PROGETTO PRELIMINARE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO PRELIMINARE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE"

Transcript

1 PROGETTISTI gri e zucchi architetti associati 1, vicolo Pulesi Udine Italia t f Via Cotonificio, TORREANO DI MARTIGNACCO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI TAVAGNACCO luogo PROGETTO PRELIMINARE titolo opera CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE titolo disegno scala R4 numero tavola STI Engineering s.r.l. Soluzioni Tecnologiche Integrate Italia (Udine, Milano, Roma) Russia (Moscow) Kazakhstan (Almaty) Oman (Masqat) data: 2010 STUDIO DI FATTIBILITA' PRELIMINARE w w w. g e z a. i t 27.

2 IMPIANTI TECNOLOGICI SOMMARIO IMPIANTI TECNOLOGICI 1. OGGETTO DEL DISCIPLINARE STI Engineering s.r.l. 2. PRESCRIZIONI PROGETTUALI GENERALI Soluzioni Tecnologiche Integrate 3. IMPIANTI ELETTRICI Italia (Udine, Milano, Roma) Russia (Moscow) 3.1. RIFERIMENTI LEGISLATIVI E NORMATIVI Kazakhstan (Almaty) 3.2. CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI Oman (Masqat) 3.3. VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI FULMINAZIONE CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI Premessa Alimentazioni elettriche Impianto di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche Gruppo elettrogeno per l alimentazione di riserva UPS per l alimentazione preferenziale Impianto di alimentazione e controllo degli impianti meccanici di climatizzazione Quadri elettrici e distribuzione primaria Impianto di forza motrice Impianto di illuminazione Impianto di illuminazione esterna Impianto di illuminazione di sicurezza Impianto domotico Impianto di trasmissione dati Impianto antintrusione Impianto di rivelazione e segnalazione automatica di incendio Impianto di messaggistica di allarme (EVAC) Impianto Audiovisivi multimediali Premessa Sistemi di videoproiezione Sistemi di amplificazione e diffusione sonora Impianto luci dedicato all illuminazione dei palchi 4. IMPIANTI MECCANICI 4.1. RIFERIMENTI LEGISLATIVI E NORMATIVI 4.2. PREMESSA Enti Tutori 4.3. IMPIANTO TERMICO E DI CLIMATIZZAZIONE Generalità Nuovo fabbricato Pala Expo Nuovo fabbricato al piano terra e interrato di collegamento tra il Pala Expo e il padiglione Ristrutturazione del padiglione 9 da adibirsi a cucina/ristorante Dati Climatici 4.4. IMPIANTO IDRICO-SANITARIO 4.5. PREVENZIONE INCENDI Generalità Impianto idrico-antincendio Impianto rivelazione incendi Sistema di allarme Serrande tagliafuoco Estintori Segnaletica Planimetrie allegate al piano di emergenza Armadio con materiale di pulizia Armadio con materiale pompieristico 28.

3 1. OGGETTO DEL DISCIPLINARE Il presente disciplinare è relativo alle opere di progettazione impiantistica del nuovo Pala Expo da realizzarsi presso il quartiere fieristico di Torreano di Martignacco (UD). L intervento è costituito da: Nuovo fabbricato Pala Expo Nuovo fabbricato al piano terra e interrato di collegamento tra il Pala Expo e il padiglione 9 Ristrutturazione del padiglione 9 da adibirsi a cucina/ristorante Pavillon espositivo aperto coperto Nuova piazza esterna Il progetto definitivo dovrà essere redatto sulla base delle indicazioni generali e particolari formulate nel presente progetto preliminare inteso nella sua interezza (edile, strutturale, architettonico ed impiantistico) oltre a quelle fornite dall Amministrazione appaltante e da vari Enti preposti con l obiettivo di ottimizzare il funzionamento degli impianti di illuminazione, di forza motrice, di sicurezza e degli impianti speciali, termico e di climatizzazione, idrico-antincendio, idrico-sanitario e di prevenzione incendi al fine di garantire condizioni funzionali ottimali oltre a tutte le norme applicabili e riconducibili alla normativa vigente. Quanto verrà predisposto a livello di progetto definitivo dovrà intendersi comprensivo di tutte le autorizzazioni e prescrizioni necessarie e di tutto quanto sarà necessario per realizzare le diverse opere a perfetta regola d arte, complete, finite in ogni parte ed idonee allo scopo cui sono destinate al fine di garantire la perfetta funzionalità degli impianti. L esecuzione della progettazione è regolata dalle disposizioni del seguente documento e dalle indicazioni contenute negli elaborati grafici del progetto preliminare. 2. PRESCRIZIONI PROGETTUALI GENERALI Il progetto definitivo dovrà rispettare il progetto preliminare; tuttavia esso potrà prevedere l introduzione di varianti migliorative che dovranno essere supportate da validi elementi tecnici (relazioni di calcolo, simulazioni, modellazioni, etc.) sufficienti a poter confrontare oggettivamente le differenti ipotesi e che dimostri il reale vantaggio in termini qualitativi ed economici. Si precisa anche che il progetto definitivo dovrà contenere tutti gli elaborati grafici e tecnici come previsto dalla legislazione vigente ed in particolare relazioni specifiche di calcolo e dimensionali atte a dimostrare il totale rispetto dei parametri progettuali richiesti e normativi, il tutto firmato da Tecnici Professionisti Abilitati. 3. IMPIANTI ELETTRICI 3.1. RIFERIMENTI LEGISLATIVI E NORMATIVI Le principali fonti legislative che regolano la progettazione e la realizzazione degli impianti elettrici, sono le seguenti: DL n 81 del 9 aprile

4 Attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Legge n 186 del Materiali ed apparecchiature per installazioni elettriche DM n 37 del Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all interno degli edifici DM n 236 del Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l accessibilità, l adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell eliminazione delle barriere architettoniche DM Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo L.R. n 15 del Misure urgenti in tema di contenimento dell inquinamento luminoso, per il risparmio energetico nelle illuminazioni per esterni e per la tutela dell ambiente e dell attività svolta dagli osservatori astronomici Le normative del Comitato Elettrotecnico Italiano CEI e relative varianti ed in particolare: CEI 0-16 Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT e MT delle imprese distributrici di energia elettrica ; CEI 11-1 Impianti elettrici con tensione superiore a 1kV in corrente alternata ; CEI Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione di energia elettrica. Linee in cavo. CEI Esecuzione dei lavori su impianti elettrici a tensione nominale non superiore a 1000V in corrente alternata e a 1500V in corrente continua. CEI (EN ) Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT) Parte 1: Regole generali. CEI (EN ) Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT) Parte 2: Quadri di potenza. CEI 20-19/1 Cavi isolati con gomma con tensione nominale non superiore a 450/750V. Parte 1: Prescrizioni generali. 30.

5 CEI 20-20/1 Cavi isolati con polivinilcloruro con tensione nominale non superiore a 450/750V. Parte 1: Prescrizioni generali. CEI (EN3764C) Sistemi di canali metallici e loro accessori ad uso portatavi e portapparecchi Parte 1: Prescrizioni generali. CEI (EN ) Sistemi di tubi ed accessori per installazioni elettriche. Parte 1: Prescrizioni generali. CEI (EN ) Interruttori differenziali senza sganciatori di sovracorrente incorporati per impianti domestici o similari Parte 1: Prescrizioni generali. CEI (EN ) Interruttori differenziali con sganciatori di sovracorrente incorporati per impianti domestici o similari. Parte 1: Prescrizioni generali. CEI Prescrizioni per la realizzazione, le verifiche e le prove dei quadri di distribuzione per installazioni fisse per uso domestico e similare CEI (CEI EN ) Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas. Parte 10: Classificazione dei luoghi pericolosi; CEI (CEI EN ) Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas. Parte 14: Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas (diversi dalle miniere); CEI (CEI EN50172) Sistemi di illuminazione di emergenza CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale inferiore a 1000V in corrente alternata e a 1500V in corrente continua CEI 79-2 Impianti antieffrazione, antiintrusione, antifurto e antiaggressione. Norme particolari per le apparecchiature CEI 79-3 Impianti antieffrazione, antiintrusione, antifurto e antiaggressione. Norme particolari per gli impianti antieffrazione e antiintrusione CEI 79-4 Impianti antieffrazione, antiintrusione, antifurto e antiaggressione. Norme particolari per il controllo accessi CEI 81-10/1 (EN ) Protezione contro i fulmini Parte 1: Principi generali 31.

6 CEI 81-10/2 (EN ) Protezione contro i fulmini Parte 2: Valutazione del rischio CEI 81-10/3 EN Protezione contro i fulmini Parte 3: Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone CEI 81-10/4 EN Protezione contro i fulmini Parte 4: Impianti elettrici ed elettronici nelle strutture CEI EN (CEI ) Sistemi elettroacustici applicati ai servizi di emergenza CEI 103-1/1 Impianti telefonici interni. CEI (CEI EN ) Tecnologie dell informazione Sistemi di cablaggio generico. Parte 1: Requisiti generali e uffici. Le Guide normative del Comitato Elettrotecnico Italiano CEI e relative varianti ed in particolare: Guida CEI Guida all esecuzione delle cabine elettriche d utente Guida CEI Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas. Guida all applicazione della Norma CEI EN (CEI 31.30). Classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas, vapori o nebbie infiammabili Guida CEI 31-35/A Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas. Guida all applicazione della Norma CEI EN (CEI 31.30). Classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas, vapori o nebbie infiammabili: esempi di applicazione Guida CEI Impianti di terra negli edifici per uso residenziale e terziario Guida CEI Guida alle verifiche degli impianti elettrici utilizzatori Guida CEI Guida per l integrazione nell edificio degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione degli impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici. Criteri generali Guida CEI Guida per l integrazione nell edificio degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione degli impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici. Criteri particolari per edifici ad uso prevalentemente residenziale Guida CEI Guida per l integrazione nell edificio degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione degli impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici. Criteri particolari per i locali di pubblico spettacolo 32.

7 Guida CEI Guida per l integrazione nell edificio degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione degli impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici. Impianti di piccola distribuzione distribuita Le normative dell Ente Nazionale Italiano di Unificazione UNI ed in particolare: UNI Impianti di illuminazione esterna. Requisiti per la limitazione della dispersione verso l alto del flusso luminoso UNI EN Illuminazione dei posti di lavoro. Parte 1: Posti di lavoro in interni. UNI EN 1838 Applicazione dell illuminotecnica Illuminazione di emergenza. UNI 9795 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione manuale e di allarme d incendio. In aggiunta alle Leggi e Norme tecniche precedentemente elencate, si dovrà altresì fare riferimento a: Le prescrizioni e normative di cui alle tabelle di unificazione UNEL Le prescrizioni di collaudo dell istituto Italiano del Marchio di Qualità per i materiali per i quali è previsto il controllo e il contrassegno IMQ. Le disposizioni particolari dell ASL. Le disposizioni del locale comando dei Vigili del Fuoco. I regolamenti, le prescrizioni e disposizioni ENEL-TELECOM CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI I locali dovranno essere classificati in accordo con le Norme CEI e Leggi vigenti sia per quanto riguarda la classificazione degli ambienti a maggior rischio in caso d incendio, sia per quanto riguarda la classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI FULMINAZIONE Dovrà essere realizzata la valutazione del rischio di fulminazione della struttura in accordo con le Norme CEI e Leggi vigenti. Se risulterà necessario, le strutture dovranno essere protette con un impianto di protezione contro i fulmini LPS esterno. In ogni caso dovrà essere realizzato il sistema di SPD interno. La protezione degli impianti contro gli impulsi potrà richiedere un approccio sistematico che consiste nell installazione di un sistema di SPD, formato da SPD coordinati, sia per le linee di energia che per quelle di segnale. Il criterio generale per il coordinamento degli SPD è lo stesso per entrambi i casi, ma a causa della grande 33.

8 diversificazione degli impianti elettronici e delle loro caratteristiche (analogici o digitali, c.c. o c.a., bassa o alta frequenza) le regole per la scelta e l installazione degli SPD sono diverse da quelle applicate per la scelta di SPD relativi solo agli impianti di potenza. Il sistema dovrà quindi essere coordinato in funzione delle apparecchiature installate, della loro esatta posizione e della scelta impiantistica adottata CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI Premessa Gli impianti saranno alimentati dalla cabina MT/bt esistente. Le utenze per le quali ci sarà la necessità di realizzare una alimentazione di riserva saranno alimentate tramite un gruppo elettrogeno in container da esterno insonorizzato. Le utenze per le quali ci sarà la necessità di realizzare una alimentazione preferenziale saranno alimentate tramite UPS. Nell ambito dei vari interventi gli impianti da prevedere saranno essenzialmente i seguenti: Nuovo fabbricato Pala Expo Impianto di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche; Impianto di alimentazione e controllo degli impianti meccanici di climatizzazione; Quadri elettrici e distribuzione primaria Impianto di forza motrice; Impianto di illuminazione dimmerizzato delle sale conferenze; Impianto di illuminazione dei restanti locali; Impianto di illuminazione di sicurezza; Impianto domotico Impianto di trasmissione dati; Impianto antintrusione; Impianto di rivelazione e segnalazione automatica di incendio; Impianto di messaggistica di allarme (EVAC); Impianti audiovisivi multimediali; Nuovo fabbricato al piano terra e interrato di collegamento tra il Pala Expo e il Padiglione 9 Impianto di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche; Impianto di alimentazione e controllo degli impianti meccanici di climatizzazione; Quadri elettrici e distribuzione primaria Impianto di forza motrice; Impianto di illuminazione; Impianto di illuminazione di sicurezza; Impianto domotico Impianto di trasmissione dati; Impianto antintrusione; Impianto di rivelazione e segnalazione automatica di incendio; 34.

9 Impianto di messaggistica di allarme (EVAC); Ristrutturazione del padiglione 9 da adibirsi a cucina/ristorante Impianto di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche; Impianto di alimentazione e controllo degli impianti meccanici di climatizzazione; Implementazione del quadro elettrico esistente; Implementazione dell impianto di forza motrice; Implementazione dell impianto di illuminazione; Implementazione dell impianto di illuminazione di sicurezza; Impianto domotico Impianto di trasmissione dati; Impianto antintrusione; Implementazione dell impianto di rivelazione e segnalazione automatica di incendio; Impianto di messaggistica di allarme (EVAC); Pavillion espositivo aperto coperto Impianto di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche; Impianto di illuminazione del Pavillon; Impianto di illuminazione di sicurezza. Nuova piazza esterna Impianto di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche; Quadri elettrici e distribuzione primaria Impianto di illuminazione della piazza; Impianto di illuminazione di sicurezza Alimentazioni elettriche L alimentazione elettrica delle opere oggetto di intervento saranno derivata dalla cabina esistente MT/bt posta a fianco del nuovo fabbricato Pala Expo. La cabina elettrica è attualmente allestita con 2 trasformatori MT/bt in parallelo da 630kVA con riserva di potenza di circa il 50%. Dovrà essere previsto un nuovo gruppo elettrogeno entro container da esterno insonorizzato secondo le Norme e Leggi vigenti posizionato a fianco della cabina MT/bt esistente. Il sistemi di alimentazione da rete ENEL (normale) e da gruppo elettrogeno (riserva) saranno distribuiti attraverso opportuni elettrodotti ai quadri elettrici principali e da questi ai quadri di distribuzione secondaria. Nel caso dell alimentazione esistente al padiglione 9 dovrà essere potenziata la linea di alimentazione esistente al fine di garantire l alimentazione dei nuovi impianti della cucina. In base alla classificazione dei sistemi di distribuzione (CEI 64.8) l impianto in oggetto rientra in un sistema TN-S che corrisponde al sistema elettrico in cui l utenza è alimentata dalla rete di media tensione, la trasformazione dell energia è a carico dell utente e un punto del sistema (neutro) è collegato direttamente a terra, mentre le masse dell impianto sono collegate a quel punto per mezzo del conduttore di protezione. Il conduttore di neutro e di protezione sono distribuiti separatamente. 35.

10 Le caratteristiche elettriche dell impianto sono le seguenti: - tensione di alimentazione circuiti NORMALI 400/230V - tensione di alimentazione circuiti RISERVA 400/230V - frequenza nominale circuiti di alimentazione 50Hz - tempo d intervento sorgenti energetiche preferenziali <15 secondi - caduta di tensione massima ammessa 4% - fattore di potenza medio 0.9 in ritardo Le condutture non dovranno essere causa di innesco o di propagazione d incendio: dovranno essere usati cavi, tubi protettivi e canali aventi caratteristiche di non propagazione della fiamma nelle condizioni di posa. Per i cavi delle condutture si deve valutare il rischio nei riguardi dei fumi, gas tossici e corrosivi in relazione alla particolarità del tipo di installazione e dell entità del danno probabile nei confronti di persone e/o cose, al fine di adottare gli opportuni provvedimenti; a tal fine sono considerati adatti i cavi senza alogeni (LSOH) rispondenti alle relative Norme. Per quel che riguarda i percorsi delle condutture di alimentazione dei nuovi fabbricati, si dovranno utilizzare per quanto possibile i cunicoli praticabili esistenti Impianto di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche L impianto da realizzarsi in corrispondenza dei nuovi fabbricati, sarà connesso a quello esistente e sarà costituito da dispersori verticali collegati tra loro da quelli orizzontali. Se richiesto dalla valutazione del rischio di fulminazione della struttura dovrà essere realizzato l impianto di protezione contro i fulmini LPS esterno Gruppo elettrogeno per l alimentazione di riserva L alimentazione di riserva sarà derivata da un gruppo elettrogeno da installare in prossimità della cabina MT/bt. Il sistema sarà completo di quadro elettrico di controllo e comando a tempo d intervento medio (inferiore a 15 sec.) con dispositivo di protezione di macchina e di commutazione RETE/GRUPPO. Il serbatoio di stoccaggio del carburante potrà essere interrato nell area antistante la cabina elettrica. Il gruppo elettrogeno potrà essere installato all interno di una cabina insonorizzata; la macchina a cabina insonorizzata chiusa dovrà avere rumorosità residua secondo le imposizioni delle Norme e Leggi Vigenti ed in particolare secondo il D.PC.M. 14 novembre 1997 e relativo regolamento di attuazione comunale, misurata secondo le norme ISO Standard UPS per l alimentazione preferenziale L alimentazione preferenziale per le utenze elettroniche ed informatiche presenti nell impianto dovranno essere derivate da uno o più gruppi di continuità assoluta (UPS). Tali gruppi saranno di tipo On-line, di adeguata autonomia al carico nominale previsto e dovranno essere dotati di sistema di 36.

11 comunicazione dello stato e del servizio dell unità riportato sul sistema di supervisione Impianto di alimentazione e controllo degli impianti meccanici di climatizzazione Gli impianti di alimentazione e controllo degli impianti meccanici faranno capo al relativo quadro elettrico di distribuzione bt, costituti da carpenterie metalliche ad armadi modulari assemblabili ed ampliabili, adatti al contenimento delle apparecchiature di sezionamento, protezione, comando, regolazione e supervisione. Gli impianti avranno la possibilità di essere completamente gestiti in locale o tramite la centralizzazione domotica degli impianti. Gli stati, gli allarmi e le regolazioni antigelo dovranno poter essere gestite anche in remoto Quadri elettrici e distribuzione primaria I quadri elettrici di distribuzione bt saranno costituti da carpenterie metalliche ad armadi modulari assemblabili ed ampliabili, adatti al contenimento delle apparecchiature di sezionamento, protezione e comando dei circuiti di distribuzione primaria (sottoquadri, processi, ecc.) e secondaria (forza motrice, illuminazione ordinaria e di sicurezza e circuiti ausiliari). Gli impianti dovranno essere anche provvisti di sistemi di rifasamento automatico per la compensazione dell energia reattiva Impianto di forza motrice L impianto di forza motrice dovrà essere tale da permettere l alimentazione di tutte le utenze previste. Le prese di corrente dovranno essere uniformemente distribuite al fine di evitare l uso di prolunghe e devono essere scelte ed installate in modo da prevenire i danneggiamenti che possono presumibilmente derivare dalle condizioni ambientali e di uso. Per permettere le installazioni temporanee legate ad eventi particolari dovrà essere studiata una soluzione che consenta la posa dei cavi e l alimentazione delle utenze temporanee evitando l inciampo per le persone ad esempio utilizzando un sistema di distribuzione realizzato con canale incassato nel pavimento e che corre lungo tutto il perimetro delle sale; il canale resta normalmente coperto con pannelli calpestabili facilmente amovibili e riposizionabili fissati stabilmente al pavimento Impianto di illuminazione L illuminazione dovrà essere realizzata in accordo con le relative Leggi e Norme con sistemi a basso consumo energetico (fluorescenti con reattore elettronico o a Led). La sala conferenze potrà avere le seguenti configurazioni: plenaria con 1200 posti; oppure suddivisa in una sala da 600 posti e due sale da 200 posti. Nella sala conferenze dovrà essere realizzato un sistema di illuminazione dimmerizzato e sezionabile in modo che durante le proiezioni sia possibile ottenere il massimo oscuramento nella zona degli schermi. La zona del pubblico deve consentire una adeguata modulazione partendo da tutto spento per arrivare a tutto acceso in dimmerazione; dovrà inoltre essere possibile garantire una illuminazione ridotta per poter leggere e prendere appunti. 37.

12 Il sistema di illuminazione scelto dovrà consentire accensione e riaccensione a caldo Impianto di illuminazione esterna L illuminazione esterna sarà realizzata a norma antinquinamento luminoso, a ridotto consumo energetico e secondo i dettami della Legge Regionale 18 giugno 2007, n 15. Gli apparecchi di illuminazione dovranno avere una intensità luminosa pari a 0 cd a 90 e oltre e saranno equipaggiati con lampade al sodio ad alta pressione NAV-T/SON-T o con almeno analoga efficienza luminosa in relazione allo stato della tecnologia e dell applicazione. L accensione e lo spegnimento dovranno essere comandati dal sistema di supervisione generale Impianto di illuminazione di sicurezza L illuminazione di sicurezza dovrà essere realizzata in accordo alle relative Norme. L entrata in funzione dell illuminazione di sicurezza deve avvenire automaticamente entro un tempo breve ( 0,5 s) e contemporaneamente al mancare dell alimentazione principale. Le lampade saranno gestite da un sistema centralizzato. Le centrali, in grado di gestire l esecuzione dei test periodici di funzionalità delle lampade d emergenza secondo una cadenza personalizzabile dall utente, potranno essere interconnesse al fine di supervisionare l intero impianto e di rilasciare ad ogni test una stampa degli eventi Impianto domotico L impianto domotico dovrà gestire localmente e dalle zone regia o comunque dalle zone individuate per la gestione centralizzata, gli impianti di: illuminazione, automazione e controllo degli impianti di climatizzazione, tende e tapparelle comandate elettricamente e gli impianti speciali come l impianto antintrusione, l impianto di rivelazione e segnalazione automatica di incendio e l impianto di messaggistica di allarme (EVAC). Il sistema domotico dell illuminazione della sala conferenze dovrà essere in grado di comunicare in modalità DMX (gateway DMX-Dali) al fine di controllare in modo integrato sia le luci di sala che le luci dei palchi creando scenari adatti alle diverse situazioni. Come detto la sala del Pala Expo potrà essere suddivisa in 3 zone; le tre zone di regia devono prevedere un sistema che consenta ai tecnici di controllare le luci di sala dalla propria postazione. Nel caso le sale lavorino in modo indipendente con le pareti mobili chiuse ciascuna dovrà avere un proprio controllo luci indipendente. Nel caso le pareti vengano aperte per lavorare in plenaria il controllo della sala regia principale dovrà poter gestire il tutto, attraverso una sorta di scenario programmabile dove si può impostare la modalità sale unite o sale separate. A seconda del tipo di evento potrà essere richiesto di allestire una vera e propria regia in sala o la possibilità di gestire tutto direttamente dal tavolo dei relatori. Qualora si adottino sistemi di controllo luci con tastiera o telecomando via cavo questi dovranno avere almeno i seguenti punti: Zona 1: 1 attacco in uno dei pozzetti del Palco/Tavolo relatori e 1 attacco nella sala regia Zona 2: 1 attacco nel pozzetto del Palco/Tavolo relatori e 1 attacco a parete in zona regia. 38.

13 Zona 3: 1 attacco nel pozzetto del Palco/Tavolo relatori e 1 attacco a parete in zona regia La programmazione del sistema dovrà essere realizzata comunque in accordo con la Direzione del centro. Oltre alla gestione locale, il sistema domotico dovrà essere in grado di riportare tutti gli allarmi all ufficio presidiato dell Ente al fine di permettere la supervisione degli allarmi e degli stati di funzionamento a distanza in particolare nei periodi di inattività della struttura. Lo stesso supervisore dovrà essere in grado di gestire l illuminazione esterna Impianto di trasmissione dati Dovrà essere realizzato un impianto di cablaggio strutturato in Cat. 6 all interno dei locali oggetto di intervento; il nuovo impianto sarà collegato con l impianto esistente. L impianto sarà completo delle apparecchiature attive per trasmissione dati e fonia ed altri componenti hardware non definiti appartenenti alla configurazione di prova dei canali in EIA/TIA 568B, Transmission Performance Specifications for Field Testing of UnshieldedTwistedPairCabling Systems. Il cablaggio strutturato fungerà da vettore per il trasporto di segnali dati, video, di supervisione degli impianti e telefonici su tutta la rete dai punti di demarcazione designati alle prese situate nelle diverse scrivanie, postazioni di lavoro o altri punti, attenendosi alle indicazioni dell Ente. Il cablaggio utilizzato per le trasmissioni dati dovrà partire da switch posti nei rack di cablaggio strutturato, ubicati presso i punti nevralgici della rete. La Rete dati di cui sopra sarà separata dal cablaggio Twisted Pair Cat.6 dedicato ai sistemi audio/ video. Quest ultimo sarà attestato su un Armadio rack dedicato posizionato nella sala regia. Nell armadio audio/video troveranno posto tutte le apparecchiature dedicate al funzionamento di questi impianti Impianto antintrusione L impianto antintrusione dovrà rilevare la presenza di intrusi e segnalare attraverso allarmi acustici, luminosi e telefonici la violazione delle zone protette, rappresentando un efficace e sicuro sistema per la protezione dei beni e delle persone. L impianto antintrusione dovrà essere suddiviso per aree funzionali in considerazione delle esigenze di lavoro e dell operatività dei diversi fabbricati; ogni area dovrà essere singolarmente gestibile. L impianto antintrusione sarà in grado di gestire e controllare lo stato, il servizio, le anomalie ed i parametri di funzionamento e la comunicazione remota al sistema di supervisione generale degli eventi di allarme. Dovrà essere previsto un canale di comunicazione a priorità dedicata con il servizio di vigilanza, che permetta di individuare a distanza la tipologia, l ubicazione e l estensione della zona allarmata Impianto di rivelazione e segnalazione automatica di incendio Tutti i locali e gli spazi interni al fabbricato, dovranno essere provvisti di un adeguato impianto di rilevazione automatica della presenza di fumo o incendio realizzato in accordo alle disposizioni della Norma UNI 9795 e sarà costituito da centrale antincendio a microprocessore con loop 39.

14 analogici, in grado di controllare lo stato, il servizio, le anomalie ed i parametri di funzionamento e la comunicazione remota al sistema di supervisione generale degli eventi di allarme, da rilevatori di fumo analogici ed indirizzabili, installati mediante apposite basi di fissaggio, da pulsanti antincendio manuali a rottura di vetro e da segnalatori acustici con ripetitori ottici lampeggianti. Al di sopra del controsoffitto si dovranno prediligere sistemi di rilevamento che per la gestione e manutenzione limitino il numero dei punti di accesso, come ad esempio sistemi a campionamento d aria. Dovrà, essere previsto un canale di comunicazione a priorità dedicata con il servizio di vigilanza, che permetta di individuare a distanza la tipologia, l ubicazione e l estensione della zona allarmata Impianto di messaggistica di allarme (EVAC) L impianto di messaggistica di allarme (EVAC) dovrà essere in grado, in caso di pericolo, di gestire l emergenza. La gestione dell emergenza dovrà essere realizzata impartendo opportune istruzioni alle persone presenti per un ordinata evacuazione e ricordando agli addetti le operazioni da svolgere, in modo tale che possano tempestivamente mettere in atto le procedure pianificate. Il sistema pertanto dovrà essere costituito da una centrale, in cui sono installati tutti i componenti destinati a generare, miscelare, selezionare, amplificare, ecc., i suoni ed i messaggi di allarme e dai diffusori acustici finalizzati a diffondere tali suoni e messaggi nell ambiente. Il sistema inoltre dovrà poter essere utilizzato per diffondere anche comunicazioni di servizio in condizioni ordinarie, le quali dovranno essere immediatamente sospese quando il sistema di emergenza entra in funzione. L area coperta dal sistema dovrà essere divisa in più zone ovvero in più aree nelle quali le informazioni possono essere date separatamente rispetto alle altre; tali zone dovranno essere determinate in modo tale che la comprensibilità del messaggio diffuso in una zona non venga ridotto al di sotto dei limiti sonori dalla diffusione dei messaggi nelle altre zone o dalla contemporanea presenza di più diffusori acustici in una stessa zona. Ogni tipologia di guasto al sistema dovrà essere opportunamente segnalata al sistema di supervisione generale. Il comando del sistema di allarme dovrà essere ubicato in un luogo continuamente presidiato e nella postazione ad uso dei VVF. L impianto dovrà essere completato da radiomicrofono per la diffusione dei messaggi di servizio Impianto Audiovisivi multimediali Premessa La sala conferenze potrà avere le seguenti configurazioni: plenaria con 1200 posti; oppure suddivisa in una sala da 600 posti e due sale da 200 posti; ogni sezione e anche la saletta da 60 posti, dovrà essere provvista di tutto quanto necessario per la diffusione audio, per la proiezione di immagini video in alta definizione e per l illuminazione del relativo palco, il tutto gestito dalla propria postazione di regia. La configurazione plenaria avrà un locale regia dedicato in grado di accogliere tutti gli apparati attivi per la gestione integrata audio e video, mentre le sale più piccole avranno la predisposizione dei cablaggi che consentano di posizionare una regia temporanea e una cabina interpreti. Gli impianti dovranno poter operare in modo che la sala da 600 posti e le due sale da 200 posti 40.

15 unite assieme abbiano un unica programmazione, ovvero programmazioni del tutto indipendenti. Inoltre Si potrà lavorare in una qualsiasi delle tre sezioni lasciando spenti totalmente o parzialmente gli impianti delle altre, con poche eccezioni. Nel caso una delle sale venga utilizzata come zona buffet o area espositiva si potrà comunque sfruttare il sistema di diffusione audio per musica di sottofondo come pure gli schermi esistenti per inviare eventuali messaggi grafici/video Sistemi di videoproiezione I sistemi di videoproiezione saranno basati su macchine di classe professionale ad alte prestazioni con risoluzione reale FULL HD, formato Whidescreen 16:10 e matrice da 1920x1200 pixels reali. La tecnologia utilizzata, HD-BaseT consente di trasferire segnali ad alta risoluzione: HD, FULL HD, 2K, 4K, 2D e 3D in formato realmente digitale su cavi Twisted Pair Cat.6, coprendo tratte fino a 100 metri in ingresso ed in uscita dalla regia senza alcuna perdita o degrado qualitativo delle immagini anche alle risoluzioni ed alle frequenze più elevate. Il sistema dovrà essere progettato per adattarsi a sviluppi futuri, consentendo una gestione a matrice completa e particolarmente facile da adattare alle diverse necessità di utilizzo. Dovrà essere possibile definire come utilizzare i 4 sistemi di proiezione con la massima elasticità ovvero con proiezioni replicate su più schermi in contemporanea o con programmazioni indipendenti a seconda delle necessità. Questi apparati e relativi accessori si intendono installati in un armadio rack nella sala regia Sistemi di amplificazione e diffusione sonora La diffusione sarà preferibilmente realizzata con proiettori di suono installati a soffitto in quanto è il sistema più semplice ed efficiente per l applicazione in sale ed ambienti modulari sezionabili con pereti mobili. L eventuale orientamento degli altoparlanti sarà comunque da definire in corso di installazione mediante apposita strumentazione. La sonorizzazione dovrà consentire una riproduzione anche agli estremi della gamma di frequenza con maggiore efficienza nel caso di riproduzione di musica o colonne sonore legate ad applicazioni video e multimediali. I diffusori dovranno essere di classe professionale a due vie caricati in bass reflex, l altoparlante per i toni bassi, mentre la parte ad alta frequenza in Driver HF (Tweeter) caricato a tromba che consente di ottenere una migliore efficienza sulla riproduzione della voce. Il sistema verrà gestito in modo integrato da un mixer matrice digitale con processore DSP che consente una elevata elasticità operativa in quanto può essere programmato con diversi preset richiamabili istantaneamente in modo da gestire i diversi scenari di utilizzo delle sale, programmato in fase di installazione utilizzando un apposito software. Il tutto dovrà comunque consentire il collegamento al sistema di mixer integrativi, interfacce audio e microfoni via filo o via radio con la massima libertà operativa ma con la certezza che l impianto funzionerà sempre al meglio e che si auto-proteggerà da eventuali danni per sovraccarico. Tutte le connessioni audio verranno realizzate con cavi Low Noise bilanciati e connettori professionali in modo da eliminare già in origine l insorgere di disturbi o ronzii. La parte di potenza sarà preferibilmente realizzata con amplificatori a 2 canali installati entro armadio rack nella sala regia. L apparato potrà essere controllato e gestito in remoto tramite apposito pannello di comando semplificato collegato tramite comuni cavi Twisted 41.

16 Pair Cat Impianto luci dedicato all illuminazione dei palchi L impianto di illuminazione dovrà, in generale, essere progettato in modo da poter gestire l illuminazione della sala, del palco, del tavolo relatori e del leggio in modo che la luce non vada a colpire gli schermi di proiezione. Per questo motivo si dovrà prevedere la messa in opera di sistemi luminosi dedicati ai palchi e impostati su fari alogeni di tipo teatrale con lente PC che consentono un preciso puntamento della luce grazie alla regolazione del fascio luminoso meccanica/ottica e grazie alla presenza di alette paraluce che possono essere regolate per sagomare in modo preciso il perimetro della sezione da illuminare. Una buona illuminazione è oltremodo fondamentale quando l evento viene ripreso da telecamere, nei casi di proiezione in diretta delle immagini, per videoconferenze o per dirette streaming che saranno sempre più frequenti in futuro. I fari alogeni verranno controllati da Dimmers (uno per zona) che consentono di regolare con continuità l intensità della luce passando da 0 a 100%. I dimmers verranno posizionati nella sala quadri elettrici, e dovranno essere controllati da mixer luci che, grazie alla tecnologia DMX, possono essere posizionati anche a grande distanza ai rispettivi dimmer verso i quali si collegano con un singolo cavo. A seconda delle necessità ogni sezione di sala avrà modo di gestire le luci del proprio palco in modo indipendente. I fari verranno sospesi alle americane o a strutture più semplici agganciate al soffitto. 4. IMPIANTI MECCANICI 4.1. RIFERIMENTI LEGISLATIVI E NORMATIVI D.M. 19/8/1996 Approvazione regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione, ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo D.M. 37/2008 Norme sulla sicurezza degli impianti. D.M.27/7/2010 Regola tecnica di prevenzione incendi per le attività commerciali. EN Sistemi di qualità e criteri sulla qualità nella progettazione... D.M. 12/4/96 Applicazione regola tecnica di prevenzione incendi impianti termici alimentati a gas. Legge 1/3/68 n.186 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici (regola d arte). Norma UNI

17 Impianti di estinzione incendi- reti idranti- progettazione, installazione ed esercizio. D.P.R. N. 503 del 24/07/1996 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. D.M. 20/12/1982 n. 5 Norme tecniche e procedurali relative agli estintori portatili d incendio, soggetti all approvazione del tipo da parte del Ministero dell Interno. D.Lgs. n. 493 del Attuazione delle direttive 92/58/CEE concernente le prescrizioni minime per la segnaletica di sicurezza e/o di salute sul luogo di lavoro. LINEE GUIDA PREV.LEGIONELLOSI Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 04/04/2000. NORMA UNI-CTI 8199 Misura in opera e valutazione del rumore NORMA UNI-CTI Condotte d aria... NORMA UNI-ENV Ispezioni per pulizia canali d aria NORMA UNI-CTI 8728 Apparecchi per la diffusione dell aria NORMA UNI-EN 1822 Filtri d aria NORMA UNI-EN 779 Filtri d aria antipolvere NORMA UNI-CT Filtri a bassa, media, alta efficienza NORME EUROVENT 4/4 Filtri d aria D.Lgs. 81/2008 Miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro D.M Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Legge 10/91, DPR 412/92, D.Lgs.192/05, D.Lgs.311/06 Contenimento consumi energetici negli edifici NORMA UNI-CTI Impianti aeraulici ai fini di benessere DPCM 14/11/97 Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore 43.

18 LEGGE QUADRO 447/97 Legge quadro sull inquinamento acustico DPCM 5/12/97 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici 4.2. PREMESSA Enti Tutori Per il complesso Ente Fiera Udine Esposizioni si dovrà chiedere apposito Parere di Conformità al Comando VVF di Udine con le modalità previste nel D.P.R.1/8/2011 n.151. Si dovrà chiedere un parere all Azienda per i Servizi Sanitari n. 4 Medio Friuli per quel che riguarda i presìdi sanitari. Si dovrà inoltrare fare denuncia all ISPELS per la nuova caldaia e per il nuovo gruppo frigorifero IMPIANTO TERMICO E DI CLIMATIZZAZIONE Generalità Il complesso Ente Fiera Udine Esposizioni dispone di una centrale termica alimentata a gas metano con n. 2 caldaie della potenza di 813 kw. ciascuna che alimentano i padiglioni a nord della roggia (n.5,6,7,8,9 e ingresso). Il locale CT può accogliere ancora una caldaia ed i relativi equipaggiamenti idraulici per alimentare il nuovo fabbricato Pala Expo. Per quel che riguarda la produzione del fluido freddo per la climatizzazione estiva, è necessaria l installazione di un gruppo frigorifero della potenzialità orientativa di 400/500 kw, da posizionare nella corte delle centrali (termica ed elettrica) nei pressi del padiglione n.6. Il gruppo frigorifero dovrà essere dotato di desurriscaldatore per la produzione del fluido caldo necessario al post-riscaldamento delle unità di trattamento aria (UTA). Per quel che riguarda i percorsi delle tubazioni dell acqua calda e dell acqua refrigerata, si dovranno utilizzare per quanto possibile i cunicoli praticabili esistenti Nuovo fabbricato Pala Expo Nel nuovo fabbricato verranno realizzati due locali tecnici rispettivamente per la sottocentrale di pompaggio dell acqua calda/refrigerata e per l alloggiamento delle UTA. Le UTA previste saranno al servizio dei seguenti locali: -sala grande da 600 posti -sala piccola 1 da 200 posti -sala piccola 2 da 200 posti -foyer/reception Per la saletta da 60 posti, viste le dimensioni, si dovrà utilizzare una macchina autonoma provvista anche di produzione del fluido caldo e del fluido freddo per evitare l accensione di una caldaia o del gruppo frigorifero. Per minimizzare i consumi dovranno essere messe in atto le soluzioni più idonee all ottimizzazione energetica di cui al D.Lgs. 192/05, del D.Lgs. 311/06, della L. 10/91 e successive modificazioni e del relativo D.P.R. 412/93 nonchè le norme UNI recepite dal D.M. 26/8/

19 I motori dei ventilatori delle nuove macchine dovranno essere di tipo BRUSHLESS con efficenza totale del 50-65% con controllo elettronico. Gli umidificatori al servizio delle macchine UTA dovranno essere di tipo ad ultrasuoni le cui caratteristiche sono un basso consumo di energia (60W per ogni litro/ora di nebbia prodotta) dovuto alla conversione dell energia elettrica in energia meccanica che provoca una cavitazione dell acqua e successiva bollitura a bassa temperatura. Le particelle dell acqua avranno infine il diametro di qualche micron e quindi saranno facilmente assorbibili dall aria. I canali dell aria dovranno essere realizzati in acciaio o lamina di alluminio con rivestimento termico/ anticondensa, per competenza secondo il D.M e D.M con classificazione secondo il D.M I recuperatori di calore installati tra l espulsione dell aria viziata e la presa d aria esterna dovranno avere efficenza di recupero calore sensibile 80%, efficenza di recupero calore latente 63-77%. Le UTA dovranno essere dotate di sonde di temperatura ed umidità esterna, e quindi qualora le condizioni esterne lo permetteranno dovranno avere la possibilità di effettuare il FREE COOLING Nuovo fabbricato al piano terra e interrato di collegamento tra il Pala Expo e il padiglione 9 Gli impianti di questo fabbricato dovranno essere la prosecuzione funzionale ed estetica di quelli del Pala Expo e quindi saranno realizzati con la stessa filosofia pur adattati alle esigenze specifiche degli ambienti Ristrutturazione del padiglione 9 da adibirsi a cucina/ristorante Per il fabbricato esistente ora sprovvisto di cucina si prevedono le seguenti opere: a) Alimentazione fluido caldo dalla centrale termica. b) Chiller per la produzione del fluido freddo da posizionarsi all esterno del fabbricato. c) UTA per l aria di ricambio e controllo dell umidità ambiente (aria primaria) del tipo da esterni da posizionare nei pressi del fabbricato. d) Estrattore d aria cassonato da esterni. e) Nuovi ventilconvettori con potenza e caratteristiche commisurate alle nuove esigenze termoigrometriche dei locali con eventuali recuperi di alcuni ventilconvettori esistenti. f) Nuove canalizzazioni per la distribuzione dell aria complete di bocchette di diffusione e di estrazione. g) Nuova linea del gas per la cucina con potenza fino a 35 Kw. h) Nuovi collegamenti elettrici al servizio delle nuove apparecchiature Dati Climatici - Provincia: UD - Comune: Udine - Quota s.l.m. : 163 m. - Gradi giorno: Latitudine: N - Longitudine: E 45.

20 - Zona climatica: E - Periodo di riscaldamento: 180 gg. - Categoria dell edificio: E2 Estate - temperatura interna : 26 C - temperatura esterna : 32 C - umidità relativa interna : 50 % - umidità relativa esterna : 60 % - portata aria di rinnovo minimo : mc/h 39,6 per persona - velocità dell aria a livello delle persone minimo : m/sec.0,15 Inverno - temperatura interna : 20 C - temperatura esterna : -5 C - umidità relativa interna : 50 % - umidità relativa esterna : 80 % - portata aria di rinnovo minimo : mc/h 39,6 per persona - velocità dell aria a livello delle persone minimo : m/sec.0,15 - Tolleranza temperatura: +/-2 C - Tolleranza umidità: +/-5% - Tolleranza T reale-t set : 1 C - Tolleranza V : 0,25 m/sec 4.4. IMPIANTO IDRICO-SANITARIO Le opere riguarderanno l installazione degli apparecchi sanitari del blocco dei servizi igienici. Gli apparecchi sanitari saranno in ceramica e la rubinetteria della migliore qualità, provvista di miscelatori termostatici. La forma e la tipologia dei sanitari si presterà ad una agevole pulizia ed igienizzazione. Le tubazioni di scarico saranno in polietilene alta densità tipo GEBERIT. Le tubazioni di alimentazione dell acqua sanitaria saranno realizzate in polietilene reticolato. La produzione dell acqua calda dovrà essere fatta con bollitori elettrici. I bagni dedicati ai disabili verranno realizzati in ottemperanza al D.P.R. 503/96. L intero blocco dei servizi sarà provvisto di un impianto di estrazione dell aria pari a 10 volumi/h. L energia necessaria alla produzione dell acqua calda sanitaria dovrà essere fornita da fonti rinnovabili. 46.

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Da trent anni lavoriamo in un clima ideale. Un clima che ci ha portato ad essere leader in Italia nel riscaldamento e raffrescamento radianti e ad ottenere,

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli