ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIOVANNI VERGA"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIOVANNI VERGA""

Transcript

1 RACCOLTA delle NORME dei e di PREVENZIONE da adottare in caso di calamità naturale o indotta ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIOVANNI VERGA" Scuola dell Infanzia Via Collegio

2 Il presente documento rappresenta la raccolta di norme e procedure di prevenzione da adottare in caso di emergenza. Le pagine che compongono il documento sono accluse al piano di emergenza e documento della valutazione dei rischi dell Istituto Comprensivo Statale Giovanni Verga di Viagrande sotto forma di allegati. Esso consta di n. 31 pagine che riportano i seguenti argomenti: DISTRIBUZIONE DEGLI INCARICHI PER GLI ADDETTI INTERNI IMPEGNATI NELLE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI RISCHI 3 CALENDARIO DELLE PROVE SIMULATE DI EMERGENZA 4 DISPOSIZIONE TIPO DEI BANCHI NELLE AULE 5 PROVE DI EVACUAZIONE DALL EDIFICIO SCOLASTICO PER EVENTO CALAMITOSO 6 DI PREVENZIONE GENERALE PER TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO 7 DI PREVENZIONE GENERALE NORME PER I COLLABORATORI SCOLASTICI 8 DI PREVENZIONE GENERALE NORME PER IL PERSONALE DOCENTE 9 SCHEMA RIEPILOGATIVO DEI PER TUTTO IL PERSONALE DOCENTE 10 SERVIZI ESTERNI DI PRONTO SOCCORSO E SALVATAGGIO : 11 NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO 12 NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO 13 DI PREVENZIONE GENERALE PER GLI ALUNNI 14 ENTRATE E USCITE QUOTIDIANE DEGLI ALUNNI NELL EDIFICIO SCOLASTICO INFANZIA DI VIA COLLEGIO 15 PREVENZIONE DELLE MALATTIE A TRASMISSIONE EMATICA 16 PRESIDI SANITARI PER IL PACCHETTO DI MEDICAZIONE 17 SCHEDA RILAVAZIOINE RISCHI 18 ATTUAZIONE DELLE MISURE DI MIGLIORAMENTO IN BASE ALLA RILEVAZIONE DEI RISCHI NELL ANNO SCOLASTICO 2008/ SCHEDA PROVE PARZIALI E GENERALI 20 SCHEDA RILEVAMENTO ESERCITAZIONE 21 SCHEDA PER L ANALISI CRITICA DEI TENUTI DAGLI ALLIEVI DURANTE LE PROVE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE 22 COME USARE UN ESTINTORE 23 COME USARE UNA MANICHETTA 24 OBIETTIVI DEL PIANO 25 ISTRUZIONE GENERALI DI PREVENZIONE 25 PROVE GENERALI DI EVACUAZIONE DALL'EDIFICIO 26 COSA FARE IN CASO DI PERICOLO 26 SA SEGUIRE IN CASO DI INCIDENTE SUL LAVORO 29 NORME DI COMPORTAMENTO DA SEGUIRE DURANTE LE OPERAZIONI DI MOVIMENTAZIONE CARICHI 30 SEGNALETICA DI EMERGENZA 31

3 Via Pacini, 62 cap: Viagrande Tel Fax: ANNO SCOLASTICO 2008 / 2009 Documento: M9-A3.1a Rev.: 0 Data: Pagina 3 di 31 Allegato n. VI al DSVR SCUOLA INFANZIA (Via Collegio) DISTRIBUZIONE DEGLI INCARICHI PER GLI ADDETTI INTERNI IMPEGNATI NELLE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI RISCHI INCARICHI GRUPPO SERVIZIO DI VIGILANZA ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E INCENDI ADDETTI ALLE PROCEDURE DI LAVORO E MISURE DI MIGLIORAMENTO NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO OGGETTO Edilizia, arredamento, impianti fissi, illuminazione, riscaldamento, arredi, manutenzione ordinaria e straordinaria Macchine, utensili, materiali e prodotti utilizzati per pulizia, spostamenti di banchi - armadi - scaffalature - sedie - pesi - audiovisivi Emanazione e diffusione dell ordine di evacuazione Controllo delle operazioni di evacuazione dall edificio scolastico Chiamate di soccorso Interruzione dell erogazione del gas, energia elettrica,acqua Attivazione di estintori ed idranti Controllo della praticabilità delle vie di uscita dall edificio scolastico NOMINATIVI (SUPPLENTI ) Ins. Messina Giulia Ins. Messina Giulia Chi per primo viene a conoscenza dell evento calamitoso Ins.te Messina Giulia coll. Scol. Marletta - Pavia Ins.te Messina Giulia coll. Scol. Marletta - Pavia Coll. Scol.: Marletta - Pavia Coll. Scol.: Marletta - Pavia Coll. Scol.: Pavia Ins.: Messina Giulia Coll. Scol. Marletta - Pavia Ins.ti Provenzale e Marino

4 Pagina 4 di 31 Allegato n. IV al DSVR ANNO SCOLASTICO Ai Signori coordinatori delle classi della scuola secondaria I grado Al docente collaboratore della scuola primaria Alle docenti fiduciarie delle scuole dell infanzia Si comunicano di seguito le date per le esercitazioni (riguardano la scuola dell Infanzia e solo le classi prime della scuola primaria e secondaria di 1 grado) e per le prove parziali di simulazione di emergenza del piano di evacuazione dall edificio scolastico per evento calamitoso sismico. CALENDARIO DELLE PROVE SIMULATE DI EMERGENZA Tipo di prova Classi interessate data ora ESERCITAZIONE (minimo due) Materne PRIME primaria e secondaria A scelta A discrezione dell insegnante Materna via Collegio 30 gennaio :00 21 aprile :00 Prove PARZIALI di emergenza Simulazione di terremoto Materna via Mazzini 30 gennaio :30 21 aprile :40 Primaria 30 gennaio :00 TUTTE 21 aprile :10 Secondaria I 30 gennaio :00 TUTTE 22 aprile :45 Le insegnanti della scuola dell infanzia cureranno l aspetto ludico delle esercitazioni e programmeranno a loro discrezione altre prove. N.B. Il calendario delle prove parziali di emergenza non dovrà essere comunicato agli alunni. Si sottolinea, inoltre, l importanza di istruire gli stessi sulle modalità del piano di evacuazione dettagliato (consegnato nei vari plessi) e sulla lettura attenta delle norme comportamentali da tenere per ogni rischio sia naturale che indotto. Il, d accordo con il Dirigente Scolastico, potrà simulare una prova d emergenza senza preavviso per valutare il livello efficienza raggiunto.

5 Pagina 5 di 31 Allegato n. XIII al DSVR Anno scolastico 2008/2009 DISPOSIZIONE TIPO DEI BANCHI NELLE AULE NOTA: Questa disposizione può variare in base alle dimensioni delle classi e al numero degli alunni. Le file possono essere composte tutte da due o da un singolo banco. La via di fuga deve essere libera da ogni ostacolo. Nel disegno sopra: la disposizione degli zaini è ottimale. La lavagna non intralcia il cammino e la cattedra (deve trovarsi quanto più possibile) vicino al muro. I numeri rappresentano l ordine di fuga (uscita) degli alunni. È vietato mettere gli zaini accanto ai tavoli (loto uscita alunni), arredi lungo le vie di fuga, file di tre o più banchi.

6 Pagina 6 di 31 Allegato n. XIV al DSVR PROVE DI EVACUAZIONE DALL EDIFICIO SCOLASTICO PER EVENTO CALAMITOSO PROMEMORIA (Per i Sig.ri Docenti) Si ricorda ai Sig.ri Docenti che gli allievi dovranno essere costantemente istruiti: a) Sulla dislocazione della classe e sul percorso da seguire per raggiungere il luogo sicuro. b) sulle modalità di evacuazione previste nel piano di evacuazione dall edificio scolastico; c) sulla lettura delle norme comportamentali da tenere per ogni tipo di rischio sia esso naturale che indotto; d) sull andamento veloce e ordinato e, soprattutto, non di corsa per raggiungere il luogo sicuro. SEGNALE DI ALLARME ( per evento calamitoso sismico ): SUONO INTERMITTENTE DELLA CAMPANELLA Al suono convenzionale dell allarme (suono ad intermittenza della campanella per un periodo di circa 15 sec.) gli alunni si ripareranno sotto il proprio banco per circa 20 sec. dall inizio del suono, al termine dei quali usciranno dalle aule in modo spedito ed ordinato (possibilmente mano nella mano all interno dell edificio. Far staccare i bambini in prossimità delle scale), seguiranno le vie di fuga indicate e si dirigeranno verso la zona di raccolta assegnata, evitando comportamenti che possano arrecare danni a loro stessi e ai compagni. La zona di raccolta per le aule 5, 6, 7 e 21 è il cortile sud; per l aula 19 è il cortile nord. In assenza d energia elettrica o guasto alla campanella, l allarme verà diramato tramite voce da parte dei collaboratori scolastici. NOTA: Far tenere i bambini per mano evita lo scoraggiamento e infonde sicurezza. È opportuno, tuttavia, evitare di tenersi per mano nel superamento di gradini o nelle scale.

7 Pagina 7 di 31 Allegato n. XV al DSVR DI PREVENZIONE GENERALE PER TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO Tutti i contenitore devono riportare l'etichetta con l'indicazione ben leggibile del contenuto. Ripristinare la scorta, quando viene usata la cassetta di pronto soccorso, e segnalare eventuali carenze. Evitare di gettare cocci di vetro nei sacchi di plastica dell'immondizia. Manipolare vetri o materiale pungente con i guanti adatti. Negli armadi o negli scaffali disporre in basso i materiali più pesanti, in alto quelli leggeri. Non dare in uso scale, utensili e attrezzi al personale delle ditte esterne che si trovino a lavorare nella scuola. Non posteggiare le auto, le moto o le biciclette davanti ai cancelli, sui pozzetti di intercettazione dell'acqua o presso gli attacchi dell'acqua per i vigili del fuoco, nel cortile davanti la porta d ingresso degli edifici, nelle vie di fuga e ove ubicati i segnali di divieto di sosta. Controllare le attrezzature e gli impianti di sicurezza periodicamente in modo da garantirne l'efficienza. Tutte le chiavi devono avere etichette identificative e devono essere riposte nelle apposite bacheche dopo l'uso. Prima di usare qualsiasi apparecchiatura elettrica controllare che non vi siano cavi, spine, prese di corrente, interruttori senza protezione. Non sovraccaricare una linea elettrica con collegamenti di fortuna (divieto). Non toccare mai le apparecchiature elettriche e gli interruttori con le mani bagnate o se il pavimento è bagnato. Disinserire le spine afferrandone l'involucro esterno e non il cavo. Non compiere interventi di alcun genere sulle macchine elettriche. Non usare acqua per un incendio su linee o apparecchiature elettriche. Interrompere la corrente elettrica prima di soccorrere una persona folgorata. Spostarla dalla sorgente elettrica con oggetti di legno e chiamare immediatamente l'ambulanza. Controllare regolarmente il funzionamento delle luci di emergenza. Non lasciare mai portalampade privi della lampadina. Controllare sistematicamente che non vi siano cavi con le guaine di isolamento danneggiate. È vietato usare trielina, benzina e altri solventi infiammabili per il lavaggio dei pavimenti. In caso di incendio staccare l'elettricità. Non depositare materiale di alcun tipo nel locale caldaia e nella cabina elettrica. Non depositare materiale ingombrante davanti o dietro le porte di uscita, soprattutto quelle di emergenza. Mantenere sempre sgombre le vie di fuga.

8 Pagina 8 di 31 Allegato n. XVII al DSVR DI PREVENZIONE GENERALE NORME PER I COLLABORATORI SCOLASTICI 1) Vigilare costantemente i locali scolastici. 2) Svolgere attività di vigilanza sugli alunni nei casi di classi momentaneamente non coperte dai docenti. 3) In caso di grave pericolo collaborare con gli insegnanti aiutando gli alunni portatori di handicap a raggiungere la zona di sicurezza. 4) Durante le operazioni di pulizia, di rimozione di oggetti arrugginiti o pericolosi, usare guanti e camici adatti. 5) Riporre detersivi, ricariche per fotocopiatrici o qualsiasi prodotto tossico in luogo sicuro e leggere sempre le istruzioni e le avvertenze prima dell uso. 6) Disattivare l interruttore generale (contatore) nelle operazioni di sostituzione delle lampadine. 7) Non spostare, da soli, carichi superiori ai 15 kg. 8) Mantenere le vie di fuga sempre libere da qualsiasi ostacolo.

9 Pagina 9 di 31 Allegato n. XVIII al DSVR DI PREVENZIONE GENERALE NORME PER IL PERSONALE DOCENTE 1) Svolgere continuamente il compito di vigilare sulla sicurezza degli alunni e salvaguardare la loro salute mentale avendo cura di ripartire equamente il carico di lavoro 2) Vigilare sulle condizioni igieniche degli alunni 3) Non fare trasportare arredi scolastici e strumenti didattici agli alunni 4) Non fare inserire nelle prese le spine di apparecchiature elettriche agli alunni 5) Al termine delle lezioni, andare via solo dopo che tutti gli alunni sono stati accompagnati all uscita principale, così come da regolamento d istituto. 6) Non parcheggiare l auto nel cortile dell ingresso principale o davanti agli idranti (attacco antincendio) o dov è esposto il divieto di sosta. 7) Non lasciare soli i ragazzi, soprattutto, nei laboratori per qualsiasi motivo. 8) Portare sempre con sé il registro di classe ogni qualvolta si portano fuori i ragazzi dalla propria aula all interno del perimetro scuolastico. 9) Sistemare i banchi e le sedie in modo da facilitare la fuga di ognuno e non intralcino il cammino. 10) Segnalare immediatamente al Dirigente o al responsabile della sicurezza le cause di pericolo rilevate. 11) Non distribuire farmaci.

10 Pagina 10 di 31 Allegato n. XIX al DSVR SCHEMA RIEPILOGATIVO DEI PER TUTTO IL PERSONALE DOCENTE INCENDI SISMI CROLLI IN CASO DI INCENDI DI MODESTA ENTITÀ INCENDI PANNELLI ELETTRICI - PRESE DI CORRENTE - INTERRUTTORI GUASTI - FILI ELETTRICI NON ISOLATI GUASTI AI SERVIZI IGIENICI - VETRI FRANTUMATI - OGGETTI PERICOLOSI FURTI - DANNEGGIAMENTI PROCEDERE NEL MODO SEGUENTE Dare l allarme (solo nel caso d incendio o crollo). Evacuare ordinatamente i locali. Telefonare immediatamente ai vigili del fuoco, alla protezione civile, ai carabinieri, ai vigili urbani, alla croce rossa italiana Intervenire con l uso degli estintori Utilizzare solo estintori Evitare il possibile contatto con alunni e persone. Disattivare il contatore generale. Informare subito il rappresentante del servizio prevenzione e protezione. Isolare le parti scoperte dei fili. Chiudere il passante dell acqua e sospendere l uso dei servizi. Informare la Dirigenza Far rimuovere i frammenti di vetro e gli oggetti al personale ausiliario, se possibile. Informare la Dirigenza Informare il Dirigente o il collaboratore vicario

11 Pagina 11 di 31 Allegato n. XX al DSVR SERVIZI ESTERNI DI PRONTO SOCCORSO E SALVATAGGIO : VIGILI DEL FUOCO ACIREALE 115 CARABINIERI VIAGRANDE CARABINIERI (Pronto intervento) 112 POLIZIA 113 EMERGENZA SANITARIA 118 PRONTO SOCCORSO (H) ACIREALE PRONTO SOCCORSO (H) CANNIZZARO CROCE ROSSA ITALIANA VIAGRANDE POLIZIA MUNICIPALE VIAGRANDE COC VIAGRANDE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE CATANIA

12 Pagina 12 di 31 Allegato n. XXI al DSVR NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO (da sistemare nella classe bene in vista) - Mantieni la calma - Se l incendio si è sviluppato in classe, esci subito chiudendo la porta. - Se l incendio è fuori dalla tua classe e solo se il fumo rende impraticabili le scale e i corridoi, chiudi bene la porta del tuo ambiente e cerca di sigillare le fessure con panni possibilmente bagnati. - Se non puoi uscire, mantieni la calma, apri la finestra e, senza esporti troppo, chiedi aiuto. - Se il fumo non ti fa respirare, filtra l aria attraverso un fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiati sul pavimento (il fumo tende a salire verso l alto)

13 Pagina 13 di 31 Allegato n. XXII al DSVR NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO (da sistemare nella classe bene in vista) SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - Mantieni la calma. - Non precipitarti fuori. - Resta in classe e riparati sotto il banco, sotto l architrave o vicino ai muri portanti. - Allontanati dalle finestre, porte con vetri, armadi, perché, cadendo, potrebbero ferirti. - Se ti trovi nei corridoi o nel vano della scala, rientra nella tua classe o in quella più vicina. - Dopo il terremoto, all ordine di evacuazione, abbandona l edificio e ricongiungiti con i compagni di classe nella zona di raccolta assegnata. - Non usare l ascensore e le scale interne. SE TI TROVI ALL APERTO - Allontanati dall edificio, dagli alberi, dai lampioni e dalle linee elettriche perché potrebbero cadere e ferirti. - Cerca un posto dove non hai nulla sopra di te; se non lo trovi cerca riparo sotto qualcosa di sicuro come una panchina. - Non avvicinarti ad animali spaventati.

14 Pagina 14 di 31 Allegato n. XXIII al DSVR DI PREVENZIONE GENERALE PER GLI ALUNNI (da sistemare nella classe bene in vista) Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non spiccare salti dai gradini delle scale. - È meglio evitare scherzi che possano creare pericolo. - Non compiere interventi di alcun genere sulle macchine elettriche. - Non ingombrare con zaini o oggetti inutili i pavimenti, le vie di fuga, gli atri, le uscite, le scale. - Evitare di camminare vicino ai muri dei corridoi: l apertura improvvisa delle porte potrebbe causare danni. - Non sporgersi dalle finestre, dai pianerottoli, dalle scale o dai corrimano. - Sistemare i banchi e le sedie in modo da facilitare la fuga di ognuno. - Non rimuovere per alcun motivo o danneggiare i cartelli segnalatori (verdi, rossi, gialli o blu). - Segnalare immediatamente le cause di pericolo rilevate. - Disinfettare immediatamente ogni ferita o taglio. - È assolutamente vietato distribuire farmaci.

15 Pagina 15 di 31 Allegato n. XXVI al DSVR SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MISURE ATTUATIVE ENTRATE E USCITE QUOTIDIANE DEGLI ALUNNI NELL EDIFICIO SCOLASTICO INFANZIA di Via Collegio (NON IN CASO DI EMERGENZA) I genitori accompagnano i bambini e li prelevano dall ingressouscita n 1 ENTRATA NELL EDIFICIO TUTTE LE SEZIONI A - B C D ENTRATA N. 1 USCITA DALL EDIFICIO TUTTE LE SEZIONI A - B C D ENTRATA N. 1 È FATTO OBBLIGO A TUTTI I GENITORI DI NON SOSTARE O SOFFERMARSI NELLO SPAZIO ANTISTANTE L INGRESSO - USCITA I bambini disabili entrano-escono dall ingresso-uscita n. 2 (cancello scorrevole)

16 Pagina 16 di 31 Allegato n. XXXVII al DSVR SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MISURE ATTUATIVE Prevenzione delle malattie a trasmissione ematica Da affiggere all'interno della cassetta di Pronto Soccorso Al fine di evitare la trasmissione di malattie che si trasmettono con liquidi organici infetti, in particolare sangue (epatite B - epatite C - AIDS ecc.), si danno le seguenti indicazioni: E' necessario indossare guanti monouso ogni volta si preveda di venire in contatto con liquidi organici di altre persone (es. per medicazioni, igiene ambientale) Gli strumenti didattici taglienti (forbici, punteruoli, cacciaviti, ecc.) devono essere o strettamente personali o, se imbrattati di sangue, opportunamente disinfettati. II disinfettante da utilizzare per le superfici e/o i materiali imbrattati di sangue o altri liquidi organici è l'ipoclorito di sodio al 5-6% di cloro attivo. In pratica si procede come indicato di seguito: - indossare guanti monouso - allontanare il liquido organico dalla superficie - applicare una soluzione formata da: 1 I di acqua e 200 ml di ipoclorito di sodio al 5-6% di cloro attivo - lasciare fa soluzione per 20' - sciacquare con acqua N.B.: è necessario controllare la composizione dell'ipoclorito di sodio da utilizzare e verificare la concentrazione di cloro attivo sia al 5-6%

17 Pagina 17 di 31 Allegato n. XXXVIII al DSVR SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MISURE ATTUATIVE Presidi sanitari per il pacchetto di medicazione (SCHEDA DI RILEVAZIONE) Plesso: Controllare che in ogni cassetta di Pronto Soccorso, tipo pensile da cucina, (opportunamente segnalata e dotata di serratura) deve contenere almeno: PRODOTTO Una confezione di sapone liquido Una confezione di guanti monouso in vinile o in lattice Un paio di forbici Una confezione di clorossidante elettrolitico al 5% (es. AMUCHINA al 10% pronto ferite) Una confezione di acqua ossigenata F. U. 10 vol da 100 g. N.2 bende orlate da 5 cm Un rotolo di cerotto pre-medicato alto 8 cm (es. ANSAMED) Una confezione di cerotti pre-medicati di varie misure Una confezione di cotone idrofilo da 100 g. N. 10 compresse di garze sterili 10X10 in buste singole. Una confezione di rete elastica di misura media N. 2 lacci emostatici Un termometro N. 2 confezioni di ghiaccio pronto uso istantaneo N. 2 confezioni di ghiaccio pronto uso da conservare in ghiacciaia (es. coldhot-packs) N. 2 sacchetti monouso per la raccolta dei rifiuti sanitari. N. 1 Pochet Mask per la respirazione artificiale PRESENTE SI NO * DA INTEGRARE Eventuali comunicazioni: * Le caselle di questa colonna vanno segnate se il prodotto: non è presente; insufficiente o sta per finire. Viagrande L addetto al controllo Da compilare e consegnare al più presto al -

18 Pagina 18 di 31 ANNO SCOLASTICO Allegato n. I al DSVR SCHEDA RILAVAZIOINE RISCHI SCUOLA DELL INFANZIA Via I fiduciari dei plessi scolastici (scuola primaria e scuola dell infanzia) sono pregati di segnalare* periodicamente al Dirigente Scolastico o al responsabile del servizio di prevenzione e protezione dei rischi - prof. Messina Alfio situazioni anomali sopraggiunte che possano costituire pericolo per l incolumità o la salute di tutto il personale scolastico in particolar modo per gli alunni. SETTORE OGGETTO SEGNALAZIONE DATA Impianto elettrico Prese staccate fili scoperti plafoniere pericolanti altro Illuminazione Lumen quantità di luce Strutture Pavimento soffitti muri scale - altro Vie di fuga Arredo Segnaletica di Sicurezza Prodotti o sostanze Porte antipanico vie sgombre porte chiuse - altro Bordi arrotondati banchi e sedie basse armadi pericolanti altro Manca planimetria, norme comportamento cartelli vie di fuga Prodotti pericolosi materiale di pulizia nocivo altro Macchine o attrezzature Manca la marchiatura CE Altro *Fotocopiare la scheda, riempire in modo preciso e consegnare urgentemente se necessario.

19 Pagina 19 di 31 Allegato n. V al DSVR ANNO SCOLASTICO Attuazione delle misure di miglioramento in base alla rilevazione dei rischi nell anno scolastico 2008/2009. MISURE INTERNE spostamenti di scaffalature, sedie, armadiaudiovisivi macchine utensili ecc Scuola INFANZIA

20 Pagina 20 di 31 Allegato n. X al DSVR SCHEDA PROVE PARZIALI E GENERALI CLASSE Docente Prova Data g.m.a. Ora H,m Alunni presenti Alunno apri-fila Alunno serra-fila Alunni evacuati N Feriti Tutti nella Zona di raccolta designata? Sì No Sì Sì Sì Sì Sì Sì No No No No No No

21 Pagina 21 di 31 Allegato n. XI al DSVR SCHEDA RILEVAMENTO ESERCITAZIONE (scuola infanzia - classi prime della scuola primaria e secondaria di 1 grado) CLASSE Docente Prova Data g.m.a. Ora H,m Alunni presenti Alunno apri-fila Alunno serra-fila Alunni evacuati N Feriti Tutti nella Zona di raccolta designata? Sì No Sì Sì Sì Sì Sì Sì No No No No No No

22 Pagina 22 di 31 Allegato n. XII al DSVR SCHEDA PER L ANALISI CRITICA DEI TENUTI DAGLI ALLIEVI DURANTE LE PROVE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (Da allegare al registro di classe) Il docente dovrà esprimere un giudizio sintetico sui comportamenti degli allievi, segnalando eventuali situazioni anomali CLASSE / SEZIONE OSSERVAZIONI Docente Prova n Data Ora Mantengono la calma? Hanno seguito le istruzioni per l evacuazione? Si sono riuniti nei punti di raccolta assegnati? SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ NO note: Feriti SÌ Dispersi SÌ NO NO SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ SÌ NO NO SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ SÌ NO NO SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ SÌ NO NO SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ NO note: SÌ SÌ NO NO

23 Documento: M9-A1. all. IV Pagina 23 di 31 Come UTLILIZZARE un ESTINTORE (in caso di incendio) 1. TOGLI IL FERMO DI SICUREZZA CON UN GESTO DECISO. 2. CON UNA MANO IMPUGNA L'ESTINTORE CON L'ALTRA L'EROGATORE. 3. PREMI A FONDO LA LEVA DI EROGAZIONE. 4. DIRIGI IL GETTO ALLA BASE DELLE FIAMME CON DIREZIONE QUASI PARALLELA AL PAVIMENTO SVENTAGLIANDO DA DESTRA A SINISTRA. 5. AVVICINATI PROGRESSIVAMENTE TENENDOTI COMUNQUE A DEBITA DISTANZA. 6. EVITA DI COLPIRE LA FIAMMA DALL'ALTO IN BASSO E DI SPARPAGLIARE L'INCENDIO CON UN'EROGAZIONE TROPPO VIOLENTA. SE SI INTERVIENE IN DUE, AVANZARE TENENDOSI SULLO STESSO FRONTE PER LE APPARECCHIATURE E LE CABINE ELETTRICHE USARE SOLO ESTINTORI A CO2 N.B.: un estintore si svuota in pochi secondi!

24 Documento: M9-A1. all. IV Pagina 24 di 31 Come UTILIZZARE la MANICHETTA ANTINCENDIO Lancia Antincendio 1. ROMPERE IL PLEXGLASS DELLA CASSETTA CONTENENTE LA MANICHETTA. 2. SROTOLARE A TERRA LA TUBAZIONE FLESSIBILE. 3. VERIFICARE O AVVITARE IL COLLEGAMENTO AL RUBINETTO IDRANTE. 4. COLLEGARE LA LANCIA EROGATRICE ALLA TUBAZIONE FLESSIBILE. 5. APRIRE IL RUBINETTO IDRANTE RUOTANDO IL VOLANTINO IN SENSO ANTIORARIO. 6. AZIONARE IL DISPOSITIVO DI REGOLAZIONE DELLA LANCIA, CHIUSO, APERTO A GETTO PIENO, APERTO A GETTO FRAZIONATO. 7. DIRIGERE IL GETTO ALLA BASE DELLE FIAMME. NON UTILIZZARE SU APPARECCHIATURE SOTTO TENSIONE NON UTILIZZARE SU LIQUIDI INFIAMMABILI

25 Documento: M9-A1. all. IV Pagina 25 di 31 Nel presente documento sono illustrate le norme di comportamento a cui tutto il personale deve attenersi in caso di emergenza. Le regole sono riportate anche negli allegati e sono affisse in ogni ambiente, soprattutto nelle aule o nei luoghi freguentati da tutto il personale scolastico e dagli alunni. Inoltre, esse sono state distribuite a tutto il personale scolastico. OBIETTIVI DEL PIANO II presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi: affrontare l emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica; pianificare le azioni necessarie per prevenire e proteggere le persone sia da eventi interni che esterni; coordinare i servizi di emergenza, il gruppo tecnico e la direzione didattica; fornire una base informativa didattica per la formazione del personale docente, degli alunni e dei genitori degli alunni. INFORMAZIONE L informazione agli insegnanti e agli studenti prevede incontri per l acquisizione delle procedure e dei comportamenti individuati nel piano e la partecipazione a dibattiti all interno della classe. Si distribuirà una sintesi del Piano di Emergenza in tutti i plessi scolastici. In ogni ambiente saranno affissi gli allegati riportanti i comportamenti in caso di emergenza e le piantine con le vie di fuga. PROVE DI EVACUAZIONE Nell arco dell anno scolastico, ogni docente è libero di far esercitare gli alunni in prove di emergenza. Sono state programmate due prove generali di evacuazione per ogni edificio con notifica a tutti gli insegnanti. Il Dirigente scolastico può indire una prova a sorpresa per valutare meglio le condizioni di allarme. ISTRUZIONI GENERALI DI PREVENZIONE. Ai fini della buona riuscita delle operazioni deve essere garantito quanto segue: a) I docenti della classe (infanzia), i docenti con più ore (primaria) e i coordinatori delle classi individuano e assegnano agli alunni i seguenti incarichi: - Un alunno aprifila, in genere il più vicino alla porta, e un supplente. Ha il compito di aprire le porte e guidare la classe al punto di raccolta; - Un alunno serrafila, il più distante dalla porta, e un supplente. Ha il compito di chiudere la porta e di controllare che nessuno sia rimasto dentro; b) Controllare sempre le seguenti condizioni di sicurezza: - i banchi, la cattedra, la lavagna, il cestino dei rifiuti, gli zaini e altri arredi sono disposti in modo da non ostacolare la rapida uscita dall aula o da altro ambiente in cui si trova; - tutte le porte devono essere sempre apribili in modo facile. Nell eventualità di casi in cui non funzionino le maniglie, socchiudere le porte avendo cura di disattivare i saliscendi dell altra anta;

26 Documento: M9-A1. all. IV Pagina 26 di 31 - i percorsi per raggiungere le uscite di sicurezza, nonché le uscite stesse, sono sgombre da impedimenti e/o ostacoli; c) all interno di ogni aula sono affissi: - planimetria della scuola, o del piano ove ubicata la classe, con il percorso per raggiungere l uscita d emergenza più vicina e il punto di raccolta; - le istruzioni dei comportamenti generali; - norme in caso di emergenza. PROVE DI EVACUAZIONE DALL EDIFICIO SCOLASTICO SEGNALE DI ALLARME PER EVENTO CALAMITOSO SISMICO: SUONO INTERMITTENTE DELLA CAMPANELLA SEGNALE DI ALLARME PER INCENDIO O ALTRO EVENTO: SUONO CONTIUNO DELLA CAMPANELLA Gli addetti alla prevenzione incendi ed evacuazione devono: - collaborare alle attività di prevenzione incendi - partecipare alla elaborazione ed all'aggiornamento dei piani di emergenza - conoscere e mantenere in efficienza i sistemi di prevenzione incendi (estintori, sistemi di allarme, uscite d'emergenza, segnaletica di sicurezza ecc.) - aggiornare i recapiti telefonici gli Enti esterni. Addetti al pronto soccorso I principali compiti che possono essere svolti dagli addetti al pronto soccorso sono: - mantenere in efficienza i presidi medico chirurgici aziendali (pacchetto di medicazione, cassetta di pronto soccorso, infermeria ecc. - aggiornare i numeri telefonici dei presidi sanitari esterni - intervenire in caso di infortunio anche allo scopo di evitare che all'infortunato vengano prestate azioni di soccorso non idonee. COSA FARE IN CASO DI PERICOLO (PROCEDURA STANDARD) (la qualità del tempo utilizzato è più importante della quantità del tempo speso per l evacuazione) In caso di pericolo è molto importante mantenere la calma e non suscitare panico. Cercare di informare gli addetti o il collaboratore scolastico di piano cercando di dare le informazioni precise e dettagliate su: - il luogo dell'evento - il tipo di evento (incendio, fuga di gas, ecc.)

27 Documento: M9-A1. all. IV Pagina 27 di 31 - una sommaria valutazione della gravità dell'evento. Il collaboratore o chi viene a conoscenza del pericolo deve: - avvisare subito gli addetti, dando le suddette indicazioni per un rapido sopralluogo - avvisare il responsabile del servizio di prevenzione e protezione - avvisare il posto di portineria affinché venga impedito l'accesso delle persone ai locali. In caso di pericolo accertato, gli addetti al posto di chiamata devono: - provvedere affinché vengano chiamati, su indicazione del responsabile del servizio, i soccorsi pubblici (VV.F., CRI, Polizia, ENEL, ecc.), secondo le necessità - abbandonare i locali qualora sia dato il segnale di sfollamento di emergenza. CHI DÀ L ORDINE DI EVACUAZIONE: LUOGO ADDETTO SUPPLENTE SEDE DIRIGENTE SCOLASTICO VICARIO PRIMARIA INFANZIA via Colegio INFANZIA via Mazzini RESPONSABILE DI PLESSO (1) COLLABORATORE del resp. (1) CHI DIFFONDE L ORDINE (SUONO DELLA CAMPANELLA O A VOCE in mancanza dell energia elettrica) LUOGO ADDETTO SUPPLENTE SEDE PRIMARIA INFANZIA via Colegio INFANZIA via Mazzini COLLABORATORE SCOLASTICO INCARICATO (1) Collaboratore supplente (1) CHI CHIAMA I SOCCORSI (VVF, VVUU, 118, COC, ecc ) LUOGO ADDETTO SUPPLENTE SEDE DSGA Componenti segreteria PRIMARIA INFANZIA via Colegio INFANZIA via Mazzini RESPONSABILE DI PLESSO (1) COLLABORATORE del resp. (1) SGOMBERO DEI PIANI LUOGO ADDETTO SUPPLENTE SEDE PRIMARIA INFANZIA via Colegio INFANZIA via Mazzini COLLABORATORE SCOLASTICO INCARICATO DEL PIANO (1) Collaboratore supplente (1) INTERRUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA, GAS DELLE CALDAIE. LUOGO ADDETTO SUPPLENTE SEDE PRIMARIA INFANZIA via Colegio INFANZIA via Mazzini COLLABORATORE SCOLASTICO INCARICATO (1) Collaboratore supplente (1) APERTURA DEI CANCELLI PRINCIPALI. Sede=cancello inferiore; primaria=cancello piazza Chiesa Antica; via Mazzini=cancello via vallone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Sovrintendenza Sanitaria Centrale

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

Progetto ideato e realizzato da

Progetto ideato e realizzato da PREFETTURA DI ENNA Progetto ideato e realizzato da CONSIGLI SULLA SICUREZZA Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Enna Comando Provinciale Vigili del Fuoco Enna Associazione Nazionale Vigili del

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE?

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? Il modo per aiutare una persona spesso dipende dal problema che ha. A volte, il sistema più rapido per soccorrere

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli