Gestione in sicurezza dell accessibilità/accoglienza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione in sicurezza dell accessibilità/accoglienza"

Transcript

1 P A G I N A 1 0 Accessibilità e sicurezza per il pieno utilizzo delle palestre scolastiche Wiliam MARSERO di M. CANCIA - W. MARSERO Nato a Beinasco (TO) nel 1947, laureato in Ingegneria Civile al Politecnico di Torino. Ha svolto la propria attività scientifica e di ricerca nell'ambito del Dipartimento di Ingegneria dei Sistemi Edilizi e Territoriali del Politecnico di Torino presso il quale ha svolto anche attività didattica dal 1971 al 2002, continuando a collaborare fino ad oggi nei corsi post-laurea. Ha insegnato "Architettura ed Urbanistica Tecniche", "Economia ed Estimo Civile", "Analisi e Valutazione ambientale", "Contabilità dei Lavori", presso il Dipartimento di Ingegneria dei Sistemi Edilizi e Territoriali della Facoltà di Ingegneria del Politecnico di Torino. Ha fondato e diretto il corso post-laurea in Ingegneria dello Sport. Attualmente è Membro del Comitato Scientifico. Consulente di Enti Territoriali sugli aspetti connessi all'impiantistica sportiva, all'accessibilità, analisi e valutazione ambientale. Consulente CONI dal 1990, membro "esperto" della Commissione Regionale Impianti Sportivi, è stato tecnico della FISD con la quale ha collaborato fin dal 1991 e poi del Comitato Italiano Paralimpico di cui è consigliere provinciale. E' stato consulente TOROC e dell'agenzia per Torino 2006 per il controllo dell'accessibilità del sistema Olimpico e Paralimpico. Ha fatto parte del Comitato Paralimpico per Torino Ha progettato numerosi complessi sportivi. Dalla sua istituzione fa parte dello Sportello Sport della Provincia di Torino, collaborando alla redazione di proposte e attività in materia di edilizia sportiva, impianti natatori e disabilità. Collabora come giornalista pubblicista alla rivista "Tsport" e con l'istituto Nazionale per la Valutazione dell'impatto Sociale dell'economia in qualità di membro del Consiglio di Indirizzo. Nata a Torino nel 1959 si è laureata in Architettura presso il Politecnico di Torino nel Ha svolto la propria attività lavorativa dal 1986 come collaboratore della società di ingegneria "wiliam marsero ingegnere e associati s.r.l." di cui diventa socia nel Dal 1986 ad oggi ha partecipato a numerose realizzazioni nell ambito dell impiantistica sportiva, dell accessibilità, svolgendo incarichi di progettazione e direzione lavori. Marina CANCIA Iscritta all'ordine degli Architetti della Provincia di Torino. Specializzata nella progettazione sportiva anche frequentando presso il Politecnico di Torino il 1 e il 2 Corso di perfezionamento in Ingegneria dello sport ". Premessa Prima ancora di entrare nel merito degli aspetti più strettamente connessi alla presenza di soggetti con particolari difficoltà motorie e/o sensoriali sarebbe utile una breve riflessione sul problema dell edilizia sportiva scolastica. Da un punto di vista generale il tema ha generato problematiche e aspettative non sempre soddisfatte, malgrado si siano più volte e unanimemente ribaditi i principi comuni sul ruolo dello sport nelle scuole. L importante funzione formativa/educativa che la pratica sportiva svolge nell età scolare richiederebbe: - attrezzatura completa e rispondente alla pratica delle diverse attività sportive; - attrezzatura integrata con il territorio e quindi capace di rispondere anche alle esigenze di una domanda extra-scolastica. Se in passato la carenza di strutture era imputabile sostanzialmente alla carenza di risorse rispetto alla forte domanda di servizi prevalentemente scolastici, con la diminuzione della popolazione in età scolare si sarebbe potuto agevolare quegli interventi necessari a soddisfare quanto sopra evidenziato, integrando la completezza delle attrezzature con quegli accorgimenti, non solo di carattere edilizio, capaci di rendere fruibile a tutti le strutture sportive. Nel caso delle palestre, trattandosi per lo più di strutture piuttosto complesse, i cui costi di gestione non sono da sottovalutare, il poter consentire la massima partecipazione può rappresentare anche uno strumento utile sotto l aspetto finanziario. Affinché tale condizione possa essere effettivamente utile, il sistema sportivo deve poter rispondere pienamente a tutte le regole del gioco, sia sotto l aspetto edilizio che sotto l aspetto gestionale. Da entrambi i punti di vista occorre pertanto disporre di edifici dedicati alla fruizione da parte di: - atleti (studenti nelle ore scolastiche, la popolazione più varia nelle ore extrascolastiche); - addetti alle attività; - addetti al mantenimento in uso delle strutture; - accompagnatori nel caso di attività coordinata a livello agonistico; - spettatori in presenza di spazi dedicati allo scopo. Soggetti fruitori la cui accessibilità deve essere garantita dalle norme vigenti e dalla capacità gestionale e di accoglienza delegata al responsabile della struttura insieme alle altre incombenze come la sicurezza, la guardiania, la gestione finanziaria etc. Sport e disabilità Ogni persona, indipendentemente dall età, dal sesso, dalla condizione sociale, deve poter disporre, nello sport come nelle altre attività, di opportunità adeguate alle proprie capacità. Alcuni handicap escludono dalla possibilità di impegnarsi in discipline sportive nelle stesse condizioni e con le stesse modalità con cui sono tradizionalmente praticate. Quindi, partendo dalle potenzialità del soggetto, è possibile fare in modo che le regole del gioco si adattino all individuo e non il contrario. Risulta evidente che anche le strutture e gli edifici devo- Fig. 1 - Arrampicata sportiva

2 P A G I N A 1 1 Fig. 2 Tutti gli spazi di gioco e accessori devono risultare possibili per cui lo schema, più volte sperimentato, utilizza spazi le cui dimensioni ed i cui accorgimenti risultano naturalmente accessibili a tutti i fruitori no essere capaci di accogliere tutti coloro che intendono praticare attività sportive a qualsiasi livello: agonistico, ricreativo, terapeutico e riabilitativo. Attività fisica adattata È il termine internazionale con il quale si definisce qualsiasi movimento o sport che parta da interessi, capacità o attitudini individuali. Questo significa che le attività devono essere adattate alla situazione specifica del handicap perché siano educative e, soprattutto, per offrire una gamma sufficiente di opportunità appropriate alle differenti capacità. L origine del termine handicap è legato allo sport: in Gran Bretagna, nel XIX secolo, si riferiva al peso reale che i cavalieri più abili devono sopportare durante le corse dei cavalli. L obiettivo era di mettere tutti i corridori in condizioni di parità alla partenza, per rendere la prova sportiva più giusta. Se vogliamo fare un riferimento allo sport moderno, la disciplina che meglio si avvicina a questo concetto è il golf che, con lo scopo di far gareggiare tutti i giocatori alla pari, attribuisce degli svantaggi (handicap) superiori a chi è meno bravo, salvo correggere tale svantaggio man mano che l abilità aumenta. In questo sport i disabili partono come tutti con lo svantaggio maggiore e poi possono progredire. Ma anche se tale condizione non fosse possibile, possono continuare a gareggiare alla pari. Anche nella nostra società con handicap si indica lo svantaggio che colpisce i più deboli e meno abili nel loro vivere quotidiano. Tale peso non deve però essere Fig. 3 - Arredo accessibile considerato scontato e definitivo, ma recuperabile con interventi adeguati. È evidente quindi la necessaria progettualità per ogni intervento. Affinché tale progettualità, possa mettere tutti alla pari, deve essere concepita tenendo conto della molteplicità dei problemi che afferiscono all utenza finale e, solo quando tali problemi non appaiono evidenti, è possibile affermare che il progetto è universale e rivolto a tutti. La normativa tecnica e la legislazione vigente in materia, se applicata correttamente, consente di raggiungere dei buoni risultati rispetto ai criteri di accessibilità di una palestra. Purtroppo anche la normativa, se subita passivamente non è in grado di offrire standard di fruibilità accettabili a meno che non sia accompagnata da criteri di accessibilità legati alla conoscenza delle diverse disabilità. Tipologia di disabilità E fondamentale allora ricordare che ogni soluzione gestionale non può prescindere da alcune regole elementari di conoscenza ed accoglienza delle persone con particolari difficoltà del tipo: disabilità fisiche: - persone con mobilità ridotta e amputati; - persone in carrozzina ( manuale, elettrica, da competizione, etc.); - persone in carrozzina con accompagnatore che nel caso dello sport corrispondono quasi sempre agli spettatori. disabilità sensoriali: - persone non vedenti o ipo-vedenti - persone non udenti - persone sordomute cerebrolesi/disabili mentali altri tipi di disabilità quali celiaci, cardiopatici, ecc. Alle suddette disabilità corrispondono discipline che a fronte di soluzioni originali rendono praticabile e normale l attività fisica adattata. Per le palestre ricordiamo a titolo di esempio il basket, il calcetto, lo judo, la ginnastica, il goalball, il rugby in carrozzina, la scherma, il sollevamento pesi, il tennis tavolo, il tennis, il torball, la wheelchair dance, il calcio balilla, l hockey in carrozzina elettrica, l arrampicata sportiva e altro.

3 P A G I N A 1 2 La normalità per l atleta disabile rappresenta invece alle volte, un ostacolo per il conduttore della palestra che, in carenza di preparazione può creare spiacevoli situazioni in merito all accoglienza e in alcuni casi ostacoli troppo spesso imputati in modo pretestuoso a criteri di sicurezza. Norme comportamentali per l accoglienza di base Abbiamo già avuto modo di esporre il concetto per il quale la persona con disabilità non è diversa da ogni altra persona : su questa affermazione si basa ogni tipo di comportamento da adottare verso chiunque. Sulla base di tale principio gli ostacoli si superano soprattutto osservando alcuni principi generali: 1. Attenzioni particolari vanno adottate nel momento dell approccio quando non si conosce ancora, o non si riesce ad identificare, la reale disabilità. 2. Disponibilità e cortesia sono gradite e dovute in ogni occasione. 3. Mantenere un atteggiamento naturale, se si prova imbarazzo ricordarsi che è una reazione naturale di cui non bisogna preoccuparsi. 4. Rivolgersi direttamente alla persona o non ad eventuali accompagnatori. Valutare l autonomia della persona e chiedere prima di aiutare: la persona con disabilità desidera agire, il più possibile, in modo autonomo. E di conseguenza rendersi disponibile per: 1. Memorizzare percorsi accessibili più diretti possibile per raggiungere punti di ritrovo e di pubblica utilità (telefoni, bagni, bar, ascensori, di cui sia stata verificata l accessibilità) e sperimentarli di persona prima dell arrivo dell ospite. 2. Disponibilità ad aiutare la persona nel salire e scendere dal mezzo e nel trasporto di borse o attrezzi. 3. Lasciarsi consigliare dall interessato su quale sia il modo migliore per riporre la carrozzina o per altre necessità. 4. Quando si accompagna una persona non vedente è buona norma illustrare il tragitto. Aspetti edilizi Anche se le normative per poter disporre di luoghi accessibili e fruibili a tutti sono ormai datate e sperimentate, la realtà non è così rosea. Ancora oggi solo poco più del 5% delle palestre risulta a norma, quasi il 10% è comunque facilmente fruibile da parte di persone con problemi di mobilità, il 55% è sostanzialmente adattabile con pochi accorgimenti a costo contenuto, mentre il 32% è praticamente inaccessibile e quasi sempre non recuperabile allo sport disabili. I dati si riferiscono soprattutto a persone in carrozzina e non tiene conto degli accorgimenti necessari per i non vedenti e i sordi. Per questi ultimi possiamo contare solo su pochissimi impianti di eccellenza tra cui i siti di Torino 2006 ed alcuni altri impianti in città (Torino). Molto spesso, anche quando si ritiene che tutto sia stato fatto per garantire l uso delle strutture a tutti, ci si rende conto che le soluzioni adottate, anche in presenza di interventi recenti, non sono adatte a consentire l uso della totalità dell'impianto. Il problema dell'accessibilità viene generalmente parzialmente risolto nei confronti del pubblico spettatore, anche se troppo spesso penalizzato nella visibilità del gioco, vengono invece ignorate e/o trascurate le esigenze dell'atleta disabile, riducendo così di molto l'offerta effettiva di impianti praticabili. Le vere criticità sono rappresentate: - dagli accessi; - dai dislivelli; - dall'impraticabilità dei servizi igienici; - dal posizionamento degli spettatori nel rispetto della visibilità e delle norme di sicurezza; - dagli accorgimenti necessari ad accogliere persone con disabilità sensoriali; - dall inadeguatezza dei trasporti pubblici; - dall impreparazione del personale; - dalla generale impreparazione e superficialità con cui vengono affrontati i temi dell accessibilità. I dislivelli sono, insieme ai bagni, gli ostacoli più evidenti e, troppo spesso, risolti in modo non corretto con rampe a pendenza eccessiva, sanitari ed ausili posati in modo non corretto e ascensori o monta scale praticamente inutilizzabili o di ridotte capacità rispetto alle esigenze di accesso ed evacuazione di un impianto sportivo se non addirittura di ostacolo per le vie di fuga. Il sistema elettro-meccanico per il superamento dei dislivelli è spesso il primo importante supporto tecnologico necessario alla fruibilità dello spazio di attività e di supporto necessari alla pratica sportiva. Eppure, anche quando sono a norma molto spesso sono loro stessi raggiungibili solo in seguito al superamento di piccoli banali ostacoli che non possono essere affrontati in autonomia da una persona costretta su sedia a ruote. L'impraticabilità dei bagni è spesso un imperdonabile errore progettuale da parte di chi non conosce i movimenti di una persona in carrozzina. Abbiamo riscontrato bagni in cui non si sono fatti mancare nulla, ma nei quali i sanitari e/o ausili posati non correttamente li rendono impraticabili, a dispetto della spesa sostenuta! Per gli spettatori, la mancanza di attenzione è ancora Figura 4 - Diagramma fasi di evacuazione

4 P A G I N A 1 3 più grave in quanto vengono generalmente offerti posti in tribuna assolutamente discriminatori dai quali di solito è praticamente impossibile vedere la manifestazione sportiva. Una particolare attenzione infine va rivolta ai disabili sensoriali che oltre ad essere degli atleti sono molto spesso degli assidui spettatori. A molti lettori sembrerà impossibile, ma anche i non vedenti, oltre a praticare con ottimi risultati lo sport, a- mano andare a "vedere" la partita e, per offrire una sufficiente autonomia, occorre provvedere, a servizio di questi utenti, percorsi guida per i quali il linguaggio internazionale più adottato è il sistema loges, mappe tattili e, se possibile, collegamenti radio con lo speaker che riesce a far maggiormente "percepire" loro il gioco praticato anche se non "visto". Per i sordi occorre porre attenzione alla traduzione scritta della comunicazione "chiave" dell'evento. Accessibilità e sicurezza L accessibilità e gli aspetti edilizi connessi non possono prescindere dalle generali condizioni di sicurezza che devono essere garantite a salvaguardia del costruito, con particolare riguardo alla presenza di persone, soprattutto quando parte di queste possono incontrare particolari difficoltà di percezione del pericolo e del movimento. L'aspetto è particolarmente delicato proprio perché la "sicurezza" è spesso un impedimento, o meglio un "alibi" per vantare interventi costosi o impossibili, quasi come se chi, affetto da problemi di handicap, non stesse già pagando un grande prezzo alla società e pertanto non meritevoli di protezione e sicurezza. Dal punto di vista normativo ricordiamo l'art. 46 del DM 236 del 14/6/89 che, anche se limitatamente alla normativa antincendio, affronta il problema della compatibilità fra le norme di sicurezza e quelle sul superamento delle barriere architettoniche. Aspetto purtroppo spesso trascurato con conseguenze economiche non secondarie legate ai successivi adempimenti e non osservanza delle esigenze prestazionali minime necessarie. Soffermandoci agli aspetti antincendio va segnalata la relazione dell'ing. Ernesto Lazzarotto, già ispettore interregionale per il Piemonte e la Valle d'aosta dei VV.FF., nel Convegno "Vivere senza barriere", da cui emergono tutti gli aspetti connessi dl problema della sicurezza e le barriere architettoniche. Particolarmente significativo è il diagramma delle fasi di evacuazione da cui emerge il limitato tempo a disposizione per l'esodo dai luoghi affollati in caso d'incendio e dal quale emerge la necessità di percorsi adeguatamente separati al fine di consentire la sicurezza della totalità delle persone presenti in un determinato luogo. Principio ripetibile per ogni categoria d'opera edilizia, ma evidentemente estendibile alla sicurezza dei percorsi, alla necessità di separazione dei transiti (pedonali, veicolari, etc.), alla visibilità e percettibilità delle protezioni, alla certezza dell'itinerario. La palestra è comunque anche un luogo di lavoro per cui volendo entrare maggiormente nel merito possiamo approfondire alcuni criteri particolarmente significativi. Con la circolare del ministero dell Interno n 4 del 1 Marzo 2002 si sono coordinate le misure necessarie a mettere in sicurezza le strutture edilizie in modo da garantire le presenza contemporanea di persone anche con problemi di mobilità. Non tratteremo quindi gli aspetti generali della sicurezza antincendio, ma cercheremo di valutare gli aspetti critici che possono compromettere l incolumità delle persone. Nello specifico un primo aspetto è sicuramente legato alla necessità di movimento e di raggiungimento delle vie d esodo delle persone. Le criticità sono legate alla diversa percezione del pericolo e ai movimenti possibili da parte di persone cosiddette normodotate e persone con mobilità ridotta o impedita. In ogni caso dovremmo sempre poter contare su almeno due vie di fuga, con uscita di sicurezza compatibili con le capacità di movimento. A tal fine, nel caso di percorsi piuttosto lunghi occorrerà provvedere alla compartimentazione degli ambienti e all individuazione di luoghi statici sicuri (luoghi protetti per un periodo prestabilito dall incendio, raggiungibili dall esterno, nei quali la persona con difficoltà motoria può attendere il soccorso senza interferire con il normale flusso d esodo delle persone capaci di muoversi autonomamente). In questo caso l autonomia è evidentemente soggettiva, in quanto anche chi cammina piano può rappresentare un ostacolo per chi corre. Per questo motivo le via di fuga dovranno essere le più brevi possibile (nelle palestre inferiore a 40 m), senza ostacoli e di larghezza capace a consentire l affollamento presente (il modulo è di 60 cm ogni 50 persone con un minimo di due moduli). Gli ostacoli possono essere rappresentati anche da arredi e/o ingombri Fig. 5 - Vie di fuga in piano

5 P A G I N A 1 4 temporanei, discontinuità della pavimentazioni, dislivelli improvvisi e/o non segnalati, porte chiuse, troppo strette, non completamente apribili o prive di maniglione antipanico. Per i non vedenti le vie di fuga dovrebbero essere segnalate con percorsi e mappe tattili. Ma gli stessi accorgimenti per non vedenti se realizzati in modo non corretto, possono presentare problemi per le persone che si muovono con bastoni o in carrozzina. I dislivelli presentano un problema d esodo per chiunque. Le norme di sicurezza per gli impianti sportivi dispongono misure accettabili per altezza, pedata, larghezza e numero di gradini consentiti con cui confrontarsi nel progetto delle scale. Malgrado esistano norme precise sui mancorrenti, questi non sono quasi mai posati in modo corretto. Infatti dovrebbero essere due, posati ad entrambi i lati della scala, ad altezza di cm e 75 cm. La pavimentazione non deve essere sdrucciolevole. Per le persone che si muovono in carrozzina le scale non sono evidentemente percorribili, occorre allora ricorrere alle compartimentazioni in piano (separazioni capaci di rendere non attaccabili dal calore e dal fuoco parti dell edificio attiguo a quello in cui si è verificato Fig. 6 - Vie di fuga in piano l incendio), alle rampe e/o agli ascensori antincendio. Le rampe, con pendenza inferiore al 5-8%, dovrebbero essere separate dai gradini in quanto per le persone non in carrozzina rappresentano una discontinuità e di conseguenza un pericolo, oltre che sostanzialmente inaccessibili a chi cammina con i bastoni. Esistono infine gli ascensori antincendio (presenti in casi rarissimi) che consentono l evacuazione attraverso filtri e l uso di un ascensore protetto e autoalimentato. È evidente che la dimensione di questi ascensori, ma anche degli altri, deve tenere conto degli ingombri della carrozzina. Negli impianti sportivi la presenza di attività paralimpiche nei giochi di squadra lascia intendere la presenza di un numero importante di atleti para/ tetraplegici per cui il numero e la capienza degli ascensori, dove non esistono altre vie di accesso o fuga, deve provvedere alle necessità di trasporto di tale numero di utenti nel rispetto della sicurezza e dei tempi compatibili con le regole del gioco. La gestione delle suddette attività deve essere correttamente integrata con adeguata segnaletica di sicurezza intercambiabile e capace di assolvere ad ogni evenienza. Ad esempio in presenza di non vedenti la segnalazione luminosa non è esaustiva, come non è esaustiva la segnalazione acustica in presenza di non udenti. Naturalmente tali accorgimenti vanno pensati per tutte le categorie di utenti presenti in palestra (atleti, accompagnatori, addetti, spettatori, etc.) Le prescrizioni antinfortunistiche devono comunque comprendere sia quanto previsto per gli impianti sportivi, sia quanto previsto per le scuole, sia quanto previsto per i locali di pubblico spettacolo, sia quanto previsto per la sicurezza dei luoghi di lavoro. In caso di manifestazioni sportive non continuative alcuni accorgimenti possono essere parzialmente suppliti e/ o integrati da personale specializzato addetto alle misure per l esodo assistito. La gestione della sicurezza delle palestre deve tenere conto delle diverse situazioni in cui l uso dei locali può trovarsi. In primo luogo: - uso scolastico - uso extrascolastico. Nel primo caso la gestione del sistema deve essere integrata con quello del plesso scolastico a cui appartiene la palestra. Nel secondo caso occorre che dal punto di vista edilizio l edificio palestra possa essere completamente autonomo ed indipendente anche sotto l aspetto della compartimentazione antincendio per consentire una gestione della sicurezza separata dal resto del complesso scolastico. In questo caso le fasi di gestione della sicurezza possono essere: - pianificazione dell emergenza; Fig. 7 - Percorsi tattili per non vedenti - in presenza delle sole attività sportive; - in presenza di manifestazioni con presenza di pubblico; - pianificazione dell esodo, soprattutto in presenza di pubblico spettatore; - norme di comportamento. Si riportano in allegato alcuni suggerimenti da adottare in presenza di persone con difficoltà. Disabili motori che si muovono in carrozzina In ogni caso per consentire l'accessibilità a persone in carrozzina occorre: - Evitare percorsi troppo stretti e con ostacoli, dislivelli, gradini e o altro non superabile agevolmente con rampa (pendenza max. compresa tra il 5% e il 12% a seconda della lunghezza della rampa) o con ascensore, (per strutture pubbliche di nuova costruzione e per i grandi eventi sono sconsigliati i servoscala). - passaggi di larghezza tale da consentirne la percorri-

6 P A G I N A 1 5 bilità > 80 cm. - servizi igienici adeguati e capaci di essere affiancati anche da persone su sedia a ruote. Gli accorgimenti sono rivolti alla totalità dei fruitori, atleti (nel caso delle paralimpiadi e post olimpico), tecnici, personale, accreditato e spettatori. Per queste persone occorre individuare percorsi brevi e frequenti zone di riposo. In questo caso la rampa può diventare un ostacolo, motivo per cui si è cercato di affiancare sempre la rampa a gradini. Per questo tipo di utenti si rende necessaria la presenza di alcune carrozzine per agevolare gli spostamenti. In montagna si è provveduto anche con shuttle (golf-car) Misure atte all accoglienza: Individuazione della tipologia di disabilità e salvo non si tratti di persone con gravi problemi psichici: - Dialogare direttamente con la persona interessata senza usare da tramite l eventuale accompagnatore; - Individuare sempre nella persona tutte le possibilità di collaborazione; - Interpretare le necessità della persona da accogliere ed offrire la collaborazione necessaria Nel caso necessiti di aiuto fisico: - Essere in grado di posizionare le mani in punti di presa specifici per consentire l eventuale trasferimento della persona in modo sicuro; - Assumere posizioni di lavoro corrette, che salvaguardano la schiena del soccorritore. Per persone in carrozzina: - Ricordare sempre che per la persona accolta la carrozzina equivale alle proprie gambe - Quando occorre superare un ostacolo, ad esempio dei gradini, farsi suggerire dall interessato la manovra migliore; - Evitare soluzioni che mettono in difficoltà le persone in carrozzina ad es. banconi troppo alti, catering, etc. Disabili motori che possono muoversi senza l'uso della carrozzina: Per queste persone occorre individuare percorsi brevi e frequenti zone di riposo. In questo caso la rampa può diventare un ostacolo, motivo per cui è utile affiancare sempre la rampa a gradini. Per questo tipo di utenti potrebbe rendersi necessaria la presenza di alcune carrozzine per il superamento di lunghi percorsi nei casi più gravi. In generale è bene non interferire con persone che pur utilizzando ausili motori quali un bastone o una stampella sono in grado di muoversi in autonomia, può essere utile suggerire loro il percorso più facile Disabilità: non vedenti: - Tenere in conto che non è esclusa la presenza di personale addetto con problemi visivi; - Accogliere il non vedente rivolgendosi direttamente all interessato e non all accompagnatore; - Annunciare la propria presenza con voce distinta fin da subito; - Non temere di usare parole come vedere, guardare o cieco ; - Descrivere in anticipo le azioni da intraprendere lasciando che la persona vi spieghi di cosa ha bisogno; - Lasciare che la persona afferri leggermente il braccio o la spalla per farsi guidare; - Annunciare ad alta voce la presenza di ostacoli, scale, porte, variazioni di percorso; - Nell invitare il non vedente a sedersi, guidare la mano della persona a toccare la sedia; Per agevolare l'autonomia dei non vedenti, anche se raramente si muovono da soli in luoghi non conosciuti, occorre dotare i percorsi di segnali tattili a pavimento ed informazioni su pannelli a rilievo e in braille. Per i luoghi conosciuti la loro capacità di autonomia stupisce e mette in evidenza come sia sufficiente dotare la persona non vedente di informazioni adeguate e descrivere loro,senza marcarne troppo il problema, l ambiente in cui si trova. Per non vedenti ed ipovedenti il problema sta nel mantenere i passaggi sgombri da ostacoli mobili Per entrambi il problema più importante è la percezione del pericolo, sistemi acustici, ma soprattutto la collaborazione di altre persone in questo caso è essenziale In caso di assistenza di un cieco con cane guida: - Non accarezzare o offrire cibo al cane senza l autorizzazione del padrone; - Quando il cane porta la guida (imbracatura) vuol dire che sta svolgendo il suo lavoro, se non volete che il cane guidi fate rimuovere la guida ; - Il cane va sempre tenuto al guinzaglio e non per la guida. Disabilità: ipovedente - In presenza di persone ipovedenti la presenza di segnali tattici è ancora più importante anche se può essere semplificata; - In questo caso si possono indicare percorsi mediante pavimenti e indicazioni di colore vivace. Disabilità: Sordi e/o sordomuti Per tenere in conto la presenza di persone con queste difficoltà, occorre porre attenzione ai messaggi sonori, che devono sempre essere accompagnati da scritte che ne sintetizzino il contenuto. Per consentire al sordo una buona lettura labiale la distanza ottimale nella conversazione non deve mai superare il metro e mezzo, il viso di chi parla deve essere illuminato, fermo e all altezza della persona. La velocità del discorso deve essere moderata, il linguaggio semplice e corretto. Se non si riesce a comunicare è possibile scrivere, in una discussione di gruppo è utile l utilizzo di lavagne luminose

7 P A G I N A 1 6 Conclusioni Anche se il problema della gestione della sicurezza in presenza di persone con difficoltà sembrerebbe complicare l utilizzo della palestra scolastica, in realtà non rappresenta nulla di diverso da quanto ogni progettista dovrebbe fare a risposta delle esigenze dell utenza e della legislazione vigente, a cui tutte le attività (sportive, scolastiche, lavorative, di comportamento) si dovrebbero attenere in quanto norme e/o prescrizioni dello Stato affrontate anche dal punto di vista della persona disabile. Non si tratta quindi di innovazioni o adeguamenti, ma semplicemente dell applicazione di procedure che dovrebbero già essere ampliamente consolidate. Là dove si è proceduto con progettazione corretta l organizzazione della gestione è consequenziale e non richiede interventi strutturali e non si rendono necessari costi aggiuntivi. Là dove non si è progettato in modo corretto occorrerà evidentemente supplire alle carenze, ma non saranno costi per la sicurezza, saranno semplicemente costi dovuti alla non corretta esecuzione delle opere che in qualche modo non rispondono alla normativa vigente. Elenco normative D.M. 30/11/1983, Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi. L. 09/01/1989 n 13 Disposizioni per favorire il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati. D.M.LL..PP.14/06/89 n 236 L. 05/02/1992 n 104 Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate D.L. 19/09/1994 n 626 e D.M. 10/03/1998 D.M. 18/03/1996, norme di sicurezza per la costruzione e l esercizio degli impianti sportivi. D.P.R. 24/07/96 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. D.L. 14/08/1996 n 493 D.M. 19/08/1996, regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo. Norma CONI 2008 Circolare del Ministero dell interno 01/03/2002 n 4 Bibliografia Luca Michelini, Handicap e sport, Società Editrice Universo, 2009 W. Marsero Intervento su L esperienza di Torino 2006 Learning week su Design for all ed ecodesign La progettazione responsabile, 15/19 giugno 2009 presso Istituto d Arte Applicata e Design (IAAD) Torino W. Marsero - Intervento su "Il Design e l'accessibilità" - Giornata Internazionale delle persone con disabilità - Convegno su "LA CATENA DELL'ACCESSIBILITÀ - SERVIZI E DESIGN ALLA BASE DELL'ACCOGLIENZA", 3 Dicembre 2008, Torino W. Marsero - "Centro velico accessibile ad Andora - La vela per atleti disabili" su "T-SPORT", marzo/aprile 2008, Milano W. Marsero - Intervento su "Come superare le barriere architettoniche sulla neve" - Convegno su "SPORT SENZA BARRIERE - LO SCI PER DISABILI", Comune di Santo Stefano D Aveto e Comitato Italiano Paralimpico Liguria, 15 marzo 2008, Santo Stefano D'Aveto W. Marsero - "Campo da golf a Torino: Nasce il green per tutti" su "T-SPORT", gennaio/febbraio 2008, Milano W. Marsero - "Torino 2006 Bocciodromo a Torino: Piccole attenzioni per garantire l accessibilità" su "T-SPORT", luglio/agosto 2006, Milano W. Marsero - "Torino 2006 Osservatorio: Schede impianti e tematiche varie relative alle Olimpiadi e Paralimpiadi di Torino 2006" su "T- SPORT", da maggio/giugno 2003 a maggio/giugno 2006, Milano W. Marsero - Intervento su L accessibilità per i giochi olimpici e paralimpici - Forum Internazionale organizzato da Agenzia Torino2006 su Gli impianti sportivi. Programmazione, progettazione, costruzione, gestione Sessione Il sistema di Torino 2006: Fabbisogni, Piano degli interventi, sostenibilità ambientale, accessibilità - Torino, ottobre 2005 W. Marsero - Intervento su Disabilità e barriere architettoniche. Olimpiadi e Paralimpiadi di Torino 2006 Convegno organizzato dall Associazione Industriali di Novara sul tema Le disposizioni per gli impianti ascensori, montacarichi e montascale in ambienti di vita e di lavoro Novara 11 ottobre 2005 W. Marsero - Intervento su "Oltre le barriere 2004-Normative e tecnologia d'eccellenza per l'autonomia Giochi olimpici e Paralimpici Torino Disabili ed Olimpiadi: accessibilità ed integrazione" durante la Giornata di Studio organizzata dall'associazione Paraplegici Lombardia e Fondazione S. Maugeri di Pavia - - Pavia, 11 dicembre 2004 Studi e ricerche di un gruppo di Architetti delle Nazioni Unite, Barriere Architettoniche Regole internazionali Manuale tecnico per l abbattimento delle barriere architettoniche, Edito da Agenzia Stampa Hpress e CO.EDI. Movimento Sindacale per la difesa e controllo delle Categorie Protette, 2003 W. Marsero - "A Multi-Criteria approach to support the siting, design and management of sports centres" - presentato al Congresso "Decision Making in Urniban and Civil Engineering" - Novembre Londra Stefano Marsella, Paolo Mirabelli, Accessibilità e sicurezza dei luoghi di lavoro, Il Sole 24 Ore S.p.A, 2001 L accompagnement des personnes handicapèes motrices, Association des Paralyses de France, 2000 Guida per l attuazione delle Norme di Sicurezza sugli Impianti Sportivi, a cura del Centro Studi Impianti Sportivi CONI, Stampa Romana Editrice srl, 1998 W. Marsero, Le Barriere Architettoniche negli Impianti sportivi - su Atti e Rassegna Tecnica della società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino nn Nov. e Dic. 1988

MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE

MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE A)PROCEDURA PER ASSISTERE LE PERSONE DISABILI B)PROCEDURA PER EDUCATORI/EDUCATRICI COMUNALI C)PROCEDURA SICUREZZA PER VISITATORI DELL' ISTITUTO A)PROCEDURA PER ASSISTERE

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

Circolare n. 131 del 03/12/2013

Circolare n. 131 del 03/12/2013 Mod. ** ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Fermi da Vinci Via Bonistallo, 73-50053 EMPOLI (FI) Tel. 057180614 - Fax 057180665 Codice Fiscale 82004810485 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

Si è concluso sabato scorso il secondo forum internazionale Impianti sportivi per grandi eventi e qualità urbana, che si è svolto al Palavela.

Si è concluso sabato scorso il secondo forum internazionale Impianti sportivi per grandi eventi e qualità urbana, che si è svolto al Palavela. Si è concluso sabato scorso il secondo forum internazionale Impianti sportivi per grandi eventi e qualità urbana, che si è svolto al Palavela. Il forum è stato organizzato dal Torino Olympic Park e dal

Dettagli

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Eliminazione e superamento delle barriere nelle strutture ricettive (progettazione, esecuzione, gestione, accoglienza)

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

PROCEDURA PER L EVACUAZIONE DELLE PERSONE DISABILI

PROCEDURA PER L EVACUAZIONE DELLE PERSONE DISABILI PROCEDURA PER L EVACUAZIONE DELLE PERSONE DISABILI Questa procedura fornisce indicazioni per il soccorso e l evacuazione delle persone disabili in situazioni di emergenza. L evenienza di trasportare o

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002

MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei

Dettagli

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici CULTURA PER TUTTI Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici Palazzo Vignola Todi (35 vittime) La Fenice Petruzzelli Duomo e Palazzo Reale Castello

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO CIRCOLARE 1 marzo 2002, n. 4 LINEE GUIDA per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano presenti persone disabili Il decreto legislativo n. 626/1994,

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Ci Vado ad Occhi Chiusi Albenga accessibile OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Progetto cofinanziato da Comunità Europea Regione Liguria Comune di Albenga In collaborazione con Unione Italiana dei

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002 Fonte: Progettare per tutti senza barriere architettoniche, Maggioli editore, Rimini 1997 Titolo: SICUREZZA E RACCORDI CON LA NORMATIVA ANTINCENDIO Prof. Arch. Fabrizio Vescovo SICUREZZA E RACCORDI CON

Dettagli

A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003

A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003 A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003 Sostituisce il: Sostituito da: SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 3 SPAZI APERTI ESTERNI... 4 3.1 SPAZI APERTI

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

Sicurezza e Accessibilità. Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco www.vigilfuoco.it

Sicurezza e Accessibilità. Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco www.vigilfuoco.it Sicurezza e Accessibilità Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco www.vigilfuoco.it Accessibilità Sicurezza? Sicurezza e Accessibilità Ferraiuolo 2/22 SICUREZZA ANTINCENDIO La sicurezza

Dettagli

Circolare n. 74 Al RSPP Al RLS Ai Docenti Al DSGA Ai Collaboratori Scolastici

Circolare n. 74 Al RSPP Al RLS Ai Docenti Al DSGA Ai Collaboratori Scolastici Liceo Scientifico Statale Ernesto Basile Via San Ciro, 23-90124 Palermo Tel: 0916302800 - Fax: 0916302180 Codice Fiscale: 80017840820 Internet : http://www.liceobasile.it email: paps060003@istruzione.it

Dettagli

PROCEDURE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN PRESENZA DI PERSONE CON DISABILITA'

PROCEDURE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN PRESENZA DI PERSONE CON DISABILITA' Istituto Tecnico Industriale Statale "E. Morselli" Via Pitagora, c/da Piano Notaro 93012 Gela (CL) PROCEDURE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN PRESENZA DI PERSONE CON DISABILITA' ATTIVITA : 85.32.0 Istruzione

Dettagli

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali Ordine degli Architetti P.P.C di Milano Contenuti Piattaforme elevatrici Riferimenti normativi e sgravi fiscali Caratteristiche peculiari e certificazioni Soluzioni progettuali 2 Piattaforme elevatrici

Dettagli

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BASILICATA POLO DI MATERA Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura (Classe 4/S) CORSO DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

Allegato LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO NEI LUOGHI DI LAVORO OVE SIANO PRESENTI PERSONE DISABILI.

Allegato LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO NEI LUOGHI DI LAVORO OVE SIANO PRESENTI PERSONE DISABILI. CIRC MININTERNO 4_02 Pag: 1 MINISTERO DELL'INTERNO CIRCOLARE 1 3 2002, n.4 Linee Guida per la Valutazione della Sicurezza Antincendio nei Luoghi di Lavoro ove Siano Presenti Persone Disabili. sommario

Dettagli

Disabilità visiva: valutazione del rischio e definizione di accorgimenti per garantire la sicurezza

Disabilità visiva: valutazione del rischio e definizione di accorgimenti per garantire la sicurezza Disabilità visiva: valutazione del rischio e definizione di accorgimenti per garantire la sicurezza Giorgio Sclip Responsabile del Servizio Prevenzione, protezione e Disabilità Università degli Studi di

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Anche un solo gradino all ingresso può compromettere l accessibilità del locale alle persone che utilizzano la carrozzina. ACCESSIBILITÀ

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

EMERGENZA E DISABILITA

EMERGENZA E DISABILITA EMERGENZA E DISABILITA D.M. 236 del 14/6/1989 (Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA SCHEDA TECNICA N.08 BAR.ARCH.2010_UPagina 1 di 13 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA GRUPPO DIPARTIMENTALE NIP CAMPO CONTENUTO N. 08 GIUGNO 2010 OGGETTO DESCRIZIONE SCOPO ELEMENTI DI SCELTA VINCOLI LEGISLATIVI

Dettagli

Disabilità, Emergenza, Universal Design

Disabilità, Emergenza, Universal Design Disabilità, Emergenza, Universal Design Un esperienza partecipata Roma, 24 novembre 2006 architetto Fabrizio Mezzalana Federazione Italiana Superamento Handicap F.I.S.H. f.mezzalana@centroperlautonomia.it

Dettagli

Comune di Camposampiero (PD)

Comune di Camposampiero (PD) Comune di Camposampiero (PD) Piano Urbanistico Attuativo VANDURA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLE NORME PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PREMESSA L intervento in oggetto prevede la realizzazione

Dettagli

Sicurezza delle persone disabili in caso di incendio

Sicurezza delle persone disabili in caso di incendio Corso sulla sicurezza antincendio Sicurezza delle persone disabili in caso di incendio L aspetto della sicurezza delle persone disabili non può essere separato dalla realizzazione di edifici accessibili,

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 Invecchiare è l unico modo per non morire giovani Woody Allen Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 2 Un po di

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

dalla Costituzione alla Convenzione dell ONU

dalla Costituzione alla Convenzione dell ONU dalla Costituzione alla Convenzione dell ONU ROCCO ROLLI TACTILE VISION ONLUS UNA CITTÀ PER TUTTI L accessibilità nei percorsi pubblici per le persone con disabilità visiva L'ACCESSIBILITÀ E IL DIRITTO

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI ATTO N. 627 P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI Norme per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva per le persone disabili Depositato al Servizio Assistenza agli Organi, Iter

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

DISABILITA e GESTIONE DELL EMERGENZA

DISABILITA e GESTIONE DELL EMERGENZA Università Politecnica delle Marche Ripartizione Sicurezza e Ambienti di Lavoro DISABILITA e GESTIONE DELL EMERGENZA Vademecum del TUTOR PIAZZA ROMA, 22; 60100 ANCONA TEL. 071 2201 Sommario PREMESSA...

Dettagli

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche.

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. Barrier free design [STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. [EDIFICI SOCIALI] Circolare del Ministero

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 Non solo muscoli La normale funzione visiva è un presupposto per sviluppare una buona coordinazione

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI sala polivalente/cento sociale ricreativo utilizzo di cicli Schema tratto da AA.VV., Enciclopedia pratica per PROGETTARE COSTRUIRE 8 ed. - Hoepli. pag. 28 ERGONOMIA E DIMENSIONAMENTO

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1 HCA_Testalin_DOC.rev00.doc AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1 PALESTRE I.T.A. DALMASSO Via Claviere n. 10 - Pianezza Interventi di adeguamento funzionale e messa a norma finalizzati allo sviluppo

Dettagli

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza)

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza) Prot. 27547 Lissone, 3/6/2016 DISPOSIZIONI IN MERITO ALL ACCESSIBILITÀ DEI DISABILI AI LOCALI O SPAZI IN EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO PREMESSO che l art. 1, del Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996

IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996 IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996 NORME DI PREVENZIONE INCENDI MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile COMANDO PROVINCIALE LATINA comando.latina@vigilfuoco.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia.

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. studio ajs La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. Premessa!Le considerazioni che seguiranno fanno riferimento alla bozza del nuovo Regolamento Edilizio del 07-01-2005 in discussione

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA M i n i s t e r o d e l l I n t e r n o D i p a r t i m e n t o d e i Vi g i l i d e l F u o c o del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE

Dettagli

Charles Darwin Plesso: SEDE Viale Papa Giovanni XXIII, 25 10098 Rivoli (TO)

Charles Darwin Plesso: SEDE Viale Papa Giovanni XXIII, 25 10098 Rivoli (TO) PROCEDURE OPERATIVA PER LA GESTIONE DEI DISABILI Piano Gestione delle Emergenze e del Primo Soccorso Liceo Scientifico Statale Charles Darwin Plesso: SEDE Viale Papa Giovanni XXIII, 25 10098 Rivoli (TO)

Dettagli

Comando Provinciale Vigili del Fuoco P E R U G I A. Asili Nido

Comando Provinciale Vigili del Fuoco P E R U G I A. Asili Nido Comando Provinciale Vigili del Fuoco P E R U G I A Asili Nido D.P.R. 151/2011 Att.67 Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie con oltre 100 persone presenti; Asili nido con oltre 30 persone

Dettagli

Nuovo Regolamento Edilizio

Nuovo Regolamento Edilizio CITTA DI CESANO MADERNO PROVINCIA DI MILANO Nuovo Regolamento Edilizio Allegato tecnico LINEE GUIDA PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE modificato a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni

Dettagli

Barriere Architettoniche

Barriere Architettoniche Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio febbraio 2010 Barriere Architettoniche (30 settembre 2009) Barriere architettoniche negli edifici privati Abbattimento

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA Pag. 1/15 IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA MISURE PER LA GESTIONE DI UNA EMERGENZA RIFERITE A DISABILITÀ ANCHE TEMPORANEE Tra le necessità che si presentano

Dettagli

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA Pag. 1/ IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA MISURE PER LA GESTIONE DI UNA EMERGENZA RIFERITE A DISABILITÀ ANCHE TEMPORANEE Tra le necessità che si presentano nell

Dettagli

B come Barriere Architettoniche

B come Barriere Architettoniche B come Barriere Architettoniche La definizione sintetica di barriera architettonica la troviamo nel d.m. 236/89, art 2. E riassumibile : A) gli ostacoli fisici che limitano e impediscano la mobilità dei

Dettagli

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte)

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte) Pubblicato il: 04/01/2005 Aggiornato al: 18/01/2005 (seconda parte) di Gianluigi Saveri Relativamente all impianto elettrico devono essere rimosse tutte quelle barriere che non permettono o che in qualunque

Dettagli

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Fisioterapista Glenda Rigoni Il vero fare per gli altri è mettere gli altri in condizione di fare da soli EQUAZIONE DELLE 4 A Ambiente accessibile

Dettagli

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera Incontri di aggiornamento Progetto: te la segnalo io la barriera 27 maggio 2006 Montecchio (VI) Mobilità urbana e spazi pubblici Menomazione: qls perdita o anormalità di CONCETTI GENERALI una struttura

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO.

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. All. n. 1 Deliberazione n. 2008 06681/38 CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. ARTICOLO 31, comma 5, DEL REGOLAMENTO EDILIZIO DELLA

Dettagli

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO PREMESSA La presente relazione è stata predisposta secondo quanto esplicitamente indicato, per la redazione del Progetto Esecutivo, dall art. 35. Relazioni specialistiche del D.P.R. 5 ottobre 2010, n.

Dettagli

DELL'ATTO DI NOTORIETA'

DELL'ATTO DI NOTORIETA' via iscritto in data incaricato dal Sig, in qualità di REDIGE LA SEGUENTE PERIZIA DI ASSEVERAMENTO SULL IMPIANTO ELETTRICO 1 via iscritto al della provincia di al N in data incaricato dal Sig, in qualità

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503

Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - Scopi e campo

Dettagli

UNA MONTAGNA PER TUTTI: turismo, disabilità e fruizione del territorio montano Progetto INTERREG IIIA

UNA MONTAGNA PER TUTTI: turismo, disabilità e fruizione del territorio montano Progetto INTERREG IIIA UNA MONTAGNA PER TUTTI: turismo, disabilità e fruizione del territorio montano Progetto INTERREG IIIA OBIETTIVO: Avviare un processo verso un turismo accessibile, per rendere il territorio montano a cavallo

Dettagli

Trasporti e infrastrutture al servizio di un sistema turistico per tutti

Trasporti e infrastrutture al servizio di un sistema turistico per tutti Trasporti e infrastrutture al servizio di un sistema turistico per tutti Convegno internazionale SVILUPPO DEL TURISMO PER TUTTI Strategie di promozione e buone prassi nell offerta Alba (CN) Sala Convegni

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

SCHEDA Procedura per l evacuazione delle persone disabili 81/08 MODIFICATO ED INTEGRATO DAL D.LGS. 106/09

SCHEDA Procedura per l evacuazione delle persone disabili 81/08 MODIFICATO ED INTEGRATO DAL D.LGS. 106/09 Procedura per l evacuazione delle persone disabili 81/08 MODIFICATO ED INTEGRATO DAL D.LGS. 106/09 RIO Procedura per l evacuazione delle persone disabili Pagina 2 PROCEDURA PER L EVACUAZIONE DELLE PERSONE

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

4.1. PALAZZO MUNICIPALE entrata da piazza Parini

4.1. PALAZZO MUNICIPALE entrata da piazza Parini EDIFICI 11 4.1. PALAZZO MUNICIPALE entrata da piazza Parini - ACCESSIBILITA : 1 stalli per disabili 2 entrata principale 3 entrata principale 4 direzione uffici settore A 5 direzione uffici settore B -

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Ufficio Anagrafe Riglione Il tecnico

Dettagli

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424.

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424. INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3 Pagina 1 di 4 1.RIFERIMENTI NORMATIVI I criteri seguiti nella progettazione ai fini di garantire l accessibilità all intera

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca dimensionamento tavoli per lettura/consultazione testi e ricerca per biblioteca o

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE Relazione generale PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6 Guida all Emergenza per il personale della scuola Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole 1 Definizione

Dettagli

Partito della Rifondazione Comunista Gruppo Consiliare di Sovicille

Partito della Rifondazione Comunista Gruppo Consiliare di Sovicille Sovicille, 30 Settembre 2008 Partito della Rifondazione Comunista Gruppo Consiliare di Sovicille Al Sindaco Dott. Alessandro Masi E p.c. al responsabile Ufficio Tecnico al responsabile della Polizia Municipale

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

NORMATIVA. ARTICOLO 18 comma 3 del D.L. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente che recita

NORMATIVA. ARTICOLO 18 comma 3 del D.L. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente che recita MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Ufficio XV Ambito territoriale per le provincie di Palermo 1 NORMATIVA ARTICOLO 18 comma 3 del D.L.

Dettagli

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Oggetto: D.P.R. n. 753/1980 art. 5 comma 7 - criteri per il riconoscimento dell idoneità e della sicurezza delle fermate dei servizi pubblici di trasporto urbano

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA La casa albergo Liberty è composta da 15 appartamenti bilocali (camera doppia, soggiorno-cucina con divano letto matrimoniale, bagno) dotati di tutti i comfort,

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Barriere Architettoniche

Barriere Architettoniche Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio ottobre 2009 Barriere Architettoniche (da I QUADERNI Consulente IMMOBILIARE, Suppl. al n. 845 del 30 settembre 2009)

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEI LUOGHI DI LAVORO: STRUMENTO DI VERIFICA E CONTROLLO (CHECK-LIST)

LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEI LUOGHI DI LAVORO: STRUMENTO DI VERIFICA E CONTROLLO (CHECK-LIST) ALLEGATO MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Consulta Nazionale delle Persone Disabili e delle loro Famiglie LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEI

Dettagli

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ALLEGATO A 1 FAMIGLIA 4 SICUREZZA NELL IMPIEGO AGGIORNATO AL : 20121999 PAG.: 11 PROPOSIZIONE ESIGENZIALE (SECONDO LA DIRETTIVA 89106 CEE) L opera deve essere concepita e costruita in modo che la sua utilizzazione

Dettagli