Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa)"

Transcript

1 PIANO DI EVACUAZIONE D.M. 26 agosto 1992 Il Dirigente Scolastico (Dott. Anna Maria Vatteroni) Il R.S.P.P. (Arch. Massimiliano Boschi) Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa)

2 Indice PIANO DI EVACUAZIONE CAPITOLO I Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Scopo di un piano d emergenza 1.3 Possibili emergenze 1.4 Posizioni in ordine di priorità 1.5 Compiti del Datore di Lavoro 1.6 Compito dei docenti 1.7 Compiti dei lavoratori addetti al servizio antincendio 1.8 Compiti dei lavoratori 1.9 Reperibilita /consultazione del piano di emergenza CAPITOLO II Generalità 2.1 Identificazione e riferimenti della scuola 2.2 Caratteristiche generali dell edificio 2.3 Popolazione esistente 2.4 Vie d esodo ed uscite di sicurezza 2.5 Ordine di evacuazione e segnale d allarme 2.6 Chiamata di soccorso 2.7 Modalità operative 2.8 Istruzioni e norme di comportamento 2.9 Addestramento del personale e informazione 2.10 Norme di esercizio per ridurre la probabilità di insorgenza degli incendi 2.11 Norme per la sorveglianza, il controllo e la manutenzione delle misure di protezione antincendio CAPITOLO III Elaborati grafici

3 CAPITOLO I 1.1 PREMESSA Il seguente Piano di Emergenza è uno strumento operativo che fornisce le indicazioni per pianificare le misure e gli interventi per il controllo delle emergenze. Scopo delle presenti direttive è di evidenziare agli utenti dell I.P.S.I.A. Pietro Tacca di Carrara come procedere alla evacuazione rapida ed ordinata dell edificio qualora ciò si rendesse necessario a causa di una situazione di emergenza. Le indicazioni sono valide per l edificio nello stato di fatto attuale. Il Piano dovrà essere rivisto ogni qualvolta vengano introdotte nell edificio delle modifiche di carattere strutturale o distributivo (es.: modifiche sui percorsi di fuga, mezzi antincendio, spostamenti di tramezze, etc.). resta infine sottinteso l obbligo di periodici test, di cadenza almeno annuale per verificarne la funzionalità e riscontrare eventuali errori o mancanze. Le prove permetteranno non solo di adeguare e migliorare il piano ma anche di familiarizzare gli utenti con le procedure di evacuazione. Per la stesura del Piano si sono utilizzate le prescrizioni dell art. 18 comma 1, lett. t) del D.Lgs. n 81/08 e a quelle del D.M. 10 marzo 1998, art. 5. In particolare sono contenute tutte quelle procedure operative atte a: Contenere e controllare l incidente; Rimuovere il pericolo e prevenirne il propagarsi; Salvaguardare l incolumità delle persone all interno ed all esterno dei locali della scuola; Minimizzare i danni alle cose ed all ambiente; Procedere all informazione, addestramento ed equipaggiamento dei lavoratori; Mantenere i contatti con l esterno (Autorità, Servizi di Emergenza, Organi di Stampa); Raccogliere tutte le informazioni necessarie ad una successiva analisi dell emergenza. Il piano di emergenza definisce la struttura organizzativa, le responsabilità, i sistemi di comunicazione e le procedure necessarie ad affrontare l incidente. Data l importanza dell argomento, si fa conto sul senso di responsabilità di ciascuno perché queste norme vengano rispettate, non solo sul piano strettamente disciplinare e formale, ma anche sul piano morale e della solidarietà. Il manuale di emergenza proposto nella sua articolazione e individuazione dei ruoli delle varie funzioni scolastiche, non deve essere visto come qualcosa di statico, ma piuttosto come un documento soggetto a periodiche verifiche ed aggiornamento previo confronto fra i vari interessati. Il piano di emergenza è soggetto ad aggiornamento annuale in rapporto alla variazione delle presenze effettive ed alla loro distribuzione e deve essere aggiornato ogni qualvolta si modifichino in modo significativo le condizioni di esercizio sulle quali è stato impostato 1.2 SCOPO DI UN PIANO DI EMERGENZA In questa scuola, così come in tutti gli edifici con alta concentrazione di persone si possono verificare situazioni di emergenza che modificano le condizioni di agibilità degli spazi ed alterano comportamenti e rapporti interpersonali. Ciò causa una reazione che, specialmente in ambito collettivo, può risultare pericolosa poiché, coinvolgendo un gran numero di persone, non consente il controllo della situazione creatasi e rende difficili eventuali operazioni di soccorso. Per prevenire tale situazione il D.M. 26/08/1992 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica al punto 12.0 prevede che per ogni edificio scolastico deve essere predisposto un piano di emergenza e devono essere effettuate prove di evacuazione almeno due volte nel corso dell anno scolastico. Il Piano di Emergenza è uno strumento operativo, specifico per ogni scuola, attraverso il quale vengono individuati i comportamenti da tenere e le operazioni da compiere in caso di emergenza, al fine di consentire un esodo ordinato e sicuro di tutti gli occupanti dell edificio scolastico. Il piano di emergenza con il percorso conoscitivo necessario per la sua realizzazione può dare un contributo fondamentale consentendo di:

4 essere preparati a situazioni di pericolo; stimolare la fiducia in se stessi; indurre un sufficiente autocontrollo per attuare comportamenti razionali e corretti. 1.3 POSSIBILI EMERGENZE La possibilità che si verifichi una situazione di pericolo che renda necessaria l evacuazione dell intera popolazione scolastica o di parte di essa dall edificio scolastico, può manifestarsi per cause varie e diverse. La collocazione della scuola nel contesto urbano non sembra rappresentare una particolare fonte di rischio considerata la lontananza di impianti industriali e corsi d acqua rilevanti nelle zone circostanti. Gli eventi che possono richiedere l evacuazione parziale o totale di un edificio sono generalmente i seguenti: Incendi che si sviluppano all interno dell edificio scolastico (magazzini, laboratori, centrali termiche, biblioteche, archivi); Incendi che si sviluppano nelle vicinanze della scuola e che potrebbero coinvolgere l edificio scolastico; Terremoto; Crolli dovuti a cedimenti strutturali della scuola o di edifici contigui; Avviso o sospetto della presenza di ordigni esplosivi; Inquinamenti dovuti a cause esterne, se viene accertata la necessità di uscire dall edificio piuttosto che rimanere all interno; Blackout elettrico; Fenomeni idrogeologici (alluvioni). 1.4 POSIZIONI IN ORDINE DI PRIORITA I collaboratori scolastici dovranno controllare le diverse zone dell edificio secondo l ordine di priorità qui di seguito elencato: 1) Vigilanza del piano terra (stazionamento atrio d ingresso); 2) Vigilanza del piano primo (stazionamento adiacenza vano scale); Se si dovesse verificare la condizione in cui siano presenti meno di 2 (due) collaboratori scolastici si procederà ad una compensazione. La comunicazione di questi dati spetta allo stesso personale ausiliario il quale dovrà anche farsi carico di avvisare della situazione i docenti i quali, a loro volta, dovranno usare una particolare cautela nel controllo delle uscite dall aula. 1.5 COMPITI DEL DATORE DI LAVORO (DIRIGENTE SCOLASTICO) Il datore di lavoro ha compiti di indirizzo e coordinamento per l attuazione delle vigenti normative in materia di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze. A cura del datore di lavoro dovranno essere individuati i compiti da assegnare al personale docente e non che opera nell Istituto (vedi punto 2.10 Assegnazione incarichi ed attrezzature). Ad ogni compito dovranno corrispondere almeno 2 responsabili in modo da garantire una continuità della loro presenza all interno della scuola. Il datore di lavoro nomina i vari addetti e provvedere alla loro informazione in merito all attuazione del piano di emergenza e delle procedure di prevenzione incendi e, sentito il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, provvede a dotare i lavoratori incaricati dell espletamento del servizio antincendio dei necessari dispositivi individuali di protezione. 1.6 COMPITI DEI DOCENTI I docenti dispongono l adozione delle misure di esercizio contenute nel presente documento finalizzate a: a) ridurre la probabilità di insorgenza degli incendi;

5 b) garantire l esodo degli alunni in sicurezza in caso di incendio; c) vigilare affinché i lavoratori e gli alunni osservino le vigenti normative e le disposizioni in materia di sicurezza antincendio. Il personale docente dovrà inoltre: informare adeguatamente gli allievi sulla necessità di una disciplinata osservanza delle procedure indicate nel presente piano di evacuazione al fine di assicurare l incolumità a se stessi ed agli altri; illustrare periodicamente il piano di evacuazione e tenere lezioni teorico pratiche sulle problematiche derivanti dall instaurarsi di una situazione di emergenza nell ambito dell edificio scolastico; intervenire prontamente laddove dovessero determinarsi situazioni critiche dovute a condizioni di panico; controllare che gli allievi apri e chiudi fila eseguano correttamente i compiti assegnati; portare il registro di classe per effettuare un controllo delle presenze in caso di evacuazione dell edificio scolastico. A tal fine in ogni classe dovranno essere individuati, a cura del personale docente, alcuni ragazzi a cui attribuire le seguenti mansioni: 2 ragazzi aprifila con il compito di aprire la porta e guidare i compagni verso il punto di raccolta (di norma quelli più vicini alla porta di uscita); 2 ragazzi chiudi fila con il compito di assistere eventuali compagni in difficoltà e chiudere la porta dell aula dopo aver controllato che nessuno sia rimasto all interno della classe; gli stessi faranno da tramite con l insegnante e la direzione delle operazioni per la trasmissione del modulo di evacuazione; 2 ragazzi aiuto disabili con il compito di assistere ed aiutare ad abbandonare l aula ed a raggiungere il punto di raccolta di compagni diversamente abili. Tali incarichi vanno sempre assegnati ed eseguiti sotto la diretta sorveglianza dell insegnante. Una volta raggiunto il punto di raccolta il docente farà pervenire alla direzione delle operazioni, tramite i ragazzi individuati come chiudifila, il modulo di evacuazione con i dati sul numero degli alunni presenti ed evacuati, su eventuali dispersi e/o feriti. Tale modulo dovrà essere sempre custodito all interno del registro di classe. Gli insegnanti di sostegno, con l aiuto, ove occorra, di altro personale, cureranno le operazioni di sfollamento unicamente degli alunni diversamente abili loro affidati; considerate le oggettive difficoltà che comunque qualsiasi tipo di handicap può comportare, anche non motorio, in occasione di una evacuazione, è opportuno predisporre la loro uscita in coda alla classe. Al termine dell emergenza, sentito il coordinatore delle emergenze, riporta in classe gli alunni. All inizio di ogni anno scolastico è compito del docente coordinatore far conoscere il piano di evacuazione agli studenti, eventualmente su incarico del Consiglio di classe; 1.7 COMPITI DEI LAVORATORI ADDETTI AL SERVIZIO ANTINCENDIO I lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell emergenza, per i quali è stato previsto l attuazione di programmi di formazione in conformità al disposto dell art. 7 del D.M. 10 marzo 1998, sono tenuti all osservazione delle disposizioni ricevute dal Datore di Lavoro, con particolare riferimento a : 1.8 COMPITI DEI LAVORATORI Il personale di segreteria o collaboratori ATA saranno nominativamente incaricati di seguire specifici aspetti del piano di evacuazione, specie per quanto attiene alle segnalazioni ed ai collegamenti con l esterno (vedi punto 2.10 Assegnazione incarichi ed attrezzature). Uno o più

6 operatori avranno l incarico di disattivare gli impianti (energia elettrica, gas, impianto idrico) e successivamente di controllare che nei vari piani dell edificio tutti gli alunni siano sfollati con particolare attenzione nei servizi igienici, spogliatoi e laboratori. Le uscite sulla pubblica via saranno presidiate da personale designato a tale compito, che provvederà all eventuale interruzione del traffico. Nel caso in cui manchi il personale di segreteria o personale ausiliario, i compiti saranno suddivisi tra docenti del plesso anche mediante l accorpamento di più classi. Tutti i lavoratori dipendenti della scuola sono tenuti all osservanza delle vigenti normative e delle disposizioni scolastiche in materia di sicurezza antincendio, in conformità alle indicazioni ricevute, con particolar riferimento al rispetto dei divieti, ove disposti, di fumo e di uso di apparecchi a fiamma libera nei luoghi di lavoro. Al termine del turno di lavoro, i lavoratori sono tenuti a lasciare il proprio posto di lavoro in sicurezza in relazione ai possibili rischi di incendio, in particolare verificando: espletamento dell attività di sorveglianza antincendio; verifica dell efficienza delle misure di protezione antincendio; attuazione delle misure per la gestione dell emergenza. 1.9 REPERIBILITA /CONSULTAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA Una copia completa del piano sarà conservata presso la segreteria della scuola. È necessario sintetizzare il Piano di emergenza in un foglio informativo da distribuire: A tutti gli insegnanti; A tutti i dipendenti A.T.A.; Ai supplenti docenti e A.T.A. in occasione di presa servizio; Ai collaboratori esterni. È necessario: che le apparecchiature elettriche, che non devono rimanere in funzione, siano disalimentate; che eventuali fiamme libere utilizzate siano correttamente spente; che i rifiuti combustibili, in attesa delle operazioni di pulizia, siano posti lontano da possibili fonti di calore; che le sostanze chimiche pericolose o infiammabili utilizzate siano correttamente riposte negli appositi armadi o contenitori.

7 CAPITOLO II 2.1 Dati generali dell Istituto Statale d Arte Felice Palma Ente e ragione sociale Istituto Statale d arte Felice Palma Sede amministrativa Piazza Palma 1 Massa Telefono -fax Tel Fax Plesso scolastico Istituto Statale d Arte Felice Palma Piazza Palma 1 Massa (MS) Ente proprietario Provincia di Massa Carrara Attività svolta Istituto scolastico Codice fiscale Codice mecc. Dirigente scolastico (Datore di lavoro) Responsabile servizio prevenzione e protezione rischi Addetti servizio prevenzione e protezione rischi Rappresentante dei lavoratori ai fini della sicurezza Preposti Servizio emergenze Addetti primo soccorso Servizio emergenze Addetti antincendio MSSD01000T Prof. Vatteroni Anna Rosa, Arch. Massimiliano Boschi Non nominati Prof. Giuseppe Costa Prof. Attilio G. Chicca Prof.ssa Ilaria Zollesi Sig.ra Graziella Buffa (sede centrale) Sig. Bruno Cantoni (sede cantiere) Giorgio Sansevero (sede centrale) Sig. Pier Paolo Della Pina (sede cantiere) 2.2 CARATTERISTICHE GENERALI DELL EDIFICIO Numero massimo di presenze contemporanee: 60 (corso diurno) e 64 (corso serale) Strutture portanti: l edificio ha la struttura portante in muratura. Superfici: Piano terra Piano primo Piano secondo Piano seminterrato Totale mq. Numero massimo dei piani fuori terra : 3

8 Impianto protezione scariche atmosferiche : Mezzi di estinzione degli incendi : PIANO DI EVACUAZIONE no si Alimentazione centrale termica: gas metano 2.3 POPOLAZIONE ESISTENTE (contiene i dati relativi alla popolazione presente all interno dell edificio scolastico, totali e suddivisi per piani) - POPOLAZIONE PRESENTE CORSO DIURNO n. CORSO SERALE n. Dirigente scolastico 1 Dirigente scolastico Personale docente 13 Personale docente 13 Ausiliari, tecnici e segreteria 7 Ausiliari, tecnici e segreteria 4 Studenti 40 Studenti 47 Totale generale 61 Totale generale 64 ORARIO SCOLASTICO CORSO DIURNO dalle alle CORSO SERALE dalle alle Lunedì Lunedì Martedì Martedì Mercoledì Mercoledì Giovedì Giovedì Venerdì Venerdì Sabato Sabato 2.4 VIE DI ESODO ED USCITE DI SICUREZZA Piano Seminterrato Aule Percorrono corridoio salgono la scala il poi Uscita di emergenza 1 Fronte Scuola Terra Aule Aula Insegnanti Serv. Igienici Percorrono corridoio il Uscita di emergenza 1 Fronte Scuola

9 Piano 1 PIANO DI EVACUAZIONE Aule Segreteria Presidenza Serv. Igienici Percorrono il corridoio e poi scendono le scale Uscita di emergenza 1 (porta ingresso) Fronte Scuola Piano 2 Aule Serv. Igienici Percorrono il corridoio e poi scendono le scale Uscita di emergenza 1 (porta ingresso) Fronte Scuola Norme di esercizio relative alle vie d uscita La scuola per quanto fissato dal D.M. 10 marzo 1998 è stata definita nel suo complesso come luogo a rischio di incendio medio; le limitazioni sulle caratteristiche delle vie di fuga prevedono una lunghezza per il raggiungimento dell uscita di piano non superiore ai 3045 metri. (tempo max. di evacuazione 3 minuti) Tali valori nella scuola vengono rispettati. Inoltre detto A l affollamento di piano stimato di cui al punto 2.3, la larghezza L complessiva delle uscite di piano espressa in moduli (1 modulo = 60cm), calcolata con la formula L (in metri)= A/50 x 0,60 che arrotondato all intero superiore, è pari a 1. Pertanto risulta adeguato il numero delle uscite presenti. Deve essere programmata la realizzazione di una seconda scala di emergenza. Norme di esercizio relative alle vie d uscita ed alla gestione delle aule Le vie d uscita e le uscite di piano devono essere sempre disponibili per l uso e tenute libere da ostruzioni in ogni momento, ogni porta sul percorso di uscita deve poter essere aperta facilmente ed immediatamente dalle persone in esodo. Le vie d uscita e le uscite di piano devono essere chiaramente individuabili, quando necessario, tramite apposita segnaletica. Le vie di uscita, inclusi i percorsi esterni, devono essere adeguatamente illuminati per consentire la loro percorribilità in sicurezza fino all uscita su luogo sicuro; nelle aree prive di illuminazione naturale od utilizzate in assenza di illuminazione naturale, deve essere disponibile un sistema di illuminazione sussidiaria. Sistemi di apertura delle porte All inizio dell attività le serrature delle porte in corrispondenza delle uscite di piano e quelle da utilizzar lungo le vie di esodo devono essere aperte. Gestione delle aule Tutte le aule con studenti disabili e le aule con gli studenti più giovani devono essere situate ai piani inferiori dell edificio scolastico. La sistemazione dei banchi e dei tavoli di ogni locale deve essere tale da non ostacolare l esodo. All interno della porta delle aule dovranno essere appesi la planimetria del piano con tutte le indicazioni per raggiungere la più vicina uscita di sicurezza e la carta dell area in cui è collocato l edificio scolastico con indicato il punto di raccolta ed un estratto delle istruzioni di sicurezza. Inoltre dovranno essere indicate le azioni che devono essere messe in atto in caso d incendio, le procedure di evacuazione del luogo di lavoro, le disposizioni per richiedere l intervento dei Vigili del fuoco e le specifiche misure per l assistenza a persone disabili. NOTE Le porte delle aule che si aprono verso l interno dei locali devono rimanere costantemente aperte o socchiuse con i paletti di fissaggio sganciati in modo da permettere una più efficace uscita in caso di emergenza

10 2.5 ORDINE DI EVACUAZIONE E SEGNALE DI ALLARME (contiene i nomi di coloro che hanno il compito di emanare e di diffondere l ordine di evacuazione ed il tipo di segnale di allarme utilizzato) Il segnale scelto per dare l allarme è SUONO INTERMITTENTE DELLA CAMPANELLA PER UNA DURATA DI CIRCA 10 SECONDI. I collaboratori scolastici presenti nell edificio al momento dell ordine di evacuazione devono assicurarsi che il segnale sia stato udito in tutte le zone della scuola. Ogni collaboratore deve controllare, nella propria zona di competenza (e, nel caso di assenza o impedimento dei colleghi, anche in quelle vicine) che le operazioni di sfollamento si svolgano rapidamente e completamente. 2.6 CHIAMATA DI SOCCORSO (contiene i nomi di coloro che sono incaricati di effettuare le chiamate di soccorso; sono riportati i numeri telefonici delle strutture da attivare ed uno schema per fornire le informazioni) Responsabile : PERSONALE AUSILIARIO Strutture da attivare in caso di emergenza NOMINATIVO INCARICO COMPITO Dir. Scolastico Vatteroni Emanazione ordine di Dopo aver valutato il rischio, Anna Rosa; Docente in emergenza decide di dare l allarme servizio più anziano; Ausiliario della portineria Personale ausiliario presente in portineria Diffusione evacuazione ordine di Si suona il segnale di allarme. Pronto Soccorso 118 Vigili del Fuoco 115 Provincia di Massa Carrara Carabinieri 112 A.S.L. Massa Carrara Polizia 113 Acquedotto (G.A.I.A.) Polizia Municipale 0585 Schema di chiamata Sono (nome e qualifica) telefono dall Istituto d Arte Felice Palma, P.zza Palma 1 Massa, il numero di telefono della scuola è , si è verificato (descrizione sintetica della situazione) i locali interessati sono (indicare i locali) le persone coinvolte sono in numero di (indicare se ci sono feriti) 2.7 MODALITA OPERATIVE (contiene le procedure da seguire in caso di emergenza da parte delle persone presenti all interno dell edificio scolastico, è riportato il modulo di evacuazione da tenere all interno del registro di classe). DOCENTI Il personale docente presente in aula mantiene il controllo della classe di sua competenza durante tutte le operazione dell emergenza. Intervenire prontamente laddove si dovessero determinare situazioni critiche dovute al panico. Comunicare immediatamente al dirigente scolastico e/o al fiduciario le sopraggiunte situazioni di pericolo. SE IL MOTIVO DELL EMERGENZA NON E CHIARO, il docente e la sua classe

11 attenderanno che, mediante avvisi porta a porta, il coordinatore dell emergenza o un responsabile da lui incaricato, disponga le procedure da adottarsi; NEL CASO IN CUI LA CAUSA DELL EMERGENZA SIA CHIARA (nube tossica, emergenza elettrica, incendio nelle vicinanze dell aula) il personale docente farà si che tutte le misure di autoprotezione già note siano adottate dagli alunni, attendendo disposizioni da parte del coordinatore in caso di necessità di allontanamento o evacuazione; NEL CASO NON VENGA DATO IL SEGNALE DI EVACUAZIONE GENERALE, IL DOCENTE E LA SUA CLASSE NON USCIRANNO DALL AULA, TRANNE CHE PER UN PERICOLO IMMINENTE PER LA VICINANZA DELLA FONTE: IN TAL CASO IL DOCENTE PUO DECIDERE L IMMEDIATO ALLONTANAMENTO DELLA CLASSE. In caso di segnale di allarme di evacuazione: 1. Interrompere immediatamente ogni attività 2. Prendere e portare appresso il registro di classe 3. Guidare ordinatamente gli studenti verso l uscita di sicurezza, seguendo il percorso segnalato coadiuvato da apri fila, serra fila ed aiuto disabili 4. Raggiunta la zona di raccolta riempire il modulo di evacuazione verificando la presenza e le condizioni degli studenti, nel caso in cui sia immediatamente rilevata l assenza di un alunno, il docente responsabile di classe lo comunica al coordinatore dell emergenza o alla squadra di emergenza. 5. Far pervenire alla direzione delle operazioni il modulo di evacuazione adeguatamente compilato 6. Nel caso in cui vi siano alunni disabili, il docente di sostegno è incaricato per l assistenza dell alunno e per la sua evacuazione. In caso di evacuazione l insegnante incaricato attenderà che le vie d uscita siano sgombre. PERSONALE NON DOCENTE Adempiere agli incarichi assegnati. Controllare le operazioni di evacuazione ed in particolare: 1) Evitare che il flusso diventi caotico 2) Vigilare sulle uscite di sicurezza 3) Aprire le porte di emergenza e i cancelli lasciandoli aperti fino al cessato allarme 4) Verificare che nessuno studente sia rimasto all interno della scuola STUDENTI In ogni classe dovranno essere individuati alcuni alunni a cui attribuire le seguenti mansioni: due ragazzi apri fila, (di norma saranno quelli più vicini alla porta di uscita) con il compito di aprire le porte e condurre i compagni verso l area di raccolta. due ragazzi serra fila, (di norma saranno quelli con il banco più lontano alla porta di uscita) con il compito di chiudere la fila. Gli alunni dovranno: Seguire le norme di comportamento previste dal piano di emergenza. In particolare durante l evacuazione: 1) Seguire le indicazioni del docente che accompagna la classe 2) Camminare in modo sollecito, senza soste non preordinate e senza spingere i compagni 3) Collaborare con il docente per controllare le presenze dei compagni prima e dopo lo sfollamento 4) Attenersi alle indicazioni del docente nel caso che si verifichino contrattempi che richiedano una modificazione del piano

12 2.8 ISTRUZIONI E NORME DI COMPORTAMENTO (contiene le istruzioni e le norme di comportamento da rispettare in caso di emergenza; è riportato il modulo da apporre all interno di ogni aula). PROCEDURA E NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO Le principali fasi dell emergenza 1.Allertamento e avvio del piano di emergenza Qualsiasi persona presente all interno della scuola che abbia constatato lo sviluppo di fiamme o fumo ed altra situazione anomala deve tempestivamente avvisare verbalmente il personale della scuola dando chiara indicazione di cosa si è osservato e del luogo dell incidente. Il personale della scuola provvede: 1) all allontanamento delle persone dall area interessata o che comunque può essere coinvolta dall incidente; 2) a telefonare od a inviare una persona per il preallarme alla segreteria; 3) a recarsi sul luogo dell incidente, insieme ad altro operatore, tenendosi a doverosa distanza dal luogo dell incidente ed eventualmente esegue il primo tentativo di spegnimento; 4) avvisare la segreteria del tentativo fallito o riuscito e dare l ordine di evacuazione. La segreteria 1) Avvisa il dirigente scolastico o la persona da lui delegata (coordinatore delle emergenza); 2) Avvisa il personale della squadra di emergenza (addetti antincendio e pronto soccorso); 3) In caso di tentativo di spegnimento fallito, e comunque trascorsi 10 minuti dal preallarme, dirama l allarme per l evacuazione della scuola; 4) Avvisa inoltre: il Comando dei Vigili del Fuoco, la Polizia Municipale e il Pronto Soccorso (118). 2.Il salvataggio e l evacuazione della scuola Il dirigente scolastico o la persona da lui delegata ordina l evacuazione della scuola. Il personale ausiliario della scuola si attiva mediante l apertura di tutte le porte delle uscite di sicurezza, l allontanamento dei presenti nelle immediate vicinanza dell incendio e vigila che nessuna persona utilizzi l ascensore. Al segnale di allarme i ragazzi devono: Alzarsi dai banchi in maniera ordinata e riporre la sedia sotto il proprio banco; Mantenere la calma e non fare confusione; Prendere, se a portata di mano, un indumento per proteggersi dal freddo; Formare tempestivamente una fila e incolonnarsi dietro il ragazzo apri fila; Uscire dalla propria aula in fila indiana; Prima di imboccare il corridoio verso l uscita assegnata o verso il vano scale, l alunno apri fila deve fare attenzione a non intralciare altri flussi provenienti dai piani superiori (questi ultimi hanno la precedenza). Se si vedono persone in difficoltà avvisare immediatamente un insegnante; Lasciare tutto l equipaggiamento (zaini, libri, abiti o altro); Seguire la propria via di fuga; Uscire dalla scuola; Raggiungere la zona di raccolta assegnata; Ricordarsi di non spingere, non gridare e non correre; Mai abbandonare il proprio gruppo; Mai tornare indietro per nessun motivo;

13 Nel caso in cui non ci sia l insegnante sarà compito del ragazzo chiudi fila (ovvero quello con il banco più lontano dalla porta) prendere il registro. Se l insegnante non è in classe al momento dell evacuazione i ragazzi devono procedere da soli secondo quanto previsto dal piano. Il ragazzo che al momento dell allarme si trovi fuori dalla sua aula e i suoi compagni avessero già evacuato da scuola, si deve incolonnare ad un altra classe, arrivati nell area di attesa deve comunicare all insegnante della classe con cui è uscito la sua presenza fuori della scuola. Il ragazzo chiudi fila, assieme all insegnante provvede alla chiusura dell aula verificato il completo esodo dalla classe. I ragazzi stessi dovranno assistere eventuali compagni disabili nel caso in cui non fosse presente l insegnante di sostegno. Se l incendio si è sviluppato in classe Uscire subito chiudendo la porta; Coprirsi la bocca con un fazzoletto, meglio se bagnato; Il fumo tende a stare in alto all altezza del viso quindi cercare di non camminare in posizione eretta; In presenza di fumo aprire le finestre lungo il percorso di fuga; Non stare vicino a sostanze pericolose e/o infiammabili. Se l incendio è fuori dalla classe ed il fumo rende impraticabili le vie di uscita: Chiudere bene la porta e cercare di sigillare le fessure con panni possibilmente bagnati; Aprire la finestra e chiedere soccorso; Se il fumo non fa respirare, filtrare l aria attraverso un fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiarsi sul pavimento. 3.Primo tentativo di estinzione e messa in sicurezza La squadra di emergenza, se presente sul posto o il personale della scuola deve cercare di estinguere l incendio con l ausilio dei presidi disponibili (estintori portatili o naspi), deve allontanare eventuali materiali infiammabili e/o combustibili dalla zona interessata dall incendio e adotta tutte le procedure per il contenimento (chiusura di porte dei locali interessati dall incendio) e l evacuazione del fumo dai locali in cui sono presenti persone (chiusura porta verso l incendio e apertura di finestre). Infine verifica la corretta chiusura di eventuali porte tagliafuoco. In caso di inefficacia del tentativo di estinzione, nell attesa dei soccorsi, si deve avvisare la segreteria per la richiesta dell intervento di soccorso (Vigili del fuoco e forze dell ordine ecc.) e con l ausilio del personale della scuola, collaborare allo sfollamento dai locali degli studenti. 4.Arrivo Vigili del Fuoco Il personale della portineria deve bloccare gli accessi alle persone esterne e mantiene sgombra la zona individuata per i mezzi dei Vigili del Fuoco fino al loro arrivo Il personale della squadra di emergenza della scuola provvede alla messa in sicurezza degli impianti interrompendo le alimentazioni di energia elettrica e gas. NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO Prima che arrivi un terremoto è importante : Sapere se ci si trova in una zona a rischio; Sapere quali sono i punti più sicuri dell edificio nel quale ci si trova (dove sono i muri portanti, le travi in cemento armato), che sia la propria abitazione o il luogo di lavoro; Sapere dove sono gli interruttori generali dell energia elettrica, del gas e dell acqua; Sapere se ci sono uscite di emergenza e conoscere le vie d esodo dall edificio; Sapere dove sono gli spazi aperti sicuri vicino alla scuola;

14 Assicurarsi che tutte le persone presenti nella scuola sappiano cosa fare. Durante la scossa di terremoto non si ha tempo per riflettere, occorre quindi saper subito cosa fare. Se ti trovi in un luogo chiuso: È molto importante restare calmi e rimanere nell aula in cui ci si trova e ripararsi: Sotto il proprio banco; Sotto l architrave delle porte facendo attenzione che non ci siano superfici vetrate; Appoggiarsi ad un muro portante facendo attenzione che non ci siano oggetti sopra che potrebbero cadere; Nell angolo dei muri facendo attenzione che non ci siano oggetti sopra che potrebbero cadere; Allontanarsi da finestre, porte con vetri ed armadi; Se ci si trova nei corridoi o nelle scale rientrare nella classe più vicina. Dopo la scossa: All ordine di evacuazione, abbandonare l edificio lungo le vie di fuga e le scale mantenersi appoggiato al muro raggiungendo la zona di raccolta assegnata; Fare attenzione agli oggetti che potrebbero cadere dal tetto quando si esce dall edificio (tegole, calcinacci ecc.) Se sei all aperto: Mantenere la calma; Allontanarsi dall edificio, dagli alberi, dai lampioni e dalle linee elettriche; Cercare un posto dove non hai nulla sopra la testa; Non avvicinarsi ad animali spaventati. 2.9 ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE E INFORMAZIONE Nella scuola sono previsti addestramenti periodici per la prevenzione di incidenti, infortuni, malattie professionali e per le situazioni di emergenza. Inoltre, all atto dell assunzione, il personale riceverà un addestramento consono alle funzioni che andrà a coprire. L addestramento all emergenza verrà attuato con frequenza annuale; l approfondimento del corso sarà adeguato alle specifiche funzioni coperte. Il personale sarà adeguatamente addestrato su: antincendio emergenza; evacuazione; INFORMAZIONE L informazione deve interessare tutti i lavoratori; il personale esterno abitualmente presente nella scuola, il personale esterno sporadicamente presente (docenti esterni, etc.) e gli studenti. L informazione è volta essenzialmente a informare i lavoratori e studenti sul comportamento da seguire in caso di emergenza. Questo tipo di informazioni sono essenziali per impedire libere iniziative da parte di personale non designato, che potrebbero ostacolare le operazioni di evacuazione. Le modalità di informazioni previste sono le seguenti: distribuzione al personale (abituale ed occasionale) di un estratto del piano di emergenza, in cui sia chiaramente esplicato il comportamento da tenere in caso di emergenza ed evacuazione. Affissione delle planimetrie indicanti le uscite di emergenza, le vie di fuga, i punti di raccolta fissati. Due esercitazioni di emergenza annuali.

15 Coinvolgere i lavoratori nella definizione di quella che può considerarsi la mappa locale dei rischi, per guidarli a comprendere i meccanismi di generazione degli incidenti e a sapere affrontare più coscientemente il momento dell emergenza ASSEGNAZIONE INCARICHI ED ATTREZZATURE (contiene i nomi del personale addetto al controllo delle operazioni di evacuazione ed al controllo quotidiano della praticabilità delle vie d uscita, del personale addetto al controllo periodico dei mezzi antincendio e del personale addetto all interruzione alle erogazioni). Perché un operazione antincendio (o per altro tipo di emergenza) risulti efficace e si concluda a buon fine deve essere eseguita da persone competenti ed a conoscenza dei loro precisi obblighi e doveri. All interno dell Istituto vengono così individuate tra i lavoratori alcune persone denominate addetti alla sicurezza, che risultano avere determinati obblighi e competenze qualora si verifichi una situazione di pericolo. Sono: Coordinatore delle emergenze Addetti al pronto intervento Addetti all evacuazione Addetti ausiliari di assistenza Addetti alle chiamate di emergenza Addetti ad effettuare le chiamate di emergenza. Di seguito vengono analizzate in maniera sintetica tutte le responsabilità ed i compiti dei vari addetti. La designazione degli addetti avverrà da parte del dirigente scolastico, sentito il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, tenendo presente queste caratteristiche: Posizione e ruolo svolto all interno dell attività Periodo di permanenza all interno dell Istituto Grado di conoscenza delle lavorazioni effettuate, dei macchinari e delle sostanze pericolose eventualmente impiegate Condizioni psicofisiche. Si dovrà cercare di evitare di designare come addetti lavoratori: - Neoassunti Lavoratori emotivi o portatori di handicap gravi Lavoratori che non diano garanzie di presenza costante. Indipendentemente dal suo preciso incarico ogni addetto deve: Conoscere i pericoli legati all attività lavorativa Conoscere i mezzi antincendio e pronto soccorso in possesso dell Istituto e il loro corretto utilizzo Conoscere le modalità di intervento Sorvegliare le attrezzature antincendio e le uscite di sicurezza segnalando eventuali anomalie al Dirigente scolastico e all addetto alle manutenzioni periodiche. Eventuali cambiamenti nelle designazioni degli addetti saranno resi noti a tutti i lavoratori dipendenti. Durante i corsi di formazione ad ogni addetto saranno esposti i suoi compiti e quelli degli altri addetti. In conclusione è bene ribadire un concetto di importanza fondamentale: nonostante i singoli compiti ed obblighi di ciascuno, tutti gli addetti sono stati e verranno formati alla stessa maniera al fine di evitare che, in caso di improvvisa mancanza di qualcuno, le procedure di soccorso non vadano a buon fine. Si eviterà così che, in caso di assenza dell addetto all evacuazione, non si coordinino le operazioni di esodo e non si esegua il conteggio degli sfollati, oppure, in assenza dell addetto del pronto soccorso, nessuno dia aiuto ad eventuali infortunati. Ogni addetto svolge soltanto i suoi precisi compiti quando, all interno dell attività, sono presenti tutti gli altri incaricati alle procedure di emergenza, altrimenti si deve far carico dei doveri di chi risulta assente.

16 Addetto al coordinamento dell emergenza. Questo addetto ha il massimo grado di responsabilità decisionale durante l evoluzione dell emergenza e dell evacuazione. Normalmente è il Dirigente scolastico o persola da lui delegata. Il suo compito è essenzialmente quello di coordinatore dell emergenza visionando e controllando che le operazioni di soccorso si svolgano secondo le corrette procedure e modalità. Durante una situazione di emergenza deve: Assicurarsi che le procedure di evacuazione si siano attivate automaticamente, in caso contrario, se necessario, disporre per la loro attuazione. Coordinare le procedure di emergenza ed in particolare: assicurarsi che tutti i lavoratori ed eventuali ospiti o persone portatrici di handicap si stiano dirigendo verso il punto di ritrovo esterno; disporre affinché eventuali feriti o persone in difficoltà siano adeguatamente supportate dall addetto ausiliario o dagli addetti al pronto intervento; verificare che gli addetti al pronto intervento stiano eseguendo le procedure necessarie per eliminare o contenere l emergenza; verificare che tutte le persone presenti si ritrovino nei punti di raccolta, disponendo le ricerche di eventuali dispersi. Ricevere i soccorsi esterni predisponendo nel frattempo gli accessi sgombri; fornire alle squadre di soccorso esterno tutte le notizie necessarie per fronteggiare l emergenza. Dichiarare il cessato allarme disponendo affinché siano riportate in essere le condizioni di sicurezza necessarie per la ripresa dell attività. Tutte queste operazioni vanno eseguite ricordando che lo scopo primario di un operazione di soccorso è la salvaguardia delle vite umane. Addetti al pronto intervento. Gli addetti al pronto intervento hanno il compito di fronteggiare attivamente l emergenza in corso. Al verificarsi di un qualsiasi incidente gli addetti devono: Recarsi, su indicazione del coordinatore dell emergenza, sul luogo del sinistro. Valutare la gravità della situazione e decidere le modalità di intervento. Disattivare l energia elettrica tramite il quadro elettrico generale o il pulsante di sgancio generale se l evento in corso lo rende necessario. Chiudere la valvola di intercettazione di gasmetano (se necessario). Chiudere le porte REI se aperte. Soccorrere eventuali persone ferite o impossibilitate nei movimenti. Fronteggiare l emergenza in corso cercando di eliminarla o circoscriverla secondo le modalità di intervento più avanti riportate. Se l incidente è di grossa entità oppure risulta pregiudicata la propria o altrui incolumità evitare di intervenire, cercare di contenere il danno attendendo le squadre di soccorso esterne. Collaborare con le squadre di soccorso esterne. Riportare le condizioni alla normalità a emergenza terminata. Addetti all evacuazione. Il compito di questo addetto è quello di coordinare le fasi dell evacuazione affinché questa avvenga in maniera corretta e sicura. In caso di evacuazione essi devono: Indirizzare con calma e tranquillità tutte le persone presenti verso le uscite di sicurezza indicando loro il punto di raccolta esterno. - Controllare tutti i locali (bagni compresi) per accertarsi della presenza di persone non ancora sfollate chiudendo tutte le porte rimaste aperte. Portarsi nel punto di ritrovo esterno per collaborare con le operazioni di sfollamento. Durante la normale attività lavorativa essi devono: Controllare continuamente le uscite di sicurezza e le vie di

17 fuga affinché risultino sempre libere da eventuali ingombri. Essere a conoscenza della presenza di eventuali persone portatrici di handicap o di un elevato numero di visitatori esterni. Ravvisare qualsiasi anomalia che possa compromettere il buon esito delle procedure di evacuazione avvisando il Dirigente Scolastico o l addetto alle manutenzioni per riportare le condizioni alla normalità. Addetti ausiliari di assistenza. Questi addetti diventano parte attiva nelle procedure di emergenza quando le circostanze lo richiedono. In particolare essi svolgono la loro azione quando: Il numero di visitatori è tale da rendere necessario un supporto agli addetti all evacuazione. L evento in corso per entità o tipologia rende necessario un supporto agli addetti al pronto intervento. È necessario il trasferimento di messaggi o disposizioni tra gli addetti alla sicurezza. Addetti alle chiamate di emergenza. Chi svolge la chiamata di soccorso è di fondamentale importanza in quanto, attraverso la sua opera, una situazione di emergenza interna viene resa nota alle strutture di pronto soccorso esterne e agli addetti alla sicurezza interna. Al verificarsi di una segnalazione di allarme questo addetto deve avvisare immediatamente le squadre di soccorso esterne componendo i numeri di emergenza. Avvisare il coordinatore dell emergenza sul tipo di incidente e sulle squadre di soccorso esterne allertate. Chiamare gli altri addetti alla sicurezza riferendo ed impartendo eventuali ordini di intervento. Non abbandonare mai la postazione del centralino tenendo sempre almeno una linea telefonica libera; se si è costretti ad evacuare i locali, avvisare le squadre di soccorso esterne sull eventuale impossibilità a ricevere chiamate. Comunicare eventuale cessato allarme alle squadre di soccorso esterno. Durante le normali ore lavorative per effettuare la chiamata di soccorso vengono incaricati gli addetti alle emergenze. In ogni caso accanto ad ogni apparecchio telefonico è stata predisposta idonea procedura per effettuare le chiamate di emergenza. Tutti i lavoratori interessati sono stati istruiti per effettuare le chiamate. Obblighi e comportamenti degli addetti alle pulizie. Al termine dell attività e/o prima del suo inizio vengono svolte, da parte del personale ausiliario, le pulizie di reparti e dei locali dell Istituto. Qualora un incidente si verificasse in questo periodo e nell Istituto non fossero presenti gli addetti alle emergenze o il Dirigente scolastico, gli addetti alle pulizie devono: Avvisare le squadre di soccorso esterne (Vigili del fuoco, ospedale, ecc.) a seconda del tipo di incidente, con le modalità già riportate. Avvisare il Dirigente scolastico riguardo l emergenza in corso e, in caso di sua assenza, persona da lui delegata o un altro addetto all emergenza. Abbandonare, se necessario, i locali interessati dall emergenza. -Attendere i soccorsi fornendo il più possibile notizie riguardo all incidente. ASSEGNAZIONE INCARICHI ED ATTREZZATURE (contiene i nomi del personale addetto al controllo delle operazioni di evacuazione ed al controllo quotidiano della praticabilità delle vie d uscita, del personale addetto al controllo periodico dei mezzi antincendio e del personale addetto all interruzione alle erogazioni). NOMINATIVO INCARICO COMPITO Anna Rosa Vatteroni Dirigente Scolastico Personale di segreteria Delegati Docente in servizio più anziano Personale ausiliario presente al piano terra Addetti all evacuazione Emanazione ordine di emergenza. Dopo aver valutato il rischio, decide di dare l allarme Diffusione ordine di evacuazione. Si suona il segnale di allarme

18 Assistenti di segreteria PIANO DI EVACUAZIONE Coordinatore delle Gestione dell evacuazione. Controlla la emergenze corretta evacuazione lungo il corridoio Addetti alle chiamate di emergenza ed alle uscite. Chiamata di emergenza. Telefona ai Vigili del Fuoco, al pronto soccorso ed alle forze dell ordine Personale ausiliario Addetti al pronto intervento Interruzione erogazione energia elettrica, acqua. Deve staccare gli interruttori generali dell energia elettrica e dell acqua attraverso le valvole principali Pier Paolo Della Pina Addetti al pronto Intervento sull incendio Sansevero Giorgio intervento Antincendio Interviene attraverso l uso degli estintori sull incendio, cerca di procedere al suo spegnimento, cerca di allontanare materiali infiammabili nelle vicinanze dell incendio Controllo periodico mezzi antincendio Personale ausiliario al piano Personale ausiliario piano terra Addetti all evacuazione Controllo periodico vie di fuga Controlli continui lungo i corridoi, le vie di fuga, le uscite di emergenza; tutti i passaggi devono essere sempre sgombri dagli ostacoli. Addetti all evacuazione Controllo segnale di emergenza Verifica periodicamente il segnale di emergenza Buffa Graziella Addetti al pronto Intervento su infortunato Cantoni Bruno intervento Pronto Interviene sull infortunato soccorso Prof. Giuseppe Costa Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ATTREZZATURA ANTINCENDIO verificandone la gravità. Controllo cassetta pronto soccorso In totale la scuola dispone della seguente attrezzatura antincendio: n. 15 estintori a polvere da 6 Kg. Piano Locale Tipo N Estinguente Data revisioni Seminterrato Corridoio Estintore 6 Kg. 1 Polvere Terra Corridoio Estintore 6 Kg. 2 Polvere CO2 Piano 1 Corridoio Estintore 6 Kg. 2 Polvere Piano 2 Corridoio Estintore 6 Kg 2 Polvere Terra Corridoio Estintore 6 Kg 2 Polvere

19 Cantiere Piano 1 Cantiere PIANO DI EVACUAZIONE Corridoio 6 Kg 2 Polvere Terra 26 laboratorio 3 Estintore 6 Kg 1 Polvere Terra 27 laboratorio 4 Estintore 6 Kg 1 Polvere Terra 29 laboratorio 5 Estintore 6 Kg 1 Polvere Terra 30 officina e compressori Estintore 6 Kg 1 Polvere Primo 37 corridoio Estintore 6 Kg. 3 Polvere La manutenzione periodica degli estintori di pronto impiego, avrà frequenza semestrale e sarà effettuata da ditta esterna specializzata (E.M.A. estintori di Massa). Al termine del controllo, su ciascun estintore sarà apporto una targhetta con la data e l esito della verifica. ATTREZZATURA PRONTO SOCCORSO La cassetta del Pronto Soccorso si trova al piano terra nelle vicinanze delle scale di accesso al piano primo ed è composta come previsto dal D.M. 388 del 15 luglio 2003 n. 388 allegato 1: Materiale di Pronto Soccorso Guanti sterili monouso (5 paia) Visiera paraschizzi Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro (1). Flacone di soluzione fisiologica (sodio cloruro 0,9%) da 500 ml (3) Compresse di garza sterile 10x10 in buste singole (10) Compresse di garze sterile 18x40 in buste singole (2) Confezione di cotone idrofilo (1) Confezioni di cerotti di varie misure pronti all uso (2) Rotoli di cerotto alto cm. 2,5 (2) Un paio di forbici Lacci emostatici (3) Ghiaccio pronto all uso (due confezioni) Teli sterili monouso (2) Sacchetti monouso per la Pinzette da medicazione sterili monouso (2) Confezione di rete elastica di misura media (1) raccolta di rifiuti sanitari (2) Termometro Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa Data controllo periodica Addetto al controllo 2.10 NORME DI ESERCIZIO PER RIDURRE LA PROBABILITÀ DI INSORGENZA DEGLI INCENDI L innesco di un incendio si ha sempre per la contemporanea presenza di materiale combustibile (carta, legno, plastica ecc.) e/o infiammabile (alcool, solventi ecc.) e fonte di innesco (arco elettrico, temperature eccessive, fiamme libere, brace di sigarette ecc.). Pertanto risulta estremamente importante, per prevenire l inizio di un incendio, eliminare o ridurre la possibilità di innesco e la quantità di materiale combustibile presente; a tal fine è necessario:

20 1. Ridurre le possibilità di innesco: È vietato ogni tipo di intervento tecnico su impianto elettrico, linee gas da parte di personale non appositamente incaricato e autorizzato; È vietata l installazione di apparecchiature elettriche, se non autorizzate; È assolutamente vietato l installazione e/o la modifica di spine, prese ecc ed il fai da te elettrico, in caso di necessita di adeguamenti far intervenire personale qualificato; È sconsigliato l utilizzo di adattatori per prese e spine elettriche, ciabatte, prese e spine multiple, in caso di necessità utilizzare comunque materiale elettrico con marcatura CE o IMQ; In caso di danneggiamento od usura di prese, spine, cavi o apparecchiature elettriche, sospendere immediatamente l utilizzo e richiedere l intervento di personale qualificato; È vietato tenere ed usare fiamme libere, fornelli o stufe a gas, stufe elettriche con resistenza in vista, stufe a Kerosene, apparecchi a incandescenza senza protezione; È vietato depositare sostanze che possono, per la loro vicinanza, reagire tra loro provocando incendi e/o esplosioni. È vietato abbandonare fiamme libere utilizzate per scopi lavorativi, in ogni caso l utilizzo di fiamme libere deve essere limitato ai casi strettamente necessari. 2. Ridurre la quantità di materiale combustibile e/o infiammabile Per quanto oggettivamente possibile, i quantitativi di materiale facilmente combustibili o infiammabili in uso o conservati negli ambienti di lavoro devono essere limitati allo stretto necessario per la normale conduzione delle attività e tenuti lontani dalle vie di esodo; i quantitativi in eccedenza devono essere depositati in appositi locali; Negli atri, nei corridoi, nelle scale e nelle rampe, il carico di incendio esistente, costituito dalle strutture, non potrà essere modificato con l apporto di ulteriori arredi e di materiali combustibili; Nei magazzini il materiale ivi conservato deve essere posizionato all interno del locale in scaffali e/o contenitori metallici consentendo passaggi liberi non inferiori a 0,90 m tra i materiale ivi depositati; Tenere costantemente segregato il materiale infiammabile (alcool, solventi ecc), che deve essere riposto in armadi metallici; Mantenere sempre il materiale combustibile e/o infiammabile lontano da possibili fonti di innesco di incendio (prese, spine, quadri di apparecchiature elettriche in genere, sorgenti di calore ecc.) In sintesi è necessario: ridurre le quantità di materiale combustibile/infiammabile; segregare il materiale combustibile/infiammabile in armadilocali; smaltire frequentemente il materiale combustibile/infiammabile; distanziare il materiale combustibile/infiammabile dalle fonti di innesco. I docenti devono provvedere affinché nel corso delle attività non vengano alterate le condizioni di sicurezza ed in particolare devono essere mantenute sgombre da ogni ostacolo ed agibili le vie d esodo e fare rispettare le disposizioni di esercizio anche in occasione di manutenzioni e risistemazioni. Sorveglianza Il datore di lavoro dovrà impartire disposizioni affinché ad ogni fine turno di lavoro si provveda ad un accurata ispezione di tutti i locali.

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Sovrintendenza Sanitaria Centrale

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE I soggetti coinvolti nel trattamento dei dati personali, sono espressamente indicati dal Testo Unico sulla privacy, che ha provveduto anche a descriverne profilo e funzioni.

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale, a cura

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli