ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIOVANNI VERGA"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIOVANNI VERGA""

Transcript

1 RACCOLTA delle NORME dei e di PREVENZIONE da adottare in caso di calamità naturale o indotta ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIOVANNI VERGA" Scuola dell Infanzia Via Collegio

2 Il presente documento rappresenta la raccolta di norme e procedure di prevenzione da adottare in caso di emergenza. Le pagine che compongono il documento sono accluse al piano di emergenza e documento della valutazione dei rischi dell Istituto Comprensivo Statale Giovanni Verga di Viagrande sotto forma di allegati. Esso consta di n. 31 pagine che riportano i seguenti argomenti: DISTRIBUZIONE DEGLI INCARICHI PER GLI ADDETTI INTERNI IMPEGNATI NELLE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI RISCHI 3 CALENDARIO DELLE PROVE SIMULATE DI EMERGENZA 4 DISPOSIZIONE TIPO DEI BANCHI NELLE AULE 5 PROVE DI EVACUAZIONE DALL EDIFICIO SCOLASTICO PER EVENTO CALAMITOSO 6 DI PREVENZIONE GENERALE PER TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO 7 DI PREVENZIONE GENERALE NORME PER I COLLABORATORI SCOLASTICI 8 DI PREVENZIONE GENERALE NORME PER IL PERSONALE DOCENTE 9 SCHEMA RIEPILOGATIVO DEI PER TUTTO IL PERSONALE DOCENTE 10 SERVIZI ESTERNI DI PRONTO SOCCORSO E SALVATAGGIO : 11 NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO 12 NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO 13 DI PREVENZIONE GENERALE PER GLI ALUNNI 14 ENTRATE E USCITE QUOTIDIANE DEGLI ALUNNI NELL EDIFICIO SCOLASTICO INFANZIA DI VIA COLLEGIO 15 PREVENZIONE DELLE MALATTIE A TRASMISSIONE EMATICA 16 PRESIDI SANITARI PER IL PACCHETTO DI MEDICAZIONE 17 SCHEDA RILAVAZIOINE RISCHI 18 ATTUAZIONE DELLE MISURE DI MIGLIORAMENTO IN BASE ALLA RILEVAZIONE DEI RISCHI NELL ANNO SCOLASTICO 2008/ SCHEDA PROVE PARZIALI E GENERALI 20 SCHEDA RILEVAMENTO ESERCITAZIONE 21 SCHEDA PER L ANALISI CRITICA DEI TENUTI DAGLI ALLIEVI DURANTE LE PROVE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE 22 COME USARE UN ESTINTORE 23 COME USARE UNA MANICHETTA 24 OBIETTIVI DEL PIANO 25 ISTRUZIONE GENERALI DI PREVENZIONE 25 PROVE GENERALI DI EVACUAZIONE DALL'EDIFICIO 26 COSA FARE IN CASO DI PERICOLO 26 SA SEGUIRE IN CASO DI INCIDENTE SUL LAVORO 29 NORME DI COMPORTAMENTO DA SEGUIRE DURANTE LE OPERAZIONI DI MOVIMENTAZIONE CARICHI 30 SEGNALETICA DI EMERGENZA 31

3 Via Pacini, 62 cap: Viagrande Tel Fax: ANNO SCOLASTICO 2008 / 2009 Documento: M9-A3.1a Rev.: 0 Data: Pagina 3 di 31 Allegato n. VI al DSVR SCUOLA INFANZIA (Via Collegio) DISTRIBUZIONE DEGLI INCARICHI PER GLI ADDETTI INTERNI IMPEGNATI NELLE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI RISCHI INCARICHI GRUPPO SERVIZIO DI VIGILANZA ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E INCENDI ADDETTI ALLE PROCEDURE DI LAVORO E MISURE DI MIGLIORAMENTO NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO OGGETTO Edilizia, arredamento, impianti fissi, illuminazione, riscaldamento, arredi, manutenzione ordinaria e straordinaria Macchine, utensili, materiali e prodotti utilizzati per pulizia, spostamenti di banchi - armadi - scaffalature - sedie - pesi - audiovisivi Emanazione e diffusione dell ordine di evacuazione Controllo delle operazioni di evacuazione dall edificio scolastico Chiamate di soccorso Interruzione dell erogazione del gas, energia elettrica,acqua Attivazione di estintori ed idranti Controllo della praticabilità delle vie di uscita dall edificio scolastico NOMINATIVI (SUPPLENTI ) Ins. Messina Giulia Ins. Messina Giulia Chi per primo viene a conoscenza dell evento calamitoso Ins.te Messina Giulia coll. Scol. Marletta - Pavia Ins.te Messina Giulia coll. Scol. Marletta - Pavia Coll. Scol.: Marletta - Pavia Coll. Scol.: Marletta - Pavia Coll. Scol.: Pavia Ins.: Messina Giulia Coll. Scol. Marletta - Pavia Ins.ti Provenzale e Marino

4 Pagina 4 di 31 Allegato n. IV al DSVR ANNO SCOLASTICO Ai Signori coordinatori delle classi della scuola secondaria I grado Al docente collaboratore della scuola primaria Alle docenti fiduciarie delle scuole dell infanzia Si comunicano di seguito le date per le esercitazioni (riguardano la scuola dell Infanzia e solo le classi prime della scuola primaria e secondaria di 1 grado) e per le prove parziali di simulazione di emergenza del piano di evacuazione dall edificio scolastico per evento calamitoso sismico. CALENDARIO DELLE PROVE SIMULATE DI EMERGENZA Tipo di prova Classi interessate data ora ESERCITAZIONE (minimo due) Materne PRIME primaria e secondaria A scelta A discrezione dell insegnante Materna via Collegio 30 gennaio :00 21 aprile :00 Prove PARZIALI di emergenza Simulazione di terremoto Materna via Mazzini 30 gennaio :30 21 aprile :40 Primaria 30 gennaio :00 TUTTE 21 aprile :10 Secondaria I 30 gennaio :00 TUTTE 22 aprile :45 Le insegnanti della scuola dell infanzia cureranno l aspetto ludico delle esercitazioni e programmeranno a loro discrezione altre prove. N.B. Il calendario delle prove parziali di emergenza non dovrà essere comunicato agli alunni. Si sottolinea, inoltre, l importanza di istruire gli stessi sulle modalità del piano di evacuazione dettagliato (consegnato nei vari plessi) e sulla lettura attenta delle norme comportamentali da tenere per ogni rischio sia naturale che indotto. Il, d accordo con il Dirigente Scolastico, potrà simulare una prova d emergenza senza preavviso per valutare il livello efficienza raggiunto.

5 Pagina 5 di 31 Allegato n. XIII al DSVR Anno scolastico 2008/2009 DISPOSIZIONE TIPO DEI BANCHI NELLE AULE NOTA: Questa disposizione può variare in base alle dimensioni delle classi e al numero degli alunni. Le file possono essere composte tutte da due o da un singolo banco. La via di fuga deve essere libera da ogni ostacolo. Nel disegno sopra: la disposizione degli zaini è ottimale. La lavagna non intralcia il cammino e la cattedra (deve trovarsi quanto più possibile) vicino al muro. I numeri rappresentano l ordine di fuga (uscita) degli alunni. È vietato mettere gli zaini accanto ai tavoli (loto uscita alunni), arredi lungo le vie di fuga, file di tre o più banchi.

6 Pagina 6 di 31 Allegato n. XIV al DSVR PROVE DI EVACUAZIONE DALL EDIFICIO SCOLASTICO PER EVENTO CALAMITOSO PROMEMORIA (Per i Sig.ri Docenti) Si ricorda ai Sig.ri Docenti che gli allievi dovranno essere costantemente istruiti: a) Sulla dislocazione della classe e sul percorso da seguire per raggiungere il luogo sicuro. b) sulle modalità di evacuazione previste nel piano di evacuazione dall edificio scolastico; c) sulla lettura delle norme comportamentali da tenere per ogni tipo di rischio sia esso naturale che indotto; d) sull andamento veloce e ordinato e, soprattutto, non di corsa per raggiungere il luogo sicuro. SEGNALE DI ALLARME ( per evento calamitoso sismico ): SUONO INTERMITTENTE DELLA CAMPANELLA Al suono convenzionale dell allarme (suono ad intermittenza della campanella per un periodo di circa 15 sec.) gli alunni si ripareranno sotto il proprio banco per circa 20 sec. dall inizio del suono, al termine dei quali usciranno dalle aule in modo spedito ed ordinato (possibilmente mano nella mano all interno dell edificio. Far staccare i bambini in prossimità delle scale), seguiranno le vie di fuga indicate e si dirigeranno verso la zona di raccolta assegnata, evitando comportamenti che possano arrecare danni a loro stessi e ai compagni. La zona di raccolta per le aule 5, 6, 7 e 21 è il cortile sud; per l aula 19 è il cortile nord. In assenza d energia elettrica o guasto alla campanella, l allarme verà diramato tramite voce da parte dei collaboratori scolastici. NOTA: Far tenere i bambini per mano evita lo scoraggiamento e infonde sicurezza. È opportuno, tuttavia, evitare di tenersi per mano nel superamento di gradini o nelle scale.

7 Pagina 7 di 31 Allegato n. XV al DSVR DI PREVENZIONE GENERALE PER TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO Tutti i contenitore devono riportare l'etichetta con l'indicazione ben leggibile del contenuto. Ripristinare la scorta, quando viene usata la cassetta di pronto soccorso, e segnalare eventuali carenze. Evitare di gettare cocci di vetro nei sacchi di plastica dell'immondizia. Manipolare vetri o materiale pungente con i guanti adatti. Negli armadi o negli scaffali disporre in basso i materiali più pesanti, in alto quelli leggeri. Non dare in uso scale, utensili e attrezzi al personale delle ditte esterne che si trovino a lavorare nella scuola. Non posteggiare le auto, le moto o le biciclette davanti ai cancelli, sui pozzetti di intercettazione dell'acqua o presso gli attacchi dell'acqua per i vigili del fuoco, nel cortile davanti la porta d ingresso degli edifici, nelle vie di fuga e ove ubicati i segnali di divieto di sosta. Controllare le attrezzature e gli impianti di sicurezza periodicamente in modo da garantirne l'efficienza. Tutte le chiavi devono avere etichette identificative e devono essere riposte nelle apposite bacheche dopo l'uso. Prima di usare qualsiasi apparecchiatura elettrica controllare che non vi siano cavi, spine, prese di corrente, interruttori senza protezione. Non sovraccaricare una linea elettrica con collegamenti di fortuna (divieto). Non toccare mai le apparecchiature elettriche e gli interruttori con le mani bagnate o se il pavimento è bagnato. Disinserire le spine afferrandone l'involucro esterno e non il cavo. Non compiere interventi di alcun genere sulle macchine elettriche. Non usare acqua per un incendio su linee o apparecchiature elettriche. Interrompere la corrente elettrica prima di soccorrere una persona folgorata. Spostarla dalla sorgente elettrica con oggetti di legno e chiamare immediatamente l'ambulanza. Controllare regolarmente il funzionamento delle luci di emergenza. Non lasciare mai portalampade privi della lampadina. Controllare sistematicamente che non vi siano cavi con le guaine di isolamento danneggiate. È vietato usare trielina, benzina e altri solventi infiammabili per il lavaggio dei pavimenti. In caso di incendio staccare l'elettricità. Non depositare materiale di alcun tipo nel locale caldaia e nella cabina elettrica. Non depositare materiale ingombrante davanti o dietro le porte di uscita, soprattutto quelle di emergenza. Mantenere sempre sgombre le vie di fuga.

8 Pagina 8 di 31 Allegato n. XVII al DSVR DI PREVENZIONE GENERALE NORME PER I COLLABORATORI SCOLASTICI 1) Vigilare costantemente i locali scolastici. 2) Svolgere attività di vigilanza sugli alunni nei casi di classi momentaneamente non coperte dai docenti. 3) In caso di grave pericolo collaborare con gli insegnanti aiutando gli alunni portatori di handicap a raggiungere la zona di sicurezza. 4) Durante le operazioni di pulizia, di rimozione di oggetti arrugginiti o pericolosi, usare guanti e camici adatti. 5) Riporre detersivi, ricariche per fotocopiatrici o qualsiasi prodotto tossico in luogo sicuro e leggere sempre le istruzioni e le avvertenze prima dell uso. 6) Disattivare l interruttore generale (contatore) nelle operazioni di sostituzione delle lampadine. 7) Non spostare, da soli, carichi superiori ai 15 kg. 8) Mantenere le vie di fuga sempre libere da qualsiasi ostacolo.

9 Pagina 9 di 31 Allegato n. XVIII al DSVR DI PREVENZIONE GENERALE NORME PER IL PERSONALE DOCENTE 1) Svolgere continuamente il compito di vigilare sulla sicurezza degli alunni e salvaguardare la loro salute mentale avendo cura di ripartire equamente il carico di lavoro 2) Vigilare sulle condizioni igieniche degli alunni 3) Non fare trasportare arredi scolastici e strumenti didattici agli alunni 4) Non fare inserire nelle prese le spine di apparecchiature elettriche agli alunni 5) Al termine delle lezioni, andare via solo dopo che tutti gli alunni sono stati accompagnati all uscita principale, così come da regolamento d istituto. 6) Non parcheggiare l auto nel cortile dell ingresso principale o davanti agli idranti (attacco antincendio) o dov è esposto il divieto di sosta. 7) Non lasciare soli i ragazzi, soprattutto, nei laboratori per qualsiasi motivo. 8) Portare sempre con sé il registro di classe ogni qualvolta si portano fuori i ragazzi dalla propria aula all interno del perimetro scuolastico. 9) Sistemare i banchi e le sedie in modo da facilitare la fuga di ognuno e non intralcino il cammino. 10) Segnalare immediatamente al Dirigente o al responsabile della sicurezza le cause di pericolo rilevate. 11) Non distribuire farmaci.

10 Pagina 10 di 31 Allegato n. XIX al DSVR SCHEMA RIEPILOGATIVO DEI PER TUTTO IL PERSONALE DOCENTE INCENDI SISMI CROLLI IN CASO DI INCENDI DI MODESTA ENTITÀ INCENDI PANNELLI ELETTRICI - PRESE DI CORRENTE - INTERRUTTORI GUASTI - FILI ELETTRICI NON ISOLATI GUASTI AI SERVIZI IGIENICI - VETRI FRANTUMATI - OGGETTI PERICOLOSI FURTI - DANNEGGIAMENTI PROCEDERE NEL MODO SEGUENTE Dare l allarme (solo nel caso d incendio o crollo). Evacuare ordinatamente i locali. Telefonare immediatamente ai vigili del fuoco, alla protezione civile, ai carabinieri, ai vigili urbani, alla croce rossa italiana Intervenire con l uso degli estintori Utilizzare solo estintori Evitare il possibile contatto con alunni e persone. Disattivare il contatore generale. Informare subito il rappresentante del servizio prevenzione e protezione. Isolare le parti scoperte dei fili. Chiudere il passante dell acqua e sospendere l uso dei servizi. Informare la Dirigenza Far rimuovere i frammenti di vetro e gli oggetti al personale ausiliario, se possibile. Informare la Dirigenza Informare il Dirigente o il collaboratore vicario

11 Pagina 11 di 31 Allegato n. XX al DSVR SERVIZI ESTERNI DI PRONTO SOCCORSO E SALVATAGGIO : VIGILI DEL FUOCO ACIREALE 115 CARABINIERI VIAGRANDE CARABINIERI (Pronto intervento) 112 POLIZIA 113 EMERGENZA SANITARIA 118 PRONTO SOCCORSO (H) ACIREALE PRONTO SOCCORSO (H) CANNIZZARO CROCE ROSSA ITALIANA VIAGRANDE POLIZIA MUNICIPALE VIAGRANDE COC VIAGRANDE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE CATANIA

12 Pagina 12 di 31 Allegato n. XXI al DSVR NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO (da sistemare nella classe bene in vista) - Mantieni la calma - Se l incendio si è sviluppato in classe, esci subito chiudendo la porta. - Se l incendio è fuori dalla tua classe e solo se il fumo rende impraticabili le scale e i corridoi, chiudi bene la porta del tuo ambiente e cerca di sigillare le fessure con panni possibilmente bagnati. - Se non puoi uscire, mantieni la calma, apri la finestra e, senza esporti troppo, chiedi aiuto. - Se il fumo non ti fa respirare, filtra l aria attraverso un fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiati sul pavimento (il fumo tende a salire verso l alto)

13 Pagina 13 di 31 Allegato n. XXII al DSVR NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO (da sistemare nella classe bene in vista) SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - Mantieni la calma. - Non precipitarti fuori. - Resta in classe e riparati sotto il banco, sotto l architrave o vicino ai muri portanti. - Allontanati dalle finestre, porte con vetri, armadi, perché, cadendo, potrebbero ferirti. - Se ti trovi nei corridoi o nel vano della scala, rientra nella tua classe o in quella più vicina. - Dopo il terremoto, all ordine di evacuazione, abbandona l edificio e ricongiungiti con i compagni di classe nella zona di raccolta assegnata. - Non usare l ascensore e le scale interne. SE TI TROVI ALL APERTO - Allontanati dall edificio, dagli alberi, dai lampioni e dalle linee elettriche perché potrebbero cadere e ferirti. - Cerca un posto dove non hai nulla sopra di te; se non lo trovi cerca riparo sotto qualcosa di sicuro come una panchina. - Non avvicinarti ad animali spaventati.

14 Pagina 14 di 31 Allegato n. XXIII al DSVR DI PREVENZIONE GENERALE PER GLI ALUNNI (da sistemare nella classe bene in vista) Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non spiccare salti dai gradini delle scale. - È meglio evitare scherzi che possano creare pericolo. - Non compiere interventi di alcun genere sulle macchine elettriche. - Non ingombrare con zaini o oggetti inutili i pavimenti, le vie di fuga, gli atri, le uscite, le scale. - Evitare di camminare vicino ai muri dei corridoi: l apertura improvvisa delle porte potrebbe causare danni. - Non sporgersi dalle finestre, dai pianerottoli, dalle scale o dai corrimano. - Sistemare i banchi e le sedie in modo da facilitare la fuga di ognuno. - Non rimuovere per alcun motivo o danneggiare i cartelli segnalatori (verdi, rossi, gialli o blu). - Segnalare immediatamente le cause di pericolo rilevate. - Disinfettare immediatamente ogni ferita o taglio. - È assolutamente vietato distribuire farmaci.

15 Pagina 15 di 31 Allegato n. XXVI al DSVR SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MISURE ATTUATIVE ENTRATE E USCITE QUOTIDIANE DEGLI ALUNNI NELL EDIFICIO SCOLASTICO INFANZIA di Via Collegio (NON IN CASO DI EMERGENZA) I genitori accompagnano i bambini e li prelevano dall ingressouscita n 1 ENTRATA NELL EDIFICIO TUTTE LE SEZIONI A - B C D ENTRATA N. 1 USCITA DALL EDIFICIO TUTTE LE SEZIONI A - B C D ENTRATA N. 1 È FATTO OBBLIGO A TUTTI I GENITORI DI NON SOSTARE O SOFFERMARSI NELLO SPAZIO ANTISTANTE L INGRESSO - USCITA I bambini disabili entrano-escono dall ingresso-uscita n. 2 (cancello scorrevole)

16 Pagina 16 di 31 Allegato n. XXXVII al DSVR SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MISURE ATTUATIVE Prevenzione delle malattie a trasmissione ematica Da affiggere all'interno della cassetta di Pronto Soccorso Al fine di evitare la trasmissione di malattie che si trasmettono con liquidi organici infetti, in particolare sangue (epatite B - epatite C - AIDS ecc.), si danno le seguenti indicazioni: E' necessario indossare guanti monouso ogni volta si preveda di venire in contatto con liquidi organici di altre persone (es. per medicazioni, igiene ambientale) Gli strumenti didattici taglienti (forbici, punteruoli, cacciaviti, ecc.) devono essere o strettamente personali o, se imbrattati di sangue, opportunamente disinfettati. II disinfettante da utilizzare per le superfici e/o i materiali imbrattati di sangue o altri liquidi organici è l'ipoclorito di sodio al 5-6% di cloro attivo. In pratica si procede come indicato di seguito: - indossare guanti monouso - allontanare il liquido organico dalla superficie - applicare una soluzione formata da: 1 I di acqua e 200 ml di ipoclorito di sodio al 5-6% di cloro attivo - lasciare fa soluzione per 20' - sciacquare con acqua N.B.: è necessario controllare la composizione dell'ipoclorito di sodio da utilizzare e verificare la concentrazione di cloro attivo sia al 5-6%

17 Pagina 17 di 31 Allegato n. XXXVIII al DSVR SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MISURE ATTUATIVE Presidi sanitari per il pacchetto di medicazione (SCHEDA DI RILEVAZIONE) Plesso: Controllare che in ogni cassetta di Pronto Soccorso, tipo pensile da cucina, (opportunamente segnalata e dotata di serratura) deve contenere almeno: PRODOTTO Una confezione di sapone liquido Una confezione di guanti monouso in vinile o in lattice Un paio di forbici Una confezione di clorossidante elettrolitico al 5% (es. AMUCHINA al 10% pronto ferite) Una confezione di acqua ossigenata F. U. 10 vol da 100 g. N.2 bende orlate da 5 cm Un rotolo di cerotto pre-medicato alto 8 cm (es. ANSAMED) Una confezione di cerotti pre-medicati di varie misure Una confezione di cotone idrofilo da 100 g. N. 10 compresse di garze sterili 10X10 in buste singole. Una confezione di rete elastica di misura media N. 2 lacci emostatici Un termometro N. 2 confezioni di ghiaccio pronto uso istantaneo N. 2 confezioni di ghiaccio pronto uso da conservare in ghiacciaia (es. coldhot-packs) N. 2 sacchetti monouso per la raccolta dei rifiuti sanitari. N. 1 Pochet Mask per la respirazione artificiale PRESENTE SI NO * DA INTEGRARE Eventuali comunicazioni: * Le caselle di questa colonna vanno segnate se il prodotto: non è presente; insufficiente o sta per finire. Viagrande L addetto al controllo Da compilare e consegnare al più presto al -

18 Pagina 18 di 31 ANNO SCOLASTICO Allegato n. I al DSVR SCHEDA RILAVAZIOINE RISCHI SCUOLA DELL INFANZIA Via I fiduciari dei plessi scolastici (scuola primaria e scuola dell infanzia) sono pregati di segnalare* periodicamente al Dirigente Scolastico o al responsabile del servizio di prevenzione e protezione dei rischi - prof. Messina Alfio situazioni anomali sopraggiunte che possano costituire pericolo per l incolumità o la salute di tutto il personale scolastico in particolar modo per gli alunni. SETTORE OGGETTO SEGNALAZIONE DATA Impianto elettrico Prese staccate fili scoperti plafoniere pericolanti altro Illuminazione Lumen quantità di luce Strutture Pavimento soffitti muri scale - altro Vie di fuga Arredo Segnaletica di Sicurezza Prodotti o sostanze Porte antipanico vie sgombre porte chiuse - altro Bordi arrotondati banchi e sedie basse armadi pericolanti altro Manca planimetria, norme comportamento cartelli vie di fuga Prodotti pericolosi materiale di pulizia nocivo altro Macchine o attrezzature Manca la marchiatura CE Altro *Fotocopiare la scheda, riempire in modo preciso e consegnare urgentemente se necessario.

19 Pagina 19 di 31 Allegato n. V al DSVR ANNO SCOLASTICO Attuazione delle misure di miglioramento in base alla rilevazione dei rischi nell anno scolastico 2008/2009. MISURE INTERNE spostamenti di scaffalature, sedie, armadiaudiovisivi macchine utensili ecc Scuola INFANZIA

20 Pagina 20 di 31 Allegato n. X al DSVR SCHEDA PROVE PARZIALI E GENERALI CLASSE Docente Prova Data g.m.a. Ora H,m Alunni presenti Alunno apri-fila Alunno serra-fila Alunni evacuati N Feriti Tutti nella Zona di raccolta designata? Sì No Sì Sì Sì Sì Sì Sì No No No No No No

21 Pagina 21 di 31 Allegato n. XI al DSVR SCHEDA RILEVAMENTO ESERCITAZIONE (scuola infanzia - classi prime della scuola primaria e secondaria di 1 grado) CLASSE Docente Prova Data g.m.a. Ora H,m Alunni presenti Alunno apri-fila Alunno serra-fila Alunni evacuati N Feriti Tutti nella Zona di raccolta designata? Sì No Sì Sì Sì Sì Sì Sì No No No No No No

22 Pagina 22 di 31 Allegato n. XII al DSVR SCHEDA PER L ANALISI CRITICA DEI TENUTI DAGLI ALLIEVI DURANTE LE PROVE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (Da allegare al registro di classe) Il docente dovrà esprimere un giudizio sintetico sui comportamenti degli allievi, segnalando eventuali situazioni anomali CLASSE / SEZIONE OSSERVAZIONI Docente Prova n Data Ora Mantengono la calma? Hanno seguito le istruzioni per l evacuazione? Si sono riuniti nei punti di raccolta assegnati? SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ NO note: Feriti SÌ Dispersi SÌ NO NO SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ SÌ NO NO SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ SÌ NO NO SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ SÌ NO NO SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ SÌ NO NO

23 Documento: M9-A1. all. IV Pagina 23 di 31 Come UTLILIZZARE un ESTINTORE (in caso di incendio) 1. TOGLI IL FERMO DI SICUREZZA CON UN GESTO DECISO. 2. CON UNA MANO IMPUGNA L'ESTINTORE CON L'ALTRA L'EROGATORE. 3. PREMI A FONDO LA LEVA DI EROGAZIONE. 4. DIRIGI IL GETTO ALLA BASE DELLE FIAMME CON DIREZIONE QUASI PARALLELA AL PAVIMENTO SVENTAGLIANDO DA DESTRA A SINISTRA. 5. AVVICINATI PROGRESSIVAMENTE TENENDOTI COMUNQUE A DEBITA DISTANZA. 6. EVITA DI COLPIRE LA FIAMMA DALL'ALTO IN BASSO E DI SPARPAGLIARE L'INCENDIO CON UN'EROGAZIONE TROPPO VIOLENTA. SE SI INTERVIENE IN DUE, AVANZARE TENENDOSI SULLO STESSO FRONTE PER LE APPARECCHIATURE E LE CABINE ELETTRICHE USARE SOLO ESTINTORI A CO2 N.B.: un estintore si svuota in pochi secondi!

24 Documento: M9-A1. all. IV Pagina 24 di 31 Come UTILIZZARE la MANICHETTA ANTINCENDIO Lancia Antincendio 1. ROMPERE IL PLEXGLASS DELLA CASSETTA CONTENENTE LA MANICHETTA. 2. SROTOLARE A TERRA LA TUBAZIONE FLESSIBILE. 3. VERIFICARE O AVVITARE IL COLLEGAMENTO AL RUBINETTO IDRANTE. 4. COLLEGARE LA LANCIA EROGATRICE ALLA TUBAZIONE FLESSIBILE. 5. APRIRE IL RUBINETTO IDRANTE RUOTANDO IL VOLANTINO IN SENSO ANTIORARIO. 6. AZIONARE IL DISPOSITIVO DI REGOLAZIONE DELLA LANCIA, CHIUSO, APERTO A GETTO PIENO, APERTO A GETTO FRAZIONATO. 7. DIRIGERE IL GETTO ALLA BASE DELLE FIAMME. NON UTILIZZARE SU APPARECCHIATURE SOTTO TENSIONE NON UTILIZZARE SU LIQUIDI INFIAMMABILI

25 Documento: M9-A1. all. IV Pagina 25 di 31 Nel presente documento sono illustrate le norme di comportamento a cui tutto il personale deve attenersi in caso di emergenza. Le regole sono riportate anche negli allegati e sono affisse in ogni ambiente, soprattutto nelle aule o nei luoghi freguentati da tutto il personale scolastico e dagli alunni. Inoltre, esse sono state distribuite a tutto il personale scolastico. OBIETTIVI DEL PIANO II presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi: affrontare l emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica; pianificare le azioni necessarie per prevenire e proteggere le persone sia da eventi interni che esterni; coordinare i servizi di emergenza, il gruppo tecnico e la direzione didattica; fornire una base informativa didattica per la formazione del personale docente, degli alunni e dei genitori degli alunni. INFORMAZIONE L informazione agli insegnanti e agli studenti prevede incontri per l acquisizione delle procedure e dei comportamenti individuati nel piano e la partecipazione a dibattiti all interno della classe. Si distribuirà una sintesi del Piano di Emergenza in tutti i plessi scolastici. In ogni ambiente saranno affissi gli allegati riportanti i comportamenti in caso di emergenza e le piantine con le vie di fuga. PROVE DI EVACUAZIONE Nell arco dell anno scolastico, ogni docente è libero di far esercitare gli alunni in prove di emergenza. Sono state programmate due prove generali di evacuazione per ogni edificio con notifica a tutti gli insegnanti. Il Dirigente scolastico può indire una prova a sorpresa per valutare meglio le condizioni di allarme. ISTRUZIONI GENERALI DI PREVENZIONE. Ai fini della buona riuscita delle operazioni deve essere garantito quanto segue: a) I docenti della classe (infanzia), i docenti con più ore (primaria) e i coordinatori delle classi individuano e assegnano agli alunni i seguenti incarichi: - Un alunno aprifila, in genere il più vicino alla porta, e un supplente. Ha il compito di aprire le porte e guidare la classe al punto di raccolta; - Un alunno serrafila, il più distante dalla porta, e un supplente. Ha il compito di chiudere la porta e di controllare che nessuno sia rimasto dentro; b) Controllare sempre le seguenti condizioni di sicurezza: - i banchi, la cattedra, la lavagna, il cestino dei rifiuti, gli zaini e altri arredi sono disposti in modo da non ostacolare la rapida uscita dall aula o da altro ambiente in cui si trova; - tutte le porte devono essere sempre apribili in modo facile. Nell eventualità di casi in cui non funzionino le maniglie, socchiudere le porte avendo cura di disattivare i saliscendi dell altra anta;

26 Documento: M9-A1. all. IV Pagina 26 di 31 - i percorsi per raggiungere le uscite di sicurezza, nonché le uscite stesse, sono sgombre da impedimenti e/o ostacoli; c) all interno di ogni aula sono affissi: - planimetria della scuola, o del piano ove ubicata la classe, con il percorso per raggiungere l uscita d emergenza più vicina e il punto di raccolta; - le istruzioni dei comportamenti generali; - norme in caso di emergenza. PROVE DI EVACUAZIONE DALL EDIFICIO SCOLASTICO SEGNALE DI ALLARME PER EVENTO CALAMITOSO SISMICO: SUONO INTERMITTENTE DELLA CAMPANELLA SEGNALE DI ALLARME PER INCENDIO O ALTRO EVENTO: SUONO CONTIUNO DELLA CAMPANELLA Gli addetti alla prevenzione incendi ed evacuazione devono: - collaborare alle attività di prevenzione incendi - partecipare alla elaborazione ed all'aggiornamento dei piani di emergenza - conoscere e mantenere in efficienza i sistemi di prevenzione incendi (estintori, sistemi di allarme, uscite d'emergenza, segnaletica di sicurezza ecc.) - aggiornare i recapiti telefonici gli Enti esterni. Addetti al pronto soccorso I principali compiti che possono essere svolti dagli addetti al pronto soccorso sono: - mantenere in efficienza i presidi medico chirurgici aziendali (pacchetto di medicazione, cassetta di pronto soccorso, infermeria ecc. - aggiornare i numeri telefonici dei presidi sanitari esterni - intervenire in caso di infortunio anche allo scopo di evitare che all'infortunato vengano prestate azioni di soccorso non idonee. COSA FARE IN CASO DI PERICOLO (PROCEDURA STANDARD) (la qualità del tempo utilizzato è più importante della quantità del tempo speso per l evacuazione) In caso di pericolo è molto importante mantenere la calma e non suscitare panico. Cercare di informare gli addetti o il collaboratore scolastico di piano cercando di dare le informazioni precise e dettagliate su: - il luogo dell'evento - il tipo di evento (incendio, fuga di gas, ecc.)

27 Documento: M9-A1. all. IV Pagina 27 di 31 - una sommaria valutazione della gravità dell'evento. Il collaboratore o chi viene a conoscenza del pericolo deve: - avvisare subito gli addetti, dando le suddette indicazioni per un rapido sopralluogo - avvisare il responsabile del servizio di prevenzione e protezione - avvisare il posto di portineria affinché venga impedito l'accesso delle persone ai locali. In caso di pericolo accertato, gli addetti al posto di chiamata devono: - provvedere affinché vengano chiamati, su indicazione del responsabile del servizio, i soccorsi pubblici (VV.F., CRI, Polizia, ENEL, ecc.), secondo le necessità - abbandonare i locali qualora sia dato il segnale di sfollamento di emergenza. CHI DÀ L ORDINE DI EVACUAZIONE: LUOGO ADDETTO SUPPLENTE SEDE DIRIGENTE SCOLASTICO VICARIO PRIMARIA INFANZIA via Colegio INFANZIA via Mazzini RESPONSABILE DI PLESSO (1) COLLABORATORE del resp. (1) CHI DIFFONDE L ORDINE (SUONO DELLA CAMPANELLA O A VOCE in mancanza dell energia elettrica) LUOGO ADDETTO SUPPLENTE SEDE PRIMARIA INFANZIA via Colegio INFANZIA via Mazzini COLLABORATORE SCOLASTICO INCARICATO (1) Collaboratore supplente (1) CHI CHIAMA I SOCCORSI (VVF, VVUU, 118, COC, ecc ) LUOGO ADDETTO SUPPLENTE SEDE DSGA Componenti segreteria PRIMARIA INFANZIA via Colegio INFANZIA via Mazzini RESPONSABILE DI PLESSO (1) COLLABORATORE del resp. (1) SGOMBERO DEI PIANI LUOGO ADDETTO SUPPLENTE SEDE PRIMARIA INFANZIA via Colegio INFANZIA via Mazzini COLLABORATORE SCOLASTICO INCARICATO DEL PIANO (1) Collaboratore supplente (1) INTERRUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA, GAS DELLE CALDAIE. LUOGO ADDETTO SUPPLENTE SEDE PRIMARIA INFANZIA via Colegio INFANZIA via Mazzini COLLABORATORE SCOLASTICO INCARICATO (1) Collaboratore supplente (1) APERTURA DEI CANCELLI PRINCIPALI. Sede=cancello inferiore; primaria=cancello piazza Chiesa Antica; via Mazzini=cancello via vallone

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE Il comportamento corretto e prudente di ognuno è la migliore forma di prevenzione contro gli infortuni. QUINDI: Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc..

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO IIS Leonardo da Vinci, Via Alcide de Gasperi, 1 20841 Carate Brianza Tel: 0362903597 - Fax: 0362903684 http://www.iticarate.gov.it email icarate@iticarate.it PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO PROT. N. 00001341/A.5.0. NAPOLI, 26 MARZO 2015 Docenti SEDE Personale

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA ELEMENTARE DANTE ALIGHIERI TORREBELVICINO PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1- Introduzione 2- L edificio scolastico 3- Disposizione dei locali 4- Mensa scolastica 5- Emanazione ordine

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO 1 PIANO DI PRIMO SOCCORSO a.s. 2015-16 aggiornamento marzo 2016 (Allegato al DVR revisionato giugno 2015) Indice generale 2 1. SOGGETTI RESPONSABILI DELLA DEFINIZIONE DEL PIANO pag. 3 2. CRITERI PER LA

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria Lambruschini  Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15 Piano di Evacuazione Impariamo a difenderci dai rischi *** *** Linee guida per

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine

ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine I.C. "E. FERMI" Via Dante Alighieri, 9-26010 MONTODINE (CR) tel. 0373 242433 fax 0373 668217 - e mail: montodine_scuola@libero.it

Dettagli

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08)

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) SICUREZZA E SALUTE NEGLI ISTITUTI D ISTRUZIONE INFORMAZIONE AGLI STUDENTI (ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) La normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ad oggi vigente è quella

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

ORGANIZZAZIONE EMERGENZA. (Sicurezza Legge 81/08)

ORGANIZZAZIONE EMERGENZA. (Sicurezza Legge 81/08) DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO DI PIACENZA ORGANIZZAZIONE EMERGENZA (Sicurezza Legge 81/08) Riepilogo Generale sulle disposizione della Sicurezza nelle Scuole per tutto il personale - Classificazione

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA FINALITA DEL PROGETTO Creare e mantenere opportune condizioni di sicurezza all interno

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO NOME DATA FIRMA REDAZIONE R.S.P.P. Prof. Ssa Barone Rita Iolanda APPROVAZIONE Il Dirigente Scolastico AUTORIZZAZIONE Il Dirigente Scolastico AGGIORNAMENTO

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA SCUOLA SICURA a.s. 2014-2015 Non correre Non spingere i compagni Non mangiare o bere: potresti distrarti, inoltre le briciole ti faranno scivolare Guarda bene i gradini nel salire e nello scendere Non

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SICURA

PROGETTO SCUOLA SICURA PROGETTO SCUOLA SICURA ( Rischi Educazione Stradale) anno scolastico 2012/2013 1 PRESENTAZIONE Il 3 Circolo Didattico di Gubbio, a seguito del decreto legislativo n. 626/94 che ha introdotto importanti

Dettagli

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza MODULO 1a Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza (da inserire all interno del registro di classe) Da consegnare immediatamente al Responsabile Emergenza una volta raggiunto il Punto

Dettagli

PARTE TERZA ALLEGATI

PARTE TERZA ALLEGATI PARTE TERZA ALLEGATI (Allegato n 1) Lanusei, li (data) Spett.le Unità Sanitaria Locale n 4 Viale Don Bosco 08045 Lanusei (OG) Spett.le Ispettorato del Lavoro Via Oggiano n 41 08100 NUORO OGGETTO: Designazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN LA SICUREZZA SUL LAVORO La sicurezza nei luoghi di lavoro è governata dal D.Lgs. 81/2008 chiamato anche Testo Unico per la Sicurezza. La scuola è un

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI per l anno scolastico 2012-2013 Nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie in cui sono evidenziate

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA ISTITUTO COMPRENSIVO ROVIGO 1 Via della Costituzione, 6 45100 ROVIGO Tel. 0425/30600 Fax 0425/30726 Codice Fiscale 93027540298 Cod. Mecc. ROIC82000Q - e-mail: roic82000q@istruzione.it Sito web: www.icrovigo1.gov.it

Dettagli

Via E. De Amicis n 50-71100. Codice meccanografico FGIC86000Q Codice fiscale 94090770713 SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ALUNNI INDICE

Via E. De Amicis n 50-71100. Codice meccanografico FGIC86000Q Codice fiscale 94090770713 SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ALUNNI INDICE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Scuola Dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado E. De Amicis - S. Altamura Via E. De Amicis n 50-71100 F O G G

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2)

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08 1 Corso di FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Contenuti Formazione Specifica 2 2 Segnaletica Emergenze Procedure esodo ed incendi Procedure organizzative

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

SICUREZZA NELLE SCUOLE Decreto Legislativo 81/2008 e norme correlate Relatore: GAETANO GRIECO AMBROSTUDIO S.R.L. Milano Consulenze e servizi per le Scuole La tutela nelle scuole riguarda: Il personale

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 Timbro scuola PLESSO: SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE - IMPIANTI ANTINCENDIO CASSETTE DI

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 8 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE Scopo di queste note è fornire succinte e chiare indicazioni sul comportamento

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 9 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Scopo e campo di applicazione INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA La presente procedura ha lo scopo di informare tutto il personale interno ed esterno all Amministrazione nonché gli allievi, i genitori

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA SCUOLA

LA SICUREZZA NELLA SCUOLA LA SICUREZZA NELLA SCUOLA Il problema della eliminazione o almeno della riduzione dei rischi nella scuola, soprattutto di quelli personali è sempre stato oggetto di attenzione da parte del Capo d istituto

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6 Guida all Emergenza per il personale della scuola Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole 1 Definizione

Dettagli

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e S.M.I. ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N.123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO PROCEDURE OPERATIVE DA SEGUIRE DURANTE IL TERREMOTO Il terremoto è un evento naturale chiaramente avvertibile, che non ha bisogno di un particolare tipo di allertamento

Dettagli

PARTE SETTIMA REGOLAMENTO DI SICUREZZA. Art. 1 NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI SICUREZZA

PARTE SETTIMA REGOLAMENTO DI SICUREZZA. Art. 1 NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI SICUREZZA PARTE SETTIMA REGOLAMENTO DI SICUREZZA Art. 1 NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI SICUREZZA E obbligatorio tenere un comportamento corretto e astenersi dal compiere atti che possano disturbare l attività altrui

Dettagli

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F.

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F. M.I.U.R. - Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE PIANO DI EMERGENZA SCUOLE ai sensi del D.Lgs. 81/08-242/96 e D.M. 10/3/98 Nome scuola/istitut o indirizzo Istituto Comprensivo di CastelGoffredo Anno scolastico 2014/2015 Gestione delle emergenze Il D.Lgs

Dettagli

Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015

Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015 Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015 Al docente collaboratore vicario Al DSGA Al personale docente Al personale ATA Sede Al RSPP Al RLS All Albo sicurezza Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza

Dettagli

PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA

PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA DOCENTI 1. ADEMPIMENTI PREPARATORI AL PIANO DI EVACUAZIONE A CUI TUTTI I DOCENTI SONO TENUTI AD ATTENERSI Tutti devono conoscere

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008

Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008 a.s. 2013/2014 Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008 Gli istituti scolastici di ogni ordine e grado sono AMBIENTI DI LAVORO I lavoratori della scuola sono il personale docente e ATA e gli

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Cena Latina

Istituto Comprensivo Cena Latina MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Istituto Comprensivo Cena Latina Centro Risorse Territoriale Via Lepanto 2 04100 Latina ( 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu * ltic847002@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

Quello che devi sapere per la tua sicurezza a scuola. «*** t>-.j^

Quello che devi sapere per la tua sicurezza a scuola. «*** t>-.j^ Quello che devi sapere per la tua sicurezza a scuola «*** t>-.j^ 1 8 REGOLE DA SEGUIRE PER PREVENIRE GLI INCIDENTI A SCUOLA IN CLASSE Disporre correttamente i banchi e gli altri arredi della classe in

Dettagli

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO La persona che individua l incendio deve : 1) avvertire il collega più vicino rintracciabile 2) fare una prima stima dell incendio e decidere di: A) reperire l estintore più

Dettagli

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini SEDE CENTRALE di via XXV aprile n 86 Centro Scolastico Vigili del fuoco Ala sud Arezzo Veduta aerea Ingresso

Dettagli

Al DSGA. Ai docenti Al personale ATA. Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni.

Al DSGA. Ai docenti Al personale ATA. Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni. Prot n.. 6540/B10 Al DSGA Ai docenti collaboratori Ai docenti Al personale ATA Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni. Si invita il personale in indirizzo all osservanza della

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it INDICE: 1. SCOPO;

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli