Regolamento novembre Fiera Milano Rho

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento. 12 19 novembre Fiera Milano Rho"

Transcript

1 Regolamento Tecnico novembre Fiera Milano Rho MILANO, ITALIA

2

3 Regolamento INDICETecnico B1 Informazioni generali 04 B2 Indirizzi e corrispondenza 04 B3 Formulari di Servizio 04 B4 Gestione in loco 05 B5 Gestione dello stand espositivo Il Gestore dello Stand 05 B6 Pagamenti, scadenze e supplementi 05 B7 Garanzia di buona esecuzione 05 B8 Allestimento e smontaggio dello stand e periodo di svolgimento della Manifestazione 05 B8.1 Allestimento stand 06 B8.2 Periodo di svolgimento della Manifestazione 06 B8.3 Smontaggio dello stand 06 B9 Approvazione dello stand espositivo 06 B9.1 Presentazione delle planimetrie 06 B9.2 Valutazione dei rischi e dichiarazione dei metodi impiegati 07 B9.3 Approvazione dei progetti dello stand 07 B9.4 Misura della responsabilità 08 B10 Regole per la costruzione degli stand 08 B10.1 Informazioni generali 08 B10.2 Stile, qualità della presentazione, dimensioni 08 B10.3 Verifica delle dimensioni dello stand 11 B10.4 Attribuzione del numero dello stand 11 B10.5 Turbativa provocata dalle merci in esposizione 11 B10.6 Specifiche dei materiali 11 B10.7 Stand a due piani, palchi, dispositivi di risalita e ponti 11 Stand a due piani 11 Piattaforme, dispositivi di risalita, ponti 12 Domanda per la licenza edilizia di stand a due piani, palchi, dispositivi di risalita e ponti 13 Copertura del soffitto 13 B11 Solo spazio e opzioni con stand preallestito 14 B12 Dati tecnici e caratteristiche dei padiglioni 14 B12.1 Apparecchiatura per le comunicazioni 15 B12.2 Cattivo funzionamento dei servizi 15 B13 Norme di sicurezza della Quartiere fieristico 15 B13.1 Uscite di emergenza, portelli di sicurezza, corridoi del padiglione espositivo 15 Accesso alle attrezzature e alla segnaletica di sicurezza 15 Evacuazione d emergenza 15 B13.2 Manichette ed estintori 15 B13.3 Aree di servizio antincendio, idranti antincendio 16 B13.4 Regolamenti per la prevenzione di incendi 16 Costruzione dello stand e materiali decorativi 16 Autoveicoli quali articoli complementari di esposizione 16 Fumare nella Quartiere fieristico 16 Politica per striscioni pendenti/ palloncini /soffitti /illuminazione 16 Uso di palloncini ed oggetti volanti 16 Macchine esalatrici di fumo 17 Rifiuti riciclabili, non riciclabili e residui 17 Pistole a spruzzo, vernici alla nitrocellulosa 17 Macchinari da lavoro 17 Affilare, saldare, tagliare, tinteggiare nei padiglioni, lavorazioni a caldo e fiamme libere 17 Rivestimenti dello stand 17 Rivestimento tessile 17 B13.5 Altri regolamenti di sicurezza 17 Equipaggiamento di protezione individuale (PPE) 17 Pistole sparachiodi 18 Vetro e lastre acriliche 18 Carico del pavimento e strumenti per la distribuzione del peso 18 B14 Installazione di attrezzature elettriche 18 B14.1 Informazioni generali 18 B14.2 Allacciamenti 18 B14.3 Installazione dello stand 19 B14.4 Specifiche elettriche 19 B14.5 Rete di erogazione elettrica per i posteggi 19 B14.6 Prese di servizio 19 B14.7 Illuminazione del padiglione 19 B14.8 Accesso alle prese di corrente 20 B14.9 Quadro elettrico generale del posteggio 20 01

4 Regolamento INDICETecnico B14.10 Allacciare il quadro generale all alimentazione di rete 20 B14.11 Commutazione 20 B14.12 Sistemi di cablaggio 21 B14.13 Prese a spina 21 B14.14 Illuminazione fissa del posteggio 21 B14.15 Trasformatori elettrici e trasduttori a bassissima tensione 21 B14.16 Motori elettrici 22 B14.17 Collegamento delle masse metalliche all impianto di terra 22 B14.18 Norme tecniche e di sicurezza 22 B14.19 Norme per la fornitura elettrica 22 B14.20 Precauzioni di sicurezza 22 B14.21 Periodi di fornitura dell alimentazione elettrica 23 B15 Allacciamento dell acqua e installazione di attrezzature per le acque reflue 23 B15.1 Informazioni generali 23 B15.2 Allacciamenti 23 B15.3 Installazione dello stand 24 B15.4 Periodi di fornitura idrica 24 B16 Installazione di attrezzature e tubi ad aria compressa 24 B16.1 Informazioni generali 24 B16.2 Allacciamenti 24 B16.3 Installazione dello stand 25 B16.4 Caratteristiche dell aria compressa 25 B17 Installazione del gas 25 B18 Fori per bulloni di aggancio, scanalature e profilati 25 B19 Punti di ancoraggio e sospensione 26 Attaccare gli elementi ai punti di fissaggio 26 B20 Uso delle apparecchiature a pressione, degli impianti di scarico, dei gas compressi, dei liquidi 27 infiammabili e altre sostanze pericolose B20.1 Apparecchiature a pressione 27 Certificazione di conformità 27 B20.2 Gas di scarico, vapori e impianti di scarico 27 B20.3 Gas compresso e impianti a gas liquido 27 B20.4 Liquidi infiammabili 28 Conservazione e uso 28 Restrizioni alla conservazione 28 Luogo di conservazione 28 Condizioni per il funzionamento 28 Contenitori vuoti 28 B20.5 Protezione da radiazioni 28 Materiali radioattivi 28 Apparecchi a raggi X e apparecchi che emettono radiazioni spurie 28 Apparecchi laser 29 Apparecchi ad alta frequenza, sistemi radio, campi elettromagnetici 29 B20.6 Amianto e altre sostanze pericolose 29 B21 Cura dei padiglioni espositivi 29 B21.1 Informazioni generali 29 B21.2 Pavimenti dei padiglioni 29 B21.3 Danni 29 B22 Gestione dei rifiuti 30 B22.1 Informazioni generali 30 B22.2 Smaltimento dei rifiuti 30 B22.3 Materiali di scarto generati dalla costruzione dello stand 30 B22.4 Rifiuti che richiedono attenzioni speciali 30 B22.5 Gestione delle acque di scarico 31 B22.6 Danni all ambiente 31 B23 Sicurezza dei macchinari e dimostrazione dei prodotti in esposizione 31 B23.1 Codice di sicurezza delle apparecchiature e dei prodotti 31 Esposizione di macchinari privi di marchio CE o che non sono conformi alla Normativa 31 di Sicurezza Europea B23.2 Dimostrazione dei prodotti in esposizione e dei dispositivi di sicurezza 31 Precauzioni speciali per i macchinari che sono utilizzati in movimento nello stand 32 B23.3 Procedure di prova 32 B23.4 Divieti di funzionamento 33 B23.5 Controllo di rumore eccessivo nei padiglioni 33 B24 Forme di informazione e promozione, limitazioni 33 B24.1 Informazioni generali 33 02

5 Regolamento CONTENTS INDICETecnico B24.2 Film, diapositive, sfilate di moda e presentazioni 34 Sfilate di moda nello stand e attività simili 34 Tassa sulla pubblicità e la riproduzione musicale 34 Uso di opere originali 35 Stanze di presentazione negli stand 35 B24.3 Forme proibite e limitate di informazione e promozione 35 B24.4 Materiali promozionali forniti dall Organizzatore 36 B24.5 Servizi stampa 36 B25 Distintivi dell espositore/installatore e di servizio 36 B25.1 Distintivi dell espositore 36 B25.2 Distintivi dell installatore 37 B25.3 Distintivi di servizio 37 B26 Sistema di registrazione dei visitatori 37 B26.1 Registrazione dei visitatori 37 B26.2 Tipi di badge 37 B26.3 Sistema di lettura dei badge 38 B27 Ristorazione 38 B28 Pulizia dello stand 38 B29 Imballaggi vuoti 38 B30 Decorazioni floreali, mobili e attrezzature varie 39 B31 Sgabuzzini e sale riunioni 39 B32 Fotografia e video 39 B33 Sicurezza e personale di sicurezza 39 B34 Personale provvisorio 39 B35 Servizio per il recupero dell IVA 40 B36 Diritti di proprietà intellettuale 40 B37 Servizi per i disabili 40 B37.1 Accesso 40 B37.2 Carrozzine 40 B37.3 Parcheggio 40 B38 Assicurazione 40 B39 Servizi per la logistica, le spedizioni e il sollevamento delle merci 41 B39.1 Impresa ufficiale incaricata della logistica in loco 41 B39.2 Linee guida per le consegne e le spedizioni 42 B39.3 Trasporto dei macchinari e di altri prodotti in esposizione 42 B39.4 Operazioni di sdoganamento 42 Per l importazione temporanea 43 Per l importazione permanente (merci che resteranno nell UE) 43 B39.5 Arrivo dei prodotti in esposizione e consegna presso gli stand 43 B39.6 Materiali d imballaggio: Ritiro, deposito e restituzione 43 B39.7 Imballaggio ed etichettatura dei prodotti in esposizione 44 B39.8 Gru, carrelli elevatori, merce in esposizione, imballaggio, consegne di merce 44 B39.9 Spedizioni di ritorno 45 B40 Deposito di merce per le dimostrazioni e di forniture per lo stand 45 B40.1 Deposito con sorveglianza dei materiali operativi 45 B40.2 Conservazione di materiali infiammabili 45 Prodotti tessili 45 Olio, petrolio, gas liquefatti, ecc. 45 B40.3 Immagazzinaggio privato 45 B40.4 Consegne presso lo stand durante il periodo di svolgimento della Manifestazione 45 B41 Traffico stradale e regole relative al parcheggio (allestimento dello stand, smontaggio dello stand, 45 periodo di svolgimento della Manifestazione) B41.1 Parcheggio per gli espositori, richieste di parcheggio speciali 46 Pullman aziendali 46 Richieste di parcheggio speciali 46 B42 Servizio di deposito bagagli 47 03

6 Desideriamo ricordare a tutti gli espositori che quella inglese è l unica versione ufficiale. Il testo del Regolamento Tecnico in essa contenuto è legalmente vincolante come lo è per tutte le questioni legali toccate nel presente documento. B1 Informazioni generali ITMA rappresenta la principale mostra espositiva al mondo per l intera catena tessile e la sua reputazione è nota per attrarre espositori e visitatori del più alto calibro. Per mantenere e rafforzare questa reputazione, è importante che lo standard della presentazione della mostra espositiva sia del più alto livello. Questo regolamento ha lo scopo di garantire il mantenimento delle idee alla base di ITMA e, contemporaneamente, di permettere agli espositori di presentare in modo esauriente la loro identità e i loro prodotti aziendali. Il regolamento che disciplina la 17ª Manifestazione Internazionale dei Macchinari Tessili per l anno 2015 a Milano, di seguito denominata ITMA 2015, ha lo scopo di permettere a tutti gli espositori di realizzare una fiera espositiva all insegna della sicurezza e del successo commerciale. Tutti gli espositori sono obbligati ad attenersi al presente regolamento. CEMATEX si riserva il diritto di rifiutare l ammissione di un espositore agli eventi futuri definiti ITMA e ITMA ASIA (inclusi ITMA ASIA + CITME) nel caso in cui il suddetto espositore violi qualsiasi regola e regolamento di ITMA 2015, qui con riferimento alle regole e ai regolamenti stipulati in Regolamento generale, Regolamento tecnico, Richiesta di partecipazione e Contratto di locazione per lo spazio espositivo, Indice dei prodotti e relativi allegati, oltre a tutte le altre disposizioni stabilite dall Organizzatore. B2 Indirizzi e corrispondenza ITMA 2015 si svolgerà nei padiglioni del Quartiere fieristico della Fiera di Milano Rho a Milano, Italia, di seguito denominata Quartiere fieristico, dal 12 novembre al 19 novembre 2015 (incluso). CEMATEX ha autorizzato MP Expositions Pte Ltd, di seguito denominata L Organizzatore, affidandole l organizzazione di ITMA 2015 nel quadro del Regolamento generale e di tutte le norme e regolamenti di ITMA Per tutte le domande relative al Regolamento tecnico e ai Formulari di Servizio, gli espositori devono inviare la corrispondenza all Organizzatore nel seguente modo: Team di servizio di ITMA 2015 Tel: Sito web: Per accelerare i tempi di risposta, gli espositori dovrebbero sempre inviare le loro comunicazioni e la loro corrispondenza via indicando il numero di stand. B3 Formulari di Servizio 04 I Formulari di Servizio saranno resi disponibili a tutti gli espositori dal 15 gennaio In essi saranno inclusi moduli e informazioni su tutti i servizi tecnici e non. I diritti enunciati nell Articolo A11 del Regolamento generale non sono soggetti ad addebiti a carico degli espositori, a condizione che il Team di Servizio di ITMA 2015 riceva i Formulari di Servizio degli espositori presentati online entro i termini di scadenza stabiliti. Tutti gli espositori tengano in considerazione che tutte le planimetrie degli stand devono essere inoltrate tramite copia digitale online entro la scadenza stabilita. Devono essere presentati tutti i Formulari di Servizio obbligatori. La ricezione di moduli dopo il termine di scadenza sarà assoggettata al pagamento di una penalità (vedere l Articolo A13 del Regolamento generale ). Formulari di Servizio online distribuiti agli espositori: 15 gennaio 2015 Termine ultimo d invio di TUTTI i Formulari di Servizio e delle planimetrie degli stand: 1 giugno 2015 Termine ultimo d invio di TUTTI i Formulari di Servizio non tecnici: 15 settembre 2015 Nota: Gli espositori dovrebbero tenere in considerazione le rispettive scadenze stipulate nei Formulari di Servizio nel momento in cui verranno rilasciate entro il 15 gennaio 2015.

7 B4 Gestione in loco La gestione di ogni due padiglioni espositivi sarà affidata ad un manager di padiglione, coadiuvato da un team di fornitori di servizi in grado di informare gli espositori sui servizi a loro disposizione e sulle questioni legate al regolamento o su altre questioni operative. Al loro arrivo in loco e prima dell inizio di qualsiasi attività, tutti gli espositori e/o i loro allestitori devono presentarsi all Ufficio dell Organizzatore. B5 Gestione dello stand espositivo Il Gestore dello Stand Gli espositori, tramite la persona incaricata dello stand, definita il Gestore dello Stand, hanno la responsabilità di comunicare allo staff e a tutti i fornitori dei servizi che lavorano nel loro stand i regolamenti applicabili, fornendo loro le copie pertinenti di tali regolamenti. Gli espositori hanno la responsabilità di garantire l osservanza e l applicazione del regolamento nei propri stand. Gli espositori rispondono per i danni e le perdite causati a cose o persone dal proprio staff o dalle proprie imprese, dalle attrezzature, dagli oggetti o dalle macchine usate nei locali del Quartiere Fieristico. Gli espositori devono garantire il libero accesso a tutti i locali e all attrezzatura dello stand allo staff o ai rappresentanti dell Organizzatore, al Team di Servizio di ITMA 2015 e ai loro allestitori, come anche ai rappresentanti di CEMATEX. B6 Pagamenti, scadenze e supplementi Per tutti i termini di scadenza, vedere Calendario e termini di scadenza per gli espositori. Vedere il Regolamento generale per le informazioni relativi ai pagamenti e ai supplementi per: Locazione dello stand: Articolo A12 Servizi: Articolo A13 Metodi di pagamento e valute monetarie: Articolo A14 B7 Garanzia di buona esecuzione Vedere l Articolo A15 del Regolamento generale per le informazioni sulla Garanzia di buona esecuzione. B8 Allestimento e smontaggio dello stand e periodo di svolgimento della Manifestazione L allestimento dello stand e le operazioni di smontaggio possono essere eseguiti esclusivamente adempiendo alla normativa legale di pertinenza sul lavoro e l industria in vigore in quel dato periodo. Il calendario per l allestimento e lo smontaggio dello stand e il periodo di svolgimento della Manifestazione per gli espositori sono i seguenti: Allestimento dello stand Periodo di Padiglione Tutti gli altri Smontaggio dello stand Tutti i padiglioni esposizione 1 e 3 Padiglioni Data (2015) 25 ott-7 nov 31 ott-7 nov 8-10 nov 11 nov nov nov 26 nov Inizio (ore) Fine (ore) Per motivi di sicurezza generale, i padiglioni e il luogo della fiera sono chiusi al di fuori di questi orari. 05

8 Gli espositori che devono lavorare fuori orario devono fare richiesta per iscritto entro le ore del giorno richiesto agli uffici del Team di Servizio ITMA Agli espositori sarà addebitata una tariffa oraria per il lavoro svolto al di fuori delle ore ordinarie. La tariffa oraria sarà pubblicata al momento del rilascio dei Formulari di Servizio in data 15 Gennaio B8.1 Allestimento stand L allestimento avrà inizio alle ore del 25 ottobre 2015 per il Padiglione 1 e 3 e il 31 ottobre 2015 per tutti gli altri padiglioni. L allestimento per tutti i padiglioni dovrà essere completato entro le ore dell 11 novembre (Vederetabella nell articolo B8) La serata dell 11 novembre 2015 è riservata alle operazioni di pulizia, alla disposizione di moquette, fiori e piante, pertanto gli espositori devono completare l allestimento del loro stand entro le ore di questo giorno. Le richieste di servizi possono essere presentate dalle alle (elettricità, aria compressa, ecc.). Orari prolungati rispetto a quelli indicati sono possibili nei casi di montaggio complicato o in circostanze attenuanti. Tali estensioni di orario richiedono l autorizzazione da parte del Team di Servizio di ITMA Tutti i veicoli per le consegne e la costruzione dello stand devono essere rimossi dai padiglioni e dalle aree riservate allo scarico delle merci entro le ore del 11 novembre I veicoli che desiderano l accesso ai padiglioni o alle aree riservate allo scarico merci devono ottenere un permesso di accesso da parte del Dipartimento Logistica del Quartiere Fieristico. Vedere inoltre Articolo B Linee guida per le consegne e le spedizioni, e Articolo B41 - Traffico stradale e regole relative al parcheggio (allestimento dello stand, smontaggio dello stand, periodo di svolgimento della Manifestazione). Nel caso in cui la costruzione dello stand non cominci entro le ore dell 11 novembre 2015 e si riconosca l impossibilità di completarla entro le ore dell 11 novembre 2015, l Organizzatore si riserva il diritto, dopo averne comunicato preavviso, di utilizzare diversamente lo spazio espositivo senza alcun indennizzo per l espositore. L Organizzatore presenterà all espositore una lettera raccomandata o brevi manu, nella quale sono esposte le proprie ragioni, che costituirà contemporaneamente una revoca di ammissione e lo scioglimento del Contratto di locazione da parte dell Organizzatore. Tale atto non solleverà l espositore inadempiente dalla sua responsabilità relativa al costo della locazione per lo stand, ai servizi e alle installazioni fornite. I macchinari e le attrezzature saranno consegnati negli stand in base al programma stabilito dall Organizzatore e dall Impresa Ufficiale incaricata della logistica in loco, conformemente alle informazioni fornite dagli espositori nei Formulari di Servizio. B8.2 Periodo di svolgimento della Manifestazione Vedere l Articolo B8 per gli orari di apertura dei padiglioni. B8.3 Smontaggio dello stand Lo smontaggio degli stand deve avvenire esclusivamente a partire dalle ore del 20 novembre Solamente gli articoli trasportati a mano (accessori, computer, materiale pubblicitario, ecc.) possono essere rimossi il 19 novembre 2015 nell orario compreso tra le e le Gli espositori che provvederanno allo smontaggio dell attrezzatura, del materiale grafico, delle vetrine o chiunque rimuova gli articoli trasportati a mano prima delle ore del 19 novembre 2015 dovranno pagare una multa di 500 Euro all Organizzatore. Questo importo sarà detratto dalla Garanzia di buona esecuzione versata dall espositore. Se la Garanzia di buona esecuzione non fosse sufficiente, sarà inviata una fattura all espositore con l ammontare del saldo da pagare. Tutti i costi incorsi per quanto sopra e i rischi di furto, perdita e danno saranno sostenuti dall espositore. Lo smontaggio dello stand deve essere completato categoricamente entro le ore di giovedì 26 novembre Alla fine del periodo previsto per lo smontaggio, l espositore sarà obbligato a liberare completamente il proprio stand da tutto il materiale relativo alla costruzione dello stesso, dai beni in esposizione e da tutti gli altri articoli, ripristinando l area occupata dallo stand alla sua condizione iniziale. Qualsiasi materiale ancora presente negli stand dopo tale data sarà rimosso e smaltito dall Organizzatore a spese dell espositore. 06 Gli espositori rinunceranno a qualsiasi rivendicazione nei confronti dell Organizzatore, del Team di Servizio ITMA 2015, del Quartiere Fieristico e dei loro allestitori in merito a tali rimozioni o ad altre conseguenze, come anche per qualsiasi perdita o danno.

9 B9 Approvazione dello stand espositivo B9.1 Presentazione delle planimetrie Tutti gli espositori devono presentare una serie di planimetrie in scala del loro stand espositivo (compresa la disposizione dei macchinari) entro il primo giugno La preparazione di tale materiale deve rispettare gli esempi e i simboli illustrati nel documento allegato ai Formulari di Servizio e deve includere le planimetrie tecniche dettagliate in scala 1:50. Disegni aggiuntivi relativi ai rialzi devono essere presentati da tutti gli stand a due piani. Per ulteriori informazioni, vedere l Articolo B10.7 sugli stand a due piani. Sono tenuti a presentare i disegni aggiuntivi dei rialzi anche gli stand ad un solo piano aventi le seguenti caratteristiche:. dimensioni che superano i 100 metri quadri altezza uguale o superiore a 3 metri con palco o piattaforma superiori ai 0,3 metri in altezza dal piano terra del padiglione, qualora l accesso avvenga tramite gradini con ponti, scale, tetti con travi a sbalzo, soppalchi, ecc. Si ricorda agli espositori che tutte le planimetrie degli stand devono essere inoltrate in copia digitale online. Tutte le planimetrie/tutti i disegni devono contenere i seguenti dati: a) Il numero del modulo a cui si riferiscono b) La ragione sociale dell espositore c) I numeri di padiglione e di stand d) Il numero di stand degli stand confinanti e) L indicazione del parametro di scala usato f) L indicazione degli ingressi allo stand g) Il numero di riferimento e la legenda dei prodotti in esposizione specificando quali tra essi saranno oggetto di dimostrazione e messi in funzione h) L altezza di tutti i macchinari e degli articoli di montaggio dello stand, comprese le pareti i) La data j) Le informazioni dettagliate sui materiali usati per il montaggio dello stand k) La persona che ha eseguito i calcoli e le informazioni complete relative al recapito Un modulo per la valutazione dei rischi e la dichiarazione dei metodi impiegati, le informazioni dettagliate su materiali usati, tra cui i certificati aggiornati di resistenza al fuoco e la Scheda di Sicurezza dei materiali (MSDS), devono essere presentati insieme alle planimetrie. Le planimetrie e i disegni saranno controllati dal Team di Servizio di ITMA 2015 per verificarne la conformità al regolamento. Gli espositori dovrebbero tenere presente che la versione italiana di tutti gli standard italiani a cui si deve aderire nel presente regolamento prevarrà e sarà vincolante su tutte le questioni che coinvolgono tale regolamento. In caso di discrepanze tra lo standard italiano e gli altri standard stipulati nel presente Regolamento, prevarrà lo standard italiano. Gli espositori riceveranno comunicazione scritta entro il 15 settembre 2015 sull esito positivo dell approvazione del loro stand; una copia delle planimetrie/dei disegni recante il timbro di approvazione dell Organizzatore sarà rinviata all espositore/allestitore dello stand. B9.2 Valutazione dei rischi e dichiarazione dei metodi impiegati Un modulo per la valutazione dei rischi e la dichiarazione dei metodi impiegati dovrà essere presentato da tutte gli allestitori e gli espositori che costruiscono uno stand personalizzato per il montaggio e lo smontaggio dello stand. La valutazione dei rischi deve trattare tutte le attività collegate all allestimento dello stand e le attività intraprese nello stand durante la fase di svolgimento della Manifestazione e di smontaggio. Facsimili di questi moduli e i criteri fondamentali di valutazione saranno resi disponibili nei Formulari di Servizio rilasciati agli espositori il 15 gennaio

10 Al completamento della valutazione dei rischi e della dichiarazione dei metodi impiegati, si prega di assicurarsi che sia realizzata l applicazione pratica delle fasi identificate per la costruzione, la gestione e lo smontaggio dello stand secondo criteri di sicurezza ed efficienza. Queste informazioni devono essere portate all attenzione di tutte le persone che lavoreranno per Vostro conto all Esposizione. Gli espositori dovranno rendere disponibili queste informazioni agli allestitori assunti per lo stand e a tutti i terzi coinvolti. B9.3 Approvazione dei progetti dello stand L approvazione del progetto di stand sarà inviato agli espositori entro il 15 settembre 2015, a condizione che le presentazioni del progetto di stand siano complete e in buono stato. Qualora gli espositori desiderino ricevere anticipatamente l approvazione dello stand (vale a dire, prima della data ufficiale del 15 settembre 2015), ad essi si consiglia fortemente di presentare i propri progetti di stand all Organizzatore entro il termine ultimo del primo giugno Gli espositori che non ottengono l approvazione per lo stand, riceveranno comunicazione dal Team di Servizio di ITMA 2015 il quale informerà sulle azioni da intraprendere per avere riconosciuta la conformità dello stand. B9.4 Misura della responsabilità Se l espositore, o l allestitore da esso incaricato per lo stand, non si adegua alle regole di costruzione dello stand di cui sopra, sarà responsabile per qualsiasi danno derivante dalla violazione di tali regole. Inoltre, l espositore, o l allestitore da esso incaricato, accetta di mutuo accordo di esonerare l Organizzatore e CEMATEX da tutte i reclami che terzi vogliono far valere per la violazione delle regole di costruzione dello stand. B10 Regole per la costruzione degli stand B10.1 Informazioni generali I prodotti in esposizione devono essere disposti in modo tale da attrarre l attenzione dei visitatori. Per poter ottenere il miglior effetto complessivo possibile, gli stand devono essere costruiti in conformità con il Regolamento tecnico. Non sarà permessa la costruzione in loco di nessuno stand espositivo, a meno che sia stata concessa previa approvazione. Il Team di servizio ITMA 2015 controllerà che le componenti dello stand siano costruite in conformità con i progetti precedentemente approvati. Qualora ci fosse una deviazione in contravvenzione con le regole stipulate nel presente Regolamento Tecnico, o in violazione delle disposizioni legali, il Team di Servizio ITMA 2015 è autorizzato a fermare i lavoro di costruzione dello stand. Tali espositori riceveranno un ammonimento (per iscritto, con lettera consegnata a mano) con la richiesta di assumere le misure necessarie per conformarsi al regolamento. Se, dopo aver ricevuto un secondo ammonimento, l espositore continua a contravvenire alle norme, il Team di Servizio ITMA 2015 è autorizzato a sospendere l erogazione elettrica e chiudere lo stand. B10.2 Stile, qualità della presentazione, dimensioni L espositore è responsabile della progettazione e dell arredamento dello stand, oltre a qualsiasi lavoro di costruzione necessario. ITMA 2015 richiede che si aderisca ai seguenti criteri: Tutte le regole tecniche e di sicurezza devono essere soddisfatte, secondo quanto definito nel presente Regolamento tecnico e nei Formulari di Servizio. Gli espositori e lo staff incaricato del montaggio promettono di attenersi, accertandosi che anche le loro imprese appaltatrici e subappaltatrici vi si attengano, alla legislazione in vigore in materia di prevenzione dei rischi professionali che potrebbero essere pertinenti al lavoro che sarà eseguito da loro o dai propri appaltatori e/o subappaltatori. 08

11 Qualsiasi persona che lavora nel Quartiere Fieristico deve essere in possesso di un pass lavorativo. Per ottenere il pass lavorativo, gli espositori devono completare online il modulo di registrazione di pertinenza. Una volta che il pass è stato emesso, deve essere indossato in posizione ben visibile e tenendo conto che si tratta di un documento personale e non trasferibile. Tutti coloro che operano all interno del Centro Espositivo, a prescindere dalla funzione lavorativa, devono essere registrati e devono rispettare l attuale legislazione sul lavoro, con particolare riguardo alle relazioni professionali tra le parti. In particolare, gli obblighi di tutte le parti che operano per conto degli espositori, sotto contratto o in subappalto, hanno l obbligo di munirsi di tessera di riconoscimento, di cui all Articolo 18, paragrafo l, lettera u), 21, paragrafo l, lettera c), 26, paragrafo 8 del Decreto Legislativo Italiano 81/08. Come previsto dal suddetto Decreto Legislativo, la tessera di riconoscimento deve contenere: - Fotografia dell operatore - Dettagli dell operatore (nome e cognome, data di nascita e data di assunzione) - Nome del datore di lavoro - In caso di subappaltatori, l autorizzazione di pertinenza (vale a dire, la data di richiesta di autorizzazione di subappalto, contratto di lavoro) deve essere fornita su richiesta. I lavoratori autonomi devono fornire la propria tessera di riconoscimento che deve contenere: - Nome e cognome e data di nascita - Fotografia - Nome dell impresa alla quale offrono i loro servizi - Numero dello stand espositivo presso cui lavorano GLI OPERATORI PRIVI DI TESSERA DI RICONOSCIMENTO O IN POSSESSO DI DOCUMENTI NON LEGGIBILI, SCADUTI O CONTRAFFATTI, SARANNO ALLONTANATI DAL QUARTIERE FIERISTICO. Tutti i lavoratori stranieri extraeuropei devono possedere un permesso di lavoro valido per lavorare a Milano, Italia. Ogni stand deve avere minimo un rivestimento per pavimenti e delle attrezzature per la conservazione dei beni. Le rifiniture delle componenti dello stand devono essere della stessa qualità su tutti i lati (cioè anche i lati che si affacciano sui corridoi e/o gli stand confinanti). Il lato rivolto verso lo stand confinante deve essere bianco e non deve riportare loghi o marchi commerciali dell espositore. Si raccomanda lo scambio di informazioni tra gli espositori e i loro confinanti al fine di evitare conflitti al momento dello svolgimento della Manifestazione. Tutti gli stand devono essere completamente rifiniti su tutti i lati. Si raccomanda inoltre di coprire il soffitto dello stand in ragione della visibilità dal balcone all estremo dei padiglioni. I cavi e gli impianti in cima agli stand dovrebbero essere coperti con materiali non infiammabili. Ciascun visitatore deve avere libero accesso ai prodotti in esposizione. Tutti i prodotti esposti devono essere visibili da una persona in posizione eretta nei corridoi e devono essere mostrati in conformità alle regole di sicurezza. Non è possibile aggiungere alla struttura in costruzione pareti o cabine le cui dimensioni superano il 50% della lunghezza di ciascun lato aperto. La definizione di parete si riferisce a ogni struttura superiore a 1,25 m di altezza e che non è pienamente trasparente, vale a dire una parete solida, un tessuto, pannelli grafici, schermi pop-up, ecc. a. La regola del 50% si applicherà anche opzioni con stand preallestito. b. Per bilanciare il 50% dello spazio aperto, è consentito usare pareti in vetro o plexiglas sulla porzione del lato aperto superiore al 50% saranno ammesse come pareti SOLTANTO vetro trasparente, plexiglas o qualsiasi materiale trasparente al 100%. Questo è al fine di mantenere una visibilità oggettiva. c. Sarà concesso agli espositori di costruire pareti o cabine superiori al 50% della lunghezza del lato aperto, a condizione che la porzione di parete superiore al 50% venga spostata indietro di almeno 1,5 m. 09

12 d. Sarà concesso un limite di altezza di 6 metri agli espositori che decidano di utilizzare vetro trasparente, plexiglas o altri materiali trasparenti per coprire il 100% di uno qualsiasi dei lati aperti dello stand. Allo stesso modo, sarà concesso agli espositori di coprire il 100% di qualsiasi lato aperto del proprio stand con pareti o ringhiere NON superiori a 1,25 metri d altezza. e. Sono permesse: tende mantovane lungo la lunghezza complessiva del lato aperto, ringhiere o pareti non superiori a 1,25 metri di altezza, a condizione che l apertura tra la mantovana e la parete sia almeno di 0,75 m di altezza e ad un altezza tale da concedere visibilità nello stand. Tale apertura può essere chiusa solamente con materiale visibile al 100%. Vedere illustrazione sotto. Se viene utilizzata questa tipologia di design, non si potranno costruire pareti solide o cabine nello stesso lato aperto. MANTOVANA Altezza 1,25 m Ringhiera o parete Apertura 0,75 m di altezza Altezza 6 m La costruzione dello stand, l installazione di materiali da esibire e le strutture di supporto affisse devono essere sufficientemente stabili da garantire la pubblica sicurezza. È strettamente vietato invadere i corridoi con qualsiasi prodotto in esposizione o elementi di montaggio dello stand o con sistemi elettronici o in plasma, fatta eccezione per i riflettori a parete. I riflettori devono avere un altezza massima di 2,5 m e non devono essere prolungati oltre lo stand per più di 0,5 m, compreso il braccio del riflettore. La costruzione dello stand (inclusi gli stand a due piani) non deve superare 6 metri di altezza dal suolo. Le iscrizioni dello stand e dei prodotti esposti, i loghi e i marchi commerciali non devono superare 6 metri d altezza (misurando dal suolo fino alla parte superiore finale dell iscrizione, del logo o del marchio commerciale). L altezza massima dello stand nella Sala 8 è di 5,15 metri. Gli espositori stanziati nella Sala 8 che desiderano costruire il loro stand con un altezza di oltre 5,15 m fino a un massimo di 6 m, devono contattare il Team di Servizio ITMA Tali progetti saranno valutati e approvati dal Quartiere Fieristico caso per caso. Si prega di notare che tali approvazioni caso per caso da parte della Struttura richiederanno tempo. Si suggerisce a tali espositori di presentare i loro progetti di stand almeno 8 settimane prima del termine stabilito per la presentazione dei progetti, cioè entro il primo aprile Se gli striscioni/loghi o il materiale promozionale pendono dal soffitto dei padiglioni tramite delle impalcature sospese, la parte superiore dello striscione non deve superare 6 metri dal suolo. È molto importante che gli espositori indichino l altezza di tutti i prodotti esposti e le componenti dello stand (comprese le pareti) sulle planimetrie del loro stand al fine di evitare ritardi nell approvazione dello stand. Gli impianti di aria condizionata in cima alle cabine sono permessi, anche nel caso in cui superino l altezza stabilita di 6 metri. Non è consentito coprire l impianto di aria condizionata né usarlo a scopi promozionali. Le pedane accessibili al pubblico devono garantire una portata di 5 kn/m 2 (510 kg/metro quadro) di sovraccarico, oltre ai carichi indotti da eventuali macchine o apparecchiature installate. Nel caso di pedane alte più di 0,3 metri, se accessibile al pubblico, gli espositori devono conservare negli stand la relazione di prova statica pertinente, firmata da un professionista qualificato in Italia, e devono metterla a disposizione degli ispettori autorizzati. Passaggi pubblici alle pedane devono essere collegati al pavimento dei padiglioni mediante gradini provvisti di appropriati alzate e pedate e almeno mediante uno scivolo di pendenza inferiore all 8%. Tutti gli stand con pedane devono avere almeno una rampa d accesso. Gradini o rampe non devono ostruire i passaggi pubblici. Gli spigoli della pedana devono essere arrotondati o protetti e il perimetro deve essere chiuso, con la possibilità di aprire tutti i lati per esigenze di ispezione. I bordi della pedana devono essere completamente evidenziati e l uso della stessa deve essere incluso nella valutazione dei rischi e delineato con chiarezza nel progetto di stand. 10

13 Tutta l illuminazione deve essere disposta in modo tale da evitare di disturbare i visitatori e gli espositori confinanti. La luce stroboscopica o altre luci lampeggianti non sono permesse. Gli espositori possono coprire il loro stand con un controsoffitto in materiale non combustibile per gli stand a un piano, primo livello e secondo livello degli stand a due piani, e sempre nel rispetto dei regolamenti antincendio e di sicurezza. Vedere inoltre Articolo B Copertura del soffitto. I corridoi di sicurezza sono presenti in ogni padiglione secondo quanto previsto dal corpo dei Vigili del Fuoco italiano. Questi corridoi devono rimanere liberi da qualsiasi costruzione o ostacolo in qualsiasi momento. Gli estintori e le manichette sono situati intorno ai padiglioni. Non ci devono essere strutture o costruzioni attorno alle colonne con le manichette. Nei casi in cui gli estintori si trovino negli stand, non bisogna coprirli e devono essere visibili con chiarezza dal corridoio. Gli espositori sono obbligati a installare estintori a norma (di tipo ANC, 6 kg) ogni 50 m² di superficie o frazione di essa, in posizione ben visibile e accessibile, ed adeguatamente segnalata. Gli espositori possono richiedere gli estintori tramite i Formulari di Servizio online. Qualora l espositore non si conformasse a tale regolamento, il Team di Servizio ITMA 2015 invierà invierà allo stand l estintore richiesto a spese dell espositore. Gli espositori devono assicurarsi che il loro staff sia in grado di utilizzare correttamente gli estintori. Come per altre installazioni tecniche nei padiglioni, i pilastri e le pareti non devono supportare strutturalmente qualsiasi carico relativo a decorazioni dello stand o a oggetti in esposizione. Gli espositori che hanno un pilastro all interno dello stand possono costruirvi attorno un rivestimento fino ad un altezza massima di 6 metri dal suolo. Gli espositori devono attenersi alle seguenti regole: - I rivestimenti non devono essere applicati direttamente sul pilastro ma dovrebbero essere divisi tra loro da uno spazio vuoto o un materiale soffice come il feltro o del materiale isolante da appoggiare sul pilastro. - Il rivestimento deve essere applicato dall allestitore dell espositore incaricata dello stand nel rispetto delle regole esposte nel presente Regolamento tecnico. - Se il pilastro è situato sul bordo di un corridoio, il rivestimento deve essere allineato contro il pilastro in modo tale che non sporga nella corsia pubblica. Non deve superare 0,1 m attorno all ingombro del pilastro. - Non è consentito usare il pilastro per creare uno spazio aggiuntivo per il ripostiglio. - Qualsiasi collegamento o centralina di servizio dovrà essere accessibile in qualsiasi momento e il rivestimento non è permesso su tali pilastri. Il Team di Servizio ITMA 2015 si riserva il diritto di rifiutare la proposta di rivestimento attorno ai pilastri. È permessa la presentazione di video, film e diapositive con audio, tuttavia tutto l audio deve essere preparato in modo tale da evitare di disturbare i visitatori e gli espositori confinanti. B10.3 Verifica delle dimensioni dello stand Il Team di Servizio di ITMA 2015 misurerà lo spazio locato e contrassegnerà gli angoli dello stand sul pavimento del padiglione. È essenziale che lo stand rimanga all interno dei confini contrassegnati. B10.4 Attribuzione del numero dello stand Il numero di ogni stand deve essere mostrato in ogni angolo dello stand. Gli espositori possono fornire i propri numeri di stand per i propri stand a progetto speciale o richiedere i numeri di stand dal modulo di servizio. Qualora l espositore ne faccia richiesta tramite Formulari di Servizio entro la data stabilità, verrà fornito, gratuitamente, un numero di stand uniforme per il padiglione dell espositore e il numero dello stand in dotazione di serie. B10.5 Turbativa provocata dalle merci in esposizione La merce in esposizione che, a causa del suo aspetto, odore, rumore, vibrazioni o caratteristiche simili, turba in modo significativo lo svolgimento dell evento e mette in considerevole rischio i partecipanti o gli oggetti di terzi o provoca delle violazioni a loro danno, sarà rimossa immediatamente su richiesta del Team di Servizio di ITMA Tale obbligo dell espositore interessato rimane valido anche se tali caratteristiche sono indicate nella sua applicazione e se l applicazione è approvata. Qualora l espositore non adempia al suo obbligo non rimuovendo immediatamente la merce in esposizione che causa la turbativa, all Organizzatore è riconosciuto il diritto di 11

14 rimuovere la merce in esposizione pertinente a spese e a rischio dell espositore o di chiudere il suo stand senza che l espositore possa chiedere i danni all Organizzatore. In tali casi, l Organizzatore decide quando lo stand che è stato chiuso debba essere smontato. B10.6 Specifiche dei materiali Tutti i materiali usati devono essere conformi alla legislazione italiana e dell Unione Europea in merito alla sicurezza, alla prevenzione di incendi e incidenti e alla salvaguardia dell ambiente. Possono essere adoperati soltanto i materiali autorizzati da laboratori competenti che si attengono alle norme italiane e agli standard europei. L espositore deve fornire su richiesta i certificati di collaudo per le classi dei materiali edili e le caratteristiche dei materiali previste. Non possono essere usati materiali infiammabili per la costruzione o il montaggio degli stand. Qualora i materiali adoperati per la costruzione dello stand non siano incombustibili, devono essere ignifughi all origine o ignifugati a norma del Decreto del Ministero dell Interno del 26/6/84 e successive modifiche e integrazioni. I materiali, in relazione al loro impiego, dovranno rispondere alle seguenti classi di reazione al fuoco: Classe 1 pareti, tendaggi, controsoffitti e soffitti, nonché pedane e rivestimento delle stesse. Classe 2 rivestimenti posati a diretto contatto del pavimento del padiglione, quali: linoleum, moquette, ecc. B10.7 Stand a due piani, palchi, dispositivi di risalita e ponti Stand a due piani Gli stand a due piani sono permessi a patto che l area minima del piano terra sia di 90 metri quadrati e che la lunghezza minima delle dimensioni dell area del piano terra sia di 5 metri. L area del secondo piano non deve essere coperta più del 50% dell area a terra dello stand e non può superare un massimo di 200 metri quadri. Non è permessa la costruzione di stand a due piani nella Sala 8. Gli stand a due piani sono inoltre assoggettati a tutte le disposizioni contenute nell Articolo B10.2 e alle seguenti regole: Il secondo livello di uno stand a due piani può essere usato solamente come ufficio o area reception provvista di servizio bar e piccola area rinfresco. E proibito l uso di tali aree ai fini di esposizione. La superficie del pavimento di supporto alle strutture deve essere calcolata in base alla capacità di carico del padiglione. E vietato l appoggio delle strutture sui pozzetti di accesso agli impianti; l appoggio sulle coperture in metallo dei cunicoli e delle camerette impianti deve essere prima approvato dal Team di Servizio ITMA In caso contrario, in attesa delle modifica delle strutture già montate, l energia elettrica non verrà erogata nello stand interessato interessato e, se necessario, l area verrà resa inagibile. Gli stand a due piani devono essere progettati per sostenere sovraccarichi accidentali fino a 3,00 KN/m² e le scale per sovraccarichi fino a 4,00 KN/m². Parapetti e pareti sporgenti devono essere calcolati per sostenere spinte uguali a 1,00 KN/m applicati al corrimano e 1,2 metri dal pavimento (Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 14 gennaio 2008). Tutte le strutture degli stand devono essere autoportanti. Il parapetto che protegge il secondo livello dello stand a due piani deve essere alto almeno 1,1 m. Possono essere usati come parapetti soltanto vetri di sicurezza che offrono protezione contro lesioni e cadute; qualora vengano utilizzate balaustre provviste di ringhiere, la balaustra deve essere verticale e non più di 0,1 m di distanza l uno dall altro in una striscia continua; ogni balaustra deve essere alto almeno 0,15 m e deve essere montata nella parte inferiore (fascia fermapiede). L altezza del primo piano non deve essere inferiore ai 2,7 metri e l altezza complessiva di ogni stand a due piani non deve eccedere i 6 metri calcolati a partire dal suolo. Nel secondo piano possono essere usati soltanto vetri di sicurezza che proteggono contro lesioni e cadute, del tipo UNI pertinente previsto dalle norme UNI. L area al di sotto del secondo piano e le scale di accesso devono essere provviste di adeguata illuminazione normale e di sicurezza. L impianto di illuminazione di sicurezza deve assicurare un livello di illuminamento di 5 lux a 1 m dal pavimento per almeno un ora. Tutte le strutture in metallo devono essere collegate al circuito di terra del padiglione. Il secondo piano deve essere provvisto di un estintore portatile di tipo ABC, 6 kg ogni 50 m². Tali estintori devono essere indicati da segnali come richiesto dagli standard di sicurezza. 12

15 Le scale devono essere larghe almeno 1,2 metri e devono essere provviste di corrimano. I gradini devono essere rettangolari con una pedata di almeno 0,3 m e un alzata di almeno 0,18 m. Le dimensioni delle pedate e delle alzate devono essere costanti. Ogni rampa delle scale deve avere da un minimo di 3 a un massimo di 15 gradini. E proibito usare l area sottostante la scala per conservare materiale combustibile (per es. carta, armadietti, ecc.) In qualsiasi struttura a due piani a più di 15 metri di distanza da una scala o con dimensioni che superano i 100 metri quadri è richiesto di realizzare una scala aggiuntiva. La distanza minima per le scale, le cabine aperte, le terrazze/aree di ristorazione ai margini dei corridoi è di 1,5 metri mentre per quelle sul perimetro di uno stand confinante è di 3 metri. Se non è possibile mantenere la distanza minima da uno stand confinante, deve essere eretta una forma di paravento, alto almeno 2 metri, nell area interessata ai fini di riservatezza. Il progetto dello stand a due piani deve incorporare le indicazioni delle uscite, l illuminazione di emergenza e delle scale in luoghi di rilievo e lungo le scale. In esso deve essere tenuta in considerazione anche l installazione di barriere per prevenire la caduta di persone o oggetti durante l allestimento e lo smontaggio. Insieme al progetto di stand, è richiesta una relazione di calcolo statico redatta da un professionista qualificato. Al completamento del lavoro e prima dell apertura al pubblico, deve essere presentato il certificato di collaudo della struttura, rilasciato da un professionista qualificato iscritto a un albo professionale italiano. Piattaforme, dispositivi di risalita, ponti Gli espositori che desiderano costruire una piattaforma o un palco con un altezza di oltre 0,3 metri devono richiederne previa approvazione al Team di Servizio di ITMA 2015 utilizzando i Formulari di Servizio. Tutti gli stand provvisti di una pedana accessibile alta più di 0,025 m devono avere una rampa d accesso. La pendenza di ogni rampa deve essere uniforme e non più ripida di 0,8/10 (8%). Dovranno essere presenti pianerottoli in cima e alla fine delle rampe e ogni posizione intermedia da cui si aprono le uscite. La larghezza minima della rampa deve essere di 1 metro. Tale pendenza deve essere all interno dello stand e non deve estendersi nel corridoio. I bordi della pedana devono essere arrotondati e protetti. Domanda per la licenza edilizia di stand a due piani, palchi, dispositivi di risalita e ponti Gli stand a due piani, le piattaforme, i dispositivi di risalita e i ponti possono essere costruiti a condizione che il Team di Servizio di ITMA 2015 ne abbia concesso previa approvazione. Un fattore essenziale nel processo di approvazione è rappresentato dall effetto che lo stand a due piani, le piattaforme, i dispositivi di risalita e i ponti hanno sul disegno e la trasparenza del padiglione, oltre che sugli stand confinanti. Gli espositori che desiderano costruire stand a due piani, piattaforme, dispositivi di risalita e ponti devono inoltrare i disegni dettagliati e i calcoli del disegno proposto per lo stand insieme ai Formulari di Servizio al Team di Servizio di ITMA 2015 entro lunedì 1 giugno Si ricorda agli espositori che tutte le planimetrie degli stand e i disegni di disposizione dei macchinari devono essere inoltrate in copia digitale attraverso la piattaforma online. I calcoli (strutturali, architettonici, per le parti meccaniche ed elettriche) devono essere prodotti e approvati da un ingegnere qualificato. Se si richiede assistenza in merito, si prega di contattare il Team di Servizio ITMA Per l approvazione degli stand a due piani, delle piattaforme, dei dispositivi di risalita e dei ponti, è necessario presentare al Team di Servizio di ITMA 2015 i seguenti documenti: a) Copia dei disegni edilizi (per entrambi i livelli degli stand a due piani). b) Calcoli della struttura principale che devono includere: - I calcoli strutturali completi di tutti gli elementi edilizi, tenendo in considerazione il carico massimo dei piani della Manifestazione. - Dettagli della trasmissione di carico dei pilastri sul piano fieristico di qualsiasi ponte superiore. - Dettagli sulla forza massima d impatto orizzontale di qualsiasi elemento a parete o sul corrimano (dovrebbe essere almeno di 2kN al metro). - La persona che ha eseguito i calcoli, il titolo, la data dei disegni e le informazioni complete relative al recapito. 13

16 Il Team di Servizio di ITMA 2015 si riserva il diritto di richiedere categoricamente misure aggiuntive in merito alla sicurezza e alla prevenzione antincendio fino al momento in cui non è stata concessa l accettazione dello stand. All approvazione dello stand, la relativa conferma sarà consegnata all espositore insieme ad una copia dei disegni di disposizione recanti il timbro. Il costo dell approvazione dei disegni sarà addebitato all espositore. Nota: si ricorda agli stand degli espositori ubicati nel Padiglione 8 che non è permesso costruire stand a due piani in tale padiglione. Copertura del soffitto E permesso agli espositori di coprire i loro stand mediante controsoffitti continuativi, a condizione che tali stand siano provvisti di sistema antincendio. Tale sistema deve consistere in dispositivi di allarme evacuazione audiovisivi. In caso di incendio, i segnali provenienti dai dispositivi d allarme devono essere ascoltati e visualizzati dalle corsie. Un rilevatore di fumo deve inoltre essere installato in ogni stanza col soffitto coperto. Un singolo rilevatore di fumo può solamente coprire un area fino a un raggio di 6,5 metri. Tutti i materiali adoperati devono essere certificati CE e l installazione deve essere strettamente conforme agli standard e alle norme europee. I sistemi antincendio possono essere richiesti tramite i Formulari di Servizio. Gli espositori devono presentare un disegno dettagliato indicante l intera area compresa all interno dello stand, il collocamento del sistema antincendio e l area di copertura stimata dei rilevatori di fumo. Vedere sotto per l esempio di disegno necessario. 1 R R R R R 2 R 3 1. Area che un rilevatore di fumo può coprire con un raggio di 6,5 metri 2. Area protetta da un rilevatore di fumo 3. Rilevatore di fumo In mancanza di un sistema di allarme antincendio, sono inoltre permessi controsoffitti contigui, se costituiti da uno dei seguenti: Tessuti a rete ben distesa con una maglia minima di 2x2 millimetri. Costruzione di aperture/sfoghi nei controsoffitti. Ogni apertura/sfogo deve essere di almeno 0,25 m², egualmente distribuito. Tali aperture/sfoghi devono coprire almeno 1/100 della dimensione totale del soffitto. Esempio: Dimensione totale del controsoffitto: 100 mq Dimensione minima richiesta del controsoffitto provvisto di aperture/sfoghi: 100 x 1/100 = 1 mq Dimensione di ogni apertura/sfogo: 0,25 mq (0,5 m x 0,5 m) Numero minimo complessivo richiesto di aperture/sfoghi: 0,25 mq x 4 aperture/sfoghi = 1 mq L esempio di cui sopra indica che un soffitto coperto di 100 mq richiederà almeno 4 aperture/sfoghi, ognuno dei quali non più piccolo di 0,25 mq. B11 Solo spazio e opzioni con stand preallestito 14 Il costo di locazione dello stand è comprensivo di quelle voci definite nell Articolo A11 del Regolamento generale ma non include le componenti dello stand o altre voci. Per quegli espositori che lo richiedano, il Team di Servizio ITMA 2015 ha progettato uno speciale Allestimento di Stand per gli espositori. Tale opzione comprende pareti, illuminazione, moquette e prese elettriche installate in base alle dimensioni dello stand. I dettagli completi, comprensivi dei prezzi e di un illustrazione, si possono trovare nei Formulari di Servizio.

17 B12 Dati tecnici e caratteristiche dei padiglioni Padiglione Lunghezza (m) (circa) Larghezza (m) (circa) Esposizione totale area (mq) Capacità di sopportazione del carico (Tonn./m²) Altezza del padiglione (m) Dimensioni minime d'ingresso per carico/ scarico (larghezza x altezza) (m) Dimensioni massime d'ingresso per carico/ scarico (larghezza x altezza) (m) Quadri di distribuzione III 400V (Cetac 5 wholes) Fornitura elettrica: 32 amp o 125 / condotti delle utenze Aria compressa Pressione disponibile tra 8,5 e 12,0 bar, rubinetto del gas 1,27 cm, attacco femmina. Portata di una singola presa 15 l/s a 8,5 bar Fornitura idrica 3,5 bar, rubinetto del gas 1,9 cm circa, attacco femmina; afflusso del gasdotto 1,27 cm, deflusso del gasdotto 40 mm (32 interni). Gas Disponibile soltanto nel Padiglione 18. Pressione: Azoto-40 bar, Ossigeno-30 bar Illuminazione a soffitto Riscaldamento e ventilazione Sicurezza antincendio Impianto di sicurezza Altezza di costruzione dello stand ,130 17,130 17,130 17,130 17,130 15,069 17,130 14,951 15,069 15,069 15, x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x L illuminazione generale del padiglione è fornita ad un livello compreso tra 40 e 300 lux al metro quadro. Riscaldamento e ventilazione generali sono forniti nei padiglioni. Avvolgi tubi, estintori Sistema di telecamere a circuito chiuso che copre le aree comuni e l accesso principale ai padiglioni. L'altezza massima di costruzione dello stand è di 6 metri per il resto dei padiglioni, eccetto per il Padiglione 8. L'altezza massima dello stand nella Sala 8 è di 5,15 metri. I progetti di stand superiori ai 5,15 metri fino a un massimo di 6 metri saranno sottoposti ad approvazione caso per caso da parte della Quartiere fieristico. Stand a due piani Permesso in tutti i padiglioni eccetto il Padiglione 8. Note I servizi tecnici sono forniti agli stand nei padiglioni attraverso dei condotti sotterranei per la fornitura dei servizi. Il Team di Servizio di ITMA 2015 invierà all espositore il corrispondente diagramma del padiglione nel quale sono indicate le posizioni delle cassette di servizio al momento della comunicazione agli espositori della posizione del proprio stand. B12.1 Apparecchiatura per le comunicazioni Tutti gli ordini per l allacciamento di telefono, fax, trasmissione dati (linee ISDN) o internet possono essere inoltrati usando gli appositi Formulari di Servizio che saranno distribuiti agli espositori in data giovedì 15 gennaio Tutti i collegamenti per i servizi d informazione e comunicazione sono forniti esclusivamente dal Team di Servizio ITMA Le planimetrie dei collegamenti nelle quali è indicata la posizione richiesta per i suddetti collegamenti dovrebbe essere allegata ai Formulari di Servizio. Il servizio Wi-Fi è disponibile nel Quartiere Fieristico. B12.2 Cattivo funzionamento dei servizi Il cattivo funzionamento di tutti i servizi di utenza (per es. elettricità, acqua, aria compressa, riscaldamento, ventilazione, servizi di comunicazione, ecc.) deve essere comunicato immediatamente al Team di Servizio di ITMA L Organizzatore non è responsabile per i danni derivanti dal cattivo funzionamento causato dalla fluttuazione della fornitura o da Forza Maggiore o se la fornitura dei servizi interessati (elettricità, acqua, aria compressa) siano interrotti su richiesta dei Vigili del Fuoco. 15

18 B13 Norme di sicurezza del Quartiere fieristico B13.1 Uscite di emergenza, portelli di sicurezza, corridoi del padiglione espositivo Le uscite e i corridoi progettati secondo le planimetrie del padiglione devono essere tenuti liberi in tutta la loro larghezza. Essi fungono da vie di fuga durante le emergenze e non devono pertanto essere mai ostruiti con oggetti ingombranti o sporgenti; inoltre devono essere mantenuti in buono stato con superfici non scivolose e regolari e che non facciano inciampare. Le porte lungo i percorsi delle uscite di emergenza e dei corridoi devono avere una larghezza minima di 1,20 metri e un altezza minima di 2,10 metri. Tali porte devono essere sempre aperte verso le passerelle pubbliche dei padiglioni senza estendersi nelle passerelle. Le porte d uscita, i portelli di sicurezza e qualsiasi cartello che ne indichi la posizione non devono essere ostruiti, bloccati, coperti o resi irriconoscibili in qualsiasi altro modo e non si deve costruirvi sopra. Tutti i corridoi del padiglione così progettati non devono essere ostruiti o non si deve costruirvi sopra. Gli stand con una via di fuga superiore a 15 metri di lunghezza o gli stand progettati in modo tale che l uscita/ via di fuga non è visibile da tutti i punti nello stand, devono avere due uscite/vie di fuga separate, ubicate alle estremità opposte dello stand. Lo stand dovrebbe essere progettato in modo tale da evitare di creare stanze, angoli o alcove scarsamente accessibili. Tutte le stanze separate usate dallo staff (uffici, sale ricreative, sale riunioni, ecc.) all interno dello stand devono permettere una visibilità adeguata della via di fuga più vicina e un percorso che guida alla stessa. Sono vietate le stanze accessibili solamente attraverso un altra stanza separata (le cosiddette stanze trappola). Se nello spazio di un dato stand, la lunghezza massima di una via di fuga verso un corridoio di padiglione supera 15 metri, lo stand deve essere dotato di una seconda uscita e/o di un corridoio largo almeno 1,2 metri che porta al corridoio di padiglione. Accesso alle attrezzature e alla segnaletica di sicurezza Assolutamente in nessuna circostanza è possibile coprire o ostruire la segnaletica illuminata, gli estintori, gli idratanti o altra attrezzatura o materiale protettivo. L accesso alle centraline dei collegamenti (elettricità, telefono, acqua, aria compressa, ecc.) e le vie di accesso agli uffici e all attrezzatura di padiglione non devono essere bloccati. Evacuazione d emergenza All Organizzatore è riconosciuto il diritto di ordinare la chiusura di uffici, edifici e/o padiglioni e la loro evacuazione per motivi di sicurezza. B13.2 Manichette ed estintori I padiglioni dispongono di manichette ed estintori per la prevenzione del rischio d incendio. Queste strutture devono essere mantenute sempre visibili e accessibili. Gli estintori di ogni stand dovrebbero essere installati adeguatamente in prossimità delle vie di fuga e ubicati in maniera ben visibile. Gli stand che funzionano o eseguono dimostrazioni con liquidi infiammabili devono fornirsi di almeno un estintore vicino all attrezzatura. B13.3 Aree di servizio antincendio, idranti antincendio L accesso ad apposite zone di servizio antincendio, percorsi di emergenza e zone di sicurezza non deve mai essere ostruito da veicoli parcheggiati o da prodotti in esposizione, materiali edili, imballaggi, ecc. I veicoli e gli oggetti parcheggiati nelle zone di servizio antincendio, nei percorsi di emergenza o nelle zone di sicurezza o quei veicoli ed oggetti che bloccano le suddette aree saranno rimossi a spese dell espositore. Gli idranti non devono essere né ostruiti né resi irriconoscibili o inaccessibili. 16

19 B13.4 Regolamenti per la prevenzione di incendi Costruzione dello stand e materiali decorativi Per ragioni di sicurezza, durante l installazione e lo smontaggio, non è permesso collocare nei corridoi i materiali o gli attrezzi di lavoro che possono ostruire. Tutti i materiali devono rimanere entro i perimetri dello stesso stand. Gli addetti ai servizi di pulizia del Quartiere fieristico rimuoveranno gli oggetti lasciati nei corridoi e l espositore e/o l allestitore responsabile dello stand non avrà il diritto di reclamare i danni sostenuti. Il costo sostenuto per la rimozione dell ostacolo sarà dunque addebitato all espositore o dedotto dalla garanzia di buona esecuzione. Non possono essere utilizzati materiali altamente infiammabili e in grado di fuoriuscire o rilasciare gas tossici se soggetti a combustione, come l espanso rigido in polistirene (Styropor) o materiali simili. Il materiale decorativo con resistenza al fuoco standard può essere usato in determinate aree se il luogo in cui si trova è sufficientemente protetto da un incendio. Potrebbe essere necessario presentare un certificato di collaudo nella quale è confermata la categoria del materiale usato. In singoli casi e per motivi di sicurezza, potrebbero essere imposte delle condizioni speciali per i componenti strutturali di sopportazione del carico (per es. non infiammabili). I rivestimenti del pavimento dello stand devono essere installati con giunti ben fissati. Gli alberi e le piante possono essere usati per scopi decorativi solo se sono ancora freschi (cioè le foglie o gli aghi devono essere verdi e brillanti). Se, durante l evento, si comprende chiaramente che gli alberi e le piante si stanno seccando diventando, pertanto, altamente infiammabili, essi devono essere rimossi. Gli alberi non devono avere rami fino a circa 50 cm dal suolo. La terra dovrebbe sempre essere mantenuta umida (per il rischio di incendiarsi). Il bambù, le canne, il fieno, la paglia, lo strato protettivo di corteccia, l erba o materiali similari non sono generalmente conformi ai requisiti di cui sopra e, pertanto, sono solitamente proibiti. Per tutte le eccezioni alle presenti indicazioni è necessaria la previa approvazione del Team di Servizio ITMA Autoveicoli quali articoli complementari di esposizione Veicoli a motore, imbarcazioni o macchinari saranno ammessi solamente per l esposizione durante la Manifestazione se concordato specificatamente con l Organizzatore. I serbatoi dei veicoli in esposizione con motore a combustione devono essere completamente vuoti e chiusi con il tappo del carburante bloccato e le batterie scollegate. Fumare nel Quartiere fieristico Non è consentito fumare all interno dei padiglioni e nelle aree di servizio collegate (ristoranti, bar, uffici, sale riunioni, ecc.). All esterno è proibito fumare nelle vicinanze di materiali combustibili e nelle zone dove sono visibili i segnali di divieto di fumo. Politica per striscioni pendenti/ palloncini/ soffitti/ illuminazione Tutti gli striscioni/l attrezzatura d illuminazione/i soffitti che pendono dal tetto del Quartiere fieristico formano parte integrante del disegno dello stand e devono essere situati in modo da rientrare solo nello spazio espositivo attribuito allo stand. Uso di palloncini ed oggetti volanti I palloncini gonfiati con gas infiammabile non sono permessi all interno dei padiglioni. L unico gas autorizzato è l elio oppure l aria. La distribuzione di palloncini al pubblico è proibita. Le bombole devono essere tenute fuori dai padiglioni. Spetta agli espositori prendere disposizioni per la conservazione delle bombole. Macchine esalatrici di fumo L uso di macchine esalatrici di fumo deve essere coordinato con il Team di Servizio di ITMA 2015 ed è soggetto all approvazione del Quartiere fieristico. 17

20 Rifiuti riciclabili, non riciclabili e residui Non è possibile usare negli stand i contenitori per rifiuti non riciclabili, riciclabili e residui i quali siano composti da materiali infiammabili. Tutti i rifiuti non riciclabili, riciclabili e residui che siano generati negli stand devono essere smaltiti regolarmente, almeno ogni sera nei giorni di svolgimento della Manifestazione o gettati negli appositi contenitori dei rifiuti che si trovano ai bordi del lato sul corridoio dello stand. Per ulteriori informazioni, vedere anche l Articolo B22 su Gestione dei rifiuti e i Formulari di Servizio. Pistole a spruzzo, vernici alla nitrocellulosa L uso delle pistole a spruzzo è proibito, come anche l utilizzo delle vernici di cellulosa all interno dei padiglioni. Questo divieto è esteso ai liquidi infiammabili e all uso di bombolette a gas. Le vernici a base di nitrocellulosa sono proibite. Macchinari da lavoro Tutti i tavoli da lavoro e le tavole per segare manualmente il legno da taglio devono essere dotati dell apposito pulitore e impianto di aspirazione per la polvere e la segatura prodotte. Qualsiasi macchinario o apparecchio usato deve essere in buone condizioni, con le parti pericolose protette in modo efficiente. I dispositivi di protezione devono essere usati nelle aree di taglio e negli elementi mobili. In nessuna circostanza questi articoli devono essere usati all interno dei padiglioni dopo la data del 11 novembre L attrezzatura da lavoro usata nell allestimento e nello smontaggio deve riportare il contrassegno CE e deve essere in buone condizioni operative. Tutte le operazioni devono essere svolte nello stand assegnato. Affilare, saldare, tagliare, tinteggiare nei padiglioni, lavorazioni a caldo e fiamme libere Per qualsiasi lavoro di saldatura, bisogna ottenere la relativa autorizzazione, l area di lavoro deve essere sufficientemente protetta e devono essere presenti l estintore appartenente allo stand interessato e il relativo certificato di ispezione. Non sono permessi lavori a caldo e fiamme libere all interno dei padiglioni senza previa autorizzazione scritta del Team di Servizio di ITMA L area circostante deve essere protetta da scintille emesse quando il lavoro è in corso. Qualsiasi giunto o incrinatura dovrebbe essere sigillato con i materiali adatti non infiammabili. Gli stand devono essere equipaggiati con almeno un estintore qualora sia necessario svolgere nel proprio stand uno qualsiasi di questi lavori. Rivestimenti dello stand I rivestimenti dello stand possono essere richiesti tramite i Formulari di Servizio. Gli espositori devono garantire che tutti i rivestimenti dello stand siano composti da materiali resistenti al fuoco. La Scheda Dati dei materiali e i certificati pertinenti devono essere disponibili per essere mostrati su richiesta. Rivestimento tessile Il rivestimento deve essere classificato come Classe 1 resistente al fuoco. Per ulteriori informazioni, fare riferimento ai Formulari di Servizio o al Team di Servizio di ITMA B13.5 Altri regolamenti di sicurezza Equipaggiamento di protezione individuale (PPE) E richiesto agli espositori e agli allestitori di portare con sé e usare il necessario equipaggiamento di protezione come caschi, paraocchi, proteggi mani e calzature di sicurezza in quanto richiesto dalla specifica attività ed evidenziato nella Valutazione dei rischi all articolo B9.2. Saranno necessari e obbligatori copricapi rigidi e indumenti ad alta visibilità riflettente per lavori sotto o attorno agli stand a due piani durante la costruzione, calzature con punta d acciaio per la costruzione di strutture in acciaio, occhiali di sicurezza quando si tagliano o si affilano metalli e imbracature quando si lavora in altezza. 18

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO DI QUARTIERE

REGOLAMENTO TECNICO DI QUARTIERE REGOLAMENTO TECNICO DI QUARTIERE INTRODUZIONE Il presente Regolamento Tecnico stabilisce - ad integrazione del Regolamento Generale dell Evento allegato alla domanda di partecipazione - quanto segue: le

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE 1 DATI ESPOSITORE Si prega di compilare in carattere stampatello. Rimini Fiera SpA non potrà essere ritenuta responsabile per errori dovuti a caratteri illeggibili. SETTORE MERCEOLOGICO (INDICARE MASSIMO

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 Cadute dall alto Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 ATTUA la direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Comune di Giubiasco. Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi

Comune di Giubiasco. Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi Comune di Giubiasco Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi In generale Art. 1 Per l»uso speciale

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli