Manuale ad uso dei docenti, degli studenti e degli operatori scolastici. Informazione ai sensi del D.lgs. n081/08, del D.M. 382/98, D.M.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale ad uso dei docenti, degli studenti e degli operatori scolastici. Informazione ai sensi del D.lgs. n081/08, del D.M. 382/98, D.M."

Transcript

1 Maale ad so dei doceti, degli stdeti e degli operatori scolastici formazioe ai sesi del.lgs. 081/08, del.m. 382/98,.M. 363/98 e della c.m. P del 29/4/1999

2 ' " J,l '-----_J Li i' :,~ i 1 '!~, 1! ~ 'l 1 1 L-" L~! Stdi cosleti Via Napoleoe Caltaissetta folie: Servizio Clieti: tel Colajai (pal, i Vicezo) Fax e-ma: Web site: 810g: (2 liee r.a.) Copyright 2008 Proprietà letteraria e ttti i diritti riservati allo Stdio Lo Brtto. La strttra e coteto del presete maale o possoo essere riprodotti, eppre parzialmete, salvo espressa atorizzazioe dello Stdio Lo Brtto. No è altresì cosetita la memorizzazioe s qalsiasi spporto (magetico-ottico, ottico, fotocopie, ecc.). Noostate lo Stdio Lo Brtto abbia crato co la massima attezioe la preparazioe del maale declia ogi resposabità per possibi errori od omissioi, tato più per evetali dai risltati dall'so dell'iformazioe ivi coteta. Prof.. 000$."'_,,0%;. g'oba perleazlof"k:.te "-2 ' l lj l l i, 1 ~ -,--" l lj :1 1 L

3 L J l presete maale costitisce a sitesi dei Piai di Emergeza ed Evacazioe, redatti per coto dei vari stitti Scolastici, e idirizzati a ttte le compoeti della scola (stdeti, persoale docete e o docete, dirigeti). Si rivia per 'iformazioe più completa al piao di Gestioe delle Emergeze. Qesto maale iformativo deliea molto brevemete i comportameti da teere ell'evetalità di 'emergeza e/o di evacazioe della scola, affiché ttti possao avere a coosceza almeo di carattere esseziale. Le azioi e i compiti di ciasco devoo coordiarsi i programma che ha come scopo la sicrezza di ttti, devoo perciò essere improtate a seso di resposabità e ad attiva collaborazioe. i segito vegoo riportate le disposizioi i tema di: Avverteze Emergeze Procedra per l'emergeza prevedibmete più revati di Evacazioe Norme geerali di comportameto Avverteze per i Geitori Norme sl Proto Soccorso Segaletica esseziale ~3" cosleze- globa per azje-de [ lj l r L l jl

4 , \!~ li La scola è logo di lavoro i Ci ciasco (doceti, o doceti e stdeti) esercitao rolo attivo el persegire l'obiettivo di ialzare i livelli di sicrezza dell'ambiete e drate le attività esercitate. Relativamete ai criteri di sicrezza, risltao cosegeti i comportameti di segito elecati..~ Norme geerali r.le vie di scita devoo essere tete costatemete sgombre da qalsiasi materiale; 2.E' fatto divieto di compromettere l'agevole apertra e fzioalità dei serrameti delle scite di sicrezza, drate i periodi di attività della scola, verificadoe l'efficieza prima dell'iizio delle lezioi; 3.Le attrezzatre e gli impiati di sicrezza devoo essere cotrollati periodicamete i modo da assicrare la costate efficieza; 4.No correre ei laboratori, é lgo i corridoi, o aprire o chidere violetemete a porta. Lasciare sgombri i pavimeti. Evetali apparecchiatre o coteitori posti sl pavimeto devoo essere opportamete e visibmete segalati; 5.Nei locali della scola, o appositamete destiati allo scopo, o possoo essere depositati e/o tizzati recipieti coteeti gas compressi e/o liqidi ifiammabi ( i travasi possoo essere effettati solo i appositi locali e co recipieti e attrezzatre di tipo atorizzato; i macaza le attività vao esegite all'estero dei locali scolastici ) o facmete combstibi. Solo per esigeze igieico-saitarie e per l'attività didattica, possoo essere teti all'itero di apposito armadio metallico dotato di bacio di coteimeto ( 20 di liqidi ifiammabi ); 6.E' vietato fmare e/o fare so di fiamme libere; T.Negli archivi o depositi, i materiali devoo cosetire a face ispezioabità; 10,L'aliarme acstico deve essere tizzato solo i caso di accertato pericolo e co le modalità previste dal "Piao di evacazioe". E' fatto divieto agli ali di attivare l'allarme, i caso di pericolo devoo immediatamete allertare adlto; go.leclassi che debboo spostarsi vao sempre accompagate da docete; 10.Si accede ei laboratori solo i preseza dell'isegate e co abbigliameto che o costitisca pericolo per la propria ed altri icolmità, i relazioe alla atra delle operazioi da svolgere; 11.sare correttamete gli tizzatori elettrici; 12.lserire e togliere la spia sempre afferrado corpo isolate, evitado di toccare gli spiotti ( mai co le mai sdate!!); 13.No sare più prese mltiple collegate isieme ode evitare corti circiti; 14.No effettare collegameti di tizzatori direttamete al portalampada; 15.sado prolghe elettriche garatire sempre collegameto a terra tra spia e presa mobe; 16.Evitare evetale distacco delle prese tizzado preferibmete spie co attacco a vite o di sicrezza; lt.no tizzare apparati elettrici che presetao fi scoperti ma segalarli immediatamete all'addetto di sicrezza. l, l.. J eoa'-eze- globa per lo azì-eeh.,. ~4

5 [,!, l ṇ. 11.E' vietato tizzare apparecchi co resisteza elettrica scoperta ( stfe, ecc) e/o - apparecchi privi del marchio di coformità CE. Obblighi del persoale Ciasc lavoratore deve predersi cra della propria sicrezza e della propria salte e di qella delle altre persoe preseti sl logo di lavoro, s ci possoo ricadere gli effetti delle se azioi od omissioi, coformemete alla sa formazioe e alle istrzioi e ai mezzi foriti dal datore di lavoro. particolare i lavoratori: 1.0sservao le disposizioi e le istrzioi impartite dal datore di lavoro, dai dirigeti e dai preposti, ai fii della protezioe collettiva ed idividale; 10.tizzao correttamete i macchiari, le apparecchiatre, gli tesi, le sostaze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto e le altre attrezzatre di lavoro, oché i dispositivi di sicrezza; ao.tizzao i modo appropriato i dispositivi di protezioe messi a loro disposizioe; 4.Segalao immediatamete al datore di lavoro, al dirigete o al preposto le deficieze dei mezzi e dispositivi di ci ai meri 2 e 3, oché le altre evetali codizioi di pericolo di ci vegoo a coosceza, adoperadosi direttamete, i caso di rgeza, ell'ambito delle loro competeze e possibità, per elimiare o ridrre tali deficieze o pericoli, dadoe otizia al RLS; 5.No rimovoo o modificao seza atorizzazioe i dispositivi di sicrezza o di segalazioe o di cotrollo; 10.No compioo di propria iiziativa operazioi o maovre che o soo di loro competeza ovvero che possoo compromettere la sicrezza propria o di altri lavoratori; r.si sottopogoo ai cotrolli saitari previsti ei loro cofroti (ove previsto); O.Cotribiscoo, assieme al datore di lavoro, ai dirigeti e ai preposti, all'adempimeto di ttti gli obblighi imposti dall'atorità competete o comqe ecessari per ttelare la sicrezza e la salte dei lavoratori drate lavoro. iritti del persoale i caso di pericolo grave ed immediato L'art. 44 del.lgs. 081/08 dispoe: lavoratore che, i caso di pericolo grave, immediato e che o pò essere evitato, si allotaa dal posto di lavoro ovvero da a zoa pericolosa, o pò sbire pregidizio alco e deve essere protetto da qalsiasi cosegeza daosa. Qado lavoratore, ell'impossibità di cotattare competete speriore gerarchico, prede misre per evitare le cosegeze di tale pericolo, o pò sbire pregidizio per tale azioe, a meo che o abbia commesso grave egligeza. particolare i oceti e i o doceti, ell'ambito delle rispettive competeze, devoo: 1. Ricordare e verificare che gli allievi si attegao ai comportameti previsti i caso d'emergeza; l. Rispettare e far rispettare divieto di fmare i ogi locale scolastico; l ] l :!

6 i, ' ~j l l [ 3. Orgaizzare ogi attività affiché gli spazi siao sfficieti a garatire la sicrezza dei movimeti di ogi operatore; 4. Portare a coosceza del R.S.P.P. e/o del Preside, ogi evetale icidete, sego premoitore di ifortio. isposizioi particolari 10.so di video termiali Ttto persoale ( docete, o docete ed allievi) devoo tizzare l'attrezzatra mita di videotermiale per tempo iferiore a tre ore cosective gioraliere. L'immagie sllo schermo deve essere stabe co boa defiizioe dei caratteri. Lo schermo deve essere orietabe per adegarsi alle esigeze dell'tizzatore e privo di riflessi e riverberi che possao casare molestia. La sedia deve essere regolabe i altezza e poggiare s ciqe rotelle, co schieale regolabe. 2.Rischio scale ( o fisse) lavoratori devoo sempre sare scale stabi co dispositivi atisdrcciolevoli alle estremità iferiori. Le operazioi i altezza, oltre terzo gradio, devoo essere effettate co l'assisteza di collega. 3.La movimetazioe maale dei carichi E' ecessario adottare ttte le misre per evitare la movimetazioe maale di carichi e qado ciò o sia possibe occorre forire ai lavoratori i mezzi adegati allo scopo di ridrre al miimo rischio ( lesioi dorso-addomiali ). 4.lgiee e rischio chimico E' ecessario rispettare le orme igieiche fodametali: + Ogi gioro, al termie delle lezioi, effettare 'accrata plizia di: ale, corridoi, palestra, laboratori, assicrado ricambio d'aria. Plire i servizi igieici tizzado strmeti adegati. detersivi e i prodotti per la plizia tizzati assolvoo loro compito se tizzati correttamete metre l'so improprio pò dare origie a reazioi idesiderate (o mescolare mai cadeggia ed acido mriatico). Pertato, leggere attetamete le istrzioi riportate slle etichette e riporre i coteitori sempre chisi co proprio tappo. prodotti tossici, ocivi o corrosivi vao riposti i loghi iaccessibi a terzi; + l persoale addetto alle plizie tizzerà sempre i dispositivi di protezioe persoale (gati, mascherie ed occhiali paraschizzi) foriti dalla scola, i particolare per gli ali che sbiscoo perdite ematiche casa trami. Attività scolastiche 10.Attività artistiche maali L'so dei diversi strmeti, materiali e sostaze ( ctter, seghetti da traforo, chiodi, martelli, ecc.) va rapportato all'atoomia e all'abità matrata dagli ali. Evitare l'so improprio ed icotrollato di strmeti e materiali. sare prodotti atossici. La maipolazioe e l'so di verici va limitata a piccoli lavori da parte degli adlti (ache l'so di vasi i vetro). tizzare solo forbici co pte arrotodate. G i i l,!j ; i 'j,- l l L

7 l i t., l L J 2.Attività scietifiche e matematiche Valgoo le stesse avverteze per le attività artistiche maali (ell'so di sqadre, compassi, ecc.). Le esperieze scietifiche sarao selezioate accratamete cosi come gli oggetti da cosegare agli allievi. Sarao forite istrzioi precise ai geitori s cosa far portare a scola ai ragazzi. 3.Attività motorie Gli esercizi e le attività devoo essere scelti i relazioe a: atoomia e abità matrata dagli allievi, età, spazi a disposizioe, capacità del docete di gestire l'attività, stato fisico degli ali, caratteristiche del locale, della pavimetazioe e dell'eqipaggiameto. l Servizio di Prevezioe e Protezioe Nella scola irigete Scolastico è stato idividato come "datore di lavoro" ai fii ed agli effetti del decreto legislativo 081/08. L'art.31 del Testo ico slla Sicrezza prescrive che i ogi ità scolastica operi servizio di prevezioe e protezioe (S.P.P.), all'itero del qale irigete Scolastico desiga resposabe i possesso di attitdii e capacità adegate che si dichiari a tal fie dispoibe. L'azioe del S.P.P. cosiste pricipalmete ell'applicazioe sistematica e ripetta el tempo delle misre geerali di ttela elecate ell'art.15 del.lgs. 081/08. PANO EMERGENZA l Piao di emergeza è l'isieme del coordiato di ttte le azioi e comportameti che devoo essere svolte da ttti coloro che freqetao complesso scolastico i caso di icidete che comporti poteziale o reale pericolo per la salte ed icolmità delle persoe e dai ai bei scolastici. l Piao rappreseta docmeto coteete delle "procedre comportametali per la gestioe delle emergeze" che adrà periodicamete aggiorato e revisioato, i cosiderazioe dell'esperieza acqisita el corso delle periodiche esercitazioi (almeo de ell'ao scolastico) e verrà itegrato co le iformazioi che si redessero dispoibi o ecessarie da acqisire, al fie di registrare le variazioi della realtà orgaizzativa e strttrale della scola, oché allo scopo di adegarlo alle mtate esigeze della sicrezza ed allo svppo della tecica e dei mezzi dispoibi. PROCERE EVACAZONE Si cofigrao de distite sitazioi di crisi che comportao la adozioe di provvedimeto di evacazioe dell'edificio scolastico: EVACAZONE PRECAZONALE segalata da: 3 brevi soi (di alci decimi di secodo): Si atta qado si ritiee che l'icidete accertato possa progredire ed evolversi el tempo fio ad assmere a cofigrazioe che pò pregidicare l'icolmità delle persoe. cos.t&-z& -globati per 'e- "7 aa:hl'\do J l ~ ~1_:

8 '--l l ~l EVACAZONE EMERGENZA segalata da: soo cotio di almeo 5 secodi (ripetto per almeo 30 secodi): Costitisce prowedimeto da adottare ogi qalvolta si accerta icidete la ci cosisteza di già pregidica l'itegrità fisica, ed ache qado o si è i grado di prevedere l'evolzioe del feomeo siistroso (es. fga di gas, ecc.) e le dirette cosegeze sll'omo. ogi caso" l'ordie di evacazioe" deve essere impartito, di orma, dal Resposabe del coordiameto, co l'eccezioe di qelle sole circostaze i ci l'etità dell'eveto accertato è tale per gravità da gistificare altri decisioi. 1.l/i resposabi del coordiameto si portao ell'area i ci si è verificato l'icidete per la valtazioe della etità, della evolzioe e delle lteriori azioi di cotrasto che si devoo porre i essere. 2.L'icaricato racial'emergeza i atto alle Strttre Pbbliche di proto soccorso. Gli addetti alla gestioe della emergeza: l.esegoo i compiti codificati dal Piao di emergeza, commisrado le azioi alle circostaze i atto: 2.Aproo i cacelli al cotoro dell'edificio per cosetire l'accesso ai mezzi di soccorso; :t.accertao e se ecessario rimovoo gli ostacoli di impedimeto alla frizioe dei mezzi fissi di difesa o che codizioao deflsso delle masse verso loghi sicri disattivao i qadri elettrici di piao e gli impiati di vetazioe; 4.Chidoo le porte; 5.Segalao i percorsi di esodo ai flssi che evacao piao e rassicrao le masse per cosegire deflsso ordiato e composto; 10.Aitao le persoe i evidete stato di maggior agitazioe; r.lspezioao i locali di piao prima di abbadoare la postazioe. Gli addetti al proto iterveto: l.raggigoo l'area i ci si è verificato l'icidete ed esegoo i compiti codificati dal Piao di emergeza, commisrado le azioi alle circostaze i atto: 2.Cotrastao l'eveto co le difese, attrezzatre e risorse dispoibi; 3.Predispogoo i mezzi di cotrasto all'eveto all'so da parte delle sqadre estere di soccorso; 4.Collaborao co le sqadre estere di soccorso co azioi di spporto e foriscoo a qesti ltimi ogi te itimazioe per localizzare le difese ed i mezzi di cotrasto esisteti el plesso scolastico; 5.abbadoao e/o si allotaao dalla zoa iteressata dall'icidete s disposizioe del Coordiatore e/o degli operatori esteri di soccorso co9""'~ olobo11 per le a.zh,l\de ~8 lj i ~ l, l

9 - '!; l Gli asiari per l'assisteza ai disabi: l.raggigoo disabe al qale Piao di emergeza ha affidato l'assisteza;, O.Affrettao l'evacazioe del disabe; 3.Assistoo disabe ache dopo aver raggito logo sicro previsto dal Piao di emergeza. -. Capifa e Serrafa: Le classi possoo essere orgaizzate i modo da prevedere ali capofa e serrafa. Costoro si dispogoo drate la evacazioe ordiata della classe alla testa ed alla coda della "coloa" (i fa idiaa teedosi per mao). Co loro comportameto sicro e determiato devoo trasmettere fidcia e traqlità ai colleghi. l.precedoo e segoo la "coloa" (i fa idiaa teedosi per mao) che deflisce dall'ala per evacare; O.Cotroliao che colleghi o idgio a raccogliere effetti persoali ed idmeti; 3.L'isegate i servizio al mometo dell'icidete, dopo essere scito dall'ala, si dispoe ell'ltima postazioe della "coloa" per cotrollare che qesta o sì disgreghi drate l'esodo. Recpera e porta co se "registro di classe" per cotrollo delle preseze a volta raggito logo sicro estero. Le masse scolastiche passive (classe): r.esegoo co digeza gli ordii impartiti dall'isegate; O.Evitao di portare ogi effetto persoale pesate e/o volmioso, iclsi gli idmeti di atra acrica e/o plastica; 3.Compogoo "la coloa" di deflsso dispoedosi i fa idiaa e prededosi l per mao; 4.Raggigoo logo sicro estero rimaedo sempre el grppo fio alla cessazioe dell'emergeza. r., l Le l l' J Norme per gli ali i sitazioe di hadicap Gli ali i sitazioe di hadicap preseti a scola segirao le stesse procedre previste per resto della classe co l'avverteza che, qalora lo sfollameto dell' edificio awega i mometo i ci è presete l'isegate di sostego, qest'ltimo dovrà occparsi premietemete di loro. caso di preseza di ali co gravi difficoltà di motricità globali l'evacazioe avverrà dall'scita di sicrezza mita di scivolo per sperameto delle barriere architettoiche. L'isegate che i qel mometo ha i carico l'alo (isegate di sostego, isegate di classe, assistete "ad persoam") prowederà all'evacazioe dell'alo stesso; qalora l'isegate che ha i carico l'alo abbia i carico ache eosoteze- elo~ per le a%hado '-9

10 resto della classe (o vi siao cioè compreseze, é isegati di sostego e assisteti edcatori), dovrà chiamare collaboratore scolastico a ci assegerà l'icarico di codrre l'alo fori dall'edificio segedo le stesse modalità idicate i precedeza. Soccorso e tipologia di disabità Soccorrere disabe motorio Se la persoa pò allotaarsi mediate l'tizzo di a sedia a rotelle:.:. assicrarsi che percorso sia libero da evetali barriere architettoiche; i preseza di ostacoli, qali scale o gradii, aitarla a sperarli el segete modo:.:. posizioarsi dietro la carrozzia, impgare le maiglie della sedia icliadola all'idietro di circa 45 ed affrotare l'ostacolo, mateedo la posizioe icliata fio a che o si raggige logo sicro ed i piao. Ricordarsi di affrotare l'ostacolo procededo sempre all'idietro! Se bisoga trasportare a persoa o i grado di collaborare:.:. o sottoporre a trazioe le se strttre articolari perchè si potrebbero provocare dai, tizzare come presa cigolo scapolare (complesso articolare della scapola) o cigolo pelvico (complesso articolare del bacio e dell'aca). Soccorrere disabe sesoriale Persoe co disabità dell'dito.:. facitare la lettra labiale, si eviterao icompresioi e si agevolerà soccorso;.:. qado si parla teere ferma la testa e posizioare viso all'altezza degli occhi dell'iterloctore;.:. parlare distitamete, possibmete co a corretta procia, sado frasi brevi co too ormale (o occorre gridare);.:. scrivere i stampatello omi e parole che o si riescoo a comicare;.:. mateere a distaza iferiore al metro e mezzo. Ache le persoe co protesi acstiche hao difficoltà a recepire itegralmete parlato, cercare di atteersi alle stesse precazioi. Persoe co disabità della vista.:. aciare al preseza e parlare co voce distita;.:. spiegare la reale sitazioe di pericolo;.:. evitare di alterare a terza persoa ella coversazioe; (. descrivere aticipata mete le azioi da itrapredere;.:. gidare la persoa lgo percorso el modo che si ritiee più opporto: appoggiata alla spalla e leggermete più idietro;.:. aciare la preseza di ostacoli come scale, porte o altre sitazioi di impedimeto;.:. se si accompagao più persoe co le stesse difficoltà aitarle a teersi per mao; ~ ::::::::::-_... ~

11 r l L [,!,J + o abbadoare la persoa a volta raggito logo fori pericolo, ma assicrarsi che sia i compagia. Soccorrere disabe cogitivo Ricordarsi che persoe co disabità di appredimeto: + potrebbero avere difficoltà ell'esegire istrzioi complesse, speriori ad a breve seqeza di azioi semplici; + i sitazioi di pericolo possoo mostrare atteggiameti di parziale o lla collaborazioe verso chi atta soccorso. Qidi: + accertarsi che la persoa abbia percepito la sitazioe di pericolo; + accompagare la persoa se dimostra di avere problemi di scarso seso direzioale; + forire istrzioi sddividedole i semplici fasi sccessive; + sare segali semplici o simboli facmete compresibi; + cercare di iterpretare le evetali reazioi; + di frote a comportameti aggressivi dare la precedeza alla salvagardia dell'icolmità fisica della persoa. Ricorrere all'iterveto coercitivo se qesto costitisce l'ica solzioe possibe. EMERGENZA SENZA EVACAZONE (l'teza resta all'itero dei locali) segalata: co comicazioe orale. Si atta qado si ritiee che l'icidete accertato NON possa progredire è,, evolversi el tempo.! i ij [ l Adempimeti da rispettare e comportameti da teere i casi di emergeza Qesta sezioe deve essere commetata i seo alla trattazioe delle materie scolastiche almeo a volta all'ao e preferibmete prima di a delle de "simlazioi di evacazioi". Si precisa che l'evacazioe del plesso scolastico va SEMPRE effettata per i segeti accadimeti: cedio - Terremoto - Fga gas/sostaze pericolose - Scoppio/ crollo di impiati e strttre itere - Telefoate aoime (miacce di bomba). altri accadimeti pò risltare coveiete ivece che la teza scolastica resti preferibmete all'itero dei locali occpati. Gli icaricati al coordiameto della emergeza valterao di volta i volta le circostaze, la evolzioe degli eveti e le azioi da porre i essere per la ttela della itegrità fisica dei preseti. l i! i l ~- -1, i J CO"i.~t.:z. globali per le az:.tode 11~! :, L:

12 [, ' l :1 L~ r Si esamiao di segito differeti sitazioi di rischio:, NCENO caso d'icedio co preseza di fiamme e fmo i locale, i preseti devoo allotaarsi celermete da qesto, avedo cra di chidere alla fie dell'evacazioe la porta del locale, avvisare gli addetti di piao e portarsi secodo le procedre piaificate all'estero del locale e rimaere i coloa i prossimità del vao scala i attesa che vega diramato l'ordie di evacazioe geerale del plesso scolastico. caso d'icedio i ambieti distiti e relativamete lotai da qello i ci ci si trova, attedere che i preposti diramio le direttive di evacazioe ordiata e composta. Ciasco è obbligato ad osservare le procedre stabite dal piao di emergeza. Nelle vie di esodo (corridoi, ecc.) i preseza di fmo i qatità tale da redere difficoltosa la respirazioe, cammiare chii, proteggere aso e bocca co fazzoletto bagato (se possibe) ed orietarsi tramite cotatto co le pareti per raggigere loghi sicri. E' preferibe teersi per mao e o icorrere i isterismi che redoo più difficoltoso l'esodo. Nel caso i ci percorso che codce alle scite di sicrezza fosse impedito da fiamme e fmo, dirigersi all'estero tizzado le scale alterative di deflsso. Nel caso che dal logo i ci ci si trova o fosse possibe evacare all'estero per impedimeti dovti a fiamme, fmosità e forte calore, è idispesabe recarsi, se possibe, ell'apposito logo sicro statico (se esistete), o i alterativa ei locali bagi (preseza di acqa e poco materiale combstibe), oppre restare ell'ambiete i ci ci si trova avedo cra di chidere completamete la porta di accesso. Le fessre a fo pavimeto potrao agevolmete essere occlse co idmeti dispoibi all'itero. Ove possibe, è bee mateere mido lato itero della porta applicado idmeto (grembe, impermeabe, tedaggio) precedetemete bagato (sia pr co ria). Le fiestre dovrao essere matete chise. Gli arredi (bachi, lavage, tavoli, sedie) dovrao essere allotaati dalla porta ed accostati i prossimità di a fiestra. Le persoe che idossao tessti acrici e sitetici (ylo, poliestere ecc.) dovrao spogliarsi di qesti. Chiaramete è ecessario segalare ai soccorritori radati all'estero la preseza forzata ell'ambiete. liea geerale, se le vie di esodo lo cosetoo, l'evacazioe deve svolgersi el seso discedete; i caso di impedimeti, el seso ascedete, specie se l'edificio è dotato di terrazzo od ampi balcoi. E' fatto divieto percorrere le vie di esodo i direzioe opposta ai ormali flssi di evacazioe (scedoo ttti o salgoo ttti). rate l'evacazioe ttte le porte di scale protette, a prova di fmo, dopo l'tizzo devoo rimaere ella posizioe di "chiso". E' fatto divieto a chiqe o abbia avto a preparazioe specifica di tetare dì estigere icedio co le dotazioi mobi esisteti e specialmete qado le fiamme hao forte itesità espasiva. La corretta operazioe da compiere è qella di avvisare gli addetti di piao, segalare l'eveto pacatamete ai preseti e riversare ai preposti l'icarico di chiamare i soccorsi pbblici. Qalqe so di lace idriche è cosetito dopo aver accertato la disattivazioe dei circiti elettrici (almeo di piao). Operazioe che pò essere esegita solamete dagli addetti al proto iterveto. eoai.ze- globa p9f" r. a%h",de 12~ l, l l

13 r i J,, ' 'cj ", l' 1 J cedi di atra elettrica possoo essere speti solo co l'impiego dì estitori a C02 - Polvere. cedi che iteressao apparecchi o tbazioi a gas possoo essere speti chidedo dapprima le valvole di itercettazioe. Sccessivamete gli operatori abitati prowederao alla estizioe degli oggetti icediati dalle fiamme. Lo spegimeto di dardo da gas i preseza di altri fochi ell'ambiete pò provocare la riaccesioe esplosiva, se precedetemete o è stato iterdetto flsso gassoso. Se l'icedio ha coivolto a persoa è opporto impedire che qesta possa correre: sia pr co la forza bisoga obbligarla a distedersi e poi soffocare le fiamme co idmeti, coperte od altro (MA CON GL ESTNTOR). A di là di sggerimeti tecici è opporto che drate le operazioi di evacazioe ciasco matega comportameto ispirato a setimeti di solidarietà, civismo e collaborazioe verso gli altri. Raggite le aree estere, coloro che o hao specifiche masioi previste dal piao di emergeza devoo sostare elle aree di raccolta per o ostacolare le operazioi di salvataggio e di estizioe delle Strttre Pbbliche di soccorso (Vigi, Croce Rossa, Polizia ecc.). E' ecessario che ogi classe di stdeti si ricompoga all'itero delle aree di raccolta affiché si possa procedere ad cotrollo di ttte le preseze da parte dell'icaricato (isegate ecc.). TERREMOTO doceti devoo: l.mateersi i cotio cotatto co coordiatore attededo disposizioi sll'evetale evacazioe. Gli stdeti devoo: r.posizioarsi ordiatamete elle zoe sicre; 2.Proteggersi, drate sisma, dalla cadte di oggetti riparadosi sotto i bachi o i corrispodeza di architravi ; 3.Nel caso si proceda alla evacazioe segire le orme specifiche di evacazioe. doceti di sostego devoo: r.co l'aito di ali predisposti e, se ecessario, spportati da operatori scolastici, crare la protezioe degli ali disabi. l Coordiatore dell'emergeza, i relazioe alla dimesioe del terremoto, darà disposizioe di: l.procedere all'evacazioe immediata ed evetalmete dare segale di allarme; 2.lterrompere immediatamete l'erogazioe dell'eergia elettrica; 3.Awertire i resposabi di piao che si tegao proti ad orgaizzare l'evacazioe; 4.Coordiare ttte le operazioi attieti. a volta al di fori dello stabe, allotaarsi da qesto. Portarsi i ampi piazzali lotao da alberi di alto fsto e da liee elettriche aeree e restare i attesa che l'eveto vega a cessare. l,, ;!!, ;! ṇ, ~

14 - - ij Nel caso che le scosse tellriche dovessero coivolgere sbito lo stabe e dovessero iteressare le strttre, tato da o permettere l'esodo delle persoe, è preferibe o sostare al cetro degli ambieti e raggrpparsi possibmete vicio alle pareti perimetrali od i aree d'agolo i qato strttre più resisteti. Prima di abbadoare lo stabe, a volta che è termiata l'emergeza, accertarsi co catela se le regolari vie di esodo soo itegre e fribi, altrimeti attedere l'arrivo dei soccorsi esteri. Se lo stabe è stato iteressato cosistetemete ella resisteza delle strttre - rimaere i attesa di soccorsi ed evitare sollecitazioi che potrebbero creare lteriori crolli. FGA GAS/SOSTANZE PERCOLOSE SCOPPO/CROLLO MPANT E STRTTRE NTERNE Si combiao gli adempimeti ed i comportameti da teere i caso di icedi e terremoti gradati alla reale circostaza della emergeza co le lteriori prescrizioi: lo.l caso di fga dì gas o preseza di odori che lasciao prevedere la preseza di sostaze pericolose, è ecessario evitare di accedere tizzatori elettrici é spegerli el logo ivaso dal gas ma è preferibe disattivare l'eergia elettrica dal qadro di piao e/o geerale. Evitare altresì la formazioe di scitle e l'accesioe di fiamme libere; 2.Aerare locale apredo le fiestre, ma avedo cra di mateere la porta chisa dopo l'allotaameto dal logo; SO.Respirare co calma e se fosse ecessario frapporre tra la bocca, aso e l'ambiete fazzoletto preferibmete mido; 4.Mateersi più possibe lotao dalla sorgete di emissioe del gas o dei vapori tossici e ocivi. ~ ;;. ALLVONE caso di allvioe dell'edificio scolastico, portarsi sbito ma co calma dai piai bassi a qelli più alti. L'eergia elettrica dovrà essere iterrotta dal qadro geerale dal preposto. Nella maggior parte dei casi qesto eveto si maifesta ed evolve temporalmete i modo leto e gradale. No cercare di attraversare ambieti iteressati dall'acqa, se o si coosce perfettamete logo, la profodità dell'acqa stessa, la esisteza ell'ambiete di pozzetti, fosse e depressioi. No allotaarsi mai dallo stabe qado la zoa circostate è completamete ivasa dalle acqe allvioali, per o icorrere el trasclameto per la violeza delle stesse. Attedere, pazietemete, l'iterveto dei soccorritori segalado la posizioe ed i loghi i ci si sosta. Evitare di permaere i ambieti co preseza di apparecchiatre elettriche, specialmete se iteressati dalle acqe allvioali. i i 14-. CNO,"iH.d-.:'"x- gle>b'l'lo per l. azi«'de

15 J L _.,~ l TROMBA 'ARA Alle prime maifestazioi della formazioe di a tromba d'aria, cercare di evitare di restare i zoe aperte. Se la persoa sorpresa dalla tromba d'aria dovesse trovarsi elle viciaze di piate dì alto fsto, allotaarsi da qeste. Qalora ella zoa aperta iteressata dalla tromba d'aria dovessero essere preseti dei fossati o bche, è opporto ripararsi i qesti. Se elle viciaze dovessero essere preseti fabbricati di solida costrzioe, ricoverarsi egli stessi e restarvi i attesa che l'eveto sia termiato. Trovadosi all'itero di ambiete chiso, porsi lotao da fiestre, porte o da qalqe altra area dove soo possibi cadte di vetri, arredi, ecc. Prima dì scire da o stabe iteressato dall'eveto, accertarsi che l'ambiete - estero e le vie di esodo siao prive di elemeti sospesi o i procito di cadta. CATA AEROMOBLE/ESPLOSON CROLL/ATTENTAT E SOMMOSSE CHE NTERESSANO AREE ESTERNE qesti casi ed i altri simi i ci l'eveto iteressa direttamete aree estere all'edificio scolastico, Piao d'emergeza prevede la "o evacazioe". comportameti da teere soo i segeti: r.no abbadoare le ale e o affacciarsi alle fiestre per criosare; 2.Spostarsi dalle porzioi di ala allieate co fiestre estere e co porte o che siao sottostati oggetti sospesi (lampadari, qadri, altoparlati ecc.) e cocetrarsi i zoe più sicre (ad esempio tra la parete delimitata da de fiestre o slla parete dell'ala opposta a qella estera); 3.Mateere la calma e o codizioare i comportameti altri co isterismi ed rla; ricorare ed assistere i colleghi i evidete stato di maggior agitazioe; 4.Attedere le lteriori istrzioi che verrao forite dagli addetti alla gestioe della emergeza. MNACCA ARMATA E PRESENZA FOLLE Ache i qesto caso Piao di emergeza deve prevedere la "o evacazioe". Verrao forite le iformazioi alla teza scolastica che dovrà atteersi ai segeti pricipi comportametali: l.no abbadoare le ale e o affacciarsi alle porte per criosare; 2.Restare sedti ciasco al proprio posto e co la testa chia se la miaccia è diretta; 3.No cocetrarsi per o offrire maggiore sperficie ad azioi di offesa fisica; 4.No cotrastare co i propri comportameti le azioi compite dall'attetatore folle; 5.Mateere la calma ed cotrollo delle proprie azioi per offese ricevte e o deridere i comportameti sqibrati del folle;, l l i t

16 ' ; l ' t 10.Qalsiasi azioe e/o movimeto compito deve essere esegito co atralezza e co calma (essa azioe che possa apparire frtiva, ess movimeto che possa apparire a fga o a reazioe di difesa); r.se la miaccia o è diretta e si è certi delle azioi attive di cotrasto delle Forze di - Polizia, porsi sotto i tavoli scolastici ed attedere lteriori istrzioi dall'isegate. NCENT E NFORTN SL LAVORO rate l'ordiaria attività scolastica ed ache i occasioe di eveto siistroso pò accadere che qalco possa restare vittima di icidete o sbire malore mometaeo. attesa di soccorso qalificato (medico, amblaza, Proto Soccorso ospedaliero) le persoe opportamete addestrate preseti el plesso scolastico possoo prestare primo soccorso ed assisteza all'ifortato sado materiali e mezzi dispoibi al mometo dell'icidete. Se qalco sbisce ifortio, si è teti a dare awiso al diretto resposabe del primo soccorso saitario. La persoa competete effetterà a prima medicazioe tizzado i coteti della "cassetta di proto iterveto", lasciado ai Saitari qalificati compito di a più risoltiva ed efficace medicazioe. Procedre comportametali: No fare lla se o si ha a preparazioe specifica l.se l'ifortato è grave, chiamare Proto Soccorso estero; 10.No spostare é movere l'ifortato; SO.Evitareaffollameti sl logo per facitare l'opera di soccorso; to.sistemare l'ifortato elle migliori codizioi possibi: alletargli i vestiti, aprirgli colletto, scioglierli la citra e se occorre coprirlo co a coperta; 5.Se occorre, iviare paziete dal medico, dopo primo soccorso; 10.No dare mai bevade alle persoe prive di sesi; r.praticare ai soggetti a rischio di soffocameto e a chi è colpito da correte elettrica la respirazioe artificiale; 8.l caso di ferite, disifettarle, coprirle co garza stere e fasciarle; 9.l caso di emorragie, coprire la ferita co garza e comprimerla. RACCOMANAZON SLLA PROCERA EVACAZONE ELL'EFCO SCOLASTCO A soo dell'allarme, soo che ttti devoo ricooscere, gli ali lasciao ttto come si trova ell'ala, preparadosi ad scire dalla stessa i fa ordiata e teedosi per mao. ragazzi icaricati per l'apertra della fa aproo la porta della propria classe e codcoo la fa ordiatamete. ragazzi icaricati di chidere la fa assolvoo a detto compito e soccorroo evetali compagi i difficoltà o pericolo, cofermado al ragazzo/a "apri-fa" l'iizio della fase di scita. ~ Prof. Rl co-sòt..dez,.e glob~i P"''' W azhad-e: ~16" li l li ~ i i

17 l~! J L J J L'icaricato (persoale o docete), dopo aver aperto la porta di emergeza, co l'aito degli "apri-fa" di ogi classe, fa scire ordiatamete le scolaresche che dovrao recarsi el pto stabito all'estero, deomiato "pto di raccolta". L'icaricato (persoale o docete) dell'apertra della porta di emergeza lascerà l'edificio al segito dell'ltima scolaresca evacata sl piao, accertadosi che o ci sia più esso presete ell'area assegata. L'isegate, co registro di classe, i testa alla scolaresca sege percorso di scita assegato alla classe, crado che gli ali si mategao compatti, i fa idiaa e teedosi per mao, iterveedo co tempestività là dove si determiio sitazioi critiche o si maifestio reazioi di paico. oltre, o appea raggito pto di raccolta estero, l'isegate dovrà effettare l'appello e compare co l'aito di ragazzo "chidi-fa", rapporto d'evacazioe, che dovrà essere protamete cosegato al Ncleo Operativo. LASCATE TTTO COME S TROVA NELL'ALA: o raccogliete lla, se o lo stretto ecessario alle vostre esigeze ( occhiali, ecc. ); NON V SERVREBBE E FARESTE SOLO PERERE TEMPO PREZOSO; CERCATE SEMPRE MANTENERE LA CALMA, di rispettare i cosigli dati alle persoe idividate ella procedra e di collaborare co tali persoe per otteere delle azioi d'evacazioe ordiate e sicre; Se siete per le scale o per i corridoi, o comqe fori dalla vostra ala, SCTE ALLE SCALE SCREZZA P' VCNE, aggregadovi se possibe, ad a qalsiasi classe che tizzi tale scita. Portatevi ella zoa di vostra assegazioe, pto di raccolta, fori dall'edificio; la stessa idicazioe vale ache al mometo della ricreazioe o qalora vi troviate ai servizi o i qalsiasi altro locale della scola; o abbadoate pto di sicrezza estero raggito co la classe evacata, ache se o apparteete alla stessa classe, e rimaete a disposizioe dell'isegate che vi impartirà le opporte disposizioi. La classe, procededo verso l'scita d'emergeza e sio al pto di sicrezza estero: + NON EVE SNRS; + drate tragitto NESSNO EVE CORRERE E GRARE; + la classe dovrà procedere i FLA NANA TENENOS PER MANO; + raggito pto di sicrezza estero, la classe EVE RMANERE NTA E COMPATTA; + evetali ali co difficoltà motorie sarao presi i cosega dall'isegate di sostego e dal persoale o docete prevetivamete idividato ed assegato esclsivamete a tale icarico. NORME PER GENTOR L'stitto Scolastico ha predisposto Piao di Emergeza e di Evacazioe che prevede le misre ecessarie per froteggiare qalqe tipo di evetale emergeza ed evitare lteriori pericoli. l presete maale e costitisce a sitesi, te a ricordare sopratttto agli stdeti e a ttti gli operatori le procedre più importati ed esseziali. J J! G

18 l, l. Per qato rigarda i Geitori, fra i comportameti corretti da teere, i più importati possoo essere cosiderati: 1.11o precipitarsi a predere i figli co i propri mezzi di trasporto per o redere difficoltosi gli evetali movimeti dei mezzi di soccorso. 2.Nel caso siao preseti a scola drate a evetale emergeza: adegarsi alle disposizioi Loro impartite dal Persoale della scola secodo le modalità previste dal Piao di Emergeza - -. Carlelloislica di sicrezza Nell'edificio scolastico è esposta, e deve essere mateta cotrollata, la segaletica destiata a trasmettere messaggi di sicrezza. l decreto legislativo , atta a direttiva CEE cocerete le prescrizioi miime per la segaletica di sicrezza elo salte sl logo di lavoro. Le figre segeti riportao a casistica della segaletica d'so come. L Cartelli per segalare la posizioe degli estitori e delle bocchette aticedio. Frecce colorate idicao percorso per abbadoare l'edificio i caso di pericolo. l SCTA EMERGENZA _, Le scite di sicrezza, ricooscibi per via del cartello sopra lo stipite, devoo aprirsi agevolmete. pti di raccolta esteri soo idicati co PNTO RACCOLTA _, :, l!

19 J l La sirea per l'allarme è idicata co l logo di medicazioe: Altri cartelli: ~ ~

20 l Ai sesi dell'art.36 e segeti del.lgs. 081/08, del.m e 363/98 presete maale è stato predisposto per adempiere agli obblighi di iformazioe del persoale dipedete. data a copia è stata cosegata a ttti gli aveti diritto che firmao qi di segito per ricevta e per dichiarare l'avveta iformazioe: i ~ l -.20 ~_"."%O per le a.z:ì4#d'o -eto-bçdi

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Metodi di misura in corrente alternata monofase

Metodi di misura in corrente alternata monofase Uiversità degli Stdi di alermo Facoltà di gegeria etodi di misra i correte alterata moofase isre el settore elettrico isre i correte alterata, caso moofase isre i correte alterata, caso trifase Esempi:

Dettagli

Vasche volano. Corso di Costruzioni Idrauliche

Vasche volano. Corso di Costruzioni Idrauliche Vasche volao Le vasche volao soo opere di accmlo temporaeo che hao lo scopo di cotrollare gli scarichi dal sistema di dreaggio. Soo geeralmete costitite da vasche chise realizzate i mratra (CLS), spesso

Dettagli

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende)

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende) Spazio per timbri DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (isege, targhe, affissi pubblicitari e tede) Al Servizio Edizia Privata del Comue di PAVIA DI UDINE La D.I.A. va presetata i bollo ( 14,62) quado costituisca

Dettagli

serie COMIGNOLI Realizzato in acciaio inox AISI 316L BA n Parete interna liscia n Adattabilità ad ogni situazione (UNI 7129 parte3)

serie COMIGNOLI Realizzato in acciaio inox AISI 316L BA n Parete interna liscia n Adattabilità ad ogni situazione (UNI 7129 parte3) S I S T E M I F U M A R I serie COMIGNOLI Realizzato i acciaio iox AISI 316L BA Parete itera liscia Adattabilità ad ogi situazioe (UNI 7129 parte3) Facile e veloce da motare Desig piacevole e progettazioe

Dettagli

Soggetti della prevenzione

Soggetti della prevenzione Materiale didattico per la formazioe dei Rappresetati dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Soggetti della prevezioe Cultura della sicurezza patrimoio comue del modo del lavoro: impresa, lavoratori e parti

Dettagli

Il Preposto. Soggetti della prevenzione. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Soggetti della prevenzione. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiale didattico per la formazioe dei Preposti Il Preposto Soggetti della prevezioe Cultura della sicurezza patrimoio comue del modo del lavoro: impresa, lavoratori e parti sociali. Il testo uico sulla

Dettagli

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico?

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico? STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si itede per dao ecoomico? Per dao ecoomico si itede la perdita o la dimiuzioe di valore che u bee subisce a seguito di u siistro ( eveto o prevedibile) o da u fatto doloso

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy.

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy. Presetazioe Covezioe Corpo Volotari Garibaldii e Blu Eergy Srl per la promozioe delle Eergie Riovabili Le pricipali caratteristiche del progetto www.blu-eergy.it Diamo il ostro cotributo Blu Eergy e il

Dettagli

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55 La Norma CEI 0-21, la uova regola tecica di coessioe BT Per quato riguarda gli impiati elettrici, oltre alle prescrizioi della Norma CEI 64-8 e successive variati, occorre teere i cosiderazioe u ulteriore

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

I blocchi di alleggerimento nei solai secondo le NTC 2008

I blocchi di alleggerimento nei solai secondo le NTC 2008 Vicezo Bacco Normativa I blocchi di alleggerimeto ei solai secodo le NTC 200 Si cofrotao i blocchi di laterizio co i blocchi di polistirolo i base alla loro trattazioe elle uove orme teciche (DM 14/01/200).

Dettagli

Quando lo studente è un lavoratore Gli obblighi e gli adempimen8 a carico della scuola

Quando lo studente è un lavoratore Gli obblighi e gli adempimen8 a carico della scuola Quado lo studete è u lavoratore Gli obblighi e gli adempime8 a carico della scuola A cura di Claudio Zai lombardia-prevezioe@iail.it 1 Articolo 2 - Defiizioi 1. Ai fii ed agli effetti delle disposizioi

Dettagli

QUANTIFICAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURE CHIMICO - FISICHE

QUANTIFICAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURE CHIMICO - FISICHE QUNTIFICZIONE DELL INCERTEZZ NELLE MISURE CHIMICO - FISICHE Reato orromei- Dipartimeto di Chimica Geerale ed Iorgaica, Chimica alitica, Chimica Fisica settembre 006 SOMMRIO Icertezza di a misra Calcolo

Dettagli

Medici Specialisti e Odontoiatri

Medici Specialisti e Odontoiatri ALLEGATO B BOLLO 16,00 P A R T E P R I M A DOMANDA DI INCLUSIONE NELLA GRADUATORIA art. 21 dell Accordo Collettivo Nazioale per la disciplia dei rapporti co i Medici specialisti ambulatoriali, Medici Veteriari

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

Disposizioni semplici. Disposizioni semplici esercizi

Disposizioni semplici. Disposizioni semplici esercizi Disposizioi semplici Ua disposizioe (semplice) di oggetti i k posti (duque 1 < k < ) è ogi raggruppameto di k oggetti, seza ripetizioi, scelti fra gli oggetti dati, cioè ciascuo dei raggruppameti ordiati

Dettagli

Oggetto: DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI - RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA. (artt. 24 e 25 D.P.R. 06.06.2001 n. 380)

Oggetto: DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI - RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA. (artt. 24 e 25 D.P.R. 06.06.2001 n. 380) MARCA DA BOLLO DA 14,62 SPETT. LE COMUE DI CALUSCO D ADDA (BG) - Settore Tecico Oggetto: DICHIARAZIOE DI FIE LAVORI - RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA. (artt. 24 e 25 D.P.R. 06.06.2001. 380) Il sottoscritto...titolare

Dettagli

A = 10 log. senϕ = n n (3)

A = 10 log. senϕ = n n (3) CORSO DI LABORATORIO DI FISICA A Misure co fibre ottiche Scopo dell esperieza è la misura dell atteuazioe e dell apertura umerica di fibre ottiche di tipo F-MLD-500. Teoria dell esperieza La fisica sulla

Dettagli

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa regioe puglia il lavoro e l iovazioe PO FESR 2007-2013 Asse VI Azioe 6.1.5. idi uove iiziative d impresa Regioe Puglia cosa trovo i questa scheda? Questa scheda cotiee alcue iformazioi sulla Misura Nidi

Dettagli

Io domani. La tutela del minore e la genitorialità attraverso progetti integrati. Il congegno pensante

Io domani. La tutela del minore e la genitorialità attraverso progetti integrati. Il congegno pensante Io domai. La tutela del miore e la geitorialità attraverso progetti itegrati Il cogego pesate equipe: T. Toscai G. Fracii G. Mote Istituto Terapia Familiare di Bologa Alle Radici del Dao I bambii che restao

Dettagli

TEORIA DEI VALORI ESTREMI E APPLICAZIONI AL CALCOLO DEL VALUE AT RISK

TEORIA DEI VALORI ESTREMI E APPLICAZIONI AL CALCOLO DEL VALUE AT RISK UNIVERSITA DI URBINO FACOLTA DI ECONOMIA TEORIA DEI VALORI ESTREMI E APPLICAZIONI AL CALCOLO DEL VALUE AT RISK Giaa Figà-Talamaca Uiversità della Calabria Vale at Risk 1 Il Vale at Risk (Valore a Rischio

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

Probabilità e Statistica I

Probabilità e Statistica I Probabilità e Statistica I Elvira Di Nardo (Dipartimeto di Matematica) Uiversità degli Studi della Basilicata e-mail:diardo@uibas.it http://www.uibas.it/uteti/diardo/home.html Tel:097/05890 Prerequisiti:

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO 1 2

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA. Delibera del C.d.A.

BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA. Delibera del C.d.A. BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA Distretto tecologico Sicilia Micro e Nao Sistemi società cosortile a r.l ZONA INDUSTRIALE

Dettagli

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione Le ode elettromagetiche Origie e atura, spettro delle ode e.m., la polarizzazioe Origie e atura delle ode elettromagetiche: Ua carica elettrica che oscilla geera u campo elettrico E che oscilla e a questo

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Foto Foto estera estera scambiatore i i fuzioe fuzioe 20/01/2006 Pagia 1 Iformazioi geerali Impiato dedicato al recupero calore a valle del filtro a maiche.

Dettagli

VAIO-Link Guida Cliente

VAIO-Link Guida Cliente VAIO-Lik Guida Cliete "Cosideriamo ogi sigola domada del cliete co la massima attezioe e il dovuto rispetto e facciamo del ostro meglio perché il cliete abbia u'ottima impressioe del cetro di assisteza

Dettagli

DOMUSLIFT XL IGV ISTRUZIONI DI MANUTENZIONE. Piattaforma elevatrice DIRETTA TELESCOPICA F17PB05

DOMUSLIFT XL IGV ISTRUZIONI DI MANUTENZIONE. Piattaforma elevatrice DIRETTA TELESCOPICA F17PB05 DOMUSLIFT XL Piattaforma elevatrice 01/04/10 Rev. 3 Via Di Vittorio, 21 20060 Vigate Milao Italy Tel 029127.1 Fax 02960423 IGV www.igvlift.com www.domuslift.com e-mail:igvmail@igvlift.com PAGINA : 1/8

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER ESA ESTRO

INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER ESA ESTRO Bollettio E708 rev0 7/06/0 INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER SERIE - CARATTERISTICHE Tesioe di alimetazioe: 90 40vac Frequeza di alimetazioe: 40 70 Hz Assorbimeto massimo: 40W Temperatura di fuzioameto:

Dettagli

ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE STELLA - TURGNANO SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Comune di

ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE STELLA - TURGNANO SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Comune di NON SERVE MARCA DA BOLLO ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE STELLA - TURGNANO SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Comue di SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AFFITTACAMERE (1) l sottoscritto:

Dettagli

MiFID. Gruppo Deutsche Bank Finanza & Futuro

MiFID. Gruppo Deutsche Bank Finanza & Futuro Gruppo Deutsche Bak Fiaza & Futuro MiFID Traspareza, fiducia, protezioe dell ivestitore. Soo i pricipi a cui Fiaza & Futuro Baca si è sempre ispirata. Pricipi saciti dalla direttiva europea MiFID (Market

Dettagli

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE PO FESR 2007-2013 Asse VI Azioe 6.1.5. idi uove iiziative d impresa cosa trovo i questa scheda? Questa scheda cotiee alcue iformazioi sulla Misura Nidi - Nuove Iiziative d Impresa della Regioe Puglia i

Dettagli

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

SICUREZZA ANTINCENDIO

SICUREZZA ANTINCENDIO SICUREZZA ANTINCENDIO LA GESTIONE DELL EMERGENZA IN UNA COMUNITA Logo Soggetto Attuatore LA GESTIONE DELL EMERGENZA IL FUOCO I COMBUSTIBILI L INCENDIO GLI EFFETTI DELL INCENDIO L EMERGENZA COS È L'EMERGENZA?..L'emergenza

Dettagli

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014)

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014) Calcolo Combiatorio (vers. 1/10/2014 Daiela De Caditiis modulo CdP di teoria dei segali Igegeria dell Iformazioe - sede di Latia, CALCOLO COMBINATORIO Pricipio Fodametale del Calcolo Combiatorio: Si realizzio

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

AL VIA L ASSISTENZA SANITARIA PER I FERROVIERI

AL VIA L ASSISTENZA SANITARIA PER I FERROVIERI Iformativa del 11 geaio 2013 AL VIA L ASSISTENZA SANITARIA PER I FERROVIERI Arriva al traguardo ua parte importate degli impegi cotrattualmete assuti i tema di welfare aziedale per i dipedeti del Gruppo

Dettagli

SISTEMA D'IMPRESA GESTIONE GESTIONE SISTEMA DELLE OPERAZIONI SIMULTANEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGANO DINAMICAMENTE

SISTEMA D'IMPRESA GESTIONE GESTIONE SISTEMA DELLE OPERAZIONI SIMULTANEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGANO DINAMICAMENTE SISTEMA D'IMPRESA ORGAIZZAZIOE GESTIOE 1 GESTIOE SISTEMA DELLE OPERAZIOI SIMULTAEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGAO DIAMICAMETE PER IL RAGGIUGIMETO DEI FII DELL IMPRESA 2 ORGAIZZAZIOE I SESO AMPIO LA RIUIOE DI

Dettagli

e per La gestione delle emergenze durante

e per La gestione delle emergenze durante prodotti assorbeti e prodotti di emergeza cotro Le perdite Liee guida sulla prevezioe e per La gestioe delle emergeze durate L'uTiLizzo di sostaze pericolose prodotti assorbeti / sostaze assorbeti / gestioe

Dettagli

PROGRAMMA RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI

PROGRAMMA RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI COMUNE DI VIGGIANO Provicia di Poteza 0975 61142 Fax 0975 61137 Partita IVA 00182930768 C.C.P. 14378855 PROGRAMMA RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI Azioe A2 BANDO PER

Dettagli

Marketing della destinazione per meeting, congressi ed eventi

Marketing della destinazione per meeting, congressi ed eventi GENOVA 2-5 SETTEMBRE 2012 IV CORSO RESIDENZIALE FOCUS ON Marketig della destiazioe per meetig, cogressi ed eveti Associazioe azioale delle Imprese pubbliche, private e dei Professioisti della meetig idustry

Dettagli

ALLEGATO C ELENCO PREZZI UNITARI QUANTITA PREVISTA. Cassonetti Intervento. Cestini Intervento. 231 Interventi. Cassonetti Intervento.

ALLEGATO C ELENCO PREZZI UNITARI QUANTITA PREVISTA. Cassonetti Intervento. Cestini Intervento. 231 Interventi. Cassonetti Intervento. ART. 1 2 3 DESCRIZIONE Svuotaeto autoatizzato di coteitori portarifiuti da 1,1 3 istallati dall'ipresa presso le Stazioi Autostradali, i Posti di Mautezioe ediate ipiego di attrezzatura specifica e secodo

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e ecologie della Comuicazioe Lezioe 4: strato fisico: caratterizzazioe del segale i frequeza Lo strato fisico Le pricipali fuzioi dello strato fisico soo defiizioe delle iterfacce meccaiche (specifiche

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

La stima per capitalizzazione dei redditi

La stima per capitalizzazione dei redditi La stima per capitalizzazioe dei redditi 24.X.2005 La stima per capitalizzazioe La capitalizzazioe dei redditi è l operazioe matematico-fiaziaria che determia l ammotare del capitale - il valore di mercato

Dettagli

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort.

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort. evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO U obiettivo comue a milioi di famiglie: risparmiare eergia seza riuciare al comfort. evohome Risparmiare eergia o è mai stato così Esistoo molte soluzioi per otteere

Dettagli

Statistica 1 A.A. 2015/2016

Statistica 1 A.A. 2015/2016 Corso di Laurea i Ecoomia e Fiaza Statistica 1 A.A. 2015/2016 (8 CFU, corrispodeti a 48 ore di lezioe frotale e 24 ore di esercitazioe) Prof. Luigi Augugliaro 1 / 19 Iterdipedeza lieare fra variabili quatitative

Dettagli

I materiali. I materiali. Informatica Grafica per le arti. I materiali. I materiali. I materiali. I materiali

I materiali. I materiali. Informatica Grafica per le arti. I materiali. I materiali. I materiali. I materiali Iformatica Grafica per e arti L'esatto coore di u puto suo schermo viee determiato daa combiazioe dee proprieta' dee uci e degi oggetti iumiati. Le proprieta' di rifessioe dea uce da parte degi oggetti

Dettagli

SCHEDA n. 7. Procedure di emergenza. 1. Premessa

SCHEDA n. 7. Procedure di emergenza. 1. Premessa SCHEDA n. 7 Procedure di emergenza 1. Premessa Come indicato nella specifica scheda, per ogni impianto sportivo deve essere elaborato a cura del Titolare un Piano di sicurezza. Occorre a tal fine valutare

Dettagli

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas)

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) ALLEGATO 4 NORME GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) DESTINATARIO: VISITATORI, PERSONALE

Dettagli

Deutsche Bank. MiFID

Deutsche Bank. MiFID Deutsche Bak MiFID Traspareza, fiducia, protezioe dell ivestitore. Soo i pricipi a cui Deutsche Bak si è sempre ispirata. Pricipi saciti dalla direttiva europea MiFID (Market i Fiacial Istrumets Directive).

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

(per i cittadini stranieri) Il sottoscritto dichiara di essere titolare di carta di soggiorno ovvero di permesso di soggiorno

(per i cittadini stranieri) Il sottoscritto dichiara di essere titolare di carta di soggiorno ovvero di permesso di soggiorno Al Sidaco del Comue di OSTUNI ATTIVITA FUNEBRE SEGNALAZIONE PER SEDE PRINCIPALE L.R. 34/2008 e L.R. 4/2010 Il sottoscritto Codice fiscale Data di ascita Sesso M F Luogo di ascita: Stato Provicia Comue

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

FONDO CRESCO. Elementi di sintesi. Milano 24 gennaio 2013. Riservato e confidenziale

FONDO CRESCO. Elementi di sintesi. Milano 24 gennaio 2013. Riservato e confidenziale FONDO CRESCO Elemeti di sitesi Milao 24 geaio 2013 Riservato e cofideziale Premessa ed obiettivi del documeto. L obiettivo del presete documeto è quello di presetare il Fodo CRESCO che affiacherà il Fodo

Dettagli

Il punto d ingresso specifico: sorveglianza nei porti ed aeroporti; il ruolo degli Uffici di Sanità Marittima, aerea e di frontiera ( USMAF) nel RSI.

Il punto d ingresso specifico: sorveglianza nei porti ed aeroporti; il ruolo degli Uffici di Sanità Marittima, aerea e di frontiera ( USMAF) nel RSI. La risposta di saità pubblica elle aree di igresso delle sigole Regioi. Il puto d igresso specifico: sorvegliaza ei porti ed aeroporti; il ruolo degli Uffici di Saità Marittima, aerea e di frotiera ( USMAF)

Dettagli

Supreme. La gamma. Alimenti nutrizionalmente bilanciati per piccoli animali

Supreme. La gamma. Alimenti nutrizionalmente bilanciati per piccoli animali La gamma Supreme Alimeti utrizioalmete bilaciati per piccoli aimali Biky, il coiglio più simpatico della Gra Bretaga, approva il teore di fibre i Supreme Selective Rabbit Supreme Selective Le fibre soo

Dettagli

Informazioni e monitoring. Informazioni commerciali e di solvibilità su imprese e privati.

Informazioni e monitoring. Informazioni commerciali e di solvibilità su imprese e privati. Iformazioi e moitorig. Iformazioi commerciali e di solvibilità su imprese e privati. INSIEME CONTRO LE PERDITE. Iformazioi Creditreform. Per ua migliore traspareza. Chi coclude trasazioi commerciali va

Dettagli

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c.

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c. I LEZIONE Il ostro iteto è aalizzare i dettaglio i metodi di cifratura che si soo susseguiti el corso della storia prestado particolare attezioe all impiato matematico che e cosete la realizzazioe Iiziamo

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

Perché è necessaria una riforma della protezione dei dati nell Unione europea?

Perché è necessaria una riforma della protezione dei dati nell Unione europea? Perché è ecessaria ua riforma della protezioe dei dati ell Uioe europea? La direttiva europea del 1995 è ua pietra miliare ella storia della protezioe dei dati persoali. I suoi pricipi fodametali garatire

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

Condizioni generali di assicurazione. Helvetia Assicurazione costruzioni. Edizione settembre 2013. La Sua Assicurazione svizzera.

Condizioni generali di assicurazione. Helvetia Assicurazione costruzioni. Edizione settembre 2013. La Sua Assicurazione svizzera. Codizioi geerali di assicurazioe Helvetia Assicurazioe costruzioi Edizioe settembre 2013 La Sua Assicurazioe svizzera. Editoriale Egregio cliete, siamo lieti del suo iteressameto per il prodotto Helvetia

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

MiFID. A Passion to Perform.

MiFID. A Passion to Perform. MiFID Traspareza, fiducia, protezioe dell ivestitore. Soo i pricipi a cui Deutsche Bak si è sempre ispirata. Pricipi saciti dalla direttiva europea MiFID (Market i Fiacial Istrumets Directive). Deutsche

Dettagli

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazioe di Gras Date due variabili biarie a e b, i quale misura posso assicurare che i ua popolazioe da ogi osservazioe di a segue ecessariamete quella di b? E

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumeti di idagie per la valutazioe psicologica 1.2 - Richiami di statistica descrittiva Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Descrivere i dati Dovedo scegliere u esame opzioale, uo studete ha itezioe

Dettagli

Master in Management Pubblico per la Regione Calabria MMP-RC. MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizione a.a.

Master in Management Pubblico per la Regione Calabria MMP-RC. MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizione a.a. Master i Maagemet Pubblico per la Regioe Calabria MMP-RC MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizioe a.a. 2013-2014 2 Master i Maagemet Pubblico MMP-RC 2 a Edizioe MMP-RC asce dall'esperieza

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO IIS Leonardo da Vinci, Via Alcide de Gasperi, 1 20841 Carate Brianza Tel: 0362903597 - Fax: 0362903684 http://www.iticarate.gov.it email icarate@iticarate.it PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER

Dettagli

PageScope Enterprise Suite. End to End Printing Administration. Solutions PageScope Enterprise Suite

PageScope Enterprise Suite. End to End Printing Administration. Solutions PageScope Enterprise Suite Eterprise Suite Ed to Ed Pritig Admiistratio Solutios Eterprise Suite Eterprise Suite Gestioe cetralizzata, flessibilità co efficieza assoluta. Nel modo degli affari di oggi, il tempo ha u ruolo esseziale.

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI

SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI di Massimo FANTINI e Roberto TONELLO MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (classe 5 IT Idirizzo AFM; Articolazioe SIA; Articolazioe RIM; 5 IP Servizi

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino»

Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino» Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino» Dirigente scolastico: Prof.ssa Cesarina Santocchi PLESSI: Vignanello: infanzia, primaria, secondaria di 1 grado. Vallerano: infanzia, primaria,

Dettagli

Prevenzione dei rischi e norme di comportamento. Protezione Civile Villadose ONLUS

Prevenzione dei rischi e norme di comportamento. Protezione Civile Villadose ONLUS Prevenzione dei rischi e norme di comportamento Protezione Civile Villadose ONLUS Protezione Civile Villadose ONLUS Prevenzione dei rischi e norme di comportamento Un vecchio adagio recita: A n certo pnto

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli