Educazione degli adulti e Diploma on line

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Educazione degli adulti e Diploma on line"

Transcript

1 Provincia di Grosseto Educazione degli adulti e Diploma on line Indagine conoscitiva finalizzata alla sperimentazione e attuazione di un percorso scolastico per conseguire un diploma superiore on-line

2 2

3 Un progetto di intervento rivolto a coloro che, in età adulta e ormai fuori da percorsi scolastici, decidono di rientrare nel sistema di istruzione e formazione si inserisce in un processo di cambiamento nazionale, regionale e locale ma anche europeo - che persegue la crescita delle conoscenze e competenze possedute da tutti i cittadini, in ogni momento della vita. A fronte delle caratteristiche della provincia di Grosseto, con bassa densità di popolazione in un territorio esteso e in gran parte collinare e montano e con viabilità carente, si delinea in modo netto la complessità e la difficoltà di accesso a una serie di opportunità e diritti, tra i quali, in particolare, l istruzione e la prosecuzione degli studi. E così che quasi la metà della popolazione adulta della provincia di Grosseto, compresa tra i 19 e 55 anni, non ha il diploma di scuola media superiore: troppi rispetto ai livelli fissati come obiettivo dalla Conferenza Europea di Lisbona, che ha stabilito l impegno, entro il 2010, di innalzare le competenze di base e a favorire il conseguimento di un titolo di studio superiore da parte del maggior numero di persone. In provincia di Grosseto il ricorso al pendolarismo ha sempre rappresentato l unica possibilità di conseguire il diploma di scuola secondaria superiore per i giovani e gli adulti che risiedono nei Comuni dove l offerta si ferma alla scuola di primo grado. Da qui la necessità di avviare un progetto che permetta il conseguimento del diploma mediante la formazione a distanza. L indagine che qui pubblichiamo è nata da questa necessità che si è nel frattempo tradotta in un progetto reale, in procinto di concretizzarsi e costituirà strumento conoscitivo di base per la creazione di opportunità e percorsi di istruzione che, nell obiettivo di garantire il lifelonglearning, possano adattarsi alle molteplici esigenze, conciliando impegni di studio con la vita lavorativa e familiare. Anna Nativi (assessore provinciale all Istruzione) Il presente rapporto è stato curato dalla Simurg Ricerche 3

4 Gruppo di lavoro Coordinamento generale: Moreno Toigo Gli autori delle diverse parti sono: Claudio Salvucci Daniele Mirani Massimiliano Faraoni Via Eugenio Sansoni Livorno 4

5 Dispersione scolastica, diritto allo studio e offerta formativa integrata in provincia di Grosseto Sommario Premessa Note metodologiche I livelli d istruzione e l inserimento sul mercato del lavoro dei non diplomati La crescita dei livelli d istruzione L inserimento sul mercato del lavoro: l influenza del titolo di studio Premessa Il livello di istruzione della forza lavoro grossetana attraverso i dati Istat Le caratteristiche della forza lavoro attraverso i dati dei Centri per l Impiego L indagine sul campo Analisi dei rifiuti: rifiutare l intervista significa mancanza d interesse al conseguimento del diploma? Le caratteristiche del campione Sesso ed età La situazione familiare La situazione occupazionale I percorsi scolastici e il livello di formazione Le competenze informatiche La propensione al conseguimento del diploma Gli utenti potenziali del Diploma on line Metodo di stima e risultati Caratteristiche degli utenti potenziali Il profilo medio Differenze secondo i comuni di residenza Differenze secondo la condizione lavorativa Differenze secondo il motivo di interruzione degli studi Altre differenziazioni Le condizioni di fattibilità Stime comunali

6 5. ALLEGATI Il questionario utilizzato ALLEGATI La scheda di presentazione ALLEGATI Il manuale del rilevatore (protocollo) ALLEGATI La scheda di attività Indice delle figure Indice delle tabelle

7 Premessa Si stima che attualmente quasi la metà dei 115 mila grossetani tra i 19 e i 55 anni abbia il solo diploma di scuola media inferiore: una quota molto alta e lontana dagli obiettivi di innalzamento del livello di istruzione fissati a Lisbona dall Unione Europea 1. Occorre dunque un forte impegno da parte di tutti gli operatori pubblici e privati per elevare l istruzione di base dei cittadini grossetani. Certamente, una strada per conseguire questo obiettivo passa per la moltiplicazione delle opportunità e dell offerta di percorsi di istruzione ai cittadini, percorsi che possano adattarsi alle molteplici esigenze e consentano di conciliare un impegno di studio con la vita lavorativa e familiare. L idea che moltiplicando le opportunità e i canali si possa innalzare il livello di istruzione della popolazione presuppone che esista attualmente una domanda non soddisfatta, ovvero una quota di cittadini che vorrebbe conseguire un diploma di scuola media superiore, ma che non trova il modo di farlo. Ma quanti sono questi cittadini? Chi sono? Il loro numero e le loro caratteristiche giustificano l investimento necessario per creare nuovi canali alternativi a quello classico dei corsi serali? Ad alcune di queste domande cerca di rispondere la ricerca che abbiamo realizzato, intervistando un campione di 784 cittadini grossetani aventi il solo diploma di scuola media inferiore. 1 Nel marzo del 2000, a Lisbona, il Consiglio Europeo ha adottato un nuovo obiettivo strategico: "diventare l'economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale." Nelle Conclusioni del vertice di Lisbona, i capi di Stato e di governo hanno riconosciuto il ruolo fondamentale di istruzione e formazione per la crescita e lo sviluppo economico e definito tre obiettivi strategici: i) aumentare la qualità e l'efficacia dei sistemi di istruzione e di formazione nell'unione europea; ii) facilitare l'accesso ai sistemi di istruzione e di formazione; iii) aprire i sistemi di istruzione e formazione al mondo esterno. Nell'ambito di questi obiettivi sono state individuate cinque aree prioritarie di intervento, definendone anche i livelli di riferimento e la scadenza temporale entro il 2010: i) diminuzione degli abbandoni precoci (percentuale non superiore al 10%); ii) aumento dei laureati in matematica, scienze e tecnologia (aumento almeno del 15% e al contempo diminuzione dello squilibrio fra sessi); iii) aumento dei giovani che completano gli studi secondari superiori (almeno l'85% della popolazione ventiduenne); iv) diminuzione della percentuale dei quindicenni con scarsa capacità di lettura (almeno del 20% rispetto al 2000); v) aumento della media europea di partecipazione ad iniziative di lifelong learning (almeno fino al 12% della popolazione adulta in età lavorativa: 25/64 anni). 7

8 1. Note metodologiche L indagine è stata effettuata intervistando un campione statisticamente significativo di persone di età compresa tra i 20 e i 55 anni, residenti nella provincia di Grosseto, che hanno conseguito la licenza media inferiore. Il primo problema da superare era quello di avere a disposizione una lista di nominativi attendibile di persone con queste caratteristiche. Si è scartata l ipotesi di attingere dalle liste anagrafiche dei 28 comuni della provincia per due motivi: per le difficoltà e il dispendio di tempo necessari per acquisire dai Comuni tali elenchi; per la scarsa attendibilità dei dati anagrafici per quanto riguarda il titolo di studio (informazione, tra l altro, non sempre registrata); Si è quindi optato di attingere dagli elenchi dei Centri per l Impiego, che, pur non essendo sempre attendibili (a causa della volontarietà dell atto di aggiornamento delle informazioni da parte dell utente), hanno il vantaggio di avere molte e dettagliate informazioni socio-anagrafiche su gran parte delle persone residenti in un unico archivio centralizzato 2, facilmente consultabile e, soprattutto, disponibile immediatamente per la Provincia. Attraverso alcuni accorgimenti per limitare la presenza di nominativi non corrispondenti alle nostre esigenze, abbiamo potuto ricostruire la lista dell universo da cui estrarre il campione. La numerosità del campione è stata stabilita fissando l errore campionario standard al 5% e il livello di significatività al 95%. Il campione è stato costruito in modo tale da fornire risultati statisticamente significativi per zona, sesso e tipologia di comune. Questa tipologia è stata costruita tenendo conto della presenza o meno di una scuola superiore sul territorio e della posizione geografica, che ha ulteriormente suddiviso i comuni senza scuola media superiore in comuni disagiati (per la distanza da scuole superiori) e no. Le interviste sono state realizzate telefonicamente da un gruppo di 20 studenti del corso serale che si tiene presso l Istituto Einaudi. Essi sono stati adeguatamente formati dal responsabile della ricerca sulla metodologia dell indagine. Per la partecipazione a questa attività formativa, è stato rilasciato loro un attestato. Il questionario (vedi allegato) utilizzato per l intervista è stato costruito attraverso una serie di focus group che hanno visto coinvolti insegnanti, dirigenti scolastici, 2 I Centri per l Impiego di Grosseto, che attualmente utilizzano il Sistema Informativo Idol, all epoca dell indagine gestivano gli elenchi dei lavoratori iscritti tramite il Sistema Informativo Netlabor 4. 8

9 dirigenti e amministratori della Provincia di Grosseto e ricercatori della Simurg Ricerche. A ciascun rilevatore è stato consegnato un kit (vedi in appendice) composto da: questionari cartacei, manuale del rilevatore, elenchi di nominativi (principale e di riserva), schede di attività. L inserimento elettronico dei questionari è stato effettuato mediante una griglia di immissione realizzata con il software Professional Quest della Dipolar, che consente anche dei controlli di coerenza in tempo reale. Le analisi statistiche sono state effettuate con il software Spss. 9

10 2. I livelli d istruzione e l inserimento sul mercato del lavoro dei non diplomati 2.1. La crescita dei livelli d istruzione In Toscana, negli ultimi venti anni, grazie al fenomeno della scolarizzazione di massa e con il graduale estinguersi delle generazioni meno istruite, si è assistito ad un progressivo innalzamento dei livelli di istruzione; infatti, come evidenziato nella Figura 1 la percentuale di coloro, con età maggiore di 6 anni, in possesso di un titolo di studio è passata dal 79,7 del 1981 al 90,4 nel Di conseguenza sono diminuiti coloro che non hanno alcun titolo di studio, sia alfabeti che analfabeti, anche se bisogna notare uno 0,8% di residenti in toscana, pari a circa persone, che risultano essere analfabeti di cui circa con oltre 65 anni di età. Figura 1: Evoluzione del grado di istruzione nella popolazione della Toscana in età da 6 anni in poi ,0 90,0 80,0 79,7 87,4 90,4 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 18,0 11,4 8,8 2,2 1,3 0,8 0,0 FORNITI DI TITOLO DI STUDIO ALFABETI PRIVI DI TITOLO DI STUDIO ANALFABETI Valori % Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT La crescita del livello di istruzione è stata generalizzata in tutte le province toscane e per tutti i gradi di istruzione; ed è stata particolarmente forte per i gradi di istruzione più elevati. La percentuale di persone laureate o diplomate è infatti passata dal 14,3% del 1981 al 32,9% del

11 Anche in provincia di Grosseto, una delle province toscane con i più bassi livelli generali d istruzione, nei periodi intercensuari abbiamo avuto un aumento del livello di istruzione della popolazione residente con più di 6 anni (vedi Figura 2) anche se le percentuali di coloro che sono forniti di un titolo di studio sono leggermente inferiori rispetto alla media regionale (l 88,4% contro il 90,4% nel 2001). Coloro che hanno una laurea o un diploma di scuola superiore sono passati dal 12,7% del 1981 al 30,3% del 2001 con un aumento, quindi, di 17,5 punti percentuali. Una crescita certamente considerevole ma comunque al di sotto della crescita media regionale (18,7%). L incremento di Grosseto si colloca così al penultimo posto rispetto alle altre province toscane. All ultimo posto c è Pistoia, che ha avuto una crescita di laureati e diplomati pari a 16,9 punti percentuali nel corso dell ultimo ventennio. Figura 2: Evoluzione del grado di istruzione nella popolazione della provincia di Grosseto in età da 6 anni in poi ,0 80,0 74,8 83,9 88,4 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 22,3 14,4 10,7 2,9 1,7 0,9 0,0 FORNITI DI TITOLO DI STUDIO ALFABETI PRIVI DI TITOLO DI STUDIO ANALFABETI Valori % Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT Scendendo ancora nelle gerarchie territoriali e passando ad una disaggregazione comunale del livello di istruzione dei residenti con età superiore ai 6 anni, possiamo notare, dal confronto dei dati censuari del 1981, 1991 e 2001 (vedi Tabella 1, Tabella 2 e Tabella 3), che in tutti i comuni grossetani il livello di istruzione è progressivamente aumentato; vale la pena mettere in evidenza che molti comuni che partivano nel 1981 da percentuali basse di popolazione fornita di un titolo di studio (60-65%) hanno avuto in venti anni aumenti anche superiori a 20 punti percentuali rispetto agli 8-10 punti percentuali di aumento avuti da Follonica, Orbetello e Grosseto. 11

12 Questo fenomeno è molto interessante, in quanto possiamo dire che dal 1981 al 2001 abbiamo assistito a una diffusione dell istruzione a livello territoriale; in pratica la scolarizzazione di massa sta avendo l effetto di ridurre il gap dei comuni più disagiati rispetto ai grandi centri della costa. Esemplare è il caso di Roccalbegna, che ha visto aumentare i residenti con titolo di studio dal 60,2% del 1981 all 83% del Tabella 1: Popolazione residente in età da 6 anni in poi per comune e grado di istruzione Anno 1981 (valori %) 1981 FORNITI DI TITOLO DI STUDIO COMUNI Totale Laurea Fonte: dati censuari ISTAT Diploma di scuola secondaria superiore Licenza di scuola media inferiore Licenza di scuola elementare ALFABETI PRIVI DI TITOLO DI STUDIO ANALFABETI Tabella 2: Popolazione residente in età da 6 anni in poi per comune e grado di istruzione Anno 1991 (valori %) 12 Totale Di cui: in età da 65 anni in poi Totale Di cui: in età da 65 anni in poi Arcidosso 66,4 1,5 10,4 15,8 38,7 29,2 20,0 4,3 3,8 100,0 Campagnatico 63,7 0,9 5,0 16,0 41,9 30,8 18,0 5,6 4,9 100,0 Capalbio 72,3 0,9 6,7 22,5 42,3 24,2 10,4 3,5 3,0 100,0 Castel del Piano 69,5 2,1 10,3 20,6 36,5 26,8 18,0 3,7 3,5 100,0 Castell'Azzara 70,5 1,2 7,5 16,0 45,7 26,5 19,2 3,1 2,8 100,0 Castiglion della Pescaia 76,9 1,3 8,2 20,5 46,9 20,2 10,0 2,9 2,3 100,0 Cinigiano 65,3 0,7 4,8 16,5 43,3 28,6 17,7 6,1 5,6 100,0 Civitella Paganico 66,6 0,8 6,1 17,3 42,5 28,0 16,9 5,4 4,6 100,0 Follonica 80,7 2,2 12,9 23,4 42,3 18,0 8,1 1,3 1,1 100,0 Gavorrano 71,5 1,0 6,6 18,8 45,1 25,0 14,6 3,5 2,9 100,0 Grosseto 80,7 3,6 14,9 23,6 38,6 17,5 7,2 1,8 1,5 100,0 Isola del Giglio 74,1 2,1 9,5 19,7 42,8 25,4 14,5 0,5 0,4 100,0 Magliano in Toscana 74,2 0,6 6,2 18,2 49,1 22,1 11,7 3,8 3,1 100,0 Manciano 65,5 1,3 7,1 17,5 39,5 29,4 16,9 5,1 4,4 100,0 Massa Marittima 74,1 2,1 9,6 17,7 44,7 22,5 13,6 3,4 2,9 100,0 Monte Argentario 75,3 1,5 9,6 23,1 41,1 23,0 10,0 1,7 1,3 100,0 Monterotondo Marittimo 67,1 0,9 5,8 18,4 42,0 28,2 17,0 4,7 4,3 100,0 Montieri 68,0 1,4 7,3 14,3 45,0 27,7 21,2 4,3 3,8 100,0 Orbetello 79,9 2,0 11,4 22,5 44,0 18,2 7,9 1,9 1,6 100,0 Pitigliano 66,2 1,8 8,3 19,5 36,7 28,9 16,6 4,9 4,1 100,0 Roccalbegna 60,2 0,9 5,5 14,7 39,1 33,9 23,7 5,9 5,4 100,0 Roccastrada 66,4 0,9 5,7 17,0 42,8 29,0 18,1 4,6 4,1 100,0 Santa Fiora 68,5 1,6 7,5 17,8 41,7 26,8 19,4 4,6 4,2 100,0 Scansano 65,2 0,9 6,5 15,2 42,6 29,6 18,1 5,2 4,5 100,0 Scarlino 70,2 1,4 7,3 19,1 42,5 26,8 14,5 3,0 2,4 100,0 Seggiano 65,2 1,4 5,9 13,8 44,1 29,7 19,2 5,1 4,6 100,0 Semproniano 66,3 1,0 5,9 14,4 45,1 28,8 20,2 4,8 4,3 100,0 Sorano 61,0 0,9 6,1 15,6 38,5 32,7 20,9 6,3 5,7 100,0 TOTALE PROVINCIA 74,8 2,1 10,6 20,8 41,3 22,3 11,7 2,9 2,5 100, FORNITI DI TITOLO DI STUDIO COMUNI Totale Laurea Diploma di scuola secondaria superiore Licenza di scuola media inferiore Licenza di scuola elementare ALFABETI PRIVI DI TITOLO DI STUDIO Totale Di cui: in età da 65 anni in poi ANALFABETI Totale Di cui: in età da 65 anni in poi Arcidosso 79,9 2,7 18,1 23,1 36,0 18,0 9,8 2,1 1,7 100,0 Campagnatico 77,3 1,7 8,6 25,2 41,8 19,8 10,2 2,8 2,3 100,0 Capalbio 82,2 1,3 11,7 31,7 37,5 15,6 6,1 2,2 1,6 100,0 Castel del Piano 83,2 3,4 19,0 25,6 35,2 14,4 7,8 2,5 1,9 100,0 Castell'Azzara 80,3 1,6 15,0 18,6 45,2 17,7 11,3 2,0 1,5 100,0 Castiglion della Pescaia 83,8 2,0 15,2 28,1 38,5 14,3 6,8 1,9 1,5 100,0 Cinigiano 73,5 1,1 9,0 23,5 39,9 23,2 13,5 3,3 2,8 100,0 Civitella Paganico 76,6 1,6 10,5 24,8 39,8 20,4 10,0 2,9 2,3 100,0 Follonica 88,3 3,2 20,3 29,7 35,1 11,0 5,0 0,7 0,5 100,0 Gavorrano 80,9 1,3 12,0 27,6 40,2 16,5 7,8 2,6 1,7 100,0 Grosseto 87,9 4,9 21,8 29,6 31,7 11,0 4,3 1,1 0,8 100,0 Isola del Giglio 84,3 1,5 14,5 27,5 40,7 15,3 7,8 0,5 0,1 100,0 Magliano in Toscana 82,5 1,4 9,7 27,5 43,9 15,4 7,4 2,1 1,6 100,0 Manciano 76,3 1,7 12,4 25,4 36,7 20,4 10,2 3,3 2,7 100,0 Massa Marittima 82,3 3,2 15,9 23,5 39,8 15,5 8,6 2,2 1,6 100,0 Monte Argentario 83,8 2,0 17,5 29,7 34,6 15,0 6,4 1,2 0,7 100,0 Monterotondo Marittimo 78,4 1,1 12,5 25,8 39,0 18,4 9,3 3,1 2,4 100,0 Montieri 78,3 1,6 9,8 18,9 47,9 19,5 12,9 2,2 1,7 100,0 Orbetello 86,1 2,6 17,5 30,8 35,1 12,7 5,2 1,2 0,9 100,0 Pitigliano 77,5 2,2 15,3 28,3 31,7 19,6 11,0 2,9 2,0 100,0 Roccalbegna 72,5 1,4 8,5 21,5 41,1 24,2 13,7 3,3 2,5 100,0 Roccastrada 77,6 1,3 10,7 25,5 40,1 19,8 11,1 2,6 1,9 100,0 Santa Fiora 82,5 2,5 14,5 24,0 41,5 15,3 9,2 2,2 1,8 100,0 Scansano 77,7 1,8 11,0 23,6 41,2 20,1 10,7 2,3 1,6 100,0 Scarlino 83,3 1,8 13,8 29,0 38,7 15,3 7,3 1,3 1,0 100,0 Seggiano 80,7 2,9 10,5 21,2 46,1 16,5 9,5 2,8 2,1 100,0 Semproniano 79,0 2,0 11,0 19,5 46,5 18,0 11,9 3,0 2,3 100,0 Sorano 76,3 1,4 8,7 23,0 43,2 19,8 11,4 3,9 2,9 100,0 TOTALE PROVINCIA 83,9 3,1 17,1 27,8 36,0 14,4 6,8 1,7 1,3 100,0 Totale Totale

13 Tabella 3: Popolazione residente in età da 6 anni in poi per comune e grado di istruzione Anno 2001 (valori %) 2001 FORNITI DI TITOLO DI STUDIO COMUNI Totale Laurea Fonte: dati censuari ISTAT Diploma di scuola secondaria superiore Licenza di scuola media inferiore Licenza di scuola elementare ALFABETI PRIVI DI TITOLO DI STUDIO ANALFABETI Restringendo la nostra analisi ai livelli alti di istruzione, possiamo mettere in evidenza come esista ancora una notevole differenza tra i grandi centri costieri - Grosseto, Follonica, Monte Argentario che presentano valori percentuali quasi doppi di laureati e diplomati, rispetto ai comuni interni, come ad esempio Roccalbegna e Cinigiano (vedi Tabella 4). Totale Di cui: in età da 65 anni in poi Totale Di cui: in età da 65 anni in poi Arcidosso 87,6 5,9 24,3 27,3 30,2 11,3 6,8 1,1 0,8 100,0 Campagnatico 83,6 3,9 16,6 29,5 33,5 15,2 9,7 1,2 1,1 100,0 Capalbio 87,2 3,4 20,5 32,1 31,2 11,9 6,5 0,9 0,8 100,0 Castel del Piano 87,6 6,9 23,0 27,6 30,1 11,4 6,6 0,9 0,7 100,0 Castell'Azzara 89,1 3,5 20,2 23,4 42,0 9,7 6,8 1,2 0,9 100,0 Castiglione della Pescaia 87,9 6,0 22,1 29,4 30,6 11,2 5,9 0,9 0,7 100,0 Cinigiano 86,3 3,0 15,1 28,1 40,0 12,2 7,9 1,4 1,1 100,0 Civitella Paganico 86,5 3,8 17,2 29,3 36,3 12,0 7,6 1,5 1,1 100,0 Follonica 90,2 6,5 26,0 29,6 28,0 9,3 4,8 0,5 0,4 100,0 Gavorrano 86,0 3,1 19,4 31,3 32,3 12,8 7,5 1,2 0,8 100,0 Grosseto 91,0 8,5 28,1 28,9 25,4 8,4 3,9 0,6 0,4 100,0 Isola del Giglio 88,1 4,0 22,2 29,2 32,7 11,9 6,4 0,1 0,1 100,0 Magliano in Toscana 86,0 3,9 17,8 30,0 34,3 13,1 8,6 0,8 0,7 100,0 Manciano 85,5 4,5 19,9 28,3 32,8 13,2 8,6 1,3 1,1 100,0 Massa Marittima 87,2 6,2 22,2 25,7 33,0 11,4 7,2 1,4 1,1 100,0 Monte Argentario 88,0 4,7 26,8 28,3 28,2 11,4 5,2 0,6 0,4 100,0 Monterotondo Marittimo 85,1 3,5 20,2 27,4 34,1 13,1 8,5 1,7 1,5 100,0 Montieri 86,2 5,5 17,3 24,3 39,2 11,4 7,5 2,4 1,0 100,0 Orbetello 88,7 5,8 24,5 30,0 28,5 10,6 5,3 0,7 0,5 100,0 Pitigliano 85,5 5,2 22,0 28,6 29,7 13,3 7,6 1,2 1,0 100,0 Roccalbegna 83,0 3,1 14,9 26,1 38,9 15,6 11,3 1,4 1,2 100,0 Roccastrada 84,2 3,5 17,6 28,2 34,9 14,3 8,7 1,5 1,0 100,0 Santa Fiora 85,9 6,8 24,0 25,4 29,6 12,9 8,6 1,2 1,0 100,0 Scansano 86,0 5,1 18,5 26,6 35,9 13,0 8,1 1,0 0,7 100,0 Scarlino 89,6 5,0 22,3 32,0 30,3 9,8 5,2 0,6 0,4 100,0 Seggiano 81,8 6,7 19,3 21,1 34,6 16,3 12,1 2,0 1,0 100,0 Semproniano 86,9 3,8 16,8 23,3 43,0 12,1 9,3 0,9 0,8 100,0 Sorano 79,9 3,6 17,5 26,0 33,0 18,2 13,0 1,8 1,3 100,0 TOTALE PROVINCIA 88,4 6,2 24,0 28,7 29,5 10,7 5,9 0,9 0,6 100,0 Totale 13

14 Tabella 4: Popolazione da 6 anni in poi, residente nei comuni grossetani, in possesso di laurea o diploma superiore (valori %) Grosseto 18,4 26,7 36,7 Follonica 15,1 23,4 32,5 Monte Argentario 11,1 19,5 31,5 Santa Fiora 9,1 17,0 30,9 Orbetello 13,4 20,2 30,2 Arcidosso 11,9 20,9 30,1 Castel del Piano 12,4 22,4 30,0 Massa Marittima 11,7 19,0 28,5 Castigl. della Pescaia 9,5 17,2 28,0 Scarlino 8,6 15,6 27,3 Pitigliano 10,0 17,5 27,2 Isola del Giglio 11,6 16,1 26,1 Seggiano 7,3 13,4 26,1 Manciano 8,4 14,1 24,4 Capalbio 7,5 13,0 23,9 Castell'Azzara 8,7 16,5 23,7 Monterotondo M.mo 6,7 13,6 23,6 Scansano 7,4 12,8 23,6 Montieri 8,7 11,4 22,8 Gavorrano 7,5 13,2 22,4 Magliano in Toscana 6,9 11,1 21,7 Roccastrada 6,6 12,0 21,1 Sorano 6,9 10,0 21,0 Civitella Paganico 6,9 12,1 21,0 Semproniano 6,8 13,0 20,6 Campagnatico 5,8 10,3 20,5 Cinigiano 5,5 10,1 18,2 Roccalbegna 6,4 9,9 17,9 Totale provincia 12,7 20,2 30,3 Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT Al fine di provare a dare una interpretazione al risultato precedente, possiamo disaggregare la popolazione di Grosseto con più di 6 anni d età, facendo riferimento al titolo di studio e alla presenza o meno nel territorio comunale di una scuola superiore (vedi Figura 3). Da questo ulteriore approfondimento, appare evidente che la presenza o meno di una scuola superiore sul territorio comunale e la difficoltà di comunicazione con i centri principali della provincia, a cui sono soggetti gli abitanti dei comuni disagiati, sono fattori che influiscono molto sulla scolarizzazione della popolazione. Infatti, i titoli di studio superiori (laurea e diploma) sono mediamente più presenti tra gli abitanti dei comuni che hanno almeno una scuola superiore, mentre il grado di istruzione più basso (licenza di scuola elementare) è più frequente nei comuni disagiati e senza scuola superiore. 14

15 Figura 3: Grado di istruzione nella popolazione della provincia di Grosseto, suddiviso per tipologia di comune Anno ,0 37,8 35,0 30,0 25,0 19,1 18,5 22,6 29,1 26,2 27,7 33,6 30,7 Comuni senza scuola superiore 20,0 15,0 Comuni senza scuola superiore - disagiati 10,0 5,0 4,4 3,9 5,6 Comuni con scuola superiore 0,0 Laurea Diploma di scuola secondaria superiore Licenza di scuola media inferiore Licenza di scuola elementare Valori % Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT Un indicatore comunemente usato per classificare il grado di evoluzione dell istruzione in un determinato territorio è l Indice di possesso del diploma scuola media superiore per i residenti con più di 19 anni 3. Da un confronto fatto a livello di province toscane (vedi Figura 4), emerge come la provincia di Grosseto sia rimasta anche nel 2001 nelle posizioni di retroguardia a livello regionale. Infatti, con un valore di 30,1, ha alle spalle solo la provincia di Prato e la provincia di Pistoia, che ha un indice di 28,1. 3 L indice di possesso del diploma di scuola media superiore è il rapporto percentuale avente a numeratore la popolazione della classe di età 19 anni e più, che ha conseguito almeno un diploma di scuola superiore e come denominatore il totale della popolazione della stessa classe di età. 15

16 Figura 4: Evoluzione dell indice di possesso del diploma di scuola media superiore nelle province toscana (19 anni e più) Prato Firenze Pisa Livorno Massa-Carrara Siena Arezzo Grosseto Lucca Pistoia N.d. 23,7 23,6 23,4 22,9 22,1 21,0 20,4 20,4 17,9 28,1 34,8 34,4 33,7 33,8 33,1 31,3 30,1 30,4 28, Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT Scorrendo gli altri indici relativi all istruzione, disaggregati a livello comunale nella Tabella 5, possiamo dire che nella provincia di Grosseto il 9,3% della popolazione tra i 15 e i 42 anni non ha conseguito nemmeno il diploma di scuola media inferiore, questo valore, comunque, nel 1991 era del 13%; inoltre, come detto precedentemente, nel 2001 solo il 30,1% della popolazione con più di 19 anni ha conseguito il diploma di scuola media superiore (nel 1991 lo aveva conseguito il 20,4%) con un indice di 56,5% tra i 19 e 34 anni e 40,8% tra 35 e 44 anni. Possiamo, quindi, stimare che attualmente quasi la metà dei 115 mila grossetani tra i 19 e 55 anni fascia d età di riferimento del progetto Diploma on line abbia il solo diploma di scuola media inferiore: una quota sicuramente alta e, comunque, molto lontana dagli obiettivi di innalzamento del livello di istruzione fissati a Lisbona dall Unione Europea (l 85% dei ventidueenni dovrebbe avere il diploma di scuola media superiore) A livello comunale esistono sostanziali differenze sia per quanto riguarda il tasso di non conseguimento del diploma della scuola dell obbligo tra 15 e 42 anni si va dal 5,9% di Santa Fiora al 15% di Magliano in Toscana che per quanto riguarda l indice di conseguimento del diploma di coloro che hanno più di 19 anni; in questo caso il comune migliore risulta essere Grosseto con il 37,5% mentre nelle ultime posizioni troviamo Roccalbegna e Cinigiano. 16

17 Tabella 5: Principali indici di istruzione dei comuni della Provincia di Grosseto Tasso di non conseguimentoindice di conseg. diploma Indice di conseg. diplomaindice di conseg. diploma della scuola dell'obbligo scuola media superiore scuola media superiore scuola media superiore (15-42 anni) (19-34 anni) (35-44 anni) (19 anni e più) Arcidosso 11,1 8,9 45,6 55,1 31,5 45,8 19,6 29,8 Campagnatico 19,7 13,9 25,1 43,4 10,7 25,2 9,9 19,7 Capalbio 16,0 11,1 27,0 47,2 17,2 30,3 13,1 23,0 Castel del Piano 9,7 7,4 49,5 59,6 36,3 42,9 22,5 29,7 Castell'Azzara 10,5 7,0 49,3 60,6 29,6 45,0 15,0 22,1 Castigl. della Pescaia 15,5 10,6 34,1 49,6 23,0 39,2 17,6 28,4 Cinigiano 17,5 13,9 28,1 44,3 13,0 27,9 9,5 17,6 Civitella Paganico 15,1 12,8 31,1 42,8 17,4 31,3 11,6 20,3 Follonica 10,3 7,9 45,2 59,6 34,3 43,9 23,4 32,2 Gavorrano 19,3 13,9 28,3 45,7 19,7 26,8 12,9 21,1 Grosseto 10,5 7,0 47,5 62,4 38,4 48,4 28,1 37,5 Isola del Giglio 12,9 8,5 32,9 49,7 25,0 41,9 15,1 26,6 Magliano in Toscana 21,0 15,0 23,6 45,0 13,4 26,4 11,0 21,1 Manciano 18,0 11,0 31,0 50,9 24,0 34,7 14,2 24,1 Massa Marittima 14,8 11,1 44,7 58,2 30,3 41,1 18,7 27,7 Monte Argentario 14,8 10,4 35,9 54,8 24,6 39,1 18,7 29,5 Monterotondo M.mo 16,5 11,7 29,2 46,2 16,5 32,9 12,0 20,7 Montieri 12,2 12,7 32,5 47,3 27,9 33,8 10,4 21,1 Orbetello 12,6 9,1 36,1 55,4 30,7 37,0 19,9 29,6 Pitigliano 10,9 8,3 41,3 59,8 29,5 41,5 18,7 28,2 Roccalbegna 16,0 12,4 22,3 43,7 21,3 27,3 9,4 17,7 Roccastrada 16,3 12,8 26,7 45,7 20,8 28,2 11,4 20,3 Santa Fiora 9,9 5,9 44,4 64,1 34,2 46,2 16,2 29,7 Scansano 19,9 14,8 28,2 51,1 22,5 31,1 12,8 23,3 Scarlino 14,7 9,8 31,7 52,9 24,3 32,5 15,0 26,5 Seggiano 13,6 11,2 33,0 65,1 25,6 42,1 12,4 25,8 Semproniano 11,1 8,7 42,7 55,7 27,0 36,5 13,1 20,1 Sorano 18,8 13,6 28,3 51,9 19,7 31,0 10,5 21,3 Totale Provincia 13,0 9,3 40,0 56,5 30,4 40,8 20,4 30,1 Fonte: dati censuari ISTAT Un ultima considerazione, molto importante per le implicazioni che può avere all interno del progetto Diploma on line, nasce dal fatto che, come detto precedentemente, i comuni lontani da sedi di scuole medie superiori registrano i livelli d istruzione più bassi. Ciò può voler dire che abitare in questi comuni si traduce in un oggettivo svantaggio, in minori diritti; infatti, come evidenziato nella Figura 5, l indice di conseguimento del diploma superiore dei residenti con più di 19 anni passa dal 34,2% nei comuni nel cui territorio è presente almeno una scuola superiore al 24,7% nei comuni in cui non sono presenti scuole superiori; se poi il comune che non ha scuole superiori è anche disagiato dal punto di vista logistico, allora l indice scende ulteriormente a 21,5%. 17

18 Figura 5: Indice di conseguimento del diploma superiore (19 anni e più) nella provincia di Grosseto per tipologia di comune ,2% 35% 30% 25% 24,7% 21,5% 20% 15% 10% 5% 0% Comuni con Scuola Superiore Comuni senza Scuola Superiore Comuni senza Scuola Superiore - disagiati Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT 2.2. L inserimento sul mercato del lavoro: l influenza del titolo di studio Premessa Se è vero che studiare aiuta principalmente ad arricchire la cultura personale, non c è dubbio che in molti proseguono il proprio percorso scolastico con l aspettativa di avere più possibilità di trovare un occupazione. Ma che influenza ha il titolo di studio quando viene speso sul mercato del lavoro? In breve: studiare serve per trovare lavoro? Proprio partendo da questa domanda, che in fondo può rappresentare un punto di partenza per promuovere la partecipazione a un corso di scuola secondaria attraverso il progetto Diploma on line, abbiamo cercato di capire più nel dettaglio le caratteristiche della forza lavoro presente in provincia di Grosseto e i dati strutturali dell inserimento lavorativo provinciale. A tal fine utilizzeremo i dati dell indagine trimestrale ISTAT sulla forza lavoro 2003 e le informazioni presenti negli archivi dei Centri per l impiego provinciale, con particolare riferimento al titolo di studio delle persone registrate e all influenza che esso ha sulla condizione occupazionale. 18

19 Il livello di istruzione della forza lavoro grossetana attraverso i dati Istat Dai dati dell indagine trimestrale ISTAT sulla forza lavoro emerge che la forza lavoro dell Italia centrale è di 4,8 milioni di persone, di cui quasi 4,2 milioni composta da persone tra 19 e 55 anni d età. La distribuzione di quest ultimo gruppo di forza lavoro per titolo di studio (vedi Figura 6) mostra che quasi un terzo (32,5%) è composto da persone in possesso della sola licenza media mentre la componente principale, pari al 40,7%, è in possesso di un diploma superiore. Figura 6: Distribuzione della forza lavoro dell Italia centrale, da 19 a 55 anni, per titolo di studio 2003 Licenza elementare, Nessun titolo 6,1 Licenza Media 32,5 Qualifica lic. non accesso Università 6,4 Diploma accesso Università 40,7 Dottorato, Laurea, Laurea breve 14,3 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0 40,0 45,0 Valori % Fonte: dati ISTAT- Indagine trimestrale sulla forza lavoro Considerando che la popolazione tra i 19 e 55 anni dell Italia centrale è per il 75% forza lavoro e sapendo che in provincia di Grosseto la fascia di età tra 19 e 55 anni è composta da circa unità, possiamo stimare che la forza lavoro provinciale sia intorno alle unità. Se ammettiamo che questa forza lavoro si distribuisca per titolo di studio in maniera analoga a quanto avviene nell Italia centrale, allora possiamo stimare che la forza lavoro da 19 a 55 anni presente nella provincia di Grosseto, in possesso della licenza media, è di circa persone (vedi Tabella 6); a queste possiamo aggiungere anche le oltre persone non forza lavoro, che, essendo in possesso di licenza media, potrebbero essere teoricamente interessate all acquisizione di un diploma superiore. Concludendo questo nostro ragionamento possiamo stimare che circa persone, residenti in provincia di Grosseto, aventi come titolo di studio la sola licenza media e con un età compresa tra i 19 e 55 anni sono potenzialmente coinvolgibili nel progetto Diploma on line. 19

20 Tabella 6: Stima della forza lavoro in provincia di Grosseto Dottorato, Laurea, Laurea breve Diploma accesso Università Qualifica lic. non accesso Università Licenza Media Licenza elementare, Nessun titolo Totale popolazione anni Forza lavoro Non forza lavoro Totale Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati ISTAT- Indagine trimestrale sulla forza lavoro Le caratteristiche della forza lavoro attraverso i dati dei Centri per l Impiego Spostando la nostra analisi sui dati presenti negli archivi dei Centri per l Impiego provinciale, troviamo che i nominativi presenti in questa banca dati sono circa ; le nostre elaborazioni, però, saranno basate su circa record in quanto alcuni nominativi hanno un doppio titolo di studio. Partendo dalla distribuzione per titolo di studio dei nominativi presenti nella banca dati (vedi Figura 7), la prima cosa che balza agli occhi è che circa persone (pari a quasi il 40% del totale) sono provviste di licenza media, mentre quasi persone non hanno nemmeno questo titolo di studio; chiudono il conto circa persone che hanno proseguito gli studi conseguendo almeno un diploma professionale o di scuola media superiore. Figura 7: Numero di persone registrate negli archivi dei Centri per l impiego provinciale per titolo di studio. N.d. Nessun titolo Licenza elementare Scuola dell'obbligo Licenza media /Avviam. prof. Diploma professionale (3 anni) Diploma media superiore Laurea, scuole speciali, alta formaz Valori Assoluti Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati Centri per l impiego della Provincia di Grosseto 20

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

ricongiungim. altri Barbini Beatrice 02.03.1959 6 Grosseto ITC Albinia Guerrini Cristina 28.06.1969 6 Castell Azzara IC Albinia Altro ruolo

ricongiungim. altri Barbini Beatrice 02.03.1959 6 Grosseto ITC Albinia Guerrini Cristina 28.06.1969 6 Castell Azzara IC Albinia Altro ruolo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio XI Ambito territoriale della provincia di Grosseto ASSEGNAZIONE PROVVISORIA PROVINCIALE 17/A

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Circolare

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA Servizio Istruzione, Formazione e Politiche del Lavoro Ufficio Pianificazione Azioni di sistema, formazione per utenze svantaggiate e femminili PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni SEZIONE I Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 42 del 18.10.2006 con la quale il Consiglio ha approvato un atto d indirizzo sull informativa di cui trattasi; 3 CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Piano regionale degli interventi per la famiglia

Piano regionale degli interventi per la famiglia Piano regionale degli interventi per la famiglia Sommario Introduzione... 5 Parte I. Il contesto... 9 La famiglia in Friuli Venezia Giulia... 10 L approccio culturale del Piano... 44 La dimensione strategica

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

La vita quotidiana nel 2009

La vita quotidiana nel 2009 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 1 0 Settore Famiglia e società La vita quotidiana nel 2009 Indagine multiscopo annuale sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana Anno

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli