofstrasse 22, Postfach, 8042 Zürich o per Fax Sottoponendo la doanda, accetto le direttive e confero la correttezza delle indicazioni fornite. Luogo/data/fira: In collaborazione con il Centro svizzero per la costruzione adatta agli andicappati e dell Ufficio prevenzione infortuni (upi). Con il cortese sostegno dell Ufficio federale per le pari opportunità delle persone con disabilità (UFPD). 8

Parchi da gioco per tutti Domanda

Parchi da gioco per tutti Domanda Ferie e tempo libero per disabili Parchi da gioco per tutti Domanda Il presente questionario contiene informazioni circa il parco da giochi in progetto e non sarà usato come griglia di valutazione. Le

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 Versione integrata e odificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA AI SENSI DELL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL

Dettagli

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148)

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) D.M. 16 aggio 1987, n. 246 Nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) Sono approvate le nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile

Dettagli

Opuscolo tecnico. Parchi giochi. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Parchi giochi. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Parchi giochi upi Ufficio prevenzione infortuni I parchi giochi sono fondamentali per lo sviluppo dei bambini. Possono però presentare un alto rischio d infortunio a causa di vizi di costruzione

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d inforazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel ondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGAOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8 FONDO DI ROAZIONE PER IL SEORE PRIMARIO Regolaento recante la definizione dei coparti produttivi di intervento, i criteri

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO

PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE EDILIZIA E PATRIMONIO Servizio Edilizia Scolastica FABBRICATI DEL CIRCONDARIO DI IMOLA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE

Dettagli

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA - La presenza di cavi elettrici scaldanti interrati deve essere chiaraente segnalata (nora CEI 11-17) e una copia della geoetria di posa deve essere in possesso del responsabile della anutenzione dell

Dettagli

Depliant di progettazione GARDENA 2012

Depliant di progettazione GARDENA 2012 Depliant di progettazione GARDENA 2012 GARDENA Sistea di irrigazione Se siete interessati a servizi di progettazione e installazione? Vi preghiao di rivolgervi direttaente alla nostra sedo www.gardena.ch

Dettagli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Funivie e funicolari D-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nelle funicolari e nelle funivie: requisiti funzionali Funivie e funicolari:

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dettagli

Catalogo TEC Formazione Tecnologica

Catalogo TEC Formazione Tecnologica TEC Bosch Training Esperienze Copetenze Robert Bosch S.p.A. Via M.A. Colonna, 35 20149 Milano tel +39 02 3696 2830 fax +39 02 3696 2397 tec@it.bosch.co www.bosch-tec.it Catalogo TEC Forazione Tecnologica

Dettagli

Opuscolo tecnico. Porte e portoni. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Porte e portoni. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Porte e portoni upi Ufficio prevenzione infortuni Chiudi la porta ai rischi Porte e portoni sono regolarmente fonte d infortunio. Dalle dita schiacciate alle fratture, o peggio, quasi

Dettagli

FISCAL. N. 3 Anno XVI - Marzo 2009. normativo minacciava di stoppare

FISCAL. N. 3 Anno XVI - Marzo 2009. normativo minacciava di stoppare FISCAL flash N. 3 Anno XVI - Marzo 2009 Rispario energetico: per la detrazione del 55% serve la counicazione La doanda preventiva va presentata alle Entrate di Oliviero Franceschi Cabiano le carte in tavola

Dettagli

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.2 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 78 Art.27 Progetto Strategico Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto Il Progetto

Dettagli

IL LABORATORIO DIDATTICO

IL LABORATORIO DIDATTICO IL LABORATORIO DIDATTICO Prof. ing. Italo GORINI (1), Prof. ing. Serio SARTORI (2) (1)Politecnico di Torino Dipartiento di Elettronica (2)Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Metrologia "Gustavo

Dettagli

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 22 maggio 2006 (Stato 20 giugno 2006) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

murali Meteo Caldaie murali combinate istantanee da esterno e da incasso

murali Meteo Caldaie murali combinate istantanee da esterno e da incasso Anche sulla gaa coe su tutte le caldaie Beretta è possibile ottenere il Servizio 5 anni Forula Kasko*. * Per aderire al servizio si rianda al depliant inforativo disponibile presso la Rete di Assistenza

Dettagli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Coo via El Alaein 11/b - Coo Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

Ringhiere e parapetti

Ringhiere e parapetti Opuscolo tecnico Ringhiere e parapetti upi Ufficio prevenzione infortuni Evitare cadute nel vuoto nelle sovrastrutture Negli edifici, le ringhiere e i parapetti adempiono un importante funzione: proteggere

Dettagli

L equilibrio finanziario, patrimoniale e monetario nei gruppi aziendali. L apprezzamento dell equilibrio nelle imprese e nelle controllate di gruppo

L equilibrio finanziario, patrimoniale e monetario nei gruppi aziendali. L apprezzamento dell equilibrio nelle imprese e nelle controllate di gruppo L equilibrio finanziario, patrioniale e onetario nei gruppi aziendali L apprezzaento dell equilibrio nelle iprese e nelle controllate di gruppo Eleenti di rilievo nell apprezzaento degli equilibri finanziari

Dettagli

PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE

PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE Per un parco più vivibile per ragazzi e ragazze, bambini

Dettagli

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi Il G.S. è inoltre lo strumento più idoneo con cui attivare un insieme di servizi quali: - reperibilità (24h/24h per 365 gg/anno) e pronto intervento (rimozione situazioni

Dettagli

Per l organizzazione delle zone comprese nei 9 mq/ab esistono diverse possibilità

Per l organizzazione delle zone comprese nei 9 mq/ab esistono diverse possibilità Scheda A VERDE PUBBLICO ATTREZZATO 1 DI 1444/68: 9 mq/ab per spazi pubblici attrezzati a gioco e sport 15 mq/ab per parchi pubblici urbani e territoriali Per l organizzazione delle zone comprese nei 9

Dettagli

Zurich. Zurich Segna Contratto index linked

Zurich. Zurich Segna Contratto index linked Zurich Zurich Segna Contratto index linked Il presente Fascicolo Inforativo, contenente: Scheda sintetica Nota inforativa Condizioni contrattuali Glossio Modulo di Proposta deve essere consegnato al Contraente

Dettagli

Innovativo manufatto in laterocemento, le cui caratteristiche distintive sono le nuove geometrie dei laterizi e la presenza dei tralicci.

Innovativo manufatto in laterocemento, le cui caratteristiche distintive sono le nuove geometrie dei laterizi e la presenza dei tralicci. 1 Solaio a pannelli tralicciati in lateroceento Trigon Prodotto Innovativo anufatto in lateroceento, le cui caratteristiche distintive sono le nuove geoetrie dei laterizi e la presenza dei tralicci. I

Dettagli

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Sicurezza realizzabile Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Nella vostra azienda le piattaforme di lavoro elevabili vengono usate in condizioni di sicurezza? Le piattaforme di lavoro elevabili

Dettagli

SICILIA. Villa I Gelsi. Indirizzo: via Pulizzi (chianu) n. 49, Petrosino, TP, Sicilia, Italia

SICILIA. Villa I Gelsi. Indirizzo: via Pulizzi (chianu) n. 49, Petrosino, TP, Sicilia, Italia Autorimessa è posizionata nel chianu Pulizzi a circa 200 metri dal viale Francesco De Vita, principale via del comune di Petrosino, dove sono presenti la chiesa, il municipio e la gran parte delle attività

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTI

Dettagli

Città Metropolitana di Genova. Relazione Tecnica

Città Metropolitana di Genova. Relazione Tecnica Città Metropolitana di Genova Valutazioni tecnico-econoiche delle diverse proposte di localizzazione del sistea depurativo a servizio del bacino dell Entella Relazione Tecnica Genova, luglio 2015 Dott.

Dettagli

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA La casa albergo Liberty è composta da 15 appartamenti bilocali (camera doppia, soggiorno-cucina con divano letto matrimoniale, bagno) dotati di tutti i comfort,

Dettagli

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 A cura del Coune di Milano AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA A AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi

Dettagli

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private Lista di controllo Accertamento degli spazi abitativi Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private 1. Aspetti generali Gli aspetti generali vanno verificati in ogni locale utilizzato

Dettagli

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico TIP Aeroteri TIP Aeroteri coe apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico Indice 01 Inforazioni sul prodotto 6 Panoraica 7 Dati sul prodotto 8 Guida alla scelta: Panoraica delle versioni 9 TIP in un

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco della Maremma CENTRO VISITE ALBERESE Il Centro ubicato in frazione Alberese a Grosseto, si articola su due piani e dispone di due ingressi. Dall ingresso principale è possibile

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

Progetto e sicurezza

Progetto e sicurezza Progetto e sicurezza Consigli per la realizzazione di un buon ambiente gioco Noi della TLF siamo consapevoli del fatto che gli ambienti riservati al gioco dei bambini dovrebbero offrire, oltre alla sicurezza

Dettagli

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su...

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su... MODULAZIONE ANALOGICA UNITÀ VERIFICA Copleta: a) Per odulazione lineare si intende la... dello spettro del... intorno alla frequenza... b) La odulazione di apiezza consiste nel... del segnale portante...

Dettagli

GRUPPI POMPE ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 12845

GRUPPI POMPE ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 12845 GRUI OME ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 5 DATI GENERALI Gruppi pope antincendio realizzati secondo le specifiche della nora europea UNI EN 5 Installazioni fisse antincendio - Sistei autoatici a sprinkler CENNI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 A cura del Coune di Milano AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA A AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31)

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31) Allo SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA del Coune di ZIANO PIACENTINO Protocollo Generale SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Eilia Roagna 25.11.2002, n. 31) TITOLARE

Dettagli

Notifica di un sinistro

Notifica di un sinistro Notifica di un sinistro Questo formulario deve essere compilato dalla persona assicurata, rispettivamente dal suo rappresentante legale. Si dovrà dare una risposta completa a tutte le domande che riguardano

Dettagli

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas:

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas: Lezione XXIII - 0/04/00 ora 8:0-0:0 - Esercizi tiraggio e sorbona - Originale di Marco Sisto. Esercizio Si consideri un ipianto di riscaldaento a caino caratterizzato dai seguenti dati: T T Sezione ati

Dettagli

TUBO MULTISTRATO PER IMPIANTI IDROTERMICI

TUBO MULTISTRATO PER IMPIANTI IDROTERMICI TUBO MULTISTRATO PER IMPIANTI IDROTERMICI I L T U O S I S T E M A I D R O T E R M I C O Caratteristiche Carattereistiche tubo tubo WELCO-Flex - WELCO-Teck *Quando, nelle descrizioni che seguono, il tubo

Dettagli

Volume 2.2 LISTINO DEI PREZZI. per l esecuzione di opere pubbliche e manutenzioni. COSTI UNITARI e PICCOLA MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI e MECCANICI

Volume 2.2 LISTINO DEI PREZZI. per l esecuzione di opere pubbliche e manutenzioni. COSTI UNITARI e PICCOLA MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI e MECCANICI DEI PREZZI 2012 AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE OO.PP. E CENTRALE UNICA APPALTI DIREZIONE CENTRALE TECNICA per l esecuzione di opere pubbliche e anutenzioni Volue 2.2 COSTI UNITARI e PICCOLA MANUTENZIONE

Dettagli

RISERVATO ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE

RISERVATO ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE DATA DI ARRIVO PROTOCOLLO CARPANETO P. - PODENZA SAN GIORGIO P. - VIGOLZONE SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE dell' UNIONE VALNURE e VALCHERO DOCUMENTO ESENTE DA MARCA DA BOLLO SCHEDA TECNICA

Dettagli

INDICE. Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING. Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN

INDICE. Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING. Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN INDICE Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN Il funzionaento della Macchina di Von Neuann 1 Macchine Teoriche e Architettura di base

Dettagli

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE SENIGALLIA LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE RINASCE UN AREA DI SENIGALLIA Si chiama RESIDENZE SAN SEBASTIANO. Un nome che già appartiene all identità cittadina: San Sebastiano è il nome dell antistante

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 2

1^A - Esercitazione recupero n 2 1^A - Esercitazione recupero n 2 1. Un cavo di nylon si coporta coe una olla di costante elastica 5,0 10 4 N /. Con questo cavo, trasciniao sul paviento una cassa di 280 kg a velocità costante. Il coefficiente

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Statistica del valore aggiunto 2014

Statistica del valore aggiunto 2014 Indagine online: www.esurvey.admin.ch/ews Utente: Password: OID NOGA SAB FB REF Indicare il numero OID in tutti i contatti con il nostro ufficio. Statistica monetaria sulle imprese (MON) Espace de l Europe

Dettagli

Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A.

Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A. Informazioni Generali Autodichiarazione di conformità Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. Servizio di ristorazione - pernottamento - solo colazione - bar - distributore automatico

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA APPUNTI DL CORSO DI SISTMI IMPIANTISTICI SICURZZA RGIMI DI FUNZIONAMNTO DI CIRCUITI LTTRICI: CORRNT CONTINUA SOLO ALCUNI SMPI DI ANALISI DI UN CIRCUITO LTTRICO FUNZIONANTI IN CORRNT CONTINUA APPUNTI DL

Dettagli

Disposizioni attuative di classificazione, denominazione e identificazione delle strutture ricettive all aperto

Disposizioni attuative di classificazione, denominazione e identificazione delle strutture ricettive all aperto giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1000 del 17 giugno 2014 pag. 1/5 Disposizioni attuative di classificazione, denominazione e identificazione delle strutture ricettive all aperto Articolo

Dettagli

L'AZIENDA 2 ACCESSORI PORTE DI PIANO

L'AZIENDA 2 ACCESSORI PORTE DI PIANO L'AZIENDA 2 A. T. E. 350-460 - 650-850 V P ASCENSORE TRADIZIONALE A FUNI A. S. P. 500-00 - 1500-3000 V P ASCENSORE OLEODINAMICO A SPINTA DIRETTA A. S. T. 480-640 - 800-950 V P ASCENSORE OLEODINAMICO IN

Dettagli

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS TOSCANA HOTEL VERSILIA HOLIDAYS Via Vico, 142 - Forte dei Marmi (Lu) Tel. +39 0584 787100 email info@versiliaholidayshotel.com - www.versiliaholidays.com TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco delle Madonie INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ C.E.A. LA TERRA DEI NOSTRI PADRI A CASTELLANA SICULA Il Centro di Educazione Ambientale è ospitato all interno di un edificio di due piani a Castellana Sicula.

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE Parco del Lago Trasimeno INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE Il Museo, ubicato a Passignano sul Trasimeno, è costituito da due ambienti espositivi distribuiti

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

Questionario per rilevare l accessibilità degli Stabilimenti Balneari

Questionario per rilevare l accessibilità degli Stabilimenti Balneari R G I O N POLITICH SOCIALI, FLUSSI MIGRATORI ASSSSORATO AL TURISMO INDUSTRIA ALBRGHIRA Questionario per rilevare l accessibilità degli Stabilimenti Balneari Questa indagine ha lo scopo di conoscere e costruire

Dettagli

Environment 10 gennaio 2014. Progetto di rimozione del prodotto surnatante la falda acquifera. Ex Consorzio Agrario, Via dell Acquedotto Pesaro

Environment 10 gennaio 2014. Progetto di rimozione del prodotto surnatante la falda acquifera. Ex Consorzio Agrario, Via dell Acquedotto Pesaro Environent 10 gennaio 2014 Progetto di riozione del prodotto surnatante la falda acquifera Ex Consorzio Agrario, Via dell Acquedotto Pesaro Il presente Docuento è stato preparato da AECOM ITALY Srl (nel

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO

REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO COMUNE DI CASTENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 38 del 30.10.2012 1 TITOLO I NORMATIVA GENERALE

Dettagli

Piano di formazione Parte D del 16 guigno 2005 con adeguamenti del 2 dicembre 2010

Piano di formazione Parte D del 16 guigno 2005 con adeguamenti del 2 dicembre 2010 Piano di formazione Parte D del 16 guigno 2005 con adeguamenti del 2 dicembre 2010 Organizzazione, ripartizione e durata dei corsi interaziendali (CI) 1. Fondamenti I corsi interaziendali sono istituiti

Dettagli

NOMINATIVO RICHIEDENTE

NOMINATIVO RICHIEDENTE N PERIZIA 26 NOMINATIVO RICHIEDENTE SAPAM IMMOBILIARE S.R.L. REGIONE PIEMONTE PROVINCIA ALESSANDRIA COMUNE FUBINE CAP 15043 INDIRIZZO VIA TENUTA MARGARA D 5 SUPERFICIE MQ. 69,63 VALORE 56.000,00 Pagina

Dettagli

C O M U N E D I B A R A D I L I PROVINCIA DI ORISTANO Via Vittorio Emanuele, 5 09090 Baradili (OR)

C O M U N E D I B A R A D I L I PROVINCIA DI ORISTANO Via Vittorio Emanuele, 5 09090 Baradili (OR) C O M U N E D I B A R A D I L I PROVINCIA DI ORISTANO Via Vittorio Emanuele, 5 09090 Baradili (OR) Tel 0783 95095 Sito internet www.comune.baradili.or.it Fax 0783 95355 Cod.Fisc. 80007220959 Partita Iva

Dettagli

CARAVIA BEACH. Europa > Grecia > Kos TESTATO PER TE DA:

CARAVIA BEACH. Europa > Grecia > Kos TESTATO PER TE DA: CARAVIA BEACH Europa > Grecia > Kos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono e trova le informazioni

Dettagli

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura Dipartiento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Abienti di Lavoro UNI EN 12215 Ipianti di verniciatura Cabine di verniciatura per l applicazione prodotti vernicianti liquidi Requisiti di sicurezza

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Macchine conformi alle norme di sicurezza: consigli per l acquisti. Informativa breve per i datori di lavoro, i capi azienda e gli acquirenti

Macchine conformi alle norme di sicurezza: consigli per l acquisti. Informativa breve per i datori di lavoro, i capi azienda e gli acquirenti Macchine conformi alle norme di sicurezza: consigli per l acquisti Informativa breve per i datori di lavoro, i capi azienda e gli acquirenti 1 Acquisto di macchine o impianti nuovi 1 Esempio di una dichiarazione

Dettagli

MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA

MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA UN ECCELLENTEOPPORTUNITÀDIRIQUALIFIC ECCELLENTEOPPORTUNITÀDIRIQUALIFICAZIONEIMMOBIL PPORTUNITÀDI RIQUALIFICAZIONEIMMOBILIAREUN ECCE ALIFICAZIONEIMMOBILIARE L EX ZUCCHERIFICIO

Dettagli

Hydro Fire CK. Gruppi antincendio con elettro e/o motopompe orizzontali con funzionalità e controlli conformi alla norma UNI EN 12845 50 Hz

Hydro Fire CK. Gruppi antincendio con elettro e/o motopompe orizzontali con funzionalità e controlli conformi alla norma UNI EN 12845 50 Hz Grundfos Data booklet Gruppi antincendio con elettro e/o otopope orizzontali con funzionalità e controlli confori alla nora UNI EN 12845 Indice Applicazione Gaa delle prestazioni della popa di servizio

Dettagli

PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Regione Toscana - Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n. 54 Data rilievo : 15/03/2005 Foglio n. 1 di 4 ACCESSIBILITA' DEI PERCORSI - STATO ATTUALE: VIA DI NUGOLA

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

L esempio di applicazione di text mining che segue percorre le fasi classiche di un processo di estrazione di conoscenza.

L esempio di applicazione di text mining che segue percorre le fasi classiche di un processo di estrazione di conoscenza. Text Mining: aspetti applicativi in capo bio-edico Introduzione Nel seguito approfondireo l apporto che tecniche di text ining possono dare all analisi della letteratura bioedica. Le osservazioni che seguono

Dettagli

Elettropompa da fognatura per uso non gravoso tipo ABS MF 154-804 Elettropompe sommergibili trituratrici tipo ABS Piranha 08 & 09

Elettropompa da fognatura per uso non gravoso tipo ABS MF 154-804 Elettropompe sommergibili trituratrici tipo ABS Piranha 08 & 09 Elettropopa da fognatura per uso non gravoso tipo ABS MF 154-804 1010-00 15975131IT (08/2015) IT Istruzioni di Installazione e Uso www.sulzer.o 2 Istruzioni di Installazione e Uso (Traduzione delle istruzioni

Dettagli

Assessorato alle Politiche dei Disabili

Assessorato alle Politiche dei Disabili Assessorato alle Politiche dei Disabili Con la collaborazione di Ambito distrettuale di Trieste, L.R. 41/1996 domanda-offerta di trasporto per cittadini disabili da Indagine conoscitiva 2012 proposte In

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco La Mandria CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE Il parcheggio dista circa un chilometro dall edificio; il percorso per raggiungere l ingresso è pianeggiante ed ha il fondo

Dettagli

FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD

FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD REQUISITI E REGOLAMENTO PER LA RICHIESTA DI SUSSIDI STANDARD MISSIONE DI SERVIZIO E PRIORITÀ DEL PROGRAMMA DI SUSSIDI I sussidi standard

Dettagli

PRIMA INFANZIA. Prodotti

PRIMA INFANZIA. Prodotti PRIMA INFANZIA Questa sezione propone alcuni articoli destinati in modo particolare alla prima infanzia ideali per ASILI NIDO o SCUOLE MATERNE, ma di facile inserimento anche in STUTTURE PRIVATE. Sono

Dettagli

COMPLESSO SAN BENIGNO

COMPLESSO SAN BENIGNO COMPLESSO SAN BENIGNO Studio per una infrastruttura di condizionaento del coplesso attraverso l uso dell acqua di are Introduzione Lo studio riporta alcune idee di assia ed una valutazione costi benefici

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

Il progetto. Una casa indipendente: dall alto posso vedere la. città, guardare le stelle. e toccare il cielo...

Il progetto. Una casa indipendente: dall alto posso vedere la. città, guardare le stelle. e toccare il cielo... Il progetto La Residenza I Giardini di Lodi, è composta da 2 edifici, di diverse altezze, con un numero massimo di 5 piani, escluso il piano terreno, che formano un complesso a gradoni con grandi terrazze

Dettagli

Occhio alle giunture Lista di controllo per gli organizzatori di tornei di calcetto.

Occhio alle giunture Lista di controllo per gli organizzatori di tornei di calcetto. Occhio alle giunture Lista di controllo per gli organizzatori di tornei di calcetto. Con la campagna «Occhio alle giunture», SuvaLiv intende contribuire a ridurre gli infortuni occorsi mentre si gioca

Dettagli

vacanze per tutti www.kikkivillage.net

vacanze per tutti www.kikkivillage.net SENIOR vacanze per tutti UN ACCOGLIENZA SU MISURA Il kikki village è l unico resort a 4 stelle d Europa progettato e realizzato secondo criteri internazionali di piena e totale accessibilità. Per questo

Dettagli

Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche

Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche Tutti insieme nella CACCIA alla BARRIERA Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche PRESENTAZIONE VI PRESENTO ALCUNI NOSTRI AMICI GIUSEPPE MAMMA MARIA NONNO GIACOMO BABBO ADELMO

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE Relazione generale PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO

Dettagli

Scale a pioli. Più possibilità. Il Sistema di Ponteggio. Scale a pioli Layher Istruzioni di montaggio e d uso

Scale a pioli. Più possibilità. Il Sistema di Ponteggio. Scale a pioli Layher Istruzioni di montaggio e d uso Scale a pioli Layher Istruzioni di montaggio e d uso Sistema di qualità aziendale certificato in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2000 dal TÜV-CERT Scale a pioli Più possibilità. Il Sistema di Ponteggio.

Dettagli

ESAME DI MATEMATICA FINANZIARIA Z. Marino Appello maggio 2004 Nuovo ordinamento 3 CFU

ESAME DI MATEMATICA FINANZIARIA Z. Marino Appello maggio 2004 Nuovo ordinamento 3 CFU Nuovo ordinaento 3 CFU Dato il tasso di sconto seestrale d ½ =0,05 si deterini il valore di 1000 euro tra un anno e ezzo, nei seguenti regii finanziari: 1. interesse seplice; 2. interesse coposto; 3. sconto

Dettagli

INTERVENTI DI SISTEMAZIONE - RESTAURO DEL CONVENTO DI SANTA MARIA IN VALLE E DEL TEMPIETTO LONGOBARDO

INTERVENTI DI SISTEMAZIONE - RESTAURO DEL CONVENTO DI SANTA MARIA IN VALLE E DEL TEMPIETTO LONGOBARDO CONVENTO SANTA MARIA IN VALLE 16 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI CIVIDALE INTERVENTI DI SISTEMAZIONE - RESTAURO DEL CONVENTO DI SANTA MARIA IN VALLE E DEL TEMPIETTO LONGOBARDO PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI

Dettagli

PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO LOCALITA CREMASCHINA

PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO LOCALITA CREMASCHINA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO LOCALITA CREMASCHINA COMPUTO METRICO ESTIMATIVO NUOVA ROTATORIA REGOLANTE L INTERSEZIONE VIA QUAINE VIA S. D ACQUISTO soggetti attuatori: Moretti Anna Maria, Branca Aalia,

Dettagli

Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO. Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva ACCESSO ALLA STRUTTURA

Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO. Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva ACCESSO ALLA STRUTTURA Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva me della struttura logia Categoria Comune Provincia Indicare, se possibile, se la struttura sia

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O COMUNICATO UFFICIALE N. 192/A Il Consiglio Federale Viste le modifiche all art. 31 del Regolamento della Lega

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO Per poter partecipare alla manifestazione è necessario accreditarsi. L accredito può avvenire nelle seguenti modalità:

MODALITA DI ACCESSO Per poter partecipare alla manifestazione è necessario accreditarsi. L accredito può avvenire nelle seguenti modalità: BENVENUTI AL FESTIVAL DEL GIOCO Il Festival del Gioco è una settimana di attività per bambini e ragazzi che si terrà dal 27 luglio al 2 agosto 2014 nel territorio dell Alpe Cimbra e più precisamente nei

Dettagli

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 STIAMO COI PIEDI PER TERRA GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 Le cadute che possono verificarsi in casa, per la strada, in ospedale o presso le strutture per anziani o disabili sono un grave problema

Dettagli

Danneggiato. Quando è avvenuto il sinistro? Cognome e nome Date di nascita Telefono (Priv./Prof./Cellulare) Raggiungibile

Danneggiato. Quando è avvenuto il sinistro? Cognome e nome Date di nascita Telefono (Priv./Prof./Cellulare) Raggiungibile Dichiarazione di sinistro per assicurazione di veicoli a motore e ciclisti non identificati o non assicurati Art. 76 della Legge sulla circolazione stradale (LCS) et art. 52 dell Ordinanza sulle norme

Dettagli