Documento di VALUTAZIONE Di RISCHIO (D.Lgs. D.Lgs. 81/ 2008) A.S. 2014/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento di VALUTAZIONE Di RISCHIO (D.Lgs. D.Lgs. 81/ 2008) A.S. 2014/2015"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - Via Coscile, CASTROVILLARI (CS) CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E L EDUCAZIONE IN ETA ADULTA Cod. Fisc cod. mecc. CSMM Tel. 0981/ fax PEC Documento di VALUTAZIONE Di RISCHIO (D.Lgs. D.Lgs. 81/ 2008) A.S. 2014/2015 Il Dirigente Scolastico (Prof. Fabio GRIMALDI)

2 Data certa Protocollo Motivo Aggiornamento Firma DS Firma RSPP Firma RLS 03/12/2014 Integrazione del vecchio documento 03/12/2014 Integrazione del rischio incendi 03/12/2014 Integrazione del Pronto Soccorso

3 1. PREMESSA Il Decreto Ministeriale Pubblica Istruzione del 29/09/1999 n 382 ha stabilito il Regolamento di Attuazione del D. Lgsl. n 626/94 per quanto attiene il comparto SCUOLA. Il Piano di Sicurezza di Valutazione dei rischi viene redatto ai sensi della vigente normativa in materia di sicurezza (D.Lgs. 106/2009) che all art. 17 comma a stabilisce che il Datore di Lavoro deve redigere o aggiornare il Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi dell art. 28 del citato D. Lgs. 106/2009. Il presente Documento di Valutazione dei Rischi viene redatto sulla base di osservazioni dirette dal personale scolastico per individuare tutti i fattori di rischio. Hanno collaborato con il Dirigente Scolastico (DS): il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP),il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), le figure sensibili e le responsabili dei diversi plessi. Il piano verrà integrato e aggiornato con le analisi e le osservazioni del personale nel corso dell anno scolastico ed in occasione delle prove di evacuazione e degli incontri sulla sicurezza che verranno svolte nel corso dell anno. I dati contenuti nel presente Documento si riferiscono all anno scolastico 2014/15. Il Dirigente Scolastico ha richiesto al Comune di Castrovillari le certificazioni in materia di sicurezza relative agli edifici scolastici in cui si svolgono le attività didattiche; infatti considerato che, trattasi di Scuola Secondaria di Primo Grado (Plessi Via Coscile (ex-de Nicola) e Via Roma (ex Giustino Fortunato) il proprietario dell immobile risulta essere l Amministrazione Comunale. Le certificazioni in possesso della Istituzione scolastica riferita ai due plessi risultano essere le seguenti: Plesso di Via Coscile: Planimetria aggiornata; Plesso di Via Roma: Planimetria aggiornata; Non risultano agli atti della scuola i seguenti documenti necessari per l utilizzazione dei plessi : Plesso di Via Coscile: Certificato di Idoneità Statica; Certificato di Agibilità dei locali; Documentazione riferita alla centrale termica ed impianto di riscaldamento; Progetto e dichiarazione di conformità degli impianti elettrici (D.M. 37/08); Calcolo cariche atmosferiche; Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) ; Plesso di Via Roma: Certificato di Idoneità Statica; Certificato di Agibilità dei locali; Documentazione riferita alla centrale termica ed impianto di riscaldamento; Progetto e dichiarazione di conformità degli impianti elettrici (D.M. 37/08); Calcolo cariche atmosferiche;

4 NORME GENERALI Per quanto attiene le competenze della scuola, ci si impegna a mantenere: 1. l ambiente di lavoro in ordine e pulito; 2. le uscite libere da ostruzioni; 3. a non parcheggiare nel cortile antistante l ingresso in modo da non ostacolare l entrata e l uscita ordinata degli utenti, l evacuazione in caso di calamità e consentire l accesso giornaliero ai diversamente abili; 4. a custodire con cura gli utensili e i materiali. Sarà compito dei docenti adottare procedure didattiche ispirate alla prudenza, per ridurre i fattori di rischio ed individuare nella programmazione educativa e didattica gli strumenti e le modalità per fare sì che la sicurezza divenga patrimonio comune. Per tutto quanto esposto, si chiede l immediato intervento dell Ente Locale sia per quanto attiene la rimozione dei fattori di rischio individuati nel presente documento sia per quanto riguarda l individuazione di ulteriori fattori di rischio anche strutturali. SCOPI Il presente documento rappresenta l adempimento all obbligo, ai sensi dell art. 28 del citato D-lgs 106/2009. Il datore di lavoro ha l'obbligo di programmare e disporre la destinazione di risorse economiche, umane ed organizzative necessarie per l applicazione delle misure generali di sicurezza previste dalla legge e di verificarne lo stato di attuazione e di vigilare sulla osservanza degli adempimenti da essa prescritti. L art. 28 del citato D-lgs 106/2009 obbliga il Datore di lavoro a: valutare nella scelta delle attrezzature di lavoro i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti i gruppi esposti a rischi particolari; elaborare all esito della valutazione un Documento contenente: 1. Una RELAZIONE SULLA VALUTAZIONE DEI RISCHI per la sicurezza e la salute durante il lavoro, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; 2. L INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E DI PROTEZIONE e dei DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE, conseguente alla valutazione di cui al punto 1; 3. IL PROGRAMMA DELLE MISURE RITENUTE OPPORTUNE PER GARANTIRE IL MIGLIORAMENTO nel tempo dei livelli di sicurezza. Nel presente Documento (Piano di sicurezza) i tre aspetti non sono completamente separati tra loro in quanto sono trattati nei capitoli che seguono e negli allegati che costituiscono globalmente lo sviluppo del sistema di sicurezza adottato e il programma di aggiornamento delle misure e di protezione. 2. Dati generali dell Istituto scolastico La SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Coscile,28 di Castrovillari consta dei seguenti plessi ubicati nel centro abitato del comune di Castrovillari Plesso E. De Nicola di via Coscile al cui interno sono ubicati le classi della Scuola Secondaria di primo grado ex De Nicola al Piano Primo e al Piano Terra, i Laboratori di Scienza, Informatica, Audiovisivi e Ceramica, la Biblioteca, la Palestra, e l Auditorium nonché l Ufficio del Dirigente Scolastico, del Direttore dei Servizi Amministrativi e gli Uffici della segreteria Alunni e Personale della Scuola. Plesso G. Fortunato di via Roma al cui interno sono ubicati le classi della Scuola Primaria ex Fortunato, i Laboratori di Audiovisivi, la Palestra nonché l Ufficio del Personale Amministrativo e non Docente. Nell'anno scolastico 2014/15 risultano iscritti all'istituto un numero totale di alunni : Totale : n.664 di cui: 446 edificio via Coscile 218 edificio via Roma

5 Il personale scolastico complessivo dell intero Istituto risulta costituito da: totale : 97 unità di cui : 1 Dirigente scolastico 1 DSGA 80 Docenti 15 Personale ATA 3. Staff Sicurezza Lo staff della sicurezza per la scuola secondaria di primo grado risulta costituito dalle seguenti figure sensibili: Dirigente scolastico RSPP RLS ASPP via Coscile: Prof.ssa Mazzotta Francamaria Addetti al Primo Soccorso via Coscile: Polimeni Domenico Condemi Elio Fiorentino Eleonora Addetti Antincendio via Coscile: Risoli Teresa Perciaccante M. Antonietta Nucerito Iuna Prof. Fabio GRIMALDI Ing. Tommaso FERRARI Prof. Fasanella Vincenzo ASPP via Roma: Prof.ssa Lo Duca Maria Addetti Al Primo Soccorso via Roma: De Rosa Flavia Pandolfi Carmela Potestio Anna Addetti Antincendio via Roma: Armentano Franco Cerbelli Mariarosaria Sirianni M. Vincenza CTP ASPP Addetto al primo soccorso Addetto Antincendio Gallo Paolo Tripicchio Rita Mirabelli Daniela 3.1 Il Dirigente scolastico Il dirigente scolastico è il prof. Fabio GRIMALDI ; ha assunto la dirigenza dell istituto dal 1/09/2014 ed ha regolarmente frequentato il corso di formazione per i dirigenti di cui al D.Leg.81/ RSPP La mansione di RSPP è svolta dall ing. Tommaso FERRARI, esperto esterno, che è in possesso dei requisiti di legge in quanto ha frequentato i corsi relativi al Modulo A,Modulo B e Modulo C.

6 3.3 RLS La mansione di RLS viene svolta dal prof. Vincenzo FASANELLA che svolgerà il corso presso la Scuola Polo ITCG di Trebisacce. 3.4 Medico Competente Dopo attenta valutazione si ritiene non necessaria la presenza del medico poiché non esiste il rischio per: Vibrazioni, Manutenzione Manuale dei carichi, Rumore, Video terminali, Amianto, Agenti Cancerogeni, Agenti Chimici, Agenti Biologici. 3.5 ADDETTI ANTINCENDIO La mansioni relativi all antincendio verranno svolte dai sopra citati addetti che in parte hanno svolto e in parte svolgeranno i relativi corsi di formazione presso la Scuola Polo ITCG di Trebisacce. 3.6 ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO La mansioni relativi al Pronto Soccorso verranno svolte dai sopra citati addetti che in parte hanno svolto e in parte svolgeranno i relativi corsi di formazione presso la Scuola Polo ITCG di Trebisacce. Essendo l'istituto costituito da 2 plessi scolastici, il presente piano è stato suddiviso in 2 parti, ognuna delle quali dedic ata ai singoli plessi. Pertanto, esso risulto articolato nelle seguenti schede: SCHEDA A Plesso Via Coscile ex De Nicola SCHEDA B Plesso Via Roma ex Giustino Fortunato

7 SCHEDA A Plesso Scolastico ex E. De Nicola EDIFICIO SEDE CENTRALE Via Coscile n. 28 CASTROVILLARI (CS) (SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - UFFICI ) CARATTERISTICHE GENERALI DELL EDIFICIO Proprietario dell'edificio (art. 3, legge 11 gennaio 1996, n. 23) COMUNE DI CASTROVILLARI - C.SO GARIBALDI CASTROVILLARI(CS) STUDENTI Alunni Alunni H TOTALE PERSONALE DIPENDENTE N. Totale DIRIGENTE SCOLASTICO 1 DIRETTORE GENERALE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI 1 CORPO DOCENTE 57 ASSISTENTI AMMINISTRATIVI e COLLAB.SCOLASTICI 12 DESCRIZIONE DELL IMMOBILE L edificio scolastico di proprietà del Comune di Castrovillari adibito a Scuola Secondaria di I Grado è stato realizzato alla fine degli anni 60 del secolo scorso ed è sito nel centro abitato del Comune di Castrovillari in Via Coscile n. 28. Risulta costituito da n 2 fabbricati di cui il principale a n. 2 piani fuori terra, oltre un piccolo ambiente seminterrato adibito a Centrale Termica, mentre il 2 fabbricato, ad un piano fuori terra, è adibito a Palestra e relativi servizi annessi.

8 I due edifici risultano ubicati all interno di un ampio cortile completamente recintato. Al cortile si accede mediante un ingresso pedonale ed un ingresso carraio direttamente dal marciapiede di via Coscile e dall interno del cortile all edificio principale mediante scaletta esterna con attigua rampa di accesso per soggetti diversamente abili; detti ingressi sono posti nella zona ovest del Complesso scolastico. L edificio principale presenta al Piano Terra una zona molto più ampia del Piano Primo; al Piano Terra sono ubicate due scale di accesso al Piano Primo poste nelle zone adiacenti all ingresso principale. L edificio principale a due piani fuori terra è composto dai seguenti ambienti: Piano Seminterrato: Vano caldaia a cui si accede direttamente mediante scala di accesso dal giardino della scuola. Piano Terra zona Sud : gli ambienti risultano ubicati nella parte destra dell ampio Atrio di Ingresso; la zona risulta costituito da un lungo corridoio ad L a cui si accede a n 6 aule e ad una zona adibita a bagni per alunni; tra l atrio di ingresso e la zona aule è ubicata la scala di accesso al Piano Primo. Piano Terra zona Nord : gli ambienti risultano ubicati nella parte sinistra dell ampio Atrio di Ingresso e risulta costituito da due zone. La prima Zona, posta a sinistra dell Atrio di Ingresso, è costituita da n 2 aule, un aula Magna ed un ampio locale adibito ad Attività per Assemblee e Convegni; tale ampio locale, a cui si accede internamente mediante 2 ingressi interni posti nel corridoio della zona Est e nella zona Ingresso, è dotato di n tre uscite verso la parte nord del cortile esterno. Piano Terra zona Est : gli ambienti risultano ubicati nella parte frontale dell ampio Atrio di Ingresso; la zona risulta costituito da un lungo corridoio a T a cui si accede a n 7 aule e ad una zona adibita a bagni per alunni; nella parte opposta alla zona di accesso è ubicata una uscita di sicurezza che collega tale area al cortile esterno nella zona adiacente alla Palestra. Tra l atrio di ingresso e la zona aule poste ad Est è ubicata una seconda scala di accesso al Piano Primo. Piano Primo zona Sud : gli ambienti risultano ubicati nella parte destra dell ampio Atrio posto al Piano Primo dell edificio e serviti dalla scala di accesso del Piano Terra posta a destra dell Atrio di Ingresso. La zona risulta costituito da un lungo corridoio ad L a cui si accede a n 6 aule e ad una zona adibita a bagni per alunni; tra l atrio di ingresso e la zona aule è ubicata la scala di accesso al Piano Terra. Piano Piano zona Nord : gli ambienti risultano ubicati nella parte sinistra dell ampio Atrio del Piano Primo dell edificio e serviti dalla scala di accesso del Piano Terra posta di fronte all Atrio di Ingresso. La Zona, posta a sinistra dell ampio Atrio del Piano Primo, è costituita dall ufficio del Dirigente Scolastico, dall ufficio del Dirigente dei Servizi Amministrativi Generali e da n. 3 locali uffici adibiti a segreteria dei Servizi Amministrativi. Piano Primo zona Est : gli ambienti risultano ubicati nella parte frontale dell ampio Atrio del Piano Primo dell edificio e serviti dalla scala di accesso del Piano Terra posta di fronte all Atrio di Ingresso. La zona risulta costituita da un lungo corridoio a T a cui si accede a n 6 aule didattiche, un aula Speciale e ad una zona adibita a bagni per alunni.

9 Dal punto di vista statico l edificio risulta costituito da una struttura portante in cemento armato realizzata dal Comune di Castrovillari negli anni 60. L edificio presenta rampe esterne di accesso al Piano Terra, mentre risulta presente una piattaforma di sollevamento per consentire l accesso al Piano Primo degli alunni o del personale diversamente abile dal punto di vista motorio che allo st5ato non risulta comunque agibile; all interno dell edificio risulta ubicato un Bagno per disabili posto al Piano Terra. Nell ultimo anno non sono stati effettuati da parte del Comune di Castrovillari lavori di manutenzione straordinaria. Le uscite di Sicurezza sia al Piano Terra che al Piano Primo risultano attrezzate dotate di porte con maniglioni antipanico adeguati. Il deflusso degli occupanti in caso di calamità risulta poco idoneo poiché gli stessi si immettono attraverso il cortile interno in una zona esterna del complesso scolastico indicato quale punto di raccolta dal Comune di Castrovillari ed ubicato in zona adiacente la Via Coscile nella parte opposta a detta arteria; al fine di poter raggiungere il Punto di Raccolta gli occupanti il plesso scolastico devono, pertanto, attraversare Via Coscile con evidente pericolo per la presenza di autoveicoli su tale arteria cittadina. Il pericolo è accentuato anche dalla presenza della stazione cittadina dei Vigili del Fuoco ubicata nelle arterie adiacenti alla Via Coscile. Le due prove di evacuazione che si intendono effettuare nel presente anno scolastico saranno comunque programmate in modo da far defluire gli alunni dall interno del cortile all area esterna per monitorare i pericoli derivanti dall attraversamento dell arteria stradale. All interno dell edificio è presente in modo adeguato la segnaletica necessaria per indicare le vie di fuga e risultano posizionati ai diversi livelli adeguatamente il numero di estintori; risulta presente la rete antincendio e tutti i dispositivi necessari per l ottenimento del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI), essendo la scuola frequentante da un numero di persone superiore a 300 ed inferiore a 500. La struttura, nel suo complesso, si presenta in discreto stato, l'altezza, la luminosità risultano nel complesso sufficienti, mentre la capienza delle aule e degli altri spazi didattici risultano in alcuni casi insufficienti; infatti con le disposizioni in materia di numero complessivo di alunni per classe (massimo numero pari a 30) negli ultimi anni alcune aule risultano INSUFFICIENTI ED INIDONEE poiché erano state progettate per contenere un minor numero di alunni. ATTORI DI RISCHIO (da eliminare a cura del Comune di Castrovillari): RELAZIONE GENERALE SULLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DURANTE IL LAVORO Nota : Sono riportate in neretto le carenze più rilevanti.

10 CARENZE STRUTTURALI: Non sono state rilevate carenze strutturali nell EDIFICIO per quanto riguarda: - Altezze degli ambienti, - Volumi degli ambienti, - Illuminazione naturale, - Pavimentazioni, - Scale. Non sono state rilevate carenze significative nelle AREE SCOPERTE per quanto riguarda: - Superfici, - Illuminazione naturale, - Pareti perimetrali, - Uscite (cancelli), ecc. Per le aree scoperte è necessario effettuare un ripristino generale della pavimentazione e dei cornicioni dell edificio. E necessario effettuare una verifica del muro di recinzione esterno con sovrastante ringhiera che presenta in alcuni casi cedimenti strutturali PORTE, FINESTRE, PARETI INTERNE, AULE Il loro stato d uso non evidenzia rischi tali da rendere necessari interventi urgenti (eccetto per i vetri non a norma) a tutela della salute degli alunni e del personale scolastico, ma è opportuno valutare nel tempo (con l ufficio tecnico comunale) la possibilità di renderle più sicure. Di seguito si riportano le migliorie che è possibile apportare: Finestre: poiché le ante sono con apertura interna, adottare almeno dei fermi in posizione di apertura e dei salvaspigoli di gomma. Porte: Necessitano di segnalazione dell ingombro di apertura (per quelle che si aprono verso i corridoi, ecc.) Aule: Necessitano generalmente di maggior manutenzione, tinteggiatura, ecc. (adottare colori chiari). Gli arredi sono in parte in parte vetusti ed è opportuno programmare una graduale sostituzione delle sedie deteriorate e non propriamente ergonomiche. Pavimenti: Necessitano generalmente di maggiore manutenzione. INGRESSO PRINCIPALE - USCITE DI SICUREZZA Le porte ubicate nelle varie uscite di sicurezza dell edificio risultano a norma e dotate tutte di maniglione antipanico funzionante. BARRIERE ARCHITETTONICHE Nel complesso si può affermare che esistono le seguenti gravi insufficienze: - Sono presenti le rampe di accesso esterno per i disabili: alunni, genitori, docenti, personale ed eventuali visitatori, al solo Piano Terra, mentre risulta funzionante la piattaforma sollevatrice di accesso al Piano Superiore. - Risulta presenti un solo bagno per disabili al Piano Terra, mentre non risulta presente al Piano Superiore. E' opportuno che eventuali alunni disabili siano posizionati al Piano Terra (ove possibile). Secondo il DM 10/3/'98 deve essere nominato per ogni alunno disabile un Responsabile Accompagnatore in caso di evacuazione di emergenza. E' opportuno richiedere all'ufficio Tecnico Comunale l'adeguamento nel rispetto della normativa per l'abbattimento delle barriere architettoniche (L. 13/'89, L.104/'92) IMPIANTO ELETTRICO Non si riscontrano particolari anomalie dell impianto elettrico ; sia per quanto riguarda le AREE SCOPERTE che i CORPI DI FABBRICA, l idoneità del progetto, l idoneità d uso e

11 l idoneità dei materiali dovranno essere verificate con l aiuto degli enti interessati e di tecnici con specifica esperienza, non avendo ricevuto la documentazione di conformità dell Impianto Elettrico alla legge 46/90 s.m.i. e le denunce agli Enti Preposti da tempo richiesti al Comune di Castrovillari e mai forniti. Non è stato possibile verificare la rispondenza dell Impianto Elettrico alle vigenti Norme; in alcuni ambienti risultano deteriorati i dispositivi di accensione ed utilizzazione dell Impianto (Prese-Interruttori) e alcuni punti luce non sono perfettamente funzionanti ed a norma. Tutto ciò non esclude che possano essere presenti anche altri rischi non rilevabili a prima vista. PERICOLO INCENDI- IMPIANTI Pericolo D incendio : Non avendo ricevuto la documentazione di conformità degli Impianti nonché il Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) rilasciato dal comando provinciale dei Vigili del Fuoco da tempo richiesti al Comune di Castrovillari e mai forniti, non è possibile procedere ad una puntuale verifica sul pericolo di incendio per tutto l edificio e per tutti gli ambienti. Impianto idrico di emergenza: Presente. (dall ispezione a vista eseguita non risultano: serbatoi di accumulo di acqua da utilizzare in caso di carenza di pressione idrica. Bocchettoni per idranti. Estintori: Presenti. (E necessario indicare il numero progressivo sul cartello relativo ad ogni estintore). IMPIANTO TERMICO E CENTRALE TERMICA Sia la verifica dell Impianto Termico che la conduzione della Centrale Termica risultano di diretta pertinenza del Comune di Castrovillari, ma alla data odierna pur avendolo richiesto non sono stati forniti i Certificati di Conformità alle vigenti Norme alla Direzione della scuola. In ogni caso, per la sicurezza della scuola sarebbe opportuno poter verificare l operato dei Responsabili della Conduzione e manutenzione (Ditta incaricata e Comune). SEGNALETICA la segnaletica di sicurezza è stata eseguita in relazione alle planimetrie con i percorsi di evacuazione che sono allegate al PIANO DELLE EMERGENZE. PACCHETTI DI MEDICAZIONE Risulta presente all interno del fabbricato e collocata al Piano Primo una cassetta di medicazione in dotazione del personale incaricato. USCITE DI EMERGENZA Conformi rispetto alla normativa. ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA L Impianto di emergenza è carente. E comunque opportuno richiedere all ufficio Tecnico Comunale la verifica dell impianto elettrico di emergenza. IMPIANTO SONORO D ALLARME L Impianto sonoro al momento è costituito dalla semplice campanella. SOSTANZE PERICOLOSE Non sono state rilevate tracce di sostanze pericolose (ed incustodite) nelle AREE APERTE. Nei CORPI DI FABBRICA le sostanze pericolose Infiammabili, Comburenti o sono confinate

12 e custodite nei locali predisposti. Tra quelle custodite, non sono rilevabili quantità significative di sostanze corrosive, ecc. AGENTI CHIMICI Non è stata rilevata la presenza stabile di Agenti chimici sia nelle AREE APERTE che nei CORPI DI FABBRICA. AGENTI FISICI Si ritiene che la presenza di RUMORE (di fondo esterno ed interno) rientri nei parametri consentiti delle norme di legge vigenti, anche se non sono stati fatti rilievi strumentali. Così pure, dall indagine sommaria eseguita, si ritiene che rientrino nei parametri consentiti dalle vigenti norme di legge: - il potere fonoassorbente apparente degli elementi di separazione fra gli ambienti, - l isolamento acustico standardizzato delle facciate, - il livello di calpestio dei solai, - il rumore prodotto dagli impianti tecnologici e non. Non sono state rilevate carenze significative - sia nelle AREE APERTE che nei CORPI DI FABBRICA - per quanto riguarda: - Vibrazioni, - Ultrasuoni, - Radiazioni non ionizzanti, - Temperatura, - Umidità relativa, - Ventilazione, - Condizionamento. AGENTI BIOLOGICI E' stato rilevato che le condizioni igieniche generali, nel CORPO DI FABBRICA, sono tali da poter affermare che, presumibilmente, non vi siano tracce significative per quanto riguarda Batteri, Funghi, Lieviti, ecc. E comunque da segnalare la presenza di muffe in alcune aule del Piano Terra. Al momento non si ha conoscenza della presenza di virus nell intero plesso scolastico. FATTORI PSICOLOGICI E' stato rilevato che le condizioni di lavoro - sia nelle AREE APERTE che nei CORPI DI FABBRICA - non sono tali da alimentare Fattori psicologici negativi dovuti a: - Intensità o Monotonia, - Situazioni di conflittualità, - Complessità delle mansioni svolte, - Carenze di controllo, - Reattività anomala a situazioni di emergenza. FATTORI ERGONOMICI Nel complesso si può affermare che l ergonomicità dei posti di lavoro NON è sufficientemente rispettata. La conoscenza delle relative norme di comportamento e la capacità di utilizzarle correttamente da parte del personale sarà trattato nei corsi di formazione ed informazione del personale; si ritiene che sia comunque opportuno un approfondimento del tema. Purtroppo, constatata la vetustà di alcuni mobili, arredi, sistemi di sicurezza, ecc. si evidenzia la necessità di una prossima programmazione di sostituzioni da fare per consentire il miglioramento, nel tempo, del grado di efficienza e di sicurezza degli stessi.

13 CONDIZIONI DI LAVORO DIFFICILE E' stato rilevato che tutte le condizioni di lavoro non sono tali da poter essere considerate Difficili in quanto non sono presenti: - Condizioni climatiche esasperate, - Lavori a pressioni (bar) anomale, - Posti di lavoro non ergonomici, - Variazioni prevedibili delle condizioni di sicurezza. CUCINA SPOGLIATOI BAGNI Nel plesso scolastico non è presente il servizio di mensa. ARCHIVIO, LOCALI AMMINISTRATIVI, LOCALI DI SERVIZIO Non ci sono carichi d incendio superiori a 30 Kg./mq. quindi non presentano rischi particolari d incendio. Fatta eccezione per il deposito dei materiali di cancelleria, al primo piano, che necessita di adeguamenti antincendio (c.f.r. piano di evacuazione incendio). Come tutto il resto della scuola, anche questi locali necessitano di maggior manutenzione, ecc. PALESTRA Nel vano palestra non risulta funzionante l impianto di riscaldamento e non risultano funzionanti le docce nei locali servizi annessi. Si rileva inoltre la vetustà dei servizi igienici. Per il Plesso scolastico di Via Coscile, dalla prima stesura del Documento di Valutazione dei Rischi sono emerse le seguenti carenze che devono essere rimosse al fine di migliorare le condizioni di utilizzo del plesso scolastico: REALIZZAZIONE DI UN BAGNO PER DISABILI; RIFACIMENTO DEI SERVIZI IGIENICI; VERIFICA STRUTTURALE DELLA RECINZIONE ESTERNA SU VIA COSCILE REVISIONE GENERALE DEI CORNICIONI ESTERNI DELLA COPERTURA CHE PRESENTANO IN ALCUNE PARTI DISTACCHI DI INTONACI PERICOLO DERIVANTE DAL DEFLUSSO DEGLI OCCUPANTI SU VIA COSCILE (STRADA A TRAFFICO CONSISTENTE) IN CASO DI EVACUAZIONE PER PRESENZA DELLE STAZIONI DEI VIGILI DEL FUOCO E DEL CORPO FORESTALE; ADEGUARE IL PUNTO DI RACCOLTA EX URRA-CASA CON SEGNALETICA DI DIVIETO PARCHEGGIO AUTO; POTENZIAMENTO ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA SEGNALETICA DI SICUREZZA (REVISIONE) PRESENZA DI MUFFE IN ALCUNI LOCALI AL PIANO TERRA PRESENZA DI AULE INSUFFICIENTI A CONTENERE IL NUMERO DI ALUNNI Considerato che non risultano agli atti della scuola i seguenti documenti necessari è opportuno chiedere la seguente documentazione: Certificato di Idoneità Statica; Certificato di Agibilità dei locali; Nuovo Certificato di Prevenzione Incendi; Documentazione riferita alla centrale termica ed impianto di riscaldamento; Progetto e dichiarazione di conformità degli impianti elettrici (D.M. 37/08); Calcolo cariche atmosferiche;

14 SCHEDA B Plesso Scolastico ex G. FORTUNATO EDIFICIO SEDE DISTACCATA Via Roma 166 CASTROVILLARI (CS) (SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ) CARATTERISTICHE GENERALI DELL EDIFICIO Proprietario dell'edificio (art. 3, legge 11 gennaio 1996, n. 23) COMUNE DI CASTROVILLARI - C.SO GARIBALDI CASTROVILLARI(CS) STUDENTI Alunni Alunni H TOTALE PERSONALE DIPENDENTE N. Totale CORPO DOCENTE 23 COLLABORATORI SCOLASTICI 3 DESCRIZIONE DELL IMMOBILE L edificio scolastico di proprietà del Comune di Castrovillari adibito a Scuola Secondaria di I Grado è l antico Monastero dei Cappuccini, costruito nel 1865 ed è sito nel centro abitato del Comune di Castrovillari in Via Roma n. 166 in una zona adiacente ad altre strutture di proprietà sia del Comune di Castrovillari che dell Amministrazione Provinciale di Cosenza adibite a Scuole Pubbliche. Risulta costituito da n 2 fabbricati di cui il principale a n. 2 piani fuori terra, mentre il

15 2 fabbricato, ad un piano fuori terra, è adibito a Palestra e relativi servizi annessi e risulta collegato all edificio principale mediante un ampio corridoio coperto di collegamento; considerato che la palestra è ubicata in un piano inferiore al Piano Terra del Fabbricato principale l ampio corridoio di collegamento è dotato di una serie di scale che permettono una buona possibilità di accesso. Allo stesso livello della Palestra è ubicato un ambiente collegato direttamente al cortile ed adibito a Locale Caldaia. I due edifici, unitamente agli altri edifici scolastici risultano ubicati all interno di un ampio cortile completamente recintato. Al cortile si accede mediante un ingresso pedonale e carraio direttamente dal marciapiede di via Roma; dall interno del cortile si accede all edificio principale mediante scala esterna per i locali al Piano Primo e porta di accesso sul piazzale per i locali al Piano Terra. Dal Piano Terra si possono raggiungere i locali al Piano Primo anche mediante una scala interna. La palestra, oltre dall ampio corridoio interno, si può raggiungere esternamente anche mediante la strada di accesso che parte dal secondo ingresso carraio a cui accede il Liceo Classico. L accesso all edificio principale per i soggetti diversamente abili è consentito mediante piattaforma elevatrice posta in una zona esterna attigua alla scala principale di accesso. L edificio principale è costituito al Piano Terra da una zona molto più ampia del Piano Primo e risulta composto dai seguenti ambienti: Piano Terra zona Est : al Piano Terra si accede direttamente dal Piazzale Esterno mediante ampia porta di ingresso ubicata allo stesso livello del piazzale; gli ambienti risultano ubicati nella parte sinistra dell Atrio di Ingresso principale zona Ingresso e Sala Professori e sono adibiti a Sala Polivalente a cui si accede nella zona deposito (ex- Mensa, ex-laboratorio Linguistico ex- sala polivalente); attiguo alla zona Ingresso è ubicato un lungo corridoio che collega la zona ingresso a 4 Aule e al corridoio di accesso alla zona Palestra e Servizi annessi nonché alla zona bagni. In un aula del piano terra attigua alla piattaforma elevatrice è ubicata una centrale Enel che necessita di essere rimossa immediatamente. Piano Terra zona Ovest : occupata dalla scuola primaria Villaggio Scolastico ed un aula attigua alla scala principale di accesso dal Liceo Classico Piano Primo : gli ambienti risultano ubicati nella parte sinistra dell ingresso principale costituito dalla Scalinata Esterna posta nel cortile di accesso collegata con rampa interna anche al Piano terra. Il Piano Primo è costituito da n. 4 Aule attigue al Chiostro Interno, 2 locali adibiti ad Ufficio e una zona Servizi Igienici; attraverso un corridoio di collegamento posto nella parte dei servizi, si accede in una seconda zona ad Est in cui sono ubicate ulteriori 6 aule e scala di collegamento al Piano Terra. Considerato che allo stato attuale risultano in fase di esecuzione lavori di ristrutturazione dell edificio e la seconda scala di collegamento al Piano Terra unitamente ad un aula attigua risulta non idonea, il Piano Primo è dotato di una unica uscita di sicurezza verso il cortile di ingresso nella zona della scalinata di accesso principale. Dal punto di vista statico l edificio a 2 piani ex Monastero dei Cappuccini risulta costituito da una struttura portante in muratura, mentre la restante parte dei fabbricati a

Documento di VALUTAZIONE Di RISCHIO (D.Lgs. D.Lgs. 81/ 2008) A.S. 2013/2014

Documento di VALUTAZIONE Di RISCHIO (D.Lgs. D.Lgs. 81/ 2008) A.S. 2013/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - Via Coscile, 28 87012 - CASTROVILLARI (CS) CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E L EDUCAZIONE IN

Dettagli

Documento di VALUTAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO

Documento di VALUTAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO DISTERETTO SCOLASTICO N 19 ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 PIAZZA INDIPENDENZA 87012 CASTROVILLARI (CS) Cod. Fisc. 94023270781 Cod. Mecc. CSIC8AB00C TEL./FAX 0981-491387 - e-mail:csic8ab00c@istruzione.it Documento

Dettagli

Documento di VALUTAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO (D.Lgs. 106/2009)

Documento di VALUTAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO (D.Lgs. 106/2009) Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Di AMENDOLARA ORIOLO ROSETO CAPO SPULICO 87071 AMENDOLARA (CS) Via Roma, 1 Tel. e Fax. 0981/911852 ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Documento di VALUTAZIONE

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

CIRCOLARE N. 61. 1. Assegnazione nomine Piano di Emergenza: Ruoli e Funzioni.

CIRCOLARE N. 61. 1. Assegnazione nomine Piano di Emergenza: Ruoli e Funzioni. N Prot.: 0002376 C.I. del 08/04/2015 Uscita A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO All AA L. RENNA SEDE AL SITO WEB www.icpresicceacquarica.gov.it CIRCOLARE N. 61 Oggetto: Piano di Gestione delle Emergenze In

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA

DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA Prot. n. 840/A20i DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA VIA CORSI, 1- R.S.P.P. prof. Federico

Dettagli

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA PRINCIPALI ADEMPIMENTI del Dirigente scolastico 1.Organizzativi 2.Tecnici 3.Procedurali 2008 2/45 Adempimenti organizzativi

Dettagli

STUDIO TECNICO PAGLIARONE ing. DARIO VERBALE DI ESODO

STUDIO TECNICO PAGLIARONE ing. DARIO VERBALE DI ESODO VERBALE DI ESODO In data il sottoscritto ing. Dario Pagliarone in qualità di R.S.P.P. dell Istituto Comprensivo Pablo Neruda a seguito delle prove di evacuazione svolte fino alla data odierna ha evidenziato

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto:

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto: ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA Oggetto: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO D. LEG. 9/04/2008 SCUOLA MEDIA RANNA VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA ANNO

Dettagli

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro (Carta intestata dell Istituzione Scolastica) Al Provincia/ Comune/ Municipio ) (il destinatario deve essere il soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile)... data... oggetto: Adeguamenti

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA COMUNE DI COSSIGNANO Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per la scuola dell infanzia e la scuola primaria anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA 1

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M.

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Piano antincendio scolastico 6.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Quadro

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti

Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti Da utilizzare per : la nomina del Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione, la delega per Dirigenti e preposti : la designazione degli

Dettagli

INFORMATIVA sulla sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.lgs. 81/08

INFORMATIVA sulla sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.lgs. 81/08 INFORMATIVA sulla sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.lgs. 81/08 Programmata nel Collegio dei Docenti del 15 dicembre 2015 A cura del RSPP Ing. Antonio CALIGIURI La presente informativa fa parte

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR. Prot. 0002378/C14 Bari, 09/11/2009 AVVISO PUBBLICO

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR. Prot. 0002378/C14 Bari, 09/11/2009 AVVISO PUBBLICO UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. PASCOLI Via N. Pizzoli n. 58 70123 Bari Tel./Fax 0805214555 Fax 0805721764 e-mail: bamm02700r@istruzione.it

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ***

PIANO DI EMERGENZA *** OTTI *** PREMESSA DEL REGISTRO DEI REGISTRO DEI Con l entrata in vigore del DPR 12 gennaio 1998 n. 37 regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, ai sensi dell art.

Dettagli

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12 Provincia Regionale di Ragusa Lavori di "Adeguamento alle norme di sicurezza e prevenzione incendi immobili scolastici nella zona di Ragusa, Comiso e Vittoria. Completamento 2.000.000" - Progetto Esecutivo

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE In questa unità didattica approfondiremo la conoscenza di alcune figure, già viste in precedenza e che sono presenti anche nel nostro Istituto In particolare parleremo di: datore di lavoro: Dirigente Scolastico;

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info DATORE DI LAVORO LAVORATORI SORVEGLIANZA SANITARIA FORMAZIONE E INFORMAZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE VALUTAZIONE DEI RISCHI MEDICO COMPETENTE DIRIGENTI

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI Bologna, 28 marzo 2015 LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALL INTERNO DI UN IMPIANTO SPORTIVO Gestione della

Dettagli

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE Allo scopo di ottenere una più adeguata conoscenza dell ambiente di lavoro/studio, soprattutto per i nuovi allievi, e di attivare i necessari automatismi nelle operazioni

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

della SICUREZZA NELLA SCUOLA

della SICUREZZA NELLA SCUOLA Informazione ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, D.M. 382/98, D.M. 363/98 e Circolare Ministero Pubblica Istruzione n. 119 del 29/4/1999 A B C della SICUREZZA NELLA SCUOLA Manuale ad uso dei docenti,

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

BOZZA a cura della Cisl Scuola

BOZZA a cura della Cisl Scuola BOZZA a cura della Cisl Scuola IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO Attuazione normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (CCNL art. 6 comma 2 lettera k) Istituto/Circolo - a.s./.. L'anno

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

REGISTRO DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGISTRO DI SORVEGLIANZA PERIODICA DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via G. Deledda, 2-09036 GUSPINI (Codice Fiscale 91011420923 Tel 070/970051-Fax 070/9783069) e-mail mail: caee046004@istruzione.it sito: www.direzionedidatticastataleguspini.it

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA Istituto Comprensivo MAHATMA GANDHI Via Corinaldo, 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA D.Lgs. n. 81/2008, art. 32, comma 2 >Figure sensibili addette all antincendio

Dettagli

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it euservice

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI M.I.U.R. - U.S.R. LAZIO - Istituto di Istruzione Superiore "TULLIANO" 03033 ARPINO (FR) fris060008@istruzione.it FRIS006008 C.F. 91011090601 C/C Postale 28880003 Sez. Ass. Liceo Ginnasio - FRPC00601G :

Dettagli

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA Pag. 2 di 15 4.1 UNITA OPERATIVA 1 - PRIMARIA, XXV APRILE - SEDE DESCRIZIONE DELL UNITA

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. 9/04/2008 n. 81 INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI, MISURE ADOTTATE

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

PRIME MISURE NECESSARIE A RIDURRE O AD ELIMINARE I RISCHI RILEVATI NEGLI EDIFICI SCOLASTICI DELL I.I.S.S. DI SANT ANGELO DEI LOMBARDI

PRIME MISURE NECESSARIE A RIDURRE O AD ELIMINARE I RISCHI RILEVATI NEGLI EDIFICI SCOLASTICI DELL I.I.S.S. DI SANT ANGELO DEI LOMBARDI PRIME MISURE NECESSARIE A RIDURRE O AD ELIMINARE I RISCHI RILEVATI NEGLI DELL I.I.S.S. DI A] CERTIFICAZIONE DI LEGGE - occorre acquisire o verificare la regolarità del Certificato di agibilità degli edifici

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 RÉGION AUTONOME VALLÉE D AOSTE VILLE D AOSTE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA CITTÀ DI AOSTA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 NOTA: criteri di valutazione

Dettagli

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI -

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI - Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI 1 STRUTTURA SEDE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI Piazza dei Cavalieri,

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO progetto committente LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO COMUNE DI CELLE LIGURE Via Boagno 11-17015 Celle Ligure (SV) TEL. +39 019 826985 FAX +39 SAVONA

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE MODALITA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

PIANO DI EVACUAZIONE MODALITA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE PIANO DI EVACUAZIONE MODALITA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE 2012/ 2013 Il piano di evacuazione nasce dalla necessità di gestire le emergenze che possono insorgere durante l orario di lezione. Le emergenze

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro.

OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro. CIRCOLARE N 3 Prot. n.2882 del 05 settembre 2013 Al Sig.Sindaco del Comune di Dragoni OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro. Il sottoscritto

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pag. 1 di 8 Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Sommario GENERALITÀ... 2 STRUMENTI DI PRIMO SOCCORSO... 2 REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO... 3 GESTIONE PROCESSO DI PRIMO SOCCORSO...

Dettagli

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono:

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono: Principali obblighi per i Datori di Lavoro di piccole/medie imprese (settore commercio) in seguito all entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/2008 Le principali attività

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

AFP Linee guida SGSL. Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione.

AFP Linee guida SGSL. Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione. AFP Linee guida SGSL Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione. Argomenti I rischi legati al luogo di lavoro DRONERO Emergenza

Dettagli

Avviso pubblico. Oggetto: Conferimento di incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione come previsto dal D.Lgs 81/2008.

Avviso pubblico. Oggetto: Conferimento di incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione come previsto dal D.Lgs 81/2008. Prot. N. 6180 Bari 1 ottobre 2010 Avviso pubblico Oggetto: Conferimento di incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione come previsto dal D.Lgs 81/2008. Il Dirigente Scolastico Premesso

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

Edilizia Scolastica. Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara

Edilizia Scolastica. Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara Edilizia Scolastica Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara I Comuni Agrate Conturbia Borgo Ticino Borgolavezzaro Dormelletto Carpignano Sesia Casalino Fara N.se Grignasco Lesa

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE)

COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE) COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE) D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

I.I.S. Marconi-Guarasci Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 98104070788 - UFPA4M - CSIS073004 e - mail csis073004@istruzione.it

I.I.S. Marconi-Guarasci Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 98104070788 - UFPA4M - CSIS073004 e - mail csis073004@istruzione.it I.I.S. Marconi-Guarasci Via degli Stadi, snc 87100 COSENZA Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 Codice Fiscale 98104070788 - Cod. Ufficio Univoco:UFPA4M - Codice Meccanografico CSIS073004 e-mail csis073004@istruzione.it

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (Art26, comma 3 del DLgs n81/2008) OGGETTO DELL'APPALTO Servizio di Assistenza Educativa Specialistica agli alunni diversamente abili in età evolutiva

Dettagli

NORMATIVA. ARTICOLO 18 comma 3 del D.L. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente che recita

NORMATIVA. ARTICOLO 18 comma 3 del D.L. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente che recita MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Ufficio XV Ambito territoriale per le provincie di Palermo 1 NORMATIVA ARTICOLO 18 comma 3 del D.L.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

PROBLEMATICHE SEGNALATE DALLE SCUOLE

PROBLEMATICHE SEGNALATE DALLE SCUOLE Provveditorato agli studi di Potenza A.S. 1997/98 PROBLEMATICHE SEGNALATE DALLE SCUOLE A cura di Pasquale Francesco Costante MONITORAGGIO ATTIVITA' DI 1 PREVENZIONE INCENDI Suole prive del C.P.I. ( Certificato

Dettagli

Campo di applicazione, decorrenza, durata

Campo di applicazione, decorrenza, durata Campo di applicazione, decorrenza, durata Art. 1 1. Il presente contratto è redatto in base all art. 6 lettera k) del CCNL 2007-2010 del comparto Scuola. 2. Gli effetti del presente accordo decorrono dalla

Dettagli

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it euservice

Dettagli

N.B. Si prega di citare, nella risposta, il nostro numero di protocollo. c.f. 80002130195

N.B. Si prega di citare, nella risposta, il nostro numero di protocollo. c.f. 80002130195 AREA INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO SETTORE PATRIMONIO Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 0372/4061 - fax n 0372/406499 e-mail: patrimonio@provincia.cremona.it c.f. 80002130195 Oggetto: ISTITUTO PROFESSIONALE

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI AMBIENTI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA

RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREGANZIOL SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO VIA A. MANZONI, 1 PREGANZIOL (TV) RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA

Dettagli