creativitoria 100% MADE IN ITALY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY"

Transcript

1 caosfera creativitoria 100% MADE IN ITALY

2 Alfio Fantini LE ROSE PER IDA Essenza Alfio Fantini Le rose per Ida ISBN copyright 2014 Caosfera Edizioni soluzioni grafiche e realizzazione

3 Ad Ida, con tutta la tenerezza del mio cuore, poiché ella ha molto sofferto e molto amato. 5

4 Introduzione di Luciano Rondanini Nel libro di Giuseppe Pontiggia Nati due volte, l autore descrive la scena di un incontro che esprime i sentimenti di timore e speranza che vivono molti genitori con figli disabili. «Non posso prevedere come diventerà vostro figlio» dice lo specialista al padre e alla madre che gli chiedono di sapere che ne sarà del loro bambino. «Posso fare alcune ipotesi ragionevoli.» Ne indica tre. La prima, quella più ottimistica, potrebbe consistere solo nella presenza di disturbi marginali. «Però, - aggiunge il dottore - è quella meno probabile.» La seconda potrebbe interessare la sfera motoria, causando gravi problemi di deambulazione e lasciare intatte le potenzialità mentali. Infine, la terza, quella più negativa, potrebbe interessare sia il movimento sia il quadro cerebrale. «Però posso sbagliarmi» conclude il professore. «In ogni caso, - sottolinea - questi bambini nascono due volte. Devono imparare a muoversi in un mondo che la prima nascita ha reso più difficile. La seconda dipende da voi, da quello che saprete dare. Sono nati due volte e il percorso sarà più tormentato. Ma alla fine anche per voi sarà una rinascita. Questa almeno è la mia esperienza. Non posso dirvi altro.» Parole sagge e comunicate con una straordinaria dose di realismo che lascia però aperto un cammino di speranza e di realizzazione personale per il figlio ma anche per i genitori, i quali non vengono visti dallo specialista come cosa medica, ma osservati con gli occhi di chi sa abbracciare l altro, riconoscendogli lo stato ontologico di ogni essere umano, costruttore sempre e comunque del proprio romanzo esistenziale. Anche nella storia di Antonio, raccontata nel libro di Alfio Fantini Le rose per Ida, ci imbattiamo in uno dei momenti più delicati, quello della comunicazione della diagnosi alla famiglia da parte dei responsabili della struttura sanitaria. «Ci dica, dottoressa, è qualcosa di grave?» chiede la mamma Ida. «Purtroppo sì, risponde lei. Si tratta di una tetraparesi spastica, di quelle forti, non lievi.» Il papà, Giovanni, chiede se il bambino potrà guarire. Il medico risponde in modo interlocutorio, dicendo che è troppo presto per azzardare 7

5 una diagnosi più sicura. Però, a differenza del professore di cui parla Pontiggia, questa dottoressa si lascia andare ad affermazioni gravi e inopportune per i due genitori, con un affermazione che, anche ai non addetti ai lavori, risulta devastante. «Considerate che il suo cervello è come crivellato, è come un terreno che abbia subito forti scosse di terremoto.» Al che i due genitori rimangano impietriti. Non potrebbe essere altrimenti. La diagnosi clinica che il medico sta trasmettendo si rifà ad espressioni violente, che richiamano scontro, eventi catastrofici, una resa dei conti. È quanto di peggio si possa dire ad un padre e una madre già duramente provati da quanto accaduto e in preda ad una lancinante attesa di conoscere quale potrà essere il futuro del loro bambino. Per coloro che hanno un figlio con disabilità il futuro è un immenso presente, spesso un tempo soverchiante. Occorre molta sensibilità e competenza per comunicare con questi genitori. S. Agostino parlava del presente dell anima, che nella sua visione comprendeva sia il passato, la memoria, che il futuro, l attesa. Per i genitori di figli con un deficit il futuro comincia sempre oggi ed è il tempo che si costruisce con pazienza e apprensione. Le rose per Ida è un libro straordinariamente bello perché coglie tutto il dolore di una famiglia che deve fronteggiare la situazione di un figlio con disabilità, ma che sa offrire ciò che di più nobile c è nell essere uomo e donna, padre e madre, marito e moglie. «Dobbiamo amarlo con tutto il cuore questo figlio martoriato» dice Giovanni a Ida in una delle tante conversazioni sul perché tutto ciò sia successo proprio a loro. «Egli ha bisogno di amore perché noi abbiamo bisogno di amore! Quando nella vita di un uomo domina l amore, qualsiasi cosa capiti, quella vita è ben riuscita, è un successo. Io voglio che la mia vita, che la nostra vita sia un successo.» Nell esperienza della loro vita coniugale l irruzione della disabilità del figlio Antonio è un motivo per rafforzare un legame d amore sbocciato anni prima in una calda sera d estate. Questa condizione è favorita anche da una profonda fede religiosa, che porta entrambi a ricercare nuovi orizzonti e nuove risposte. «Dio vuole guidarci verso la civiltà vera, quella dell amore» confessa alla moglie Giovanni. «Noi però avanziamo molto lentamente lungo questa strada, perché siamo recalcitranti ad ascoltare la sua voce.» «Sono d accordo con te, gli fa eco Ida. Loro (le persone con disabilità) sono più vicini a Dio e comprendono, più di chiunque altro, i desideri e i disegni del suo Creatore.» Giovanni ed Ida sono una famiglia che, come ha detto Enzo Jannacci, ha potuto sperimentare la carezza del Nazareno. Ogni esperienza può diventare un occasione di maturazione e di crescita. In questo senso la vita dei due si trasforma in un cammino spirituale, che alimenterà un arricchimento continuo della loro umanità. Così Antonio, cullato dalle cure amorevoli dei genitori e della sorellina, può cominciare la sua nuova vita frequentando positivamente tutti i gradi d istruzione: la scuola elementare, la scuola media e l istruzione superiore. A proposito di questo lungo periodo educativo, mi vengono naturali due riflessioni. La prima è positiva. Antonio vive il suo percorso formativo in modo piacevole e costruttivo sotto ogni aspetto. Incontra insegnanti e coetanei che lo aiutano a scoprire nuove potenzialità e peculiari attitudini: l interesse per la musica, la danza, gli animali... Anche i passaggi da un ordine scolastico a quello successivo sono risultati attentamente preparati dai docenti, in modo da evitare perdite di tempo e inevitabili incomprensioni tra scuola e famiglia e tra insegnanti e genitori. La seconda è più critica. Non si evince nel cammino scolastico di Antonio quella coralità di impegni e di responsabilità che deve animare l intero gruppo docente delle classi da lui frequentate. È un percorso positivo, ma giocato in larga misura in un rapporto tra Antonio e le figure specialistiche: l insegnante Camilla nella scuola elementare, il docente di sostegno nella scuola media, integrato dalla presenza dell educatore del comune; lo stesso dicasi per quanto riguarda la frequenza della scuola superiore di secondo grado. Sembra venir meno il senso di una comunità educativa che accoglie, progetta, agisce, accompagna, valuta. È una vexata questio che trova ancora indisponibili troppi insegnanti, i quali incontrano solo furtivamente lo studente con disabilità e spesso lo fanno in modo rinunciatario e delegante. Ma la storia amara raccontata da Alfio Fantini ci trasmette uno dei problemi più grandi delle famiglie con figli disabili: la difficoltà di realizzare un adeguato progetto di vita che sappia rispondere ai bisogni dell adultità di un giovane in situazione di handicap. La prematura scomparsa di mamma Ida rende ancor più drammatico questo momento e mette in luce le incoerenze di una società che, dopo l esperienza scolastica, rischia di diventare balbettante ed insicura. Infatti il percorso educativo di un giovane disabile, nell ottica del progetto di vita, deve rifuggire da due rischi: 8 9

