Relazione tecnico illustrativa Relazioni impiantistiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione tecnico illustrativa Relazioni impiantistiche"

Transcript

1 PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO COMMITTENTE: COMUNE DI BOLZANO Via Lancia n Bolzano INTERVENTO: Ristrutturazione uffici e realizzazione dei nuovi spogliatoi e del Nucleo Alzheimer presso la casa di riposo Don Bosco Via Milano n. 170, Bolzano OGGETTO: DATA: Relazione tecnico illustrativa Relazioni impiantistiche Aggiornamento Luglio 2010

2 Estratto mappa, particella n. 2257/1 Scala 1:1000 1

3 Estratto P.U.C. scala 1:2000 Zona omogenea AA, Servizi ed attrezzature assistenziali Zona per opere ed impianti pubblici 2

4 Estratto CTN scala 1:5000 3

5 Estratto ortofotogrammetrico scala 1:2000 4

6 PREMESSA Il progetto in oggetto prevede la ristrutturazione con ampliamento di un settore della casa di riposo Don Bosco in Bolzano al fine di realizzarne un nuovo Nucleo Alzheimer, una nuova autorimessa interrata, nuovi spogliatoi e uffici al piano terra del corpo B con soprelevazione del medesimo corpo B per la realizzare della zona giorno dello stesso Nucleo Alzheimer con nuovo giardino Alzheimer pensile. Attualmente la residenza per anziani è costituita da un aggregato di più corpi di fabbrica, risultato di successivi interventi di ampliamento, rappresentato in forma schematica nella figura sottostante. Il fabbricato principale, indicato in seguito come corpo A, risulta costituito da un piano interrato, cinque piani fuori terra e da un sottotetto; il corpo presenta pianta di forma rettangolare di dimensioni 111m x 14m circa, con lato maggiore posto lungo la direttrice est-ovest, e copertura prevalentemente a due falde per un altezza massima di circa 23m dal piano di campagna. Nel corpo A trovano attualmente spazio la maggior parte delle attività principali connesse alla casa di riposo. In corrispondenza del lato sud del corpo A è presente un corpo a due piani fuori terra, in seguito indicato come corpo B, di dimensioni più contenute, destinato a uffici e spogliatoi al piano terra e a nucleo Alzheimer al piano primo. 5

7 Tale fabbricato presenta pianta di forma rettangolare di dimensioni di circa 29m (lungo la direttrice nord-sud) x 11m e copertura di tipo piano con un altezza massima di circa 7,5m dal piano di campagna. In corrispondenza dell angolo sud-ovest del lotto di proprietà emerge inoltre un fabbricato destinato a Cappella, denominato corpo C, a pianta ottagonale irregolare, inscrivibile in un rettangolo di dimensioni massime di circa 16m x 13m e copertura multifalde di altezza massima pari a circa 11,5m dal piano di campagna. I corpi B e C risultano infine collegati fra loro da un corpo di fabbrica, corpo D, ad un piano, avente pianta a forma rettangolare di dimensioni di circa 22m x 4m e copertura piana calpestabile posta ad un altezza di circa 4,8m dal piano di calpestio. Le previsioni del presente progetto prevedono sostanzialmente la completa demolizione dei corpi di fabbrica B, C e D e la loro ricostruzione con ampliamento del corpo D. Il corpo B sarà razionalizzato e ospiterà al piano terra gli uffici e al piano primo il nucleo Alzheimer. Il corpo D verrà ricostruito ed ampliato e accoglierà a piano terra la nuova Cappella, le sale riunioni e i rispettivi servizi. Al piano primo troveranno collocazione un giardino pensile ed un giardino d inverno. Il corpo C sarà sostituito dal corpo E che conterrà a piano terra i nuovi spogliatoi e servizi per il personale e al primo piano un giardino d inverno ed un piccolo giardino pensile. Al di sotto di tale corpo di fabbrica sarà collocato un vano tecnico, destinato agli impianti. Al piano interrato verrà realizzata anche un autorimessa che conta un numero 6

8 complessivo di 24 posti auto, riservati al personale della struttura, di cui uno, quello collocato nelle immediate vicinanze del nuovo ascensore, sarà riservato a persona diversamente abile. All autorimessa si accede dall ingresso carraio a sud-ovest mediante rampa ad unico senso di marcia con pendenza P=15% e dotata di apposito semaforo per regolare la viabilità. 7

9 FILOSOFIA DELL ATTUALE PROGETTO Considerando le caratteristiche tipologiche e la semplicità che distinguono il sito su cui sorge la Casa di Risposo Don Bosco, la prospettiva dell attuale intervento è la valorizzazione del rapporto con l esistente ed il paesaggio circostante mediante la realizzazione di un architettura organica e materica che minimizzi l impatto ambientale e, contemporaneamente, ridefinisca il fronte strada e l ingresso principale con una composizione armonica dei volumi a naturale completamento di un complesso edificato nel tempo. Particolare attenzione è stata dedicata alle coperture, previste piane e verdi, al fine di massimizzare la presenza di vegetazione e creare un ambiente confortevole. Nel suo interno, il progetto punta alla creazione di ambienti sicuri e piacevoli, dotati di molta luce naturale ed una diffusa atmosfera domestica. L AMBIENTE: PROTETTO E FAMILIARE. IL SENSO DI CASA Lo spazio, e l ambiente nel suo insieme, hanno una grande potenzialità terapeutica derivante dalla scelta consapevole delle forme, dei colori, dei materiali, delle finiture, dell illuminazione, degli arredi e degli ausili tecnologici: non è sufficiente pensare di evitare o eliminare le barriere architettoniche e rispettare esclusivamente gli standards per poter ottenere ambienti terapeutici adatti a certi tipi di patologie cliniche. Per barriere architettoniche non si intendono solo quelle fisiche (dislivelli, pavimenti sdrucciolevoli, etc.) ma anche quelle percettive che, in generale, spesso risultano essere quelle più disattese per la mancanza di approfondimento delle esigenze del paziente geriatrico. La percezione visivo - spaziale subisce un cambiamento nell anziano e nel caso specifico del paziente geriatrico il quadro si complica: spesso il disagio, ed alcuni comportamenti patologici, sono dovuti ad ambienti con luci, ombre, colori e forme sbagliate: spesso gli spazi sono poco leggibili e compromettono la funzionalità e l efficienza degli ambienti. 8

10 Secondo quanto detto sopra, la qualità percettiva degli ambienti diviene molto importante in fase sia di progettazione che di esecuzione: per l anziano un ambiente è piacevole se è, in qualche modo, familiare. Sono molti gli strumenti per evocare un ambiente domestico atto a facilitare l orientamento ed il riconoscimento dei locali: potranno essere un oggetto, un colore, una luce particolare, etc. Un ambiente è familiare se è un luogo che non crea ansia, in cui l anziano si sente autonomo e può girare liberamente, anche senza accompagnatore. 9

11 IL PROGETTO PRELIMINARE: INDIVIDUAZIONE E TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI Il nuovo nucleo per ospiti affetti da demenza verrà ubicato al piano primo del corpo di fabbrica principale, corpo A, nella sua metà parte ovest, e nel corpo ad esso ortogonale, il corpo denominato B. La prima risulta attualmente destinata ad usi diversi, quali l abitazione del custode e l alloggio per gli obiettori, per cui se n è previsto il riutilizzo a servizio diretto degli ospiti della Casa di Riposo senza intaccare quanto già ad essi destinato e, ad oggi, in esercizio. La disomogeneità presente nei vari corpi di fabbrica (B, C e D) sotto l aspetto statico, nonché lo stato patologico degli stessi, non consentono un recupero, anche parziale dell impianto strutturale esistente. Tale recupero risulterebbe peraltro, oltre che di difficile realizzazione, senz altro più oneroso della demolizione e ricostruzione, che consente di pervenire anche ad un integrale rispetto della nuova normativa. L elevata profondità di imposta del nuovo sistema fondazionale richiesta dall elevato spessore dello strato di materiale di riporto presente nella zona determina la necessità di realizzare comunque un ampio volume interrato che potrà essere sfruttato funzionalmente. Si è previsto, pertanto, di procedere alla demolizione e ricostruzione dei corpi B, C e D. 10

12 Per quanto riguarda invece il corpo A, oggetto di recente intervento di recupero, si prevedono invece di effettuare interventi di ristrutturazione al primo piano dell ala ovest, consistenti soprattutto nella riorganizzazione generale degli spazi, con un riassetto dell attuale zona custode e di adeguamento funzionale e normativo degli attuali vani con allargamento delle porte d accesso delle camere, dai 100 cm esistenti ai 120 cm richiesti dalla normativa vigente, riorganizzazione e adeguamento dei bagni delle camere con porte da 90 cm. Sarà di conseguenza coinvolto anche l assetto impiantistico e tecnologico; una particolare attenzione verrà posta all aspetto terapeutico di ogni struttura e finitura (serramenti, pavimenti, colori, luci, etc) per consentire una congrua residenzialità ed un maggior benessere alla particolare patologia dei futuri ospiti. In sintesi, il presente progetto preliminare prevede: la demolizione e ricostruzione dei corpi B, C e D al fine di realizzare il nuovo nucleo Alzheimer, inglobando la Cappella nel corpo D; la realizzazione di un nuovo collegamento sopraelevato (corpo F) tra i corpi E ed A consistente in un volume al primo livello su pilastratura, ampiamente finestrato e racchiudente uno spazio interno adatto al vagabondaggio dei pazienti ivi residenti, attrezzato con sedute per la sosta ed il riposo, piante da interni e vegetazione adatta sia per mascherare il vuoto sottostante che, contemporaneamente, stimolare materialmente e cerebralmente gli ospiti. Progettualmente vorrebbe essere il risultato di una ricerca spaziale, architettonica ed estetica che permetta, attraverso le luci, i colori, i suoni, i materiali impiegati nella pavimentazione come nel rivestimento, la tipologia degli arredi, la creazione di un ambiente protesico e domestico ; la riorganizzazione generale del piano terra dei corpi B, D ed E al fine di completare l area uffici, le sale riunioni ed i nuovi spogliatoi; la realizzazione di un nuovo giardino pensile a primo piano, racchiuso dai corpi B, D ed F, dotato di aree verdi, percorsi anti-truma, sedute in legno, fontana, vasche per ortoterapia, piante e arredi al fine di creare un ambiente idoneo e confortevole agli ospiti della struttura; la ristrutturazione del lato ovest del primo piano del corpo principale (corpo A); 11

13 la ristrutturazione della zona centrale del corpo A ad ogni piano (tranne piano terra) e la realizzazione di un modesto ampliamento (corpo G), in corrispondenza dell ingresso principale sul lato sud. Tale volume si svilupperà ad ogni piano, ampliando le attuali zone giorno; il corpo G conterrà un vano montalettighe antincendio con accesso da piano terra e sbarco ad ogni piano; la generale riorganizzazione e regolarizzazione della sistemazione esterna con nuovi percorsi pedonali e carraio, un nuovo sistema di successive rampe di accesso diretto all ingresso principale del piano terra; la sistemazione a verde dello spazio racchiuso dai nuovi percorsi di accesso; la realizzazione di un nuovo vano tecnico interrato ed una nuova autorimessa, anch essa interrata, al di sotto dei corpi B, D ed E, contenente 24 posti auto, di cui uno riservato a persona disabile, accessibile mediante rampa a unico senso di marcia dotata di semaforo atto a regolare la viabilità; ogni nuovo corpo di fabbrica sarà coperto con tetti piani verdi, per la maggior parte praticabili. In particolare, il corpo B avrà una copertura praticabile dotata di percorsi affiancati da piante e spazi di sosta per gli ospiti; il corpo E sarà dotato di giardino pensile: il corpo F sarà coperto da tetti verdi praticabili ai piani terzo e quarto, mentre i corpi D ed F avranno coperture verdi non praticabili con vegetazione di tipo estensivo; la sistemazione dell area esterna (marciapiedi ed asfaltatura) con riposizionamento dei parcheggi a raso, di cui due per disabili, collocati in prossimità dell accesso al corpo B; la sistemazione a verde con piantumazione di vegetazione dell area compresa tra l ampliamento ed il corpo A, delimitata sul lato ovest da un sistema di piante e vasche. 12

14 IMMAGINI DEL PLASTICO 13

15 14

16 15

17 16

18 CARATTERISTICHE FUNZIONALI DEL NUOVO NUCLEO ALZHEIMER Il nuovo padiglione costituirà una rivisitazione architettonica e strutturale nonché un adeguamento della struttura esistente: progettato per soddisfare le esigenze specifiche del malato di alzheimer, al fine di poterlo seguire nei vari stadi della malattia, conferma le richieste espresse dalla committenza e potrà ospitare sino a 14 persone. L accesso al nucleo avverrà dal corridoio che conduce al vano scale centrale, nel quale vi sono attualmente 2 ascensori, di cui uno, collocato nello spazio libero centrale disponibile tra le rampe, è di recente realizzazione. La porta sarà apribile dall esterno tramite semplice pulsante da porsi in evidenza, che ne comanderà anche automaticamente l apertura e quindi, a tempo predeterminato, la chiusura. Dall interno potrà ordinariamente essere aperto pure automaticamente, tramite chiavetta, scheda o codice in possesso solo al personale. In caso d emergenza il maniglione antipanico, normalmente disattivato, diventerà operativo tramite il consenso dell impianto di allarme e rilevazione incendi. In caso di emergenza attraverso il consenso dell impianto di allarme e rilevazione incendi, saranno pure operative l attuale uscita di sicurezza posta in corrispondenza dell altra scala lato Ovest, opportunamente mimetizzata, nonché sarà possibile l evacuazione tramite l ascensore antincendi di nuova realizzazione, ubicato all estremità del nuovo corpo di fabbrica (corpo B) in ampliamento lato sud, che condurrà direttamente a terra; l accesso a quest ultimo dovrà avvenire con l assistenza del personale. L unico accesso ordinario sarà comunque mimetizzato alla vista degli ospiti tramite una porta bidirezionale senza alcuna chiusura, posta in continuazione della parete del presidio infermieristico. Dal medesimo presidio si potrà pertanto sorvegliare l accesso direttamente da parte del personale senza l ausilio ai sistemi di telecontrollo, sia in ingresso che in uscita. Il nucleo abitativo sarà costituito dalla zona notte, collocata nel corpo di fabbrica A, che si svilupperà lungo il corridoio centrale con 5 camere doppie e 4 camere singole, ciascuna con annesso servizio igienico, per un totale di 14 posti letto; ai margini del 17

19 reparto notte saranno presenti un deposito per la biancheria sporca, un locale per materiale pulizie ed il vuotatoio. Al centro del corridoio delle camere sarà ubicato un locale per la biancheria pulita. I servizi generali quali il bagno assistito con relativo spazio per la cura della persona, un locale accessorio per attrezzature ausiliarie come sedie a ruote, stampelle, lettini, materassi antidecubito, etc. ed un ripostiglio verranno posizionati all estremità sud del corpo B. Nella stessa appendice a sud troverà collocazione lo spazio più propriamente per il personale, consistente in una sala riunioni, con relativi servizi igienici, in ragione della necessità che la zona operativa della struttura, rappresentata dai servizi alla persona, dalla realtà amministrativa e tecnica, sia unificata e differenziata da quella residenziale, in modo tale da non creare disagi o interferenze con i ritmi e lo scorrere della vita quotidiana degli ospiti. In posizione baricentrica, nell innesto fra i due corpi A e B in questione, si collocherà invece il presidio infermieristico. Esso sarà realizzato con una parete vetrata dell altezza di 1 metro che permetterà la visualizzazione diretta da parte dell operatore sia della zona camere che della zona giorno, nonché a lato del filtro posto in ingresso: superiormente sarà aperto onde godere dell areazione naturale presente nell ampio locale su cui prospetta. L ambulatorio, l ufficio della responsabile di piano ed un nuovo soggiorno si articoleranno all inizio dell ala est del corpo A, nella zona di ristrutturazione e del nuovo ampliamento. Gli spazi collettivi quali la cucina terapeutica, la sala da pranzo, la zona soggiorno, la zona TV, la stanza relax-benessere ed attività terapeutica, la stanza per la musica e pittura si collocheranno in posizione nodale rispetto all intero nucleo: saranno spazi ampi, modulati soprattutto mediante divisori bassi in altezza e l arredo, creati e distribuiti in modo tale da lasciare una gran libertà di movimento e percorsi a wandering. Appendice della zona giorno sarà il giardino d inverno del corpo D, collegamento fra il nucleo vero e proprio e il corpo E, dove sarà presente un piccolo giardino pensile. Attraverso il corpo F sarà possibile raggiungere l ala ovest del corpo centrale (A). Tutta la zona giorno prospetta e si apre sul giardino pensile esterno, parzialmente protetto da un portico aggettante al quale si accede senza ostacoli o dislivelli di percorso 18

20 fra spazio interno ed esterno. Quest ultimo spazio, cuore del nucleo, avrà una funzione estremamente terapeutica e stimolante, atto a provocare stimoli mentali e fisici appropriati e mirati per la patologia di cui saranno affetti gli ospiti del nucleo: se ne prevede quindi il rispetto e la presenza di quelle componenti strategiche, quali la vegetazione, le aree per la sosta, il relax e la concentrazione (tavoli, sedie, sedute, etc.), le vasche per l ortoterapia, l acqua quale reminiscenza e stimolazione sensoriale, punti di riferimento per stimolare l orientamento spazio temporale, elementi e spazi specifici in grado di costituire riferimenti nella memoria dell ospite, spazi pieni destinati ad attività terapeutica ed esperienze specifiche e spazi vuoti comprendenti i percorsi per la deambulazione ed il tessuto connettivo. Il giardino di nucleo, vuole essere un area, priva di alcun dislivello, in grado di stimolare l interesse ed i sensi del malato distogliendolo dal suo continuo errare: le aree di sosta, gli spazi definiti pieni perché caratterizzati da una specifica attività terapeutica diverranno mete da raggiungere. La sua centralità di posizione e la visibilità che lo caratterizza per la presenza di vetrate continue che dividono l interno del corpo B dallo spazio esterno consente un agevole controllo da parte degli operatori sanitari. La prevenzione delle possibili fughe, le difficoltà connesse alla visione, all interpretazione dello spazio e dei colori, la necessità di facilitare i percorsi hanno condotto alla definizione di un unico percorso centrale circolare (wandering) su cui si affacciano le camere destinate alla degenza, e tutti gli spazi comuni del giorno (pranzo, soggiorno, cucina terapeutica): ciò sarà reso possibile dal nuovo collegamento (corpo F), una struttura del tutto nuova che si inserisce nell architettura esistente al fine di consentire il legame circolare fra tutti gli spazi del reparto. Esso nascerà all estremità sud ovest della zona notte per innestarsi nel giardino d inverno, permettendo così di creare un ampio wandering che sarà luogo dei colori mediante i quali si cercherà di ottenere contrasti cromatici tra pavimento, pareti e porte in modo tale da facilitare la riconoscibilità di spazi e percorsi. La collaborazione e lo scambio di idee con il personale che convive quotidianamente con la realtà delle persone affette da demenza ha permesso di giungere alla redazione di 19

21 un progetto che tenga conto delle caratteristiche proprie di questo tipo di persone, delle loro esigenze, delle azioni e reazioni che ogni cosa, anche se normale, può causare, data la notevole alterazione della loro percezione sensoriale: queste persone, in genere, hanno infatti una percezione dell ambiente notevolmente alterata che coinvolge tutti e cinque i sensi e, molti dei disturbi comportamentali sono riconducibili allo stress prodotto da un ambiente non sensibile ed accorto alle loro esigenze. Si è partiti dunque da quella che potrebbe essere considerata una regola fondamentale: la semplificazione dell ambiente, inteso come spazio e possibilità di muoversi al suo interno in modo chiaro e facile. La persona demente tende a perdersi anche in ambienti noti e familiari perché ha perso sia la memoria degli spazi che i punti di riferimento, non ha più cognizione del sopra e sotto, del dentro e fuori, del vicino e lontano, del davanti e dietro. Di qui la necessità di creare delle camere, per due persone al massimo, per ragioni di condivisione di spazi vitali e organizzazione di una convivenza tale da poter semplificare loro la comprensione e l identificazione del proprio spazio, percepito come luogo domestico e familiare sia nella distribuzione delle stanze che nel futuro arredamento, e cercando di costruire un ambiente protesico in grado di compensare le incapacità del malato e di stimolare le proprietà mnemoniche e funzionali residue. 20

22 OPERE STRUTTURALI Dal punto di vista strutturale il corpo principale esistente, corpo A, è costituito da strutture verticali in c.a. del tipo intelaiato con tamponamenti in laterizio separate lungo la direzione del lato maggiore da giunti di dilatazione. Gli impalcati d interpiano e di copertura sono in latero cemento e le fondazioni di tipo nastriforme in c.a.. Le strutture verticali, le fondazioni e gli impalcati di calpestio del corpo A non denotano particolari segni di degrado. I corpi B, C e D, invece, presentano strutture verticali prevalentemente in muratura con alcuni settori a strutture intelaiate in c.a. derivanti da successivi interventi di ampliamento. Gli impalcati di interpiano e di copertura sono in latero cemento e le fondazioni di tipo nastriforme in c.a.. Le strutture di tali corpi presentano, specialmente in corrispondenza del corpo B, evidenti fessure, di ampiezza anche consistente, derivanti da assestamenti dovuti ai successivi interventi di ampliamento. Le opere a carattere strutturale relative al progetto oggetto della presente relazione consisteranno, pertanto, nella completa demolizione dei corpi esistenti B, C e D e alla realizzazione dei nuovi corpi di fabbrica B, D, E, F e G. Il nuovo edificio sarà composto da due piani fuori terra e da un piano interrato. Le sue strutture verticali saranno realizzate in pilastri, travi, e setti in c.a. a costituire una robusta struttura tridimensionale, atta a sostenere sia i carichi verticali che orizzontali. I nuovi corpi BD, EF e G saranno tra loro separati da adeguati giunti tecnici. Le fondazioni saranno in c.a. del tipo a travi rovesce, gli impalcati di piano e di copertura saranno realizzati a lastre tralicciate in c.a. tipo Predalles. I tamponamenti perimetrali della struttura tridimensionale in c.a. saranno realizzati in blocchi di laterizio porizzato a cappotto esterno di adeguato spessore. Il progetto sarà eseguito in base alla normativa vigente per le strutture: D.M. 14/01/

23 IMPIANTI ELETTRICI Sono previsti i seguenti lavori relativi agli impianti elettrici: Illuminazione normale e sicurezza generale, nelle camere, nel soggiorno, nei corridoi e nel giardino Forza motrice e prese Impianto telefonico centralizzato Antenna Tv centralizzata Diffusione sonora Allarme incendio centralizzato Controllo accessi con tastiera a codice Chiamata infermiera, dal paziente Sensore nei posti letto Rilevatore di presenza in camera, attivata dal sensore di ciascun posto letto Rilevatore di presenza in bagno Cavidotti elettrici di collegamento agli impianti generali esistenti Nuovo percorso cavi elettrici per illuminazione di sicurezza Potenziamento dell alimentazione elettrica attuale dell intero fabbricato Pur considerando le difficoltà relative alle vecchie strutture dell'edificio ed alla presenza delle attività che in esso continuano a svolgersi, nell'esecuzione delle opere, l'elettricista eseguirà i necessari apprestamenti, provvisori o definitivi, onde evitare disservizi e non tralascerà alcun particolare che possa compromettere la sicurezza delle persone e delle cose. 22

24 IMPIANTI TERMOIDRAULICI Il progetto di cui alla presente relazione si riferisce agli impianti termoidraulici e di condizionamento dell aria occorrenti per la realizzazione del nuovo reparto destinato a Nucleo Alzheimer, della nuova autorimessa interrata e dei nuovi spogliatoi e uffici, presso la Casa di Riposo Don Bosco, in via Milano n. 170 a Bolzano. L intera area verrà dotata di impianto di riscaldamento a pavimento radiante, alimentato da uno o più collettori di distribuzione, collegati direttamente alla nuova sottocentrale termica, ubicata al primo piano interrato. L area verrà inoltre dotata di impianto di condizionamento dell aria, destinato al controllo climatico nel periodo estivo e alla ventilazione dei locali nel periodo invernale. Le nuove unità di trattamento dell aria saranno ubicate nel locale di alloggiamento della sottocentrale termica, previsto al piano interrato e dotato di accesso diretto dall esterno. L intera area verrà infine dotata di allacciamento al sistema di distribuzione dell acqua sanitaria calda e fredda già esistente. Gli scarichi delle acque nere avverranno per gravità, mediante tubazioni sotto pavimento con pendenza minima 1%. Pordenone Bolzano, lì Luglio 2010 Il capogruppo Ing. Arturo Busetto 23

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

UBICAZIONE: Comune... località... Residenza... CAP posta...

UBICAZIONE: Comune... località... Residenza... CAP posta... OMPILR PRT LL UTORIT' FISLI Numero progressive della lista delle dichiarazioni ricevute IHIRZION I FINI LL TRMINZION LL IMPOST SUL PTRIMONIO - unità di abitazione o alloggi, locali destinati al tempo libero

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Pulizia e igiene... semplicemente

Pulizia e igiene... semplicemente Aspirapolvere centralizzato www.sistemair.it Pulizia e igiene... semplicemente La forza del sistema sta nella sua semplicità: con un tubo flessibile pulisci tutta la casa! 4 2 3 1 1 Centrale aspirante

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli