Educazione degli adulti e Diploma on line

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Educazione degli adulti e Diploma on line"

Transcript

1 Provincia di Grosseto Educazione degli adulti e Diploma on line Indagine conoscitiva finalizzata alla sperimentazione e attuazione di un percorso scolastico per conseguire un diploma superiore on-line

2 2

3 Un progetto di intervento rivolto a coloro che, in età adulta e ormai fuori da percorsi scolastici, decidono di rientrare nel sistema di istruzione e formazione si inserisce in un processo di cambiamento nazionale, regionale e locale ma anche europeo - che persegue la crescita delle conoscenze e competenze possedute da tutti i cittadini, in ogni momento della vita. A fronte delle caratteristiche della provincia di Grosseto, con bassa densità di popolazione in un territorio esteso e in gran parte collinare e montano e con viabilità carente, si delinea in modo netto la complessità e la difficoltà di accesso a una serie di opportunità e diritti, tra i quali, in particolare, l istruzione e la prosecuzione degli studi. E così che quasi la metà della popolazione adulta della provincia di Grosseto, compresa tra i 19 e 55 anni, non ha il diploma di scuola media superiore: troppi rispetto ai livelli fissati come obiettivo dalla Conferenza Europea di Lisbona, che ha stabilito l impegno, entro il 2010, di innalzare le competenze di base e a favorire il conseguimento di un titolo di studio superiore da parte del maggior numero di persone. In provincia di Grosseto il ricorso al pendolarismo ha sempre rappresentato l unica possibilità di conseguire il diploma di scuola secondaria superiore per i giovani e gli adulti che risiedono nei Comuni dove l offerta si ferma alla scuola di primo grado. Da qui la necessità di avviare un progetto che permetta il conseguimento del diploma mediante la formazione a distanza. L indagine che qui pubblichiamo è nata da questa necessità che si è nel frattempo tradotta in un progetto reale, in procinto di concretizzarsi e costituirà strumento conoscitivo di base per la creazione di opportunità e percorsi di istruzione che, nell obiettivo di garantire il lifelonglearning, possano adattarsi alle molteplici esigenze, conciliando impegni di studio con la vita lavorativa e familiare. Anna Nativi (assessore provinciale all Istruzione) Il presente rapporto è stato curato dalla Simurg Ricerche 3

4 Gruppo di lavoro Coordinamento generale: Moreno Toigo Gli autori delle diverse parti sono: Claudio Salvucci Daniele Mirani Massimiliano Faraoni Via Eugenio Sansoni Livorno 4

5 Dispersione scolastica, diritto allo studio e offerta formativa integrata in provincia di Grosseto Sommario Premessa Note metodologiche I livelli d istruzione e l inserimento sul mercato del lavoro dei non diplomati La crescita dei livelli d istruzione L inserimento sul mercato del lavoro: l influenza del titolo di studio Premessa Il livello di istruzione della forza lavoro grossetana attraverso i dati Istat Le caratteristiche della forza lavoro attraverso i dati dei Centri per l Impiego L indagine sul campo Analisi dei rifiuti: rifiutare l intervista significa mancanza d interesse al conseguimento del diploma? Le caratteristiche del campione Sesso ed età La situazione familiare La situazione occupazionale I percorsi scolastici e il livello di formazione Le competenze informatiche La propensione al conseguimento del diploma Gli utenti potenziali del Diploma on line Metodo di stima e risultati Caratteristiche degli utenti potenziali Il profilo medio Differenze secondo i comuni di residenza Differenze secondo la condizione lavorativa Differenze secondo il motivo di interruzione degli studi Altre differenziazioni Le condizioni di fattibilità Stime comunali

6 5. ALLEGATI Il questionario utilizzato ALLEGATI La scheda di presentazione ALLEGATI Il manuale del rilevatore (protocollo) ALLEGATI La scheda di attività Indice delle figure Indice delle tabelle

7 Premessa Si stima che attualmente quasi la metà dei 115 mila grossetani tra i 19 e i 55 anni abbia il solo diploma di scuola media inferiore: una quota molto alta e lontana dagli obiettivi di innalzamento del livello di istruzione fissati a Lisbona dall Unione Europea 1. Occorre dunque un forte impegno da parte di tutti gli operatori pubblici e privati per elevare l istruzione di base dei cittadini grossetani. Certamente, una strada per conseguire questo obiettivo passa per la moltiplicazione delle opportunità e dell offerta di percorsi di istruzione ai cittadini, percorsi che possano adattarsi alle molteplici esigenze e consentano di conciliare un impegno di studio con la vita lavorativa e familiare. L idea che moltiplicando le opportunità e i canali si possa innalzare il livello di istruzione della popolazione presuppone che esista attualmente una domanda non soddisfatta, ovvero una quota di cittadini che vorrebbe conseguire un diploma di scuola media superiore, ma che non trova il modo di farlo. Ma quanti sono questi cittadini? Chi sono? Il loro numero e le loro caratteristiche giustificano l investimento necessario per creare nuovi canali alternativi a quello classico dei corsi serali? Ad alcune di queste domande cerca di rispondere la ricerca che abbiamo realizzato, intervistando un campione di 784 cittadini grossetani aventi il solo diploma di scuola media inferiore. 1 Nel marzo del 2000, a Lisbona, il Consiglio Europeo ha adottato un nuovo obiettivo strategico: "diventare l'economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale." Nelle Conclusioni del vertice di Lisbona, i capi di Stato e di governo hanno riconosciuto il ruolo fondamentale di istruzione e formazione per la crescita e lo sviluppo economico e definito tre obiettivi strategici: i) aumentare la qualità e l'efficacia dei sistemi di istruzione e di formazione nell'unione europea; ii) facilitare l'accesso ai sistemi di istruzione e di formazione; iii) aprire i sistemi di istruzione e formazione al mondo esterno. Nell'ambito di questi obiettivi sono state individuate cinque aree prioritarie di intervento, definendone anche i livelli di riferimento e la scadenza temporale entro il 2010: i) diminuzione degli abbandoni precoci (percentuale non superiore al 10%); ii) aumento dei laureati in matematica, scienze e tecnologia (aumento almeno del 15% e al contempo diminuzione dello squilibrio fra sessi); iii) aumento dei giovani che completano gli studi secondari superiori (almeno l'85% della popolazione ventiduenne); iv) diminuzione della percentuale dei quindicenni con scarsa capacità di lettura (almeno del 20% rispetto al 2000); v) aumento della media europea di partecipazione ad iniziative di lifelong learning (almeno fino al 12% della popolazione adulta in età lavorativa: 25/64 anni). 7

8 1. Note metodologiche L indagine è stata effettuata intervistando un campione statisticamente significativo di persone di età compresa tra i 20 e i 55 anni, residenti nella provincia di Grosseto, che hanno conseguito la licenza media inferiore. Il primo problema da superare era quello di avere a disposizione una lista di nominativi attendibile di persone con queste caratteristiche. Si è scartata l ipotesi di attingere dalle liste anagrafiche dei 28 comuni della provincia per due motivi: per le difficoltà e il dispendio di tempo necessari per acquisire dai Comuni tali elenchi; per la scarsa attendibilità dei dati anagrafici per quanto riguarda il titolo di studio (informazione, tra l altro, non sempre registrata); Si è quindi optato di attingere dagli elenchi dei Centri per l Impiego, che, pur non essendo sempre attendibili (a causa della volontarietà dell atto di aggiornamento delle informazioni da parte dell utente), hanno il vantaggio di avere molte e dettagliate informazioni socio-anagrafiche su gran parte delle persone residenti in un unico archivio centralizzato 2, facilmente consultabile e, soprattutto, disponibile immediatamente per la Provincia. Attraverso alcuni accorgimenti per limitare la presenza di nominativi non corrispondenti alle nostre esigenze, abbiamo potuto ricostruire la lista dell universo da cui estrarre il campione. La numerosità del campione è stata stabilita fissando l errore campionario standard al 5% e il livello di significatività al 95%. Il campione è stato costruito in modo tale da fornire risultati statisticamente significativi per zona, sesso e tipologia di comune. Questa tipologia è stata costruita tenendo conto della presenza o meno di una scuola superiore sul territorio e della posizione geografica, che ha ulteriormente suddiviso i comuni senza scuola media superiore in comuni disagiati (per la distanza da scuole superiori) e no. Le interviste sono state realizzate telefonicamente da un gruppo di 20 studenti del corso serale che si tiene presso l Istituto Einaudi. Essi sono stati adeguatamente formati dal responsabile della ricerca sulla metodologia dell indagine. Per la partecipazione a questa attività formativa, è stato rilasciato loro un attestato. Il questionario (vedi allegato) utilizzato per l intervista è stato costruito attraverso una serie di focus group che hanno visto coinvolti insegnanti, dirigenti scolastici, 2 I Centri per l Impiego di Grosseto, che attualmente utilizzano il Sistema Informativo Idol, all epoca dell indagine gestivano gli elenchi dei lavoratori iscritti tramite il Sistema Informativo Netlabor 4. 8

9 dirigenti e amministratori della Provincia di Grosseto e ricercatori della Simurg Ricerche. A ciascun rilevatore è stato consegnato un kit (vedi in appendice) composto da: questionari cartacei, manuale del rilevatore, elenchi di nominativi (principale e di riserva), schede di attività. L inserimento elettronico dei questionari è stato effettuato mediante una griglia di immissione realizzata con il software Professional Quest della Dipolar, che consente anche dei controlli di coerenza in tempo reale. Le analisi statistiche sono state effettuate con il software Spss. 9

10 2. I livelli d istruzione e l inserimento sul mercato del lavoro dei non diplomati 2.1. La crescita dei livelli d istruzione In Toscana, negli ultimi venti anni, grazie al fenomeno della scolarizzazione di massa e con il graduale estinguersi delle generazioni meno istruite, si è assistito ad un progressivo innalzamento dei livelli di istruzione; infatti, come evidenziato nella Figura 1 la percentuale di coloro, con età maggiore di 6 anni, in possesso di un titolo di studio è passata dal 79,7 del 1981 al 90,4 nel Di conseguenza sono diminuiti coloro che non hanno alcun titolo di studio, sia alfabeti che analfabeti, anche se bisogna notare uno 0,8% di residenti in toscana, pari a circa persone, che risultano essere analfabeti di cui circa con oltre 65 anni di età. Figura 1: Evoluzione del grado di istruzione nella popolazione della Toscana in età da 6 anni in poi ,0 90,0 80,0 79,7 87,4 90,4 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 18,0 11,4 8,8 2,2 1,3 0,8 0,0 FORNITI DI TITOLO DI STUDIO ALFABETI PRIVI DI TITOLO DI STUDIO ANALFABETI Valori % Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT La crescita del livello di istruzione è stata generalizzata in tutte le province toscane e per tutti i gradi di istruzione; ed è stata particolarmente forte per i gradi di istruzione più elevati. La percentuale di persone laureate o diplomate è infatti passata dal 14,3% del 1981 al 32,9% del

11 Anche in provincia di Grosseto, una delle province toscane con i più bassi livelli generali d istruzione, nei periodi intercensuari abbiamo avuto un aumento del livello di istruzione della popolazione residente con più di 6 anni (vedi Figura 2) anche se le percentuali di coloro che sono forniti di un titolo di studio sono leggermente inferiori rispetto alla media regionale (l 88,4% contro il 90,4% nel 2001). Coloro che hanno una laurea o un diploma di scuola superiore sono passati dal 12,7% del 1981 al 30,3% del 2001 con un aumento, quindi, di 17,5 punti percentuali. Una crescita certamente considerevole ma comunque al di sotto della crescita media regionale (18,7%). L incremento di Grosseto si colloca così al penultimo posto rispetto alle altre province toscane. All ultimo posto c è Pistoia, che ha avuto una crescita di laureati e diplomati pari a 16,9 punti percentuali nel corso dell ultimo ventennio. Figura 2: Evoluzione del grado di istruzione nella popolazione della provincia di Grosseto in età da 6 anni in poi ,0 80,0 74,8 83,9 88,4 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 22,3 14,4 10,7 2,9 1,7 0,9 0,0 FORNITI DI TITOLO DI STUDIO ALFABETI PRIVI DI TITOLO DI STUDIO ANALFABETI Valori % Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT Scendendo ancora nelle gerarchie territoriali e passando ad una disaggregazione comunale del livello di istruzione dei residenti con età superiore ai 6 anni, possiamo notare, dal confronto dei dati censuari del 1981, 1991 e 2001 (vedi Tabella 1, Tabella 2 e Tabella 3), che in tutti i comuni grossetani il livello di istruzione è progressivamente aumentato; vale la pena mettere in evidenza che molti comuni che partivano nel 1981 da percentuali basse di popolazione fornita di un titolo di studio (60-65%) hanno avuto in venti anni aumenti anche superiori a 20 punti percentuali rispetto agli 8-10 punti percentuali di aumento avuti da Follonica, Orbetello e Grosseto. 11

12 Questo fenomeno è molto interessante, in quanto possiamo dire che dal 1981 al 2001 abbiamo assistito a una diffusione dell istruzione a livello territoriale; in pratica la scolarizzazione di massa sta avendo l effetto di ridurre il gap dei comuni più disagiati rispetto ai grandi centri della costa. Esemplare è il caso di Roccalbegna, che ha visto aumentare i residenti con titolo di studio dal 60,2% del 1981 all 83% del Tabella 1: Popolazione residente in età da 6 anni in poi per comune e grado di istruzione Anno 1981 (valori %) 1981 FORNITI DI TITOLO DI STUDIO COMUNI Totale Laurea Fonte: dati censuari ISTAT Diploma di scuola secondaria superiore Licenza di scuola media inferiore Licenza di scuola elementare ALFABETI PRIVI DI TITOLO DI STUDIO ANALFABETI Tabella 2: Popolazione residente in età da 6 anni in poi per comune e grado di istruzione Anno 1991 (valori %) 12 Totale Di cui: in età da 65 anni in poi Totale Di cui: in età da 65 anni in poi Arcidosso 66,4 1,5 10,4 15,8 38,7 29,2 20,0 4,3 3,8 100,0 Campagnatico 63,7 0,9 5,0 16,0 41,9 30,8 18,0 5,6 4,9 100,0 Capalbio 72,3 0,9 6,7 22,5 42,3 24,2 10,4 3,5 3,0 100,0 Castel del Piano 69,5 2,1 10,3 20,6 36,5 26,8 18,0 3,7 3,5 100,0 Castell'Azzara 70,5 1,2 7,5 16,0 45,7 26,5 19,2 3,1 2,8 100,0 Castiglion della Pescaia 76,9 1,3 8,2 20,5 46,9 20,2 10,0 2,9 2,3 100,0 Cinigiano 65,3 0,7 4,8 16,5 43,3 28,6 17,7 6,1 5,6 100,0 Civitella Paganico 66,6 0,8 6,1 17,3 42,5 28,0 16,9 5,4 4,6 100,0 Follonica 80,7 2,2 12,9 23,4 42,3 18,0 8,1 1,3 1,1 100,0 Gavorrano 71,5 1,0 6,6 18,8 45,1 25,0 14,6 3,5 2,9 100,0 Grosseto 80,7 3,6 14,9 23,6 38,6 17,5 7,2 1,8 1,5 100,0 Isola del Giglio 74,1 2,1 9,5 19,7 42,8 25,4 14,5 0,5 0,4 100,0 Magliano in Toscana 74,2 0,6 6,2 18,2 49,1 22,1 11,7 3,8 3,1 100,0 Manciano 65,5 1,3 7,1 17,5 39,5 29,4 16,9 5,1 4,4 100,0 Massa Marittima 74,1 2,1 9,6 17,7 44,7 22,5 13,6 3,4 2,9 100,0 Monte Argentario 75,3 1,5 9,6 23,1 41,1 23,0 10,0 1,7 1,3 100,0 Monterotondo Marittimo 67,1 0,9 5,8 18,4 42,0 28,2 17,0 4,7 4,3 100,0 Montieri 68,0 1,4 7,3 14,3 45,0 27,7 21,2 4,3 3,8 100,0 Orbetello 79,9 2,0 11,4 22,5 44,0 18,2 7,9 1,9 1,6 100,0 Pitigliano 66,2 1,8 8,3 19,5 36,7 28,9 16,6 4,9 4,1 100,0 Roccalbegna 60,2 0,9 5,5 14,7 39,1 33,9 23,7 5,9 5,4 100,0 Roccastrada 66,4 0,9 5,7 17,0 42,8 29,0 18,1 4,6 4,1 100,0 Santa Fiora 68,5 1,6 7,5 17,8 41,7 26,8 19,4 4,6 4,2 100,0 Scansano 65,2 0,9 6,5 15,2 42,6 29,6 18,1 5,2 4,5 100,0 Scarlino 70,2 1,4 7,3 19,1 42,5 26,8 14,5 3,0 2,4 100,0 Seggiano 65,2 1,4 5,9 13,8 44,1 29,7 19,2 5,1 4,6 100,0 Semproniano 66,3 1,0 5,9 14,4 45,1 28,8 20,2 4,8 4,3 100,0 Sorano 61,0 0,9 6,1 15,6 38,5 32,7 20,9 6,3 5,7 100,0 TOTALE PROVINCIA 74,8 2,1 10,6 20,8 41,3 22,3 11,7 2,9 2,5 100, FORNITI DI TITOLO DI STUDIO COMUNI Totale Laurea Diploma di scuola secondaria superiore Licenza di scuola media inferiore Licenza di scuola elementare ALFABETI PRIVI DI TITOLO DI STUDIO Totale Di cui: in età da 65 anni in poi ANALFABETI Totale Di cui: in età da 65 anni in poi Arcidosso 79,9 2,7 18,1 23,1 36,0 18,0 9,8 2,1 1,7 100,0 Campagnatico 77,3 1,7 8,6 25,2 41,8 19,8 10,2 2,8 2,3 100,0 Capalbio 82,2 1,3 11,7 31,7 37,5 15,6 6,1 2,2 1,6 100,0 Castel del Piano 83,2 3,4 19,0 25,6 35,2 14,4 7,8 2,5 1,9 100,0 Castell'Azzara 80,3 1,6 15,0 18,6 45,2 17,7 11,3 2,0 1,5 100,0 Castiglion della Pescaia 83,8 2,0 15,2 28,1 38,5 14,3 6,8 1,9 1,5 100,0 Cinigiano 73,5 1,1 9,0 23,5 39,9 23,2 13,5 3,3 2,8 100,0 Civitella Paganico 76,6 1,6 10,5 24,8 39,8 20,4 10,0 2,9 2,3 100,0 Follonica 88,3 3,2 20,3 29,7 35,1 11,0 5,0 0,7 0,5 100,0 Gavorrano 80,9 1,3 12,0 27,6 40,2 16,5 7,8 2,6 1,7 100,0 Grosseto 87,9 4,9 21,8 29,6 31,7 11,0 4,3 1,1 0,8 100,0 Isola del Giglio 84,3 1,5 14,5 27,5 40,7 15,3 7,8 0,5 0,1 100,0 Magliano in Toscana 82,5 1,4 9,7 27,5 43,9 15,4 7,4 2,1 1,6 100,0 Manciano 76,3 1,7 12,4 25,4 36,7 20,4 10,2 3,3 2,7 100,0 Massa Marittima 82,3 3,2 15,9 23,5 39,8 15,5 8,6 2,2 1,6 100,0 Monte Argentario 83,8 2,0 17,5 29,7 34,6 15,0 6,4 1,2 0,7 100,0 Monterotondo Marittimo 78,4 1,1 12,5 25,8 39,0 18,4 9,3 3,1 2,4 100,0 Montieri 78,3 1,6 9,8 18,9 47,9 19,5 12,9 2,2 1,7 100,0 Orbetello 86,1 2,6 17,5 30,8 35,1 12,7 5,2 1,2 0,9 100,0 Pitigliano 77,5 2,2 15,3 28,3 31,7 19,6 11,0 2,9 2,0 100,0 Roccalbegna 72,5 1,4 8,5 21,5 41,1 24,2 13,7 3,3 2,5 100,0 Roccastrada 77,6 1,3 10,7 25,5 40,1 19,8 11,1 2,6 1,9 100,0 Santa Fiora 82,5 2,5 14,5 24,0 41,5 15,3 9,2 2,2 1,8 100,0 Scansano 77,7 1,8 11,0 23,6 41,2 20,1 10,7 2,3 1,6 100,0 Scarlino 83,3 1,8 13,8 29,0 38,7 15,3 7,3 1,3 1,0 100,0 Seggiano 80,7 2,9 10,5 21,2 46,1 16,5 9,5 2,8 2,1 100,0 Semproniano 79,0 2,0 11,0 19,5 46,5 18,0 11,9 3,0 2,3 100,0 Sorano 76,3 1,4 8,7 23,0 43,2 19,8 11,4 3,9 2,9 100,0 TOTALE PROVINCIA 83,9 3,1 17,1 27,8 36,0 14,4 6,8 1,7 1,3 100,0 Totale Totale

13 Tabella 3: Popolazione residente in età da 6 anni in poi per comune e grado di istruzione Anno 2001 (valori %) 2001 FORNITI DI TITOLO DI STUDIO COMUNI Totale Laurea Fonte: dati censuari ISTAT Diploma di scuola secondaria superiore Licenza di scuola media inferiore Licenza di scuola elementare ALFABETI PRIVI DI TITOLO DI STUDIO ANALFABETI Restringendo la nostra analisi ai livelli alti di istruzione, possiamo mettere in evidenza come esista ancora una notevole differenza tra i grandi centri costieri - Grosseto, Follonica, Monte Argentario che presentano valori percentuali quasi doppi di laureati e diplomati, rispetto ai comuni interni, come ad esempio Roccalbegna e Cinigiano (vedi Tabella 4). Totale Di cui: in età da 65 anni in poi Totale Di cui: in età da 65 anni in poi Arcidosso 87,6 5,9 24,3 27,3 30,2 11,3 6,8 1,1 0,8 100,0 Campagnatico 83,6 3,9 16,6 29,5 33,5 15,2 9,7 1,2 1,1 100,0 Capalbio 87,2 3,4 20,5 32,1 31,2 11,9 6,5 0,9 0,8 100,0 Castel del Piano 87,6 6,9 23,0 27,6 30,1 11,4 6,6 0,9 0,7 100,0 Castell'Azzara 89,1 3,5 20,2 23,4 42,0 9,7 6,8 1,2 0,9 100,0 Castiglione della Pescaia 87,9 6,0 22,1 29,4 30,6 11,2 5,9 0,9 0,7 100,0 Cinigiano 86,3 3,0 15,1 28,1 40,0 12,2 7,9 1,4 1,1 100,0 Civitella Paganico 86,5 3,8 17,2 29,3 36,3 12,0 7,6 1,5 1,1 100,0 Follonica 90,2 6,5 26,0 29,6 28,0 9,3 4,8 0,5 0,4 100,0 Gavorrano 86,0 3,1 19,4 31,3 32,3 12,8 7,5 1,2 0,8 100,0 Grosseto 91,0 8,5 28,1 28,9 25,4 8,4 3,9 0,6 0,4 100,0 Isola del Giglio 88,1 4,0 22,2 29,2 32,7 11,9 6,4 0,1 0,1 100,0 Magliano in Toscana 86,0 3,9 17,8 30,0 34,3 13,1 8,6 0,8 0,7 100,0 Manciano 85,5 4,5 19,9 28,3 32,8 13,2 8,6 1,3 1,1 100,0 Massa Marittima 87,2 6,2 22,2 25,7 33,0 11,4 7,2 1,4 1,1 100,0 Monte Argentario 88,0 4,7 26,8 28,3 28,2 11,4 5,2 0,6 0,4 100,0 Monterotondo Marittimo 85,1 3,5 20,2 27,4 34,1 13,1 8,5 1,7 1,5 100,0 Montieri 86,2 5,5 17,3 24,3 39,2 11,4 7,5 2,4 1,0 100,0 Orbetello 88,7 5,8 24,5 30,0 28,5 10,6 5,3 0,7 0,5 100,0 Pitigliano 85,5 5,2 22,0 28,6 29,7 13,3 7,6 1,2 1,0 100,0 Roccalbegna 83,0 3,1 14,9 26,1 38,9 15,6 11,3 1,4 1,2 100,0 Roccastrada 84,2 3,5 17,6 28,2 34,9 14,3 8,7 1,5 1,0 100,0 Santa Fiora 85,9 6,8 24,0 25,4 29,6 12,9 8,6 1,2 1,0 100,0 Scansano 86,0 5,1 18,5 26,6 35,9 13,0 8,1 1,0 0,7 100,0 Scarlino 89,6 5,0 22,3 32,0 30,3 9,8 5,2 0,6 0,4 100,0 Seggiano 81,8 6,7 19,3 21,1 34,6 16,3 12,1 2,0 1,0 100,0 Semproniano 86,9 3,8 16,8 23,3 43,0 12,1 9,3 0,9 0,8 100,0 Sorano 79,9 3,6 17,5 26,0 33,0 18,2 13,0 1,8 1,3 100,0 TOTALE PROVINCIA 88,4 6,2 24,0 28,7 29,5 10,7 5,9 0,9 0,6 100,0 Totale 13

14 Tabella 4: Popolazione da 6 anni in poi, residente nei comuni grossetani, in possesso di laurea o diploma superiore (valori %) Grosseto 18,4 26,7 36,7 Follonica 15,1 23,4 32,5 Monte Argentario 11,1 19,5 31,5 Santa Fiora 9,1 17,0 30,9 Orbetello 13,4 20,2 30,2 Arcidosso 11,9 20,9 30,1 Castel del Piano 12,4 22,4 30,0 Massa Marittima 11,7 19,0 28,5 Castigl. della Pescaia 9,5 17,2 28,0 Scarlino 8,6 15,6 27,3 Pitigliano 10,0 17,5 27,2 Isola del Giglio 11,6 16,1 26,1 Seggiano 7,3 13,4 26,1 Manciano 8,4 14,1 24,4 Capalbio 7,5 13,0 23,9 Castell'Azzara 8,7 16,5 23,7 Monterotondo M.mo 6,7 13,6 23,6 Scansano 7,4 12,8 23,6 Montieri 8,7 11,4 22,8 Gavorrano 7,5 13,2 22,4 Magliano in Toscana 6,9 11,1 21,7 Roccastrada 6,6 12,0 21,1 Sorano 6,9 10,0 21,0 Civitella Paganico 6,9 12,1 21,0 Semproniano 6,8 13,0 20,6 Campagnatico 5,8 10,3 20,5 Cinigiano 5,5 10,1 18,2 Roccalbegna 6,4 9,9 17,9 Totale provincia 12,7 20,2 30,3 Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT Al fine di provare a dare una interpretazione al risultato precedente, possiamo disaggregare la popolazione di Grosseto con più di 6 anni d età, facendo riferimento al titolo di studio e alla presenza o meno nel territorio comunale di una scuola superiore (vedi Figura 3). Da questo ulteriore approfondimento, appare evidente che la presenza o meno di una scuola superiore sul territorio comunale e la difficoltà di comunicazione con i centri principali della provincia, a cui sono soggetti gli abitanti dei comuni disagiati, sono fattori che influiscono molto sulla scolarizzazione della popolazione. Infatti, i titoli di studio superiori (laurea e diploma) sono mediamente più presenti tra gli abitanti dei comuni che hanno almeno una scuola superiore, mentre il grado di istruzione più basso (licenza di scuola elementare) è più frequente nei comuni disagiati e senza scuola superiore. 14

15 Figura 3: Grado di istruzione nella popolazione della provincia di Grosseto, suddiviso per tipologia di comune Anno ,0 37,8 35,0 30,0 25,0 19,1 18,5 22,6 29,1 26,2 27,7 33,6 30,7 Comuni senza scuola superiore 20,0 15,0 Comuni senza scuola superiore - disagiati 10,0 5,0 4,4 3,9 5,6 Comuni con scuola superiore 0,0 Laurea Diploma di scuola secondaria superiore Licenza di scuola media inferiore Licenza di scuola elementare Valori % Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT Un indicatore comunemente usato per classificare il grado di evoluzione dell istruzione in un determinato territorio è l Indice di possesso del diploma scuola media superiore per i residenti con più di 19 anni 3. Da un confronto fatto a livello di province toscane (vedi Figura 4), emerge come la provincia di Grosseto sia rimasta anche nel 2001 nelle posizioni di retroguardia a livello regionale. Infatti, con un valore di 30,1, ha alle spalle solo la provincia di Prato e la provincia di Pistoia, che ha un indice di 28,1. 3 L indice di possesso del diploma di scuola media superiore è il rapporto percentuale avente a numeratore la popolazione della classe di età 19 anni e più, che ha conseguito almeno un diploma di scuola superiore e come denominatore il totale della popolazione della stessa classe di età. 15

16 Figura 4: Evoluzione dell indice di possesso del diploma di scuola media superiore nelle province toscana (19 anni e più) Prato Firenze Pisa Livorno Massa-Carrara Siena Arezzo Grosseto Lucca Pistoia N.d. 23,7 23,6 23,4 22,9 22,1 21,0 20,4 20,4 17,9 28,1 34,8 34,4 33,7 33,8 33,1 31,3 30,1 30,4 28, Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT Scorrendo gli altri indici relativi all istruzione, disaggregati a livello comunale nella Tabella 5, possiamo dire che nella provincia di Grosseto il 9,3% della popolazione tra i 15 e i 42 anni non ha conseguito nemmeno il diploma di scuola media inferiore, questo valore, comunque, nel 1991 era del 13%; inoltre, come detto precedentemente, nel 2001 solo il 30,1% della popolazione con più di 19 anni ha conseguito il diploma di scuola media superiore (nel 1991 lo aveva conseguito il 20,4%) con un indice di 56,5% tra i 19 e 34 anni e 40,8% tra 35 e 44 anni. Possiamo, quindi, stimare che attualmente quasi la metà dei 115 mila grossetani tra i 19 e 55 anni fascia d età di riferimento del progetto Diploma on line abbia il solo diploma di scuola media inferiore: una quota sicuramente alta e, comunque, molto lontana dagli obiettivi di innalzamento del livello di istruzione fissati a Lisbona dall Unione Europea (l 85% dei ventidueenni dovrebbe avere il diploma di scuola media superiore) A livello comunale esistono sostanziali differenze sia per quanto riguarda il tasso di non conseguimento del diploma della scuola dell obbligo tra 15 e 42 anni si va dal 5,9% di Santa Fiora al 15% di Magliano in Toscana che per quanto riguarda l indice di conseguimento del diploma di coloro che hanno più di 19 anni; in questo caso il comune migliore risulta essere Grosseto con il 37,5% mentre nelle ultime posizioni troviamo Roccalbegna e Cinigiano. 16

17 Tabella 5: Principali indici di istruzione dei comuni della Provincia di Grosseto Tasso di non conseguimentoindice di conseg. diploma Indice di conseg. diplomaindice di conseg. diploma della scuola dell'obbligo scuola media superiore scuola media superiore scuola media superiore (15-42 anni) (19-34 anni) (35-44 anni) (19 anni e più) Arcidosso 11,1 8,9 45,6 55,1 31,5 45,8 19,6 29,8 Campagnatico 19,7 13,9 25,1 43,4 10,7 25,2 9,9 19,7 Capalbio 16,0 11,1 27,0 47,2 17,2 30,3 13,1 23,0 Castel del Piano 9,7 7,4 49,5 59,6 36,3 42,9 22,5 29,7 Castell'Azzara 10,5 7,0 49,3 60,6 29,6 45,0 15,0 22,1 Castigl. della Pescaia 15,5 10,6 34,1 49,6 23,0 39,2 17,6 28,4 Cinigiano 17,5 13,9 28,1 44,3 13,0 27,9 9,5 17,6 Civitella Paganico 15,1 12,8 31,1 42,8 17,4 31,3 11,6 20,3 Follonica 10,3 7,9 45,2 59,6 34,3 43,9 23,4 32,2 Gavorrano 19,3 13,9 28,3 45,7 19,7 26,8 12,9 21,1 Grosseto 10,5 7,0 47,5 62,4 38,4 48,4 28,1 37,5 Isola del Giglio 12,9 8,5 32,9 49,7 25,0 41,9 15,1 26,6 Magliano in Toscana 21,0 15,0 23,6 45,0 13,4 26,4 11,0 21,1 Manciano 18,0 11,0 31,0 50,9 24,0 34,7 14,2 24,1 Massa Marittima 14,8 11,1 44,7 58,2 30,3 41,1 18,7 27,7 Monte Argentario 14,8 10,4 35,9 54,8 24,6 39,1 18,7 29,5 Monterotondo M.mo 16,5 11,7 29,2 46,2 16,5 32,9 12,0 20,7 Montieri 12,2 12,7 32,5 47,3 27,9 33,8 10,4 21,1 Orbetello 12,6 9,1 36,1 55,4 30,7 37,0 19,9 29,6 Pitigliano 10,9 8,3 41,3 59,8 29,5 41,5 18,7 28,2 Roccalbegna 16,0 12,4 22,3 43,7 21,3 27,3 9,4 17,7 Roccastrada 16,3 12,8 26,7 45,7 20,8 28,2 11,4 20,3 Santa Fiora 9,9 5,9 44,4 64,1 34,2 46,2 16,2 29,7 Scansano 19,9 14,8 28,2 51,1 22,5 31,1 12,8 23,3 Scarlino 14,7 9,8 31,7 52,9 24,3 32,5 15,0 26,5 Seggiano 13,6 11,2 33,0 65,1 25,6 42,1 12,4 25,8 Semproniano 11,1 8,7 42,7 55,7 27,0 36,5 13,1 20,1 Sorano 18,8 13,6 28,3 51,9 19,7 31,0 10,5 21,3 Totale Provincia 13,0 9,3 40,0 56,5 30,4 40,8 20,4 30,1 Fonte: dati censuari ISTAT Un ultima considerazione, molto importante per le implicazioni che può avere all interno del progetto Diploma on line, nasce dal fatto che, come detto precedentemente, i comuni lontani da sedi di scuole medie superiori registrano i livelli d istruzione più bassi. Ciò può voler dire che abitare in questi comuni si traduce in un oggettivo svantaggio, in minori diritti; infatti, come evidenziato nella Figura 5, l indice di conseguimento del diploma superiore dei residenti con più di 19 anni passa dal 34,2% nei comuni nel cui territorio è presente almeno una scuola superiore al 24,7% nei comuni in cui non sono presenti scuole superiori; se poi il comune che non ha scuole superiori è anche disagiato dal punto di vista logistico, allora l indice scende ulteriormente a 21,5%. 17

18 Figura 5: Indice di conseguimento del diploma superiore (19 anni e più) nella provincia di Grosseto per tipologia di comune ,2% 35% 30% 25% 24,7% 21,5% 20% 15% 10% 5% 0% Comuni con Scuola Superiore Comuni senza Scuola Superiore Comuni senza Scuola Superiore - disagiati Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati censuari ISTAT 2.2. L inserimento sul mercato del lavoro: l influenza del titolo di studio Premessa Se è vero che studiare aiuta principalmente ad arricchire la cultura personale, non c è dubbio che in molti proseguono il proprio percorso scolastico con l aspettativa di avere più possibilità di trovare un occupazione. Ma che influenza ha il titolo di studio quando viene speso sul mercato del lavoro? In breve: studiare serve per trovare lavoro? Proprio partendo da questa domanda, che in fondo può rappresentare un punto di partenza per promuovere la partecipazione a un corso di scuola secondaria attraverso il progetto Diploma on line, abbiamo cercato di capire più nel dettaglio le caratteristiche della forza lavoro presente in provincia di Grosseto e i dati strutturali dell inserimento lavorativo provinciale. A tal fine utilizzeremo i dati dell indagine trimestrale ISTAT sulla forza lavoro 2003 e le informazioni presenti negli archivi dei Centri per l impiego provinciale, con particolare riferimento al titolo di studio delle persone registrate e all influenza che esso ha sulla condizione occupazionale. 18

19 Il livello di istruzione della forza lavoro grossetana attraverso i dati Istat Dai dati dell indagine trimestrale ISTAT sulla forza lavoro emerge che la forza lavoro dell Italia centrale è di 4,8 milioni di persone, di cui quasi 4,2 milioni composta da persone tra 19 e 55 anni d età. La distribuzione di quest ultimo gruppo di forza lavoro per titolo di studio (vedi Figura 6) mostra che quasi un terzo (32,5%) è composto da persone in possesso della sola licenza media mentre la componente principale, pari al 40,7%, è in possesso di un diploma superiore. Figura 6: Distribuzione della forza lavoro dell Italia centrale, da 19 a 55 anni, per titolo di studio 2003 Licenza elementare, Nessun titolo 6,1 Licenza Media 32,5 Qualifica lic. non accesso Università 6,4 Diploma accesso Università 40,7 Dottorato, Laurea, Laurea breve 14,3 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0 40,0 45,0 Valori % Fonte: dati ISTAT- Indagine trimestrale sulla forza lavoro Considerando che la popolazione tra i 19 e 55 anni dell Italia centrale è per il 75% forza lavoro e sapendo che in provincia di Grosseto la fascia di età tra 19 e 55 anni è composta da circa unità, possiamo stimare che la forza lavoro provinciale sia intorno alle unità. Se ammettiamo che questa forza lavoro si distribuisca per titolo di studio in maniera analoga a quanto avviene nell Italia centrale, allora possiamo stimare che la forza lavoro da 19 a 55 anni presente nella provincia di Grosseto, in possesso della licenza media, è di circa persone (vedi Tabella 6); a queste possiamo aggiungere anche le oltre persone non forza lavoro, che, essendo in possesso di licenza media, potrebbero essere teoricamente interessate all acquisizione di un diploma superiore. Concludendo questo nostro ragionamento possiamo stimare che circa persone, residenti in provincia di Grosseto, aventi come titolo di studio la sola licenza media e con un età compresa tra i 19 e 55 anni sono potenzialmente coinvolgibili nel progetto Diploma on line. 19

20 Tabella 6: Stima della forza lavoro in provincia di Grosseto Dottorato, Laurea, Laurea breve Diploma accesso Università Qualifica lic. non accesso Università Licenza Media Licenza elementare, Nessun titolo Totale popolazione anni Forza lavoro Non forza lavoro Totale Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati ISTAT- Indagine trimestrale sulla forza lavoro Le caratteristiche della forza lavoro attraverso i dati dei Centri per l Impiego Spostando la nostra analisi sui dati presenti negli archivi dei Centri per l Impiego provinciale, troviamo che i nominativi presenti in questa banca dati sono circa ; le nostre elaborazioni, però, saranno basate su circa record in quanto alcuni nominativi hanno un doppio titolo di studio. Partendo dalla distribuzione per titolo di studio dei nominativi presenti nella banca dati (vedi Figura 7), la prima cosa che balza agli occhi è che circa persone (pari a quasi il 40% del totale) sono provviste di licenza media, mentre quasi persone non hanno nemmeno questo titolo di studio; chiudono il conto circa persone che hanno proseguito gli studi conseguendo almeno un diploma professionale o di scuola media superiore. Figura 7: Numero di persone registrate negli archivi dei Centri per l impiego provinciale per titolo di studio. N.d. Nessun titolo Licenza elementare Scuola dell'obbligo Licenza media /Avviam. prof. Diploma professionale (3 anni) Diploma media superiore Laurea, scuole speciali, alta formaz Valori Assoluti Fonte: elaborazioni Simurg Ricerche su dati Centri per l impiego della Provincia di Grosseto 20

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

Formazione per l apprendistato. Vademecum del giovane apprendista. Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio Serafin, Stefania Milani

Formazione per l apprendistato. Vademecum del giovane apprendista. Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio Serafin, Stefania Milani Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista A cura del Centro per l Impiego di Grosseto: Roberta Giulietti, Massimo Caramelli, Lorella Dragoni Testi: Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista

Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista A cura del Centro per l Impiego di Grosseto: Roberta Giulietti, Massimo Caramelli, Lorella Dragoni Testi: Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata

Dettagli

One to one nella didattica: esiti e processi

One to one nella didattica: esiti e processi One to one nella didattica: esiti e processi Ricerca presentata dal Presidente dell Indire Giovanni Biondi in occasione del Primo Forum sulla Scuola del futuro (Firenze, 23 ottobre 2015) In questi anni

Dettagli

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti MASTER FORMAZIONE S.r.l. Sede legale : Via Panaro, 16 0015 MONTEROTONDO (RM) Sede Direzione : Via Petrarca, 5 57023 CECINA (LI) Tel. 0586 632282 - Fax 0586 681865 Cecina, 6 Maggio 2010 Analisi Fabbisogni

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

Il Diploma online Primo monitoraggio sugli allievi dei corsi

Il Diploma online Primo monitoraggio sugli allievi dei corsi Ufficio Scolastico Provinciale di Grosseto Provincia di Grosseto Arcidosso Cinigiano Capalbio Follonica Il Diploma online Primo monitoraggio sugli allievi dei corsi Isola del Giglio Monterotondo Marittimo

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

LA SCUOLA GROSSETANA IN CIFRE

LA SCUOLA GROSSETANA IN CIFRE www.simurgricerche.it LA SCUOLA GROSSETANA IN CIFRE - Scolarizzazione, dispersione e mobilità nel sistema scolastico grossetano - 2008/2009 LA SCUOLA GROSSETANA IN CIFRE Scolarizzazione, dispersione e

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2010-11 nell ambito del Servizio

Dettagli

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari La Regione Toscana aveva previsto nel PEZ (Piano Educativo Zonale) 2013/ 2014 al Punto

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Economia, finanza e tributi. Emergenza e sicurezza

Economia, finanza e tributi. Emergenza e sicurezza 28/05/2013 INDICE RASSEGNA STAMPA 28/05/2013 Economia, finanza e tributi Corriere Maremma 28/05/2013 p. 12 Ecco "l'aiutino" della Regione ai Comuni 1 Nazione Empoli 28/05/2013 p. 4 Fondi ai Comuni per

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

- CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELL INTERVISTATO - (PER TUTTI)

- CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELL INTERVISTATO - (PER TUTTI) Soddisfazione per il servizio di distribuzione del GAS e del Teleriscaldamento (AES) Proposta di questionario telefonico Buongiorno. Sono un intervistatore/trice della XXXX. Stiamo effettuando una ricerca

Dettagli

GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015

GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015 GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015 Nella scuola oggi e nella società domani ANTONIO SCHIZZEROTTO FBK-IRVAPP e Università di Trento Uno sguardo sull istruzione secondaria in Trentino

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV Presentazione di Antonio Zanon (Consorzio Biblioteche Padovane Associate) Biblioteca di Abano Terme Sala Consultazione 5 marzo 2009 Scopo della presentazione

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Cinzia Castagnaro e Claudia Di Priamo Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 1. Introduzione La prima indagine campionaria sulle nascite

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

Save the children Rapporto quantitativo Milano, Settembre 2010

Save the children Rapporto quantitativo Milano, Settembre 2010 Save the children Rapporto quantitativo Milano, Settembre 2010 Rif. 1517v110 Indice 2 Obiettivi e metodo Pag. 3 Consapevolezza sulla mortalità infantile 4 Sensibilità verso la mortalità infantile 11 Key

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO L indagine sugli esiti occupazionali dei corsi di formazione ha preso in considerazione i corsi Nof del biennio 2002/2003 e i post-diploma del 2003, analizzando

Dettagli

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA Sono numerose le evidenze scientifiche in cui si dimostra che le persone che godono di una posizione sociale privilegiata, che hanno un titolo

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

Le politiche regolative regionali in materia di offerta cinematografica

Le politiche regolative regionali in materia di offerta cinematografica Consiglio Regionale della Toscana Settembre 007 Note informative sull attuazione delle politiche regionali n. 8 a cura del Settore Analisi della normazione Le politiche regolative regionali in materia

Dettagli

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004)

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni congiunte V del Senato della Repubblica

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione Buongiorno, sono un intervistatore/trice dell Istituto Swg. Stiamo effettuando una ricerca per conto dell Università degli Studi di Torino e di. L azienda Aem Torino Distribuzione sta conducendo un indagine

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

5. IL MERCATO DEL LAVORO

5. IL MERCATO DEL LAVORO 5. IL MERCATO DEL LAVORO 5.1 LA STRUTTURA DELL OFFERTA Le forze di lavoro per titolo di studio nel 2007 I dati delle forze di lavoro (15-64 anni) disaggregati per titolo di studio mostrano come il livello

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Indagine Placement. Progetto FAR Formazione alla ricerca Codice progetto 14/04AG100000, CUP B66D14000630003

Indagine Placement. Progetto FAR Formazione alla ricerca Codice progetto 14/04AG100000, CUP B66D14000630003 Modelli di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro contestualizzati al quadro sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta, con specifico approfondimento del fenomeno

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010 Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Nel si registra un aumento delle nascite (+21, per un totale di 2.953) e dei decessi (+110, per un totale di 2.971). Il saldo naturale, ossia la

Dettagli

Le strutture residenziali per minori in Sardegna

Le strutture residenziali per minori in Sardegna Le strutture residenziali per minori in Sardegna Le comunità presenti in Sardegna Le comunità intervistate I minori presenti I minori dimessi dal 2003 al 2005 I minori di prossima dimissione Nei mesi di

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

OFFERTA DI COMPETENZE

OFFERTA DI COMPETENZE IT LA FUTURA OFFERTA DI COMPETENZE IN EUROPA PREVISIONI A MEDIO TERMINE FINO AL RISULTATI CHIAVE Oltre Lisbona: verso una societá basata sulla conoscenza L evoluzione della struttura delle qualifiche Le

Dettagli

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009 Trasporti pubblici Indagine sulla soddisfazione degli utenti Anno 2009 a cura di Mirko Dancelli Osservatorio del Nord Ovest, Università di Torino 115 SOMMARIO 2.1. Se dovesse esprimere il Suo livello di

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Allegato A PREMESSO RICHIAMATI

Allegato A PREMESSO RICHIAMATI Allegato A PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO DELLE VIOLENZE NEI CONFRONTI DEI SOGGETTI DEBOLI, DELLE DONNE E DELLA VIOLENZA DOMESTICA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

I giovani non demordono e cercano di resistere e di adattarsi

I giovani non demordono e cercano di resistere e di adattarsi Giovani e lavoro Data: 31 luglio 2012 La crisi economica ha aggravato la condizione dei giovani italiani peggiorando le opportunità di trovare un occupazione, di stabilizzare il percorso lavorativo, di

Dettagli

Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto

Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto L indagine internazionale ALL raccoglie elementi importanti che riguardano la

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Le Linee guida per la formazione nel 2010 e il rilancio dei contratti a contenuto formativo Roma, 6 maggio 2010 Emmanuele Massagli Ricercatore

Dettagli

I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE. Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO

I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE. Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO Insegnanti incaricate: Muraca Rita Silvana, Raffaela Messina e Giuseppina Elicrisio

Dettagli

Mappatura stakeholders

Mappatura stakeholders provincia di Livorno legate al sistema diportistico Linea di attività 0 Quadro conoscitivo e linee strategiche di sviluppo Report L0.2 Mappatura stakeholders Metodologia e criteri di selezione Aprile 2013

Dettagli

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane - A cura di Massimo Carfagna - Finanziato nell ambito della convenzione siglata il 19 luglio 2007 tra il Dipartimento per l Innovazione

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI

TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI APPROFONDIMENTO LOCALE TRENTINO Gentile Insegnante, grazie per aver accettato di compilare il questionario. Il questionario

Dettagli