6 quello di inseguire obiettivi impossibili o, al contrario, quello di un semplice accontentarsi. La vita adulta di Antonio sembra andare in questa seconda direzione e ci consegna le due grandi sfide dell inclusione sociale dei ragazzi disabili: quella del durante noi e quella del dopo di noi. Il durante noi coincide con l inizio della vita adulta di una persona con handicap al termine del percorso scolastico. È un tempo non sempre felice sia per il giovane che per la famiglia, in quanto alle certezze che la scuola assicura, nonostante le difficoltà crescenti, subentra una stagione di riflusso e di scarse opportunità. Nel caso di Antonio, dopo alcune esperienze positive messe in atto dai soggetti istituzionali e associativi della comunità locale, il progetto di vita del figlio finirà per ricadere unicamente sulle spalle dei genitori. Purtroppo è ciò che succede sempre più frequentemente, soprattutto in quelle realtà territoriali nelle quali dopo la scuola c è il deserto. Più difficile poi per Antonio il dopo di noi, perché dopo l improvvisa scomparsa della madre, papà Giovanni si trova solo a sostenere il peso dell esistenza del figlio ed è costretto a fare la scelta della vicina Casa della carità, una struttura fondata da Don Mario Prandi, prete reggiano, cresciuto negli anni trenta accanto a don Dino Torreggiani, altro grandissimo sacerdote di questa rossa città emiliana. Le Case della carità sono un esempio di prossimità parrocchiale e sono diffuse un po ovunque soprattutto nella realtà emiliana. Casa, perché pensata come struttura leggera sulla falsariga dello spazio familiare; carità, in quanto la gestione della casa è affidata alle cure di suore e di volontari delle parrocchie, che fanno della gratuità del servizio il fulcro della loro fede. Si tratta di una forma di sussidiarietà di matrice cattolica che dà risposte significative a bisogni difficili come quelli di Antonio e di suo padre. In un progetto di vita di una persona disabile occorre che genitori e figli abbiano coscienza di chi sono, quale spazio stanno occupando e verso dove si stanno muovendo. Il futuro di un giovane in situazione di handicap comporta da parte degli adulti la fusione di un pensiero caldo, fatto di attese, fiducia e speranza e di un pensiero progettuale freddo attraverso cui le nostre azioni vengono sottoposte al vaglio di scelte razionali e attentamente dosate. Potremmo definire questa tensione verso il futuro come capacità di raggiungere un equilibrio attivo con il mondo in cui si vive, evitando la tentazione di restare al di sopra della realtà in un mondo utopico o, al contrario, di rifugiarci al di sotto chiudendoci in uno spazio di rassegnazione e avvilimento. Ed è bello che la giovane nipote di Giovanni, Daniela, abbia colto, alla fine della storia, quel supplemento di umanità che spesso contraddistingue i genitori con figli disabili. Solo chi ha molto sofferto e molto amato può trasmettere questo di più

7 CAPITOLO 1 INCONTRO Tutto era stato programmato già da qualche giorno: quel sabato sera Giovanni sarebbe andato a cena con gli amici al ristorante La Ruota e avrebbe portato con sé Ida, una ragazza che aveva conosciuto da poco. Era la prima volta che Ida avrebbe incontrato gli amici di lui. Verso le 19:30 egli andò a prenderla a casa con la sua utilitaria ed alle 19:55 arrivarono nel parcheggio del ristorante, dove già si trovavano alcuni della compagnia. Giovanni presentò Ida agli amici, dopodiché si fermarono a chiacchierare un po, aspettando che giungessero gli altri. Quando l allegra brigata fu al completo, entrarono e presero posto nei tavoli. Accostandone diversi si era ottenuta una bella tavolata sufficiente ad accogliere quattordici persone! Giovanni si sedette di fianco ad Ida che non appariva per nulla imbarazzata o intimorita per il fatto di essere l unica nuova in quella compagnia già affiatata. Ella conversava disinvoltamente sia con Giovanni che con gli altri vicini. Ad un certo punto Oreste, che sedeva a lato della propria fidanzata Martina, volle provare a stuzzicare Ida con battutine alquanto pungenti, per saggiare la sua prontezza di spirito (Oreste veniva dalla città, si era appena laureato in Giurisprudenza, era un ottimo oratore, e si riteneva molto arguto. Così dava per scontato che quella ragazza di campagna si sarebbe trovata in difficoltà a tenergli testa). Ida, fissandolo di tanto in tanto con occhiate taglienti, gli rispondeva in modo assai pronto, lasciandolo spesso del tutto spiazzato. Coloro che li ascoltavano ridevano di gusto, vedendo come il tronfio Oreste avesse trovato pane per i propri denti. Chi si divertiva più di tutti era Martina, la quale, conoscendolo bene, percepiva più di chiunque altro quanto egli si trovasse a malpartito! Ida sembrava non dare importanza alla cosa, ma, dentro di sé, era soddisfatta del suo successo anche perché sapeva che Giovanni, pur tacendo, ascoltava ed osservava tutto con attenzione. In effetti, da quando lei era stata coinvolta in questo duello verbale con Oreste, Giovanni aveva quasi completamente distolto la propria attenzione dal resto della compagnia per seguire l andamento della sfida. Era tutta una parte sconosciuta della personalità di Ida che si stava 13

8 rivelando a lui! Ad un certo punto la ragazza, proprio dopo aver replicato ad Oreste con una battuta spiritosa, si girò verso Giovanni e per mostrargli che non lo trascurava, gli strizzò l occhio. Giovanni pensò, tra sé: decisamente lei è una ragazza sveglia e simpatica! La cena si protrasse fin verso le 10, dopodiché i commensali uscirono nel cortile e si sedettero ai tavoli che si trovavano lì, tra gli alberi e le aiuole di fiori. Eravamo in luglio e, sebbene durante il giorno avesse fatto molto caldo, a quell ora la sera aveva portato con sé una gradevolissima frescura. Una lieve brezza muoveva, di tanto in tanto, le fronde degli alberi, aumentando ancor più il senso di ristoro. La conversazione proseguì vivacemente tra i membri seduti al medesimo tavolo, finché, verso le 11.30, qualcuno cominciò ad alzarsi, ritenendo che ormai fosse ora di rientrare. La decisione dei primi fu contagiosa, sicché nel giro di breve tempo tutti si salutarono e si avviarono verso le automobili, senza dimenticare, però, di accordarsi per programmare la prossima uscita insieme. Giovanni ed Ida salirono in macchina e, come si furono sistemati, egli le chiese: «Allora, che te ne pare dei miei amici?» Lei rispose: «Sì, siete una bella compagnia. Sono simpatici!» Durante il tragitto continuarono a parlare della serata appena trascorsa, dei vari membri della compagnia e delle coppie di cui era composta. Giovanni accennò al fatto che lei avesse risposto magnificamente alle provocazioni di Oreste ed ella sorrise compiaciuta. Egli si girava ogni tanto verso la ragazza e, alla fioca luce che penetrava nell abitacolo, osservava il profilo del volto di lei, elegante e volitivo. Gli piaceva anche ascoltare la sua voce: era come una musica ricca e melodiosa che giungeva alle sue orecchie. Il corpo di lei, poi, ora non lo distingueva, ma lo aveva osservato abbastanza durante la serata: era snello e flessuoso e gli piaceva molto. Dato che si conoscevano da poco, non l aveva mai toccata, tranne quando, a volte, avevano ballato insieme in discoteca. Quella sera, però, c era dentro di lui come una forza latente che, a poco a poco, si affermava, cresceva e cercava di uscire alla vita. Questa forza, egli se ne rese conto ad un certo punto, era volta a creare un legame con lei, a stabilire un rapporto significativo. Giovanni cominciava a pensare come si potesse arrivare a ciò, ma, non trovando ancora il modo, nel frattempo continuava a conversare con lei della serata. Dopo che furono arrivati a casa di Ida, fu lei stessa ad offrire al ragazzo l opportunità di creare fra di loro una maggior intimità. Invece di salutarlo, gli chiese di aiutarla a piegare le lenzuola che sua madre aveva steso la mattina sul grande stenditoio in fondo al cortile. Egli fu piacevolmente sorpreso da quella richiesta, si affrettò a parcheggiare l auto e ad uscire per aiutarla. Ormai era mezzanotte, la sera era limpida. Al chiarore della luna si vedevano biancheggiare le lenzuola ormai asciutte. Dai campi, fuori dal cortile, proveniva il canto dei grilli, ma Giovanni non li sentiva più perché il suo cuore batteva forte e nella sua mente si agitava come un turbinio indecifrabile di pensieri, sentimenti, emozioni... Cominciarono a togliere le lenzuola dai fili e a piegarle. Per far combaciare i quattro capi, i due giovani dovevano portarli l uno alle mani dell altra ed attendere che venissero afferrati. Giovanni osservò Ida, notò il suo viso sereno, il lieve sorriso. Ebbe la sensazione che lei stesse aspettando le sue avance ed allora non poté più trattenersi: quando le sue mani toccarono quelle di lei, invece di affidarle i due capi del lenzuolo, glielo avvolse intorno alla vita, sicché lei ne risultò prigioniera. Tenendola così avvinghiata a sé, le avvicinò la bocca alle orecchie e le sussurrò: «Sei affascinante, sei da baciare!» Così dicendo, la baciò sulla guancia. Lei istintivamente cercò di divincolarsi, ma lui, questa volta, si girò, la strinse a sé e la baciò con foga sulla bocca. Lei non aveva le braccia libere, perciò non poté usarle per respingerlo, né gettargliele al collo, così si limitò ad accettare quel bacio improvviso che, però, nel suo intimo, desiderava. Era soddisfatta degli effetti che il suo fascino aveva ottenuto su Giovanni e non aveva timori per quel bacio, poiché era molto perspicace ed aveva già capito che lui era un ragazzo bravo e sincero. Così lei gli sorrise e, dopo averlo fissato con uno sguardo dolce e pieno di emozione, gli sussurrò: «Dai, dobbiamo finire di piegare tutte le lenzuola, altrimenti mia madre domattina mi sgrida!» Così terminarono il lavoro in silenzio. Quando ebbero finito, però, prima di andarsene, Giovanni la strinse a sé, sentì tutte le forme e tutto il calore del suo corpo, non più separato dal suo dal leggero velo del lenzuolo, e la baciò di nuovo sulla bocca, lungamente; lei gli gettò le braccia al collo, quelle braccia abbronzate e sottili, ma elastiche e forti, come la loro gioventù. Si diedero appuntamento per la sera del giorno dopo, domenica, per andare insieme alla discoteca di un paese vicino. Dopo la partenza di Giovanni, Ida si sentiva felice, tanto che, mentre rimetteva a posto le sedie del cortile, si scoprì intenta a canticchiare, nonostante fosse passata la mezzanotte. Come se ne accorse, 14 15

9 però, smise subito, per non disturbare la sorella, più giovane di lei di qualche anno, e i suoi genitori, che dormivano già. Rientrò facendo il minor rumore possibile, andò in bagno, dove si guardò allo specchio per alcuni istanti e fu abbastanza soddisfatta del suo aspetto; poi si coricò. Giovanni, mentre ritornava a casa propria (che distava circa quindici chilometri da quella di Ida), era tutto preso da quanto era successo quella sera tra lui e la ragazza. La sua mente era in preda ad emozioni così forti, che non vi era, da parte sua, alcuna possibilità di controllarne il flusso. Sotto sotto, però, come un fondo comune a tutto quel turbinio, si affermava sempre più una gioia intensa, incontenibile, che saturava ogni parte del suo spirito. Sopravvenne presto, però, il timore che essa non potesse durare e che tutto, ahimè, tornasse come prima. Fu a questo punto che Giovanni, per così dire, ritornò in sé, cioè riprese il controllo razionale sulla sua interiorità e considerò la situazione in modo oggettivo: Ida mi ha strizzato l occhio durante la cena - disse a se stesso - poi mi ha invitato ad aiutarla a piegare le lenzuola ed infine si è lasciata baciare, quindi vuol dire che c è intesa tra noi! Gettando poi un rapido sguardo alla sua vita futura, pensò, sentendosi rincuorato, la mia esistenza ora potrebbe cambiare, perché forse ho trovato la donna della mia vita! A questo punto la sua mente aveva abbandonato l eccitazione iniziale ed era diventata più calma e ricettiva. Stava percorrendo l ultimo tratto di strada prima di arrivare a casa e, quando scese dall auto, dopo averla parcheggiata in garage, vide la luna alta nel cielo limpido. Dai campi tutt intorno proveniva il canto dei grilli e dalle ombre scure del castagneto, che si ergevano oltre i prati, ogni tanto si udiva il verso del gufo. In altre occasioni, forse, egli lo avrebbe ritenuto lugubre, ma quella sera non fu così. Pensò: sarà un gufo maschio che dichiara il suo amore alla propria femmina! Sorrise tra sé per quella trovata e, senza far rumore, salì le scale che conducevano alla porta d ingresso. Entrò, richiuse la porta col catenaccio dall interno e salì l altra rampa di scale che portava alla sua camera. Quando aprì i vetri della finestra per chiudere gli scuretti, vide che la luna illuminava il bosco con le grandi querce, attraversato dalla stradina che conduceva alla borgata vicina. Lui non vedeva la luna, poiché questa stava al di sopra del tetto della casa, ma osservava gli effetti del suo chiarore. Era uno spettacolo molto bello! Ricordò quando, da bambino, si affacciava a quella finestra; poi, in un attimo, ripercorse tutta la propria vita. Infine il suo pensiero fece ritorno al momento presente. Rivide allora il volto di Ida, sentì di nuovo il profumo del suo corpo, il tocco caldo e leggero delle sue mani sulla nuca e ne provò come un brivido. Pensò con soddisfazione che l indomani l avrebbe rivista e con questo lieto pensiero si coricò. Nel periodo seguente Giovanni ed Ida iniziarono a frequentarsi con regolarità, proprio come usano fare i fidanzati o coloro che sono prossimi a diventarlo. In effetti, dopo sei mesi i due giovani si fidanzarono ufficialmente e lui le regalò un bell anello d oro con una pietra incastonata. Giovanni svolgeva la professione di insegnante: precisamente insegnava Lettere nella scuola media. La sua sede di servizio era la scuola di un paese vicino, a dodici chilometri da casa sua. Ida, invece, aveva cominciato da poco ad insegnare nella scuola elementare. I genitori di Ida, come del resto anche quelli di Giovanni, erano agricoltori ed allevavano vacche da latte. Il padre di Ida, da giovane, avrebbe voluto avere almeno un figlio maschio, che lo aiutasse nel lavoro dei campi, ma così non fu, sicché Ida e sua sorella più giovane si erano abituate a svolgere loro stesse molti lavori, compatibilmente con le possibilità fisiche. Spesso Ida, nei momenti liberi dagli impegni scolastici, aiutava il padre a governare le vacche ed a mungerle. In estate, poi, durante le vacanze estive, andava con lui e con la sorella nei campi a preparare il fieno. Quando Ida chiese a Giovanni se fosse disposto ad aiutare la sua famiglia nei lavori più pesanti, egli accettò volentieri, perché non poteva sopportare di vedere due ragazze ed un vecchio intenti a svolgere lavori molto faticosi. Aldo, il padre di Ida d altra parte era molto felice di ricevere l aiuto di un giovane forte, che non temeva la fatica fisica. Un giorno, verso le 9 di mattina, Giovanni arrivò a casa della sua fidanzata, poiché si dovevano caricare le balle di fieno sul carro trainato dal trattore per portarle a casa ed immagazzinarle nel fienile. Sistemarono gli attrezzi da lavoro nell auto e poi partirono, dato che il campo era piuttosto lontano da casa. Quando arrivarono, parcheggiarono la macchina nel luogo dove la strada si apriva in uno slargo, proprio ai margini del bosco. Percorsero l ultimo tratto a piedi, lungo una carraia dal fondo sconnesso che attraversava il bosco. Alla fine arrivarono nel grande campo, la cui superficie era tutta 16 17

10 cosparsa di balle di fieno a forma di parallelepipedo (a quei tempi, infatti, non usavano ancora le enormi e pesanti rotoballe del giorno d oggi). Nei giorni precedenti il tempo era stato bello, sicché Aldo e le sue figlie avevano rastrellato il fieno, accumulandolo in grosse strisce, che poi la pressa aveva trasformato in balle. Era stato un lavoro lungo, ma non pesante, e perciò adatto ad essere svolto anche dalle donne. Ora, invece, per sollevare le balle e caricarle sul carro, occorreva la forza di un uomo. Poco dopo arrivò il trattorista e così iniziarono l attività. Aldo, che non aveva più l energia di un tempo, salì sul carro ed il suo compito consisteva nell afferrare le balle che gli venivano posate accanto, per sistemarle in modo tale che il carico risultasse ben costruito ed equilibrato. Giovanni ed il trattorista (che era un uomo sulla quarantina, ancora molto forte ed avvezzo al lavoro dei campi), invece, dovevano infilzare le balle col forcone, sollevarle e posarle sul carro, vicino ad Aldo. Man mano che il carico si alzava, diventava faticoso sollevare le balle sempre più in alto. Quando una di queste era più grossa del solito oppure ancora un po umida, si vedeva il manico del forcone inarcarsi sotto il peso e scricchiolare paurosamente. Al termine del lavoro, il trattorista assicurò ben bene il carico con delle funi e poi si partì per tornare a casa. Arrivarono verso le 11 e mezza e cominciarono a scaricare nel fienile. Alle 13 circa avevano finito e così andarono a pranzo. Si diedero appuntamento col trattorista, per il secondo viaggio, direttamente al campo, verso le 16, quando la calura avrebbe cominciato ad essere meno intensa. Il trattorista fu puntuale e così i tre uomini effettuarono il secondo viaggio, mentre a casa le due sorelle dovevano occuparsi di foraggiare le vacche, mungerle e portare il latte al caseificio. La madre di Ida, invece, era intenta a preparare la cena. Quando ebbero finito di scaricare le balle, il trattorista fu pagato per il lavoro svolto, dopodiché egli se ne andò a casa propria di gran carriera, poiché cominciava ad imbrunire. Aldo e Giovanni entrarono in casa e si sedettero a tavola, stanchi ma contenti di aver messo al sicuro il fieno contro le intemperie. Mangiarono tigelle imbottite con lardo, aglio e rosmarino ed anche con del buon salame nostrano. Il tutto accompagnato da insalata fresca dell orto di Aldo, e da un buon bicchiere di vino: una cena appetitosa e nutriente, per recuperare le energie spese in quella giornata faticosa. Dopo cena, tutti andarono a dormire alla svelta, poiché erano molto stanchi. Giovanni rimase solo con Ida, ma poco dopo anch egli decise di far ritorno a casa. Ida lo ringraziò di cuore per aver risparmiato a sé, alla sorella ed al padre quella fatica grama. I suoi occhi erano pieni di riconoscenza e parlavano assai più della sua bocca. Si accordarono per rivedersi di lì a due giorni, per andare a ballare nella discoteca del paese. Così fecero e trascorsero una bella serata con amici e conoscenti. Al ritorno, Giovanni l accompagnò a casa e si trovarono di nuovo soli nel cortile. Questa volta non c erano lenzuola da piegare. La notte era limpida. Nonostante la fioritura fosse ormai al termine, si sentiva ancora il profumo dei tigli che sorgevano lungo la recinzione. Di là da questa, poco distante, si scorgeva la sagoma nera del campanile della chiesa. Era una di quelle notti nelle quali si ha l impressione (in verità non si sa perché) che dal cielo si riversino sulla terra benefici effluvi, provenienti dalle forze positive che governano il mondo (le quali certamente esistono, pensava Giovanni). In altre occasioni egli aveva pensato che esistessero pure gli effluvi malefici. Inviati, questi ultimi, dalle potenze negative che, pure, governano il mondo, poiché è indubitabile che sia così. Quella sera, però, era come se egli fosse in uno stato di grazia e percepisse solo la presenza di quelle forze che spingono irresistibilmente verso la vita, che fanno sentire i cuori degli uomini vicini e l avvenire sereno, privo di insidie. Si sedettero su una panchina di legno di castagno, che da anni resisteva esposta alle intemperie, in un angolo, vicino alla recinzione. Lì il profumo dei tigli era più penetrante. Giovanni strinse Ida tra le braccia, la coprì di baci e sentì, come non mai, allora, che le loro vite si fondevano, come il calore dei loro corpi. Stettero un poco silenziosi e poi Giovanni le chiese, con un soffio di voce: «Ci sposiamo?» Lei rispose: «Sì» Poco dopo lui riprese: «Quando?» Ida ci pensò, poi rispose: «A settembre del prossimo anno, prima che inizino le scuole.» Giovanni assentì. Così passò per loro quell estate sorprendente che aveva cambiato la vita ad entrambi. Giovanni, quando poteva, aiutava sia la propria famiglia che quella di Ida nei lavori campestri, come del resto aveva sempre fatto fin dalla fanciullezza. Uno di quelli che gli piacevano di più era la raccolta delle mele. Verso la fine di settembre si muniva 18 19

11 di cesto con uncino metallico, sacchi di iuta, corda e si dirigeva in auto verso un vecchio campo di proprietà di suo padre. Il luogo era abbastanza lontano e la via per giungervi era una strada ripida, stretta e piena di ciottoli. Giovanni guidava l auto fino al punto più lontano che si poteva raggiungere, poi la parcheggiava sul margine della strada e percorreva l ultimo tratto a piedi. Anche il campo era molto ripido e quando arrivava sotto ai due meli, già ansimava per la fatica. Dopo essersi riposato un po, si arrampicava sulle piante, fissava il cesto ai rami mediante l uncino metallico e lo riempiva di mele. Quando il cesto era pieno, lo calava delicatamente a terra con la corda e poi scendeva anche lui per vuotarlo dentro i sacchi di iuta. Di solito riempiva fino a metà due o tre sacchi, a seconda delle annate. I due meli erano piante ormai vecchie. Giovanni ricordava di averli visti fin da quando era bambino: allora, spesso, andava a raccogliere i loro frutti il nonno, che ora non c era più. Anche per questo era affezionato a quelle due piante. Quando percorreva quella vecchia strada e compiva ogni anno il rito della raccolta delle mele, nella solitudine del luogo, in piena campagna, era come immergersi di nuovo nel suo passato. Dopo aver riempito per metà i sacchi, se li caricava sulle spalle uno per volta e scendeva cautamente lungo il pendio, stando attento a non scivolare. Quando arrivava alla macchina, sistemava ogni sacco nel baule. Da quando aveva 16 anni (cioè da quando aveva accumulato sufficiente forza fisica per trasportare i sacchi con le mele) era solito svolgere questo lavoro. Ora era ormai trentenne. Ricordava che, un tempo, per trasportare i sacchi fino a casa, usava la carriola, non avendo l automobile. Allora si fermava ogni tanto a riposare ed osservava il paesaggio intorno a sé: qualche foglia sugli alberi cominciava ad ingiallire, anche se nessuna si era ancora staccata dai rami. In alcune vigne era già stata fatta la vendemmia, mentre in altre si vedevano ancora i grappoli pendere dai tralci. A volte si sentiva una folata di vento che ti investiva il viso e quasi ti mozzava il respiro. Era un vento ormai molto diverso da quello estivo: allora lo si desiderava per rinfrescarsi dalla calura; ora, invece, faceva rabbrividire e nonostante in cielo splendesse il sole, si avvertiva che la forza e la freschezza della natura stavano declinando rapidamente. Mentre ritornava a casa in auto, Giovanni appariva pensieroso. Rifletteva tra sé: l anno prossimo, di questi tempi, sarò già sposato. Chissà se riuscirò ancora a venir qui a raccogliere le mele! Venne l inverno e poi la primavera. I due fidanzati aspettavano, impazienti, che arrivasse il mese di settembre per sposarsi. Fecero per tempo tutti i preparativi per il matrimonio, che fu fissato per sabato 5 settembre, nella chiesa del paese di Ida. Alla cerimonia prese parte un discreto numero fra parenti ed amici, sicché il piccolo sagrato era pieno di gente. I giorni precedenti il matrimonio erano stati caratterizzati da un lavoro febbrile per ultimare tutti i preparativi, sicché i due sposi erano stanchi. Non vedevano l ora di andare in viaggio di nozze per rilassarsi un po. Così, la mattina dopo le nozze, partirono con la loro auto alla volta di Ravenna. Non avevano voglia di fare un lungo viaggio e di stare lontani da casa per parecchi giorni e perciò avevano deciso di limitarsi a visitare alcune belle località della loro regione, l Emilia-Romagna. Negli anni successivi, pensavano, ci sarebbe stato tempo per visitare altri luoghi della nostra Italia. Al ritorno dal viaggio di nozze gli sposi novelli andarono ad abitare nella casa che avevano acquistato nelle colline sopra la cittadina di Sassuolo. Da qui ogni giorno Giovanni si recava ad insegnare Lingua e Letteratura Italiana al liceo scientifico di Modena (dopo diversi anni di insegnamento nella scuola media, infatti, egli era riuscito a passare di ruolo nelle scuole superiori). Ida insegnava, invece, nelle scuole elementari di un paese vicino, distante circa dodici chilometri. Il luogo di lavoro, dunque, per entrambi, non era molto lontano dalla loro abitazione. Non amavano risiedere in città, ma preferivano la campagna. Giovanni era entusiasta del suo lavoro: insegnare letteratura alle superiori era sempre stato il suo sogno. Rispetto alla scuola media, qui egli poteva andare molto più in profondità nella materia. Proprio questo lo affascinava

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Autunno: storie L aquilone

Autunno: storie L aquilone Autunno: storie L aquilone In autunno c è un giorno speciale: dal mare comincia a soffiare un dolce vento, che si fa sempre più forte e va nelle città, nei paesi, nei boschi, alla ricerca degli aquiloni.

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

ANNIVERSARIO IN ARRIVO?

ANNIVERSARIO IN ARRIVO? ANNIVERSARIO IN ARRIVO? Scopri chi può aiutarti a sorprenderla! 1 CON QUESTA GUIDA SCOPRIRAI: > Perché festeggiare un anniversario di nozze > Quali sono le coppie più felici > I momenti che ricorderai

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli