Documento di VALUTAZIONE Di RISCHIO (D.Lgs. D.Lgs. 81/ 2008) A.S. 2014/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento di VALUTAZIONE Di RISCHIO (D.Lgs. D.Lgs. 81/ 2008) A.S. 2014/2015"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - Via Coscile, CASTROVILLARI (CS) CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E L EDUCAZIONE IN ETA ADULTA Cod. Fisc cod. mecc. CSMM Tel. 0981/ fax PEC Documento di VALUTAZIONE Di RISCHIO (D.Lgs. D.Lgs. 81/ 2008) A.S. 2014/2015 Il Dirigente Scolastico (Prof. Fabio GRIMALDI)

2 Data certa Protocollo Motivo Aggiornamento Firma DS Firma RSPP Firma RLS 03/12/2014 Integrazione del vecchio documento 03/12/2014 Integrazione del rischio incendi 03/12/2014 Integrazione del Pronto Soccorso

3 1. PREMESSA Il Decreto Ministeriale Pubblica Istruzione del 29/09/1999 n 382 ha stabilito il Regolamento di Attuazione del D. Lgsl. n 626/94 per quanto attiene il comparto SCUOLA. Il Piano di Sicurezza di Valutazione dei rischi viene redatto ai sensi della vigente normativa in materia di sicurezza (D.Lgs. 106/2009) che all art. 17 comma a stabilisce che il Datore di Lavoro deve redigere o aggiornare il Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi dell art. 28 del citato D. Lgs. 106/2009. Il presente Documento di Valutazione dei Rischi viene redatto sulla base di osservazioni dirette dal personale scolastico per individuare tutti i fattori di rischio. Hanno collaborato con il Dirigente Scolastico (DS): il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP),il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), le figure sensibili e le responsabili dei diversi plessi. Il piano verrà integrato e aggiornato con le analisi e le osservazioni del personale nel corso dell anno scolastico ed in occasione delle prove di evacuazione e degli incontri sulla sicurezza che verranno svolte nel corso dell anno. I dati contenuti nel presente Documento si riferiscono all anno scolastico 2014/15. Il Dirigente Scolastico ha richiesto al Comune di Castrovillari le certificazioni in materia di sicurezza relative agli edifici scolastici in cui si svolgono le attività didattiche; infatti considerato che, trattasi di Scuola Secondaria di Primo Grado (Plessi Via Coscile (ex-de Nicola) e Via Roma (ex Giustino Fortunato) il proprietario dell immobile risulta essere l Amministrazione Comunale. Le certificazioni in possesso della Istituzione scolastica riferita ai due plessi risultano essere le seguenti: Plesso di Via Coscile: Planimetria aggiornata; Plesso di Via Roma: Planimetria aggiornata; Non risultano agli atti della scuola i seguenti documenti necessari per l utilizzazione dei plessi : Plesso di Via Coscile: Certificato di Idoneità Statica; Certificato di Agibilità dei locali; Documentazione riferita alla centrale termica ed impianto di riscaldamento; Progetto e dichiarazione di conformità degli impianti elettrici (D.M. 37/08); Calcolo cariche atmosferiche; Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) ; Plesso di Via Roma: Certificato di Idoneità Statica; Certificato di Agibilità dei locali; Documentazione riferita alla centrale termica ed impianto di riscaldamento; Progetto e dichiarazione di conformità degli impianti elettrici (D.M. 37/08); Calcolo cariche atmosferiche;

4 NORME GENERALI Per quanto attiene le competenze della scuola, ci si impegna a mantenere: 1. l ambiente di lavoro in ordine e pulito; 2. le uscite libere da ostruzioni; 3. a non parcheggiare nel cortile antistante l ingresso in modo da non ostacolare l entrata e l uscita ordinata degli utenti, l evacuazione in caso di calamità e consentire l accesso giornaliero ai diversamente abili; 4. a custodire con cura gli utensili e i materiali. Sarà compito dei docenti adottare procedure didattiche ispirate alla prudenza, per ridurre i fattori di rischio ed individuare nella programmazione educativa e didattica gli strumenti e le modalità per fare sì che la sicurezza divenga patrimonio comune. Per tutto quanto esposto, si chiede l immediato intervento dell Ente Locale sia per quanto attiene la rimozione dei fattori di rischio individuati nel presente documento sia per quanto riguarda l individuazione di ulteriori fattori di rischio anche strutturali. SCOPI Il presente documento rappresenta l adempimento all obbligo, ai sensi dell art. 28 del citato D-lgs 106/2009. Il datore di lavoro ha l'obbligo di programmare e disporre la destinazione di risorse economiche, umane ed organizzative necessarie per l applicazione delle misure generali di sicurezza previste dalla legge e di verificarne lo stato di attuazione e di vigilare sulla osservanza degli adempimenti da essa prescritti. L art. 28 del citato D-lgs 106/2009 obbliga il Datore di lavoro a: valutare nella scelta delle attrezzature di lavoro i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti i gruppi esposti a rischi particolari; elaborare all esito della valutazione un Documento contenente: 1. Una RELAZIONE SULLA VALUTAZIONE DEI RISCHI per la sicurezza e la salute durante il lavoro, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; 2. L INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E DI PROTEZIONE e dei DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE, conseguente alla valutazione di cui al punto 1; 3. IL PROGRAMMA DELLE MISURE RITENUTE OPPORTUNE PER GARANTIRE IL MIGLIORAMENTO nel tempo dei livelli di sicurezza. Nel presente Documento (Piano di sicurezza) i tre aspetti non sono completamente separati tra loro in quanto sono trattati nei capitoli che seguono e negli allegati che costituiscono globalmente lo sviluppo del sistema di sicurezza adottato e il programma di aggiornamento delle misure e di protezione. 2. Dati generali dell Istituto scolastico La SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Coscile,28 di Castrovillari consta dei seguenti plessi ubicati nel centro abitato del comune di Castrovillari Plesso E. De Nicola di via Coscile al cui interno sono ubicati le classi della Scuola Secondaria di primo grado ex De Nicola al Piano Primo e al Piano Terra, i Laboratori di Scienza, Informatica, Audiovisivi e Ceramica, la Biblioteca, la Palestra, e l Auditorium nonché l Ufficio del Dirigente Scolastico, del Direttore dei Servizi Amministrativi e gli Uffici della segreteria Alunni e Personale della Scuola. Plesso G. Fortunato di via Roma al cui interno sono ubicati le classi della Scuola Primaria ex Fortunato, i Laboratori di Audiovisivi, la Palestra nonché l Ufficio del Personale Amministrativo e non Docente. Nell'anno scolastico 2014/15 risultano iscritti all'istituto un numero totale di alunni : Totale : n.664 di cui: 446 edificio via Coscile 218 edificio via Roma

5 Il personale scolastico complessivo dell intero Istituto risulta costituito da: totale : 97 unità di cui : 1 Dirigente scolastico 1 DSGA 80 Docenti 15 Personale ATA 3. Staff Sicurezza Lo staff della sicurezza per la scuola secondaria di primo grado risulta costituito dalle seguenti figure sensibili: Dirigente scolastico RSPP RLS ASPP via Coscile: Prof.ssa Mazzotta Francamaria Addetti al Primo Soccorso via Coscile: Polimeni Domenico Condemi Elio Fiorentino Eleonora Addetti Antincendio via Coscile: Risoli Teresa Perciaccante M. Antonietta Nucerito Iuna Prof. Fabio GRIMALDI Ing. Tommaso FERRARI Prof. Fasanella Vincenzo ASPP via Roma: Prof.ssa Lo Duca Maria Addetti Al Primo Soccorso via Roma: De Rosa Flavia Pandolfi Carmela Potestio Anna Addetti Antincendio via Roma: Armentano Franco Cerbelli Mariarosaria Sirianni M. Vincenza CTP ASPP Addetto al primo soccorso Addetto Antincendio Gallo Paolo Tripicchio Rita Mirabelli Daniela 3.1 Il Dirigente scolastico Il dirigente scolastico è il prof. Fabio GRIMALDI ; ha assunto la dirigenza dell istituto dal 1/09/2014 ed ha regolarmente frequentato il corso di formazione per i dirigenti di cui al D.Leg.81/ RSPP La mansione di RSPP è svolta dall ing. Tommaso FERRARI, esperto esterno, che è in possesso dei requisiti di legge in quanto ha frequentato i corsi relativi al Modulo A,Modulo B e Modulo C.

6 3.3 RLS La mansione di RLS viene svolta dal prof. Vincenzo FASANELLA che svolgerà il corso presso la Scuola Polo ITCG di Trebisacce. 3.4 Medico Competente Dopo attenta valutazione si ritiene non necessaria la presenza del medico poiché non esiste il rischio per: Vibrazioni, Manutenzione Manuale dei carichi, Rumore, Video terminali, Amianto, Agenti Cancerogeni, Agenti Chimici, Agenti Biologici. 3.5 ADDETTI ANTINCENDIO La mansioni relativi all antincendio verranno svolte dai sopra citati addetti che in parte hanno svolto e in parte svolgeranno i relativi corsi di formazione presso la Scuola Polo ITCG di Trebisacce. 3.6 ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO La mansioni relativi al Pronto Soccorso verranno svolte dai sopra citati addetti che in parte hanno svolto e in parte svolgeranno i relativi corsi di formazione presso la Scuola Polo ITCG di Trebisacce. Essendo l'istituto costituito da 2 plessi scolastici, il presente piano è stato suddiviso in 2 parti, ognuna delle quali dedic ata ai singoli plessi. Pertanto, esso risulto articolato nelle seguenti schede: SCHEDA A Plesso Via Coscile ex De Nicola SCHEDA B Plesso Via Roma ex Giustino Fortunato

7 SCHEDA A Plesso Scolastico ex E. De Nicola EDIFICIO SEDE CENTRALE Via Coscile n. 28 CASTROVILLARI (CS) (SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - UFFICI ) CARATTERISTICHE GENERALI DELL EDIFICIO Proprietario dell'edificio (art. 3, legge 11 gennaio 1996, n. 23) COMUNE DI CASTROVILLARI - C.SO GARIBALDI CASTROVILLARI(CS) STUDENTI Alunni Alunni H TOTALE PERSONALE DIPENDENTE N. Totale DIRIGENTE SCOLASTICO 1 DIRETTORE GENERALE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI 1 CORPO DOCENTE 57 ASSISTENTI AMMINISTRATIVI e COLLAB.SCOLASTICI 12 DESCRIZIONE DELL IMMOBILE L edificio scolastico di proprietà del Comune di Castrovillari adibito a Scuola Secondaria di I Grado è stato realizzato alla fine degli anni 60 del secolo scorso ed è sito nel centro abitato del Comune di Castrovillari in Via Coscile n. 28. Risulta costituito da n 2 fabbricati di cui il principale a n. 2 piani fuori terra, oltre un piccolo ambiente seminterrato adibito a Centrale Termica, mentre il 2 fabbricato, ad un piano fuori terra, è adibito a Palestra e relativi servizi annessi.

8 I due edifici risultano ubicati all interno di un ampio cortile completamente recintato. Al cortile si accede mediante un ingresso pedonale ed un ingresso carraio direttamente dal marciapiede di via Coscile e dall interno del cortile all edificio principale mediante scaletta esterna con attigua rampa di accesso per soggetti diversamente abili; detti ingressi sono posti nella zona ovest del Complesso scolastico. L edificio principale presenta al Piano Terra una zona molto più ampia del Piano Primo; al Piano Terra sono ubicate due scale di accesso al Piano Primo poste nelle zone adiacenti all ingresso principale. L edificio principale a due piani fuori terra è composto dai seguenti ambienti: Piano Seminterrato: Vano caldaia a cui si accede direttamente mediante scala di accesso dal giardino della scuola. Piano Terra zona Sud : gli ambienti risultano ubicati nella parte destra dell ampio Atrio di Ingresso; la zona risulta costituito da un lungo corridoio ad L a cui si accede a n 6 aule e ad una zona adibita a bagni per alunni; tra l atrio di ingresso e la zona aule è ubicata la scala di accesso al Piano Primo. Piano Terra zona Nord : gli ambienti risultano ubicati nella parte sinistra dell ampio Atrio di Ingresso e risulta costituito da due zone. La prima Zona, posta a sinistra dell Atrio di Ingresso, è costituita da n 2 aule, un aula Magna ed un ampio locale adibito ad Attività per Assemblee e Convegni; tale ampio locale, a cui si accede internamente mediante 2 ingressi interni posti nel corridoio della zona Est e nella zona Ingresso, è dotato di n tre uscite verso la parte nord del cortile esterno. Piano Terra zona Est : gli ambienti risultano ubicati nella parte frontale dell ampio Atrio di Ingresso; la zona risulta costituito da un lungo corridoio a T a cui si accede a n 7 aule e ad una zona adibita a bagni per alunni; nella parte opposta alla zona di accesso è ubicata una uscita di sicurezza che collega tale area al cortile esterno nella zona adiacente alla Palestra. Tra l atrio di ingresso e la zona aule poste ad Est è ubicata una seconda scala di accesso al Piano Primo. Piano Primo zona Sud : gli ambienti risultano ubicati nella parte destra dell ampio Atrio posto al Piano Primo dell edificio e serviti dalla scala di accesso del Piano Terra posta a destra dell Atrio di Ingresso. La zona risulta costituito da un lungo corridoio ad L a cui si accede a n 6 aule e ad una zona adibita a bagni per alunni; tra l atrio di ingresso e la zona aule è ubicata la scala di accesso al Piano Terra. Piano Piano zona Nord : gli ambienti risultano ubicati nella parte sinistra dell ampio Atrio del Piano Primo dell edificio e serviti dalla scala di accesso del Piano Terra posta di fronte all Atrio di Ingresso. La Zona, posta a sinistra dell ampio Atrio del Piano Primo, è costituita dall ufficio del Dirigente Scolastico, dall ufficio del Dirigente dei Servizi Amministrativi Generali e da n. 3 locali uffici adibiti a segreteria dei Servizi Amministrativi. Piano Primo zona Est : gli ambienti risultano ubicati nella parte frontale dell ampio Atrio del Piano Primo dell edificio e serviti dalla scala di accesso del Piano Terra posta di fronte all Atrio di Ingresso. La zona risulta costituita da un lungo corridoio a T a cui si accede a n 6 aule didattiche, un aula Speciale e ad una zona adibita a bagni per alunni.

9 Dal punto di vista statico l edificio risulta costituito da una struttura portante in cemento armato realizzata dal Comune di Castrovillari negli anni 60. L edificio presenta rampe esterne di accesso al Piano Terra, mentre risulta presente una piattaforma di sollevamento per consentire l accesso al Piano Primo degli alunni o del personale diversamente abile dal punto di vista motorio che allo st5ato non risulta comunque agibile; all interno dell edificio risulta ubicato un Bagno per disabili posto al Piano Terra. Nell ultimo anno non sono stati effettuati da parte del Comune di Castrovillari lavori di manutenzione straordinaria. Le uscite di Sicurezza sia al Piano Terra che al Piano Primo risultano attrezzate dotate di porte con maniglioni antipanico adeguati. Il deflusso degli occupanti in caso di calamità risulta poco idoneo poiché gli stessi si immettono attraverso il cortile interno in una zona esterna del complesso scolastico indicato quale punto di raccolta dal Comune di Castrovillari ed ubicato in zona adiacente la Via Coscile nella parte opposta a detta arteria; al fine di poter raggiungere il Punto di Raccolta gli occupanti il plesso scolastico devono, pertanto, attraversare Via Coscile con evidente pericolo per la presenza di autoveicoli su tale arteria cittadina. Il pericolo è accentuato anche dalla presenza della stazione cittadina dei Vigili del Fuoco ubicata nelle arterie adiacenti alla Via Coscile. Le due prove di evacuazione che si intendono effettuare nel presente anno scolastico saranno comunque programmate in modo da far defluire gli alunni dall interno del cortile all area esterna per monitorare i pericoli derivanti dall attraversamento dell arteria stradale. All interno dell edificio è presente in modo adeguato la segnaletica necessaria per indicare le vie di fuga e risultano posizionati ai diversi livelli adeguatamente il numero di estintori; risulta presente la rete antincendio e tutti i dispositivi necessari per l ottenimento del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI), essendo la scuola frequentante da un numero di persone superiore a 300 ed inferiore a 500. La struttura, nel suo complesso, si presenta in discreto stato, l'altezza, la luminosità risultano nel complesso sufficienti, mentre la capienza delle aule e degli altri spazi didattici risultano in alcuni casi insufficienti; infatti con le disposizioni in materia di numero complessivo di alunni per classe (massimo numero pari a 30) negli ultimi anni alcune aule risultano INSUFFICIENTI ED INIDONEE poiché erano state progettate per contenere un minor numero di alunni. ATTORI DI RISCHIO (da eliminare a cura del Comune di Castrovillari): RELAZIONE GENERALE SULLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DURANTE IL LAVORO Nota : Sono riportate in neretto le carenze più rilevanti.

10 CARENZE STRUTTURALI: Non sono state rilevate carenze strutturali nell EDIFICIO per quanto riguarda: - Altezze degli ambienti, - Volumi degli ambienti, - Illuminazione naturale, - Pavimentazioni, - Scale. Non sono state rilevate carenze significative nelle AREE SCOPERTE per quanto riguarda: - Superfici, - Illuminazione naturale, - Pareti perimetrali, - Uscite (cancelli), ecc. Per le aree scoperte è necessario effettuare un ripristino generale della pavimentazione e dei cornicioni dell edificio. E necessario effettuare una verifica del muro di recinzione esterno con sovrastante ringhiera che presenta in alcuni casi cedimenti strutturali PORTE, FINESTRE, PARETI INTERNE, AULE Il loro stato d uso non evidenzia rischi tali da rendere necessari interventi urgenti (eccetto per i vetri non a norma) a tutela della salute degli alunni e del personale scolastico, ma è opportuno valutare nel tempo (con l ufficio tecnico comunale) la possibilità di renderle più sicure. Di seguito si riportano le migliorie che è possibile apportare: Finestre: poiché le ante sono con apertura interna, adottare almeno dei fermi in posizione di apertura e dei salvaspigoli di gomma. Porte: Necessitano di segnalazione dell ingombro di apertura (per quelle che si aprono verso i corridoi, ecc.) Aule: Necessitano generalmente di maggior manutenzione, tinteggiatura, ecc. (adottare colori chiari). Gli arredi sono in parte in parte vetusti ed è opportuno programmare una graduale sostituzione delle sedie deteriorate e non propriamente ergonomiche. Pavimenti: Necessitano generalmente di maggiore manutenzione. INGRESSO PRINCIPALE - USCITE DI SICUREZZA Le porte ubicate nelle varie uscite di sicurezza dell edificio risultano a norma e dotate tutte di maniglione antipanico funzionante. BARRIERE ARCHITETTONICHE Nel complesso si può affermare che esistono le seguenti gravi insufficienze: - Sono presenti le rampe di accesso esterno per i disabili: alunni, genitori, docenti, personale ed eventuali visitatori, al solo Piano Terra, mentre risulta funzionante la piattaforma sollevatrice di accesso al Piano Superiore. - Risulta presenti un solo bagno per disabili al Piano Terra, mentre non risulta presente al Piano Superiore. E' opportuno che eventuali alunni disabili siano posizionati al Piano Terra (ove possibile). Secondo il DM 10/3/'98 deve essere nominato per ogni alunno disabile un Responsabile Accompagnatore in caso di evacuazione di emergenza. E' opportuno richiedere all'ufficio Tecnico Comunale l'adeguamento nel rispetto della normativa per l'abbattimento delle barriere architettoniche (L. 13/'89, L.104/'92) IMPIANTO ELETTRICO Non si riscontrano particolari anomalie dell impianto elettrico ; sia per quanto riguarda le AREE SCOPERTE che i CORPI DI FABBRICA, l idoneità del progetto, l idoneità d uso e

11 l idoneità dei materiali dovranno essere verificate con l aiuto degli enti interessati e di tecnici con specifica esperienza, non avendo ricevuto la documentazione di conformità dell Impianto Elettrico alla legge 46/90 s.m.i. e le denunce agli Enti Preposti da tempo richiesti al Comune di Castrovillari e mai forniti. Non è stato possibile verificare la rispondenza dell Impianto Elettrico alle vigenti Norme; in alcuni ambienti risultano deteriorati i dispositivi di accensione ed utilizzazione dell Impianto (Prese-Interruttori) e alcuni punti luce non sono perfettamente funzionanti ed a norma. Tutto ciò non esclude che possano essere presenti anche altri rischi non rilevabili a prima vista. PERICOLO INCENDI- IMPIANTI Pericolo D incendio : Non avendo ricevuto la documentazione di conformità degli Impianti nonché il Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) rilasciato dal comando provinciale dei Vigili del Fuoco da tempo richiesti al Comune di Castrovillari e mai forniti, non è possibile procedere ad una puntuale verifica sul pericolo di incendio per tutto l edificio e per tutti gli ambienti. Impianto idrico di emergenza: Presente. (dall ispezione a vista eseguita non risultano: serbatoi di accumulo di acqua da utilizzare in caso di carenza di pressione idrica. Bocchettoni per idranti. Estintori: Presenti. (E necessario indicare il numero progressivo sul cartello relativo ad ogni estintore). IMPIANTO TERMICO E CENTRALE TERMICA Sia la verifica dell Impianto Termico che la conduzione della Centrale Termica risultano di diretta pertinenza del Comune di Castrovillari, ma alla data odierna pur avendolo richiesto non sono stati forniti i Certificati di Conformità alle vigenti Norme alla Direzione della scuola. In ogni caso, per la sicurezza della scuola sarebbe opportuno poter verificare l operato dei Responsabili della Conduzione e manutenzione (Ditta incaricata e Comune). SEGNALETICA la segnaletica di sicurezza è stata eseguita in relazione alle planimetrie con i percorsi di evacuazione che sono allegate al PIANO DELLE EMERGENZE. PACCHETTI DI MEDICAZIONE Risulta presente all interno del fabbricato e collocata al Piano Primo una cassetta di medicazione in dotazione del personale incaricato. USCITE DI EMERGENZA Conformi rispetto alla normativa. ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA L Impianto di emergenza è carente. E comunque opportuno richiedere all ufficio Tecnico Comunale la verifica dell impianto elettrico di emergenza. IMPIANTO SONORO D ALLARME L Impianto sonoro al momento è costituito dalla semplice campanella. SOSTANZE PERICOLOSE Non sono state rilevate tracce di sostanze pericolose (ed incustodite) nelle AREE APERTE. Nei CORPI DI FABBRICA le sostanze pericolose Infiammabili, Comburenti o sono confinate

12 e custodite nei locali predisposti. Tra quelle custodite, non sono rilevabili quantità significative di sostanze corrosive, ecc. AGENTI CHIMICI Non è stata rilevata la presenza stabile di Agenti chimici sia nelle AREE APERTE che nei CORPI DI FABBRICA. AGENTI FISICI Si ritiene che la presenza di RUMORE (di fondo esterno ed interno) rientri nei parametri consentiti delle norme di legge vigenti, anche se non sono stati fatti rilievi strumentali. Così pure, dall indagine sommaria eseguita, si ritiene che rientrino nei parametri consentiti dalle vigenti norme di legge: - il potere fonoassorbente apparente degli elementi di separazione fra gli ambienti, - l isolamento acustico standardizzato delle facciate, - il livello di calpestio dei solai, - il rumore prodotto dagli impianti tecnologici e non. Non sono state rilevate carenze significative - sia nelle AREE APERTE che nei CORPI DI FABBRICA - per quanto riguarda: - Vibrazioni, - Ultrasuoni, - Radiazioni non ionizzanti, - Temperatura, - Umidità relativa, - Ventilazione, - Condizionamento. AGENTI BIOLOGICI E' stato rilevato che le condizioni igieniche generali, nel CORPO DI FABBRICA, sono tali da poter affermare che, presumibilmente, non vi siano tracce significative per quanto riguarda Batteri, Funghi, Lieviti, ecc. E comunque da segnalare la presenza di muffe in alcune aule del Piano Terra. Al momento non si ha conoscenza della presenza di virus nell intero plesso scolastico. FATTORI PSICOLOGICI E' stato rilevato che le condizioni di lavoro - sia nelle AREE APERTE che nei CORPI DI FABBRICA - non sono tali da alimentare Fattori psicologici negativi dovuti a: - Intensità o Monotonia, - Situazioni di conflittualità, - Complessità delle mansioni svolte, - Carenze di controllo, - Reattività anomala a situazioni di emergenza. FATTORI ERGONOMICI Nel complesso si può affermare che l ergonomicità dei posti di lavoro NON è sufficientemente rispettata. La conoscenza delle relative norme di comportamento e la capacità di utilizzarle correttamente da parte del personale sarà trattato nei corsi di formazione ed informazione del personale; si ritiene che sia comunque opportuno un approfondimento del tema. Purtroppo, constatata la vetustà di alcuni mobili, arredi, sistemi di sicurezza, ecc. si evidenzia la necessità di una prossima programmazione di sostituzioni da fare per consentire il miglioramento, nel tempo, del grado di efficienza e di sicurezza degli stessi.

13 CONDIZIONI DI LAVORO DIFFICILE E' stato rilevato che tutte le condizioni di lavoro non sono tali da poter essere considerate Difficili in quanto non sono presenti: - Condizioni climatiche esasperate, - Lavori a pressioni (bar) anomale, - Posti di lavoro non ergonomici, - Variazioni prevedibili delle condizioni di sicurezza. CUCINA SPOGLIATOI BAGNI Nel plesso scolastico non è presente il servizio di mensa. ARCHIVIO, LOCALI AMMINISTRATIVI, LOCALI DI SERVIZIO Non ci sono carichi d incendio superiori a 30 Kg./mq. quindi non presentano rischi particolari d incendio. Fatta eccezione per il deposito dei materiali di cancelleria, al primo piano, che necessita di adeguamenti antincendio (c.f.r. piano di evacuazione incendio). Come tutto il resto della scuola, anche questi locali necessitano di maggior manutenzione, ecc. PALESTRA Nel vano palestra non risulta funzionante l impianto di riscaldamento e non risultano funzionanti le docce nei locali servizi annessi. Si rileva inoltre la vetustà dei servizi igienici. Per il Plesso scolastico di Via Coscile, dalla prima stesura del Documento di Valutazione dei Rischi sono emerse le seguenti carenze che devono essere rimosse al fine di migliorare le condizioni di utilizzo del plesso scolastico: REALIZZAZIONE DI UN BAGNO PER DISABILI; RIFACIMENTO DEI SERVIZI IGIENICI; VERIFICA STRUTTURALE DELLA RECINZIONE ESTERNA SU VIA COSCILE REVISIONE GENERALE DEI CORNICIONI ESTERNI DELLA COPERTURA CHE PRESENTANO IN ALCUNE PARTI DISTACCHI DI INTONACI PERICOLO DERIVANTE DAL DEFLUSSO DEGLI OCCUPANTI SU VIA COSCILE (STRADA A TRAFFICO CONSISTENTE) IN CASO DI EVACUAZIONE PER PRESENZA DELLE STAZIONI DEI VIGILI DEL FUOCO E DEL CORPO FORESTALE; ADEGUARE IL PUNTO DI RACCOLTA EX URRA-CASA CON SEGNALETICA DI DIVIETO PARCHEGGIO AUTO; POTENZIAMENTO ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA SEGNALETICA DI SICUREZZA (REVISIONE) PRESENZA DI MUFFE IN ALCUNI LOCALI AL PIANO TERRA PRESENZA DI AULE INSUFFICIENTI A CONTENERE IL NUMERO DI ALUNNI Considerato che non risultano agli atti della scuola i seguenti documenti necessari è opportuno chiedere la seguente documentazione: Certificato di Idoneità Statica; Certificato di Agibilità dei locali; Nuovo Certificato di Prevenzione Incendi; Documentazione riferita alla centrale termica ed impianto di riscaldamento; Progetto e dichiarazione di conformità degli impianti elettrici (D.M. 37/08); Calcolo cariche atmosferiche;

14 SCHEDA B Plesso Scolastico ex G. FORTUNATO EDIFICIO SEDE DISTACCATA Via Roma 166 CASTROVILLARI (CS) (SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ) CARATTERISTICHE GENERALI DELL EDIFICIO Proprietario dell'edificio (art. 3, legge 11 gennaio 1996, n. 23) COMUNE DI CASTROVILLARI - C.SO GARIBALDI CASTROVILLARI(CS) STUDENTI Alunni Alunni H TOTALE PERSONALE DIPENDENTE N. Totale CORPO DOCENTE 23 COLLABORATORI SCOLASTICI 3 DESCRIZIONE DELL IMMOBILE L edificio scolastico di proprietà del Comune di Castrovillari adibito a Scuola Secondaria di I Grado è l antico Monastero dei Cappuccini, costruito nel 1865 ed è sito nel centro abitato del Comune di Castrovillari in Via Roma n. 166 in una zona adiacente ad altre strutture di proprietà sia del Comune di Castrovillari che dell Amministrazione Provinciale di Cosenza adibite a Scuole Pubbliche. Risulta costituito da n 2 fabbricati di cui il principale a n. 2 piani fuori terra, mentre il

15 2 fabbricato, ad un piano fuori terra, è adibito a Palestra e relativi servizi annessi e risulta collegato all edificio principale mediante un ampio corridoio coperto di collegamento; considerato che la palestra è ubicata in un piano inferiore al Piano Terra del Fabbricato principale l ampio corridoio di collegamento è dotato di una serie di scale che permettono una buona possibilità di accesso. Allo stesso livello della Palestra è ubicato un ambiente collegato direttamente al cortile ed adibito a Locale Caldaia. I due edifici, unitamente agli altri edifici scolastici risultano ubicati all interno di un ampio cortile completamente recintato. Al cortile si accede mediante un ingresso pedonale e carraio direttamente dal marciapiede di via Roma; dall interno del cortile si accede all edificio principale mediante scala esterna per i locali al Piano Primo e porta di accesso sul piazzale per i locali al Piano Terra. Dal Piano Terra si possono raggiungere i locali al Piano Primo anche mediante una scala interna. La palestra, oltre dall ampio corridoio interno, si può raggiungere esternamente anche mediante la strada di accesso che parte dal secondo ingresso carraio a cui accede il Liceo Classico. L accesso all edificio principale per i soggetti diversamente abili è consentito mediante piattaforma elevatrice posta in una zona esterna attigua alla scala principale di accesso. L edificio principale è costituito al Piano Terra da una zona molto più ampia del Piano Primo e risulta composto dai seguenti ambienti: Piano Terra zona Est : al Piano Terra si accede direttamente dal Piazzale Esterno mediante ampia porta di ingresso ubicata allo stesso livello del piazzale; gli ambienti risultano ubicati nella parte sinistra dell Atrio di Ingresso principale zona Ingresso e Sala Professori e sono adibiti a Sala Polivalente a cui si accede nella zona deposito (ex- Mensa, ex-laboratorio Linguistico ex- sala polivalente); attiguo alla zona Ingresso è ubicato un lungo corridoio che collega la zona ingresso a 4 Aule e al corridoio di accesso alla zona Palestra e Servizi annessi nonché alla zona bagni. In un aula del piano terra attigua alla piattaforma elevatrice è ubicata una centrale Enel che necessita di essere rimossa immediatamente. Piano Terra zona Ovest : occupata dalla scuola primaria Villaggio Scolastico ed un aula attigua alla scala principale di accesso dal Liceo Classico Piano Primo : gli ambienti risultano ubicati nella parte sinistra dell ingresso principale costituito dalla Scalinata Esterna posta nel cortile di accesso collegata con rampa interna anche al Piano terra. Il Piano Primo è costituito da n. 4 Aule attigue al Chiostro Interno, 2 locali adibiti ad Ufficio e una zona Servizi Igienici; attraverso un corridoio di collegamento posto nella parte dei servizi, si accede in una seconda zona ad Est in cui sono ubicate ulteriori 6 aule e scala di collegamento al Piano Terra. Considerato che allo stato attuale risultano in fase di esecuzione lavori di ristrutturazione dell edificio e la seconda scala di collegamento al Piano Terra unitamente ad un aula attigua risulta non idonea, il Piano Primo è dotato di una unica uscita di sicurezza verso il cortile di ingresso nella zona della scalinata di accesso principale. Dal punto di vista statico l edificio a 2 piani ex Monastero dei Cappuccini risulta costituito da una struttura portante in muratura, mentre la restante parte dei fabbricati a

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli