Relazione tecnico illustrativa Relazioni impiantistiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione tecnico illustrativa Relazioni impiantistiche"

Transcript

1 PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO COMMITTENTE: COMUNE DI BOLZANO Via Lancia n Bolzano INTERVENTO: Ristrutturazione uffici e realizzazione dei nuovi spogliatoi e del Nucleo Alzheimer presso la casa di riposo Don Bosco Via Milano n. 170, Bolzano OGGETTO: DATA: Relazione tecnico illustrativa Relazioni impiantistiche Aggiornamento Luglio 2010

2 Estratto mappa, particella n. 2257/1 Scala 1:1000 1

3 Estratto P.U.C. scala 1:2000 Zona omogenea AA, Servizi ed attrezzature assistenziali Zona per opere ed impianti pubblici 2

4 Estratto CTN scala 1:5000 3

5 Estratto ortofotogrammetrico scala 1:2000 4

6 PREMESSA Il progetto in oggetto prevede la ristrutturazione con ampliamento di un settore della casa di riposo Don Bosco in Bolzano al fine di realizzarne un nuovo Nucleo Alzheimer, una nuova autorimessa interrata, nuovi spogliatoi e uffici al piano terra del corpo B con soprelevazione del medesimo corpo B per la realizzare della zona giorno dello stesso Nucleo Alzheimer con nuovo giardino Alzheimer pensile. Attualmente la residenza per anziani è costituita da un aggregato di più corpi di fabbrica, risultato di successivi interventi di ampliamento, rappresentato in forma schematica nella figura sottostante. Il fabbricato principale, indicato in seguito come corpo A, risulta costituito da un piano interrato, cinque piani fuori terra e da un sottotetto; il corpo presenta pianta di forma rettangolare di dimensioni 111m x 14m circa, con lato maggiore posto lungo la direttrice est-ovest, e copertura prevalentemente a due falde per un altezza massima di circa 23m dal piano di campagna. Nel corpo A trovano attualmente spazio la maggior parte delle attività principali connesse alla casa di riposo. In corrispondenza del lato sud del corpo A è presente un corpo a due piani fuori terra, in seguito indicato come corpo B, di dimensioni più contenute, destinato a uffici e spogliatoi al piano terra e a nucleo Alzheimer al piano primo. 5

7 Tale fabbricato presenta pianta di forma rettangolare di dimensioni di circa 29m (lungo la direttrice nord-sud) x 11m e copertura di tipo piano con un altezza massima di circa 7,5m dal piano di campagna. In corrispondenza dell angolo sud-ovest del lotto di proprietà emerge inoltre un fabbricato destinato a Cappella, denominato corpo C, a pianta ottagonale irregolare, inscrivibile in un rettangolo di dimensioni massime di circa 16m x 13m e copertura multifalde di altezza massima pari a circa 11,5m dal piano di campagna. I corpi B e C risultano infine collegati fra loro da un corpo di fabbrica, corpo D, ad un piano, avente pianta a forma rettangolare di dimensioni di circa 22m x 4m e copertura piana calpestabile posta ad un altezza di circa 4,8m dal piano di calpestio. Le previsioni del presente progetto prevedono sostanzialmente la completa demolizione dei corpi di fabbrica B, C e D e la loro ricostruzione con ampliamento del corpo D. Il corpo B sarà razionalizzato e ospiterà al piano terra gli uffici e al piano primo il nucleo Alzheimer. Il corpo D verrà ricostruito ed ampliato e accoglierà a piano terra la nuova Cappella, le sale riunioni e i rispettivi servizi. Al piano primo troveranno collocazione un giardino pensile ed un giardino d inverno. Il corpo C sarà sostituito dal corpo E che conterrà a piano terra i nuovi spogliatoi e servizi per il personale e al primo piano un giardino d inverno ed un piccolo giardino pensile. Al di sotto di tale corpo di fabbrica sarà collocato un vano tecnico, destinato agli impianti. Al piano interrato verrà realizzata anche un autorimessa che conta un numero 6

8 complessivo di 24 posti auto, riservati al personale della struttura, di cui uno, quello collocato nelle immediate vicinanze del nuovo ascensore, sarà riservato a persona diversamente abile. All autorimessa si accede dall ingresso carraio a sud-ovest mediante rampa ad unico senso di marcia con pendenza P=15% e dotata di apposito semaforo per regolare la viabilità. 7

9 FILOSOFIA DELL ATTUALE PROGETTO Considerando le caratteristiche tipologiche e la semplicità che distinguono il sito su cui sorge la Casa di Risposo Don Bosco, la prospettiva dell attuale intervento è la valorizzazione del rapporto con l esistente ed il paesaggio circostante mediante la realizzazione di un architettura organica e materica che minimizzi l impatto ambientale e, contemporaneamente, ridefinisca il fronte strada e l ingresso principale con una composizione armonica dei volumi a naturale completamento di un complesso edificato nel tempo. Particolare attenzione è stata dedicata alle coperture, previste piane e verdi, al fine di massimizzare la presenza di vegetazione e creare un ambiente confortevole. Nel suo interno, il progetto punta alla creazione di ambienti sicuri e piacevoli, dotati di molta luce naturale ed una diffusa atmosfera domestica. L AMBIENTE: PROTETTO E FAMILIARE. IL SENSO DI CASA Lo spazio, e l ambiente nel suo insieme, hanno una grande potenzialità terapeutica derivante dalla scelta consapevole delle forme, dei colori, dei materiali, delle finiture, dell illuminazione, degli arredi e degli ausili tecnologici: non è sufficiente pensare di evitare o eliminare le barriere architettoniche e rispettare esclusivamente gli standards per poter ottenere ambienti terapeutici adatti a certi tipi di patologie cliniche. Per barriere architettoniche non si intendono solo quelle fisiche (dislivelli, pavimenti sdrucciolevoli, etc.) ma anche quelle percettive che, in generale, spesso risultano essere quelle più disattese per la mancanza di approfondimento delle esigenze del paziente geriatrico. La percezione visivo - spaziale subisce un cambiamento nell anziano e nel caso specifico del paziente geriatrico il quadro si complica: spesso il disagio, ed alcuni comportamenti patologici, sono dovuti ad ambienti con luci, ombre, colori e forme sbagliate: spesso gli spazi sono poco leggibili e compromettono la funzionalità e l efficienza degli ambienti. 8

10 Secondo quanto detto sopra, la qualità percettiva degli ambienti diviene molto importante in fase sia di progettazione che di esecuzione: per l anziano un ambiente è piacevole se è, in qualche modo, familiare. Sono molti gli strumenti per evocare un ambiente domestico atto a facilitare l orientamento ed il riconoscimento dei locali: potranno essere un oggetto, un colore, una luce particolare, etc. Un ambiente è familiare se è un luogo che non crea ansia, in cui l anziano si sente autonomo e può girare liberamente, anche senza accompagnatore. 9

11 IL PROGETTO PRELIMINARE: INDIVIDUAZIONE E TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI Il nuovo nucleo per ospiti affetti da demenza verrà ubicato al piano primo del corpo di fabbrica principale, corpo A, nella sua metà parte ovest, e nel corpo ad esso ortogonale, il corpo denominato B. La prima risulta attualmente destinata ad usi diversi, quali l abitazione del custode e l alloggio per gli obiettori, per cui se n è previsto il riutilizzo a servizio diretto degli ospiti della Casa di Riposo senza intaccare quanto già ad essi destinato e, ad oggi, in esercizio. La disomogeneità presente nei vari corpi di fabbrica (B, C e D) sotto l aspetto statico, nonché lo stato patologico degli stessi, non consentono un recupero, anche parziale dell impianto strutturale esistente. Tale recupero risulterebbe peraltro, oltre che di difficile realizzazione, senz altro più oneroso della demolizione e ricostruzione, che consente di pervenire anche ad un integrale rispetto della nuova normativa. L elevata profondità di imposta del nuovo sistema fondazionale richiesta dall elevato spessore dello strato di materiale di riporto presente nella zona determina la necessità di realizzare comunque un ampio volume interrato che potrà essere sfruttato funzionalmente. Si è previsto, pertanto, di procedere alla demolizione e ricostruzione dei corpi B, C e D. 10

12 Per quanto riguarda invece il corpo A, oggetto di recente intervento di recupero, si prevedono invece di effettuare interventi di ristrutturazione al primo piano dell ala ovest, consistenti soprattutto nella riorganizzazione generale degli spazi, con un riassetto dell attuale zona custode e di adeguamento funzionale e normativo degli attuali vani con allargamento delle porte d accesso delle camere, dai 100 cm esistenti ai 120 cm richiesti dalla normativa vigente, riorganizzazione e adeguamento dei bagni delle camere con porte da 90 cm. Sarà di conseguenza coinvolto anche l assetto impiantistico e tecnologico; una particolare attenzione verrà posta all aspetto terapeutico di ogni struttura e finitura (serramenti, pavimenti, colori, luci, etc) per consentire una congrua residenzialità ed un maggior benessere alla particolare patologia dei futuri ospiti. In sintesi, il presente progetto preliminare prevede: la demolizione e ricostruzione dei corpi B, C e D al fine di realizzare il nuovo nucleo Alzheimer, inglobando la Cappella nel corpo D; la realizzazione di un nuovo collegamento sopraelevato (corpo F) tra i corpi E ed A consistente in un volume al primo livello su pilastratura, ampiamente finestrato e racchiudente uno spazio interno adatto al vagabondaggio dei pazienti ivi residenti, attrezzato con sedute per la sosta ed il riposo, piante da interni e vegetazione adatta sia per mascherare il vuoto sottostante che, contemporaneamente, stimolare materialmente e cerebralmente gli ospiti. Progettualmente vorrebbe essere il risultato di una ricerca spaziale, architettonica ed estetica che permetta, attraverso le luci, i colori, i suoni, i materiali impiegati nella pavimentazione come nel rivestimento, la tipologia degli arredi, la creazione di un ambiente protesico e domestico ; la riorganizzazione generale del piano terra dei corpi B, D ed E al fine di completare l area uffici, le sale riunioni ed i nuovi spogliatoi; la realizzazione di un nuovo giardino pensile a primo piano, racchiuso dai corpi B, D ed F, dotato di aree verdi, percorsi anti-truma, sedute in legno, fontana, vasche per ortoterapia, piante e arredi al fine di creare un ambiente idoneo e confortevole agli ospiti della struttura; la ristrutturazione del lato ovest del primo piano del corpo principale (corpo A); 11

13 la ristrutturazione della zona centrale del corpo A ad ogni piano (tranne piano terra) e la realizzazione di un modesto ampliamento (corpo G), in corrispondenza dell ingresso principale sul lato sud. Tale volume si svilupperà ad ogni piano, ampliando le attuali zone giorno; il corpo G conterrà un vano montalettighe antincendio con accesso da piano terra e sbarco ad ogni piano; la generale riorganizzazione e regolarizzazione della sistemazione esterna con nuovi percorsi pedonali e carraio, un nuovo sistema di successive rampe di accesso diretto all ingresso principale del piano terra; la sistemazione a verde dello spazio racchiuso dai nuovi percorsi di accesso; la realizzazione di un nuovo vano tecnico interrato ed una nuova autorimessa, anch essa interrata, al di sotto dei corpi B, D ed E, contenente 24 posti auto, di cui uno riservato a persona disabile, accessibile mediante rampa a unico senso di marcia dotata di semaforo atto a regolare la viabilità; ogni nuovo corpo di fabbrica sarà coperto con tetti piani verdi, per la maggior parte praticabili. In particolare, il corpo B avrà una copertura praticabile dotata di percorsi affiancati da piante e spazi di sosta per gli ospiti; il corpo E sarà dotato di giardino pensile: il corpo F sarà coperto da tetti verdi praticabili ai piani terzo e quarto, mentre i corpi D ed F avranno coperture verdi non praticabili con vegetazione di tipo estensivo; la sistemazione dell area esterna (marciapiedi ed asfaltatura) con riposizionamento dei parcheggi a raso, di cui due per disabili, collocati in prossimità dell accesso al corpo B; la sistemazione a verde con piantumazione di vegetazione dell area compresa tra l ampliamento ed il corpo A, delimitata sul lato ovest da un sistema di piante e vasche. 12

14 IMMAGINI DEL PLASTICO 13

15 14

16 15

17 16

18 CARATTERISTICHE FUNZIONALI DEL NUOVO NUCLEO ALZHEIMER Il nuovo padiglione costituirà una rivisitazione architettonica e strutturale nonché un adeguamento della struttura esistente: progettato per soddisfare le esigenze specifiche del malato di alzheimer, al fine di poterlo seguire nei vari stadi della malattia, conferma le richieste espresse dalla committenza e potrà ospitare sino a 14 persone. L accesso al nucleo avverrà dal corridoio che conduce al vano scale centrale, nel quale vi sono attualmente 2 ascensori, di cui uno, collocato nello spazio libero centrale disponibile tra le rampe, è di recente realizzazione. La porta sarà apribile dall esterno tramite semplice pulsante da porsi in evidenza, che ne comanderà anche automaticamente l apertura e quindi, a tempo predeterminato, la chiusura. Dall interno potrà ordinariamente essere aperto pure automaticamente, tramite chiavetta, scheda o codice in possesso solo al personale. In caso d emergenza il maniglione antipanico, normalmente disattivato, diventerà operativo tramite il consenso dell impianto di allarme e rilevazione incendi. In caso di emergenza attraverso il consenso dell impianto di allarme e rilevazione incendi, saranno pure operative l attuale uscita di sicurezza posta in corrispondenza dell altra scala lato Ovest, opportunamente mimetizzata, nonché sarà possibile l evacuazione tramite l ascensore antincendi di nuova realizzazione, ubicato all estremità del nuovo corpo di fabbrica (corpo B) in ampliamento lato sud, che condurrà direttamente a terra; l accesso a quest ultimo dovrà avvenire con l assistenza del personale. L unico accesso ordinario sarà comunque mimetizzato alla vista degli ospiti tramite una porta bidirezionale senza alcuna chiusura, posta in continuazione della parete del presidio infermieristico. Dal medesimo presidio si potrà pertanto sorvegliare l accesso direttamente da parte del personale senza l ausilio ai sistemi di telecontrollo, sia in ingresso che in uscita. Il nucleo abitativo sarà costituito dalla zona notte, collocata nel corpo di fabbrica A, che si svilupperà lungo il corridoio centrale con 5 camere doppie e 4 camere singole, ciascuna con annesso servizio igienico, per un totale di 14 posti letto; ai margini del 17

19 reparto notte saranno presenti un deposito per la biancheria sporca, un locale per materiale pulizie ed il vuotatoio. Al centro del corridoio delle camere sarà ubicato un locale per la biancheria pulita. I servizi generali quali il bagno assistito con relativo spazio per la cura della persona, un locale accessorio per attrezzature ausiliarie come sedie a ruote, stampelle, lettini, materassi antidecubito, etc. ed un ripostiglio verranno posizionati all estremità sud del corpo B. Nella stessa appendice a sud troverà collocazione lo spazio più propriamente per il personale, consistente in una sala riunioni, con relativi servizi igienici, in ragione della necessità che la zona operativa della struttura, rappresentata dai servizi alla persona, dalla realtà amministrativa e tecnica, sia unificata e differenziata da quella residenziale, in modo tale da non creare disagi o interferenze con i ritmi e lo scorrere della vita quotidiana degli ospiti. In posizione baricentrica, nell innesto fra i due corpi A e B in questione, si collocherà invece il presidio infermieristico. Esso sarà realizzato con una parete vetrata dell altezza di 1 metro che permetterà la visualizzazione diretta da parte dell operatore sia della zona camere che della zona giorno, nonché a lato del filtro posto in ingresso: superiormente sarà aperto onde godere dell areazione naturale presente nell ampio locale su cui prospetta. L ambulatorio, l ufficio della responsabile di piano ed un nuovo soggiorno si articoleranno all inizio dell ala est del corpo A, nella zona di ristrutturazione e del nuovo ampliamento. Gli spazi collettivi quali la cucina terapeutica, la sala da pranzo, la zona soggiorno, la zona TV, la stanza relax-benessere ed attività terapeutica, la stanza per la musica e pittura si collocheranno in posizione nodale rispetto all intero nucleo: saranno spazi ampi, modulati soprattutto mediante divisori bassi in altezza e l arredo, creati e distribuiti in modo tale da lasciare una gran libertà di movimento e percorsi a wandering. Appendice della zona giorno sarà il giardino d inverno del corpo D, collegamento fra il nucleo vero e proprio e il corpo E, dove sarà presente un piccolo giardino pensile. Attraverso il corpo F sarà possibile raggiungere l ala ovest del corpo centrale (A). Tutta la zona giorno prospetta e si apre sul giardino pensile esterno, parzialmente protetto da un portico aggettante al quale si accede senza ostacoli o dislivelli di percorso 18

20 fra spazio interno ed esterno. Quest ultimo spazio, cuore del nucleo, avrà una funzione estremamente terapeutica e stimolante, atto a provocare stimoli mentali e fisici appropriati e mirati per la patologia di cui saranno affetti gli ospiti del nucleo: se ne prevede quindi il rispetto e la presenza di quelle componenti strategiche, quali la vegetazione, le aree per la sosta, il relax e la concentrazione (tavoli, sedie, sedute, etc.), le vasche per l ortoterapia, l acqua quale reminiscenza e stimolazione sensoriale, punti di riferimento per stimolare l orientamento spazio temporale, elementi e spazi specifici in grado di costituire riferimenti nella memoria dell ospite, spazi pieni destinati ad attività terapeutica ed esperienze specifiche e spazi vuoti comprendenti i percorsi per la deambulazione ed il tessuto connettivo. Il giardino di nucleo, vuole essere un area, priva di alcun dislivello, in grado di stimolare l interesse ed i sensi del malato distogliendolo dal suo continuo errare: le aree di sosta, gli spazi definiti pieni perché caratterizzati da una specifica attività terapeutica diverranno mete da raggiungere. La sua centralità di posizione e la visibilità che lo caratterizza per la presenza di vetrate continue che dividono l interno del corpo B dallo spazio esterno consente un agevole controllo da parte degli operatori sanitari. La prevenzione delle possibili fughe, le difficoltà connesse alla visione, all interpretazione dello spazio e dei colori, la necessità di facilitare i percorsi hanno condotto alla definizione di un unico percorso centrale circolare (wandering) su cui si affacciano le camere destinate alla degenza, e tutti gli spazi comuni del giorno (pranzo, soggiorno, cucina terapeutica): ciò sarà reso possibile dal nuovo collegamento (corpo F), una struttura del tutto nuova che si inserisce nell architettura esistente al fine di consentire il legame circolare fra tutti gli spazi del reparto. Esso nascerà all estremità sud ovest della zona notte per innestarsi nel giardino d inverno, permettendo così di creare un ampio wandering che sarà luogo dei colori mediante i quali si cercherà di ottenere contrasti cromatici tra pavimento, pareti e porte in modo tale da facilitare la riconoscibilità di spazi e percorsi. La collaborazione e lo scambio di idee con il personale che convive quotidianamente con la realtà delle persone affette da demenza ha permesso di giungere alla redazione di 19

21 un progetto che tenga conto delle caratteristiche proprie di questo tipo di persone, delle loro esigenze, delle azioni e reazioni che ogni cosa, anche se normale, può causare, data la notevole alterazione della loro percezione sensoriale: queste persone, in genere, hanno infatti una percezione dell ambiente notevolmente alterata che coinvolge tutti e cinque i sensi e, molti dei disturbi comportamentali sono riconducibili allo stress prodotto da un ambiente non sensibile ed accorto alle loro esigenze. Si è partiti dunque da quella che potrebbe essere considerata una regola fondamentale: la semplificazione dell ambiente, inteso come spazio e possibilità di muoversi al suo interno in modo chiaro e facile. La persona demente tende a perdersi anche in ambienti noti e familiari perché ha perso sia la memoria degli spazi che i punti di riferimento, non ha più cognizione del sopra e sotto, del dentro e fuori, del vicino e lontano, del davanti e dietro. Di qui la necessità di creare delle camere, per due persone al massimo, per ragioni di condivisione di spazi vitali e organizzazione di una convivenza tale da poter semplificare loro la comprensione e l identificazione del proprio spazio, percepito come luogo domestico e familiare sia nella distribuzione delle stanze che nel futuro arredamento, e cercando di costruire un ambiente protesico in grado di compensare le incapacità del malato e di stimolare le proprietà mnemoniche e funzionali residue. 20

22 OPERE STRUTTURALI Dal punto di vista strutturale il corpo principale esistente, corpo A, è costituito da strutture verticali in c.a. del tipo intelaiato con tamponamenti in laterizio separate lungo la direzione del lato maggiore da giunti di dilatazione. Gli impalcati d interpiano e di copertura sono in latero cemento e le fondazioni di tipo nastriforme in c.a.. Le strutture verticali, le fondazioni e gli impalcati di calpestio del corpo A non denotano particolari segni di degrado. I corpi B, C e D, invece, presentano strutture verticali prevalentemente in muratura con alcuni settori a strutture intelaiate in c.a. derivanti da successivi interventi di ampliamento. Gli impalcati di interpiano e di copertura sono in latero cemento e le fondazioni di tipo nastriforme in c.a.. Le strutture di tali corpi presentano, specialmente in corrispondenza del corpo B, evidenti fessure, di ampiezza anche consistente, derivanti da assestamenti dovuti ai successivi interventi di ampliamento. Le opere a carattere strutturale relative al progetto oggetto della presente relazione consisteranno, pertanto, nella completa demolizione dei corpi esistenti B, C e D e alla realizzazione dei nuovi corpi di fabbrica B, D, E, F e G. Il nuovo edificio sarà composto da due piani fuori terra e da un piano interrato. Le sue strutture verticali saranno realizzate in pilastri, travi, e setti in c.a. a costituire una robusta struttura tridimensionale, atta a sostenere sia i carichi verticali che orizzontali. I nuovi corpi BD, EF e G saranno tra loro separati da adeguati giunti tecnici. Le fondazioni saranno in c.a. del tipo a travi rovesce, gli impalcati di piano e di copertura saranno realizzati a lastre tralicciate in c.a. tipo Predalles. I tamponamenti perimetrali della struttura tridimensionale in c.a. saranno realizzati in blocchi di laterizio porizzato a cappotto esterno di adeguato spessore. Il progetto sarà eseguito in base alla normativa vigente per le strutture: D.M. 14/01/

23 IMPIANTI ELETTRICI Sono previsti i seguenti lavori relativi agli impianti elettrici: Illuminazione normale e sicurezza generale, nelle camere, nel soggiorno, nei corridoi e nel giardino Forza motrice e prese Impianto telefonico centralizzato Antenna Tv centralizzata Diffusione sonora Allarme incendio centralizzato Controllo accessi con tastiera a codice Chiamata infermiera, dal paziente Sensore nei posti letto Rilevatore di presenza in camera, attivata dal sensore di ciascun posto letto Rilevatore di presenza in bagno Cavidotti elettrici di collegamento agli impianti generali esistenti Nuovo percorso cavi elettrici per illuminazione di sicurezza Potenziamento dell alimentazione elettrica attuale dell intero fabbricato Pur considerando le difficoltà relative alle vecchie strutture dell'edificio ed alla presenza delle attività che in esso continuano a svolgersi, nell'esecuzione delle opere, l'elettricista eseguirà i necessari apprestamenti, provvisori o definitivi, onde evitare disservizi e non tralascerà alcun particolare che possa compromettere la sicurezza delle persone e delle cose. 22

24 IMPIANTI TERMOIDRAULICI Il progetto di cui alla presente relazione si riferisce agli impianti termoidraulici e di condizionamento dell aria occorrenti per la realizzazione del nuovo reparto destinato a Nucleo Alzheimer, della nuova autorimessa interrata e dei nuovi spogliatoi e uffici, presso la Casa di Riposo Don Bosco, in via Milano n. 170 a Bolzano. L intera area verrà dotata di impianto di riscaldamento a pavimento radiante, alimentato da uno o più collettori di distribuzione, collegati direttamente alla nuova sottocentrale termica, ubicata al primo piano interrato. L area verrà inoltre dotata di impianto di condizionamento dell aria, destinato al controllo climatico nel periodo estivo e alla ventilazione dei locali nel periodo invernale. Le nuove unità di trattamento dell aria saranno ubicate nel locale di alloggiamento della sottocentrale termica, previsto al piano interrato e dotato di accesso diretto dall esterno. L intera area verrà infine dotata di allacciamento al sistema di distribuzione dell acqua sanitaria calda e fredda già esistente. Gli scarichi delle acque nere avverranno per gravità, mediante tubazioni sotto pavimento con pendenza minima 1%. Pordenone Bolzano, lì Luglio 2010 Il capogruppo Ing. Arturo Busetto 23

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto.

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto. IMMOBILARE DAL ZIN S.R.L. Ogni cosa che vedo e faccio prende senso in uno spazio della mente dove regna la stessa calma di qui, la stessa penombra, lo stesso silenzio percorso da fruscii di foglie. I.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI GUAGNANO (LE) ADEGUAMENTO DI UN IMMOBILE DI VIA BIRAGO NELLA FRAZIONE DI VILLA BALDASSARRI PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOCIO- EDUCATIVO E RIABILITATIVO PER DIVERSAMENTE ABILI RELAZIONE

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica Cosio Valtellino, 05.06.2008 REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE ALLEGATO 1 Relazione tecnica COMMITTENTI: Sigg DEL NERO DAVIDE DEL NERO LAURA PROGETTO: geom. RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA *************

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE. Il Responsabile del Servizio con Determina n.188 del 31/12/2009 incaricava il sottoscritto ingegnere per :

RELAZIONE TECNICA GENERALE. Il Responsabile del Servizio con Determina n.188 del 31/12/2009 incaricava il sottoscritto ingegnere per : RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSE Il Responsabile del Servizio con Determina n.188 del 31/12/2009 incaricava il sottoscritto ingegnere per : a) Redazione del progetto esecutivo ed il coordinamento della

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO I lavori indicati in questa relazione riguardano la ristrutturazione di un fabbricato

Dettagli

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE 29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE INTRODUZIONE L idea per la nuova biblioteca di maranello, nasce innanzitutto da due

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Tullio, 24 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino.

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino. OGGETTO DELL INTERVENTO: DESCRIZIONE L intervento consiste nella costruzione di un padiglione prevalentemente in legno, dalle forme barocche, la cui funzione ludica è esplicitata tanto nell estetica quanto

Dettagli

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN MARANELLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA I vincoli dati dai confini e l esigenza di evitare costi eccessivi, ci hanno indotto a scelte il

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE di adeguamento degli edifici per il superamento delle barriere architettoniche e per la trasformazione del sottotetto

PROGETTO PRELIMINARE di adeguamento degli edifici per il superamento delle barriere architettoniche e per la trasformazione del sottotetto PROGETTO PRELIMINARE di adeguamento degli edifici per il superamento delle barriere architettoniche e per la trasformazione del sottotetto RELAZIONE TECNICA-FINANZIARIA maggio 2008 STUDIO TECNICO ASSOCIATO

Dettagli

RESIDENZA MARAINI. Edificazione n. 4 appartamenti. Lugano - Mapp.2437. Via Maraini Sommaruga

RESIDENZA MARAINI. Edificazione n. 4 appartamenti. Lugano - Mapp.2437. Via Maraini Sommaruga RESIDENZA MARAINI Edificazione n. 4 appartamenti Lugano - Mapp.2437 Via Maraini Sommaruga INQUADRAMENTO Residenza MARAINI a LUGANO LOCALIZZAZIONE SEDIME LUGANO Via Maraini Sommaruga Mapp. 2437 Residenza

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Trento, 97 UDINE (UD) 1 Allegato

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

Tipologie edilizie e costi

Tipologie edilizie e costi Parcheggi 8-10-2007 11:46 Pagina 18 o- o PROGETTARE TECNOLOGIA Progetto Realizzazione Gestione 18 Tipologie edilizie e costi Parcheggi: quanto costa realizzarli Quanto costa realizzare un parcheggio fuori

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

ARCH BUERO KALTENEGGER. Uffici. Grosswilfersdorf (A)

ARCH BUERO KALTENEGGER. Uffici. Grosswilfersdorf (A) ARCH BUERO KALTENEGGER Uffici Grosswilfersdorf (A) _1 L entrata all edificio. È ben evidente la struttura portante a telaio, soprattutto in questa parte vetrata _2 Vista sud-est 2 Form follows climate

Dettagli

278.40 mslm 0.3. 289.24 mslm 0.10 VIA CAMPAGNE. 278.00 mslm

278.40 mslm 0.3. 289.24 mslm 0.10 VIA CAMPAGNE. 278.00 mslm 1 1: 1 m VIA MERA 279.9 mslm 278.7 mslm..7.3 279.49 mslm.4 289.24 mslm.9.3 292.49 mslm.6 279. mslm.1 289.24 mslm.3.8 279.49 mslm.1 279. mslm VIA CAMPAGNE.2 278. mslm 278.49 mslm.1 Giardino della casa principale.2

Dettagli

GESTIONE DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE ALDO MARITANO Via Bonino 1 - SANGANO (TO) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

GESTIONE DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE ALDO MARITANO Via Bonino 1 - SANGANO (TO) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA S.C. TECNICO S.S. TECNICO EDILE GRANDI OPERE E MANUTENZIONE ****************************** GESTIONE DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE ALDO MARITANO Via Bonino 1 - SANGANO (TO) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA L intervento è da realizzare su un edificio esistente

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE Committente: AUTOSTORE S.R.L. Via Fonderia n. 47/A Treviso Compilatore: Ing. Bonaldo Simone Via Riva IV Novembre n. 38 Cittadella (PD) Data

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

INDICE GENERALITÀ... 2

INDICE GENERALITÀ... 2 INDICE GENERALITÀ... 2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO... 2 DATI GENERALI... 2 ACCESSI AL FABBRICATO... 2 STRUTTURE PORTANTI... 3 COPERTURA... 3 DESCRIZIONE INTERVENTO PROPOSTO... 3 IMPIANTO TERMICO.... 3 ISOLAMENTO

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

COSTRUIAMO LA TUA CASA

COSTRUIAMO LA TUA CASA VENDITA DIRETTA - 0432 575379 Visione d insieme ville D ed E Due ville di pregio e qualità a Godia nella immediata periferia Nord-Est di Udine con vista diretta sulle prime propaggini delle Alpi Orientali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Recupero Edilizio Fabbricato in Comune di Brescia Via Lamarmora

RELAZIONE TECNICA Recupero Edilizio Fabbricato in Comune di Brescia Via Lamarmora Relazione Tecnica intervento di recupero fabbricato in Via Lamarmora n.211 - Brescia RELAZIONE TECNICA Recupero Edilizio Fabbricato in Comune di Brescia Via Lamarmora individuato al N.C.T.R. al mappale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO AUTONOME PROVINZ BOZEN GEMEINDE BOZEN SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Bolzano - 25.07.2005 - Bozen COMMITTENTE:

Dettagli

PROTECNO ENGINEERING SRL

PROTECNO ENGINEERING SRL Periodo della prestazione 1999 Committente ULSS n 4 Alto Vicentino Thiene (Vi) Titolo dell opera Costruzione di 2 RSA ad indirizzo riabilitativo mentale perl ULSS n 4 Alto vicentino Categoria di lavori

Dettagli

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via D Aronco, 9 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale... PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...5 DESCRIZIONE INTERVENTO...6 Generalità...6 Motivazioni delle scelte

Dettagli

COME SCEGLIERE L ORIENTAMENTO DEGLI AMBIENTI

COME SCEGLIERE L ORIENTAMENTO DEGLI AMBIENTI COME SCEGLIERE L ORIENTAMENTO DEGLI AMBIENTI Sia che stiate progettando di costruirvi una casa passiva, o che cerchiate la migliore disposizione degli ambienti in una casa già esistente, per poter sfruttare

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

Abitare con l Alzheimer: spazi di vita terapeutici, P. Valla (Milano)

Abitare con l Alzheimer: spazi di vita terapeutici, P. Valla (Milano) Abitare con l Alzheimer: spazi di vita terapeutici, P. Valla (Milano) Il Settore Servizi Sociali della Provincia di Milano ha accettato nel 1994 la sfida di creare il Giardino dell Eden, un giardino per

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno Comune di Pesaro Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno RELAZIONE TECNICA Inquadramento urbanistico L intervento rientra nel Comparto Attuativo B/C del Piano Particolareggiato in oggetto

Dettagli

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 2.1 PARCHEGGIO PUBBLICO 3 2.2 IL PROGETTO DEL VERDE E LE SISTEMAZIONI ESTERNE 5 2.3 RETI INFRASTRUTTURALI 6 File PT_OO.UU.G.2_RELAZIONE DESCRITTIVA.docx

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE

Dettagli

Restyling PRESENTAZIONE DI UNA PROPOSTA PROGETTUALE

Restyling PRESENTAZIONE DI UNA PROPOSTA PROGETTUALE Mara Salomone e Cristiana Gambrosier architetti Restyling PRESENTAZIONE DI UNA PROPOSTA PROGETTUALE Casa dei Ciechi di Lugano Nuovo reparto Alzheimer Esposizione di sculture in legno di Gian Carlo Pedotti

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6 OGGETTO: Trasformazione di spazi sanitari e socio-sanitari già autorizzati all esercizio in Ospedali di Comunità

Dettagli

gozzi 1 RELAZIONE elaborato n. Visto: Il Direttore generale dell Ardiss - dott.ssa Cinzia Cuscela - Il progettista dott. arch.

gozzi 1 RELAZIONE elaborato n. Visto: Il Direttore generale dell Ardiss - dott.ssa Cinzia Cuscela - Il progettista dott. arch. Agenzia regionale per il diritto agli studi superiori c.f./p.iva 01241240322 www.ardiss.fvg.it direzione@ardiss.fvg.it ardiss@certregione.fvg.it gozzi Procedura aperta per la fornitura, il trasporto, l

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A ETS0148 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ETS0148 Via Rota, 9 TRIESTE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE di BERGAMO Via PINETTI n. 23 Ex Caserma Zanchi ALLOGGIO EBG0012 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO RCHIDUE Associati x l'architettura Arch. Stefano NANNINI arch. Debora INNOCENTI via Castel de Toni, 1/A Casalguidi 51034 (PT) Tel./Fax. 0573.526389; e-mail: archidueassociati@tiscali.it Al Sig. Sindaco

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

OPI163. Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO

OPI163. Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO OPI163 Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO Realizzato in COLLABORAZIONE con Il SISTEMA costruttivo La cura per il dettaglio Timberkube è l innovativo sistema costruttivo modulare realizzato interamente

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

1 Localizzazione ed accessibilità

1 Localizzazione ed accessibilità 1 Localizzazione ed accessibilità L'area interessata dal Piano Urbanistico Attuativo per la realizzazione della nuova Residenza per persone anziane non autosufficienti si colloca all interno del Comune

Dettagli

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA PERMESSO DI COSTRUIRE in parziale Sanatoria ed in Variante al P.d.C. n. 759/7 del 06/08/2010 EDIFICI A1 e A2 del P.U.O. PROGETTO PER NUOVE RESIDENZE IN

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA, SCIA, EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7)

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA, SCIA, EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA, SCIA, EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

INDICE. ULSS 17- Ospedali Riuniti Padova Sud Madre Teresa di Calcutta

INDICE. ULSS 17- Ospedali Riuniti Padova Sud Madre Teresa di Calcutta INDICE 1. CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE... 2 2. LE PRINCIPALI SOLUZIONI TECNICO-ARCHITETTONICHE... 5 2.1 SOLUZIONI STRUTTURALI... 6 2.2 PARAMENTI ESTERNI... 6 3. SISTEMAZIONE ESTERNA... 7 3.1 PERCORSI

Dettagli

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Il laterizio costituisce il principale materiale da costruzione della casa. La scelta di adottare elementi naturali e sostenibili

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Le prestazioni erogate in hospice sono un complesso integrato di prestazioni sanitarie assistenziali ed alberghiere, fornite in maniera continuativa per 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana, rivolte

Dettagli

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura 33 1. Destinatari e ammissione Scopo e Destinatari La residenza protetta 3 è destinata a persone anziane autosufficienti o parzialmente autosufficienti ed a persone esposte al rischio di emarginazione

Dettagli

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli:

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli: 1. PREMESSA Il presente progetto preliminare prevede la risoluzione sia delle problematiche evidenziate a seguito del verbale di sopralluogo effettuato dalla ASL 10 Firenze - Commissione di vigilanza sulle

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEDA DESCRITTIVA DEI BENI

ALLEGATO 1 SCHEDA DESCRITTIVA DEI BENI ALLEGATO 1 SCHEDA DESCRITTIVA DEI BENI 1. IMMOBILE IN VIA SANTA MARIA 50, PIANO TERRA 2. APPARTAMENTO IN VIA SANTA MARIA 50, PIANO PRIMO LATO SX 3. APPARTAMENTO IN VIA SANTA MARIA N. 50, PRIMO PIANO LATO

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fa 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Manzoni, 18 - MANIAGO (PN) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA, EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7)

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA, EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA, EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO Regione Veneto COMUNE DI TRECENTA INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA ED ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE VIGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE, MIGLIORAMENTO SISMICO ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLA

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli