MANUALE DI ISTRUZIONI PER L'USO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DI ISTRUZIONI PER L'USO"

Transcript

1 OSMOSI INVERSA SERIE RO /D MANUALE DI ISTRUZIONI PER L'USO AVVERTENZE! Le apparecchiature devono essere impiegate esclusivamente per l'uso previsto nella documentazione tecnica e nelle specifiche allegate. Leggere attentamente ed in ogni sua parte il seguente manuale prima di effettuare qualsiasi operazione sull'apparecchiatura. Seguire scrupolosamente tutte le norme riportate nel manuale. Gli apparecchi della serie RO /D sono costruiti per il trattamento di acque provenienti da acquedotti e/o pozzi. QUALSIASI APPLICAZIONE DELL'APPARECCHIATURA, DIVERSA DA QUELLA INDICATA E` EFFETTUATA SOTTO LA SOLA ED ESCLUSIVA RESPONSABILITA` DELL'UTILIZZATORE. Per ogni necessità di tipo tecnico-operativo ci si deve rivolgere al più vicino Servizio di Assistenza Tecnica della NOBEL S.r.l., oppure direttamente a: NOBEL S.r.l. via Monfalcone Milano tel fax REV. 3 p7.07-v18.f ro_d_m-r3.doc

2 Allegati INDICE 1. Norme di sicurezza Generiche Movimentazione Idraulica Elettricità Condizioni per l'immagazzinamento ed il trasporto Principio di funzionamento Caratteristiche tecniche Requisiti acqua in ingresso Caratteristiche tecniche generali Caratteristiche per modello Installazione Requisiti ambiente Disimballaggio Movimentazione e sollevamento Posizionamento Collegamenti idraulici (vedi SCHEMA D'INSIEME e DIMENSIONI E PESI) Collegamenti elettrici Quadro di comando QE Comandi e visualizzazioni (vedi SCHEMA D'INSIEME) Livelli Consensi esterni Funzionamento manuale Flussaggio Conducibilità Minima pressione Allarme remoto Funzioni del display Programmazione Esercizio Inserimento o sostituzione delle membrane (vedi SCHEMA D'INSIEME) Avviamento e regolazioni Norme d'uso particolari Manutenzione Controlli periodici Taratura pressostato di minima PC Lavaggio membrane Smaltimento Tabella soluzioni per lavaggio membrane Risoluzione di alcuni problemi...20 schema d'insieme RO214D RO221D schema d'insieme RO201D RO202D RO203D dimensioni e pesi schema elettrico certificato collaudo interno NOBEL istruzioni elettrovalvole istruzioni particolari pompa alta pressione scheda componenti tabella allestimenti istruzioni particolari del filtri termini di garanzia s.r.l.milano - ITALY Pagina 2 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

3 1. Norme di sicurezza 1.1. Generiche L apparecchiatura è stata progettata e costruita in conformità al D.P.R. n 459 del 24 Luglio 1996 (regolamento per l attuazione delle Direttive 89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE e 93/68/CEE concernenti il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine). E stata progettata e costruita in accordo con le Norme Europee UNI EN 292-1, UNI EN 292-2, UNI EN 292-2/A1, UNI EN 418, CEI EN , CEI EN Solo personale autorizzato e specializzato potrà effettuare l installazione, l avviamento e la manutenzione ordinaria e straordinaria Movimentazione Particolare attenzione va posta nella movimentazione e nel posizionamento di componenti pesanti (vedi DIMENSIONI E PESI) onde evitare danni a persone e/o cose. Le componenti pesanti vanno altresì sollevate e spostate afferrandole o alzandole sempre dai punti indicati sulle istruzioni (vedi 4.3 a pag. 6) Idraulica Qualsiasi intervento sull'impianto idraulico deve essere eseguito esclusivamente da personale qualificato ed autorizzato, dotato di DPI (dispositivi di protezione individuale certificati CE: guanti, maschere, occhiali etc.); gli operatori devono anche essere informati riguardo al grado di pericolosità dei prodotti chimici utilizzati nel processo. In caso di fuoriuscita di prodotti chimici e/o in caso di contatto con gli occhi o con la pelle, seguire le istruzioni riportate nella scheda di sicurezza del prodotto stesso. In caso di smontaggio di tubazioni e/o componenti, accertarsi preventivamente che essi non siano in pressione, poi svuotarli prima di procedere Elettricità Prima di eseguire qualsiasi intervento sull'impianto elettrico togliere la tensione aprendo l'interruttore generale. Qualsiasi intervento sull'impianto elettrico deve essere eseguito esclusivamente da personale qualificato ed autorizzato. In caso di spargimento accidentale di liquidi togliere sempre la tensione prima di intervenire. Prima di ridare tensione asciugare tutti i componenti dell'impianto. Utilizzare il tipo di alimentazione elettrica indicato nelle caratteristiche tecniche (vedi 3.2 pag. 4 caratteristiche tecniche ). Non effettuare mai collegamenti volanti Condizioni per l'immagazzinamento ed il trasporto temperatura ºC umidità rel. note stoccaggio al chiuso % senza condensa stoccaggio all'aperto % senza condensa proteggere dai raggi solari e dalla pioggia trasporto % senza condensa proteggere dai raggi solari e dalla pioggia s.r.l.milano - ITALY Pagina 3 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

4 2. Principio di funzionamento L'osmosi è un fenomeno naturale: lo spontaneo passaggio dell'acqua da una soluzione più diluita ad una più concentrata, attraverso una membrana semipermeabile. La forza esercitata dalla soluzione sulla membrana rappresenta la sua pressione osmotica. La pressione osmotica è funzione della concentrazione della soluzione, ovvero nel nostro caso della salinità dell'acqua. L'osmosi inversa è il processo in cui il flusso osmotico risulta invertito. L'inversione è effettuata applicando una pressione, superiore alla pressione osmotica, su una soluzione concentrata: in tal modo solo acqua (teoricamente, in pratica acqua contenente una minima quantità di sali disciolti), passerà attraverso la membrana. Il processo di Osmosi Inversa permette la rimozione dei sali disciolti nell'acqua e di eventuali inquinanti nell'ordine del 90 99% a seconda del tipo di membrana utilizzata. La membrana semipermeabile è costituita da vari strati di fibre speciali, di vari tipi e conformazioni diverse (spirale avvolta, fibra cava ecc.). Con il termine permeato si intende l'acqua prodotta, mentre con il termine concentrato si intende il flusso di acqua scaricata che contiene anche i sali non più presenti nel permeato. 3. Caratteristiche tecniche 3.1. Requisiti acqua in ingresso silt density index (SDI) 3 salinità acqua in ingresso (TDS) ppm 1000 * temperatura acqua in ingresso (min max) ºC pressione acqua in ingresso (min max) bar (kpa) ( ) carica batterica assente cloro libero ppm Cl 0.1 ferro ppm Fe 0.1 silice ppm SiO durezza acqua in ingresso: in funzione del pre-trattamento utilizzato * valore limite, in funzione anche dei materiali di costruzione utilizzati Caratteristiche tecniche generali salinità acqua prodotta ** 5 % ingresso alimentazione elettrica V/pH/Hz 230/1/50 pressione di esercizio bar (kpa) 14 circa (1400 circa) pressione max ammessa bar (kpa) 15 (1500) ** la percentuale indicata si riferisce alla salinità dell'acqua prodotta rispetto a quella dell acqua in ingresso; essa è funzione delle caratteristiche chimico-fisiche dell'acqua in ingresso, del tasso di recupero e dei parametri operativi del sistema. s.r.l.milano - ITALY Pagina 4 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

5 3.3. Caratteristiche per modello MODELLO VESSEL MEMBRANE FCR 5 µm FILTRI PORTATE POTENZA FCA carbone attivo PERMEATO ALIMENTO INSTALLATA l/h ** l/h nº nº nº nº a 15ºC MIN MAX kw RO214D 1 1 (2514) RO221D 1 1 (2521) RO201D 1 1 (2540) RO202D 2S 2 (2540) RO203D 2P-1S 3 (2540) P: in parallelo S: in serie ** le quantità di acqua prodotta (permeato), indicate in tabella, dipendono dalla temperatura dell'acqua in ingresso (alimento) e sono strettamente correlate alle sue caratteristiche chimico-fisiche. 4. Installazione 4.1. Requisiti ambiente Negli impianti di questo tipo non vi sono parti in movimento a vista o che raggiungono temperature elevate o particolarmente rumorose. Condizioni ambientali e climatiche: temperatura ambiente umidità relativa raggi solari intemperie 5 40ºC 5 95 % senza condensa necessita protezione necessita protezione 4.2. Disimballaggio L imballaggio è costituito da una gabbia di legno che contiene lo skid con l'impianto di osmosi. Aprire la gabbia di spedizione rimuovendo dapprima il coperchio e successivamente le fiancate. Conservare i cartellini e quant'altro si trovi all'interno dell'imballo. s.r.l.milano - ITALY Pagina 5 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

6 4.3. Movimentazione e sollevamento Alcune tubazioni dell'impianto sono costruite in materiale plastico e pertanto sono piuttosto delicate. Non sollevare e/o movimentare utilizzando parti dell'impianto. Movimentare per quanto possibile l'apparecchio quando è protetto nella sua gabbia di legno. Per piccoli spostamenti, una volta tolta la gabbia, afferrare l'apparecchio dallo skid (vedi DIMENSIONI E PESI) utilizzando dei guanti protettivi adeguati Posizionamento Posizionare lo skid dell'osmosi su una superficie perfettamente piana. Attenersi al disegno dimensionale (DIMENSIONI E PESI) per quanto riguarda il posizionamento in relazione alle pareti del locale ed agli spazi liberi necessari per la gestione e la manutenzione dell'apparecchio. Non sono necessari dispositivi antivibranti quindi lo skid può essere posizionato direttamente a terra Collegamenti idraulici (vedi SCHEMA D'INSIEME e DIMENSIONI E PESI) Collegare la presa acqua da trattare all'ingresso (I) sul collettore dei filtri, utilizzando una tubazione in PVC od altro materiale compatibile avente diametro pari o maggiore a quello dell'ingresso (I). Nel caso l'acqua di rete contenga impurità sospese in quantità rilevante, è necessario installare a monte dell'apparecchio, onde evitare un prematuro intasamento dei filtri da 5 µm, un prefiltro tipo Nobel con elemento filtrante da 50 µm. Se si rende necessario pre-trattare l'acqua grezza, ciò va fatto, previo esame delle sue caratteristiche chimico fisiche, in accordo con i suggerimenti dettati dal ns. ufficio tecnico. effettuare il collegamento tra il raccordo (U) di uscita permeato dall impianto ed il relativo serbatoio di accumulo, utilizzando una tubazione in PVC od altro materiale compatibile, avente diametro pari o maggiore a quello dell'uscita (U). Per il risciacquo delle membrane (vedi 6.2 pag.14), prevedere la possibilità di deviare l'uscita del permeato allo scarico. effettuare il collegamento tra il raccordo del concentrato (S) ed uno scarico, utilizzando una tubazione in PVC od altro materiale compatibile, avente diametro pari o maggiore a quello del concentrato (S). RICORDIAMO CHE IN NESSUN CASO SONO AMMESSE STROZZATURE E/O INTERCETTAZIONI SULLA TUBAZIONE DI USCITA DEL PERMEATO. s.r.l.milano - ITALY Pagina 6 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

7 4.6. Collegamenti elettrici Effettuare i collegamenti elettrici alla morsettiera del quadro di comando come di seguito specificato. Tutti i collegamenti con le apparecchiature a bordo skid sono già effettuati alla spedizione (vedi SCHEMA ELETTRICO). L impianto di alimentazione elettrica deve essere eseguito nel rispetto dei valori di tensione, frequenza ed assorbimento indicati al paragrafo CARATTERISTICHE TECNICHE. La sezione dei cavi dei conduttori elettrici di alimentazione deve essere dimensionata sul valore di massima corrente assorbita. La linea di alimentazione elettrica deve essere protetta mediante interruttore automatico differenziale a norma di legge avente adeguato potere di interruzione. Per il passaggio dei cavi di collegamento, si raccomanda di utilizzare idonei pressacavi che garantiscano di non alterare il grado di protezione del quadro di comando. o M1 1 o GND o M1 2 o alimentazione elettrica 230V, 50 Hz, 0.4 kw o M1 3 o " " " " " o J1 1 o pompa alta pressione P o J1 2 o " " " o o GND o J1 5 o elettrovalvola flussaggio EVF (non per modelli RO214/D e RO221/D) o J1 6 o " " o o GND o J1 7 o elettrovalvola ingresso EVI o J1 8 o " " o o GND o A 1 o livello massimo LH (aperto senz'acqua) o B 9 o " " o A 2 o livello medio LL (aperto senz'acqua) o B 10 o " " o A 3 o pressostato di minima PC (aperto senza pressione) o B 11 o " " " o A 4 o microinterruttore timer NA (collegare in serie se più di 1, ponticellare se non presente) o B 12 o " " o A 6 o contatto pulito per allarme remoto (NA) max 24V, max 1A o B 13 o " " " " " " " o A 8 o cella conducibilità CC o B 16 o " " o A 7 o GND (schermo cavo cella) s.r.l.milano - ITALY Pagina 7 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

8 Alla spedizione i morsetti 2 e 10 relativi al livello medio sono ponticellati; lo stesso dicasi dei morsetti 4 e 12 relativi ai microinterruttori. I ponticelli vanno rimossi in caso di collegamento delle utenze specifiche. Nel caso sia disponibile un solo consenso di livello ON-OFF, collegarlo sia tra i morsetti 1 e 9 che tra i morsetti 1 e 10. Se sono disponibili più microinterruttori di consenso (ad esempio nel caso della presenza di un filtro e di un addolcitore), i relativi contatti NA devono essere collegati in serie. 5. Quadro di comando QE 5.1. Comandi e visualizzazioni (vedi SCHEMA D'INSIEME) s.r.l.milano - ITALY Pagina 8 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

9 I comandi e le visualizzazioni disponibili sul quadro QE sono: "STOP DI EMERGENZA" la pressione del pulsante di emergenza, posto sulla parte superiore del quadro di comando, blocca ogni funzione del sistema. Per riavviare l'impianto occorre ruotare il pulsante, in senso orario, di circa 30º fino a farlo scattare. INTERRUTTORE "0-1" interrompe l'alimentazione al quadro di comando. "DISPLAY" visualizza varie funzioni descritte al paragrafo specifico. "THERMAL RESET" relè termico della pompa alta pressione P. Se scattato il pernetto frontale fuoriesce per circa 1 cm, per il ripristino é sufficiente premere il pulsante a fondo. PULS. "PROGR.MODE" permette l'accesso alla programmazione (vedi 5.10 pag. 13). PULSANTE "RESET" sblocca gli allarmi e la funzione in corso. PULSANTE "FLUSHING" avvia un flussaggio manuale e/o avvia il funzionamento manuale del sistema (non per modelli RO214/D e RO221/D). PULSANTE "ADVANCE" modifica la visualizzazione del display, se in programmazione avanza i valori numerici. "SERVICE" il led si accende per indicare il funzionamento della pompa P. "STAND-BY" il led si accende per indicare che l'impianto é in attesa della richiesta di erogazione da parte dei livelli. "INHIBIT" il led si accende per indicare la mancanza del consenso esterno (microinterruttori timer) al funzionamento. "ALARM" il led si accende per indicare lo stato di allarme per bassa pressione e/o alta conducibilità. Il quadro di comando QE, gestito da una logica programmabile, permette il funzionamento automatico e/o manuale di tutta l'apparecchiatura. Quando la pompa ad alta pressione P è in funzione, l'elettrovalvola di ingresso EVI è aperta; pertanto nelle presenti istruzioni, ogniqualvolta viene citato il funzionamento della pompa P, si sottintende che anche l'elettrovalvola di ingresso EVI è aperta. La partenza della pompa è ritardata di alcuni secondi rispetto all'apertura dell'elettrovalvola di ingresso. s.r.l.milano - ITALY Pagina 9 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

10 5.2. Livelli Se il serbatoio di accumulo dispone di regolatori di livello collegati direttamente al quadro di comando, come precedentemente indicato, essi rendono automatici la partenza ed il fermo della pompa ad alta pressione P al raggiungimento dei due livelli (medio/massimo). Nel caso sia disponibile un solo consenso di livello ON-OFF, questo viene collegato sia quale livello massimo (LH) che livello medio (LL), ovvero la chiusura del contatto ferma la pompa P e la sua apertura la fa ripartire. Durante l'erogazione é acceso il led "SERVICE" ed il display visualizza la conducibilità del permeato; é anche possibile visualizzare altri parametri premendo una o più volte il pulsante "ADVANCE" (vedi 5.9 pag. 12). Raggiunto il livello massimo, l'impianto si ferma e rimane in attesa di erogazione con il led "STAND-BY" acceso ed il display visualizzante ST- 0. Alla spedizione i morsetti relativi al livello medio LL sono ponticellati così che, se non viene collegato alcun livello, é possibile avviare l'erogazione di acqua con pulsante "RESET". La pressione del pulsante farà cambiare di stato la macchina : se la macchina è in erogazione ("SERVICE"), passa in attesa ("STAND-BY") effettuando il flussaggio di fine ciclo se la macchina è in attesa ("STAND-BY"), passa in erogazione ("SERVICE") ATTENZIONE: questa funzione é attiva solamente con i collegamenti previsti alla partenza, senza che i livelli siano collegati; quando si collegano i livelli, il loro comando é prioritario rispetto al pulsante reset Consensi esterni Se a monte dell'osmosi sono installati filtri e/o addolcitori automatici, la loro rigenerazione deve inibire il funzionamento della pompa dell'osmosi. Il contatto del microinterruttore nei timer dei filtri ed addolcitori Nobel è chiuso solamente in esercizio e pertanto solo in tale fase da il consenso all'erogazione dell'acqua. L'assenza del consenso esterno é visualizzata dall'accensione del led "INHIBIT" Funzionamento manuale L'azionamento indipendente dai livelli e dal pressostato, si ottiene tenendo premuto il pulsante "FLUSHING" per almeno 6". Lo stato di funzionamento manuale é visualizzato sul display con la scritta ST-C. Per interrompere il funzionamento manuale é sufficiente premere il pulsante "RESET". L'assenza del consenso esterno ("INHIBIT") impedisce e/o interrompe il funzionamento manuale. s.r.l.milano - ITALY Pagina 10 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

11 5.5. Flussaggio L'impianto dispone di una funzione di flussaggio ("FLUSHING") che permette di spurgare, ad alta portata, l'acqua dalle membrane (non per modelli RO214/D e RO221/D). Tale funzione avviene automaticamente ad intervalli di tempo programmati, durante il funzionamento della pompa P, tramite l'apertura dell'apposita elettrovalvola EVF. Il flussaggio avviene, anche automaticamente, ogni volta che viene raggiunto il livello massimo nel serbatoio di accumulo, cioè al termine della fase di erogazione. La temporizzazione del flussaggio (durante e dopo l'erogazione) é regolabile sul programmatore come più avanti indicato. Il flussaggio può anche essere avviato manualmente con la semplice pressione del pulsante "FLUSHING" sul quadro di comando, purché l'impianto sia in erogazione ("SERVICE"). Lo stato di flussaggio durante l'erogazione é visualizzato sul display con la scritta ST-A. Il flussaggio può essere interrotto, prima della sua fine temporizzata, premendo il pulsante "RESET". NB: il flussaggio al termine erogazione NON avviene se l'arresto dell'erogazione é dovuto all'intervento dell'allarme di minima pressione od all'inibizione dall'esterno Conducibilità La conducibilitá dell'acqua e' correlata in modo approssimativo alla salinitá dell'acqua stessa. Poiché il valore di conducibilitá é facilmente misurabile, esso viene normalmente utilizzato per avere un'indicazione, seppur approssimativa, dell'efficienza dell'apparecchio. Il quadro di comando incorpora la funzione di misurazione della conducibilità; il superamento della soglia di conducibilità impostata (valore standard 50 µs/cm) attiva l'allarme. L'allarme generato dalla conducibilità non ha alcuna influenza sul funzionamento dell'apparecchio. Per la modifica del valore di soglia si operi come più avanti indicato. Nello stato di allarme alta conducibilità il display lampeggia Minima pressione A monte della pompa ad alta pressione P è installato un pressostato PC che interviene quando la pressione dell'acqua in quel punto scende sotto 1 bar (100 kpa) (anche se ciò fosse dovuto alla mancata apertura dell'elettrovalvola EVI). Questo intervento, con un ritardo di alcuni secondi, genera l'allarme e blocca il funzionamento della pompa ad alta pressione. Nello stato di allarme minima pressione il display lampeggia e visualizza ST-9. L'allarme e relativo blocco si annullano solamente premendo il pulsante "RESET" Allarme remoto I due allarmi citati (bassa pressione ed alta conducibilità), oltre ad essere visualizzati dal lampeggio dell'indicazione sul display, provocano l'accensione del led "ALARM" e l'attivazione di un relè con contatto pulito per la trasmissione a distanza dell'allarme (vedi collegamenti elettrici). s.r.l.milano - ITALY Pagina 11 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

12 5.9. Funzioni del display Manualmente sul display si possono visualizzare alternativamente i seguenti parametri, semplicemente premendo in sequenza il pulsante "ADVANCE"; nel corso di queste visualizzazioni NON é possibile variare alcun parametro. DISPLAY SIGNIFICATO 0085 conducibilità del permeato (visualizzazione standard durante l'erogazione) set point programmato per l'allarme di alta conducibilità ore funzionamento pompa ST-x stato di funzionamento della macchina (visualizzazione standard senza erogazione) Dove ST-x può assumere i seguenti valori : DISPLAY ST-0 ST-1 ST-2 ST-3 ST-4 ST-5 ST-6 ST-7 ST-9 ST-A ST-C STATO DELLA MACCHINA macchina pronta per l'erogazione (STAND-BY) valvola ingresso aperta in attesa che parta la pompa valvola di ingresso e pompa attiva in funzione (EROGAZIONE/SERVICE) fine richiesta produzione, pompa spenta, attesa spegnimento valvola di ingresso fase di flussaggio al termine dell'erogazione fase passaggio prima di ST-4 fase di passaggio da flussaggio al termine dell'erogazione a Stand-by stato di fornitura sospesa per mancanza consenso esterno (INHIBIT) allarme per minima pressione acqua in ingresso flussaggio durante l'erogazione funzionamento manuale s.r.l.milano - ITALY Pagina 12 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

13 5.10. Programmazione Per poter programmare la macchina e variarne i parametri di funzionamento occorre tener premuto il tasto PROGR.MODE per più di 6 secondi. Trascorsi i 6" il display mostra lo stato di programmazione visualizzandone il primo passo 0Txx, dove xx é il valore numerico presente al momento nel programma. Utilizzando il tasto ADVANCE si può modificare tale valore, per poi passare, con una sola pressione del tasto PROGR.MODE, al passo di programma successivo. Lo stato di programmazione può essere interrotto in un qualsiasi momento premendo il tasto RESET; l'interruzione avviene automaticamente qualora non si prema il tasto PROGR.MODE o ADVANCE per più di 30". I dati inseriti rimangono in memoria anche se la programmazione non é stata completata, ma solamente in presenza di batteria tampone efficiente. Se invece la programmazione viene completata fino all'ultimo passo, questo provvede alla scrittura di tutti i dati in una speciale memoria (EEPROM) che li conserverà anche in assenza di batteria tampone. La programmazione può essere effettuata ogni qualvolta lo si desideri. VALORE STANDARD PASSO FUNZIONE (x rappresenta il valore numerico) 8" 0txx durata del flussaggio (secondi o minuti a seconda del valore di 3atx) 5" 2txx ritardo in secondi per allarme minima pressione 3" 3txx ritardo in secondi per intervento INHIBIT 50 minuti 4txx intervallo fra due flussaggi durante l'erogazione (minuti od ore a seconda del valore di 1atx) 1 0atx x=0 : flussaggio senza pompa x=1 : flussaggio con pompa 0 1atx intervallo fra due flussaggi : x=0 minuti; x=1 ore 1 2atx flussaggio dopo fornitura : x=0 non attivato; x=1 attivato 0 3atx x=0 : flussaggio in secondi x=1 : flussaggio in minuti 0 0Htx x=0 : flussaggio con EVI aperta; x=1 : flussaggio con EVI chiusa 1 1Htx non usato 1 2Htx allarme alta conducibilità : x=0 disabilitato; x=1 abilitato 1 3Htx flussaggio durante l'erogazione : x=0 non attivato; x=1 attivato 30" 1txx ritardo in secondi per allarme alta conducibilità 60 x.x.xx set-point per allarme alta conducibilità 1 At0x non usato lampeggi scrittura in EEPROM ed uscita dalla programmazione s.r.l.milano - ITALY Pagina 13 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

14 6. Esercizio 6.1. Inserimento o sostituzione delle membrane (vedi SCHEMA D'INSIEME) accertarsi che l'interruttore generale sia su "0" (quadro di comando QE spento) togliere tutti i tappi dei contenitori membrane M, allentando gli anelli che li fissano ai contenitori stessi. una volta tolti i tappi, sganciare i contenitori dalle staffe di sostegno che li fissano allo skid. estrarre le membrane dai contenitori (se si tratta di sostituzione) spingendole nel verso indicato dalle frecce sui contenitori stessi. lavare abbondantemente ciascuna membrana nuova con acqua corrente per eliminare la maggior parte della soluzione conservante. inserire le membrane nei contenitori rispettando il verso della freccia sui contenitori e la direzione del flusso dell'acqua rispetto alla guarnizione sul terminale della membrana (vedi figura). Spingere a fondo in modo da alloggiare perfettamente la membrana nel contenitore. fissare nuovamente i contenitori allo skid inserendoli nelle apposite staffe; rispettare la direzione del flusso indicata dalla freccia sul contenitore in accordo agli schemi indicati sullo SCHEMA D'INSIEME. riposizionare i tappi sulle estremità dei contenitori e fissarli con gli anelli precedentemente rimossi. Dopo la sostituzione delle membrane, per rimettere in funzione l'apparecchio, operare come indicato al paragrafo "Avviamento e regolazioni" (vedi 6.2 pag.14). ATTENZIONE: le guarnizioni di tenuta delle membrane ed i relativi contenitori possono essere preventivamente lubrificati con glicerina per una perfetta tenuta e scorrimento. NON USARE GRASSI SILICONICI!! s.r.l.milano - ITALY Pagina 14 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

15 6.2. Avviamento e regolazioni Al primo avviamento, al termine di ogni lavaggio ed alla ripresa da una lunga fermata, le membrane sono impregnate della soluzione conservante o detergente, presente al loro interno. Prima di poter utilizzare l'acqua prodotta. occorre quindi rimuovere completamente tali soluzioni dalla membrana. L'operazione (vedi SCHEMA D'INSIEME) avviene nel seguente modo: accertarsi che l'interruttore generale sia su "0" (quadro di comando QE spento) inviare provvisoriamente allo scarico il permeato aprire totalmente la valvola di regolazione a spillo VS chiudere totalmente la valvola di regolazione a spillo VR aprire lentamente la valvola di ingresso dell'acqua nell'apparecchio. Il riempimento dei filtri F può essere facilitato sfruttando la vite di sfiato aria posta nella parte superiore degli stessi. dare tensione al quadro comando QE posizionando l'interruttore generale su "1"; se i livelli sono in posizione tale da richiedere acqua, l'osmosi inversa si metterà in funzione; in caso contrario é necessario avviarla con il comando manuale come precedentemente indicato. dopo alcuni minuti di esercizio in queste condizioni (in caso di funzionamento manuale controllare attentamente sui manometri M1 ed M2 che vi sia sufficiente pressione in ingresso poiché in tale posizione l'allarme di minima pressione è disattivato) si potranno regolare le portate di esercizio. regolare la valvola a spillo VS posta sullo scarico delle membrane in modo che la portata del permeato, letta sul flussimetro F1 (presente solo nei modelli RO201, RO202, RO203), corrisponda al valore di targa della macchina. La pressione segnata dal manometro M2 dopo l'aggiustamento della valvola VS è la pressione di lavoro normale relativa alle effettive caratteristiche dell'acqua a disposizione (composizione chimica, temperatura, ecc.). Sull'impianto è installato, un sistema di ricircolo regolabile che permette di ridurre la quantità di acqua scaricata e/o ridurre la pressione di lavoro; operare come segue: regolare la valvola a spillo VR per il ricircolo di parte del concentrato in modo da limitare la portata dell'acqua effettivamente scaricata. La regolazione della valvola VR comporta anche una variazione di pressione e quindi si dovrà regolare ancora la valvola VS fino ad ottenere la combinazione pressione/portata desiderata. terminati gli aggiustamenti ed il lavaggio delle membrane, collegare la tubazione del permeato, precedentemente inviata allo scarico, al serbatoio di raccolta acqua trattata. s.r.l.milano - ITALY Pagina 15 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

16 NOTE: In funzione delle caratteristiche dell'acqua grezza si potrà scegliere il miglior rapporto acqua prodotta/acqua scaricata. Più elevato è tale rapporto e più sono elevati i rischi di sporcare le membrane, soprattutto se l'acqua grezza contiene durezza in quantità sensibile. In ogni caso, anche lavorando su acque dolci, sarebbe meglio che il rapporto di concentrazione non superi il valore 1 (acqua prodotta = acqua scaricata). ATTENZIONE : ATTENZIONE : in generale, la maggior durata della membrana si ottiene, a parità di altre condizioni, con una più bassa pressione di esercizio. Pertanto, qualora la quantità di acqua prodotta sia sufficiente, si potrà lavorare a pressioni inferiori a quella indicata. l'acqua prodotta nella prima ora di funzionamento non deve essere utilizzata perché può contenere residui della soluzione in cui è immersa la membrana alla spedizione. Quando la stessa sarà totalmente smaltita, si potrà ricollegare la tubazione del permeato al serbatoio di accumulo Norme d'uso particolari Sulle membrane non deve ASSOLUTAMENTE arrivare acqua contenente cloro in quantità superiore a 0.1 ppm. La temperatura dell'acqua deve essere compresa tra 10 e 40 ºC ed il suo ph tra 3 e 10. qualora sia prevista una fermata dell'impianto maggiore di una settimana, è consigliabile riempire le membrane con una soluzione conservante costituita da 1% di sodio bisolfito (NaHSO3) in acqua osmotizzata. L'introduzione delle soluzioni conservanti si effettua aspirando la soluzione da un serbatoio tramite il tubicino che collega i filtri all'aspirazione della pompa. Per far ciò il tubicino deve essere disconnesso temporaneamente dall'uscita dei filtri, previa chiusura della valvola di ingresso acqua. La soluzione viene aspirata dalla pompa dell'osmosi stessa. Al riavvio dell'impianto occorre rimuovere i prodotti conservanti operando come indicato alla voce "AVVIAMENTO E REGOLAZIONI" ( 6.2 pag. 14). s.r.l.milano - ITALY Pagina 16 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

17 7. Manutenzione 7.1. Controlli periodici L'apparecchio richiede, quali oneri di manutenzione, la periodica pulizia dei filtri o la loro sostituzione. In particolare occorre: controllare mensilmente i valori di pressione e portata dell'acqua che devono corrispondere a quelli stabiliti dal costruttore. pulire il prefiltro da 50 µm, se installato, quando il suo elemento filtrante è palesemente sporco (la massima perdita di carico ammessa sui filtri é di 0.8 bar (80 kpa)). sostituire la cartuccia filtrante CRF25/5 da 5µm del filtro F e la cartuccia a carbone attivo CRC10 del filtro AC almeno una volta ogni 6 mesi (in funzione delle caratteristiche dell'acqua in ingresso), o quando la pressione in ingresso tenda a diminuire (la massima perdita di carico ammessa sui filtri é di 0.8 bar (80 kpa). Prima di aprire i filtri chiudere la valvola di intercettazione a sfera di ingresso V1; per la sostituzione fare riferimento alle istruzioni del filtri (in allegato). sostituire le membrane di osmosi inversa, quando la quantità e/o qualità del permeato non sono più soddisfacenti. Con acque adeguatamente pre-trattate, la durata delle membrane risulta di norma superiore a 3 anni (anche 5-6 anni). Quindi la durata delle membrane é funzione delle caratteristiche dell'acqua in ingresso. Dopo la sostituzione di filtri e/o membrane, per rimettere in funzione l'apparecchio, occorre operare come indicato alla voce "AVVIAMENTO E REGOLAZIONI" ( 6.2 pag. 14) Taratura pressostato di minima PC Il punto di intervento del pressostato di minima PC é tarato prima della spedizione ad un valore di 1 bar (100kPa) circa. Qualora si rendesse necessario ritarare il pressostato, operare come segue: posizionare l'interruttore generale su "0" (quadro di comando QE spento) staccare il cappuccio del connettore elettrico dalla testa del pressostato svitando la vite posta al centro dello stesso. svitare di 2 giri la vite con testa esagonale forata posta al centro del pressostato. agire con un cacciavite a taglio sulla vite interna al pressostato, accedendovi attraverso il foro della vite a testa esagonale e regolare la vite fino al raggiungimento del punto di intervento corretto. per provare la correttezza della regolazione, rimettere provvisoriamente il cappuccio al connettore elettrico, ridare tensione al quadro, avviare la pompa dell'osmosi in automatico, quindi strozzare parzialmente la valvola V1 di ingresso acqua all'apparecchio in modo che intervenga l'allarme di minima pressione. Controllare sul manometro in ingresso filtri M1 il valore di intervento del pressostato. quando la taratura è corretta, riavvitare la vite centrale forata ed il connettore elettrico. s.r.l.milano - ITALY Pagina 17 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

18 7.3. Lavaggio membrane L operazione di lavaggio membrane deve essere eseguita esclusivamente da personale qualificato ed autorizzato, dotato di DPI (dispositivi di protezione individuale certificati CE : guanti, maschere, occhiali etc.). L operatore deve essere informato riguardo il grado di pericolosità dei prodotti chimici utilizzati per l esecuzione dell operazione. Occorre altresí attenersi alle norme di sicurezza particolari che appaiono sulla scheda tecnica di ciascun prodotto utilizzato. Durante il funzionamento, ma anche in caso di fermata, le membrane si sporcano in funzione delle caratteristiche dell'acqua e delle condizioni operative e quindi possono richiedere periodici lavaggi con adatte soluzioni detergenti (vedi tabella soluzioni detergenti alla pagina seguente). Per questi casi si consiglia comunque di rivolgersi al centro assistenza più vicino (interpellare il ns. ufficio tecnico). Il lavaggio delle membrane si effettua immergendole in una soluzione detergente. Le operazioni da eseguire sono le seguenti : preparare la soluzione detergente in un bidone sufficientemente grande per contenere le membrane installate sull'impianto. Per la diluizione utilizzare acqua prelevata direttamente dal permeato U. estrarre le membrane dai loro contenitori (vedi 6.1) ed immergerle nella soluzione precedentemente preparata; fare attenzione che la temperatura ed il ph della soluzione non superino i valori limite indicati dalla tabella stessa. estrarre ed immergere ripetutamente le membrane dalla soluzione di lavaggio, in modo da facilitare il ricambio della stessa all interno di esse dopo minuti di trattamento risciacquare le membrane con acqua corrente e successivamente inserirle nuovamente nei loro contenitori qualora si rendesse necessario, ripetere l operazione di lavaggio (eventualmente con un diverso prodotto detergente) previo risciacquo grossolano con acqua Prima della messa in esercizio, occorre rimuovere accuratamente ogni residuo di soluzione dalle membrane operando come indicato alla voce "AVVIAMENTO E REGOLAZIONI" 6.2 pag. 14. ATTENZIONE : lo scarico delle soluzioni utilizzate per il lavaggio delle membrane deve avvenire in accordo con le regolamentazioni di legge relative. Attenersi a quanto indicato sulla schede tecniche dei prodotti chimici impiegati Smaltimento In caso di smaltimento dell'impianto o di sue componenti riferirsi alle normative riguardanti i materiali interessati. In proposito si tenga in considerazione che le membrane e gli elementi filtranti sono classificabili come semplice materiale plastico non tossico né nocivo. s.r.l.milano - ITALY Pagina 18 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

19 7.5. Tabella soluzioni per lavaggio membrane DETERGENTE / DETERGENT / CLEANER TIPO DI SPORCO / SALETE / FOULANT 0.1 % (w) NaOH 0.1 % (w) Na-EDTA ph 12, 30 C MAX 0.1 % (w) NaOH 0.1 % (w) Na-DSS ph 12, 30 C MAX 1.0 % (W) STP 1.0 % (W) TSP 1.0 % (W) Na-EDTA 0.5 % (V) HCl 0.5 % (W) H3PO4 2.0 % (W) Acido citrico / Acide Citrique / Citric Acid 0.2 % (W) NH2SO3H 2.4 % (W) Na2S2O4 2.4 % (W) Acido citrico / Acide Citrique / Citric Acid 2.4 % (W) NH4F-HF ph , 30 C MAX Sali Inorganici / Sels Inorganiques Inorganic Salts (per esempio / par exemple / for example: CaCO 3 - CaSO 4 - BaSO 4 ) Ossidi Metallici / Oxjdes Métalliques / Metal Oxides (per esempio / par exemple / for example: Ferro - Fer - Iron) Inorganici Colloidali / Colloïdaux Inorganiques / Inorganic Colloids (silt) GOOD BEST OK OK OK OK GOOD OK GOOD OK Silice / Silice / Silica OK BEST Biofilms BEST GOOD GOOD Organici / Organiques / Organics OK GOOD GOOD 1. (W) Peso percentuale. (V) Volume percentuale. Cosí 2.0 % (W) acido citrico significa : 2 grammi di acido citrico sciolto in 98 grammi d acqua. 2. Simboli chimici delle sostanze incrostanti, nell ordine: CaCO 3 = carbonato di calcio. CaSO 4 = solfato di calcio. BaSO 4 = solfato di bario. 3. Simboli chimici dei detergenti nell ordine: NaOH = idrossido di sodio. Na-EDTA = sodio etilen-diammino-tetra-acetato Na-DDS = sodio dodecilsulfato. STP = sodio trifosfato (Na 5 P 3 O 10 ). TSP = fosfato trisodico (Na 3 PO 4-12H 2 O). HCl = acido cloridrico. H 3 PO 4 = acido fosforico. NH 2 SO 3 H = acido sulfammico. Na 2 S 2 O 4 = sodio idrosolfito. NH 4 F- HF = ammonio bifluoruro. 1. (W) pourcentage poids. (V) pourcentage volume. Aussi 2.0 % (W) signifie : 2 grammes d acide citrique dissout en 98 grammes d eau. 2. Symboles chimiques des substances incrustantes, en ordre : CaCO 3 = carbonate de calcium. CaSO 4 = sulfate de calcium. BaSO 4 = sulfate de baryum. 3. Symboles chimiques des détergents utilisés, en ordre: NaOH = hydroxyde de sodium. Na- EDTA sel sodium de acide tetracétique de diéthylamine. Na-DDS = sels de sodium dodecylsulfate. STP = sodium triphosphate (Na 5 P 3 O 10 ). TSP = trisodium phosphate (Na 3 PO 4-12H 2 O). HCl = acide hydrochlorique. H 3 PO 4 = acide phosphorique. NH 2 SO 3 H = acide sulfamique. Na 2 S 2 O 4 = sodium hydrosolfite. NH 4 F- HF = ammonium bifluorure. 1. (W) denotes weight percent. (V) denotes volume percent. So 2.0 % (W) citric acid means 2 grams of citric acid dissolved in 98 grams of water. 2. Foulant chemical symbols in order used : CaCO 3 = calcium carbonate. CaSO 4 = calcium sulfate. BaSO 4 = barium sulfate. 3. Cleaning chemical symbols, in order used: NaOH = sodium hydroxyde. Na-EDTA sodium salt of ethylene diamine tetraacetic acid. Na-DDS = sodium salt of dodecylsulfate. STP = sodium triphosphate (Na 5 P 3 O 10 ). TSP = trisodium phosphate (Na 3 PO 4-12H 2 O). HCl = hydrochloric acid. H 3 PO 4 = phosphoric acid. NH 2 SO 3 H = sulfamic acid. Na 2 S 2 O 4 = sodium hydrosulfite. NH 4 F- HF = ammonium bifluoride s.r.l.milano - ITALY Pagina 19 di 20 p7.07 -v18.f ro_d_m-r3.doc

20 MANUALE DI ISTRUZIONI PER L'USO OSMOSI INVERSA SERIE RO /D 8. Risoluzione di alcuni problemi PROBLEMA CAUSA RISOLUZIONE Alta conducibilità permeato. Bassa pressione sulle membrane. Trafilamento O-ring membrane. Conservante/detergente non rimosso. Membrane usurate Bassa portata permeato. Bassa pressione sulle membrane. Membrane sporche. Membrane deteriorate. La pressione non sale. Le valvole VS e/o VR non sono Interviene l'allarme di minima pressione in quanto la pressione a monte della pompa è < 1 bar (100 kpa).* Interviene l'allarme di minima pressione nonostante la pressione sia > 1 bar (100 kpa).* correttamente regolate L'elettrovalvola di flussaggio è sporca od usurata e non chiude correttamente. C' è aria nella pompa. La pompa è usurata. Le valvole di intercettazione sui filtri sono chiuse. I pre-filtri sono sporchi. La pressione dell'acqua in ingresso è insufficiente. L'elettrovalvola in ingresso è difettosa. Il pressostato è difettoso. Il pressostato è starato. Passa acqua ad apparecchio fermo. L'elettrovalvola di ingresso è sporca od usurata e non chiude correttamente. Aumentare la pressione regolando la/e valvola/e VS, VR. Sfilare le membrane e controllare l'integrità ed il corretto posizionamento degli O-ring. Riposizionare o sostituire gli O-ring. Lavare le membrane ad alta portata. Sostituire le membrane. Aumentare la pressione regolando la/e valvola/e VS, VR. Lavare le membrane. Sostituire le membrane. Regolare le valvole VS e/o VR. Pulire o sostituire l'elettrovalvola. Spurgare l'aria dalla pompa. Sostituire e/o riparare la pompa. Aprire le valvole di intercettazione sui filtri. Pulire o sostituire i filtri. Verificare la disponibilità di acqua. Sostituire l'elettrovalvola. Sostituire il pressostato. Tarare il pressostato Pulire o sostituire l'elettrovalvola. * ATTENZIONE : la pressione a monte della pompa deve essere controllata con la pompa in funzione poiché è in tale situazione che il pressostato genera la condizione di allarme. s.r.l.milano - ITALY Pagina 20 di 1 p7.07-v18.f ro_d_m-r3.doc

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE DAL DEGAN 0 MANUALE USO E MANUTENZIONE POMPE A MEMBRANA SERIE DL DL DL DL 0 DL 0 DL DL DL 0 DL 0 DL 0 LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI PRIMA DI USARE LA POMPA IDENTIFICAZIONE COMPONENTI DL DL DL DL 0

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Gentile cliente, Bongioanni spa

Gentile cliente, Bongioanni spa GX NE Gentile cliente, La ringraziamo per aver acquistato un prodotto Bongioanni. Questo libretto è stato preparato per informarla, con avvertenze e consigli, sulla installazione, il corretto uso e la

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) FILTI OLEODINMICI Serie F-1 Filtri con cartuccia avvitabile (spin-on) Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFP T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFP

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI PRESSOSTATI DIFFERENZIALI

MANUALE DI ISTRUZIONI PRESSOSTATI DIFFERENZIALI Rev. 5 01/07 PRESSOSTATI DIFFERENZIALI STAGNI: SERIE DW Modelli DW40, DW100 e DW160 A PROVA DI ESPLOSIONE: SERIE DA Modelli DA40, DA100 e DA160 A B Modelli DW10 ingresso cavi PESO 6,2 kg A B Modelli DA10

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE di: Luigi Tudico si! come tutti gli altri impianti, anche il sistema URTROPPO frigorifero può andare incontro a diversi tipi di inconvenienti,

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

TLZ 20 CONTROLLORE ELETTRONICO DIGITALE A MICROPROCESSORE PER UNITA REFRIGERANTI. ISTRUZIONI PER L'USO Vr. 01 (ITA) - cod.

TLZ 20 CONTROLLORE ELETTRONICO DIGITALE A MICROPROCESSORE PER UNITA REFRIGERANTI. ISTRUZIONI PER L'USO Vr. 01 (ITA) - cod. TLZ 20 CTROLLORE ELETTRICO DIGITALE A MICROPROCESSORE PER UNITA REFRIGERANTI ISTRUZII PER L'USO Vr. 0 (ITA) - cod.: ISTR 06280 TECNOLOGIC S.p.A. VIA INDIPENDENZA 6 27029 VIGEVANO (PV) ITALY TEL.: +39 038

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche:

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche: OGGETTO: Egregi, a breve verrà commercializzata una nuova gamma di caldaie a condensazione, chiamata Paros Green, che andranno a integrare il catalogo listino attualmente in vigore. Viene fornita in tre

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Manuale istruzioni 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Spazio riservato per annotare le tre cifre del PIN dell'eventuale password di protezione. Indice Principali operazioni a cura dell'utente............................................

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Manuale ProVari. www.provape.com 1

Manuale ProVari. www.provape.com 1 Manuale ProVari Grazie per l'acquisto della sigaretta elettronica ProVari! Si prega di leggere questo manuale prima di utilizzare la sigaretta elettronica. www.provape.com 1 La sigaretta elettronica, nota

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE 1 MORSETTIERA INTERNA Qui di seguito è riportato lo schema della morsettiera interna: Morsettiera J1 12 V + - N.C.

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

Sostituzione del contatore di energia elettrica

Sostituzione del contatore di energia elettrica Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Sostituzione del contatore di energia elettrica per Vitotwin 300-W, tipo C3HA, C3HB e C3HC e Vitovalor 300-P, tipo C3TA Avvertenze sulla

Dettagli

DOC SI-RR+ ITAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 SI-RR+

DOC SI-RR+ ITAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 SI-RR+ DOC -RR+ TAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 25 cm 25 cm -RR+ A/ NFORMAZON GENERAL 1/ nstallazione Collocare il programmatore presso una presa di corrente a 230 V, 50 Hz. La presa deve far parte di un impianto

Dettagli

Istruzioni di manutenzione

Istruzioni di manutenzione Istruzioni di manutenzione NB/NBG 1. Identificazione... 2 1.1 Targhetta di identificazione... 2 1.2 Descrizione del modello... 3 1.3 Movimentazione... 4 2. Smontaggio e montaggio... 5 2.1 Informazioni

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma Manuale di Istruzioni HI 931002 Simulatore 4-20 ma w w w. h a n n a. i t Gentile Cliente, grazie di aver scelto un prodotto Hanna Instruments. Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare la strumentazione,

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

SIRe Competent Fan Heater Electric. SIReFCX. With quick guide. For wiring diagram, please see last pages SE... 2 ES... 70 ... 155 ...

SIRe Competent Fan Heater Electric. SIReFCX. With quick guide. For wiring diagram, please see last pages SE... 2 ES... 70 ... 155 ... Original instructions SIRe Competent Fan Heater Electric With quick guide SIReFCX SE... 2 GB... 19 DE... 36 FR... 53 ES... 70 IT... 87 NL... 104 NO... 121 PL... 138 RU... 155 For wiring diagram, please

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

SIRe Competent Air Curtains Electric With quick guide. SIReAC. For wiring diagram, please see last pages SE... 2 ES... 78 ... 173 ...

SIRe Competent Air Curtains Electric With quick guide. SIReAC. For wiring diagram, please see last pages SE... 2 ES... 78 ... 173 ... Original instructions SIRe Competent Air Curtains Electric With quick guide SIReAC SE... 2 GB... 21 DE... 40 FR... 59 ES... 78 IT... 97 NL... 116 NO... 135 PL... 154 RU... 173 For wiring diagram, please

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Impianti aspirapolvere centralizzati

Impianti aspirapolvere centralizzati ISTRUZIONI PER L USO CENTRALI ASPIRANTI MOD. DS SUPER COMPACT MOD. DS SUPER COMPACT 1,5 MOD. DS SUPER COMPACT 2,2 MOD. DS SUPER COMPACT TURBO 2,2 MOD. DS SUPER COMPACT TURBO 4,5i Copyright by DISAN S.r.l.

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Istruzioni per il montaggio e la manutenzione

Istruzioni per il montaggio e la manutenzione 720 7200 07/2005 IT (IT) Per l installatore specializzato Istruzioni per il montaggio e la manutenzione Caldaia murale a gas Logamax U22-20/24/24K/28/28K Leggere accuratamente prima del montaggio e della

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 3.347.5275.106 IM-P148-39 ST Ed. 1 IT - 2004 Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 1. Informazioni generali per la sicurezza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE

ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE E d i z i o n e 1 d a t a t a A P R I L E 1 9 9 5 POOL AZIENDE SERVIZIO SICUREZZA GAS 53 52 51 50 49 48 47 46 351

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

PowerSurvivor 80E Serie Endurance 12 Volt e 24 Volt Dissalatori

PowerSurvivor 80E Serie Endurance 12 Volt e 24 Volt Dissalatori PowerSurvivor 80E Serie Endurance 12 Volt e 24 Volt Dissalatori Manuale d uso 2 Grazie Per aver acquistato un dissalatore Katadyn PowerSurvivor 80E. Costruito secondo rigorose specifiche tecniche e progettato

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Forerunner 10 Manuale Utente Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente il presente

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

X5 F15 PHEV. Legenda. BMW X5 F15 PHEV (C) 2015 BMW AG München, Deutschland Edizione 01/2015. (a partire da 03/2015)

X5 F15 PHEV. Legenda. BMW X5 F15 PHEV (C) 2015 BMW AG München, Deutschland Edizione 01/2015. (a partire da 03/2015) file://c:\users\qx54891\appdata\local\temp\10\dw_temp_qx54891\vul-rek-bm Page 1 of 7 BMW X5 F15 PHEV (C) 2015 BMW AG München, Deutschland Edizione 01/2015 X5 F15 PHEV (a partire da 03/2015) Legenda Airbag

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli