«Parchi da gioco per tutti» Formulario di domanda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "«Parchi da gioco per tutti» Formulario di domanda"

Transcript

1 «Parchi da gioco per tutti» Forulario di doanda Il presente questionario infora circa il parco da gioco in progetto e non serve da griglia per la valutazione. Le inforazioni devono dare un ipressione coplessiva per quanto possibile, affinché il parco da gioco in progetto possa essere copreso e valutato nel suo insiee. Il forulario di doanda e il resto della docuentazione (foto, piani, concetti ecc.) vanno inoltrati in fora digitale! Vogliate nuerare o etichettare le foto. Inforazioni generali 1 Organizzazione o istituzione richiedente Cognoe/Noe: Via e nuero: Casella postale: Nuero d avviaento postale e località: Telefono: Raggiungibile: Fax: e-ail: Portale Internet: Indirizzo per il pagaento (pregasi allegare la cedola di versaento): Coordinate bancarie: N. IBAN: N. del conto: CCP: 2 Noe e indirizzo della persona di contatto: 3 Indirizzo del parco da gioco 4 Chi è il proprietario del parco da gioco esistente o in progetto? 5 Chi gestisce e conduce il parco da gioco esistente? 6 Chi è la persona responsabile del parco da gioco in progetto? 1

2 7 Quali altre iprese, persone, gruppi d interesse e organizzazioni sono iplicate nella pianificazione del progetto? 8 Il progetto di parco da gioco consiste nel: risanaento nuova costruzione apliaento sostituzione 9a Breve descrizione del parco da gioco eventualente esistente: Indicare le qualità particolari coe p. es. la presenza d acqua, sabbia, l aspetto naturale, se si tratta di un parco da gioco teatico ecc. Allegare alcune foto e/o la appa del sito e dei dintorni per un ipressione generale della viabilità, le zone del parco da gioco, gli attrezzi, la sistea - zione, l accessibilità. 9b Breve descrizione del parco da gioco in progetto: Indicare le qualità particolari coe p. es. la presenza d acqua, sabbia, l aspetto naturale, se si tratta di un parco da gioco teatico ecc. Allegare il concetto. Allegare alcune foto per un i - pres sione generale del sito e dei dintorni, della viabilità e eventualente la sisteazione e l infrastruttura esistenti. 9c Planietria generale del parco da gioco in progetto (scala 1:100 o 1:200): Il piano deve recare le seguenti indicazioni: - Integrazione del parco da gioco nei dintorni iediati - Collegaento alla rete dei trasporti pubblici - Accessi, collegaenti e divisione del parco da gioco B83/ in zone - Sisteazioni del terreno con quote altitudinali (pendii, sentieri, piazzette, rape) - Piantagioni (siepi, vegetazione legnosa a latifoglie o conifere, viali alberati etc.), superfici verdi (tappeto verde, prateria estensiva ecc.) - Attrezzi da gioco, copresi gli spazi senza attrezzi, zone di caduta e le corrispondenti altezze di caduta (secondo le nore SN EN 1176 Attrezzature per aree da gioco) - Sisteazione, costruzioni (uri, scale ecc.), infrastrutture (ubicazione, terinazione) - Rivestienti (sentieri, piazzette, zone di caduta, scale), terinazione, recinzioni, passaggi, cabi di rivestiento (vedi docuento sulle esigenze inie, esigenza 1, provvediento 2) Suggerienti riguardo alle nore nell opuscolo Strassen, Wege, Plätze / Rues, cheins, places del Centro svizzero per la costruzione adatta agli andicappatie SIA 500 Edifici senza ostacoli 2

3 10a Quando è prevista la realizzazione? 10b Quando è prevista l apertura? 11 Qual è la valutazione dei costi del progetto? - Costi di collegaento e accesso (sentieri, siepi, cancelli) - Costi delle isure costruttive e della sisteazione - Costi della protezione contro le cadute - Costi degli apparecchi da gioco - Costi di sisteazione e infrastruttura - Costi di anutenzione - Altri costi vincolati al progetto - Parte dei costi destinati ai provvedienti per liberare dagli ostacoli (se possibile, allegare una sintesi dettagliata) 12 Finanziaento previsto: chi sostiene finanziariaente il progetto? Gruppo irato (inforazioni generali circa il parco da gioco) 13 Qual è il gruppo principale di utenti del parco da gioco? Babini Giovani Parco da gioco terapeutico Proprietà del parco da gioco 15 Quali sono i dintorni del parco da gioco? 15a A che distanza si trova il prossio parco da gioco pubblico? 15b Ci sono istituzioni o fondazioni per persone handicappate nei dintorni? Scuole Abitazioni Lavoro Svago (precisare) Se sì, che tipo di handicap hanno gli occupanti di questa istituzione? 3

4 15c A quale distanza si trovano i gabinetti, un chiosco, un bar, un ristorante? (precisare) 15d Il parco da gioco si trova sul doinio pubblico? Nella zona abitata In un centro di quartiere o di località È una eta di escursioni In zona di vacanze o di svago 15e A quale distanza si trova un riparo coperto? 16 Il parco da gioco fa parte di altri ipianti/utilizzazioni? spazio pubblico/parco Scuola Giardino d infanzia Piscina Ipianto sportivo Meta di escursioni stituzione (precisare) Ospizio per persone anziane Ospedale Ipianto per svago/vacanze (precisare) altri ipianti o utilizzazioni (precisare) 17 Con che ezzo si raggiunge il parco da gioco? A piedi In autoobile Qual è la distanza dai parcheggi (se disponibili)? Ci sono parcheggi per conducenti in sedia a rotelle? sì no Ferata TP: Ferrovia Bus Tra Battello Funivia Distanza dal TP più vicino (se disponibile)? Le ferate sono confori alle persone disabili? sì no - Sono previste odifiche? sì no Se sì, quali? 4

5 17b Collegaenti: - Il parco da gioco è collegato alla rete dei trasporti pubblici secondo nora? sì no Suggerienti riguardo alle nore nell opuscolo Strassen, Wege, Plätze / Rues, cheins, places del Centro svizzero per la costruzione adatta agli andicappati e SIA 500 Edifici senza ostacoli - Ci sono ostacoli sulla via del parco da gioco (gradini o soglie, rape troppo ripide, passaggi troppo stretti ecc.)? Se sì, descrizione/foto nuerare le foto sì no - Questi ostacoli sono docuentati al punto 9c? sì no 17c Collegaenti all interno del parco da gioco: - Le diverse aree da gioco e di riposo sono accessibili alle sedie a rotelle? sì no Se no, quali non lo sono? Descrivere/foto - Queste differenze sono docuentate al punto 9c? sì no - L infrastruttura (gabinetti, prese d acqua, aree da pic-nic ecc., se disponibili) sono accessibili e usufruibili in sedia a rotelle? sì no Se no, quali non lo sono? Descrivere/foto - Queste differenze sono docuentate al punto 9c? sì no - Ci sono gabinetti per utenti in sedia a rotelle? sì no Se sì, adepiono le nore SIA 500? sì no Se no, perché? 17d Rivestienti: - In rivestienti o i passaggi tra le diverse aree si distinguono, in particolare nelle zone pericolose, in odo da essere riconoscibili al tatto? sì no - Si è fatto in odo, nelle zone di caduta, che le transizioni da un rivestiento all altro siano segnalate da deliitazioni / rilevate / sussate affinché non costituiscano un ostacolo alle sedie a rotelle? sì no - I passaggi sono docuentati al punto 9c? sì no Sisteazioni da gioco/infrastruttura 18a Tabella riguardo alle sisteazioni da gioco e all infrastruttura (indicare in odo copleto; vedi pagina seguente) 5

6 parco giochi esistente (se disponibile) parco giochi in progetto esistente e conservato esistente e sostituito Apparecchi da gioco / Sisteazioni da gioco Accesso in sedia a rotelle possibile ipossibile esistente e conservato nuovo Apparecchi da gioco / Sisteazioni da gioco Accesso in sedia a rotelle possibile ipossibile Fabbricante /fornitore altezza di caduta calcolata e altezza agganciata (altalene) Protezione contro le cadute scivolo scivolo altalena altalena altalena con cesto altalena con cesto altalena a bilico altalena a bilico giostra giostra arrapicata arrapicata cassa della sabbia cassa della sabbia percorso con i tubi percorso con i tubi gioco d acqua gioco d acqua Bacino / piscina per babini Bacino / piscina per babini Infrastruttura Infrastruttura panchine panchine panchine con schienale panchine con schienale tavoli adattati alle sedie a rotelle tavoli adattati alle sedie a rotelle rubinetto d acqua rubinetto d acqua griglia / focolare griglia / focolare protezione contro il sole, alberi che fanno obra protezione contro il sole, alberi che fanno obra scacchi, altri giochi fissi scacchi, altri giochi fissi gabinetti accessibili in sedia a rotelle gabinetti accessibili in sedia a rotelle gabinetti gabinetti Copletaenti 6

7 18 b Inforazioni circa apparecchi con particolari qualità d uso previsti nel nuovo parco da gioco Quali apparecchi offrono particolari qualità d uso alle persone con handicap? 1) Tipo d apparecchio: Fabbricante/fornitore: Protezione prevista contro le cadute: particolari qualità d uso per le persone con handicap: 2) Tipo d apparecchio: Fabbricante/fornitore: Protezione prevista contro le cadute: particolari qualità d uso per le persone con handicap: 3) Tipo d apparecchio: Fabbricante/fornitore: Protezione prevista contro le cadute: particolari qualità d uso per le persone con handicap: 4) Tipo d apparecchio: Fabbricante/fornitore: Protezione prevista contro le cadute: particolari qualità d uso per le persone con handicap: (prego elencare e docuentare separataente gli altri apparecchi con particolari qualità d uso nei confronti delle persone handicappate) Sicurezza e anutenzione 19a Il parco da gioco previsto corrisponde alle nore di sicurezza attualente in vigore? sì no «SN EN 1176:2008 / Rapporto d esae (l insiee dell ipianto e non solo il certificato degli apparecchi). Per gli ipianti dal 1999 al 2008 vigono le nore SN EN 1176:1998/2003. Per gli ipianti anteriori al 1999 occorre docuentare il rispetto delle nore attuali o svol - gere un analisi del rischio. Il cosiddetto anteniento dei diritti acquisiti si applica solo a quelle parti di apparecchi che non coportano rischi elevati (p. es. strangolaento, perdita di ebri, danni corporei gravi e peranenti).» Se no, perché? 7

8 19b Esiste un anuale sulla sicurezza per il parco da gioco? sì no previsto 19c È previsto un indicatore (per i gabinetti per handicappati, se disponibili/nueri d urgenza ecc.) sì no previsto 19d Chi è responsabile del rispetto delle nore di sicurezza del parco da gioco? Noe e indirizzo: 19e Il budget annuale prevede costi per la anutenzione e le riparazioni dell ipianto? sì no previsto 19f Chi è responsabile della anutenzione regolare? Noe e indirizzo: 19g La anutenzione avviene secondo le esigenze (vedi docuento Obiettivi e criteri di valutazione: punto 3.2. Sicurezza). sì no previsto Inoltrare la doanda a: Inviare la doanda e i relativi docuenti in forato elettronico a: Ci occorre inoltre uan doanda firata, da inviare a: Stiftung Denk an ich, Brunnenhofstrasse 22, Postfach, 8042 Zürich o per Fax Sottoponendo la doanda, accetto le direttive e confero la correttezza delle indicazioni fornite. Luogo/data/fira: In collaborazione con il Centro svizzero per la costruzione adatta agli andicappati e dell Ufficio prevenzione infortuni (upi). Con il cortese sostegno dell Ufficio federale per le pari opportunità delle persone con disabilità (UFPD). 8

Parchi da gioco per tutti Domanda

Parchi da gioco per tutti Domanda Ferie e tempo libero per disabili Parchi da gioco per tutti Domanda Il presente questionario contiene informazioni circa il parco da giochi in progetto e non sarà usato come griglia di valutazione. Le

Dettagli

PARCHI DA GIOCO PER TUTTI. Esigenze minime circa i piazzali privi di ostacoli

PARCHI DA GIOCO PER TUTTI. Esigenze minime circa i piazzali privi di ostacoli PARCHI DA GIOCO PER TUTTI Esigenze minime circa i piazzali privi di ostacoli ESIGENZE MINIME CIRCA I PIAZZALI PRIVI DI OSTACOLI I criteri qui elencati si riferiscono alle elevate esigenze dei Parchi da

Dettagli

OGGETTO: Domanda di PARERE PREVENTIVO.

OGGETTO: Domanda di PARERE PREVENTIVO. Spett.le COMUNE DI CASTELLO MOLINA DI FIEMME Via Roa, 38 38030 CASTELLO DI FIEMME (TN) Mod. ParPrev OGGETTO: Doanda di PARERE PREVENTIVO. N.B. Questo odello dovrà essere copilato in ogni sua parte in stapatello

Dettagli

Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla D.I.A ai sensi degli artt. 41 e 42 della Legge Regionale n. 12 del 11/03/2005

Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla D.I.A ai sensi degli artt. 41 e 42 della Legge Regionale n. 12 del 11/03/2005 APT-SGT-RTA/0 Servizio Gestione del Territorio Pagina 1 di 8 Spazio riservato all ufficio Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla D.I.A ai sensi degli artt. 41 e 4 della Legge Regionale n. 1 del

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 Versione integrata e odificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA AI SENSI DELL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL

Dettagli

Opuscolo tecnico. Parchi giochi. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Parchi giochi. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Parchi giochi upi Ufficio prevenzione infortuni I parchi giochi sono fondamentali per lo sviluppo dei bambini. Possono però presentare un alto rischio d infortunio a causa di vizi di costruzione

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d inforazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel ondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148)

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) D.M. 16 aggio 1987, n. 246 Nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) Sono approvate le nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO

PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE EDILIZIA E PATRIMONIO Servizio Edilizia Scolastica FABBRICATI DEL CIRCONDARIO DI IMOLA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE

Dettagli

Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Procedura Abilitativa Semplificata

Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Procedura Abilitativa Semplificata Modello B104ASS (febb 2013) Allo Sportello Unico per l Edilizia Pagina 1 di 12 COMUNE DI BOVINO (Provincia di Foggia) SETTORE TECNICO - URBANISTICO AMBIENTE - PATRIMONIO Protocollo Esente da bollo Cod.

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGAOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8 FONDO DI ROAZIONE PER IL SEORE PRIMARIO Regolaento recante la definizione dei coparti produttivi di intervento, i criteri

Dettagli

Depliant di progettazione GARDENA 2011

Depliant di progettazione GARDENA 2011 Depliant di progettazione GARDENA 2011 GARDENA Sistea di irrigazione Se siete interessati a servizi di progettazione e installazione? Vi preghiao di rivolgervi direttaente alla nostra sedo www.gardena.ch

Dettagli

Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE

Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE ! Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE Coe anticipato nella lettera di presentazione dell!iniziativa, l!indagine proossa dalla Caera di Coercio di Milano

Dettagli

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA - La presenza di cavi elettrici scaldanti interrati deve essere chiaraente segnalata (nora CEI 11-17) e una copia della geoetria di posa deve essere in possesso del responsabile della anutenzione dell

Dettagli

Depliant di progettazione GARDENA 2012

Depliant di progettazione GARDENA 2012 Depliant di progettazione GARDENA 2012 GARDENA Sistea di irrigazione Se siete interessati a servizi di progettazione e installazione? Vi preghiao di rivolgervi direttaente alla nostra sedo www.gardena.ch

Dettagli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Funivie e funicolari D-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nelle funicolari e nelle funivie: requisiti funzionali Funivie e funicolari:

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

Tenero, 12 novembre 2012. Preavviso: gestione. Lodevole Consiglio comunale, Signore e Signori Consiglieri,

Tenero, 12 novembre 2012. Preavviso: gestione. Lodevole Consiglio comunale, Signore e Signori Consiglieri, N. 17 / 12 MESSAGGIO MUNICIPALE CONCERNENTE UN CREDITO DI FR. 120'000.- PER IL PROGETTO DI RIVALUTAZIONE DELLE AREE DI SVAGO RIVOLTE ALLE FAMIGLIE E AI BAMBINI SUL TERRITORIO COMUNALE Tenero, 12 novembre

Dettagli

PI - II fase. Fascicolo modifiche normative. Provincia di Verona. Elaborato

PI - II fase. Fascicolo modifiche normative. Provincia di Verona. Elaborato Coune di Salizzole Provincia di Verona PI - II fase Elaborato Fascicolo odifiche norative GRUPPO DI LAVORO Progettisti Incaricati Ing. Mario Medici Arch. Nicola Grazioli Arch. Eanuela Volta Collaboratore:

Dettagli

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dettagli

Opuscolo tecnico. Porte e portoni. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Porte e portoni. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Porte e portoni upi Ufficio prevenzione infortuni Chiudi la porta ai rischi Porte e portoni sono regolarmente fonte d infortunio. Dalle dita schiacciate alle fratture, o peggio, quasi

Dettagli

Le normative tecniche per la sicurezza e la progettazione delle aree gioco Modena, 16 marzo 2012

Le normative tecniche per la sicurezza e la progettazione delle aree gioco Modena, 16 marzo 2012 Le normative tecniche per la sicurezza e la progettazione delle aree gioco Modena, 16 marzo 2012 Alberto Monteverdi, Dirigente Area Comunicazione UNI CHI FA LE NORME? La serie UNI EN 1176 la UNI EN 1177

Dettagli

1. INTRODUZIONE...1 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...1 3. INFORMAZIONI FORNITE DAI GESTORI...2

1. INTRODUZIONE...1 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...1 3. INFORMAZIONI FORNITE DAI GESTORI...2 1. INTRODUZIONE...1 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...1 3. INFORMAZIONI FORNITE DAI GESTORI...2 3.1 INFORMAZIONI FORNITE DALLA SOCIETÀ ATRIPLEX-GEST PETROL...2 3.1.1. Dati identificativi dello stabiliento...2

Dettagli

Area del Centro Commerciale. Centro commerciale

Area del Centro Commerciale. Centro commerciale Area del Centro Coerciale L area interessata alla realizzazione del suddetto piano di lottizzazione, si trova in Sicilia e precisaente a Castelvetrano (Tp) in prossiità dello svincolo autostradale che

Dettagli

IL LABORATORIO DIDATTICO

IL LABORATORIO DIDATTICO IL LABORATORIO DIDATTICO Prof. ing. Italo GORINI (1), Prof. ing. Serio SARTORI (2) (1)Politecnico di Torino Dipartiento di Elettronica (2)Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Metrologia "Gustavo

Dettagli

Catalogo TEC Formazione Tecnologica

Catalogo TEC Formazione Tecnologica TEC Bosch Training Esperienze Copetenze Robert Bosch S.p.A. Via M.A. Colonna, 35 20149 Milano tel +39 02 3696 2830 fax +39 02 3696 2397 tec@it.bosch.co www.bosch-tec.it Catalogo TEC Forazione Tecnologica

Dettagli

Ringhiere e parapetti

Ringhiere e parapetti Opuscolo tecnico Ringhiere e parapetti upi Ufficio prevenzione infortuni Evitare cadute nel vuoto nelle sovrastrutture Negli edifici, le ringhiere e i parapetti adempiono un importante funzione: proteggere

Dettagli

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.2 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 78 Art.27 Progetto Strategico Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto Il Progetto

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Viale Maresciallo Pilsudski, 92 (Roa) LAVORI DI RIFACIMENTO DELL' IMPIANTO ELETTRICO DI TRASFORMAZIONE MT/BT E DEL GRUPPO STATICO DI CONTINUITA' ASSERVITI ALL'

Dettagli

COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE Trasporti e noli Materiali Mano d'opera 7 aggio 202 202 I triestre 202 COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE Nel prio triestre 202 il costo di costruzione di un fabbricato residenziale auenta

Dettagli

Il rischio di tasso di interesse

Il rischio di tasso di interesse MEBS Lecture 2 Il rischio di tasso di interesse MEBS, lezioni Roberto Renò Università di Siena 2.1 Il rischio di tasso di interesse Per rischio di tasso di interesse si intende la possibilità che, effettuato

Dettagli

Per l organizzazione delle zone comprese nei 9 mq/ab esistono diverse possibilità

Per l organizzazione delle zone comprese nei 9 mq/ab esistono diverse possibilità Scheda A VERDE PUBBLICO ATTREZZATO 1 DI 1444/68: 9 mq/ab per spazi pubblici attrezzati a gioco e sport 15 mq/ab per parchi pubblici urbani e territoriali Per l organizzazione delle zone comprese nei 9

Dettagli

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi Il G.S. è inoltre lo strumento più idoneo con cui attivare un insieme di servizi quali: - reperibilità (24h/24h per 365 gg/anno) e pronto intervento (rimozione situazioni

Dettagli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Coo via El Alaein 11/b - Coo Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

T E R L I Z Z I P I A N O R E G O L A T O R E G E N E R A L E

T E R L I Z Z I P I A N O R E G O L A T O R E G E N E R A L E T E R L I Z Z I P I A N O R E G O L A T O R E G E N E R A L E NORME TECNICHE DI ESECUZIONE Approvate con la Delib. G.R. n. 1051 del 04.08.2000 Variate con Delib. G.R. n. 7/2007, Delib. C.C. n. 40/2007,

Dettagli

PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE

PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE Per un parco più vivibile per ragazzi e ragazze, bambini

Dettagli

murali Meteo Caldaie murali combinate istantanee da esterno e da incasso

murali Meteo Caldaie murali combinate istantanee da esterno e da incasso Anche sulla gaa coe su tutte le caldaie Beretta è possibile ottenere il Servizio 5 anni Forula Kasko*. * Per aderire al servizio si rianda al depliant inforativo disponibile presso la Rete di Assistenza

Dettagli

Collaborazione con aziende terze: la cooperazione è garantita?

Collaborazione con aziende terze: la cooperazione è garantita? Collaborazione con aziende terze: la cooperazione è garantita? Lavorare contemporaneamente, successivamente, insieme, ma mai uno contro l altro. Perché la mancanza di coordinamento causa interruzioni di

Dettagli

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 22 maggio 2006 (Stato 20 giugno 2006) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

PROGETTAZIONE. Testo di Martina Pasolini, architetto. A cura di Valeria Pagliaro, architetto (società Land)

PROGETTAZIONE. Testo di Martina Pasolini, architetto. A cura di Valeria Pagliaro, architetto (società Land) A ciascuno In alto, un progetto presentato alla Buga 2005 (Monaco di Baviera), in cui il contesto ludico è definito dai volumi modellati in gomma antitrauma. Sotto, area gioco in un giardino pubblico di

Dettagli

ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA 3 SETTEMBRE 2005 c/o PARCO DEL CASTELLO

ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA 3 SETTEMBRE 2005 c/o PARCO DEL CASTELLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA 3 SETTEMBRE 2005 c/o PARCO DEL CASTELLO Ordine del giorno 1. Saluto del presidente 2. Nomina del presidente del giorno 3. Presentazione dei conti d esercizio 2003 4. Lettura

Dettagli

FISCAL. N. 3 Anno XVI - Marzo 2009. normativo minacciava di stoppare

FISCAL. N. 3 Anno XVI - Marzo 2009. normativo minacciava di stoppare FISCAL flash N. 3 Anno XVI - Marzo 2009 Rispario energetico: per la detrazione del 55% serve la counicazione La doanda preventiva va presentata alle Entrate di Oliviero Franceschi Cabiano le carte in tavola

Dettagli

Ordinanza Municipale. Concernente la videosorveglianza nel territorio giurisdizionale del comune di Savosa. Del 1.12.2009

Ordinanza Municipale. Concernente la videosorveglianza nel territorio giurisdizionale del comune di Savosa. Del 1.12.2009 Ordinanza Municipale Concernente la videosorveglianza nel territorio Del 1.12.2009 INDICE Art. 1 Oggetto e campo di applicazione...3 Art. 2 Scopo...3 Art. 3 Principi...3 Art. 4 Utilizzazione...3 Art. 5

Dettagli

L equilibrio finanziario, patrimoniale e monetario nei gruppi aziendali. L apprezzamento dell equilibrio nelle imprese e nelle controllate di gruppo

L equilibrio finanziario, patrimoniale e monetario nei gruppi aziendali. L apprezzamento dell equilibrio nelle imprese e nelle controllate di gruppo L equilibrio finanziario, patrioniale e onetario nei gruppi aziendali L apprezzaento dell equilibrio nelle iprese e nelle controllate di gruppo Eleenti di rilievo nell apprezzaento degli equilibri finanziari

Dettagli

PRASSI DI RIFERIMENTO. Una risposta tempestiva per mercati che cambiano

PRASSI DI RIFERIMENTO. Una risposta tempestiva per mercati che cambiano PRASSI DI RIFERIMENTO Una risposta tepestiva per ercati che cabiano UNI - Ente Nazionale Italiano di Unif icazione Via Sannio 2-20137 Milano tel. 02 700241 - www.uni.co - uni@uni.co Tutti i diritti sono

Dettagli

Notifica di un sinistro

Notifica di un sinistro Notifica di un sinistro Questo formulario deve essere compilato dalla persona assicurata, rispettivamente dal suo rappresentante legale. Si dovrà dare una risposta completa a tutte le domande che riguardano

Dettagli

SICILIA. Villa I Gelsi. Indirizzo: via Pulizzi (chianu) n. 49, Petrosino, TP, Sicilia, Italia

SICILIA. Villa I Gelsi. Indirizzo: via Pulizzi (chianu) n. 49, Petrosino, TP, Sicilia, Italia Autorimessa è posizionata nel chianu Pulizzi a circa 200 metri dal viale Francesco De Vita, principale via del comune di Petrosino, dove sono presenti la chiesa, il municipio e la gran parte delle attività

Dettagli

RAGGIUNGIBILITÀ A B C ACCESSIBILITÀ A B C ACCESSIBILITÀ DEDICATA FRUIBILITÀ INTERNA A B C SERVIZI DEDICATI

RAGGIUNGIBILITÀ A B C ACCESSIBILITÀ A B C ACCESSIBILITÀ DEDICATA FRUIBILITÀ INTERNA A B C SERVIZI DEDICATI 01 ASILO NIDO SAN GIOVANNI EVANGELISTA A2 PR Accesso da strada trafficata con percorso inclinato ripido. Cortile interno da cui si accede al nido al P.T. Gradino di cm 15 alla porta d ingresso. Interno

Dettagli

QUESTIONARIO PER INSERZIONE UNITA ABITATIVA

QUESTIONARIO PER INSERZIONE UNITA ABITATIVA QUESTIONARIO PER INSERZIONE UNITA ABITATIVA Proprietario Nome/Cognome Via/N. CAP Località Nazione Telefono Cellulare Fax E Mail Indirizzo della casa da affittare Via/N. CAP Località Nazione Responsabile

Dettagli

A L P I. Gruppo Organismi Notificati. Direttiva Ascensori 95/16/CE. Direttiva 95/16/CE - Allegato VI - Allegato X ASCENSORE IDRAULICO

A L P I. Gruppo Organismi Notificati. Direttiva Ascensori 95/16/CE. Direttiva 95/16/CE - Allegato VI - Allegato X ASCENSORE IDRAULICO ON-A A L P I Gruppo Organisi tificati Direttiva Ascensori 95/16/CE Direttiva 95/16/CE - Allegato VI - Allegato X ASCENSORE IDRAULICO L'installazione è basata su: un ascensore con Attestato di Esae di Tipo

Dettagli

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico TIP Aeroteri TIP Aeroteri coe apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico Indice 01 Inforazioni sul prodotto 6 Panoraica 7 Dati sul prodotto 8 Guida alla scelta: Panoraica delle versioni 9 TIP in un

Dettagli

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA La casa albergo Liberty è composta da 15 appartamenti bilocali (camera doppia, soggiorno-cucina con divano letto matrimoniale, bagno) dotati di tutti i comfort,

Dettagli

NOMINATIVO RICHIEDENTE

NOMINATIVO RICHIEDENTE N PERIZIA 8 NOMINATIVO RICHIEDENTE SAPAM S.R.L. REGIONE VENETO PROVINCIA VERONA COMUNE VERONA CAP 30100 INDIRIZZO CONSORZIO ZAI EDIFICIO 1, VIA SOMMACAMPAGNA SUPERFICIE MAGAZZINO 25,12 MQ VALORE 7.500,00

Dettagli

GLI INVESTIMENTI RISK FREE: UNA

GLI INVESTIMENTI RISK FREE: UNA 16 Maggio 2012 GLI INVESTIMENTI RISK FREE: UNA SPECIE ESTINTA. QUALI IMPLICAZIONI PER GLI INVESTITORI? PREMESSA Lo scorso 19 Aprile abbiao avuto l opportunità di partecipare a Milano, all incontro istituzionale,

Dettagli

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Sicurezza realizzabile Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Nella vostra azienda le piattaforme di lavoro elevabili vengono usate in condizioni di sicurezza? Le piattaforme di lavoro elevabili

Dettagli

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private Lista di controllo Accertamento degli spazi abitativi Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private 1. Aspetti generali Gli aspetti generali vanno verificati in ogni locale utilizzato

Dettagli

Innovativo manufatto in laterocemento, le cui caratteristiche distintive sono le nuove geometrie dei laterizi e la presenza dei tralicci.

Innovativo manufatto in laterocemento, le cui caratteristiche distintive sono le nuove geometrie dei laterizi e la presenza dei tralicci. 1 Solaio a pannelli tralicciati in lateroceento Trigon Prodotto Innovativo anufatto in lateroceento, le cui caratteristiche distintive sono le nuove geoetrie dei laterizi e la presenza dei tralicci. I

Dettagli

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su...

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su... MODULAZIONE ANALOGICA UNITÀ VERIFICA Copleta: a) Per odulazione lineare si intende la... dello spettro del... intorno alla frequenza... b) La odulazione di apiezza consiste nel... del segnale portante...

Dettagli

Progetto e sicurezza

Progetto e sicurezza Progetto e sicurezza Consigli per la realizzazione di un buon ambiente gioco Noi della TLF siamo consapevoli del fatto che gli ambienti riservati al gioco dei bambini dovrebbero offrire, oltre alla sicurezza

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 060 - EDIFICIO EX SCIENTIFICI 00A Parapetti di protezione, in struttura di Alluinio, confori alla nora UNI EN 422-3 costituiti da corriano, corrente, ontante, tavola ferapiede, raccorderie, giunzioni ed

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

312E/312E L. Escavatore Idraulico. Motore Modello motore. Peso Peso operativo massimo

312E/312E L. Escavatore Idraulico. Motore Modello motore. Peso Peso operativo massimo 312E/312E L Escavatore Idraulico Motore Modello otore Cat C4.4 ACERT Potenza ISO 14396 (etrica) 70 kw 95 hp Trasissione Massia velocità di traslazione 5,5 k/h Sforzo di trazione assio 114 kn Peso Peso

Dettagli

AQUATWIN TOP GRUPPO DI PRESSURIZZAZIONE PER SITEMA RECUPERO ACQUE PIOVANE DATI TECNICI

AQUATWIN TOP GRUPPO DI PRESSURIZZAZIONE PER SITEMA RECUPERO ACQUE PIOVANE DATI TECNICI AUATWIN TO GRUO DI RESSURIZZAZIONE ER SITEMA RECUERO ACUE IOVANE DATI TECNICI Tensione di linea: 23V onofase Tensione elettropopa: 23V onofase Frequenza di alientazione: 5z Installazione: solo verticale

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31)

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31) Allo SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA del Coune di ZIANO PIACENTINO Protocollo Generale SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Eilia Roagna 25.11.2002, n. 31) TITOLARE

Dettagli

Concezione di abitazioni destinate agli anziani Promemoria

Concezione di abitazioni destinate agli anziani Promemoria Luglio 2013 Promemoria L integrazione delle persone anziane e dei disabili è un compito importante della nostra società. Le persone anziane dovrebbero poter vivere il più a lungo possibile in modo autosufficiente

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DIMORE

SCHEDA INFORMATIVA DIMORE SCHEDA INFORMATIVA DIMORE Si prega di compilare il presente questionario in ogni sua parte evidenziata da un fondo colorato, e rispedirlo insieme agli allegati richiesti ed alla Liberatoria debitamente

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 2

1^A - Esercitazione recupero n 2 1^A - Esercitazione recupero n 2 1. Un cavo di nylon si coporta coe una olla di costante elastica 5,0 10 4 N /. Con questo cavo, trasciniao sul paviento una cassa di 280 kg a velocità costante. Il coefficiente

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco delle Madonie INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ C.E.A. LA TERRA DEI NOSTRI PADRI A CASTELLANA SICULA Il Centro di Educazione Ambientale è ospitato all interno di un edificio di due piani a Castellana Sicula.

Dettagli

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA Regolamento Comunale per l utilizzo dei parchi e delle aree verdi comunali Approvato con delibera del Consiglio Comunale del 27/4/2012 Art. 1 FINALITA Il presente

Dettagli

LISTINO PREZZI VOLUME 1.1 EDIZIONE OPERE COMPIUTE CIVILI E URBANIZZAZIONI PER L ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI

LISTINO PREZZI VOLUME 1.1 EDIZIONE OPERE COMPIUTE CIVILI E URBANIZZAZIONI PER L ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA PREZZI PER L ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI EDIZIONE 2015 VALIDITA DAL 1 GENNAIO 2015 VOLUME 1.1 OPERE COMPIUTE CIVILI E URBANIZZAZIONI Coune di

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTI

Dettagli

Sommario. Informazioni aziendali Pag 01 Aeroporto di partenza Pag 01 Aeroporto di arrivo Pag 01 Trasferimento aeroporto/hotel/aeroporto Pag 01

Sommario. Informazioni aziendali Pag 01 Aeroporto di partenza Pag 01 Aeroporto di arrivo Pag 01 Trasferimento aeroporto/hotel/aeroporto Pag 01 Sommario Informazioni aziendali Pag 01 Aeroporto di partenza Pag 01 Aeroporto di arrivo Pag 01 Trasferimento aeroporto/hotel/aeroporto Pag 01 Ingresso principale Pag 02 Aree comuni ed altri servizi Pag

Dettagli

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 A cura del Coune di Milano AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA A AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi

Dettagli

CALCOLO DI VERIFICA DELLA RETE ESISTENTE E CALCOLO DEL GRUPPO DI PRESSURIZZAZIONE

CALCOLO DI VERIFICA DELLA RETE ESISTENTE E CALCOLO DEL GRUPPO DI PRESSURIZZAZIONE PREMESSA OPERE DI COMPLETAMENTO DEL CENTRO SERVIZI IN ZONA INDUSTRIALE Tra le varie opere eseguite nei precedenti lotti di esecuzione è stato realizzato un ipianto idrico antincendio posizionato all'esterno

Dettagli

GRUPPI POMPE ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 12845

GRUPPI POMPE ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 12845 GRUI OME ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 5 DATI GENERALI Gruppi pope antincendio realizzati secondo le specifiche della nora europea UNI EN 5 Installazioni fisse antincendio - Sistei autoatici a sprinkler CENNI

Dettagli

NOMINATIVO RICHIEDENTE

NOMINATIVO RICHIEDENTE N PERIZIA 26 NOMINATIVO RICHIEDENTE SAPAM IMMOBILIARE S.R.L. REGIONE PIEMONTE PROVINCIA ALESSANDRIA COMUNE FUBINE CAP 15043 INDIRIZZO VIA TENUTA MARGARA D 5 SUPERFICIE MQ. 69,63 VALORE 56.000,00 Pagina

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Catalogo TEC Formazione Tecnologica

Catalogo TEC Formazione Tecnologica TEC Bosch Training Esperienze Copetenze Robert Bosch S.p.A. Via M.A. Colonna, 35 20149 Milano tel +39 02 3696 2830 fax +39 02 3696 2397 tec@it.bosch.co www.bosch-tec.it Catalogo TEC Forazione Tecnologica

Dettagli

Le aree adibite a verde pubblico del Comune di Modena si distinguono in: Art. 196 - CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE REGOLANENTO -

Le aree adibite a verde pubblico del Comune di Modena si distinguono in: Art. 196 - CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE REGOLANENTO - - REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA - - TITOLO 11 - "REGOLAMENTO PER L'USO E LA SALVAGUARDIA DEI PARCHI E DEI GIARDINI PUBBLICI E LA CONSERVAZIONE DEL VERDE PUBBLICO ART. 195 Le aree adibite a verde pubblico

Dettagli

Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A.

Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A. Informazioni Generali Autodichiarazione di conformità Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. Servizio di ristorazione - pernottamento - solo colazione - bar - distributore automatico

Dettagli

pag. 2 unità Num.Ord. TARIFFA D E S C R I Z I O N E D E L L' A R T I C O L O misura

pag. 2 unità Num.Ord. TARIFFA D E S C R I Z I O N E D E L L' A R T I C O L O misura Nu.Ord. pag. 2 isura Nr. 1 OS12-001 M.010.020.0070.005 RETI DA NEVE DK=3,0 Fornitura e posa in opera, ance in alta quota con utilizzo dell'elicottero, barriera fera neve, del tipo in pannelli rete, prodotta

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

La valutazione in francia: una descrizione pratica parte iii - capitolo 5

La valutazione in francia: una descrizione pratica parte iii - capitolo 5 p a r t e i i i - c a p i t o l o 5 l a v a l u t a z i o n e n e l l e i s t i t u z i o n i s c i e n t i f i c h e e d i f o r a z i o n e s u p e r i o r e i n f r a n c i a : u n a d e s c r i z i

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco della Maremma CENTRO VISITE ALBERESE Il Centro ubicato in frazione Alberese a Grosseto, si articola su due piani e dispone di due ingressi. Dall ingresso principale è possibile

Dettagli

Assessorato alle Politiche dei Disabili

Assessorato alle Politiche dei Disabili Assessorato alle Politiche dei Disabili Con la collaborazione di Ambito distrettuale di Trieste, L.R. 41/1996 domanda-offerta di trasporto per cittadini disabili da Indagine conoscitiva 2012 proposte In

Dettagli

Zurich. Zurich Segna Contratto index linked

Zurich. Zurich Segna Contratto index linked Zurich Zurich Segna Contratto index linked Il presente Fascicolo Inforativo, contenente: Scheda sintetica Nota inforativa Condizioni contrattuali Glossio Modulo di Proposta deve essere consegnato al Contraente

Dettagli

Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche

Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche Tutti insieme nella CACCIA alla BARRIERA Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche PRESENTAZIONE VI PRESENTO ALCUNI NOSTRI AMICI GIUSEPPE MAMMA MARIA NONNO GIACOMO BABBO ADELMO

Dettagli

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di capitale 1 valido dal 1 0 gennaio 2015

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di capitale 1 valido dal 1 0 gennaio 2015 Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich Regolamento Piano di capitale valido dal 0 gennaio 05 Indice DISPOSIZIONI GENERALI 3 AVERI 3 3 LIVELLI PREVIDENZIALI 3 4 VERSAMENTI VOLONTARI 4 5 PRESTAZIONI

Dettagli

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 A cura del Coune di Milano AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA A AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi

Dettagli

LISTA DELLE LAVORAZIONI O FORNITURE APPALTO CVO14/L215 RETTIFICATO AL 01/12/2014. passerelle PREZZO IN CIFRE TOTALE. tronchetto, scaletta, tubo

LISTA DELLE LAVORAZIONI O FORNITURE APPALTO CVO14/L215 RETTIFICATO AL 01/12/2014. passerelle PREZZO IN CIFRE TOTALE. tronchetto, scaletta, tubo LISTA DLL LAVORAZIONI O FORNITUR APPALTO CVO4/L5 RTTIFICATO AL 0//04 issione INTRVNTI PRZZO IN LTTR SNZA PROGTTAZION. LAVATRIC A SPRUZZO MAG. SPDIZIONI Allungare tubo presente di 7, posizionare di prellievo

Dettagli

Disposizioni attuative di classificazione, denominazione e identificazione delle strutture ricettive all aperto

Disposizioni attuative di classificazione, denominazione e identificazione delle strutture ricettive all aperto giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1000 del 17 giugno 2014 pag. 1/5 Disposizioni attuative di classificazione, denominazione e identificazione delle strutture ricettive all aperto Articolo

Dettagli

RADIOPROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI D. LGS. 230/95 E S.M. I. - D. LGS. 187/00 VERBALE DI SOPRALLUOGO

RADIOPROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI D. LGS. 230/95 E S.M. I. - D. LGS. 187/00 VERBALE DI SOPRALLUOGO RADIOPROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI D. LGS. 230/95 E S.M. I. - D. LGS. 187/00 VERBALE DI SOPRALLUOGO Il giorno del ese di 201, il personale dell ASLCN1, nelle/a persone/a di, ha/hanno effettuato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI Proposta nr. 42 del 12/02/2015 - Deterinazione nr. 306 del 13/02/2015 OGGETTO: DPR n. 59/2013 Autorizzazione Unica

Dettagli