Manuale ad uso dei docenti, degli studenti e degli operatori scolastici. Informazione ai sensi del D.lgs. n081/08, del D.M. 382/98, D.M.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale ad uso dei docenti, degli studenti e degli operatori scolastici. Informazione ai sensi del D.lgs. n081/08, del D.M. 382/98, D.M."

Transcript

1 Maale ad so dei doceti, degli stdeti e degli operatori scolastici formazioe ai sesi del.lgs. 081/08, del.m. 382/98,.M. 363/98 e della c.m. P del 29/4/1999

2 ' " J,l '-----_J Li i' :,~ i 1 '!~, 1! ~ 'l 1 1 L-" L~! Stdi cosleti Via Napoleoe Caltaissetta folie: Servizio Clieti: tel Colajai (pal, i Vicezo) Fax e-ma: Web site: 810g: (2 liee r.a.) Copyright 2008 Proprietà letteraria e ttti i diritti riservati allo Stdio Lo Brtto. La strttra e coteto del presete maale o possoo essere riprodotti, eppre parzialmete, salvo espressa atorizzazioe dello Stdio Lo Brtto. No è altresì cosetita la memorizzazioe s qalsiasi spporto (magetico-ottico, ottico, fotocopie, ecc.). Noostate lo Stdio Lo Brtto abbia crato co la massima attezioe la preparazioe del maale declia ogi resposabità per possibi errori od omissioi, tato più per evetali dai risltati dall'so dell'iformazioe ivi coteta. Prof.. 000$."'_,,0%;. g'oba perleazlof"k:.te "-2 ' l lj l l i, 1 ~ -,--" l lj :1 1 L

3 L J l presete maale costitisce a sitesi dei Piai di Emergeza ed Evacazioe, redatti per coto dei vari stitti Scolastici, e idirizzati a ttte le compoeti della scola (stdeti, persoale docete e o docete, dirigeti). Si rivia per 'iformazioe più completa al piao di Gestioe delle Emergeze. Qesto maale iformativo deliea molto brevemete i comportameti da teere ell'evetalità di 'emergeza e/o di evacazioe della scola, affiché ttti possao avere a coosceza almeo di carattere esseziale. Le azioi e i compiti di ciasco devoo coordiarsi i programma che ha come scopo la sicrezza di ttti, devoo perciò essere improtate a seso di resposabità e ad attiva collaborazioe. i segito vegoo riportate le disposizioi i tema di: Avverteze Emergeze Procedra per l'emergeza prevedibmete più revati di Evacazioe Norme geerali di comportameto Avverteze per i Geitori Norme sl Proto Soccorso Segaletica esseziale ~3" cosleze- globa per azje-de [ lj l r L l jl

4 , \!~ li La scola è logo di lavoro i Ci ciasco (doceti, o doceti e stdeti) esercitao rolo attivo el persegire l'obiettivo di ialzare i livelli di sicrezza dell'ambiete e drate le attività esercitate. Relativamete ai criteri di sicrezza, risltao cosegeti i comportameti di segito elecati..~ Norme geerali r.le vie di scita devoo essere tete costatemete sgombre da qalsiasi materiale; 2.E' fatto divieto di compromettere l'agevole apertra e fzioalità dei serrameti delle scite di sicrezza, drate i periodi di attività della scola, verificadoe l'efficieza prima dell'iizio delle lezioi; 3.Le attrezzatre e gli impiati di sicrezza devoo essere cotrollati periodicamete i modo da assicrare la costate efficieza; 4.No correre ei laboratori, é lgo i corridoi, o aprire o chidere violetemete a porta. Lasciare sgombri i pavimeti. Evetali apparecchiatre o coteitori posti sl pavimeto devoo essere opportamete e visibmete segalati; 5.Nei locali della scola, o appositamete destiati allo scopo, o possoo essere depositati e/o tizzati recipieti coteeti gas compressi e/o liqidi ifiammabi ( i travasi possoo essere effettati solo i appositi locali e co recipieti e attrezzatre di tipo atorizzato; i macaza le attività vao esegite all'estero dei locali scolastici ) o facmete combstibi. Solo per esigeze igieico-saitarie e per l'attività didattica, possoo essere teti all'itero di apposito armadio metallico dotato di bacio di coteimeto ( 20 di liqidi ifiammabi ); 6.E' vietato fmare e/o fare so di fiamme libere; T.Negli archivi o depositi, i materiali devoo cosetire a face ispezioabità; 10,L'aliarme acstico deve essere tizzato solo i caso di accertato pericolo e co le modalità previste dal "Piao di evacazioe". E' fatto divieto agli ali di attivare l'allarme, i caso di pericolo devoo immediatamete allertare adlto; go.leclassi che debboo spostarsi vao sempre accompagate da docete; 10.Si accede ei laboratori solo i preseza dell'isegate e co abbigliameto che o costitisca pericolo per la propria ed altri icolmità, i relazioe alla atra delle operazioi da svolgere; 11.sare correttamete gli tizzatori elettrici; 12.lserire e togliere la spia sempre afferrado corpo isolate, evitado di toccare gli spiotti ( mai co le mai sdate!!); 13.No sare più prese mltiple collegate isieme ode evitare corti circiti; 14.No effettare collegameti di tizzatori direttamete al portalampada; 15.sado prolghe elettriche garatire sempre collegameto a terra tra spia e presa mobe; 16.Evitare evetale distacco delle prese tizzado preferibmete spie co attacco a vite o di sicrezza; lt.no tizzare apparati elettrici che presetao fi scoperti ma segalarli immediatamete all'addetto di sicrezza. l, l.. J eoa'-eze- globa per lo azì-eeh.,. ~4

5 [,!, l ṇ. 11.E' vietato tizzare apparecchi co resisteza elettrica scoperta ( stfe, ecc) e/o - apparecchi privi del marchio di coformità CE. Obblighi del persoale Ciasc lavoratore deve predersi cra della propria sicrezza e della propria salte e di qella delle altre persoe preseti sl logo di lavoro, s ci possoo ricadere gli effetti delle se azioi od omissioi, coformemete alla sa formazioe e alle istrzioi e ai mezzi foriti dal datore di lavoro. particolare i lavoratori: 1.0sservao le disposizioi e le istrzioi impartite dal datore di lavoro, dai dirigeti e dai preposti, ai fii della protezioe collettiva ed idividale; 10.tizzao correttamete i macchiari, le apparecchiatre, gli tesi, le sostaze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto e le altre attrezzatre di lavoro, oché i dispositivi di sicrezza; ao.tizzao i modo appropriato i dispositivi di protezioe messi a loro disposizioe; 4.Segalao immediatamete al datore di lavoro, al dirigete o al preposto le deficieze dei mezzi e dispositivi di ci ai meri 2 e 3, oché le altre evetali codizioi di pericolo di ci vegoo a coosceza, adoperadosi direttamete, i caso di rgeza, ell'ambito delle loro competeze e possibità, per elimiare o ridrre tali deficieze o pericoli, dadoe otizia al RLS; 5.No rimovoo o modificao seza atorizzazioe i dispositivi di sicrezza o di segalazioe o di cotrollo; 10.No compioo di propria iiziativa operazioi o maovre che o soo di loro competeza ovvero che possoo compromettere la sicrezza propria o di altri lavoratori; r.si sottopogoo ai cotrolli saitari previsti ei loro cofroti (ove previsto); O.Cotribiscoo, assieme al datore di lavoro, ai dirigeti e ai preposti, all'adempimeto di ttti gli obblighi imposti dall'atorità competete o comqe ecessari per ttelare la sicrezza e la salte dei lavoratori drate lavoro. iritti del persoale i caso di pericolo grave ed immediato L'art. 44 del.lgs. 081/08 dispoe: lavoratore che, i caso di pericolo grave, immediato e che o pò essere evitato, si allotaa dal posto di lavoro ovvero da a zoa pericolosa, o pò sbire pregidizio alco e deve essere protetto da qalsiasi cosegeza daosa. Qado lavoratore, ell'impossibità di cotattare competete speriore gerarchico, prede misre per evitare le cosegeze di tale pericolo, o pò sbire pregidizio per tale azioe, a meo che o abbia commesso grave egligeza. particolare i oceti e i o doceti, ell'ambito delle rispettive competeze, devoo: 1. Ricordare e verificare che gli allievi si attegao ai comportameti previsti i caso d'emergeza; l. Rispettare e far rispettare divieto di fmare i ogi locale scolastico; l ] l :!

6 i, ' ~j l l [ 3. Orgaizzare ogi attività affiché gli spazi siao sfficieti a garatire la sicrezza dei movimeti di ogi operatore; 4. Portare a coosceza del R.S.P.P. e/o del Preside, ogi evetale icidete, sego premoitore di ifortio. isposizioi particolari 10.so di video termiali Ttto persoale ( docete, o docete ed allievi) devoo tizzare l'attrezzatra mita di videotermiale per tempo iferiore a tre ore cosective gioraliere. L'immagie sllo schermo deve essere stabe co boa defiizioe dei caratteri. Lo schermo deve essere orietabe per adegarsi alle esigeze dell'tizzatore e privo di riflessi e riverberi che possao casare molestia. La sedia deve essere regolabe i altezza e poggiare s ciqe rotelle, co schieale regolabe. 2.Rischio scale ( o fisse) lavoratori devoo sempre sare scale stabi co dispositivi atisdrcciolevoli alle estremità iferiori. Le operazioi i altezza, oltre terzo gradio, devoo essere effettate co l'assisteza di collega. 3.La movimetazioe maale dei carichi E' ecessario adottare ttte le misre per evitare la movimetazioe maale di carichi e qado ciò o sia possibe occorre forire ai lavoratori i mezzi adegati allo scopo di ridrre al miimo rischio ( lesioi dorso-addomiali ). 4.lgiee e rischio chimico E' ecessario rispettare le orme igieiche fodametali: + Ogi gioro, al termie delle lezioi, effettare 'accrata plizia di: ale, corridoi, palestra, laboratori, assicrado ricambio d'aria. Plire i servizi igieici tizzado strmeti adegati. detersivi e i prodotti per la plizia tizzati assolvoo loro compito se tizzati correttamete metre l'so improprio pò dare origie a reazioi idesiderate (o mescolare mai cadeggia ed acido mriatico). Pertato, leggere attetamete le istrzioi riportate slle etichette e riporre i coteitori sempre chisi co proprio tappo. prodotti tossici, ocivi o corrosivi vao riposti i loghi iaccessibi a terzi; + l persoale addetto alle plizie tizzerà sempre i dispositivi di protezioe persoale (gati, mascherie ed occhiali paraschizzi) foriti dalla scola, i particolare per gli ali che sbiscoo perdite ematiche casa trami. Attività scolastiche 10.Attività artistiche maali L'so dei diversi strmeti, materiali e sostaze ( ctter, seghetti da traforo, chiodi, martelli, ecc.) va rapportato all'atoomia e all'abità matrata dagli ali. Evitare l'so improprio ed icotrollato di strmeti e materiali. sare prodotti atossici. La maipolazioe e l'so di verici va limitata a piccoli lavori da parte degli adlti (ache l'so di vasi i vetro). tizzare solo forbici co pte arrotodate. G i i l,!j ; i 'j,- l l L

7 l i t., l L J 2.Attività scietifiche e matematiche Valgoo le stesse avverteze per le attività artistiche maali (ell'so di sqadre, compassi, ecc.). Le esperieze scietifiche sarao selezioate accratamete cosi come gli oggetti da cosegare agli allievi. Sarao forite istrzioi precise ai geitori s cosa far portare a scola ai ragazzi. 3.Attività motorie Gli esercizi e le attività devoo essere scelti i relazioe a: atoomia e abità matrata dagli allievi, età, spazi a disposizioe, capacità del docete di gestire l'attività, stato fisico degli ali, caratteristiche del locale, della pavimetazioe e dell'eqipaggiameto. l Servizio di Prevezioe e Protezioe Nella scola irigete Scolastico è stato idividato come "datore di lavoro" ai fii ed agli effetti del decreto legislativo 081/08. L'art.31 del Testo ico slla Sicrezza prescrive che i ogi ità scolastica operi servizio di prevezioe e protezioe (S.P.P.), all'itero del qale irigete Scolastico desiga resposabe i possesso di attitdii e capacità adegate che si dichiari a tal fie dispoibe. L'azioe del S.P.P. cosiste pricipalmete ell'applicazioe sistematica e ripetta el tempo delle misre geerali di ttela elecate ell'art.15 del.lgs. 081/08. PANO EMERGENZA l Piao di emergeza è l'isieme del coordiato di ttte le azioi e comportameti che devoo essere svolte da ttti coloro che freqetao complesso scolastico i caso di icidete che comporti poteziale o reale pericolo per la salte ed icolmità delle persoe e dai ai bei scolastici. l Piao rappreseta docmeto coteete delle "procedre comportametali per la gestioe delle emergeze" che adrà periodicamete aggiorato e revisioato, i cosiderazioe dell'esperieza acqisita el corso delle periodiche esercitazioi (almeo de ell'ao scolastico) e verrà itegrato co le iformazioi che si redessero dispoibi o ecessarie da acqisire, al fie di registrare le variazioi della realtà orgaizzativa e strttrale della scola, oché allo scopo di adegarlo alle mtate esigeze della sicrezza ed allo svppo della tecica e dei mezzi dispoibi. PROCERE EVACAZONE Si cofigrao de distite sitazioi di crisi che comportao la adozioe di provvedimeto di evacazioe dell'edificio scolastico: EVACAZONE PRECAZONALE segalata da: 3 brevi soi (di alci decimi di secodo): Si atta qado si ritiee che l'icidete accertato possa progredire ed evolversi el tempo fio ad assmere a cofigrazioe che pò pregidicare l'icolmità delle persoe. cos.t&-z& -globati per 'e- "7 aa:hl'\do J l ~ ~1_:

8 '--l l ~l EVACAZONE EMERGENZA segalata da: soo cotio di almeo 5 secodi (ripetto per almeo 30 secodi): Costitisce prowedimeto da adottare ogi qalvolta si accerta icidete la ci cosisteza di già pregidica l'itegrità fisica, ed ache qado o si è i grado di prevedere l'evolzioe del feomeo siistroso (es. fga di gas, ecc.) e le dirette cosegeze sll'omo. ogi caso" l'ordie di evacazioe" deve essere impartito, di orma, dal Resposabe del coordiameto, co l'eccezioe di qelle sole circostaze i ci l'etità dell'eveto accertato è tale per gravità da gistificare altri decisioi. 1.l/i resposabi del coordiameto si portao ell'area i ci si è verificato l'icidete per la valtazioe della etità, della evolzioe e delle lteriori azioi di cotrasto che si devoo porre i essere. 2.L'icaricato racial'emergeza i atto alle Strttre Pbbliche di proto soccorso. Gli addetti alla gestioe della emergeza: l.esegoo i compiti codificati dal Piao di emergeza, commisrado le azioi alle circostaze i atto: 2.Aproo i cacelli al cotoro dell'edificio per cosetire l'accesso ai mezzi di soccorso; :t.accertao e se ecessario rimovoo gli ostacoli di impedimeto alla frizioe dei mezzi fissi di difesa o che codizioao deflsso delle masse verso loghi sicri disattivao i qadri elettrici di piao e gli impiati di vetazioe; 4.Chidoo le porte; 5.Segalao i percorsi di esodo ai flssi che evacao piao e rassicrao le masse per cosegire deflsso ordiato e composto; 10.Aitao le persoe i evidete stato di maggior agitazioe; r.lspezioao i locali di piao prima di abbadoare la postazioe. Gli addetti al proto iterveto: l.raggigoo l'area i ci si è verificato l'icidete ed esegoo i compiti codificati dal Piao di emergeza, commisrado le azioi alle circostaze i atto: 2.Cotrastao l'eveto co le difese, attrezzatre e risorse dispoibi; 3.Predispogoo i mezzi di cotrasto all'eveto all'so da parte delle sqadre estere di soccorso; 4.Collaborao co le sqadre estere di soccorso co azioi di spporto e foriscoo a qesti ltimi ogi te itimazioe per localizzare le difese ed i mezzi di cotrasto esisteti el plesso scolastico; 5.abbadoao e/o si allotaao dalla zoa iteressata dall'icidete s disposizioe del Coordiatore e/o degli operatori esteri di soccorso co9""'~ olobo11 per le a.zh,l\de ~8 lj i ~ l, l

9 - '!; l Gli asiari per l'assisteza ai disabi: l.raggigoo disabe al qale Piao di emergeza ha affidato l'assisteza;, O.Affrettao l'evacazioe del disabe; 3.Assistoo disabe ache dopo aver raggito logo sicro previsto dal Piao di emergeza. -. Capifa e Serrafa: Le classi possoo essere orgaizzate i modo da prevedere ali capofa e serrafa. Costoro si dispogoo drate la evacazioe ordiata della classe alla testa ed alla coda della "coloa" (i fa idiaa teedosi per mao). Co loro comportameto sicro e determiato devoo trasmettere fidcia e traqlità ai colleghi. l.precedoo e segoo la "coloa" (i fa idiaa teedosi per mao) che deflisce dall'ala per evacare; O.Cotroliao che colleghi o idgio a raccogliere effetti persoali ed idmeti; 3.L'isegate i servizio al mometo dell'icidete, dopo essere scito dall'ala, si dispoe ell'ltima postazioe della "coloa" per cotrollare che qesta o sì disgreghi drate l'esodo. Recpera e porta co se "registro di classe" per cotrollo delle preseze a volta raggito logo sicro estero. Le masse scolastiche passive (classe): r.esegoo co digeza gli ordii impartiti dall'isegate; O.Evitao di portare ogi effetto persoale pesate e/o volmioso, iclsi gli idmeti di atra acrica e/o plastica; 3.Compogoo "la coloa" di deflsso dispoedosi i fa idiaa e prededosi l per mao; 4.Raggigoo logo sicro estero rimaedo sempre el grppo fio alla cessazioe dell'emergeza. r., l Le l l' J Norme per gli ali i sitazioe di hadicap Gli ali i sitazioe di hadicap preseti a scola segirao le stesse procedre previste per resto della classe co l'avverteza che, qalora lo sfollameto dell' edificio awega i mometo i ci è presete l'isegate di sostego, qest'ltimo dovrà occparsi premietemete di loro. caso di preseza di ali co gravi difficoltà di motricità globali l'evacazioe avverrà dall'scita di sicrezza mita di scivolo per sperameto delle barriere architettoiche. L'isegate che i qel mometo ha i carico l'alo (isegate di sostego, isegate di classe, assistete "ad persoam") prowederà all'evacazioe dell'alo stesso; qalora l'isegate che ha i carico l'alo abbia i carico ache eosoteze- elo~ per le a%hado '-9

10 resto della classe (o vi siao cioè compreseze, é isegati di sostego e assisteti edcatori), dovrà chiamare collaboratore scolastico a ci assegerà l'icarico di codrre l'alo fori dall'edificio segedo le stesse modalità idicate i precedeza. Soccorso e tipologia di disabità Soccorrere disabe motorio Se la persoa pò allotaarsi mediate l'tizzo di a sedia a rotelle:.:. assicrarsi che percorso sia libero da evetali barriere architettoiche; i preseza di ostacoli, qali scale o gradii, aitarla a sperarli el segete modo:.:. posizioarsi dietro la carrozzia, impgare le maiglie della sedia icliadola all'idietro di circa 45 ed affrotare l'ostacolo, mateedo la posizioe icliata fio a che o si raggige logo sicro ed i piao. Ricordarsi di affrotare l'ostacolo procededo sempre all'idietro! Se bisoga trasportare a persoa o i grado di collaborare:.:. o sottoporre a trazioe le se strttre articolari perchè si potrebbero provocare dai, tizzare come presa cigolo scapolare (complesso articolare della scapola) o cigolo pelvico (complesso articolare del bacio e dell'aca). Soccorrere disabe sesoriale Persoe co disabità dell'dito.:. facitare la lettra labiale, si eviterao icompresioi e si agevolerà soccorso;.:. qado si parla teere ferma la testa e posizioare viso all'altezza degli occhi dell'iterloctore;.:. parlare distitamete, possibmete co a corretta procia, sado frasi brevi co too ormale (o occorre gridare);.:. scrivere i stampatello omi e parole che o si riescoo a comicare;.:. mateere a distaza iferiore al metro e mezzo. Ache le persoe co protesi acstiche hao difficoltà a recepire itegralmete parlato, cercare di atteersi alle stesse precazioi. Persoe co disabità della vista.:. aciare al preseza e parlare co voce distita;.:. spiegare la reale sitazioe di pericolo;.:. evitare di alterare a terza persoa ella coversazioe; (. descrivere aticipata mete le azioi da itrapredere;.:. gidare la persoa lgo percorso el modo che si ritiee più opporto: appoggiata alla spalla e leggermete più idietro;.:. aciare la preseza di ostacoli come scale, porte o altre sitazioi di impedimeto;.:. se si accompagao più persoe co le stesse difficoltà aitarle a teersi per mao; ~ ::::::::::-_... ~

11 r l L [,!,J + o abbadoare la persoa a volta raggito logo fori pericolo, ma assicrarsi che sia i compagia. Soccorrere disabe cogitivo Ricordarsi che persoe co disabità di appredimeto: + potrebbero avere difficoltà ell'esegire istrzioi complesse, speriori ad a breve seqeza di azioi semplici; + i sitazioi di pericolo possoo mostrare atteggiameti di parziale o lla collaborazioe verso chi atta soccorso. Qidi: + accertarsi che la persoa abbia percepito la sitazioe di pericolo; + accompagare la persoa se dimostra di avere problemi di scarso seso direzioale; + forire istrzioi sddividedole i semplici fasi sccessive; + sare segali semplici o simboli facmete compresibi; + cercare di iterpretare le evetali reazioi; + di frote a comportameti aggressivi dare la precedeza alla salvagardia dell'icolmità fisica della persoa. Ricorrere all'iterveto coercitivo se qesto costitisce l'ica solzioe possibe. EMERGENZA SENZA EVACAZONE (l'teza resta all'itero dei locali) segalata: co comicazioe orale. Si atta qado si ritiee che l'icidete accertato NON possa progredire è,, evolversi el tempo.! i ij [ l Adempimeti da rispettare e comportameti da teere i casi di emergeza Qesta sezioe deve essere commetata i seo alla trattazioe delle materie scolastiche almeo a volta all'ao e preferibmete prima di a delle de "simlazioi di evacazioi". Si precisa che l'evacazioe del plesso scolastico va SEMPRE effettata per i segeti accadimeti: cedio - Terremoto - Fga gas/sostaze pericolose - Scoppio/ crollo di impiati e strttre itere - Telefoate aoime (miacce di bomba). altri accadimeti pò risltare coveiete ivece che la teza scolastica resti preferibmete all'itero dei locali occpati. Gli icaricati al coordiameto della emergeza valterao di volta i volta le circostaze, la evolzioe degli eveti e le azioi da porre i essere per la ttela della itegrità fisica dei preseti. l i! i l ~- -1, i J CO"i.~t.:z. globali per le az:.tode 11~! :, L:

12 [, ' l :1 L~ r Si esamiao di segito differeti sitazioi di rischio:, NCENO caso d'icedio co preseza di fiamme e fmo i locale, i preseti devoo allotaarsi celermete da qesto, avedo cra di chidere alla fie dell'evacazioe la porta del locale, avvisare gli addetti di piao e portarsi secodo le procedre piaificate all'estero del locale e rimaere i coloa i prossimità del vao scala i attesa che vega diramato l'ordie di evacazioe geerale del plesso scolastico. caso d'icedio i ambieti distiti e relativamete lotai da qello i ci ci si trova, attedere che i preposti diramio le direttive di evacazioe ordiata e composta. Ciasco è obbligato ad osservare le procedre stabite dal piao di emergeza. Nelle vie di esodo (corridoi, ecc.) i preseza di fmo i qatità tale da redere difficoltosa la respirazioe, cammiare chii, proteggere aso e bocca co fazzoletto bagato (se possibe) ed orietarsi tramite cotatto co le pareti per raggigere loghi sicri. E' preferibe teersi per mao e o icorrere i isterismi che redoo più difficoltoso l'esodo. Nel caso i ci percorso che codce alle scite di sicrezza fosse impedito da fiamme e fmo, dirigersi all'estero tizzado le scale alterative di deflsso. Nel caso che dal logo i ci ci si trova o fosse possibe evacare all'estero per impedimeti dovti a fiamme, fmosità e forte calore, è idispesabe recarsi, se possibe, ell'apposito logo sicro statico (se esistete), o i alterativa ei locali bagi (preseza di acqa e poco materiale combstibe), oppre restare ell'ambiete i ci ci si trova avedo cra di chidere completamete la porta di accesso. Le fessre a fo pavimeto potrao agevolmete essere occlse co idmeti dispoibi all'itero. Ove possibe, è bee mateere mido lato itero della porta applicado idmeto (grembe, impermeabe, tedaggio) precedetemete bagato (sia pr co ria). Le fiestre dovrao essere matete chise. Gli arredi (bachi, lavage, tavoli, sedie) dovrao essere allotaati dalla porta ed accostati i prossimità di a fiestra. Le persoe che idossao tessti acrici e sitetici (ylo, poliestere ecc.) dovrao spogliarsi di qesti. Chiaramete è ecessario segalare ai soccorritori radati all'estero la preseza forzata ell'ambiete. liea geerale, se le vie di esodo lo cosetoo, l'evacazioe deve svolgersi el seso discedete; i caso di impedimeti, el seso ascedete, specie se l'edificio è dotato di terrazzo od ampi balcoi. E' fatto divieto percorrere le vie di esodo i direzioe opposta ai ormali flssi di evacazioe (scedoo ttti o salgoo ttti). rate l'evacazioe ttte le porte di scale protette, a prova di fmo, dopo l'tizzo devoo rimaere ella posizioe di "chiso". E' fatto divieto a chiqe o abbia avto a preparazioe specifica di tetare dì estigere icedio co le dotazioi mobi esisteti e specialmete qado le fiamme hao forte itesità espasiva. La corretta operazioe da compiere è qella di avvisare gli addetti di piao, segalare l'eveto pacatamete ai preseti e riversare ai preposti l'icarico di chiamare i soccorsi pbblici. Qalqe so di lace idriche è cosetito dopo aver accertato la disattivazioe dei circiti elettrici (almeo di piao). Operazioe che pò essere esegita solamete dagli addetti al proto iterveto. eoai.ze- globa p9f" r. a%h",de 12~ l, l l

13 r i J,, ' 'cj ", l' 1 J cedi di atra elettrica possoo essere speti solo co l'impiego dì estitori a C02 - Polvere. cedi che iteressao apparecchi o tbazioi a gas possoo essere speti chidedo dapprima le valvole di itercettazioe. Sccessivamete gli operatori abitati prowederao alla estizioe degli oggetti icediati dalle fiamme. Lo spegimeto di dardo da gas i preseza di altri fochi ell'ambiete pò provocare la riaccesioe esplosiva, se precedetemete o è stato iterdetto flsso gassoso. Se l'icedio ha coivolto a persoa è opporto impedire che qesta possa correre: sia pr co la forza bisoga obbligarla a distedersi e poi soffocare le fiamme co idmeti, coperte od altro (MA CON GL ESTNTOR). A di là di sggerimeti tecici è opporto che drate le operazioi di evacazioe ciasco matega comportameto ispirato a setimeti di solidarietà, civismo e collaborazioe verso gli altri. Raggite le aree estere, coloro che o hao specifiche masioi previste dal piao di emergeza devoo sostare elle aree di raccolta per o ostacolare le operazioi di salvataggio e di estizioe delle Strttre Pbbliche di soccorso (Vigi, Croce Rossa, Polizia ecc.). E' ecessario che ogi classe di stdeti si ricompoga all'itero delle aree di raccolta affiché si possa procedere ad cotrollo di ttte le preseze da parte dell'icaricato (isegate ecc.). TERREMOTO doceti devoo: l.mateersi i cotio cotatto co coordiatore attededo disposizioi sll'evetale evacazioe. Gli stdeti devoo: r.posizioarsi ordiatamete elle zoe sicre; 2.Proteggersi, drate sisma, dalla cadte di oggetti riparadosi sotto i bachi o i corrispodeza di architravi ; 3.Nel caso si proceda alla evacazioe segire le orme specifiche di evacazioe. doceti di sostego devoo: r.co l'aito di ali predisposti e, se ecessario, spportati da operatori scolastici, crare la protezioe degli ali disabi. l Coordiatore dell'emergeza, i relazioe alla dimesioe del terremoto, darà disposizioe di: l.procedere all'evacazioe immediata ed evetalmete dare segale di allarme; 2.lterrompere immediatamete l'erogazioe dell'eergia elettrica; 3.Awertire i resposabi di piao che si tegao proti ad orgaizzare l'evacazioe; 4.Coordiare ttte le operazioi attieti. a volta al di fori dello stabe, allotaarsi da qesto. Portarsi i ampi piazzali lotao da alberi di alto fsto e da liee elettriche aeree e restare i attesa che l'eveto vega a cessare. l,, ;!!, ;! ṇ, ~

14 - - ij Nel caso che le scosse tellriche dovessero coivolgere sbito lo stabe e dovessero iteressare le strttre, tato da o permettere l'esodo delle persoe, è preferibe o sostare al cetro degli ambieti e raggrpparsi possibmete vicio alle pareti perimetrali od i aree d'agolo i qato strttre più resisteti. Prima di abbadoare lo stabe, a volta che è termiata l'emergeza, accertarsi co catela se le regolari vie di esodo soo itegre e fribi, altrimeti attedere l'arrivo dei soccorsi esteri. Se lo stabe è stato iteressato cosistetemete ella resisteza delle strttre - rimaere i attesa di soccorsi ed evitare sollecitazioi che potrebbero creare lteriori crolli. FGA GAS/SOSTANZE PERCOLOSE SCOPPO/CROLLO MPANT E STRTTRE NTERNE Si combiao gli adempimeti ed i comportameti da teere i caso di icedi e terremoti gradati alla reale circostaza della emergeza co le lteriori prescrizioi: lo.l caso di fga dì gas o preseza di odori che lasciao prevedere la preseza di sostaze pericolose, è ecessario evitare di accedere tizzatori elettrici é spegerli el logo ivaso dal gas ma è preferibe disattivare l'eergia elettrica dal qadro di piao e/o geerale. Evitare altresì la formazioe di scitle e l'accesioe di fiamme libere; 2.Aerare locale apredo le fiestre, ma avedo cra di mateere la porta chisa dopo l'allotaameto dal logo; SO.Respirare co calma e se fosse ecessario frapporre tra la bocca, aso e l'ambiete fazzoletto preferibmete mido; 4.Mateersi più possibe lotao dalla sorgete di emissioe del gas o dei vapori tossici e ocivi. ~ ;;. ALLVONE caso di allvioe dell'edificio scolastico, portarsi sbito ma co calma dai piai bassi a qelli più alti. L'eergia elettrica dovrà essere iterrotta dal qadro geerale dal preposto. Nella maggior parte dei casi qesto eveto si maifesta ed evolve temporalmete i modo leto e gradale. No cercare di attraversare ambieti iteressati dall'acqa, se o si coosce perfettamete logo, la profodità dell'acqa stessa, la esisteza ell'ambiete di pozzetti, fosse e depressioi. No allotaarsi mai dallo stabe qado la zoa circostate è completamete ivasa dalle acqe allvioali, per o icorrere el trasclameto per la violeza delle stesse. Attedere, pazietemete, l'iterveto dei soccorritori segalado la posizioe ed i loghi i ci si sosta. Evitare di permaere i ambieti co preseza di apparecchiatre elettriche, specialmete se iteressati dalle acqe allvioali. i i 14-. CNO,"iH.d-.:'"x- gle>b'l'lo per l. azi«'de

15 J L _.,~ l TROMBA 'ARA Alle prime maifestazioi della formazioe di a tromba d'aria, cercare di evitare di restare i zoe aperte. Se la persoa sorpresa dalla tromba d'aria dovesse trovarsi elle viciaze di piate dì alto fsto, allotaarsi da qeste. Qalora ella zoa aperta iteressata dalla tromba d'aria dovessero essere preseti dei fossati o bche, è opporto ripararsi i qesti. Se elle viciaze dovessero essere preseti fabbricati di solida costrzioe, ricoverarsi egli stessi e restarvi i attesa che l'eveto sia termiato. Trovadosi all'itero di ambiete chiso, porsi lotao da fiestre, porte o da qalqe altra area dove soo possibi cadte di vetri, arredi, ecc. Prima dì scire da o stabe iteressato dall'eveto, accertarsi che l'ambiete - estero e le vie di esodo siao prive di elemeti sospesi o i procito di cadta. CATA AEROMOBLE/ESPLOSON CROLL/ATTENTAT E SOMMOSSE CHE NTERESSANO AREE ESTERNE qesti casi ed i altri simi i ci l'eveto iteressa direttamete aree estere all'edificio scolastico, Piao d'emergeza prevede la "o evacazioe". comportameti da teere soo i segeti: r.no abbadoare le ale e o affacciarsi alle fiestre per criosare; 2.Spostarsi dalle porzioi di ala allieate co fiestre estere e co porte o che siao sottostati oggetti sospesi (lampadari, qadri, altoparlati ecc.) e cocetrarsi i zoe più sicre (ad esempio tra la parete delimitata da de fiestre o slla parete dell'ala opposta a qella estera); 3.Mateere la calma e o codizioare i comportameti altri co isterismi ed rla; ricorare ed assistere i colleghi i evidete stato di maggior agitazioe; 4.Attedere le lteriori istrzioi che verrao forite dagli addetti alla gestioe della emergeza. MNACCA ARMATA E PRESENZA FOLLE Ache i qesto caso Piao di emergeza deve prevedere la "o evacazioe". Verrao forite le iformazioi alla teza scolastica che dovrà atteersi ai segeti pricipi comportametali: l.no abbadoare le ale e o affacciarsi alle porte per criosare; 2.Restare sedti ciasco al proprio posto e co la testa chia se la miaccia è diretta; 3.No cocetrarsi per o offrire maggiore sperficie ad azioi di offesa fisica; 4.No cotrastare co i propri comportameti le azioi compite dall'attetatore folle; 5.Mateere la calma ed cotrollo delle proprie azioi per offese ricevte e o deridere i comportameti sqibrati del folle;, l l i t

16 ' ; l ' t 10.Qalsiasi azioe e/o movimeto compito deve essere esegito co atralezza e co calma (essa azioe che possa apparire frtiva, ess movimeto che possa apparire a fga o a reazioe di difesa); r.se la miaccia o è diretta e si è certi delle azioi attive di cotrasto delle Forze di - Polizia, porsi sotto i tavoli scolastici ed attedere lteriori istrzioi dall'isegate. NCENT E NFORTN SL LAVORO rate l'ordiaria attività scolastica ed ache i occasioe di eveto siistroso pò accadere che qalco possa restare vittima di icidete o sbire malore mometaeo. attesa di soccorso qalificato (medico, amblaza, Proto Soccorso ospedaliero) le persoe opportamete addestrate preseti el plesso scolastico possoo prestare primo soccorso ed assisteza all'ifortato sado materiali e mezzi dispoibi al mometo dell'icidete. Se qalco sbisce ifortio, si è teti a dare awiso al diretto resposabe del primo soccorso saitario. La persoa competete effetterà a prima medicazioe tizzado i coteti della "cassetta di proto iterveto", lasciado ai Saitari qalificati compito di a più risoltiva ed efficace medicazioe. Procedre comportametali: No fare lla se o si ha a preparazioe specifica l.se l'ifortato è grave, chiamare Proto Soccorso estero; 10.No spostare é movere l'ifortato; SO.Evitareaffollameti sl logo per facitare l'opera di soccorso; to.sistemare l'ifortato elle migliori codizioi possibi: alletargli i vestiti, aprirgli colletto, scioglierli la citra e se occorre coprirlo co a coperta; 5.Se occorre, iviare paziete dal medico, dopo primo soccorso; 10.No dare mai bevade alle persoe prive di sesi; r.praticare ai soggetti a rischio di soffocameto e a chi è colpito da correte elettrica la respirazioe artificiale; 8.l caso di ferite, disifettarle, coprirle co garza stere e fasciarle; 9.l caso di emorragie, coprire la ferita co garza e comprimerla. RACCOMANAZON SLLA PROCERA EVACAZONE ELL'EFCO SCOLASTCO A soo dell'allarme, soo che ttti devoo ricooscere, gli ali lasciao ttto come si trova ell'ala, preparadosi ad scire dalla stessa i fa ordiata e teedosi per mao. ragazzi icaricati per l'apertra della fa aproo la porta della propria classe e codcoo la fa ordiatamete. ragazzi icaricati di chidere la fa assolvoo a detto compito e soccorroo evetali compagi i difficoltà o pericolo, cofermado al ragazzo/a "apri-fa" l'iizio della fase di scita. ~ Prof. Rl co-sòt..dez,.e glob~i P"''' W azhad-e: ~16" li l li ~ i i

17 l~! J L J J L'icaricato (persoale o docete), dopo aver aperto la porta di emergeza, co l'aito degli "apri-fa" di ogi classe, fa scire ordiatamete le scolaresche che dovrao recarsi el pto stabito all'estero, deomiato "pto di raccolta". L'icaricato (persoale o docete) dell'apertra della porta di emergeza lascerà l'edificio al segito dell'ltima scolaresca evacata sl piao, accertadosi che o ci sia più esso presete ell'area assegata. L'isegate, co registro di classe, i testa alla scolaresca sege percorso di scita assegato alla classe, crado che gli ali si mategao compatti, i fa idiaa e teedosi per mao, iterveedo co tempestività là dove si determiio sitazioi critiche o si maifestio reazioi di paico. oltre, o appea raggito pto di raccolta estero, l'isegate dovrà effettare l'appello e compare co l'aito di ragazzo "chidi-fa", rapporto d'evacazioe, che dovrà essere protamete cosegato al Ncleo Operativo. LASCATE TTTO COME S TROVA NELL'ALA: o raccogliete lla, se o lo stretto ecessario alle vostre esigeze ( occhiali, ecc. ); NON V SERVREBBE E FARESTE SOLO PERERE TEMPO PREZOSO; CERCATE SEMPRE MANTENERE LA CALMA, di rispettare i cosigli dati alle persoe idividate ella procedra e di collaborare co tali persoe per otteere delle azioi d'evacazioe ordiate e sicre; Se siete per le scale o per i corridoi, o comqe fori dalla vostra ala, SCTE ALLE SCALE SCREZZA P' VCNE, aggregadovi se possibe, ad a qalsiasi classe che tizzi tale scita. Portatevi ella zoa di vostra assegazioe, pto di raccolta, fori dall'edificio; la stessa idicazioe vale ache al mometo della ricreazioe o qalora vi troviate ai servizi o i qalsiasi altro locale della scola; o abbadoate pto di sicrezza estero raggito co la classe evacata, ache se o apparteete alla stessa classe, e rimaete a disposizioe dell'isegate che vi impartirà le opporte disposizioi. La classe, procededo verso l'scita d'emergeza e sio al pto di sicrezza estero: + NON EVE SNRS; + drate tragitto NESSNO EVE CORRERE E GRARE; + la classe dovrà procedere i FLA NANA TENENOS PER MANO; + raggito pto di sicrezza estero, la classe EVE RMANERE NTA E COMPATTA; + evetali ali co difficoltà motorie sarao presi i cosega dall'isegate di sostego e dal persoale o docete prevetivamete idividato ed assegato esclsivamete a tale icarico. NORME PER GENTOR L'stitto Scolastico ha predisposto Piao di Emergeza e di Evacazioe che prevede le misre ecessarie per froteggiare qalqe tipo di evetale emergeza ed evitare lteriori pericoli. l presete maale e costitisce a sitesi, te a ricordare sopratttto agli stdeti e a ttti gli operatori le procedre più importati ed esseziali. J J! G

18 l, l. Per qato rigarda i Geitori, fra i comportameti corretti da teere, i più importati possoo essere cosiderati: 1.11o precipitarsi a predere i figli co i propri mezzi di trasporto per o redere difficoltosi gli evetali movimeti dei mezzi di soccorso. 2.Nel caso siao preseti a scola drate a evetale emergeza: adegarsi alle disposizioi Loro impartite dal Persoale della scola secodo le modalità previste dal Piao di Emergeza - -. Carlelloislica di sicrezza Nell'edificio scolastico è esposta, e deve essere mateta cotrollata, la segaletica destiata a trasmettere messaggi di sicrezza. l decreto legislativo , atta a direttiva CEE cocerete le prescrizioi miime per la segaletica di sicrezza elo salte sl logo di lavoro. Le figre segeti riportao a casistica della segaletica d'so come. L Cartelli per segalare la posizioe degli estitori e delle bocchette aticedio. Frecce colorate idicao percorso per abbadoare l'edificio i caso di pericolo. l SCTA EMERGENZA _, Le scite di sicrezza, ricooscibi per via del cartello sopra lo stipite, devoo aprirsi agevolmete. pti di raccolta esteri soo idicati co PNTO RACCOLTA _, :, l!

19 J l La sirea per l'allarme è idicata co l logo di medicazioe: Altri cartelli: ~ ~

20 l Ai sesi dell'art.36 e segeti del.lgs. 081/08, del.m e 363/98 presete maale è stato predisposto per adempiere agli obblighi di iformazioe del persoale dipedete. data a copia è stata cosegata a ttti gli aveti diritto che firmao qi di segito per ricevta e per dichiarare l'avveta iformazioe: i ~ l -.20 ~_"."%O per le a.z:ì4#d'o -eto-bçdi

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni Anna Dallai, Monica Falleri, Antonio Moro, 2013 Decina e abaco a scatole Se nel precedente anno non è stato introdotta la decina lavoriamo si raggrppamenti, diamo

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

COMUNE DI VILLAPERUCCIO

COMUNE DI VILLAPERUCCIO COMUNE DI VILLAPERUCCIO Provincia di Carbonia-Iglesias SETTORE : Responsabile: AREA TECNICA Crreli Elvio DETERMINAZIONE N. in data 109 25/03/2014 OGGETTO: Approvazione Relazione Tecnica e Impegno di Spesa

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Applicazioni Clean Air Power Generation

Dettagli

La mia compagna di vita. il primo passo è l informazione. un racconto ARTRITE REUMATOIDE:

La mia compagna di vita. il primo passo è l informazione. un racconto ARTRITE REUMATOIDE: La mia compagna di vita n racconto ARTRITE REUMATOIDE: il primo passo è l informazione È n iniziativa parte del progetto informativo Articol-AZIONI realizzato da: Il primo passo è l informazione Gidare

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Problemi sul parallelogramma con le incognite

Problemi sul parallelogramma con le incognite Problemi sl parallelogramma con le incognite Qante altezze ha n parallelogramma Il concetto di altezza rimanda direttamente a qello della distanza di in pnto da na retta La distanza di n pnto da na retta

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Applicazioni Clean Air Power Generation Clean Room Indstrial Fatti Principali Gli Ultrafiltri

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

REPUBBLICA IT ALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Sezione Lavoro

REPUBBLICA IT ALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Sezione Lavoro REPUBBLICA IT ALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Seione Lavoro Il dott. Nicola Di Leo in fnione di gidice del lavoro ha pronnciato la segente SENTENZA nella casa civile di I Grado iscritta

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco.

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco. I NUMERI DECIMALI A.Osserva il brco: è formato a parti. Colora l intero brco, 1 brco. Hai colorato s parti el brco, ieci ecimi el brco, cioè 1 brco. Ne poi colorare meno i no? Prova! B.Colora 2/ el brco.

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli